UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile

2 Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale esigenza di rispondere in maniera tempestiva ed efficace alle richieste del mercato rende necessario fare evolvere il modello di governo verso i principi del Value Based Management La metodologia Value Based Management permette di valutare, attraverso la misurazione del rendimento corretto in funzione del rischio assunto, l apporto di ciascuna area di affari alla creazione di valore ed indirizzare le decisioni aziendali verso l utilizzazione ottimale del capitale allo scopo di massimizzare il valore per gli stakeholder (azionisti, mercato, clienti, personale) pag 2

3 Oggi il focus gestionale del processo di pianificazione e controllo si sposta sulla creazione di valore per gli azionisti, focalizzandosi non solo sulla redditività ma anche sui rischi che l azienda deve assumere per raggiungere i livelli reddituali desiderati: Indicatori espressivi della redditività generata in in termini di di risultati e indici economico --finanziari (es. Margine di di intermediazione, ecc.) Indicatori di efficienza operativa/produttività commerciale Indicatori espressivi dell efficienza e produttività dell attività svolta dalle B.U. di di Mercato, di di Governo e di di Servizio (es. Costi del personale su su margine di di intermediazione) Indicatori espressivi del valore economico generato dalle Business Unit (es. EVA) Indicatori di redditività/ patrimonializzazione Indicatori di valore Indicatori di tipo tradizionale Indicatori di tipo Value Based Management Indicatori di rischio Indicatori di rischio/rendimento Indicatori espressivi del rischio potenziale o effettivo a cui le Business Unit sono esposte (es. Capitale allocato, Capitale assorbito) Indicatori espressivi della redditività generata dalle varie Business Unit ponderata per il rischio cui l attività delle stesse è esposta (es. RAROC) pag 3

4 Il modello di Pianificazione e Controllo in ottica Value Based Management prevede l individuazione ed il controllo degli obiettivi di valore assegnati alle Business Unit in cui le banche sono articolate Pianificazione Strategica Piani Strategici Pluriennali Obiettivi Indicatori Tradizionali Redditività patrimonializzazione efficienza operativa Definizione B.U. RETAIL CORPORATE PRIVATE CAPITALE NOPAT ALLOCATO INVESTMENT BANKING ASSET MGMT LEASING Pianificazione Operativa Budget Rischio/Capitale Valore MERCHANT BANKING BANCA ASSURANCE... Monitoraggio Scostamenti (Analisi del rischio-rendimento e creazione del valore) pag 4

5 Un modello di governo aziendale incentrato sul concetto di creazione di valore consente una maggiore coesione tra le strutture della banca e definisce un insieme di informazioni più completo rispetto ai modelli tradizionali Collega in modo attivo le componenti operative della banca siano esse intese come Business Unit o entità giuridiche a sé stanti 1 Modello di Pianificazione e Controllo in ottica Value Based Management 5 Fornisce uno strumento di governo in grado di soddisfare le istanze e gli obblighi provenienti dalle Autorità di vigilanza 2 Affianca alle logiche di controllo contabile quelle del controllo gestionale 3 Garantisce una visione integrata del rendimento e del rischio che caratterizza le diverse aree di affari 4 Permette di orientare correttamente le scelte di pianificazione strategica e di capital budgeting, massimizzando il valore della banca per gli azionisti pag 5

6 Definite le macro relazioni, la successiva fase di analisi concerne le regole e le tecniche per la determinazione delle performance di ogni business unit CONTO ECONOMICO BUSINESS UNIT Margine di interesse La Business Unit è assimilabile ad una piccola azienda autonoma che tendenzialmente deve garantire un ritorno sul capitale superiore al costo opportunità del capitale da essa utilizzato + Margine da servizi Margine di intermediazione - Costi diretti Margine di contribuzione lordo - Costi indiretti Risultato di gestione Il Conto Economico per Business Unit costituisce la base di riferimento per tutti gli indicatori di rischio/rendimento pag 6

7 Il sistema di indicatori di performance deve: fornire informazioni economico - finanziarie, di efficienza, di rischio, di rischio/rendimento e di valore articolate su differenti assi di analisi (Organizzazione, Prodotto/Servizio, Canale di acquisizione, Cliente) rendere disponibili, oltre agli indicatori di rischio/rendimento e di valore (RORAC, EVA), anche indicatori efficienza operativa e di efficacia commerciale permettere la comprensione delle relazioni esistenti tra gli indicatori di performance obiettivo e le leve operative disponibili a livello di Gruppo e di Business Unit fornire un quadro di sintesi adattabile all evoluzione del business e della struttura organizzativa, in grado di focalizzare di volta in volta gli indicatori percepiti come più significativi sulla base degli obiettivi strategici pag 7

8 I principali indicatori L analisi delle performance è basata su un insieme di indicatori che, partendo dalle misure di performance tradizionalmente monitorate, vi associano la misurazione del livello di rischio che la Banca è disposta a correre per raggiungere quei livelli desiderati di performance: Indicatori di volumi / di redditività Indicatori di efficienza, efficacia e concentrazione Indicatori di rischio Indicatori di rischio/rendimento Indicatori di valore Raccolta/Impieghi Risparmio gestito/raccolta indiretta Margine da servizi/margine di Intermediazione Commissioni nette/margine da Servizi ROE Costi operativi su margine di intermediazione Masse intermediate/numero dipendenti Capitale assorbito/capitale allocato Margine di intermediaz.per classi di clientela/margine di intermediaz. VaR Capitale allocato Capitale assorbito Capitale assorbito da requisiti di Vigilanza Sofferenze/Impieghi Incagli/Impieghi Concentrazione Crediti Distribuzione Crediti RORAC EVA MVA RETAIL CORPORATE PRIVATE INVESTMENT BANKING ASSET MANAGEMENT.. Le cinque macroclassi di indicatori trovano applicazione in ciascuna business unit in relazione alla specifica attività svolta pag 8

9 I principali indicatori L albero degli indicatori proposto raggruppa in ottica VBM le informazioni tipiche di un Tableau de Bord direzionale ed introduce inoltre ulteriori tipologie di dati: Indicatori di di efficacia CLIENTI come ci vedono i nostri clienti? Commerciale - indicatori di efficacia Indice di retention, cross selling Canali alternativi- indici di utilizzo Tempi di attesa per canale INDICATORI FINANZIARI come ci vedono i nostri azionisti? Redditività e costi Masse e tassi Rischi (di mercato e di credito) e capitale assorbito Quote di mercato e concorrenza. VISIONE e STRATEGIA INNOVAZIONE/ APPRENDIMENTO come possiamo innovarci e crescere Nuovi prodotti erogati Nuovi servizi su canali innovativi Nuove iniziative commerciali Progetti strategici Livello di competenze, ore annuali di formazione/dipendenti Indicatori di di volumi // di di redditività Indicatori di di Rischio Indicatori di di concentrazione PROCESSI INTERNI DI BUSINESS in che cosa e come dobbiamo eccellere? Commerciale Risorse rete/sportelli, Risorse commerciali/dipendenti Back Office Indicatori di Produttività Indicatori di gestione del risparmio Risorse umane Indicatori di di efficacia Indicatori di di efficienza La reportistica viene rielaborata in relazione alle diverse modalità di aggregazione delle informazioni ed ha per oggetto le singole business unit e non solo le Società Giuridiche pag 9

10 I valori espressi nei conti economici e nei prospetti sul capitale assorbito delle singole Business Unit rappresentano il punto di partenza per la determinazione degli indicatori di performance CONTO ECONOMICO CAPITALE ASSORBITO Margine di interesse + Margine da servizi Margine di intermediazione - Costi diretti Margine di contribuzione lordo - Costi indiretti Risultato di gestione Capitale a rischio di trasformazione di mercato di credito Altri rischi operativi + Capitale di funzionamento Totale Capitale Assorbito INDICATORI DI PERFORMANCE Redditività Rischio Rischio/Rendimento Valore ROE VaR ( Value at Risk) RORAC (Return on Risk Adjusted Capital) EVA (Economic Value Added) MVA (Market Value Added) pag 10

11 Economic Value Added L EVA si basa sul concetto di profitto economico che è pari a ciò che residua una volta che il costo del capitale è stato sottratto dal reddito EVA NOPAT (Net (Net Operating Profit Profit After After Taxes) Taxes) Costo del Capitale pag 11

12 Economic Value Added L EVA si basa sul concetto di profitto economico che è pari a ciò che residua una volta che il costo del capitale è stato sottratto dal reddito EVA = NOPAT - Costo del Capitale pag 12

13 Composizione del Costo del Capitale Costo del capitale Il costo del capitale impiegato è una media ponderata dei costi delle poste di debito subordinato e delle poste Equity ed Equity Equivalent Capitale di Debito Capitale a Rischio o Equity Capital Interessi passivi a remunerazione dei prestiti subordinati (costo medio ponderato dei debiti in essere detratti i vantaggi fiscali) I ricavi devono remunerare i rischi legati al business della Banca ed essere comparabili ad altre opportunità di investimento Costo del Capitale = Costo medio ponderato del capitale impiegato X Capitale Assorbito pag 13

14 Per definire il Costo opportunità del Capitale a Rischio è possibile utilizzare il Capital Asset Pricing Model (CAPM) che mette in relazione la remunerazione attesa per un particolare investimento (capitale) e la remunerazione media garantita dal mercato. Il CAPM definisce il premio al rischio basandosi su serie storiche di dati Costo Opportunità del Capitale = Tasso Risk Free+ β (Risk Premium) Beta rappresenta la correlazione tra l investimento ed il mercato ed indica quanto strettamente il titolo azionario segue le fluttuazioni del mercato (R m -R rf ) dove R m = ritorni medi di mercato. Premio al Rischio pari all eccedenza della remunerazione del mercato (o relativa ad uno specifico titolo) rispetto al tasso risk free pag 14

15 Il Market Value Added (MVA) corrisponde alla differenza tra il valore di mercato e il valore di libro del Patrimonio Market Value Added EVA Anno 1 EVA Anno 2 EVA Anno 3 EVA Anno n Valore Valore di di Mercato Mercato della della Banca Banca Valore di di libro della Banca In via teorica, MVA è pari al valore attuale netto di tutti gli EVA futuri della banca. Di fatto l MVA è una grandezza osservabile empiricamente dai dati di mercato e di bilancio pag 15

16 Return on Risk-Adjusted Capital RORAC = NOPAT / Capitale Assorbito pag 16

17 La determinazione dell EVA e del RORAC a livello di business unit permette di sintetizzare il profilo rischio/rendimento adottato e l effettiva creazione di valore ESEMPLIFICATIVO = 1 / = 2 * 4 6 = 1-5 Business Unit NOPAT Capitale assorbito RORAC % Costo del Cap. (%) Costo del Capitale EVA BU ,0% 10% BU ,0% 10% BU ,0% 10% 10-5 BU ,0% 10% ,0% 10% Totale Banca (*) +17,9% 10% (*) Per semplicità pari alla somma dei capitali assorbiti dalle singole BU pag 17

18 La Pianificazione e Controllo e le Unità di Controllo utilizzano la stessa base informativa e le stesse metodologie per la determinazione del sistema di indicatori, ma con livelli e finalità di analisi differenti: Adozione di: metodologie/strumenti per la valutazione del rischio-rendimento comuni e condivise tra i differenti livelli organizzativi una base dati che rispetti i requisiti di consistenza, affidabilità e completezza nonché flessibilità nella costruzione di nuove viste e nella produzione della reportistica La Pianificazione e Controllo utilizza gli strumenti di monitoraggio delle performance e dei rischi per il consolidamento delle informazioni di sintesi delle singole BU a livello di Gruppo e per esigenze di controllo di carattere specifico L Unità di Controllo dispone di un set di informazioni tarato sulle esigenze specifiche della BU al fine di monitorare il rischio/rendimento e il capitale assorbito a livello complessivo e per singola linea di business e supportare il responsabile della BU nell attività di governo ed indirizzo della stessa pag 18

19 Le diverse tipologie di indicatori possono essere inquadrate nell ambito di un albero che evidenzia le relazioni tra le variabili monitorate per ciascuna BU a livello di Pianificazione e Controllo: MVA SP, C/E di BU MARGINE INTERESSE EVA NOPAT Rettifiche per Nopat RISULTATO DI GESTIONE Rettifiche per Utile Netto UTILE NETTO MARGINE SERVIZI COSTI INDIRETTI Indicatori di volumi / di redditività Indicatori di efficienza, efficacia e concentrazione RORAC COSTI DIRETTI ROE PATRIMONIO NETTO CAPITALE ASSORBITO/ ALLOCATO CAPITALE A RISCHIO CAP. FUNZIONAMENTO COSTO DEL CAPITALE Altri indicatori di rischio Obiettivi di performance pag 19

20 A livello di singola BU, le Unità di Controllo completano l analisi affiancando alle tipologie di indicatori già evidenziate informazioni di efficacia commerciale. Business Unit Indicatori di efficacia commerciale RETAIL CORPORATE PRIVATE INVESTMENT BANKING Numero clienti, indice acquisizione clienti, indice di ritenzione clienti, indice cross selling, numero nuovi prodotti erogati, numero iniziative commerciali, indice di redemption (n contatti di successo/n contatti effettuati) Numero clienti, indice acquisizione clienti, indice di ritenzione clienti, indice cross selling, numero nuovi prodotti erogati, numero iniziative commerciali, indice di redemption (n contatti di successo/n contatti effettuati) Numero clienti, indice acquisizione clienti, indice di ritenzione clienti, indice cross selling, numero nuovi prodotti erogati Numero clienti, numero nuovi prodotti erogati, Quote di mercato ASSET MANAGEMENT Numero clienti, numero nuovi prodotti erogati, Quote di mercato pag 20

21 e informazioni statistiche utili per comprendere il posizionamento sul mercato BU RETAIL Indicatori statistici n conti correnti, n e controvalore certificati di deposito collocati, n e controvalore prestiti obbligazionari, n e controvalore finanziamenti erogati, n Carte di Debito e di Credito, n Dossier Titoli, n contratti Fondi, n contratti GPF, n Collegamenti POS, n collegamenti Home banking/remote banking, Servizi Transazionali (Numero operazioni conti correnti, effetti presentati, bonifici, ), Numero e controvalore operazioni di compravendita titoli CORPORATE PRIVATE INVESTMENT BANKING ASSET MANAGEMENT n conti correnti, n e controvalore finanziamenti erogati, n e controvalore operazioni leasing, n e controvalore operazioni factoring, n Carte di Debito e di Credito, n Dossier Titoli, n contratti Fondi, n contratti GPF, Numero e controvalore operazioni di compravendita titoli, n Collegamenti POS, n collegamenti Home banking/remote banking, Servizi Transazionali (Numero operazioni conti correnti, effetti presentati, bonifici, ) n conti correnti, n Carte di Debito e di Credito, n Dossier Titoli, n contratti Fondi, n contratti GPF, n contratti GPM, Servizi Transazionali (Numero operazioni conti correnti, bonifici, utenze, ), Numero e controvalore operazioni di compravendita titoli n partecipazione a prestiti sindacati, n partecipazioni ad operazioni di M&A e Advisory, n consulenze alla quotazione, n collocamenti (Equity e Debt Capital Market), Volumi intermediati su mercato secondario n e controvalore sottoscrizioni fondi e GPF per canale di vendita, n e controvalore riscatti fondi e GPF per canale di vendita, n contratti Fondi, n contratti GPF, n Fondi e GPF over benchmark Questo livello di analisi viene sviluppato dalla Unità di Controllo, pur essendo la relativa base informativa disponibile per eventuali approfondimenti della Funzione di Pianificazione e Controllo pag 21

22 Le 4 viste logiche di una business unit L analisi delle informazioni deve svilupparsi su quattro viste logiche: organizzazione, canale di acquisizione, prodotto/servizio, cliente. Ad esempio, per la BU Retail: Prodotto/Servizio Prodotti bancari tradizionali (C/C, DR, ) Servizi bancari tradizionali (incassi e pagamenti) Prodotti di credito commerciale (SBF, anticipi import,..) Prodotti di finanziamento (mutui, ) Servizi di intermediazione in titoli Prodotti di gestione del risparmio (Fondi, ) Cliente Retail Organizzazione MASS AFFLUENT POE AREA FILIALE GESTORE PORTAFOGLIO PORTAFOGLIO PORTAFOGLIO Canale di acquisizione FISICO VIRTUALE Sportello Negozio finanziario Promotori Home/Remo te Banking Phone Banking Internet Banking pag 22

23 Per la BU Corporate: Le 4 viste logiche di una business unit Prodotto/Servizio Prodotti di credito commerciale (SBF, anticipi import,..) Prodotti di finanziamento (mutui, factoring, ) Servizi transazionali (incassi e pagamenti) Servizi di intermediazione e gestione rischi Corporate Finance Collocamenti (DCM, ECM,..) Cliente Corporate Organizzazione FATTURATO RAE TERRITORIO AREA CENTRO IMPRESE GESTORE Canale di acquisizione FISICO VIRTUALE Sportello Remote Banking pag 23

24 Per la BU Private: Le 4 viste logiche di una business unit Prodotto/Servizio Prodotti di gestione del Risparmio Servizi di informazione finanziaria Servizi aggiuntivi di consulenza legale, tributaria,.. Altri prodotti tradizionali bancari Cliente Private Organizzazione PRIVATE AREA FILIALE PRIVATE BANKER PATRIMONIO TERRITORIO Canale di acquisizione FISICO VIRTUALE Ufficio Private Phone Banking Internet Banking pag 24

25 Per la BU Investment Banking: Le 4 viste logiche di una business unit Prodotto/Servizio Proprietary Trading (MM, Forex, Equity, Fixed Income, ) Servizi di Brokerage & Sales (tit. azionari, tit. obbligaz., ) Servizi di Corporate Finance (M&A, Loan, Advisory) Servizi di Consulenza e Research (macroeconomica, equity, ) Servizi di gestione portafogli di investimento Cliente Investment Banking Organizzazione Retail CAPTIVE Corpora te Privat e Asset NON CAPTIVE Institutional CORPORAT E FINANCE MERCATO PRIMARIO Portafoglio MERCATO SECONDARI O Portafoglio RICERCA Settore Canale di acquisizione FISICO VIRTUALE pag 25

26 Ad esempio, per la BU Asset Management: Le 4 viste logiche di una business unit Prodotto/Servizio Fondi comuni Fondi di Fondi GPF SICAV Cliente Asset Management Organizzazione CAPTIVE NON CAPTIVE ANIMATORI COMMERCIALE GESTORI Retail Corporat e Private Collocato ri Retail Clientela Istituzionale Canale di acquisizione RETI BANCARIE RETI di PROMOTORI VIRTUALE pag 26

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA

I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA I BISOGNI FINANZIARI DELLA DOMANDA 1 Riferimenti bibliografici Capitolo 12 e capitolo 15 (parti iniziali) 2 I BISOGNI FINANZIARI DEGLI OPERATORI finanziamento investimento consulenza Gestione rischi Il

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii

Indice. Presentazione, di Roberto Ruozi. pag. xiii Presentazione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro europeo: concorrenza e

Dettagli

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA

IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA IL PIANO STRATEGICO DELLA BANCA 1 IL PIANO INDUSTRIALE STRUMENTO DI GOVERNO DELLA STRATEGIA AZIENDALE ORIZZONTE PLURIENNALE OBIETTIVI STRUTTURA E CONTENUTI MODALITA DI COSTRUZIONE E DI LETTURA 2 1 PIANO

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio

Sommario. 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... 6 1.4. Gli strumenti di analisi...

Dettagli

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011

Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 Azimut Holding: Semestrale al 30 giugno 2011 COMUNICATO STAMPA Nel 1H11: Ricavi consolidati: 174,0 milioni di euro (+1,4% sul 1H10) Utile ante imposte: 48,6 milioni di euro (+2,7% sul 1H10) Utile netto

Dettagli

ROAD SHOW 2008 Company Results

ROAD SHOW 2008 Company Results ROAD SHOW 2008 Company Results Milano, 24 marzo 2009 1 Relatori Luca Bronchi Direttore Generale Ugo Borgheresi Investor Relator 2 Agenda Company Highlights 31 Dicembre 2008 Linee Guida Piano Industriale

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS

Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Dal Controllo di Gestione al Value Based Management attraverso IAS Verso il Value Based Management Controllo di Gestione IAS Compliant La nostra soluzione Banking Solutions 2 Il contesto Elevato Livello

Dettagli

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale

1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio. 2. Come impostare l analisi di bilancio. 3. La riclassificazione dello Stato patrimoniale 1. Evoluzione, utilità e limiti dell analisi di bilancio 1.1. Premessa... pag. 3 1.2. L evoluzione dell analisi di bilancio... pag. 3 1.3. Utilità e limiti dell analisi di bilancio... pag. 6 1.4. Gli strumenti

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Introduzione all attività bancaria

Introduzione all attività bancaria Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Introduzione all attività bancaria Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Organizzazione Lezioni nella fascia oraria 16,45-19,00 Ricevimenti

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29

INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5. 3. LA RAI RADIO TELEVISIONE ITALIANA S.p.A. 29 INDICE INTRODUZIONE 1 1. IL VALORE D AZIENDA E LA SUA EVOLUZIONE 5 1.1 Il ruolo dell impresa nella società 5 1.2 Gli Stakeholders 6 1.3 Breve excursus sulla teoria della creazione e diffusione del valore

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO

Le banche LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO ITALIANO Banche Intermediari creditizi non bancari Intermediari della securities industry Assicurazioni LA STRUTTURA DEL SISTEMA FINANZIARIO Fonte Banca d Italia, Relazione

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007

Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Gli indirizzi strategici del PS 2005-2007 Miglioramento efficienza operativa e Incremento redditività Crescita dimensionale attraverso incremento della produttività Incremento della redditività delle singole

Dettagli

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione

SDA Bocconi School of Management. seconda edizione SDA Bocconi School of Management seconda edizione l obiettivo del progetto formativo Creare condivisione, costruire e rafforzare l alleanza tra management della banca e direttori di filiale, fondata sulla

Dettagli

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino

Benvenuti in Banca di San Marino. Welcome to Banca di San Marino Benvenuti in Banca di San Marino Welcome to Banca di San Marino INDICE / CONTENTS LE FILIALI / THE BRANCHES IL GRUPPO / THE GROUP N. Azionisti 1.987 9,87% N. Soci 399 90,13% Cap. Sociale 114.616.800

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

ALLEGATI AL C.I.A. 5.4.2002

ALLEGATI AL C.I.A. 5.4.2002 ALLEGATI AL C.I.A. 5.4.2002 ALLEGATO 1: Elenco delle conoscenze richieste per l attribuzione degli inquadramenti; ALLEGATO 2: Criteri di classificazione delle filiali GESTORE BASE CONOSCENZE TECNICO-OPERATIVE:

Dettagli

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017

BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 COMUNICATO STAMPA BANCA MONTE DEI PASCHI DI SIENA: APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2013-2017 Il documento declina le linee strategiche e operative del Piano di Ristrutturazione presentato il 7 ottobre 2013

Dettagli

La pianificazione ed il controllo di gestione di una rete bancaria. Il caso Sanpaolo

La pianificazione ed il controllo di gestione di una rete bancaria. Il caso Sanpaolo Lodi, 24 / 25 Ottobre 2003 10 Convention dei Soci A.P.B. La pianificazione ed il controllo di gestione di una rete bancaria. Il caso Sanpaolo Piero Boccassino Responsabile Controllo di Gestione Direzione

Dettagli

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2

Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 RiViSTA PIANO DI LAVORO Eugenio Astolfi, Lucia Barale & Giovanna Ricci Entriamo in azienda oggi 3 Tomo 2 Tramontana Di seguito presentiamo il Piano di lavoro tratto dai materiali digitali per il docente

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

La strategia finanziaria

La strategia finanziaria La strategia finanziaria Strategie di posizionamento (rivolte all esterno) AZIENDA strategia sociale CONTESTO SOCIALE posizionamento sociale Analisi degli input strategici esterni MERCATI FINANZIARI finanziatori

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Modelli di economicità

Modelli di economicità Modelli di economicità Intermediari orientati alla formazione di un margine di interesse Intermediari orientati alla formazione di un margine da plusvalenze Intermediari orientati alla formazione di un

Dettagli

La realtà di Banca Aletti

La realtà di Banca Aletti CAPIRE CAPIRE E GESTIRE GESTIRE I RISCHI RISCHI FINANZIARI FINANZIARI Sistemi di risk management a confronto: La realtà di Banca Aletti Christian Donati Milano, 7 Novembre 2011 - Sala Convegni S.A.F. SCUOLA

Dettagli

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari

Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari Gli equilibri gestionali degli intermediari finanziari I tre equilibri gestionali Equilibrio reddituale capacità di generare performance positive nel tempo Dipende dalla struttura dei costi e dei ricavi

Dettagli

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014

Progetto Multicanalità Integrata. Contact Unit. Milano, 17 luglio 2014 Progetto Multicanalità Integrata Contact Unit Milano, 17 luglio 2014 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile creazione e distribuzione di valore Aumento della

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank

INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO. al 31 dicembre 2013. Gruppo Bancario Deutsche Bank Deutsche Bank S.p.A. INFORMATIVA AL PUBBLICO STATO PER STATO al 31 dicembre 2013 Gruppo Bancario Deutsche Bank Premessa Al fine di accrescere la fiducia dei cittadini dell Unione Europea nel settore finanziario,

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

COMPANY PROFILE. Maggio 2015

COMPANY PROFILE. Maggio 2015 COMPANY PROFILE Maggio 2015 La Banca in breve Appartenenza ad un gruppo di respiro internazionale Olte 4 miliardi di asset gestiti e amministrati al 31/03/ 15 Banca privata con vocazione di banca personale,

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alla circolare 272/08-5 aggiornamento luglio 2013 PROFILO GESTIONALE: RISCHIOSITA'

Dettagli

19.4. La riserva di elasticità

19.4. La riserva di elasticità INTRODUZIONE ALLA FINANZA 1.OBIETTIVI AZIENDALI E COMPITI DELLA FINANZA, di M. Dallocchio e A. Salvi 1.1. Creazione di valore come idea-guida 1.2. Creazione di valori per l impresa o per gli azionisti?

Dettagli

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006

Star Conference 2006. Milano, 1 Marzo 2006 Star Conference 2006 Milano, 1 Marzo 2006 1 AGENDA IL GRUPPO BANCA FINNAT E LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO Arturo Nattino LE PRINCIPALI GRANDEZZE ECONOMICHE Gian Franco Traverso Guicciardi 2 Il Gruppo Banca

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale

G L O S S A R I O. Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI. segnalazione trimestrale G L O S S A R I O Analitico - Indicatori Gestionali Individuali SISTEMA A 5 INDICATORI segnalazione trimestrale Alineato alle circolari n. 272/08 (5 aggiornamento luglio 2013) e n. 286/2013 (1 aggiornamento

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Giuseppe Rovani Direttore Generale

Giuseppe Rovani Direttore Generale In 40 anni di attività nel private banking, abbiamo consolidato una profonda esperienza nei servizi di investimento ad elevato valore aggiunto, orientati al controllo del rischio ed alla personalizzazione.

Dettagli

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA

Gestione Bancaria-A. a. 2013-2014 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA 1 DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA TRA FORME TECNICHE E FUNZIONI DELLA RACCOLTA DAL PUBBLICO OBIETTIVI, CONDIZIONAMENTI DI CONTESTO E LEVE DELLA GESTIONE DELLA

Dettagli

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza

LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza LA MISURAZIONE DEI COSTI l utilizzo delle informazioni per analisi di redditività ed efficienza Giampiero Censi - Controllo di Gestione, Cassa di Risparmio di Fermo spa ABI: COSTI COSTI & BUSINESS & 2012

Dettagli

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore

Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Analisi dei flussi rilevanti e incentivi alla creazione di valore Capitolo 19 Indice degli argomenti 1. Condizioni per un sano sviluppo

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made

Chi Siamo. Esperienza Ricerca Forte impronta quantitativa Condivisione dei bisogni Soluzioni tailored made Chi Siamo Metodia nasce a Siena nel 2004 da un gruppo di consulenti e ricercatori, professionisti in discipline statistiche ed economiche, già impegnati da diversi anni in collaborazioni con l Università

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento AREA FINANZA DISPENSE FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento L ANALISI DI BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DELLO STATO PATRIMONIALE E DEL CONTO ECONOMICO

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó=

Regolamento del fondo interno A.G. Italian Equity Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= fí~äá~å=bèìáíó= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

LE POLITICHE DI RACCOLTA DELLA BANCA

LE POLITICHE DI RACCOLTA DELLA BANCA LE POLITICHE DI RACCOLTA DELLA BANCA STRUTTURA DELLA LEZIONE DEFINIZIONE E DIFFERENZE ECONOMICHE TRA RACCOLTA DIRETTA E RACCOLTA INDIRETTA FORME TECNICHE, FUNZIONI E ASSICURAZIONE DEI DEPOSITI NELLA RACCOLTA

Dettagli

settembre 13 14 novembre 2013

settembre 13 14 novembre 2013 settembre 13 14 novembre 2013 risultati appendici Semestrale 2013 2 sintesi Margine d'intermediazione (mln) Costi operativi (mln) 710,1 737,2 +3,8% 358,4 392,2 +9,4% 449,8 459,4 +2,1% 141,8 143,6 +1,3%

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore

Indice sistematico. Parte 1 - Valore e valutazione. capitolo 1 - Azienda e valore. capitolo 2 - Avviamento. capitolo 3 - Creazione del valore Indice 5 Parte 1 - Valore e valutazione capitolo 1 - Azienda e valore Valutazioni d azienda: situazione attuale e orientamenti evolutivi...19 Definizione economica di azienda...22 Definizione giuridica

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

La valutazione dell efficienza aziendale ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE La valutazione dell efficienza aziendale EFFICIENZA E LA CAPACITA DI RENDIMENTO O L ATTITUDINE A SVOLGERE UNA DETERMINATA FUNZIONE. E MISURATA DAL RAPPORTO TRA I RISULTATI CONSEGUITI E LE RISORSE IMPIEGATE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Il Bilancio delle Banche L impatto degli IAS nelle valutazioni di fine esercizio 2 Le tipicità delle banche Le valutazioni

Dettagli

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014

Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017. Milano, 25.03.2014 Banca Finnat Euramerica I Risultati Economici al 31.12.2013 Il Piano Industriale 2014-2017 Milano, 25.03.2014 Agenda I Profilo del Gruppo II Dinamica delle attività III Risultati di esercizio al 31.12.2013

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 182 183 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto Economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT

I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT http://www.sinedi.com ARTICOLO 8 GENNAIO 2007 I SISTEMI DI PERFORMANCE MANAGEMENT In uno scenario caratterizzato da una crescente competitività internazionale si avverte sempre di più la necessità di una

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

VALUTAZIONE FINANZIARIA

VALUTAZIONE FINANZIARIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011

Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria. Milano, 23.03.2011 Star Conference 2011 Incontro con la Comunità Finanziaria Milano, 23.03.2011 Presentazione Banca Finnat Dinamica operativa Principali grandezze economiche 2010 Scenario, opportunità e sfide da affrontare

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo

La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo La Business Intelligence a supporto dello sviluppo del business Private Federico Del Prete Responsabile Pianificazione & Controllo La presentazione è stata realizzata da Intesa SanPaolo Private Banking

Dettagli

Click to edit Master title style

Click to edit Master title style Click to edit Master title style Subject Title MASTER STAMP La Governance in Banca Relatori: Andrea Martellone Manager Financial Services F&PM Roberto Silva Senior Consultant Financial Services F&PM Facoltà

Dettagli

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP»

PIANO STRATEGICO «BANCA START UP» UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA Dipartimento di Economia Cattedra Strategia e Organizzazione degli Intermediari Finanziari Prof. Stefano Dell Atti Relazione di Tommaso Gozzetti Presidente di Imprebanca

Dettagli

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29

Capitolo 1 Il sistema finanziario e il sistema reale 3. Capitolo 2 I saldi finanziari settoriali e l intermediazione finanziaria 29 00.romaneNadotti:Layout 1 25-09-2009 15:15 Pagina vi Gli Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore In questo volume... Il sito xiii xiv xvi xvii xxiii PARTE I Concetti fondamentali Capitolo 1 Il sistema

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Approvati risultati al 30 settembre 2015

Approvati risultati al 30 settembre 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati risultati al 30 settembre 2015 Risultati record nei primi nove mesi, con il miglior trimestre di sempre Utile netto: 148,8 milioni ( 109,3 milioni al 30 settembre 2014, +36,2%)

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

la finanza senza sorprese

la finanza senza sorprese ap equity asset allocation interest rate options risk management alth management dcf advisory etc value at risk commodities rrencies hedging covered bond benchmark fed funds fair value igation alternative

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico Informativa al pubblico Terzo pilastro di Basilea 2 al 31 dicembre 2009 Le disposizioni emanate dalla Banca d Italia in applicazione della normativa europea in materia di Convergenza internazionale della

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business

Consulenza Direzionale www.kvalue.net. Presentazione Società. Key Value for high performance business Key Value for high performance business Consulenza Direzionale www.kvalue.net KValue Srl Via E. Fermi 11-36100 Vicenza Tel/Fax 0444 149 67 11 info@kvalue.net Presentazione Società L approccio KValue KValue

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it

Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Il credito finalizzato nella strategia di un primario Gruppo Creditizio - Consum.it Roma, 26 Febbraio 2002 Sommario Strategia Gruppo MPS Situazione antecedente la costituzione di Consum.it Perché nasce

Dettagli

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO

IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO IL COSTO DEL RISCHIO DI CREDITO: IL PUNTO DD DI VISTA DEL CEO Luca Majocchi Credito Italiano Convegno annuale APB Vicenza, 23 giugno 2000 (1) OBIETTIVO Condividere alcuni spunti di riflessione sulla prospettiva

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Fondi aperti Caratteri

Fondi aperti Caratteri Fondi aperti Caratteri Patrimonio variabile Quota valorizzata giornalmente in base al net asset value (Nav) Investimento in valori mobiliari prevalentemente quotati Divieti e limiti all attività d investimento

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Approvati i risultati al 31 marzo 2015

Approvati i risultati al 31 marzo 2015 COMUNICATO STAMPA Approvati i risultati al 31 marzo 2015 UTILE NETTO: 47,8 milioni ( 36,9 milioni al 31 marzo 2014, +29,4%) Ricavi totali: 137 milioni ( 113 milioni al 31 marzo 2014, +20,9%) Cost/Income

Dettagli

La società, le competenze, i numeri.

La società, le competenze, i numeri. La società, le competenze, i numeri. Eurizon Capital Architettura multi societaria Eurizon Capital SGR Eurizon Capital appartiene al Gruppo Intesa Sanpaolo. È specializzata nella gestione degli investimenti

Dettagli

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè

21 Ottobre 2014. Gli attori della finanza Andrea Nascè 21 Ottobre 2014 Gli attori della finanza Andrea Nascè Argomenti Classificazione degli attori e mappa ideale degli attori Focus su: 1. L investimento ad opera dei 2. Il finanziamento ad opera delle IMPRESE

Dettagli

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca

Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Consiglio di Sorveglianza Consiglio di Gestione Mediobanca Milano, 7 marzo 2008 Approvato il Piano 2009-2011 del Gruppo Mediobanca p Crescita trainata da nuove iniziative strategiche: Posizionamento europeo

Dettagli

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private

Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private Innovazione e asset allocation comportamentale: la segmentazione del cliente private L incrocio tra clusterizzazione e approccio di finanza comportamentale Il delegatore impegnato Informato di finanza

Dettagli

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente

La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente La gestione commerciale del rating Da sentenza a strumento di miglioramento della relazione con il cliente Dott. Antonio Muto Vice Direttore Generale Banca di Roma 23 gennaio 2007 Agenda Basilea II e la

Dettagli

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered

Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Metodo DCF (Discounted cash flow): i flussi di cassa prospettici levered e unlevered Premessa Il metodo DCF Come noto il metodo DCF (Discounted cash flow) si è affermato da tempo, soprattutto nella prassi

Dettagli

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012

GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 COMUNICATO STAMPA GRUPPO MEDIOLANUM Risultati 1 semestre 2012 UTILE NETTO: Euro 217,5 milioni, +125% MASSE AMMINISTRATE: Euro 49,1 miliardi, +5% RACCOLTA NETTA BANCA MEDIOLANUM: Euro 1.760 milioni CARLO

Dettagli