1 O. NEURATH, Il viaggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 O. NEURATH, Il viaggio"

Transcript

1 ...Siamo come dei marinai che debbono ricostruire la loro nave in mare aperto... Essi possono usare il legname della vecchia struttura per modificare lo scheletro e il fasciame dell'imbarcazione, ma non possono riportarla in bacino per ricostruirla da capo. Durante il loro lavoro essi si sostengono sulla vecchia struttura e lottano contro violenti fortunali e onde tempestose. 1 1 O. NEURATH, Il viaggio

2 TITOLO PROGETTO PROGETTO CRESCO Costruzione di Reti Educative e di Sviluppo attraverso la Continuità e l Orientamento DESTINATARI Alunni, docenti e famiglie degli anniponte. TEMPI DI REALIZZAZIONE ottobre 2012/giugno 2013 e settembre 2013/giugno 2014 DURATA biennale

3 PREMESSA Cos è la continuità? L Istituto Comprensivo facilita la pratica della Continuità fra ordini di scuola e fra Scuola e Territorio. Continuità è una terminologia liquida che va riempita. Nel suo significato generale essa rappresenta la strategia finalizzata a garantire ad ogni bambino e ad ogni ragazzo il diritto a un percorso scolastico unitario, organico e completo, cercando di attenuare le difficoltà che spesso si presentano nel passaggio tra i diversi ordini di scuola. Ma la continuità, nello specifico, ha molteplici articolazioni e ambiti d azione. Esiste infatti: 1. una continuità nei saperi, che si attua attraverso la costruzione del curricolo verticale e la connessione trasversale tra i saperi; 2. una continuità nella progettazione, che superi la tendenza a formulare molteplici micro- progetti privi di connessioni tra loro e variamente caratterizzati, a favore di una progettazione comune e fortemente incentrata su un analisi dei bisogni di allievi, docenti e territorio. 3. una continuità nell organizzazione, in cui l organizzazione scolastica è concepita in termini di gruppi e non di individui e in cui funzioni strumentali, referenti, commissioni, gruppo di staff, gruppi di progetto, collegio costituiscono la vera forza innovativa e motrice in una realtà in continuo movimento. 4. una continuità nella formazione, nella consapevolezza che ognuno proviene da percorsi formativi ed esperienze diverse, ognuno ha sviluppato propri stili di insegnamento, proprie sensibilità e capacità relazionali ma che una comune attività di formazione in servizio può far incontrare, pur salvaguardando la specificità dei singoli ordini scolastici. 5. una continuità nella valutazione a) interna: valutazione non solo dei risultati di apprendimento degli allievi ma della qualità del servizio scolastico (autoanalisi d Istituto). b) esterna: valutazione come confronto e scambio di informazioni con il territorio, con il sistema scolastico provinciale, regionale, nazionale e internazionale (v. progettazione europea).

4 Cos è l orientamento? Il tema dell orientamento rappresenta oggi una delle variabili centrali e cruciali del più vasto processo di ripensamento e di ridefinizione dei modelli curricolari e organizzativi dell intero sistema scolastico, segnale esplicito di una concreta volontà di cambiamento nella direzione dell innovazione qualitativa e globale del sistema formativo. E evidente come l orientare e il sapersi orientare, in una società come quella attuale, rappresentino operazioni intellettuali e comportamentali particolarmente complesse e difficili. Operazioni tuttavia indispensabili, a fronte della complicata rete di conoscenze e di relazioni richieste da un contesto sociale e culturale radicalmente differente nelle sue caratteristiche costitutive rispetto a qualche decennio fa. All interno di tale quadro di riferimento, sapersi orientare significa essere in possesso della strumentazione cognitiva, emotiva e relazionale idonea a fronteggiare, in forma esperta, tutti quei fattori connotativi dell attuale società potenzialmente fonte di disorientamento. Tutto questo richiede, innanzitutto, la costruzione di un sistema di conoscenze, di abilità e di comportamenti costitutivamente e continuamente in grado di modificarsi, di aggiornarsi, di riadattarsi, flessibilmente e dinamicamente, alle trasformazioni richieste e imposte dalle transizioni in atto: addirittura di prevederle, per poterle direzionare e gestire in forma autonoma e competente. 2 2 G. DOMENICI, Manuale dell orientamento e della didattica modulare, Editori Laterza

5 ANALISI DEI BISOGNI Ciascun alunno ha il diritto ad un processo formativo organico e completo, che assicuri uno sviluppo articolato e multidimensionale della sua identità. Diventa dunque indispensabile adottare strategie mirate al coordinamento dei curricoli degli anni ponte, in modo da far superare agli allievi le difficoltà connaturate al momento del passaggio al grado scolastico successivo. Accanto a tali bisogni primari, si pongono ulteriori esigenze legate, sul piano organizzativo e didattico, alla necessità di condivisione di metodologie di insegnamento e di valutazione. Un processo di formazione è completo e coerente se si attua processi di continuità orizzontale, ossia se si apre ad un dialogo costruttivo con le famiglie e se si avvale dell interazione con il territorio (enti pubblici e privati, associazioni, esercizi commerciali, agenzie di servizi, ).

