LINEA C DEL METRO DI ROMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LINEA C DEL METRO DI ROMA"

Transcript

1 COMMITTENTE Comune di Roma PROGETTO Progetto di massima: Sta. Progetto definitivo della tratta T3: Associazione temporanea d imprese fra C. Lotti and Associati spa e Halcrow Group spa. Progetto definitivo delle tratte T4, T5 e T6: Associazione temporanea d imprese fra Gibb, Team Engineeering, Geoconsult. CARATTERISTICHE Lunghezza: 30 km, suddivisi in sette tratte. Stazioni: 34. Profondità: da 20 a 35 metri dal piano stradale. TEMPI Progetto preliminare: Progetti definitivi: Inizio lavori: 2001 (tratte T4 e T5). Fine lavori prevista: 2006 (tratte T4 e T5). COSTI Progetto complessivo Vigna Clara-Torrenova (T1-T6): circa 6 mila miliardi. Intervento tratte T3-T6: circa 3 mila miliardi. Opere delle tratte San Giovanni-Alessandrino (T4 e T5): circa miliardi. Planimetria generale della linea C della metropolitana di Roma. 58

2 LINEA C DI ROMA METROPOLITANE LA NUOVA LINEA C La terza linea del metrò di Roma rappresenta oggi in Italia il progetto più ambizioso di ferrovia sotterranea urbana, lunga circa 30 chilometri con 34 stazioni, che dalla Città del Vaticano, a ovest, porta nell estrema periferia orientale, dando un contributo notevole alla trasformazione urbana della Capitale verso un modello di città policentrica Se il potenziamento delle linee metropolitane esistenti rappresenta la valorizzazione di quanto fatto nel passato, il progetto per la nuova linea C è una risposta concreta sia alla domanda di mobilità attuale sia alla crescita futura della Capitale. In essa infatti si ritrovano non solo motivazioni trasportistiche, ma un idea di città fatta di un insieme di centri urbani funzionali allo sviluppo della realtà complessiva. Il suo tracciato è concepito come il filo conduttore di un progetto di riconfigurazione del tessuto cittadino, che dalle estreme periferie attraversa la città da sud-est a nord-ovest agevolando la crescita dei poli periferici e liberando il centro storico da un gravame di compiti e funzioni ormai insopportabile. Si tratta di un intervento molto complesso - per il quale sono previsti investimenti per circa 6 mila miliardi di lire - e una vera e propria sfida per tutti, dovendo passare sotto il centro storico di Roma, con tutte le sue valenze archeologiche che per molto tempo hanno bloccato progetti simili (un reperto archeologico davanti agli scavi può significare l infattibilità dell opera). La sfida è stata comunque raccolta, trasformandola da vincolo in virtù attraverso un approccio metodologico nuovo, che dà corpo a una fortunata opportunità culturale, non solo per Roma: la Soprintendenza partecipa a pieno titolo alla progettazione, ed esercita le sue funzioni; questa decisione ha trasformato l archeologia nell elemento fondante del progetto, un valore aggiunto quindi, e non soltanto un vincolo. Dal punto di vista pratico gli archeologi hanno affiancato i progettisti da almeno tre anni, per meglio delineare sia il tracciato, che essendo piuttosto profondo non dovrebbe creare problemi, ma soprattutto delle stazioni, dove forzatamente si attraversa la fascia archeologica della Roma repubblicana e imperiale; l attraversamento avviene però con un elemento - la stazione - che a differenza della linea ha una sua flessibilità e potenzialità di adattamento, oltre che di valorizzazione dei reperti, ovviamente se viene progettata tenendo conto di questi elementi. L idea è realizzare complessi che non deturpino il patrimonio archeologico, ma anzi lo valorizzino rendendolo fruibile a tutti, divenendo stazioni-museo con reperti veri e inesplorati; così, con un operazione culturale oltre che di trasporto, alla Roma nota si affianca una Roma sotterranea sconosciuta e altrettanto bella. LO SVILUPPO DELLA LINEA C La linea metropolitana C è stata inserita nel Piano regolatore generale di Roma del 1962, con un itinerario in parte diverso da quello attuale; nella Variante Generale del la linea, allora chiamata G, assume in parte l'attuale configurazione nel tratto Termini - Pantano, a servizio soprattutto degli insediamenti, sia esistenti che di previsione, lungo la via Casilina, e dell'allora, futuro complesso universitario di Tor Vergata. Il primo vero atto concreto da cui nasce la linea è stato, alla metà degli anni Ottanta, il progetto di massima per l ammodernamento della ferrovia concessa Roma - Fiuggi, e in particolare del tratto Pantano-Roma, con caratteristiche di pre-metropolitana a doppio binario, e capolinea centrale a Termini; la richiesta di finanziamento al Ministero dei Trasporti porta poi allo stanziamento di contributi in misura tale da coprire i lavori della sola tratta Pantano-Torrenova, alle porte di Roma. Nel frattempo, essendo poco condivisa l'ipotesi di attestare un'ulteriore linea di metropolitana a Termini, sono nate due ipotesi alternative di tracciato, per l'attraversamento della zona centrale della città, per poi proseguire sino a Vigna Clara; dal 1990 si verifica una progressiva messa a fuoco del progetto, fino a quando, nel 1995, il Consiglio Comunale approva la soluzione di massima che è alla base del progetto definitivo attuale. 59

3 IL TRACCIATO DELLA LINEA La linea C, con i suoi 30 chilometri di sviluppo, 34 stazioni e 3 corrispondenze con le linee di metropolitane esistenti, rappresenta la più importante opera infrastrutturale già programmata dal comune di Roma per l integrazione delle reti del ferro e per la più generale integrazione della mobilità nell area urbana allargata. Per raggiungere questi obiettivi la C si interseca con le altre linee metro e Ferrovie metropolitane (FM), si integra con i tram adduttori e realizza alcune importanti attestazioni di scambio in periferia. Il tracciato attraversa completamente Roma da est a ovest, sviluppandosi dal terminale di Pantano, lungo la via Casilina, a est, abbondantemente al di fuori del Grande raccordo anulare (Gra), fino a Vigna Clara, in corrispondenza della cintura ferroviaria nord delle Ferrovie dello Stato. Dal capolinea settentrionale, la C procede in direzione sud servendo in successione le zone di corso Francia e Ponte Milvio e quindi il complesso sportivo del Foro Italico; prosegue per piazzale Clodio e il quartiere Prati, servendo il complesso della città giudiziaria; trova corrispondenza con la linea metropolitana A a Ottaviano, e attraverso la fermata di piazza Risorgimento serve il complesso della Città del Vaticano e della Basilica di San Pietro, ripiegando poi verso est in corrispondenza di piazza Cavour. Di qui attraversa il fiume Tevere per servire il centro storico della città fino a piazza Venezia, dove trova corrispondenza con il tracciato previsto della linea tranviaria Gregorio VII- Termini-Casaletto; la successiva fermata Colosseo, in corrispondenza della linea B della metropolitana, è concepita in funzione dei programmi di realizzazione del Parco dei Fori e dell'area archeologica centrale, ponendosi come strumento ideale di accessibilità ipogea alle strutture archeologiche. Il tracciato prosegue verso est, trovando nuova corrispondenza con la linea metropolitana A a San Giovanni, e servendo il quartiere Appio Latino attraverso la fermata di piazza Lodi; più oltre attraversa le zone di Pigneto (corrispondenza con la cintura ferroviaria FS est), Malatesta, Gordiani, Casilino e Centocelle, con un percorso quasi baricentrico tra le vie Casilina e Prenestina. I n coincidenza con l'intersezione con la tangenziale viaria orientale (via Togliatti) trova corrispondenza con la prevista linea tranviaria Cinecittà - Val Melaina; subito dopo, dalla fermata di Alessandrino in poi, il tracciato segue l'asse di via Casilina sino a Pantano, ai limiti del territorio comunale romano e ben addentro nel territorio agricolo che circonda la Capitale: nell ultimo tratto, infatti, dalla stazione di Torrenova (oltre il Gra), la C ingloba la vecchia linea ferroviaria in concessione Roma-Fiuggi, già in fase di adeguamento a linea metropolitana, fino a Pantano, a cura del Ministero dei Trasporti. VARIANTI E DIRAMAZIONI Nella parte centrale del tracciato definitivo è prevista una diramazione C1 verso nord-est (quartiere Prenestino-Collatino), all altezza della via Gordiani, sia per compensare l'eliminazione della prevista stazione Schema assonometrico e, in alto, sezione longitudinale della stazione Colosseo della linea C. Nella pagina accanto, in alto, prospetto laterale della stazione Torrenova. Pofilo altimetrico della linea dalla stazione Colosseo a quella di Torrenova. 60

4 LINEA C DI ROMA METROPOLITANE Gordiani sulla C (richiesta in sede di Conferenza di Servizi da parte della Soprintendenza Archeologica, dal momento che tale stazione è stata definita irrealizzabile perché in zona gravata da vincolo ex lege 1089 che prescrive inedificabilità assoluta ), sia per recuperare le aree a forte densità dei quartieri, sia, infine per realizzare una importante attestazione di scambio con la FM2 e l autostrada A24 Roma-l Aquila all altezza della tangenziale (via Togliatti). L inserimento della diramazione Teano-A24-Colli Aniene e l intersezione con la linea Torre Spaccata-Tor Vergata, oltre a servire adeguatamente l intera area orientale, di fatto costituisce un decisivo sistema di trasporto tangenziale dell intero settore. Questo sistema, con un solo scambio metro-metro a Teano e uno fra la metro e un sistema di trasporto innovativo alla stazione di Parco di Centocelle, realizza un forte collegamento tra il settore tiburtino dei Colli Aniene e l area Prenestina/Centocelle e di seguito con il settore Torre Spaccata-Tor Vergata, connettendo peraltro i luoghi più significativi dell intero settore: Sacco e Vanzetti, Serenissima, Primavera, piazza dei Mirti, parco di Centocelle e di seguito il Sistema direzionale orientale (Sdo)-Torre Spaccata e il polo di Tor Vergata (università e Policlinico) nonché importantissimi nodi di scambio con la viabilità principale in corrispondenza delle intersezioni A24-Togliatti, Casilina-Togliatti e Casilina-Gra. Per l attraversamento del centro storico, in linea con quanto richiesto dal Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, è allo studio la variante di tracciato fra piazza Venezia e Ottaviano (passando da corso Vittorio e San Pietro), che consente sia l integrazione con la rete tranviaria nei nodi di largo di Torre Argentina e corso Vittorio/largo Tassoni, sia soprattutto perché la residua area del centro storico (via del Corso/piazza Colonna) è servibile più naturalmente con la quarta linea del metrò (ipotesi in fase di studio a livello trasportistico). Per l attestazione a nord, infine, è ipotizzabile a medio termine la collocazione nei pressi dell attuale nodo di scambio della Farnesina, che sarà peraltro ulteriormente collegato con la prossima realizzazione del raccordo viario via Olimpica-via di Pineta Sacchetti (il cosiddetto Passaggio a nord-ovest ). STRUMENTO DI QUALITÀ URBANA Il valore trasportistico e di trasformazione urbana della linea C è evidente, considerando che tocca significativi bacini d utenza e si pone come strumento di sviluppo e qualificazione di importanti ambiti territoriali. Fra questi ne spiccano in particolare tre: - la tratta interna, fra piazzale Clodio e il Colosseo, nella quale la linea è a servizio della pedonalizzazione delle aree attraversate e si correla con sedimi archeologici di primario interesse, e il progetto delle stazioni diviene 61

