I 100 TEATRI DEI BAMBINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I 100 TEATRI DEI BAMBINI"

Transcript

1 I 100 TEATRI DEI BAMBINI STRUMENTI DI ESPLORAZIONE SCIENTIFICA NELL UNIVERSO DELLE COSE, DEL TEMPO E DELLA NATURA di : Angelo Rimondi Formatore nella Didattica delle Scienze e dell Educazione Ambientale PARTE QUARTA QUANDO IL DISEGNO RACCONTA IL PENSIERO Ogni disegno è una esperienza di apprendimento, una forma di organizzazione concettuale attraverso la quale si prova a raccontare quale personale consapevolezza si è raggiunta intorno alla natura e al funzionamento delle cose... Per imparare ad avvicinarsi alle forme più accreditate della conoscenza, ogni bambino ha bisogno di concepirle e di rifarle con la sua testa : il disegno costituisce allora una finestra sulla sua elaborazione cognitiva e può diventare una piattaforma di lancio straordinaria... Il disegno è una strategia unica e molto speciale per osservare il proprio pensiero, per studiarlo e per abituarsi a rifletterci sopra, esattamente quando incomincia a prendere forma e ad essere vivamente modellato... ( V. Lowenfeld, W. Brittain, L. Malaguzzi ) E nella tradizione di tutta la scuola e nella convinzione di tutto il pensiero pedagogico che il disegno libero ed espressivo, realizzato da tutti i bambini come una scoperta ed uno strumento per raccontare il proprio universo di emozioni e di percezioni, debba essere circondato da una venerabile quanto compiaciuta e meravigliata attenzione : a questa modalità di rappresentazione viene riconosciuta una dignità artistica, poetica e antropologica ed una funzione molto importante per comprendere i complicati vissuti della mente infantile. Tentiamo qui di prospettare una dignità non meno rilevante anche per il disegno scientifico e razionale, ideato ed allestito da moltissimi allievi come un Teatro delle Osservazioni e delle Immaginazioni, durante il quale tutti, uno alla volta, vengono guidati a modulare in forma colorata significative e convincenti raffigurazioni della realtà, dei suoi variopinti fenomeni, delle sue spettacolari manifestazioni e dei suoi comportamenti: rappresentazioni della natura che tentano di soccorrere le varie incertezze del narrare, di colmare i vuoti e le pause del dire, di allentare le rigidità dell argomentare, di supportare l inflessibilità di quelle parole così discontinue e frammentarie, che vengono apposta ritagliate per provare a descrivere un mondo che sfugge tuttavia ad ogni divisione, nella sua complessità e nella sua inafferrabile continuità reticolare.

2 Il disegno scientifico è il tentativo di riprodurre quello straordinario disegno della natura che, senza utilizzare, prima della comparsa umana, lo stratagemma della parola, ha costruito la propria fortuna sulla scommessa del mettersi in forma ; nell affidare la propria natura di diventare Natura ad una materia lavorata, plasmata, provata e molte volte riprovata ; ad una materia-energia progettata inseguendo le tracce lasciate da codici e da informazioni molecolari, per esistere prima nelle sue modalità cristalline, fluide e argillose, e poi nella diversità biologica di tutti gli organismi viventi. Ma, come le forme e le strutture delle cose sono sempre disegni di se stesse, messaggi e sorgenti di notizie, segnali e cognizioni ( per qualcuno che sia disponibile a captarli ), ugualmente tutti i codici e le informazioni che contengono sono anche delle forme che possono essere disegnate oppure messaggi di forme e di strutture spesso in lento ma costante mutamento; forme dotate di contorni e di architetture che si possono delineare, sagomare e conformare : sono storie nel tempo che vengono succhiate e incorporate all interno di ambienti, pieni di forze in tensione che le vanno a deformare, di campi dotati della proprietà di attirare o di respingere, di catturare e di agganciare, di arrotolare e di incastrare, di gonfiare e di espandere fino a generare brandelli di sostanza più o meno elastica, viscida, scorrevole, gommosa, carnosa, ossificata ; ed ancora, forme metaboliche che nascono e si riproducono sulla rottura di simmetrie, sulla perdita dell omogeneità, per riapparire in un seguito incerto e relativamente probabile a guisa di grumi coagulati, di emulsioni bollose, di striature laminari e filamentose, di rigagnoli filiformi che si acciuffano, si agganciano e si annodano fra loro fino a disegnare sistemi complicati di circolazione - gassosa, sanguigna, nervosa -... fino a disegnare tecnologie elaborate e sofisticate di assorbimento e di assimilazione fino a disegnare processi di vegetazione e di animalizzazione della materia. DISEGNI E ARCHITETTURE DELLA NATURA IMPALCATURE PAESAGGI MORFISMI Lamine Zonule Cripte Anelli Lobuli Linguette Fasce Colletti Teche Isole Inclusioni Vescicole Tonache Guaine Fossette Solchi Festoni Granuli Tele Fibrati Corone Anfratti Gomitoli Bulbi Strati Pellicole Cavità Canalicoli Ciuffi Seni Cordoni Travate Tasche Cribrosità Clave Capsule Pareti Lembi Pieghe Alveoli Perle Gangli Lamelle Setti Calici Gibbosità Villi Acini Reti Tendini Condotti Anse Papille Ghiandole Feltri Sigilli Cappucci Striature Creste Grappoli Fasce Suture Cisterne Lacune Noduli Tappucci Placche Ragnatele Fessure Pori Ciglia Cuscinetti Barriere Legamenti Valli Incavature Flagelli Escrescenze Reticoli Saldature Orifizi Celle Follicoli Estroflessioni Pavimenti Ponti Cupole Strozzature Peduncoli Protuberanze Giunzioni Trabecole Nicchie Gole Tubuli Mammellosità Cerniere Embricature Invaginazioni Avvallamenti Code Globuli Arcate Tappezzature Depressioni Insaccature Filamenti.

3 Da sempre i bambini e le bambine imparano a disegnare : scarabocchiano, impiastrano, macchiano, spalmano, colorano superfici di ogni materiale. Esprimono così i loro desideri, le paure e le ansie collegate ai rapporti con le persone e con il mondo; e ancora, le voglie di usare le mani per raccontare le loro esperienze più profonde, sperimentando anche pastrucci e miscugli per il gusto tutto esplorativo e sensitivo di tingere, di ungere, di imbrattare. E importante intervenire sopra questa disponibilità operativa, utilizzando tutte le situazioni possibili di laboratorio - quelle attività di animazione e di manipolazione più intimamente vissute che si vanno ad allestire con loro - per incominciare quindi a domandare qualcosa di più : 1. Chiediamo di disegnare le cose che si fanno con il corpo e di rappresentare le articolazioni anatomiche impegnate in gesti e in azioni, in attività atletiche e coreutiche ( i rimbalzi, i saltelli, i dondolamenti, le capriole, i girotondi ; le piegature, le angolazioni, i ruotamenti, gli allungamenti, le distensioni, le contrazioni, gli avvitamenti ) ; 2. Chiediamo di rappresentare tutte le forme di movimento vegetale ed animale ( i germogliamenti, gli avvolgimenti, gli attorcigliamenti, le ramificazioni, ; i rotolamenti, gli scivolamenti, gli strisciamenti, gli arrampicamenti, i tuffi, le immersioni ) ; 3. Chiediamo di disegnare le dinamiche e le balistiche degli oggetti volanti chiaramente identificati ( le traiettorie, gli svolazzamenti, i veleggiamenti; le accelerazioni, i rallentamenti, le rincorse, le cadute, i caricamenti e gli smorzamenti ) ed ancora le tracce, le piste, le gimkane, i labirinti, le mappe; i tragitti dei corpi naturali e artificiali ( nella forma di orme e di impronte, di sagome e di stampi ) ; i mosaici, i cubetti, le costruzioni ; 4. Chiediamo di disegnare gli strumenti / gli attrezzi / gli utensili / i dispositivi che vengono utilizzati per fare certe cose ( gli imbuti, le tenaglie, i tegami, i setacci, le forbici, i martelli, le seghette, gli scolapasta, i frullini, le posate, i rastrelli, le palette, i contagocce, i tritacarne, i macinini, le siringhe, le stoviglie, i fornelletti, i ferri da stiro ) ; ed ancora le molteplici tecnologie motorie nei funzionamenti delle apparecchiature domestiche, di quelle industriali e del trasporto ( le molle, le rotelle, le chiavette, le manovelle, le cinghie di trasmissione, gli ingranaggi, gli stantuffi, i nastri trasportatori, i tubi di scorrimento ) ; 5. Chiediamo di raccontare con i colori i moltissimi viaggi dentro le strutture, dentro le architetture, dentro gli interni degli oggetti, dei manufatti, dei giocattoli, degli elettrodomestici, degli automi e dei robot, degli organi e degli organismi, delle parti animali e vegetali imparando a misurarsi per la prima volta con il disegno delle cose che non si possono vedere ma si possono solo immaginare ; 6. Domandiamo, infine, il disegno delle cose che cambiano, che subiscono alterazioni, che si trasformano, che reagiscono fra di loro unendosi e dividendosi; di quelle che si infilano, che vengono assorbite / catturate / intrappolate; di quelle che si ingrossano e si allungano, di quelle che si riempiono e si svuotano, di quelle che si gonfiano e che si sgonfiano; di quelle che invadono / esplodono / diffondono / infettano; di quelle che spuntano / sbocciano / succhiano / crescono / digeriscono / invecchiano / muoiono e vanno in putrefazione Vogliamo dunque che i bambini e le bambine provino a rappresentare con il disegno i fenomeni più semplici, quelli inizialmente osservabili e percepibili con tutti i sensi attraverso escursioni ed esplorazioni negli universi delle qualità e dei comportamenti per complicarli successivamente fino a penetrare nei continenti delle quantità e delle misure, con gli occhi di chi può guardare oramai oltre le apparenze, dentro i meccanismi più segreti, dentro i rumori dei processi, dentro i sapori e gli odori delle cose : l immaginazione allora dovrà farsi così piccola ed impercettibile, da riuscire ad infiltrarsi nel mondo dei colori e delle trasparenze, nei flussi molecolari del calore, all interno dei fluidi più sottili ed impalpabili, nell oceano delle affinità, delle attrazioni e delle repulsioni magnetiche, ai confini del microscopico indivisibile o del divisibile transfinito...

4 Nel momento in cui, fra i 3 anni e i 3 anni e mezzo, il pensiero del bambino trapassa da un modello squisitamente cinestetico ( è il periodo dello scarabocchio disordinato e poi, poco dopo, quello dello scarabocchio controllato ) a un modello più immaginativo ( è il periodo dello scarabocchio identificato con un nome ), si assiste ad una messa in relazione sempre più assidua e frequentata fra i movimenti di ogni tipo ed il mondo circostante : la linea allora comincia ad essere qualcosa di più che il semplice risultato di un percorso motorio e diventa gradualmente il confine di una forma, il contorno di un oggetto che spesso si accompagna ad una spontanea descrizione verbale oppure viene preceduta da un annuncio scenografico e teatrale di rappresentazione di qualcosa che, ripetutamente in corso d opera, può essere smentito per andare piuttosto a disegnare, o a designare, qualcos altro! Per questo, nel momento stesso in cui lo scarabocchio comincia ad acquisire un valore palesemente simbolico, diventa importante esaltare questa abilità, interrogando i bambini sui contenuti di ciò che hanno provato a raffigurare; facendosi spiegare, con tutta la delicatezza e la venerazione che questa procedura richiede, il significato dei tracciati verticali e di quelli orizzontali, e poi, nel seguito, di quelli diagonali, delle strisce intersecanti e di quelle ondulatorie, dei cerchietti svolazzanti incompiuti e di quelli conficcati in altre rigature : interrogare i bambini sui dettagli dei disegni che vengono esibiti deve diventare una parte rilevante dell attività didattica di ogni insegnante una forma di studio e di analisi per comprendere quali percezioni della realtà ogni fanciullo riesce a costruire, ritornando successivamente a conversare, a puntualizzare, ad osservare quello che si è voluto disegnare, per confrontarlo poi con le rappresentazioni di tutti e quindi, già verso i 5 anni, sottoporle a critica, alla rilevazione delle cose mancanti ( lui non ci ha messo quello... lei non ha visto questo... ), di quelle male sistemate ( non doveva metterlo lì... o sopra... l ha messo troppo vicino... o lontano... da... ) o ancora di quelle male appiccicate anche in relazione con punti o con parti di riferimento molto definiti e riconosciuti. Affinché sia possibile pervenire a dei risultati interessanti e produttivi, è preliminare riuscire ad allestire degli ambienti dove poter stimolare attenzioni e curiosità, gusti di fare e di esplorare : sono le Oasi incantate della Conoscenza... i luoghi dove poter respirare una atmosfera capace di fare crescere il desiderio di impadronirsi dell intelligenza dei fatti e degli esperimenti, provando a riprodurla sulla carta, come una forma di controllo sulle cose appena adoperate, come una forma di potere sui comportamenti inaspettati, e appena constatati, delle sostanze e dei materiali esaminati. Non si tratta, allora, di parcheggiare i bambini nell anonimato di qualche luogo spoglio e desolato, consegnando loro dei fogli bianchi per lasciarli liberi di disegnare quello che vogliono in ossequio ad una inviolabile quanto naturalistica vocazione spontanea e fino a comprimerli dentro rituali ripetitivi e tendenzialmente ossessivi ; e nemmeno si tratta, al contrario, di fornire loro delle consegne circostanziate o pre-strutturate, che rimangono generalmente inevase o che possono, al più, determinare risultati stereotipati e del tutto uniformi in quanto lontane dalle esperienze di piacere, che si esaltano piuttosto nel gusto di esaminare in maniera progressivamente più analitica e minuziosa il mondo circostante. Qui prospettiamo, piuttosto, l idea di costruire un forte affidamento sulla memoria dei Giochi, dei Teatri e dei Laboratori appena vissuti, procedendo quindi alla riproduzione narrativa ed orale dei percorsi frequentati, con tutti i loro momenti più salienti, per andare successivamente a rappresentarli, nella forma di modelli, attraverso le animazioni colorate dei disegni.

5 Ogni elaborato potrà cominciare con un nome, con una espressione capace di identificarlo, con un raccontino che si farà gradualmente più articolato, fino a diventare un suggerimento, una didascalia, una spiegazione Ogni insegnante dovrà metterci tutta la cura per riportare esattamente sul foglio le considerazioni sviluppate da ogni bambino per illustrare il personale disegno-pensiero, senza apportare correzioni di natura sintattico-grammaticale sulle parole o sui dialetti adoperati. Quindi, si dovrà dedicare moltissimo impegno e tantissima considerazione - e per tutto il tempo ritenuto necessario - alla trasformazione dell elaborato inizialmente presentato in una storia veramente prolungata, ricca di particolari e di sfumature, decisamente più compiuta e soddisfacente. Noi abbiamo verificato che, dentro attività decisamente coinvolgenti e coltivando con pazienza e con intensa partecipazione questa corrispondenza di amorosi sensi fra la voglia di guardare quello che si è sperimentato ed il gusto di raffigurare quello che si è guardato, è possibile arrivare con bambini e con bambine di 4-5 anni alla elaborazione di una striscia narrativa, esibita come una sequenza più o meno discontinua di immagini e capace di descrivere il cammino delle cose che cambiano nel tempo, che cambiano da sole o nei modi in cui noi riusciamo a farle cambiare. ( Vedi i Voll. 1,2,3,4 e 6 della Collana Gaia Scienza Ed. Junior ) ZIBALDONE DI CRONO-STORIE Le bolle che spuntano Gli unti che si attaccano Le caccole che si asciugano Le supposte che si squagliano Le radici che succhiano I rumori che si propagano Le croste che si formano Gli sciroppi che guariscono I microbi che infettano Le pomate che si assorbono I metalli che arrugginiscono I liquidi che bollono I citrati che dissolvono I sali che si sciolgono I tessuti che si tingono Le aspirine che frizzano I fiori che sbocciano Gli embrioni che crescono I vulcani che esplodono Le pance che si gonfiano Le uova che si schiudono Le patate che si friggono Le cacche che si condensano Gli odori che diffondono Le colle che si appiccicano Le muffe che si espandono Le sporcizie che si lavano Gli elastici che si allungano I frutti che marciscono Le palline che rotolano Le bolle che si gonfiano Le spugne che si impregnano I pulcini che nascono I semi che germogliano Le candele che bruciano I cervelli che ricordano..... I disegni, allora, possono diventare i protagonisti di un altro grande teatro e debuttare sul palcoscenico delle rappresentazioni per interpretare e per raccontare, nella forma di tantissime scenografie, il pensiero delle cose, del tempo e della natura!

6 I bambini dimostrano di starci, di volere coltivare questo esperimento, di ricercare con tanta diligenza e dedizione risultati soddisfacenti e gratificanti : 1. Con quelli proprio piccolini ( quelli di 3-4 anni ) dentro angolini o cantucci molto confortevoli ed appartati si possono soprattutto lavorare istantanee o fotogrammi di avvenimenti e di vissuti più o meno duraturi, attraverso l uso di pastelli coloranti o di supporti pluri-sensoriali fabbricati con materiali eterogenei e policromatici ( stoffe, cartoncini, legnetti, conglomerati, vetri, lamierine, plastiche ), fino ad ottenere delle composizioni relativamente indipendenti e comunque variamente collegate ; oppure dei quadretti pittoreschi incredibilmente sconnessi, individuati e fissati per la loro rilevanza emotiva dentro momenti differenti, con un complesso di accessori coreografici più o meno pertinenti, ma senza una consapevolezza precisa e convincente degli andamenti temporali ; 2. Con quelli più grandicelli, ( quelli di 5-6 anni ) anche nella forma di una ludica e feconda competizione è possibile arrivare a dilatare la durata dei fenomeni osservati, rallentando (come alla moviola) o accelerando (come in un replay) accadimenti che, nello svolgersi reale, risultano rapidissimi (come la dissoluzione di una aspirina effervescente dentro l acqua) oppure molto lenti (come la germinazione di un semino nella terra). Si prova pertanto a documentarli con una successione di fasi, non prima di avere ripetuto almeno un altra volta tutta l esperienza, stimolati e pungolati dalla domanda : Ma avete disegnato proprio tutto quello che si vede... o quello che si è fatto? e ritornando allora a spiare e ad esaminare i fatti, per riuscire come in una gara a catturare e poi a rappresentare il maggior numero di episodi, di particolari, di eventi effimeri e passeggeri, alla maniera di : vediamo chi riesce a trasportare sul foglio più cose degli altri... vediamo chi riesce a disegnare quello che è successo dopo di questo... o prima di quest altro... mentre di qua si faceva questo... mentre di là avveniva quest altro... ) ; 3. Con i bambini decisamente più grandi ( quelli di 7, di 9, di 11 anni ), oramai lungamente esercitati ed allenati, si può arrivare ad ottenere una successione di figure che può articolarsi fino a 5-10 sequenze coordinate e, per quanto possibile, coerenti fra di loro: un vero e proprio crono-disegno, da srotolare come la pellicola di un film ; una Storia Naturale capace di arrivare a compimento nell arco di 21 giorni ( e quindi documentabile attraverso una progressione di 21 fotogrammi ), come quelli necessari ad un pulcino per diventare un vero pulcino dentro un uovo un uovo che non è possibile squarciare ogni giorno per verificare lo stadio di sviluppo raggiunto dall organismo in formazione e che si può solamente immaginare per giustificare la metamorfosi finale! Tutto questo disegnare può con-figurarsi allora come un vero e proprio : Teatro degli Istanti e dei Dettagli un teatro dei momenti rallentati e dilatati, un teatro dei processi materiali e delle loro variazioni, un teatro che può essere allestito come una sequenza di scenografie che vanno progressivamente a trasmutare in una spettacolare cinemato-grafia della natura, scandita dalle comparse e dalle scomparse inaspettate, dalle pause e dalle accelerazioni improvvise, dagli intervalli più o meno prolungati e dagli imprevedibili colpi di scena...

