Università degli Studi di Milano

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Milano"

Transcript

1 Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze dell Informazione L esperienza di Knowledge Management di una P.M.I.: aspetti tecnologici e organizzativi Tesi di Laurea di Pietro Farioli Mat Relatore: Prof. Mario Benassi Correlatore: Dott. Daniele Pagani Anno accademico 2004/2005

2 Non la scoperta. Ma la salvaguardia del sapere... perché non c è progresso nella conoscenza, ma solo un infinita e sublime ricapitolazione... (Jorge da Burgos) da Il nome della rosa, U. Eco 2

3 A dispetto della citazione di U. Eco, si è sempre più affermato, in ogni campo dell umano vivere, che la conoscenza è un elemento chiave, caratterizzante e in continua evoluzione, di ciascun individuo. Non poteva quindi restarne escluso l universo economico-commerciale del quale il mondo cosiddetto civile è intessuto. Questo lavoro intende presentare alcune riflessioni su ciò che in letteratura viene definito Il capitale intellettuale, ovvero la Conoscenza (intesa come risorsa in grado di sostenere l attività di una organizzazione nel lungo periodo), nell ambito di una esperienza specifica di PMI (acronimo di Piccola Media Impresa), sottolineando i seguenti punti: - riconoscere i tratti e le caratteristiche del capitale intellettuale nell organizzazione; - individuare le fonti e i luoghi di scambio della conoscenza operativa; - verificare il contributo dello strumento tecnologico nella gestione del capitale intellettuale, tentando di dedurne la corretta collocazione all interno delle strategie di innovazione. Si tenta di proporre uno studio circa l attualità e l attuazione di una teoria del Knowledge Management all interno di una PMI commerciale, nei suoi aspetti gestionali e informatici, percepiti dalla teoria e dall esperienza come mutuamente interconnessi ed alimentati. L esperienza specifica della PMI commerciale in esame verrà analizzata partendo dalla nascita dell esigenza, per arrivare alla consapevolezza, di una visione di Knowledge Management: verrà presentato l aspetto funzionale di un progetto software, realizzato in proprio dall autore, per la gestione della conoscenza acquisita dal e del cliente, utilizzata al fine di accrescere le opportunità di mercato, migliorando la risposta alle aspettative del cliente stesso. Tale esperienza verrà inquadrata nell ambito più generale delle riflessioni sul Knowledge Management e sulla gestione dei rapporti con il cliente (Customer Relationship Management), alla luce della crescente evoluzione tecnologica ed organizzativa delle imprese e degli effetti che la cosiddetta globalizzazione sta portando anche a livello delle reti di PMI. 3

4 1. Premessa: l evoluzione tecnologica e le PMI Le PMI, tessuto dell economia del nostro paese, nell era di Internet Quando e come innovare nella PMI? Qui comincia l avventura: la PMI nell oceano della globalizzazione Per entrare nel mondo del Knowledge Management Introduzione La gestione della conoscenza: aspetti teorici Cosa si intende per conoscenza Dati, informazioni, conoscenza Un aiuto dalla psicologia sociale Conoscenza tacita ed esplicita Il modello di Nonaka e Takeuchi per la creazione di conoscenza (modello SECI) Alcune considerazioni La gestione della conoscenza: aspetti pratici Il mercato della conoscenza La strategia della conoscenza per la conoscenza Gli spazi della conoscenza Il concetto di Ba Il modello delle comunità di pratica La conoscenza e il Capitale Intellettuale Definizione di capitale intellettuale Modelli per il capitale intellettuale Misura del capitale intellettuale Il Customer Relationship Management: un quadro di riferimento La nascita del CRM Per una definizione di CRM Le categorie del CRM Struttura del CRM L infrastruttura informatica di un sistema CRM Modellizzazione dell offerta di contenuti e servizi La centralità delle relazioni Caratteristiche funzionali del CRM

5 3.3 Il marketing relazionale Identificare Differenziare Interagire Personalizzare Interazione tra le funzioni aziendali La produzione Il servizio pre e post vendita La logistica L integrazione aziendale Conclusione Metrohm Italiana Srl Presentazione della società Descrizione dell azienda I prodotti I servizi Il marketing La storia del Knowledge Management in Metrohm Italiana Srl Lo stato iniziale: il KM a quei tempi La meteora Qualità e la nascita di una strategia per il KM Il blocco del sistema: due amministratori Lo sblocco del sistema: il cambio dei vecchi Amministratori Delegati La certificazione del Sistema Qualità e il Knowledge Management La gestione della conoscenza operativa finalizzata alla soddisfazione del cliente La gestione della conoscenza e l approccio per processi La gestione della qualità e le risorse umane Dalla gestione della qualità alla creazione di conoscenza organizzativa Il Knowledge Management in Metrohm Italiana Srl Quale conoscenza per Metrohm Italiana Srl? La conoscenza del front office La conoscenza del back office Mettendo tutto insieme Il futuro

6 4.5.1 Centralità del CRM Attenzione alle risorse umane Innovazione culturale e organizzativa Innovazione tecnologica Il Knowledge Management e lo scambio di informazioni Una soluzione per il KM dai dati di CRM: il sistema MOIS Introduzione Obiettivo e funzionalità Considerazioni iniziali Adeguatezza del modello dell organizzazione del cliente La gestione e l utilizzo delle informazioni caratteristiche del cliente L uso di MOIS nei processi aziendali Aspetti tecnici L infrastruttura e il ruolo del middleware Il codice middleware La struttura del database Le stampe In futuro Considerazioni finali Uso del sistema CRM Politica di sviluppo di MOIS Bibliografia e riferimenti al Web Introduzione Knowledge Management e Capitale Intellettuale Customer Relationship Management Metrohm Italiana Srl, sistema MOIS e altro

7 7

8 1. Premessa: l evoluzione tecnologica e le PMI 1.1 Le PMI, tessuto dell economia del nostro paese, nell era di Internet Che la realtà delle PMI (e in particolare, delle Piccole Imprese, cioè con meno di 20 dipendenti) rappresenti l elemento costitutivo del tessuto economico del nostro Paese è un dato ormai entrato anche nel modo comune di pensare l universo impresa italiana : infatti, le imprese propriamente dette (con più di 50 dipendenti) rappresentano una percentuale del tutto irrisoria sul numero totale, così come il numero complessivo degli addetti in questa percentuale rimane notevolmente inferiore rispetto a quelli occupati nelle piccole-medio imprese. Tabella Distribuzione dell occupazione nell impresa italiana 1 Come si può vedere il %, - praticamente la quasi totalità del numero delle imprese è ragionevolmente elencabile come PMI (cioè ha meno di cinquanta dipendenti); inoltre, considerando comunque l elevato numero degli addetti in questa percentuale (il % degli addetti totali), si capisce come, anche culturalmente, il fenomeno PMI faccia parte della realtà sociale italiana. Si osservi anche 2, come dato significativo, che il 94% delle imprese della provincia di Milano ha meno di dieci addetti e la prevalenza delle imprese che nascono derivano da imprese già esistenti. I profondi cambiamenti avvenuti negli anni Ottanta hanno spostato il sistema economico milanese dalla produzione tradizionale, caratterizzata dalla presenza di grandi aziende, verso un network integrato di piccole e medie imprese. Questo scenario di riconfigurazione delle imprese ha intrinsecamente modificato la struttura sul territorio reale e virtuale e, soprattutto in quest ultimo campo, è rilevabile sempre più la necessità di strumenti adeguati per l adattamento delle relazioni tra i soggetti economici di impresa. L innovazione tecnologica crescente, che coinvolge sempre più il modo stesso di comunicare e relazionarsi tra imprese (si pensi, ad esempio, l uso della posta elettronica), non può quindi non coinvolgere pesantemente questa preponderante fetta di imprese italiane: alcuni strumenti, quali 1 Fonte: elaborazione dell autore su dati ISTAT, da Annuario statistico italiano Cfr: 8

9 l accesso al Web, ai gruppi di discussione pubblici o privati e la posta elettronica, sono ormai irrinunciabili, analogamente a quanto è impensabile non poter utilizzare un apparecchio telefonico. Tuttavia, la piramide della spesa IT è rovesciata rispetto a quella della distribuzione del numero di addetti: 0,07% > ,2% 0,47% ,3% 1,24% 98,22% ,5% Distribuzione imprese per numero di addetti Addetti Distribuzione relativa della spesa IT Figura Relazione tra spesa per IT e dimensione delle imprese nell anno A questo punto si può intuire che nel contesto delle aziende, soprattutto per le PMI, non sempre (anzi, quasi mai) l innovazione tecnologica è percepita come must per stare al passo con le esigenze dei clienti e del mercato globalizzato. Secondo una prospettiva strutturalista, la globalizzazione viene intesa come rischio e opportunità poiché una maggiore interdipendenza strutturale delle diverse parti del globo determina nuovi fenomeni di gerarchizzazione, dovuti ad una diversa distribuzione dei vantaggi connessi alla divisione internazionale del lavoro: gli scambi e i flussi che legano insieme le diverse realtà sono ormai tali da modificare profondamente le condizioni in cui attori sociali ed individuali perseguono i propri obiettivi. E grazie alle possibilità che i sistemi informativi e telematici mettono a disposizione che l interdipendenza si rafforza così rapidamente (e quindi l organizzazione della vita economica travalica ampiamente i confini degli stati nazionali) 4. Anche in una prospettiva soggettivistica, in cui la globalizzazione consiste nell intensificazione delle relazioni sociali mondiali che collegano tra loro località distanti, facendo sì che gli eventi locali vengano modellati dagli eventi che si verificano a migliaia di chilometri di distanza e viceversa. 5 3 Fonte: Assinform (NetConsulting), Tecnologie ICT per reti di PMI, ottobre Cfr. Z. Barman, Dentro la globalizzazione, 1999, Il Saggiatore 5 Cfr. A. Giddens, Le conseguenze della modernità,1994, Il Mulino 9

10 non è assolutamente pensabile uno sviluppo economico senza un uso massiccio delle nuove tecnologie. E quindi interessante vedere quantitativamente l impatto delle nuove tecnologie sulle imprese italiane: Tabella Strumenti ICT e imprese italiane 6 E interessante osservare come l uso della e di Internet, intesi come strumenti per lo scambio di informazioni, si sia effettivamente affermato (sebbene solo il 74.1% delle PMI appartenenti alla fascia da 10 a 49 addetti disponga di posta elettronica e quindi ancora un buon 25%, ovvero imprese, non ne usufruisca 7 ). Consolante è la percentuale, seppure bassa, del 27.5% di imprese che dispongono di rete Intranet, luogo privilegiato di scambio di informazioni e di know-how, oltre che di crescita della conoscenza. Le basse percentuali di reti Extranet, tuttavia, indicano che l integrazione ICT della network di PMI deve essere ancora sviluppata. Di più difficile interpretazione sono i dati relativi alla modalità di accesso alla rete (analogico, ISDN, xdsl) poiché dalla tabella esposta ne appare sostanzialmente una equa distribuzione. Una indicazione più precisa e forse più aggiornata ci viene da un comunicato dell Unione Europea: Secondo una nuova relazione dalla Commissione europea, il numero di cittadini e imprese che accede a Internet con collegamenti ad alta velocità è cresciuto di oltre l 80% tra il gennaio 2003 e il gennaio L adozione della banda larga nell UE procede attualmente ad un ritmo più elevato rispetto agli Stati Uniti e alcuni Stati membri vantano le migliori prestazioni al mondo in questo campo. Tutti gli Stati membri dell UE15 hanno adottato strategie nazionali in materia di banda larga e i nuovi 6 Fonte: dati ISTAT, da Annuario statistico italiano Deduzione dell autore confrontando i dati ISTAT 10

11 Stati membri presenteranno le loro rispettive strategie entro la fine del Tutti gli Stati membri convengono che il progresso deve essere dettato dal mercato. La crescita è stata più rapida nei paesi in cui la concorrenza, in particolare quella delle reti alternative, ha garantito la possibilità di scegliere tra diversi fornitori del servizio e ha abbassato i prezzi. Le autorità pubbliche, tuttavia, devono ancora intervenire ogniqualvolta i mercati non garantiscono gli investimenti necessari. Le strategie nazionali in materia di banda larga mirano, pertanto, ad assicurare una maggiore copertura delle zone ancora scarsamente servite e a stimolare la domanda. La relazione giunge alla conclusione che le strategie nazionali devono essere rivedute ed aggiornate durante il 2005 per tenere conto delle nuove tecniche per la connessione ad alta velocità e per apprendere dalle buone pratiche attuate da altri paesi. 8 Infatti, è facilmente intuibile che la diminuzione dei costi di connessione xdsl porterà la prevalenza degli utenti di Internet ad abbandonare le vecchie tecnologie di connessione in favore di queste ultime. In un Paese come l Italia in cui si è raggiunto, nel febbraio 2005, il quarto posto europeo per il cctld, con un milione di TLD.it registrati, i dati presentati rappresentano una sorta di campanello di allarme per la competitività delle PMI in un mercato sempre più globalizzato. Sebbene il concetto di Innovazione Tecnologica sia molto più generale del mero investimento in strumenti tecnologici, questi dati sottolineano comunque una certa freddezza delle imprese verso tale innovazione. Di seguito è illustrata la variazione di spesa ICT negli ultimi anni: Figura 1.2 Variazioni percentuali del mercato IT 9 Dalla figura 1.2, riflettendo ulteriormente sulla grande sproporzione di investimenti, si può concludere che 8 Comunicato stampa UE: Reference: IP/04/626 Date: 11/05/ Fonte: Assinform (NetConsulting), op. cit. 11