5 occasione per la conoscenza della storia antica e strumento completamente, anziché antitetico, per la valorizzazione delle preesistenze oggi ancora non rilevate, con la realizzazione di spazi museali e di servizio in accordo con la Soprintendenza Archeologica; - la tratta intermedia, dal Colosseo al quartiere Alessandrino, in cui le stazioni sono elemento di riqualificazione del tessuto urbano, in particolare in piazza Malatesta e a San Giovanni; - la tratta a cavallo del Grande raccordo anulare, nella periferia ovest, dove le stazioni diventano catalizzatori di sviluppo urbano, in particolare alle stazioni Giglioli, nel quartiere Torre Maura, e Giardinetti, nel quartiere omonimo. LE FASI DI REALIZZAZIONE L'articolazione complessiva prevede la suddivisione dell'intera linea in sette tratte, individuate secondo motivazioni di ordine funzionale, di sistema e da esigenze di natura progettuale. Procedendo da nord-ovest verso est le tratte sono: Vigna Clara - Clodio (T1), Clodio - Colosseo (T2), Colosseo - San Giovanni (T3), San Giovanni - Malatesta (T4), Malatesta - Alessandrino (T5), Alessandrino - Giglioli - Torrenova (T6), Torrenova - Pantano (T7). La realizzazione è programmata secondo due scenari temporali diversi: a medio termine è previsto il completamento della tratta fra Pantano e piazza Venezia; la costruzione della tratta residua è subordinata alla disponibilità dei relativi finanziamenti. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Per evitare il più possibile interferenze con lo strato archeologico, che in alcune zone ha uno spessore fino a 12 metri, e per limitare gli effetti dei cedimenti sul sovrastante tessuto urbano, tutta la linea all interno del Grande raccordo anulare è posta a una profondità variabile tra i 20 e i 35 metri con coperture di oltre 27 metri nel centro storico e 17 metri nella tratta San Giovanni-Torrenova. Per questo motivo la linea è costituita da due gallerie a binario unico, realizzate a foro cieco con l utilizzo di scudi a pressione bilanciata del terreno per il sostegno del fronte (Slurry Shield, o Earth Pressure Balanced Sield): un tipo di scavo che, come per la linea B1 e il prolungamento della A, permette di garantire una elevata sicurezza durante i lavori e di limitare al massimo eventuali cedimenti, oltre al fatto di ridurre a pochi punti le aree di cantiere in superficie, legate essenzialmente ai lavori per le stazioni e ai pozzi di attacco degli scudi, previsti a Clodio, San Giovanni e Torrenova. Grande importanza, tecnica ed economica, assumono inoltre i sistemi di consolidamento, attuati soprattutto in fase di avanzamento delle gallerie e di scavo delle stazioni, facendo ricorso ai metodi più sofisticati e affidabili, tra cui il congelamento preventivo del terreno su vasta scala. La tratta esterna utilizza il tracciato della ferrovia concessa Roma-Fiuggi e si snoda per intero a cielo aperto lungo la via Casilina, sino a Pantano. LE STAZIONI Con la stessa logica delle linee, le stazioni sono prevalentemente a banchina centrale, realizzate a foro cieco, allargando le gallerie di linea, adottando il criterio standard di costruire la parte centrale mediante una scatola artificiale, sostenuta da diaframmi e puntoni provvisori, scavando poi le gallerie di accesso alle banchine e di stazione con il sistema Natm: una scelta progettuale che permette di ridurre i costi di realizzazione e, soprattutto, di evitare i rischi di cedimenti in superficie dovuti alle opere di allargamento; per le stazioni con falda considerevolmente alta sopra la volta della galleria è previsto il congelamento sistematico del terreno. Rispetto alla conformazione standard con banchina centrale fanno eccezione: - le stazioni Risorgimento e Teano, realizzate a banchine sovrapposte per ridurre la loro larghezza, e quindi l impatto dei cantieri sulla città; - le stazioni Castel Sant'Angelo, Centro Storico, piazza Venezia e Amba Aradam, che prevedono banchine separate (realizzate previa l attuazione di interventi specifici per migliorare le caratteristiche del terreno); - le stazioni Clodio, Ottaviano, Risorgimento, Colosseo, San Giovanni, Malatesta e Teano, realizzate invece a cielo aperto, soprattutto le tre che ospitano pozzi di attacco degli scudi. La variante allo studio per il tratto nel centro storico prevede la realizzazione di due gallerie di linea dal diametro maggiorato (9,9 metri), in grado di ospitare al loro interno le banchine di stazione; con questa tipologia si ipotizza di realizzare la stazione Castel Sant Angelo, interamente sotto il Tevere, da realizzare mediante l esecuzione di tre tunnel paralleli, scavati con un macchinario del tipo Tbm a pressione compensata (Epb) di 10 metri di diametro, che attraverserà il fiume a partire dai pozzi d accesso posti dietro i muraglioni esistenti. STANDARD DI SERVIZIO Dal punto di vista del servizio è prevista in progetto una frequenza, per la tratta centrale, di un treno ogni tre minuti, con una capacità di trasporto di passeggeri per convoglio e con una velocità commerciale di circa 35 chilometri orari. Il progetto della linea prevede l'adozione dei più moderni standard prestazionali e di sicurezza per gli impianti elettroferroviari, in particolare per l'impianto di segnalamento/automazione, consentendo così la realizzazione di funzioni di elevata automazione della marcia dei treni e della gestione centralizzata dell'intero sistema. Lamberto Solimene 62