7 E la scoperta sempre più partecipata di un tempo dentro le cose, diverso per tutte le cose che si osservano, che si producono, che si trasformano, che si allevano e perché ci vuole un tempo tutto speciale perché succeda un certo fatto e non un altro, un tempo per riuscire a modellare un certo materiale anziché un altro, un tempo per riuscire a preparare e a trasformare certe sostanze piuttosto che altre, un tempo infine per vedere crescere o spuntare certi organismi piuttosto che altri : è la percezione della dimensione di uno spazio temporale specificato per ogni processo che viene costruito / rinforzato / portato alla consapevolezza anche attraverso delle domande focalizzate sul confronto delle cognizioni gradualmente più meticolose e diligenti degli eventi e dei funzionamenti: quanto ci vuole per : diventare / modificarsi / scomparire / arrivare / scaricarsi / svilupparsi / consumarsi / assorbire / sciogliersi / cuocersi / nascere / invecchiare / morire / rovinarsi / infettare / marcire / inquinare...? In questo alternarsi di discorsi che fioriscono attorno ai disegni e di disegni che fioriscono intorno ai discorsi le zollette che si sciolgono, le uova che si cuociono, le bue che guariscono, le macchie che si estendono, le muffe che formano i pennacchi, i peli che si allungano, le sferette che rotolano lungo un piano inclinato acquisiscono finalmente una propria dignità, in quanto raccontati nella loro vivacità di esistere, nei cambiamenti che subiscono, nelle relazioni che sono capaci di instaurare quando vengono pensati dentro i loro ambienti del tutto singolari oppure nei substrati che vanno a modificare ; quando cresce soprattutto l impegno di guardare, con gli occhi e con la mente, nei terreni, nei tessuti, dentro i solventi, negli intestini, dentro le placente, sotto le epidermidi luoghi che, una volta disegnati, possono diventare una occasione e un argomento per nuove e più stuzzicanti interrogazioni, forieri di problemi originali e mai visitati ; per scandagliare ancora dentro i fenomeni di sconfinamento, di evacuazione, di trasferimento, di attraversamento di buchi e di canali : disegni, allora, che vorranno raccontarsi, essere tradotti e rappresentati per mezzo di altri strumenti comunicativi, come a preparare un ultimo grande Teatro : quello delle recitazioni e delle animazioni naturali! (continua) Bibliografia C.W. Thompson Crescita e forma Ed. Boringhieri, Torino 1969 R. Thòm Stabilità strutturale e morfogenesi Ed. Einaudi, Torino 1980 F. Otto L architettura della natura Ed. Il Saggiatore, Milano 1984 J.W. Goethe Gli scritti scientifici - Vol. I Morfologia I : Botanica Ed. Il Capitello del Sole, Padova 1996 A. Bell La forma delle piante Ed. Zanichelli, Bologna 1993 R. Casati, A.C. Varzi - Buchi e altre superficialità Ed. Garzanti, Milano 1996 V. Lowenfeld, W. Brittain Creatività e sviluppo mentale Ed. Giunti, Firenze 1984 H. Aubin Il disegno del bambino disadattato Ed. Piccin, Padova 1985 C. Golomb L arte dei bambini Ed. Raffaello Cortina, Milano 2004 L. Mancini Il linguaggio del colore Ed. Junior, Bergamo 1995 A. Stetsenko La funzione psicologica del disegno infantile in : M.G.Bartolini Bussi Matematica. I numeri e lo spazio Ed. Junior, Bergamo 2008 A. Rimondi Gaia Scienza Voll. 1,2,3,4 e 6 Ed. Junior, Bergamo

FARE SCIENZA A SCUOLA

FARE SCIENZA A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/16 PROGETTO DI RICERCA AZIONE (Sviluppo del pensiero scientifico) FARE SCIENZA A SCUOLA NOI LA LUCE E LE OMBRE NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE

CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE DI AMBITO ABILITA CONOSCENZE ESPERIENZE DI APPRENDIMENTO 1 ESPRIMERSI E COMUNICARE

Dettagli

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA

AMBIENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA AMBIENTE SCOLASTICO La scuola dell infanzia di Montebello è situata nell omonimo quartiere della città di Perugia. Dispone di un piccolo giardino che confina con una grande area verde attrezzata ed un

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) La disciplina arte e immagine ha la

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO

ARTE E IMMAGINE CLASSE PRIMA E PRIMO BIENNIO ARTE E IMMAGINE Competenze finali AMBITO ARTISTICO [Dal Profilo educativo, Culturale e Professionale dello studente alla fine del primo ciclo di istruzione (6-11 anni)] per l'espressione di sé e per la

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE.

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE PRIMA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE. Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 SCIENZE CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA CLASSE QUARTA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO

PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTI INTEGRATIVI ALLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014-2015 SCUOLA DELL INFANZIA di CASTEL DI CASIO PROGETTO 3-5: UN LIBRO PER. 2 ANNUALITA La tematica scelta come indirizzo principale fra quelli proposti

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 SCIENZE L insegnamento delle scienze dovrebbe essere caratterizzato dall utilizzo e dall acquisizione delle metodologie euristiche, che alimentano

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA CURRICOLO D ISTITUTO COMPRENDERE COMUNICARE RIFLETTERE RIELABORARE PROGRAMMAZIONE SCUOLA PRIMARIA - CLASSE TERZA AREA DEI LINGUAGGI (italiano, lingua inglese, musica, arte e immagine) TRAGUARDI PER LO

Dettagli

SICUREZZA E PREVENZIONE

SICUREZZA E PREVENZIONE SICUREZZA E PREVENZIONE 1. AMBIENTE. Adeguatezza di strutture, attrezzature e spazi Rimozione delle cause di possibile incidente/ uso di adeguate misure di sicurezza PROTEZIONE 2. COMPORTAMENTO. Capacità

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTO: L ALBERO DAI FIORI ARCOBALENO

PROGETTO: L ALBERO DAI FIORI ARCOBALENO PROGETTO: L ALBERO DAI FIORI ARCOBALENO Utenti destinatari Scuola dell Infanzia S. Agostino. Gruppo omogeneo 5 anni Periodo di applicazione (ore totali 15) marzo / aprile / maggio Docenti coinvolti Lorenzina

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIA

SCIENZE E TECNOLOGIA SCIENZE E TECNOLOGIA COMPETENZE Dimostra conoscenze scientifico-tecnologiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche

Dettagli

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare

Premio rina gatti 2013-2014. per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare Premio rina gatti 2013-2014 per la creatività intergenerazionale vii edizione multidisciplinare ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VOLUMNIO PONTE SAN GIOVANNI A SPASSO NEL TEMPO Il premio è dedicato alla memoria

Dettagli

L ORTO PARLANTE. Progetto Scuola dell Infanzia. Destinatari: Alunni Scuola dell Infanzia. Durata del Progetto: Anno Scolastico 2014-2015

L ORTO PARLANTE. Progetto Scuola dell Infanzia. Destinatari: Alunni Scuola dell Infanzia. Durata del Progetto: Anno Scolastico 2014-2015 Progetto Scuola dell Infanzia L ORTO PARLANTE Destinatari: Alunni Scuola dell Infanzia Durata del Progetto: Anno Scolastico 2014-2015 Docenti Interessati: Insegnanti Scuola dell Infanzia 1 PREMESSA L apprendimento

Dettagli

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie

PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI. Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie PROGRAMMAZZIONE ANNUALE Categoria PRIMI CALCI Prof. Sergio Ruosi Responsabile Primi Calci Laureato in Scienze Motorie Presupposti In ogni disciplina sportiva sono vari gli aspetti da curare per la formazione

Dettagli

Attività sull energia nella scuola dell infanzia o nel primo ciclo della scuola elementare

Attività sull energia nella scuola dell infanzia o nel primo ciclo della scuola elementare L energia per i piccolini Attività sull energia nella scuola dell infanzia o nel primo ciclo della scuola elementare 1) Indagine su che cosa pensano i bimbi piccoli sull energia: utile per capire che cosa

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA) TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCIENZE (AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA) /ESPERIENZE LA CONOSCENZA DEL MONDO L alunno osserva con curiosità lo svolgersi dei più comuni fenomeni, ne immagina e ne verifica le cause, rendendosi sempre più

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

M.Cristina Stradi 2011 1

M.Cristina Stradi 2011 1 M.Cristina Stradi 2011 1 Il gioco riposa e diverte. Evoca un attività non soggetta a costrizioni, ma anche priva di conseguenza per la vita reale. Si contrappone alle serietà di questa e viene perciò considerato

Dettagli

Perchè il disegno è importante?

Perchè il disegno è importante? I disegni dei bambini. Nella nostra scuola il disegno è l attività prevalente dei bambini; ed è anche un attività di fondamentale importanza per molti motivi. Per aiutare anche i genitori a comprendere

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti.

SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO. ne immagina e ne verifica le cause; ricerca accorgendosi dei loro cambiamenti. Scienze Competenze TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - Osserva con attenzione il suo corpo, L alunno sviluppa atteggiamenti di curiosità

Dettagli

PRIMI PASSI NELLA SCIENZA

PRIMI PASSI NELLA SCIENZA PRIMI PASSI NELLA SCIENZA L allenamento a realizzare esperimenti, a procedere per tentativi ed errori e a osservare i risultati degli esperimenti che si realizzano sono attività che possono cominciare

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO COMPRENSIVO G. D ANNUNZIO SCUOLA DELL INFANZIA NAUSICAA A.S.2012-13 PROGRAMMMAZIONE DIDATTICA MOTIVAZIONE Il progetto alimentazione, filo conduttore di quest anno scolastico, nasce dal desiderio

Dettagli

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola Secondaria di Primo Grado Istituto comprensivo Jacopo della Quercia Siena a.s. 2014/2015 CURRICOLO DI SCIENZE Scuola ria di Primo Grado TRAGUARDI DI COMPETENZA CLASSE TERZA L alunno esplora e sperimenta, in laboratorio e all aperto,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio

La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio La valutazione qualitativa nell apprendimento motorio Obiettivi, contenuti, modalità della valutazione del movimento Prof. Mancini Roberto Valutare gli aspetti qualitativi del movimento Considerare con

Dettagli

Fate clic per aggiungere testo

Fate clic per aggiungere testo Fate clic per aggiungere testo UN PESCE IN CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Sandro Pertini Vernio Fate clic per PRATO aggiungere testo Scuola dell Infanzia Collocazione del percorso effettuato nel curricolo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenze 1, 2, 3, 4, 5 al termine del primo biennio Riconoscere gli elementi fondamentali del linguaggio visuale e utilizzarli

Dettagli

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012 Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni IL BRUCO a.s 2011-2012 Questo percorso è stato pensato soprattutto per i bambini di cinque anni della sezione omogenea

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare

MUSICA. COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare MUSICA COMPETENZE CHIAVE: Comunicazione nella madrelingua, Consapevolezza ed espressione culturale, Imparare ad imparare Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno : Osserva, esplora, descrive

Dettagli

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI

PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI PROGETTO IO MI DIVERTO E SCOPRO CHE I QUATTRO ELEMENTI FINALITA Sviluppare nei bambini una sensibilità nei confronti dell ambiente, con la consapevolezza che in un ecosistema tutto deve essere in equilibrio

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO SAN PIETRO IN VOLTA ANNO 2014-2015 Comune di Venezia Direzione Politiche Educative, della Famiglia e Sportive Settore Politiche Educative Servizi Educativi Territoriali Coordinamento Psicopedagogico Lido 1 PROGRAMMAZIONE ASILO NIDO INTEGRATO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06. Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN 1 CIRCOLO SPINEA ANNO SCOLASTICO 2005-06 Prog. MATEMATICA Gruppo ANNI 5 Periodo MARZO Documentazione di MIELE GIOVANNA Il progetto sulla Terza Dimensione Queste attività si

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

99 idee per fare esercizi in classe

99 idee per fare esercizi in classe Metodologie e percorsi per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Wencke Sorrentino, Hans Jürgen Linser e Liane Paradies 99 idee per fare

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA. INDICATORI COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE CLASSE PRIMA INDICATORI 1. Esplorare e descrivere oggetti e materiali 2. Osservare e sperimentare sul campo Sviluppa atteggiamenti di curiosità verso il mondo circostante

Dettagli

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali

SCIENZE. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (dalle Indicazioni Nazionali) AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA. Esplorare e descrivere oggetti e materiali SCIENZE CLASSE 1 a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO INDICATORI DI VALUTAZIONE (Stabiliti dal Collegio Docenti) AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA AL TERMINE DELLA CLASSE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali.

Seriare e classificare oggetti in base alle loro proprietà. Osservare momenti significativi nella vita di piante e animali. CLASSE PRIMA Sviluppa un atteggiamento di curiosità e di ricerca esplorativa. Sa raggruppare classificare e ordinare in base ad una caratteristica. Individuare la struttura di oggetti semplici e descriverli

Dettagli

NUMERI PER CONTARE GIOCARE

NUMERI PER CONTARE GIOCARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO INFANZIA- NOTARESCO - G. VOMANO PAGLIARE - MORROD ORO A. S. 2016/19 PROGETTO DI FORMAZIONE NUMERI PER CONTARE NUMERI PER GIOCARE Approfondimento delle tematiche disciplinari

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA

CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE / ATTIVITA CURRICOLO DI SCIENZE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Esplorare e descrivere oggetti e materiali 1. Individuare, attraverso l interazione diretta, la struttura di oggetti semplici, analizzarne qualità e proprietà,

Dettagli

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI

ALLEGATO 4. Scuola Primaria. Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI ALLEGATO 4 Scuola Primaria Parametri di valutazione per la scuola primaria DESCRITTORI-INDICATORI VOTO Eccellenti competenze e pieno controllo degli aspetti tecnici e formali. Rivela creatività, logica

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Premessa. Il Progetto Pedagogico degli Asili Nido attribuisce un forte significato al

Premessa. Il Progetto Pedagogico degli Asili Nido attribuisce un forte significato al Premessa Il Progetto Pedagogico degli Asili Nido attribuisce un forte significato al principio della continuità educativa e, quindi, persegue un raccordo sempre meglio coordinato con la Scuola dell Infanzia.

Dettagli

Il gioco. Sappiamo che gli apprendimenti migliori sono quelli ottenuti attraverso il gioco, le

Il gioco. Sappiamo che gli apprendimenti migliori sono quelli ottenuti attraverso il gioco, le CAPITOLO 1 Il gioco Sappiamo che gli apprendimenti migliori sono quelli ottenuti attraverso il gioco, le attività manipolatorie, la ricerca, la scoperta, l intuizione e tutto ciò che stimoli la curiosità

Dettagli

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi Docente: Scuola: Classe/i: CORRIAS RAFFAELA PRIMARIA 1^ A Discipline riportate: ARTE E IMMAGINE MATEMATICA SCIENZE - GEOGRAFIA 1) Disciplina: ARTE E IMMAGINE Obiettivi di apprendimento Contenuti Tempi

Dettagli

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Unità n 7 : OBIETTIVI GENERALI : UNITA' DI APPRENDIMENTO IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Scoprire e osservare le caratteristiche della stagione primaverile Apprezzare

Dettagli

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

TRAGUARDI FORMATIVI COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CAMPI D ESPERIENZA: IMMAGINI SUONI E COLORI (TEATRO) Padroneggiare gli strumenti Seguire spettacoli di vario Rappresentare situazioni attraverso necessari ad un utilizzo dei tipo(teatrali,musicali il gioco

Dettagli

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro

CURRICOLO per i bambini di cinque anni Campo di esperienza: Il sé e l altro Campo di esperienza: Il sé e l altro Rafforzare e consolidare la propria identità Rafforzare la stima e la fiducia di sé Riconoscere di avere una storia personale e familiare Comprendere e rispettare le

Dettagli

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel

insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel insegnanti : Gabriella Balbo Anna Maria De Marchi Maria Cristina Giraldel BAMBINI COINVOLTI : 19 del gruppo rosa (D) 17 del gruppo giallo (C) INSEGNANTI RESPONSABILI : Balbo Gabriella Anna Maria De Marchi

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

Unità di apprendimento. Le stagioni

Unità di apprendimento. Le stagioni Direzione Didattica 3 Circolo Gubbio SCUOLA DELL INFANZIA DI BRANCA E TORRE CALZOLARI Unità di apprendimento Le stagioni A.S. 2012/13 AUTUNNO BISOGNO FORMATIVO Esplorare e conoscere la natura. OBBIETIVO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA

SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA SCUOLA DELL INFANZIA I.C. A. MUSCO - CATANIA PROGETTO RETETNA Anno Scolastico 2008/09-2009/10 Laboratorio di educazione scientifica suddiviso nei seguenti quattro percorsi: Trasformazioni Luce, colore,

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

GIOCHIAMO CHE IO ERO...?

GIOCHIAMO CHE IO ERO...? QUADERNO DIDATTICO GIOCHIAMO CHE IO ERO...? SI APRE IL SIPARIO Il titolo del quaderno, che riprende una delle frasi spontanee più ricorrenti nei giochi dei bambini, esprime da solo la relazione esistente

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni.

a partire dal lessico già in suo possesso comprende nuovi significati e usa nuove parole ed espressioni. CLASSE I ITALIANO partecipa a scambi linguistici con compagni e docenti attraverso messaggi semplici, chiari e pertinenti; si esprime verbalmente su vissuti ed esperienze personali con ordine logico/cronologico,

Dettagli

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION

WWW.MUMAC.IT/EDUCATION MUMAC Il museo della macchina per caffè espresso, viene inaugurato nel 2012 in occasione del centenario dalla nascita del La Cimbali al fine di diffondere la conoscenza della storia e dell evoluzione delle

Dettagli

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio

Persone coinvolte: tutti i bambini e le insegnanti Tempi: febbraio-marzo Spazi: cappella, sezioni e laboratorio Motivazioni Dopo aver scoperto come Gesù cresceva, aiutava la sua mamma e Giuseppe imparando il mestiere del falegname, ora vogliamo conoscerlo quando, da grande, lasciò la sua casa per andare tra la gente

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA TITOLO: TEMPO CAMBIA COLORE UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA DATI IDENTIFICATIVI TIPOLOGIA DELL UA: Pluridisciplinare ANNO SCOLASTICO:2012/2013 DESTINATARI: alunni di classe prima di Porticino DOCENTI COINVOLTI:

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA titolo documento SCHEDA VALUTAZIONE DOCUMENTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA SCOPO e CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente modulo costituisce la scheda da utilizzare per la valutazione del processo

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese. SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI SCIENZE Classe prima Classe prima Classe I competenza matematica e SPERIMENTARE CON OGGETTI E MATERIALI competenze di base in scienza e tecnologia competenza digitale Osservare, descrivere elementi della realtà circostante

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente

UNITA DI APPRENDIMENTO. A scuola SerenaMente UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione Situazione diagnostica A scuola SerenaMente Il primo giorno di scuola non è lo stesso per tutti i bambini. Per alcuni, si tratta di ritornare in un posto lasciato solo

Dettagli

SCIENZE CLASSE PRIMA

SCIENZE CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA IL MONDO ATTRAVERSO I CINQUE SENSI 1. Conoscere lo schema corporeo: individuare e denominare le parti principali del corpo umano. 2. Conoscere i cinque sensi: sperimentare, attraverso attività

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 4 Ovest SASSUOLO Scuole dell Infanzia Peter Pan G. Rodari Walt Disney ANNO SCOLASTICO 2014/15

ISTITUTO COMPRENSIVO 4 Ovest SASSUOLO Scuole dell Infanzia Peter Pan G. Rodari Walt Disney ANNO SCOLASTICO 2014/15 ISTITUTO COMPRENSIVO 4 Ovest SASSUOLO Scuole dell Infanzia Peter Pan G. Rodari Walt Disney ANNO SCOLASTICO 2014/15 L OCCHIO APERTO E L ORECCHIO VIGILE TRASFORMERANNO LE PIÙ PICCOLE SCOSSE IN GRANDI ESPERIENZE

Dettagli