12 dato l andamento del mercato ed il gran numero delle aziende di più piccola dimensione, risulta, quindi, ancora più importante il benefico effetto delle aziende leader nel processo di adozione di nuove tecnologie per l impatto e ruolo guida e di spinta che hanno nei confronti delle PMI. La Piccola e Media Impresa italiana è, di fatto, prevalentemente raggruppata in Indotti, Poli Produttivi o Distretti Industriali. Nei casi in cui esiste una situazione ben definita, dove in un raggruppamento d imprese sono presenti soggetti con capacità governance ed il possesso di una chiara vision sul processo di digitalizzazione, un azienda leader (o un nucleo costituito da più aziende leader) riesce a coinvolgere le aziende dell Indotto, del Polo Produttivo o del Distretto, nel proprio sforzo di revisione dei processi aziendali; la conseguenza è che le aziende più piccole ne traggono benefici in termini di efficienza, risparmi, vantaggi organizzativi e quant altro Quando e come innovare nella PMI? In definitiva l innovazione può essere notevolmente agevolata se è il cliente che lo richiede o se la concorrenza sprona in questa direzione. Un reale contatto con il sistema competitivo anche a livello internazionale rappresenta un fattore di stimolo alla ricerca dell innovazione ( ) In Italia lo sboom è stato, se possibile, ancora più pesante spiega Andrea Rangone, docente e responsabile della parte gestionale degli osservatori della School of management del Politecnico di Milano creando un diffuso senso di sfiducia e addirittura di depressione, soprattutto da parte di chi aveva subito l euforia internettiana come un corpo estraneo. Un quadro che si incrocia con l arretratezza culturale storica del nostro paese nel campo delle nuove tecnologie ( ) Esaminando lo stato dell arte della dotazione hardware e software emerge una realtà che si potrebbe riassumere con un solo aggettivo: un patchwork ( ) Alla domanda crescente di funzioni tecnologiche le aziende hanno risposto per esempio acquistando nuovi server, ma senza ridisegnare la propria infrastruttura. Accade così che nelle imprese ( ) vi sia una presenza ( ) sorprendente di una dotazione software obsoleta, caratterizzata prevalentemente da Windows 98 e NT, sistemi AS400 e gestionali monolitici sviluppati in Cobol 11 Tuttavia, anche se La diffusione dell impiego dell ICT non è certamente la soluzione ai problemi di sviluppo, evoluzione e competizione sui mercati internazionali della nostra PMI, ( ) si può affermare ( ) che se essa non è una condizione sufficiente, senza di essa sarà ben più difficile superare i problemi. La Piccola Impresa distrettuale ( ) non ha ancora accettato l azione innovatrice della tecnologia dell Informazione e della Comunicazione sul Modello di Business e le cause sono da attribuirsi principalmente a: 10 Assinform, op.cit. 11 Andrea Di Stefano, La repubblica Affari e finanza 29 marzo

13 - una resistenza a cambiare un sistema che ha funzionato e che ha prodotto importanti vantaggi competitivi; - una visione culturale della Tecnologia nata e radicatasi quando le tecnologie disponibili erano tutt altra cosa rispetto alle attuali; - il timore dell imprenditore di non riuscire a proteggere le proprietà intellettuali ed i segreti commerciali, in quanto la trasformazione delle relazioni/comunicazioni in modalità telematica porti verso rapporti interpersonali, trasmissioni di conoscenza e rischio di più facile acquisizione da parte di altri delle proprie conoscenze. I Fornitori di tecnologie, d altro canto, trovano difficoltà nel rapporto con le PMI e si concentrano maggiormente sulle prestazioni tecniche di prodotti e/o servizi che offrono, anziché puntare ad interpretare e soddisfare le esigenze del contesto organizzativo, economico, umano e relazionale sul quale possono incidere. 12 Ma anche il fattore umano può risultare determinante per l innovazione tecnologica all interno di una PMI: Un ruolo fondamentale è quello del pivot: la presenza di una figura interna all impresa che sia in grado di svolgere un ruolo organizzativo di collegamento tra il vertice, il management di linea, la direzione Information Technology ed i fornitori tecnologici ( ) il pivot non deve necessariamente possedere approfondite competenze tecniche (ma deve avere una esplicita e forte sensibilità alle tecnologie) mentre deve avere buone competenze gestionali e di business. Rappresenta il riferimento, il promotore dall interno dell impresa dell innovazione e, per questo, deve possedere anche capacità di project management, di relazione interpersonale e una buona propensione al cambiamento e all innovazione 13. Riassumendo: si possono allora delineare due caratteristiche necessarie all innovazione nella PMI: - stile accogliente verso le nuove tecnologie da parte dell imprenditore; - individuazione di una figura o gruppo di persone che faccia da pivot per l introduzione di sistemi di gestione software, mediando la realtà aziendale con la soluzione proposta Ancora una volta, l innovazione è questione di persone. 12 Assinform, op. cit. 13 Andrea Di Stefano, La repubblica Affari e finanza 31 gennaio

