EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA"

Transcript

1

2 EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA TOTALE ESERCIZI COMMERCIALI Non Alimentari Alimentari Negozi tradizionali Non Alimentari Alimentari Ambulanti Non Alimentari Alimentari Distribuzione Moderna Non Alimentari Grandi Magazzini Grandi Superfici Specializzate e Catene Alimentari Ipermercati (>4.500 mq) Supermercati e Superstore ( mq) Libero Servizio ( mq) Hard Discount Fonti: Ministero Sviluppo Economico, GNLC Nielsen, Indicod Ecr - TradeLab

3 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Consumi commercializzabili - Quote di Mercato % 198,5 223,7 224,7 218,6 miliardi! Fonte: AC Nielsen, Istat, Indicod Ecr - TradeLab

4 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Alimentari (Fresco + Confezionato) - Quote di Mercato % 100,8 115,2 117,5 117,3 miliardi! 63,1 71,6 71,8 72,0 36,9 28,4 28,2 28,0 Fonte: AC Nielsen, Istat

5 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Non Alimentari - Quote di Mercato % 97,7 108,5 107,2 101,3 miliardi! 28,5 42,9 42,8 43,1 71,5 57,1 57,2 56,9 Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

6

7 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Alimentari (Fresco + Confezionato) - Quote di Mercato % 100,8 115,2 117,5 117,3 miliardi! 63,1 71,6 71,8 72,0 36,9 28,4 28,2 28,0 Fonte: AC Nielsen, Istat

8 IPER: UNA FORMULA ANCORA POCO PRESENTE superficie di vendita (mq) per abitanti 153 mq 190 mq 230 mq * 269 mq * Fonte: AC Nielsen gennaio 2012 * Dati 2009

9 GRANDI DISTRIBUTORI INTERNAZIONALI Fatturato 2011 (mld ) Fonte: SymphonyIRI Group gennaio 2012

10 ITALIA - GRUPPI DELLA DISTRIBUZIONE ALIMENTARE Quote di mercato 2012: i primi 10 Gruppi (% su GDO tot. Fatturato) COOP ITALIA 15,3 CONAD 11,3 SELEX ESSELUNGA GRUPPO AUCHAN 8,1 7,6 8,2 GRUPPO CARREFOUR 6,4 EUROSPIN DESPAR SIGMA GRUPPO PAM 4,2 4,1 3,7 3,4 Fonte: AC Nielsen gennaio 2013

11 LA DIMENSIONE DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE Quota dei primi 3 distributori 61% 61% 54% 53% 35% 34% TESCO EDEKA CARREFOUR CARREFOUR COOP ASDA REWE LECLERC MERCADONA CONAD SAINBURY S ALDI CASINO EROSKI GR. SELEX Gr. Bretagna Germania Spagna Francia Italia Nielsen European Universe - Dati consuntivo anno 2010 Gen 2013

12 LA RISPOSTA ALLE CONTENUTE DIMENSIONI D IMPRESA: LE CENTRALI D ACQUISTO Le Centrali d Acquisto sono nate per contrastare il potere negoziale che le grandi imprese di produzione e trasformazione avevano nei confronti di una GDO troppo parcellizzata. Attraverso la loro azione vengono definiti i contratti quadro con i cosiddetti Grandi Fornitori. Sono quindi esclusi dalle negoziazioni gli acquisti relativi ai prodotti a marchio privato, ai prodotti di primo prezzo, alla gran parte dei prodotti freschi, ai prodotti locali, alla maggioranza dei prodotti non alimentari. Per questa ragione il peso delle Centrali d Acquisto sul totale degli approvvigionamenti delle aziende GDO che vi partecipano non supera mediamente il 50%. Poiché non tutte le aziende distributive sono aderenti a Centrali d Acquisto, risulta che attraverso queste strutture passa circa il 35% del totale approvvigionamenti della GDO despecializzata.

13 LA RISPOSTA ALLE CONTENUTE DIMENSIONI D IMPRESA: LE CENTRALI D ACQUISTO (quote su totale fatturato 2012) Centr. Italiana Coop - Despar Servizi - Sigma - Il Gigante Disco Verde 24,9 Sicon Conad - Rewe 13,1 ESD Italia Selex - Agorà - Sun 11,6 Auchan - Crai Gr. Finiper Auchan-Sma - Crai Finiper - Sisa Ce.di.Gros - Alfi Coralis 7,1 9,6 AICUBE Pam - Interdis 4,6 Altri Carrefour Esselunga -Bennet Lombardini - 29,1 Fonte: Nielsen GNLC ed. Gennaio 2013

14 IL CANALE CASH & CARRY IN ITALIA Numero punti di vendita 397 Superficie tot. (1000 mq) 1.606,0 Superficie media (mq) Numero imprese 105 Fatturato LCC (mld euro) 4,2 Fonte: SymphonyIRI Group Gennaio 2013

15 LA DIMENSIONE DELLE IMPRESE DISTRIBUTIVE NEL CASH & CARRY I primi 5 distributori in Italia quote di mercato % Largo Consumo Confezionato Punti vendita Fonte: SymphonyIRI Group Gennaio 2013

16

17 EVOLUZIONE PESI DEI CANALI Non Alimentari - Quote di Mercato % 97,7 108,5 107,2 101,3 miliardi! 28,5 42,9 42,8 43,1 71,5 57,1 57,2 56,9 Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

18 LO SVILUPPO DEI COMPETITORS NUOVE INSEGNE INTERNAZIONALI, MONOMARCA, CONTENITORI COMMERCIALI (centri commerciali, aree urbane, FOC, stazioni, ) CATENE DI NEGOZI anni 80/90 IPERMERCATI SPECIALISTI DI GRANDE SUPERFICIE NUOVE CATENE IN FRANCHISING GRANDI MAGAZZINI anni 70 anni 50/60

19 EVOLUZIONE DEI COMPARTI NON FOOD Composizione % valori Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

20 TREND CONSUMI NON FOOD: ABBIGLIAMENTO e CALZATURE 2011/ Variazione % valore Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

21 TREND CONSUMI NON FOOD: ELETTRONICA DI CONSUMO 2011/ Variazione % valore Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

22 TREND CONSUMI NON FOOD: EDUTAINMENT 2011/ Variazione % valore Fonte: Indicod Ecr - TradeLab

23 TREND VENDITE NON FOOD (IPER + SUPER) 2011/ Variazione % valore PESO DEI COMPARTI Casalinghi Cancelleria Libri giornali Giardinaggio Giocattoli Sport Fai da Te Gioielleria Bigiotteria Elettrodomestici Telefonia Foto ottica Elettronica Arredamento Abbigliamento Tessile Casa Calzature Pelletteria 47,1% 31,7% 21,2% 100,0% Fonte: AC Nielsen

24 TREND CONSUMI NON FOOD (IPER + SUPER): TOP TEN 2011/ Variazione % valore Fonte: Ac Nielsen

25 TREND CONSUMI NON FOOD (IPER + SUPER): BOTTOM TEN 2011/ Variazione % valore Fonte: Ac Nielsen

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali MAASTRICHT Regno Unito 4,4 EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali Spagna 4,7 UE (27 PAESI) 2013: +0,1% Regno Unito +1,7 Italia -0,9 Italia 2,9 Italia 2,9 Germania +0,4 Francia +0,2 Spagna -1,2 Italia -1,9

Dettagli

EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA

EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA 2 0 0 0 2 0 0 9 2 0 10 2 0 11 TOTALE ESERCIZI COMMERCIALI Non Alimentari 848.128 589.936 940.777 685.291 947.210 691.291 952.068 696.357 Alimentari 258.192 255.486 255.919

Dettagli

EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA

EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA EVOLUZIONE NUMERO PUNTI VENDITA 1 9 9 6 2 0 0 7 2 0 0 8 2 0 0 9 Negozi tradizionali Non Alimentari Alimentari 615.186 408.513 206.673 673 665.000 490.000 175.000 662.000 489.000 173.000 658.000 488.000

Dettagli

SCENARIO ECONOMICO E DINAMICA DEI CONSUMI

SCENARIO ECONOMICO E DINAMICA DEI CONSUMI SCENARIO ECONOMICO E DINAMICA DEI CONSUMI IL CONTESTO INTERNAZIONALE 2 EVOLUZIONE PIL IN EUROPA Variazioni % in termini reali UE (28 PAESI) 2015: 2,0% Spagna: 5,0% Spagna: 3,2% Regno Unito: 2,3% Germania:

Dettagli

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma

ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO. GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma ANALISI DELLO SCENARIO DISTRIBUTUIVO GUIDO CRISTINI Ordinario di Marketing- Università degli Studi di Parma TEMI DELLA LEZIONE I. L EVOLUZIONE DELLA DISTRIBUZIONE A LIVELLO INTERNAZIONALE II.IL QUADRO

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Osservatorio Non Food I Ediz. Anno 2003 (dati anno solare 2002)

Osservatorio Non Food I Ediz. Anno 2003 (dati anno solare 2002) Osservatorio Non Food I Ediz. Anno 2003 (dati anno solare 2002) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr The global language of business www.gs1.org In collaborazione con

Dettagli

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari

La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari La distribuzione commerciale dei prodotti agro-alimentari il ruolo della moderna distribuzione commerciale agro-alimentare struttura e dinamiche della distribuzione commerciale agro-alimentare implicazioni

Dettagli

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014

Seminario Distribuzione Moderna. Urbino 15 dicembre 2014 Seminario Distribuzione Moderna Urbino 15 dicembre 2014 agenda La Distribuzione Moderna Il sistema Conad Lo scenario generale e le evoluzioni in corso Le ultime tendenze La Distribuzione Moderna La Distribuzione

Dettagli

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali

EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali EVOLUZIONE PIL IN EUROPA var % reali MAASTRICHT Regno Unito 4,4 Spagna 4,7 UE (27 PAESI) 2012: -0,4% Italia -0,9 Italia 2,9 Italia 2,9 Germania +0,7 Regno Unito +0,2 Francia +0,0 Spagna -1,4 Italia -2,4

Dettagli

Coop e i prodotti a marchio da agricoltura biologica. La linea bio-logici Coop

Coop e i prodotti a marchio da agricoltura biologica. La linea bio-logici Coop Coop e i prodotti a marchio da agricoltura biologica La linea bio-logici Coop Agenda 1. Coop 3. Il mercato 5. Il consumatore 7. Il marchio bio-logici Coop Coop Dati economici di Coop DATI STRUTTURALI COOP

Dettagli

La gdo in francia. Il profilo del mercato e degli attori

La gdo in francia. Il profilo del mercato e degli attori La gdo in francia Il profilo del mercato e degli attori La struttura della Gdo in Francia N Ipermercati (>2500 mq) 2008 2009 2010 2011 2012 1.531 1.613 1.698 1.770 1.894 N Supermercati (400-2500 mq) 2008

Dettagli

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013

Annuario R&S 2014. Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Annuario R&S 2014 Principali Gruppi italiani della Gdo 2009 2013 Confronto fra le monografie pubblicate da R&S sui maggiori Gruppi italiani della Grande distribuzione organizzata nel quinquennio 2009 2013

Dettagli

CAMPAGNA DOP e IGP 2015/2016: ADESIONE IMPRESE FEDERDISTRIBUZIONE AL 30 NOVEMBRE 2015

CAMPAGNA DOP e IGP 2015/2016: ADESIONE IMPRESE FEDERDISTRIBUZIONE AL 30 NOVEMBRE 2015 CAMPAGNA DOP e IGP 2015/2016: ADESIONE IMPRESE FEDERDISTRIBUZIONE AL 30 NOVEMBRE 2015 Le azioni sotto indicate potranno essere svolte dalle diverse imprese anche in modo differenziato sulla rete di vendita,

Dettagli

CERMES Università Bocconi. Milano, 5 marzo 2010

CERMES Università Bocconi. Milano, 5 marzo 2010 CERMES Università Bocconi Il fenomeno delle Differenze Inventariali nella GDO Milano, 5 marzo 2010 Il campione di ricerca Auchan Carrefour Esselunga GS Il Gigante Iper Pam Panorama SMA Unes INSEGNE INDAGATE

Dettagli

Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr

Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr Osservatorio Non Food VIII Ediz. Anno 2010 (dati anno solare 2009) Abstract A cura di Marco Cuppini, Direttore Studi e Ricerche Indicod-Ecr In collaborazione con TRADELAB Prefazione Siamo all ottava edizione

Dettagli

Giuseppe ZULIANI DIRETTORE COMUNICAZIONE E MARCA COMMERCIALE CONAD

Giuseppe ZULIANI DIRETTORE COMUNICAZIONE E MARCA COMMERCIALE CONAD Giuseppe ZULIANI DIRETTORE COMUNICAZIONE E MARCA COMMERCIALE CONAD Artisti della Qualità Maestri della Convenienza La nostra Storia Siamo nati nel 1962 come Consorzio di Cooperative di dettaglianti con

Dettagli

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011

DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 DOMANDA E DISTRIBUZIONE CENNI GENERALI 2010-2011 Osservatorio Commercio N IT 231513 I consumi alimentari e non alimentari In un contesto di perdurante perdita di potere d acquisto, si registra una contrazione

Dettagli

Area Studi Mediobanca I maggiori gruppi italiani della Gdo alimentare, 2010-2014

Area Studi Mediobanca I maggiori gruppi italiani della Gdo alimentare, 2010-2014 Area Studi Mediobanca I maggiori gruppi italiani della Gdo alimentare, 2010-2014 In sintesi Il fatturato dei maggiori operatori della Gdo italiana è cresciuto tra 2010 e 2014 dell 1,5%, ma ha ceduto l

Dettagli

L ipermercato. Osservatorio. Un appuntamento per radiografarne le caratteristiche e le armi competitive

L ipermercato. Osservatorio. Un appuntamento per radiografarne le caratteristiche e le armi competitive Un appuntamento per radiografarne le caratteristiche e le armi competitive Osservatorio L ipermercato Marina Bassi @marinambassigdo @IRI_INTL Trade Lab 36 Ú Si apre qui un nuovo appuntamento di Mark Up:

Dettagli

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili)

I NUMERI DELLA DMO. Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) 1 I NUMERI DELLA DMO Rappresenta il 58% dei 222 Mdi degli acquisti che vengono fatti nei negozi (cd consumi commercializzabili) Occupa oltre 450.000 dipendenti su 1.845.000 del commercio Investe ogni anno

Dettagli

Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare

Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare Evoluzione della distribuzione nel sistema agroalimentare dia n.1 dia n.2 Funzione e ruolo della distribuzione La distribuzione produce un servizio commerciale, inteso come il risultato delle attività

Dettagli

Anteprima del Report#6 GDO: Grande distribuzione organizzata

Anteprima del Report#6 GDO: Grande distribuzione organizzata Anteprima del Report#6 GDO: Grande distribuzione organizzata CLASSIFICA GENERALE La classifica è stata redatta ponderando i parametri quantitativi estrapolati nel mese di analisi (maggio 2014): in particolare

Dettagli

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare

CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare CONVEGNO: Ripensare la logistica dell agroalimentare agroalimentare Perché è così difficile fare una buona logistica? Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo

Dettagli

Distribuzione e consumi

Distribuzione e consumi Capitolo settimo Distribuzione e consumi La distribuzione alimentare L evoluzione strutturale del sistema distributivo La grave crisi economica degli ultimi anni ha comportato un cambiamento profondo dei

Dettagli

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE

COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE COMPANY PROFILE pag. 1 Maiora s.r.l. è il soggetto della distribuzione organizzata del Sud Italia, nato nel 2012 dall accordo tra le società Ipa Sud s.p.a. di Barletta e Cannillo s.r.l. di Corato. La sua

Dettagli

Documento redatto per: TRADE BUSINESS PRESENTAZIONE DEI DATI

Documento redatto per: TRADE BUSINESS PRESENTAZIONE DEI DATI Documento redatto per: TRADE BUSINESS PRESENTAZIONE DEI DATI Milano, Marzo 2006 METODOLOGIA E CAMPIONE Interviste telefoniche C.A.T.I OMNIBUS 1020 interviste alla popolazione maggiore di 14 anni rappresentativi

Dettagli

Linee Guida del B2B per il Sistema Coop

Linee Guida del B2B per il Sistema Coop Linee Guida del B2B per il Sistema Coop 1 Argomenti Numeri di Coop Ambito del B2B Glossario B2B Gli Ambienti di Sviluppo I Processi Supportati I Casi 2 Quote per Centrali di Acquisto Iper-Super Quota %

Dettagli

Commercio Interno Interno15

Commercio Interno Interno15 15 Commercio Interno Interno15 COMMERCIO INTERNO All interno di questa sezione vengono riportate le tabelle riguardanti il commercio nella Regione nell anno 2007, in particolare: il commercio al dettaglio

Dettagli

CONAD ADRIATICO. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Comunicazione esterna. Prof.

CONAD ADRIATICO. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Comunicazione esterna. Prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO Facoltà di Scienze della Comunicazione Corso di Comunicazione esterna CONAD ADRIATICO Debora Capotosto Prof.ssa Lucia Todisco Cos è un impresa cooperativa? [ ]un associazione

Dettagli

LE CATENE DEL NON FOOD

LE CATENE DEL NON FOOD Luigi Varbella (a cura di) LE CATENE DEL NON FOOD Rapporto sulla distribuzione 3 W.P. 159/2002 Working paper n. 159, febbraio 2002 ISTITUTO RICERCHE ECONOMICO-SOCIALI DEL PIEMONTE L IRES PIEMONTE è un

Dettagli

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014

ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 ANDAMENTO VENDITE E PREZZI 2013 E PREVISIONI 2014 Marco Pedroni Presidente Coop Italia Milano,5 Settembre 2013 I numeri di Coop 2012 Cooperative 109 Punti vendita 1.467 di cui Iper 103 MQ Area Vendita

Dettagli

Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno 2014 (dati anno solare 2013)

Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno 2014 (dati anno solare 2013) Osservatorio Non Food XII Ediz. Anno (dati anno solare ) Abstract A cura di Marco Cuppini, Research and Communication Director In collaborazione con TRADELAB Prefazione Il presente Rapporto sulla distribuzione

Dettagli

Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica. Alberto dal sasso

Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica. Alberto dal sasso Il mercato del libro in Italia Consumi deboli vs innovazione tecnologica Alberto dal sasso Agenda I consumi Il mercato del libro nel 2011 L inizio debole del 2012 1 IPERMERCATI 0,9 SUPERMERCATI 0,5 SUPERETTES

Dettagli

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia

Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Distribuzione, eccesso di offerta e mercati globali. Il caso Coop Italia Vincenzo Tassinari 1. Le tendenze della distribuzione moderna Le imprese commerciali, negli ultimi anni, hanno attraversato un processo

Dettagli

CRESCERE FORTI INSIEME 2010

CRESCERE FORTI INSIEME 2010 CRESCERE FORTI INSIEME 2010 CRESCERE FORTI INSIEME 2010 A cura di Homina Pdc via del Monte, 10 tel. +39 051.264744 fax +39 051.222190 www.hominapdc.it 5 Crescere forti insieme 7 9 12 14 16 18 imprenditori

Dettagli

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Agenda 1 2 Il ruolo della marca commerciale nell economia italiana

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol

PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008. Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol PROVINCIA DI MILANO Sportello Itinerante Agroambientale Rozzano, 4 Aprile 2008 Prof. Alberto Pirani Dott.ssa Martina Licitra Pedol Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agroalimentare e Ambientale

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 23 Dicembre 2014 Ottobre 2014 Ad ottobre 2014 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) è stabile rispetto al mese

Dettagli

LA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN ITALIA: stato dell arte e prospettive di sviluppo

LA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN ITALIA: stato dell arte e prospettive di sviluppo LA STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN ITALIA: stato dell arte e prospettive di sviluppo : Associazione Distributori Nazionali A. D. N. e Milano, Giugno 2003 Fare clic

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 24 Gennaio 2014 Novembre 2013 A novembre 2013 l indice destagionalizzato delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi) ha segnato una variazione

Dettagli

CONSUMI E DIMENSIONI DEL

CONSUMI E DIMENSIONI DEL CONSUMI E DIMENSIONI DEL BIOLOGICO IN ITALIA FABIO DEL BRAVO ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA Il contesto Le dinamiche recenti Il valore del mercato bio Il ruolo della GDO

Dettagli

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA IL MERCATO RETAIL DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA NICOLA LASORSA - ISMEA 12 settembre 2015 www.ismea.it www.ismeaservizi.it IL VALORE DEL MERCATO BIO AL CONSUMO IN ITALIA -2014 STIMA DEL MERCATO RETAIL

Dettagli

COMMERCIO AL DETTAGLIO

COMMERCIO AL DETTAGLIO 22 Luglio 2015 Maggio 2015 COMMERCIO AL DETTAGLIO A maggio 2015 l indice destagionalizzato del valore delle vendite al dettaglio (valore corrente che incorpora la dinamica sia delle quantità sia dei prezzi)

Dettagli

PROPOSTA FEDERDISTRIBUZIONE CONTRO IL CARO PREZZI

PROPOSTA FEDERDISTRIBUZIONE CONTRO IL CARO PREZZI PROPOSTA FEDERDISTRIBUZIONE CONTRO IL CARO PREZZI LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN ITALIA - I NUMERI - 22.000 punti vendita Centri Commerciali e Ipermercati, Supermercati, Libero servizio, Discount,

Dettagli

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013

Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato. Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Prodotti a marchio del distributore: sviluppo nel mercato e valore creato Guido Cristini Convegno Marca 2013 Bolognafiere, 16 gennaio 2013 Agenda 1 2 Il ruolo della marca commerciale nell economia italiana

Dettagli

CRESCERE FORTI INSIEME 2011

CRESCERE FORTI INSIEME 2011 CRESCERE FORTI INSIEME 2011 5 Buoni risultati e forte credibilità 7 IL GRUPPO Mestiere antico con radici nel futuro 10 I dati economici 11 La solidità del gruppo 13 LA RETE DI VENDITA Leader nei supermercati

Dettagli

L allineamento delle informazioni di prodotto. Massimo Bolchini Indicod-Ecr

L allineamento delle informazioni di prodotto. Massimo Bolchini Indicod-Ecr Catalogo Elettronico L allineamento delle informazioni di prodotto Massimo Bolchini Indicod-Ecr BolognaFiere, Marca 2012 Cos è la sincronizzazione dei dati? Ogni azienda ha almeno un database popolato

Dettagli

Università degli Studi di Milano. Analisi economica dell industria alimentare e della distribuzione

Università degli Studi di Milano. Analisi economica dell industria alimentare e della distribuzione Università degli Studi di Milano Analisi economica dell industria alimentare e della distribuzione Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche

La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche La matrice dei consumi - la spesa per consumi nelle principali merceologie per canali di vendita e grandi ripartizioni geografiche Da un confronto con la situazione fotografata quattro anni fa si evidenzia

Dettagli

tav. n 1 - CRITERI ESPOSITIVI DEL VINO NELLA GDO Totale citazioni

tav. n 1 - CRITERI ESPOSITIVI DEL VINO NELLA GDO Totale citazioni tav. n 1 - CRITERI ESPOSITIVI DEL VINO NELLA GDO Totale citazioni Q13 - Parliamo del modo in cui è o potrebbe essere organizzata la presenza dei vini nel Supermercato Ipermercato in cui Lei acquista più

Dettagli

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo

locali e nazionali della GDO per entrare in questo canale distributivo Le principali strategie di approccio che le Pmi possono sviluppare nei confronti della GDO Uno dei principali problemi delle piccole e medie imprese (Pmi) produttrici di beni di largo consumo (vale a dire,

Dettagli

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO

ACQUISTO D'IMPULSO ACQUISTO SUGGERITO. Glossario essenziale della GDO A ACQUISTO D'IMPULSO Acquisto da parte del consumatore non programmato; effettuato in seguito alla percezione di uno stimolo, senza che abbia tenuto conto di fattori di effettivo bisogno. ACQUISTO SUGGERITO

Dettagli

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza

Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza Fidelizzare il Cliente La nostra esperienza CONVEGNO SUL MICROMARKETING UNIVERSITA DI PARMA - 21 OTTOBRE 2011 Finiper: la storia 1974 Marco Brunelli apre il primo ipermercato italiano a Montebello della

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 3 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 3 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

CERMES 2014. CERMES Centro di Ricerche su Marketing e Servizi. La spending review dei consumatori italiani

CERMES 2014. CERMES Centro di Ricerche su Marketing e Servizi. La spending review dei consumatori italiani 2014 La spending review dei consumatori italiani 1 1 STRUTTURA CAMPIONE (1) Le slide successive presentano i risultati di una ricerca Cermes sulla fiducia dei consumatori e sull andamento dei prezzi ;

Dettagli

Crisi economica e prospettive dei consumi

Crisi economica e prospettive dei consumi Crisi economica e prospettive dei consumi Le difficoltà di una filiera estremamente importante Angelo Massaro Amministratore Delegato - Italia e Grecia 11 Dicembre, 2013 Il Largo Consumo Confezionato:

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

Il Mercato del Biologico

Il Mercato del Biologico Il Mercato del Biologico Tendenza del mercato biologico Mercato Bio globale Nel mondo gli acquisti di prodotti bio continuano a crescere con una media del 7-9% e hanno raggiunto un mercato di 19,5 miliardi

Dettagli

Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane

Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane Indagine trade sulla organizzazione e gestione del reparto pane PAN&CO ha commissionato all istituto di ricerca Metron un indagine di mercato su più comprendere e interpretare i bisogni, le dinamiche e

Dettagli

FRANCIA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA

FRANCIA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA FRANCIA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA 3 Indice : pagina Francia: il sistema economico.... 5 Commercio estero: le importazioni francesi e l interscambio con l Italia..... 9 Analisi della Grande Distribuzione

Dettagli

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA

IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA 2 BIO-RETAIL: INDAGINE ISMEA SUL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA - 2014 IL MERCATO AL CONSUMO DEI PRODOTTI BIOLOGICI DISTRIBUZIONE MODERNA AL 40% DI QUOTA IN ITALIA I n base alle stime

Dettagli

REPORT 2010 IL FRANCHISING IN ITALIA

REPORT 2010 IL FRANCHISING IN ITALIA REPORT 2010 IL FRANCHISING IN ITALIA Roma 29 settembre 2010 a cura di Danila Negrini - Ufficio Economico Confesercenti Nazionale dati indagine e mappe: BRD consultino-g&o 1. Premessa Vengono di seguito

Dettagli

LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA

LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA LA GRANDE DISTRIBUZIONE ORGANIZZATA IN PROVINCIA DI PADOVA Sintesi di una ricerca Anni 2005-2014 Liana Benedetti - Jacopo Messina Agosto 2015 Indice Premessa Analisi generale Ipermercati Grandi superfici

Dettagli

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter

LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE. Cristina Botter LE CARTE NELLA GRANDE DISTRIBUZIONE: IL PAGAMENTO QUALE ELEMENTO DI FIDELIZZAZIONE Cristina Botter CHI SIAMO Trade Business è testata leader del commercio moderno, letto dai protagonisti dell'industria

Dettagli

Il commercio al dettaglio, la cui funzione

Il commercio al dettaglio, la cui funzione Distribuzione Vendere al consumatore finale g Fabrizio Dallari - C-log, Centro di Ricerca sulla - Università Carlo Cattaneo Marco Melacini - Dipartimento di Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano

Dettagli

POLITICHE DISTRIBUTIVE

POLITICHE DISTRIBUTIVE POLITICHE DISTRIBUTIVE DISTRIBUZIONE INDICE 1. DEFINIZIONE E FUNZIONE 2. FLUSSI DELLA DISTRIBUZIONE 3. OPERATORI DELLA DISTRIBUZIONE 4. STRUTTURA DEI CANALI (diretto, indiretto) 5. TIPOLOGIE DISTRIBUTIVE

Dettagli

SCENARIO ECONOMICO DINAMICA DEI CONSUMI

SCENARIO ECONOMICO DINAMICA DEI CONSUMI CENARIO ECONOICO E DINAICA DEI CONUI IL CONTETO INTERNAZIONALE 2 EVOLUZIONE PIL IN EUROPA Variazioni % in termini reali UE (28 PAEI) 2014: 0,9% 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0-1,0-2,0-3,0-4,0-5,0-6,0 pagna:

Dettagli

Una lettura integrata delle indagini congiunturali sull industria e sui servizi

Una lettura integrata delle indagini congiunturali sull industria e sui servizi Una lettura integrata delle indagini congiunturali sull industria e sui servizi Il commercio al dettaglio: un indicatore di volume A. R. Giorgi, V. Ioannoni 25 giugno 2015 Argomenti trattati nella presentazione

Dettagli

C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294

C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294 C11968 - COOP CENTRO ITALIA/GRANDI MAGAZZINI SUPERCONTI-SUPERCONTI SUPERMERCATI TERNI- SUPERCONTI SERVICE Provvedimento n. 25294 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del

Dettagli

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità

La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità MCE 2012 La mobilità delle merci nell area metropolitana milanese: vincoli e opportunità Prof. Fabrizio Dallari Direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica Università Carlo Cattaneo - LIUC 1 Distribuzione

Dettagli

CARTELLA STAMPA (aggiornata al 28/02/08) Gruppo Megamark

CARTELLA STAMPA (aggiornata al 28/02/08) Gruppo Megamark CARTELLA STAMPA (aggiornata al 28/02/08) Gruppo Megamark INDICE 1. Il Gruppo Megamark 2. La storia 3. I numeri: punti vendita e fatturato 4. Le insegne distributive 5. Top management 6. L impegno nel sociale

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business

di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business di Tiziana C. Aquilani I brand delle insegne cercano e trovano nuove strade di business 46 L evoluzione della marca commerciale è guidata da una sempre più sofisticata diversificazione, realizzata in base

Dettagli

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta.

La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. La Supply Chain nel settore dell ortofrutta. Andrea Payaro Le regole della supply chain devono essere applicate anche al settore dell ortofrutta. Frammentazione degli operatori e dimensioni aziendali ridotte

Dettagli

DATI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA PROIEZIONI 2006

DATI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA PROIEZIONI 2006 DATI ASSOFRANCHISING ELABORATI DA QUADRANTE S.R.L. RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA PROIEZIONI 2006 Milano, 20 ottobre 2006 RAPPORTO SUL FRANCHISING IN ITALIA INTRODUZIONE 3 PREMESSA METODOLOGICA 3 TABELLA

Dettagli

Il ruolo degli imballaggi nella catena di distribuzione

Il ruolo degli imballaggi nella catena di distribuzione APAT Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi Tecnici ONR Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Il ruolo degli imballaggi nella catena di distribuzione Rapporti 20/2002 RUOLO DEGLI IMBALLAGGI

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

AREA COMMERCIO. I dati relativi al Commercio sono stati forniti dall Ufficio Commercio del Comune di Aosta e riguardano gli anni dal 2002 al 2011.

AREA COMMERCIO. I dati relativi al Commercio sono stati forniti dall Ufficio Commercio del Comune di Aosta e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. AREA COMMERCIO I dati relativi al Commercio sono stati forniti dall Ufficio Commercio del Comune di Aosta e riguardano gli anni dal 2002 al 2011. 1 Autorizzazioni commerciali rilasciate suddivise per genere.

Dettagli

Indice. Annual Report 2011. 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente Conad

Indice. Annual Report 2011. 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente Conad Annual Report 2011 Indice Annual Report 2011 5 Lettera ai soci di Mario Natale Mezzanotte, presidente 7 Introduzione di Francesco Pugliese, direttore generale 10 Identità 33 Scenario 33 L economia mondiale

Dettagli

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS

IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS IL MERCATO ALIMENTARE TEDESCO: CARATTERISTICHE ED OPPORTUNITÁ DI BUSINESS Alessandro Marino Segretario Generale Camera di Commercio Italo-Tedesca IMPORT TEDESCO ALIMENTARE Altri 33,3% Paesi Bassi 18,7%

Dettagli

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali *

Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Retailers, frontiere dell innovazione e vincoli normativi nazionali * Vincenzo Tassinari ** Abstract Un retailer moderno ed evoluto deve saper innovare ed arricchire il valore dell offerta nella propria

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna dicembre 2013 1 SOMMARIO 1 LA DESCRIZIONE DEL PANEL... 3 2 L INDAGINE SULLE VENDITE NEL PERIODO NATALIZIO... 6

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.4 ATTIVITÀ 52.25.0 ATTIVITÀ 52.27.4 SUPERMERCATI DISCOUNT DI ALIMENTARI

STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.4 ATTIVITÀ 52.25.0 ATTIVITÀ 52.27.4 SUPERMERCATI DISCOUNT DI ALIMENTARI STUDIO DI SETTORE UM01U ATTIVITÀ 52.11.2 SUPERMERCATI ATTIVITÀ 52.11.3 DISCOUNT DI ALIMENTARI ATTIVITÀ 52.11.4 MINIMERCATI ED ALTRI ESERCIZI NON SPECIALIZZATI DI ALIMENTI VARI ATTIVITÀ 52.25.0 COMMERCIO

Dettagli

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO Dichiarazione allegata alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività

ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO Dichiarazione allegata alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività ESERCIZI DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO Dichiarazione allegata alla Segnalazione Certificata di Inizio Attività Ai sensi del D.Lgs. 59/2010 (art. 65) e della L.R. n. 11/08 (art. 1, comma 17) IL

Dettagli

S.U.A.P. - CITTA DI PORTICI MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Domanda per l esercizio di commercio al dettaglio. Residenza: Comune C.A.P.

S.U.A.P. - CITTA DI PORTICI MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Domanda per l esercizio di commercio al dettaglio. Residenza: Comune C.A.P. S.U.A.P. - CITTA DI PORTICI MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA Domanda per l esercizio di commercio al dettaglio (D. Lgs. n.114/98, modificato ed integrato dal D. Lgs. n. 59/2010) Protocollo SUAP n. Del

Dettagli

Le promozioni fedeltà in Italia:

Le promozioni fedeltà in Italia: Il Futuro del Micromarketing Creare fedeltà attraverso la partnership VI edizione Le promozioni fedeltà in Italia: efficacia dei cataloghi e orientamenti strategici Cristina Ziliani e Chiara D Onofrio

Dettagli

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona

Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo. Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Logistica e grande distribuzione: come valutare l efficacia di un ritiro e di un richiamo Gianni Di Falco Università Cattolica di Cremona Quali particolarità per il Distributore? Il ciclo economico Produzione

Dettagli

Biblioteca di Economia aziendale

Biblioteca di Economia aziendale Approfondimenti Strumenti matematici utilizzabili in Economia aziendale Tabelle e grafici nello studio dei fenomeni aziendali Nello svolgimento della loro attività gli operatori economici necessitano di

Dettagli

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta

NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta NUMERI CHIAVE DELLA FILIERA BIOLOGICA dalla produzione al consumatore: il ruolo dell ortofrutta Silvia ZUCCONI Coordinatore Area Agroalimentare NOMISMA > SUPERFICI BIO SUPERFICI BIOLOGICHE (milioni di

Dettagli

Chi è Conad CO. = CONSORZIO NA. = NAZIONALE D. = DETTAGLIANTI. Conad è organizzata su 3 livelli: Gli IMPRENDITORI/SOCI. Le COOPERATIVE.

Chi è Conad CO. = CONSORZIO NA. = NAZIONALE D. = DETTAGLIANTI. Conad è organizzata su 3 livelli: Gli IMPRENDITORI/SOCI. Le COOPERATIVE. La Supply Chain dei freschi Conad: centralizzazione e nuove tecnologie per una distribuzione rapida, efficiente e sicura Andrea Mantelli Responsabile Supply Chain Conad Giovanni Barra Responsabile logistica

Dettagli

CARTELLA STAMPA (aggiornata al 31/12/06) Gruppo Megamark

CARTELLA STAMPA (aggiornata al 31/12/06) Gruppo Megamark CARTELLA STAMPA (aggiornata al 31/12/06) Gruppo Megamark INDICE 1. Il Gruppo Megamark 2. La storia 3. I numeri: punti vendita e fatturato 4. Le insegne distributive 5. Top management 6. L impegno nel sociale

Dettagli

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012

Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Corso di Marketing e Marketing Internazionale a.a. 2011-2012 Lezione 12 Il marketing mix: i canali distributivi Prof. Elena Cedrola elena.cedrola@unimc.it http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola

Dettagli

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi

SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA. Primi 9 mesi ICE - AGENZIA Agenzia per la promozione all estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane Ufficio di Parigi SCHEDA DI SETTORE BIANCHERIA PER LA CASA Primi VOCI DOGANALI : 6301 : Coperte 6302

Dettagli

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA

Allegato L 6 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OGGETTI D'ARTE, DI CULTO E DI DECORAZIONE, CHINCAGLIERIA E BIGIOTTERIA Settori del commercio (Sezione G), secondo la classificazione delle attività ATECO 2002, ammessi alle agevolazioni ai sensi della normativa comunitaria. G 50 10 G 50 30 G 50 50 G 51 12 0 COMMERCIO DI AUTOVEICOLI

Dettagli

Reclami dei Consumatori e Ritiri dei Prodotti: Casi Pratici e Ruolo della GDO

Reclami dei Consumatori e Ritiri dei Prodotti: Casi Pratici e Ruolo della GDO Reclami dei Consumatori e Ritiri dei Prodotti: Casi Pratici e Ruolo della GDO Cremona 17 aprile 2009 Salvatore Ranchetti Direttore Assicurazione Qualità Esselunga S.p.A. 02 92 36 79 05 salvatore.ranchetti@esselunga.it

Dettagli

INFORMAZIONI SINTETICHE RAPPORTO ANNUALE MARCA MATERIALE UTILIZZABILE SOLO PER ARTICOLI PUBBLICATI A SUPPORTO DELLA MANIFESTAZIONE

INFORMAZIONI SINTETICHE RAPPORTO ANNUALE MARCA MATERIALE UTILIZZABILE SOLO PER ARTICOLI PUBBLICATI A SUPPORTO DELLA MANIFESTAZIONE INFORMAZIONI SINTETICHE RAPPORTO ANNUALE MARCA MATERIALE UTILIZZABILE SOLO PER ARTICOLI PUBBLICATI A SUPPORTO DELLA MANIFESTAZIONE Adem Lab Università di Parma 2 Presentazione I principali risultati del

Dettagli

Il commercio dei prodotti di filiera corta: situazione e. distribuzione organizzata. Gianni Di Falco Uniamo le Energie Torino 7 Ottobre 2009

Il commercio dei prodotti di filiera corta: situazione e. distribuzione organizzata. Gianni Di Falco Uniamo le Energie Torino 7 Ottobre 2009 Il commercio dei prodotti di filiera corta: situazione e opportunità nelle reti di distribuzione organizzata Gianni Di Falco Uniamo le Energie Torino 7 Ottobre 2009 Il ciclo economico Produzione Distribuzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM08U ATTIVITÀ 47.64.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI ATTIVITÀ 47.65.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI GIOCHI E

STUDIO DI SETTORE UM08U ATTIVITÀ 47.64.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI ATTIVITÀ 47.65.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI GIOCHI E STUDIO DI SETTORE UM08U ATTIVITÀ 47.64.10 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI ARTICOLI SPORTIVI, BICICLETTE E ARTICOLI PER IL TEMPO LIBERO ATTIVITÀ 47.65.00 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI GIOCHI E GIOCATTOLI (INCLUSI

Dettagli