6 ANALISI DEL CONTESTO La maggior parte della zona Monte Rosello Alto ha costruzioni soprattutto di tipo popolare ma a ridosso della pineta, verso San Francesco, sono sorte numerose costruzioni private ed edifici in cooperativa con nuclei familiari i cui capi famiglia sono: operai specializzati, artigiani, impiegati, professionisti. Il tessuto sociale è misto con prevalenza di manovalanza da sempre fortemente rappresentata. La crisi in atto, ha prima di tutto colpito la manodopera generica; per far fronte alle esigenze familiari, molti esercitano attività occasionali o stagionali. La causa di situazioni di disagio e di devianza è da attribuire in gran parte alla forzata inattività che espone i più deboli a molteplici tentazioni: droga, alcolismo (soprattutto giovanile), microcriminalità, disoccupazione, sono questi i mali che affliggono il quartiere. I servizi sociali esistenti non sono sufficienti ai bisogni reali del quartiere, c'è un solo consultorio familiare e di recente sono sorti alcuni asili nido privati ed il nido Comunale di Via Pais. Mancano alcune essenziali strutture sportive. Lo stadio dei Pini (Tonino Siddi) e la palestra comunale non soddisfano a pieno le esigenze dei ragazzi che praticano lo sport; infatti solo i più fortunati possono frequentare le palestre private che ci sono nel quartiere. Scuola e parrocchia rappresentano comunque un valido punto di riferimento, nonché luoghi di aggregazione cui alcuni genitori, talvolta afferiscono per confidare situazioni di disagio, trovando nei docenti i giusti confidenti e consiglieri utili ad affrontare determinate situazioni, smentendo così il luogo comune secondo cui la struttura scolastica è estrapolata dalla realtà socioambientale in cui si trova ad operare e trovando aiuti in detta istituzione come giusto afferente nel delicato compito di formazione. L I.C. Monte Rosello Alto comprende anche i plessi della zona denominata Latte Dolce, sorta negli anni 40/ 50 con una connotazione abitativa di case sparse indipendenti cui, negli ultimi decenni, si sono aggiunti agglomerati di edilizia convenzionata e di cooperative. La scuola opera in un quartiere molto complesso: se da una parte, infatti, permangono le caratteristiche di un rione con una connotazione di edilizia popolare, dall altra gli abitanti conservano

7 ancora intatti atteggiamenti sociali positivi, che attivano forme di solidarietà e di reciproco aiuto difficilmente riscontrabili in altri quartieri cittadini. Negli ultimi anni, nella scuola, si va evidenziando il forte interesse che la maggior parte dei genitori o adulti di riferimento manifestano per il percorso educativo dei bambini/e: sono partecipi ad ogni iniziativa progettuale ed esigono di essere informati sistematicamente sui processi cognitivi affettivi e relazionali dei figli 3. 3ANALISI TRATTA DAL SITO INTERNET DELLA SCUOLA

8 LA VISION DEL PROGETTO umana. Garantire il successo formativo di tutti nostri studenti e il pieno sviluppo della persona LA MISSION DEL PROGETTO Il progetto si propone di lavorare in un ottica di formazione integrale dell'individuo, nel rispetto delle identità personali, sociali, culturali e professionali dei singoli alunni, nella costante valorizzazione delle diversità al fine di costruire un percorso coerente che riconosca la specificità e la pari dignità educativa di ogni grado scolastico. Tutte le attività educative e didattiche della scuola e le iniziative formative extrascolastiche verranno integrate in un progetto formativo unitario, con obiettivi e finalità comuni, ispirato al principio fisico dei vasi comunicanti (principio fisico secondo cui un liquido contenuto in due o più contenitori comunicanti tra loro, raggiunge lo stesso livello dando vita ad un'unica superficie equipotenziale).

9 OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi del progetto sono stati calibrati sulla base delle peculiarità: organizzative della nostra scuola strutturali del territorio. Si è ritenuto utile suddividere gli obiettivi in due macrogruppi: uno che afferisca al corrente anno scolastico, il secondo preventivato per la seconda annualità del progetto, in quanto proiettato verso risultati più specifici e fondato sul presupposto di un team di lavoro già affiatato, e con un punto di vista comune e condiviso. Obiettivi prima annualità (a.s. 2012/2013): 1. Progettare percorsi e azioni formative sulla base della vision e della mission individuate; 2. Condividere obiettivi cognitivi di passaggio, minimi e standard; 3. Progettare iniziative didattiche congiunte, chiaramente leggibili nei loro intrecci anche dagli allievi e dalle famiglie; 4. Progettare attivitàponte che prevedano soprattutto iniziative ludicodidattiche in grado di superare i confini delle diverse scuole; 5. Coinvolgere le famiglie nel processo educativo e formativo dei propri figli; 6. Favorire l utilizzo consapevole e sistematico (per allievi e docenti) delle ICT, al fine di facilitare la sperimentazione di nuove metodologie e tecniche didattiche; 7. Instaurare rapporti collaborativi con gli Enti Locali al fine di rafforzare le azioni di continuità programmate; 8. Stabilire rapporti pedagogici e non soltanto burocraticofunzionali fra ordini scolastici diversi e fra scuola ed extrascuola; 9. Assicurare la reciproca conoscenza; 10. Garantire opportunità educative adeguate attraverso la conoscenza degli alunni; 11. Programmare momenti di progettazione comune finalizzati ad avvicinare gli stili educativi e a creare un linguaggio professionale comune;

