Sostenibilità aziendale, risorse immateriali e vantaggio competitivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sostenibilità aziendale, risorse immateriali e vantaggio competitivo"

Transcript

1 Sostenibilità aziendale, risorse immateriali e vantaggio competitivo Francesco Perrini, Clodia Vurro Abstract L'articolo collega la sostenibilità aziendale, corporate sustainability (CS) e le risorse immateriali, intangibile assets, approfondendo i meccanismi che uniscono gli stakeholders e le relative politiche di CS con le prassi adottate per la costituzione delle risorse immateriali e il risultato competitivo. L'attuazione di strategie di CS rafforza la capacità aziendale di identificare, proteggere e valorizzare le risorse inimitabili, stimolando lo sviluppo di beni immateriali legati al capitale umano, all'innovazione e alla conoscenza, alla cultura e alla reputazione. Keywords: Sostenibilità aziendale; Risorse Intangibili; Vantaggio competitivo; Stakeholder Management 1. La Sostenibilità aziendale come Risorsa intangibile La crescente complessità delle dinamiche competitive globali ha progressivamente portato teoria e pratica manageriale a convergere sul riconoscimento delle risorse intangibili quali fonti primarie di crescita e creazione di valore (Brondoni, 2000/2001; Lev, 2001; Zingales, 2000). La globalizzazione, i progressi tecnologici senza precedenti e le recenti fluttuazioni nei tassi di sviluppo dei mercati hanno, infatti, eroso le barriere all entrata dei settori, rendendo complesso il perseguimento esclusivo di economie di scala nel lungo termine. In tali contesti profondamente dinamici, le imprese di successo sono state quelle in grado di puntare sull accumulazione di risorse e capitali intangibili. Rispetto agli asset tangibili, quali le risorse fisiche o finanziarie, gli intangibili sono meno flessibili (Chatterjee, Wernerfelt, 1991), e di non facile accumulazione e trasferibilità, data la propria natura prettamente idiosincratica all impresa e ai membri di questa. Per tali ragioni, gli intangibili sono difficilmente imitabili dai propri concorrenti, qualificandosi, per le imprese, come fonti privilegiate di performance differenziali e di lungo termine. In linea con il riconoscimento della rilevanza competitiva associata al possesso di insiemi di risorse e competenze distintive (Barney, 1991; Penrose, 1959), il dibattito accademico sulla classificazione delle categorie di risorse e dei relativi legami con la competitività aziendale si è progressivamente esteso alla ricerca di nuove fonti di capitale intangibile (Brondoni, 2009; Carmeli e Tishler, 2004). In tale ambito e a partire dal contributo seminale di Hart (1995) e dalle relative validazioni empiriche (Sharma, Vredenburg, 1998), un attenzione crescente viene attribuita in letteratura alla capacità di accumu- Pur essendo il presente lavoro frutto dell impegno comune, F. Perrini ha curato i 1, 4; C. Vurro ha curato i 2, 3 Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese, Università Commerciale L. Bocconi-Milano Assegnista di Ricerca di Economia e Gestione delle Imprese, Università Commerciale L. Bocconi-Milano

2 34 lare risorse intangibili per effetto dell adozione volontaria di comportamenti di responsabilità socio-ambientale (Surroca et al., 2010). Definita come nuovo modello manageriale basato sulla valorizzazione delle relazioni e sulla capacità dell impresa di integrare strategicamente questioni sociali e ambientali nei processi aziendali e nelle interazioni con il proprio stakeholder network oltre quanto prescritto dalle leggi e da norme etiche individuali (Lambin, 2009; Perrini et al., 2006), la sostenibilità aziendale (corporate sustainability, CS) sta acquisendo un rilievo crescente quale approccio competitivo alla creazione di valore (Porter, Kramer, 2006), agendo sul miglioramento della capacità delle imprese di rispondere alle richieste provenienti dal proprio contesto di riferimento, anticipandone i bisogni (Freeman, 1984). Sulla base di tale assunto e rafforzata dall evidenza empirica, la ricerca in materia mira oggi alla declinazione degli impatti della CS nei diversi ambiti della gestione aziendale e delle relazioni con gli stakeholder (Aguilera et al., 2007), al fine di identificare le dinamiche attraverso cui pratiche di CS possano tradursi in benefici organizzativi, manageriali e di mercato (Perrini et al., 2009). Nonostante l interesse crescente nell andare oltre ipotesi semplicistiche sul legame tra CS e risultati economico-finanziari, la ricerca sul ruolo degli intangibili quali volano degli impatti competitivi associati a strategie, attività e processi di CS è recente e in costante evoluzione (Arrigo, 2009; Barnett, 2007). A partire dagli studi sul potenziale competitivo di percorsi di crescita sostenibile, il presente articolo mira all approfondimento dei legami causali tra investimenti in politiche e pratiche di CS, accumulazione di capitale intangibile e competitività. A tal fine, l articolo è strutturato come segue. Innanzitutto, la letteratura sulla relazione tra CS e performance è brevemente analizzata, per passare all approfondimento dei meccanismi attraverso cui la CS può determinare la creazione e sviluppo di intangibili. In linea con la letteratura, il presente lavoro adotta la seguente classificazione degli intangibili in stock di capitali: (i) capitale umano, inteso come l insieme delle conoscenze, competenze e abilità proprie dei membri dell organizzazione e utilizzate da questi nello svolgimento delle proprie attività aziendali (Becker, 1993; Pfeffer, 1994); (ii) capitale organizzativo, inteso come l insieme delle capacità organizzative e della conoscenza raccolta e istituzionalizzata all interno della struttura (Nelson, Winter, 1982; Teece, 1987), nonché dei valori, delle percezioni e degli orientamenti comuni ai membri dell organizzazione che consentono di distinguere un impresa dalle altre (Fiol, 1991); (iii) capitale relazionale, inteso come la quantità e la qualità delle relazioni che l impresa ha instaurato con il mercato e di cui costituiscono parte integrante i rapporti con i clienti, con le comunità aziendali e con i differenti stakeholder che in vario modo si interfacciano con l impresa (Adler, Kwon, 2002); (iv) capitale simbolico, riferito alla reputazione e all immagine aziendale tali da renderne valori e visioni accettati e legittimati dagli stakeholder. 2. Sostenibilità aziendale come approccio strategico-competitivo Nel tentativo di validare la convenienza economica associata agli investimenti discrezionali negli ambiti della responsabilità sociale e ambientale

3 35 d impresa, gli ultimi trent anni hanno visto un incremento esponenziale degli studi sulla relazione tra CS e performance economico-finanziaria, con lo scopo di verificare empiricamente l esistenza o meno di benefici effettivi per le imprese impegnate in percorsi di sostenibilità non certo scevri di costi aggiuntivi. Pur differenti negli approcci d analisi utilizzati, le ricerche empiriche accumulatesi nel corso del tempo sembrano convergere su una visione comune di CS, quale risposta aziendale, strategica e orientata al successo economico in risposta alle pressioni mutevoli provenienti dal proprio contesto competitivo, istituzionale e sociale di riferimento. A partire dai primi due studi pubblicati nel 1972 (Bragdon, Marlin, 1972; Moskowitz, 1972), numerosi sono stati i tentativi di dimostrare empiricamente l esistenza o meno di un impatto economico positivo e significativo connesso all adozione di pratiche e comportamenti di in linea con i dettami della CS (per una review si veda De Bakker et al., 2005; Margolis, Walsh, 2003). Parte di tali ricerche supporta una relazione negativa tra l adozione di pratiche di CS e la performance, enfatizzando la non gratuità del coinvolgimento in pratiche manageriali discrezionali negli ambiti socioambientali e i potenziali svantaggi competitivi associati all incremento ingiustificato dei costi (Barnett, 2007). Al contempo, l ampliamento degli ambiti decisionali per le imprese impegnati nella soddisfazione di aspettative ulteriori rispetto a quelle degli shareholder rafforzerebbe la discrezionalità del management, al punto tale da indebolire gli incentivi alla massimizzazione dei risultati economici, diluire le strutture di controllo e ridurre, per effetto dei maggiori rischi di agenzia, la performance finanziaria (Friedman, 1970; Jensen, 2001). Nonostante alcune analisi sembrino supportare tale impostazione, le tendenze in atto nel mondo delle imprese e il ben più ricco numero di studi a supporto di una relazione positiva tra CS e performance sembrano sostenere la seconda visione (Margolis, Walsh, 2003), sottolineando l esistenza di sinergie tra impegni di sostenibilità e risultati economici e competitivi, connessa al rafforzamento della capacità delle imprese di gestire le aspettative dei propri stakeholder, accumulando così risorse immateriali di fiducia e conoscenza tali da consentire loro di godere di vantaggi competitivi di elevata entità e durata (Barnett, 2007; Waddock, Graves, 1997). Considerando, comunque, il quadro complessivo, è indubbio come gli studi empirici sugli impatti economici associati alla CS siano costantemente migliorati nel tempo, offrendo giustificazioni teoriche più coerenti, operazionalizzazioni e metodologie più sofisticate, nonché includendo controlli tali da ridurre l eterogeneità dei risultati. Ciononostante, nel tentativo di cogliere appieno l eterogeneità delle pratiche aziendali superando, al contempo, le discrepanze emerse dalle analisi empiriche, la ricerca recente tende a enfatizzare la necessità di identificare fattori contingenti in grado esplicitare le condizioni alla base del successo nell implementazione di strategie di CS (Aguilera et al., 2007). In tale contesto, la CS è sempre meno considerata un unicum, una scatola nera quantificabile a prescindere dalle specificità aziendali e contestuali, e sempre più declinata in specifiche aree di interesse relative alla relazione con definite categorie di stakeholder: dalle performance di mercato nella gestione delle relazioni con i clienti agli investimenti

4 36 in welfare aziendale miranti a migliorare il clima interno e la soddisfazione dei dipendenti, dall innovazione nelle relazioni con i fornitori attraverso processi di knowledge sharing e cooperation alla licenza di operare presso date comunità locali acquisita anche grazie a investimenti specifici nello sviluppo sociale. Tali legami sono dettagliati nel paragrafo che segue, mettendo in luce gli impatti sugli intangibili quali fonti di competitività. 3. Sostenibilità aziendale (CS) e Stakeholder Con l obiettivo di migliorare l affidabilità aziendale agli occhi dei propri stakeholder, beneficiare di relazioni rafforzate all interno e all esterno dei confini aziendali, e identificare nuove fonti di innovazione e differenziazione competitiva, pratica e teoria manageriale mostrano come le imprese attivamente coinvolte nell integrazione strategica della CS stiano ampliando progressivamente il proprio range di impegni e attività: dalle pratiche di human resource management agli investimenti nelle comunità locali di riferimento per le proprie operation, dai processi e prodotti green all integrazione della sostenibilità nelle relazioni di filiera a monte e a valle. Di seguito si propone un modello (Figura 1) nel tentativo di declinare i meccanismi specifici attraverso cui attività di CS possono tradursi in opportunità di accumulazione di intangibili e performance competitiva. Meccanismi e dinamiche sono dettagliate nei paragrafi seguenti. 3.1 CS e organizzazione interna Rafforzando il valore e la rilevanza dei membri organizzativi e del loro benessere attraverso investimenti in formazione, sviluppo professionale, salute e sicurezza nel lungo di lavoro, e attitudine cooperativa, l integrazione della CS nelle pratiche di gestione delle risorse umane ha un chiaro impatto sull accumulazione del capitale umano (Pfeffer, 1998). È incentivando la partecipazione, la creazione di nuova conoscenza (Hart, Milstein, 2003) e il coinvolgimento nelle attività d impresa ai vari livelli, infatti, che la CS si traduce in benefici operativi e competitivi, in termini di maggiore produttività, identificazione di opportunità di crescita e innovative, miglioramento dell efficienza dovuta a minori costi connessi ai rischi sul lavoro, assenteismo e turnover. Per esempio, la partecipazione dei dipendenti in attività sociali promosse dall impresa (ad esempio, programmi di volontariato aziendale) o la possibilità di beneficiare di iniziative di welfare aziendale agiscono da catalizzatore del commitment organizzativo, determinando minori tassi di assenteismo e turnover (Grant et al., 2008).

5 37 Figura 1: CS, intangibili e performance competitiva Nel 2002, Pfizer Corporation ha lanciato il Global Health Fellows (GHF) Program, un programma di volontariato aziendale internazionale finalizzato a rafforzare l efficacia delle organizzazioni a base locale operanti nel settore della salute in Paesi in via di sviluppo. Pur rientrando nelle attività di filantropia strategica, il programma GHF ha rappresentato un opportunità di sviluppo professionale per i membri organizzativi coinvolti, rafforzandone le skill professionali e personali attraverso la partecipazione a team multiculturali in contesti caratterizzati da endemica scarsità di risorse 1. Al contempo, fornendo nuovi schemi interpretativi dei significati e delle azioni aziendali, la CS ha un impatto sull accumulazione di capitale organizzativo, in quanto fonte di cambiamento nella filosofia e cultura di business, criteri e metodologie di decision-making, modalità di lavoro di gruppo (Sharma, Vredenburg, 1998). La CS esercita, infine, impatti sulla creazione e sviluppo di capitale simbolico, allineando i comportamenti interni con le aspettative degli stakeholder e rafforzando, così, la reputazione dell impresa quale partner affidabile nelle relazioni. 3.2 CS e mercato finale Con riferimento al mercato finale, le imprese hanno da sempre considerato la CS quale opportunità di differenziare la propria offerta agli occhi dei consumatori, facendo della cura dell ambiente e dei contesti sociali leve potenziali di produttività (Bhattacharya, Sen, 2004). In tale contesto in dinamica evoluzione, infatti, le pratiche di CS e le relative informazioni diffuse al mercato dei clienti finali sono divenute indicatori di affidabilità, rafforzando il posizionamento competitivo di imprese e connessi marchi (Jones, Murrel, 2001, p. 63).

6 38 A partire dal 2005, il processo di Brand Imprint rappresenta il tentativo concreto di Unilever di integrare la sostenibilità nei piani di innovazione dei propri brand principali. Con l obiettivo di rendere l impegno nella sostenibilità più visibile e rilevante per i propri consumatori, il processo è basato sul dialogo continuo con il mercato e i suoi rappresentati nelle varie fasi del ciclo di vita del brand, dalla pianificazione al lancio di nuovi prodotti 2. Nel complesso, la letteratura sugli impatti legati all investimento in iniziative di CS rivolte al mercato finale ne sottolinea la relazione sull accumulazione di capitale simbolico (Greening, Turban, 2000). In questo senso, le aziende impegnate nell integrazione della CS nelle relazioni con clienti e consumatori, hanno più chance di migliorare la propria reputazione quali partner affidabili, aperti, orientati all innovazione, e di fiducia (Castaldo et al., 2009). Quale risultato della rafforzata percezione di affidabilità, la CS migliora la qualità delle relazioni impresa-mercato attraverso l impatto sulla fiducia e la reciprocità dovute a rafforzata trasparenza e apertura al dialogo e alla cooperazione (Frank, 2004). Infine, la vicinanza ai propri clienti e l investimento in nuovi prodotti e servizi socio-ambientali supporta le imprese nella generazione di nuove conoscenze e competenze, influenzando così lo stock di capitale organizzativo disponibile per innovazione e crescita (Hart, 1995). 3.3 CS e la gestione della filiera La ricerca di approcci innovativi alla gestione della filiera, basati sull allocazione discrezionale delle risorse aziendali a progetti di miglioramento delle performance socio-ambientali a monte e a valle della catena del valore, trova le sue radici nella generale perdita di controllo sulle fasi dei processi di produzione e distribuzione dovuta alla progressiva specializzazione delle imprese e alla creazione di reti di fornitura e distribuzione globali (Lim, Phillips, 2008; Schlegelmich, Öberseder, 2007). Oltre all impatto sull accumulazione di capitale simbolico, attraverso una rafforzata capacità di gestire rischi reputazionali e di legittimità legati alla possibilità di essere considerati responsabili per le pratiche a monte e a valle della propria filiera, l integrazione della CS lungo la catena del valore ha significativi impatti sulla creazione e sviluppo di capitale relazionale. La crescente dispersione geografica delle attività d impresa, infatti, si è accompagnata alla ricerca di nuovi sistemi di controllo e coordinamento, dalla formulazione e implementazione di codici di condotta di filiera (van Tulder et al., 2009) allo sviluppo di pratiche collaborative volte a rafforzare fiducia e reciprocità, bilanciando la distribuzione del potere lungo la catena del valore (Drake, Schlachter, 2008). Alessandro Bucci, buyer del Green Coffee Deparment di Illycaffè dichiara: Nel corso degli anni illycaffè è stata in grado di costruire relazioni solide con i grower locali basate sulla fiducia. Se dovessi utilizzare un termine portoghese brasiliano per descrivere tale situazione, parlerei di parceria, ossia una partner-

7 39 ship tra Illycaffè e i propri fornitori in cui entrambe le parti beneficiano di risultati eccellenti: noi otteniamo i migliori chicchi di Arabica per la nostra produzione; i nostri fornitori ottengono conoscenze, competenze, supporto e margini, naturalmente 3. Studi supportano l esistenza di rilevanti benefici associati al mantenimento di relazioni di fornitura e distribuzione di lungo periodo, basati sull abilità di condividere conoscenze e competenze (Vurro et al., 2009), tali da fornire opportunità di accumulazione di capitale organizzativo (Frank, 2004), in ragione di più fluidi scambi di conoscenza che si traducono sia in un miglioramento del coordinamento che in un più elevato potenziale di innovazione e creazione di valore per il mercato finale. 3.4 CS e contesto sociale Nel corso del tempo, le imprese hanno progressivamente riconosciuto il potenziale competitivo associato a investimenti volontari in progetti di sviluppo della comunità entro cui operano e all avvio di partnership strategiche con soggetti pubblici e organizzazioni non profit (Porter, Kramer, 2002), soprattutto in termini di accumulazione di capitale relazionale e simbolico. Lo sviluppo di approcci partenariali con la comunità sociale, infatti, può avere un significativo impatto sull immagine e la reputazione aziendale, agendo da leva di legittimità per una rafforzata licenza di operare, tale da supportare le operation aziendali e la sopravvivenza nel tempo (Googins, Rochlin, 2000; Warner, Sullivan, 2004). Al contempo, le partnership con e il coinvolgimento delle comunità locali rappresentano, per le imprese, l opportunità di sviluppare un attitudine proattiva verso il proprio contesto di riferimento, anticipando dinamiche di cambiamento e potenziali rischi (Kanter, 1999). Lanciata nel 2007, M-Pesa (Mteja-Pesa o Mobile Money in Swahili) è un servizio di mobile banking promosso da Vodafone e operato da Safaricom, una subsidiary di Vodafone in Kenya, nonché il maggiore operatore mobile del Paese. Il progetto non sarebbe stato fattibile senza il coinvolgimento di un ampio network di banche locali e istituzioni finanziarie, organizzazioni non profit, governi locali e organizzazioni di comunità. M-Pesa è più che un caso di successo di un impresa multinazionale che si spinge oltre i propri confini settoriali (quelli commerciali) per lanciare un servizio a forte valenza sociale. La decisione di Vodafone di entrare in una alleanza multi-settoriale così articolata rappresenta non solo il tentativo di accesso a risorse complementari per l ingresso in un nuovo mercato, ma anche l opportunità di qualificarsi come partner di valore in un contesto in crescita 4. Recentemente, l impatto diretto sull innovazione delle cooperazioni impresa-comunità in progetti sociali è stato analizzato (Holmes, Moir, 2007). Le competenze tecniche delle organizzazioni non profit e la profonda co-