ROMA METROPOLITANE METRO C: LA SITUAZIONE DEI CANTIERI ARCHEOLOGICI

ROMA METROPOLITANE METRO C: LA SITUAZIONE DEI CANTIERI ARCHEOLOGICI COMUNICATO STAMPA METRO C: LA SITUAZIONE DEI CANTIERI ARCHEOLOGICI S.GIOVANNI - PANTANO (TRATTE T4-T5-T6A-T7 E DEPOSITO GRANITI) Cantieri di Torre Spaccata, Giglioli, Giardinetti sito 1, Torrenova sito

Dettagli

Roma Capitale ha adottato un Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile per garantire lo sviluppo e la

Roma Capitale ha adottato un Piano Strategico per la Mobilità Sostenibile per garantire lo sviluppo e la Il caso di Roma Capitale: interventi prioritari nell area metropolitana e regionale Stazioni, città e ferrovie verso l Europa - Bologna, 17 ottobre 2012 Piano Strategico della Mobilità Sostenibile Roma

Dettagli

Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre Jonio Tratta Jonio-Bufalotta. Scheda illustrativa dell intervento

Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre Jonio Tratta Jonio-Bufalotta. Scheda illustrativa dell intervento Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre Jonio Tratta Jonio-Bufalotta Scheda illustrativa dell intervento INTERVENTO Prolungamento della linea B1 della metropolitana di Roma oltre

Dettagli

Linea C Tracciato Fondamentale

Linea C Tracciato Fondamentale www.romametropolitane.it Le nuove linee delle metropolitane di Roma Linea C Tracciato Fondamentale PROLUNGAMENTO NORD TRACCIATO FONDAMENTALE CLODIO/MAZZINI - GROTTAROSSA LUNGHEZZA LINEA 9 Km STAZIONI n.

Dettagli

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ

SCALE MOBILI PER LE CITTÀ PER LE CITTÀ L utilizzo di scale mobili e ascensori per facilitare la mobilità delle persone nelle città d arte o in luoghi difficilmente accessibili vede oggi una significativa accelerazione, e dopo il

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013

La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma. Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma Settimana Europea della Mobilità Sostenibile 2013 La rete ciclabile nel quadrante Nord-Est di Roma 1. L occasione III Municipio: apertura della linea metro

Dettagli

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km

Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 1. CARATTERISTICHE DELLA LINEA Linea: Roma Viterbo Tratta in esame: tra la fermata Valle Aurelia - Anastasio II e la stazione di Monte Mario Lunghezza del tratto in esame: 5 km 2. IL RUOLO DELLE GREENWAYS

Dettagli

M4 /Linea Lorenteggio - Linate Cantieri asse «San Cristoforo - Segneri»

M4 /Linea Lorenteggio - Linate Cantieri asse «San Cristoforo - Segneri» M4 /Linea Lorenteggio - Linate Cantieri asse «San Cristoforo - Segneri» 23 marzo 2015 2 Il progetto La Linea M4 della metropolitana di Milano collega direttamente il centro della città con: quartiere Forlanini

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

NOTIZIARIO CANTIERI. 20 ottobre 2015

NOTIZIARIO CANTIERI. 20 ottobre 2015 20 ottobre 2015 NOTIZIARIO CANTIERI Linea C: nel nuovo cantiere per il compensation grouting dei giardini di largo Amba Aradam è terminata la cantierizzazione e sono in corso i carotaggi archeologici ROMA

Dettagli

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE

INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE PROGETTI PADOVA INTERPORTO COME CUORE DELLA CITTADELLA INDUSTRIALE L'interporto di Padova mostra un modo diverso di intendere questo tipo di strutture, collocandosi al centro del comprensorio industriale

Dettagli

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari

La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari La nuova Linea di Alta Capacità Napoli-Bari Dario Gentile - aprile 2009 1 LE TAPPE DEL PROGETTO DELLA LINEA DI ALTA CAPACITÀ NAPOLI-BARI Il rilancio della linea Napoli-Bari è stato possibile dopo anni

Dettagli

Prolungamento oltre Battistini Tratta Battistini Torrevecchia Progetto Preliminare Integrato

Prolungamento oltre Battistini Tratta Battistini Torrevecchia Progetto Preliminare Integrato Metropolitana di Roma Linea A Prolungamento oltre Battistini Tratta Battistini Torrevecchia Progetto Preliminare Integrato 1 I prolungamenti delle linee della metropolitana di Roma 2 Lunghezza complessiva:

Dettagli

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO

REALIZZAZIONE NUOVO POLO FIERA MILANO Committente: Fondazione Fiera Milano Progettisti: Massimiliano Fuksas -Studio Altieri, Lombardi & Associati e altri Soggetto attuatore: Fondazione Fiera Milano Inizio attività: Anno 2002 Ultimazione lavori:

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE

ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO STATO ITALIANE TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO DI MILANO Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA TRA COMUNE DI MILANO REGIONE LOMBARDIA E FERROVIE DELLO

Dettagli

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano

La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture La MM, un fattore di successo nei processi di riqualificazione di Milano Sergio Viganò 1 ABSTRACT Lo sviluppo di Milano dell ultimo decennio è avvenuto

Dettagli

Un progetto per il Paese

Un progetto per il Paese Un progetto per il Paese ASSISE 2011 La funzione di Unindustria Introduzione Lo sviluppo dell 'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino rappresenta uno degli obiettivi più importanti per la crescita

Dettagli

NODO METROPOLITANO DI TORINO

NODO METROPOLITANO DI TORINO ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA NODO METROPOLITANO DI TORINO FONTE: http://www.barrieracentro.it/mobilita/pdf/mobilita.pdf Dicembre 2013 1. STATO DI AVANZAMENTO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Attidium: l area archeologica diviene luogo di fruibilità turistica Importo dell opera 133.000,00 Importo del cofinanziamento

Dettagli

SISTEMA FERROVIARIO NEL NODO DI ROMA

SISTEMA FERROVIARIO NEL NODO DI ROMA Ingegneria ed economia di sistema nel TrasportoPubblicoLocaleavia guidata. SISTEMA FERROVIARIO NEL NODO DI ROMA Enrico Sciarra Amministratore Delegato Roma Servizi per la Mobilità Coordinato da: Organizzato

Dettagli

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino

PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO. Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino PRINCIPALI OTTIMIZZAZIONI APPORTATE AL PROGETTO Tratta Collegno-Cascine Vica Linea 1 Metropolitana Automatica di Torino Principali ottimizzazioni apportate nel progetto definitivo Sulla base di una serie

Dettagli

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA

LE INFRASTRUTTURE MOBILI E DEL SISTEMA VIABILISTICO NELL AREA METROPOLITANA Capitolo 1. Il programma delle infrastrutture mobili e del sistema viabilistico nell area metropolitana. Come già detto, nel documento Indirizzi di politica urbanistica, elaborato dall Assessorato all

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO

1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO 1. LA MOBILITA ATTUALE NELL AREA DI STUDIO Il settore di città Flaminio Foro Italico è compreso nell ansa del Tevere definita a nord da Piazzale di Ponte Milvio, dal sistema del Foro Italico e dello stadio

Dettagli

Il grande cantiere del metrò di roma

Il grande cantiere del metrò di roma suolo & sottosuolo Un progetto ambizioso dove l alta tecnologia si unisce alla storia Il grande cantiere del metrò di roma Fabrizio Bonomo Dopo anni di progetti e discussioni stanno per iniziare gli scavi

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA

Bureau d études TSE3 Gruppo di progetto TSE3 BG-AMBERG LOMBARDI-ARCADIS-TECNIMONT-STUDIO QUARANTA-SEA CONSULTING-ITALFERR-INEXIA-SYSTRA 1 INTRODUZIONE La realizzazione delle opere della nuova linea ad alta velocità Torino-Lione (N.L.T.L.) interessa a cielo aperto la piana delle Chiuse tra la pk 83+003, imbocco Ovest del Tunnel dell Orsiera

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

L esperienza delle LAM a Prato e la Prospettiva del Tram

L esperienza delle LAM a Prato e la Prospettiva del Tram L esperienza delle LAM a Prato e la Prospettiva del Tram MOBILITA SOSTENIBILE PER LE CITTA MEDI PICCOLE SCELTE LOGICHE E NON IDEOLOGICHE Forlimpopoli / novembre 2008 1 2 !"# $ " % &" &" ' ( %!) &" $!"%

Dettagli

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia

Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Cavatigozzi Via Milano via Ghinaglia Inquadramento cartografico Descrizione/introduzione Itinerario radiale che collega Piazza Risorgimento con la zona periferica ovest di Cremona nei pressi del Quartiere

Dettagli

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA

Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Bologna, 24 marzo 2011 IL PASSANTE AV DI BOLOGNA Nodo di Bologna: situazione attuale Traffico attuale 780 treni/g 80.000 passeggeri/g 2 Nodo di Bologna: situazione a fine lavori (dicembre 2013) Traffico

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012

Sistemi metropolitani a guida automatica. L esperienza romana. Torino, 28 Marzo 2012 Sistemi metropolitani a guida automatica L esperienza romana Torino, 28 Marzo 2012 Le tipicità di Roma Roma presenta alcune caratteristiche particolari: il delicato tessuto urbanistico, caratterizzato

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Regione del Veneto RFI Spa Comune di Vicenza Camera di Commercio di Vicenza

PROTOCOLLO D INTESA. tra. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Regione del Veneto RFI Spa Comune di Vicenza Camera di Commercio di Vicenza giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1241 del 22 luglio 2014 pag. 1/6 PROTOCOLLO D INTESA per l attraversamento del territorio vicentino con la linea AV/AC Verona-Padova tra Ministero

Dettagli

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE

GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE . GOVERNANCE DEL PROGETTO DA PARTE DELL OSSERVATORIO ATTIVITÀ DI PROPOSTA E DI INTERAZIONE PROPOSTE PROVENIENTI DAL TERRITORIO RELATIVAMENTE ALLA TRATTA FUNZIONALE GRONDA MERCI (SETTORE NORD OVEST) ED

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO LOMBARDIA Situato a est di Bergamo, l'interporto di Montello si pone come il punto di riferimento per potenzialità, posizione e rete infrastrutturale del bacino produttivo a nord est di Milano e della

Dettagli

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA

IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA IL PARCHEGGIO D INTERSCAMBIO DI FAMAGOSTA Uno dei maggiori parcheggi periferici di interscambio di Milano, realizzato dalla Metropolitana Milanese, si avvia a servire l area sud del capoluogo lombardo

Dettagli

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale

Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno Sindaco di Roma Capitale I lavori di adeguamento della stazione metro di Termini sono stati eseguiti senza mai interrompere l esercizio delle metropolitane. Questa circostanza è sufficiente

Dettagli

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA

METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA METROPOLITANA AUTOMATICA DI TORINO REALIZZAZIONE DELLE OPERE CIVILI DEL LOTTO 1 PORTA NUOVA-MARCONI LINEA 1 TRATTA PORTA NUOVA-LINGOTTO METODO PELIZZA Prof. Ing. Sebastiano Pelizza Politecnico di Torino

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Giovanni Simonacci. g.simonacci@romametropolitane.it

Giovanni Simonacci. g.simonacci@romametropolitane.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giovanni Simonacci Telefono 06454640225 Fax 06454640111 E-mail g.simonacci@romametropolitane.it Nazionalità

Dettagli

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine

Premessa. Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine Allegato Traffico - PGT di Ospedaletto Lodigiano Premessa Il presente documento si pone come allegato al Documento di Piano e al Piano dei servizi al fine di evidenziare ed approfondire la tematica del

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA

M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA M LA LINEA 1 DI METROPOLITANA Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il Sistema VAL (Veicolo Automatico Leggero) per 29 treni che viaggiano sotto corso Francia, corso Vittorio Emanuele e via

Dettagli

1. IL PROTOCOLLO PER LA TRATTA GARIBALDI-CENTRO DIREZIONALE-POGGIOREALE-CAPODICHINO DELLA LINEA 1

1. IL PROTOCOLLO PER LA TRATTA GARIBALDI-CENTRO DIREZIONALE-POGGIOREALE-CAPODICHINO DELLA LINEA 1 1. IL PROTOCOLLO PER LA TRATTA GARIBALDI-CENTRO DIREZIONALE-POGGIOREALE-CAPODICHINO DELLA LINEA 1 Il protocollo per la realizzazione della tratta Garibaldi-Centro Direzionale- Poggioreale-Capodichino della

Dettagli

PMV. Sistema Tranviario di Mestre-Venezia Situazione Lavori e Prospettive Nuove Linee. Ing. Massimo Diana Progetti Speciali PMV

PMV. Sistema Tranviario di Mestre-Venezia Situazione Lavori e Prospettive Nuove Linee. Ing. Massimo Diana Progetti Speciali PMV Ingegneriaed economia disistema nel TrasportoPubblicoLocaleavia guidata. Sistema Tranviario di Mestre-Venezia Situazione Lavori e Prospettive Nuove Linee Ing. Massimo Diana Progetti Speciali Coordinato

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

Opere ed interventi da realizzare:

Opere ed interventi da realizzare: ACCORDO PROCEDIMENTALE 23/07/1997 Sugli interventi di ambito locale per la sistemazione del nodo ferroviario di Modena in applicazione all art. 8 dell Accordo Quadro Regionale del 29/07/94 sul Quadruplicamento

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA'

PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' PROPRIETARIA e PROPONENTE EURNOVA S.R.L. Data: 28 agosto 2014 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE MODIFICHE ALLO STUDIO DI FATTIBILITA' Relazione tecnica relativa alle modifiche al progetto di fattibilita

Dettagli

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno

Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Pag. 0 di 28 Metrotranvia Milano (Parco Nord) Seregno Bresso (Sala Consiglio) - 8.04.2008 Pag. 1 di 28 Intese e Quadro programmatico Accordo tra Regione, e Comuni in ordine alla riqualificazione della

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO

CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO CORRIDOIO PLURIMODALE PADANO Accessibilità Malpensa Collegamento tra la S.S. n. 11 "Padana Superiore" a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano, con variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del

Dettagli

NEW ECONOMY: DALLA TECNOLOGIA ALLA CENTRALITÀ DELL UOMO

NEW ECONOMY: DALLA TECNOLOGIA ALLA CENTRALITÀ DELL UOMO NEW ECONOMY: DALLA TECNOLOGIA ALLA CENTRALITÀ DELL UOMO UN LABORATORIO DICOOPERAZIONE SULLA REGIONE TIBERINA VERSO UNA RIGENERAZIONE DELL HABITAT E DEL LAVORO IN AREE INTERNE E CITTA Una metropolitana

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata

Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata Allegati dell art. Emilia-Romagna e Bologna lettura tecnica di una crisi annunciata 1 2 3 4 Nasce la Marconi Express, società di progetto per la realizzazione del People Mover 14/01/2010 Si chiama MARCONI

Dettagli

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA

L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA PROGETTI BOLOGNA L'ARTICOLAZIONE MODELLO DI BOLOGNA L'interporto di Bologna, oltre ad essere uno dei maggiori in Italia per traffico merci, si presenta come caso emblematico di infrastruttura interportuale,

Dettagli

Talpe sotto. il Colosseo Federica. Lo scorso 22 luglio il Cipe ha approvato. suolo suolo & sottosuolo. & Metropolitana di Roma

Talpe sotto. il Colosseo Federica. Lo scorso 22 luglio il Cipe ha approvato. suolo suolo & sottosuolo. & Metropolitana di Roma suolo suolo & sottosuolo & Metropolitana di Roma Talpe sotto il Colosseo Federica Delucchi Lo scorso 22 luglio il Cipe ha approvato il progetto definitivo della tratta T3 della Linea C della metropolitana

Dettagli

REGOLAZIONE E CONTROLLO DEI SERVIZI TPL L ESPERIENZA DI MILANO. Maria Berrini Luca Tosi

REGOLAZIONE E CONTROLLO DEI SERVIZI TPL L ESPERIENZA DI MILANO. Maria Berrini Luca Tosi REGOLAZIONE E CONTROLLO DEI SERVIZI TPL L ESPERIENZA DI MILANO Maria Berrini Luca Tosi Conferenza Le Funzioni delle Agenzie per il Trasporto Pubblico. Brescia, 26/02/2014 La gestione del Trasporto Pubblico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA Roma, 7 aprile 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL I TRIMESTRE 2009

COMUNICATO STAMPA Roma, 7 aprile 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL I TRIMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA Roma, 7 aprile 2009 REPLAT ANALIZZA IL MERCATO IMMOBILIARE ITALIANO DEL I TRIMESTRE 2009 TENGONO MILANO E ROMA GRAZIE ALLE ALTE RICHIESTE DI BILO E TRILOCALI CHE DA SOLI RAPPRESENTANO

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

I PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DELLA NAVIGAZIONE INTERNA NEL NORD ITALIA

I PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DELLA NAVIGAZIONE INTERNA NEL NORD ITALIA o I PROGETTI PER IL POTENZIAMENTO DELLA NAVIGAZIONE INTERNA NEL NORD ITALIA Miglioramento della rete idroviaria del Nord Italia: eliminazione dei colli di bottiglia sul sistema idroviario padano veneto,

Dettagli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli

SCHEDA N. 106 TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE: CUP: LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane B41E76000000004. Comune di Napoli SISTEMI URBANI Completamento rete metropolitana regionale campana (comprensivo delle conurbazioni di Salerno e Caserta) Napoli metropolitana - Sistema di metropolitana regionale (SMR): sistema integrato

Dettagli

FNM: COSA SUCCEDE. GIOVEDI 28 maggio ORE 21 SALA CONFERENZE BIBLIOTECA CIVICA

FNM: COSA SUCCEDE. GIOVEDI 28 maggio ORE 21 SALA CONFERENZE BIBLIOTECA CIVICA Il Circolo Pd di Castellanza organizza una ASSEMBLEA PUBBLICA SU FNM: COSA SUCCEDE GIOVEDI 28 maggio ORE 21 SALA CONFERENZE BIBLIOTECA CIVICA Aprile 2001 Atto integrativo all'accordo di programma Giugno

Dettagli

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati

SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati SCHEDA n 5 Perugia, Italia, Percorsi Meccanizzati Luogo Popolazione residente Descrizione Perugia 158.313 abitanti La particolare conformazione planoaltimetrica del centro di Perugia, in cui sono concentrate

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03

INDICE pag. 01. 1.1.) Le infrastrutture pag. 02. 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 INDICE pag. 01 1.) Le infrastrutture e le previsioni del P.R.G. pag. 02 1.1.) Le infrastrutture pag. 02 1.2.) Le previsioni del P.R.G. pag. 03 2.) Gli effetti delle previsioni della Variante al P.R.G.

Dettagli

In treno. In aereo. dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci:

In treno. In aereo. dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci: In treno dalla Stazione Termini è possibile raggiungerci: in metropolitana* direttamente nella stazione andate a prendere la linea B (colore blu) direzione Laurentina scendere alla prima fermata Cavour.

Dettagli

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA BRESCIA - VERONA Conferenza Stampa Sabato 3 Ottobre 2015 Il parere del Comune di Brescia Rigorosa analisi trasportistica del progetto Parere approvato dal Consiglio comunale

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel

Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di. Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel Consorzio Zai Il Consorzio ZAI, consorzio per la zona agricolo-industriale di Verona, è un consorzio di sviluppo industriale, costituito nel 1948 da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Verona ed

Dettagli

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo

Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo MOBILITY CONFERENCE 2014 Infrastrutture e mobilità per vincere la sfida di Expo Avv. Marzio Agnoloni Amministratore Delegato Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A. 11 Febbraio 2014 1 Indice Inquadramento

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO DEL NORD EST

CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO DEL NORD EST Città di Venezia Comune di Padova con la collaborazione della Regione Veneto CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova PRESENTAZIONE La ZIP Nord 1.500.000 mq di superficie complessiva Oltre 150 lotti attrezzati Oltre 450 proprietari

Dettagli

Nuovi collegamenti continuativi e ad elevata frequenza con i principali parcheggi scambiatori della Città

Nuovi collegamenti continuativi e ad elevata frequenza con i principali parcheggi scambiatori della Città Comunicato stampa Dal 13 settembre, con l entrata in vigore dell orario invernale, diventa operativa la revisione della rete urbana di ATV. Rafforzati i collegamenti con i comuni di prima cintura Eliminate

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

Nota Informativa_Via Torino

Nota Informativa_Via Torino G R U P P O R I G A M O N T I R E A L E S T A T E Nota Informativa_Via Torino ROMA E101837 rigamontirealestate.com ROMA Ubicazione L immobile è inserito in Via Torino, nelle immediate vicinanze di Via

Dettagli

Nota Informativa_Viale Mazzini

Nota Informativa_Viale Mazzini GRUPPORIGAMONTI REAL ESTATE Nota Informativa_Viale Mazzini ROMA / Vendita COD. 02VE1292 Rigamonti Real Estate: International Advisor rigamontirealestate.com viale Giuseppe Mazzini L immobile è ubicato

Dettagli

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue

Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue Rassegna Stampa del 3 aprile 2015 Trasporto pubblico, servono 40 mld per colmare il gap con gli altri paesi Ue E' QUANTO EMERGE DALL ANALISI CONDOTTA A LIVELLO MONDIALE DALLA SOCIETÀ GLOBALE DI CONSULENZA

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di delibera di iniziativa popolare per la per l'avvio di un processo di partecipazione dei cittadini romani al fine di progettare un sistema sostenibile di mobilità incentrato sull'utilizzo del

Dettagli

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione

Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione Linea 2 Aeroporto Piazza della Libertà Descrizione DESCRIZIONE DELLA LINEA 2 Dall'attuale capolinea presso l'aeroporto, la linea sottopassa la direttrice ferroviaria Firenze - Pisa e si innesta su via

Dettagli

La Piattaforma Logistica delle Marche

La Piattaforma Logistica delle Marche La Piattaforma Logistica delle Marche Logistica e sistema interportuale italiano Confindustria Ancona, 28 Maggio 2013 I principali nodi logistici delle Marche 3 nodi per 4 modi di trasporto Significativa

Dettagli

IL PASSANTE DI MILANO

IL PASSANTE DI MILANO MILANO FERROVIE IL PASSANTE DI MILANO Il collegamento ferroviario passante di Milano, al suo completamento, grazie a una linea di 10,4 chilometri in gran parte in galleria, e a sette stazioni, consentirà

Dettagli

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro

1. Il contesto territoriale e delle infrastrutture di mobilità. 2. I lavori di riqualificazione della linea suburbana Ferrara-Codigoro Un ramo secco rifiorisce? Ferrara Il collegamento tram-treno tra città e nuovo Ospedale Ing. Alberto Croce Dirigente area tecnica AMI - Agenzia Mobilità e Impianti di Ferrara La presentazione 1. Il contesto

Dettagli

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in:

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in: Premessa Il presente studio interessa la Variante V2R0 - maggio 2010 del progetto preliminare delle tratte di completamento nel territorio della Provincia di Trento, inserite nel progetto di potenziamento

Dettagli

Programma di Edilizia Residenziale Pubblica Piano di Zona B4 CASTELVERDE- Roma

Programma di Edilizia Residenziale Pubblica Piano di Zona B4 CASTELVERDE- Roma Programma di Edilizia Residenziale Pubblica Piano di Zona B4 CASTELVERDE- Roma Edilpool srl via dei Durantini 275-00157 ROMA tel 06.45.13.393 fax 06.4181161 edilpool@edilpool.it Indice La Nuova Centralità

Dettagli

Picenengo Via Sesto Via Milano

Picenengo Via Sesto Via Milano Inquadramento cartografico Picenengo Via Sesto Via Milano Descrizione/introduzione L itinerario principale è radiale e collega il quartiere di Picenengo e relativa zona industriale e il quartiere di via

Dettagli

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE

S.F.M.R. SISTEMA FERROVIARIO METROPOLITANO REGIONALE 1 SISTEMA INTEGRATO DI TRASPORTO PUBBLICO A SERVIZIO DELL AREA METROPOLITANA DIFFUSA CENTRALE VENETA CON OBIETTIVI DI: DECONGESTIONE DELLE RETI INFRASTRUTTURALI VIARIE RIEQUILIBRIO MODALE CON PASSAGGIO

Dettagli

Lo scenario di riferimento del PUM

Lo scenario di riferimento del PUM Lo scenario di riferimento del PUM I principali elementi invarianti che caratterizzano lo scenario di riferimento sono: Interventi sulla viabilità Riassetto nodo autostradale / Gronda di Ponente Tunnel

Dettagli

AGORA' 6 Completamento e riqualificazione del comparto orientale del Centro Direzionale di Napoli Nell area orientale della città di Napoli è partita una grande iniziativa di sviluppo. Con la firma della

Dettagli