10 12. Programmare incontri finalizzati alla trasmissione di informazioni degli alunni, specie di quelli in situazione di svantaggio; 13. Conoscere la programmazione educativa dei tre ordini di scuola, in prospettiva di azioni di condivisione ed armonizzazione della stessa; 14. Creare un setting di lavoro positivo che faciliti la comunicazione interprofessionale. Obiettivi seconda annualità (a.s. 2013/2014): 1. Coordinare i criteri valutativi, degli alunni e del servizio scolastico (autovalutazione) comunicando periodicamente informazioni utili sugli alunni in passaggio da un ciclo scolastico al successivo; 2. Promuovere iniziative di aggiornamento progettate in modo unitario; 3. Facilitare i collegamenti tra i docenti dei diversi ordini scolastici e tra questi e gli operatori dell'extrascuola, attraverso il coordinamento dei rispettivi curricoli pur nel rispetto delle differenti professionalità. 4. Integrare iniziative e competenze, dei diversi ordini scolastici, al fine di individuare una traiettoria educativa comune fondata sull'idea di un percorso curricolare sull'apprendimento; 5. Rispettare la progettazione educativa che unisce e qualifica i tre ordini di scuola, armonizzando gli stili educativi; 6. Indicare verifiche e valutazioni delle strategie di insegnamento in relazione al raggiungimento delle abilità previste attraverso incontri tra docenti delle diverse scuole; 7. Lavorare alla creazione di un linguaggio comune. Il raggiungimento degli obiettivi sarà regolamentato da criteri di ottimizzazione del tempo, concordati tra i docenti coinvolti, in considerazione della sempre maggiore riduzione degli orari di compresenza (ossia pochi incontri, ma specificamente finalizzati) e dell intenso lavoro didattico- organizzativo necessario durante tutto l anno scolastico per il buon funzionamento della scuola nel suo complesso.

11 METODOLOGIE Nella scelta della metodologia educativa e didattica si prediligeranno le modalità del problem solving e del cooperative learning, per consentire a tutto il personale della scuola e all utenza di riferimento di concepire e vivere la scuola come un vero e proprio laboratorio didattico. La valutazione giocherà un ruolo strategico oltre che una valenza formativa, in quanto mirata ad individuare strategie utili ad assicurare il successo degli alunni nei processi di apprendimento (valutare per educare). Le scelte metodologiche verteranno inoltre sulla realizzazione di progettiponte (basati in particolare su discipline quali la musica, la motoria, l arte, le tecnologie in quanto trasversali ai tre ordini di scuola), che prevedano iniziative comuni tra cui l accompagnamento dei bambini durante il passaggio al grado di scuola successivo, processo di non trascurabile rilevante e che dovrebbe divenire parte integrante (e non facoltà dei singoli insegnanti) della progettazione comune. Il ricorso infine a progetti di continuità orizzontale (che coinvolge allievi della stessa età) favorirà la conoscenza tra coetanei, possibili compagni di classe nel passaggio al livello di scuola successivo.

12 LE RISORSE UMANE nella scuola: Il progetto CRESCO si avvarrà della collaborazione tra le diverse figure professionali operanti la Dirigente Scolastica, per supervisionare le strategie operative nel loro complesso; la Funzione Strumentale, per progettare e coordinare il piano degli interventi; la Commissione per la Continuità, con il compito di attivare un meccanismo di feed- back continuo delle informazioni (dai plessi alla Funzione Strumentale e viceversa); i docenti, a vario titolo coinvolti nel progetto (docenti anniponte; docenti referenti per l accesso ai laboratori, le altre Funzioni Strumentali, ); i collaboratori scolastici, per la disponibilità degli spazi; le famiglie, come supporto per l organizzazione di attività comuni ad ampio raggio. In particolare, la commissione, composta dai rappresentanti dei vari ordini di scuola, si preoccuperà di trasferire nei plessi di appartenenza tutte le decisioni prese in sede di riunione con la Funzione Strumentale, al fine di garantire la massima circolarità della comunicazione. La commissione si avvarrà di: 1 docente referente per ciascun plesso della scuola dell infanzia. o Nota: sarebbero auspicabili 6 docenti, in considerazione della peculiarità del plesso di via Manzoni, strutturato su due piani, che richiede dunque 2 figure di riferimento per una più capillare circolazione delle informazioni; 1 docente referente per ciascun plesso della scuola primaria, preferibilmente delle classi quinte. o Nota: anche in questo caso la presenza di almeno 2 docenti per il plesso di via Manzoni, caratterizzato da 4 classi quinte, potrebbe agevolare il lavoro di coordinamento delle iniziative; 3 docenti referenti per la scuola secondaria di 1 grado.

13 Un gruppo di lavoro ristretto curerà inoltre le iniziative di continuità con i nidi d infanzia e l orientamento con le scuole secondarie di 2 grado. In particolare il gruppo di lavoro necessiterà delle seguenti figure: 1 docente della scuola dell infanzia di via Nievo per attività di continuità con il nido di via Fais; 1 docente della scuola dell infanzia via Sulcis per attività di continuità con il nido di via Barbagia; 1 docente della scuola dell infanzia via Manzoni per attività di continuità con il nido di via Pascoli; 1 docente della scuola dell infanzia via Gessi per attività di continuità con il nido privato di via Lago di Baratz; 1 docente della scuola secondaria di 1 grado per l attività di orientamento degli alunni delle classi terze, per un totale di 5 docenti. La commissione sarà costituita, in totale, da 15 docenti.

14 LE AZIONI La pianificazione delle azioni strategiche si baserà su una visione di breve, medio e lungo periodo. Nel breve periodo ci si concentrerà sulla costruzione delle relazioni tra i componenti del gruppo di lavoro e sulla discussione e condivisione di obiettivi e strategie di lavoro. Le azioni nel medio periodo saranno protese a favorire l interscambio tra le sezioni e classi degli anniponte e la conoscenza degli spazi, attraverso interventi di contenuto prevalentemente ludicolaboratoriale. Nel lungo periodo, saranno invece previste azioni maggiormente strutturate, incentrate in modo particolare su: costruzione del curricolo verticale, concertazione degli strumenti di verifica e valutazione, affinamento delle tecniche di interazione e comunicazione, sperimentazione di tecniche di progettazione comuni. Attività di breve e medio periodo: 1. Incontri bimestrali di programmazione delle attività che coinvolgano i tre segmenti di scuola, strutturati secondo le regole del problem solving e del cooperative learning; 2. organizzazione di almeno due iniziative annuali forti (es.: Natale e fine anno) di caratterizzazione ludicodidattica, ricreativo e/o laboratoriale, come attività di raccordo tra le classiponte; 3. Organizzazione di 3 incontri in plenaria con le famiglie (uno per ogni ordine di scuola), non oltre il 15 gennaio e alla presenza della Dirigente scolastica, della FS e degli insegnanti che prenderanno gli alunni in passaggio; gli incontri si svolgeranno con il supporto di slides che illustrino le attività del Piano dell Offerta Formativa, le specificità dei tre segmenti scolastici e, durante la fase di attesa dei genitori, poco prima che inizino gli incontri, verranno proiettate immagini degli ambienti, degli studenti in azione, di progetti e laboratori; 4. Programmazione e attuazione di iniziative di accoglienza; 5. Condivisione delle risorse umane, professionali e strutturali (uso spazi e strutture comuni);

15 6. Creazione di un forum tematico sul sito della scuola per il passaggio continuo delle informazioni; 7. Progettazione e somministrazione di questionari di monitoraggio e valutazione delle attività progettuali (iniziale, intermedio e finale) nominativo e online; 8. Ricerca ed elaborazione di progetti, finanziati da enti esterni, di supporto alle azioni di continuità; 9. Incontri con il gruppo curricolo per la condivisione e lo scambio di informazioni relative a obiettivi formativi e criteri di valutazione comuni; 10. Definizione delle iniziative di passaggio tra le classi ponte (nidiinfanzia; infanzia primaria; primariasecondaria di primo grado): conoscenza degli ambienti, dell'organizzazione, delle regole della nuova realtà scolastica; socializzazione con i nuovi compagni e con il personale della scuola secondaria; 11. Programmazione di incontri di continuità orizzontale: tra i rispettivi segmenti scolastici, con il territorio (famiglie, enti ed associazioni locali, parrocchia, ); 12. Incontri di raccordo e coordinamento tra tutte le Funzioni strumentali per attivare azioni congiunte di continuità nella scuola e con il territorio. 13. Pianificazione attività di lungo periodo.

16 RISULTATI ATTESI migliorare la continuità tra istituzioni formative di grado contiguo come tra scuola, famiglia e territorio; organizzare e favorire la diffusione e il passaggio di informazioni all interno e all esterno della scuola; realizzare strumenti per la comunicazione efficace in campo didattico educativo e relazionale; predisporre situazioni e utilizzare strumenti idonei ad accrescere negli studenti la consapevolezza di interessi, capacità, attitudini, vocazioni personali; sviluppare nei soggetti coinvolti capacità progettuali; costituire reti di raccordo tra scuola famiglia e territorio 4. 4 BASSOTTO, BENZONI, PARODI, Le Funzioni Obiettivo nella scuola dell autonomia, Edizioni Junior.

17 MONITORAGGIO E VALUTAZIONE Ambiti di verifica: acquisizione dell idea di sistema dei tre ordini di scuola; passaggio non traumatico tra i tre ordini di scuola; costruzione di percorsi individualizzati di apprendimento; capacità dei soggetti coinvolti di ristrutturare le occasioni di apprendimento e riprogettare e riprogettarsi in funzione della gestione di nuovi contesti. L attività di monitoraggio e valutazione: si svolgerà sulla base di specifici indicatori qualitativi e quantitativi, riguarderà tanto il processo (valutazioni intermedie) quanto il prodotto (valutazione finale), avrà un target diversificato di riferimento (docenti, alunni, famiglie), sarà proposto, in via sperimentale su piattaforma, online (il sito della scuola)., sarà strutturata in forma di questionario a risposta multipla e, in parte, a risposta aperta I dati che emergeranno dall attività di monitoraggio e valutazione saranno comunicati in sede collegiale e pubblicati sul sito internet.

18 INNOVATIVITA DEL PROGETTO Il progetto CRESCO si articolerà in una serie di azioni di scambio tra i diversi ordini di scuola ma non solo in una prospettiva verticale (comunicazione tra un ordine di scuola e quello immediatamente successivo), ma anche tra ordini di scuola apparentemente lontani (es.: scuola dell infanzia e secondaria di primo grado) secondo il principio dei vasi comunicanti che esorta ad una trasversalità dei saperi e delle competenze e ad un interazione oltre che disciplinare soprattutto metodologica e di scambio e diffusione delle buone pratiche. CRESCO inoltre avrà uno spazio dedicato sul sito della scuola, in cui verranno inseriti, oltre alle varie fasi di sviluppo del progetto ed alla relativa documentazione, il calendario degli incontri, i questionari di monitoraggio e di valutazione, gli abstract dei progetti esterni attivati e attinenti la continuità, link utili, comunicazioni varie, un forum per la condivisione di opinioni, idee, buone pratiche all interno del nostro istituto (compatibilmente con la possibilità tecnica di attivazione sul sito della scuola). Questo aspetto del progetto sottende due ulteriori finalità: dare vita al sito internet della scuola, attraverso un numero più elevato di accessi (lo scorso anno la FS del web ha registrato un numero molto ridotto di login sul sito); ottimizzare i tempi, in quanto comunicare online consente di ridurre al minimo indispensabile gli incontri in presenza, e soprattutto aggiornare in tempo reale comunicazioni e informazioni.