8 40 noscenza delle comunità servite hanno il potenziale di accelerare i processi innovativi contribuendo a definire più chiaramente i bisogni locali ancora insoddisfatti. Le opportunità di business alla base della piramide della povertà sono un esempio in tal senso, offrendo evidenza di come sia possibile guardare ai problemi sociali come opportunità di mercato grazie alla maggiore vicinanza delle organizzazioni non profit agli utenti finali rispetto agli incumbent multinazionali (Kanter, 1999). L implementazione di processi di community engagement e dialogo con le comunità, infine, può consentire alle imprese di accumulare capitale relazionale (Maak, Pless, 2006), agendo sulla riduzione dei costi di transazione e contribuendo alla generazione di vantaggi competitivi duraturi basati su relazioni di fiducia e reciproca legittimità. 3.5 CS e comunità finanziaria Comunità di pratica e accademia si sono da lungo tempo interrogate sul ruolo della CS nel miglioramento delle relazioni con gli azionisti e la comunità finanziaria in senso lato. Numerosi studi sono stati rivolti all analisi degli impatti connessi alla diffusione volontaria di informazioni non economico-finanziarie sui progetti e i risultati in ambiti sociali e ambientali, oltre quanto prescritto dalla normativa (Perrini, 2006; Salvioni, 2002). In accordo con i più recenti contributi in materia, i processi di diffusione di informazioni volontarie, attraverso la stesura di appositi rapporti (ad esempio, bilanci sociali, ambientali e di sostenibilità), può agire da segnale del posizionamento e dei risultati d impresa in certi ambiti, evitando così, potenziali rischi di selezione avversa o l esposizione a futuri costi sociali (Dye, 1985). Al contempo, i rapporti volontari rivestono un ruolo di rilievo nella gestione delle aspettative della comunità finanziaria, allineandole e supportando la creazione di una posizione di legittimità per l impresa (Abbott, Monsen, 1979). La visibilità degli impegni intrapresi e della attività implementate, ottenuta attraverso la diffusione di informazioni specifiche, dunque, consente alla comunità finanziaria di valutare la capacità dell impresa di gestire le aspettative degli stakeholder (Orlitzky, Benjamin, 2001). Infine, andando oltre analisi costi-benefici e la ricerca di legittimità e reputazione, le pratiche di CS disclosure e reporting supportano lo sviluppo di stili manageriali adattivi nel far fronte a contesti di mercato sempre più dinamici (Salvioni, Bosetti, 2006). Quale conseguenza, le pratiche di reporting non economico-finanziario impattano sull accumulazione di capitale organizzativo, consentendo al management di rafforzare la capacità di interazione con i propri stakeholder, gestendo il dialogo sulla base di informazioni condivise circa obiettivi, attività e risultati (Bowman, Haire, 1975). 3.6 CS e gestione dell ambiente I vantaggi competitivi associati allo sviluppo di una sensibilità organizzativa nei confronti dell ambiente naturale, attraverso l implementazione di nuovi approcci manageriali, sono stati identificati da tempo in letteratura. In primis, l adozione di tecnologie volte al monitoraggio e alla riduzione degli impatti ambientali è una fonte potenziale di innovazione di prodotto

9 41 (per esempio, prodotti green), che porta a eventuali vantaggi di differenziazione e maggiore competitività (Shrivastava, 1995). Al contempo, le politiche ambientali possono stimolare innovazioni di processo. Alcuni studi hanno rilevato come le strategie per l abbattimento degli agenti inquinanti richiedano la riprogettazione delle varie fasi della produzione al fine di ottenere risparmi di input e miglioramenti nel consumo energetico. A tali innovazioni sono legati una maggiore efficienza ed efficacia nell uso delle risorse (King, Lenox, 2001). 3M è un caso esemplare di impresa innovativa nel politiche di riduzione degli impatti ambientali, attraverso lo sviluppo del primo programma industriale per il rafforzamento dell efficienza nell utilizzo delle risorse mediante interventi nella riformulazione del prodotto, modifica dei processi, design degli impianti, riciclo e riuso. Denominato 3P (Pollution Prevention Pays), il programma lanciato da 3M è divenuto un benchmark di settore, replicato efficacemente da altre imprese. Per esempio, nel 1979 Novartis era in grado di produrre 30 unità di prodotto finito per 70 unità di scarti. A seguito dell applicazione di un programma di pollution prevention, dal 2000 l efficienza di Novartis ha registrato un netto miglioramento, con 75 unità di prodotto finito a fronte di 25 unità di scarti 5. La ricerca empirica ha mostrato, inoltre, come il miglioramento della gestione ambientale attraverso processi di riduzione e prevenzione degli impatti possa agire da volano di reputazione, consentendo, alle imprese, di accumulare capitale simbolico. Tale aspetto diviene cruciale nel momento in cui apre nuove opportunità di mercato legate, per esempio, al crescente interesse per approvvigionamenti green da parte di attori pubblici e privati (Ambec, Lanoie, 2008). Così come per le iniziative e i progetti sociali, quelli volti alla gestione dell ambiente consentono l instaurarsi di relazioni durature con gli stakeholder, riducendo i rischi percepiti e migliorando la legittimità dei partner (Schaltegger, Wagner, 2006). L adozione di strategie ambientali proattive, infine, porta inevitabilmente alla necessità di ridisegnare le pratiche di gestione delle risorse umane, con progetti di formazione sull ambiente o schemi di compensazione legati ai risultati ambientali (Hart, 1995; Surroca et al., 2010). Vantaggi competitivi sono stati identificati, infatti, in quelle imprese che abbiano associato investimenti nelle persone a quelli volti all implementazione di sistemi di gestione ambientale, al fine di sviluppare risorse con capacità e conoscenze specialistiche, tali da consentire loro di guardare alle questioni ambientali come opportunità di business anziché come rischi da cui proteggersi. 4. Emerging Issues Per poter fronteggiare adeguatamente le attuali sfide competitive, le imprese sono alla costante ricerca di strategie tali da rendersi visibilmente e

10 42 durevolmente differenti dai propri competitor. In tale contesto, la CS rappresenta una rilevante fonte di opportunità competitive per le imprese impegnate in percorsi di integrazione strategica della propria sensibilità socioambientale ai diversi livelli organizzativi e nelle relazioni con gli stakeholder. Combinando prosperità economica, coesione sociale e protezione ambientale, la CS supporta le imprese nel processo di accumulazione di capitali intangibili, rafforzandone l abilità nell identificare, proteggere e valorizzare risorse difficilmente replicabili quali skill e competenze, conoscenza e valori, legittimità, fiducia e reputazione. Il presente studio è stato finalizzato a dare rappresentazione del complesso sistema di relazioni causali tra specifici investimenti in CS, accumulazione di intangibili e vantaggi competitivi, declinati nelle due macrocategorie della leadership di costo e differenziazione. In accordo con il modello proposto, l implementazione di strategie, pratiche e processi di CS stimola lo sviluppo di intangibili relativi al capitale umano, all innovazione e conoscenza, alla cultura e reputazione, migliorando la qualità e la quantità delle relazioni impresa-stakeholder. Proponendo una tassonomia di relazioni tra CS, intangibili e vantaggio competitivo, il presente studio apre, dunque, nuove prospettive sia sull eterogeneità dei risultati relativi agli impatti economici della CS che sui processi di creazione e sviluppo di intangibili. Da un lato, enfatizzando l importanza di definire chiari confini e specificare livelli di analisi al fine di generare risultati empirici comparabili, l articolo lascia spazio a ricerche ulteriori sui differenti aspetti inclusi nell espressione CS e come essi possano tradursi in miglioramenti in specifiche aree di performance, anche in relazione alle differenti categorie di stakeholder. Dall altro, lo studio fornisce una risposta preliminare ai quesiti circa le modalità concrete di accumulazione del capitale intangibile, suggerendo al mondo accademico di estendere l analisi ad ambiti ancora poco investigati e alla pratica manageriale una mappa sulla base di cui posizionare i propri investimenti al fine di beneficiare concretamente della CS anche in termini competitivi. Tale ricerca diviene ancora più importante alla luce dell accelerazione delle dinamiche competitive, che mette a rischio, oggi più che in passato, la sopravvivenza delle imprese e la creazione di valore a valere nel tempo. Bibliografia Abbott Walter F., Monsen R. Joseph, On the Measurement of Corporate Social Responsibility: Self Reported Disclosures as a Method of Measuring Corporate Social Involvement, Academy of Management Journal, vol. 22, n. 3, 1979, pp Adler Paul S., Kwon Seok-Woo, Social Capital: Prospects for a New Concept, Academy of Management Review, vol. 27, n. 1, 2002, pp Aguilera Ruth V., Rupp Deborah E., Williams Cyntia A., Ganapathi Jyoti, Putting the S Back to Corporate Social Responsibility: a Multilevel Theory of Social Change in Organizations, Academy of Management Review, vol. 32, n. 3, 2007, pp Ambec Stefan, Lanoie Paul, Does It Pay to Be Green? A Systematic Overview, Academy of Management Perspective, vol. 22, n. 4, 2008, pp Arrigo Elisa, Market-Driven Management, Global Competition and Corporate Responsibility, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, 2009.

11 43 Barnett Michael L., Stakeholder Influence Capacity and the Variability of Financial Returns to Corporate Social Responsibility, Academy of Management Review, vol. 32, n. 3, 2007, pp Barney Jay, Firm Resources and Sustained Competitive Advantage, Journal of Management, vol. 17, n. 1, 1991, pp Becker Gary S., Human Capital: A Theoretical and Empirical Analysis, The University of Chicago Press, Chicago, Bhattacharya C.B., Sen Sankar, When, Why, and How Consumers Respond to Social Initiatives, California Management Review, vol. 47, n. 1, 2004, pp Bowman Edward H., Haire Mason, A Strategic Posture Toward Corporate Social Responsibility, California Management Review, vol. 1, n. 2, 1975, pp Bragdon J.H., Marlin J.A.T., Is Pollution Profitable?, Risk management, vol. 19, n. 4, 1972, pp Brondoni Silvio M., Brand Policy and Brand Equity, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, 2000/2001. Brondoni Silvio M., Market-Driven Management, Competitive Customer Value and Global Network, Symphonya: Emerging Issues in Management (), n. 1, Carmeli Abraham, Tishler Ashler, The Relationships between Intangible Organizational Elements and Organizational Performance, Strategic Management Journal, vol. 25, n. 13, 2004, pp Castaldo Sandro, Perrini Francesco, Misani Nicola, Tencati Antonio, The Missing Link Between Corporate Social Responsibility and Consumer Trust: the Case of Fair Trade Products, Journal of Business Ethics, vol. 84, n.1, 2009, pp Chatterjee Savan, Wernerfelt Birger, The Link Between Resources and Type of Diversification: Theory and Evidence, Strategic Management Journal, vol. 12, n. 1, 1991, pp De Bakker Frank G. A., Groenewegen Peter, Den Hond Frank, A Bibliometric Analysis of 30 Years of Research and Theory on Corporate Social Responsibility and Corporate Social Performance, Business & Society, vol. 44, n. 3, 2005, pp Drake Mattehw J., Schlachter John Teepen, A Virtue-Ethics Analysis of Supply Chain Collaboration, Journal of Business Ethics, vol. 82, n. 4, 2008, pp Dye Ronald A., Disclosure of Nonproprietary Information, Journal of Accounting Research, vol. 23, n. 1, 1985, pp Fiol C. Marlene, Managing Culture as a Competitive Resource: an Identity-Based View of Sustainable Competitive Advantage, Journal of Management, vol. 17, n. 1, 1991, pp Frank R. H., What Price the Moral High Ground? Ethical Dilemmas in Competitive Environments, Princeton University Press, Princeton, Freeman R. Edward, Strategic Management: a Stakeholder Approach, Pitman, Boston, Friedman Milton, The Social Responsibility of Business Is to Increase Its Profits, New York Times Magazine, 13 September, 1970, pp Googins Bradley K., Rochlin Steven A., Creating The Partnership Society: Understanding the Rhetoric and Reality of Cross-Sectoral Partnerships, Business & Society Review, n. 105, 2000, pp Grant Adam M., Dutton Jane E., Rosso Brent D., Giving Commitment: Employee Support Programs and the Prosocial Sensemaking Process, Academy of Management Journal, vol. 51, n. 5, 2008, pp Greening Daniel W., Turban Daniel B., Corporate Social Performance as a Competitive Advantage In Attracting a Quality Workforce, Business & Society, vol. 39, n. 3, 2000, pp Hart Stuart L., A Natural Resource-Based View of the Firm, Academy of Management Review, vol. 20, n. 4, 1995, pp Hart Stuart L., Milstein Mark B., Creating Sustainable Value, Academy of Management Executive, vol. 17, n. 2, 2003, pp Holmes Sara, Moir Lance, Developing a Conceptual Framework to Identify Corporate Innovations through Engagement with Non-Profit Stakeholders, Corporate Governance: The International Journal of Business in Society, vol. 7, n. 4, 2007, pp

12 44 Jensen M.C., Value Maximization, Stakeholder Theory, and the Corporate Objective Function, Journal of Corporate Applied Finance, vol. 14, n. 3, 2001, pp Jones Ray, Murrel Audrey, Signaling Positive Corporate Social Performance. An Event Study of Family-Friendly Firms, Business & Society, vol. 40, n. 1, 2001, pp Kanter Rosabeth Moss, From Spare Change to Real Change: the Social Sector as Beta Site for Business Innovation, Harvard Business Review, vol. 77, n. 3, 1999, pp King Andrew A., Lenox Michael J., Does It Really Pay to Be Green? Accounting for Strategy Selection in the Relationship between Environmental and Financial Performance, Journal of Industrial Ecology, vol. 5, n. 1, 2001, pp Lambin Jean-Jacques, Capitalism and sustainable development, Symphonya: Emerging Issues in Management (), n. 2, Lev Baruch, Intangibles: Management, Measurement and Reporting, The Brookings Institute Press, Washington, Lim Suk Jun, Phillips Joe, Embedding CSRvalues: The Global Footwear Industry's Evolving Governance Structure, Journal of Business Ethics, vol. 81, n. 1, 2008, pp Maak Thomas, Pless Nicola M., Responsible Leadership in a Stakeholder Society. A Relational Perspective, Journal Of Business Ethics, vol. 66, n. 1, 2006, pp Margolis Joshua D., Walsh James P., Misery Loves Companies: Rethinking Social Initiatives by Business, Administrative Science Quarterly, vol. 48, n. 2, 2003, pp Moskowitz Milton, Choosing Socially Responsible Stocks, Business & Society Review, vol. 72, n. 1, 1972, pp Nelson Richard R., Winter Sidney G., An Evolutionary Theory of Economic Change, Harvard Business School Press, Cambridge, Orlitzky M., Benjamin J.D., Corporate Social Performance and Firm Risk: a Meta-Analytic Review, Business & Society, vol. 40, n. 4, 2001, pp Penrose Edith T., The Theory of the Growth of the Firm, Oxford University Press, New York, Perrini Francesco, The Practitioner's Perspective on Non-Financial Reporting, California Management Review, vol. 48, n. 2, 2006, pp Perrini Francesco, Pogutz Stefano, Tencati Antonio, Developing Corporate Social Responsibility. A European Perspective, Edward Elgar Publishing, Cheltenham, Perrini Francesco, Russo Angeloantonio, Tencati Antonio, Vurro Clodia, Going Beyond a Long-Lasting Debate: What Is Behing the Relationship between Corporate Social and Financial Performance?, European Academy For Business In Society (ed.), Corporate Responsibility, Market Valuation and Measuring the Financial and Non-Financial Performance of the Firm, Cranfield School Of Management, SDA Bocconi, Vlerick Leuven Gent Business Schools, Pfeffer Jeffrey, Competitive Advantage through People, California Management Review, vol. 36, n. 2, 1994, pp Pfeffer Jeffrey, The Human Equation: Building Profits by Putting People First, Harvard Business School Press, Boston, Porter M., Kramer M., Strategy and Society: the Link Between Competitive Advantage and Corporate Social Responsibility, Harvard Business Review, vol. 84, n. 12, 2006, pp Porter Michael E., Kramer Mark R., The Competitive Advantage of Corporate Philanthropy, Harvard Business Review, vol. 80, n. 12, 2002, pp Salvioni Daniela M., Transparency Culture and Financial Communication, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, Salvioni Daniela M., Bosetti Luisa, Corporate Governance Report and Stakeholder View, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 1, Schaltegger Stefan, Wagner Marcus (eds.), Managing the Business Case for Sustainability, Greenleaf Publishing, Sheffield, Schlegelmich Bodo B., Öberseder Magdalena, Ethical Issues in Global Supply Chains, Symphonya. Emerging Issues in Management (), n. 2, 2007.

13 45 Sharma Sanjay, Vredenburg Harrie, Proactive Corporate Environmental Strategy and the Development of Competitively Valuable Organizational Capabilities, Strategic Management Journal, vol. 19, n. 8, 1998, pp Shrivastava P., Environmental technologies and competitive advantage, Strategic Management Journal, n. 16, 1995, pp Surroca Jordi, Tribò Jorep A., Waddock Sandra, Corporate Responsibility and Financial Performance: the Role of Intangible Resources, Strategic Management Journal, vol. 31, n. 5, 2010, pp Teece David J. (ed.), The Competitive Challenge: Strategies for Industrial Innovation and Renewal, Ballinger Publishing Co., Cambridge, van Tulder Rob, van Wijk Jeroen, Kolk Ans, From Chain Liability to Chain Responsibility, Journal of Business Ethics, vol. 85, Supplement 2, 2009, pp Vurro Clodia, Russo Angeloantonio, Perrini Francesco, Shaping Sustainable Value Chains: Network Determinants of Supply Chain Governance Models, Journal of Business Ethics, vol. 90, Supplement 4, 2009, pp Waddock Sandra, Graves Samuel B., The Corporate Social Performance - Financial Performance Link, Strategic Management Journal, vol. 18, n. 4, 1997, pp Warner Michael, Sullivan Rory, Putting Partnerships to Work: Strategic Alliances for Development between the Government, the Private Sector and Civil Society, Greenleaf Publishing Limited, Sheffield, UK, Zingales Luigi, In Search of New Foundations, Journal of Finance, vol. 55, n. 4, 2000, pp Note 1 Si veda Vian T. et al. 2007, Corporate Social Responsibility in Global Health: The Pfizer Global Health Fellows International Volunteering Program, Human Resource Planning, 30/1, pp Si veda Unilever, Sustainable Development Report, Si veda Perrini F., Russo A., Illycaffè: Value Creation through Responsible Supplier Relationships, Journal of Business Ethics Education, 5 (Special Issue), 2008, pp Si veda Vurro, C. et al. 2010, Institutional Antecedents of Partnering for Social Change: How Institutional Logics Shape Cross-Sector Social Partnerships, Journal of Business Ethics, Forthcoming. 5 Si veda Marcus, A. and Fremeth A. 2009, Green Management Matters Regardless, Academy of Management Perspectives, 23/3, p. 20.

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Linee guida per il reporting di sostenibilità

Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Linee guida per il reporting di sostenibilità 2000-2011 GRI Versione 3.1 2000-2011 GRI Versione 3.1 Linee guida per il reporting di sostenibilità RG Indice Prefazione Lo sviluppo sostenibile e l imperativo

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

3 Sonda: è lo strumento metodologico messo a punto per la rilevazione e l analisi del capitale

3 Sonda: è lo strumento metodologico messo a punto per la rilevazione e l analisi del capitale di Carlo Ronca Il Capitale Intellettuale e il suo report: una nuova cultura per sostenere i processi di innovazione e la competitività delle imprese e dei loro sistemi 1/2012 Working Paper on Knowledge

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE

A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE A BEST PRACTICE APPROACH PER PROMUOVERE SALUTE IL MODELLO PRECEDE-PROCEED E L INTERACTIVE DOMAIN MODEL A CONFRONTO A cura di Alessandra Suglia, Paola Ragazzoni, Claudio Tortone DoRS. Centro Regionale di

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.

40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015. Prof. Alessandro Minichilli. Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi. 40229 Governo dell impresa a.a. 2014/2015 Prof. Alessandro Minichilli Via Röntgen 1, Room 4 B1 10, 02 5836.2543, alessandro.minichilli@unibocconi.it Descrizione del corso. Obiettivi: il corso intende fornire

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO

Guida per Auto Valutazione Secondo l EFQM GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO GUIDA PER L APPLICAZIONE IONE DELLA METODOLOGIA DI AUTO VALUTAZIONE EFQM NEL PARTENARIATO 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. LA METODOLOGIA EFQM E IL QUESTIONARIO DI AUTO VALUTAZIONE... 4 3. LA METODOLOGIA

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e'

ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il continuous improvement ed e' ITIL v3 ITIL v3 e' parte di un processo teso a migliorare le best practices ITIL. In effetti, ITIL predica il "continuous improvement" ed e' giusto che lo applichi anche a se' stessa... Naturalmente una

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE

LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE LA VALUTAZIONE ECONOMICA DEL PORTAFOGLIO BREVETTUALE Prof. MARCO GIULIANI Docente di Economia Aziendale Università Politecnica delle Marche Socio LIVE m.giuliani@univpm.it Jesi, 11 ottobre 2013 1 Prime

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti

il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti il ruolo del Service Manager e i vantaggi conseguiti Alessandro Bruni CIO at Baglioni Hotels Workshop AICA: "Il Service Manager: il ruolo e il suo valore per il business" 8/ 2/2011 Il gruppo Baglioni Hotels

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013

Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali. Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 Non solo benchmark: le prospettive nei modelli gestionali Stefania Luzi Mefop Roma, 3 luglio 2013 La cronistoria Pre 2009 Modello a benchmark basato su: Pesi delle asset class Benchmark costituito da indici

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli