di Angelo G.I. Maremmani, Liliana Dell Osso, Icro Maremmani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Angelo G.I. Maremmani, Liliana Dell Osso, Icro Maremmani"

Transcript

1 P r o p o s t e - O p i n i o n i La doppia diagnosi: primarietà o secondarietà del disturbo psichiatrico rispetto alla tossicodipendenza di Angelo G.I. Maremmani, Liliana Dell Osso, Icro Maremmani Abstract Nonostante la notevole mole di studi su pazienti tossicodipendenti affetti da doppia diagnosi, la progressione da malattia mentale a tossicodipendenza e/o viceversa è stata meno indagata pazienti eroinomani all ingresso in trattamento sono stati valutati riguardo alla presenza di doppia diagnosi, alla primarietà della malattia mentale o della tossicodipendenza e i sottogruppi così evidenziati sono stati comparati su variabili demografiche, diagnostiche e cliniche. La percentuale dei pazienti con doppia diagnosi è risultata del 52,7% del campione con due terzi dei pazienti con progressione dalla tossicodipendenza alla malattia mentale e un terzo dalla malattia mentale alla tossicodipendenza. I tossicomani con progressione dalla tossicodipendenza alla malattia mentale appaiono più svantaggiati sul piano economico, lavorativo e legale, più gravi sul piano somatico e con un maggior numero di trattamenti falliti. La durata della dipendenza è maggiore, ma l età del primo trattamento minore. La progressione dalla tossicodipendenza alla malattia mentale condiziona un quadro clinico più grave e un più precoce ingresso in trattamento, ma non influenza in modo diverso il poliabuso maggiormente presente nei soggetti con doppia diagnosi. Gli eroinomani con doppia diagnosi e primarietà della malattia mentale sono stati diagnosticati più frequentemente Sul piano terapeutico la prevalenza della secondarietà della malattia mentale rispetto alla tossicodipendenza suggerisce un intervento terapeutico primariamente centrato sulla tossicodipendenza e non sulla componente psichiatrica come schizofrenici e appartenenti al cluster ansioso; quelli con primarietà della tossicodipendenza sono stati diagnosticati più frequentemente come appartenenti al cluster dei disturbi dell umore. I dati di questo studio non confermano la predominanza in letteratura della progressione dalla malattia mentale alla tossicodipendenza e confermano la teoria dell automedicazione solo per i pazienti schizofrenici e del cluster ansioso prospettando un modello diverso per i pazienti con disturbi dell umore. Sul piano terapeutico la prevalenza della secondarietà della malattia mentale rispetto alla tossicodipendenza suggerisce un intervento terapeutico primariamente centrato sulla tossicodipendenza e non sulla componente psichiatrica. 1. Introduzione Si definisce doppia diagnosi la co-presenza di un disturbo mentale indipendente e di un quadro di tossicodipendenza. Ricerche effettuate sia su campioni clinici che nella popolazione generale hanno mostrato un alto grado di comorbilità fra queste due condizioni. Sul tema, agli inizi e alla metà degli anni Novanta, negli Stati Uniti, sono stati eseguiti due grossi studi: lo studio ECA (US Epidemiologic Catchment Area) e lo studio NCS (US National Comorbidity Survey). Lo studio ECA ha evidenziato un rapporto fra disturbi mentali nel corso della vita ed uso di alcol di 2,9 volte. Lo stesso rapporto nei confronti delle altre sostanze d abuso è risultato di 4,7 volte (Regier et al., 1990). Lo studio NCS ha evidenziato un rapporto fra disturbi mentali, nel corso della vita, e uso di alcol o altre sostanze pari a 2,4 volte. Considerando l intera vita del soggetto, nello studio ECA, le persone che rispondevano ai criteri per un disturbo da uso di alcol o altre sostanze d abuso presentavano anche i criteri per un disturbo mentale nel 36,6% (alcol) e nel 51,3% (altre sostanze d abuso) dei casi. Con gli stessi criteri temporali, nello studio NCS, chi presentava i criteri diagnostici per disturbo da alcol o altre sostanze d abuso presentava almeno un disturbo mentale nel 51,4% dei casi. Viceversa, tra coloro che presentavano almeno un disturbo mentale nel 50,9% dei casi vi era, nel passato, un disturbo legato all uso dell alcol o di altre sostanze d abuso (Kessler et al., 1994; Kessler et al., 1996). Risultati simili a dodici MTD - It J Addict Giugno-Settembre

2 mesi si ritrovano nello studio NCS dove il 42,7% dei soggetti con disturbi correlati all uso di alcol presentava anche un disturbo mentale e il 14,7% dei soggetti con disturbi mentali aveva anche un disturbo da uso di alcol o altre sostanze d abuso (OR 2,6). Questi due grandi studi sono stati confermati da altri quali il National Longitudinal Alcohol Epidemiologic Survey (NLAES) nel 1995 (Grant and Harford, 1995), l International Consortium in Psychiatric Epidemiology (ICPE) nel 1998 (Merikangas et al., 1998) e il National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions (NESARC) nel 2004 (Grant et al., 2004). Questi studi e altre osservazioni su popolazioni cliniche hanno mostrato un alto grado di correlazione dell abuso di sostanze con i disturbi d ansia, dell umore e di personalità. La relazione è, tuttavia, maggiore per i quadri di dipendenza che non per quelli di abuso (Kessler et al., 1996; Merikangas et al., 1998; Swendsen and Merikangas, 2000). Nei soggetti con doppia diagnosi, per valutare le relazioni di causalità fra i due disturbi, in tutti gli studi è stato usato il rapporto temporale fra l insorgenza del disturbo da uso di sostanze e il disturbo psichiatrico associato. Da studi retrospettivi e prospettici è stato rilevato come i disturbi d ansia e i disturbi esternalizzanti come il disturbo passivo-aggressivo, i disturbi della condotta ed il disturbo da deficit dell attenzione con iperattività precedano, in genere, il disturbo da uso di sostanze. Nel caso dei disturbi dell umore, invece, l uso di sostanze precede l insorgenza del disturbo psichiatrico (Kessler, 2004). Non vi sono, ad oggi, considerazioni conclusive su questo aspetto. Anche se precedente è molto suggestivo di causale, l esistenza di un fattore predisponente per tutte e due le condizioni non può essere trascurata. Sfortunatamente, questi studi non sono stati controllati per i fattori di rischio che possono influenzare l insorgenza dei due disturbi. In questo modo il disturbo che è identificato per primo è interpretabile più come un marker che come un agente causale. Lo scopo primario di questo studio è la verifica della presenza di doppia diagnosi in un campione di soggetti tossicodipendenti da eroina all ingresso in trattamento con agonisti oppiacei e la conseguente caratterizzazione della doppia diagnosi sulla base dell età di insorgenza del disturbo da uso di sostanze e del disturbo psichiatrico associato. Scopo secondario è la caratterizzazione clinica sul piano trasversale e longitudinale della tossicodipendenza da eroina nei pazienti con doppia diagnosi, primariamente tossicodipendenti vs primariamente malati mentali, con riferimento ai pazienti senza doppia diagnosi. 2. Metodo 2.1 Campione Sono stati considerati 1090 eroinomani giunti all osservazione dell Unità di Doppia Diagnosi Vincent P. Dole del Dipartimento di Psichiatria dell Università di Pisa durante gli anni Tutti i pazienti erano affetti da dipendenza da oppiacei secondo i criteri diagnostici dei vari DSM ed avevano dato il loro consenso informato alla partecipazione allo studio. L età media dei pazienti era 29±6 anni (minima 16, massima 51). La maggioranza dei pazienti era costituita da maschi (76,2%), mai coniugati (64,4%), con meno di nove anni di istruzione (70,7%). Al momento della rilevazione il 39,6% era senza lavoro. 2.2 Strumenti di indagine Storia tossicomanica La storia tossicomanica è stata indagata con la Drug Addiction History Rating Scale (DAH-RS) di Maremmani e Castrogiovanni (Maremmani and Castrogiovanni, 1989). La DAH-RS è un intervista guidata in etero-valutazione articolata in diversi settori. I primi due indagano la presenza di complicanze fisiche (epatiche, vascolari, gastroenteriche, sessuali, odontoiatriche, immunitarie) e psichiatriche (insight, coscienza, memoria, ansia, umore, sonno, alimentazione, aggressività, deliri e allucinazioni) lifetime. La terza sezione analizza la situazione socio-ambientale al momento della rilevazione nell area del lavoro, della famiglia, della socializzazione e tempo libero, della sessualità e della legalità. La quarta indaga l abuso di sostanze lifetime. La quinta si occupa della clinica dell abuso di eroina al momento della rilevazione (assunzione, modalità di assunzione, pattern d uso, fase clinica, nosografia). La sezione successiva indaga il tipo di trattamenti pregressi e attuali. L ultima sezione rileva alcune variabili di decorso quali l età del primo contatto con la sostanza d abuso principale, l età dell uso continuativo, la durata della dipendenza, l età del primo contatto terapeutico. La scheda comprende dieci fattori: problemi fisici, aree psicopatologiche, adattamento sociale (lavorativo, familiare, sociale e del tempo libero, sessuale, legale), poliabuso di sostanze, trattamenti effettuati, trattamento integrato. Questi fattori sono espressi in forma dicotomica (assenza-presenza, non problematico-problematico) o rappresentano la somma delle caratteristiche presenti in ogni fattore Procedure diagnostiche I disturbi psichiatrici sono stati indagati sulla base dell albero decisionale del DSM-IV per le diagnosi differenziali (APA, 1994). Ogni albero decisionale comprende un set di caratteristiche cliniche iniziali. Quando una di queste caratteristiche è predominante, il clinico pone una serie di domande per includere o escludere una serie di disturbi. Le domande sono solo un approssimazione dei criteri diagnostici e non devono essere utilizzate per rimpiazzarli. In questo studio sono stati utilizzati tre alberi decisionali: diagnosi differenziale dei disturbi psicotici (caratteristiche cliniche iniziali: deliri, allucinazioni, eloquio disorganizzato o comportamento grossolanamente disorganizzato), diagnosi differenziale dei disturbi dell umore (caratteristiche cliniche iniziali: umore depresso, elevato, espanso o irritabile: due items separati rilevano la presenza 62 MTD - It J Addict Giugno-Settembre 2009

3 di depressione e/o ogni tendenza allo spettro bipolare, testimoniata da un umore elevato, espansivo o irritabile), diagnosi differenziale dei disturbi d ansia (caratteristiche cliniche iniziali: sintomi di ansia, paura, evitamento o aumentato arousal). I pazienti sono valutati al di fuori delle fasi acute che richiedano ospedalizzazione per ridurre l ambiguità diagnostica dovuta all influenza delle sostanze d abuso sulla sintomatologia psichiatrica. Le diagnosi vengono riconsiderate nel tempo o quando emergano nuove informazioni. La diagnosi di doppia diagnosi è posta quanto siano presenti contemporaneamente un disturbo psichiatrico e un disturbo da uso di sostanze. Per porre diagnosi di spettro bipolare è stata utilizzata la SID (intervista semistrutturata per la depressione) di Cassano e collaboratori (Cassano et al., 1989). La SID comprende una serie di criteri per la rilevazione di precedenti episodi ipomaniacali e delle caratteristiche temperamentali dei pazienti. La SID, sviluppata in un progetto congiunto Pisa- Memphis (ora San Diego), è basata su criteri conformi a quelli utilizzati dall Università del Tennessee (Akiskal and Mallya, 1987) modificati dalla descrizione originaria di Schneider (Schneider, 1958) ed è stata utilizzata in più di duemila pazienti con una buona reliability (Perugi et al., 1990; Perugi et al., 1997). Tutte le informazioni sono raccolte dal paziente e almeno da una persona convivente; in più, tutti i dati presenti nelle cartelle cliniche vengono attentamente valutati. L indagine sul temperamento è svolta sui comportamenti abituali del paziente - durante i periodi di compenso psicopatologico - riferiti dal paziente e da persone conviventi. La SID è stata elaborata per aumentare l accuratezza diagnostica del disturbo bipolare. L ipotesi che le sindromi bipolari soft siano così sovrastimate non influenza il tasso della doppia diagnosi in quanto le relazioni fra outcome e vari sottogruppi diagnostici non vengono generalmente considerate nei nostri studi Diagnosi di primarietà della tossicodipendenza da eroina vs primarietà della malattia mentale La diagnosi di primarietà fra i due disturbi è stata fatta sulla base dell età di insorgenza del disturbo da uso di sostanze e del disturbo mentale associato. Se l età di insorgenza del disturbo da uso di sostanze era di almeno un anno precedente l insorgenza del disturbo mentale associato il soggetto è stato diagnosticato come primariamente tossicodipendente (SUD-PR). Se l età di insorgenza del disturbo mentale associato era di almeno un anno precedente l insorgenza del disturbo da uso di sostanze il soggetto è stato diagnosticato come primariamente malato mentale (PSY-PR). Quando l intervallo temporale era minore di un anno il soggetto non è stato diagnosticato rispetto alla primarietà o secondarietà dei due disturbi. 2.3 Analisi statistiche Le caratteristiche cliniche dei pazienti sono state confrontate nei tre gruppi: (1) primariamente malati mentali, (2) primariamente tossicodipendenti, (3) senza doppia diagnosi, utilizzando l analisi di varianza con contrasti a posteriori, secondo il metodo di Scheffe, per le variabili numeriche. Per le variabili categoriali è stato utilizzato il test del chi quadro, sempre con contrasti a posteriori. Le variabili che mostravano una differenza statisticamente significativa negli eroinomani con doppia diagnosi a seconda della primarietà psichiatrica o della tossicodipendenza sono state testate mediante analisi di regressione logistica. Questa tecnica permette di analizzare le relazioni fra una variabile dipendente o criterio, in questo caso l appartenenza ad uno dei due gruppi di primarietà e un set di variabili indipendenti chiamati predittori, permettendo di eliminare dal set quelle variabili che non aggiungono valore predittivo essendo di fatto correlate ad altre più importanti già presenti nell equazione. Tutte le analisi statistiche sono state eseguite usando le routine statistiche dell SPSS (versione 4.0). Essendo il presente studio esplorativo è stata utilizzata una significatività statistica per p<0, RISULTATI 3.1 Doppia diagnosi 574 (52,7%) pazienti sono risultati affetti da doppia diagnosi. La loro età media era 29±6 (min 17, max 50). La maggioranza dei pazienti era costituita da maschi (72,9%), mai coniugati (63,8%%), con meno di nove anni di istruzione (65,8%). Al momento della rilevazione il 48,2% era senza lavoro. Di questi pazienti 89 (15,5%) erano schizofrenici, 263 (45,8%) depressi ricorrenti, 148 (25,8%) appartenevano allo spettro bipolare allargato secondo Akiskal e 74 (12,9%) erano affetti da un disturbo d ansia. L appartenenza a questi gruppi diagnostici non dipendeva dal sesso (chi quadro 6,54; df 3; p=,08), né dall età considerando due gruppi di età, più giovani e meno giovani sulla base dell età mediana di 29 anni (chi quadro 0,75; df 3; p=,86). 339 (31,1%) eroinomani, 266 (78,5%) maschi e 73 (21,5%) femmine di età media 30±6 anni (min 16, max 51), non presentavano concomitante comorbilità psichiatrica (NDD-GR) né di asse 1 (doppia diagnosi), né di asse 2. Per 177 pazienti (16,2%) i dati non erano sufficienti per addivenire ad una diagnosi certa. Questi soggetti sono stati esclusi dalle analisi successive. 3.2 Primarietà/secondarietà della tossicodipendenza rispetto alla malattia mentale Dei 574 pazienti con doppia diagnosi 362 (63,1%) potevano essere diagnosticati come primariamente tossicodipendenti (SUD-PR). Di questi 265 (73,2%) erano maschi e 97 (26,8%) femmine. L età media era di 30±6 anni (min 18, max 45). 144 (25,1%) pazienti potevano essere diagnosticati come primariamente malati mentali (PSY-PR). Di questi. 111 (77,1%) erano maschi e 33 (22,9%) femmine. L età media era di 29±6 anni (min 17, max 45). MTD - It J Addict Giugno-Settembre

4 Tabella 1 Gravità della malattia. Confronto sui fattori della DAH-RS in eroinomani con doppia diagnosi in relazione alla primarietà della tossicodipendenza o della malattia mentale (1) PSY-PR N=144 (2) SUD-PR N=362 (3) NDD-GR N=339 F/chi p Contrast N comorbidità somatiche 1,27±1,3 1,98±1,5 1,27±1-3 25,08 0, ; 2 3 Stato mentale: aree sintomatiche 4,52±2,4 4,10±2,2 0,72±1,3 322,76 0, ,1 Problemi lavorativi 84 (58,3) 249 (68,8) 239 (70,5) 7,18 0, ,3 Problemi familiari 73 (50,7) 208 (57,2) 209 (61,7) 5,05 0,0799 Problemi sentimentali/sessuali 45 (31,3) 148 (40,9) 195 (57,5) 34,55 0,0000 1,2 3 Problemi di tempo libero 83 (57,6) 197 (54,4) 231 (68,1) 14,37 0,0007 2,1 3 Problemi legali 46 (31,9) 170 (47,0) 118 (34,8) 14,99 0,0005 3,1 2 N sostanze abusate 3,50±1,5 3,54±1,5 2,23±1,7 66,02 0, ,2 Presenza di poliabuso 66 (45,8) 187 (51,7) 77 (22,7) 64,96 0, ,2 N dei trattamenti falliti 1,59±1,4 2,09±1,4 1,18±1,3 36,87 0,0000 1,2 3: 1 2 N dei trattamenti associati 1,47±0,8 1,39±0,6 1,17±0,4 15,24 0, ,1 Fra parentesi sono riportate le percentuali Per 68 pazienti (11,8%) l intervallo temporale fra i due disturbi non poteva essere determinato. Questi pazienti sono stati esclusi dalle analisi successive. In definitiva, nei pazienti con doppia diagnosi nei quali è stato possibile risalire ad una progressione temporale certa, il 71,5% (362/506) poteva essere diagnosticato primariamente tossicodipendente mentre il restante 28,5% (144/506) primariamente malato mentale. Approssimativamente due terzi dei nostri eroinomani con doppia diagnosi sviluppavano una malattia mentale dopo la tossicodipendenza, mentre un terzo sviluppava una dipendenza dopo l inizio della malattia mentale. La primarietà della tossicodipendenza o della malattia mentale non era correlata al sesso (chi quadro,81; df 1; p=,36). 84 (58,3%) eroinomani con primarietà psichiatrica tendevano ad avere un età inferiore alla mediana del campione (29 aa) ed erano quindi relativamente più giovani all ingresso in trattamento (chi quadro 3,67; df 1; p=,05). 3.3 Caratteristiche differenziali di eroinomani con doppia diagnosi in relazione alla primarietà della tossicodipendenza (SUD-PR) o della malattia mentale (PSY-PR) (cronologia della doppia diagnosi) Per quanto riguarda le caratteristiche socio-demografiche, eroinomani con e senza doppia diagnosi risultavano omogenei per età, genere, stato civile, attività lavorativa e situazione abitativa. Si trattava, per lo più, di maschi con un età intorno ai trent anni, celibi, con leggera prevalenza di soggetti con una attività lavorativa e che vivevano a grande maggioranza in famiglia. Un numero maggiore di soggetti senza doppia diagnosi (N=265, 78,4%) mostrava una bassa istruzione rispetto ai soggetti con doppia diagnosi, sia a primarietà psichiatrica (N=78, 54,2%) che a primarietà dell abuso di sostanze (N=252, 69,6%) (chi quadro 28,75; p<0,001; contrast 1,2 3). Nonostante l attività lavorativa fosse conservata da una risicata maggioranza di eroinomani, si osservavano condizioni economiche più compromesse tra gli eroinomani con doppia diagnosi e primarietà della tossicodipendenza (N=83, 23,4%), rispetto ai soggetti a primarietà della malattia mentale (N=26, 18,1%) e a quelli senza doppia diagnosi (N=51, 15,3%) (chi quadro 7,44; p=0,02; contrast 1,2 3). Riguardo alla gravità della tossicodipendenza i tre gruppi non mostravano differenze significative solo per le problematiche familiari, presenti dal 50 al 61% del campione. Gli eroinomani in doppia diagnosi erano più gravi rispetto allo stato mentale all ingresso in trattamento, al poliabuso di sostanze e al numero dei trattamenti associati. Al contrario, erano meno gravi rispetto alle problematiche sentimentali/sessuali ed ai problemi del tempo libero. Il tutto senza una relazione con la cronologia della doppia diagnosi. Gli eroinomani del gruppo SUD-PR si caratterizzavano per un maggior numero di complicanze somatiche, più problemi lavorativi e più problemi legali nei confronti del gruppo PSY-PR, restando, tuttavia, indistinguibili dagli eroinomani senza doppia diagnosi. I SUD-PR mostravano anche un maggior numero di fallimenti terapeutici, nei confronti dei soggetti PSY-PR e degli eroinomani senza doppia diagnosi. La gravità della tossicodipendenza appariva complessivamente minore negli eroinomani PSY-PR e maggiore in quelli SUD-PR. Gli eroinomani senza doppia diagnosi si posizionavano in maniera intermedia (Tabella 1). L uso concomitante di altre sostanze era maggiore negli eroinomani con doppia diagnosi e non in relazione alla 64 MTD - It J Addict Giugno-Settembre 2009

5 primarietà della malattia mentale o della tossicodipendenza (Tabella 2). Riguardo alle caratteristiche cliniche e di decorso gli eroinomani con e senza doppia diagnosi mostravano la stessa età del primo uso di eroina e la stessa età dell uso continuativo. Gli eroinomani con doppia diagnosi, indipendentemente dalla primarietà della malattia mentale o della tossicodipendenza, usavano eroina con minore frequenza, ma in maniera meno da stabili (ossia soggetti ancora socialmente integrati) e riuscendo a sospendere momentaneamente l uso di eroina da soli meno frequentemente. All ingresso in trattamento erano in una fase meno tardiva del ciclo tossicomanico ossia tendevano a scompensarsi prima. Anche il tempo che intercorre fra l inizio della dipendenza ed il primo trattamento (latenza di trattamento) era minore. Gli eroinomani PSY-PR come gli eroinomani senza doppia diagnosi, tendevano ad essere al primo contatto terapeutico, la loro età era maggiore e la durata della loro dipendenza minore di quella degli eroinomani SUD-PR. Questi ultimi, a loro volta, avevano una durata della dipendenza minore dei soggetti senza doppia diagnosi (Tabella 3). Nei soggetti in doppia diagnosi, la diagnosi associata di schizofrenia era presente nel 22,9% (N=33) dei pazienti a primarietà psichiatrica e nel 12,4% (N=45) di quelli a primarietà dell abuso di sostanze. La diagnosi di depressione era posta nel 41,7% (N=60) dei pazienti con primarietà psichiatrica e nel 48,1% (N=174) di quelli a primarietà dell abuso di sostanze. Lo spettro bipolare si ritrovava nel 20,8% (N=30) dei soggetti a primarietà psichiatrica e nel 28,5% (N=103) di quelli a primarietà dell abuso di sostanze. Gli ansiosi erano il 14,6% (N=21) dei soggetti a primarietà psichiatrica e l 11,0% (N=40) di quelli a primarietà dell abuso di sostanze. Queste differenze erano statisticamente significative (chi quadro 11,60; p<0,01; contrast 1,4 2,3). I migliori predittori della primarietà della tossicodipendenza negli eroinomani con doppia diagnosi erano la diagnosi di depressione ricorrente e di spettro bipolare in soggetti con complicanze somatiche e con una storia di fallimenti terapeutici. La diagnosi di schizofrenia e di disturbo d ansia erano invece predittori di primarietà psichiatrica (Tabella 4). 4. Discussione Questo studio permette alcuni spunti di riflessione a livello epidemiologico, diagnostico, di primarietà o secondarietà della malattia mentale o della tossicodipendenza nella doppia diagnosi, di tipizzazione della doppia diagnosi e, infine, a livello terapeutico. Sul piano epidemiologico, nel nostro studio i pazienti affetti da doppia diagnosi risultano essere leggermente superiori al 50%. Questo dato conferma per gli eroinomani quanto osservato, per tutte le sostanze d abuso, dai due principali studi effettuati a questo riguardo: lo studio ECA (Regier et al., 1990) e lo studio NCS (Kessler et al., 1994; Kessler et al., 1996). Secondo lo studio ECA nella popolazione dei tossicodipendenti i disturbi mentali associati sono più del 50% quando fra le sostanze si escluda l alcol, mentre risultano intorno al 37% negli alcolisti. Dati simili si hanno, sempre per tutte le sostanze d abuso, nello studio NCS. Sul piano diagnostico e sulla base dei cluster diagnostici utilizzati, le percentuali rilevate si discostano da quelle della letteratura. Gli eroinomani schizofrenici (15,5%) sono circa il doppio di quanto rilevato da Regier e collaboratori (Regier et al., 1990). I disturbi dell umore sono ben oltre il 26% descritto dallo studio ECA raggiungendo il 71,6% fra depressione ricorrente e spettro bipolare allargato secondo Akiskal. I disturbi d ansia sono rilevabili in una percentuale di circa la metà rispetto allo studio Tabella 2 Uso concomitante di altre sostanze di abuso in eroinomani con doppia diagnosi in relazione alla primarietà della tossicodipendenza o della malattia mentale Uso concomitante di (1) PSY-PR N=144 (2) SUD-PR N=362 (3) NDD-GR N=339 chi p Contrast Alcol 64 (45,1) 160 (44,4) 80 (23,7) 38,07 0, ,1 3 Ipnoinducenti 38 (26,6) 127 (35,2) 44 (13,0) 46,22 0, ,1 3 Amfetamine 59 (41,3) 153 (42,4) 69 (20,4) 42,72 0, ,1 3 Cocaina 95 (66,0) 245 (67,9) 132 (39,1) 65,83 0, ,2 3 LSD 39 (27,7) 122 (33,8) 56 (16,6) 27,33 0, ,1 3 MDMA 31 (22,0) 73 (20,3) 30 (8,9) 21,55 0, ,1 3 Cannabinoidi 112 (77,8) 266 (73,7) 151 (44,7) 79,62 0, ,1 3 Inalanti 10 (7,0) 18 (5,0) 7 (2,1) 7,27 0, ,2 3 Fra parentesi sono riportate le percentuali MTD - It J Addict Giugno-Settembre

6 Tabella 3 Caratteristiche cliniche e di decorso in eroinomani con doppia diagnosi in relazione alla primarietà della tossicodipendenza o della malattia mentale (1) PSY-PR N=144 (2) SUD-PR N=362 (3) NDD-GR N=339 F/chi p Contrast Uso giornaliero di eroina 98 (72,1) 254 (73,0) 278 (84,5) 15,60 0, ,2 Modalità d uso stabile 71 (50,4) 151 (42,3) 241 (71,9) 63,39 0,0000 2,1 3 Periodiche autodisintossicazioni 93 (71,5) 249 (73,2) 279 (84,3) 14,96 0,0005 2,1 3 Fase terminale (di scompenso) 72 (52,9) 271 (77,7) 292 (89,3) 74,58 0,0000 1,2 3 Primo accesso 53 (36,8) 73 (20,2) 125 (37,1) 28,01 0, ,3 Età del primo uso 19±5 18±4 19±4 0,17 0,8300 Età dell uso continuativo 22±6 21±5 21±4 2,64 0,0700 Durata della dipendenza (mesi) 76±64 99±84 125±91 16,22 0, ; 2 3 Età del primo trattamento 26±6 25±5 26± , Latenza di trattamento (aa) 4±4 4±4 6± , ; 2 3 Fra parentesi sono riportate le percentuali ECA. Certamente il reclutamento del campione in un setting psichiatrico (noto per la sua attenzione alla tossicodipendenza da eroina) ha condizionato queste differenze rispetto agli studi soprariportati. I disturbi dell umore sono, dunque, nel nostro campione di eroinomani con doppia diagnosi il cluster maggiormente rappresentato. Il valore da noi rilevato si situa in posizione intermedia riguardo alla prevalenza lifetime dei soggetti valutati durante un trattamento metadonico che è compresa fra il 70-90% (Hendriks, 1971; Khantzian and Treece, 1979; Jainchill et al., 1986). Tuttavia, nei pazienti all ingresso in trattamento queste percentuali oscillano tra il 34-54% (Brienza et al., 2000) e sono, dunque, ben inferiori a quella del presente studio. Il rapporto disturbo bipolare-depressione ricorrente è, inoltre, nel nostro caso 0,56: superiore a quanto evidenziato in altri studi (Rounsaville et al., 1982b; Mirin et al., 1988; Mirin and Weiss, 1991). La presenza di schizofrenia è stimata negli eroinomani intorno all 11-19% (Rounsaville et al., 1980), in linea con i nostri dati. I disturbi d ansia sono rari negli eroinomani al di fuori della sindrome d astinenza (Haddox and Jacobson, 1972; Korin, 1974) e comunque diagnosticabili in circa il 10% (Rounsaville et al., 1982b), più o meno come nei nostri dati. Nel nostro campione, quindi, la doppia diagnosi è rilevabile nel 50% dei casi, in accordo con i dati della letteratura; tuttavia, la suddivisione diagnostica se ne discosta per l alta percentuale di disturbi dell umore con un rapporto disturbo bipolare/non bipolare a vantaggio di quest ultimo, ma con un odd ratio testimoniante una maggiore proporzione di disturbo bipolare. Dati non in contrasto con la letteratura si rilevano per la diagnosi di schizofrenia e per il cluster diagnostico dei disturbi d ansia. Sul piano della primarietà del disturbo mentale o della tossicodipendenza, approssimativamente due terzi dei nostri eroinomani con doppia diagnosi sviluppano una malattia mentale dopo la tossicodipendenza, mentre un terzo, caratterizzato anche da una minore età anagrafica, sviluppa una dipendenza dopo l inizio della malattia mentale. Questi dati sono in forte controtendenza con la revisione della letteratura operata da Kessler, per il quale, nella stragrande maggioranza dei soggetti in doppia diagnosi, il disturbo psichiatrico precederebbe la tossicodipendenza (Wittchen et al., 1996; Merikangas and Stevens, 1998; Swendsen and Merikangas, 2000; Sareen et al., 2001; Kessler et al., 2003; Kessler, 2004). Secondo Kessler (Kessler, 2004), dunque, i soggetti in doppia diagnosi tenderebbero ad essere primariamente malati mentali che svilupperebbero poi tossicodipendenza per molte sostanze compreso l alcol e la nicotina. I pazienti di questo studio sono, invece, tutti dipendenti da eroina all ingresso in trattamento. Tuttavia, occorre considerare che i nostri eroinomani utilizzano molte altre sostanze d abuso. Nel nostro campione vi è un forte uso di cannabinoidi (7 pz su 10), di cocaina (6 pz su 10), ma anche di alcol (4 pz su 10). Quindi possiamo affermare che la secondarietà del disturbo mentale non è certamente da imputare all eroina in quanto tale. Sempre secondo Kessler, la progressione da disturbo mentale a tossicodipendenza sarebbe più frequente nelle donne e per i disturbi d ansia. Un trend opposto viene segnalato per i disturbi dell umore che correlerebbero con il sesso maschile e in maniera meno forte con la primarietà psichiatrica (Hahesy et al., 2002). In questo studio, invece, non si rileva, nella doppia diagnosi, una correlazione fra genere e primarietà psichiatrica o della tossicodipendenza. Tuttavia, le diagnosi sembrano mostrare lo stesso trend di correlazione relativa (i disturbi d ansia appaiono 66 MTD - It J Addict Giugno-Settembre 2009

7 essere meno frequentemente secondari alla tossicodipendenza, al contrario dei disturbi dell umore). In particolare, nei nostri dati, i pazienti schizofrenici ed ansiosi tendono ad avere primariamente una malattia mentale mentre i disturbi dell umore una tossicodipendenza. La diagnosi di disturbi dell umore è, in questo studio, fra i predittori migliori di primarietà della tossicodipendenza nei pazienti in doppia diagnosi, insieme a ripetuti fallimenti terapeutici e complicanze sul piano fisico che testimoniano una maggiore cronicità dei tossicomani che sviluppano una doppia diagnosi (Hagnell and Grasbeck; 1990; Murphy, 1990). I rapporti fra malattie mentali e tossicodipendenza sono complessi. Nel campo delle psicosi, esiste certamente una correlazione tra uso di psicostimolanti e sintomi psicotici (Brady et al., 1991; Satel and Edell, 1991; Caton et al., 2005; Schuckit and Saunders, 2006) anche in assenza di una vulnerabilità psichiatrica dei soggetti (Bartlett et al., 1997). Tale correlazione è anche inducibile sperimentalmente (Angrist and Gershon, 1970; Griffith, 1970; Bell, 1973; Janowsky and Risch, 1979; Angrist, 1995; Kalayasiri et al., 2006). Tuttavia, i sintomi indotti dalle sostanze d abuso sono spesso fugaci e solo raramente persistono a lungo condizionando psicosi a lungo termine anche con fasi maniacali (Lucas and Weiss, 1971; Reichart and Nolen, 2004; Gelperin and Phelan, 2006; Mosholder, 2006; Phelan, 2006a; Phelan, 2006b; Ross, 2006). Lo stesso dicasi per l uso di cannabinoidi, in cui depersonalizzazione e derealizzazione sono sintomi frequenti (Thomas, 1996), spesso associati con allucinazioni e deliri (Solomons et al., 1990; Chaudry et al., 1991; Wylie et al., 1995; Hall et al., 2004). I cannabinoidi sono stati accusati anche di indurre schizofrenia, tuttavia le ricerche al riguardo non hanno fornito indicazioni conclusive (Andreasen et al., 1987; Arseneault et al., 2002; Van Os et al., 2002; Zammit et al., 2002; Degenhardt et al., 2003). In questo studio la schizofrenia sarebbe più una diagnosi prevalente nei soggetti in doppia diagnosi a primarietà della malattia mentale e meno il risultato dell uso delle sostanze. I risultati sarebbero congrui con la teoria dell automedicazione di Khantzian (Khantzian, 1977). Khantzian (Khantzian, 1985) ha formulato un ipotesi autoterapica (self-medication hypothesis) del disturbo da uso di sostanze, con particolare riferimento all eroina e alla cocaina. Egli propone che gli specifici effetti psicotropi di queste sostanze interagiscano con disturbi psichici e stati di sofferenza emotiva in modo da renderle compulsivamente necessarie per individui suscettibili. Gli individui selezionano autonomamente le diverse sostanze sulla base dell organizzazione di personalità e degli squilibri della sua struttura. Questa ipotesi è suffragata dall osservazione che in eroinomani depressi trattati con antidepressivi (doxepina) vi sia una significativa riduzione del craving (Woody et al., 1985) e da una serie di evidenze cliniche su individui dipendenti da psicostimolanti, ipnotico-sedativi e oppiacei che mostravano quadri fobici e depressivi. Rounsaville e collaboratori sono stati i primi a concludere che i loro risultati erano concordanti con le teorie cliniche di Khantzian (Khantzian, 1985) e Wurmser (Wurmser, 1982), cioè che i tossicodipendenti depressi usavano gli oppiacei nel tentativo di realizzare un autoterapia contro uno stato di malessere psichico intollerabile (Rounsaville et al., 1982a). Quindi, secondo Khantzian, piuttosto che essere alla ricerca di evasione, euforia o autodistruzione, i tossicodipendenti sarebbero alla ricerca di una terapia per una serie di problemi psichici e stati emotivi che sono fonte di disagio. Nonostante questo tentativo sia alla fine destinato a naufragare, dati il rischio e le complicanze a lungo termine, queste sostanze li aiuterebbero a gestire stati emotivi stressanti e una realtà altrimenti vissuta come non gestibile e soverchiante. In effetti, soggetti schizofrenici potrebbero trovare nell eroina una sostanza in grado, inizialmente, di lenire i sintomi psicotici e l ansia di frammentazione (Khantzian, 1990; Weiss and Mirin, 1985; Rauch, 2000; Clouet, 1982). L utilizzo continuativo di eroina porterebbe poi all instaurarsi di una dipendenza (doppia diagnosi). Questa ipotesi è corroborata dall osservazione dello scarso numero di pazienti psicotici durante il mantenimento metadonico che può essere interpretato come un effetto di mascheramento della primarietà della psicosi nella doppia Tabella 4 Predittori di primarietà della tossicodipendenza in eroinomani con doppia diagnosi Predittori OR Min Max p Complicanze fisiche (numero) 1,36 1,20 1,52 0,0004 Già trattato (si) 1,32 1,08 1,56 0,0280 Diagnosi di schizofrenia 0,52 0,09 0,95 0,0035 Diagnosi di depressione ricorrente 1,56 1,25 1,87 0,0074 Diagnosi di spettro bipolare 1,52 1,13 1,91 0,0385 Statistiche: chi quadro 39, 64; df 5; p<001 MTD - It J Addict Giugno-Settembre

8 diagnosi (Wurmser, 1974; Berger et al., 1980; Mueser et al., 1990; Mckenna, 1973; Khantzian, 1980). Lo stesso concetto può essere utilizzato per i disturbi d ansia che, nel nostro studio, appaiono primariamente legati alla malattia mentale negli eroinomani in doppia diagnosi (Verebey, 1982). La specificità dell uso di sostanze in funzione anti-ansia è stata più volte osservata (Ogborne et al., 2000; Gandhi et al., 2003; Tournier et al., 2003), tuttavia il problema è ancora irrisolto (Aharonovich et al., 2001). Nel predire la primarietà psichiatrica nella doppia diagnosi fra i disturbi d ansia e la schizofrenia questo studio affida un fattore predittivo maggiore alla schizofrenia con un odd ratio di 0,52 rispetto al disturbo d ansia. La relazione fra disturbi dell umore e tossicodipendenza è complessa. Certamente una disregolazione affettiva può essere un fattore predisponente alla tossicodipendenza e portare all addiction (Akiskal et al., 1995; Perugi et al., 2002; Camacho and Akiskal, 2005; Maremmani et al., 2006). Tuttavia, non stupisce che alterazioni dell umore possano essere secondarie ad alcune presentazioni cliniche della tossicodipendenza (intossicazione o astinenza) (Birnbaum et al., 1983; Brown and Schuckit, 1988; Mueller et al., 1994; Schuckit et al., 1997a; Schuckit et al., 1997b; Brook et al., 2002; Hesselbrock et al., 2003; Gilder et al., 2004; Conner et al., 2005). I pazienti bipolari abusano maggiormente di sostanze quali alcol, stimolanti e cannabinoidi (Estroff et al., 1985; Regier et al., 1990; Maremmani et al., 2000) che contribuiscono a peggiorare la gravità della malattia (Strakowski et al., 1996; Strakowski et al., 1998; Strakowski et al., 2000a; Strakowski et al., 2000b). Tuttavia, la frequente associazione di eccitamento indotto da sostanze e presenza di una specifica disposizione al disturbo bipolare rendono difficile distinguere fra ipomania spontanea e indotta (Perugi and Akiskal, 2002) e pongono dubbi sulla reale esistenza della categoria del DSM disturbi dell umore indotti da sostanze (Akiskal and Pinto, 1999; Akiskal et al., 2003). In questo studio i disturbi dell umore sono più frequenti negli eroinomani in doppia diagnosi, nei quali la tossicodipendenza è stata diagnosticata come primitiva. La teoria dell automedicazione non si applicherebbe, dunque, ai disturbi dell umore, specialmente a quelli dello spettro bipolare. In questi casi l instaurarsi della tossicodipendenza soprattutto in persone con particolari precursori psichici (ciclotimia, discontrollo degli impulsi, ansia) potrebbe (anche a causa del fenomeno del poliabuso) comportare una destabilizzazione delle condizioni psichiche del soggetto risultanti in un decorso caratterizzato dalla copresenza di un disturbo dell umore (Maremmani et al., 2006; Pani et al., 2009). Sul piano della differenziazione fra eroinomani con doppia diagnosi a primarietà della malattia mentale o della tossicodipendenza non esistono in letteratura studi specifici con i quali operare un confronto. I nostri dati evidenziano come i tossicomani con progressione dalla tossicodipendenza alla malattia mentale siano più svantaggiati sul piano economico, lavorativo e legale, più gravi sul piano somatico e con un maggior numero di trattamenti falliti. La durata della dipendenza è maggiore, ma l età del primo trattamento minore. La progressione dalla tossicodipendenza alla malattia mentale condiziona dunque un quadro più grave ed un più precoce ingresso in trattamento. La primarietà della malattia mentale o della tossicodipendenza non sembra invece influenzare in modo diverso il poliabuso maggiormente presente nei soggetti con doppia diagnosi. Infine, questo studio offre alcuni spunti sul piano terapeutico. Le conclusioni di Kessler (Kessler, 2004) sulla primarietà della malattia mentale rispetto alla tossicodipendenza, ovviamente, rimarcano l importanza del trattamento della malattia mentale primitiva che inizia in età molto giovanile (con le difficoltà legate al suo riconoscimento) e degli interventi idonei a prevenire l uso di sostanze in questi pazienti che andrebbero considerati essenzialmente dei malati mentali (Kessler, 2004). I dati del presente studio, invece, rimarcando la secondarietà della malattia mentale, fanno propendere per un intervento terapeutico primariamente centrato sulla tossicodipendenza e poi sulla componente psichiatrica come proposto da Maremmani e collaboratori (Maremmani et al., 2006). 5. Conclusioni In questo campione, in cui la presenza di doppia diagnosi risulta in linea con la letteratura, la maggioranza dei soggetti (i due terzi) mostra una progressione dalla tossicodipendenza alla malattia mentale. Tale progressione condizionerebbe una peggiore evoluzione della malattia che si rifletterebbe sul piano economico, somatico, lavorativo, legale ed un maggior numero di fallimenti terapeutici. Il quadro clinico sarebbe più grave e porterebbe ad un più precoce ingresso in trattamento. La cronologia della doppia diagnosi appare correlata anche alla diagnosi psichiatrica associata. Gli eroinomani con doppia diagnosi e primarietà della malattia mentale sarebbero più frequentemente schizofrenici e appartenenti al cluster ansioso; quelli con primarietà della tossicodipendenza apparterebbero più frequentemente al cluster dei disturbi dell umore. Non sarebbe dunque confermata la predominanza in letteratura della progressione dalla malattia mentale alla tossicodipendenza e la teoria dell automedicazione sarebbe confermata solo per i pazienti schizofrenici e del cluster ansioso. Sul piano terapeutico la prevalenza della secondarietà della malattia mentale rispetto alla tossicodipendenza suggerirebbe un inversione di rotta nel trattamento dei soggetti con doppia diagnosi privilegiando, in prima istanza, il trattamento della dipendenza da eroina. 68 MTD - It J Addict Giugno-Settembre 2009

9 Bibliografia APA (American Psychiatric Association). DSM-IV. Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders. Washington: American Psichiatric Association, Aharonovich E, Nguyen HT, Nunes EV. Anger and depressive states among treatment-seeking drug abusers: testing the psychopharmacological specificity hypothesis. Am J Addict. 10: , Akiskal HS, Mallya G. Criteria for the soft bipolar spectrum: Treatment implications. Psychopharmacol Bull. 23: 68-73, Akiskal HS, Maser JD, Zeller PJ, Endicott J, Coryell W, Keller M, Warshaw M, Clayton P, Goodwin F. Switching from unipolar to bipolar II. An 11-year prospective study of clinical and temperamental predictors in 559 patients. Arch Gen Psychiatry. 52: , Akiskal HS, Pinto O. The evolving bipolar spectrum. Prototypes I,II,III, and IV. Psychiatr Clin North Am. 22: , Akiskal HS, Hantouche EG, Allilaire J-F, Sechter D, Bourgeois M, Azorin JM, Chatenêt-Duchêne L, Lancrenon S. Validating antidepressant-associated hypomania (bipolar III): a systematic comparison with spontaneous hypomania (bipolar II). J Affect Disord. 73: 65-74, Andreasen S, Allebeck P, Engstrom A, Rydberg U. Cannabis and schizophrenia. A longitudinal study of Swedish conscripts. Lancet. 2: , Angrist B. Amphetamine psychosis: clinical variations of the syndrome. In Amphetamine and its Analogs. A cura di: Cho AK, Segal DS. New York: Academic Press, Angrist BM, Gershon S. The phenomenology of experimentally induced amphetamine psychosis. Preliminary observations. Biol Psychiatry. 2: , Arseneault L, Cannon M, Poulton R, Murray R, Caspi A, Moffit TE. Cannabis use in adolescence and risk for adult psychosis: longitudinal study. Br Med J. 325: , Bartlett E, Hallin A, Chapman B, Angrist B. Selective sensitization to the psychosis-inducing effects of cocaine: A possible marker for addiction relapse vulnerability? Neuropsychopharmacology. 16: 77-82, Bell DS. The experimental reproduction of amphetamine psychosis. Arch Gen Psychiatry. 29: 35-40, Berger PA, Watson SJ, Akil H, Elliot GR, Rubin RT, Pfefferbaum A. Betaendorphin and schizophrenia. Arch Gen Psychiatry. 37: , Birnbaum I, Taylor T, Parker E. Alcohol and sober mood state in female social drinkers. Alcohol Clin Exp Res. 7: , Brady K, Casto S, Lydiand RB, Malcolm R, Arana G. Substance abuse in an inpatient psychiatric sample. Am J Drug Alcohol Abuse. 17: , Brienza RS, Stein MD, Chen M, Gogineni A, Sobota M, Maksad J, Hu P, Clarke J. Depression among needle exchange program and methadone maintenance clients. J Subst Abuse Treat. 18: , Brook DW, Brook JS, Zhang C, Cohen P, Whiteman M. Drug use and the risk of major depressive disorder, alcohol dependence, and substance use disorders. Arch Gen Psychiatry. 59: , Brown SA, Schuckit MA. Changes in depression among abstinent alcoholics. J Stud Alcohol. 49: , Camacho A, Akiskal HS. Proposal for a bipolar-stimulant spectrum: temperament, diagnostic validation and therapeutic outcomes with mood stabilizers. J Affect Disord. 85, Cassano GB, Akiskal HS, Musetti L, Perugi G, Soriani A, Mignani V. Psychopathology, temperament and paste course in Primary Mayor Depression. Toward a redifinition of Bipolarity with a new semistructured interview for depression. Psychopathology. II 22: , Caton CL, Drake RE, Hasin DS, Dominguez B, Shrout PE, Samet S, Schanzer B. Differences between early phase primary psychotic disorders with concurrent substance. Arch Gen Psychiatry. 62: , Chaudry HR, Moss HB, Bashir A, Suliman T. Cannabis psychosis following bhang ingestion. Br J Addict. 86: , Clouet DH. A Biochemical and Neurophisilogical Comparison of Opioids and Antipsychotics. In Opioids in mental illness: theories, clinical observations and treatment possibilities. Ann. N.Y. Acad. Vol. 398 A cura di: Verebey K. New York, N.Y.: The New York Academy of Sciences, Conner KR, Sörensen S, Leonard KE. Initial depression and subsequent drinking during alcoholism treatment. J Stud Alcohol. 66: , Degenhardt L, Hall W, Lynskey M. Testing hypotheses about the relationship between cannabis use and psychosis. Drug Alcohol Depend. 71: 37-48, Estroff TW, Dackis CA, Gold MS, Pottash ALC. Drug abuse and bipolar disorders. Int J Psychiatry Med. 15: 37-40, Gandhi DH, Bogrov MU, Osher FC, Myers CP. A comparison of the patterns of drug use among patients with and without severe mental illness. Am J Addict. 12: , MTD - It J Addict Giugno-Settembre

10 Gelperin K, Phelan K. Psychiatric adverse events associated with drug treatment of ADHD: review of postmarketing safety data. FDA Report PID D US Food and Drug Administration. Available at briefing/ b_11_01_ AdverseEvents.pdf, Gilder DA, Wall TL, Ehlers CL. Comorbidity of select anxiety and affective disorders with alcohol dependence in Southwest California Indians. Alcohol Clin Exp Res. 28: , Grant BF, Harford TC. Comorbidity between DSM-IV alcohol use disorders and major depression: results of a national survey. Drug Alcohol Depend. 39: , Grant BF, Stinson FS, Dawson DA, Chou SP, Dufour MC, Compton W, Pickering RP, Kaplan K. Prevalence and co-occurrence of substance use disorders and independent mood and anxiety disorders: results from the National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions. Arch Gen Psychiatry. 61: , Griffith JD. Experimental psychosis induced by the administration of d-amphetamine. In Amphetamine and Related Compounds. A cura di: Costa E, Garattini S. New York: Raven Press, , Haddox V, Jacobson M. Psychological adjustment, mood and personality fluctuations in long term methadone maintenance patients. Int J Addict. 7: , Hagnell O, Grasbeck A. Comorbidity of anxiety and depression in the Lundby 25-year prospective study: The pattern of subsequent episodes. In Comorbidity of Mood and Anxiety Disorders. A cura di: Maser JD, Cloninger CR. Washington, DC: American Psychiatric Press, , Hahesy AL, Wilens TE, Biederman J, Van Patten SL, Spencer T. Temporal association between childhood psychopathology and substance use disorders: findings from a sample of adults with opioid or alcohol dependency. Psychiatry Res. 109: , Hall W, Degenhardt L, Teesson M. Cannabis use and psychotic disorders: an update. Drug Alcohol Rev. 23: , Hendriks WJ. Use of multifamily counseling groups in treatment of male narcotics addicts. Int J Group Psychother. 21: 34-90, Hesselbrock MN, Hesselbrock VM, Segal B, Schuckit MA, Bucholz K. Ethnicity and psychiatric comorbidity among alcohol-dependent persons who receive inpatient. Alcohol Clin Exp Res. 27: , Jainchill N, De Leon G, Pinkham L. Psychiatric diagnosis among substance abusers in therapeutic community treatment. J Psychoactive Drugs. 18/3: , Janowsky DS, Risch C. Amphetamine psychosis and psychotic symptoms. Psychopharmacology. 65: 73-77, Kalayasiri R, Sughondhabirom A, Gueorguieva R, Coric V, Lynch WJ, Morgan PT, Cubells JF, Malison RT. Self-reported paranoia during laboratory binge cocaine self administration in humans. Pharmacol Biochem Behav. 83: , Kessler RC, McGonagle KA, Zhao S, Nelson CB, Hughes M, Eshleman S, Wittchen H-U, Kendler KS. Lifetime and 12-month prevalence of DSM-IIIR psychiatric disorders in the United States:results from the National Comorbidity Survey. Arch Gen Psychiatry. 51: 8-19, Kessler RC, Nelson CB, McGonagle KA, Edlund MJ, Frank RG, Leaf PJ. The epidemiology of co-occurring addictive and mental disorders: implications for prevention and service utilization. Am J Orthopsychiatry. 66: 17-31, Kessler RC, Aguilar-Gaxiola S, Bijl R, Borges G, Caraveo- Anduaga JJ. Cross-national comparison of comorbidities between substance use disorders and mental disorders. Results fron the international consortium in psychiatric epidemiology.. In Handbook for Drug Abuse Prevention. Theory, Science and Practice. A cura di: Bukoski WJ, Sloboda Z. New York: Plenum Publisher, , Kessler RC. The epidemiology of dual diagnosis. Biol Psychiatry. 56: , Khantzian EJ. The ego, the self and opiate addiction: Theoretical and treatment considerations. In Psychodinamics of Drug Dependence. A cura di: Blaine JD, Julius EA. Washington,D.C: U.S. Govt. Print. Off.: NIDA Research Monograph No 12 HEW Pub No , Khantzian EJ, Treece CD. Heroin addiction: the diagnostic dilemma for Psychiatry. In Psychiatric Factors in Drug Abuse. A cura di: Pickens RW, Heston LL. New York, NY: Grune and Stratton, 21-45, Khantzian EJ. An ego/self theory of substance dependence: a contemporary psychoanalitic perspective. Nida Research Monograph. 30: , Khantzian EJ. The self-medicatio hypothesis of addictive disorders: focus on heroin and cocaine dependence. Am J Psychiatry. 142: , Khantzian EJ. Self-regulation and self-medication factors in alcoholism and the addictions: Similarities and differences. Recent Dev Alcohol. 8: , Korin H. Comparison of psychometric measures in psychiatric patients using heroin and other drugs. J Abnorm Psychol. 83: , MTD - It J Addict Giugno-Settembre 2009

11 Lucas AR, Weiss M. Methylphenidate hallucinosis. JAMA. 217: , Maremmani I, Castrogiovanni P. DAH-RS: Drug Addiction History Rating Scale. Pisa: University Press, Maremmani I, Zolesi O, Aglietti M, Marini G, Tagliamonte A, Shinderman MS, Maxwell S. Methadone Dose and Retention in Treatment of Heroin Addicts with Axis I Psychiatric Comorbidity. J Addict Dis. 19: 29-41, Maremmani I, Perugi G, Pacini M, Akiskal H. Toward a Unitary Perspective on the Bipolar Spectrum and Substance Abuse: Opiate Addiction as a Paradigm. J Affect Disord. 93: 1-12, McKenna GJ. The use of methadone as a psychotropic agent. Nat Conf Methadone Treat Proc. 5: , Merikangas K, Stevens DE. Substance abuse among women: Familial factors and comorbidity. In Drug Addiction Research and the health of Women. A cura di: Wetherington CL, Roman AB. Bethesda, MD: NIDA, , Merikangas KR, Mehta RL, Molnar BE, Walters EE, Swendsen JD, Aguilar-Gaziola S, Bijl R, Borges G, Caraveo-Anduaga JJ, DeWit DJ, Kolody B, Vega WA, Wittchen HU, Kessler RC. Comorbidity of substance use disorders with mood and anxiety disorders: results of the International Consortium in Psychiatric Epidemiology. Addict Behav. 23: , Mirin SM, Weiss R, Michael J, Griffin M. Psychopathology in substance abusers: Diagnosis and treatment. Am J Drug Alcohol Abuse. 14: , Mirin SM, Weiss RD. Substance abuse and mental illness. In Clinical Textbook of Addictive Disorders. A cura di: Frances RJ, Miller SI. New York: Guilford Press, Mosholder A. Psychiatric adverse events in clinical trials of drugs for ADHD. FDA Report PID D US Food and Drug Administration. Available at ohrms/dockets/ac/06/briefing/ b_10_01_mosholder.pdf, Mueller TI, Lavori PW, Keller MB, Swartz A, Warshaw M, Hasin D. Prognostic effect of the variable course of alcoholism on the 10-year course of depression. Am J Psychiatry. 151: , Mueser KT, Yarnold PR, Levinson DF, Singh H, Bellack AS, Kee K, Morrison RL, Yadalam KG. Prevalence of substance abuse in schizophrenia: Demographic and clinical correlates. Schizophr Bull. 16: 31-56, Murphy JM. Diagnostic comorbidity and symptom co-occurrence: The Stirling County Study. In Comorbidity of Mood and Anxiety Disorders. A cura di: Maser JD, Cloninger CR. Washington, DC: American Psychiatric Press, , Ogborne AC, Smart RG, Weber T, Birchmore-Timney C. Who is using cannabis as a medicine and why: an exploratory study. J Psychoactive Drugs. 32: , Pani PP, Maremmani I, Trogu E, Gessa GL, Ruiz P, Akiskal HS. Delineating the psychic structure of substance abuse and addictions: Should it include anxiety, mood and impulse-control dysregulation? J Affect Disord. Jul 6. [Epub ahead of print], Perugi G, Musetti L, Simonini E, Piagentini F, Cassano GB, Akiskal HS. Gender mediated clinical features of depressive illness. The importance of temperamental differences. Br J Psychiatry. 157: , Perugi G, Akiskal HS, Micheli C, Musetti L, Paiano A, Quilici C, Rossi L, Cassano GB. Clinical subtypes of Bipolar Mixed States: Validating a broader European definition in 143 cases. J Affect Disord. 43: , Perugi G, Akiskal HS. The soft bipolar spectrum redefined: focus on the cyclothymic anxious-sensitive, impulse discontrol, and binge-eating connection in bipolar II and related condition. Psychiatric Clin North Am. 25: , Perugi G, Frare F, Madaro D, Maremmani I, Akiskal HS. Alcohol abuse in social phobic patients: is there a bipolar connection? J Affect Disord. 68: 33-39, Phelan K. Summary of psychiatric and neurological adverse events from June year post pediatric exclusivity reviews of Concerta and other methylphenidate products.. US Food and Drug Administration. Available at ac/06/briefing/ b_09_01_ Methsummary.pdf, 2006a. Phelan KM. One year post-pediatric exclusivity postmarketing adverse event review: Adderall XR. FDA Report PID D US Food and Drug Administration. Available at gov/ohrms/dockets/ac/06/briefing/ b_05_02_AdderallSafety Review.pdf;, 2006b. Rauch L. The poet syndrome: opiates, psychosis and creativity. J Psychoactive Drugs. 32: , Regier DA, Farmer ME, Rae DS, Locke BZ, Keith SJ, Judd LL, Goodwin FK. Comorbidity of mental disorders with alchool and other drug abuse. JAMA. 19 (264): , Reichart CG, Nolen WA. Earlier onset of bipolar disorder in children by antidepressants or stimulants? an hypothesis. J Affect Disord. 78: 81-84, MTD - It J Addict Giugno-Settembre

12 Ross RG. Psychotic and manic-like symptoms during stimulant treatment of attention deficit hyperactivity disorder. Am J Psychiatry. 163: , Rounsaville BJ, Rosenberger PH, Wilber CH, Weissman MM, Kleber HB. A comparison of the SAD/RDC and the DSM-III, Diagnosing drug abusers. J Nerv Ment Dis. 168: 90-97, Rounsaville BJ, Weissman MM, Crits-Christoph K, Wilber CH, Kleber HB. Diagnosis and symptoms of depression in opiate addicts: Course and relationship to treatment outcome. Arch Gen Psychiatry. 39: , 1982a. Rounsaville BJ, Weissman MM, Wilber CH, Kleber HD. The heterogeneity of psychiatry disorders in treated opiate addicts. Arch Gen Psychiatry. 39: , 1982b. Sareen J, Chartier M, Kjernisted KD, Stein MB. Comorbidity of phobic disorders with alcoholism in a Canadian community sample. Can J Psychiatry. 46: , Satel SL, Edell WS. Cocaineinduced paranoia and psychosis proneness. Am J Psychiatry. 148: , Schneider K. Psychopathic Personalities. Springfield, IL: Charles C. Thomas, Schuckit MA, Tipp JE, Bergman M, Reich W, Hesselbrock VM, Smith TL. Comparison of induced and independent major depressive disorders in 2,945 alcoholics. Am J Psychiatry. 154: , 1997a. Schuckit MA, Tipp JE, Bucholz KK, Nurnberger JI, Hesselbrock Crowe RR, Kramer J. The life-time rates of three major mood disorders and four major anxiety disorders in alcoholics and controls. Addiction. 92: , 1997b. Schuckit MA, Saunders JB. The empirical basis of substance use disorders diagnosis: research recommendations for the Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, fifth edition (DSM-V). Addiction. 101: , Solomons K, Neppe VM, Kuyl JM. Toxic cannabis psychosis is a valid entity. S Afr Med J. 78: , Strakowski SM, McElroy SL, Keck PEJ, West SA. The effects of antecedent substance abuse on the development of first-episode psychotic mania. J Psychiatr Res. 30: 59-68, Strakowski SM, Sax KW, McElroy SL, Keck PEJ, Hawkins JM, West SA. Course of psychiatric and substance abuse syndromes co-occurring with bipolar disorder after a first psychiatric hospitalization. J Clin Psychiatry. 59: , Strakowski SM, Del Bello MP, Fleck DE, Arndt S. The impact of substance abuse on the course of bipolar disorder. Biol Psychiatry. 48: , 2000a. Strakowski SM, DelBello MP, Fleck DE, Alder CM, Anthenelli RM, Keck PE, Arnold LM, Amicone J. Effects of co-occurring alcohol abuse on the course of bipolar disorder following a first hospitalization for mania. Arch Gen Psychiatry. 62: , 2000b. Swendsen JD, Merikangas KR. The comorbidity of depression and substance use disorders. Clin Psychol Rev. 20: , Thomas H. A community survey of adverse effects of cannabis use. Drug Alcohol Depend. 42: , Tournier M, Sorbara F, Gindre C, JDS, Verdoux H. Cannabis use and anxiety in daily life: a naturalistic investigation in a non-clinical population. Psychiatry Res. 118: 1-8, Van Os J, Bak M, Hansenn M, Bijl RV, De Graaf R, Verdoux H. Cannabis use and psychosis: A longitudinal population-based study. Am J Epidemiol. 156: 19-27, Verebey KE. Opioids in mental illness: theories, clinical observations and treatment possibilities. Ann NY Acad Sci. 398, Weiss RD, Mirin SM. Substance abuse as an attempt at self-medication. Psychiatr Med. 3: , Wittchen HU, Perkonigg A, Reed V. Comorbidity of mental disorders and substance use disorders. Eur Addict Res. 2: 36-47, Woody GE, McLellan AT, Luborsky L. Sociopathy and psychotherapy outcome. Arch Gen Psychiatry. 42: , Wurmser L. Psychoanalytic considerations of the etiology of compulsive drug use. J Am Psychoanal Assoc. 22: , Wurmser L. The question of specific psychopathology in compulsive drug use. Ann NY Acad Sci. 398: 33-43, Wylie AS, Scott RTA, Burnett SJ. Psychosis due to skunk. BMJ. 311: 125, Zammit S, Allebeck P, Andreasson S, Lundberg I, Lewis G. Self reported cannabis use as risk factor for schizophrenia in Swedish conscript of 1969: historical cohort study. Br Med J. 325: , Angelo G.I. Maremmani Liliana Dell Osso Icro Maremmani Dipartimento di Psichiatria Università di Pisa 72 MTD - It J Addict Giugno-Settembre 2009

DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE

DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE DALLA PSICOPATOLOGIA ALL ABUSO DI SOSTANZE Dist. Ansia Dist. Bipolare Schizofrenia Altri Uso/Abuso Caffeina Tabacco Alcool Droghe illecite SOSTANZE DI SCELTA NEI DISTURBI PSICHICI D.Bipolare + Alcool Cocaina

Dettagli

Depressione resistente e disturbo bipolare nell'anziano Giulia Perini LE FORME DELLA DEPRESSIONE RESISTENTE IN ETA SENILE: UN UPDATE

Depressione resistente e disturbo bipolare nell'anziano Giulia Perini LE FORME DELLA DEPRESSIONE RESISTENTE IN ETA SENILE: UN UPDATE Depressione resistente e disturbo bipolare nell'anziano Giulia Perini LE FORME DELLA DEPRESSIONE RESISTENTE IN ETA SENILE: UN UPDATE Disturbi bipolari nel DSM -V Disturbi Bipolari e Disturbi Correlati

Dettagli

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia)

La vita in gioco ed il gioco della vita. dell adolescente e psicopatologia) La vita in gioco ed il gioco della vita (comportamenti ti estremi dell adolescente e psicopatologia) p M. Vaggi Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze ASL 3 Genovese

Dettagli

Qualità del rapporto interpersonale

Qualità del rapporto interpersonale Qualità del rapporto interpersonale DOP umorale: oppositività, distanziamento per suscettibilità, irritabilità alternata a facilità di contatto, affabilità, talvolta esibizionismo teatralità. DOP comportamentale:

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ

EPIDEMIOLOGIA DEL DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ INDICE IX Perchè questo libro... 1 Michele Sanza, Fabrizio Asioli, Luigi Ferrannini Il peso del disturbo borderline di personalità... 3 Configurazione dei Servizi... 4 Questione delle équipe dedicate...

Dettagli

Fattori predittivi del decorso e dell outcome del Disturbo Bipolare

Fattori predittivi del decorso e dell outcome del Disturbo Bipolare Capitolo 13 Fattori predittivi del decorso e dell outcome del Disturbo Bipolare William H. Coryell, M.D. È di fondamentale importanza per i pazienti con Disturbo Bipolare, i loro familiari e i medici curanti

Dettagli

Barcellona Dual disorders conference L uso di agomelatina nei pazienti tossicodipendenti con disturbi psichiatri Dott, ssa Maria Chiara Pieri

Barcellona Dual disorders conference L uso di agomelatina nei pazienti tossicodipendenti con disturbi psichiatri Dott, ssa Maria Chiara Pieri Barcellona Dual disorders conference L uso di agomelatina nei pazienti tossicodipendenti con disturbi psichiatri Dott, ssa Maria Chiara Pieri Premessa Studi di legame indicano, che l agomelatina non ha

Dettagli

La situazione in carcere e in OPG

La situazione in carcere e in OPG La situazione in carcere e in OPG TERESA DI FIANDRA Ministero della salute Direzione Generale della Prevenzione ROMA, 3 giugno 2015 Programma CCM 2012 il progetto Lo stato di salute dei detenuti degli

Dettagli

INDAGINE SPERIMENTALE SULLA COMORBILITÀ DEL GAMBLING

INDAGINE SPERIMENTALE SULLA COMORBILITÀ DEL GAMBLING BORDONE ANDREA * 1, CALANDRA CARMELA ** INDAGINE SPERIMENTALE SULLA COMORBILITÀ DEL GAMBLING Il Gioco d azzardo patologico (GAP o gambling in inglese) è attualmente un fenomeno in gran parte sommerso e

Dettagli

Presa in carico, accompagnamento e uscita dello studente universitario con malattia psichiatrica.

Presa in carico, accompagnamento e uscita dello studente universitario con malattia psichiatrica. Presa in carico, accompagnamento e uscita dello studente universitario con malattia psichiatrica. SILVIO SCARONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO SOMMARIO PRESA IN

Dettagli

I PERCORSI DI CURA NELLA DEPRESSIONE. Antonio Lora

I PERCORSI DI CURA NELLA DEPRESSIONE. Antonio Lora I PERCORSI DI CURA NELLA DEPRESSIONE Antonio Lora MISURARE LA QUALITA DELLA CURA La nostra conoscenza della qualità della cura è limitata La variazione della qualità della cura tra Regioni e DSM è la regola

Dettagli

Bologna, 18 marzo Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali -Quinta Edizione DSM-5. Franco Del Corno Vittorio Lingiardi

Bologna, 18 marzo Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali -Quinta Edizione DSM-5. Franco Del Corno Vittorio Lingiardi Bologna, 18 marzo 2016 Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali -Quinta Edizione DSM-5 Franco Del Corno Vittorio Lingiardi The «long road» to DSM-5 (1994-2014) DSM-IV (1994) DSM-IV-TR (2000)

Dettagli

Cittadinanza, umanizzazione e dignità nella presa in carico delle persone adulte con disabilità complesse (I sessione)

Cittadinanza, umanizzazione e dignità nella presa in carico delle persone adulte con disabilità complesse (I sessione) Forum sulla Non Autosufficienza Bologna 9-10 novembre 2011 Centro Congressi Savoia Hotel Cittadinanza, umanizzazione e dignità nella presa in carico delle persone adulte con disabilità complesse (I sessione)

Dettagli

2010-oggi - Direttore Unità Operativa Psichiatria Universitaria 2 Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana

2010-oggi - Direttore Unità Operativa Psichiatria Universitaria 2 Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana POSIZIONE ATTUALE: Direttore Unità Operativa Psichiatria Universitaria 2 Azienda Ospedaliero - Universitaria Pisana TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE Titolo di studio 1993 Professore

Dettagli

Evoluzione del Centro Devereux

Evoluzione del Centro Devereux Domenico Berardi Ilaria Tarricone Per fortuna l uso di sostanze non aggrava i fattori di rischio per psicosi nei migranti Evoluzione del Centro Devereu Più di 10 anni fa preso CSM Ovest nasce attenzione

Dettagli

TRA GLI UTENTI DEI SER.T.: POLIDIPENDENZE E COMORBILITA. Alice Berti Agenzia Regionale di Sanità Osservatorio di Epidemiologia

TRA GLI UTENTI DEI SER.T.: POLIDIPENDENZE E COMORBILITA. Alice Berti Agenzia Regionale di Sanità Osservatorio di Epidemiologia IL GIOCO D AZZARDO D PATOLOGICO TRA GLI UTENTI DEI SER.T.: POLIDIPENDENZE E COMORBILITA Alice Berti Agenzia Regionale di Sanità Osservatorio di Epidemiologia PREMESSA: IL GAMBLING E UN ATTIVITA CHE HA

Dettagli

4, milioni. milioni. POPOLAZIONE In aumento anziani e stranieri residenti 7,4% 14% 64,8% 21,2% più di

4, milioni. milioni. POPOLAZIONE In aumento anziani e stranieri residenti 7,4% 14% 64,8% 21,2% più di POPOLAZIONE In aumento anziani e stranieri 60milioni più di 60.782.668 residenti Al 1 gennaio 2014 la popolazione residente supera i 60 milioni Continua il processo di invecchiamento della popolazione

Dettagli

Psicologia dello sviluppo cognitivo, affettivo, relazionale tipico e atipico SCARTA

Psicologia dello sviluppo cognitivo, affettivo, relazionale tipico e atipico SCARTA Psicologia dello sviluppo cognitivo, affettivo, relazionale tipico e atipico SCARTA Caterina Fiorilli Libera Università Maria SS. Assunta fiorilli@lumsa.it Programma Contenuti del corso Analisi dei principali

Dettagli

LA DISMENSIONE TRAUMATICO-DISSOCIATIVA NEL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO

LA DISMENSIONE TRAUMATICO-DISSOCIATIVA NEL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO XVI CONGRESSO NAZIONALE SITCC Roma 4-7 Ottobre 2012 LA DISMENSIONE TRAUMATICO-DISSOCIATIVA NEL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO Giovanni Liotti Associazione di Psicoterapia Cognitiva, Roma Benedetto Farina

Dettagli

Interventi Precoci sugli Esordi delle Psicosi

Interventi Precoci sugli Esordi delle Psicosi Interventi Precoci sugli Esordi delle Psicosi Regione Calabria Obiettivi di piano: Linea progettuale 12.1 Direttore Scientifico: Maria Francesca Pantusa Materiali e metodi Come strumento di indagine è

Dettagli

CRONICITÀ: I RISULTATI DELLO STUDIO VEDETTE. Marina Davoli V Congresso SITD, Bari Maggio 2005

CRONICITÀ: I RISULTATI DELLO STUDIO VEDETTE. Marina Davoli V Congresso SITD, Bari Maggio 2005 CRONICITÀ: I RISULTATI DELLO STUDIO VEDETTE Marina Davoli V Congresso SITD, Bari 15-17 Maggio 2005 Drug dependence, a chronic medical illness (McLellan AL et al. 2000) Stiamo valutando i trattamenti per

Dettagli

PROTOCOLLO DI RICERCA MULTICENTRICA LE DIMENSIONI PSICOPATOLOGICHE DELL ADDICTION DA EROINA E COCAINA

PROTOCOLLO DI RICERCA MULTICENTRICA LE DIMENSIONI PSICOPATOLOGICHE DELL ADDICTION DA EROINA E COCAINA PROTOCOLLO DI RICERCA MULTICENTRICA LE DIMENSIONI PSICOPATOLOGICHE DELL ADDICTION DA EROINA E COCAINA A cura di Pier Paolo Pani e Icro Maremmani per IPdF Group* Premessa L indagine psichiatrica sulle componenti

Dettagli

Progetto GAP. Gambling e comorbidità 4 Luglio 2013

Progetto GAP. Gambling e comorbidità 4 Luglio 2013 Progetto GAP Gambling e comorbidità 4 Luglio 2013 Giuseppe Carrà, MD, MSc, PhD Mental Health Dept. San Gerardo University Hospital-MONZA-I Dept. Mental Health Sciences. UCL-LONDON-UK Background Una recente

Dettagli

I comportamenti suicidari nel disturbo bipolare

I comportamenti suicidari nel disturbo bipolare I comportamenti suicidari nel disturbo bipolare Paolo Scocco Dipartimento di Salute Mentale e Clinica Psichiatrica, Università di Padova www.soproxi.it Dati e Fatti Incidenza annuale 7 per 100,000 Stima

Dettagli

Il continuum va da: sintomi assenti o minimi, buon funzionamento in tutte le aree, la persona è soddisfatta di sé e non soffre dei problemi o delle pr

Il continuum va da: sintomi assenti o minimi, buon funzionamento in tutte le aree, la persona è soddisfatta di sé e non soffre dei problemi o delle pr Disturbi psicopatologici Reazioni emotive e cognitive disadattive rispetto alle normali condizioni di vita reale Viene considerato il funzionamento biologico, psicologico, sociale della persona rispetto

Dettagli

Impatto psicologico e comportamentale dopo ricovero in terapia intensiva: il valore di un servizio di follow up post intensivo

Impatto psicologico e comportamentale dopo ricovero in terapia intensiva: il valore di un servizio di follow up post intensivo Impatto psicologico e comportamentale dopo ricovero in terapia intensiva: il valore di un servizio di follow up post intensivo 31 Congresso Nazionale Aniarti Riva del Garda, 14-16 novembre 2012 Monica

Dettagli

La salute mentale della popolazione detenuta: la situazione italiana emersa da uno studio multicentrico

La salute mentale della popolazione detenuta: la situazione italiana emersa da uno studio multicentrico La salute mentale della popolazione detenuta: la situazione italiana emersa da uno studio multicentrico Caterina Silvestri Osservatorio di epidemiologia Agenzia regionale di sanità della Toscana XXXIX

Dettagli

LA DOPPIA DIAGNOSI NELLA CLINICA DI "BREVE DEGENZA":

LA DOPPIA DIAGNOSI NELLA CLINICA DI BREVE DEGENZA: LA DOPPIA DIAGNOSI NELLA CLINICA DI "BREVE DEGENZA": L'IMPORTANZA DELL'ASSESSMENT PSICOLOGICO E L'EFFICACIA DELLA FARMACOTERAPIA PER UN CORRETTO INVIO* *Progetto di ricerca presso la Casa di cura "Carmide"

Dettagli

Introduzione: Strategie terapeutiche per il trattamento del BED

Introduzione: Strategie terapeutiche per il trattamento del BED UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE Cattedra di Psichiatria, Psicologia Medica e Psicosomatica Direttore: Prof. M. Balestrieri TERAPIA PSICOEDUCAZIONALE DI GRUPPO PER DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE:

Dettagli

IL SISTEMA DI SALUTE MENTALE DI REGIONE LOMBARDIA: BISOGNI DELLA POPOLAZIONE E RISPOSTE DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE

IL SISTEMA DI SALUTE MENTALE DI REGIONE LOMBARDIA: BISOGNI DELLA POPOLAZIONE E RISPOSTE DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE IL SISTEMA DI SALUTE MENTALE DI REGIONE LOMBARDIA: BISOGNI DELLA POPOLAZIONE E RISPOSTE DEI SERVIZI DI SALUTE MENTALE Antonio Lora Conferenza dell Organismo di Coordinamento Salute Mentale Lecco 24 NOVEMBRE

Dettagli

Il sistema informativo come strumento di monitoraggio e valutazione della qualità della cura nei disturbi mentali gravi

Il sistema informativo come strumento di monitoraggio e valutazione della qualità della cura nei disturbi mentali gravi Il sistema informativo come strumento di monitoraggio e valutazione della qualità della cura nei disturbi mentali gravi Antonio Lora Roma 8 aprile 2011 La qualità dell informazione determinerà la qualità

Dettagli

EXPO 2015 IL FUTURO DELLA SALUTE MENTALE MILANO LUGLIO E la psicoterapia una scienza? E anche una scienza utile per la società?

EXPO 2015 IL FUTURO DELLA SALUTE MENTALE MILANO LUGLIO E la psicoterapia una scienza? E anche una scienza utile per la società? EXPO 2015 IL FUTURO DELLA SALUTE MENTALE MILANO 19-20 LUGLIO 2015 E la psicoterapia una scienza? E anche una scienza utile per la società? Aristide Saggino Scuola di Medicina e Scienze della Salute Laboratorio

Dettagli

Differenze di Genere (peculiarità An maschile vs An femminile)

Differenze di Genere (peculiarità An maschile vs An femminile) Differenze di Genere (peculiarità An maschile vs An femminile) Nelle AN maschili è preminente l ipercontrollo alimentare sulla dispercezione corporea che comunque tende a focalizzarsi su aree diverse del

Dettagli

Dipartimenti di Salute Mentale del Veneto: utenza, attività e personale indicatori per la valutazione Area Sanità e Sociale

Dipartimenti di Salute Mentale del Veneto: utenza, attività e personale indicatori per la valutazione Area Sanità e Sociale Dipartimenti di Salute Mentale del Veneto: utenza, attività e personale indicatori per la valutazione Area Sanità e Sociale Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria SETTORE TUTELA SALUTE MENTALE DIPARTIMENTI

Dettagli

Negli ultimi anni il concetto di disturbo mentale grave è. diventato comune nei paesi sviluppati. Con tale definizione

Negli ultimi anni il concetto di disturbo mentale grave è. diventato comune nei paesi sviluppati. Con tale definizione Introduzione Negli ultimi anni il concetto di disturbo mentale grave è diventato comune nei paesi sviluppati. Con tale definizione intendiamo persone che soffrono di disturbi psicotici come la schizofrenia

Dettagli

La malattia di Alzheimer. Disturbi comportamentali e diagnosi differenziale

La malattia di Alzheimer. Disturbi comportamentali e diagnosi differenziale La malattia di Alzheimer Disturbi comportamentali e diagnosi differenziale Franco Giubilini Parma 24 settembre 2007 Diagnosi di demenza Per Demenza si intende un quadro sindromico condiviso da differenti

Dettagli

A.A.: 2015/2016 Insegnamento: Psichiatria Coordinatore: Prof. ANTONINO PETRALIA CFU: 4. Anno di corso: IV Semestre: II. Italiano.

A.A.: 2015/2016 Insegnamento: Psichiatria Coordinatore: Prof. ANTONINO PETRALIA CFU: 4. Anno di corso: IV Semestre: II. Italiano. A.A.: 2015/2016 Insegnamento: Psichiatria Coordinatore: Prof. ANTONINO PETRALIA CFU: 4 Anno di corso: IV Semestre: II Italiano Testi consigliati Psicopatologia e Clinica Psichiatrica (a cura di) G.B. Cassano,

Dettagli

1. Utilizzo Alcover in tutti i soggetti che possono essere diagnosticati abusatori 1. No 2. Qualche volta lo faccio 3. Lo faccio di regola

1. Utilizzo Alcover in tutti i soggetti che possono essere diagnosticati abusatori 1. No 2. Qualche volta lo faccio 3. Lo faccio di regola STRUTTURA DI APPARTENENZA (DENOMINAZIONE INDIRIZZO CITTÀ/ASL DI APPARTENENZA) IL TRATTAMENTO DELL ALCOLDIPENDENZA DOPO QUINDICI ANNI DI ALCOVER (GHB) NOME DATA COGNOME FIRMA QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE

Dettagli

Trattamenti e percorsi di cura, integrazione dei trattamenti

Trattamenti e percorsi di cura, integrazione dei trattamenti Trattamenti e percorsi di cura, integrazione dei trattamenti L esperienza delle comunità della Federazione COM.E Simone Feder Coordinatore Area Adulti della comunità Casa del Giovane di Pavia Presidente

Dettagli

Farmaci off-label in psichiatria: piùopportunitào piùrischi?

Farmaci off-label in psichiatria: piùopportunitào piùrischi? La prescrizione dei farmaci off-label in Emilia Romagna: norme, dati e riflessioni Rimini, 14 marzo 2014 Farmaci off-label in psichiatria: piùopportunitào piùrischi? Bruno Biancosino Dip. Assist. Integrato

Dettagli

Non c'è salute senza salute mentale: notizie dal Congresso Nord Americano 2015

Non c'è salute senza salute mentale: notizie dal Congresso Nord Americano 2015 Riunione di Aggiornamento Scientifico UOC Fibrosi Cistica - OFFICIUM Non c'è salute senza salute mentale: notizie dal Congresso Nord Americano 2015 Sonia Graziano, Paola Tabarini U.O.S.D.di Psicologia

Dettagli

Doppia diagnosi o comorbidità? Definizioni e osservazioni cliniche

Doppia diagnosi o comorbidità? Definizioni e osservazioni cliniche Ann Ist Super Sanità 2002;38(3):233-239 Doppia diagnosi o comorbidità? Definizioni e osservazioni cliniche Dipartimento di Scienze Psichiatriche e Medicina Psicologica, Università degli Studi La Sapienza,

Dettagli

L intercettazione del disagio da parte di professionisti non psichiatrici

L intercettazione del disagio da parte di professionisti non psichiatrici La salute mentale tra promozione e prevenzione. La sostenibilità del discorso Torino, 08 ottobre 2010 - Centro Relazioni e Famiglie L intercettazione del disagio da parte di professionisti non psichiatrici

Dettagli

PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO. Patologie croniche del fegato

PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO. Patologie croniche del fegato PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO Patologie croniche del 122 Patologie croniche del La prevalenza di patologie croniche del cresce con l avanzare dell età In l 1,5 degli intervistati di 18-69 anni ha riferito

Dettagli

Temperamento, Addiction ed esiti trattamentali: uno studio su un campione di adolescenti. (II Parte).

Temperamento, Addiction ed esiti trattamentali: uno studio su un campione di adolescenti. (II Parte). Temperamento, Addiction ed esiti trattamentali: uno studio su un campione di adolescenti. (II Parte). Analisi dei dati Il nostro campione presenta un livello di disagio soggettivo molto alto così come

Dettagli

Journal Club ADHD 20 marzo 2014

Journal Club ADHD 20 marzo 2014 Journal Club ADHD 20 marzo 2014 2 Introduzione I problemi emotivi sono comuni nei bambini con ADHD e possono manifestarsi sia in forma di crisi di collera o più cronicamente in forma di umore irritabile.

Dettagli

Indice. 3. La coscienza e i disturbi della coscienza 49 Esperienze consce e inconsce 50 Patologia della coscienza 54 Bibliografia 62

Indice. 3. La coscienza e i disturbi della coscienza 49 Esperienze consce e inconsce 50 Patologia della coscienza 54 Bibliografia 62 NEU-07-IV_ I_XVI 7-08-2009 13:56 Pagina V Indice Prefazione alla quarta edizione Prefazione alla prima edizione XI XIII Parte prima Concetti e metodi 1. I concetti fondamentali della psicopatologia descrittiva

Dettagli

dott. Simone Gnecco Medico di Medicina Generale- Convenzionato S.S.N.

dott. Simone Gnecco Medico di Medicina Generale- Convenzionato S.S.N. dott. Simone Gnecco Medico di Medicina Generale- Convenzionato S.S.N. Alois Alzheimer 1901 Auguste Deter ... da allora??? ADI (Alzheimer s disease international) 24,3 milioni persone affette da demenza

Dettagli

cannabis e psicosi studio prospettico nei servizi di salute mentale

cannabis e psicosi studio prospettico nei servizi di salute mentale Integrazione fra Cure Primarie e Salute Mentale Domenico Berardi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna nei Centri di Salute Mentale di Bologna cannabis e psicosi studio prospettico

Dettagli

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE

USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Sofferenza, disagio, disturbi psichici e del comportamento di adolescenti e giovani: i servizi si confrontano Varese, 16 novembre 2011 USO DI SOSTANZE E DISTURBO MENTALE Marcello Diurni RELAZIONE ANNUALE

Dettagli

Depressione e Sclerosi Multipla

Depressione e Sclerosi Multipla Depressione e Sclerosi Multipla Milano, 30 Maggio 2014 Monica Falautano DEFINIZIONE DI DEPRESSIONE La depressione è una patologia, classificabile come disturbo dell umore, caratterizzata da un insieme

Dettagli

L ALCOLISMO AL FEMMINILE: UN PROBLEMA POCO AFFRONTATO. Roma

L ALCOLISMO AL FEMMINILE: UN PROBLEMA POCO AFFRONTATO. Roma L ALCOLISMO AL FEMMINILE: UN PROBLEMA POCO AFFRONTATO Roma 23.11.2015 1 CONSUMO BEVANDE ALCOLICHE: COMPORTAMENTO A RISCHIO 40 Persone di 11 anni e più, sesso e classe di età anno 2013 37,9 35 30 25 20

Dettagli

JOURNAL CLUB 8 Maggio Marco Armando, Maria Pontillo Protocollo UHR/Esordi Psicotici

JOURNAL CLUB 8 Maggio Marco Armando, Maria Pontillo Protocollo UHR/Esordi Psicotici JOURNAL CLUB 8 Maggio 2014 Marco Armando, Maria Pontillo Protocollo UHR/Esordi Psicotici 2 Background Farmaci antipsicotici prima linea d intervento nella Schizofrenia Vantaggi: -Riduzione sintomatologia

Dettagli

Dott.ssa Denise Erbuto

Dott.ssa Denise Erbuto * Dott.ssa Denise Erbuto Sapienza Università di Roma Servizio per la Prevenzione del Suicidio, Ospedale Sant Andrea Dipartimento di Neuroscienze U.O.C. Psichiatria; Tel. +390633775674 *Nel 1938 Karl Menninger

Dettagli

Sindrome Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS): quale prevenzione possibile. workshop. 23 febbraio 2016

Sindrome Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS): quale prevenzione possibile. workshop. 23 febbraio 2016 febbraio 20 Sindrome Apnee Ostruttive nel Sonno (OSAS): quale prevenzione possibile Auditorium Biagio D Alba Ministero della Salute Viale Giorgio Ribotta, 5 - Roma INTRODUZIONE La Sindrome dell Apnea Ostruttiva

Dettagli

Gli Antidepressivi nella depressione maggiore. Trieste, 26 Febbraio 2009

Gli Antidepressivi nella depressione maggiore. Trieste, 26 Febbraio 2009 Gli Antidepressivi nella depressione maggiore Trieste, 26 Febbraio 2009 PRINCIPI GENERALI (I) Gli antidepressivi dovrebbero essere prescritti nei soggetti con depressione maggiore di intensità media-grave

Dettagli

URGENZA EMERGENZA CRISI R.L. PICCI

URGENZA EMERGENZA CRISI R.L. PICCI URGENZA EMERGENZA CRISI R.L. PICCI dolorosa rottura di un equilibrio con l esigenza di cambiamento URGENZA CRISI situazione acuta e grave, che richiede un intervento terapeutico immediato situazione in

Dettagli

dr. Giuseppe Sapienza PSICHIATRA

dr. Giuseppe Sapienza PSICHIATRA Continuità ità assistenziale i e passaggio all età adulta dr. Giuseppe Sapienza PSICHIATRA Responsabile DH - Ragusa Ragusa 12 Dicembre 2009 ...arrivavo sulla scena troppo tardi; la maggior parte del danno

Dettagli

I DISTURBI DA USO DI ALCOL Concetti di base

I DISTURBI DA USO DI ALCOL Concetti di base I DISTURBI DA USO DI ALCOL Concetti di base 1 DEFINIZIONI L alcool è una sostanza neurotossica e psicotropa che altera e modifica la sfera cognitiva, emotiva/affettiva e comportamentale di un individuo

Dettagli

SCID II STRUCTURED CLINICAL INTERVIEW FOR DSM-IV AXIS II DISORDERS

SCID II STRUCTURED CLINICAL INTERVIEW FOR DSM-IV AXIS II DISORDERS SCID II STRUCTURED CLINICAL INTERVIEW FOR DSM-IV AXIS II DISORDERS Cenni Storici Nata insieme alla SCID I ( 84). Inizialmente all interno della I c erano domande relative alla Personalità; nel corso delle

Dettagli

VALUTAZIONE E CURA DEL DELIRIUM IN UN GRUPPO DI PERSONE ANZIANE RICOVERATE IN UNA UNITA DI CURE SUB ACUTE

VALUTAZIONE E CURA DEL DELIRIUM IN UN GRUPPO DI PERSONE ANZIANE RICOVERATE IN UNA UNITA DI CURE SUB ACUTE VALUTAZIONE E CURA DEL DELIRIUM IN UN GRUPPO DI PERSONE ANZIANE RICOVERATE IN UNA UNITA DI CURE SUB ACUTE Angela Cassinadri, Stefano Boffelli, Sara Tironi, Fabrizio Mercurio, Renzo Rozzini, Marco Trabucchi

Dettagli

L USO RAZIONALE DEGLI

L USO RAZIONALE DEGLI ADHD: per una condivisione dei percorsi diagnostico-terapeutici Milano, 29 maggio 2013 L USO RAZIONALE DEGLI PSICOFARMACI SESSIONE: TERAPIA Azienda Ospedaliera SPEDALI CIVILI BRESCIA Antonio Clavenna IRCCS,

Dettagli

Doppia Diagnosi e Modelli di Integrazione

Doppia Diagnosi e Modelli di Integrazione Corso Regionale di Formazione per i Dipartimenti SM e DP della Regione Emilia Romagna Il trattamento del Disturbo Borderline di Personalità Bologna, 25 novembre 2010 Doppia Diagnosi e Modelli di Integrazione

Dettagli

Le cefalee croniche e abuso di farmaci sintomatici

Le cefalee croniche e abuso di farmaci sintomatici Università degli Studi di Perugia Clinica Neurologica Centro Cefalee Ordine Farmacisti Provincia Perugia Trattamento delle cefalee basato sulle prove di efficacia Le cefalee croniche e abuso di farmaci

Dettagli

Neurobiologia delle dipendenze

Neurobiologia delle dipendenze UNIVERSITÀ DI CATANIA Dipartimento di Scienze della formazione A.A. 2015-2016 Docente Denominazione insegnamento Denominazione insegnamento Settore scientifico disciplinare Corso di Laurea in cui è erogato

Dettagli

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella diagnosi e cura del paziente con sintomi somatici. Dr Bruno Pacciardi Università di Pisa

Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella diagnosi e cura del paziente con sintomi somatici. Dr Bruno Pacciardi Università di Pisa Il ruolo del Medico di Medicina Generale nella diagnosi e cura del paziente con sintomi somatici Dr Bruno Pacciardi Università di Pisa LA SOMATIZZAZIONE PER IL MEDICO DI BASE: La somatizzazione è un equivoco

Dettagli

S.S. di Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva

S.S. di Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva Dipartimento di Salute Mentale S.C. di PSICHIATRIA S.S. di Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva Responsabile Dottor Alfredo Mattioni ( tempo pieno) Due Psicoterapeuti Dottor Davide Perrone ( tempo

Dettagli

Deliberazione n. 401 del 23 marzo 2010

Deliberazione n. 401 del 23 marzo 2010 A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 401 del 23 marzo 2010 PROGETTO BI- ENNALE FINALIZZATO AL MIGLIORAMENTO DELLA DIAGNOSI E TERAPIA DELLA GRAVE MALNUTRIZIONE DA DISTURBI DEL COMPORTAMENTO

Dettagli

Disturbo bipolare e abuso di sostanze. Una doppia diagnosi con un substrato comune?

Disturbo bipolare e abuso di sostanze. Una doppia diagnosi con un substrato comune? GIORN ITAL PSICOPAT 2005; 11: 207-214 ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO UP-DATE ARTICLE Disturbo bipolare e abuso di sostanze. Una doppia diagnosi con un substrato comune? Addiction and the Bipolar Spectrum. Dual

Dettagli

Prof. Tullio Scrimali

Prof. Tullio Scrimali Prof. Tullio Scrimali Insegnamento di Psicologia Clinica delle Dipendenze Modulo Settore scientifico-disciplinare Anno di corso Periodo didattico Numero totale di crediti Prerequisiti (se previsti) Propedeuticità

Dettagli

I DISTURBI PSICOSOMATICI IN ETA EVOLUTIVA Studio clinico

I DISTURBI PSICOSOMATICI IN ETA EVOLUTIVA Studio clinico I DISTURBI PSICOSOMATICI IN ETA EVOLUTIVA Studio clinico Notari, Gandione M, Tocchet A, Galli dela Mantica M, Longo E, Notari D, Davico C, Larosa P, Gerardi S, Bartolotti I, Pagana L, Ruffino C Dipartimento

Dettagli

Sviluppo e gestione della sessualità nel Disturbo dello Spettro Autistico

Sviluppo e gestione della sessualità nel Disturbo dello Spettro Autistico 1 Sviluppo e gestione della sessualità nel Disturbo dello Spettro Autistico Giulia Giovagnoli Psicologa PhD Giornate di Neuropsicologia dell età evolutiva XI edizione 20-23 Gennaio 2016 2 Perché parlare

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2010 Luglio 2011 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese

Dettagli

CHE COS È IL POLIUSO DI SOSTANZE?

CHE COS È IL POLIUSO DI SOSTANZE? CHE COS È IL POLIUSO DI SOSTANZE? Uso di due o più sostanze in un periodo definito di tempo: 4 h o meno (Boys, Lenton, & Norcross, 1997) fino a 30 gg (Wang et al, 1997) un anno (Collins, Ellickson & Bell,

Dettagli

I Dati della Ricerca sullo Psicologo di Base

I Dati della Ricerca sullo Psicologo di Base Psicologo di Base La ricerca Internazionale e Nazionale ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- ---------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Nuovi percorsi di cura nella clinica della prima infanzia in situazione transculturale

Nuovi percorsi di cura nella clinica della prima infanzia in situazione transculturale SEMINARIO REGIONALE Programma regionale Giuseppe Leggieri Integrazione tra NPIA e Pediatria: attualità e prospettive Bologna, 30 marzo 2011 Nuovi percorsi di cura nella clinica della prima infanzia in

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Dr.ssa Alessandra Badà

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Dr.ssa Alessandra Badà CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE Dr.ssa Alessandra Badà Dati personali Istruzione Nazionalità: italiana Data di nascita: 24 dicembre 1969 Luogo di nascita: Torino 1988 diploma di Maturità Scientifica

Dettagli

Disegni di studio nella ricerca epidemiologica

Disegni di studio nella ricerca epidemiologica Disegni di studio nella ricerca epidemiologica Dott. Pamela Di Giovanni Disegni epidemiologici La ricerca epidemiologica utilizza, per i suoi scopi, diverse strategie di studio che vengono distinte in

Dettagli

Consumo di alcol. Quante persone consumano alcol?

Consumo di alcol. Quante persone consumano alcol? Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, diabete

Dettagli

CONTESTO E PROBLEMATICHE ALLA BASE DELLA RICERCA

CONTESTO E PROBLEMATICHE ALLA BASE DELLA RICERCA CONTESTO E PROBLEMATICHE ALLA BASE DELLA RICERCA Sono trascorsi più di vent'anni da quando i governi europei hanno chiesto di prestare attenzione alle problematiche legate al genere nel campo della droga.

Dettagli

Il Fiori di Bach nel DSM-IV Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders)

Il Fiori di Bach nel DSM-IV Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) Il Fiori di Bach nel DSM-IV Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders) AGRIMONY Ansioso e organizzato sull evitamento del confronto e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA. Relatore: Annalisa Pelosi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA. Relatore: Annalisa Pelosi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Relatore: Annalisa Pelosi 1 2 Il Ritardo Mentale 1. Criteri Diagnostici Definiamo il ritardo mentale una condizione clinica complessa, caratterizzata dalla presenza di un

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST - PARTUM

LA DEPRESSIONE POST - PARTUM LA DEPRESSIONE POST - PARTUM SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 2011-2014 REGGIO EMILIA 26 SETTEMBRE 2012 Depressione PostPartum Un indagine sulle attitudini, le conoscenze

Dettagli

Risultati RISULTATI 70

Risultati RISULTATI 70 RISULTATI 70 1. Caratteristiche delle coorti esaminate nello studio Nel presente studio sono stati valutati 200 pazienti e 200 volontari sani. I due gruppi sono composti da 154 donne e 46 uomini ciascuno.

Dettagli

3.La valutazione dell assistenza pediatrica territoriale

3.La valutazione dell assistenza pediatrica territoriale 3.La valutazione dell assistenza pediatrica territoriale Prof.ssa Maria Pia Fantini Dott.ssa Lorenza Luciano Dipartimento di Medicina e Sanità Pubblica Alma Mater Studiorum Università di Bologna 21/03/2012

Dettagli

Scheda disagio psichico

Scheda disagio psichico Scheda disagio psichico Come è noto tra le emergenze segnalate dall OMS per l Europa, la malattia mentale e la sofferenza psichica hanno il primo posto e le donne, secondo i dati statistici e la letteratura,

Dettagli

Risultati! Tabella 1 Tabella 2 Figura 1 Figura tratto cervicale dorsale arto superiore lombare Tabella Figura regressione logistica multinomiale

Risultati! Tabella 1 Tabella 2 Figura 1 Figura tratto cervicale dorsale arto superiore lombare Tabella Figura regressione logistica multinomiale Materiali e Metodi Lo studio è stato condotto presso il servizio di assistenza domiciliare (SAD) della Cooperativa Sociale Coopselios (PC) e presso i reparti di degenza della Casa di Cura San Clemente

Dettagli

Volume 1 - La cura della depressione: farmaci o psicoterapia?

Volume 1 - La cura della depressione: farmaci o psicoterapia? Volume 1 - La cura della depressione: farmaci o psicoterapia? Una Ricerca condotta dall Associazione Una Ricerca svolta dall'associazione su un campione di più di 1100 soggetti La terapia con i farmaci:

Dettagli

LO STATO DI SALUTE DEI DETENUTI REGIONE TOSCANA

LO STATO DI SALUTE DEI DETENUTI REGIONE TOSCANA LO STATO DI SALUTE DEI DETENUTI REGIONE TOSCANA Vecchi Problemi, Nuove Emergenze FIRENZE 7 LUGLIO 2010 PREVALENZA DEI DISTURBI PSICHIATRICI NELLE STRUTTURE PENITENZIARIE TOSCANE Agenzia Regionale di Sanità

Dettagli

PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

PSICHIATRIA E NEUROPSICHIATRIA INFANTILE DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA GENERALE E SPECIALITÀ MEDICO-CHIRURGICHE Corso di laurea magistrale in Medicina e chirurgia Anno accademico 2016/2017-4 anno E NEURO INFANTILE 6 CFU - 2 semestre Docenti titolari

Dettagli

Indice generale 1. PSICOLOGIA CLINICA E PSICOPATOLOGIA. I CONCETTI CHIAVE 3 2. DEFINIRE LA PSICOPATOLOGIA SPIEGARE LA PSICOPATOLOGIA 26

Indice generale 1. PSICOLOGIA CLINICA E PSICOPATOLOGIA. I CONCETTI CHIAVE 3 2. DEFINIRE LA PSICOPATOLOGIA SPIEGARE LA PSICOPATOLOGIA 26 Indice generale 1. PSICOLOGIA CLINICA E PSICOPATOLOGIA. I CONCETTI CHIAVE 3 Descrizione di un caso 3 I concetti chiave 4 e comprendere i comportamenti problematici 4 Il continuum tra il comportamento normale

Dettagli

Valutazione e gestione dello stress lavoro correlato e giudizio di idoneità nei casi di patologia psichiatrica Dott.

Valutazione e gestione dello stress lavoro correlato e giudizio di idoneità nei casi di patologia psichiatrica Dott. Valutazione e gestione dello stress lavoro correlato e giudizio di idoneità nei casi di patologia psichiatrica Dott.Rodolfo Buselli CONVEGNO NAZIONALE L idoneità alla mansione specifica in ambito sanitario:

Dettagli

TOTALE CLASSI D'ETA' SESSO uomini. donne ISTRUZIONE nessuna/elementare. media inferiore media superiore. laurea DIFF.

TOTALE CLASSI D'ETA' SESSO uomini. donne ISTRUZIONE nessuna/elementare. media inferiore media superiore. laurea DIFF. Ipercolesterolemia L ipercolesterolemia, come l ipertensione, rappresenta uno dei principali fattori di rischio per le cardiopatie ischemiche e le malattie cerebrovascolari sul quale è possibile intervenire

Dettagli

PREMESSE. Giovanni Serpelloni. Osservatorio Regionale sulle Dipendenze - Regione Veneto

PREMESSE. Giovanni Serpelloni. Osservatorio Regionale sulle Dipendenze - Regione Veneto CRITERI PER LA DEFINIZIONE E LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DEGLI INTERVENTI TERAPEUTICI E DELLE PRATICHE ASSISTENZIALI NEL CAMPO DELLE DIPENDENZE: UNA PROPOSTA PER L IDENTIFICAZIONE DI CRITERI CONDIVISI

Dettagli

Sviluppo di Mania o Ipomania nel decorso della Depressione Maggiore Unipolare

Sviluppo di Mania o Ipomania nel decorso della Depressione Maggiore Unipolare Capitolo 7 Sviluppo di Mania o Ipomania nel decorso della Depressione Maggiore Unipolare Jess G. Fiedorowicz, M.D., Ph.D. Jean Endicott, Ph.D. Hagop S. Akiskal, M.D. Nel trattare la depressione unipolare,

Dettagli

La gestione dei pazienti con Demenza in medicina generale 23 Marzo 2013

La gestione dei pazienti con Demenza in medicina generale 23 Marzo 2013 La gestione dei pazienti con Demenza in medicina generale 23 Marzo 2013 Dott. Filippo Magherini Psicologia dell invecchiamento Invecchiamento come progressione evolutiva : gerontologia / geriatria. Problemi

Dettagli

Quali sono le ricerche che svolgiamo? Prof.ssa Diana De Ronchi

Quali sono le ricerche che svolgiamo? Prof.ssa Diana De Ronchi Quali sono le ricerche che svolgiamo? Prof.ssa Diana De Ronchi Produzione Scientifica Caratterizza Centri di Eccellenza Valutata da: Università (MIUR, es. Ministero Sanità (Ric. Corrente e Finalizzata)

Dettagli

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ

AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ Congresso PERCORSI DIAGNOSTICO-TERAPEUTICI CONDIVISI PER L ADHD Una risposta alle criticità e ai bisogni inevasi Milano, 10 novembre 2015 AL COMPIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ SESSIONE: STRUTTURA DELLA RETE

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico. Salute mentale PASSI

Osservatorio Epidemiologico. Salute mentale PASSI Osservatorio Epidemiologico Salute mentale PASSI 2010-13 A cura di Antonio Fanolla, Sabine Weiss Osservatorio Epidemiologico della Provincia Autonoma di Bolzano Hanno contribuito alla realizzazione: -

Dettagli

Gestione del paziente con doppia diagnosi e disturbi di personalità gravi Modelli d'integrazione CSM SERT nella gestione doppia diagnosi Michele Sanza Direzione Ser.T Azienda USL di Cesena La comorbilità

Dettagli