19 GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DELLA FUNZIONE STRUMENTALE La Funzione Strumentale ha il compito generale di coordinare, verificare, valutare le attività relative alla continuità educativa e didattica della scuola. Nello specifico: attua processi di ricerca e di pianificazione delle attività; coordina il gruppo di lavoro nella gestione globale del progetto; garantisce la circolarità di azioni e informazioni attraverso incontri con la commissione, riunioni collegiali, incontri con le famiglie, circolari in cartaceo e digitale (via mail e sul sito della scuola); coinvolge il territorio (famiglie, enti e associazioni, ); svolge azioni di controllo, monitoraggio e valutazione; raccoglie e diffonde la documentazione relativa alle fasi del progetto; informa periodicamente il collegio sullo stato dei lavori e sui risultati ottenuti; al termine dell anno scolastico produce una relazione sull intero sviluppo del progetto, evidenziando punti di forza, criticità, proposte migliorative. La Funzione Strumentale lavora con il supporto della commissione cui vengono assegnati, già dal primo incontro ruoli e mansioni, che, una volta condivise all interno del team di lavoro non dovrebbero richiedere un continuo e pedissequo intervento da parte della Funzione Strumentale, ma procedere regolarmente secondo accordi. La Funzione Strumentale interviene anche in caso di criticità organizzative e gestionali, fondate, oggettivamente riscontrabili e attinenti al ruolo professionale e non personale dei docenti coinvolti. Gli aspetti tecnicoapplicativi, dunque saranno di esclusiva competenza dei docenti coinvolti, che, presenti nei plessi di appartenenza potranno correttamente calibrare la misura dell intervento per una corretta ricaduta dei risultati. Funzione Strumentale ins. Laura Neri

Il mio futuro lo scelgo oggi

Il mio futuro lo scelgo oggi CARATTERISTICHE DEL PROGETTO TITOLO Il mio futuro lo scelgo oggi OBIETTIVI : sperimentare percorsi educativi didattici e metodologici comuni innovativi che permettano ai giovani di autogestire efficacemente

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Il progetto Valutazione & Miglioramento

Il progetto Valutazione & Miglioramento Il progetto Valutazione & Miglioramento Valutazione & Miglioramento è un progetto che si pone la finalità di promuovere il miglioramento delle scuole mediante percorsi di valutazione e autovalutazione,

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESALPINO Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 grado Via Porta Buia - Arezzo Tel. 0575/20626 Fax 0575/28056 e mail: media.cesalpino@tin.it sito internet: www.iccesalpino.it

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola)

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO (per i docenti dei tre ordini di scuola) Docente di: scuola infanzia scuola primaria scuola secondaria I Professionalità dei docenti Programmazione e valutazione

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 DI BOLOGNA Anno scolastico 2014-2015 LE NOSTRE SCUOLE scuola dell infanzia FUTURA scuola primaria GIOVANNI XXIII scuola secondaria 1^ grado GIUSEPPE

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 14 S. Francesco di Paola

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 14 S. Francesco di Paola 1 Progetto BES settore Infanzia Primaria Secondaria I grado Tipologia destinatari prima seconda terza quarta quinta altro BES Sostegno persone diversamente abili si se si n. no Periodo di realizzazione

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Ottavio Gravina De Cruyllas PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L importanza di un protocollo di accoglienza L adozione di un Protocollo di Accoglienza consente di attuare in modo operativo le indicazioni stabilite

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO PROGETTO CONTINUITÀ - ORIENTAMENTO Il progetto nasce dall' esigenza di garantire all'alunno un percorso formativo organico e completo, cercando di prevenire eventuali difficoltà che potrebbero insorgere

Dettagli

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale)

Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Istituto Comprensivo E. Curti di Gemonio Marketing - Accoglienza - Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 Modalità di distribuzione Copia non controllata Copia controllata numero 1 consegnata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE E LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITÀ CONGIUNTE IN ATTUAZIONE DEL PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! Premessa Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella

Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma. Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa. Funzione Strumentale: Linda Langella Istituto Comprensivo M. Calderini G. Tuccimei - Roma Area Gestione del Piano dell Offerta Formativa Funzione Strumentale: Linda Langella L incarico di Funzione Strumentale della Gestione del Piano dell

Dettagli

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015

Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 Rapporto di AutoValutazione dell I.C. Spinea 1 a.s. 2014/2015 a cura del nucleo di autovalutazione guidato dalla FS prof. Busatto Il percorso di formazione In vista della compilazione del RAV (Rapporto

Dettagli

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA

Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) Il CONSIGLIO DI ISTITUTO ADOTTA Linee di indirizzo generali per le attività della scuola (delibera n. 109 - Consiglio di Istituto del 9 aprile 2015) VISTO il DPR 8 marzo 1999, n. 275 art. 3, c.3: Il Piano dell'offerta formativa è elaborato

Dettagli

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità

1. Titolo del progetto No LIMits L approccio tecnologico come modalità di integrazione delle diversità Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo GROSSETO 2 Giovanni Pascoli Piazza F.lli Rosselli, n. 14-58100 Grosseto Centralino: tel. 0564/22132 - Fax 0564/21871 E-mail:

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione Generale Via Pianciani, 32 00185 Roma Circ. n. 2 Prot. n. 2968 Roma, 10 febbraio 2015 Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali di ogni ordine e grado della Regione Lazio Ai Coordinatori didattici delle Istituzioni scolastiche paritarie

Dettagli

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO

PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI CASTENASO PIANO ANNUALE PER L INCLUSIVITA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTENASO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Nel piano annuale per l inclusività sono riassunti i principali dati

Dettagli

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva PROGETTO INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI L Istituto da parecchi anni rappresenta un importante centro di riferimento e polo progressista nelle tematiche sulla disabilità. Anche quest anno la nostra

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO DI SANTENA (TO) 10026 - Via Tetti Agostino 31 C.F.9001874001 Tel./fax 011/94.92.772 E mail: TOIC858003@istruzione.it RESPONSABILE del Piano Dott.ssa Giuliana Testori PIANO DI MIGLIORAMENTO

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERTA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Via R. Paribeni Via R. Paribeni, 10 00013 Mentana (ROMA) e fax 06/9090078 e 06/9092689

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM!

PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! PROGETTO PROVACI ANCORA, SAM! OBIETTIVI GENERALI Provaci ancora Sam! è un Progetto integrato e interistituzionale volto a contrastare la dispersione scolastica che si connota come fenomeno complesso investendo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci)

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE

PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI OFFERTA FORMATIVA CURRICOLARE PRINCIPI E FINALITÀ GENERALI LA SCUOLA: Concorre alla formazione dell uomo e del cittadino secondo i principi stabiliti dalla Costituzione. Rispetta e valorizza le diversità individuali, sociali e culturali.

Dettagli

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità 1 di assistenza educativa scolastica 2 La Cooperativa ALEMAR ONLUS gestisce un gran numero di servizi rivolti al mondo della scuola: asili nido, scuole dell infanzia, assistenza e sostegno scolastico e

Dettagli

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto

Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto Dal curricolo alle competenze Laboratorio verticale in rete realizzato dalla rete di scuole della Valle del Savuto SCUOLA CAPOFILA: Istituto Omnicomprensivo Bianchi- Scigliano SCUOLE IN RETE: Istituto

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002.

Allegato A. 1. Dati della scuola che presenta il progetto (scuola capofila) Istituto. Ic Nino Rota. Codice meccanografico. Rmic842002. SCHEDA PROGETTO Progetti per l integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Legge 440/97 Fondo per l arricchimento e l ampliamento dell offerta formativa e per gli interventi perequativi. 1. Dati

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME Obbligo di istruzione Linee guida per le agenzie formative accreditate ai sensi del DM del 29/11/2007 (MPI/MLPS) Premessa 1. Il contesto di riferimento

Dettagli

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie

CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA. Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie CONTINUITA EDUCATIVA E DIDATTICA Scuole dell Infanzia e Scuole Primarie Porre al centro del progetto educativo l alunno significa attribuire una grande attenzione all originalità di ciascuno, rispettare

Dettagli

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015

Prot. n. 2493/B35 Soriano nel Cimino, 8/10/2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SORIANO NEL CIMINO Viale Ernesto Monaci, 37-01038 SORIANO NEL CIMINO (VT) -

Dettagli

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti.

Premessa Questionario DOCENTI - n. 90 partecipanti. Premessa Tutti i questionari sono stati somministrati on line; a questa regola hanno fatto parziale eccezione solo quelli dei genitori per l ovvio motivo della difficoltà di averli a scuola, per cui in

Dettagli

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015

Prot. n. 7110 B/2 San Giovanni in Persiceto, 12/11/2015 1 MIUR Ufficio Scolastico Emilia-Romagna -USP Bologna DIREZIONE DIDATTICA STATALE di S. GIOVANNI in PERSICETO Circolo di San Giovanni in Persiceto (BO) Piazza Carducci, 6 BOE14700V C.F. 80073330377- Tel.

Dettagli

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali

IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali 4.1 Le discipline IV CAPITOLO Scelte disciplinari, didattiche e progettuali Il Regolamento in materia di autonomia scolastica consente alle Istituzione scolastiche di definire i curricoli e le quote orarie

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale Regionale per la Sicilia Via Fattori, 60 90146 Palermo Prot. n. 184 out del 22.9.2008 Segr. Ispettiva USR Sicilia I Regolamenti - Le Indicazioni Nazionali

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015

PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015 PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015 Il Comune di Ravenna, il Comune di Russi, il Comune di Cervia, le

Dettagli

Progetto di rete L.I.S.A.

Progetto di rete L.I.S.A. ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO VIA AGELLI 10 63027 PETRITOLI Tel e fax 0734 658180 www.iscpetritoli.it e-mail: isc.petritoli@libero.it Progetto di rete L.I.S.A. (Laboratorio Istituti Scolastici Autonomi)

Dettagli

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)*

Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* Il Profilo Dinamico Funzionale (PDF)* E' atto successivo alla Diagnosi Funzionale (a cura della NPI) e indica in via prioritaria, dopo un primo periodo di inserimento scolastico, il prevedibile livello

Dettagli

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro

Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro 1 3.1 PROGETTO INTEGRAZIONE ALUNNI DISABILI Il bisogno speciale della scuola è un desiderio : superare le cornici e godere di un nuovo paesaggio. Andrea Canevaro Integrazione degli alunni disabili Obiettivi

Dettagli

"ALVARO - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003

ALVARO - GEBBIONE Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 ISTITUTO COMPRENSIVO " - GEBBIONE" Via Botteghelle, 29 89129 REGGIO CALABRIA C.F. 92031140806 C.M.RCIC870003 PIANO INTEGRATO PON 2013/14 PROT. N. AOODGAI8439 DEL 02/08/2014 Prot. 2252/18.08.2014 Al personale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO Pietro Leopoldo di Lorena Granduca di Toscana SCUOLE STATALI INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO A.S. A.S. 2013-2014 CURRICOLO VERTICALE PER ALUNNI CON DISABILITÀ La scuola è luogo di apprendimento e di costruzione dell identità personale, civile e sociale. Nessuno, questo è l obiettivo, deve rimanere

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015

I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 2015 I.C. AGROPOLI SAN MARCO SINTESI R.A.V. 201 Il Rapporto di Autovalutazione si articola in Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo degli appositi link: CONTESTO; ESITI;

Dettagli

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro

Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro RAV Il RAV è un documento articolato in 5 sezioni che prevedono: definizione di 49 indicatori (attraverso i quali le scuole potranno scattare la loro fotografia); individuazione dei punti di forza e di

Dettagli

--------------------------------------------------- Pez Infanzia ---------------------------------------------------

--------------------------------------------------- Pez Infanzia --------------------------------------------------- ANAGRAFICA Struttura: SETTORE SOCIO-CULTURALE E SCOLASTICO Indirizzo: PIAZZA DEL MUNICIPIO, 5 CAP: 50064 Comune ufficio: Responsabile progetto: Incisa in Val d'arno ELISABETTA BARGILLI Codice Fiscale:

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi/e di Cordenons

Il Consiglio Comunale dei Ragazzi/e di Cordenons 1 Comune di Cordenons Area Servizi alla Persona e Famiglia Il Consiglio Comunale dei Ragazzi/e di Cordenons 2 Indice Che cos è il CCdR... Progetti in corso. Le Insegnanti dicono. Rassegna Stampa pag.3

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TOMMASO GROSSI MILANO L Istituto Comprensivo Statale Tommaso Grossi realizza, sin dall anno scolastico 1990/1991, interventi specifici tesi all alfabetizzazione e all integrazione

Dettagli

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA

CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA CITTA DI ALBANO LAZIALE PROVINCIA DI ROMA PROTOCOLLO D INTESA PER L ASSISTENZA SCOLASTICA AGLI ALUNNI DISABILI RESIDENTI NEL COMUNE DI ALBANO LAZIALE (RM) 1 PROTOCOLLO D'INTESA PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

Scheda Piano di Miglioramento

Scheda Piano di Miglioramento Scheda Piano di Miglioramento Meccanografico della scuola BGIC896007 Denominazione della scuola Istituto Comprensivo Enrico Fermi di Romano di Lombardia - BG Area di scelta Rapporti scuola-famiglia Motivazione

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero

Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Il Progetto provinciale extrascuola Valore aggiunto al tempo libero Istituzioni scolastiche, famiglie e territorio uniti in un esperienza finalizzata a incoraggiare e orientare i ragazzi nell avventura

Dettagli

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO

PROGETTO CONTINUITA' ORIENTAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI ISTITUTO COMPRENSIVO G. MARCONI di Castelfranco Emilia - Mo Via Guglielmo Marconi, 1 Tel 059 926254 - fax 059 926148 email: MOIC825001@istruzione.it Prot. n. NOTE ORGANIZZATIVE PER UNA CORRETTA GESTIONE

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO DELL ISTITUZIONE BIENNIO 2012-14

PIANO DI MIGLIORAMENTO DELL ISTITUZIONE BIENNIO 2012-14 ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI 1 GRADO «BORGO VALSUGANA» 38051 Borgo Valsugana (TN) Via A. Spagolla, 1 CF 90009750226 tel 0461/753179 fax 0461/754131 segr.ic.borgovalsugana@scuole.provincia.tn.it

Dettagli

1. Sintetica descrizione del Progetto

1. Sintetica descrizione del Progetto Protocollo di Intesa per l Accoglienza degli Alunni Stranieri e lo Sviluppo Interculturale del Territorio Pratese PROGETTO RETE : COMUNI MEDICEI -Poggio a Caiano e Carmignano A.S. Istituto_capofila -ISTITUTO

Dettagli

Progettazione annuale di sezione

Progettazione annuale di sezione ISTITUTO COMPRENSIVO GANDHI Via Mannocci, 23 59100 PRATO Scuola dell Infanzia Gandhi Progettazione annuale di sezione Sez. 1 ANNO SCOLASTICO 2014-15 PROGETTAZIONE ANNUALE DI SEZIONE SEZ. 1) CAMPI DI ESPERIENZA

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO

EMANA IL SEGUENTE ATTO DI INDIRIZZO Castiglione delle Stiviere, 05/10/2015 Prot. n. 9298/C6 Al Collegio dei Docenti Alla DSGA All albo E p.c. al Consiglio di Istituto Oggetto: ATTO DI INDIRIZZO RIGUARDANTE LA DEFINIZIONE E LA PREDISPOSIZIONE

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO M.I.U.R. U.S.R. per la Campania Direzione Generale ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - GADDA Via A. Gramsci,22 80010 Quarto (Na) Tel & Fax: 081/8768767 e-mail : naic8fc004@istruzione.it Sito web : www.icterzogadda.it

Dettagli

SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi

SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi SINTESI R.A.V. 2015 A cura del D.S. dell I.C. di Albanella dott.ssa Mattea Pelosi Il Rapporto di Autovalutazione si articola in 5 Sezioni, o macro aree, accessibili direttamente dalla Home Page per mezzo

Dettagli

FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE

FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE FORUM REGIONALE PER L EDUCAZIONE E LA SCUOLA PIEMONTE Progetto Riprendiamoci la scuola promosso con le associazioni professionali: AIMC (Associazione Italiana Maestri Cattolici) AEDE (Associazione Europea

Dettagli

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015

Prot. n. 4273 / A 2 Andria, 12 ottobre 2015 8 CIRCOLO DIDATTICO "A. ROSMINI" Corso Italia, 7-76123 ANDRIA C.F. 90000300724 Tel 0883/246459 - Fax 0883/292770 email: baee05600t@istruzione.it Sito web: www.circolodidatticorosmini.gov.it pec baee05600t@pec.istruzione.it

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV

COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF. A cura del GAV COMUNICAZIONE ESITI RAV PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE CAF A cura del GAV Da MARZO Progetto FORMIUR CAF per il Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche. Migliora organizzazione COSA FA

Dettagli

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano

Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano Il disagio educativo dei docenti di fronte al disagio scolastico degli alunni Appunti Pierpaolo Triani (Università Cattolica del Sacro Cuore) Milano 9 aprile 2014 Premessa Mi è stato chiesto di mettere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2

ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 ISTITUTO COMPRENSIVO VARESE 2 Scuola Primaria Statale E. Canziani PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE DEL PERCORSO: 1) Premessa p. 2 2) funzioni e carattere dell'offerta formativa p. 2 3) analisi del contesto

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

Competenze del Dirigente scolastico

Competenze del Dirigente scolastico Competenze del Dirigente scolastico Repertorio elaborato in ambito SI.VA.DI.S Repertorio delle competenze del dirigente scolastico Il repertorio descrittivo delle azioni professionali e delle competenze

Dettagli

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca

I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca ANALISI ESPERIENZE PREGRESSE (da compilare on line entro il 30 marzo 2008) I CARE Imparare Comunicare Agire

Dettagli

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende

Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE. La comunità che apprende Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci Pescara Fuoricl@sse 2.0 2012 Docente: Silvia Di Paolo Destinatari: studenti Cl@sse 2.0, I sez. I a.s. 2012/2013 DALL IDEA IL PROGETTO FUORICL@SSE La comunità che apprende

Dettagli

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

Capitolo 5 Qual è il mandato della scuola? Pagina 1 di 6 Qual è il "mandato" della scuola? 5.1 Ogni scuola deve avere un "mandato" 5.2 Le nostre idee-guida 5.3 Le dimensioni dell apprendimento 5.4 La funzione educativa del rispetto delle regole

Dettagli

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

PRINCIPI GENERALI PER L INTEGRAZIONE DI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ALL ISC 05 Ed 1 -Rev 1 del 08/2011 SISTEMA DI GESTIONE QUALITÀ CERTIFICATO N 5705/0 SECONDO LA NORMA ISO 9001:2008 PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA- INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI E SEDI ASSOCIATE Il

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2006/2007 Il V Circolo E. De Amicis, con l attuazione dell Autonomia, si rapporta al territorio nella prospettiva di un sistema formativo integrato, attrezzato

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati)

QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) QUESTIONARIO DOCENTI Riepilogo (48 questionari compilati) 1) Pensi alla sua istituzione scolastica, comprensiva delle diverse sedi e dei diversi gradi di scuola. Quanto è d accordo con le seguenti affermazioni?

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE 2013-2014 ZONA LIVORNESE

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE 2013-2014 ZONA LIVORNESE PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA TERRITORIALE 2013-2014 ZONA LIVORNESE CAPRAIA ISOLA COLLESALVETTI LIVORNO ZONA LIVORNESE INFANZIA Comuni Servizi pubblici Servizi privati N.servizi totale Popolazione 3-36

Dettagli

Protocollo di Orientamento

Protocollo di Orientamento Allegato 10 Protocollo di Orientamento Indice 1. Definizione di Orientamento 2. Motivazioni del progetto del nostro Istituto 3. Azioni/attività nelle singole classi 4. Risorse interne ed esterne 5. Documentazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA DA INVIARE ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA

MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA DA INVIARE ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO 2013-2014 PROGETTI DI FORMAZIONE E RICERCA DA INVIARE ESCLUSIVAMENTE PER POSTA ELETTRONICA ALL INDIRIZZO PEC DELL AT DI RIFERIMENTO PER L ISTITUTO CAPOFILA DELLA RETE Il progetto

Dettagli

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale

Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale Modello sperimentale di sistema di inclusione lavorativa dei minori inseriti nel circuito penale 1 1 1. Premessa La seguente proposta di modello nasce dopo un attività di confronto tra i rappresentanti

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali

Capo III Strumenti, procedure della programmazione ed ambiti territoriali LEGGE REGIONALE 14 APRILE 1999, n.22 "Interventi educativi per l infanzia e gli adolescenti" INDICE TITOLO I Disposizioni generali art. 1. Finalità TITOLO II Soggetti, programmazione e organizzazione Capo

Dettagli

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016

PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via Regina 5 22012 CERNOBBIO (CO) C.F. 95000030130 PIANO DI MIGLIORAMENTO 2015-2016 Responsabile del Piano (DS) Grandi Anna Rielaboratore del Piano Bianchi Emilia sulla base

Dettagli

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi

53 Distretto Scolastico 84014 Nocera Inferiore ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Guglielmo Marconi Prot. n. 4233 A/19 del 29 settembre 2015 Al Collegio dei Docenti e P.C. Al Consiglio di Istituto Ai Genitori Agli Alunni Al Personale A.T.A. ATTI ALBO OGGETTO: ATTO D INDIRIZZO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

C.T.P. Pieve di Cadore CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

C.T.P. Pieve di Cadore CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA C.T.P. Pieve di Cadore CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE PER L ISTRUZIONE E LA FORMAZIONE IN ETÀ ADULTA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno Scolastico 2010/11 Istituto Comprensivo di Pieve di Cadore Premessa

Dettagli

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014

Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Istituto Comprensivo n 2 di Imola Piano Annuale per l Inclusione a.s. 2013/2014 Riferimento normativo La Direttiva ministeriale del 2012 Strumenti d intervento per alunni con bisogni educativi speciali

Dettagli