14 1.3 Qui comincia l avventura: la PMI nell oceano della globalizzazione. L innovazione non è però propria del solo dominio tecnologico: ha in sé una portata culturale ad ampio raggio che parte dalla formazione nozionistica di base data dalla scuola e dall università per raggiungere la vita quotidiana personale e della polis. Innovazione e cultura vanno di pari passo, riflettendo nella vita sociale gli aspetti, a qualunque titolo, negativi e positivi (basti pensare a cosa voglia dire un telefono cellulare dato a una figlia adolescente). In una PMI, innovare significa anche avere il tempo di ristrutturare o ripensare i processi e le attività, integrarle con gli strumenti tecnologici salvaguardando le peculiarità e i servizi al cliente. In una direzione più consona a questo lavoro, si può affermare che, se da una parte l evoluzione tecnologica stessa costringe le organizzazioni ad essere sempre più efficaci ed efficienti pena la perdita di competitività e quindi di fatturato, dall altra non è possibile pensare all innovazione dell organizzazione nell azienda medio piccola, senza valutare e porre al giusto posto i mezzi per l elaborazione e la comunicazione dell informazione e la necessaria formazione agli stessi utenti. A partire da questa ultima affermazione, si può allora intuire la necessità di orientarsi, anche all interno di una PMI, alla gestione dell unica risorsa in grado di sostenere nel tempo il business: la Conoscenza, il know-how, ovviamente convertito in valore per il cliente, ciò che rende unica e caratteristica una azienda rispetto ad un altra. Le condizioni economiche del momento e la crisi di molti mercati sono segnali di allarme per l occupazione che non possono essere ignorati: oltre ad essere necessario che i governi nazionali e quello europeo facciano la loro parte 14, anche le aziende stesse devono dare un colpo di reni per stare al passo con i fenomeni della globalizzazione e di evoluzione tecnologica. I progressi delle tecnologie digitali sono descritti in parte da alcune leggi che sono diventate piuttosto popolari negli ultimi anni e che lasciano prevedere una preoccupante progressiva ingovernabilità di questi fenomeni: 14 Almeno sulla carta, pare che il nostro governo abbia colto l importanza di ciò: si è resa indispensabile una vera e propria politica per l innovazione. Nell ambito di questa, le tecnologie dell informazione e della comunicazione rappresentano una priorità Cfr. II piano per l innovazione digitale nelle imprese Min. delle attività produttive, Min. per l innovazione e le tecnologie, gennaio C è purtroppo da osservare la bassa spesa per la ricerca (Cfr. e l insistenza di un pedagogicamente pericoloso approccio in stile marketing all alfabetizzazione informatica basato su sconti e incentivi per l acquisto di un PC quasi ironicamente accostato al contributo per l acquisto del ricevitore DTT. (Cfr. E però di notevole importanza il Fondo di Garanzia, istituito con la legge 662/96, che permette il rilascio, da parte del Gestore del fondo, di garanzie sui finanziamenti concessi alle PMI a fronte di programmi di investimento in tecnologie digitali. Cfr. A titolo puramente informativo si ricordano anche i finanziamenti previsti per le PMI dalle leggi 46/82, 898/94, 1329/95, 140/97. 14

15 - Legge di Moore: la potenza di elaborazione di un microprocessore tende a raddoppiare ogni 18 mesi, a costi costanti; - Legge di Metcalfe: il valore di una rete cresce con il quadrato del numero dei suoi utilizzatori; - Legge di Gilder: la larghezza di banda raddoppia ogni 12 mesi, a parità di costo; - Legge della distruzione: mentre il cambiamento tecnologico si sviluppa a ritmo esponenziale, i sistemi politici, sociali ed economici cambiano soltanto a ritmo incrementale. 15 Si auspica anche che i recenti accordi finanziari tra le banche europee 16 siano stimoli e non blocchi per sostenere l innovazione tecnologica nelle PMI, base per qualunque altro tipo di innovazione. In questo oceano dell economia globalizzata, nel quale si comincia a delineare l emergere di una economia interconnessa ( ), caratterizzata dalla graduale sfumatura delle distinzioni tra beni e servizi, tra compratori e venditori, tra capitale materiale e immateriale, tra singola impresa e singola impresa. E un fenomeno assai ampio, la cui portata è anche legata agli sviluppi di quella che è stata chiamata new economy, la cui evoluzione è tuttora poco chiara e definibile. 17 la PMI nello spazio sempre più ridotto della globalizzazione e nel tempo sempre più accorciato dalla rapida corsa verso l obsolescenza dei prodotti tecnologici, nel progressivo affermasi del business on-demand 18 deve trovare nuovi sentieri da percorrere per poter mantenere la competitività, rispondendo adeguatamente alla natura sempre più complessa dei bisogni che lo sviluppo economico porta con sé. 15 Cfr. M. Raimondi, Marketing del prodotto-servizio, 2005, Hoepli. 16 Il cosiddetto accordo Basilea 2 introduce un meccanismo di rating per valutare il grado di affidabilità delle aziende che intendono chiedere finanziamenti alle banche, al fine che queste ultime accantonino quote di capitale proporzionali al rischio derivante dai vari rapporti di credito assunti. Il timore è che l applicazione dell'accordo possa tradursi in minor credito alle imprese più rischiose e a tassi più elevati. 17 Cfr. M. Raimondi, op. cit. 18 Cfr. G. Merli. A. Crippa, Business on demand, 2003, Ed. Il Sole 24 ORE. 15

16 Prima parte Per una teoria del Knowledge Management e del Customer Relationship Management 16

17 2. Per entrare nel mondo del Knowledge Management 2.1 Introduzione Una domanda che può sorgere leggendo l indice di questo lavoro, è perché accostare il KM (Knowledge Management gestione della conoscenza) con il CRM (Customer Relationship Management gestione della relazione con il cliente). Sebbene intuitivamente chiunque abbia avuto un minimo di esperienza commerciale troverà da sé la risposta, ci pare importante al fine di capire la relazione tra queste due attività, riportare in seguito un riflessione di K.E. Sveiby: ( ) people in an organization direct their efforts in two directions primarily: outward working with customers or inward maintaining and building the organization. When they work with customers they create customer relationships and an image in the marketplace that is partly owned by the corporation. I call this an external structure. When their efforts are directed inwards they create an internal structure, which in management literature is called the organization. I regard both as structure of knowledge 19 La conoscenza posseduta da una organizzazione, intesa nella più ampia accezione del termine, come si avrà modo di illustrare nel seguito, diviene quindi investimento per il futuro e ricchezza patrimoniale attuale. Con essa, se gestita e curata, l organizzazione orientata al business può seguire le sempre più pressanti richieste di mercato, mantenendo un vantaggio competitivo sostenibile nel tempo e non incidentale, come, invece, può essere un vantaggio derivato dall uso della tecnologia nei processi produttivi o nei servizi interni. Il cliente effettivo o potenziale diviene quindi stimolo e sfida per l organizzazione, spronandola a ricercare nuovi prodotti (o servizi), creando perciò nuova conoscenza. L immagine seguente illustra questo concetto. La conoscenza entra nell organizzazione da tre sorgenti esterne: Mercato del personale Mercato dei clienti competenza Organizzazione Fornitori conoscenza, competenza, referenze, immagine conoscenza, competenza, referenze, immagine Figura 2.1: l interazione dell impresa nel mercato 19 Cfr. K. E. Sveiby The new organizational wealt, 1997, Berrett-Koehler Publisher, Inc 17

18 La parte destra della figura precedente è l area di attività del CRM: in questa accezione è possibile dire che il CRM rappresenta un istanza di KM. In questo senso, come il KM presenta aspetti filosofici, politici e tecnologici, così il CRM eredita da quest ultimo le medesime caratteristiche. Sebbene il CRM sia nato soprattutto come fenomeno tecnologico software (è il segmento di mercato del sofware in maggior crescita negli ultimi anni), riteniamo che il giusto inquadramento all interno della riflessione, teorica prima e operativa poi, relativa alla gestione della conoscenza in una organizzazione possa dare il contributo più significativo alla crescente richiesta di rinnovamento delle aziende 20. Questo rinnovamento parte dalla spinta all innovazione tecnologica per arrivare all innovazione del pensiero, della vision di impresa. Una organizzazione che fermasse tale processo al dato meramente tecnologico, rischierebbe di perdere consistenti opportunità di business, cosa che, in questo particolare frangente della situazione economica italiana, è quantomeno pericolosa ai fini della stessa sopravvivenza dell organizzazione. 20 K.E. Sveiby e molti altri autori riconoscono il Customer Capital come parte integrante del Capitale Intellettuale di una impresa basata sulla conoscenza. Questo concetto verrà ampliato nel

19 2.2 La gestione della conoscenza: aspetti teorici Cosa si intende per conoscenza Il dibattito filosofico, sociale e scientifico sul concetto di conoscenza e sulle sue proprietà comincia sin dai tempi dell antica Grecia e arriva ai giorni nostri 21. Dopo il 1870, a seguito dell aumento della capacità di comunicazione ad opera della creazione della rete ferroviaria, si innescano due processi a lungo termine che potenziano in misura considerevole l efficacia della conoscenza. - Il primo processo consiste nella progressiva separazione e specializzazione di ambiti cognitivi che in precedenza esistevano confusi entro la diretta esecuzione operativa. Nelle grandi imprese si formano i primi dipartimenti di Ricerca e Sviluppo e, negli anni Venti, con il marketing, si viene formando un corpo specializzato di nozioni sui comportamenti di consumo che, in un processo di continuo affinamento, retroagisce e orienta le strategie di produzione e di vendita. Negli anni Ottanta si realizza un ulteriore salto evolutivo nel processo di gestione separata delle conoscenze. Da un lato si assiste alla crescita di scala e di complessità delle organizzazioni che implica la creazione di sistemi di gestione di dati, informazioni e conoscenza sempre più precisa e puntuale, dall altro la distribuzione e la logistica inseriscono nei servizi una nuova serie di valori rendendoli standard de facto per il campo loro specifico (codici a barre, tracking della merce, ecc.). - Un secondo processo consiste nella progressiva riduzione degli ostacoli alla circolazione della conoscenza (pubblicità, espansione della grande distribuzione) favorendo il confronto tra i prodotti, creando trend di consumi, per arrivare sino al fenomeno dei brand 22. Infine Internet ottimizza, su scala mondiale e con minimo dispendio di risorse, la raccolta delle conoscenze rilevanti per acquisti e investimenti. 23 Con il termine conoscenza si intende generalmente il risultato di un attività di interpretazione e di astrazione, basata essenzialmente su paradigmi logici e formali, ma anche su principi di natura morale ed estetica. La conoscenza rivela la strutturazione 21 Per una piccola storia della conoscenza si veda on-line 22 Sebbene i termini branding (diffusione del marchio) e advertising (pubblicizzare) siano spesso usati in maniera intercambiabile, corrispondono in realtà a due processi diversi. Pubblicizzare un determinato prodotto è solo una parte del vasto programma di diffusione del marchio, come lo sono la sponsorizzazione e la licenza del logo. Pensate al marchio come significato chiave della grande impresa moderna e alla pubblicità come al veicolo usato per diffondere tale significato nel mondo. (Cfr. N. Klein, No Logo, 2000, Baldini e Castoldi). 23 Cfr. T. Davenport, L. Prusak Il sapere al lavoro, 2000, Etas 19

20 profonda e nascosta del mondo che non è avvertibile direttamente dalla percezione senza l indispensabile mediazione di una complessa attività mentale 24. Contrapposta alla percezione che tende ad essere soggettiva e variabile dando una rappresentazione specifica e superficiale di quanto osservato la conoscenza tende ad essere più universale e profonda 25. La percezione permette di acquisire osservazioni sulla realtà che ci circonda e l elaborazione personale seppur condizionata dagli aspetti sociali, religiosi, ecc. costruisce rappresentazioni mentali atte a descrivere quanto osservato. Passando attraverso il concetto di modello rappresentazione di una porzione della realtà parziale, soggettiva e orientata a un obiettivo è quindi possibile definire la conoscenza come una collezione di modelli. Dal punto di vista dello studio che si intraprenderà, è interessante riportare la definizione proposta da Sveiby: I define knowledge as a capacity to act 26. Egli tuttavia suggerisce che per sottolineare l aspetto della conoscenza individuale che abilita all azione è meglio il termine competenza. La conoscenza e la sua gestione hanno avuto grande risonanza negli ultimi dieci anni del secolo scorso e da più parti 27 è stata riconosciuta come fattore di competizione decisivo. La gestione della conoscenza consente ai soggetti economici imprese, lavoratori, amministrazioni pubbliche, ecc. di prendere decisioni e intraprendere azioni che creano valore economico. Oggi il Knowledge Management è un tema di cui probabilmente si parla meno, ma questo succede perché è ormai entrato nelle pratiche quotidiane di un gran numero di aziende. Come verrà evidenziato nel paragrafo 4.3 il fenomeno sempre crescente che vede la diffusione della Certificazione del Sistema Qualità aziendale ha portato il problema della gestione della conoscenza anche nel tessuto delle PMI. 24 Cfr. G. Giuda, G. Berini, Ingegneria della conoscenza, 2000, Egea 25 E interessante ricordare che il verbo conoscere, nella Bibbia, indica l intima vicinanza, a volte anche il rapporto sessuale, tra vari soggetti. 26 Cfr. K.E. Sveiby, op. cit. 27 Se un tempo il fattore decisivo della produzione era la terra e più tardi il capitale, inteso come massa di macchinari e di beni strumentali, oggi il fattore decisivo è sempre più l uomo stesso, e cioè la sua capacità di conoscenza che viene in luce mediante il sapere scientifico, la sua capacità di organizzazione solidale, la sua capacità di intuire e soddisfare il bisogno dell altro Giovanni Paolo II, enciclica Centesimus Annus,

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing

PartnerWorld. Straordinarie possibilità di crescita con. IBM Global Financing. Servizi finanziari per i Business Partner IBM. IBM Global Financing PartnerWorld IBM Global Financing Straordinarie possibilità di crescita con IBM Global Financing Servizi finanziari per i Business Partner IBM ibm.com/partnerworld Accesso diretto a un avanzato servizio

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management

di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CREAZIONE E GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE AZIENDE di Antonella Salvatore Produzione e logistica >> Sistemi di management CONOSCENZA ESPLICITA ED IMPLICITA La conoscenza rappresenta quello che in management

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

il modello Nokana e Takeuchi

il modello Nokana e Takeuchi www.librishop.it il modello Nokana e Takeuchi Considerazioni sul processo di creazione e condivisione della conoscenza indice il processo di creazione e condivisione il modello di creazione e condivisione

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI

All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI ABILITATORI 1 Lo scenario: i soggetti che operano su Internet All INTERNO DELLA RETE DEL VALORE DI INTERNET E POSSIBILE INDIVIDUARE 2 GRUPPI PRINCIPALI UTILIZZATORI FINALI E-market player Digitalizzatori di processi

Dettagli

La sicurezza dell informazione

La sicurezza dell informazione La sicurezza dell informazione come costruire il sistema di gestione per la sicurezza dell informazione Ing. Ioanis Tsiouras 1 (Rivista Qualità, Agosto 2000) 1 Introduzione L informazione, nel linguaggio

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali I

Sistemi Informativi Aziendali I Modulo 5 Sistemi Informativi Aziendali I 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali I - Modulo 5 Modulo 5 Il Sistema Informativo verso il mercato, i canali ed i Clienti: I nuovi modelli di Business di Internet;

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento CUSTOMER SATISFACTION COME RILEVARE IL LIVELLO DI SODDISFAZIONE DEI CLIENTI (CUSTOMER SATISFACTION) Rilevare la soddisfazione dei clienti non è difficile se si dispone di

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede

km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf cover documento aggiornato il 31.10.2004 Knowledge management Trasferire la conoscenza da chi la possiede a chi la richiede km brochure pdf indice documento aggiornato il 31.10.2004 km

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ

NOTE E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI STRATEGIA E FUNZIONALITÀ LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ AZIENDALI E.R.P. (ENTERPRISE RESOURCE PLANNING) STRATEGIA E FUNZIONALITÀ L INTEGRAZIONE DELLE ATTIVITÀ LA COMUNICAZIONE TRA LE UNITA AZIENDALI I PROCESSI DECISIONALI RILEVANZA

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo, Servizio Politiche Industriali Misura 2.1 - Azione C del Programma Triennale per lo sviluppo delle attività produttive industriali

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi

Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Dai processi aziendali ai sistemi informativi di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, febbraio

Dettagli

ARTICOLO 59 NOVEMBRE/DICEMBRE 2012 L ANALISI DEI PROCESSI PER MIGLIORARE LE PERFORMANCE AZIENDALI 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 59 NOVEMBRE/DICEMBRE 2012 L ANALISI DEI PROCESSI PER MIGLIORARE LE PERFORMANCE AZIENDALI 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 59 NOVEMBRE/DICEMBRE 2012 L ANALISI DEI PROCESSI PER MIGLIORARE LE PERFORMANCE AZIENDALI 1 Dall inizio del manifestarsi della crisi nel 2008 lo scenario economico è profondamente

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti

Osservatorio sulla mobilità e i trasport. Eurispes Italia SpA. Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti Eurispes Italia SpA Profilo Costitutivo ed Operativo dell Osservatorio sulla Mobilità ed i Trasporti COSTITUZIONE E SEDE Nell ambito delle sue attività istituzionali, l Eurispes Italia SpA ha deciso di

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE

IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE CL. 5ATP - A.S. 2006/2007 L azienda e i suoi elementi PERSONE AZIENDA BENI ECONOMICI ORGANIZZAZIONE L azienda è un insieme di beni organizzati e coordinati dall imprenditore

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management

di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management EDILIZIA di Antonio Ferrandina Marketing e Vendite>> Sistemi di management DEFINIZIONE DEL SETTORE Nel settore edilizio possono essere individuati 2 micro-settori: edilizia residenziale in conto proprio:

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Customer satisfaction

Customer satisfaction [moduli operativi di formazione] Customer satisfaction Soddisfare Migliorare Continuare a soddisfare CUSTOMER SATISFACTION Tutte le aziende dipendono dai propri clienti ed è indispensabile agire per capire

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace

CORPORATE GOVERNANCE. Implementare una corporate governance efficace CORPORATE GOVERNANCE Implementare una corporate governance efficace 2 I vertici aziendali affrontano una situazione in evoluzione Stiamo assistendo ad un cambiamento senza precedenti nel mondo della corporate

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE

ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE http://www.sinedi.com ARTICOLO 9 FEBBRAIO 2007 ALLINEARE LA GESTIONE OPERATIVA ALLA STRATEGIA AZIENDALE La formulazione della strategia aziendale rappresenta un momento estremamente importante per tutte

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

La scuola ha bisogno di cambiare

La scuola ha bisogno di cambiare Oggi il modo di comunicare è cambiato. La Rivoluzione digitale ha innescato nuove dinamiche di relazione e di condivisione delle informazioni. Il flusso continuo di conoscenze ha creato la necessità di

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015

Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi. Milano 28 gennaio 2015 Il ruolo delle piattaforme nella distribuzione dei Fondi Milano 28 gennaio 2015 Stefano Sardelli Direttore Generale Presidente MILLENNIUM Sim La demografia incide in modo molto importante sulla crescita

Dettagli