La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo *

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo *"

Transcript

1 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): Cleup, Padova - ISBN: La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo * Marina Basile, Rossana Mancarella Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università di Bari Aldo Moro Riassunto: Oggetto della presente ricerca è la redazione e l elaborazione di un questionario-tipo, somministrato agli/alle alnunni/e di una scuola pilota di Bari allo scopo di implementare un processo di autovalutazione da parte dello stesso istituto. I dati elaborati, con opportune tecniche (univariate e multivariate) proprie della statistica descrittiva e inferenziale, sono divenuti oggetto di riflessione per individuare eventuali punti di debolezza (da eliminare) e/o di forza (da accentuare). Keywords: Qualità del servizio scolastico, valutazione, efficacia / efficienza interna, opinioni degli studenti, Customer satisfaction * Il presente lavoro è stato elaborato in collaborazione fra le Autrici; tuttavia, è attribuibile a M. Basile quella dei par. 1, 4 e 5 e a R. Mancarella quella dei par. 2, 3 e la elaborazione del questionario in appendice.

2

3 Basile M., Mancarella R. - La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo INTRODUZIONE La valutazione nella (della) scuola è diventata oggi una rilevante sfida istituzionale, oltre che una controversa questione pedagogica. Si registra infatti una forte domanda sociale di valutazione, innescata da una maggiore attenzione alla formazione intesa come risorsa fondamentale a disposizione della società intera e di ciascuno dei suoi membri. Nel sistema scolastico gli studenti rappresentano gli utenti e gli attori principali dei servizi offerti dalla scuola e sono diventati sempre più esigenti e selettivi nei confronti della formazione; tendono ad utilizzare criteri di comparazione tra costi e benefici; si interrogano sulla sua produttività culturale ; in fondo, assumono un continuo anche se inconsapevole atteggiamento valutativo. In questo quadro, il terreno della valutazione può rappresentare l occasione per ricostruire un rapporto positivo tra scuola e utenti. La valutazione di istituto è volta a rilevare le caratteristiche del servizio erogato da uno stabilimento scolastico, esplorare l effetto delle variabili interne sulla qualità dello stesso. Un simile percorso è richiesto dall autonomia dei singoli istituti, che sono tenuti a dotarsi di strumenti e procedure per verificare la propria efficienza ed efficacia. L autovalutazione coinvolge i soggetti stessi che compiono l attività e dà vita ad una vera e propria azione volta a misurare il raggiungimento di obiettivi specifici, legati ad un preciso contesto operativo. In questo lavoro, si sono volute analizzare le risposte degli alunni di una scuola-pilota, al fine di misurarne il grado di soddisfazione. L indagine è stata svolta procedendo alla somministrazione di un questionario, attraverso la tecnica della somministrazione diretta, ai 689 alunni/e, frequentanti l istituto nell a.s. 2008/2009. Nel secondo paragrafo è descritto il questionario somministrato per la rilevazione e le tecniche di indagine utilizzate per condurre analisi univariate sui dati raccolti. Il questionario, in fase di elaborazione dei dati è stato opportunamente strutturato in tre macro aree.

4 230 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Il terzo paragrafo è dedicato ad una sintetica illustrazione dei risultati dell indagine sulla valutazione del servizio scolastico. Per le analisi sono state utilizzate tecniche proprie della statistica descrittiva accompagnate, ai fini di una migliore comprensione dell entità delle relazioni tra le diverse variabili di volta in volta esaminate, dal calcolo del Chi-Quadrato di maxverosimiglianza. Nell ultimo paragrafo sono riportati i risultati dell applicazione di un modello di analisi fattoriale, al fine di individuare le dimensioni principali che sintetizzano gli item dei questionari. 2. IL QUESTIONARIO, TECNICHE DI INDAGINE ESPLORATIVA E COMPO- SIZIONE DELLA POPOLAZIONE PER SEDE E PER CLASSE Nella logica del miglioramento continuo della qualità, l Istituto ha predisposto, per l anno scolastico , con riferimento alle due sedi di Bari, centrale e succursale, dei questionari di soddisfazione degli utenti rivolti a docenti, personale ATA e studenti. In questo lavoro, l analisi si è soffermata sul giudizio espresso dagli studenti. Il questionario utilizzato per la raccolta dei dati (composto di ventisette items) è anonimo e questo ha permesso una maggiore libertà di espressione delle proprie convinzioni Le domande sono chiuse ed ogni alunno può esprimere un giudizio u- tilizzando una scala tipo Likert a cinque passi (1= insoddisfatto, 5= soddisfatto). L impiego di una scala con un numero dispari di opzioni permette di individuare un punto di equilibrio centrale. Nella determinazione del piano di rilevazione, considerata la delicatezza e l importanza del fenomeno trattato, si è scelto di procedere ad una rilevazione totale del collettivo, al fine di ottenere una conoscenza esatta e dettagliata del fenomeno. A ciò si aggiunga anche la possibilità di effettuare una rilevazione totale in tempi brevi, considerata la numerosità del collettivo, 689 unità in tutto. Sono state effettuate due rilevazioni simultanee in entrambe le sedi dell Istituto, quella centrale (404 alunni intervistati), quella succursale (279 alunni intervistati). Alla fine della rilevazione, i questionari validi sono risultati essere 683. Ne sono stati annullati 6, 4 perché bianchi, 2 perché non compilati correttamente. Da una prima analisi esplorativa è emerso che il numero delle classi (49 in totale) è quasi equidistribuito tra le due sedi dell istituto, come emerge dalla tabella n.1. Si registra inoltre una notevole riduzione delle classi nel

5 Basile M., Mancarella R. - La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo 231 Tabella 1. Distribuzione delle Classi intervistate per Sede Istituto. Classi Sede Istituto Prime Seconde Terze Quarte Quinte Totale Succursale Centrale Totale Tabella 2. Distribuzione degli alunni intervistati per Sede Istituto e Classe. Classi Sede Istituto Prime Seconde Terze Quarte Quinte Totale Succursale Centrale Totale corso degli anni e il numero delle stesse tende quasi a dimezzarsi tra il primo biennio di frequenza e il successivo triennio. 1 Dalla tabella n. 2 emerge una maggiore concentrazione di alunni nella sede centrale dell istituto, dovuta soprattutto dalla notevole disparità registrata in corrispondenza delle prime classi 2. La tendenza è molto simile a quella rilevata nella tabella precedente. Prima di analizzare i punti di forza e di debolezza dell Istituto, sono state condotte ulteriori indagini esplorative miranti a cogliere l esistenza di eventuali differenze significative nelle risposte date ai diversi items, a seconda della classe frequentata. A tal fine sono stati applicati due differenti test statistici uno parametrico (Chi-quadrato) e l altro non parametrico (Kruskall- Wallis) per confermare la validità dei risultati ottenuti 3 : Con il test Chi-quadrato di max-verosimiglianza, condotto su due differenti campioni formati di volta in volta aggregando le differenti classi, si è dimostrata la significatività della appartenenza ad una determinata classe nel fornire le risposte ai differenti items. Gli alunni, infatti, forniscono risposte differenti rispetto ai loro compagni di altre classi, qualsiasi sia la loro combinazione 1 Tale riduzione è giustificata dal venir meno dell obbligo di frequenza in seguito al conseguimento del 16 anno di età. Infatti tenderanno a proseguire gli studi soltanto i soggetti più motivati. 2 Si registra un dato anomalo in corrispondenza degli alunni frequentanti le prime classi nella sede succursale. Infatti suddividendo il numero totale degli alunni per il numero totale delle classi, risulta che in media frequentano soltanto otto alunni per classe. 3 Data la numerosità e l ampiezza delle tabelle ottenute, per la brevità dell articolo, si omette di inserire le stesse e si riporta una breve sintesi dei risultati ottenuti.

6 232 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Con il test di Kruskall-Wallis (equivalente non parametrico dell ANO- VA ad una via), abbiamo verificato la provenienza di K gruppi indipendenti (le cinque classi) dalla stessa popolazione. Questo test ha confermato quanto emerso con il test precedente, ossia la eterogeneità dei giudizi espressi in base all appartenenza a classi differenti. Poiché non è emerso alcun elemento di omogeneità tra le classi, nelle analisi successive, si è ritenuto opportuno procedere senza operare alcuna classificazione dei rispondenti e considerando la popolazione nel suo complesso. 3. ILLUSTRAZIONE DEI RISULTATI La tabella 3 rappresenta una sintesi della nostra analisi e mette in evidenza i punti di forza e di debolezza sottolineati dagli alunni. In particolare dalla lettura della stessa emerge nella maggior parte dei casi un elevato grado di insoddisfazione, con una concentrazione delle percentuali più elevate in corrispondenza del valore 1 della scala (che esprime massima insoddisfazione) 4. Le variabili maggiormente significative che sottolineano l insoddisfazione nei confronti del servizio per le quali si è registrato un valore superiore al 30% sono risultate le seguenti: informazioni sulla sicurezza, efficacia e disponibilità del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni, efficacia e disponibilità del servizio degli assistenti tecnici, organizzazione delle attività didattiche, corsi di specializzazione, viaggi d istruzione e uscite didattiche. In particolare occorre sottolineare l elevata percentuale di insoddisfazione espressa nei confronti dell attenzione dell'istituto alla sicurezza delle strutture (55,6%), in tema di funzionalità delle strutture e attrezzature scolastiche (aule, bagni ), 70,5%, e poi a riguardo della funzionalità delle strutture e attrezzature valori scolastiche (laboratori informatica, cucina, sala, palestra), con il 42,5%, e della pulizia e igiene dell Istituto (62,5%), tutte variabili che possono essere ricomprese nell ambito della valutazione della struttura e non del processo. Va sottolineato che gli alunni non si ritengono quasi mai completamente soddisfatti, tranne nel caso delle informazioni che ricevono sull andamento didattico e disciplinare in cui la percentuale espressa si attesta intorno al 20%. 4 Tale fenomeno è abbastanza significativo, poiché di solito nei questionari che richiedono le risposte sulla base di una scala di valori, i rispondenti tendono a scegliere quelli centrali e non i valori estremi. Il fatto che si siano registrate alte percentuali di risposta nelle categorie più discriminanti, quindi, va sottolineato in modo particolare.

7 Basile M., Mancarella R. - La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo 233 Tabella 3. Distribuzione percentuale degli intervistati secondo il giudizio espresso Item Insoddisfatto Poco soddisfatto Né insoddisfatto né soddisfatto Abbastanza soddisfatto Soddisfatto Totale Item di primo impatto Accoglienza di inizio anno scolastico (solo alunni 1) 12,2 18,3 19,5 33,5 16,5 100,0 Informazioni sulle regole dell Istituto 21,5 24,1 27,3 19,8 7,3 100,0 Informazioni sulle norme di sicurezza 39,2 21,4 23,6 10,4 5,4 100,0 Informazioni sulle attività scolastiche ed extrascolastiche 17,1 15,9 25,0 25,7 16,3 100,0 Informazioni su andamento didattico e disciplinare 15,4 10,8 23,7 29,7 20,4 100,0 Informazioni sui contenuti didattici da svolgere, sui loro obiettivi e sui criteri di valutazione dell apprendimento 15,0 18,1 32,5 24,0 10,4 100,0 Pulizia e igiene dell Istituto 62,5 17,6 12,4 5,2 2,2 100,0 Organizzazione delle attività didattiche 30,9 24,3 24,9 14,3 5,6 100,0 Item di processo Attenzione dell Istituto alla regolarità della frequenza e alla sicurezza degli alunni 18,1 18,1 23,5 20,6 19,7 100,0 Chiarezza nelle valutazioni di profitto e comportamento 16,1 16,9 27,5 25,6 13,9 100,0 Tempi che mediamente intercorrono tra lo svolgimento di una verifica scritta e la consegna 18,3 18,7 25,5 25,5 11,9 100,0 Attenzione dei docenti alla maturazione complessiva degli alunni 21,2 18,5 25,5 20,9 14,0 100,0 Efficacia e disponibilità del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni 33,6 19,8 20,6 15,9 10,0 100,0 Efficacia e disponibilità dei collaboratori del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni 24,7 22,1 24,4 15,0 13,8 100,0 Rapporti con i compagni 6,7 6,7 11,9 24,6 50,2 100,0 Rapporti con i docenti 14,6 14,8 27,0 26,9 16,7 100,0 Efficacia e disponibilità del servizio di Segreteria 26,6 18,3 27,5 18,0 9,6 100,0 Efficacia e disponibilità del servizio dei collaboratori scolastici 22,9 21,4 25,5 19,8 10,3 100,0

8 234 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Item Insoddisfatto Poco soddisfatto Né insoddisfatto né soddisfatto Abbastanza soddisfatto Soddisfatto Totale Efficacia e disponibilità del servizio degli assistenti tecnici 22,7 18,4 26,1 23,1 9,7 100,0 Attività di orientamento 26,7 22,6 26,7 16,0 7,9 100,0 Attività di recupero 23,8 18,9 30,8 18,5 8,0 100,0 Corsi di specializzazione 45,2 17,2 21,3 10,5 5,9 100,0 Attività integrative curricolari ed e- xtracurricolari 27,2 17,5 28,3 17,9 9,1 100,0 Viaggi d istruzione e uscite didattiche 35,9 17,6 18,6 14,9 12,9 100,0 Item struttura Attenzione dell'istituto alla sicurezza delle strutture Funzionalità delle strutture e attrezzature scolastiche (aule, bagni ) Funzionalità delle strutture e attrezzature scolastiche (laboratori informatica, cucina, sala, palestra) 55,6 19,0 13,6 8,6 3,2 100,0 70,5 11,7 10,5 4,6 2,7 100,0 42,5 21,3 17,3 10,7 8,1 100,0 Esprimono invece un giudizio di neutralità (posizionandosi sul valore centrale della scala, equidistante dalla massima soddisfazione e insoddisfazione), riguardo alle informazioni ricevute sulle regole dell istituto (27,3%), alle attività di recupero (30,8%), alle informazioni sui contenuti didattici da svolgere, sui loro obiettivi e sui criteri di valutazione dell apprendimento (32,5 %). 4. ANALISI FATTORIALE L Analisi Fattoriale viene effettuata per studiare, riassumere e semplificare le relazioni in un insieme di variabili. Questa tecnica di analisi dei dati consente infatti di individuare uno o più fattori o dimensioni latenti che rendono conto delle similarità che accomunano una serie di variabili. I fattori riflettono strutture o processi latenti che si suppone abbiano dato origine alle similarità tra le variabili osservate. Il risultato è che pochi fattori latenti servono a spiegare le informazioni contenute in insiemi decisamente più ampi di variabili osservate.

9 Basile M., Mancarella R. - La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo 235 Tabella 4. Test KMO e di Bartlett Misura di adeguatezza campionaria KMO (Keiser Meyer Olkin). 0,849 Test di sfericità di Bartlett Chi-quadrato appross. 1543,869 Df 231 Sig. 0,000 Per il nostro studio abbiamo condotto un analisi fattoriale, tramite il metodo dei fattori principali 5, che è una tecnica non parametrica che, al contrario di altre, non richiede alcuna assunzione distributiva sulle variabili osservate. 6 Dal test di sfericità di Bartlett, che nel nostro caso è significativo (p-value< 0, ), si desume che si può procedere con l analisi fattoriale. Tale decisione è supportata ulteriormente dal valore assunto dall indice KMO prossimo a 0.90, che indica una buona adeguatezza campionaria. La scelta del numero dei fattori si desume dall analisi della matrice di correlazione e dallo scree plot degli autovalori. Nel nostro caso sono stati individuati ben sette fattori con autovalore della matrice di correlazione maggiore dell unità, che spiegano il 62,86% della varianza riferita al complesso dei giudizi sulla soddisfazione (Tab. 5). Lo stesso numero di fattori si desume dallo scree plot della fig. n.1. Figura 1. Grafico decrescente degli autovalori 5 L analisi in fattori principali non richiede che le variabili si conformino alla distribuzione normale multivariata. 6 Nell analisi fattoriale non è stata considerato l item D1 perché limitato ai soli alunni del primo anno, mentre gli item D20 e D26 sono stati esclusi per la loro comunanza ridotta..

10 236 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) Tabella 5. Varianza totale spiegata dalle componenti estratte e dai fattori ruotati. Componenti Autovalori iniziali Pesi dei fattori ruotati Totale % di varianza % cumulata Totale % di varianza % cumulata 1 7,198 31,296 31,296 3,809 16,562 16, ,695 7,368 38,664 2,500 10,869 27, ,579 6,866 45,530 1,873 8,145 35, ,364 5,931 51,461 1,864 8,102 43, ,221 5,307 56,768 1,861 8,091 51, ,096 4,764 61,532 1,667 7,249 59, ,007 4,376 65,908 1,585 6,890 65, ,852 3,704 69, ,760 3,306 72, ,746 3,243 76, ,667 2,901 79, ,626 2,724 81, ,532 2,311 84, ,501 2,179 86, ,477 2,072 88, ,448 1,948 90, ,404 1,756 92, ,385 1,673 93, ,367 1,597 95, ,328 1,424 96, ,290 1,263 98, ,237 1,029 99, ,221 0, ,000 Metodo di estrazione: Analisi componenti principali. Rotazione Varimax. Siccome la scomposizione della matrice di varianza e covarianza ottenuta secondo il modello fattoriale non risulta univoca, si è proceduto con una rotazione ortogonale dei fattori al fine di semplificare la soluzione fattoriale per ottenere una migliore interpretabilità dei risultati. I pesi sono stati ruotati secondo il metodo VARIMAX 7, sia per una migliore separazione tra loro, sia per rendere massima la varianza dei quadrati degli elementi di ciascuna colonna della matrice dei pesi fattoriale al fine di lasciare invariata la comunalità di ciascuna variabile. 7 La rotazione con il metodo VARIMAX tende a minimizzare il numero di variabili con cui ciascun fattore ha coefficienti di correlazione elevati (Kaiser 1958). Tale criterio è raccomandabile se si vuole ottenere una netta separazione tra i fattori ed è assolutamente indipendente dal metodo di estrazione scelto.

