Programma per le Scuole D Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Programma 2009-2010 per le Scuole D Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado"

Transcript

1 L Associazione Culturale presenta i moduli didattici per la scuola dell obbligo che hanno come intento quello di avvicinare i bambini e i ragazzi alla storia in maniera innovativa, cercando di far conoscere loro dal vero, attraverso la riproduzione dei manufatti e delle attività antiche, gli aspetti e le caratteristiche di società ormai lontane, cui tuttavia dobbiamo gran parte del nostro patrimonio culturale e umano. Perché conoscere il passato aiuta a capire il presente. Programma per le Scuole D Infanzia, Primarie e Secondarie di 1 grado Pagina 1 di 16

2 Presentazione L Associazione ArcheoBaleno è stata fondata da laureate in Conservazione dei Beni Culturali all Università di Pisa con diverse specializzazioni ed esperienze nel campo della didattica e della ricerca. I soci credono fermamente nell importanza della conoscenza storico-archeologica e per questo, loro stessi operatori, vogliono portare nelle scuole la loro esperienza per affiancare gli insegnanti negli approfondimenti per la formazione degli alunni. Grazie per la fiducia che ci dimostrerete. I soci fondatori Paola Astuti Cristina Fabbri Tiziana Panduri TELEFONO: per le scuole nella provincia di Firenze per le scuole nella provincia di Prato per le scuole nelle province di Lucca, Pisa e Livorno Pagina 2 di 16

3 (riservato al gruppo di bambini dell ultimo anno) Modulo 1. Il Tempo Scopo del modulo è di far conquistare ai bambini, attraverso giochi ad immagini create da loro, la percezione del tempo: lo scandire dei giorni, delle stagioni, degli anni, dei periodi storici. Laboratori Che ore sono? (sigla: T.L1). A caccia di Rex (sigla: T.L2) Il nostro antenato (sigla: T.L3) Modulo 1: Quando l uomo non c era. A caccia di Rex: scopriremo le prime forme di vita sul nostro pianeta e andremo a caccia di dinosauri!!! E insieme costruiremo un vero habitat preistorico! Modulo 2: La comparsa dell uomo Il modulo prevede 3 laboratori: Il bambino delle caverne La casa nella preistoria Il flauto di Pan: l approccio dell uomo verso la musica: suoni e ritmi dalla natura. Modulo 3: Il Sesto senso Il progetto si propone di sviluppare l attenzione su oggetti naturali e la riflessione sulla gestualità esaminando ciascun senso (udito, vista, tatto, gusto, olfatto). Modulo 4: Buon Appetito! Si tratta di un modulo di educazione alimentare abbinata allo studio della produzione e del consumo di alcuni alimenti presentati nella loro evoluzione nel corso dei secoli. Come Mangiavano i nostri Antenati? Lina la maga della farina Condito a puntino: il ciclo produttivo dell olio (dalla raccolta delle olive all imbottigliamento), le diverse tipologie, le qualità e le proprietà alimentari. Saranno illustrate inoltre le antiche tecniche di produzione dell olio e il suo uso presso i popoli antichi. Facciamo il miele insieme a Gabriele Ma da dove arriva?: lezione strutturata sotto forma di racconto in cui si percorrerà la storia di alcuni alimenti presenti oggi sulla nostra tavola (es. lo zucchero, il Pagina 3 di 16

4 pomodoro, la patata, ecc...), ma che hanno fatto lungo percorso per arrivare fino a noi! Modulo 1. Il Paleolitico La scheggiatura della pietra La lavorazione dell osso L arte preistorica L abbigliamento nella preistoria La capanna di un cacciatore Modulo 2. Il Mesolitico e il Neolitico L arte della ceramica 1 L operatore mostrerà le diverse tecniche usate per la creazione e la decorazione di vasi e oggetti di uso comune in argilla. Gli alunni si cimenteranno nella riproduzione delle stesse. L arte della ceramica 2 - da effettuare all aperto - Gli oggetti in argilla prodotti nel precedente laboratorio verranno cotti come nel Neolitico. Il primo fornaio Gli alunni sperimenteranno la macinatura del farro e la produzione di piccoli pani utilizzando riproduzioni di strumenti neolitici. L artigianato Oggetti difficilmente rinvenuti a causa della loro deperibilità, i tessuti di fibre vegetali rappresentavano sicuramente una parte importante dell artigianato. Gli alunni sperimenteranno la tessitura e l intreccio delle fibre vegetali per la produzione di stoffe e ceste. Gli ornamenti Durante tutta la preistoria sia uomini che donne indossavano gioielli realizzati con materiali naturali, ma soprattutto con il Neolitico grazie a rapporti sociali più complessi e ad un commercio più organizzato che la produzione degli ornamenti risulta più varia. Gli alunni proveranno a riprodurre questi oggetti di ornamento. Il villaggio neolitico L operatore illustrerà i più famosi esempi di abitazione del Neolitico. Gli alunni procederanno alla riproduzione delle capanne e di interi villaggi con le aree specializzate per le diverse attività lavorative. Pagina 4 di 16

5 Modulo 3. L età dei Metalli La lavorazione dei metalli 1 - da effettuare all aperto - Un operatore specializzato illustrerà la fusione del metallo e la produzione di oggetti di uso comune. La lavorazione dei metalli 2 Illustrazione e riproduzione di oggetti metallici con di fili e lamine di rame La tessitura della lana Con piccoli telai di legno saranno riprodotti e decorati frammenti di stoffa in lana poi utilizzati per la produzione dell abbigliamento. Le grandi costruzioni dell età dei Metalli Gli alunni procederanno alla costruzione di modellini dei complessi megalitici e dei tumuli usati come sepolture caratteristici di questo periodo storico in gran parte dell Europa. Otzi, l uomo dei ghiacci Illustrazione e riproduzione degli oggetti personali dell uomo preistorico più famoso al mondo Modulo 1. I popoli della Terra tra i due fiumi : la Mesopotamia Le case degli dei Gli alunni si cimenteranno nella costruzione di modellini degli antichi Templi degli Dei, le Ziggurat! L elmo d oro Le tombe sumeriche erano caratterizzate dalla ricchezza dei corredi. In questo laboratorio si riprodurrà un tipico elmo da cerimonia Il carro Si costruiranno modellini delle bighe utilizzate per la caccia al leone e in battaglia. Le suppellettili Si eseguiranno riproduzioni del tipico specchio di bronzo e avorio e/o di un parasole. Misure e pesi Si riprodurranno modellini di pesi utilizzati nelle misurazioni Modulo 2. Gli Egizi. Seguiamo lo scarabeo d oro! Alla scoperta dell antico Egitto Tour virtuale con gli edifici e i manufatti più importanti e significativi della civiltà egizia. Gli alunni si cimenteranno nella costruzione di un modellino della Piana di Giza Pagina 5 di 16

6 Impara a riconoscere gli dei dell antico Egitto Saranno riprodotti simboli e amuleti legati alle diverse divinità e alle pratiche religiose nell antico Egitto. La scrittura egizia Uno degli aspetti più misteriosi e interessanti della civiltà egizia è la scrittura: gli alunni proveranno a riprodurre i segni ed alcuni brevi testi con i geroglifici. I gioielli dei Faraoni: Dopo una breve introduzione sull oreficeria egizia, gli alunni potranno realizzare delle riproduzioni di antichi monili (bracciali, anelli etc.) Le meraviglie delle tombe egizie Dopo un introduzione sui riti funebri e sulla struttura e le decorazioni delle tombe egizie gli alunni potranno riprodurre alcune scene tra le più rappresentative delle pitture tombali dell antico Egitto. Aiuto una mummia! Agli alunni verrà illustrato il processo di mummificazione e il valore rituale di questa pratica religiosa. Verranno poi realizzati degli oggetti tipici del corredo funebre degli Egiziani (vasi canopi, gioielli etc. etc.) La maschera di Tutankamon Introduzione storica sul ruolo del faraone e biografia di Tutankamon (con brevi cenni anche sulla storia del ritrovamento della sua tomba). Realizzazione della riproduzione della maschera funebre del faraone. Modulo 1: I popoli italici Il modulo è indirizzato alla conoscenza delle popolazioni italiche che hanno lasciato importanti vestigia sul nostro territorio (i Celti, i Piceni, i Dauni, ecc.) L abbigliamento e i gioielli del mondo femminile Le armi e le suppellettili del mondo maschile Gli arredi Modulo 2. Gli Etruschi La lavorazione dell argilla Gli etruschi erano maestri nell arte della terracotta con cui eseguivano vasi, statue e le decorazioni dei templi e delle case, le cosiddette terrecotte architettoniche. Si coinvolgeranno gli alunni nella realizzazione di buccheri, statuette in scala ridotta e terrecotte decorative. L oreficeria Attività in cui gli etruschi eccellevano è la metallurgia: gli alunni potranno provare a lavorare a sbalzo lamine metalliche o cimentarsi nel riprodurre gioielli ed elementi di parure lavorando fili metallici. Pagina 6 di 16

7 La scrittura etrusca Uno degli aspetti più misteriosi e interessanti della civiltà etrusca è senz altro la scrittura: gli alunni proveranno a riprodurre i segni ed alcuni brevi testi in lingua etrusca su tavolette d argilla o sulle lamine metalliche. La tomba etrusca Il culto dei morti è uno degli aspetti fondamentali di questa civiltà: dopo aver mostrato alcuni famosi esempi di tombe etrusche, l operatore guiderà gli alunni nella riproduzione delle pitture che decoravano le tombe Il banchetto funebre Oltre alle ricche pitture, un altro elemento di notevole importanza nel rituale funebre etrusco era la preparazione del banchetto in onore del defunto, con suppellettili di pregio e pietanze prelibate. L operatore illustrerà le testimonianze e i manufatti utilizzati per i banchetti e guiderà gli alunni nella riproduzione di alcuni di questi meravigliosi oggetti. Modulo 1. I Greci La ricostruzione di un tempio greco Si coinvolgeranno gli alunni nella realizzazione del modellino di un tempio greco. Un giorno a teatro Dopo una breve descrizione delle caratteristiche principali del teatro greco, gli alunni saranno coinvolti nella realizzazione di maschere tipiche e una piccola scenografia. Gli dei dell Olimpo Saranno forniti disegni, immagini e testi da riprodurre relativi alle diverse divinità e alle pratiche religiose nell antica Grecia. La ceramica attica Gli alunni proveranno a decorare vasi copiando i più famosi modelli greci. SCUOLA E GIOCHI NELLA MAGNA GRECIA Modulo 2. I Romani A teatro con i Romani Il laboratorio illustrerà le caratteristiche del teatro romano e degli spettacoli con la costruzione di una piccola scenografia La domus romana Studio dell abitazione romana con illustrazione dei materiali, le tecniche edilizie, l arredamento. Sarà proposto agli alunni di rielaborare graficamente le nozioni studiate e di realizzare il modellino di una casa romana. Il mosaico romano Saranno illustrati le origini e gli sviluppi del mosaico nell antichità e verrà proposta Pagina 7 di 16

8 un attività-gioco che prevede la realizzazione di un mosaico utilizzando tessere policrome e supporti lignei. La religione e il culto presso i Romani L evoluzione della religione romana, le principali divinità di culto pubbliche e private. Tramite l uso di immagini e disegni da completare sarà chiesto agli alunni di verificare le nozioni apprese. Modulo 3. Miti e leggende presso i popoli antichi Il laboratorio prevede la lettura critica dei miti più diffusi nel mondo antico e una rielaborazione degli stessi attraverso la realizzazione di poster, quadri di sintesi, modellini vari. L insegnante potrà scegliere quale tipo di mitologia approfondire. Modulo 1. Dai secoli bui alla scoperta dell America Attraverso l uso di materiale interattivo si illustreranno brevemente le linee essenziali di questo lungo periodo storico. Potranno essere affrontati i seguenti argomenti: le invasioni barbariche e la fine dell Impero Romano i regni romano-germanici il mondo bizantino il mondo islamico Carlo Magno, l impero Carolingio, il feudalesimo crisi e ripresa demografica, sviluppo dei commerci e delle città, i Comuni la chiesa e la lotta con l Impero Crociate e pellegrinaggi Laboratori Il dado magico Il gioco propone di affrontare lo studio della storia medievale in modo insolito e divertente. Sarà possibile verificare le nozioni apprese dagli alunni grazie ad un gioco simile al gioco dell oca, durante il quale i bambini, divisi in gruppi, saranno chiamati a tirare i dadi, ma per avanzare nel gioco dovranno rispondere esattamente a delle domande relative alle nozioni illustrare dall operatore durante la lezione introduttiva. Il cavaliere senza memoria Gli alunni saranno chiamati ad aiutare un principe medievale che ha perso la memoria a ricomporre la sua vita. La scelta delle tematiche da affrontare sarà concordata volta per volta con gli insegnanti, in base alle loro specifiche esigenze. Metti tutto al posto giusto! Sarà data agli alunni una grande cartina dell Europa e del Mediterraneo e sarà chiesto loro di collocare determinati elementi al loro posto. ES: Il regno di Carlo Magno, Gerusalemme, i Crociati, etc. etc. E possibile concordare una cartografia tematica, cronologica o di sintesi diacronica. Il viaggio di Marco Polo Gli alunni, attraverso una specifica cartografia e grazie all aiuto di materiale multimediale, ripercorreranno il viaggio compiuto da Marco Polo lungo la via della seta. Le grandi strade del Medioevo Pagina 8 di 16

9 Come un pellegrino.il santo viaggio, pellegrini e viaggiatori nel Medioevo La via Francigena Viaggiare nel Medioevo. Pellegrini, mercanti, malviventi, soldati, chierici, straccioni strumenti, incontri, itinerari, paure. Il confronto tra i motivi ed i modi per cui e con cui si viaggiava nel Medioevo ed i motivi ed i modi per cui e con cui si viaggia oggi. Verrà introdotto in classe il tema dell immigrazione. Sapori e saperi lungo la via Francigena, esperimenti di cucina medievale! Uomini, merci e idee in cammino lungo la Francigena L'abito FA il pellegrino! Pellegrini sulla via Francigena A spasso con Sigerico, da Canterbury a San Pietro La Francigena intorno a noi (laboratorio all'aperto con visita guidata presso strutture presenti nel territorio e collegate alla Francigena). Modulo 2. Castelli, cattedrali, borghi e mercati La lezione frontale illustrerà con un ampio uso di materiale multimediale le principali strutture insediative e le rotte commerciali di età medievale.. Potranno essere affrontati i seguenti argomenti: il castello, la nobiltà, i cavalieri e le dame, il loro abbigliamento il borgo, la vita contadina, l alimentazione, l abbigliamento dei più poveri le cattedrali, il mondo cristiano, gli edifici e gli ordini religiosi, la vita monastica, le crociate la città e gli edifici pubblici, la società e la vita cittadina, il potere politico i mercati, gli scambi commerciali, i mezzi di trasporto, le merci più vendute Laboratori Coniar moneta Si illustrerà il metodo della coniazione delle monete. A spasso in un mercato medievale Gli alunni saranno portati, attraverso una ricostruzione multimediale, a spasso in un vero e proprio mercato medievale dove potranno conoscere le merci più vendute, il loro prezzo e i modi in cui avvenivano le compra-vendite. Costruisci il tuo castello! Saranno illustrate le tecniche di costruzione dei castelli, le tecniche d assedio e le regole di schieramenti nelle battaglie, la figura del cavaliere e il suo ruolo nella società. Saranno illustrati alcuni giochi di guerra e il cerimoniale degli spettacoli. Gli alunni realizzeranno il modellino di un castello e il loro stemma personale. Il Medioevo intorno a noi Il modulo prevede una lezione da svolgersi all aperto per insegnare agli alunni a riconoscere le tracce del passato ancora presenti intorno a noi (chiese ed altri edifici di età medievale). Modulo 3. Le invenzioni e le scoperte del Medioevo Erroneamente si pensa che il Medioevo sia stato un lungo periodo di ristagno culturale e tecnologico. In realtà non fu così: numerosissime sono, infatti, le invenzioni e le scoperte da attribuire agli uomini medievali. Al Medioevo dobbiamo i bottoni, gli occhiali, la Pagina 9 di 16

10 bussola, il mulino ad acqua, la forchetta e molte altre cose. Il modulo propone un excursus sulla cultura medievale e su tutte quelle piccole e grandi invenzioni che hanno cambiato per sempre la nostra vita. Potranno essere affrontati i seguenti argomenti: la cognizione del tempo e dello spazio, le scoperte geografiche, i grandi viaggi il clima e la natura le innovazioni tecnologiche le università l alchimia, la scienza e la medicina le invenzioni e le scoperte medievali (occhiali, bottoni, forchetta, armi, polvere da sparo, bussola, mulino ad acqua etc. etc.) Laboratori Il piccolo alchimista Gli alunni si improvviseranno piccoli alchimisti realizzando le loro pozioni e le loro ricette medievali! Il piccolo amanuense L abito fa il monaco! E medievale: vero o falso? Attraverso un gioco simile al gioco dell oca, gli alunni saranno chiamati a rispondere a delle domande su le invenzioni e le scoperte dell ètà medievale. Mangiare nel Medioevo Agli alunni vengono illustrati tutti i contenitori da cucina, le stoviglie e le suppellettili per la tavola. Sono poi descritte le caratteristiche fondamentali della cucina medievale e, infine si preparano delle pietanze (fredde tipo dolci o salse) tipiche del Medioevo. Medicina, magia, erboristeria nel Medioevo Si presentano agli alunni le conoscenze mediche medievali sia musulmane che cristiane, con paralleli tra magia, medicina, alchimia e semplice erboristeria, soffermandosi sul particolare uso di alcune sostanze naturali. Verranno preparati dei medicamenti esclusivamente a base di prodotti naturali Tempo e spazio nel Medioevo Mondo cristiano mondo musulmano Verranno comparati le due diverse culture in età medievale attraverso l analisi di diversi aspetti della vita: religione, visione della vita, del mondo femminile, delle scienze, abbigliamento etc. etc. Saranno realizzati modellini (cattedrale/moschea) o oggetti di uso quotidiano (gioielli cristiani/gioielli musulmani). Lettura critica del Milione di Marco Polo Pagina 10 di 16

11 Lettura di brani scelti del Milione di Marco Polo con l analisi critica del testo. Gli alunni potranno realizzare carte geografiche tematiche, posters o un prodotto multimediale che ripercorra il viaggio del mercante veneziano. Il commercio tra Oriente ed Occidente in età medievale. Popoli, merci ed idee nel Medioevo Mediterraneo. SEMINARI MONOTEMATICI STORIA L insegnante sceglierà l argomento da trattare e l operatore (aiutato da materiale multimediale interattivo notevolmente ricco di immagini) strutturerà la lezione sotto forma di racconto approfondendo i diversi aspetti dell argomento. Nei laboratori gli alunni realizzeranno cartelloni di sintesi sulle nozioni apprese. Inoltre, di comune accordo con gli insegnanti ed in base all età degli alunni, sarà possibile realizzare oggetti e modellini (modellino di una caravella; modellino di un castello; armi romane realizzate in cartone etc. etc.), o fare ricerche ed approfondimenti (quali alimenti arrivano in Europa dopo la scoperta dell America) Questi sono solo alcuni esempi, l elenco completo dei seminari monotematici sarà fornito alle scuole interessate: CAIUS, UNO SCHIAVO ROMANO Tema: la schiavitù nel mondo romano. GIULIUS, UN LEGIONARIO Tema: la struttura dell esercito romano. BRUSCHINO SULLA CARAVELLA DI COLOMBO Tema: la scoperta dell America e l inizio della conoscenza di questo nuovo mondo.. GUGLIELMO, UN CAVALIERE ALLE CROCIATE Tema: le Crociate RINALDO IN CAMMINO VERSO SANTIAGO Tema: i pellegrinaggi Pagina 11 di 16

12 ANTOLOGIA L insegnante sceglierà l argomento da trattare e l operatore (aiutato da materiale multimediale interattivo notevolmente ricco di immagini) strutturerà la lezione sotto forma di racconto approfondendo i diversi aspetti dell argomento e proponendo la lettura di alcuni brani particolarmente significativi. Per ogni seminario sono previsti dei laboratori durante i quali gli alunni realizzeranno cartelloni di sintesi sulle nozioni apprese. Un esempio: VOLPINO, L AMICO DI ULISSE Tema: l Odissea Pagina 12 di 16

13 (I moduli seguenti sono rivolti a tutte le scuole, con diverso grado di approfondimento) Modulo 1. Costruiamo un Erbario Lezione introduttiva sulla storia e l utilità degli Erbari Costruzione della pressa per l essiccazione Costruzione del Quaderno raccogli-campioni Montaggio dei campioni sul Quaderno Modulo 2. Divertiamoci con la Chimica (ATTENZIONE: non saranno usate sostanze tossiche ma solo quelle di tipo alimentare!!!) Lezione introduttiva sulla storia della Chimica Costruzione di un misuratore di Ph con il cavolo rosso Determinazione del Ph di alcune sostanze (aceto, acqua, ecc.) Modulo 3. Il manuale del Piccolo Geologo Lezione introduttiva sulla Geologia Riconoscere composizione e proprietà dei Suoli attraverso semplici esperimenti Riconoscere e classificare minerali e fossili Costruzione di un vulcano in eruzione (erutta davvero ma senza fuoco!) Modulo 4. Evviva la Carta Lezione introduttiva sulla storia della carta Costruzione degli strumenti per il riciclo della carta Creazione dei fogli Montaggio del quaderno Modulo 6. La Nuova Geografia L Associazione propone dei moduli di geografia politica strutturati secondo le indicazioni della didattica trasversale. L insegnante sceglierà la regione o lo stato da trattare e l operatore affronterà, coadiuvato da materiale multimediale interattivo, le seguenti tematiche: Studio della geografia fisica e politica Quadro storico (non solo nozioni prettamente storiche, ma anche relative ad invenzioni, personaggi celebri della cultura e della scienza, manifestazioni particolari etc. etc) Cultura, tradizioni, lingua e religioni Curiosità etniche Nei laboratori gli alunni realizzeranno cartelloni di sintesi sulle nozioni apprese e in accordo con gli insegnanti ed in base all età degli alunni, saranno possibili anche altre attività (realizzazione della cartina geografica, anche a rilievo; realizzazione di oggetti tipici di quella zona che gli alunni conserveranno come souvenir di questo viaggio virtuale!) Pagina 13 di 16

14 Progetti realizzabili dalla scuola primaria e dalla scuola secondaria Storia e informatica Attraverso diversi incontri si illustreranno le importanti risorse che gli strumenti informatici possono dare nello studio della storia. Si realizzerà insieme agli alunni un prodotto multimediale (cd o sito web) all interno del quale illustrare il percorso di studio effettuato durante l anno. Le foto raccontano che Importanza della documentazione fotografica nello studio della storia contemporanea. Repertorio di archivi fotografici rilevanti (molti dei quali raggiungibile on-line). Organizzazione di una mostra di foto d epoca La civiltà cinese Breve quadro storico con approfondimenti sulla cultura, le invenzioni, le scoperte, le tradizioni, la religione e le produzioni artistiche ed artigianali di una cultura millenaria, di un popolo lontanissimo da noi nel passato, ma oggi sempre di più al nostro fianco. Gli alunni saranno impegnati a realizzare riproduzioni di oggetti tipici dell antica Cina (porcellane, gioielli, dipinti ) Il cannocchiale di Galileo Studio dei simboli solari e astronomici presenti nelle raffigurazioni di vita quotidiana, religiose e funerarie dalla Preistoria al Medioevo. Riciclo creativo. Nozioni di educazione ambientale, informazioni per un uso corretto della raccolta differenziata dei rifiuti, educazione al riciclo creativo. Laboratori manuali per creare simpatici oggetti con materiale riciclato Pagina 14 di 16

15 I laboratori preistorici Guarda chi viene a cena. Laboratorio teatrale Guidati dagli operatori gli alunni stileranno la trama di un racconto e si cimenteranno in una piccola recita ispirata all evoluzione delle attività Preistoriche. Oggi scavo io. Lo scavo archeologico preistorico Gli alunni attraverso questa esperienza di simulazione dello scavo, impareranno a riconoscere le tracce di quelle stesse attività che hanno provato durante i laboratori. La simulazione prevede anche la documentazione e lo studio del materiale rinvenuto. Il nostro museo. Esperienza di valorizzazione del patrimonio culturale Alcuni oggetti saranno restaurati e disposti in una piccola mostra allestita all interno della scuola; gli alunni dovranno anche scrivere i pannelli illustrativi e un piccolo catalogo. I laboratori Classici Guarda chi viene a cena. Laboratorio teatrale Gli alunni proveranno a mettere in scena una giornata da uomo etrusco o da uomo romano : guidati dagli operatori stileranno la trama di un racconto, le battute e si cimenteranno in una piccola recita. Ma questa è una tragedia greca!. Laboratorio teatrale Sarà proposto agli alunni un attività teatrale con la lettura di un testo originale riadattato e semplificato utilizzando le maschere sceniche tipiche. Oggi scavo io. Lo scavo archeologico Gli alunni attraverso questa esperienza di simulazione dello scavo, impareranno a riconoscere le tracce lasciate da quelle stesse attività che hanno provato durante i laboratori. La simulazione prevede anche la documentazione e lo studio del materiale rinvenuto. Il nostro museo. Esperienza di valorizzazione del patrimonio culturale Alcuni oggetti saranno restaurati e disposti in una piccola mostra allestita all interno della scuola; gli alunni dovranno anche scrivere i pannelli illustrativi e un piccolo catalogo. I laboratori Medievali Il Medioevo intorno a noi Il modulo prevede una lezione da svolgersi all aperto per insegnare agli alunni a riconoscere le tracce del passato ancora presenti intorno a noi (chiese ed altri edifici di età medievale). Ogni scuola potrà concordare il programma e i laboratori in base all area geografica interessata e alle specifiche esigenze degli insegnanti. Il Mercante squattrinato Laboratorio teatrale attraverso il quale gli alunni saranno invitati a mettere in scena una giornata in un mercato medievale. Pagina 15 di 16

16 Un giorno a castello Laboratorio teatrale attraverso il quale gli alunni saranno invitati a mettere in scena una giornata all interno di un castello. Il nostro museo. Esperienza di valorizzazione del patrimonio culturale Verranno spiegati i metodi utilizzati nella ricerca archeologica e nel restauro e la conservazione dei reperti. Alcuni oggetti saranno restaurati e verrà allestita una piccola mostra per la quale gli alunni dovranno scrivere i pannelli descrittivi e un piccolo catalogo. Pagina 16 di 16

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

L invenzione della scrittura

L invenzione della scrittura 42 2 L invenzione della scrittura Preistoria Dal passato ci giungono solo documenti materiali. 3300 a.c. Storia Dal passato ci giungono sia documenti materiali, sia documenti scritti. 2 La scrittura nasce

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1

ore in presenza C:\Users\Sabina01\Desktop\CONSIGLIO ACCADEMICO\CA 2014\Delibere 2014\Delibere CA del 17 Marzo 2014\piani di studio PAS all 1 1 GRUPPO 07/A Arte della fotografia e della grafica pubblicitaria 10/D ARTE DELLA FOTOGRAFIA E DELLA CINEMATOGRAFIA 65/A tecnica fotografica 13/D ARTE DELLA TIPOGRAFIA E DELLA GRAFICA PUBBLICITARIA Laboratori

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni

Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso (D.M. 39/98) e abilitazioni Classi di concorso tabella A 1/A Aerotecnica e costruzioni aeronautiche 2/A Anatomia, fisiopatologia oculare e laboratorio di misure oftalmiche 3/A Arte del

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO

PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PROGETTO ALIMENTAZIONE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO PERCORSO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ALLA SCOPERTA DEL CIBO E DELLE ABITUDINI ALIMENTARI, IN PARTICOLARE SULLA COLAZIONE DEI BAMBINI IN ETA' SCOLARE

Dettagli

Sono secoli che viviamo del futuro

Sono secoli che viviamo del futuro Sono secoli che viviamo del futuro La Toscana a Expo Milano 2015 LA TOSCANA A EXPO 2015 (1-28 MAGGIO) "Sono secoli che viviamo nel futuro" è questo il claim scelto dalla Toscana per presentarsi ad Expo

Dettagli

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale

Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l aldilà tra capolavori e realtà virtuale Comunicato stampa Venerdì 24 ottobre 2014 alle ore 17.30 presso Palazzo Pepoli. Museo della Storia di Bologna (via Castiglione, 8 Bologna) inaugura la mostra Il viaggio oltre la vita. Gli Etruschi e l

Dettagli

ma quanto è antico quest osso?

ma quanto è antico quest osso? ATTIVITÀ: ma quanto è antico quest osso? LIVELLO SCOLARE: primo biennio della scuola secondaria di secondo grado PREREQUISITI: lettura e costruzione di grafici, concetti di base di statistica modello atomico,

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5).

Oppure si lavorava l argilla con il tornio (figg. 4 5). Ceramica Nell antichità il vaso non era un semplice un semplice oggetto utile nella vita quotidiana, ma era anche merce di scambio. Il lavoro del vasaio, inizialmente era collegato alle stagioni e dunque

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Le interfacce aptiche per i beni culturali

Le interfacce aptiche per i beni culturali Le interfacce aptiche per i beni culturali Massimo Bergamasco 1, Carlo Alberto Avizzano 1, Fiammetta Ghedini 1, Marcello Carrozzino 1,2 1PERCRO Scuola Superiore Sant Anna, Pisa 2IMT Institude for Advanced

Dettagli

PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA

PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA PROGETTO EST EDUCARE ALLA SCIENZA E ALLA TECNOLOGIA DAL MONDO CHIUSO ALL UNIVERSO INFINITO Percorso dii Astronomiia La Provincia di Lodi Servizio Cultura e Istruzione, ha presentato alla Regione Lombardia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

L astronomia vien giocando!

L astronomia vien giocando! L astronomia vien giocando! Silvia Piranomonte INAF - Osservatorio Astronomico di Roma on behalf of DiVA@OAR TALK OUTLINE Esigenza di diffondere il più possibile la scienza ai bambini Come trasmettere

Dettagli

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier

CORSO PER SOMMELIER. Diventare. Sommelier Sommelier, nella prestigiosa realtà della Sommellerie di Roma e del Lazio, significa Professionismo nel vino. Chiediamo agli appassionati di essere professionisti del buon bere in maniera concreta, nella

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO)

Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) Sistematica di Ratisbona Classi principali per ARTE (LH LO) La presente raccolta comprende solo le voci principali della classificazione di Ratisbona relativa all arte (LH LO) INDICE LD 3000 - LD 8000

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI)

LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) LETTURE PER L'INFANZIA (dai 2 ANNI) STORIE PICCINE PICCIO' (dai 2 ai 5 anni) Una selezione di storie adatte ai piu' piccoli. Libri per giocare, libri da guardare da gustare e ascoltare. Un momento di condivisione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI

Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI Scuola Primaria di URBINO classe 5 a - a. s. 2007/08 a cura di LIVIANA GIOMBINI INTRODUZIONE Come sapete, il 29 aprile, ci recheremo in visita alle saline di Cervia. La nostra classe svolgerà un percorso

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO

Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi. Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO Comune di Rimini Direzione dei Servizi Educativi Scuola infanzia Arcobaleno PROGETTO DIDATTICO SCUOLA INFANZIA ARCOBALENO PROGETTO DIDATTICO PREMESSA L azione del documentare necessita sempre di una fase

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Gioielli per ogni occasione

Gioielli per ogni occasione GUIDA REGALO Gioielli per ogni occasione I gioielli di una donna sono generalmente gli oggetti di maggior valore economico che possiede e spesso anche i più cari dal punto di vista affettivo. Oggi sul

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Opera d Arte società cooperativa, è

Opera d Arte società cooperativa, è LE PROPOSTE DIDATTICHE DI OPERA D ARTE Per la scuola, per i gruppi, per le associazioni, per la terza età, per i singoli, per chiunque voglia consolidare o arricchire le proprie conoscenze sulla storia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES

STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES STORIA DELL USO DELL ENERGIA IN ITALIA Cesare Silvi Presidente GSES NEW LIGHT ON ROME, ROMA, MERCATI DI TRAIANO, 2000 ARTISTA PETER ERSKINE Gruppo per la storia dell'energia solare (GSES) www.gses.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO

MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO rt MARMI ARTISTICI E SU MISURA FATTI A MANO PAVIMENTI E RIVESTIMENTI, TAVOLI, SCALE, PROGETTI. FORNITURA MARMI E PIETRE PER ABITAZIONI, HOTEL, EDILIZIA. Art Carrara by Amso International Carrara Italy

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli