Gender diversity e corporate governance dopo la legge Golfo-Mosca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gender diversity e corporate governance dopo la legge Golfo-Mosca"

Transcript

1 a cura di simona cuomo e adele mapelli Gender diversity e corporate governance dopo la legge Golfo-Mosca Il focus si è spostato dal perché non ci sono donne nei CdA al come portare le donne giuste nei CdA: occorre lavorare affinché le aziende italiane cerchino nel consigliere di amministrazione competenze, qualità ed esperienza e affinché le donne eccellenti e preparate si rendano più visibili e raggiungibili. L iniziativa Ready-for-board Women ha cercato di lavorare su entrambi i fronti, mantenendo alto il focus sui temi del merito, che deve essere la chiave di lettura di questa incredibile opportunità. Simona Cuomo Adele Mapelli π Premessa 28 giugno 2011: a due anni dalla presentazione della prima proposta di legge a firma Lella Golfo è giunto al punto d arrivo l iter del DDL sull introduzione delle quote di genere nella composizione dei consigli di amministrazione e dei collegi sindacali delle società quotate e pubbliche. Il testo di legge, modificato al Senato rispetto a quello approvato nel dicembre scorso alla Camera, prevede che, al primo rinnovo dopo dodici mesi dall entrata in vigore della legge, un quinto dei posti dei board e dei collegi sindacali sia riservato al genere meno rappresentato. Al secondo e al terzo rinnovo, invece, si sale a una quota pari a un terzo dei membri dei CdA. La sanzione per le società quotate inadempienti sarà un richiamo della Consob con tempo quattro mesi per adeguarsi. Al termine del periodo, qualora la società non avesse provveduto, è previsto un secondo richiamo della Consob e una multa pecuniaria che arriva fino a un milione di euro per i CdA. Se la quota non sarà rispettata dopo altri tre mesi il board o il collegio sindacale decadrà. L entrata in vigore della legge avverrà a dodici mesi dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, quindi la prossima tornata di assemblee della primavera 2012 non è interessata dalla novità normativa, ma sarà già un occasione per le aziende per andare verso il cambiamento che porterà alla fine dei nove anni, termine della legge, ad avere settecento donne in più nei board rispetto ai numeri attuali e duecento donne nei collegi sindacali. π Ma era proprio necessaria una legge? Difficile rispondere alla domanda. Sicuramente tutti, donne comprese, avrebbero preferito non ricorrere a un intervento legislativo per ottenere una partecipazione paritaria ai vertici delle società; ma, nonostante il tema sia diventato di grande attualità, con un fiorire di convegni, dibattiti, iniziative, la situazione sembra evolversi molto lentamente. Si è quindi reso necessario un provvedimento di rottura per scardinare una situazione consolidata e poco incline al cambiamento, un azione positiva, probabilmente temporanea, che impone alle aziende di garantire una democrazia paritaria: non si tratta di riservare spazi immeritati, ma di aprire il mercato a una competizione meno distorta (Casarico, Profeta 2010). 41

2 Rispetto al 2009 l analisi mostra una situazione non molto difforme: sono diminuite le società senza alcuna donna tra i componenti degli organi sociali (dal 37,7% al 29,9%), insieme a quelle che presentano tra il 10 e il 20% di donne sul totale dei componenti della società (dal 21,7% al 18,6%); viceversa, sono aumentate quelle che presentano meno del 10% di donne e tra il 20 e il 40% (dal 31,7% al 38,3%); solo una rimane la società con più del 40% di componenti femminili. Un analisi ancora più in dettaglio è stata condotta osservando la presenza femminile all interno prima degli organi di gestione (consigli di amministrazione, coneconomia & management Se guardiamo ai dati relativi alla governance, al management aziendale e alla loro evoluzione storica, emerge che i cambiamenti avvenuti sono stati molto lenti e non hanno portato a un equilibrio nella rappresentanza di genere nelle posizioni di decision maker. La forza lavoro è sempre più caratterizzata da donne, ma la loro ascesa ai vertici aziendali è ancora difficile. Un dato per tutti: su componenti degli organi sociali (CdA, consigli di sorveglianza, consigli di gestione e collegi sindacali) delle società quotate in Borsa Italia nel 2011, le donne sono 317, vale a dire il 7,4%, percentuale in linea con il trend degli ultimi due anni. figura 1 componenti degli organi sociali delle società quotate al 1 gennaio 2011, per genere TOTALE COMPONENTI ORGANI SOCIALI: a. Organi di gestione b. Organi di controllo c. Direzione generale Nel 2009: Nel 2010: Oggi: UOMINI: Nel 2009: (93,1%) Nel 2010: (92,4%) Oggi: (92,6%) DONNE: Nel 2009: 307 (6,9%) Nel 2010: 332 (7,6%) Oggi: 317 (7,4%) tabella 1 presenza di donne negli organi sociali delle società quotate al 1 gennaio 2011 Presenza femminile N. società 2009 N. società oggi % società 2009 % società oggi Nessuna donna ,9 < del 10% di donne ,7 38,3 10%-20% di donne ,7 18,6 20%-30% di donne ,1 10,6 30%-40% di donne ,2 > del 40% di donne 1 1 0,4 0,4 TOTALE ,0 100,0 fonte: dati consob, rielaborati dall osservatorio diversity management della sda bocconi 42

3 1. EPWN è un associazione internazionale fondata nel 1996 con l obiettivo di promuovere la crescita professionale delle donne lungo tutte le fasi della carriera, promuovere percorsi professionali innovativi, incoraggiare le aziende a riconoscere la necessità di approcci al management differenti, aumentare la visibilità delle donne nell ambito economico. tabella 2 presenza di donne nei cda, cdg e cds delle società quotate al 1 gennaio 2011 Presenza femminile N. società oggi % società oggi Nessuna donna % 1 donna 98 36% 2 donne 35 13% 3 o più donne 6 2% TOTALE % fonte: dati consob, rielaborati dall osservatorio diversity management della sda bocconi tabella 3 presenza di donne nei collegi sindacali delle società quotate al 1 gennaio 2011 Presenza femminile N. società oggi % società oggi Nessuna donna % 1 donna 81 31% 2 donne 24 9% 3 o più donne 3 1% TOTALE % fonte: dati consob, rielaborati dall osservatorio diversity management della sda bocconi sigli di gestione e consigli di sorveglianza) e poi all interno dei collegi sindacali. Su 274, 135 sono le società in cui non è presente neanche una donna nei CdA, CdG e Quote di genere al 30% nei CdA entro il 2015: il guanto di sfida è stato lanciato dal commissario europeo alla Giustizia V. Reding CdS; ancora più marcata è l assenza delle donne nei collegi sindacali: ben 154, su un totale di 263 aziende, sono quelli tutti al maschile. π Cosa accade nel resto d Europa? Il rapporto biennale Board Women Monitor (2010), stilato dall European Professional Women s Network (EPWN) 1 in collaborazione con la società di head hunting Russell Reynolds Associates, prende in esame le 334 maggiori società in Europa e mostra come la percentuale di donne nei CdA delle società europee sia passata dall 8,5% del 2006 al 9,7% del 2008 e all 11,7% nel Ma l Unione Europea chiede il 30% di quote di genere nei consigli di amministrazione entro il 2015: il guanto di sfida è stato lanciato dal commissario europeo alla Giustizia Viviane Reding, che ha proposto alle società quotate e a partecipazione pubblica di impegnarsi ad aumentare la presenza femminile nei CdA del 30% entro il 2015 e del 40% entro il

4 In Norvegia le quote di genere sono già legge dal 2006 e due anni dopo l obiettivo del 40% era già stato raggiunto. Nel 2007 è stata la volta della Spagna, che ha fissato il target del 40% per il 2015, mentre in gennaio il parlamento francese, con il supporto anche della Confindustria locale, ha votato a favore della nuova norma che obbliga le società quotate a raggiungere dal 12% attuale il 20% entro il 2014 e il 40% entro inizio In Finlandia la svolta è arrivata il 1 gennaio 2010, quando è entrato in vigore il nuovo codice di corporate governance che prevede almeno una donna in ogni CdA, mentre le aziende statali hanno avuto l obbligo della rappresentanza al 40% nel triennio In Germania le società del Dax30 hanno l obiettivo di raggiungere entro il 2013 il 30%, stessa soglia cui dovrebbero arrivare volontariamente tutte le società tedesche quotate entro il 2018 per evitare un imposizione per legge. In UK il consulente del governo Lord Davies of Abersoch ha suggerito che le società del FTSE100 arrivino al 25% di presenze femminili nei board entro il Esperienze quindi molto diverse caratterizzano oggi i paesi europei, tutte però caratterizzate da un unico obiettivo: incrementare la presenza femminile nei luoghi di potere. La legge Golfo-Mosca, dunque, riporta il paese al passo con quanto sta avvenendo nel resto d Europa. π Perché ci sono poche donne nei board? Un tema che viene affrontato in molte recenti ricerche che si occupano di determinare quali variabili influenzano l efficacia di un board è l analisi della presenza (o, meglio, assenza) di consiglieri donne (Farrell, Hersch 2005). Differenti sono le motivazioni portate dagli studi: una di queste è da rintracciare nel fenomeno dell interlocking, vale a dire nel rapporto che lega due aziende quando un amministratore fa parte del consiglio di amministrazione di entrambe. Drago, Polo e Santella (2007) mostrano come nel periodo la grande maggioranza delle società italiane quotate sia stata collegata in un unica rete attraverso una piccola minoranza di amministratori. Un gruppo figura 2 la presenza femminile nei board in dieci paesi europei 50% 44,2% 45% 40% 37,9% 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Norvegia 26,9% 28,2% Svezia ,5% 13,5% Regno Unito fonte: european pwn board women monitor 2008, ,6% 11,9% 6,6% 11% 6% 10,2% 8,8% 6,6% 7,8% 8,5% Francia Spagna Grecia Svizzera Germania Italia Portogallo 2,1% 3,9% 0,8% 3,4% 44

5 molto stabile nel tempo e con componenti spesso appartenenti alle stesse famiglie. Sembra dunque esistere un gruppo ristretto di Lord che ricoprono le cariche di presidente o amministratore delegato, che tendono a ricoprire tale categoria a La grande maggioranza delle società italiane quotate è collegata in un unica rete attraverso una piccola minoranza di amministratori vita e ad a essere sostituiti dai propri figli. La presenza di un old boy network (Leighton, Thain 1993) è quindi una delle caratteristiche che genera all interno del consiglio un meccanismo di cooptazione e di dipendenza dei consiglieri dallo stesso network. A questo si aggiunge che i processi di selezione dei board avvengono in modo del tutto informale senza regole codificate, e senza soprattutto far riferimento ai sistemi di competenze necessarie a garantire un buon livello di funzionamento del board in funzione delle strategie dell impresa, del mercato di riferimento, del ciclo di vita dell impresa e del mercato medesimo. Il consiglio di amministrazione, per tutte queste motivazioni, mostra una struttura assimilabile a un club, in cui si entra solo se si appartiene a una stretta cerchia di Lord, di old boy network appunto. È chiaro quindi che le azioni di chi abita il club esprimano la sommatoria delle relazioni del gruppo, che evidentemente non intravede un vantaggio a estendere l accesso a un ampio ventaglio di persone, tra cui le donne. Una recente ricerca (Burke, Mattis 2000) sottolinea che CEO e Board Chairman sono fondamentali per la nomina di donne, ma di pari importanza è il network di contatti informali. L importanza del network che genera cooptazione è condizione necessaria per accedere ai board; ma nel network si entra solo se si è in quel sistema di relazioni, e quindi si innesta un circolo vizioso di protezione reciproca di una cerchia ristretta. Ulteriori ragioni sono state individuate per spiegare l esiguità del numero di consigliere donne (Burke 1994): la difficoltà nel trovare donne qualificate e una certa riluttanza nello scegliere le donne senza un antecedente esperienza nei board. La prima motivazione è riconducibile alla struttura del mercato del lavoro, dove permane nelle posizioni di top management una bassa presenza femminile (11%): e, dal momento che il ruolo di Director sia executive (o interno alla società) sia non executive (o esterno) è uno dei requisiti fondamentali per essere nominati CEO e/o per accedere ai board, questa strada sembra più difficilmente praticabile per le donne. Il tema della qualificazione, invece, non è riconducibile a evidenze empiriche concrete né esistono studi che sottolineino quali sono gli aspetti per definire cosa si intende per qualificazione quando si fa riferimento a un board member. Quindi si tratta, nell opinione di chi scrive, di un condizionamento legato agli stereotipi che nascono da un sistema di interazioni ristretto, così come si configura attualmente il board. π Perché aumentare la presenza femminile nei board? La questione gender equality non è solo etica e morale: la diversity genera valore così come è stato dimostrato dagli studi che correlano la presenza femminile sul mercato del lavoro e il PIL (Ferrera 2007; 45

6 Casarico, Profeta 2010), gli studi che correlano la diversità nella forza lavoro e i risultati dell impresa (Osservatorio sul Diversity Management 2010) e gli studi che correlano la presenza femminile nel CdA e la performance dell impresa (Smith et al. 2005; Catalyst 2007; Adams, Ferreira 2008; Campbell et al. 2008; McKinsey & Company 2010). Gli elementi più spesso evidenziati come rilevanti nel determinare il legame tra presenza femminile nei CdA e performance dell impresa sono riconducibili ad aree di eccellenza dello stile di direzione femminile: l attenzione alle persone, la gestione delle relazioni con gli interlocutori sia interni sia esterni, la prevenzione e la gestione dei conflitti, la condivisione delle decisioni, la minor propensione al rischio (McKinsey & Company 2008). Queste considerazioni si inseriscono nel filone di ipotesi che giustificano, al di là del genere, una correlazione positiva tra performance e composizione eterogenea (genere, età e formazione degli amministratori) del CdA. Un CdA eterogeneo prende in considerazione un maggior numero di prospettive nell affrontare una decisione, anche se la tendenza a considerare più punti di vista in fase decisionale potrebbe portare a un eccessivo rallentamento del processo di scelta, o ad un eccessiva conflittualità. L eterogeneità sembra essere associata a un aumento della creatività e dell innovazione del board, aspetti che possono influenzare positivamente l immagine dell impresa e rappresentare uno stimolo alla competizione positiva tra i lavoratori all interno dell azienda. L eterogeneità testimonia nei fatti la possibilità di raggiungere i vertici aziendali indipendentemente dal genere o da altre caratteristiche personali. I dati mostrano che consigli eterogenei assicurerebbero infine un maggiore confronto, nonché l introduzione e il coinvolgimento di attitudini e di sensibilità diverse, che possono portare all attenzione del CdA questioni che altrimenti non sarebbero dibattute. Sempre in tale prospettiva, i recenti dati sui fallimenti confermano come di fronte Di fronte alla crisi, le aziende con una presenza di donne nel CdA hanno resistito meglio di quelle in cui il board era completamente maschile alla crisi, che ha generato una netta impennata delle insolvenze, le aziende con una presenza di donne nel CdA abbiano resistito meglio di quelle in cui il board era completamente maschile (Cerved Group 2010). π La legge c è. Cosa fare ora? Il progetto Ready-for-board Women (a cura di Monica Pesce, presidente di PWA Milan) Quando, nel 2008, abbiamo cominciato a progettare l iniziativa Ready-for-board Women in collaborazione con l Osservatorio Diversity Management della SDA Bocconi l idea di una legge sulle quote di genere era quanto di più irraggiungibile e remoto si potesse immaginare. Il progetto nasce con l obiettivo di scardinare una delle più radicate convinzioni che giustificano la mancanza di donne nei consigli di amministrazione: non ci sono abbastanza donne qualificate per entrare in un consiglio. Lo scopo pertanto è scovare le tante donne eccellenti ma poco visibili che potrebbero contribuire e apportare valore ai nostri consigli di amministrazione. 46

7 Essendo tutto il progetto costruito attorno ai concetti di merito ed eccellenza, abbiamo coinvolto i principali executive searcher operanti sul mercato italiano (Eric Salmon & Partners, Heidrick & Struggles, Key2 - people and Korn Ferry International per la prima edizione e Spencer Stuart e Key2people per la seconda) e insieme a loro abbiamo definito il profilo ideale (e gender neutral) del consigliere di amministrazione, che è stato quindi utilizzato per lo screening delle candidature. I profili sono stati raccolti attraverso i database degli executive searcher, le segnalazioni di molti vicini alla nostra iniziativa, il contributo di importanti associazioni quali AIFI, Bocconi Alumni Association, Federmanager, Manageritalia e Valore D e le tante autocandidature. La prima edizione, presentata nel 2009, ha proposto 72 profili di donne eccellenti e qualificate; la seconda edizione ci ha consentito di incrementare il numero a 165 e oggi cominciamo a lavorare per la realizzazione della terza edizione, prevista per i primi mesi del Oggi la legge è stata approvata, le aziende italiane e le donne si trovano di fronte a un bivio: da un lato la strada tradizionale delle relazioni e delle lobby, in cui a prevalere sono logiche di mantenimento del controllo e la ricerca del consigliere comodo e accomodante, dall altro la strada più complicata della ricerca del profilo giusto, che richiede investimento di tempo e risorse. L iniziativa Ready-for-board Women in questo contesto si mette al servizio delle aziende, dando visibilità alle molte donne eccellenti che potrebbero efficacemente entrare a far parte di un board. Ovviamente una lista non è risolutiva e sicuramente il coinvolgimento all interno di un consiglio è fondato non solo sulla qualità del profilo e delle esperienze ma anche sulla conoscenza diretta e personale del candidato, tuttavia rappresenta uno strumento che quantomeno permette alle aziende di identificare le potenziali candidate da contattare e incontrare. A questo aggiungiamo gli eventi che con regolarità vengono organizzati in collaborazione con l Osservatorio Diversity Management della SDA Bocconi e che offrono la possibilità di incontrare queste donne eccellenti. Oggi il focus si è spostato dal perché (non ci sono donne nei CdA) al come portare le donne giuste nei CdA: occorre dunque lavorare affinché le aziende italiane cerchino nel consigliere di amministrazione competenze, qualità ed esperienza e affinché le donne eccellenti e preparate si rendano più visibili e raggiungibili. La nostra iniziativa ha cercato di lavorare su entrambi i fronti, mantenendo alto il focus sui temi del merito, che a nostro avviso deve essere la chiave di lettura di questa incredibile opportunità rappresentata dalla legge sulle quote di genere. π 47

8 π Riferimenti bibliografici Adams R.B., Ferreira D. (2008), Women in the Boardroom and Their Impact on Governance and Performance, Working Paper Series (7), CEI - Centre for Economic Institutions. Burke R.J., Mattis M. (2000), Women on Corporate Boards of Directors: Where Do We Go from Here?, in Women on Corporate Boards: International Challenges and Opportunities, Kluwer, Dordrecht, pp Burke R.J. (1994), Women on Corporate Boards of Directors: Views of Canadian Chief Executive Officers, Women in Management Review, vol. 9, n. 5, pp Cerved Group (2010), Le donne al vertice delle imprese. I rapporti Cerved sulle imprese italiane. D Ascenzo M. (2011), Fatti più in là, Il Sole 24 Ore, Milano. Farrell K.A., Hersch P.L. (2005), Additions to Corporate Boards: The Effect of Gender, Journal of Corporate Finance, vol. 11, pp Ferrera M. (2008), Il fattore D: perché il lavoro delle donne farà crescere l Italia, Mondadori, Milano. Leighton D., Thain D. (1993), Selecting New Directors, Business Quarterly, 57, pp Campbell K., Mínguez-Vera A. (2008), Gender Diversity in the Boardroom and Firm Financial Performance, Journal of Business Ethics, 83 (3), pp Casarico A., Profeta P. (2010), Donne in attesa, Egea, Milano. Catalyst (2008), Catalyst Census of Women Board Directors of the Fortune 500, Catalyst, New York. Catalyst, The Bottom Line (2007), Corporate Performance and Women s Representation on Boards. McKinsey & Company (2008), Woman Matter: Female Leadership, A Competitive Edge for the Future, in Women Matter, secondo rapporto annuale. McKinsey & Company (2010), Woman at the Top of Corporations: Making It Happen, in Women Matter, quarto rapporto annuale. Smith N., Smith V., Verner M. (2005), Do Women in Top Management Affect Firm Performance? A Panel Study of 2500 Danish Firms, Discussion paper, Centre for Industrial Economics, Department of Economics, University of Copenhagen. 48

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES

Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Università Commerciale Luigi Bocconi Econpubblica Centre for Research on the Public Sector SHORT NOTES SERIES Donne al vertice delle imprese e azioni positive: Una sintesi Alessandra Casarico, Paola Profeta,

Dettagli

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011

CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione in chiave di genere della Legge 120/2011 LA PRESENZA DELLE DONNE NEI CDA Misurazioni Qualiquantitative 26 marzo 2015 Torino Consiglio Regionale del Piemonte CdA in Italia: presenza femminile nelle società pubbliche. Le potenzialità di una valutazione

Dettagli

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013 Il contesto Le donne sono sotto-rappresentate nei processi decisionali in Europa. In Italia il fenomeno è particolarmente accentuato Nonostante ciò, l Italia

Dettagli

READY-FOR-BOARD WOMEN. Criteri di valutazione Profili per CdA

READY-FOR-BOARD WOMEN. Criteri di valutazione Profili per CdA READY-FOR-BOARD WOMEN Criteri di valutazione Profili per CdA Il ruolo del CdA Il ruolo del CdA è di indirizzare e controllare l impresa tutelando gli interessi degli Azionisti e degli Stakeholders Le principali

Dettagli

Uno sguardo comparato sulle quote di genere

Uno sguardo comparato sulle quote di genere Uno sguardo comparato sulle quote di genere Paola Monaco, Ph.D. Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell'interpretazione e della Traduzione GLOBAL GENDER

Dettagli

Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive

Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive Banche, CSR e gender gap: stato dell'arte e prospettive Equilibrio tra vita e lavoro L integrazione della donna nell economia Gianna Zappi CSR Manager ABI Roma, 17 giugno 2011 idee, Associazione delle

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

Simona Cuomo, di Adele SDA Mapelli, Bocconi Chiara Paolino. www.sdabocconi.it/diversity

Simona Cuomo, di Adele SDA Mapelli, Bocconi Chiara Paolino. www.sdabocconi.it/diversity Osservatorio Osservatorio sul Diversity Diversity Management Management Simona Cuomo, di Adele SDA Mapelli, Bocconi Chiara Paolino www.sdabocconi.it/diversity 1 ANNO 2008 2 LE AZIENDE ISCRITTE ACCENTURE

Dettagli

I Consigli di Amministrazione delle società quotate in Italia Trend, Caratteristiche, Background dei Consiglieri

I Consigli di Amministrazione delle società quotate in Italia Trend, Caratteristiche, Background dei Consiglieri I Consigli di Amministrazione delle società quotate in Italia Trend, Caratteristiche, Background dei Consiglieri Enzo De Angelis Partner Spencer Stuart Responsabile Board Services Practice Roma. 21 Novembre

Dettagli

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane

Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane Parte prima 3. Gli assetti proprietari delle imprese italiane 3.1. I modelli capitalistici diffusi nel contesto internazionale 3.2. Il modello di capitalismo italiano 3.1 I modelli capitalistici diffusi

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Il Sistema di controllo interno: gli impatti sulla Governance al femminile. Firenze, 25 Gennaio 2013

Il Sistema di controllo interno: gli impatti sulla Governance al femminile. Firenze, 25 Gennaio 2013 Il Sistema di controllo interno: gli impatti sulla Governance al femminile Firenze, 25 Gennaio 2013 Seconda giornata Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Argomenti Le componenti Ruoli

Dettagli

READY-FOR-BOARD WOMEN - terza edizione - READYFORBOARD.COM: ONLINE IL PORTALE DELLE DONNE QUALIFICATE

READY-FOR-BOARD WOMEN - terza edizione - READYFORBOARD.COM: ONLINE IL PORTALE DELLE DONNE QUALIFICATE Comunicato stampa READY-FOR-BOARD WOMEN - terza edizione - READYFORBOARD.COM: ONLINE IL PORTALE DELLE DONNE QUALIFICATE Milano, 19 luglio 2012. PWA Milan lancia oggi il portale delle Ready-for-Board-Women:

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1719

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1719 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1719 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice GERMONTANI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 LUGLIO 2009 Modifica all articolo 147-ter del testo unico delle

Dettagli

DATI Via Cerva 1, 20122 Milano Numero di telefono: +39 348 4764006 Indirizzo e-mail: gaudiana.giusti@gmail.com; ggiusti@gop.it

DATI Via Cerva 1, 20122 Milano Numero di telefono: +39 348 4764006 Indirizzo e-mail: gaudiana.giusti@gmail.com; ggiusti@gop.it GAUDIANA GIUSTI Gaudiana Giusti e attiva nel settore del corporate finance ed esperta in diritto dei mercati dei capitali, con esperienza in operazioni di sollecitazione all investimento sul mercato primario

Dettagli

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione

Introduzione. di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni. Introduzione di Daniel Pittino, Riccardo Vigan, Alessandro Zattoni Introduzione I compensi dei top manager costituiscono da tempo oggetto di dibattito da parte di addetti ai lavori e opinione pubblica, sia in Europa

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XIII Edizione 2015 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

Women empowerment in Cultural and Economic Institutions

Women empowerment in Cultural and Economic Institutions 16 MARZO 2015 Osservatorio Interuniversitario di Genere, Parità e Pari Opportunità Il nuovo ruolo delle donne: educazione, arte, scienza, economia e politica Women empowerment in Cultural and Economic

Dettagli

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani)

SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio. 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) SOCIETA NON QUOTATE programma di dettaglio 1 MODULO DI 8 ORE Corporate and Governance: contenuti: (Pastorini Ferriani) Obiettivo: Illustrare, anche con dibattito e casi concreti, gli strumenti, le regole

Dettagli

Elementi di Corporate Governance

Elementi di Corporate Governance Elementi di Corporate Governance Direzione d impresa Ing. Marco Greco 9 ottobre 2009 Definizione Il sistema di strutture, processi e meccanismi che regolano il governo dell impresa, ossia la direzione

Dettagli

Finanza per le aziende green

Finanza per le aziende green COMPANY PROFILE Finanza per le aziende green VedoGreen, la società appartenente al Gruppo IR Top specializzata sulla finanza per le aziende green quotate e private, nasce nel 2011 dall ideazione del primo

Dettagli

Italia 2011 Board Index. Osservatorio sui Consigli di Amministrazione delle società quotate Italiane

Italia 2011 Board Index. Osservatorio sui Consigli di Amministrazione delle società quotate Italiane Italia 2011 Board Index Osservatorio sui Consigli di Amministrazione delle società quotate Italiane Indice Executive Summary 1 I Consigli di Amministrazione delle società quotate in Italia: 6 il confronto

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE LA VALUTAZIONE DELL ATTIVITA del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Università Bocconi 30 gennaio 2006 Ordine Dottori Commercialisti 1 IL CUORE, LA MENTE, LA TUTELA Se i manager fanno muovere la macchina organizzativa,

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XII Edizione 2014 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

Governance e Organizzazione una coerenza vincente. Susanna B. Stefani

Governance e Organizzazione una coerenza vincente. Susanna B. Stefani Governance e Organizzazione una coerenza vincente Susanna B. Stefani NUOVE FRONTIERE DELLA CORPORATE GOVERNANCE NYSE BOARD SUMMIT 2014 Richiesta di innalzare la trasparenza Maggior concentrazione del CdA

Dettagli

Corporate Governance - Oltre la compliance

Corporate Governance - Oltre la compliance Corporate Governance - Oltre la compliance Prof. Angelo Riccaboni Corso di Economia e Governo Aziendale Dipartimento di Studi Aziendali e Giuridici riccaboni@unisi.it www.disag.unisi.it Agenda L interesse

Dettagli

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi

Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Governare in periodi di instabilità: Sempre più pressioni sul Comitato controllo e rischi Di Don Wilkinson, Vice-Presidente Deloitte Amministratori, fate un respiro profondo: gli impegni previsti in agenda

Dettagli

Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite

Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite Nuove iniziative per la crescita e lo sviluppo delle PMI italiane: il progetto Elite 12 Dicembre 2012 Denny De Angelis Luca Peyrano 1 Come sarebbe l Italia con 1.000 società quotate Manuela Geranio, Emilia

Dettagli

Starting Neo Dirigenti

Starting Neo Dirigenti Starting Neo Dirigenti In collaborazione con www.cfmt.it STARTING NEO DIRIGENTI La dirigenza: un ponte tra esperienza e futuro La dirigenza è un momento di svolta per la carriera manageriale, nel quale

Dettagli

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia

Eurozona: la moneta unica uscirà rafforzata dalla crisi Grecia Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Nota Stampa Barbara Tagliaferri Irene Longhin Ester Gaiani Ufficio Stampa Deloitte Image Building Image Building Tel:

Dettagli

Il codice di autodisciplina

Il codice di autodisciplina Il codice di autodisciplina Maria-Gaia Soana gaiasoana@gmail.com Argomenti trattati: 1. Il quadro normativo di riferimento 1.1 La hard law 1.2 La normativa secondaria 2. La regolamentazione volontaria

Dettagli

Il mercato della ricerca e selezione in Italia di Matteo Galleri

Il mercato della ricerca e selezione in Italia di Matteo Galleri teorie Il mercato della ricerca e selezione in Italia di Matteo Galleri Il mondo della ricerca e selezione del personale è in crescita. Crescono gli attori e il business sta assumendo contorni sempre più

Dettagli

Statuto. 2. 6 Pari opportunità

Statuto. 2. 6 Pari opportunità Statuto 2. 6 Pari opportunità a) L Ateneo si impegna a garantire il rispetto del principio costituzionale delle pari opportunità nell accesso agli studi, nel reclutamento del personale e nelle progressioni

Dettagli

Il processo d introduzione della corporate governance in Costacurta si è svolto in quattro fasi:

Il processo d introduzione della corporate governance in Costacurta si è svolto in quattro fasi: PRESENTAZIONE DI PIERO MARCHETTINI MANAGING PARTNER DI ADELAIDE CONSULTING CONVEGNO INSEAD BERGAMO 24-25 OTTOBRE 2008 Il processo d introduzione della corporate governance in Costacurta si è svolto in

Dettagli

groups, Administrative Science Quarterly, vol.47 n.2 p.296-324.

groups, Administrative Science Quarterly, vol.47 n.2 p.296-324. brevi appunti dal Festival dell Economia di Trento; verso il Festival per l Economia Interculturale Immaginare il capitale interculturale di Enzo Mario Napolitano La seconda edizione del Festival dell

Dettagli

Il rosa e il grigio. MILENA VIASSONE Ricercatore di Economia e gestione delle imprese Università di Torino SEDE DI CUNEO

Il rosa e il grigio. MILENA VIASSONE Ricercatore di Economia e gestione delle imprese Università di Torino SEDE DI CUNEO Il rosa e il grigio GOVERNANCE AZIENDALE E PROCESSI DECISIONALI: QUALE POSTO PER LE DONNE? I RISCHI DELLE DISCREZIONALITÀ MANAGERIALE E GLI STRUMENTI DI CORPORATE GOVERNANCE MILENA VIASSONE Ricercatore

Dettagli

Governance e Finanza nel passaggio generazionale

Governance e Finanza nel passaggio generazionale PASSAGGIO GENERAZIONALE. ASPETTI PSICOLOGICI, CIVILISTICI, FINANZIARI E FISCALI Governance e Finanza nel passaggio generazionale Alberto Gustavo Franceschini (Presidente Ambromobiliare S.p.A. ) 10 Dicembre

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Sales & Marketing 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca

Dettagli

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE

ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE FRA LAVORO E VITA FAMILIARE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO, UGUAGLIANZA DI GENERE

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Performance-related Pay Policies for Government Employees. Politiche sugli Incentivi Retributivi Correlati ai Risultati per i Dipendenti Statali

Performance-related Pay Policies for Government Employees. Politiche sugli Incentivi Retributivi Correlati ai Risultati per i Dipendenti Statali Performance-related Pay Policies for Government Employees Summary in Italian Politiche sugli Incentivi Retributivi Correlati ai Risultati per i Dipendenti Statali Riassunto in italiano Introduzione Vent

Dettagli

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE

PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE Divisione Ricerche Claudio Dematté PRESENTAZIONE ISTITUZIONALE 2014 Sponsor: www.sdabocconi.it/privateequity OBIETTIVI - Dare una chiave di lettura sistematica sempre aggiornata del mercato (trend, tipologia

Dettagli

1. Gruppo Santander 2. Santander Consumer Finance 3. Santander Consumer Bank Italia 4. Entrare nel Gruppo Santander

1. Gruppo Santander 2. Santander Consumer Finance 3. Santander Consumer Bank Italia 4. Entrare nel Gruppo Santander 1. Gruppo Santander 2. Santander Consumer Finance 3. Santander Consumer Bank Italia 4. Entrare nel Gruppo Santander GRUPPO SANTANDER Il Gruppo é tra i 10 maggiori gruppi bancari al mondo, ed il 1 in quanto

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT.

MATERIALE A SUPPORTO DEL WORKSHOP TERRITORIALE REGIONE PUGLIA WELFARE AZIENDALE. ISTITUTO PER LA RICERCA SOCIALE (IRS) Capofila BRIGHT. Direzione generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione DIPARTIMENTO PER LE PARI OPPORTUNITA Promozione di un azione di sistema volta alla programmazione e attuazione degli

Dettagli

Solo in Germania, ogni anno, circa 40.000 candidati si affidano a hunting heads!

Solo in Germania, ogni anno, circa 40.000 candidati si affidano a hunting heads! Profilo aziendale Fondata in Germania nel 1997, grazie alla straordinaria crescita oggi è diventata una delle società leader a livello internazionale nell Executive Search. Siamo specializzati nella ricerca

Dettagli

CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI.

CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. L EREDITÀ DI FAUSTA DESHORMES LA VALLE 25 settembre 2015, ore 9:00-16.30 Archivi

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing

SALARY SURVEY 2015. Sales & Marketing. Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it. Sales & Marketing SALARY SURVEY 2015 Sales & Marketing Sales & Marketing Specialists in sales & marketing recruitment www.michaelpage.it Sales & Marketing Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi

Dettagli

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO

OUTPLACEMENT INDIVIDUALE E COLLETTIVO La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana. Dal 2012 ha sede anche in Veneto. Abbiamo sviluppato una profonda competenza nelle

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 23 aprile 2015 Unica Convocazione

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI. 23 aprile 2015 Unica Convocazione ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI 23 aprile 2015 Unica Convocazione Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione in merito ai punti 4 e 5 all Ordine del Giorno (redatta ai sensi dell art.

Dettagli

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009

Insight. Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) N. 27 Ottobre 2009 Insight N. 27 Ottobre 2009 Chief Financial Officer. Una professione in continua evoluzione (Survey) In uno scenario di business e finanziario sempre più volatile, il Chief Financial Officer (CFO) si trova

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

Marketing. e Finanza

Marketing. e Finanza Marketing e Finanza Strategie, marketing e innovazione finanziaria Analisi e Strategie Quanto è ancora attrattivo il Retail Banking nella nuova normalità? 4 Walter Lironi, McKinsey Enrico Lucchinetti,

Dettagli

Executive Master in Management delle Amministrazioni Pubbliche. Roma, 11 ottobre 2012

Executive Master in Management delle Amministrazioni Pubbliche. Roma, 11 ottobre 2012 Executive Master in Management delle Amministrazioni Pubbliche Roma, 11 ottobre 2012 SSPA E SDA BOCCONI PER IL MANAGEMENT PUBBLICO Mettere le competenze a sistema, per fare crescere il sistema delle competenze

Dettagli

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni

Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Progetto per la gestione innovativa della maternità/paternità in Unicoop Tirreno: i contenuti e i metodi per la realizzazione delle 6 sperimentazioni Rev 1 del 27 gennaio 2011 della presentazione effettuata

Dettagli

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire

RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013. Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire RAPPORTO AMWAY SULL IMPRENDITORIALITA ANNO 2013 Incoraggiare l imprenditorialità in Italia e in Europa eliminando la paura di fallire 1 Anche nel 2013, per il quarto anno consecutivo, Amway l azienda pioniere

Dettagli

LE FAMIGLIE IMPRENDITORIALI PIEMONTESI E LE LORO AZIENDE

LE FAMIGLIE IMPRENDITORIALI PIEMONTESI E LE LORO AZIENDE LE FAMIGLIE IMPRENDITORIALI PIEMONTESI E LE LORO AZIENDE 3H Partners 1 2 INDICE INTRODUZIONE 5 LE AZIENDE FAMILIARI DA UN PUNTO DI VISTA TEORICO 6 1. La diffusione delle imprese familiari in Europa e il

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

Le sfide imprenditoriali tra crisi e ripresa Donatella Depperu Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali

Le sfide imprenditoriali tra crisi e ripresa Donatella Depperu Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali DIES ACADEMICUS Università Cattolica del Sacro Cuore, sede di Cremona 20 marzo 2013 Le sfide imprenditoriali tra crisi e ripresa Donatella Depperu Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Sociali

Dettagli

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari al 30 giugno 2015. Executive Summary

Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari al 30 giugno 2015. Executive Summary Relazione sul Governo Societario e gli Assetti Proprietari al 30 giugno 2015 Executive Summary Capitale e Assetti Proprietari Composizione dell Azionariato Partecipanti all accordo sul Capitale (% su azioni

Dettagli

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO?

RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? www.fondazioneistud.it RISCHIO GREXIT: USCIRA LA GRECIA DALL EURO? Ivo Pezzuto Milano, 9 Luglio 2015 i.pezzuto@gmail.com https://twitter.com/ivopezzuto Scenari globali Scenari globali Quadro geopolitico

Dettagli

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire

Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013. Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità Anno 2013 Incoraggiare l imprenditorialità eliminando la paura di fallire Rapporto Amway sull imprenditorialità 2013 SURVEY DESIGN Periodo di rilevazione: Marzo maggio

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Riprendendo il discorso del credit channel, un discorso a parte viene fatto con

Dettagli

Bottega del Terzo Settore

Bottega del Terzo Settore Bottega del Terzo Settore 1 Finalità del progetto La Bottega del Terzo Settore (in sintesi BTS) deve essere un luogo ed un progetto di contaminazione tra Terzo Settore e Comunità, e prima ancora tra Terzo

Dettagli

Executive Summary V Edizione

Executive Summary V Edizione Osservatorio AUB su tutte le aziende familiari italiane con ricavi superiori a 50 milioni di Euro Executive Summary V Edizione a cura di Guido Corbetta, Alessandro Minichilli e Fabio Quarato Cattedra AIdAF

Dettagli

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA

PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ ABSTRACT QUOTATE ITALIANE SERGIO CARBONARA PAY ON PERFORMANCE? STUDIO SULLE REMUNERAZIONI 2012 NELLE SOCIETÀ QUOTATE ITALIANE ABSTRACT SERGIO CARBONARA Scopo e metodologia Lo studio sulle remunerazioni 2012 parte dalla constatazione che la gestione

Dettagli

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR)

CALL FOR PAPERS. X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) CALL FOR PAPERS X Conferenza internazionale International Society for Third Sector Research (ISTR) Fondazione Scuola di Alta Formazione per il Terzo Settore (ForTeS) Siena ( Italy) 10 13 luglio 2012 Democratizzazione,

Dettagli

Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI

Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI Convegno Internazionale IL PROFESSIONISTA DEGLI ACQUISTI NEI SISTEMI SANITARI INTERNAZIONALI PROGETTARE PROCESSI COMPLESSI INSIEME ALLA COMUNITA DEI PROFESSIONSITI DELLA SANITA E AL MERCATO HTA: THE PROJECT

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

Le aziende diventano diverse

Le aziende diventano diverse Alessandro Milani Redazione Jobadvisor a.milani@jobadvisor.it Le aziende diventano diverse La presenza di persone molto diverse tra loro è diventato un tratto significativo, a volte anche conflittuale,

Dettagli

DIEGO LIFONTI COMMUNICATIONS ACQUISISCE IL 60% DI SOCIAL CONTENT FACTORY, CREATORI DI CAMPAGNE VIDEO PER IL WEB, E SI TRASFORMA IN THE STORY GROUP

DIEGO LIFONTI COMMUNICATIONS ACQUISISCE IL 60% DI SOCIAL CONTENT FACTORY, CREATORI DI CAMPAGNE VIDEO PER IL WEB, E SI TRASFORMA IN THE STORY GROUP COMUNICATO STAMPA DIEGO LIFONTI COMMUNICATIONS ACQUISISCE IL 60% DI SOCIAL CONTENT FACTORY, CREATORI DI CAMPAGNE VIDEO PER IL WEB, E SI TRASFORMA IN THE STORY GROUP Con Lifonti & Company, Cabiria BrandUniverse

Dettagli

Economia aziendale. Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance

Economia aziendale. Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance Economia aziendale Cap. 2 Soggetto economico e modelli di governance DEFINIZIONI DI AZIENDA Definizione tradizionale: Sistema di operazioni economiche finalizzate all acquisizione,produzione ed erogazione

Dettagli

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends

Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends Cultura organizzativa, sistemi di performance e metriche Stato dell'arte e trends AGENDA Premessa : contesto e definizione di performance Metriche Impatti Conclusioni Il contesto "una provocazione" Quanto

Dettagli

ErgyCapital S.p.A. Sede legale: Roma, Via Salaria 226. Capitale sociale 62.974.180,48

ErgyCapital S.p.A. Sede legale: Roma, Via Salaria 226. Capitale sociale 62.974.180,48 ErgyCapital S.p.A. Sede legale: Roma, Via Salaria 226 Capitale sociale 62.974.180,48 Numero di iscrizione al registro imprese di Roma, C.F. e Partita Iva 05815170963 ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro

La Nuvola Rosa. Girls in STEM. La Nuvola Rosa. Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro La Nuvola Rosa Giovani donne, nuove tecnologie, professioni del futuro Girls in STEM Perché così poche? Donne nella Scienza, nella Tecnologia, in Ingegneria e in Matematica : è il titolo di un recente

Dettagli

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione

Ippolito Consulting temporary management restructuring & turnaround consulenza di direzione temporary management consulenza di direzione Ippolito Consulting IppolitoConsulting nasce da un iniziativa di Francesco Ippolito, che ha concentrato in un unica proposta una rete di contatti professionali specializzati nella gestione di crisi aziendali

Dettagli

UN CONFRONTO CON L EUROPA

UN CONFRONTO CON L EUROPA UN CONFRONTO CON L EUROPA Per favorire una critica non inficiata da pregiudizi politico-ideologici proponiamo il confronto con gli organi di governo della scuola degli altri Paesi europei, anche se riteniamo

Dettagli

GIURIA TECNICA PREMIO HEAD OF ECOMMERCE 2014. Il premio per i migliori Head of Ecommerce in Italia Prima edizione

GIURIA TECNICA PREMIO HEAD OF ECOMMERCE 2014. Il premio per i migliori Head of Ecommerce in Italia Prima edizione PREMIO HEAD OF ECOMMERCE 2014 Il premio per i migliori Head of Ecommerce in Italia Prima edizione Milano 16 Giugno 2014 PREMIO HEAD OF ECOMMERCE 2014 PRIMA EDIZIONE ROBERTO CASALINI Caporedattore Centrale

Dettagli

Lingue della conferenza: Inglese, Italiano (non sarà assicurata la traduzione simultanea)

Lingue della conferenza: Inglese, Italiano (non sarà assicurata la traduzione simultanea) CONVEGNO INTERNAZIONALE LA COSTRUZIONE DI UNA SOCIETÀ CIVILE EUROPEA NELL AMBITO DELLA PARITÀ TRA LE DONNE E GLI UOMINI. L EREDITÀ DI FAUSTA DESHORMES LA VALLE 25 settembre 2015, ore 9:00-16.30 Archivi

Dettagli

M&G Dynamic Allocation Fund M&G Prudent Allocation Fund. Juan Nevado, Gestore del fondo

M&G Dynamic Allocation Fund M&G Prudent Allocation Fund. Juan Nevado, Gestore del fondo M&G Dynamic Allocation Fund M&G Prudent Allocation Fund Juan Nevado, Gestore del fondo 6 May 2015 4%* + 2%- 4% Multi Asset di M&G Un approccio efficace che può essere adattato per soddisfare esigenze di

Dettagli

CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI

CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI CONIUGARE FAMIGLIA E LAVORO: LE SOLUZIONI LAVORATIVE DI DONNE E UOMINI Opzioni di lavoro nel futuro Durante l estate e l autunno del 1998, la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di

Dettagli

Pubblicata sul NIS di Borsa Italiana S.p.A., sezione documenti e sul sito www.ima.it

Pubblicata sul NIS di Borsa Italiana S.p.A., sezione documenti e sul sito www.ima.it Spettabile CONSOB Commissione Nazionale per le società e la Borsa Divisione Emittenti Ufficio Informativa Emittenti Quotati Via Broletto, 7 20121 MILANO MI Castenaso, lì 16 maggio 2008. Oggetto: Documento

Dettagli

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League Comunicato Stampa Deloitte: Il Real Madrid rimane in testa alla Football Money League, compatto il gruppo delle squadre italiane. AS Roma e Juventus fanno un passo avanti verso le prime posizioni. Sette

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it

SALARY SURVEY 2015. Tax & Legal. Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it SALARY SURVEY 2015 Tax & Legal Specialists in tax & legal recruitment www.michaelpage.it Tax & Legal Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione

Dettagli

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe

TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe TITOLO Social Innovation & Mutual Learning on Micro-Savings in Europe LUOGO E DATA ORGANIZZATORE Hotel Bedford, Rue du Midi 135-137, 1000 Brussels 9-10 Settembre 2013 EFIN-European Financial Inclusion

Dettagli

Dipartimento di Economia e Management

Dipartimento di Economia e Management Dipartimento di Economia e Management Corsi di laurea magistrale 1) Consulenza aziendale e libera professione 2) Management in italiano (curriculum in Finanza; Marketing; Produzione e logistica) in inglese

Dettagli

ARTURO SANGUINETTI. Curriculum vitae

ARTURO SANGUINETTI. Curriculum vitae ARTURO SANGUINETTI Curriculum vitae PERSONAL DETAILS Date of birth: 14 March 1954 Place of birth: Carrara (MS) EDUCATION High school diploma in science Degree in Business Economics from Milan s Bocconi

Dettagli

To The Board Short master per diventare Board Member

To The Board Short master per diventare Board Member Sistema di qualità conforme allo standard ISO 9001:2008 certificato n 9175.AMB3 Autorizzazione Ministero del Lavoro n 13/I/0015692/03.04 per Ricerca e Selezione del Personale Autorizzazione Ministero del

Dettagli

Piano Strategico 2010-2013. Bocconi Alumni Association

Piano Strategico 2010-2013. Bocconi Alumni Association Piano Strategico 2010-2013 Bocconi Alumni Association Mission Statement La nostra missione è essere una forza positiva della società, capace di mobilitare le energie migliori delle persone cresciute professionalmente

Dettagli

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive

Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Panoramica sul mercato RC Auto in Italia e confronto europeo Spunti, idee e prospettive Milano, 25 Novembre 2008 Atahotel Executive Dott. Massimiliano Maggioni KPMG Advisory S.p.A. Agenda Overview sul

Dettagli

Italia Board Index. Osservatorio sui Consigli di Amministrazione delle società quotate Italiane

Italia Board Index. Osservatorio sui Consigli di Amministrazione delle società quotate Italiane Italia Board Index 201 Amsterdam Atlanta Barcelona Beijing Bogota Boston Brussels Buenos Aires Calgary Chicago Copenhagen Dallas Dubai Frankfurt Geneva Hong Kong Houston Istanbul Johannesburg London Los

Dettagli

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale

Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione del personale Convegno Nazionale CERGAS «25 anni di ricerca e formazione al servizio della salute dei cittadini» Organizzazione e gestione del personale Gli strumenti attivati delle aziende sanitarie per la gestione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Per ulteriori informazioni sull European Business Awards, potete visitare il sito www.businessawardseurope.com.

Per ulteriori informazioni sull European Business Awards, potete visitare il sito www.businessawardseurope.com. S.I.F.I. S.p.A. ha bisogno del tuo supporto per diventare il Campione Nazionale Pubblico Italia nell European Business Awards. 6 gennaio 2015 S.I.F.I. S.p.A. (Italia) è da oggi in gara per il titolo 2014/15

Dettagli

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita

Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Il marketplace per le Piccole e Medie Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Primi è il marketplace per le Piccole Medie e Imprese italiane ad alto potenziale di crescita Cos è Primi? Primi è

Dettagli