11 Basile M., Mancarella R. - La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo 237 Tabella 6. Matrice dei pesi fattoriali per fattori ruotati secondo il criterio VARI- MAX, quota di varianza spiegata dai fattori estratti, comunanze. item Fattore Fattore Fattore Fattore Fattore Fattore Fattore Comunanza D6 0,602-0,014 0,154 0,109 0,157 0,229 0,398 0,634 D7 0,735 0,214 0,053 0,239-0,013 0,103 0,238 0,714 D8 0,681 0,286 0,162 0,109-0,072 0,083 0,101 0,606 D9 0,542 0,155-0,061 0,262 0,067 0,392-0,033 0,549 D10 0,687 0,173 0,159 0,057 0,068 0,058 0,037 0,540 D11 0,649 0,183 0,147 0,028 0,353-0,151-0,127 0,641 D14 0,731 0,162 0,067-0,021 0,150 0,230 0,064 0,646 D22 0,194 0,756 0,161 0,022 0,074 0,029 0,012 0,642 D23 0,236 0,645 0,245-0,054 0,074 0,192-0,001 0,577 D24 0,272 0,664 0,020 0,233 0,209-0,096 0,281 0,701 D25 0,182 0,756-0,045 0,218 0,105 0,248-0,051 0,730 D3 0,134 0,086 0,584 0,091 0,133 0,021 0,536 0,681 D4 0,082 0,107 0,834 0,209 0,006-0,015 0,096 0,767 D5 0,297 0,180 0,626 0,113 0,109 0,280 0,022 0,616 D18 0,230 0,112 0,300 0,606 0,068 0,064 0,124 0,547 D19 0,076 0,073 0,074 0,857-0,027 0,082 0,076 0,764 D21 0,079 0,106 0,110 0,613 0,427-0,025-0,159 0,613 D12 0,460 0,159 0,070-0,024 0,664-0,144-0,006 0,704 D16 0,014 0,171 0,078 0,145 0,765 0,299 0,162 0,758 D17 0,069 0,079 0,025 0,181 0,562 0,542 0,284 0,734 D13 0,183 0,133 0,099 0,003 0,040 0,741 0,089 0,620 D27 0,249 0,308 0,324 0,090 0,201 0,454-0,341 0,632 D2 0,173 0,063 0,117 0,022 0,085 0,082 0,825 0,742 Nella tabella matrice delle componenti ruotata (Tab. n. 6) sono riportati i valori che esprimono l intensità della relazione tra le variabili ed i fattori considerati; tali valori oscillano tra 0, quando vi è assenza di correlazione, e 1, quando vi è perfetta correlazione. In base al peso rivestito dagli item considerati, i sette fattori evidenziano quindi le dimensioni fondamentali sulle quali basare il giudizio degli alunni. Sono messi in evidenza i pesi fattoriali più vicini all unità (maggiori di 0,400), in modo da delineare il significato di ogni fattore in rapporto alle variabili da questo maggiormente spiegate. Il primo fattore (Didattica) è principalmente correlato alle seguenti variabili: D6: Informazioni sull andamento didattico e disciplinare; D7: Informazioni sui contenuti didattici da svolgere, sui loro obiettivi e sui criteri di valutazione dell apprendimento;

12 238 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) D8: Chiarezza nelle valutazioni di profitto e comportamento; D9: Tempi che mediamente intercorrono tra lo svolgimento di una verifica scritta e la consegna; D10: Attenzione dei docenti alla maturazione degli alunni; D11: Efficacia e disponibilità del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni; D14: Rapporti con i docenti. Il secondo (Attività di supporto alla didattica) è correlato soprattutto alle variabili: D22: Organizzazione delle attività didattiche; D23: Attività di orientamento; D24: Attività di recupero; D25: Corsi di specializzazione. Il terzo dei fattori (Comunicazione) è correlato alle variabili: D3: Informazioni sulle regole dell Istituto; D4: Informazioni sulle norme di sicurezza; D5: Informazioni sulle attività scolastiche ed extrascolastiche. Il quarto (Struttura) è principalmente legato alle seguenti variabili: D18: Attenzione dell'istituto alla sicurezza delle strutture; D19: Funzionalità delle strutture e attrezzature scolastiche (aule, bagni); D21: Pulizia e igiene dell Istituto. Il quinto fattore (Personale non docente e DS) è correlato alle seguenti variabili: D12: Efficacia e disponibilità dei collaboratori del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni; D16: Efficacia e disponibilità del servizio collaboratori scolastici; D17: Efficacia e disponibilità del servizio degli assistenti tecnici; 8 Il sesto dei fattori identificati (Socialità tra pari) è correlato soprattutto alle variabili: D13: Rapporti con i compagni. D27: Viaggi d istruzione e uscite didattiche. Infine, il settimo fattore (Controllo) viene definito sopratutto dall interazione fra le variabili: 8 La variabile D17 risulta correlata quasi in egual misura con il fattore 5 e il fattore 6; tuttavia si ritiene più opportuno considerarla nel fattore 5 perché più simile alle altre variabili correlate con lo stesso.

13 Basile M., Mancarella R. - La valutazione del grado di soddisfazione del servizio scolastico: redazione ed elaborazione di un questionario-tipo 239 D2: Attenzione dell Istituto alla regolarità della frequenza e alla sicurezza degli alunni; D3: Informazioni sulle regole dell Istituto (già incontrata, con peso appena maggiore, nella formulazione del fattore 3, Comunicazione); 5. CONCLUSIONI L analisi qui condotta ha permesso di verificare quali variabili, relative al servizio e alla struttura scolastica dell istituto aderente alla ricerca, sono i- dentificate dagli alunni quali punti di forza e/o di debolezza Il processo di autovalutazione condotto dall istituto, sulla base delle risposte fornite dagli alunni, ha consentito di: Far emergere le risorse e i limiti dell istituto; Far emergere le esigenze della comunità scolastica; Assicurare una maggiore qualità del servizio scolastico e un rapporto più stretto tra risorse e obiettivi; Diffondere la cultura del servizio che comporta la trasparenza delle scelte e dei risultati; Introdurre la cultura della qualità per stimolare la riflessione. Questa rilevazione non è stata pensata come un traguardo, ma come un momento di riflessione, per comprendere se le attenzioni rivolte al benessere degli alunni sono implementate in modo adeguato. I dati elaborati sembrano suggerire l importanza di ulteriori interventi in questa direzione e sono utili all Istituto per ottenere alcuni spunti e metodi da applicare, compresa una certa semplificazione del questionario d indagine dovuta alla scarsa rilevanza, nel sistema di relazioni identificato, di qualcuna tra le informazioni rilevate. Ulteriori spunti di riflessione, anche in tema di struttura causale delle opinioni rilevate, potranno rivenire da altre elaborazioni ancora in corso. BIBLIOGRAFIA BARBARANELLI C. (2006) Analisi dei dati con SPSS, LED, Milano, vol. II (pp ) KAISER H.F. (1958) The varimax criterion for analytic rotation in factor analysis,. Psychometrika, 23 (pp ).

14 240 Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Vol. X (2011) APPENDICE IPSSAR PEROTTI- BARI A.S QUESTIONARIO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO ALUNNI Esprimi il tuo parere con un valore da 1 a 5 secondo la seguente scala, Poco Né insoddisfatto Abbastanza Insoddisfatto Soddisfatto soddisfatto né soddisfatto soddisfatto Fase di accoglienza di inizio anno scolastico (solo alunni primo anno) Attenzione dell Istituto alla regolarità della frequenza e alla sicurezza degli alunni Informazioni sulle regole dell Istituto Informazioni sulle norme di sicurezza Informazioni sulle attività scolastiche ed extrascolastiche Informazioni sull andamento didattico e disciplinare Informazioni sui contenuti didattici da svolgere, sui loro obiettivi e sui criteri di valutazione dell apprendimento Chiarezza nelle valutazioni di profitto e comportamento Tempi che mediamente intercorrono tra lo svolgimento di una verifica scritta e la consegna Attenzione dei docenti alla maturazione degli alunni Efficacia e disponibilità del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni Efficacia e disponibilità dei collaboratori del Dirigente scolastico nei rapporti con gli alunni Rapporti con i compagni Rapporti con i docenti Efficacia e disponibilità del servizio di Segreteria Efficacia e disponibilità del servizio collaboratori scolastici Efficacia e disponibilità del servizio degli assistenti tecnici Attenzione dell'istituto alla sicurezza delle strutture Funzionalità delle strutture e attrezzature scolastiche (aule, bagni ) Funzionalità delle strutture e attrezzature scolastiche (laboratori informatica, cucina, sala, palestra) Pulizia e igiene dell Istituto Organizzazione delle attività didattiche Attività di orientamento Attività di recupero Corsi di specializzazione Attività integrative curricolari ed extracurricolari Viaggi d istruzione e uscite didattiche

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO

I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE. Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO I.C. ALCMEONE - CROTONE A.S. 2012/2013 RELAZIONE FINALE Funzione strumentale Area 2: VALUTAZIONE e AUTOANALISI D ISTITUTO Insegnanti incaricate: Muraca Rita Silvana, Raffaela Messina e Giuseppina Elicrisio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano

ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano Unione Europea ISTITUTO COMPRENSIVO RENDE COMMENDA Scuola Secondaria Statale di 1 grado P. De Coubertin di Rende e di Zumpano RELAZIONE FINALE della FUNZIONE STRUMENTALE per l AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO

CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO CONTESTO EDUCATIVO E BENESSERE PSICOLOGICO Prima rilevazione nell istituto comprensivo Virgilio di Roma a cura di Pietro Lucisano Università degli studi di Roma La Sapienza, con la collaborazione di Emiliane

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008

Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 Istituto Comprensivo Dante Alighieri Via Giustiniano7 -Trieste Valutazione della Scuola Primaria da parte di alunni e genitori Anno scolastico 2007-2008 I questionari sono stati distribuiti agli alunni

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI

DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI FREQUENTANTI E DEI LAUREANDI UNIVERSITA DEGLI STUDI Niccolò Cusano TELEMATICA ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE Via Don Carlo Gnocchi, 3 00166 Roma DESCRIZIONE E VALUTAZIONE DELLE MODALITA E DEI RISULTATI DELLA RILEVAZIONE DELL OPINIONE

Dettagli

Il Piano di Miglioramento. Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015

Il Piano di Miglioramento. Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015 Il Piano di Miglioramento Sara Mori INDIRE Caltanissetta, 7 Maggio 2015 DATA DRIVEN IMPROVEMENT No Child Left Behind Act (2002): promozione dell utilizzo dei dati per il miglioramento della scuola. La

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

Struttura e modalità di compilazione del RAV

Struttura e modalità di compilazione del RAV Struttura e modalità di compilazione del RAV Massimo Faggioli Dirigente di Ricerca Area valutazione e miglioramento INDIRE Firenze m.faggioli@indire.it Struttura del rapporto di autovalutazione è articolato

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311

ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 ISTITUTO COMPRENSIVO. TORELLI-FIORITTI VIA PRINCIPESSA MAFALDA 71011 APRICENA (FG) www.istitutocomprensivotorelli-fioritti.gov.it Tel: 0882/641311 elaborazione dati dei QUESTIONARI DI VALUTAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Autovalutazione di Istituto

Autovalutazione di Istituto Istituto di Istruzione La Rosa Bianca Weisse Rose Cavalese-Predazzo Autovalutazione di Istituto Questionario per gli studenti Questionario per le famiglie Cavalese-Predazzo Anno scolastico 2011/2012 Indice

Dettagli

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO

QUESTIONARIO DI PERCEZIONE DEL SERVIZIO SCOLASTICO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 24124 Bergamo C.F. 95118530161 Tel 035243373 Fax: 035270323 e-mail: segreteria@darosciate.it

Dettagli

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Università degli Studi di Messina RISULTATI QUESTIONARIO GRADIMENTO CORSO di FORMAZIONE RELAZIONI CON IL PUBBLICO Edizioni del 22-23 ottobre e del 24 25 ottobre 2012 Settore Sviluppo e Formazione Risorse

Dettagli

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12

Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Questionario finale soddisfazione rappresentanti dei genitori. Classi prime anno scolastico 2011/12 Totale rappresentanti genitori: 22 Totale questionari cartacei distribuiti: 22 Totale questionari ricevuti:

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E RENDIMENTO SCOLASTICO e/o in alternativa EVOLUZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO NELL ULTIMO DECENNIO

CONDIZIONI ECONOMICO-SOCIALI E RENDIMENTO SCOLASTICO e/o in alternativa EVOLUZIONE DEL MERCATO DEL LAVORO NELL ULTIMO DECENNIO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO A. VOLTA 70032 BITONTO (BA) Via Matteotti n. 197 Distretto scolastico n. 8 Codice Fiscale 80007640727 Indirizzi: MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA - ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

Dettagli

Gli utenti promuovono il Centro di Calcolo

Gli utenti promuovono il Centro di Calcolo Una sintesi dei risultati del Questionario sui servizi edizione 211 Gli utenti promuovono il Centro di Calcolo Il 91% valuta positivamente i servizi offerti - Molti suggerimenti e alcune critiche utili

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

INVALSI English Language Test

INVALSI English Language Test INVALSI English Language Test Rapporto scuola Scuola secondaria di primo grado Settembrini - Roma Pretest 2012 APPENDICE 1. Risultati dei singoli studenti Introduzione Questo rapporto presenta i risultati

Dettagli

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction

Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Report relativo all analisi di Customer Satisfaction Committente: Firenze Parcheggi SpA Società incaricata: Process Factory Srl Via Masaccio 153, 50132 Firenze Data del report: 11/05/2015 Sommario 1. Premessa...

Dettagli

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010

Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE Relazione annuale sulla valutazione della didattica da parte degli studenti A.A. 2009/2010 Aprile 2011 Indice Premessa 1. La metodologia adottata. 3 2. Lo

Dettagli

Autovalutazione e miglioramento continuo

Autovalutazione e miglioramento continuo Autovalutazione e miglioramento continuo Percorso formativo per i Dirigenti Scolastici della Regione Abruzzo 2^ giornata Relatore: Germano Cipolletta Questo documento è stato ideato per una fruizione a

Dettagli

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE MARIA IMMACOLATA San Giovanni Rotondo Questionario N.A.V.I. L indagine NAVI per il corrente anno scolastico, come negli anni precedenti, è stata svolta su quattro aree (docenti,

Dettagli

La soddisfazione media complessiva

La soddisfazione media complessiva Nell'ottica del miglioramento continuo della qualità dell offerta formativa, il Settore "Studio, Organizzazione e Metodo - Formazione del Personale" implementa indagini di Customer Satisfaction (CS) finalizzate

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio.

3. Rilevazione di aspettative in relazione ai requisiti principali del servizio. SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE PILOTA DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS SUI CALL CENTER COMMERCIALI DELLE PRINCIPALI IMPRESE DI VENDITA DI ELETTRICITA E DI GAS Finalità e obiettivi I

Dettagli

Presidio Qualità di Ateneo

Presidio Qualità di Ateneo Premessa Le Commissioni Paritetiche di Scuola (CP) previste dal D.Lgs. 19/2012 e dal DM 47/2013 devono redigere annualmente una Relazione che, attingendo dalle SUA-CdS, dai risultati delle rilevazioni

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

Introduzione. Strumento di misurazione, numerosità

Introduzione. Strumento di misurazione, numerosità Customer Satisfaction 2013-2014 Padova, 14/05/2014 DIREZIONE GENERALE SERVIZIO TRASPARENZA E PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE Introduzione Strumento di misurazione, numerosità campionaria e analisi dei dati.

Dettagli

La compilazione del RAV sezioni 4 e 5. Tivoli 14 aprile 2015

La compilazione del RAV sezioni 4 e 5. Tivoli 14 aprile 2015 La compilazione del RAV sezioni 4 e 5 Tivoli 14 aprile 2015 di che parliamo oggi come è fatto il RAV la raccolta dati dall auto-analisi all auto-valutazione dall auto-valutazione al piano di miglioramento

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO SCUOLA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* TPPPS11000A LICEO SCIENTIFICO STATALE M.CIPOLLA PIAZZALE PLACIDO RIZZOTTO - 91022 CASTELVETRANO

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI

COMUNE DI MONTESPERTOLI OGGETTO: Questionario sul benessere organizzativo 2012 - Report Il presente documento è finalizzato all analisi dei dati scaturiti dalla compilazione dei questionari in oggetto, da parte dei dipendenti

Dettagli

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento

SCELTA DELL APPROCCIO. A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento SCELTA DELL APPROCCIO A corredo delle linee guida per l autovalutazione e il miglioramento 1 SCELTA DELL APPROCCIO l approccio all autovalutazione diffusa può essere normale o semplificato, a seconda delle

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA Denominata Libero Consorzio comunale ai sensi della LR n. 8/214 I Dipartimento 2 Servizio Bilancio e Partecipate Indagine di ricerca condotta tra il personale dipendente

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995)

CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) CARTA DEI SERVIZI DEL CPIA NAPOLI CITTA 1 (Riferita al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 07/06/1995) La Carta dei servizi del CPIA Napoli città 1 ha quali principi ispiratori gli articoli

Dettagli

ANALISI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO IN R.S.A. RIABILITATIVO (CUSTOMER SATISFACTION)

ANALISI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO IN R.S.A. RIABILITATIVO (CUSTOMER SATISFACTION) ANALISI DEL QUESTIONARIO DI GRADIMENTO DEL SERVIZIO IN R.S.A. RIABILITATIVO (CUSTOMER SATISFACTION) ANNO 2014 PREMESSA La Residenza le Clarisse considera obiettivo prioritario allineare il proprio sistema

Dettagli

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto

Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Analisi dati questionario gradimento del sito web dell'istituto Premessa La valutazione del grado di soddisfazione degli utenti rappresenta un importante aspetto nella gestione di qualsiasi organizzazione,

Dettagli

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO FINALE

SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO FINALE SCHEDA PER LA RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO FINALE FAC-SIMILE Nota: Il presente questionario, predisposto a cura dell Ufficio formazione/direzione/ufficio responsabile, è compilato a cura di ciascun dipendente

Dettagli

Autovalutazione di istituto

Autovalutazione di istituto I.C. "Dante Alighieri" - Aulla Autovalutazione di istituto Nel mese di aprile 2015 sono stati somministrati dei questionari in forma anonima per verificare il livello di gradimento del servizio offerto.

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15

Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti. a. s. 2014/15 Questionario di gradimento rivolto a Genitori e Studenti a. s. 2014/15 Il questionario genitori è stato somministrato durante il secondo colloquio quadrimestrale. Pertanto il campione esaminato è costituito

Dettagli

MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013

MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013 MONITORAGGIO DOCENTI PERSONALE ATA - GENITORI - ALUNNI Anno scolastico 2012/2013 All interno di un più ampio progetto di autovalutazione dell Istituto, non può mancare l indagine sulla qualità della scuola

Dettagli

Il processo di pianificazione e controllo

Il processo di pianificazione e controllo CONTROLLO METODI LA GESTIONE DI UN SISTEMA RETRIBUTIVO MERITOCRATICO PER LA CRESCITA INTERNA di Alberto Fochi Mario Fochi e Associati S.a.S., Torino 28 Il processo di pianificazione e controllo deve riuscire

Dettagli

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014

Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della scuola Indagine sulla soddisfazione lavorativa e le condizioni di lavoro dei docenti delle scuole cantonali - 2014 Giugno 2015

Dettagli

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO REPORT INDAGINE Provincia di Lecce RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO Dicembre 2013 REPORT: UFFICIO DI STATISICA FONTE DATI: UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO INDICE

Dettagli

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web Lorenzo Bernardi e Gianpiero Dalla Zuanna Dipartimento di Scienze Statistiche Nel 2011, l Ateneo di Padova ha introdottola procedura

Dettagli

AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE VALUTAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004.

AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE VALUTAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004. UMACROAREA RISORSE UMANE AREA FORMAZIONE PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO RELAZIONE DI FINE CORSO QUESTIONARI DI GRADIMENTO CORSI DI INFORMATICA 2004. Nel corso dei mesi di novembre e dicembre dello scorso anno

Dettagli

RIESAME DELLA DIREZIONE. del 20 dicembre 2013. RIUNIONE di RIESAME del SISTEMA di GESTIONE per la QUALITÀ. DATI e CONSIDERAZIONI in ingresso

RIESAME DELLA DIREZIONE. del 20 dicembre 2013. RIUNIONE di RIESAME del SISTEMA di GESTIONE per la QUALITÀ. DATI e CONSIDERAZIONI in ingresso Pagina 1 di 10 RIUNIONE di RIESAME del SISTEMA di GESTIONE per la QUALITÀ Il presente riesame, attraverso l analisi completa dei risultati raggiunti nell anno scolastico 2012/2013, definisce le azioni

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa

CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003. Tipo Ente: Comune. Ufficio: Servizi Scolastici. Servizio: Gestione mensa CASSETTA DEGLI ATTREZZI STANDARD COM-003 Tipo Ente: Comune Ufficio: Servizi Scolastici Servizio: Gestione mensa 1 INDICE 1 OGGETTO E CONTENUTI... 3 1.1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO OGGETTO DI CUSTOMER SATISFACTION...

Dettagli

ANALISI DEL QUESTIONARIO DOCENTI

ANALISI DEL QUESTIONARIO DOCENTI 1 ANALISI DEL QUESTIONARIO DOCENTI L inchiesta che,al termine del passato anno scolastico, ha coinvolto gli insegnanti dell Istituto è, senza dubbio, quella con la più alta attendibilità giacché, in questo

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma

I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma I neodiplomati 2015 si presentano nella banca dati AlmaDiploma Appena concluso l Esame di Stato 2015, i loro curricula sono già nella banca dati AlmaDiploma, lo strumento on line di valorizzazione dei

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE PON 2007-2013 Competenze per lo sviluppo (FSE) Asse II Capacità istituzionale Obiettivo H MIGLIORAMENTO DELLE PERFORMANCE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE 2011-2013 Percorso Autovalutazione Guidata CAF Feedback

Dettagli

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE

STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE STRUMENTO N 9 REPORT INDAGINE città, data REPORT INDAGINE Nome ente RILEVAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION DEL SERVIZIO "XXXX" Strumento n 11: modello report di rilevazione della soddisfazione degli utenti

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Istituto Musicale Pareggiato G. Lettimi. Customer Satisfaction sui corsi di DIPLOMA TRADIZIONALE e DIPLOMA ACCADEMICO DI II LIVELLO

COMUNE DI RIMINI Istituto Musicale Pareggiato G. Lettimi. Customer Satisfaction sui corsi di DIPLOMA TRADIZIONALE e DIPLOMA ACCADEMICO DI II LIVELLO COMUNE DI RIMINI Istituto Musicale Pareggiato G. Lettimi Customer Satisfaction sui corsi di DIPLOMA TRADIZIONALE e DIPLOMA ACCADEMICO DI II LIVELLO Novembre 2008 Customer Satisfaction sul Diploma tradizionale

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI

PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI PROCEDURA GESTIONALE DIREZIONE PG SG.12 MONITORAGGIO DELLA SODDISFAZIONE DEI CLIENTI REV. n. DATA Motivo revisione Responsabile REDAZIONE Settore CID Responsabile VERIFICA Settore SG Responsabile APPROVAZIONE

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI RIESAME CdS Pagina 1 di 6 A1 L INGRESSO, IL PERCORSO, L USCITA DAL CDS a AZIONI CORRETTIVE GIÀ INTRAPRESE ED ESITI In questa sezione vanno illustrati i risultati raggiunti a seguito delle azioni correttive proposte

Dettagli

ESITI DELLA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE Questionari somministrati ad Alunni Genitori Personale A.T.A. ( Aprile 2014 )

ESITI DELLA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE Questionari somministrati ad Alunni Genitori Personale A.T.A. ( Aprile 2014 ) ESITI DELLA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE Questionari somministrati ad Alunni Genitori Personale A.T.A. ( Aprile 2014 ) 1. GRAFICI OTTENUTI DALL ELABORAZIONE DEL QUESTIONARO ALUNNI Grado di soddisfazione

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI

SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI SCUOLA PRIMARIA STATALE 3 CIRCOLO G. CAIATI Analisi dei dati relativi al questionario di valutazione sulla qualità dell integrazione scolastica degli alunni con disabilità. Progetto ICF Dal modello ICF

Dettagli

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER

TECNICO INFORMATICO WEB MASTER TECNICO INFORMATICO WEB MASTER Corso di Formazione Professionale Por Puglia 2000-2006 Complemento Di Programmazione Asse III Mis. 3.4 - Az. a) Unione Europea Fondo Sociale Europeo REGIONE PUGLIA Assessorato

Dettagli

PROGETTO GOOD PRACTICE 2012

PROGETTO GOOD PRACTICE 2012 PROGETTO GOOD PRACTICE 2012 Questa breve nota illustra il progetto GoodPractice 2012 (GP2012), nona edizione del progetto GoodPractice. Il progetto, nato nel 1999, ha l obiettivo di comparare le prestazioni

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO

SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO AUTOANALISI D ISTITUTO SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE - AUTOVALUTAZIONE ANNAMARIA BIANCO RAV A partire dal corrente anno scolastico tutte le scuole del Sistema Nazionale di Istruzione, statali e paritarie,

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Metodi Statistici di Analisi dei Dati Ambientali

Metodi Statistici di Analisi dei Dati Ambientali Metodi Statistici di Analisi dei Dati Ambientali Arianna Azzellino Politecnico di Milano D.I.I.A.R. Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Ambientale, Rilevamento e Infrastrutture Viarie Problematica La

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali

La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali 64 La voce dei cittadini I risultati dell indagine sulla soddisfazione degli utenti degli asili nido comunali Nell ambito del processo di formazione del bilancio sociale, il Comune ha affidato ad una società

Dettagli

AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07

AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07 AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO A.S 2006-07 (a cura della referente del P.O.F. Prof.ssa SCARPA MARIA e della responsabile del Gruppo Qualità Prof.ssa Trabattoni Mariagnese ) Indicatori di contesto

Dettagli

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEI PERCORSI DI

VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEI PERCORSI DI Università degli studi di Pavia Dipartimento di Statistica ed Economia Applicate L. Lenti STUDIO DI UN SISTEMA PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICACIA DEI PERCORSI RELATIVI ALL ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0003746.30-04-2015 Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti scolastici delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie di ogni ordine

Dettagli

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI

AREA 5. RAPPORTI CON ENTI ESTERNI A.S. 2014/2015 AREA 1. REVISIONE E GESTIONE DEL POF REVISIONE E GESTIONE DEL POF ATTIVITA INTERNE PER IL POTENZIAMENTO E AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA AREA 2. SERVIZI AL PERSONALE DOCENTE GESTIONE

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA NUCLEO DI VALUTAZIONE FACOLTÀ DI FARMACIA E MEDICINA MEDICINA E ODONTOIATRIA Relazione sulle opinioni degli studenti frequentanti a.a. 2010-2011 Facoltà di Medicina e Odontoiatria

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale A.S. 2012-2013 Docente ANNA MARIA NAPOLI * * * SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

L analisi fattoriale

L analisi fattoriale L analisi fattoriale Scopo dell analisi fattoriale e quello di identificare alcune variabili latenti (fattori) in grado di spiegare i legami, le interrelazioni e le dipendenze tra le variabili statistiche

Dettagli

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati

Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Questionario di Gradimento Seminario Il Questionario Insegnante e il Questionario Scuola: teorie, strumenti e risultati Principali Evidenze e Risultati Sommario Introduzione... 3 Le principali caratteristiche

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

ANALISI DATI QUESTIONARIO RILEVAZIONE LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO COMPONENTE GENITORI

ANALISI DATI QUESTIONARIO RILEVAZIONE LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO COMPONENTE GENITORI Liceo Scientifico Statale Alessandro Volta - Milano RILEVAZIONE DEL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEL SERVIZIO COMPONENTE GENITORI ANNO SCOLASTICO COMITATO ASSICURAZIONE QUALITA ANALISI DATI QUESTIONARIO RILEVAZIONE

Dettagli

Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici

Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici Griglia semi-strutturata per l intervista ai dirigenti scolastici Lo strumento è stato costruito con riferimento al modello CIPP (Contesto - Input - Processi Prodotti). Nell ambito delle singole aree sono

Dettagli

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA

LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA LE DETERMINANTI DELLA REDDITIVITÀ DELLE SOCIETA OPERANTI NEL COMPARTO TESSILE ABBIGLIAMENTO IN ITALIA Il metodo CVRP per l analisi delle maggiori società tessili italiane Stefano Cordero di Montezemolo

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RIPASSO SULLE MATRICI 1 Addizione tra matrici Moltiplicazione Matrice diagonale Matrice identità Matrice trasposta

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 29-Analisi della potenza statistica vers. 1.0 (12 dicembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI GIORNALISMO MASSIMO BALDINI RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI SULLA DIDATTICA BIENNIO 2013/2015 A.A.

SCUOLA SUPERIORE DI GIORNALISMO MASSIMO BALDINI RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI SULLA DIDATTICA BIENNIO 2013/2015 A.A. SCUOLA SUPERIORE DI GIORNALISMO MASSIMO BALDINI RILEVAZIONE DELL OPINIONE DEGLI STUDENTI SULLA DIDATTICA BIENNIO 2013/2015 A.A. 2014/2015 SECONDO ANNO MAGGIO 2015 Il Nucleo di Valutazione della LUISS Guido

Dettagli