Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nuovo bilancio consolidato IFRS"

Transcript

1 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni in società collegate e joint venture) CLAUDIA MEZZABOTTA 13 maggio 2014 Sede ODCEC - Milano, corso Europa 11

2 Le recenti evoluzioni normative in tema di consolidato (1) Nel maggio del 2011 lo Iasb ha pubblicato 3 nuovi principi: IFRS 10 Consolidated Financial Statements IFRS 11 Joint Arrangements IFRS 12 Disclosure of Interests with Other Entities Convergenza tra IFRS e US GAAP (Memorandum of Understanding), che prevedeva anche un aggiornamento dei principi IFRS sui processi di consolidamento. Necessità di disporre di una nozione di controllo (e di inclusione nell area di consolidamento) più robusta, per eliminare dubbi interpretativi e incoerenze esistenti tra il precedente IAS 27 (concetto di capacità di esercitare il controllo ) e il precedente SIC 12 (trasferimento rischi e benefici ). Necessità di rendere coerente anche il trattamento dei casi di controllo congiunto, precedentemente trattati in IAS 31 2

3 Le recenti evoluzioni normative in tema di consolidato (2) Giugno 2012: pubblicato amendment all IFRS 10, all IFRS 11 e all IFRS 12 in cui si forniscono le guide applicative relative alla predisposizione dei dati comparativi Ottobre 2012: pubblicato amendment all IFRS 10, all IFRS 12 e allo IAS 27 relativo alle «Investment entities». I principi sono stati omologati dall Unione Europea tramite il Reg dell 11 dicembre Il Regolamento stabilisce che l IFRS 10, l IFRS 11 e l IFRS 12 entrano in vigore al più tardi per gli esercizi iniziati dal 1 gennaio 2014 (applicazione secondo lo IASB già dal 1 gennaio 2013). 3

4 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La nuova informativa secondo IFRS 12

5 Principali novità di IFRS 12 (1) IFRS 12 impone di fornire le seguenti informazioni supplementari per le società controllate: - informativa finanziaria sintetica sulle principali controllate - percentuale dei diritti di voto detenuti dalle minoranze quando diversa dalla percentuale di proprietà - restrizioni sulla possibilità di accesso della controllante ad attività e passività della controllata - natura ed estensione dei diritti protettivi delle minoranze che limitano la capacità di accesso o all utilizzo delle attività e di estinzione delle attività - natura e rischi legati alla partecipazione nelle società controllate 5

6 Principali novità di IFRS 12 (2) IFRS 12 impone di fornire le seguenti informazioni supplementari per le joint venture e le società collegate: - dati sintetici finanziari delle joint venture e collegate significative - percentuale di diritti di voto detenuti, diverse dai diritti di proprietà - restrizioni sulla capacità delle JV/collegate di trasferire risorse finanziarie all entità che redige il bilancio in forma di dividendi o rimborso di prestiti - natura e rischi del coinvolgimento dell'impresa con le joint venture o collegate 6

7 Principali novità di IFRS 12 (3) IFRS 12 impone di fornire le seguenti informazioni supplementari per le partecipazioni azionarie in entità non consolidate: - informazioni qualitative e quantitative relative alle interessenze detenute - attività e passività iscritte relative al coinvolgimento in tali entità - esposizione massima, modo con cui essa è calcolata e confronto con le attività e le passività iscritte - qualsiasi sostegno finanziario eventualmente fornito all entità non consolidata 7

8 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le modifiche allo IAS 27, «Bilancio separato» Esclusione dal consolidamento delle «Investment Entities» (con IFRS 10)

9 Investment Entities: Amendments to IFRS 10, IFRS 12 and IAS 27 : riferimenti normativi Il documento Investment Entities: Amendments to IFRS 10, IFRS 12 and IAS 27 è stato pubblicato il 31 ottobre 2012 L obiettivo degli emendamenti è quello di modificare i principi contabili rilevanti con un esenzione obbligatoria sulla predisposizione del bilancio consolidato per soggetti definibili come mere entità di investimento : Il nuovo documento è applicabile dall esercizio 2014, secondo quanto stabilito dallo IASB, ma ne è ammessa l applicazione anticipata Endorsement a livello europeo: 20 novembre 2013 (applicazione dal 2014) 9

10 Definizione di entità di investimento Essa è caratterizzata da tutti gli elementi seguenti: ottiene risorse da uno o più investitori allo scopo di fornire a questi dei servizi di gestione degli investimenti; si impegna verso gli investitori garantendo che il suo scopo è quello di investire risorse solo al fine di ricavarne profitti in termini di capital gain, di redditività degli investimenti stessi o per entrambe le finalità; e misura e valuta la performance sostanzialmente di tutti i suoi investimenti sulla base del fair value 10

11 Da notare che Un entità il cui scopo è quello di sviluppare, produrre o commercializzare prodotti/servizi in modo congiunto con le proprie partecipate non è un entità di investimento (p.e un joint-venturer non è un entità di investimento) L erogazione di servizi correlati all attività di investimento, direttamente o tramite una controllata, non è incompatibile con la natura di «entità di investimento» 11

12 La presenza di «strategie di uscita» Piani di investimento dell entità di investimento, come prova della sua attività tipica di entità di investimento Strategie di uscita previste da tali piani: - investimento in capitale di rischio limitato nel tempo - detenzione non indefinita di strumenti di debito - strategie di uscita per casi di default non sufficienti Non necessarie se l entità controllata è essa stessa entità di investimento, purché questa sia dotata di tali strategie 12

13 Il profitto degli investimenti Se la controllante dell entità di investimento detiene altre imprese che hanno interessi differenti da quelli di mero investimento nelle partecipate dell entità in esame, questa non può essere considerata entità di investimento Benefici tipicamente non di mero investimento: - acquisizione, uso, scambio o sfruttamento di processi, attività o tecnologie della partecipata - contratti a controllo congiunto (p.e. JV) - garanzie finanziarie a favore di altra controllata del gruppo - opzione detenuta da parte correlata dell entità in esame per acquistare da tale entità o da altra entità del gruppo una partecipazione in una partecipata dell entità stessa - effettuazione di operazioni tra l entità in esame o un altra entità del gruppo con una partecipata dell entità in esame stessa, con determinate caratteristiche 13

14 Operazioni tra l entità in esame o altre entità del gruppo e imprese partecipate Si tratta di operazioni che: - i cui termini e condizioni non sono disponibili a entità esterne al gruppo - non sono eseguite al fair value - costituiscono una frazione sostanziale delle attività operative della partecipata o dell entità in esame o anche di altra entità del gruppo La mera esistenza di tali operazioni, di per sé, non esclude comunque, a priori, la natura di entità di investimento (p.e. se questa intende specializzarsi in un particolare settore industriale) 14

15 Il fair value per valutare gli investimenti E usato dall entità di investimento perché ritenuto più significativo di altri metodi per valutare la performance degli investimenti nell ottica della stessa entità È il valore considerato dai manager interni per prendere decisioni Se si tratta di investimenti immobiliari ex IAS 40, l entità che li detiene usa il FVTPL per la valutazione dei relativi immobili I beni non detenuti a scopo di investimento non devono essere valutati al FVTPL 15

16 Caratteristiche tipiche delle «Investment Entities» Una investment entity normalmente ha le seguenti caratteristiche tipiche: Detiene più di un investimento; Ha più di un investitore; Ha investitori che non sono parti correlate ; e Detiene partecipazioni sotto forma di strumenti di capitale N.B. L assenza di una o più delle caratteristiche tipiche sopra elencate non impedisce a un impresa di essere qualificata come investment entity 16 16

17 Eccezioni che confermano la regola! Entità di investimento in fase di start-up o che non ha ancora sostituito precedenti investimenti dismessi Entità di investimento che mette insieme risorse di più investitori per effettuare un investimento in un unico asset quando esso non è normalmente accessibile al singolo investitore (p.e. ci sono limiti minimi di investimento molto elevati) Entità di investimento in liquidazione 17

18 Se esiste un singolo investitore Potrebbe trattarsi di un investitore istituzionale che rappresenta gli interessi di una pluralità di investitori Esiste un solo investitore, ma temporaneamente: - L entità di investimento si trova in una fase iniziale di offerta o in liquidazione - L entità di investimento non ha ancora sostituito investitori usciti 18

19 Investitori che sono anche parti correlate Di norma, la presenza di investitori che sono anche parti correlate fa temere che l interesse non sia di mero investimento Esistono casi in cui gli investitori sono parti correlate, ma si tratta comunque di un entità di investimento (p.e. fondo a favore dei dirigenti dell entità o del gruppo cui essa appartiene) 19

20 Investitori sempre azionisti? Di solito le entità di investimento sono società di capitali e gli investitori sono azionisti o detentori di quote Può accadere, in talune giurisdizioni, che gli investitori abbiano diritti relativi solo a una parte delle attività detenute dall entità di investimento o che comunque esistano differenti classi di investitori: ciò non preclude, a priori, che si tratti comunque di una entità di investimento 20

21 Esenzione dall obbligo del consolidato La entità di investimento che corrisponde alla definizione sopra citata non deve predisporre il bilancio consolidato, ma contabilizzare le proprie partecipazioni in imprese controllate e in altre imprese come strumenti al FVTPL Se l impresa controllante di una entità di investimento esentata dalla predisposizione del bilancio consolidato non è una entità di investimento, essa deve consolidare con metodo integrale tutte le imprese controllate, anche se queste non sono consolidate dalla controllante di secondo livello Se la entità di investimento detiene alcune partecipazioni di controllo che forniscono servizi alla controllante, in relazione alle sue attività di investimento, tali controllate devono essere consolidate con metodo integrale 21

22 Requisiti di informativa per le entità di investimento L entità di investimento deve indicare nelle note: Le ipotesi e gli elementi di discrezionalità utilizzati nel determinare il fatto che essa rispetti comunque la definizione di entità di investimento ; Le ragioni che permettono di concludere che la capogruppo è un entità di investimento anche quando non ha tutte le caratteristiche tipiche già citate; Le informazioni su ciascuna controllata non consolidata (denominazione, paese in cui ha sede legale, percentuale di partecipazione detenuta); Limitazioni, se esistenti, concernenti il trasferimento di risorse finanziarie dalle controllate non consolidate alla controllante; Supporto finanziario o di altro tipo fornito alle controllate non consolidate durante l esercizio, nei casi in cui la controllante non fosse obbligata a farlo in virtù di un contratto/accordo; e Informazioni su eventuali entità strutturate controllate (p.e. accordi contrattuali per la fornitura di supporto finanziario o di altro tipo) 22

23 Cambiamenti nella natura dell impresa controllante (1) Entità di investimento che diventa impresa controllante ordinaria: - il bilancio consolidato deve essere predisposto in ottica prospettica; - il FV delle controllate diventa il loro deemed cost nel bilancio separato, in caso di adozione del metodo del costo; - il FV delle controllate è ancora utilizzato nel bilancio separato, nel caso in cui si adotti il metodo alternativo ex IFRS 9/IAS 39, ma si deve utilizzare una riserva patrimoniale, con ottica prospettica (strumenti finanziari attivi AFS non valutabili al FVTPL) 23

24 Cambiamenti nella natura dell impresa controllante (2) Impresa controllante ordinaria che diventa entità di investimento: - la preparazione del bilancio consolidato cessa in ottica prospettica; - la differenza tra il VNC delle partecipate alla data del cambiamento di status e il loro FV deve essere contabilizzata a CE quando avviene il cambiamento di status; - qualunque riserva patrimoniale presente nel bilancio separato, nel caso in cui tali partecipazioni siano valutate come strumenti finanziari attivi AFS, deve essere riclassificata tra le riserve di utili nell esercizio in cui avviene il cambiamento di status. 24

25 Norme transitorie per il bilancio separato dell entità di investimento Nel caso in cui l investitore abbia valutato le partecipazioni in controllate al costo, l applicazione del metodo del FVTPL dovrebbe avvenire in chiave retrospettiva: il bilancio dell esercizio immediatamente precedente deve essere modificato e, se necessario, il saldo di apertura di tale bilancio deve essere modificato al fine di includere le differenze tra il costo e il FV relative agli esercizi precedenti. Nel caso in cui l investitore abbia valutato le partecipazioni in controllate al FV come strumenti finanziari attivi AFS, dovrebbe continuare a farlo, utilizzando tuttavia il metodo FVTPL ; la riserva patrimoniale precedentemente accumulata dovrebbe essere riclassificata tra le riserve di utili, alla data di apertura del bilancio dell esercizio immediatamente precedente quello in cui avviene la transizione Non devono essere effettuati interventi o correzioni per gli effetti contabili della valutazione al FVTPL nel caso di controllate che sono state alienate prima dell applicazione delle nuove regole al bilancio separato. 25

26 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le modifiche allo IAS 27, «Bilancio separato» Valutazione delle partecipazioni azionarie

27 Contabilizzazione delle partecipazioni in società controllate L entità controllante, nel proprio bilancio consolidato, deve procedere al consolidamento integrale dei valori economico-finanziari delle entità controllate che rientrano nell area di consolidamento, indipendentemente dalla presenza di azionisti di minoranza. La quota di patrimonio netto consolidato non di pertinenza del gruppo sarà esposta, in una voce separata di PN, come interessi di minoranza. La quota di risultato economico consolidato non di pertinenza del gruppo sarà indicata, in una voce separata del conto economico consolidato, come risultato di pertinenza degli interessi di minoranza. 27

28 Contabilizzazione delle partecipazioni in società controllate L entità controllante, nel proprio bilancio consolidato, nel caso in cui le partecipazioni in società controllate non rientrino nell area di consolidamento, deve procedere alla loro contabilizzazione in base alle regole dello IAS 39 (fair value, con variazioni da registrare in apposita riserva patrimoniale). Se il fair value non fosse facilmente o ragionevolmente determinabile (p.e. in assenza di mercato attivo o se esistono obiettive difficoltà o eccessivi costi per l utilizzo di metodi di valutazione alternativi alle quotazioni di mercato), la controllante contabilizzerà la partecipazione al costo storico (soggetto a normale impairment test ex IAS 39). Nel caso in cui una partecipazione cessi di essere di controllo e diventi di collegamento, cessa l inclusione nell area di consolidamento e l entità che redige il consolidato procederà alla sua contabilizzazione in base alle regole dello IAS 28 REV. Se l entità cessa di essere controllata e diviene a controllo congiunto, si applica lo IAS 28 REV. Se la partecipazione di controllo è destinata alla vendita, continua ad essere consolidata, ma si applicano le regole di contabilizzazione e valutazione previste dall IFRS 5 nel bilancio consolidato. 28

29 Contabilizzazione delle partecipazioni in società controllate L entità controllante, nel proprio bilancio separato, può contabilizzare il valore delle partecipazioni in entità controllate alternativamente: al costo storico (soggetto a normale impairment test per perdite di valore IAS 39) al fair value, con contabilizzazione delle variazioni in apposita riserva di patrimonio netto (IAS 39) Se le partecipazioni sono attività non correnti destinate alla dismissione esse devono essere valutate al minore tra valore contabile e fair value al netto dei costi di dismissione e classificate in un rigo separato dello SP (IFRS 5). Se le partecipazioni, nel bilancio consolidato, sono valutate in base allo IAS 39, p.e. perché soggette a restrizioni, lo stesso metodo deve essere adottato nel bilancio separato. 29

30 Contabilizzazione delle partecipazioni in società collegate L entità capogruppo, nel proprio bilancio consolidato, deve contabilizzare il valore delle partecipazioni in entità collegate sulla base del metodo del patrimonio netto (equity method), operando pertanto la rettifica del valore della partecipazione come se si effettuasse un consolidamento sintetico. Le variazioni del valore della partecipazione in base all equity method devono essere contabilizzate in apposita riserva, nel patrimonio netto della partecipante. Se valgono le esenzioni alla presentazione del bilancio consolidato, le partecipazioni in entità collegate si valutano, nel bilancio della capogruppo, come strumenti finanziari held for trading, al fair value con variazioni a conto economico. Se il fair value non fosse facilmente o attendibilmente determinabile, si utilizza il costo storico (soggetto a normale impairment test ex IAS 39). Se le partecipazioni in entità collegate sono attività non correnti destinate alla dismissione esse devono essere valutate al minore tra valore contabile e fair value al netto dei costi di dismissione e classificate in un rigo separato dello SP (IFRS 5). 30

31 Contabilizzazione delle partecipazioni in società collegate L entità controllante, nel proprio bilancio separato, può contabilizzare il valore delle partecipazioni in entità collegate in modo analogo alle entità controllate e cioè, alternativamente: al costo storico (soggetto a normale impairment test per perdite di valore IAS 39) al fair value, con contabilizzazione delle variazioni in apposita riserva di patrimonio netto (IAS 39) Se le partecipazioni sono attività non correnti destinate alla dismissione esse devono essere valutate al minore tra valore contabile e fair value al netto dei costi di dismissione e classificate in un rigo separato dello SP (IFRS 5). 31

32 Contabilizzazione delle entità a controllo congiunto (joint venture) Bilancio consolidato del joint venturer: valutazione in base al metodo del patrimonio netto (equity method). Non è più ammesso il metodo del consolidamento proporzionale, ammesso dal vecchio principio IAS 31, ora abolito. Se la partecipazione in joint venture è destinata alla vendita, continua ad essere inserita nel bilancio consolidato, ma si applicano le regole di contabilizzazione e valutazione previste dall IFRS 5. Non si può applicare il metodo del patrimonio netto. 32

33 Contabilizzazione delle entità a controllo congiunto (joint venture) Bilancio separato del joint venturer Si procede alternativamente: a) alla contabilizzazione al costo storico, assoggettato a normale impairment test ex IAS 39; b) alla valutazione al fair value con le regole dello IAS 39, con variazioni contabilizzate in apposita riserva di patrimonio netto. Se le partecipazioni in joint venture sono attività non correnti destinate alla dismissione esse devono essere valutate al minore tra valore contabile e fair value al netto dei costi di dismissione e classificate in un rigo separato dello SP (IFRS 5). 33

34 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le modifiche allo IAS 28, «Valutazione delle partecipazioni in società collegate e in joint venture» Il metodo del patrimonio netto per collegate e JV

35 Interazioni tra IFRS 10, IFRS 11, IFRS 12 e IAS 28R Fonte: IASB 35

36 IAS 28 Prima di IFRS 11 Controllo congiunto delle politiche finanziarie e strategiche Scelta di principi contabili Consolidamento proporzionale (IAS 31) Influenza significativa Metodo del patrimonio netto (equity method) - IAS 28 36

37 IAS 28 Dopo IFRS 11 Contratto di controllo congiunto Influenza significativa Analisi di diritti e obbligazioni Operazioni a controllo congiunto Diritto ad attività prese individualmente Obbligazionifinanziarieo di sostenimento costi No scelta di principi contabili! Joint venture Diritto a una quota dell attivo netto No diritti od obbligazioni specifici su attività o passività IFRS 11 Metodoanalogoal consolidamento proporzionale IAS 28 Metododel patrimonionetto(equity method) 37

38 Alcune domande GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE! 38

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

III modulo. Il gruppo IAS 27 IAS 28 IAS 31

III modulo. Il gruppo IAS 27 IAS 28 IAS 31 III modulo Il gruppo IAS 27 IAS 28 IAS 31 Sommario Analisi dei seguenti principi contabili internazionali -IAS 27 - Consolidated and separate financial statements -IAS 28 - Investments in associates -IAS

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 8 IFRS 5: Attività non correnti possedute per la vendita e attività operative cessate Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it

Dettagli

BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo.

BILANCIO. Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. CONTABILITà Guida alla Ifrs 10 «consolidated financial statements» Emanazione del nuovo principio contabile internazionale sul bilancio consolidato. Novità e presupposti di controllo. di Andrea Ferrari

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Novità in tema di principi contabili internazionali IAS/IFRS In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione 1.1 Contesto generale 1.2 Sviluppo di un principio internazionale 1.2.1 Lo IAS 22 e relative Interpretazioni SIC 1.2.2 Il progetto dello IASB 1.2.3 L IFRS 3 A Motivazioni del progetto

Dettagli

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP)

LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) GRUPPO INTERBANCARIO PUMA2 LE SEGNALAZIONI STATISTICHE DI VIGILANZA CONSOLIDATE ARMONIZZATE (FINREP) Roma, marzo 2015 BANCA D ITALIA Servizio Rilevazioni Statistiche 2 INDICE PREMESSA... 5 1. LE NUOVE

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS

PRIMA APPLICAZIONE DEGLI IFRS PRIMA APPLICAZIONE DEGLI PRIMA APPLICAZIONE DEGLI Nella presente nota vengono riportate le informazioni richieste dall 1 e, in particolare, la descrizione degli impatti che la transizione agli ha determinato

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011

Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011 Università degli studi di Perugia Operazioni su partecipazioni in società controllate nella prospettiva del bilancio consolidato IAS/IFRS Marco Ghitti Perugia, 5 dicembre 2011 1 Indice 1) Operazioni su

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DELLA DOTTRINA AZIENDALE

IL PUNTO DI VISTA DELLA DOTTRINA AZIENDALE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO AGGREGAZIONI AZIENDALI SOTTO COMUNE CONTROLLO: TEORIA E PRASSI IL PUNTO DI VISTA DELLA DOTTRINA AZIENDALE PROF. ANDREA AMADUZZI Università degli Studi di

Dettagli

ALLEGATO. Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1

ALLEGATO. Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1 IT ALLEGATO Ciclo annuale di miglioramenti agli IFRS 2011 2013 1 1 Riproduzione consentita nell ambito dello Spazio economico europeo (SEE). Tutti i diritti riservati al di fuori del SEE, ad eccezione

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

Bilancio consolidato

Bilancio consolidato 2013 Innovazione MERCATO Crescita Investimenti LAVORO 4 FILIERE Bilancio consolidato www.a2a.eu Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Situazione patrimoniale-finanziaria 6 Conto economico 7 Conto

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa

IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa IAS 32 Strumenti finanziari: esposizione nel bilancio d esercizio e informazione integrativa SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE 1 FINALITA' LIABILITY

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Lezione 3 IAS 16: Immobili, impianti e macchinari Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2012 2013 4 marzo

Dettagli

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari

Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari Università degli Studi di Trieste Ragioneria Generale ed Applicata (corso magistrale) Modulo di Ragioneria Internazionale Rappresentazione e valutazione degli strumenti finanziari di 1 Principi IFRS rilevanti

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Prof. Riccardo Acernese. Roma, marzo/maggio 2015

Prof. Riccardo Acernese. Roma, marzo/maggio 2015 IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IFRS 3 - OIC 4/17 & IFRS 10/IAS 27 - OIC 17/20: Aggregazioni aziendali & Bilancio consolidato e separato Roma, marzo/maggio 2015 IFRS 10 - IAS 27

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 12 IAS 21: Effetti delle variazioni cambi delle valute estere: Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno

Dettagli

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS

ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS CAMFIN s.p.a. COMUNICATO STAMPA RIUNITO IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI CAMFIN SPA ESAMINATI GLI EFFETTI SUL BILANCIO 2004 DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS APPROVATA LA RELAZIONE

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

IAS 21 Foreign currency

IAS 21 Foreign currency IAS 21 Foreign currency Definizioni La valuta funzionale è la valuta dell ambiente economico prevalente in cui l entità opera. La moneta di presentazione è la valuta in cui il bilancio viene presentato.

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

CHIUSO AL 31.12.2013

CHIUSO AL 31.12.2013 2013 BILANCIO DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 71 FORMA E STRUTTURA INFORMAZIONI GENERALI Il bilancio di ACEA S.p.A. per l esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 è stato approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

Corso di Principi contabili internazionali. Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci

Corso di Principi contabili internazionali. Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci Corso di Principi contabili internazionali Prof. Luigi Rinaldi Prof. Stefano Santucci Programma del corso a.a. 2015 2016 Parte prima I principi contabili internazionali e il loro recepimento nella legislazione

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Pag. 1 1 INDICE Premessa... 3 PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS1)... 4 RICONCILIAZIONI RICHIESTE DALL IFRS 1...

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005)

(G.U.U.E n. L 282 del 26 ottobre 2005) REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta taluni principi contabili internazionali conformemente al

Dettagli

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE

IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE IL BILANCIO CONSOLIDATO DELL ENTE LOCALE Ambito di applicazione 1. La redazione del bilancio consolidato non rappresenta un obbligo di legge ma costituisce comunque un elemento necessario ai fini di una

Dettagli

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico

Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico Coperture di rischio di cambio: un esempio pratico di Claudia Mezzabotta (*) Le regole stabilite dallo IAS 39, Financial Instruments: Recognition and Measurement, in tema di hedge accounting concernono

Dettagli

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORITÀ ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI PRIVATE E DI INTERESSE COLLETTIVO PROVVEDIMENTO 8 marzo 2010. ModiÞ che ed integrazioni al Regolamento n. 7 del 13 luglio

Dettagli

Note esplicative. Pirelli & C. S.p.A. è una società con personalità giuridica organizzata secondo l ordinamento della Repubblica Italiana.

Note esplicative. Pirelli & C. S.p.A. è una società con personalità giuridica organizzata secondo l ordinamento della Repubblica Italiana. parte straordinaria bilancio capogruppo BILANCIO consolidato BILANCIO di sostenibilità RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI NOTIZIE PRELIMINARI Note esplicative 1. Informazioni generali Pirelli & C. S.p.A. è

Dettagli

Criticità e vantaggi dall adozione degli IFRS in Italia da parte delle medie imprese

Criticità e vantaggi dall adozione degli IFRS in Italia da parte delle medie imprese Criticità e vantaggi dall adozione degli IFRS in Italia da parte delle medie imprese Ostacoli giuridici e culturali all introduzione degli IAS IFRS in Italia!" #$ % &#'&(&( &&)" % # )* &$& + & &'$&& Primo

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

La struttura del bilancio negli IAS IFRS: cenni. Principi contabili e informativa finanziaria a.a. 2010-2011

La struttura del bilancio negli IAS IFRS: cenni. Principi contabili e informativa finanziaria a.a. 2010-2011 La struttura del bilancio negli IAS IFRS: cenni Principi contabili e informativa finanziaria a.a. 2010-2011 1 IAS 1 (versione rivista il 6 settembre 2007 omologato con Reg. 1274/08) Si applica per la presentazione

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali

Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali PERCORSO Dal bilancio italiano al bilancio IFRS: applicazioni pratiche dei principi contabili internazionali Brescia, dal 12 al 27 maggio 2009 Programma I Modulo Dal bilancio italiano al bilancio IFRS

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 1 - 0 - SOMMARIO BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2014 Stato patrimoniale consolidato pag. 2 Conto economico consolidato pag. 4 Prospetto della redditività consolidata

Dettagli

Area di consolidamento

Area di consolidamento Area di consolidamento (con applicazioni del concetto di controllo definito dagli Ias/Ifrs) 1 Imprese obbligate a redigere il bilancio consolidato D. Lgs. 127/91 (art. 25) Ias 27 Società di capitali che

Dettagli

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n.

Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. ALLEGATO A Istruzioni per la compilazione dei prospetti secondo i principi contabili internazionali (Allegato 1 al Regolamento ISVAP n. 7/2007) 1 Il presente documento fornisce le istruzioni per la compilazione

Dettagli

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio

Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Il bilancio bancario: la normativa di riferimento e gli schemi di bilancio Agenda Normativa di riferimento Disposizioni generali Schemi di bilancio individuale Stato patrimoniale Attivo Stato patrimoniale

Dettagli

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende

Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Corso di Economia Aziendale II e Analisi Economico Finanziaria delle Aziende Dott. Amedeo Pugliese 12-13 Aprile 2010 Attività Finanziarie Amedeo Pugliese EA II + AEF Le Attività Finanziarie possono trovare

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

L allegato al regolamento (CE) n. 1725/2003 è modificato come segue:

L allegato al regolamento (CE) n. 1725/2003 è modificato come segue: 26.10.2005 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 282/3 REGOLAMENTO (CE) N. 1751/2005 DELLA COMMISSIONE del 25 ottobre 2005 che modifica il regolamento (CE) n. 1725/2003 della Commissione che adotta

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO

PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO Allegato A/4 Allegato n. 4/4 al D.Lgs 118/2011 PRINCIPIO CONTABILE APPLICATO CONCERNENTE IL BILANCIO CONSOLIDATO 1. Definizione e funzione del bilancio consolidato del gruppo amministrazione pubblica Il

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende

Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende Principi Contabili Internazionali Laurea Magistrale in Consulenza Professionale per le Aziende STRUMENTI FINANZIARI VALUTAZIONE, CONTABILIZZAZIONE e DISCLOSURE: IAS 32, IAS 39, IFRS 7 IAS 32 Strumenti

Dettagli

Gruppo Fiat Bilancio consolidato

Gruppo Fiat Bilancio consolidato Gruppo Fiat Bilancio 130 Conto economico 131 Conto economico complessivo 132 Situazione patrimoniale-finanziaria consolidata 134 Rendiconto finanziario 135 Variazioni del Patrimonio netto 136 Conto economico

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012

SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 SOGEFI S.p.A. BILANCIO D'ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2012 299 SITUAZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA (in Euro) ATTIVO Note 31.12.2012 31.12.2011 ATTIVO CORRENTE Disponibilità liquide e mezzi equivalenti 4

Dettagli

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS

IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS , 26 Febbraio 2009 IAS 36 - IMPAIRMENT OF ASSETS RIDUZIONE DI VALORE DELLE ATTIVITÀ Paolo Pietro Biancone , 26 Febbraio 2009 AGENDA Finalità e ambito di applicazione Principali definizioni Identificazione

Dettagli

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39

IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Focus sulle principali recenti evoluzioni nel corpo dei principi contabili nazionali ed internazionali IFRS IFRS 9 - processo di sostituzione dello IAS 39 Francesco Chiulli 2 dicembre 2009 Indice Progetto

Dettagli

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012

I potenziali impatti del nuovo IFRS 9 sul trading book. Roma, 4 dicembre 2012 sul trading book Roma, 4 dicembre 2012 AGENDA I PROGETTI DI REVISIONE DELLO IAS 39 CLASSIFICAZIONE E MISURAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI NEL NUOVO IFRS9 LA REVISIONE DEL PERIMETRO DEL TRADING BOOK IN

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

Bilancio consolidato Anno 2008. Indice. 0.1 Prospetti contabili consolidati. 8 Rendiconto finanziario

Bilancio consolidato Anno 2008. Indice. 0.1 Prospetti contabili consolidati. 8 Rendiconto finanziario BILANCIO CONSOLIDATO 2008 Indice 0.1 Prospetti contabili consolidati 4 Stato patrimoniale 6 Conto economico 8 Rendiconto finanziario 10 Prospetto delle variazioni dei conti di patrimonio netto di Gruppo

Dettagli

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7

2.4 Attività finanziarie - IAS 32 e 39 IFRS 7 59 Hotel di Roma (via Pio IV) in considerazione della sua particolare natura e destinazione. Nel caso in cui si sia stimato che il valore recuperabile dell immobile sia superiore al valore contabile, l

Dettagli

Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali

Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali Il bilancio consolidato nei gruppi aziendali Definizione di bilancio consolidato Principio Contabile OIC 17 Il Bilancio Consolidato è un bilancio redatto dalla Capogruppo che espone la situazione patrimoniale

Dettagli

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ

STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ STATO PATRIMONIALE - ATTIVITÀ 1 ATTIVITÀ IMMATERIALI 1.1 Avviamento 1.2 Altre attività immateriali 2 ATTIVITÀ MATERIALI 2.1 Immobili 2.2 Altre attività materiali 3 RISERVE TECNICHE A CARICO DEI RIASSICURATORI

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations

Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Valutazioni su Intangibles e Business Combinations Concetta Viglianti Torino, 22 ottobre 2008 1 Business Combination (Ifrs 3):definizione Business Combination (Ifrs 3):definizione Unione di entità o attività

Dettagli

Economia e Bilancio dei Gruppi

Economia e Bilancio dei Gruppi Economia e Bilancio dei Gruppi Cap. 4 Bilancio consolidato ed Informativa di settore Anno Accademico 2012-2013 marco.vulpiani@ec.univaq.it 1 Bilancio consolidato e informativa di settore 1. Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 69/2009 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 69/2009 DELLA COMMISSIONE L 21/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 24.1.2009 REGOLAMENTO (CE) N. 69/2009 DELLA COMMISSIONE del 23 gennaio 2009 che modifica il regolamento (CE) n. 1126/2008 della Commissione che adotta taluni

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS

Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS Prima adozione degli IAS/IFRS Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali IAS/IFRS in sede di prima

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano APB Milano, 20 novembre 2003 L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano Carlo Calandrini Banca d Italia 1 Indice l l l l l Il quadro normativo Le principali novità

Dettagli

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it

Piacenza, 20 marzo 2003. Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it Piacenza, 20 marzo 2003 Prof. Marco Allegrini allegrin@ec.unipi.it I domini dell armonizzazione Armonizzazione de jure Armonizzazione de facto Norme e principi contabili Armonizzazione Bilanci effettivamente

Dettagli

BANCA POPOLARE DI FONDI

BANCA POPOLARE DI FONDI BANCA POPOLARE DI FONDI BILANCIO DELL'IMPRESA AL 31 DICEMBRE 2014 (Schemi, nota integrativa ed allegati) 124 Esercizio 55 STATO PATRIMONIALE AL 31 DICEMBRE 2014 VOCI DELL ATTIVO 31/12/2014 31/12/2013 10.

Dettagli

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121

COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015. Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 COIMA RES S.p.A. BILANCIO INTERMEDIO AL 30/09/2015 Sede legale in Milano piazza della Repubblica n.5 CAP 20121 Registro Imprese di Milano n. 09126500967 R.E.A. 2070334 Codice fiscale e Partita IVA 09126500967

Dettagli

IFRS 3: AGGREGAZIONI AZIENDALI

IFRS 3: AGGREGAZIONI AZIENDALI : AGGREGAZIONI AZIENDALI L Ifrs 3 disciplina le «business combination» ossia le aggregazioni aziendali: definizione, ambito di applicazione, criteri di contabilizzazione ed altri aspetti peculiari di queste

Dettagli

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano

L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano Approfondimenti Bilancio L applicazione dei principi IAS nell ordinamento italiano di Paolo Moretti Alla luce delle disposizioni nazionali e comunitarie l applicazione dei principi contabili internazionali

Dettagli

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013)

GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2014 GRUPPO COFIDE: NEL 2014 RIDUCE PERDITA A 14,5 MLN ( 130,4 MLN NEL 2013) Il risultato è influenzato dagli oneri

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE

BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO AUTOSTRADE PER L ITALIA AL 31 DICEMBRE 2013 INDICE 1 2 INDICE 1. Prospetti contabili consolidati...5 2. Note illustrative.15 3. Allegati...103 4. Relazione della società

Dettagli

la variazione della quota di partecipazione

la variazione della quota di partecipazione Luigi Rinaldi - Giovanni Andrea Toselli la variazione della quota di partecipazione nel bilancio consolidato Teoria, principi contabili e soluzioni operative Comparazione principi contabili nazionali e

Dettagli

di Massimiliano Di Pace

di Massimiliano Di Pace I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI PER LE PMI: UNA PROSPETTIVA PER IL 2008 di Massimiliano Di Pace Amministrazione e Finanza >> Gestione amministrativa Sommario Introduzione...3 I commenti dell'organismo

Dettagli

ANALISI DETTAGLIATA. Il principio contabile internazionale n. 27 si pone una duplice finalità:

ANALISI DETTAGLIATA. Il principio contabile internazionale n. 27 si pone una duplice finalità: ANALISI DETTAGLIATA Nella presente trattazione si cercherà di analizzare il contenuto del principio contabile internazionale n. 27 alla luce della normativa italiana vigente in materia di bilancio consolidato

Dettagli

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting

ABCD. Università degli Studi di Palermo. IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Università degli Studi di Palermo Corso di Economia degli Intermediari finanziari Prof. Francesco Faraci IAS 39: Gli strumenti finanziari e l hedging accounting Raffaele Mazzeo 9 dicembre 2003 IAS 39:

Dettagli

2 Attività materiali - Ias 16 e 17

2 Attività materiali - Ias 16 e 17 76 Gruppo Unipol Bilancio Consolidato 2011 Note informative integrative ammortizzati, ma sono valutati almeno una volta all anno, o comunque tutte le volte che si riscontrino indicatori di potenziale perdita

Dettagli

L 261/386 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/386 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/386 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea SIC-1/SIC-2 STANDING INTERPRETATIONS COMMITTEE INTERPRETAZIONE SIC-1 Coerenza nell applicazione dei Principi contabili Utilizzo di diversi metodi di

Dettagli

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto

IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto IAS/IFRS ANALISI E CONFRONTO CON LA DISCIPLINA NAZIONALE IAS 28, OIC 21/OIC 17: Partecipazioni in società collegate e metodo del patrimonio netto Prof. Riccardo Acernese Roma, marzo/maggio 2015 IAS 28

Dettagli

NOTA DI SINTESI EMITTENTE ALERION CLEAN POWER S.P.A.

NOTA DI SINTESI EMITTENTE ALERION CLEAN POWER S.P.A. NOTA DI SINTESI EMITTENTE ALERION CLEAN POWER S.P.A. Nota di Sintesi depositata presso Consob in data 30 gennaio 2015 a seguito di comunicazione del provvedimento di approvazione, con nota del 30 gennaio

Dettagli

IFRS NEWSLETTER N. 1/2015. 26 marzo 2015

IFRS NEWSLETTER N. 1/2015. 26 marzo 2015 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI MILANO COMMISSIONE PRINCIPI CONTABILI IFRS NEWSLETTER N. 1/2015 26 marzo 2015 Sommario 1. PREMESSA INTRODUZIONE... 2 2. NOVITA IFRS... 3 2.1.

Dettagli

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS

Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003. Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Fondo Interbancario di tutela dei depositi Milano, 27 novembre 2003 Il contesto normativo e istituzionale degli IFRS Giovanni Carosio Banca d Italia 1 Indice 1. Il quadro normativo 2. Le principali novità

Dettagli

Compensi Tipologia di servizi. Soggetto che ha erogato. Destinatario il servizio

Compensi Tipologia di servizi. Soggetto che ha erogato. Destinatario il servizio Informazioni ai sensi dell'art. 149-duodecies del Regolamento Emittenti Consob Il prospetto evidenzia i corrispettivi di competenza dell'esercizio 2011 per i servizi di revisione e per quelli diversi dalla

Dettagli