MERCI IN TRENO Amministratore Delegato RFI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MERCI IN TRENO 2014. Amministratore Delegato RFI"

Transcript

1 MERCI IN TRENO 2014 Il ferroviario merci in Europa: le opportunità dei finanziamenti europei per il miglioramento delle prestazioni, delle infrastrutture e dei servizi. Maurizio Gentile Amministratore Delegato RFI Roma, 30 Settembre

2 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio Baltico Adriatico Corridoio Mediterraneo Corridoio Scandinavo Mediterraneo Corridoio Reno - Alpi 2

3 Gli Obiettivi della rete europea TEN-T SOSTENIBILITA Trasporti puliti Basse emissioni di CO2 BENEFICI Safety & Security Rispetto dei requisiti Soddisfacimento delle necessità dei clienti Robustezza rispetto agli eventi esterni catastrofici COESIONE Accessibilità Qualità dell Infrastruttura Integrazione traffici di corto e lungo raggio EFFICIENZA Continuità Interoperabilità Intermodalità Efficienza economica Innovazione 3

4 I Corridoi europei «core» e i corridoi europei merci FINALITA OBBLIGHI E BASI LEGALI GOVERNANCE AMBITO DI APPLICAZIONE MODALITA DI TRASPORTO Corridoi Merci Crescita traffici merci mediante misure previste dal Reg.913/2010 Rispetto piani di implementazione di corridoio secondo Reg. UE 913/2010. Costituzione di un «OSS» che alloca una parte delle tracce merci internazionali in nome e per conto dei gestori. Management Board costituito da Gestori + Executive Board costituito da Ministeri Trasporto merci Comprendono le linee trasporto merci Ferrovia maggiormente adatte al Corridoi Core TEN-T Realizzazione di un piano di investimenti infrastrutturali per lo sviluppo coordinati lungo il Corridoio. Adeguamento a STI al rispetto requisiti art.39 and 41 Reg.UE 1315/2013 Coordinatore europeo + Corridor Forum Trasporto merci e passeggeri Comprendono prevalentemente linee della rete TEN-T Core Multimodale 4

5 I corridoi europei merci I quattro corridoi «Core» si sovrappongono in buona parte ai quattro corridoi merci istituiti dal Regolamento UE 913/2010 (modificato dal Reg.1316/2013 annesso II). CORRIDOIO MERCI STATI MEMBRI TRACCIATI PRINCIPALI DATA ISTITUZIONE Reno-Alpino NL, BE,DE,IT Zeebrugge-Antwerpen/Amsterdam/Vlissingen (*)/Rotterdam-Duisburg - (Basel) - Milano-Genova 09/11/2013 Scandinavo- Mediterraneo SE,DK,DE, AT,IT Stockholm/[Oslo] (*)/Trelleborg (*)-Malmö-Copenhagen- Hamburg-Innsbruck-Verona-La Spezia (*)/Livorno (*) / Ancona (*) / Taranto / Augusta (*) / Palermo 09/11/2015 Baltico-Adriatico PL,CZ,SK,AT, IT,SI Swinoujscie (*)/Gdynia-Katowice-Ostrava/Zilina- Bratislava/Vienna/Klagenfurt-Udine- Venezia/Trieste/Bologna/Ravenna Graz-Maribor-Ljubljana-Koper/Trieste 09/11/2015 Mediterraneo ES,FR,IT,SI, HU, HR(*) Almeria-Valencia/Algeciras/Madrid-Zaragoza/Barcelona- Marseille-Lyon-Torino-Milano-Verona-Padova/Venezia- Trieste/Koper - Ljubjana-Budapest Ljubljana (*)/Rijeka-Zagreb (*)-Budapest-Zahony (Ungarian- Ukrainian border) 09/11/2013 (*) da includere al massimo entro 3 anni dalla data di istituzione del corridoio 5

6 Il Corridor One Stop Shop, lo sportello commerciale del corridoio Fornisce informazioni sull allocazione della capacità, in particolare la capacità disponibile e le sue caratteristiche Prende decisioni riguardo alle richieste di tracce ferroviarie internazionali prestabilite e alla riserva di capacità, basandosi sui principi di allocazione stabiliti dall Executive Board. Tiene e rende disponibile un registro delle richieste con le connesse informazioni (per il rispetto degli obblighi di trasparenza e non-discriminatorietà) EXECUTIVE BOARD Definisce il quadro generale per l allocazione della capacità MANAGEMENT BOARD valuta le necessità di capacità per i treni merci tenendo conto di: studio trasportistico, richieste di capacità e gli accordi quadro; promuove il coordinamento delle regole di priorità riguardanti l allocazione delle tracce Pone in essere procedure di coordinamento tra IM per l allocazione della capacità (sia per richieste via OSS che le altre) tenendo conto dell accesso ai terminali I GESTORI definiscono congiuntamente tracce prestabilite, non oltre 3 mesi prima la data per l accettazione delle richieste di capacità; facilitano il traffico merci se giustificato dal mercato, definiscono una riserva di capacità che manterranno disponibile fino al termine stabilito dal MB (che non potrà essere superiore a 60gg dalla data di inizio del servizio) 6

7 Le opportunità dei finanziamenti europei Le risorse che l Europa mette in campo per il periodo

8 Calls for proposals: il precedente ciclo Progetti ammessi a finanziamento Finanziamenti assegnati ( mio) 8

9 Contabilizzazioni L altra faccia della medaglia 100% 90% 80% garantire la quota nazionale rispetto dei tempi 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% quota nazionale contributo europeo Anno 1 Anno 2 Anno 3.Anno n 0% studi e progetti collegamenti transfrontalieri eliminazione bottlenecks altri lavori 9

10 milioni di euro La complessità del quadro di finanza pubblico e dello scenario macroeconomico Stato Stanziamenti di competenza - Investimenti (*) Stanziamenti da stato per investimenti media Politiche per riequilibrio modale incentivi traffico merci su ferro, potenziamento TPL Equilibrio Dinamico Indice della produzione industriale (1990 = 100) Mercato Definanziamenti opere in corso Finanziamenti Media Ottimizzazione risorse attenta selezione dei nuovi avvii e rilettura portafoglio investimenti RFI Impulso allo sviluppo privilegiare interventi leggeri e con rapido ritorno 10

11 L obiettivo di ridurre i costi ambientali e sociali del Trasporto Il trasporto combinato non accompagnato consente di risparmiare mediamente il 29% dell energia rispetto al trasporto su strada.. 1 Milione di TEU (con ripartizione modale al 50%) Il trasporto combinato non accompagnato riduce le emissioni di CO2 del 55% rispetto al trasporto su strada. ~ /km (*) ~ /km (**) ~5.000 treni/anno (*) ~ camion/anno (**) (*) ipotesi di 53 TEU/treno e costo di 3.6 cent /tonn km (**) ipotesi di 2 TEU/camion e costo di 0.5 cent /tonn km Fonte: External Cost of Transport, IWW, Infras, 11

12 RFI: l infrastruttura ferroviaria nazionale una grande risorsa Rete RFI : km Doppio binario: km Binario unico: km Linee elettrificate: km (71 %) Stazioni con servizio viaggiatori: ~ km ~ 950 km ~ km ~ km ~ km Linee alta velocità Nodi metropolitani Rete fondamentale Rete integrativa Rete complementare Tecnologie innovative per la sicurezza SSC SCMT km ERTMS 654 km GSM-R km Totale Personale circa

13 Le dimensioni del mercato del Gestore RFI Mercato 2014 (merci + viaggiatori) Evoluzione Volumi Traffico Merci Imprese opera tive licenze 33 imprese operative 41 contratti: 21 per treni merci; 18 per treni viaggiatori; 2 per corse prova 330 milioni di treni*km di cui 44 merci (II riprevisione 2014) 13

14 KPI BUSINESS MERCI IMPRESE FERROVIARIE TUTTE 2013 vs 2014: 01 gennaio 31 agosto 100 PUNTUALITA STANDARD B (SOGLIA 0-30)** 70,2 77,5 64,5 64,3 68,8 69,2 68,1 67,2 68,4 VOLUMI MEDI TRENI/GIORNO % ,1 71,8 72,8 72,9 73 gen feb mar apr mag giu lug ago gen-ago 72,9 71,1 78, treni max. giorno (periodo 01 gen. 31 ago 2014) **Misura le performance del Gestore e dell Impresa Ferroviaria al netto delle cause esterne PUNTI DI ATTENZIONE rallentamenti nell attraversare i cantieri gestiti secondo norme ANSF (disposizione n.17/2011); integrazione dell ultimo miglio; compatibilizzazione servizi merci per i grandi cantieri di manutenzione/potenziamento 14

15 Piano Merci del Gestore AZIONI ORGANIZZATIVE (ORARIO) CATALOGO AZIONI PER L INCREMENTO PRESTAZIONALE Sagoma linea Moduli di linea RETICOLO DEI TERMINALI Rail Road Terminal Terminali portuali 15

16 AZIONI AI TRANSITI 2014 DOMODOSSOLA LUINO CHIASSO Allargamento campione treni oggetto monitoraggio /reporting ambito RFC1 Introduzione KPI 2015 per il RFC1 Benefici attesi: aumentata disponibilità e qualità dei report per analisi su cause ritardo. Incremento puntualità sull intero asse. MODANE Avvio dal 2015 processo di monitoraggio ambito RFC6 BRENNERO Avvio dal 2015 processo di monitoraggio / reporting ambito RFC3 TARVISIO Attivazione dal di una nuova funzione di coordinamento bilaterale e riprogrammazione del traffico merci in GO. Benefici riscontrati: decremento casi di congestione impianto. Avvio dal 2015 processo di monitoraggio/reporting ambito RFC5 VILLA OPICINA VENTIMIGLIA Nuova funzione di coordinamento bilaterale e ri-programmazione del traffico merci in GO. Attivazione sperimentale dal Benefici attesi per l Orario 2015 Avvio dal 2015 processo di monitoraggio/reporting ambito RFC6 16

17 Treni da tutti i transiti di confine 17

18 Stima della crescita del traffico merci ai valichi gomma Million tonn/year ferro Nova Gorica n.d Villa Opicina n.d 6 Dati Alpinfo 2012 Stima 2020: studio Albatras 18

19 Lo sviluppo del network merci Sagoma linee ATTUALE AL 2017 minore di P/C 45 P/C 45 P/C 80 P/C 45 consente il transito di: Container ISO High Cube P/C 80 consente anche il transito di: - Semirimorchi h=4m su carri P - Autoarticolati e autotreni h=4m su carri ultrabassi 19

20 Lo sviluppo del network merci Sagoma linee (1/2) Adeguamento PC 80 Torino Milano In corso attività realizzativa. Attivazione prevista: Tratta Novara Milano : dicembre 2014 Tratta Novara Torino : giugno 2015 AL 2017 Adeguamento PC 80 linea Chiasso In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 Adeguamento PC 80 linea Luino Novara/Gallarate In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2020 minore di P/C 45 P/C 45 P/C 80 P/C 45 consente il transito di: Container ISO High Cube P/C 80 consente anche il transito di: - Semirimorchi h=4m su carri P - Autoarticolati e autotreni h=4m su carri ultrabassi 20

21 Lo sviluppo del network merci Sagoma linee (2/2) Adeguamento PC 80 Piacenza Bologna In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 AL 2017 Adeguamento PC 80 Pisa La Spezia In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 Adeguamento PC 45 linea Tirrenica In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 Adeguamento PC 80 linea Adriatica In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2017 Adeguamento PC 80 Bologna - Firenze In corso attività progettuale. Attivazione prevista : 2018 P/C 45 consente il transito di: Container ISO High Cube minore di P/C 45 P/C 45 P/C 80 P/C 80 consente anche il transito di: - Semirimorchi h=4m su carri P - Autoarticolati e autotreni h=4m su carri ultrabassi 21

22 Lo sviluppo del network merci Modulo linee ATTUALE AL 2017 Modulo < 600 m Modulo 600 m Modulo 650 m Modulo 750 m 22

23 Lo sviluppo del network merci Modulo linee (1/2) AL 2017 Modulo 750 corridoio Mediterraneo In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 Modulo 750 corridoio Baltico - Adriatico In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 Modulo 750 corridoio Reno Alpi In corso attività realizzativa. Attivazione prevista : 2016 Modulo < 600 m Modulo 600 m Modulo 650 m Modulo 750 m 23

24 Lo sviluppo del network merci Modulo linee (2/2) AL 2017 Modulo 750 corridoio Scandinavia Mediterraneo Tratta Brennero-Verona e Verona-Bologna In corso attività realizzativa. Attivazione prevista: 2017 Modulo 650/750 corridoio Scandinavia Mediterraneo Linea Adriatica In corso attività progettuale. Attivazione prevista: 2018 Modulo < 600 m Modulo 600 m Modulo 650 m Modulo 750 m 24

25 Progetto Italia-Svizzera 25

26 Reticolo terminal merci RFI Corridoio «Baltico Adriatico» Padova Interporto Bologna Interporto Corridoio «Mediterraneo» Avigliana Torino Orbassano Vercelli Milano Certosa Brescia Scalo Antenna Corridoio «Mediterraneo» Racconigi Cuneo Corridoio «Scandinavia Mediterraneo» Verona Q.E Faenza Villaselva Falconara M.ma Livorno C.ne Massa Z.I. Bari Lamasinata Roma Smistamento Maddaloni Marcianise Sm.to Messina Catania Bicocca Palermo Brancaccio Corridoio «Reno Alpi» Seregno Milano Smistamento Antenna Corridoio «Scandinavia Mediterraneo» Mantova Castelguelfo Modena Porcari Pescara Brindisi Gela Antenna Corridoio «Reno Alpi» Alessandria Sm.to Piacenza Lecco Maggianico Oggiono Terminal RFI (34) 26

27 Rete Ten-T Merci Interporti prioritari MILANO VERONA QE NOVARA BRESCIA PADOVA INTERPORTI Prioritari MODENA MARZAGLIA POMEZIA MARCIANISE BARI PIACENZA La Rete TEN T complessiva è circa km, che corrisponde a circa il 60% della rete RFI La Rete TEN-T Core Merci è circa km, che corrisponde a circa il 30% della rete RFI 27

28 Milano Smistamento Nuovo Terminale Il progetto definitivo del nuovo terminale «Alptransit» di Milano Smistamento sarà concluso nei prossimi mesi. RFI ha pianificato interventi funzionali per l apertura del nuovo terminale. La stima totale dei costi per gli interventi nelle aree di RFI è pari a circa 50 milioni. 28

29 NON COLLEG ATI COLLEGATI ALLA RETE Rete Ten-T Merci - Porti Core PORTI CORE (Volumi 2012) TEU S (n.) Merci (x Tonn) GIOIA TAURO GENOVA LA SPEZIA LIVORNO NAPOLI VENEZIA TRIESTE TARANTO RAVENNA ANCONA CAGLIARI BARI PALERMO AUGUSTA TOTALE Fonte: elaborazione ASSOPORTI su dati di A.P. e A.S.P.O. 29

30 Porto Trieste Caratteristiche del progetto Il progetto, che interessa esclusivamente l area FS con interventi minimali nell area portuale funzionali all ottimale collegamento con i moli, prevede: Nuovo fascio Arrivi e Partenze di 10 binari (mod. 650 m) Aste per la movimentazione treni (mod. 650 m) Nuovo terminal con 5 binari sotto gru (mod. 650 m) ad uso di tutti gli operatori Nuovo accesso stradale al terminal Nuovo ACC per TS CM e Servola Stato attuazione Completato il Progetto Definitivo trasmesso al MIT in base al DM 145/2013. Importo Lavori 50 M. Tempi di realizzazione 4 anni 30

31 Genova Voltri Mare DESCRIZIONE Seconda fase funzionale del PRG di Ge.Voltri/Ge.Voltri Mare: nell ambito del Tavolo Tecnico Regione-RFI per Voltri/VTE è stata definita una seconda fase del PRG di Ge.Voltri Mare che anticipa una parte della fase a regime, svincolandosi dallo spostamento del viadotto autostradale di accesso al VTE le cui pile interferiscono con il piano del ferro della fase definitiva del PRG. Nella fase di regime del PRG di Ge.Voltri/Ge.voltri Mare è prevista la realizzazione della nuova stazione viaggiatori, la nuova fermata di Ge.Palmaro e il nuovo scalo di Ge.Voltri Mare (n 7 binari a modulo 750m). STATO Gli interventi sono inseriti nel Progetto Potenziamento Infrastrutturale Voltri Brignole (0240), del costo totale di 581 mln. TEMPI Completamento della seconda fase funzionale previsto per dicembre La realizzazione della fase di regime è vincolata dalla demolizione del viadotto autostradale di accesso al VTE. 31

32 Porto vecchio di Genova DESCRIZIONE Il progetto interessa l area FS Scalo ferroviario di Genova Campasso collegata agli impianti portuali tramite il raccordo di San Benigno. L intervento prevede la realizzazione di n 8 nuovi binari ad esclusivo servizio merci, con modulo di stazionamento pari a circa 750 m. I binari saranno gestiti da un nuovo apparato inserito nell area dell ACC Multistazione del Nodo di Genova. STATO L importo dei lavori ammonta a circa 26 M. Completato il Progetto Definitivo trasmesso al MIT in base al DM 145/2013. Verso TO/MI via Mignanego GE Campasso TEMPI L attivazione è prevista dopo 24 mesi dalla disponibilità del finanziamento. BENEFICI Aumento della capacità dello scalo a disposizione del porto Vecchio, sia in termini di numero di binari che di modulo. Porto storico di Genova 32

33 Porto di Livorno DESCRIZIONE Stazione merci di LIVORNO DARSENA collocata in Darsena Toscana Sponda Ovest, contigua alla stazione di Livorno Calambrone, costituita da: una zona centralizzata con Acei composta da 3 binari, di norma, telecomandato punto punto dalla stazione di Livorno Calambrone uno scalo costituito da tre binari della lunghezza di m 750 circa serviti da gru trastainer; elettrificazione dei binari della stazione fino all allacciamento con il binario di progetto per il collegamento diretto della Darsena Toscana con la linea tirrenica lato Nord; raddoppio del binario di collegamento fra Livorno Calambrone e Porto Nuovo STATO Conclusa sia la progettazione definitiva che l attività di affidamento appalti. Finanziamento di 43.6 mln disponibile TEMPI Attivazione prevista entro il 2015 STAZIONE LIVORNO DARSENA DARSENA SPONDA OVEST PORTO NUOVO PORTO VECCHIO STAZIONE LIVORNO CALAMBRONE 33

34 Porto di Taranto DESCRIZIONE A novembre 2017 è prevista l attivazione della piastra portuale di Taranto e l ampliamento dei binari di presa e consegna di Cagioni. La piastra portuale sarà a servizio della piattaforma logistica e collegabile al 1 e 4 sporgente. La piastra è costituita da due binari centralizzati ed uno secondario della capacità di 750 m, tutti elettrificati. L ampliamento dei binari di presa e consegna di Cagioni è a modulo 750 m, elettrificati e centralizzati saranno a servizio del TCT e collegabile al 5 sporgente. L allaccio di Distripark è da determinare, in ragione degli sviluppi futuri. Piastra logistica Cagioni TCT STATO: 25,5 mln per piastra portuale Taranto e Cagioni. 10 mln stralciati a seguito della riprogrammazione del ministero del 19/11/2012 per il mancato avvio del progetto Distripark. TEMPI: L attivazione della Piastra Logistica e Ampliamento Cagioni entro Novembre 2016 Piastra logistica 34

35 Verso un sistema di Logistica Integrata Riorganizzazione in ottica competitiva del settore dei trasporti nel suo complesso, attraverso un assetto di regole che stimoli comportamenti virtuosi e contribuisca al riequilibrio ed alla integrazione modale. In particolare, è necessario ridefinire un sistema intergrato incentivante per una mobilità delle merci più efficiente e sostenibile, che supporti l uso della gomma nell attività di distribuzione (entro il raggio di 300 km) e, di contro, favorisca la ferrovia sulle lunghe distanze, per grandi volumi/masse e nelle zone più sensibili dal punto di vista ambientale. 35

36 Gestione integrata dei servizi merci ULTIMO MIGLIO ultimo miglio ferroviario STRADA TERMINALE/RACCORDO FERROVIA OPERATORE MANOVRA manovra Booking MTO Accesso stradale Handling ferro/gomma Sosta/stoccaggio unità Riparazione e lavaggio container GESTORE TERMINALE/RACCORDO GI Allocazione tracce Trazione ferroviaria IF 36

37 Il Corridoio Doganale: sviluppo della logistica delle merci in ottica intermodale Il programma Piattaforma Integrata della Logistica (PIL) è ideato per supportare il Gruppo FS Italiane nello sviluppo della logistica delle merci in ottica intermodale. Dogan a MTO Porti Autotrasp. TCF IF Gestore Infrastruttura Gestore Manovra 37

38 Gli impegni di RFI per il trasporto merci 2014 Risultati conseguiti PIR WEB Catalogo on line Upgrading prestazionale linee PC 80 sulla relazione Novara-Milano- Trieste Avvio del piano di upgrade dei moduli sui corridoi internazionali Risultati 2015 PIATTAFORMA COMMERCIALE Upgrading prestazionale linee PC 80 sulla Torino-Novara-Milano-Trieste Risultati 2016 Upgrading prestazionale linee PC 80 sulla Chiasso-Milano Upgrading prestazionale linee modulo 750 metri sui corridoi MEDITERRANEO, RENO-ALPI, BALTICO-ADRIATICO (Fase) Upgrading terminali PORTO di LIVORNO, PORTO di TARANTO Risultati 2017 Upgrading prestazionale linee PC 80 sulla Milano-Bologna Upgrading prestazionale linee PC 80 sulle linee ADRIATICA e TIRRENICA (collegamento al Porto di La Spezia) Upgrading prestazionale linee modulo 750 metri sul corridoio SCANDINAVIA-MEDITERRANEO (fase) Upgrading terminali Terminal di MILANO SM.TO Upgrading terminali PORTO di GENOVA/VOLTRI MARE (fase) 38

39 Il PIR - WEB Dal 30 giugno 2014 è attiva sul sito di RFI la nuova modalità di consultazione del Prospetto Informativo della Rete. Le caratteristiche di infrastruttura e impianti a portata di click!!! Banca dati PIR aggiornata Funzionalità di Ricerca Google map like Descrizioni tratte/impianti attraverso box informativi Consultazione e download degli allegati tecnici del PIR Mappa OpenStreetMap 39

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità

I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Intermodal Connections in the Adriatic Ionian Macro Region I Trasporti multi-modali, ostacoli e opportunità Roberto Laghezza Direttore Direttrice Adriatica Ancona, 02 Luglio 2015 La Rete TEN-T che attraversa

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

TRASPORT ARE LA RIPRESA

TRASPORT ARE LA RIPRESA Convegno Confcommercio Roma, 14 Maggio 2014 TRASPORT ARE LA RIPRESA Amministratore Delegato RFI Ing. Michele Mario Elia Overview 1 La rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) e l infrastruttura ferroviaria

Dettagli

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta

WORKSHOP. Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie. «Parte II» Antonino Vitetta WORKSHOP ROMA TRENTUNOMARZODUEMILAQUINDICI ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORIDCII/DUEMILAQUINDICI Lo stato della programmazione delle infrastrutture portuali e ferroviarie «Parte II» Antonino Vitetta Obiettivi

Dettagli

Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo

Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo Intervento Paolo Celentani Responsabile Marketing e Sviluppo Servizi Commerciali Trenitalia - Divisione Cargo Sala Falck Assolombarda 29 gennaio 2007 Convegno MUOVERE PERSONE E MERCI: LE POLITICHE E I

Dettagli

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella

Terminali Italia. Piano di Impresa aggiornamento 2013-15. Milano, 18.11.2013. Pasquale Ventrella Terminali Italia Piano di Impresa aggiornamento 2013-15 Pasquale Ventrella Milano, 18.11.2013 Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Prodotto Interno Lordo Confronto internazionale Commercio Italia

Dettagli

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE

MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE MODIFICAZIONI DELLA DOMANDA DI TRASPORTO ED EVOLUZIONE DELL OFFERTA DELLE IMPRESE FERROVIARIE Verona,22 Novembre 2013 Traffico merci in Europa La ripartizione modale 76% 7% Road Railways Inland waterways

Dettagli

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005

Evoluzione del sistema ferroviario. Marsiglia, 29 marzo 2005 Evoluzione del sistema ferroviario Marsiglia, 29 marzo 2005 Progetti Prioritari della rete TEN e corridoi Paneuropei interessanti l Italia Tratti italiani del Progetto Prioritario 6 (TEN) e del Corridoio

Dettagli

2014 Profilo aziendale

2014 Profilo aziendale Profilo aziendale 2014 Il gruppo Interporto gestisce oggi una delle infrastrutture logistiche e intermodali più grandi in Europa, 1971 2014 piattaforma sostenibile di una logistica innovativa e globale

Dettagli

I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI

I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI I primi effetti della Cura del ferro Il contributo di RFI Ing. Gianpiero Strisciuglio Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI Roma, 27 giugno 2017 Highlights Il mercato: trend e prospettive Il potenziamento

Dettagli

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci

L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci ANNO ACCADEMICO DUEMILAQUATTORDICII/DUEMILAQUINDICI 15 dicembre 2014 Laboratorio di Analisi dei Sistemi di Trasporto L accessibilità dei servizi di trasporto passeggeri e merci Francesco Russo francesco.russo@unirc.it

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

Incontro con OO. SS. Milano, 29 Ottobre 2012

Incontro con OO. SS. Milano, 29 Ottobre 2012 Incontro con OO. SS. Milano, 29 Ottobre 2012 Gli obiettivi dell UE I Core Corridor che interessano l Italia Draft Le dimensioni del mercato del GI Delta 2012 su 2010 + 7% Delta 2012 su 2008-26% M ilio

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

Logistica ed Intermodalità. Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010

Logistica ed Intermodalità. Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010 Logistica ed Intermodalità Ing. Leonardo Fogu Direttore Fleet Management Gallarate, 13.01.2010 Profilo del Gruppo Hupac Facts & figures Anno di fondazione 1967 Capitale azionario CHF 20 mio. Azionisti

Dettagli

SVILUPPO DELL INTERMODALITA

SVILUPPO DELL INTERMODALITA SVILUPPO DELL INTERMODALITA Autostrade del mare 2.0 e combinato marittimo ANDREA APPETECCHIA Roma, 21 luglio 20151 I PUNTI DEL RAGIONAMENTO Commercio estero nazionale: orientamenti e modalità di trasporto

Dettagli

Il Sud si muove. Si muove l Europa.

Il Sud si muove. Si muove l Europa. Il Sud si muove. Si muove l Europa. PON TRASPORTI 2000-2006 Programma di sviluppo infrastrutturale della rete trasporti nel Sud Italia Il Programma Nell ambito delle politiche cofinanziate dai Fondi strutturali

Dettagli

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA

al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione RFI /TRENITALIA Allegato A al verbale di incontro del 11.12.2007 Progetto scissione manovra Motivi del trasferimento Con il tasfeimento trasferimento, il Gruppo Ferrovie dello Stato si allinea alle altre principali reti

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana - DCER Milano 9 luglio 2013

Rete Ferroviaria Italiana - DCER Milano 9 luglio 2013 Le scelte di RFI per la gestione dell infrastruttura ferroviaria: pianificazione scali, contratti e servizi di manovra Rete Ferroviaria Italiana - DCER Milano 9 luglio 201 Le sfide di RFI per il traffico

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova

Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova. Autorità Portuale di Genova Strategie per lo sviluppo della logistica nel porto di Genova I numeri del porto - 51,9 Mil.Ton (anno 2014) - 2,17 Mil.Teus - 3,8 Mil. Mtl - 6.000 Accosti/anno Milioni Ton. 60-4.000 automezzi in/out al

Dettagli

STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ

STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ Dott.Ing. Giorgio Mainardi Direzione Sviluppo Innovazione Infrastrutture e servizi ferroviari 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione STATO DI AVANZAMENTO DELLE ATTIVITÀ INQUADRAMENTO GENERALE

Dettagli

in Toscana Infrastrutture e Territorio

in Toscana Infrastrutture e Territorio Infrastrutture e Territorio in Toscana Arch. Riccardo Baracco Ing.Enrico Becattini Area Coordinamento Pianificazione Territoriale e Politiche Abitative D.G. Politiche Territoriali e Ambientali Regione

Dettagli

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia

Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Il ruolo del nuovo Corridoio multimodale Italia-Svizzera nel ridisegno dei trasporti e della logistica del Nord Italia Oliviero Baccelli Direttore Università Bocconi 03 Dicembre 2015 Obiettivi, contesto

Dettagli

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor

Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Reti TEN-T (Trans European Network Transport) il Corridoio Scan-Med Scan-Med Corridor Percorso di Capacity Building Progetto STREETS Catania 03/04 dicembre 2014 Giuseppe Anzaldi Regione Siciliana Dipartimento

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

Incontro con OO. SS. Milano, 14.04.2014

Incontro con OO. SS. Milano, 14.04.2014 Incontro con OO. SS. Milano, 14.04.2014 Evoluzione del network dei Terminali: Fine contratto La nuova ripartizione geografica del Network: Area Nord Ovest: -Segrate -Milano Smis.to -Milano Certosa -Brescia

Dettagli

RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE. Roberto Laghezza

RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE. Roberto Laghezza RETI DI TRASPORTO TRANSEUROPEE Roberto Laghezza TEN-T OGGI Il Regolamento UE n 1315/2013 per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti TEN-T, approvato dalle istituzioni dell'unione Europea nel

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie

IL Piano Regionale Integrato delle Infrastrutture e della Mobilita - obiettivi e strategie Piano Regionale ex LR 49/99 Definizione del Cronoprogramma FASE Ott. 2011 Nov. 2011 Dic. 2011 Gen. 2012 Nov. 2012 Dic. 2012 Gen. 2013 Feb. 2013 A Esame CTD informativa + Preliminare VAS Esame GR e invio

Dettagli

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica

Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA. Evoluzione del traffico ferroviario. Potenziamento linea adriatica Ancona, 11/03/2010 PORTO DI ANCONA Evoluzione del traffico ferroviario Potenziamento linea adriatica Corridoi transeuropei 2 La strategia merci di RFI Concentrazione del reticolo degli scali serviti e

Dettagli

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo

Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo Ipotesi di sviluppo del trasporto combinato marittimo di Sergio Rossato D.G. Interporto di Padova S.p.A. A.D. di NET Nord Est Terminal S.p.A. Il traffico intermodale COMPLESSIVO dell Interporto di Padova

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO

PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO PRA PLANIMETRIA DEL TERRITORIO Scalo Smistamento Retroporto Casello Alessandria sud A27 Genova - Gravellona Toce Strada di collegamento con la tangenziale 1 PRA STRADA DI COLLEGAMENTO CON LA TANGENZIALE

Dettagli

Ultimo Miglio: la manovra nei porti

Ultimo Miglio: la manovra nei porti Ultimo Miglio: la manovra nei porti I porti italiani in cui FerCargo è presente con i propri treni Venezia Trieste San Giorgio Di Nogaro Ravenna Savona Genova La Spezia Civitavecchia Napoli Gioia Tauro

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

Tavolo regionale per la mobilità delle merci

Tavolo regionale per la mobilità delle merci Tavolo regionale per la mobilità delle merci Scenari e prospettive di contesto Milano 04 Marzo 2011 Oliviero Baccelli CERTeT Università Bocconi Indice dei temi trattati Gli scenari socio-economici di riferimento

Dettagli

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015 I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria Febbraio 2015 Traffico passeggeri dei principali Aeroporti nazionali - 2014 Aeroporto Nazionali Internazionali di cui C. Europea

Dettagli

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network;

Posizionamento. Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Porto di Ancona Posizionamento Rilevanza strategica comunitaria, nodo del core network; Corridoio scandinavo-mediterraneo (38% traffico tir del porto proviene da Paesi lungo questo asse, Italia esclusa);

Dettagli

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest

La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Porti e La sviluppo della macroarea Genova-Milano in funzione dell industria logistica del Nord Ovest Riccardo Fuochi Presidente Propeller Port Club di Milano Genova 19 settembre 2013 Il Propeller Port

Dettagli

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DELLE RETI TEN-T E IL MECCANISMO FINANZIARIO CONNECTING EUROPE Suggerimenti per la politica europea dell Italia

LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DELLE RETI TEN-T E IL MECCANISMO FINANZIARIO CONNECTING EUROPE Suggerimenti per la politica europea dell Italia LINEE GUIDA PER LO SVILUPPO DELLE RETI TEN-T E IL MECCANISMO FINANZIARIO CONNECTING EUROPE Suggerimenti per la politica europea dell Italia Paolo Costa Presidente Autorità Portuale di Venezia Amici della

Dettagli

I principali sistemi portuali italiani. Febbraio 2015

I principali sistemi portuali italiani. Febbraio 2015 I principali sistemi portuali italiani Febbraio 2015 I principali porti nel mondo e in Europa Mondo: Volumi di traffico nei primi 20 porti (Mln tonn) Europa: Volumi di traffico nei primi 20 porti (Mln

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access

PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Dott. Francescalberto De Bari Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione PROGETTO ERICA Easy Railway Infrastructure and Customs Access Il Progetto Globale Livorno

Dettagli

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005

CAR SHARING SERVICE. Assessore: Ing. Giovanni Avanti. 2 FORUM CAR SHARING nuove città,, nuova mobilità ROMA 13 LUGLIO 2005 CAR SHARING SERVICE Assessore: Ing. Giovanni Avanti Cosa è il Car Sharing? Il Car Sharing è un servizio di condivisione dell auto nato in Svizzera alla fine degli anni 80 e sviluppatosi in tutta Europa

Dettagli

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE

UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 1 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA IL RILANCIO DELLA PORTUALITÀ NAZIONALE 2 UNO SGUARDO ALLA PORTUALITA ITALIANA 3 IMPORT EXPORT NAZIONALE ATTRAVERSO I PORTI QUANTITÀ Milioni di tonnellate IMPORT 199,8

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale

Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Taranto confermata sede dell' Autorità portuale Con sfida in tre mosse il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio vuole far recuperare alla portualità italiana il tempo perso, per cogliere l opportunità

Dettagli

LE POLITICHE REGIONALI DI INVESTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE ED I TRASPORTI

LE POLITICHE REGIONALI DI INVESTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE ED I TRASPORTI LE POLITICHE REGIONALI DI INVESTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE ED I TRASPORTI IERI OGGI - DOMANI 15 ottobre 2014 Michele MARINO Regione Piemonte Direzione Trasporti Infrastrutture Mobilità Logistica Settore

Dettagli

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana

La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana TEN-T Italian Transport Programme La strategia europea al 2050 Metodologia TEN-T: la proposta di rete TEN-T italiana CORRIDOI VERDI NELLA RETE TEN 6-7 Settembre 2011 TRENTO Ministero delleinfrastrututre

Dettagli

P r o v i d i n g S o l u t i o n s

P r o v i d i n g S o l u t i o n s P r o v i d i n g S o l u t i o n s Soluzioni ICT per l intermodalità ed i sistemi logistici integrati AlmavivA Soluzioni tecnologiche per innovare i processi operativi e migliorare i servizi 14 sedi in

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007

LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA. Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola. Roma, Gennaio 2007 LA PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERPORTI IN ITALIA Intervento dell Ing. Pietroantonio Isola Roma, Gennaio 2007 1 Indice Definizioni La logistica La logistica integrata Il trasporto intermodale L interporto La

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1

PROTOCOLLO D INTESA. Trento, 15 gennaio 2016 Protocollo d Intesa - Conferenza stampa pag. 1 PROTOCOLLO D INTESA Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Amministrazioni pubbliche territoriali e locali Socie di Autostrada del Brennero S.p.A. Trento, 15 gennaio 2016 Intesa - Conferenza

Dettagli

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest

Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Infrastrutture ferroviarie strategiche definite dalla Legge Obiettivo n. 443/01 Tratta AV/AC Milano-Verona Lotto funzionale Treviglio Brescia Ingresso urbano dell interconnessione di Brescia Ovest Ottobre

Dettagli

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari Dario Gentile - aprile 2009 1 LE TAPPE DEL PROGETTO DELLA LINEA DI ALTA CAPACITÀ NAPOLI-BARI Il rilancio della linea Napoli-Bari è stato possibile dopo anni

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia

IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia IL PIANO STRATEGICO NAZIONALE DELLA PORTUALITÀ E DELLA LOGISTICA Il «Sistema Mare»: una sfida, una risorsa ed un opportunità per l Italia Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Pur se separata

Dettagli

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009

Incontro con OO.SS. Divisione Cargo. Roma, 09 giugno 2009 Incontro con OO.SS. Divisione Cargo Roma, 09 giugno 2009 Indice Il Mercato Potenziale Lo scenario economico di riferimento Il piano commerciale 2 I volumi nei porti Anno 2006 Mercato non potenziale - Rinfuse

Dettagli

La cura del ferro nell ultimo miglio

La cura del ferro nell ultimo miglio La cura del ferro nell ultimo miglio Senato della Repubblica Convegno FERCARGO Christian Colaneri Direttore Commerciale ed Esercizio Rete di RFI Roma, 21 novembre 2017 Le informazioni contenute nel presente

Dettagli

Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci. I corridori intermodali europei della rete Ten-T

Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci. I corridori intermodali europei della rete Ten-T Velocizzazione della linea ferroviaria Bologna-Rimini Nuovi ponti ferroviari per treni più veloci I corridori intermodali europei della rete Ten-T Ing. Eugenio Fedeli Direzione Territoriale Produzione

Dettagli

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014

L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO. Roma li, 2 ottobre 2014 L OFFERTA NEL LAZIO LO SCENARIO EVOLUTIVO Roma li, 2 ottobre 2014 L affluenza sui treni MONTEROTONDO LADISPOLI COLLEFERRO CAMPOLEONE APRILIA Un network stazioni ad elevata qualità: progetto 500 stazioni

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Osservatorio infrastrutture, trasporti e ambiente della Regione Lazio Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio Dossier conclusivo Maggio 2008 Il presente

Dettagli

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci

Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit 2017 Infrastrutture per il trasferimento del traffico merci Alptransit sarà all altezza delle esigenze di mercato? Nel 2008, circa 900.000 spedizioni stradali hanno attraversato le Alpi svizzere

Dettagli

Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari

Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari Corridoio Scandinavia - Mediterraneo Itinerario AV/AC Napoli Bari Legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione del Decreto Legge n.133/2014 «Sblocca Italia» Grottaminarda, 15 dicembre 2014 1 Il Gruppo

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008

I.C.S. Iniziativa Car Sharing. La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 I.C.S. Iniziativa Car Sharing La mobilità sostenibile: ricerca, innovazione e opportunità di business Milano, 28 gennaio 2008 IL CAR SHARING Il CAR SHARING è un servizio di mobilità che consente di acquistare

Dettagli

L organizzazione del Gruppo FS

L organizzazione del Gruppo FS Fs Logistica in Europa 1 L organizzazione del Gruppo FS 2 FS Logistica I servizi logistici del Gruppo Fs sono dati in outsourcing a FS Logistica spa, societa nata nel 2008 Integrazione, sinergie, ottimizzazione

Dettagli

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale

Dealer Truck e LCV: l impronta digitale INNOVAZIONE IN BUSINESS CLASS Dealer Truck e LCV: l impronta digitale Antonio Cernicchiaro Vice Direttore Generale UNRAE @nicknametwitter www.dealerday.it IMMATRICOLAZIONI TRUCKS: TREND ULTIMI 7 ANNI E

Dettagli

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale

Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Regione Emilia Romagna, Enti locali, Agenzie e imprese TPL: un sistema per le innovazioni a servizio dei utenti Paolo Ferrecchi, Direttore generale Reti Infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità

Dettagli

I Porti toscani e l integrazione con i corridoi: premesse e prospettive future

I Porti toscani e l integrazione con i corridoi: premesse e prospettive future Dott.ssa Antonella Querci Dirigente Direzione Sviluppo e Innovazione 14 Aprile 2015 Direzione Sviluppo e Innovazione I Porti toscani e l integrazione con i corridoi: premesse e prospettive future Livorno

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA

CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA CORRIDOIO PLURIMODALE TIRRENICO-NORD EUROPA Asse ferroviario Ventimiglia-Genova-Novara-Milano (Sempione) Ventimiglia-Genova Tratta Andora - Finale Ligure SCHEDA N. 38 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA:

Dettagli

La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo

La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo La riforma della L.84/94, il nuovo ruolo delle Autorità Portuali i finanziamenti nazionali nelle recenti misure del governo Bologna 28 Gennaio 2013 Oliviero Baccelli Vicedirettore CERTeT Centro di Economia

Dettagli

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea

Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Come l alleanza tra porto e industria può trasformare l Italia nella piattaforma logistica del Mediterraneo per il rilancio dell economia europea Antonio Revedin Direttore Pianificazione Strategica e Sviluppo

Dettagli

Il trasporto ferroviario delle merci in Italia e in Europa Intermodalità e Mercato Organizzato da Federmobilità in collaborazione con il CNEL

Il trasporto ferroviario delle merci in Italia e in Europa Intermodalità e Mercato Organizzato da Federmobilità in collaborazione con il CNEL Il trasporto ferroviario delle merci in Italia e in Europa Intermodalità e Mercato Organizzato da Federmobilità in collaborazione con il CNEL 19 e 20 Novembre 2009 Sala Parlamentino CNEL Viale D. Lubin,

Dettagli

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013

IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 IL BILANCIO DEL PTCP DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA E LE POLITICHE DI SVILUPPO URBANO Bologna, 15 maggio 2013 3 area logistica 1.165.000 m 2 Futura espansione 1 area logistica 1.380.000 m 2 Corrieri e magazzini

Dettagli

11. Implicazioni economiche del Masterplan

11. Implicazioni economiche del Masterplan 11. Implicazioni economiche del Masterplan Il presente capitolo, a conclusione di quanto fin qui esposto si propone di esporre quali sono le implicazioni economiche che il Masterplan, con le indicazioni

Dettagli

IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI. Bologna, 16 Dicembre 2014

IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI. Bologna, 16 Dicembre 2014 IL NUOVO PIANO COMMERCIALE DI RFI Bologna, 16 Dicembre 2014 1 Recast - Strategia di sviluppo dell infrastruttura Rif. Direttiva 2012/34/UE del 21 novembre 2012 art. 8 Entro il 16 dicembre 2014, ogni Stato

Dettagli

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti

Il contributo del PON Reti e Mobilità allo sviluppo dei porti Arch. Cynthia Fico Autorità di Gestione del PON Reti e Mobilità Ing. Giovanni Infante Responsabile Linea di Intervento Porti e Interporti Pagina 0 Traffico merci nel Mediterraneo Pagina 1 , Bando di gara

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia

Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Il nuovo posizionamento di Trenitalia Cargo nel mercato dell industria chimica Francesco Lugli Direttore Vendite Cargo Trenitalia Milano, 24 giugno 2014 Trenitalia Trenitalia, società del Gruppo Ferrovie

Dettagli

INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova

INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova CONFINDUSTRIA Piemonte INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE 30 ottobre 2013 Genova Paolo Balistreri Direttore Transpadana e Confindustria Piemonte La nuova Rete Centrale europea UNA RETE DI 10 CORRIDOI

Dettagli

"La Sostenibilità della Supply-Chain come fattore di rilancio della filiera chimica"

La Sostenibilità della Supply-Chain come fattore di rilancio della filiera chimica Ferchimica 12a onferenza Logistica: "La Sostenibilità della Supply-hain come fattore di rilancio della filiera chimica" ome far crescere l Intermodalità per una gestione più sostenibile della logistica

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

Il nodo di Modena e lo scalo Marzaglia

Il nodo di Modena e lo scalo Marzaglia Il nodo di Modena e lo scalo Marzaglia Convegno CIFI 24 giugno 2014 1 Indice Scenario infrastrutturale attuale La nuova infrastruttura per il sistema AV/AC Lo sviluppo del Nodo di Modena La valorizzazione

Dettagli

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013

Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS. Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 Le politiche e le strategie nazionali sugli ITS Olga Landolfi Segretario Generale TTS Italia Cagliari, 26 Giugno 2013 TTS Italia, l Associazione ITS Nazionale fondata nel 1999, rappresenta circa 80 Enti,

Dettagli

Soluzioni IT per la gestione dei Terminali Intermodali

Soluzioni IT per la gestione dei Terminali Intermodali Soluzioni IT per la gestione dei Terminali Intermodali AlmavivA TSF S.p.A. 00137 Roma Via Casal Boccone 188-190 Tel. +39 06 43621 ww.tsf.it Fausto Legnini L Azienda I I pendenti pendenti & gli gli skill

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO Reno-Alpi. (ex Corridoio 6 Genova-Rotterdam )

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO Reno-Alpi. (ex Corridoio 6 Genova-Rotterdam ) ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO Reno-Alpi (ex Corridoio 6 Genova-Rotterdam ) Dicembre 2014 1. Inquadramento territoriale e programmatico Il Corridoio Reno-Alpi

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA

GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA GLI SCENARI: DOVE STANNO ANDANDO LE SCELTE DELL EUROPA Riccardo Roscelli INFRASTRUTTURE E CRESCITA SOSTENIBILE Il Corridoio dei due mari ed il Mediterraneo 30/10/2013 Gli scenari: dove stanno andando le

Dettagli

Verona: una porta d accesso dell Europa Nuove prospettive di sviluppo di Area Vasta

Verona: una porta d accesso dell Europa Nuove prospettive di sviluppo di Area Vasta Verona: una porta d accesso dell Europa Nuove prospettive di sviluppo di Area Vasta Zeno D Agostino Responsabile strategie e sviluppo Consorzio ZAI CONVEGNO Il Corridoio Adriatico Baltico ed il Polesine

Dettagli

Programma Infrastrutture Strategiche

Programma Infrastrutture Strategiche Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Programma Infrastrutture Strategiche 6 Documento di Programmazione Economica e Finanziaria Programmare il Territorio le Infrastrutture le Risorse Giugno 2008

Dettagli

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese:

Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: Il nodo autostradale di Genova Il nodo di Genova costituisce un infrastruttura strategica della rete autostradale del Paese: passaggio obbligato per il traffico da e verso la Francia (via valico di Ventimiglia);

Dettagli

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici

1. La Società. 2. L evoluzione operativa. 3. Possibili sviluppi strategici 1. La Società 2. L evoluzione operativa 3. Possibili sviluppi strategici Novara, 13.1.2010 1. La Società CIM spa realizza e gestisce l Interporto di Novara. Secondo la definizione che ne dà la Legge 240/1990

Dettagli

Il "Corridoio multimodale Italia-Svizzera

Il Corridoio multimodale Italia-Svizzera Il "Corridoio multimodale Italia-Svizzera Risultati preliminari dello studio 28 novembre 2013 Prof. Lanfranco Senn Direttore CERTeT Università Bocconi Il corridoio Genova-Rotterdam Il Corridoio multimodale

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

LE POLITICHE DI SOSTEGNO PUBBLICO AL TRASPORTO MERCI PER FERROVIA NEL QUADRO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE

LE POLITICHE DI SOSTEGNO PUBBLICO AL TRASPORTO MERCI PER FERROVIA NEL QUADRO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la navigazione ed i SIS Direzione Generale per il Trasporto Ferroviario LE POLITICHE DI SOSTEGNO PUBBLICO AL TRASPORTO MERCI

Dettagli

Il porto di Savona Vado. Gian Lugi Miazza Presidente Autorità Portuale di Savona Vado Milano, Giovedì 3 dicembre 2015

Il porto di Savona Vado. Gian Lugi Miazza Presidente Autorità Portuale di Savona Vado Milano, Giovedì 3 dicembre 2015 Il porto di Savona Vado Gian Lugi Miazza Presidente Autorità Portuale di Savona Vado Milano, Giovedì 3 dicembre 2015 Il porto di Savona Il porto di Vado Ligure Il porto di Savona Vado oggi: VADO LIGURE

Dettagli

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro

Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo. Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Seminario MARE, PORTO, CITTA : Un paradigma economico di sviluppo Porto di Napoli: quali scenari per il futuro Napoli, 2 Marzo 2016 Arianna Buonfanti Researcher Maritime Economy Observatory SRM Il Mediterraneo

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture

Ministero delle Infrastrutture PRIORITÀ INFRASTRUTTURALI NELLE REGIONI REGIONE LIGURIA SISTEMI STRADALI E AUTOSTRADALI Tunnel sottomarino/sotterraneo Genova Nel sistema della grande viabilità urbana di Genova si inserisce il progetto

Dettagli