EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA"

Transcript

1

2 EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA TOTALE ESERCIZI COMMERCIALI Non Alimentari Alimentari Negozi tradizionali Non Alimentari Alimentari Ambulanti Non Alimentari Alimentari Distribuzione Moderna Non Alimentari Grandi Magazzini Grandi Superfici Specializzate e Catene Alimentari Ipermercati (>4.500 mq) Supermercati e Superstore ( mq) Libero Servizio ( mq) Hard Discount Fonti: Ministero Sviluppo Economico, GNLC Nielsen, Indicod Ecr - TradeLab

3 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Consumi commercializzabili - Quote di Mercato % 198,5 223,7 224,7 218,6 miliardi! Fonte: AC Nielsen, Istat, Indicod Ecr - TradeLab

4 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Alimentari (Fresco + Confezionato) - Quote di Mercato % 100,8 115,2 117,5 117,3 miliardi! 63,1 71,6 71,8 72,0 36,9 28,4 28,2 28,0 Fonte: AC Nielsen, Istat

5 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Non Alimentari - Quote di Mercato % 97,7 108,5 107,2 101,3 miliardi! 28,5 42,9 42,8 43,1 71,5 57,1 57,2 56,9 Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

6

7 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Alimentari (Fresco + Confezionato) - Quote di Mercato % 100,8 115,2 117,5 117,3 miliardi! 63,1 71,6 71,8 72,0 36,9 28,4 28,2 28,0 Fonte: AC Nielsen, Istat

8 IPER: UNA FORMULA ANCORA POCO PRESENTE superficie di vendita (mq) per abitanti 153 mq 190 mq 230 mq * 269 mq * Fonte: AC Nielsen gennaio 2012 * Dati 2009

9 GRANDI DISTRIBUTORI INTERNAZIONALI Fatturato 2011 (mld ) Fonte: SymphonyIRI Group gennaio 2012

10 ITALIA - GRUPPI DELLA DISTRIBUZIONE ALIMENTARE Quote di mercato 2012: i primi 10 Gruppi (% su GDO tot. Fatturato) COOP ITALIA 15,3 CONAD 11,3 SELEX ESSELUNGA GRUPPO AUCHAN 8,1 7,6 8,2 GRUPPO CARREFOUR 6,4 EUROSPIN DESPAR SIGMA GRUPPO PAM 4,2 4,1 3,7 3,4 Fonte: AC Nielsen gennaio 2013

11 LA DIMENSIONE DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE Quota dei primi 3 distributori 61% 61% 54% 53% 35% 34% TESCO EDEKA CARREFOUR CARREFOUR COOP ASDA REWE LECLERC MERCADONA CONAD SAINBURY S ALDI CASINO EROSKI GR. SELEX Gr. Bretagna Germania Spagna Francia Italia Nielsen European Universe - Dati consuntivo anno 2010 Gen 2013

12 LA RISPOSTA ALLE CONTENUTE DIMENSIONI D IMPRESA: LE CENTRALI D ACQUISTO Le Centrali d Acquisto sono nate per contrastare il potere negoziale che le grandi imprese di produzione e trasformazione avevano nei confronti di una GDO troppo parcellizzata. Attraverso la loro azione vengono definiti i contratti quadro con i cosiddetti Grandi Fornitori. Sono quindi esclusi dalle negoziazioni gli acquisti relativi ai prodotti a marchio privato, ai prodotti di primo prezzo, alla gran parte dei prodotti freschi, ai prodotti locali, alla maggioranza dei prodotti non alimentari. Per questa ragione il peso delle Centrali d Acquisto sul totale degli approvvigionamenti delle aziende GDO che vi partecipano non supera mediamente il 50%. Poiché non tutte le aziende distributive sono aderenti a Centrali d Acquisto, risulta che attraverso queste strutture passa circa il 35% del totale approvvigionamenti della GDO despecializzata.

13 LA RISPOSTA ALLE CONTENUTE DIMENSIONI D IMPRESA: LE CENTRALI D ACQUISTO (quote su totale fatturato 2012) Centr. Italiana Coop - Despar Servizi - Sigma - Il Gigante Disco Verde 24,9 Sicon Conad - Rewe 13,1 ESD Italia Selex - Agorà - Sun 11,6 Auchan - Crai Gr. Finiper Auchan-Sma - Crai Finiper - Sisa Ce.di.Gros - Alfi Coralis 7,1 9,6 AICUBE Pam - Interdis 4,6 Altri Carrefour Esselunga -Bennet Lombardini - 29,1 Fonte: Nielsen GNLC ed. Gennaio 2013

14 IL CANALE CASH & CARRY IN ITALIA Numero punti di vendita 397 Superficie tot. (1000 mq) 1.606,0 Superficie media (mq) Numero imprese 105 Fatturato LCC (mld euro) 4,2 Fonte: SymphonyIRI Group Gennaio 2013

15 LA DIMENSIONE DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE NEL CASH & CARRY I primi 5 distributori in Italia quote di mercato % Largo Consumo Confezionato Punti vendita Fonte: SymphonyIRI Group Gennaio 2013

16

17 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Non Alimentari - Quote di Mercato % 97,7 108,5 107,2 101,3 miliardi! 28,5 42,9 42,8 43,1 71,5 57,1 57,2 56,9 Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

18 LO SVILUPPO DEI COMPETITORS NUOVE INSEGNE INTERNAZIONALI, MONOMARCA, CONTENITORI COMMERCIALI (centri commerciali, aree urbane, FOC, stazioni, ) CATENE DI NEGOZI anni 80/90 IPERMERCATI SPECIALISTI DI GRANDE SUPERFICIE NUOVE CATENE IN FRANCHISING GRANDI MAGAZZINI anni 70 anni 50/60

19 EVOLUZIONE DEI COMPARTI NON FOOD Composizione % valori Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

20 TREND CONSUMI NON FOOD: ABBIGLIAMENTO e CALZATURE 2011/ Variazione % valore Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

21 TREND CONSUMI NON FOOD: ELETTRONICA DI CONSUMO 2011/ Variazione % valore Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

22 TREND CONSUMI NON FOOD: EDUTAINMENT 2011/ Variazione % valore Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

23 TREND VENDITE NON FOOD (IPER + SUPER) 2011/ Variazione % valore PESO DEI COMPARTI Casalinghi Cancelleria Libri giornali Giardinaggio Giocattoli Sport Fai da Te Gioielleria Bigiotteria Elettrodomestici Telefonia Foto ottica Elettronica Arredamento Abbigliamento Tessile Casa Calzature Pelletteria 47,1% 31,7% 21,2% 100,0% Fonte: AC Nielsen

24 TREND CONSUMI NON FOOD (IPER + SUPER): TOP TEN 2011/ Variazione % valore Fonte: Ac Nielsen

25 TREND CONSUMI NON FOOD (IPER + SUPER): BOTTOM TEN 2011/ Variazione % valore Fonte: Ac Nielsen

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma TEMI DELLA LEZIONE I. L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE II.IL QUADRO

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014 Seminario Distribuzione Moderna Urbino 15 dicembre 2014 agenda La Distribuzione Moderna Il sistema Conad Lo scenario generale e le evoluzioni in corso Le ultime tendenze La Distribuzione Moderna La Distribuzione

Dettagli

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Annuario R&S 2014 Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui maggiori Gruppi italiani della Grande distribuzione organizzata nel quinquennio 2009 2013

Dettagli

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali MAASTRICHT Regno Unito 4,4 Spagna 4,7 UE (27 PAESI) 2012: -0,4% Italia -0,9 Italia 2,9 Italia 2,9 Germania +0,7 Regno Unito +0,2 Francia +0,0 Spagna -1,4 Italia -2,4

Dettagli

CAMPAGNA DOP e IGP 2015/2016: ADESIONE IMPRESE FEDERDISTRIBUZIONE AL 30 NOVEMBRE 2015

CAMPAGNA DOP e IGP 2015/2016: ADESIONE IMPRESE FEDERDISTRIBUZIONE AL 30 NOVEMBRE 2015 CAMPAGNA DOP e IGP 2015/2016: ADESIONE IMPRESE FEDERDISTRIBUZIONE AL 30 NOVEMBRE 2015 Le azioni sotto indicate potranno essere svolte dalle diverse imprese anche in modo differenziato sulla rete di vendita,

Dettagli

Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare

Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare dia n.1 dia n.2 Funzione e ruolo della distribuzione La distribuzione produce un servizio commerciale, inteso come il risultato delle attività

Dettagli

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare agroalimentare Perché è così difficile fare una buona logistica? Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo

Dettagli

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Vincenzo Tassinari 1. Le tendenze della distribuzione moderna Le imprese commerciali, negli ultimi anni, hanno attraversato un processo

Dettagli

Distribuzione e consumi

Distribuzione e consumi Capitolo settimo Distribuzione e consumi La distribuzione alimentare L evoluzione strutturale del sistema distributivo La grave crisi economica degli ultimi anni ha comportato un cambiamento profondo dei

Dettagli

Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr

Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr In collaborazione con TRADELAB Prefazione Siamo all ottava edizione

Dettagli

CRESCERE FORTI INSIEME 2010

CRESCERE FORTI INSIEME 2010 CRESCERE FORTI INSIEME 2010 CRESCERE FORTI INSIEME 2010 A cura di Homina Pdc via del Monte, 10 tel. +39 051.264744 fax +39 051.222190 www.hominapdc.it 5 Crescere forti insieme 7 9 12 14 16 18 imprenditori

Dettagli

Università degli Studi di Milano. Analisi economica dell industria alimentare e della distribuzione

Università degli Studi di Milano. Analisi economica dell industria alimentare e della distribuzione Università degli Studi di Milano Analisi economica dell industria alimentare e della distribuzione Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università

Dettagli

CERMES Università Bocconi. Milano, 5 marzo 2010

CERMES Università Bocconi. Milano, 5 marzo 2010 CERMES Università Bocconi Il fenomeno delle Differenze Inventariali nella GDO Milano, 5 marzo 2010 Il campione di ricerca Auchan Carrefour Esselunga GS Il Gigante Iper Pam Panorama SMA Unes INSEGNE INDAGATE

Dettagli

PROPOSTA FEDERDISTRIBUZIONE CONTRO IL CARO PREZZI

PROPOSTA FEDERDISTRIBUZIONE CONTRO IL CARO PREZZI PROPOSTA FEDERDISTRIBUZIONE CONTRO IL CARO PREZZI LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN ITALIA - I NUMERI - 22.000 punti vendita Centri Commerciali e Ipermercati, Supermercati, Libero servizio, Discount,

Dettagli

CRESCERE FORTI INSIEME 2011

CRESCERE FORTI INSIEME 2011 CRESCERE FORTI INSIEME 2011 5 Buoni risultati e forte credibilità 7 IL GRUPPO Mestiere antico con radici nel futuro 10 I dati economici 11 La solidità del gruppo 13 LA RETE DI VENDITA Leader nei supermercati

Dettagli

Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane

Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane PAN&CO ha commissionato all istituto di ricerca Metron un indagine di mercato su più comprendere e interpretare i bisogni, le dinamiche e

Dettagli

Linee Guida del B2B per il Sistema Coop

Linee Guida del B2B per il Sistema Coop Linee Guida del B2B per il Sistema Coop 1 Argomenti Numeri di Coop Ambito del B2B Glossario B2B Gli Ambienti di Sviluppo I Processi Supportati I Casi 2 Quote per Centrali di Acquisto Iper-Super Quota %

Dettagli

FRANCIA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

FRANCIA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA FRANCIA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA 3 Indice : pagina Francia: il sistema economico.... 5 Commercio estero: le importazioni francesi e l interscambio con l Italia..... 9 Analisi della Grande Distribuzione

Dettagli

Commercio Interno Interno15

Commercio Interno Interno15 15 Commercio Interno Interno15 COMMERCIO INTERNO All interno di questa sezione vengono riportate le tabelle riguardanti il commercio nella Regione nell anno 2007, in particolare: il commercio al dettaglio

Dettagli

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business 46 L evoluzione della marca commerciale è guidata da una sempre più sofisticata diversificazione, realizzata in base

Dettagli

Il commercio al dettaglio, la cui funzione

Il commercio al dettaglio, la cui funzione Distribuzione Vendere al consumatore finale g Fabrizio Dallari - C-log, Centro di Ricerca sulla - Università Carlo Cattaneo Marco Melacini - Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

Il ruolo degli imballaggi nella catena di distribuzione

Il ruolo degli imballaggi nella catena di distribuzione APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici ONR Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Il ruolo degli imballaggi nella catena di distribuzione Rapporti 20/2002 RUOLO DEGLI IMBALLAGGI

Dettagli

Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno 2014 (dati anno solare 2013)

Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno 2014 (dati anno solare 2013) Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno (dati anno solare ) Abstract A cura di Marco Cuppini, Research and Communication Director In collaborazione con TRADELAB Prefazione Il presente Rapporto sulla distribuzione

Dettagli

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza CONVEGNO SUL MICROMARKETING UNIVERSITA DI PARMA - 21 OTTOBRE 2011 Finiper: la storia 1974 Marco Brunelli apre il primo ipermercato italiano a Montebello della

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE pag. 1 Maiora s.r.l. è il soggetto della distribuzione organizzata del Sud Italia, nato nel 2012 dall accordo tra le società Ipa Sud s.p.a. di Barletta e Cannillo s.r.l. di Corato. La sua

Dettagli

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali

Dipartimento di Economia dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali dell Università degli Studi di Parma La logistica delle imprese commerciali Chi rifornisce i punti vendita? Commercio tradizionale Commercio moderno Concentrazione commercio moderno FORNITORI FORNITORI

Dettagli

Indice. Annual Report 2011. 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente Conad

Indice. Annual Report 2011. 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente Conad Annual Report 2011 Indice Annual Report 2011 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente 7 Introduzione di Francesco Pugliese, direttore generale 10 Identità 33 Scenario 33 L economia mondiale

Dettagli

Università Degli Studi di Padova

Università Degli Studi di Padova Università Degli Studi di Padova Facoltà di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali Tesi di Laurea Magistrale LA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ DI MARKETING IN UN IMPRESA

Dettagli

RELAZIONE DI GESTIONE

RELAZIONE DI GESTIONE RELAZIONE DI GESTIONE 2012 RELAZIONE DI GESTIONE 1 L IDENTITÁ AZIENDALE... 4 1.1 LA MISSIONE... 8 1.2 I VALORI... 9 1.3 LE SOCIETÀ DEL GRUPPO... 10 1.4 LE STRATEGIE E POLITICHE DI GOVERNANCE... 11 1.5

Dettagli

C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294

C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294 C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del

Dettagli

IL SISTEMA DISTRIBUTIVO

IL SISTEMA DISTRIBUTIVO Corso di Progettazione dei Sistemi Produttivi e Logistici Facoltà di Ingegneria IL SISTEMA DISTRIBUTIVO Prof. Fabrizio Dallari Direttore C-log Università C. Cattaneo LIUC Centro di Ricerca sulla Logistica

Dettagli

Le promozioni fedeltà in Italia:

Le promozioni fedeltà in Italia: Il Futuro del Micromarketing Creare fedeltà attraverso la partnership VI edizione Le promozioni fedeltà in Italia: efficacia dei cataloghi e orientamenti strategici Cristina Ziliani e Chiara D Onofrio

Dettagli

DATI GENERALI DEL CAMPIONE. I risultati della Ricerca. Intervistati per Regione 18/04/2014. UOC Medicina del Lavoro: Battevi Natale

DATI GENERALI DEL CAMPIONE. I risultati della Ricerca. Intervistati per Regione 18/04/2014. UOC Medicina del Lavoro: Battevi Natale I risultati della Ricerca DATI GENERALI DEL CAMPIONE UOC Medicina del Lavoro: Battevi Natale REGIONE Intervistati per Regione Questionari Previsti Questionari Raccolti FRIULI 150 405 270 TOSCANA 300 342

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 24 Gennaio 2014 Novembre 2013 A novembre 2013 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una variazione

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

5 Lettera ai soci del presidente. Claudio Alibrandi. 38 I risultati nel mercato 40 Lo sviluppo 7 Introduzione del direttore generale

5 Lettera ai soci del presidente. Claudio Alibrandi. 38 I risultati nel mercato 40 Lo sviluppo 7 Introduzione del direttore generale Annual Report 2012 5 Lettera ai soci del presidente 37 Un anno di attività Indice Claudio Alibrandi 38 I risultati nel mercato 40 Lo sviluppo 7 Introduzione del direttore generale 43 La posizione nel

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE Cristina Botter CHI SIAMO Trade Business è testata leader del commercio moderno, letto dai protagonisti dell'industria

Dettagli

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Agenda 1 2 Il ruolo della marca commerciale nell economia italiana

Dettagli

L allineamento delle informazioni di prodotto. Massimo Bolchini Indicod-Ecr

L allineamento delle informazioni di prodotto. Massimo Bolchini Indicod-Ecr Catalogo Elettronico L allineamento delle informazioni di prodotto Massimo Bolchini Indicod-Ecr BolognaFiere, Marca 2012 Cos è la sincronizzazione dei dati? Ogni azienda ha almeno un database popolato

Dettagli

Super. Risparmio. 68 le città considerate 108. Inchiesta. I numeri dell'indagine. Tre modelli di acquisto

Super. Risparmio. 68 le città considerate 108. Inchiesta. I numeri dell'indagine. Tre modelli di acquisto Inchiesta Risparmio Super Dimmi che spesa fai e ti dirò dove andare a farla, in tasca ti rimarranno fino a 3.500 euro all anno. I numeri dell'indagine Pasta, olio, biscotti, acqua minerale, detersivi,

Dettagli

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Quali particolarità per il Distributore? Il ciclo economico Produzione

Dettagli

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A

il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A (in gestione transitoria - ex Lege 214/2011) il mercato dei prodotti agroalimentari in F R A N C I A 1 R e g n o U n i t o G i a p p o n e G e r m a n i a S t a t i U n i t i S v i z z e r a F r a n c

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

REGOLAMENTO. La data di chiusura della fase Web è, per tutte le insegne, il 28 Febbraio 2011

REGOLAMENTO. La data di chiusura della fase Web è, per tutte le insegne, il 28 Febbraio 2011 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO Della Manifestazione a Premi promossa dalla Plasmon Dietetici Alimentari Srl ai sensi del D.P.R 430 del 26.10.2001 e denominato 30 Anni di Oasi Plasmon. 1. SOGGETTI PROMOTORI:

Dettagli

S.U.A.P. - CITTA DI PORTICI MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Domanda per l esercizio di commercio al dettaglio. Residenza: Comune C.A.P.

S.U.A.P. - CITTA DI PORTICI MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Domanda per l esercizio di commercio al dettaglio. Residenza: Comune C.A.P. S.U.A.P. - CITTA DI PORTICI MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Domanda per l esercizio di commercio al dettaglio (D. Lgs. n.114/98, modificato ed integrato dal D. Lgs. n. 59/2010) Protocollo SUAP n. Del

Dettagli

Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica. Alberto dal sasso

Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica. Alberto dal sasso Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica Alberto dal sasso Agenda I consumi Il mercato del libro nel 2011 L inizio debole del 2012 1 IPERMERCATI 0,9 SUPERMERCATI 0,5 SUPERETTES

Dettagli

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA

IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA IL MERCATO DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI IN POLONIA Incoming operatori esteri al CIBUS 2014 Parma 5-8maggio 2014 Questa indagine è stata realizzata dall ICE - Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità MCE 2012 La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo - LIUC 1 Distribuzione

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Lezione 12 Il marketing mix: i canali distributivi Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola

Dettagli

LA DISTRIBUZIONE ALIMENTARE. Web Monitoring & Online Reputation

LA DISTRIBUZIONE ALIMENTARE. Web Monitoring & Online Reputation 70 LA DISTRIBUZIONE ALIMENTARE Web Monitoring & Online Reputation by INDICE Progetto Web Monitoring...1 Analisi Quantitativa - Clip per day...2 Analisi Quantitativa - Clip per tipologia fonte/clip per

Dettagli

3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro)

3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro) 3 LE CARATTERISTICHE COMMERCIALI E LOGISTICHE DELLA DISTRIBUZIONE MODERNA IN VENETO (Luca Lanini, Marina Montedoro) 3.1 GLI OPERATORI COINVOLTI NELL INDAGINE Il lavoro sul campo ha contemplato anche un

Dettagli

www.dgmco.it www.dgmco.it Consulting GDO Report 2014 Evidenze e future tendenze nella Grande Distribuzione Organizzata RetaiLabİt

www.dgmco.it www.dgmco.it Consulting GDO Report 2014 Evidenze e future tendenze nella Grande Distribuzione Organizzata RetaiLabİt www.dgmco.it Consulting GDO Report 2014 Evidenze e future tendenze nella Grande Distribuzione Organizzata RetaiLabİt Novembre-Dicembre 2014 RetaiLabİt in sintesi... I COS È RetaiLabİt nasce nel 2010 per

Dettagli

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC

INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC INTERVENTO Fabrizio Dallari Direttore C-Log Università Carlo Cattaneo LIUC Sala Falck Assolombarda 6 Febbraio 2012 CONVEGNO La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

Dettagli

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Agenda 1 2 Il ruolo della marca commerciale nell economia italiana

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi

TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA. OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi TUTTI I NUMERI DEL BIO IN ITALIA OSSERVATORIO SANA 2014 a cura di Nomisma Silvia Zucconi Evento organizzato da: In collaborazione con: LE FINALITÀ CONOSCITIVE DEL CONTRIBUTO DI NOMISMA PER L OSSERVATORIO

Dettagli

Una lettura integrata delle indagini congiunturali sull industria e sui servizi

Una lettura integrata delle indagini congiunturali sull industria e sui servizi Una lettura integrata delle indagini congiunturali sull industria e sui servizi Il commercio al dettaglio: un indicatore di volume A. R. Giorgi, V. Ioannoni 25 giugno 2015 Argomenti trattati nella presentazione

Dettagli

Presentazione Cibus 2010. XV Salone Internazionale dell alimentazione Parma, 10-13 Maggio 2010. Roma, 26 Gennaio 2010

Presentazione Cibus 2010. XV Salone Internazionale dell alimentazione Parma, 10-13 Maggio 2010. Roma, 26 Gennaio 2010 Presentazione Cibus 2010 XV Salone Internazionale dell alimentazione Parma, 10-13 Maggio 2010 Roma, 26 Gennaio 2010 Cibus: Salone internazionale dell'alimentazione Key facts Oltre 60.000 visitatori e 878

Dettagli

UNA RIFLESSIONE SUL COMMERCIO IN PUGLIA LE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE

UNA RIFLESSIONE SUL COMMERCIO IN PUGLIA LE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE UNA RIFLESSIONE SUL COMMERCIO IN PUGLIA LE IMPRESE DELLA DISTRIBUZIONE Documento di sintesi Settembre 2009 Sommario 1 INTRODUZIONE...3 1.1 GLI ATTORI E I LORO COMPORTAMENTI... 3 1.2 LE RELAZIONI CON GLI

Dettagli

Crisi. risparmia con noi. Inchiesta

Crisi. risparmia con noi. Inchiesta LA NOSTRA INCHIESTA Abbiamo considerato 950 punti vendita in 61 città della penisola, da Bolzano a Palermo. QUASI UN MILIONE DI PREZZI Tra aprile e maggio 2012 i nostri incaricati hanno visitato per 4

Dettagli

_ AZIENDA. La CDF fonda le sue origini all inizio degli anni 70.

_ AZIENDA. La CDF fonda le sue origini all inizio degli anni 70. _ AZIENDA La CDF è un azienda di spicco nel settore logistico, che esercita la sua attività attraverso l offerta di un ampia gamma di servizi integrati nel mondo del food e del non food, rispondendo alle

Dettagli

Caso n. IV/M.1297 - LA RINASCENTE / COLMARK. REGOLAMENTO (CEE) n. 4064/89 SULLE CONCENTRAZIONI

Caso n. IV/M.1297 - LA RINASCENTE / COLMARK. REGOLAMENTO (CEE) n. 4064/89 SULLE CONCENTRAZIONI IT Caso n. IV/M.1297 - LA RINASCENTE / COLMARK Il testo in lingua italiana è il solo disponibile e facente fede. REGOLAMENTO (CEE) n. 4064/89 SULLE CONCENTRAZIONI Articolo 6, paragrafo 1, lettera b) NON

Dettagli

IL MERCATO ITALIANO DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA. FOCUS SU IGD SIIQ

IL MERCATO ITALIANO DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA. FOCUS SU IGD SIIQ POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA EDILE ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GESTIONE DEL COSTRUITO IL MERCATO ITALIANO DELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA. FOCUS SU IGD SIIQ RELATORE:

Dettagli

(Irs - Istituto per la ricerca sociale) (Liuc - Università Carlo Cattaneo)

(Irs - Istituto per la ricerca sociale) (Liuc - Università Carlo Cattaneo) Orari di lavoro e tempi di vita nel sistema commerciale della provincia di Varese: aspetti economici e sociali connessi al cambiamento nel sistema distributivo settembre 2009 Orari di lavoro e tempi di

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 9 settembre 2010 Milano

CONFERENZA STAMPA 9 settembre 2010 Milano CONFERENZA STAMPA 9 settembre Milano CONFERENZA STAMPA - Milano, 09.09. Consumi e Distribuzione Presentazione dei Risultati E. Migliavacca Vicepresidente Ancc-Coop CONFERENZA STAMPA 9 settembre Milano

Dettagli

Monitoraggio del valore della tracciabilità nel panorama dell Industria Alimentare Giuseppe Luscia, Indicod-Ecr Cremona, 28 Aprile 2006

Monitoraggio del valore della tracciabilità nel panorama dell Industria Alimentare Giuseppe Luscia, Indicod-Ecr Cremona, 28 Aprile 2006 Monitoraggio del valore della tracciabilità nel panorama dell Industria Alimentare Giuseppe Luscia, Indicod-Ecr Cremona, 28 Aprile 2006 IL NETWORK GS1 Fondato nel 1977 come organizzazione internazionale

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM87U ATTIVITÀ 47.19.90 ATTIVITÀ 47.73.20 ATTIVITÀ 47.78.60 ATTIVITÀ 47.78.91 GRANDI MAGAZZINI

STUDIO DI SETTORE UM87U ATTIVITÀ 47.19.90 ATTIVITÀ 47.73.20 ATTIVITÀ 47.78.60 ATTIVITÀ 47.78.91 GRANDI MAGAZZINI STUDIO DI SETTORE UM87U ATTIVITÀ 47.19.10 GRANDI MAGAZZINI ATTIVITÀ 47.19.90 EMPORI ED ALTRI NEGOZI NON SPECIALIZZATI DI VARI PRODOTTI NON ALIMENTARI ATTIVITÀ 47.73.20 COMMERCIO AL DETTAGLIO IN ALTRI ESERCIZI

Dettagli

AREA COMMERCIO. I dati relativi al Commercio sono stati forniti dall Ufficio Commercio del Comune di Aosta e riguardano gli anni dal 2002 al 2011.

AREA COMMERCIO. I dati relativi al Commercio sono stati forniti dall Ufficio Commercio del Comune di Aosta e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. AREA COMMERCIO I dati relativi al Commercio sono stati forniti dall Ufficio Commercio del Comune di Aosta e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. 1 Autorizzazioni commerciali rilasciate suddivise per genere.

Dettagli

CARTELLA STAMPA (aggiornata al 23/06/09) Gruppo Megamark

CARTELLA STAMPA (aggiornata al 23/06/09) Gruppo Megamark CARTELLA STAMPA (aggiornata al 23/06/09) Gruppo Megamark INDICE 1. Il Gruppo Megamark 2 2. Storia 3 3. Le insegne distributive 5 4. Top management 6 5. L impegno nel sociale 7 6. Dati di settore 8 1 1.

Dettagli

COMMERCIO ALL INGROSSO DI TAPPETI COMMERCIO ALL INGROSSO DI VARI PRODOTTI DI CONSUMO NON ALIMENTARE NCA

COMMERCIO ALL INGROSSO DI TAPPETI COMMERCIO ALL INGROSSO DI VARI PRODOTTI DI CONSUMO NON ALIMENTARE NCA STUDIO DI SETTORE VM88U ATTIVITÀ 46.47.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI TAPPETI ATTIVITÀ 46.49.90 COMMERCIO ALL INGROSSO DI VARI PRODOTTI DI CONSUMO NON ALIMENTARE NCA ATTIVITÀ 46.69.93 COMMERCIO ALL INGROSSO

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

RELAZIONE DI GESTIONE

RELAZIONE DI GESTIONE RELAZIONE DI GESTIONE 2011 RELAZIONE DI GESTIONE 1 L IDENTITÁ AZIENDALE... 6 1.1 la missione... 11 1.2 i valori... 11 1.3 le società del gruppo... 12 1.4 le strategie e politiche di governance... 13 1.5

Dettagli

Camera di Commercio Italiana per la Svizzera fondata nel 1909. ALIMENTARE, FORMAGGI, PARMIGIANO REGGIANO: il mercato svizzero

Camera di Commercio Italiana per la Svizzera fondata nel 1909. ALIMENTARE, FORMAGGI, PARMIGIANO REGGIANO: il mercato svizzero ALIMENTARE, FORMAGGI, PARMIGIANO REGGIANO: il mercato svizzero Reggio Emilia, 11.07.2007 RELAZIONI ECONOMICHE CON L ESTERO E MADE IN ITALY Sesto mercato target per il Made in Italy /11/07 (Mln ) 4000 3000

Dettagli

I consumi di Formaggi nel mondo

I consumi di Formaggi nel mondo Francesco Biella I consumi di Formaggi nel mondo Global Cheese consumption Il Mercato dei Formaggi in Italia e nei paesi esteri. Le performance nella Distribuzione Moderna Francesco Biella Client Manager

Dettagli

CERMES UNIVERSITÀ BOCCONI OSSERVATORIO SULLE LIBERALIZZAZIONI

CERMES UNIVERSITÀ BOCCONI OSSERVATORIO SULLE LIBERALIZZAZIONI CERMES UNIVERSITÀ BOCCONI OSSERVATORIO SULLE LIBERALIZZAZIONI Sintesi del Rapporto di Ricerca Maggio 2010 Osservatorio CERMES sulle liberalizzazioni in Italia Roberto Ravazzoni - Coordinatore Maria Grazia

Dettagli

MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE

MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE SALES & MARKETING CHANNELS MANAGEMENT MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE 21 MARZO 2014 MISSIONE, VISIONE E IDENTITA DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE INDICE LEZIONE Evoluzione della missione

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

Look Forward! Utilizzo App & Mobile per il Customer Management. Ivo Allegretti - Managing Director SurveyGroup Bergamo, 24 th October 2013

Look Forward! Utilizzo App & Mobile per il Customer Management. Ivo Allegretti - Managing Director SurveyGroup Bergamo, 24 th October 2013 Look Forward! Utilizzo App & Mobile per il Customer Management Ivo Allegretti - Managing Director SurveyGroup Bergamo, 24 th October 2013 Survey Group panorama dell industria del largo consumo di Marca

Dettagli

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012

Le nuove tendenze del largo consumo. Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 Le nuove tendenze del largo consumo Volantino: istruzioni per l uso Università di Parma 24 Febbraio 2012 La fiducia dei consumatori Più risparmio Italiani preoccupati 25% ha paura di perdere il lavoro

Dettagli

RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA 2007 DATI DEFINITIVI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L.

RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA 2007 DATI DEFINITIVI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA 2007 DATI DEFINITIVI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. Milano, 11 giugno 2008 RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA PREFAZIONE 3 TABELLA 1 - INDICE DEI SETTORI

Dettagli

REPORT 2010 IL FRANCHISING IN ITALIA

REPORT 2010 IL FRANCHISING IN ITALIA REPORT 2010 IL FRANCHISING IN ITALIA Roma 29 settembre 2010 a cura di Danila Negrini - Ufficio Economico Confesercenti Nazionale dati indagine e mappe: BRD consultino-g&o 1. Premessa Vengono di seguito

Dettagli

I negozi Specializzati attraggono più consumatori

I negozi Specializzati attraggono più consumatori Autori: Ambra Bellia e Marco Raimondi- SymphonyIRI 1 Introduzione e macro analisi del comparto Nonostante il contesto economico difficoltoso, secondo una indagine congiunturale proposta dal Centro Studi

Dettagli

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA

1. IL COMMERCIO AL DETTAGLIO IN SEDE FISSA Il commercio nella provincia di Bologna - anno 2010 Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna IL COMMERCIO NELLA PROVINCIA DI BOLOGNA - anno 2010 - Consistenza 1. IL COMMERCIO

Dettagli

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché?

L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? 1 L IMPRESA PRESENTA IL CONTO! Perché? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito più di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza

Dettagli

Stage in azienda:dalla scuola alla gestione aziendale

Stage in azienda:dalla scuola alla gestione aziendale Stage in azienda:dalla scuola alla gestione aziendale Flavio Fava INTRODUZIONE Mi chiamo Flavio Fava e provengo dal Liceo Scientifico Elio Vittorini. Dopo aver chiesto il trasferimento all istituto tecnico

Dettagli

RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA 2005 DATI DEFINITIVI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L.

RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA 2005 DATI DEFINITIVI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA 2005 DATI DEFINITIVI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. Milano, 1 giugno 2006 RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA INTRODUZIONE 3 PREMESSA METODOLOGICA 3 TABELLA

Dettagli

SPAGNA La Grande Distribuzione Organizzata

SPAGNA La Grande Distribuzione Organizzata INDAGINE SPAGNA La Grande Distribuzione Organizzata Studio realizzato da Carmen Barrantes ICE Agenzia, ufficio di Madrid Data di realizzazione: dicembre 2013 INDICE QUADRO ECONOMICO DEL PAESE 3 ANALISI

Dettagli

! 0. INTRODUZIONE..pag. 5

! 0. INTRODUZIONE..pag. 5 Indice 0. INTRODUZIONE..pag. 5 1. ANALISI DI SETTORE....pag. 8 1.1 Gli attori di intermediazione 1.2 La classificazione degli esercizi commerciali 1.2.1 La Grande Distribuzione Organizzata 2. GLI ASPETTI

Dettagli

MARKETING LA DISTRIBUZIONE

MARKETING LA DISTRIBUZIONE MARKETING LA DISTRIBUZIONE INDICE - La politica distributiva - I canali di distribuzione tradizionali - La scelta del canale di distribuzione - Il trade marketing - L apparato distributivo italiano - Le

Dettagli

3000i mq. di stabilimento 40

3000i mq. di stabilimento 40 impianti 50 professionisti al servizio della comunicazione 1 filiale nel business center di FIERA MILANO 7 piattaforme aeree 3000i mq. di stabilimento 40 più di anni di esperienza 30 stampanti professionali

Dettagli

ANNO XXVI - NUMERO 10 OTTObre 2011

ANNO XXVI - NUMERO 10 OTTObre 2011 Acquacoltura ANNO XXVI - NUMERO 10 OTTObre 2011 organo ufficiale dell associazione piscicoltori italiani PUBBLICAZIONE MENSILE DI PROBLEMI TECNICI ECONOMICI SINDACALI DEGLI ALLEVATORI ITTICI Poste Italiane

Dettagli

Produzione Alimentare

Produzione Alimentare Produzione Alimentare Moduli Back Office Front Office Trace One è composto da due moduli, uno dedicato alla attività di back office e pianificazione, uno di front office già configurato per essere installato

Dettagli

SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI

SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI Dossier di Tiziana C. Aquilani e Lu.Ca. L ANALISI DI SUI PREZZI C È UNA VALIDA PARTNERSHIP TRA GD E CONSUMATORI 1 L ANALISI DI DEI QUATTRO PANIERI FOOD -BRAND LEADER, PRIVATE LABEL, PRIMI PREZZI E - DAL

Dettagli