Dipartimento per le Dipendenze ULSS 19 Adria. Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin) Basso Polesine

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento per le Dipendenze ULSS 19 Adria. Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin) Basso Polesine"

Transcript

1 TIPOGRAFIA MEDICI SNC - ADRIA (RO) - Tel Dipartimento per le Dipendenze ULSS 19 Adria Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin) Basso Polesine Ass. Auto Mutuo Aiuto Polesine Gruppi Azzardo

2 Progetto realizzato con il patrocinio e il contributo di: CSV di Rovigo Provincia di Rovigo Assessorato Politiche Sociali e Famiglia Azienda ULSS 19 Adria Servizio per le dipendenze Via Matteotti 14, Taglio di Po (Ro) tel Associazione dei Club Alcologici Territoriali (Metodo Hudolin)Basso Polesine Piazza Venezia,3, Taglio di Po (RO) tel Grafica e contenuti a cura di: Caterina Forza, Ivana Stimamiglio e Marta Silimbani Dipartimento per le dipendenze ULSS 19 Adria e ACAT Basso Polesine Associazione Auto Mutuo Aiuto Polesine Gruppi Azzardo Piazza Venezia,3, Taglio di Po (RO) tel Si ringrazia l Associazione AND- Azzardo e Nuove Dipendenze, Gallarate (Va) per la gentile autorizzazione alla riproduzione dei contenuti dell opuscolo Scommettiamo che non lo sai?, per le parti che riguardano i luoghi comuni o false credenze sul gioco d azzardo. Si ringrazia altresì il Dott. Graziano Bellio, Coordinatore del Gruppo di Ricerca veneto sul Gioco d Azzardo Patologico (GRV-GAP) e i componenti del Gruppo stesso per l utilizzazione di alcuni contenuti dell opuscolo Quando il gioco d azzardo è un problema Una guida per le famiglie. Comunità Terapeutica Delta Solidale Via Matteotti 40, Porto Tolle (RO) tel

3 Lie/ Bet Questionnaire 1. Ha mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre maggiori? 2. Si è già sentito di dover tenere nascosta l entità del suo giocare a quelli che le stanno più vicino? Se ha risposto SI ad almeno una di queste domande (o magari ad entrambe), lei si trova in una situazione di pericolo rispetto al gioco d azzardo. Deve quindi far sì di chiarire la sua situazione al più presto. (fonte D. Capitanucci,T. Carlevaro, Guida ragionata agli strumenti diagnostici e terapeutici nel Disturbo di gioco d azzardo patologico, Hans Dubois, 2004) Presentazione Il gioco d azzardo patologico (GAP) è un problema di natura sociale e sanitaria. E attualmente definito un disturbo del controllo degli impulsi non classificato altrove (DSM IV), ma per molti aspetti è assimilabile ad una dipendenza non chimica, che può coinvolgere qualsiasi cittadino, adolescente o adulto, di qualunque estrazione socioeconomica. Il mercato dell azzardo mantiene da molti anni un trend positivo che non sembra a r r e s t a r s i : s i g i o c a s e m p r e p i ù d i f f u s a m e n t e e i n t e n s i v a m e n t e. La ricerca scientifica ha dimostrato che la maggior quantità di giochi a disposizione, sia come numero che in termini di possibilità di accesso temporale, è direttamente proporzionale all aumento del numero dei giocatori eccessivi o patologici. Si rende pertanto urgente oltre al trattamento delle persone con il problema del gioco d azzardo, un azione di sensibilizzazione della popolazione generale relativamente ai rischi collegati a tale attività. Questo opuscolo si propone di informare correttamente le persone con l obiettivo di modificare luoghi comuni e false credenze. Un piccolo contributo, ma certamente importante per modificare la cultura generale e salvaguardare la salute. ll Direttore Dipartimento per le dipendenze Dott. Andrea Finessi

4 IL GIOCO Il gioco rappresenta un aspetto di vitale importanza nella vita di ogni individuo in tutte le fasce d età. Il gioco è altamente significativo per la crescita del bambino, perché svolge un azione strutturante dell intera personalità; attraverso il gioco il bambino ha modo di sviluppare le proprie potenzialità intellettive, affettive e relazionali. Per gli adulti è vitale in quanto è un attività auto-motivante che genera gratificazione di per sé. Il gioco per essere tale deve avere alcune caratteristiche: essere un attività libera (non ci può essere obbligo), separata (tempo e spazio fissati in anticipo), incerta (il risultato non si conosce), improduttiva (non crea né beni né ricchezza), regolata (sottoposta a convenzioni), fittizia (si è consapevoli che si è in una diversa realtà) (1). Vi sono quattro categorie di giochi praticati dall uomo, oggi e nel corso della storia: 1. giochi di competizione (Agon), come ad es. tutte le discipline sportive, il calcio, la corsa, gli scacchi, ecc. 2. giochi di travestimento (Mimicry), come ad es. i giochi di ruolo 3. giochi di vertigine (Ilinx), come l altalena, le montagne russe, o gli sport estremi 4. giochi d azzardo (Alea) basati sul caso, come il lotto, i gratta e vinci, ecc. (2). Il Dipartimento per le dipendenze dell ULSS 19 di Adria unitamente all ACAT (Associazione dei Club Alcologici Territoriali Metodo Hudolin) Basso Polesine ha avviato da qualche anno, oltre ad un attività di consulenza, un esperienza di gruppi di Auto Mutuo Aiuto per famiglie con problemi azzardo correlati. Di recente, le famiglie dei gruppi si sono organizzate in Associazione, dando vita ad A.M.A. Polesine, Associazione di Auto Mutuo Aiuto sulle più svariate problematiche sociali e sanitarie. I gruppi di Auto Mutuo Aiuto per il gioco d azzardo sono formati mediamente da 7-8 famiglie che si incontrano una volta la settimana, per un ora e mezza circa, alla presenza di un facilitatore formato. I gruppi di Auto Mutuo Aiuto lavorano per la promozione della persona, per il cambiamento dello stile di vita di tutti i membri, per affrontare e contenere le difficoltà, nonché per il cambiamento della cultura generale nella comunità di appartenenza delle famiglie. 1Huizinga J.,Homo Ludens,1938, Einaudi, TO Caillois R., I giochi e gli uomini, Bompiani MI 1981

5 IL GIOCO D AZZARDO Il termine azzardo deriva dal francese hazard e a sua volta dall arabo az-zahr che significa dadi; era un antico gioco con tre dadi il cui punteggio massimo era Quando una famiglia ha un problema di gioco d azzardo, potrebbe avere difficoltà a pensare di poter risolvere il proprio problema, potrebbe vergognarsi e tendere ad isolarsi dagli altri. Nonostante i problemi, le persone e le famiglie possono trovare al loro interno le risposte idonee ad affrontarli. Il primo passo è quello di chiedere aiuto. Esistono svariate possibilità di ricevere aiuto: attraverso una consulenza medica o psicologica o educativa, a livello personale, di coppia, familiare o attraverso la partecipazione ad un gruppo di auto-mutuo aiuto. Stiamo giocando d azzardo ogni volta che rischiamo di perdere denaro e altri beni e quando perdere o vincere è deciso dalla sorte. Quando ci si riferisce al gioco d azzardo sono presenti tre condizioni: 1. il giocatore pone in palio denaro, oppure oggetti di valore; 2. questa messa in palio (denominata posta) è irreversibile, ovvero una volta giocata, non può più essere ritirata; 3. il giocatore esprime una scommessa il cui risultato si basa esclusivamente o principalmente sul caso, quindi non è influenzabile dalla sua abilità ed è incerto. (1) (1) Tazio Carlevaro, Sensibilizzazione sui problemi del gioco d azzardo eccessivo, Manuale per il giocatore, 2002 in Varese

6 IL CASO non è la Fortuna o la Sfortuna Diversamente dai giochi di abilità in cui è richiesto un certo livello di conoscenze o bravura e la pratica può migliorare l esito, nel gioco d azzardo quello che determina il risultato è il CASO. Per caso possono avvenire situazioni gradevoli (che chiamiamo fortunate), ma anche sgradevoli (che in questo caso chiamiamo sfortunate). Il caso è un avvenimento che deriva da un numero così alto di cause, tra di loro in mille modi diverse, da essere imprevedibile. Il caso conduce ad avvenimenti che sono per natura loro imprevedibili. La via per cui conduce a quell avvenimento NON è influenzabile.( ) Il calcolo delle probabilità esiste, ma NON SERVE a scoprire le leggi del caso e dunque quelle dell azzardo. Chi fa calcoli su calcoli perde il suo tempo (*) IL RISULTATO DEL GIOCO D AZZARDO NON E PREVEDIBILE NE CONTROLLABILE! (*) Robert Ladouceur e al., 2000 in M. Croce e R. Zerbetto, Il gioco & l azzardo, 2001 Cosa possono fare subito i familiari? Il primo passo è quello di verificare la vostra situazione finanziaria. Quanto denaro è stato perso? Quali debiti vanno condivisi e quali devono essere attribuiti alla persona che li ha fatti? Potete rivolgervi a un consulente finanziario e/o a un legale che, messi al corrente del problema del gioco, possono aiutarvi a contenere il debito e a stabilire un bilancio familiare. Ecco alcuni suggerimenti: Impedite l accesso ai soldi al giocatore fino a che il suo comportamento non sarà sotto controllo. Consegnate giornalmente o settimanalmente piccole somme di denaro di cui l altro vi deve rendicontare con scontrini o pezze giustificative. Fate un bilancio familiare annotando le entrate e le uscite. Chiedete informazioni alla vostra banca e/o ad un consulente finanziario per valutare con un esperto come tutelare le vostre entrate e i vostri risparmi. Controllate il conto corrente della persona e fatevi consegnare carte di credito, libretto degli assegni o libretto postale e bancomat. Avvisate parenti e amici di non fare prestiti alla persona che gioca. In alcuni casi e, in accordo con il giocatore, potete chiedere una delega che metta tutto a vostro carico per quanto riguarda decisioni sulle proprietà (amministratore di sostegno,l. n.6 del 9/01/2004). Se lo ritenete opportuno potete chiedere a una persona di fiducia che amministri le vostre finanze. Non lasciate denaro in giro per la casa e mettete gli oggetti di valore al sicuro(fonte CAMH, Toronto,ON)

7 Gioco d azzardo e altri comportamenti a rischio I problemi legati ai comportamenti a rischio spesso non si presentano da soli, ad es. nei giocatori d azzardo eccessivi l uso di alcol e/o altre sostanze è associato in una percentuale che varia dal 25 al 60% (fonte G. Bellio, ALEA 2009). Passare poi da un tipo di comportamento a rischio ad un altro è molto facile, pertanto l obiettivo reale del cambiamento è quello più profondo del mutamento dello stile di vita. Quante probabilità ci sono di fare 6 al Superenalotto? Sono 1 su milioni! (tutte le possibili sestine, ottenibili con 90 numeri) Ci sono il doppio di possibilità di centrare il numero di telefono del proprio divo o diva preferiti aprendo a caso l elenco telefonico dei circa 300 milioni di abitanti degli Stati Uniti d America! Strano ma vero, è più facile statisticamente essere colpiti da un fulmine: 1 eventualità su ! Cambiare è sempre possibile!

8 Di solito si pensa che il gioco d azzardo è sempre illegale. In realtà il gioco d azzardo è illegale solo se non rientra tra quelli regolati dallo stato. A parte i Casinò, fondati su leggi speciali, tutti i giochi d azzardo leciti in Italia sono regolati dall AAMS, l Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato. Scommettere in un sito internet non autorizzato, come pure giocare con macchinette scollegate o in bische clandestine sono e- sempi di gioco illegale. Tuttavia esistono molte opportunità di giochi d azzardo legali in Italia. E difficile fornire un elenco completo dei giochi d azzardo legali in Italia perché il mercato è in continua e- spansione e movimento. Ecco alcuni giochi d azzardo legali: i giochi al casinò il bingo le lotterie (biglietti della lotteria, il lotto, l enalotto, il superenalotto, win for life,10 e lotto, ecc.) le new slot e altre macchinette elettroniche (VLT) le scommesse sportive, sulle partite di calcio, sui cavalli, ecc. i gratta&vinci i giochi d azzardo on line (es. Texas hold em) Disturbi dell umore (depressione, tentati suicidi e suicidi) Disturbi dell autostima Ansia e disturbi del sonno Uso di alcol, tabacco e altre droghe Gastrite e ulcera gastrica Cardiopatie ischemiche Ipertensione e cefalee Alterazioni immunitarie (es. problemi della pelle) Crisi di astinenza (prevalentemente dovuti all intenso e prolungato stress)

9 L OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) vede nel Gioco d azzardo compulsivo una forma morbosa chiaramente identificata e che in assenza di misure idonee d informazione e prevenzione, può rappresentare, a causa della sua diffusione, una autentica malattia sociale. I principali problemi legati all azzardo sono: Finanziari (debiti con banche, finanziarie, usurai, amici, parenti) Penali (furti, truffe, falsificazioni della firma, ecc.) Familiari (liti, violenze, separazioni, divorzi) Lavorativi (ritardi, assenze, scarsa produttività, licenziamento) e Scolastici (interruzione degli studi) Cosa significa l espressione gioco responsabile? Giocando d azzardo, si può pensare di definire una cifra di denaro eccessiva rispetto ad un altra? E presumibile che ognuno utilizzi criteri diversi e ritenga che il proprio uso sia corretto, salvo poi trovarsi in guai seri. Robert Custer, fra i massimi studiosi del gioco d azzardo patologico, lo descrive come un processo lento, per fasi, che inizia con una fase vincente, per poi progredire lentamente e inconsapevolmente verso fasi in cui la persona è sempre più presa da tale attività: scivolando via via verso la fase della disperazione e della perdita della speranza. Qualsiasi tipo di gioco d azzardo è un comportamento a rischio per la salute..in primo luogo per le nostre tasche!

10 Il mercato dei giochi in Italia. Alcuni dati: Nel 2011 il gioco d azzardo legale ha fatto registrare una raccolta di 79,9 miliardi di euro (pari al 3,5% di PIL) con un incremento, rispetto al 2010, del 30%. (1). Si può affermare che nel 2011 ognuno dei circa sessanta milioni di italiani (compresi i lattanti e gli ultracentenari) ha speso mediamente non meno di euro; ciò vuol dire che la spesa media per un nucleo familiare composto da quattro persone non sarà inferiore ai euro (2). Nel 2008, 28 milioni di italiani (55% della popolazione) hanno a- vuto almeno un occasione di gioco. Il gioco non sembra essere solo una voce di consumo sporadica; l 11,% degli italiani dichiara di giocare una volta alla settimana (oltre 6,5 milioni di persone sopra i 15 anni) e l 1,4% ogni giorno o quasi (oltre 700 mila persone per le quali il gioco è una componente irrinunciabile del proprio quotidiano). E indicativo che il 19,1% dell opinione pubblica, ovvero un italiano su cinque, dichiari di conoscere, tra amici e conoscenti, chi si è trovato in situazioni di grave difficoltà economica a causa del gioco (3) Tra i giocatori la speranza di vincere denaro è la motivazione preponderante. Oltre il 43% dei giocatori individua, nella possibilità di veder mutata la propria condizione economica, con una spesa modica, il principale stimolo a giocare (5). Gioca infatti il 47% degli indigenti, il 56% degli appartenenti al ceto medio-basso, il 66% dei disoccupati (Eurispes 2005) (4). Una ricerca del CNR condotta per accertare il numero di giocatori eccessivi, stima allo 0.8% la popolazione dei giocatori patologici. In Italia ciò equivale a persone in età di gioco (5). Molte ricerche confermano che l aumento del numero dei giocatori eccessivi è direttamente proporzionale alla maggior quantità di giochi a disposizione, sia come numero che in termini di possibilità di accesso temporale. (6). (1) Dati AAMS, 2012 (2) Elaborazione da dati AAMS e ISTAT, 2012 (3) Nomisma-Osservatorio Gioco&Giovani,Quaderno per l economia, N 4 Marzo 2009 (4) Indagine Doxa 1998 riportata anche da Agenzia Dire, Marzo 2008; (5) CNR, L Italia che gioca, Novembre 2010 (6) M. Croce, R. Zerbetto (a cura di), Il gioco e l azzardo, Milano 2001 La forte pressione pubblicitaria, l elevata disponibilità di fruizione di luoghi deputati al gioco (bar, tabaccherie, sale giochi, ecc.), il basso costo delle giocate e la varietà e vastità dell offerta sono in relazione con lo sviluppo del gioco d azzardo eccessivo o patologico, riconosciuto dalla stessa Organizzazione Mondiale della Sanità quale rilevante problema di salute pubblica. Le ricerche internazionali condotte per accertare il numero di giocatori eccessivi, stimano dall 1 al 3% (a seconda che siano calcolati sull arco della vita o sull ultimo anno) la popolazione vittima del gioco patologico. In Italia ciò equivale a circa persone in età di gioco (1). Se a queste sommiamo almeno altre tre persone della cerchia familiare che soffrono a causa dell azzardo, si raggiunge la considerevole cifra di persone. (1) M. Croce, R. Zerbetto (a cura di), Il gioco e l azzardo, Milano 2001

11 L azzardo nel Veneto Dall ultima indagine del Censis (1) riferita all anno 2010, si osserva che nella Regione Veneto, su una popolazione (maggiore di 15 anni) di persone, il volume del giocato è di milioni di, pari al 7,3% del totale delle giocate in Italia. La spesa media pro capite dei Veneti è di 974, mentre la media nazionale è di Il giocato pro-capite nel 2010 per provincia (val. in ) Venezia ITALIA Rovigo Verona Belluno 944 Vicenza 873 Treviso 846 Di solito si pensa che... quando scommetti su un evento sportivo, conoscere bene le squadre e i giocatori aumenterà le tue probabilità di vincere. In realtà. durante una partita possono succedere molte cose che non puoi prevedere, anche eventi che potrebbero accadere facilmente e che potrebbero ribaltare radicalmente il risultato (ad es. il giocatore più forte può infortunarsi). Padova 850 Rovigo si caratterizza come la provincia che predilige i giochi luck (giochi di pura fortuna come slot machine, Lotto, Superenalotto, Lotterie, Gratta&Vinci, Bingo) con una prevalenza del 97,5% contro 91,5% della media del paese. Padova predilige invece i giochi skill (o giochi di abilità, così definiti da AAMS e riferiti principalmente al poker on line) con una media dell 6,1%, contro una media nazionale del 8,5%. Il Veneto si presenta come la regione con una maggiore percentuale di preferenze per i giochi elettronici (56,6% contro i 46,6% della media nazionale) (2). Venezia ospita il Casinò più antico del mondo che, con le sue tre sedi (sul Canal Grande, al Lido d estate e la nuova sede di Ca Noghera in terraferma più facilmente raggiungibile), raccoglie il giro d affari maggiore fra i quattro Casinò nazionali (Campione, Sanremo, Saint-Vincent, Venezia) (3). A questi si aggiunge la vicinanza della Slovenia, che richiama molti veneti con le sue formule del tutto compreso e con locali aperti ventiquattrore al giorno (Venezia invece apre alle 11 di mattina e chiude alle 4 di notte) (4). (1) Censis Servizi S.p.A., Gioco ergo sum 2, Roma Febbraio 2012 (2) Censis Servizi S.p.A., L atlante del gioco in Italia, Roma Dicembre 2011 (3) Il Corriere della Sera, 20/12/07 (4) Sir n Febbraio 2007

12 Di solito si pensa che... se sei un tipo fortunato nella vita, lo sarai anche nel gioco. In realtà... molti giocatori credono di essere persone fortunate anche se continuano a perdere soldi. Avere un portafortuna, fare qualche rito scaramantico ecc. non può influenzare in alcun modo il risultato del gioco. Di solito si pensa che. se sei abile a giocare ai video giochi, sarai bravo anche alle slot machine e alle video lotterie. In realtà videogiochi e slot machine non sono la stessa cosa. Mentre il videogioco richiede abilità (più giochi e più bravo diventi), slot machine e video lotterie, come qualsiasi altro gioco basato sul caso, non presuppongono alcuna abilità.

13 Di solito si pensa che se conosci le regole del gioco (ad es. il Poker) le tue probabilità di vincere aumentano. In realtà conoscere le regole del gioco in parte ti può aiutare, ma dal momento che non puoi controllare le carte che vengono distribuite, le probabilità sono sempre sfavorevoli. Di solito si pensa che... anche se stai perdendo, se raddoppi la puntata recupererai la perdita. In realtà è vero il contrario. La vecchia tecnica della martingala è inutile e dannosa per il giocatore: anche dopo numerosissime puntate perdenti, la vincita eventuale è identica alla puntata iniziale, vanificando la fatica!

14 L indipendenza degli eventi Di solito si pensa che... i ragazzi non hanno problemi di gioco d azzardo. In realtà circa il 4% degli adolescenti ha problemi di gioco d azzardo, questo vuol dire che in una classe di 25 studenti, uno di loro ha un grave problema di gioco. I ragazzi amano molto le scommesse sportive e i gratta e vinci. Tuttavia, questo tipo di giochi d azzardo sono proprio quelli in cui più spesso si rischia di perdere il controllo. Se prendiamo ad es. il gioco dei dadi, ogni lancio del dado è un nuovo evento casuale che non ha nulla a che vedere con il lancio precedente e che neppure influenzerà quello successivo. Un dado infatti ha sempre sei facce e ognuna di queste ha sempre le stesse probabilità di uscire ad ogni lancio (1 su 6). Se consideriamo il gioco del Testa o Croce, vale ancora la stessa regola matematica: la probabilità che esca Testa è uguale a quella che esca Croce, cioè 1 su 2 (1/2). Dopo ripetuti lanci, ad es. dopo quattro eventi Testa, è scorretto ritenere che sia più probabile che esca Croce, questa eventualità è sempre 1 su 2. La probabilità di una successione di cinque Testa consecutive è di (1/2) =1/32, ma 5 questo vale solo prima del primo lancio della moneta. Dopo i primi quattro lanci, i risultati non sono più sconosciuti, per cui non vengono contati; pertanto la probabilità di cinque Testa consecutive è la medesima di quattro Testa consecutive seguite da una Croce. La fallacia dello scommettitore è un errore logico che riguarda l errata convinzione che eventi occorsi del passato influiscano su eventi futuri nell ambito di attività governate dal caso come l azzardo. Il caso non ha memoria!

15 I Giovani e l azzardo Di solito si pensa che se annoti i risultati precedenti, puoi prevedere meglio i risultati futuri. In realtà caratteristica tipica del gioco d azzardo è che ogni evento è indipendente dal precedente. Non esistono i numeri ritardatari perché ogni evento (estrazione) è indipendente dal precedente e dal successivo Poiché i bambini e i giovani crescono in un contesto sociale e familiare in cui il gioco d azzardo è diventato un attività largamente accettata, pubblicizzata e facilmente accessibile, essi pensano che sia un attività priva di conseguenze negative. La legge italiana vieta l azzardo ai minori di anni 18, ciò nonostante, il 53% dei minori acquista facilmente biglietti delle lotterie e Gratta&Vinci che sono inequivocabilmente un gioco d azzardo, senza considerare poi che molti riescono ad arrivare alle slot machine! (1) Contrariamente a quanto si possa pensare, il comportamento di gioco d azzardo problematico colpisce in percentuale maggiore i giovani rispetto agli adulti. Ricerche internazionali (2), ma anche nazionali (1)(3), evidenziano una prevalenza davvero significativa nella popolazione giovanile che mostra segni di grave gioco problematico tra il 4 e l 8%, mentre un ulteriore quota compresa tra il 10 e il 14% risulta essere a rischio di svilupparlo. Studi retrospettivi evidenziano che i giocatori d azzardo eccessivi hanno iniziato a giocare molto precocemente, spesso in età comprese tra i 10 e i 19 anni(5). I giovani, più degli adulti, mostrano la propensione ad accettare il rischio e quindi hanno maggiori probabilità di coinvolgersi in attività illecite per procurarsi il denaro utilizzato per il gioco e di sviluppare una dipendenza da esso, nonché di usare sostanze in maniera rischiosa(6). Alcune caratteristiche tipiche degli adolescenti infatti, possono essere fattori di rischio per lo sviluppo del gioco problematico come lo sono: la ridotta capacità di autocontrollo, di accettazione delle regole sociali, la maggior facilità a sviluppare dipendenza, la tendenza a ricercare sensazioni particolari e di non valutare a pieno le conseguenze delle proprie azioni, compreso il gioco d azzardo. (1) Nomisma-Osservatorio Gioco&Giovani, Settembre 2009 (2),(3),(4), (5),(6) Studi di J. Derevenski,Gupta e al., Canada, su citazione di D.Capitanucci, tratto dal sito dell Associazione AND-Azzardo e Nuove Dipendenze:www.andinrete.it

16 Di solito si pensa che. se stai perdendo non è importante, infatti se insisti a giocare riuscirai a recuperare i tuoi soldi In realtà.. è vero il contrario, anche se occasionalmente puoi fare qualche vincita, quanto più tempo e quanto più denaro giochi, tanto più finirai col perdere. Restituiscono mediamente il 70 % dell incasso nell arco di partite, ovvero 2 giorni e mezzo di gioco ininterrotto. Non è prevedibile quando la slot pagherà. Molte piccole vincite sono più probabili di una vincita grossa. Il giocatore tende a non incassare le piccole vincite ma a giocarle di nuovo. Tutto è regolato da algoritmi matematici, non esiste un abilità reale. In realtà la macchinetta restituisce mediamente il 25-30% del giocato. Se aveste ad es. un gioco impostato in modo che vi sia una vincita su dieci e voi giocate 1 vincendo 5, non ha senso continuare a giocare, perché anche giocando 1000 volte, vincereste 100 volte (500 ), ma perdereste 900 volte (900 ) per un totale di 400 persi. Tutti i giochi sono basati su queste probabilità e su un ritorno tra valore giocato e valore vinto che favorisce il banco e i gestori.

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico

Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Lavagna - Ex Istituto Marini Guida ai Servizi sul Gioco d Azzardo Patologico Lie/ Bet Questionnaire 1. Hai mai sentito l impulso a giocare somme di denaro sempre

Dettagli

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013

DA PASSATEMPO. Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA. Rovigo 8-Giugno 2013 DA PASSATEMPO A DIPENDENZA Andrea Finessi Direttore Dipartimento per le Dipendenze Azienda ULSS 19 ADRIA Rovigo 8-Giugno 2013 LE DIMENSIONI DEL FENOMENO GIOCO D AZZARDO 1. In Italia il gioco d azzardo

Dettagli

LIBERA / VENETO seminario di formazione CALALZO 21 settembre 2013 QUANDO LE MAFIE FANNO IL LORO GIOCO

LIBERA / VENETO seminario di formazione CALALZO 21 settembre 2013 QUANDO LE MAFIE FANNO IL LORO GIOCO LIBERA / VENETO seminario di formazione CALALZO 21 settembre 2013 QUANDO LE MAFIE FANNO IL LORO GIOCO Dr. GIORGIO CUCCIA Psicologo - psicoterapeuta Direttore del SER.T. Cittadella - Camposampiero LUDOPATIA?

Dettagli

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE

GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE GIOCA PER TE E NON CONTRO DI TE Differenze tra gioco sano e patologico: inquadramento diagnostico CONVEGNO: "LUDOPATIA TRA SOCIETA E TERAPIA" Pieve Emanuele, 23 Novembre 2013 Dott.ssa Beatrice Peroni DEFINIZIONE

Dettagli

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza

Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1. gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 1 gioco d azzardo, da divertimento a dipendenza Asl8_AW_Azzardo:Layout 1 10/07/12 16.09 Pagina 2 2 con il gioco? Ecco un breve questionario per valutare la

Dettagli

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2

Elsa Marcaccini. Psicologa psicoterapeuta. Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Elsa Marcaccini Psicologa psicoterapeuta Dipartimento di Patologia delle Dipendenze «C. Olievenstein» ASL TO 2 Intervento presentato al Convegno «A che gioco giochiamo», organizzato dal Forum del Volontariato,

Dettagli

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO

E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO E ancora un gioco? Dipartimento Dipendenze Az. USL8 AREZZO Elisa Casini 1, Fiorenzo Ranieri 2 Campione e metodi Il campione di ricerca è costituito da 384 soggetti di età compresa tra i 16 e i 20 anni

Dettagli

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8

Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Dr. Alessandra Alberti Ser.T. zona Valtiberina Dip.to Dipendenze A.USL 8 Normalmente azzardo perché il gioco d azzardo è anch esso una forma di gioco normale, ma anche perché possiamo dire che in qualche

Dettagli

RISULTATI DELLA RICERCA

RISULTATI DELLA RICERCA RISULTATI DELLA RICERCA 2011 Ricerca nazionale sul gioco d'azzardo 2011- Ricerca nazionale sulle abitudini di gioco degli italiani - curata dall Associazione Centro Sociale Papa Giovanni XXIII, e coordinata

Dettagli

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico

Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Realizzato nell ambito del programma generale di intervento 2010 della Regione Lazio con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Ludopatia Per ludopatia (o gioco d azzardo patologico)

Dettagli

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus

A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus A che gioco giochiamo? di Alessandra Campitelli Psicologa, counselor Associazione Ama Frentania Onlus I messaggi che ci arrivano Che cos è il gambling patologico È una dipendenza comportamentale ( dipendenza

Dettagli

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino

Il gioco d azzardo. Aspetti generali e situazione in Trentino Il gioco d azzardo Aspetti generali e situazione in Trentino A cura dell Osservatorio per la salute Dipartimento politiche sanitarie Provincia autonoma di Trento Trento, 29 dicembre 2012 Il gioco d azzardo

Dettagli

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso

gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso IL GIOCO D AZZARDO Il gioco d azzardo in Italia è un problema serio che va affrontato e risolto; esso cresce giorno per giorno, portando molte persone a bruciarsi il proprio stipendio in 10 minuti, guadagnato

Dettagli

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco

Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate Il progetto di legge regionale

Dettagli

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile!

L importante è... ...evitare gli eccessi. Guida al gioco. ...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! L importante è......evitare gli eccessi...divertirsi responsabilmente!...prevenire il gioco minorile! Guida al gioco RESPONSABILE RISERVATO AL RICEVITORE aams aams aams Per diffondere il gioco responsabile,

Dettagli

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento

Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Scheda di Contatto LIG - Lazio In Gioco Sportelli Regionali di Ascolto / Orientamento Con l'ausilio di questa scheda gli sportelli di ascolto, orientamento ed animazione sociale sul gioco d'azzardo patologico

Dettagli

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder

La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani. Simone Feder La diffusione del gioco d azzardo tra i giovani Simone Feder 2004: Fabio Fabio, un ragazzo di 15 anni chiedeva un consiglio per aiutare suo padre, caduto da alcuni mesi in una rete sconosciuta che catturava

Dettagli

Il costi sociali del gioco d azzardo

Il costi sociali del gioco d azzardo Il costi sociali del gioco d azzardo Roma, 4 dicembre 212 Matteo Iori CONAGGA «Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo» Italia fra i primi paesi al mondo per spesa procapite Nel 211 il mercato

Dettagli

E ancora un gioco? Report della ricerca

E ancora un gioco? Report della ricerca CONCORSO PER LE SCUOLE MEDIE SUPERIORI a.s. 2010/2011 E ancora un gioco? Report della ricerca Dott.ssa Elisa Casini Psicologa Ricercatrice Centro Documentazione Ser.T. Arezzo Ce.Do.S.T.Ar. Dipartimento

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

I LUOGHI DEL GIOCO, LE CARATTERSITICHE DEI GIOCHI (Art. 18, 19, 20)

I LUOGHI DEL GIOCO, LE CARATTERSITICHE DEI GIOCHI (Art. 18, 19, 20) TUTELA DELLA SALUTE DEGLI INDIVIDUI Le persone più fragili vanno protette, ai minorenni deve essere impedito davvero di giocare, la pubblicità deve essere fortemente regolata (art. 4,5,6) I giocatori patologici

Dettagli

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta

La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta La classe 1 A Liceo Musicale Grosseto polo L. Bianciardi presenta Il business del gioco in Italia è enorme e in rapida crescita: nel 2001 la raccolta annua era pari a 14 miliardi di euro. Oggi ammonta

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

QUANDO IL GIOCO D AZZARDO E UN PROBLEMA UNA GUIDA PER LE FAMIGLIE

QUANDO IL GIOCO D AZZARDO E UN PROBLEMA UNA GUIDA PER LE FAMIGLIE QUANDO IL GIOCO D AZZARDO E UN PROBLEMA UNA GUIDA PER LE FAMIGLIE Una pubblicazione realizzata dal Gruppo di Ricerca Veneto sul Gioco d Azzardo Patologico. Testo e ricerca grafica: Caterina Forza, Dipartimento

Dettagli

Il gioco: dalla normalità alla patologia

Il gioco: dalla normalità alla patologia Il gioco: dalla normalità alla patologia 1 Zingarelli 2009 GIOCO Ogni attività compiuta da bambini o adulti per svago, divertimento o sviluppo di qualità fisiche o intellettuali All'estrazione del Lotto

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est che gioca e scommette OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est che gioca e scommette Il Gazzettino, 20.07.2010 NOTA METODOLOGICA I dati dell'osservatorio sul Nord Est, curato da Demos & Pi, sono stati rilevati attraverso un sondaggio

Dettagli

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO

ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO ADOLESCENTI E GIOCO D AZZARDO Un fenomeno in crescita: qualche dato Il rapporto Eurispes 2007 conferma le preoccupazioni sulla diffusione delle conseguenze del gioco sui giovani e riporta dati allarmanti

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015

Epidemiologia del gioco d azzardo in Campania ed indirizzi regionali. Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Formazione sul GAP ed indirizzi regionali Dott. Biagio Zanfardino (Funzionario regionale) 24 gennaio 2015 Direzione Generale per la Tutela della Salute U.O.D. «Interventi sociosanitari» 1 NORMATIVA STATALE

Dettagli

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE

GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE GIOCO D AZZARDO: RISCHIO SPERANZA E ILLUSIONE CONFERENZA STAMPA DEL 12 NOVEMBRE 2014 PRESENTAZIONE DEI PRIMI RISULTATI DELLA RICERCA A cura di Paolo Molinari e Anna Zenarolla, IRES FVG Impresa Sociale

Dettagli

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG

Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014. Paolo Molinari, IRES FVG Ricerca «Ragazzi in gioco» 2014 Paolo Molinari, IRES FVG Un intervento di ricerca azione partecipata Un percorso di ascolto costruito assieme a gruppo di adolescenti e ragazzi (piano di lavoro, strumenti,

Dettagli

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo

www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo www.claudiomarcassoli.it Dott. Claudio Marcassoli Psichiatra e Criminologo 2010 61 MILIARDI DI EURO in ITALIA Di cui 14,382 miliardi in LOMBARDIA SPESI IN PROVINCIA DI SONDRIO 192 MILIONI DI EURO OGNI

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO

CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO CAPITOLO UNO AUTOVALUTAZIONE DELLE ABITUDINI DI GIOCO D AZZARDO Sommario Questo capitolo tratta di gioco d azzardo e di gioco d azzardo problematico. Le esercitazioni di questo capitolo le consentiranno

Dettagli

Servizio Sociale e Prevenzione GAP

Servizio Sociale e Prevenzione GAP 28 ottobre 2014 L azzardo non e un gioco Servizio Sociale e Prevenzione GAP Dr.ssa Cristina Bassini Assistente Sociale Sert Cremona Dr.ssa Irene Ronchi - Psicologa Sert Cremona Dipartimento Dipendenze

Dettagli

A CHE GIOCO GIOCHIAMO

A CHE GIOCO GIOCHIAMO REGIONE MARCHE P R E V E N Z I O N E D E L G I O C O D ʼ A Z Z A R D O P A T O L O G I C O A CHE GIOCO GIOCHIAMO S E N S I B I L I Z Z A Z I O N E, I N F O R M A Z I O N E E F O R M A Z I O N E R I V O

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011. Disposizioni in materia di gioco d azzardo

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011. Disposizioni in materia di gioco d azzardo CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA - ANNO 2011 DISEGNO DI LEGGE, n. Disposizioni in materia di gioco d azzardo D'iniziativa dei consiglieri Mattia Civico, Margherita Cogo, Sara

Dettagli

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile.

Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Gioco Responsabile Uno dei cardini, delle mission aziendali di Flashbet, è quello di garantire un gioco legale e soprattutto responsabile. Partendo dalle regole, sempre chiare e precise, attraverso la

Dettagli

Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo

Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo Coordinamento Nazionale Gruppi per Giocatori d Azzardo - Spett.le Ministero dell Interno All attenzione del Ministro, On. Roberto Maroni - Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze All attenzione

Dettagli

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A

COMUNE DI RUBIERA (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A (Provincia di Reggio Emilia) C O P I A DELIBERAZIONE DELLA N. 67 DEL 26/05/2015. OGGETTO: PIANO REGIONALE PER IL CONTRASTO, LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO DI DIPENDENZA DAL GIOCO PATOLOGICO 2014-2016.

Dettagli

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri

Gioco d azzardo pdl 283 d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri d iniziativa di Claudio Sinigaglia e altri Piano socio sanitario 2012/16 Rappresentano obiettivi di salute prioritari nell arco di vigenza del presente PSSR: a) nell area della prevenzione e promozione

Dettagli

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD)

I GRUPPI DI TERAPIA PER I FAMIGLIE : (UD) I GRUPPI DI TERAPIA PER I GIOCATORI D AZZARDO E LE LORO FAMIGLIE : L ESPERIENZA DI CAMPOFORMIDO (UD) ROLANDO DR. DE LUCA PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA RESPONSABILE DEL CENTRO DI TERAPIA DI CAMPOFORMIDO E-mail

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Pipitone, Marotta DISPOSIZIONI PER LA PREVENZIONE, LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ED IL CONTRASTO

Dettagli

ITIS A.Volta Frosinone

ITIS A.Volta Frosinone ITIS A.Volta Frosinone LE DIPENDENZE DA GIOCO Accanto alle tradizionali forme di dipendenza da sostanze (droghe e alcol) è oggi in costante aumento il fenomeno delle nuove dipendenze o new addictions.

Dettagli

DIPARTIMENTO DIPENDENZE

DIPARTIMENTO DIPENDENZE DIPARTIMENTO DIPENDENZE PIANO DI INTERVENTO TERRITORIALE SUL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO 2014 (Misura 1- DGR n.856/2013 Sensibilizzazione e informazione della popolazione) PREMESSA Il presente Piano recepisce

Dettagli

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin)

Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Corso di sensibilizzazione all approccio approccio ecologico-sociale alla promozione del Benessere nella Comunità (mutuato da Metodo Hudolin) Lunedì 12 settembre venerdì 16 settembre 2011 GLI ITALIANI

Dettagli

Malati di gioco d azzardo

Malati di gioco d azzardo 1 di 6 28/05/2012 10.09 condividi con chi vuoi Speciale Malati di gioco d azzardo Si dice che il 61,5% di coloro che appassionatamente si dedicano al gioco d azzardo (costituito sia dal cosiddetto gratta

Dettagli

Scommesse e concorsi a pronostico

Scommesse e concorsi a pronostico Scommesse singole ippiche e sportive Scommesse e concorsi a pronostico La percentuale di probabilità di vincita si ricava dal rapporto tra il singolo esito e il numero di esiti possibili, ovvero: (Singolo

Dettagli

Non importa quando giochi al videopoker oppure quante volte ci giochi. Non importa quanto denaro viene messo nella macchinetta.

Non importa quando giochi al videopoker oppure quante volte ci giochi. Non importa quanto denaro viene messo nella macchinetta. Italian Capire il videopoker Giocare in modo sicuro e conoscere i propri rischi Non importa quando giochi al videopoker oppure quante volte ci giochi. Non importa quanto denaro viene messo nella macchinetta.

Dettagli

Il Gioco d'azzardo. -dott. Lorenzo Savignano- Il Gioco d Azzardo. Aspetti di Neuroscienze

Il Gioco d'azzardo. -dott. Lorenzo Savignano- Il Gioco d Azzardo. Aspetti di Neuroscienze Il Gioco d Azzardo Aspetti di Neuroscienze Dott. Lorenzo Savignano Neuropsichiatra Infantile, SerT ASL Avellino Avellino, 18 Aprile 2015 Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM-5) Il

Dettagli

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo

Gambling. Brevi riflessioni. D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Brevi riflessioni D.ssa Albina Prestipino Responsabile Area Altre Dipendenze Dipartimento delle Dipendenze ASL di Bergamo Il gioco è un attività piacevole un modo divertente per trascorrere il tempo libero

Dettagli

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino

I giovani e il gioco d azzardo in Ticino 1 I giovani e il gioco d azzardo in Ticino Analisi delle abitudini di gioco dei giovani tra 14 e 25 anni a livello cantonale Emiliano Soldini 2 Obiettivi dell indagine (1) I risultati emersi dallo studio

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818. Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo»

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818. Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo» Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 818 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore PEDICA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 24 GIUGNO 2008 Disposizioni in materia di esercizio del gioco del «Bingo»

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura

Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura Il gioco patologico: il fenomeno, la diffusione, la cura Luciana Monte, Marzia Spagnolo, Pippo Dipartimento Patologia delle dipendenze ASL TO 3 Servizio Spazio Altrove Disturbo da gioco d'azzardo DSM

Dettagli

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO

CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO CAPITOLO TRE IL MIO MODO DI GIOCARE E LE ESCHE CHE MI ATTIRANO Sommario Nel primo capitolo di questo quaderno lei ha ritenuto che il gioco d azzardo sta causando problemi nella sua vita. Si è posto obiettivi

Dettagli

Quando la passione. diventa business

Quando la passione. diventa business Quando la passione diventa business CONCESSIONE AAMS N 3597 PIANO MARKETING 2010 L azienda Newgioco è un'azienda giovane ed affidabile, con 11 anni di esperienza, che ha fatto della scommessa on line il

Dettagli

Alterazione dei processi cognitivi emozionali nel giocatore

Alterazione dei processi cognitivi emozionali nel giocatore Alterazione dei processi cognitivi emozionali nel giocatore Il Trattamento Secondo gli studi l approccio che ha dato migliori risultati è quello cognitivo comportamentale 18/04/2015 Formazione MMG Ciro

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI?

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? LA FAMIGLIA LA RETE SOCIALE IL DENARO IL TUTORAGGIO ECONOMICO: INTERVENTO NECESSARIO PER LA CURA DEL GIOCATORE Arezzo, 10 Agosto 2006 Dott.ssa Donatella Frullano

Dettagli

L azzardo non èun gioco

L azzardo non èun gioco L azzardo non èun gioco Gioco d azzardo legale e rischio dipendenza tra le persone over 65 incontrate da Auser Torino, Fabbrica delle e 3 marzo 2014 1 Gioco d azzardo -il giocatore punta qualcosa, -la

Dettagli

Delibera Numero 36 del 31/03/2016

Delibera Numero 36 del 31/03/2016 COMUNE DI FIORANO MODENESE Provincia di Modena Delibera Numero 36 del 31/03/2016 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : ISTITUZIONE DEL TAVOLO TECNICO PER LA PROGETTAZIONE DI AZIONI PER

Dettagli

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani

Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Presentazione Rapporto Nomisma 2009 Gioco & Giovani Le principali indicazioni emerse dal Rapporto Paolo Bono Nomisma Mercoledì 30 settembre 2009 CONI Comitato Olimpico Nazionale Italiano IL MERCATO DEI

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che

MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA. Premesso che MOZIONE ex Art. 109 Misure di prevenzione del gioco d azzardo patologico L ASSEMBLEA CAPITOLINA Premesso che - dalla Legge n. 220 del 13 dicembre 2010, emerge la necessità che il Ministero dell Economia

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013

Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare 16 maggio 2013 Gioco d azzardo d e dipendenzad Presentazione del Report In Breve n. 11/2012 alla IV Commissione consiliare Lo scopo di una Informativa Breve La collana In Breve fornisce ai Consiglieri regionali informazioni

Dettagli

Negli ultimi decenni la

Negli ultimi decenni la Ilgioco nonvale lacandela Un progetto dell associazione Arciragazzi di Roma ha l obiettivo di intervenire sulle problematiche legate al gioco d azzardo soprattutto quello che coinvolge i più giovani di

Dettagli

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO

MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO MANUALE PRATICO DI SOPRAVVIVENZA AL GIOCO D AZZARDO 1 N el corso degli ultimi anni il gioco d azzardo ha assunto un volume di enormi proporzioni sociali ed economiche. Pur essendo una pratica antica, è

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE

IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) DEFINIZIONE IL GIOCO D AZZARDO PUO NON ESSERE PATOLOGICO. DIVENTA PATOLOGICO QUANDO CREA DIPENDENZA NEL SOGGETTO E PROCURA SOFFERENZA INDICE DI PATOLOGIA STA NEL FATTO

Dettagli

Proposta di legge. gennaio 2012

Proposta di legge. gennaio 2012 Proposta di legge Norme per la prevenzione, il contrasto e il trattamento della dipendenza dal gioco d azzardo patologico, nonché delle problematiche e delle patologie correlate. di iniziativa dei consiglieri:

Dettagli

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI!

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI! 0,00 Gruppo di lavoro GIOCO D AZZARDO Patologico AMO I TUOI SOLDI! Indice X 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 X 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23

Dettagli

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI!

0,00. Gruppo di lavoro AMO I TUOI SOLDI! 0,00 Gruppo di lavoro GIOCO D AZZARDO Patologico AMO I TUOI SOLDI! Indice Introduzione Il mercato del gioco d azzardo Che cos è il gioco d azzardo? Gli effetti dei giochi d azzardo quanto sono veramente

Dettagli

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia

Il gioco online in Italia. Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Il gioco online in Italia Carlo Gualandri Presidente e Amministratore Delegato Gioco Digitale e bwin Italia Titolo, Le nuove Capri frontiere 8-9 ottobre del mercato consumer, Capri 8 ottobre 2009 Il gioco

Dettagli

Comune di Bologna Segreteria Generale

Comune di Bologna Segreteria Generale N. O.d.G. 377/2013 Adottato il: 11/11/2013 PG.N. 173946/2013 Comune di Bologna Segreteria Generale OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DAL SINDACO E DALLA GIUNTA PER L'ADESIONE AL MANIFESTO DEI SINDACI

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Analisi dei risultati Il profilo degli adolescenti: ancorati alla famiglia e proiettati nel web La fotografia degli adolescenti italiani

Dettagli

L esperienza clinica di un Ser.T.

L esperienza clinica di un Ser.T. L esperienza clinica di un Ser.T. Gioacchino Scelfo Con questo mio intervento vorrei tentare di offrirvi qualcosa che possa esservi utile nella vostra attività clinica. Vorrei provare a raccontare quanto

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

PICCOLO MANUALE PER IL GIOCATORE E LA SUA FAMIGLIA

PICCOLO MANUALE PER IL GIOCATORE E LA SUA FAMIGLIA PICCOLO MANUALE PER IL GIOCATORE E LA SUA FAMIGLIA Giocare (dico del gioco grosso, il gioco d azzardo che può portare la fortuna favolosa o l irrimediabile precipizio), giocare non è divertente, nel senso

Dettagli

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO

FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO FASE A - QUALITATIVA GLI ADOLESCENTI ITALIANI E IL GIOCO D AZZARDO Sintesi dei risultati L indagine sul gioco d azzardo, commissionata dall Autorità Garante per l Infanzia e l Adolescenza, restituisce

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

Indagine DOXA effe1uata per conto dell IsGtuto Superiore di Sanità, in collaborazione con: L IsGtuto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri

Indagine DOXA effe1uata per conto dell IsGtuto Superiore di Sanità, in collaborazione con: L IsGtuto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Indagine DOXA effe1uata per conto dell IsGtuto Superiore di Sanità, in collaborazione con: L IsGtuto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri Distribuzione percentuale del campione in base all abitudine

Dettagli

REGIONE SICILIANA PRESIDENZA

REGIONE SICILIANA PRESIDENZA REGIONE SICILIANA PRESIDENZA 1 PREFAZIONE Gioco, piccola parola che, se consultiamo il vocabolario, significa attività piacevole a cui si dedicano adulti o bambini, da soli o in compagnia, per passatempo

Dettagli

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo

Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Allegato 2 Proposta di modello standard per la raccolta di dati aggregati relativi ai pazienti con gioco d azzardo Viene di seguito riportata la proposta sviluppata dal Dipartimento Politiche Antidroga

Dettagli

Disturbo del controllo degli impulsi

Disturbo del controllo degli impulsi Disturbo del controllo degli impulsi La caratteristica fondamentale del Disturbo del Controllo degli Impulsi è l incapacità di resistere ad un impulso, un desiderio impellente o alla tentazione di compiere

Dettagli

Seminario ANCI Comunità versus Giochi? Firenze, 16 novembre 2012 Intervento del Presidente nazionale A.Ge.

Seminario ANCI Comunità versus Giochi? Firenze, 16 novembre 2012 Intervento del Presidente nazionale A.Ge. Seminario ANCI Comunità versus Giochi? Firenze, 16 novembre 2012 Intervento del Presidente nazionale A.Ge. Intervengo in questa sede non come addetto ai lavori giurista, gestore, amministratore, operatore

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

www.servizisocialionline.it ARTICOLI DI SERVIZIO SOCIALE Gioco d azzardo e disagio sociale: Qual è il prezzo del rischio? di Paolo Gandolfo*

www.servizisocialionline.it ARTICOLI DI SERVIZIO SOCIALE Gioco d azzardo e disagio sociale: Qual è il prezzo del rischio? di Paolo Gandolfo* www.servizisocialionline.it ARTICOLI DI SERVIZIO SOCIALE Gioco d azzardo e disagio sociale: Qual è il prezzo del rischio? di Paolo Gandolfo* La problematica della dipendenza dal gioco d azzardo è divenuta

Dettagli

Gratta e vinci, slot machine, lotto, corse. Combatti la febbre da gioco.

Gratta e vinci, slot machine, lotto, corse. Combatti la febbre da gioco. Gratta e vinci, slot machine, lotto, corse. Combatti la febbre da gioco. www.regione.piemonte.it/sanita Giocare è naturale, ma a giocare troppo ci si può scottare. Il gioco è un momento importante per

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli

PROGETTO DI LEGGE N. 0161. di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8228 PROGETTO DI LEGGE N. 0161 di iniziativa dei consiglieri regionali: Alfieri, Azzi, Girelli, Borghetti, Barboni, Puricelli Norme per la prevenzione,

Dettagli

«Il fenomeno del gambling e le buone prassi» 15 ottobre 2013 ANCONA. Costante aumento di giochi su proposte politiche

«Il fenomeno del gambling e le buone prassi» 15 ottobre 2013 ANCONA. Costante aumento di giochi su proposte politiche «Il fenomeno del gambling e le buone prassi» 15 ottobre 2013 ANCONA di Matteo Iori Associazione Onlus «Centro Sociale Papa Giovanni XXIII» Presidente dell Associazione Onlus Centro Sociale Papa Giovanni

Dettagli

12. Diagnosi e valutazione

12. Diagnosi e valutazione 12. Diagnosi e valutazione L aspetto diagnostico riveste una particolare importanza in questa patologia, non solo per gli aspetti primari, cioè quelli relativi al gioco d azzardo e al suo indice di gravità,

Dettagli

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO

DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO PENSO DUNQUE SCELGO! PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SALUTE LA PREVENZIONE ALL USO E ABUSO DI ALCOL NEI GIOVANI DELLE SCUOLE SECONDARIE DI I GRADO In collaborazione con: Acat 23 di Piove di Sacco Dipartimento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO

COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO COMUNICATO STAMPA DEL 28.02.2013 SUL GIOCO D AZZARDO Invito alla Conferenza Stampa per il giorno venerdì 01 marzo 2013, alle ore 12, presso la sala giunta, al primo piano di Villa Rana, in via Roma 6 a

Dettagli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli

Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Adolescenti e rischio: quali i rischi più diffusi e come affrontarli Albino Caldato Mira 16 maggio 2012 Servizio Educazione e Promozione della Salute GIOVANI: DI CHI STIAMO PARLANDO? PRE-ADOLESCENZA (11-14

Dettagli

PROGETTO GIOVANI e AZZARDO. una dipendenza sempre più diffusa

PROGETTO GIOVANI e AZZARDO. una dipendenza sempre più diffusa PROGETTO GIOVANI e AZZARDO una dipendenza sempre più diffusa 25 novembre 2014 Autori del Progetto Luigi Macchia Aldo Rescinito Cono Federico Si ringraziano per l interesse dimostrato verso il progetto:

Dettagli

NOTE INFORMATIVE SULLE PROBABILITA DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA

NOTE INFORMATIVE SULLE PROBABILITA DI VINCITA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA DEI GIOCHI PUBBLICI CON VINCITE IN DENARO OFFERTI DALLA RETE LOTTOMATICA PROBABILITA DI VINCITA La probabilità di vincita è qui definita, gioco per gioco, in funzione delle singole specificità. Per i giochi

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli