I RAPPORTI TRA IMPRESE E SOCIETÀ CIVILE TRA OTTIMISMO, PESSIMISMO E RUOLO DELLE BUSINESS SCHOOL

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RAPPORTI TRA IMPRESE E SOCIETÀ CIVILE TRA OTTIMISMO, PESSIMISMO E RUOLO DELLE BUSINESS SCHOOL"

Transcript

1 I RAPPORTI TRA IMPRESE E SOCIETÀ CIVILE TRA OTTIMISMO, PESSIMISMO E RUOLO DELLE BUSINESS SCHOOL Di Davide Nespolo Il dibattito sul capitalismo responsabile e piu o meno vecchio quanto il capitalismo. E facile notare pero quanto si sia esteso da alcuni anni ad oggi, in maniera graduale ma via via crescente. Una rapida ricerca su internet, inserendo nel motore di ricerca l'espressione Corporate Social Responsibility, restituisce oggi quasi 9 milioni di documenti; cinque anni fa, ad esempio, la stessa ricerca si fermava alla cifra (gia ragguardevole..) di 1 milione e 800 mila. Nelle sue diverse articolazioni relative alla Corporate Governance, alla responsabilità sociale d'impresa (C.S.R.) ed all'orientamento al lungo termine a beneficio di tutti i portatori d'interessi (Stakeholders), il dibattito sul capitalismo responsabile e stato alimentato, nell ordine: dagli scandali societari degli anni settanta, dalle ricerche sull'inefficacia dei sistemi di governance delle imprese ad azionariato diffuso, dagli scandali societari degli anni ottanta, sempre negli anni ottanta, dalla perdita di competitività delle imprese anglosassoni nei confronti di quelle tedesche e giapponesi, più orientate allo sviluppo della qualità nel mediolungo periodo, dagli scandali societari degli anni novanta, dall'ondata di takehover ostili, fusioni, acquisizioni e ristrutturazioni aziendali iniziate nei medesimi anni novanta, dalla crescita esponenziale nei differenziali retributivi tra top manager e dipendenti, dagli scandali societari degli anni duemila, da ultimo, dalla crisi finanziaria del , che ha messo in luce ancora una volta le pratiche rischiose di un capitalismo senza freni e senza confini. Se è lecito dubitare dei risultati concreti di tutto questo dibattere, è comunque innegabile che ad ogni ondata il dibattito ha allargato il suo raggio d'azione. Se infatti inizialmente il tema interessava una ristretta cerchia di addetti ai lavori, prevalentemente anglosassoni, oggi solletica l interesse di ampie porzioni dell opinione pubblica globalizzata, nella quale crescono di pari passo la percezione di quale influenza senza precedenti hanno le grandi corporations sulle importanti questioni globali, e la sfiducia nell'integrità loro e del loro management. Eppure si potrebbe dire che il mondo delle aziende sia stato in fondo al centro dello sviluppo economico e sociale degli ultimi 200 anni, inclusi i suoi profili di salute, longevità e mortalità infantile. Un tempo i principali rappresentanti del mondo economico, imprenditori e manager di aziende che in massima parte conservavano un legame con il paese ed il territorio nel quale si erano sviluppate, non avevano bisogno di spendersi in iniziative filantropiche visibili per vedersi riconosciuto un ruolo sociale, di benefattori, magari sottolineato dalla concessione di un titolo di rilievo pubblico. Oggi il mondo occidentale sviluppato e invece sempre più, giustamente, preoccupato dalle esternalità negative dello sviluppo, prima di tutto in termini di sfruttamento delle risorse e degrado ambientale, e fatica ad attribuire un ruolo sociale alle imprese con altrettanta facilità che in passato. Tanto che anche quando si pensa ai paesi in via di sviluppo cio che viene prima alla mente non e il legame tra sviluppo economico e miglioramento delle condizioni umane, ma sono fattori quali la 1

2 differenza negli standard lavorativi rispetto a quelli del mondo occidentale, la disordinata urbanizzazione, il permanere di enormi squilibri sociali. Proliferano quindi i codici di condotta e gli standard internazionali, le normative e le raccomandazioni, le certificazioni e le classificazioni, e non da ultimo le partnership e le collaborazioni tra imprese e società civile. Per gli ottimisti, questo rappresenta la prova di come la responsabilità si sta gradualmente muovendo verso il centro della scena. Gli scettici, al contrario, notano come nonostante tutto essa rimanga troppo marginale e troppo volontaria per fare una differenza reale nel comportamento delle imprese. Di fronte a tutto ciò noi persone comuni, che osserviamo il tema magari nel doppio ruolo di cittadini e dipendenti d azienda, rischiamo di oscillare in continuazione - a seconda dell ultima informazione o sollecitazione ricevuta - passando da un ottimismo un po ingenuo ad un pessimismo un po arrogante, di volta in volta sollecitati da l uno o l'altro aspetto di una materia multiforme ed ancora liquida, il cui contenuto è in continua evoluzione. Estremizzando, le due ipotesi contrapposte si potrebbero forse sintetizzare cosi : da un lato, credere che siamo davvero agli albori di una nuova forma di capitalismo un Capitalismo 2.0, come qualcuno lo chiama capace di essere responsabile verso la società e l'ambiente naturale, ed anzi di offrire un contributo decisivo alla risoluzione dei grandi problemi dell'umanità dall altro, accettare al contrario come un dato di fatto che saremmo ormai in una lunga o breve, ma comunque inarrestabile corsa verso il baratro, che sarebbe dimostrata dal perenne ripetersi degli scandali economico-finanziari, dalla percezione di un incombente disastro ecologico, e dalla continua crescita di disoccupazione e diseguaglianza nel mondo sviluppato. Perché, alla fine, la dipendenza del capitalismo dalla massimizzazione perpetua dei profitti lo porrebbe inerentemente in contrasto con la società e l'ambiente. L'IPOTESI OTTIMISTA Agli ottimisti è sufficiente da un lato osservare la grande diffusione raggiunta dalle attività legate a CSR e sostenibilita, e dall altro notare che il discorso sulle pratiche di impresa responsabile, originariamente nato ai margini delle attività core di impresa, si sta gradualmente spostando in posizione sempre più centrale e strategica. Per quanto riguarda il primo punto - la diffusione crescente delle attivita di CSR - basta guardare alle statistiche. Secondo la Corporate Responsibility Officers Association (CROA), associazione internazionale che riunisce i professionisti di CSR, il 65% delle aziende europee ha ormai una funzione dedicata esclusivamente alla responsibilità sociale, molto spesso collocata a diretto riporto dell'amministratore Delegato, e quasi il 70% ha almeno un prodotto/servizio il cui marketing si basa su un messaggio responsibility related 1. Questa crescita avrebbe giustificazioni non solo etiche ma anche puramente economiche. Come i sostenitori della CSR non mancano di sottolineare, infatti, le buone pratiche non solo non sarebbero un extra-costo, ma costituirebbero al contrario un vantaggio economico per le imprese che le adottano. La loro adozione su larga scala sarebbe quindi col tempo inevitabile. A conferma di cio una quantita di studi sottolinea, dati alla mano, la correlazione tra pratiche di CSR e performance finanziaria delle aziende. E innumerevoli società di consulenza e rating propongono classificazioni in base ai piu vari indici di responsabilita e sostenibilita, al fine di guidare gli investimenti verso i titoli più etici. Ethisphere, ad esempio, e un importante think-tank dedicato ad etica e sostenibilita nel mondo del business, che riunisce oltre 200 tra corporations, universita e istituzioni, e pubblica una classifica annuale delle Imprese piu etiche al mondo 2. Il report dimostra come le percentuali medie di 2

3 profitto di queste imprese siano state sempre migliori rispetto a quelle della media delle imprese nell elenco delle Standards & Poors 500 costantemente dal 2007, quando la ricerca e iniziata. Ma ancora piu della crescita quantitativa e importante la crescita qualitativa della sostenibilita, o meglio il suo progressivo spostarsi verso una posizione piu centrale nel quadro delle strategie aziendali. Da questo punto di vista e ad esempio particolarmente interessante notare l intensita con cui i piu noti Management Guru ossia gli autori di best seller della letteratura d impresa piu popolari tra consulenti e manager si sono occupati negli ultimi anni di responsabilita sociale e sostenibilita. Seguendo l esempio di Peter Drucker, precursore del management responsabile, negli ultimi anni da Charles Handy 3, allo studioso delle configurazioni organizzative e del mito e realta del lavoro manageriale Henry Mintzberg 4, alla ex direttrice dell Harvard Business Review, Rosabeth Moss Kanter 5, autrice di alcuni tra i volumi piu influenti sul cambiamento nelle organizzazioni, al profeta della learning organization Peter Senge 6, al guru del vantaggio competitivo Michael Porter 7, i principali leader del pensiero manageriale hanno fatto a gara ad analizzare e ristrutturare con passione il ruolo dell impresa nei confronti della società. Al di là dei contenuti piu o meno pregevoli, questa è una buona notizia di per se : apparentemente le punte più avanzate del pensiero manageriale stanno tracciando la via; cio che sarà da vedere e se i top managers la seguiranno tanto quanto hanno fatto in passato. Un esempio su tutti e quello di Michael Porter, uno dei piu autorevoli e seguiti studiosi di strategie d impresa. Nell articolo di copertina della Harvard Business Review di gennaio-febbraio , Porter incita le imprese a ripensare radicalmente il proprio ruolo, ridefinendo le loro strategie per generare valore economico con iniziative che indirizzino al tempo stesso qualcuno dei grandi problemi della società e dell'ambiente. La big idea che può essere all'origine della prossima grande trasformazione del pensiero manageriale e secondo Porter quella della creazione di valore condiviso tra imprese e società civile. Se solo il management delle grandi imprese aprirà gli occhi sugli immensi bisogni dell'umanità che ancora non hanno trovato una risposta, nonché sul costo che i deficit sociali rappresentano anche per le imprese, questo aprirà la strada ad una nuova epoca di innovazione e crescita. A supporto della tesi, Porter e il co-autore Mark Kramer citano numerosi esempi di grandi aziende il cui approccio puramente business-oriented non può essere messo in discussione (General Electric, Google, IBM, Intel, Johnson & Johnson, Nestlé, Unilever, Wal-Mart..) che si sono di recente lanciate in importanti sforzi di creazione di valore condiviso. E se il presente e incoraggiante, il futuro non puo che essere migliore. Molti infatti (ad esempio Daniel Goleman, altro guru autore del bestseller Intelligenza Emotiva, anche lui vinto alla causa della sostenibilita con il piu recente Intelligenza Ecologica 9 ) sostengono che l' era della trasparenza creata dallo sviluppo dei mezzi di comunicazione ci consentirà sempre più in futuro di giudicare le corporations in virtù dei loro comportamenti, resi pienamente visibili dalla potenza della rete internet, anziché per i loro soli risultati come e avvenuto fino ad oggi. Questo spazzera via dal mercato per sempre coloro che non riescono a coniugare etica e competitività. Secondo gli ottimisti parrebbe quindi senz ombra di dubbio che stiamo entrando nell'era di un nuovo capitalismo, un capitalismo responsabile e dal volto umano. L'ANTITESI PESSIMISTA Puo essere vero che nel futuro l era della trasparenza favorira i comportamenti sostenibili. Per adesso, pero, la maggior visibilità dei comportamenti delle imprese non ha fatto altro nella realtà che portare alla luce una quantità di malpractices più o meno gravi, con all'apice alcuni grandi scandali. Dai comportamenti alla base dei crack finanziari di Enron o Vivendi, Cirio o Parmalat, alle malpractices nel terzo mondo evidenziate da alcune Organizzazioni Non Governative a carico di grandi multinazionali come Nike o Nestlé, a quelle legate ai disastri ambientali come quelli 3

4 attribuiti a Shell o BP, le vicende dell ultimo decennio sembrerebbero aver dato ragione a coloro che pensano che la dipendenza dalla perpetua crescita dei profitti ponga il capitalismo irrevocabilmente contro la società e l ambiente. Ed anche al di la dell aumentata visibilita dei comportamenti irresponsabili, ci sono gli elementi per ipotizzare che ci sia stato un effettivo incremento delle pratiche non-sostenibili ed anti-etiche 10. L'evoluzione nella struttura del capitale, con il prevalere sempre più pronunciato del debito e degli azionisti di natura puramente finanziaria, ha infatti sempre piu focalizzato le imprese sui profitti di breve termine e sull andamento dei propri titoli sui mercati finanziari globalizzati. Molte delle cattive pratiche all origine degli scandali finanziari sarebbero ricollegabili in ultima analisi a questo focus eccessivo sulla generazione di cassa nel breve e brevissimo termine. Senza contare, al di là dei profili giudiziari, la progressiva perdita di terreno degli attori più deboli, quali dipendenti e fornitori. Ribaltando le tesi degli ottimisti, si potrebbe quindi sostenere 11 che dietro alla crescita degli investimenti in responsabilità sociale d'impresa ci sia in realta proprio la necessità di far fronte (probabilmente senza grande successo) ad un generalizzato calo di popolarità che ha colpito le grandi corporation a seguito degli scandali e dell'incrementata attenzione da parte degli attivisti. Da questo punto di vista le pratiche di responsabilita d impresa sarebbero quindi un espediente esclusivamente strumentale, vicino alle pure e semplici pubbliche relazioni. Ma c e di piu. Anche a non assumere un punto di vista puramente strumentale come quello appena citato, infatti, bisogna riconoscere che è difficile attribuire alle pratiche di CSR come le abbiamo conosciute fino ad oggi un efficacia anche minima nel contribuire a risolvere qualcuno degli urgenti problemi concreti della società. Il ritornello della sostenibilità ha avuto fino ad oggi successo in azienda solo quando non ha comportato scelte particolarmente dolorose. Spesso infatti l aggettivo sostenibile è sinonimo di riduzione costi, e come tale e particolarmente apprezzato dai direttori finanziari. E in piu, a pensarci bene, molto di quanto e uscito negli ultimi anni dai dipartimenti di CSR delle aziende non è in realtà niente di nuovo. Gli investimenti filantropici, la sicurezza e salute sul lavoro, la cura del benessere dei dipendenti, il coinvolgimento del consumatore e delle comunità locali sono qualcosa che era in giro ben prima che l'etichetta di responsabilità sociale gli fornisse un profilo organico. Ciò non significa che gli investimenti non siano aumentati e che le iniziative filantropiche finanziate dal settore privato non abbiano conosciuto una stagione di sviluppo. Assumendo un punto di vista pessimista, pero, ci si potrebbe chiedere quanto questo sia stato concretamente efficace, e quanto possa indicare che e effettivamente in atto un evoluzione nei rapporti tra impresa e societa. Infine anche l argomento, citato sopra, che la responsabilita debba necessariamente imporsi nel lungo termine, in quanto economicamente vantaggiosa per l azienda che la pratica, presenta numerosi punti deboli. Secondo i sostenitori delle buone pratiche questo vantaggio economico passerebbe infatti innanzitutto attraverso un miglioramento dell immagine aziendale, e l impresa quindi ne guadagnerebbe in termini di lealta o fedelta della propria clientela (Customer Loyalty). Da un lato, pero, le evidenze di questo legame tra sostenibilita dell impresa e lealta del cliente sono controverse e, dall altro, anche qualora fossero dimostrate riguarderebbero solo una parte del mercato. Customer Loyalty ed immagine aziendale valgono infatti soprattutto per le aziende che aggrediscono la fascia alta di mercato, ma non per coloro (e nel totale delle scelte dei consumatori sono ancora probabilmente la maggioranza) che basano la propria competitività sui costi. Come se no si spiegherebbe il successo cinese? Dal punto di vista degli economisti le aziende, anche quelle più grandi, non sono fatte per costruire il proprio ambiente, ma per reagire ed adattarsi ad esso per sopravvivere in una competizione. Là dove i consumatori fanno scelte comunque largamente basate sul prezzo, le imprese non faranno altro che adattarsi a tali preferenze. E poiché è verosimile che il prezzo più basso sia operabile da chi produce in modo meno sostenibile (perché non incamera nei prodotti i costi delle esternalità 4

5 sociali e ambientali), è probabile che nel lungo periodo siano gli operatori meno sostenibili a risultare vincitori sul mercato. Questo almeno fino a che non intervenga una regolamentazione generalizzata, che metta tutti gli attori sullo stesso piano obbligandoli a rispettare gli standard minimi definiti. Il problema è ovviamente che nel mondo economico globalizzato gli standard dovrebbero anch'essi essere definiti a livello globale, o almeno al livello di quelle aree nell'ambito delle quali venga praticato il libero scambio di beni e servizi 12. Non si vede però come l'attuale assetto delle istituzioni internazionali, basato ancora sulle diplomazie e sul procedimento della negoziazione tra stati sovrani, possa produrre e far rispettare degli standard che siano diversi da un compromesso sul minimo livello possibile. In sintesi quindi, ed in linea con l'economia neoclassica: le imprese, che sono geneticamente definite per perseguire il massimo profitto, non possono che cercare di adattarsi nel modo migliore al loro ambiente competitivo e di mercato, così come viene definito dai gusti dei loro potenziali consumatori. Il compito di cambiare quell'ambiente dovrebbe spettare invece ad altri enti ed istituzioni, innanzitutto governativi. Questi ultimi però sono oggi bloccati dall'impossibilità di regolare la materia a livello di singolo stato, e dall'incapacità di coordinarsi a livello sovranazionale. In conclusione, in questo quadro fondamentalmente pessimista l'unica opportunita di cambiamento e rappresentata da un mutamento nelle preferenze dei consumatori. Se e quando i gusti dei consumatori cambino, ad esempio in direzione di una maggiore sostenibilità sociale e ambientale dei propri acquisti, le imprese vi si adatteranno rapidamente. Un movimento delle preferenze dei consumatori in tale direzione e sicuramente avvenuto; cio che e difficile pero e misurarne la portata e la profondita. UNA SINTESI: OLTRE I CONFINI? Come si vede, da un punto di vista puramente economico i pessimisti sembrano avere i migliori argomenti. E l accostamento tra economisti e pessimisti non e qui del tutto casuale. L economia e infatti la triste scienza 13 che riduce ogni relazione tra gli esseri umani ai loro rapporti di scambio, dove il singolo ha come unico obiettivo quello di ottenere, nel breve o nel lungo termine, il massimo profitto. Nell economia classica gli attori economici, essendo motivati solo da moventi opportunistici, non hanno motivi razionali per poter agire proattivamente su temi sociali o etici. Questo paradigma e cosi potente nella nostra epoca che e stato applicato perfino ad analizzare e spiegare le scelte di coloro che operano nel mondo della politica 14. Guardando le cose da un punto di vista piu generale, e senza voler fare collegamenti troppo azzardati, verrebbe da affiancarlo al clima di scetticismo e nichilismo che sembrano crescere tra i giovani 15, ed alla constatazione che da tempo sono gli studi e le carriere piu lucrative a farla da padrone nelle scelte universitarie degli studenti. In linea con questo paradigma economico dominante appreso sui banchi di universita e business school, il management delle aziende transnazionali ha cessato per molto tempo di preoccuparsi della comunità al di là dei confini dell'impresa e si è focalizzato solo sul business, quasi che esso fosse un'entità a sé stante, chiusa in se stessa ed autonoma rispetto alla società, che deve rendere conto solo ad un mercato impersonale o ad un azionista che non chiede altro che profitti. Nella teoria economica neoclassica, infatti, perseguire il massimo profitto consentirebbe di per se un'ottimale allocazione delle risorse e per questa via il raggiungimento del massimo beneficio per tutti, mentre gli scopi sociali o etici dovrebbero essere lasciati alle organizzazioni caritatevoli 16. La teoria economica e pero, appunto, una teoria. Nella realtà invece si e spesso osservato quanto la massimizzazione dei profitti possa essere in contrasto con la società in cui l'azienda opera, ed anzi avvenire a spese della società, ad esempio 5

6 distruggendo posti di lavoro anziché crearli. E, anche in conseguenza di cio, lo stesso paradigma degli attori economici mossi solo da moventi opportunistici ha finito per far parte, in forma uguale ed opposta, anche della mentalita degli attivisti. Gli attori del settore pubblico e del terzo settore si sono infatti abituati a vedere le grandi corporations come il nemico, il primo ostacolo alla realizzazione di una società più giusta e sostenibile. Un nemico con il quale interagire solo per fare pressione o negoziare in modo da poter meglio raggiungere i propri scopi (essendo questi scopi, tra l'altro, gli unici scopi davvero degni di essere perseguiti). Nella realta, ovviamente, un tessuto economico sano è necessario ad una società sana e viceversa. Qualunque programma pubblico deve essere affiancato da un tessuto di imprese che funzionano per garantire creazione di posti di lavoro e ricchezza, inclusione e integrazione, innovazione, sviluppo degli individui e mobilità sociale. E dall'altro lato un tessuto economico sano necessita di una società sana, che sia capace di garantire l'educazione, la salute e la presenza di regole del gioco condivise, a protezione sia dei consumatori che delle aziende, ed in fondo a tutto di creare le condizioni a sostegno di una domanda verso cio che le imprese producono. Il problema quindi è anche culturale: vedere l indipendenza o la separazione (e il conflitto) più che l'interdipendenza, sia da parte dei manager che da parte degli esponenti della società civile. Sarebbe invece necessario che i primi non reagissero come se non fosse affare loro quando i problemi sociali vengono introdotti nella loro agenda, e che i secondi non reagissero negativamente quando tali problemi sociali vengano associati alla possibilità di un profitto. Significativamente Peter Drucker, il citato capostipite di tutti i management guru (o il guru dei guru, come e stato anche definito) consigliava a tutti coloro che ambivano a ricoprire ruoli di responsabilita nel settore privato di svolgere periodi di volontariato come strumento di sviluppo personale. Michael Porter, nell articolo citato piu sopra, esorta i leader delle corporations ad un cambio di paradigma, ed a trovare nuovi modi per coniugare profitti e finalita sociali. Porter sottolinea come le aziende siano intrappolate in un approccio obsoleto alla creazione di valore che [...] perde di vista i bisogni più importanti di potenziali clienti ed ignora le influenze più ampie che potrebbero determinare il successo di lungo termine. La soluzione, secondo Porter, sta all' intersezione tra bisogni della società e performance aziendale. Creare valore economico in un modo che crei anche valore per la società, indirizzandone bisogni e sfide 17. Realizzare questo richiede ai manager la capacita di sviluppare nuove conoscenze e capacita. Ad esempio la capacita di analizzare piu in profondita i bisogni della societa, una migliore comprensione delle basi reali della produttivita aziendale, e l abilita di operare attraverso gli attuali confini tra profit e non-profit. Al di la dei periodi di volontariato consigliati da Drucker, questo tipo di conoscenze e capacita in genere non ha pero molto a che vedere con la pratica corrente del lavoro manageriale, e non e quindi acquisibile sul luogo di lavoro. Ha invece a che vedere con un quadro piu ampio, e dovrebbe percio essere oggetto di una formazione specifica. IL RUOLO DELLE BUSINESS SCHOOL Le business school sono, oggi piu che mai, il luogo in cui si formano i futuri leader in ogni campo. Il numero di studenti che conseguono un MBA o un altro dei diplomi rilasciati da una business school e cresciuto drammaticamente, cosi come e cresciuto il numero dei corsi e la loro varieta. Oggi si puo studiare per un MBA part-time, on-line, lavorando, frequentando in piu paesi diversi durante lo stesso corso di studi. E non e piu solo il mondo delle imprese ad attingere alle Business School. Da li escono leader della politica, dell educazione, della sanita, del giornalismo. Si tende infatti a considerare che lo stesso tipo di leadership necessario per avere successo nel mondo del business possa essere applicato anche in altri settori, profit e non profit. Dopo la crisi e gli scandali dei primi anni duemila, vista anche la forte correlazione tra cio che esce 6

7 dalle business school e cio che entra nei board delle aziende, in molti hanno cominciato a chiedersi se cio che viene insegnato negli MBA - e anche cio che non viene insegnato ma forse dovrebbe esserlo - potesse avere un legame con la crisi e con i comportamenti irresponsabili di alcuni top manager 18. Dopotutto Jeffrey Skilling, il presidente di Enron condannato per una delle frodi piu gigantesche della nostra epoca, ha nel suo curriculum un MBA ad Harvard. E le business school hanno a lungo sfornato generazioni di manager per i quali il paradigma anglo-americano del valore per l azionista costituiva un dogma indiscutibile. Tra le accuse che sono state mosse alle business school vi sono quella di creare manager esclusivamente orientati al successo finanziario di breve termine e quella di allenare gli studenti soprattutto a prendere decisioni in tempi brevi ed in base ad informazioni incomplete, in particolare attraverso l utilizzo del metodo dei case study. Questo tipo di allenamento sarebbe utile a sostenere il candidato nell assumere posizioni di comando e responsabilita, ma produrrebbe dall altro lato negli aspiranti manager superficialita, incapacita di valutare con attenzione gli impatti indiretti di ogni decisione, ed in definitiva arroganza 19. In base a queste accuse sembrerebbe quindi non solo che la formazione manageriale non tenga sufficientemente in conto la societa e l ambiente, ma addirittura che molta della business education maggioritaria si basi su assunti ed approcci che sono quasi antitetici alla sostenibilita. La sostenibilita infatti per sua stessa natura dovrebbe basarsi sul lungo termine, nonche sull attenta valutazione degli impatti di ogni decisione sia sull ambiente che sulla societa in cui l impresa opera, mentre le business school sembrerebbero al contrario aver promosso l orientamento al breve termine ed alla valutazione dei soli impatti finanziari. Ma non e tutto. Secondo il modello 70/20/10 del Center for Creative Leadership di Princeton 20 l apprendimento manageriale avviene per il 70% on the job, per il 20% attraverso relazioni individuali che servano da modello o stimolo diretto (incluse le relazioni che oggi si e soliti etichettare in azienda come mentoring e coaching ) e solo per il rimanente 10% attraverso libri e corsi. Una business school che voglia fare la differenza dovrebbe quindi, anziche focalizzarsi sui tradizionali corsi di finanza, marketing e gestione operativa, cercare di utilizzare questo 10% soprattutto per competenze che il luogo di lavoro non potra fornire, e che sarebbero quindi a maggior ragione di responsabilita degli organi di formazione. E soprattutto sui banchi delle business school quindi che leader e aspiranti leader del mondo delle imprese dovrebbero imparare principi e teorie sulla responsabilita sociale. Lo conferma autorevolmente una recente survey condotta da Accenture su oltre 750 Chief Executive Officers di imprese tra le piu grandi del mondo in piu di 100 paesi 21. La survey mostra tra le altre cose come anche la grande maggioranza dei top managers ritenga che la chiave per far avanzare la sostenibilita risiede nel sistema educativo. In conclusione, le business school sono state accusate di non supportare la crescita nella societa di leader piu sostenibili almeno da due diversi punti di vista. Da un lato per quello che spesso insegnano, che non sarebbe particolarmente idoneo a far si che i manager tengano in considerazione l impatto delle proprie scelte sulla societa e sull ambiente in cui l impresa opera. Dall altro per cio che invece esse non insegnano, ma che sarebbero probabilmente le sole a poter fornire su larga scala agli aspiranti leader d azienda. Oggi, in realta, anche sull onda della crisi e delle accuse mosse al sistema di business education, un crescente numero di business school offre programmi di CSR e sostenibilita, sia come parte del curriculum di un programma MBA che come corso a se stante. L Aspen Institute pubblica ad esempio ogni due anni dal 1999 la ricerca Beyond Grey Pinstripes 22, una sorta di classifica mondiale delle business school che analizza tra l altro fino a che punto esse incorporino elementi di sostenibilita nei loro programmi di studi. Nel 2001 le scuole che richiedevano ai propri studenti di seguire obbligatoriamente almeno un corso che trattasse temi etici, sociali o ambientali erano solo il 34%; nel 2007 erano balzate al 63%; nel 2009 erano ulteriormente cresciute al 69%, fino ad arrivare al 79% nel Basta inoltre scorrere i volantini pubblicitari delle scuole per capire come il mondo delle business school abbia ormai affiancato quello delle grandi multinazionali nello sforzo di comunicare 7

8 un immagine etica e sostenibile. Anche in questo caso pero, come nel caso delle aziende, resta da vedere quanto questo possa poi tradursi in un impatto reale. In terzo luogo, segnali di ottimismo vengono anche dall osservazione delle principali istituzioni internazionali nel mondo della business education, ed in particolare di quelle che gestiscono i processi di accreditamento. Tradizionalmente l accreditamento e infatti un tema cui le business school sono particolarmente sensibili, in quanto spesso puo fare la differenza nell indirizzare la scelta degli aspiranti studenti tra una scuola ed un altra. Ad oggi, la sostenibilita non fa ancora parte dei processi di accreditamento, che sono invece focalizzati in genere piu su temi quali l impatto di una scuola sulle opportunita lavorative e retributive degli allievi, o sulla qualita della produzione accademica. Tra 2010 e 2011, tuttavia, ciascuno dei tre principali network internazionali di accreditamento delle business school - dall Association to Advance Collegiate Schools of Business (AACSB) 23, alla MBA Association (AMBA) 24, all European Foundation for Management Development (EFMD) 25 - ha dedicato almeno una delle proprie conferenze annuali ai temi dell educazione alla responsabilita sociale ed alla sostenibilita. Il tema e quindi decisamente all ordine del giorno. Se la sostenibilita verra in qualche modo inclusa anche nei processi di accreditamento delle business school, questo costituira un ulteriore passo avanti per farne un tassello centrale nella formazione dei futuri leader d impresa. Uno dei piu noti concetti della letteratura manageriale e quello sulla differenza tra management e leadership, secondo il quale la prerogativa di un leader e quella saper scegliere di fare la cosa giusta ( doing the right thing ), mentre il semplice manager si limiterebbe a fare bene le cose ( doing things right ) restando all interno di un quadro largamente predeterminato. Se la leadership e qualcosa che si puo apprendere, questa definizione rimanda ad un tipo di apprendimento visto anche come processo di trasformazione personale, che metta ad esempio in grado il futuro leader di pensare oltre i confini, anziche ad un apprendimento visto come accumulazione di conoscenze e competenze che possano essere immediatamente messe in pratica. Rispetto al secondo, il primo e un tipo di apprendimento in realta molto piu vicino al concetto classico di educazione. Si tratta pero, ovviamente, di un tipo di apprendimento che e molto piu difficile misurare. E che quindi e ancor piu difficile promuovere, in quest epoca cosi incline a mettere una misura ed un prezzo su ogni cosa. Le business school hanno tra l altro la necessita di giustificare i notevoli esborsi che richiedono agli studenti fornendo loro conoscenze che siano il piu possibile immediatamente valorizzabili sul mercato. E dubbio quindi che un approccio educativo piu ampio possa farsi strada con facilita nei loro programmi, in particolare quando non richiesto dalle imprese. Tanto piu che le business school, soprattutto quelle piu grandi e famose, non sembrano per tradizione particolarmente aperte al rischio. Cosi come nel caso della CSR nel mondo delle aziende, in definitiva, anche nel caso della sostenibilita nel mondo delle business school ci sono motivi di ottimismo e di pessimismo, e come sempre adottare una prospettiva statica restituisce solo una visione parziale della realta. Cio che piu conta e invece la direzione del cambiamento, e la presenza del potenziale per realizzarlo. Le organizzazioni non sono entita fisse ed immutabili; nell'era del capitale intellettuale il principale asset delle organizzazioni sono le persone, ed il valore di un azienda e dato dalla capacita di attrarre le persone migliori e di ottenerne il committment. E qualunque cambiamento delle organizzazioni ed, alla fine, dell intera societa, passa attraverso un cambiamento delle persone, a cominciare da quelle in posizioni di leadership. Oggi piu di un tempo le persone destinate a future posizioni di leadership si trovano sui banchi delle business schools. Se le business schools sapranno fare la loro parte, allora forse anche questo cambiamento puo avvenire. 8

9 1 Corporate Responsibility Officers Association: CR Best Practices Research Report: CR: How Fast It s Growing, How Much It s Spending, And How Far It s Going, (www.croassociation.org) World Most Ethical Companies ; la ricerca e disponibile on-line (www.etisphere.com). 3 Molti lavori dell ex professore della London Business School hanno per oggetto le possibili evoluzioni di un nuovo capitalismo. L ultimo libro pubblicato da Charles Handy si intitola I nuovi filantropi, la nuova generosita ( The new philantropists, the new generosity ) e narra i profili di 23 imprenditori e capitalisti filantropi 4 L ultimo lavoro di Henry Mintzberg, presidente della Strategic Management Society, guru di strategia e organizzazione e del mito e realta del lavoro manageriale, e un pamphlet elettronico dal titolo Rebalancing society: radical renewal beyond left, right and center. Between public, private and plural ( Ribilanciare la societa : rinnovo radicale oltre destra, sinistra e centro. Tra pubblico, privato e plurale ) 5 L ultimo best seller di Rosabeth Moss Kanter, ex direttore della Harvard Business Review ed autrice negli anni 90 del celebre Quando i giganti imparano a danzare, ruota sul concetto che le aziende all avanguardia hanno ormai realizzato che il prendersi cura delle persone (dipendenti, clienti e il pubblico in generale) produce risultati strabilianti in termini di morale e motivazione. L autrice incoraggia quindi le aziende ad osare includere nella mission aziendale valori e principi piu alti dei soliti crescita e profittabilita ( Supercorp: How vanguard companies create innovation, profits, growth and social good ). 6 Il guru della Learning Organization Peter Senge e da tempo molto attivo nel campo sociale ed ambientale. Il suo ultimo libro e intitolato La Rivoluzione Necessaria, e riporta come sottotitolo: come individui e organizzazioni stanno lavorando insieme per creare un mondo sostenibile. 7 V. oltre. 8 Porter, M.E. e Kramer, M.R., Creating Shared Value, Harward Business Review, January D. Goleman, Intelligenza ecologica, Rizzoli, L. Gallino, L impresa irresponsabile, Einaudi, L. Gallino, cit. 12 E merito dell economista turco Dani Rodrik l aver circoscritto gli effetti perversi della globalizzazione, che spesso si assumono per l appunto globali ed indistinti, a zone specifiche che sono soggette ad un libero scambio regionale. La possibilita del cd. social dumping non avverrebbe quindi ad oggi ancora su scala globale, ma sarebbe anch essa limitata a tali aree regionali. 13 La definizione, coniata nell 800 dallo storico Thomas Carlyle, e stata applicata a piu di una tra le caratteristiche della scienza economica; tra queste, l assumere che ogni soggetto operi esclusivamente per massimizzare la propria utilita materiale. 14 Si tratta in particolare delle c.d. teorie della Public Choice i cui principali esponenti sono Kenneth Arrow, Duncan Black, James Buchanan e Gordon Tullock. Le teorie della public choice applicano i metodi dell economia all analisi del comportamento degli attori pubblici, assumendo che ogni individuo coinvolto, dagli elettori, agli eletti, ai burocrati, sia motivato esclusivamente dal proprio interesse egoistico. 15 Per un efficace analisi, U. Galimberti, L ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani, Feltrinelli, Milton Friedman, The social responsibility of Business is to increase its profits, The New York Times Magazine, Sept. 13, Per oltre trent'anni uno dei più citati articoli sulla responsabilità d'impresa, l articolo sostiene con ferrea logica free market che la sola responsabilità sociale dell'azienda è massimizzare i propri profitti. Questo consentirebbe un'ottimale allocazione delle risorse e per questa via il raggiungimento del massimo beneficio per tutti, mentre gli scopi sociali o etici dovrebbero essere lasciati alle organizzazioni pubbliche 17 Porter, M.E. e Kramer, M.R., cit. 18 Ad esempio Bennis, W. and O Toole, J How Business Schools Lost Their Way, Harvard Business Review, May, 83(5): ; Ghoshal, S Bad management theories are destroying good management practices, Academy of Management Learning and Education, 4(1): 75-91; Pfeffer, J. and Fong, C The End of Business Schools? Less Success Than Meets the Eye, Academy of Management Learning & Education, 1(1), September, Si v. ad esempio l articolo di Mary Van Valkenburg, lei stessa diplomata MBA all universita di Harvard. M.Van Valkenburg: At Harvard Business School, Nitin Nohria Pushes Reforms on a Bankrupt Culture, The Nation, 18 luglio Lombardo, Michael M. and Robert W. Eichinger (1996) The Career Architect Development Planner. Lominger 9

10 Limited 21 UN Global Compact-Accenture: A New Era of Sustainability. CEO Study, 2010 (www.unglobalcompact.org/docs/news_events/8.1/ungc_accenture_ceo_study_2010.pdf) 22 ASPEN INSTITUTE, Center for Business Education, Beyond Grey Pinstripes (www.aspencbe.org) 23 Associazione di provenienza nord-americana fondata agli inizi del secolo scorso, oggi riunisce quasi 700 istituzioni educative in 70 paesi del mondo. E una delle istituzioni di accreditamento maggiormente riconosciute a livello mondiale. (www.aacsb.edu). 24 Association of MBA, basata a londra e fondata nel 1967, accredita quasi 200 business schools che operano in quasi 70 paesi, principalmente al di fuori degli Stati Uniti d America. (www.mbaworld.com) 25 European Foundation for Management Development, la piu recentre tra le tre piu grandi istituzioni di accreditamento. Creata nel 1972, accredita 130 istituzioni in 38 paesi con il marchio EQUIS (European Quality Improvement System). (www.efmd.org) 10

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia

Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR. Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia Presentazione dei dati del VI Rapporto CSR Roberto Orsi - 3 marzo 2015 Dipartimento di Management Università Ca Foscari Venezia L Osservatorio Socialis L Osservatorio Socialis è un cantiere di promozione

Dettagli

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010

Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 Progetto di turnaround piccola-media impresa nel Nord est Raccontando degustando 2010 A partire da una serie di turnaround di successo realizzati in P.M.I. del Nord est si cercherà di delineare una metodologia

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè

#innoviamo. Management. Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita. Alessandro Frè #innoviamo Nuovi modelli di business per virare verso la ripresa e la crescita Alessandro Frè Non si fa altro che parlare di cambiamento, crescita, innovazione, crisi dei mercati, competizione sempre più

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS

LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS LE IMPRESE E LA SOSTENIBILITÀ INDAGINE CONDOTTA DA GFK EURISKO PER CONTO DI SODALITAS 1 QUESTA INDAGINE Questa indagine è stata condotta nella prima metà di aprile 2012 su un campione di 153 imprese/enti/associazioni

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria

Relazione del Presidente della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, Professor Giovanni Tria DISPA Meeting of Directors of School and Institutes of Public Administration The role of Public management training in the current economic situation Madrid, 27 e 28 maggio 2010 Relazione del Presidente

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo

Materiale didattico slides cap. 1 Costa Gianecchini pagg. 3-13 Marchiori M. Le persone nelle imprese. Gli approcci di governo Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Terza lezione 15102014 Le origini storico- teoriche: I debi2 nei cfr delle teorie dell impresa Le relazioni tra ambiente- strategia- stru;ura- ges2one risorse umane

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015 La responsabilità sociale delle imprese 08 ottobre 2015 Agenda 1. EticaSgr 2. Impresa:cos èequalèilsuoobiettivo 3. Responsabilità d impresa e CSR 4. Reportistica ambientale, sociale, di sostenibilità 5.

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità

M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità Milano Italy M.A.San. Management degli Approvvigionamenti in Sanità Da giugno 2010 a febbraio 2011 www.sdabocconi.it/masan Empower your vision significa confrontarsi e acquisire prospettive differenti

Dettagli

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA

MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA MANIFESTO DELLA CULTURA D IMPRESA GRUPPO DI LAVORO CULTURA D IMPRESA Manifesto della Cultura d Impresa MANIFESTO DELLACULTURA D IMPRESA

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali

La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali La sostenibilità, vantaggio competitivo per operare nell upstream La cultura e la pratica della sostenibilità nei comportamenti imprenditoriali Assomineraria, Milano 13 Febbraio 2015 Partiamo con una domanda

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT

GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT GUIDA OPERATIVA AL DIVERSITY MANAGEMENT (LA GESTIONE DELLE DIVERSITÁ DELLE PERSONE IN AZIENDA) L incremento dell eterogeneità all interno dei mercati del lavoro rappresenta una delle principali caratteristiche

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO

DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO DANNI DA CALAMITA NATURALI E GESTIONE DEL TERRITORIO E tempo di cambiare decisamente la modalità di governare il problema. Da una gestione delle emergenze ad una gestione innovativa e preventiva del territorio

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti La nostra filosofia L impresa crea più valore se lo fa per tutti Nata nel 2008, VerA offre consulenza specializzata nelle Relazioni Istituzionali e fornisce supporto e assistenza a tutte quelle realtà

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

Economie di mercato post-belliche e prevalere della logica dei due tempi : 1. Efficienza e crescita economica Mercato

Economie di mercato post-belliche e prevalere della logica dei due tempi : 1. Efficienza e crescita economica Mercato Economie di mercato post-belliche e prevalere della logica dei due tempi : 1. Efficienza e crescita economica Mercato 2. Redistribuzione delle risorse / equità Stato (modello europeo di welfare state)

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

La sfida della responsabilità sociale dell impresa

La sfida della responsabilità sociale dell impresa La sfida della responsabilità sociale dell impresa di Walter Giorgio Scott La recente pubblicazione del volume di Philip Kotler e Nancy Lee, Marketing e responsabilità sociale d impresa (Il Sole 24 Ore,

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Governare il cambiamento per creare valore condiviso

Governare il cambiamento per creare valore condiviso ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Percorsi formativi per una nuova Pubblica Amministrazione Governare il cambiamento per creare valore condiviso Corsi settembre - dicembre 2012: 1. Il nuovo governo locale

Dettagli

Corporate Social Responsability

Corporate Social Responsability Corporate Social Responsability elemento strategico per il successo dell impresa Il significato La Corporate Social Responsability, in italiano Responsabilità Sociale delle Imprese, può essere definita

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Strategia? La parola strategia è una di quelle che oggi si sentono più spesso sulla bocca di tutti, managers, consulenti, guru, ecc. Oggi è necessario avere una strategia, per essere più competitivi, per

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015

LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana. Giovedì 26 novembre 2015 LO START UP D IMPRESA INNOVATIVA Vantaggi, agevolazioni fiscali, finanziamenti e incentivi della Regione Toscana Giovedì 26 novembre 2015 9:45 Polo Tecnologico e startup innovative Nico Cerri 10:00 Dall

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività

ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività ING DIRECT lancia Prendi Parte al Cambiamento : un iniziativa per stimolare il singolo e migliorare la collettività Un progetto per premiare con 100.000 euro la start-up italiana più innovativa, un percorso

Dettagli

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi

Studiare I consumi: Imparare dalla crisi MATCHING 24 / 11 /2009 Seminario Studiare I consumi: Imparare dalla crisi Quanto più la ripresa sarà lenta, tanto più la selezione delle aziende sul mercato sarà rapida. È fondamentale uscire dalle sabbie

Dettagli

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di

Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di 1 Onorevoli colleghi, signor ministro, permettetemi di ringraziarvi per l invito della Provincia di Milano a partecipare a questa GIORNATA INFORMATIVA dell Europa in provincia [?], e di congratularmi con

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

L economia italiana 169

L economia italiana 169 L economia italiana 169 3.8 Debito pubblico: perché no?! il rapporto tra il disavanzo pubblico e il prodotto interno lordo non deve essere superiore al 3%;! il rapporto tra il debito pubblico e il prodotto

Dettagli

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente

Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Lo start-up d impresa Da un idea ad un business vincente Paolo Gubitta () paolo.gubitta@unipd.it 19 marzo 2007 Modi di vedere Percezione dell innovatore (aspirante!) Valore limitato Valore elevato Percezione

Dettagli

Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività

Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività Davide Barbato, A&S Board Provincia di Milano, 12 Luglio 2011 1 Chi è e cosa propone Acquisti & Sostenibilità è una organizzazione

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva 11 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 PERCORSI EXECUTIVE

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano

Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano Il ruolo del Direttore come Leader e come Manager Giliberto Capano (Università di Bologna) Il Direttore come responsabile della gestione complessiva (1) Cosa vuol dire avere una visione gestionale complessiva,

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE

REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE REALIZZARE PROCESSI DI VENDITA CHE SOSTENGANO UNA CRESCITA PROFITTEVOLE SALESFORCE EFFECTIVENESS 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ DISPORRE DI PROCESSI COMMERCIALI PIÙ COMPETITIVI? Realizzare nel tempo una crescita

Dettagli

Bibliografia. ACCOUNTABILITY (2003), Assurance Standard. AA1000, Londra. ACCOUNTABILITY (2008), AA1000 Accountability Principles Standard 2008, Londra

Bibliografia. ACCOUNTABILITY (2003), Assurance Standard. AA1000, Londra. ACCOUNTABILITY (2008), AA1000 Accountability Principles Standard 2008, Londra ACCOUNTABILITY (2003), Assurance Standard. AA1000, Londra ACCOUNTABILITY (2008), AA1000 Accountability Principles Standard 2008, Londra AREZZO C., D AMICO R., RANDONE S. (a cura di) (2008), La Responsabilità

Dettagli

COME LIMITIAMO NOI STESSI

COME LIMITIAMO NOI STESSI COME LIMITIAMO NOI STESSI 1 Il 63 % delle persone crede che il raggiungimento dei propri obiettivi finanziari sia possibile solo attraverso una grossa vincita Non si può ottenere quello che non si riesce

Dettagli

Obiettivi aziendali e compiti della finanza

Obiettivi aziendali e compiti della finanza Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Obiettivi aziendali e compiti della finanza Capitolo 1 Indice degli argomenti 1. Creazione di valore come idea guida 2. L impresa come

Dettagli

Social Network. Social Business

Social Network. Social Business Social Network Social Business Piero Luchesi PMP AGENDA Agenda e introduzione Parte I Overview sul Social Business Era della collaborazione Social Network Apertura al Social Business Come fare Social Business

Dettagli

il tuo sviluppo concreto

il tuo sviluppo concreto BROCHURE 2015 Navigare necesse est, vivere non necesse il tuo sviluppo concreto 01 Coerenza: Siamo prima di tutto imprenditori che applicano le tecniche che forniamo 02 Responsabilità: ci sentiamo e comportiamo

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B

FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B FORMAZIONE Vendite & Marketing B2B Fornire ai partecipanti elementi di Marketing, applicati alla realtà Business to Business. MARKETING B2B Il corso si rivolge a tutti coloro che si occupano di vendite

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Responsabilità e competitività

Responsabilità e competitività Investire nella finanza sostenibile e responsabile Responsabilità e competitività R e l a t o r e : Irene Bengo P o s t D o c P o l i t e c n i c o d i M i l a n o Sommario: Responsabilità Sociale d'impresa

Dettagli

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore)

INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) INTERVENTI FORMATIVI DI BREVE DURATA (da 4 a 16 ore) FOCUS: IL POSSIBILE CO-MARKETING Il focus intende coinvolgere i presidenti delle cooperative nell analisi di un possibile co-marketing. Raccogliere

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI

MARIANNA CARBONARI CHI SIAMO MISSION E VALORI MARIANNA CARBONARI Presidente e Amministratore Delegato di Value for Talent. Ha maturato più di dieci anni di esperienza nella gestione di progetti di Executive Search articolati e complessi. Ha condotto

Dettagli

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si

È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si queste istituzioni n. 158-159 luglio-dicembre 2010 La crisi, il futuro, e i giovani di Laura balbo È scontato che, di questi tempi, nei discorsi dei politici, sui media, si porti l attenzione sugli effetti

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/

IL BUSINESS PLAN. Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) Modena, febbraio 2014. http://www.intraprendereamodena.it/ http://www.intraprendereamodena.it/ Modena, febbraio 2014 Realizzato da: Andrea Lodi (www.andrealodi.it) INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Premessa introduttiva: la Pianificazione Strategica (4) 2. Il Business

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill

Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill Ciò che Pensi determina ciò che Ottieni. Napoleon Hill ThinkGet S.r.l. nasce con una mission molto chiara: Sostenere gli individui e le organizzazioni nella realizzazione del successo desiderato. Costituita

Dettagli

PROMOTORI & CONSULENTI

PROMOTORI & CONSULENTI art PROMOTORI & CONSULENTI FONDI&SICAV Dicembre 2010 Federico Sella di Banca patrimoni Sella &c.: «Trasparenti e prudenti» Reclutamento I soldi non sono tutto Concentrazione Un mondo sempre più di grandi

Dettagli

Con il patrocinio morale di:

Con il patrocinio morale di: dove siamo TReNo Dalla Stazione Termini, ogni ora (al 38 minuto) treno Roma Termini - Civitavecchia. Scendere alla stazione Roma Aurelia. Uscire dal sottopassaggio a via della Stazione Aurelia. A destra,

Dettagli