I 100 TEATRI DEI BAMBINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I 100 TEATRI DEI BAMBINI"

Transcript

1 I 100 TEATRI DEI BAMBINI STRUMENTI DI ESPLORAZIONE SCIENTIFICA NELL UNIVERSO DELLE COSE, DEL TEMPO E DELLA NATURA di : Angelo Rimondi Formatore nella Didattica delle Scienze e dell Educazione Ambientale PARTE QUARTA QUANDO IL DISEGNO RACCONTA IL PENSIERO Ogni disegno è una esperienza di apprendimento, una forma di organizzazione concettuale attraverso la quale si prova a raccontare quale personale consapevolezza si è raggiunta intorno alla natura e al funzionamento delle cose... Per imparare ad avvicinarsi alle forme più accreditate della conoscenza, ogni bambino ha bisogno di concepirle e di rifarle con la sua testa : il disegno costituisce allora una finestra sulla sua elaborazione cognitiva e può diventare una piattaforma di lancio straordinaria... Il disegno è una strategia unica e molto speciale per osservare il proprio pensiero, per studiarlo e per abituarsi a rifletterci sopra, esattamente quando incomincia a prendere forma e ad essere vivamente modellato... ( V. Lowenfeld, W. Brittain, L. Malaguzzi ) E nella tradizione di tutta la scuola e nella convinzione di tutto il pensiero pedagogico che il disegno libero ed espressivo, realizzato da tutti i bambini come una scoperta ed uno strumento per raccontare il proprio universo di emozioni e di percezioni, debba essere circondato da una venerabile quanto compiaciuta e meravigliata attenzione : a questa modalità di rappresentazione viene riconosciuta una dignità artistica, poetica e antropologica ed una funzione molto importante per comprendere i complicati vissuti della mente infantile. Tentiamo qui di prospettare una dignità non meno rilevante anche per il disegno scientifico e razionale, ideato ed allestito da moltissimi allievi come un Teatro delle Osservazioni e delle Immaginazioni, durante il quale tutti, uno alla volta, vengono guidati a modulare in forma colorata significative e convincenti raffigurazioni della realtà, dei suoi variopinti fenomeni, delle sue spettacolari manifestazioni e dei suoi comportamenti: rappresentazioni della natura che tentano di soccorrere le varie incertezze del narrare, di colmare i vuoti e le pause del dire, di allentare le rigidità dell argomentare, di supportare l inflessibilità di quelle parole così discontinue e frammentarie, che vengono apposta ritagliate per provare a descrivere un mondo che sfugge tuttavia ad ogni divisione, nella sua complessità e nella sua inafferrabile continuità reticolare.

2 Il disegno scientifico è il tentativo di riprodurre quello straordinario disegno della natura che, senza utilizzare, prima della comparsa umana, lo stratagemma della parola, ha costruito la propria fortuna sulla scommessa del mettersi in forma ; nell affidare la propria natura di diventare Natura ad una materia lavorata, plasmata, provata e molte volte riprovata ; ad una materia-energia progettata inseguendo le tracce lasciate da codici e da informazioni molecolari, per esistere prima nelle sue modalità cristalline, fluide e argillose, e poi nella diversità biologica di tutti gli organismi viventi. Ma, come le forme e le strutture delle cose sono sempre disegni di se stesse, messaggi e sorgenti di notizie, segnali e cognizioni ( per qualcuno che sia disponibile a captarli ), ugualmente tutti i codici e le informazioni che contengono sono anche delle forme che possono essere disegnate oppure messaggi di forme e di strutture spesso in lento ma costante mutamento; forme dotate di contorni e di architetture che si possono delineare, sagomare e conformare : sono storie nel tempo che vengono succhiate e incorporate all interno di ambienti, pieni di forze in tensione che le vanno a deformare, di campi dotati della proprietà di attirare o di respingere, di catturare e di agganciare, di arrotolare e di incastrare, di gonfiare e di espandere fino a generare brandelli di sostanza più o meno elastica, viscida, scorrevole, gommosa, carnosa, ossificata ; ed ancora, forme metaboliche che nascono e si riproducono sulla rottura di simmetrie, sulla perdita dell omogeneità, per riapparire in un seguito incerto e relativamente probabile a guisa di grumi coagulati, di emulsioni bollose, di striature laminari e filamentose, di rigagnoli filiformi che si acciuffano, si agganciano e si annodano fra loro fino a disegnare sistemi complicati di circolazione - gassosa, sanguigna, nervosa -... fino a disegnare tecnologie elaborate e sofisticate di assorbimento e di assimilazione fino a disegnare processi di vegetazione e di animalizzazione della materia. DISEGNI E ARCHITETTURE DELLA NATURA IMPALCATURE PAESAGGI MORFISMI Lamine Zonule Cripte Anelli Lobuli Linguette Fasce Colletti Teche Isole Inclusioni Vescicole Tonache Guaine Fossette Solchi Festoni Granuli Tele Fibrati Corone Anfratti Gomitoli Bulbi Strati Pellicole Cavità Canalicoli Ciuffi Seni Cordoni Travate Tasche Cribrosità Clave Capsule Pareti Lembi Pieghe Alveoli Perle Gangli Lamelle Setti Calici Gibbosità Villi Acini Reti Tendini Condotti Anse Papille Ghiandole Feltri Sigilli Cappucci Striature Creste Grappoli Fasce Suture Cisterne Lacune Noduli Tappucci Placche Ragnatele Fessure Pori Ciglia Cuscinetti Barriere Legamenti Valli Incavature Flagelli Escrescenze Reticoli Saldature Orifizi Celle Follicoli Estroflessioni Pavimenti Ponti Cupole Strozzature Peduncoli Protuberanze Giunzioni Trabecole Nicchie Gole Tubuli Mammellosità Cerniere Embricature Invaginazioni Avvallamenti Code Globuli Arcate Tappezzature Depressioni Insaccature Filamenti.

3 Da sempre i bambini e le bambine imparano a disegnare : scarabocchiano, impiastrano, macchiano, spalmano, colorano superfici di ogni materiale. Esprimono così i loro desideri, le paure e le ansie collegate ai rapporti con le persone e con il mondo; e ancora, le voglie di usare le mani per raccontare le loro esperienze più profonde, sperimentando anche pastrucci e miscugli per il gusto tutto esplorativo e sensitivo di tingere, di ungere, di imbrattare. E importante intervenire sopra questa disponibilità operativa, utilizzando tutte le situazioni possibili di laboratorio - quelle attività di animazione e di manipolazione più intimamente vissute che si vanno ad allestire con loro - per incominciare quindi a domandare qualcosa di più : 1. Chiediamo di disegnare le cose che si fanno con il corpo e di rappresentare le articolazioni anatomiche impegnate in gesti e in azioni, in attività atletiche e coreutiche ( i rimbalzi, i saltelli, i dondolamenti, le capriole, i girotondi ; le piegature, le angolazioni, i ruotamenti, gli allungamenti, le distensioni, le contrazioni, gli avvitamenti ) ; 2. Chiediamo di rappresentare tutte le forme di movimento vegetale ed animale ( i germogliamenti, gli avvolgimenti, gli attorcigliamenti, le ramificazioni, ; i rotolamenti, gli scivolamenti, gli strisciamenti, gli arrampicamenti, i tuffi, le immersioni ) ; 3. Chiediamo di disegnare le dinamiche e le balistiche degli oggetti volanti chiaramente identificati ( le traiettorie, gli svolazzamenti, i veleggiamenti; le accelerazioni, i rallentamenti, le rincorse, le cadute, i caricamenti e gli smorzamenti ) ed ancora le tracce, le piste, le gimkane, i labirinti, le mappe; i tragitti dei corpi naturali e artificiali ( nella forma di orme e di impronte, di sagome e di stampi ) ; i mosaici, i cubetti, le costruzioni ; 4. Chiediamo di disegnare gli strumenti / gli attrezzi / gli utensili / i dispositivi che vengono utilizzati per fare certe cose ( gli imbuti, le tenaglie, i tegami, i setacci, le forbici, i martelli, le seghette, gli scolapasta, i frullini, le posate, i rastrelli, le palette, i contagocce, i tritacarne, i macinini, le siringhe, le stoviglie, i fornelletti, i ferri da stiro ) ; ed ancora le molteplici tecnologie motorie nei funzionamenti delle apparecchiature domestiche, di quelle industriali e del trasporto ( le molle, le rotelle, le chiavette, le manovelle, le cinghie di trasmissione, gli ingranaggi, gli stantuffi, i nastri trasportatori, i tubi di scorrimento ) ; 5. Chiediamo di raccontare con i colori i moltissimi viaggi dentro le strutture, dentro le architetture, dentro gli interni degli oggetti, dei manufatti, dei giocattoli, degli elettrodomestici, degli automi e dei robot, degli organi e degli organismi, delle parti animali e vegetali imparando a misurarsi per la prima volta con il disegno delle cose che non si possono vedere ma si possono solo immaginare ; 6. Domandiamo, infine, il disegno delle cose che cambiano, che subiscono alterazioni, che si trasformano, che reagiscono fra di loro unendosi e dividendosi; di quelle che si infilano, che vengono assorbite / catturate / intrappolate; di quelle che si ingrossano e si allungano, di quelle che si riempiono e si svuotano, di quelle che si gonfiano e che si sgonfiano; di quelle che invadono / esplodono / diffondono / infettano; di quelle che spuntano / sbocciano / succhiano / crescono / digeriscono / invecchiano / muoiono e vanno in putrefazione Vogliamo dunque che i bambini e le bambine provino a rappresentare con il disegno i fenomeni più semplici, quelli inizialmente osservabili e percepibili con tutti i sensi attraverso escursioni ed esplorazioni negli universi delle qualità e dei comportamenti per complicarli successivamente fino a penetrare nei continenti delle quantità e delle misure, con gli occhi di chi può guardare oramai oltre le apparenze, dentro i meccanismi più segreti, dentro i rumori dei processi, dentro i sapori e gli odori delle cose : l immaginazione allora dovrà farsi così piccola ed impercettibile, da riuscire ad infiltrarsi nel mondo dei colori e delle trasparenze, nei flussi molecolari del calore, all interno dei fluidi più sottili ed impalpabili, nell oceano delle affinità, delle attrazioni e delle repulsioni magnetiche, ai confini del microscopico indivisibile o del divisibile transfinito...

4 Nel momento in cui, fra i 3 anni e i 3 anni e mezzo, il pensiero del bambino trapassa da un modello squisitamente cinestetico ( è il periodo dello scarabocchio disordinato e poi, poco dopo, quello dello scarabocchio controllato ) a un modello più immaginativo ( è il periodo dello scarabocchio identificato con un nome ), si assiste ad una messa in relazione sempre più assidua e frequentata fra i movimenti di ogni tipo ed il mondo circostante : la linea allora comincia ad essere qualcosa di più che il semplice risultato di un percorso motorio e diventa gradualmente il confine di una forma, il contorno di un oggetto che spesso si accompagna ad una spontanea descrizione verbale oppure viene preceduta da un annuncio scenografico e teatrale di rappresentazione di qualcosa che, ripetutamente in corso d opera, può essere smentito per andare piuttosto a disegnare, o a designare, qualcos altro! Per questo, nel momento stesso in cui lo scarabocchio comincia ad acquisire un valore palesemente simbolico, diventa importante esaltare questa abilità, interrogando i bambini sui contenuti di ciò che hanno provato a raffigurare; facendosi spiegare, con tutta la delicatezza e la venerazione che questa procedura richiede, il significato dei tracciati verticali e di quelli orizzontali, e poi, nel seguito, di quelli diagonali, delle strisce intersecanti e di quelle ondulatorie, dei cerchietti svolazzanti incompiuti e di quelli conficcati in altre rigature : interrogare i bambini sui dettagli dei disegni che vengono esibiti deve diventare una parte rilevante dell attività didattica di ogni insegnante una forma di studio e di analisi per comprendere quali percezioni della realtà ogni fanciullo riesce a costruire, ritornando successivamente a conversare, a puntualizzare, ad osservare quello che si è voluto disegnare, per confrontarlo poi con le rappresentazioni di tutti e quindi, già verso i 5 anni, sottoporle a critica, alla rilevazione delle cose mancanti ( lui non ci ha messo quello... lei non ha visto questo... ), di quelle male sistemate ( non doveva metterlo lì... o sopra... l ha messo troppo vicino... o lontano... da... ) o ancora di quelle male appiccicate anche in relazione con punti o con parti di riferimento molto definiti e riconosciuti. Affinché sia possibile pervenire a dei risultati interessanti e produttivi, è preliminare riuscire ad allestire degli ambienti dove poter stimolare attenzioni e curiosità, gusti di fare e di esplorare : sono le Oasi incantate della Conoscenza... i luoghi dove poter respirare una atmosfera capace di fare crescere il desiderio di impadronirsi dell intelligenza dei fatti e degli esperimenti, provando a riprodurla sulla carta, come una forma di controllo sulle cose appena adoperate, come una forma di potere sui comportamenti inaspettati, e appena constatati, delle sostanze e dei materiali esaminati. Non si tratta, allora, di parcheggiare i bambini nell anonimato di qualche luogo spoglio e desolato, consegnando loro dei fogli bianchi per lasciarli liberi di disegnare quello che vogliono in ossequio ad una inviolabile quanto naturalistica vocazione spontanea e fino a comprimerli dentro rituali ripetitivi e tendenzialmente ossessivi ; e nemmeno si tratta, al contrario, di fornire loro delle consegne circostanziate o pre-strutturate, che rimangono generalmente inevase o che possono, al più, determinare risultati stereotipati e del tutto uniformi in quanto lontane dalle esperienze di piacere, che si esaltano piuttosto nel gusto di esaminare in maniera progressivamente più analitica e minuziosa il mondo circostante. Qui prospettiamo, piuttosto, l idea di costruire un forte affidamento sulla memoria dei Giochi, dei Teatri e dei Laboratori appena vissuti, procedendo quindi alla riproduzione narrativa ed orale dei percorsi frequentati, con tutti i loro momenti più salienti, per andare successivamente a rappresentarli, nella forma di modelli, attraverso le animazioni colorate dei disegni.

5 Ogni elaborato potrà cominciare con un nome, con una espressione capace di identificarlo, con un raccontino che si farà gradualmente più articolato, fino a diventare un suggerimento, una didascalia, una spiegazione Ogni insegnante dovrà metterci tutta la cura per riportare esattamente sul foglio le considerazioni sviluppate da ogni bambino per illustrare il personale disegno-pensiero, senza apportare correzioni di natura sintattico-grammaticale sulle parole o sui dialetti adoperati. Quindi, si dovrà dedicare moltissimo impegno e tantissima considerazione - e per tutto il tempo ritenuto necessario - alla trasformazione dell elaborato inizialmente presentato in una storia veramente prolungata, ricca di particolari e di sfumature, decisamente più compiuta e soddisfacente. Noi abbiamo verificato che, dentro attività decisamente coinvolgenti e coltivando con pazienza e con intensa partecipazione questa corrispondenza di amorosi sensi fra la voglia di guardare quello che si è sperimentato ed il gusto di raffigurare quello che si è guardato, è possibile arrivare con bambini e con bambine di 4-5 anni alla elaborazione di una striscia narrativa, esibita come una sequenza più o meno discontinua di immagini e capace di descrivere il cammino delle cose che cambiano nel tempo, che cambiano da sole o nei modi in cui noi riusciamo a farle cambiare. ( Vedi i Voll. 1,2,3,4 e 6 della Collana Gaia Scienza Ed. Junior ) ZIBALDONE DI CRONO-STORIE Le bolle che spuntano Gli unti che si attaccano Le caccole che si asciugano Le supposte che si squagliano Le radici che succhiano I rumori che si propagano Le croste che si formano Gli sciroppi che guariscono I microbi che infettano Le pomate che si assorbono I metalli che arrugginiscono I liquidi che bollono I citrati che dissolvono I sali che si sciolgono I tessuti che si tingono Le aspirine che frizzano I fiori che sbocciano Gli embrioni che crescono I vulcani che esplodono Le pance che si gonfiano Le uova che si schiudono Le patate che si friggono Le cacche che si condensano Gli odori che diffondono Le colle che si appiccicano Le muffe che si espandono Le sporcizie che si lavano Gli elastici che si allungano I frutti che marciscono Le palline che rotolano Le bolle che si gonfiano Le spugne che si impregnano I pulcini che nascono I semi che germogliano Le candele che bruciano I cervelli che ricordano..... I disegni, allora, possono diventare i protagonisti di un altro grande teatro e debuttare sul palcoscenico delle rappresentazioni per interpretare e per raccontare, nella forma di tantissime scenografie, il pensiero delle cose, del tempo e della natura!

6 I bambini dimostrano di starci, di volere coltivare questo esperimento, di ricercare con tanta diligenza e dedizione risultati soddisfacenti e gratificanti : 1. Con quelli proprio piccolini ( quelli di 3-4 anni ) dentro angolini o cantucci molto confortevoli ed appartati si possono soprattutto lavorare istantanee o fotogrammi di avvenimenti e di vissuti più o meno duraturi, attraverso l uso di pastelli coloranti o di supporti pluri-sensoriali fabbricati con materiali eterogenei e policromatici ( stoffe, cartoncini, legnetti, conglomerati, vetri, lamierine, plastiche ), fino ad ottenere delle composizioni relativamente indipendenti e comunque variamente collegate ; oppure dei quadretti pittoreschi incredibilmente sconnessi, individuati e fissati per la loro rilevanza emotiva dentro momenti differenti, con un complesso di accessori coreografici più o meno pertinenti, ma senza una consapevolezza precisa e convincente degli andamenti temporali ; 2. Con quelli più grandicelli, ( quelli di 5-6 anni ) anche nella forma di una ludica e feconda competizione è possibile arrivare a dilatare la durata dei fenomeni osservati, rallentando (come alla moviola) o accelerando (come in un replay) accadimenti che, nello svolgersi reale, risultano rapidissimi (come la dissoluzione di una aspirina effervescente dentro l acqua) oppure molto lenti (come la germinazione di un semino nella terra). Si prova pertanto a documentarli con una successione di fasi, non prima di avere ripetuto almeno un altra volta tutta l esperienza, stimolati e pungolati dalla domanda : Ma avete disegnato proprio tutto quello che si vede... o quello che si è fatto? e ritornando allora a spiare e ad esaminare i fatti, per riuscire come in una gara a catturare e poi a rappresentare il maggior numero di episodi, di particolari, di eventi effimeri e passeggeri, alla maniera di : vediamo chi riesce a trasportare sul foglio più cose degli altri... vediamo chi riesce a disegnare quello che è successo dopo di questo... o prima di quest altro... mentre di qua si faceva questo... mentre di là avveniva quest altro... ) ; 3. Con i bambini decisamente più grandi ( quelli di 7, di 9, di 11 anni ), oramai lungamente esercitati ed allenati, si può arrivare ad ottenere una successione di figure che può articolarsi fino a 5-10 sequenze coordinate e, per quanto possibile, coerenti fra di loro: un vero e proprio crono-disegno, da srotolare come la pellicola di un film ; una Storia Naturale capace di arrivare a compimento nell arco di 21 giorni ( e quindi documentabile attraverso una progressione di 21 fotogrammi ), come quelli necessari ad un pulcino per diventare un vero pulcino dentro un uovo un uovo che non è possibile squarciare ogni giorno per verificare lo stadio di sviluppo raggiunto dall organismo in formazione e che si può solamente immaginare per giustificare la metamorfosi finale! Tutto questo disegnare può con-figurarsi allora come un vero e proprio : Teatro degli Istanti e dei Dettagli un teatro dei momenti rallentati e dilatati, un teatro dei processi materiali e delle loro variazioni, un teatro che può essere allestito come una sequenza di scenografie che vanno progressivamente a trasmutare in una spettacolare cinemato-grafia della natura, scandita dalle comparse e dalle scomparse inaspettate, dalle pause e dalle accelerazioni improvvise, dagli intervalli più o meno prolungati e dagli imprevedibili colpi di scena...

7 E la scoperta sempre più partecipata di un tempo dentro le cose, diverso per tutte le cose che si osservano, che si producono, che si trasformano, che si allevano e perché ci vuole un tempo tutto speciale perché succeda un certo fatto e non un altro, un tempo per riuscire a modellare un certo materiale anziché un altro, un tempo per riuscire a preparare e a trasformare certe sostanze piuttosto che altre, un tempo infine per vedere crescere o spuntare certi organismi piuttosto che altri : è la percezione della dimensione di uno spazio temporale specificato per ogni processo che viene costruito / rinforzato / portato alla consapevolezza anche attraverso delle domande focalizzate sul confronto delle cognizioni gradualmente più meticolose e diligenti degli eventi e dei funzionamenti: quanto ci vuole per : diventare / modificarsi / scomparire / arrivare / scaricarsi / svilupparsi / consumarsi / assorbire / sciogliersi / cuocersi / nascere / invecchiare / morire / rovinarsi / infettare / marcire / inquinare...? In questo alternarsi di discorsi che fioriscono attorno ai disegni e di disegni che fioriscono intorno ai discorsi le zollette che si sciolgono, le uova che si cuociono, le bue che guariscono, le macchie che si estendono, le muffe che formano i pennacchi, i peli che si allungano, le sferette che rotolano lungo un piano inclinato acquisiscono finalmente una propria dignità, in quanto raccontati nella loro vivacità di esistere, nei cambiamenti che subiscono, nelle relazioni che sono capaci di instaurare quando vengono pensati dentro i loro ambienti del tutto singolari oppure nei substrati che vanno a modificare ; quando cresce soprattutto l impegno di guardare, con gli occhi e con la mente, nei terreni, nei tessuti, dentro i solventi, negli intestini, dentro le placente, sotto le epidermidi luoghi che, una volta disegnati, possono diventare una occasione e un argomento per nuove e più stuzzicanti interrogazioni, forieri di problemi originali e mai visitati ; per scandagliare ancora dentro i fenomeni di sconfinamento, di evacuazione, di trasferimento, di attraversamento di buchi e di canali : disegni, allora, che vorranno raccontarsi, essere tradotti e rappresentati per mezzo di altri strumenti comunicativi, come a preparare un ultimo grande Teatro : quello delle recitazioni e delle animazioni naturali! (continua) Bibliografia C.W. Thompson Crescita e forma Ed. Boringhieri, Torino 1969 R. Thòm Stabilità strutturale e morfogenesi Ed. Einaudi, Torino 1980 F. Otto L architettura della natura Ed. Il Saggiatore, Milano 1984 J.W. Goethe Gli scritti scientifici - Vol. I Morfologia I : Botanica Ed. Il Capitello del Sole, Padova 1996 A. Bell La forma delle piante Ed. Zanichelli, Bologna 1993 R. Casati, A.C. Varzi - Buchi e altre superficialità Ed. Garzanti, Milano 1996 V. Lowenfeld, W. Brittain Creatività e sviluppo mentale Ed. Giunti, Firenze 1984 H. Aubin Il disegno del bambino disadattato Ed. Piccin, Padova 1985 C. Golomb L arte dei bambini Ed. Raffaello Cortina, Milano 2004 L. Mancini Il linguaggio del colore Ed. Junior, Bergamo 1995 A. Stetsenko La funzione psicologica del disegno infantile in : M.G.Bartolini Bussi Matematica. I numeri e lo spazio Ed. Junior, Bergamo 2008 A. Rimondi Gaia Scienza Voll. 1,2,3,4 e 6 Ed. Junior, Bergamo

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

scienza come gioco lampadine bruciate

scienza come gioco lampadine bruciate IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice Accendiamo

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO

Omegna.doc. Laboratorio Fotografico. missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL. a cura di FRANCESCO LILLO Laboratorio Fotografico Omegna.doc missione 1 - paesaggio urbano-industriale: la IRMEL a cura di FRANCESCO LILLO Associazione Culturale Mastronauta progetto PER FARE UN ALBERO Laboratorio Fotografico Omegna.doc

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

www.maestramary.altervista.org

www.maestramary.altervista.org Premessa ed obiettivi Il progetto "dietro le quinte" La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine drammatizzazione si intendono

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale

Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale Prof. Benedetto Vertecchi che cosa! impareremo? 1-2 Problemi e metodi della ricerca! educativa sperimentale 1 quali apporti concorrono a definire la conoscenza educativa? 3-4 la pedagogia sperimentale!

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli