IL VINO NEL MERCATO GLOBALE Come cambia il rapporto con il vino nella società italiana e nel mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL VINO NEL MERCATO GLOBALE Come cambia il rapporto con il vino nella società italiana e nel mondo"

Transcript

1

2 IL VINO NEL MERCATO GLOBALE Come cambia il rapporto con il vino nella società italiana e nel mondo Relazione della ricerca GPF a cura di Marilena Colussi Vinitaly 2008 Roma, dicembre

3 2

4 Saluto del Presidente Con centinaia di migliaia di ettari a vigneto ed i suoi capaci ed esperti produttori, la vitivinicoltura italiana è protagonista della nostra agricoltura. Il comparto vale oltre tre miliardi in termini di produzione agricola, con un fatturato complessivo del vino italiano che sfiora gli 11 miliardi di Euro l anno. Senza contare tutto ciò che c è a monte e a valle della produzione vitivinicola in senso stretto: dai mezzi tecnici alle successive fasi di trasformazione delle uve ed ai servizi che rendono possibile il percorso che porta dalla vigna al calice dei consumatori. Un valore notevolissimo che contribuisce alla crescita economica ed allo sviluppo del Paese e che si apprezza sempre più anche all estero. Le vendite oltre frontiera dei nostri vini ormai assommano a quasi tre miliardi e mezzo di Euro; la prima voce dell export agroalimentare nazionale. Il vino italiano oggi inorgoglisce per i suoi successi, che hanno fatto dimenticare momenti meno felici della sua storia anche recente. Ma il percorso virtuoso del vino, elemento trainante della nostra agricoltura, non può esaurirsi qui. Per questo motivo Confagricoltura ha voluto promuovere questa ricerca che analizza tendenze e comportamenti di un mercato poliedrico e dinamico. In queste pagine ci si sofferma innanzitutto sull evoluzione dei gusti; su come si sia passati da un consumo di vino come alimento ad un consumo più edonistico e di come siano condizionati i comportamenti di chi acquista vino: in enoteca come nei canali della distribuzione moderna. Una guida che riteniamo utile anche per gli imprenditori più attenti alle leve del marketing. Perché oggi il mercato è più complesso. Si consuma più prodotto di qualità, ma questo è meno distinguibile ed i consumatori sono abituati a cambiare spesso; a non concentrarsi più su alcuni elementi caratterizzanti (l origine del territorio ad esempio, che pure resta importante, specie all estero); a guardare, specie in tempi di crisi della quarta settimana, al rapporto qualità/prezzo di un vino. 3

5 Una ricerca rivolta inoltre anche ad esplorare nuovi mercati, per un comparto produttivo sempre più internazionalizzato. Un intero capitolo è infatti dedicato con una ricca messe di dati a tre Paesi chiave dove mettere alla prova la nostra propensione all export: USA, Russia e Cina. Frontiere su cui ci si è già abbondantemente esercitati ma con una domanda dalle potenzialità ancora inespresse. Infine lo studio guarda anche alle ultime frontiere delle tendenze del mercato del vino: da quelle legate a particolari esperienze sensoriali, sino alla vinoterapia, ai veri e propri fenomeni del nostro tempo come l utilizzo di Internet per condividere sapori e informazioni in tempo reale. Affidiamo queste pagine agli imprenditori di Confagricoltura con la consapevolezza, come sopra ricordato, che il percorso virtuoso ormai avviato non possa fermarsi qui. E che la storia dei suoi protagonisti vitivinicoltori seri ed impegnati nella loro missione di imprenditori, radicati nella tradizione e al tempo stesso proiettati nell innovazione deve continuare. Domani meglio e con più successi di ieri. Federico Vecchioni Presidente Confagricoltura 4

6 Indice Il vino nel mercato globale: come cambia il rapporto con il vino nella società italiana e nel mondo... 7 Premessa... 9 Struttura dell indagine complessiva Summary results Summary delle opportunità per il vino italiano Capitolo 1 Il vino nel contesto evolutivo socio-alimentare italiano Premessa Obiettivi e metodologia dell indagine Il vino e i trend socio-alimentari Le tappe del cambiamento socio-alimentare e le dinamiche del vino Gli anni Ottanta: cambia il ruolo del vino nella modernità Gli anni Novanta: l allontanamento dai consumi Gli anni : il vino diventa trendy e si impone la soggettività La situazione : le buone prospettive per il vino Il 2008: vino e tensione socio-economica. Il ruolo dei marchi di certif La segmentazione dei bevitori: 2008 e Capitolo 2 Il vissuto, l immagine e il rapporto con il vino Premessa Obiettivi e metodologia dell indagine La fase qualitativa: una sintesi sull attualità del vino Il vissuto premiale L immagine di bevanda di qualità Il vino tra complessità e complicazione L Italianità e l internazionalità La percezione dell offerta I luoghi e le occasioni del consumo La femminilizzazione del vino I diversi approcci al consumo: tanti vini per tanti tipi di user La percezione del mercato: la proliferazione e le difficoltà ad orientarsi I criteri di scelta: la segmentazione per tipologia, provenienza, qualità-prezzo 68 - Il giudizio sui canali distributivi Le Tendenze Future nella distribuzione L approfondimento con gli esperti: il messaggio dei Nutrizionisti L approfondimento con gli esperti: il messaggio degli Enologi L approfondimento con gli esperti: il contributo del Trade Capitolo 3 Il contesto internazionale: indagine in USA, Russia, Cina Premessa Obiettivi e metodologia dell indagine Il Drinking Repertoire: le buone potenzialità del vino Il rapporto con il vino: autopercezione del consumo ed occasioni La segmentazione dei bevitori di vino: atteggiamenti e preferenze L immagine del vino: salubrità, piacere, socialità e sapere Le buone prospettive di crescita del consumo di vino I criteri di scelta: pragmatismo, qualità, immagine e comunicazione Le esperienze di consumo con i vini provenienti dai paesi Produttori L immagine dei Paesi produttori che producono vini di qualità: Italia-Francia Le intenzioni di acquisto e la percezione dei plus del vino italiano Capitolo 4 Il contesto internazionale: l indagine Trend Watching Premessa Obiettivi e metodologia dell indagine Le tendenze emergenti Pag. 5

7 Ringraziamenti dell autore: Un grazie particolare ai professionisti che hanno dato preziosi contributi nella fase di ricerca qualitativa (Alberto Zaccone, Attilio Speciani, Augusta Albertini, Conad, Coop, Eleonora Scholes, Giorgio Calabrese, John Gay, Leonardo Valenti, Mattia Vezzola, Severino Barzan), ai ricercatori ed analisti che hanno collaborato alla ricerca (Alessia Zampano in particolare per la fase Trendwatching, Camilla Filice, Carlo Lusena, Elena Desimoni, Francesca Falcioni, Isabella Ghiglieno, Michela Vallalta, Pietro Ricossa, Knot s Research) e in particolare a Silvia e Anna che hanno curato l editing. Last but not least al prof. Giampaolo Fabris. I miei debiti intellettuali nei suoi confronti sono grandi. 6

8 IL VINO NEL MERCATO GLOBALE Come cambia il rapporto con il vino nella società italiana e nel mondo Risultati della ricerca GPF 7

9 8

10 Premessa Confagricoltura, nell ambito delle iniziative programmate per il 2008 e cioè Vinitaly ad aprile e il Convegno Nazionale a dicembre, intende stimolare un dibattito sui principali andamenti del mercato vitivinicolo a livello italiano e mondiale. L Istituto di ricerca GPF, fondato dal sociologo Giampaolo Fabris, ha effettuato, sotto la responsabilità della dott.ssa Marilena Colussi, direttore di ricerca dell area Food&Retail e curatrice di questa pubblicazione, una ricerca sul consumatore in più step e con più metodologie di analisi, in Italia e nel mondo. L obiettivo generale è quello di analizzare i trend nazionali e internazionali che caratterizzano l evoluzione del rapporto tra consumatori e vini, cogliendo il nuovo che avanza, a livello degli atteggiamenti, dei vissuti e dei comportamenti di consumo, insieme all evoluzione di offerte produttive, nuovi servizi e forme di retail e intrattenimento nell ottica wine experience. L approccio integrato di indagini qualitative e quantitative, condotte sia in Italia che all estero, consente agli operatori di disporre di un analisi strategica del mercato del vino e di indicazioni volte a individuare linee guida generali per le politiche di marketing delle aziende vitivinicole (Prodotto, Prezzo, Comunicazione, Distribuzione). Al Vinitaly 2008 è stata presentata un anteprima dell indagine mentre in questo documento viene proposta una sintesi e una raccolta completa di tutti i dati di ricerca, rilevati in più step e con diverse metodologie. 9

11 Struttura e indice dell indagine complessiva L indagine offre un quadro conoscitivo a 360, di tipo qualitativo e quantitativo, sull evoluzione del vissuto e dei comportamenti di consumo di vino in Italia e nei più interessanti mercati di consumo internazionali. I risultati sono presentati all interno dei seguenti capitoli: Summary Report Summary delle opportunità per il vino italiano Capitolo 1 Il vino nel contesto evolutivo socio-alimentare italiano. L indagine quantitativa in ITALIA L evoluzione del bere vino nella società italiana: dagli anni Ottanta ai nostri giorni. Si tratta di un excursus basato sulle indagini esclusive Food & Drink Monitor di GPF, che prendono in considerazione ampi campioni rappresentativi della popolazione italiana dai 15 ai 74 anni. Le ultime rilevazioni sono state condotte nel mese di marzo e maggio-giugno Capitolo 2 Il vissuto, l immagine e il rapporto con il vino. L indagine qualitativa in ITALIA Tra febbraio e marzo 2008, abbiamo condotto due fasi di indagine di tipo qualitativoesplorativo, presso un campione selezionato di consumatori di vini e un gruppo di Opinion Leader. Capitolo 3 Il contesto internazionale: l indagine in Usa, Russia, Cina Nel marzo 2008 abbiamo effettuato un indagine quantitativa presso estesi campioni di popolazione locale nei tre interessanti e strategici Paesi, con metodologia di interviste internet (CAWI). Capitolo 4 Il contesto internazionale: l indagine Trend Watching - Wine Experience Tra febbraio e aprile 2008 abbiamo condotto uno studio di tipo etnografico in molte città glocal nel mondo e una desk analisi su riviste internazionali e web, curato con la collega Alessia Zampano, ricercatrice Trendwatcher. 10

12 SUMMARY RESULTS 11

13 12

14 Il vino è una delle principali fonti di reddito dell economia italiana e uno dei simboli indiscussi del Made in Italy. Le positività del vino sono molteplici: simboliche, funzionali, emotive, socializzanti e nutrizionali, legate al benessere. Il vino è ricco di sostanze antiossidanti, che hanno effetti positivi sulla salute e su alcune patologie come riferiscono esperti nutrizionisti, ovviamente in un contesto di consumo moderato e di qualità. Si tratta di un prodotto davvero particolare: il vino è una delle poche sostanze che, pur conservato, vive e muta costantemente nel tempo, sensibile al contesto ambientale e culturale. Dal punto di vista biologico è unico in quanto sempre vitale e dinamico, tanto che spesso migliora le proprie capacità espressive ed organolettiche nel corso del tempo. Beviamo e ci nutriamo dunque di una sostanza biologicamente viva, anche se spesso non ce ne accorgiamo. Meditate gente consigliava molti anni fa Renzo Arbore per rinforzare sul piano cognitivo un positivo rapporto con la birra. Bere vino senza pensarci è come non bere diceva molti secoli prima Francois Rabelais e l affermazione resta ancora valida. Il vino è cambiato. Da alimento-nutrimento è diventato un piacere a 360, non solo sul piano della sensorialità e del gusto ma anche delle emozioni, dell immaginazione, delle relazioni ludico-sociali e del benessere. Il vissuto e il rapporto dei consumatori con il vino evolvono in senso positivo ma anche con logiche diverse tra Italia e resto del mondo. I criteri produttivi e distributivi, i comportamenti di consumo e di acquisto presso il consumatore sono profondamente cambiati, sia a livello Italiano che all estero. La tensione socio-economica e la richiesta di servizio, di maggiore trasparenza informativa, di equilibrio tra domanda e offerta qualitativa e di prezzo sono alcuni elementi che caratterizzano l attuale contesto e che esercitano pressioni e attese da parte del consumatore e dei distributori. La globalizzazione si fa sentire anche nel settore vino, con una competizione più evidente. In un contesto difficile, il vino Italiano gode di un eccellente immagine, paradigma di qualità, territorialità, cultura, saper vivere e fare e può sicuramente valorizzare i suoi asset. Il mercato è cambiato: da mercato di massa a massa di mercati, composti da tante nicchie. Questo è ormai lo scenario concorrenziale in cui si collocano i numerosissimi vini italiani, senza dimenticare che la mappa della produzione e dei consumi sta cambiando a livello globale. I consumatori sono cambiati: oggi il consumatore chiede un vino sempre più buono anche da pensare, dunque corretto, onesto, trasparente, sicuro, in grado di assolvere le sue promesse organolettiche per un piacere sempre più completo sul fronte del Sapore, del Sapere, del Sociale, del Servizio della Shopping Strategy, della Storia (legame con il Territorio e la Cultura, che portano alla Qualità). In vino più veritas! 13

15 Il buon vino è oggi considerato bevanda di qualità, prestigiosa, di classe, salutare e non solo non nociva, ovviamente se consumata moderatamente. Un minimo comun denominatore che accomuna i consumatori di oggi ma che non deve portarci a semplificare troppo. I consumatori di vini non sono uguali, né in Italia né nel resto del mondo. Abbiamo su questo aspetto individuato chiare segmentazioni in base alle abitudini di consumo, agli atteggiamenti e orientamenti culturali, ai comportamenti di acquisto. La distribuzione è cambiata. Il vino è più accessibile grazie agli sviluppi (della distribuzione GDO in primis) e alle nuove tecnologie (internet) ma aumenta anche l affollamento, la confusione e la dispersività. In questi ultimi anni il consumatore ha più possibilità di scelta, anche nell ambito della GDO dove riesce a soddisfare acquisti su una scala più ampia di scelta prezzo-qualità. Tra i bevitori di vino, aumenta la voglia di conoscere e sperimentare i diversi vini e il consumo si fa sempre meno casalingo e abbinato al pasto normale-standard e sempre più nella socialità outdoor (ristorante, feste-ricorrenze, a casa di amici) a continuo. Attenzione, il consumatore è però spesso insoddisfatto sui prezzi e sulla qualità accessibile in molte tipologie di locali outdoor. Aumenta allo stesso tempo la sovrapposizione tra proposte vino poco distinguibili e instabili. Le denominazioni hanno un effetto tranquillizzante sul consumatore ma sono percepite in modo non corretto, soprattutto quando rapportate ad una scala prezzi non omogenea. L effetto confusione è evidente. Produttori e Distributori si trovano dunque ad affrontare uno scenario concorrenziale complesso e a volte la complicazione dei loro interventi si rivela poco adattativa ad un ambiente in rapida trasformazione. 14

16 SUMMARY DELLE OPPORTUNITÀ PER IL VINO ITALIANO 15

17 16

18 Sul fronte del CONSUMATORE L immagine del vino si conferma positivamente, sia in Italia che all estero. Il vino è bevanda attuale e di successo, coerente ai nuovi trend: Salute, Sapore, Sapere, Sensorialità, Servizio Aumenta la voglia di conoscere, provare, assaporare il vino, anche con approccio sincretico (ad es. negli ultimi 12 mesi il 26% dei bevitori italiani ha avuto esperienze con vini stranieri) Il vino italiano gode di un ottima immagine nel nostro Paese e nel mondo Aumenta però la confusione, la richiesta di informazioni, di attenzione e di controllo: il valore percepito è diverso da quello reale Il consumatore è più consapevole ma anche più infedele Esistono diversi tipi di consumatori: tre categorie almeno (Tradizionali, Intenditori, Outdoor), con caratteristiche interessanti ai fini dello sviluppo del vino e a cui indirizzarsi con adeguate strategie di marketing e comunicazione Sul fronte dei MERCATI stranieri. Ottime possibilità per i vini italiani La competizione con i produttori stranieri va vista come stimolo, per crescere ancora di più e promuovere una cultura del bere sempre più coerente a quella italiana L importanza del saper comunicare meglio e con continuità, rafforzando le leve commerciali (Distribuzione, Immagine, Prezzo) in un ottica di promozione del sistema vino italiano Sul fronte degli STRUMENTI Migliorare e utilizzare più strumenti per relazionarsi con i consumatori nella loro complessità e stratificazione Sul fronte dei CRITERI PRODUTTIVI E COMMERCIALI Superare le contrapposizioni ideologiche, trovare nuove sintesi tra esigenze del mercato ed esigenze produttive orientate alla qualità e al mantenimento della biodiversità Innovazione e Tradizione non più in conflitto. 17

19 18

20 Capitolo 1 IL VINO NEL CONTESTO EVOLUTIVO SOCIO-ALIMENTARE ITALIANO Excursus analitico sulla base delle indagini Food & Drink Monitor fino agli aggiornamenti e approfondimenti del

21 20

22 Premessa Obiettivi e metodologia dell indagine Il complesso fenomeno dell evoluzione dei consumi e dell immagine del vino in Italia è stato analizzato utilizzando i dati provenienti dallo studio continuativo di GPF, il Food & Drink Monitor, che è dedicato all analisi delle tendenze del mangiare e del bere nella società italiana e dagli aggiornamenti ed approfondimenti di indagine ad hoc, concordati con Confagricoltura, riguardo alcuni temi specifici. Per poter focalizzare il rapporto tra gli italiani e il vino non si può prescindere dalla conoscenza del contesto dell evoluzione socio-culturale, degli stili alimentari e di vita più in generale. I risultati dell indagine hanno una finalità sociale per un istituzione come Confagricoltura, che offre un fondamentale contributo nel più ampio contesto della tutela della salute del cittadino-consumatore attraverso il corretto sostegno e sviluppo del sistema produttivo agro-industriale, del settore vitivinicolo in particolare. In sintesi, gli argomenti analizzati nel presente report sono i seguenti: Le dinamiche e le caratteristiche del consumo di vino nella società italiana, dagli anni Ottanta al 2008: com è cambiato il rapporto con il vino e quali sono i trend socioculturali ed alimentari che hanno esercitato un influenza determinante L analisi dinamica delle frequenze, delle occasioni, delle preferenze e dei criteriapprocci al consumo e alla scelta del vino nella società italiana La segmentazione dei bevitori di vino: in rapporto ai comportamenti e agli atteggiamenti, quali sono le differenze tra i bevitori italiani e in parallelo i bevitori stranieri (a cui è dedicata l indagine internazionale descritta nel cap. 3) Come stanno evolvendo i sub-segmenti di bevitori italiani (trend dal 2006 al 2008) Il consumo e i plus percepiti riguardo i vini di provenienza straniera La conoscenza delle sigle DOC, DOCG, IGT I criteri importanti oggi nell acquisto di un vino. Dal punto di vista metodologico, le indagini a cui fanno riferimento i dati e le analisi che commentiamo nei prossimi paragrafi sono basate su interviste personali e domiciliari ad ampi e stratificati campioni di popolazione italiana dai 15 ai 74 anni. Le diverse wave del Food & Drink Monitor, condotte con regolarità ogni 18 mesi dal 1982 al 2008, sono basate su campioni di individui, rappresentativi della popolazione dai 15 ai 74 anni, stratificati per sesso, età, aree geografiche, ampiezze centri e scolarità, secondo gli aggiornamenti dei parametri Istat. Alcuni approfondimenti sulle tendenze del Bere, sono basate sullo scenario delle bevande consumate con riferimento nell ultimo periodo estivo, condotto con regolarità ogni 12 mesi dal 2000 al 2007, sempre su campioni omologhi di popolazione anni, di casi. Infine gli aggiornamenti al 2008, con gli approfondimenti richiesti da Confagricoltura, circa i consumatori di vini (comportamenti, vissuti, approcci, segmentazione), il consumo e i plus percepiti riguardo i vini di provenienza straniera, la conoscenza delle sigle DOC, DOCG, IGT e i criteri importanti oggi nell acquisto di un vino, provengono da un indagine effettuata nel mese di marzo 2008, basata su una tecnica di intervista e un campione di popolazione omologo alle rilevazioni Food & Drink Monitor, con una numerosità di casi. 21

23 Il vino e i trend socio-alimentari Il vino è essenzialmente elemento culturale, sollecitato da molteplici fattori in continuo divenire, tra cui sicuramente le caratteristiche evolutive della domanda e dell offerta, mediate da un sistema distributivo moderno che sta diventando sempre più determinante per l accessibilità/reperibilità di questo prodotto. La nostra analisi degli stili e delle tendenze del mangiare e del bere, tra cui appunto il vino, muove da un interpretazione ampia del concetto di alimentazione e del complesso rapporto degli italiani con alimenti e bevande. L approccio di osservazione parte dalla constatazione che stili e tendenze sono sensibili a molteplici fattori: l evoluzione del contesto socio-culturale (valori, stili di vita, lavoro e consumo), il ruolo esercitato dal sistema mediatico latu-sensu, l evoluzione e l innovazione a livello produttivo, delle tecniche di conservazione e preparazione dei prodotti, del packaging e del sistema distributivo. Un ruolo decisivo è costituito anche dalle politiche di affermazione o delegittimazione del complesso sistema marca sul mercato. Il Food & Drink Monitor analizza la complessità alimentare italiana, alla ricerca di rappresentazioni sintetiche ma non semplificatorie, in termini dinamici e non statici. Attraverso l analisi di oltre 70 item espressivi di attitudini, valori e comportamenti alimentari cui aderiscono gli italiani e di numerose domande dedicate ad approfondimenti tematici sulle aree nevralgiche del cambiamento alimentare (sintetizzate nel Sistema delle S ), ripercorreremo le principali tappe evolutive del rapporto degli italiani con il vino. In particolare con l ausilio della mappa alimentare e dell ipermappa (che tiene conto delle molteplici indagini effettuate) [Figg. 2-3], ottenuta dall elaborazione statistica delle numerose variabili allo studio finalizzate a segmentare la complessità socioalimentare su due macro dimensioni: gli assi costitutivi della mappa che polarizzano Tradizione/Modernità sull asse orizzontale e Salutismo/Indulgenza sull asse orizzontale. 22

24 Fig. 1 MAPPA ALIMENTARE: GLI ASSI MODERNITÀ INDULGENZA SALUTISMO TRADIZIONE Base: popolazione anni Food Monitor Fig. 2 MAPPA ALIMENTARE: ASSI E ITEMS MODERNITÀ Pasto destrutturato Rarefazione Goodwill piatti pronti Integratori primo piatto Eliminazione pane Fast-food Attenzione al servizio Alimenti Mangiare notturno Dieta Disgregazione desco Vegetarianesimo integrali dimagrante Anomia Cosmopolitismo insoddisfazione Surgelati Functional Attenzione Mangiare Happy hour Turismo enogastronomico food Attenzione alla linea fuoripasto Cene calorie Pranzo Pranzi Meno tempo x cucinare Riduzione carne Emarginazione Out-door Ristorante Pasti Dolci fuori-pasto dolci Entertainment semplici e Pro-biologici Sregolatezza Velocizzazione veloci Mangio leggero alimentare Insicurezza Ipocondria pasti nutrizionale Consultazione Consapevolezza libri e ricette Attento Sperimentazione nutrizionale forma fitness culinaria INDULGENZA SALUTISMO Piacere di cucinare Riduzione Golosità Vini di qualità Disinteresse grassi per la salute Vino Polisensorialità Spendo per la qualità Propensione Sempre pasti Igienismo al dolce Prima colazione Tradizionalismo Paura completa alimentare Pasto alimentare OGM completo Vietato ingrassare Piacere di Centralità primo piatto mangiare Dieta Culto Amo trattorie mediterranea buongustaio rustiche Pasti Orari fissi Gusti e sapori forti Amo Culto Pastasciutta genuinità Campanilismo gastronomico TRADIZIONE Base: popolazione anni Food Monitor 23

25 Fig. 3 MAPPA ALIMENTARE: ASSI E ITEMS FACILE & MODERNITÀ PRIVAZIONI & DIVERTENTE Pasto INTEGRAZIONI destrutturato Rarefazione Goodwill primo piatto piatti pronti Consumo integratori Eliminazione Fast-food Attenzione del pane Alimenti Dieta Mangiare al servizio integrali Disgregazione dimagrante notturno Vegetarianesimo desco fam. Anomia Cosmopolitismo insoddisfazione Surgelati Functional Turismo food Attenzione Attenzione Mangiare Happy hour enogastronomico alla linea calorie fuoripasto Cene e Pranzo pranzi al Meno tempo Riduzione fuori casa Pasti Emarginazione Dolci ristorante per cucinare semplici carne dolci fuoripasto Prodotti Entertainment e veloci Sregolatezza Velocizzazione biologici Mangio alimentare Insicurezza pasti Consultazione Ipocondria leggero nutrizionale libri e ricette Consapevolezza nutrizionale Fitness Sperimentazione INDULGENZA culinaria SALUTISMO Disinteresse Riduzione Piacere di per la salute grassi Golosità Vini di cucinare qualità Vino Igienismo alimentare quotidiano PolisensorialitàPremio la qualità Propensione al dolce Tradizionalismo Prima colazione Paura alimentare completa Istinto del PIACERE, OGM Pasto Vietato COMPULSIVITA completo ingrassare Piacere di Centralità Dieta Istinto CONSERVAZIONE mangiare primo piatto mediterranea SALUTE E LINEA Culto Goodwill Pasti ad orari fissi ALLEGGERIMENTO buongustaio trattorie rustiche Gusti e sapori forti SAPORI E RITI TRADIZIONE Goodwill Campanilismo pastasciutta gastronomico TRADIZIONE Base: popolazione anni Food Monitor Culto genuinità PASSIONE DEL CUOCO In sintesi, le dinamiche socio-alimentari analizzate (evidenziate nelle ipermappe che seguono) lungo gli anni Ottanta, Novanta, 2000 fino al 2008 evidenziano significativi cambiamenti a livello di comportamenti, atteggiamenti, immagine del vino presso gli italiani. L immagine del vino come bevanda povera, nel contesto di un rapporto basico, abitudinario, funzionale all alimentazione è andata modificandosi nel tempo, così come abbiamo registrato attraverso la nostra indagine lungo tutti gli anni delle nostre rilevazioni. Il vino si afferma oggi come bevanda di valore, che punta sulla qualità più che sulla quantità. Raccontiamo il percorso evidenziando gli snodi del cambiamento nei prossimi paragrafi [Figg. 4, 5]. 24

26 Fig. 4 «Mangiare bene è uno dei piaceri più importanti della vita» molto+abbastanza d accordo 100 Valori in % Base: popolazione anni Food Monitor Fig. 5 «Durante i pasti consumo quasi sempre vino» molto+abbastanza d accordo 60 Valori in % Anni 80 MODERNIZZAZIONE Anni 90 Anni 2000 COSTUMI ALIMENTARI AUTOINDULGENZA WELLNESS Base: popolazione anni Food Monitor 25

27 Le tappe del cambiamento socio-alimentare e le dinamiche del vino Gli anni Ottanta: cambia il ruolo del vino nella modernità Negli Anni 80 si assiste al processo di cosiddetta modernizzazione dei costumi alimentari, una fase caratterizzata da molteplici fenomeni di cambiamento. Cresce la domanda di prodotti servizio (si fanno largo i prodotti confezionati, conservati, surgelati ad esempio), si avvia il processo di destrutturazione e un moderato alleggerimento dei pasti, si diffonde una basica coscienza nutrizionale di massa e la consapevolezza del rapporto alimentazione e salute (nascono le diete, arriva in Italia Weigth Watchers). Dal 1982 al 1988, nel giro di pochi anni, gli italiani che dichiarano di bere regolarmente vino durante i pasti scendono dal 60% al 40%. Il vino in questi anni è percepito da sempre più numerosi italiani come prodotto con forti connotati di tradizionalità e con un immagine poco adeguata alle nuove attese socio-alimentari. Il ricordo ben attivo, lungo gli anni 80, dello scandalo metanolo contribuisce a invischiare l immagine di sicurezza e salubrità del vino [Fig. 6]. Fig. 6 IPERMAPPA ALIMENTARE: ANNI OTTANTA MODERNITÀ 40% beve regolarmente VINO PASTI INDULGENZA 1985 SALUTISMO % 1982 beve regolarmente VINO PASTI MODERNIZZAZIONE COSTUMI ALIMENTARI TRADIZIONE Base: popolazione anni Food Monitor 26

28 Gli anni Novanta: l allontanamento dai consumi di vino Negli Anni 90, gli Italiani diventano sempre più edonisti nel mangiare e nel bere, spesso allontanando, spostando su altre dimensioni (fitness, cura del corpo ), dimenticando o addirittura rimuovendo il problema e la prospettiva Salute durante gli atti alimentari. Si evidenzia il macrotrend dell Autoindulgenza, caratterizzato da fenomeni come la destrutturazione dei pasti a favore della snackizzazione, il primato dell oralità e dell edonismo a discapito del salutismo, la ri-modelizzazione dei pasti e fuori pasto nell ambito fuori casa, la propensione all innovazione [Fig. 7]. Alla fine degli anni 90, i bevitori di vino scendono ulteriormente, attestandosi al 66% contro il 74% del Scende anche la frequenza: passano dal 40% al 30% gli italiani che bevono vino con frequenza quotidiana. Aumenta in questi anni la competizione del vino con tutta una serie di altre bevande più e meno innovative, fortemente indulgenti e con forti connotati status symbol: il drinking repertoire alcolico (ma anche analcolico) si fa più ricco ed articolato (birra, soft-drinks, succhi di frutta, vodka alla frutta, aperitivi di marca, whisky ecc..). Si diffonde l acqua minerale, spesso sostituendo il vino durante i pasti, che peraltro avvengono sempre più fuori casa (ricordiamo la spinta al consumo delle acque minerali sollecitata dall inquinamento delle falde ma anche dall adottare una bevanda compensativa sul piano salutistico, complementare agli eccessi ed abusi alimentari, oltre che meno costosa nel pranzo fuori casa). Alla fine degli anni 90, i consumatori di vino a pranzo e a cena scendono rispettivamente del 10% e del 5% rispetto al In questi anni, alcune tipologie di vini e marche riescono invece ad affermarsi positivamente sul piano dell immagine e dei consumi: vini, in particolare bianchi, spumanti e champagne, con un immagine moderna, seducente, di successo, di qualità. Tuttavia non sempre il complesso mondo dei vini ha saputo intercettare al momento opportuno gli effetti positivi dell onda edonista. 27

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba

La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani. Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba La crisi nel piatto: come cambiano i consumi degli italiani Fipe ufficio studi Luciano Sbraga Giulia R. Erba Introduzione La crisi ha alleggerito di 7 miliardi di euro la borsa della spesa delle famiglie

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

1.Il Ristorante/La Trattoria

1.Il Ristorante/La Trattoria Agli italiani piace andare a mangiare in trattoria. Ma che cos è la trattoria? È un locale tipicamente italiano, che rispecchia il gusto e la mentalità degli italiani. Agli italiani piace mangiare bene,

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita

La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita. Grande Mappa e Nuovi Stili di Vita SINOTTICA-E U R I S K O La Grande Mappa di Sinottica e i Nuovi Stili di Vita 1 Sinottica-Eurisko 2004 Premessa Nel presente documento Eurisko propone una nuova segmentazione della popolazione italiana

Dettagli

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni

Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Convegno Romeni emergenti o emergenza Romania? Italia e Romania allo specchio: la percezione reciproca d immagine tra italiani e romeni Prof. Stefano Rolando Segretario generale delle e Direttore scientifico

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza

Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Il Safety Rainbow: i comportamenti dei lavoratori alla base della Sicurezza Ovvero: i sette comportamenti a rischio responsabili dei principali infortuni sul lavoro MANUTENZIONE & SICUREZZA Franceso Gittarelli,

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA

CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA CREARE DELIZIOSE BEVANDE CALDE A SUO GUSTO FERRARA COME DEFINISCE LA QUALITÀ DI UNA BEVANDA CALDA? Esigenze per la macchina da caffè del futuro. Il piacere di una deliziosa bevanda aggiunge qualità in

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

PREFAZIONE. Angela Alberti Segretario Generale Adiconsum Lombardia

PREFAZIONE. Angela Alberti Segretario Generale Adiconsum Lombardia PREFAZIONE Questa pubblicazione nasce da una duplice esigenza: da un lato proseguire, aggiornandolo, il percorso intrapreso qualche anno fa con la realizzazione di uno studio finalizzato a conoscere i

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CORSO ITS Tecnico superiore per la valorizzazione ed il marketing dei prodotti agroalimentari

CORSO ITS Tecnico superiore per la valorizzazione ed il marketing dei prodotti agroalimentari CORSO ITS Tecnico superiore per la valorizzazione ed il marketing dei prodotti agroalimentari PROJECT WORK PIANO DI MARKETING PER IL LANCIO DI UN NUOVO PRODOTTO Relatore Dott.ssa Giorgio Maria Francesca

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma

Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Criteri per la definizione e valutazione di un nuovo prodotto Aspetti di base ed elementi di discussione a cura di Michele Tamma Aprile 2005 Definire un nuovo prodotto: Metterne a fuoco il concept, ovvero

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Prodotti di cui ti puoi fidare

Prodotti di cui ti puoi fidare Prodotti di cui ti puoi fidare Vogliamo offrirti alimenti di buona qualità a prezzi bassi, prodotti in modo responsabile. Stiamo lavorando in tutte le parti della catena alimentare, dalla fattoria al negozio

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli