Disposizioni di pagamento XML SEPA compliant. Rif. STIP-ST-001 (002) (003) v

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disposizioni di pagamento XML SEPA compliant. Rif. STIP-ST-001 (002) (003) v 00.04.00"

Transcript

1 Disposizioni di pagamento XML SEPA compliant Rif. STIP-ST-001 (002) (003) v

2 Agenda Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Workflow di servizio 2 Struttura dei messaggi veicolati 3 Tracciato dei messaggi veicolati 2

3 1 Overview Caratteristiche funzionali principali Unico standard XSD con regole applicative di gestione (controlli) diverse sulla base di due tipologie di distinte: Bonifici SEPA Emissione Assegni Disposizioni di pagamento Italia Lo standard si chiama Disposizioni di Pagamento XML e a tendere dovrà sostituire l attuale servizio di PORTING-PC Ai fini della veicolazione e per fornire un riscontro immediato al cliente verranno pubblicati sul Directory CBI due servizi differenti: Disposizioni di pagamento SEPA Disposizioni di pagamento Italia I messaggi di stato avanzamento inviati all ordinante a seguito dei controlli sostanziali rivestono carattere di selettività (solo su richiesta del Mittente/Ordinante) per i Bonifici SEPA, mentre sono automatici per le richieste di emissione assegni I messaggi fisici di richiesta di servizio rispettano il seguente criterio di omogeneità relativo alla tipologia di distinte ivi contenute, in coerenza con i due servizi pubblicati: Tutte le distinte sono relative a bonifici SEPA Tutte le distinte sono relative a emissione assegni 3 3

4 1 Workflow di servizio Definizioni preliminari Messaggio fisico di richiesta servizio (richiesta servizio) Rappresenta il messaggio XML veicolato sulla rete CBI Ogni messaggio di richiesta servizio risulta omogeneo per: mittente logico (Banca Mittente); destinatario logico (Banca Ricevente); soggetto di riferimento del destinatario logico (es. STD, GPA); indirizzo di Rete Logica del soggetto di riferimento; tipologia di entità logiche veicolate (cfr. definizioni seguenti) Ogni richiesta di servizio sarà veicolata in modalità file+messaggio qualora la dimensione della stessa superi 1MB Messaggio logico di richiesta pagamento (richiesta pagamento) Rappresenta l entità logica di base tramite la quale l ordinante richiede alla Banca Passiva, tramite la propria Banca Proponente, il pagamento di una distinta. Ogni richiesta di pagamento contiene solo una distinta la quale a sua volta è composta da più disposizioni di accredito Messaggio logico di stato avanzamento (stato avanzamento) Rappresenta l entità logica di base tramite la quale la Banca Passiva fornisce alla Banca Proponente il risultato dei controlli applicati sulle richieste di pagamento ricevute (ciascuna richiesta contiene una sola distinta) 4 4

5 1 Definizione dei livelli di controllo Overview Al fine di definire in modo preciso i controlli da effettuare alla ricezione di una richiesta di servizio, sono stati definiti i tre livelli di controllo di seguito riportati: Step di controlli in carico al ricevente Livello 2: controlli sostanziali Livello 1: controlli applicativi Livello 0: controlli formali (XSD) Ricezione richiesta di servizio 5 5

6 1 Definizione dei livelli di controllo livello 0 6 Livello 0: controlli formali Rientrano in questo livello tutti i controlli volti alla verifica che i dati veicolati rispettino il formalismo imposto dagli standard definiti o adottati dal CBI. In considerazione del fatto che tutti i Nuovi Servizi CBI vengono erogati tramite messaggistica XML, per tali servizi l insieme dei controlli formali coincide con l insieme dei controlli di rispondenza dei messaggi scambiati ai corrispondenti schema XSD forniti dal CBI (controlli XSD) Nel caso in cui i controlli di livello 0 diano esito negativo, vengono scartate tutte le entità logiche presenti nella richiesta di servizio e si segnala l errore tramite invio di un messaggio General Purpose con codice di errore DG01 6

7 1 Definizione dei livelli di controllo livello 1 7 Livello 1: controlli applicativi Sono i controlli che non possono essere effettuati tramite semplice validazione XSD dei messaggi ricevuti, ma necessitano di ulteriori verifiche di tipo applicativo che coinvolgono dati e logiche rientranti direttamente nella sfera di competenza CBI. A titolo esemplificativo e non esaustivo, rientrano in questo livello le seguenti tipologie di controlli: controlli incrociati di coerenza tra i valori assunti da due o più campi in uno stesso messaggio o messaggi differenti (riconciliazione); controlli di validità dei codici CUC; verifica hash firma digitale; controlli di validità su singoli campi (es. codice IBAN); controlli di omogeneità Controlli su coerenza tipo distinta (es. SEPA) Nel caso in cui i controlli di livello 1 diano esito negativo, lo scarto viene effettuato selettivamente sulle singole entità logiche errate mediante uso di un messaggio di stato avanzamento 7

8 1 Definizione dei livelli di controllo livello 2 8 Livello 2: controlli sostanziali Rappresentano i controlli di competenza Banca strettamente correlati al tipo di servizio erogato. In alcuni casi possono essere applicati mediante accesso ad informazioni esterne alle logiche CBI. A titolo esemplificativo e non esaustivo, rientrano in questo livello le seguenti tipologie di controlli: verifica di disponibilità fondi per l erogazione di un pagamento controllo di corrispondenza tra ordinante e intestatario del conto di addebito verifica del rispetto delle clausole contrattuali firmate dal cliente verifica dei poteri di firma Nel caso in cui i controlli di livello 2 diano esito negativo, lo scarto viene effettuato selettivamente sulle singole entità logiche o sotto entità errate mediante uso di un messaggio di stato avanzamento 8

9 1 Schema Logico del servizio Nell ambito della richiesta di servizio, il Mittente/Ordinante può richiedere alla Banca di inviare un esito di addebito anche verso il Beneficiario Illustrativo Invio richiesta Verifica della rispondenza delle informazioni allo standard definito Inoltro della richiesta con indicazione tipologia Esecuzione della richiesta secondo quanto stabilito dallo standard Invio esito di addebito Mittente/ Ordinante CBI Ricezione esito di addebito Banca Proponente Invio esito verso Beneficiario Banca Passiva Ordinante Inoltro esito verso Beneficiario Circuito di regolamento SEPA Ricezione esito verso Beneficiario Beneficiario CBI Banca Proponente Banca Passiva Beneficiario Tratta interbancaria Servizio Disposizione di pagamento XML con esito di addebito verso l Ordinante Servizio di Esito verso Beneficiario su richiesta del cliente Ordinante

10 10 Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Analisi del workflow di servizio Sequence diagram e livelli di controllo 10 Workflow di Servizio: Sequence diagram e livelli di controllo Banca Proponente dell Ordinante/STD 1: Invio richiesta di servizio Banca Passiva dell Ordinante/STD 2: Parsing del messaggio (validazione XML/XSD) Controlli in ricezione Livello 0 4: Invio stato avanzamento relativo a controlli formali e applicativi 6: Invio stato avanzamento di work in progress 7: Invio stato avanzamento KO relativo a controlli sostanziali su intera distinta 3: Controlli applicativi sui dati ricevuti 5: Verifica sostanziale dei dati relativi (es. verifica conto dell ordinante - cioè che il conto indicato corrisponda effettivamente a quello intestato all ordinante) Livello 1 Livello 2 9: Invio stato avanzamento relativo a controlli sostanziali sulle singole disposizioni di accredito (contiene il CRO o numero assegno) 8: Verifica della disponibilità per l esecuzione dell addebito Livello 2 Messaggio obbligatorio Messaggio facoltativo Obbligatorio in caso di emissione assegni

11 1 Analisi del workflow di servizio Sequence diagram del workflow di veicolazione 11 Workflow di veicolazione: messaggi di controllo 6.1: Parsing del messaggio (validazione XML/XSD) 6.2: Controlli applicativi sui dati ricevuti 7.1: Parsing del messaggio (validazione XML/XSD) 7.2: Controlli applicativi sui dati ricevuti 9.1: Parsing del messaggio (validazione XML/XSD) 9.2: Controlli applicativi sui dati ricevuti 10.1: Parsing del messaggio (validazione XML/XSD) 10.2: Controlli applicativi sui dati 10.4: Inoltro a Banca Proponente Beneficiario Banca Proponente dell Ordinante/STD 1: Invio richiesta di servizio 4: Invio stato avanzamento relativo a controlli formali e applicativi 6: Invio stato avanzamento di work in progress 6.3: Invio messaggio di controllo veicolazione 7: Invio stato avanzamento KO relativo a controlli sostanziali su intera distinta 7.3: Invio messaggio di controllo veicolazione 9: Invio stato avanzamento relativo a controlli sostanziali sulle singole disposizioni di accredito (contiene il CRO o numero assegno) 9.3: Invio messaggio di controllo veicolazione 10: Invio stato avanzamento relativo a controlli sostanziali sulle singole disposizioni di accredito al Beneficiario 10.3: Invio messaggio di controllo veicolazione Banca Passiva dell Ordinante/STD 2: Parsing del messaggio (validazione XML/XSD) 3: Controlli applicativi sui dati ricevuti 5: Verifica sostanziale dei dati relativi (es. verifica conto dell ordinante - cioè che il conto indicato corrisponda effettivamente a quello intestato all ordinante) 8: Verifica della disponibilità per l esecuzione dell addebito 11

12 12 Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Analisi del workflow di servizio Modalità di gestione Con riferimento al sequence diagram riportato nella slide precedente valgono i seguenti principi: Workflow di servizio: modalità di gestione (1/2) Ogni messaggio fisico di richiesta servizio (1) contiene uno o più richieste di pagamento (distinte) I messaggi fisici di stato avanzamento di livello 1 (4) di sono posti in corrispondenza 1:1 con le richieste di servizio; ogni messaggio fisico (4) deve referenziare tutti i messaggi logici contenuti nella richiesta di servizio corrispondente I messaggi logici di stato avanzamento, generati a seguito dei controlli sostanziali, possono essere di tre tipologie: messaggi di work in progress (6) messaggi di stato avanzamento KO sull intera distinta (7) messaggi di stato avanzamento con il dettaglio relativo alle singole disposizioni (9) I messaggi di work in progress (6) sono sempre facoltativi I messaggi logici di stato avanzamento (7), (9) verso l ordinante rivestono carattere di facoltatività per i Bonifici SEPA, mentre sono obbligatori per le richieste di emissione assegni I messaggi di Esito verso il beneficiario (10), inviati verso l ordinante ed in seguito al beneficiario, rivestono sempre carattere di facoltatività

13 13 Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Analisi del workflow di servizio Modalità di gestione Workflow di servizio: modalità di gestione (2/2) Con riferimento al sequence diagram riportato nella slide precedente valgono i seguenti principi: Il messaggio (4) viene indirizzato al return address indicato nell header di tratta della richiesta di servizio (1) I messaggi (6) (7) e (9) vengono indirizzati attraverso accesso al Directory A fronte di una richiesta di servizio possono essere generati più messaggi fisici di stato avanzamento (6), (7), (9), pertanto la corrispondenza risulta 1:N

14 14 Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Analisi del workflow di servizio State diagram singola distinta Workflow di Servizio State diagram distinta (dal punto di vista del Cliente) Distinta KO Controlli applicativi KO Distinta inviata Distinta accettata Stato avanzamento 4 OK Tutte disposizioni OK Distinta con controlli sostanziali KO Stato avanzamento 7 Distinta con controlli applicativi OK Verifiche in corso (stato avanzamento 6 - work in progress) Distinta parzialmente accettata Distinta con disposizioni ancora da esitare Stato avanzamento 9 per alcune disposizioni Stato avanzamento 9 per alcune disposizioni Stato avanzamento 9 per tutte le disposizioni Stato avanzamento 9 per tutte le disposizioni Distinta con tutte le disposizioni esitate Alcune disposizioni KO Tutte disposizioni KO Distinta rifiutata

15 15 Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Analisi del workflow di servizio Regole di governance Regole di governance In caso di fallimento dei controlli formali applicati dalla Banca Passiva/Banca Proponente sulla richiesta di servizio ricevuta, viene effettuato lo scarto di tutte le distinte ivi contenute mediante invio di un messaggio di errore General Purpose Il fallimento dei controlli applicativi (livello 1) porta allo scarto selettivo delle singole distinte

16 16 Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Analisi del workflow di servizio Indirizzamento richieste di servizio Indirizzamento richiesta di servizio Banca Proponente Banca Passiva per disposizioni di pagamento Italia o=cbi DIRECTORY CBI Indirizzamento richiesta di servizio Banca Proponente Banca Passiva per Bonifici SEPA o=cbi Indirizzamento richiesta di servizio Banca Passiva Banca Proponente per stati avanzamento o=cbi o=cuc Banca Passiva o=cuc Banca Passiva o=cuc Banca Proponente ou=servizi CBI ou=servizi CBI ou=servizi CBI ou=servizi non profilati ou=servizi non profilati ou=servizi profilati cn=disp-pag-ita cn=disp-pag-sepa cn=stat-rpt-disp-pag

17 1 Analisi del workflow di servizio Indirizzamento risposte verso Banca Gateway DIRECTORY CBI Indirizzamento risposte applicative da Banca Passiva Banca Gateway per stati avanzamento o=cbi DIRECTORY CBI Indirizzamento esito verso il beneficiario Banca Passiva Ordinante Banca Gateway per messaggio 10 o=cbi o=cuc Banca Gateway o=cuc Banca Gateway ou=servizi CBI ou=servizi CBI ou=profilo MARKETPLACE <codice> ou=profilo MARKETPLACE <codice> cn=stat-rpt-disp-pag cn=esito-bon-ord-ben 17

18 1 Analisi del workflow di servizio Indirizzamento Esito verso Ordinante e Beneficiario DIRECTORY CBI Indirizzamento esito verso il beneficiario Banca Passiva Ordinante Banca Proponente ordinante per messaggio 10 o=cbi Indirizzamento esito verso il beneficiario Banca Proponente Ordinante (Gateway) Banca Proponente beneficiario per messaggio 10 o=cbi o=cuc Banca Proponente Ordinante o=cuc Banca Proponente Beneficiario ou=servizi CBI ou=servizi CBI ou=servizi profilati ou=servizi profilati cn=esito-bon-ord-ben cn=esito-bon-ord-ben

19 Agenda Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Workflow di servizio 2 Struttura dei messaggi veicolati 3 Tracciato dei messaggi veicolati 19

20 2 Struttura dei messaggi veicolati Richiesta di servizio Messaggio fisico di richiesta servizio (richiesta servizio) Rappresenta il messaggio XML veicolato sulla rete CBI contenente uno o più messaggi logici Ogni messaggio di richiesta servizio risulta omogeneo per: - mittente logico (Banca Mittente) - destinatario logico (Banca Ricevente); - soggetto di riferimento del destinatario logico (es. STD, GPA); - indirizzo di Rete Logica del soggetto di riferimento; - tipologia di distinte ivi contenute * Ogni richiesta di servizio sarà veicolata in modalità file+messaggio qualora la dimensione della stessa superi 1MB <CBI_BON_MSG> <HTRT> Blocco sul quale apporre la firma * Si possono presentare i seguenti casi: tutte le distinte sono relative a bonifici SEPA tutte le distinte sono relative a emissione assegni (disposizioni Italia) <HE2E> <MSG_BODY> <ENVEL> [1..N] <DATA> <SIG_INFO> [0..1] [0..1] OR esclusivo Cfr. slide successiva per la composizione del singolo messaggio logico 20

21 2 Struttura dei messaggi veicolati Messaggio logico richiesta di servizio Messaggio logico di richiesta di pagamento (distinta) Rappresenta l entità logica tramite la quale il Mittente/Ordinante (Initiating Party) ordina alla propria Banca Passiva (Debtor Agent) il pagamento di una distinta Ogni messaggio logico (distinta) risulta omogeneo per: - Mittente/Ordinante * - Tipologia distinta (SEPA/Disposizione di pagamento Italia) * - Metodo di pagamento (trasferimento fondi, trasferimento fondi con esito, assegni) * - Coordinate bancarie di addebito * - Data richiesta esecuzione * - Provenienza da Marketplace (medesimo codice Marketplace) ISO compliant <ENVEL> Blocco <DATA> sul quale apporre la firma <LOGICAL_MSG> <GRPHDR> <PMTINF > * garantito dalla struttura del messaggio logico <CDTTRFTXINF> [1..N] <SIG_INFO> [0..1] 21

22 2 Struttura dei messaggi veicolati Stato avanzamento/esito Messaggio fisico di stato avanzamento/esito Messaggio XML tramite il quale la Banca Passiva dell Ordinante comunica al Mittente/Ordinante lo stato di processamento delle disposizioni ricevute Rappresenta l esito di uno dei livelli di controllo (0, 1, 2) definiti (es. esito Banca sui messaggi logici precedentemente inviati) Ogni messaggio fisico risulta omogeneo per: - mittente logico (Banca Mittente) - destinatario logico (Banca Ricevente); - soggetto di riferimento del destinatario logico (es. STD, GPA); - indirizzo di Rete Logica del soggetto di riferimento <DBTR_PMT_STS_RPT_MSG> <HTRT> <HE2E> <MSG_BODY> <ENVEL> <ENVEL> Blocco sul quale apporre la firma [1..N] <DATA> <SIG_INFO> [0..1] [0..1] OR esclusivo Cfr. slide successiva per la composizione del singolo messaggio logico 22

23 2 Struttura dei messaggi veicolati Messaggio logico stato avanzamento/esito Messaggio logico di stato avanzamento/esito Rappresenta lo stato del processamento della singola entità logica (gruppo di distinte) inviato dalla Banca Passiva dell Ordinante Come per il messaggio logico contenuto nella richiesta di servizio, ogni messaggio logico (distinta) risulta omogeneo per: - Mittente/Ordinante - Tipologia distinta (SEPA/disposizione di pagamento Italia) - Coordinate bancarie di addebito - Provenienza da Marketplace (medesimo codice Marketplace) In caso di errore su univocità (MsgID + Creation Date Time + CUC Mittente), la Banca Passiva scarta solo le distinte duplicate <ENVEL> <LOG_MSG_STS> Blocco <DATA> sul quale apporre la firma [1..N] ISO compliant <GROUP_HEADER> <ORGNL_GRP_STS> <ORGNL_PMT_STS> [0..1] <SIG_INFO> [0..1]

24 Agenda Funzione CBI Disposizioni di pagamento XML 1 Workflow di servizio 2 Struttura dei messaggi veicolati 3 Tracciato dei messaggi veicolati 24

25 3 Principali campi di informazione Messaggio logico di richiesta servizio <DISP_PAG> <GROUP_HEADER> Message Identification Creation Date Time Number Of Transactions Control Sum Assegnato dal Mittente/Ordinante (id. distinta) BIC facoltativo ABI obbligatorio <PAYMENT_INFO> IBAN obbligatorio per Disp. SEPA Payment Method Service Level Debtor Debtor Account Debtor Agent <PAYMENT_TRX> Possibili valori: TRF, TRA, CHK Valorizzare il campo con SEPA per bonifici SEPA [1..N] Instruction Identification EndToEnd Identification Amount Cheque Type Creditor Agent Creditor Creditor Account Remittance Information IBAN obbligatorio Assegnato dal Mittente/Ordinante Contiene l URI Obbligatorio (BIC) per bonifico SEPA cross-border (IBAN IT ) Strutturate o Non strutturate Cfr. documento Excel il dettaglio dei campi e dei controlli previsti dallo standard

26 3 Principali campi di informazione Messaggio logico di stato avanzamento/esito <ADV_STS> <GROUP_HEADER> Message Identification Creation Date Time IDE2E Identificativo CBI del messaggio di richiesta originario <ORGNL_GRP_STS> Original Message Identification Group Status Status reason Information Identificativo distinta riportato nel messaggio originario Status della distinta ( ACTC, ACSC, RJCT ; PNDG ; PART ) <ORGNL_PMT_STS> [0..1] <TRX_INF_STS> [1..N] Status Identification Original Instruction Identification Original EndToEnd Identification Account Servicer Reference Transaction Status Status Reason Information Original Transaction Reference - Remittance information -.. CRO/TRN (contiene il numero di assegno in caso di emissione assegni) Status della singola disposizione di accredito ( ACSC, RJCT ) Cfr. documento Excel il dettaglio dei campi e dei controlli previsti dallo standard

27 3 Regole e contenuti Remittance Information casi d uso Considerato che il messaggio interbancario per bonifici SEPA consente di veicolare un solo blocco ( strutturato o non strutturato ) di informazioni di riconciliazione al massimo di 140 caratteri, sono state definite le seguenti regole per la gestione delle remittance information e del campo URI : Casistiche nella gestione delle Remittance Information a) se nel tracciato è presente un solo blocco (strutturato entro 140 chrt o non strutturato), tale blocco è utilizzato dalla passiva per essere veicolato nell'interbancario unitamente all'uri (obbligatorio secondo lo standard ISO); b) se nel tracciato sono presenti esclusivamente 1 o più blocchi di remittance information strutturate, tutti > 140 chrt, la banca passiva utilizza le informazioni di remittance solo nella tratta CBI, veicolando esclusivamente l'uri nell'interbancario - in tale caso è evidente che il cliente riconcilierà con l'esito all'ordinante unitamente all'uri ricevuto dall'interbancario; c) se nel tracciato sono presenti esclusivamente 1 o più blocchi di remittance information strutturate, di cui almeno uno entro i 140 chrt, la banca passiva veicola nell'interbancario il primo blocco contenuto entro i 140 chrt unitamente all' URI; d) se nel tracciato è presente un blocco non strutturato e da 0 ad n blocchi strutturati (indipendentemente dalla dimensione di questi ultimi), la banca passiva veicola nell'interbancario il blocco non strutturato unitamente all' URI; e) se nel tracciato sono presenti 1 o più blocchi non strutturati e da 0 a n blocchi strutturati (indipendentemente dalla dimensione di questi ultimi), la banca passiva veicola nell'interbancario il primo blocco non strutturato unitamente all' URI; f) se nel tracciato non è presente alcun blocco di informazioni di remittance non vengono trasportate remittance information nell interbancario ma esclusivamente l URI. Sintesi: Come naturale conseguenza delle casistiche precedenti, se presente almeno un blocco non strutturato viene trasportato nell interbancario sempre il primo di questi. Se al contrario non sono presenti remittance information non strutturate viene veicolato nell interbancario esclusivamente il primo blocco di remittance information strutturato contenuto entro i 140 chrt.

28 3 Regole e contenuti Remittance Information contenuti strutturate Informazioni sul documento di riferimento: tipo documento identificativo univoco del documento Tutte le informazioni contenute sono replicate per ogni singolo documento (fattura) a cui si riferisce il pagamento originario Importo di riferimento: importo totale Sconto importo pagato importo nota di credito importo imposta (IVA) Creditor reference Informazioni identificative del documento fornite dal creditore: Identificativo (es. n.ro fattura) Identificativo della disposizione di accredito

LE EVOLUZIONI DELLE ATTUALI FUNZIONI CBI A SUPPORTO DELLA RICONCILIAZIONE DEI PAGAMENTI

LE EVOLUZIONI DELLE ATTUALI FUNZIONI CBI A SUPPORTO DELLA RICONCILIAZIONE DEI PAGAMENTI WORKSHOP TECNICO SUL CBI: DALLA TEORIA ALLA PRATICA LE EVOLUZIONI DELLE ATTUALI FUNZIONI CBI A SUPPORTO DELLA RICONCILIAZIONE DEI PAGAMENTI Michela Tocci Luogo, Data Il CBI Il CBI è una rete di payment

Dettagli

Nuova Architettura CBI

Nuova Architettura CBI Riferimenti Oggetto: Modello Documento: CBI.doc Nome File: Pagamenti - v..doc : Pagine 76 Ultimo aggiornamento: 22/10/2013 creazione: 16/06/2004 entrata in vigore 1/02/2014 Autore: Consorzio CBI Revisore:

Dettagli

Nuova Architettura CBI

Nuova Architettura CBI Riferimenti Oggetto: Modello Documento: CBI.doc Nome File: Incassi - v..doc : Pagine 45 Ultimo aggiornamento: 08/08/2012 creazione: 04/11/2008 Autore: Consorzio CBI Revisore: GdL congiunto Business/Internazionale

Dettagli

La compliance SEPA ed i servizi CBI cross-border. Convegno CBI Workshop tecnico.

La compliance SEPA ed i servizi CBI cross-border. Convegno CBI Workshop tecnico. La compliance SEPA ed i servizi CBI cross-border Convegno CBI 2007 - Workshop tecnico A cura della Segreteria Tecnica, Associazione per il CBI ACBI AGENDA 1 Il processo di definizione del bonifico SEPA

Dettagli

Linee Guida per gli utenti

Linee Guida per gli utenti Nuovi servizi CBI standard XML Riferimenti Oggetto: Modello Documento: CBI.doc Nome File: Guida all'utilizzo degli standard XML CBIv0.6 : Pagine 19 Ultimo aggiornamento: 19/07/2013 creazione: 20/11/2008

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Guida rapida per la composizione di una distinta di Bonifico XML SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Guida rapida per la composizione di una distinta di Bonifico XML SEPA SEPA Single Euro Payments Area Guida rapida per la composizione di una distinta di Bonifico XML SEPA Introduzione Lo scopo di questo documento è quello di fornire le indicazioni pratiche per poter generare

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Guida rapida per la composizione di una distinta di Bonifico XML SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Guida rapida per la composizione di una distinta di Bonifico XML SEPA SEPA Single Euro Payments Area Guida rapida per la composizione di una distinta di Bonifico XML SEPA Introduzione Lo scopo di questo documento è quello di fornire le indicazioni pratiche per poter generare

Dettagli

Convegno CBI 2009 - Sessione Parallela I. SEPA e PSD: compliance CBI. Le evoluzioni del Servizio CBI in ambito europeo ed internazionale

Convegno CBI 2009 - Sessione Parallela I. SEPA e PSD: compliance CBI. Le evoluzioni del Servizio CBI in ambito europeo ed internazionale Convegno CBI 2009 - Sessione Parallela I SEPA e PSD: compliance CBI Le evoluzioni del Servizio CBI in ambito europeo ed internazionale Roma, 11 dicembre 2009 Luogo, Data 1. Stato dell arte relativo alle

Dettagli

CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese. Area Sistemi di Pagamento Roberto Menta

CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese. Area Sistemi di Pagamento Roberto Menta CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese Area Sistemi di Pagamento Roberto Menta CBI 2: nuovi servizi a supporto delle imprese 1 CBI - Corporate Banking Interbancario 2 CBI 2 - nuovo CBI 3 Nuovi servizi

Dettagli

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment)

AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) AOS SEDA (SEPA Compliant Electronic Database Alignment) 1 Obiettivo Gli Schemi SEPA Direct Debit (SDD) Core e B2B definiti dall EPC consentono di addebitare in modo automatico il conto del Debitore sulla

Dettagli

Deleghe F24 telematiche

Deleghe F24 telematiche Deleghe F24 telematiche C.B.I. Ordine dei Dottori Commercialisti 28/9/2006 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE 1. Il Corporate Banking Interbancario C.B.I. 2. Deleghe F24 telematiche 3. Gli sviluppi futuri del

Dettagli

Bonifico Sepa. Sezione dati ordinante

Bonifico Sepa. Sezione dati ordinante Bonifico Sepa Sezione dati ordinante Rapporto di addebito: conto corrente dal quale desideri che vengano prelevate le somme per eseguire il pagamento. Clicca sul pulsante per selezionare un conto corrente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del provvedimento, Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del provvedimento, Dispone: Prot. RU n.75159 del 30.5.2014 Comunicazione dei dati relativi ai pagamenti effettuati a mezzo bonifico per interventi di recupero del patrimonio edilizio ai fini della detrazione di cui all'articolo 1,

Dettagli

Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007

Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007 Guida utente alle principali funzionalità release gennaio 2007 Sommario Movimenti e Saldo: Consolidato e Tempo reale....pagina 3 Come disporre: Disposizioni e Distinte...........Pagina 4 Disposizioni:

Dettagli

DISPOSIZIONI DI PAGAMENTO BONIFICI, TRASFERIMENTI, GIROFONDI

DISPOSIZIONI DI PAGAMENTO BONIFICI, TRASFERIMENTI, GIROFONDI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO BANCA POPOLARE DI

Dettagli

DISPOSIZIONI DI PAGAMENTO BONIFICI, TRASFERIMENTI, GIROFONDI

DISPOSIZIONI DI PAGAMENTO BONIFICI, TRASFERIMENTI, GIROFONDI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

Pagamenti - Bonifici CBI - Standard tecnici

Pagamenti - Bonifici CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: : v. 6_17 Pagine 4643 Nome File: _6_17.doc Ultimo aggiornamento: 07-05-2015 Data creazione: 31-01-2005 Autore: Consorzio CBI Revisore: GdL Standard Il contenuto del presente

Dettagli

Bonifici, Carte, Rid 7 NOVITÀ. da conoscere per gestirli al meglio

Bonifici, Carte, Rid 7 NOVITÀ. da conoscere per gestirli al meglio Bonifici, Carte, Rid 7 NOVITÀ da conoscere per gestirli al meglio Le 7 novità 1 L IBAN: l identificativo unico del conto corrente 2 Operazioni più veloci e tempi garantiti 3 Disponibilità immediata delle

Dettagli

PAGAMENTO EFFETTI PRESENTAZIONI RI.BA. INVIO FATTURE ELETTRONICHE VERSO P.A.

PAGAMENTO EFFETTI PRESENTAZIONI RI.BA. INVIO FATTURE ELETTRONICHE VERSO P.A. PAGAMENTO EFFETTI PRESENTAZIONI RI.BA. INVIO FATTURE ELETTRONICHE VERSO P.A. Sommario 1. PAGAMENTO RI.BA.2 2. PRESENTAZIONE RI.BA 6 3. INVIO FATTURE ELETTRONICHE VERSO PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 13 1 1.

Dettagli

I PAGAMENTI CON BONIFICI ELETTRONICI

I PAGAMENTI CON BONIFICI ELETTRONICI I PAGAMENTI CON BONIFICI ELETTRONICI Per emettere il pagamento a fronte di una fattura ricevuta da un fornitore è possibile utilizzare la modalità Bonifico Elettronico. Con Mexal Express si possono generare

Dettagli

Il servizio di anticipo fatture: modello di business ed inquadramento

Il servizio di anticipo fatture: modello di business ed inquadramento Il servizio di anticipo fatture: modello di business ed inquadramento Dario Piovera Head of Local Products Italy and EB Infrastructure Germany Product Development ebanking - Cash Management & ebanking

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Impatti generali del passaggio alla SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Impatti generali del passaggio alla SEPA SEPA Single Euro Payments Area Impatti generali del passaggio alla SEPA Il passaggio alla SEPA comporta impatti sui processi o sui sistemi della mia azienda? Dal punto di vista dei processi, gli impatti

Dettagli

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro.

SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. SEPA: impatti sulle aziende, benefici e rischi dell area unica dei pagamenti in euro. Milano, 6 febbraio 2009 SEPA Credit Transfer: BIC, IBAN e Allineamento Elettronico Archivi IBAN Servizi di Amministrazione

Dettagli

Funzioni di utilità - Storico bonifici

Funzioni di utilità - Storico bonifici Funzioni di utilità - Storico bonifici STORICO Elenco Generalità Lo Storico bonifici memorizza, in automatico, i bonifici eseguiti. E possibile memorizzare un massimo di 50 disposizioni, superato questo

Dettagli

Pagamenti telematici spese di giustizia

Pagamenti telematici spese di giustizia Pagamenti telematici spese di giustizia Riferimenti Oggetto: Modello Documento: CBI.doc Nome File: PagamentiTelematiciGiustiziaLineeGuidaCBIv05.doc : Pagine 14 Ultimo aggiornamento: 14/06/2010 10.46 creazione:

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Guida_rapida per composizione XML SDD

SEPA Single Euro Payments Area. Guida_rapida per composizione XML SDD SEPA Single Euro Payments Area Guida_rapida per composizione XML SDD Introduzione Lo scopo di questo documento è quello di fornire le indicazioni pratiche per poter generare distinte di Incasso SEPA Direct

Dettagli

Manuale di Integrazione sistema di pagamento JPayGate-RAS

Manuale di Integrazione sistema di pagamento JPayGate-RAS sistema di pagamento JPayGate-RAS Data: 09/12/09 File: Manuale di integrazione sistema di pagamento JPayGate-RAS.doc Versione: Redazione: Sardegna IT Sistema di Sommario Introduzione... 3 Descrizione del

Dettagli

Bonifici, Carte, Rid 7 NOVITÀ. da conoscere per gestirli al meglio

Bonifici, Carte, Rid 7 NOVITÀ. da conoscere per gestirli al meglio Bonifici, Carte, Rid 7 NOVITÀ da conoscere per gestirli al meglio Le 7 novità 1 L IBAN: l identificativo unico del conto corrente 2 Operazioni più veloci e tempi garantiti 3 Disponibilità immediata delle

Dettagli

Pagamenti - Bonifici CBI - Standard tecnici

Pagamenti - Bonifici CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: : v. 6_13 Pagine 44 Nome File: _6_13 Ultimo aggiornamento: 18-04-2013 Data creazione: 31-01-2005 Autore: Consorzio CBI Revisore: GdL Standard Il contenuto del presente documento

Dettagli

Bonifici e Incassi COSA CAMBIA PER LE IMPRESE CON LA NUOVA DIRETTIVA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO BONIFICI INCASSI

Bonifici e Incassi COSA CAMBIA PER LE IMPRESE CON LA NUOVA DIRETTIVA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO BONIFICI INCASSI Bonifici e Incassi COSA CAMBIA PER LE IMPRESE CON LA NUOVA DIRETTIVA SUI SERVIZI DI PAGAMENTO BONIFICI INCASSI guida_psd_impresa_def.indd 1 11/06/10 10.51 Indice I BONIFICI: cosa cambia 1 Ricezione ed

Dettagli

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING

DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING Allegato B DESCRIZIONE PROCESSI E REQUISITI SERVIZIO HOME BANKING 1. INTRODUZIONE Il presente allegato ha lo scopo di descrivere gli aspetti del collegamento telematico tra Istituto Cassiere ed Automobile

Dettagli

COMUNE DI SESTU PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

COMUNE DI SESTU PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO COMUNE DI SESTU PROCEDURA APERTA SOPRA SOGLIA PER L'AFFIDAMENTO QUINQUENNALE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PREMESSE ART. 1 - Oggetto dell appalto ART. 2 Modalità di affidamento

Dettagli

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI

Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Progetto FALLCO - MANDATI ELETTRONICI Dematerializzazione dell iter autorizzativo ed esecutivo relativo ai mandati di pagamento disposti nell ambito delle procedure concorsuali presso le sezioni fallimentari

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE

INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA EMITTENTE - BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Società per Azioni - Sede legale e Direzione Generale: Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Tel +390647021 http://www.bnl.it - Codice ABI 1005

Dettagli

DISPOSIZIONI DI PAGAMENTO BONIFICI, TRASFERIMENTI, GIROFONDI

DISPOSIZIONI DI PAGAMENTO BONIFICI, TRASFERIMENTI, GIROFONDI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SULLA

Dettagli

SEPA PUNTO DELLA SITUAZIONE. Sepa Direct Debit (SDD) Date

SEPA PUNTO DELLA SITUAZIONE. Sepa Direct Debit (SDD) Date SEPA PUNTO DELLA SITUAZIONE Sepa Direct Debit (SDD) Date Dal 1/09/13: - Da questa data non sarà più possibile presentare gli odierni RID con data scadenza oltre il 31/01/014. Per effetti con scadenza successiva

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Fattura CBI. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Fattura CBI. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Fattura CBI Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

BONIFICO ESTERO BANCA ESTERA SECETI. Manuale

BONIFICO ESTERO BANCA ESTERA SECETI. Manuale 1/16 Titolo Documento: ESTERA SECETI Tipologia Documento: Codice Identificazione: 2004-04-02 1/16 Nominativo Funzione Data Firma Redazione Roberto Mandelli Capoprogetto CBI 2004-04-02 N.A. Verifica Capoprogetto

Dettagli

Standard Applicativi del Servizio messaggi di tesoreria riferiti al sistema di compensazione BICOMP (Dettaglio)

Standard Applicativi del Servizio messaggi di tesoreria riferiti al sistema di compensazione BICOMP (Dettaglio) Sistema interbancario di trasmissione dati (SITRAD) Standard Applicativi del Servizio messaggi di tesoreria riferiti al sistema di compensazione BICOMP (Dettaglio) Codice documento: ABI MTES-001 Release:

Dettagli

INSERIRE LA PROPRIA BANCA E LE TIPOLOGIE DI PAGAMENTO

INSERIRE LA PROPRIA BANCA E LE TIPOLOGIE DI PAGAMENTO INSERIRE LA PROPRIA BANCA E LE TIPOLOGIE DI PAGAMENTO Per gestire i tuoi incassi e pagamenti, occorre innanzitutto inserire i conti concorrenti che hai aperto in banca. Per generare correttamente le scadenze

Dettagli

Rapporti Interbancari Diretti - R.I.D. CBI - Standard tecnici

Rapporti Interbancari Diretti - R.I.D. CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: : v. Pagine 39 Nome File: 6_09 Ultimo aggiornamento: creazione: 31-01-2005 Autore: Consorzio CBI Revisore: GdL Standard Il contenuto del presente documento costituisce materiale

Dettagli

Il Nuovo CBI e la compliance con la SEPA

Il Nuovo CBI e la compliance con la SEPA Il Nuovo CBI e la compliance con la SEPA Michela Tocci Segreteria Tecnica ACBI Associazione per il Corporate Banking Interbancario - ACBI INNOVAZIONE NEL SISTEMA DEI PAGAMENTI 1 Milano, 18 aprile 2007

Dettagli

I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA GUIDA PER LE AZIENDE LA SEPA INCLUDE 33 PAESI 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro valuta: Italia Germania

Dettagli

Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto. Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese

Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto. Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese Le riposte Creval: dove la Banca può essere d aiuto Raffaella Cristini Responsabile Direzione Prodotti Credito Valtellinese Indice del documento 1. Sepa End Date: key points 2. Le risposte CREVAL 3. I

Dettagli

Ricevute Bancarie - Ri.Ba. CBI - Standard tecnici

Ricevute Bancarie - Ri.Ba. CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: CBI-ICI-001 : v. Pagine 20 Nome File: 5_01.doc Ultimo aggiornamento: 08-04-2005 creazione: 31-01-2005 Autore: Segreteria Tecnica Revisore: D.ssa Liliana Fratini Passi Il

Dettagli

chiede l ammissione all Associazione Progetto Rotary Distretto 2060 onlus ai sensi dell articolo 6 dello Statuto.

chiede l ammissione all Associazione Progetto Rotary Distretto 2060 onlus ai sensi dell articolo 6 dello Statuto. MODULO 1 - RICHIESTA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto, in qualità di Al Presidente del Consiglio di Amministrazione Progetto Rotary Distretto 2060 onlus presidente pro tempore del Rotary Club sotto indicato

Dettagli

Manuale operativo (ver. 1.0)

Manuale operativo (ver. 1.0) Manuale operativo (ver. 1.0) 1 Il Servizio di conversione 1.1 Caratteristiche funzionali... 2 1.2 Tempi e modalità di utilizzo... 2 2 Attivazione/disattivazione del Servizio 2.1 Attivazione del periodo

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO. Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO... 4 2. REFERENTI DELLA PROCEDURA... 4 3. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 4.

Dettagli

Manuale operativo (ver. 1.1)

Manuale operativo (ver. 1.1) Manuale operativo (ver. 1.1) 1 Il Servizio di conversione... 2 1.1 Caratteristiche funzionali... 2 1.2 Tempi e modalità di utilizzo... 2 2 Attivazione/disattivazione del Servizio... 4 2.1 Attivazione del

Dettagli

I dati da trasmettere sono organizzati in sezioni di informazioni omogenee riepilogate nella tabella che segue: Sezione obbligatoria.

I dati da trasmettere sono organizzati in sezioni di informazioni omogenee riepilogate nella tabella che segue: Sezione obbligatoria. 4.ASSICURAZIONI: le informazioni da comunicare I dati da trasmettere sono organizzati in sezioni di informazioni omogenee riepilogate nella tabella che segue: Sezione di dati IDENTIFICATIVO RECORD DATI

Dettagli

Pagamenti - Bonifici CBI - Standard tecnici

Pagamenti - Bonifici CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: : v. 6_00 Pagine 35 Nome File: 6_00 Ultimo aggiornamento: 28-07-2006 creazione: 31-01-2005 Autore: Segreteria Tecnica Revisore: D.ssa Liliana Fratini Passi Il contenuto

Dettagli

Allineamento Elettronico Archivi - A.E.A. CBI - Standard tecnici

Allineamento Elettronico Archivi - A.E.A. CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: : v. Pagine 64 Nome File: _6_10 Ultimo aggiornamento: 2615-0405-2013 creazione: 31-01-2005 Autore: Consorzio CBI Revisore: GdL Standard Il contenuto del presente documento

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO

FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO FOGLIO INFORMATIVO D/3 SERVIZI DI PAGAMENTO INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Agricola Popolare di Ragusa Società Cooperativa per Azioni a responsabilità limitata (di seguito la Banca ) Sede Legale e Direzione

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni

Specifiche Tecniche di trasmissione fattura al Portale Amministrativo Fornitori Eni di trasmissione fattura al Portale di trasmissione fattura al Portale Revisione : 00 Data creazione : 29/02/2016 Data revisione : Revisioni : Rev. Riferimento Descrizione Data Autore 00 Specifiche Tecniche

Dettagli

Rete Interbancaria. CAI - Centrale d'allarme Interbancaria. Funzioni Segmento PROCAR. Codice documento: SIA-RI-CAI FNZ (PROCAR) Release: 1.

Rete Interbancaria. CAI - Centrale d'allarme Interbancaria. Funzioni Segmento PROCAR. Codice documento: SIA-RI-CAI FNZ (PROCAR) Release: 1. Rete Interbancaria CAI - Centrale d'allarme Interbancaria Funzioni Segmento PROCAR Codice documento: SIA-RI-CAI FNZ (PROCAR) Release: 1.2 7dicembre 2004 SIA-RI-CAI FNZ (PROCAR) - CAI - Centrale d'allarme

Dettagli

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Guida all utilizzo del Servizio

Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione. Guida all utilizzo del Servizio Fatturazione Elettronica verso la Pubblica Amministrazione Guida all utilizzo del Servizio Versione 2.0 del 23/04/2015 Sommario I. Chi fa cosa - ruoli... 3 (a) La Farmacia produzione del file XML... 3

Dettagli

ADDEBITO DIRETTO SEPA (SDD- SEPA DIRECT DEBIT)

ADDEBITO DIRETTO SEPA (SDD- SEPA DIRECT DEBIT) Gentile cliente, facciamo riferimento alle nostre precedenti comunicazioni di recepimento della Direttiva Europea sui Servizi di Pagamento (P.S.D. Payment Services Directive) per segnalarle che la Banca

Dettagli

Rete Interbancaria. CAI - Centrale d'allarme Interbancaria. Funzioni Segmento PASS. Codice documento: SIA-RI-CAI FNZ (PASS) Release: 1.

Rete Interbancaria. CAI - Centrale d'allarme Interbancaria. Funzioni Segmento PASS. Codice documento: SIA-RI-CAI FNZ (PASS) Release: 1. Rete Interbancaria CAI - Centrale d'allarme Interbancaria Funzioni Segmento PASS Codice documento: SIA-RI-CAI FNZ (PASS) Release: 1.2 7 dicembre 2004 SIA-RI-CAI FNZ (PASS) - CAI - Centrale d'allarme Interbancaria

Dettagli

Applicativo PAGHE PROJECT

Applicativo PAGHE PROJECT Applicativo PAGHE PROJECT Paghe per Aziende, Banche ed Assicurazioni, Enti Pubblici Versione 03.11.00 del 6 Settembre 2013 Elenco contenuti 1 - Nuova modalità di aggiornamento...2 2 - Disposizioni di pagamento

Dettagli

Sommario. Pag. - 1 - Rev. 1 del 16/12/2013

Sommario. Pag. - 1 - Rev. 1 del 16/12/2013 Sommario 1. INTRODUZIONE GESTIONE SDD (SEPA Direct Debit)... - 2-2. DATI RID/SDD IN ANAGRAFICA CLIENTI... - 4-3. DATI SDD IN ANAGRAFICA BANCHE... - 6-4. GESTIONE ARCHIVIO EFFETTI... - 8-5. PRESENTAZIONE

Dettagli

Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/

Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/ Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/ Sommario 1 AGGIORNAMENTI DELLA VERSIONE 3 2 SCOPO 4 3 PROCEDURA 5 3.1 FLUSSO 0050 TRASMISSIONE AL DISTRIBUTORE DELLA RICHIESTA DI SWITCHING 5 3.2 FLUSSO 0100

Dettagli

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016

Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Comitato PagamentiItalia Le imprese e la SEPA Completare la migrazione entro il 1 febbraio 2016 Nel 2014 gli schemi di bonifico e addebito diretto SEPA (Single Euro Payments Area) hanno definitivamente

Dettagli

480.84 it (pf.ch/dok.pf) 10.2015 PF. Manuale Messaggi ISO PostFinance per le banche [messaggi pacs]

480.84 it (pf.ch/dok.pf) 10.2015 PF. Manuale Messaggi ISO PostFinance per le banche [messaggi pacs] 480.84 it (pf.ch/dok.pf) 10.2015 PF Manuale Messaggi ISO PostFinance per le banche [messaggi pacs] Assistenza clienti Richieste per la prestazione di servizio ISO 20022 per le banche PostFinance SA Servizio

Dettagli

Manuale tecnico. Lybro FATTURAZIONE P.A. Numero documento 01528 LYBRO/3CLICK/LYBRO PROPAGANDA. Dalla versione. Moletta Morena morena.moletta@lybro.

Manuale tecnico. Lybro FATTURAZIONE P.A. Numero documento 01528 LYBRO/3CLICK/LYBRO PROPAGANDA. Dalla versione. Moletta Morena morena.moletta@lybro. Oggetto FATTURAZIONE P.A. Numero documento 01528 Software LYBRO/3CLICK/LYBRO PROPAGANDA Dalla versione Redatto da Moletta Morena morena.moletta@lybro.it Data Redazione 07/11/2014 Approvato da Data Approvazione

Dettagli

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.2 (Update) Data di rilascio: 30.01.2014

GECOM PAGHE Oggetto: Aggiornamento procedura Versione: 2014.0.2 (Update) Data di rilascio: 30.01.2014 NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. RELEASE Versione 2014.0.2 Applicativo: GECOM

Dettagli

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA

PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA PAGAMENTI TELEMATICI DELLA GIUSTIZIA SPECIFICHE VERSIONE 4.0 SOMMARIO SCENARIO...5 REQUISITI PRINCIPALI DELLA PROCEDURA DI PAGAMENTO...7 Integrazione...7 Sicurezza...7 Autenticazione...7 Profilazione Automatica...8

Dettagli

Ragione Sociale: Nome e Cognome (referente): Partita Iva: Indirizzo sede legale: Città: Provincia: Cap: Telefono: Email: (registrazione):

Ragione Sociale: Nome e Cognome (referente): Partita Iva: Indirizzo sede legale: Città: Provincia: Cap: Telefono: Email: (registrazione): ID AZIENDA # Da Rispedire tramite mail / FAX: commerciale@preventivami.it Fax +39 080.9692345 oppure raccomandata A/R: Spett.le Preventivami.it GIDA Srl Via Fratelli Philips, 9 70132 Bari DATI DELL'AZIENDA:

Dettagli

Applicativo PAGHE PROJECT

Applicativo PAGHE PROJECT Applicativo PAGHE PROJECT Paghe per Aziende, Banche ed Assicurazioni, Enti Pubblici Versione 04.03.01 del 31 Gennaio 2014 Elenco contenuti 1 - Disposizioni di pagamento CBI / SEPA...1 1.1 Introduzione...1

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 27 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

MANUALE SINTETICO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO REMOTE BANKING BANK FOR BUSINESS

MANUALE SINTETICO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO REMOTE BANKING BANK FOR BUSINESS MANUALE SINTETICO PER L UTILIZZO DEL SERVIZIO REMOTE BANKING BANK FOR BUSINESS SOMMARIO: 1. COME ACCEDERE AL PROGRAMMA E GUIDA ALLA NAVIGAZIONE 2. VISUALIZZAZIONE E STAMPE DEI MOVIMENTI DEI CONTI 3. COME

Dettagli

CBI 2004. La Nuova Architettura CBI. Nuovi servizi, Nuova architettura, Nuove opportunità. Liliana Fratini Passi. Renato A. Sica

CBI 2004. La Nuova Architettura CBI. Nuovi servizi, Nuova architettura, Nuove opportunità. Liliana Fratini Passi. Renato A. Sica CBI 2004 Nuovi servizi, Nuova architettura, Nuove opportunità La Nuova Architettura CBI Liliana Fratini Passi Resp. Segreteria Tecnica ACBI Renato A. Sica Principal Arthur D. Little Resp. Consulenza ACBI

Dettagli

Titolo: FATTURA PA FACILE COMPILAZIONE ONLINE. Data creazione: 07/06/2016. Tipo di documento: ISTRUZIONI OPERATIVE

Titolo: FATTURA PA FACILE COMPILAZIONE ONLINE. Data creazione: 07/06/2016. Tipo di documento: ISTRUZIONI OPERATIVE Inserire le credenziali di accesso al sito www.opendotcom.it, cliccando su Accedi Cliccare su Servizi e prodotti, poi su Strumenti per la professione e, infine, su Fattura PA facile Accedere a Trasmissione

Dettagli

EMISSIONE FATTURA ELETTRONICA (FatturaPA) INTRODUZIONE

EMISSIONE FATTURA ELETTRONICA (FatturaPA) INTRODUZIONE INTRODUZIONE Le aziende che hanno rapporti con le pubbliche amministrazioni non potranno più inviare o presentare fatture cartacee, ma solo in formato elettronico (riferimenti normativi: Art. 1- Legge

Dettagli

La Fatturazione Elettronica

La Fatturazione Elettronica Informazioni Generali : La trasmissione di una fattura elettronica in formato Xml alla PA, obbligatoria a partire dal prossimo giugno (a scaglioni) avviene attraverso il Sistema di Interscambio (SdI),

Dettagli

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007

POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO. Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 POSTA ELETTRONICA (TRADIZIONALE e CERTIFICATA) FIRMA DIGITALE PROTOCOLLO INFORMATICO Maurizio Gaffuri 11 ottobre 2007 1 POSTA ELETTRONICA TRADIZIONALE e POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA 2 POSTA ELETTRONICA

Dettagli

PORTALE TERRITORIALE FATTURAZIONE ELETTRONICA MANUALE UTENTE

PORTALE TERRITORIALE FATTURAZIONE ELETTRONICA MANUALE UTENTE Pag. 1 di 14 PORTALE FATTURE Pag. 2 di 14 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Accesso al sistema... 3 3. Fattura passiva... 3 3.1 FATTURE IN ENTRATA RICEVUTE 3 4. Fattura attiva a PA... 7 4.1 INSERIMENTO MANUALE

Dettagli

2. Emettere una Fattura Elettronica

2. Emettere una Fattura Elettronica 2. Emettere una Fattura Elettronica In questo Capitolo vedremo come emettere una Fattura Elettronica in pochi e semplici passi. 2.1 Operazioni Preliminari da eseguire Una Tantum 2.1.1 Passo 1 (obbligatorio):

Dettagli

Parte A. Allegato 2 Parte A

Parte A. Allegato 2 Parte A Parte A Specifiche tecniche per la trasmissione delle Comunicazioni previste dall art. 11 comma 2 del decreto legge 6 dicembre 2011 n.201 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. AVVERTENZE GENERALI... 3 3. CONTENUTO

Dettagli

Incassi e pagamenti SEPA via EBA e internazionali via SWIFT

Incassi e pagamenti SEPA via EBA e internazionali via SWIFT Incassi e pagamenti SEPA via EBA e internazionali via SWIFT Università di Bergamo, 19 marzo 2014 Flavio Caricasole Responsabile Estero Commerciale e Sistemi di Pagamento flavio.caricasole@ubibanca.it PSD

Dettagli

ABI Carte epayments Tutti Pazzi per Jiffy

ABI Carte epayments Tutti Pazzi per Jiffy ABI Carte epayments Roma, 18 Novembre 2014 e&mpayments Cosa sta cambiando CAGR 2012-15 ecommerce, epayments 16% (19,2% 2012) mpayments 60% 47 mld trx. Banks (90% à 85%) Il Mobile tende a spiazzare gli

Dettagli

Fattura elettronica. la gestione integrata del flusso documentale

Fattura elettronica. la gestione integrata del flusso documentale Fattura elettronica la gestione integrata del flusso documentale normativa principale Normativa IVA dpr 633/1972 Direttiva CE 112/2006 Normativa amministrazione digitale d.lgs. 82/2005 (CAD) Fatturazione

Dettagli

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi

Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria. Gestione dei Pagamenti e degli Incassi Procedura Amministrativo-Contabile di Tesoreria Gestione dei Pagamenti e degli Incassi 1. OBIETTIVO Il presente documento descrive le attività amministrativo-contabili inerenti la gestione dei pagamenti

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE

CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE AGEA AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO TECNICO SEZIONE SERVIZIO DI CASSA AI SENSI DELLA LEGGE N. 720/84 - TABELLA B ALLEGATO ALLA CONVENZIONE Pag. 1 di 10 Sommario 1. OGGETTO DEL SERVIZIO...

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO BONIFICI

FOGLIO INFORMATIVO BONIFICI FOGLIO INFORMATIVO BONIFICI Norme sulla trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (D.lgs 1/9/93 n. 385 Delibera CICR 4/3/03 Istruzioni di Vigilanza della Banca d Italia 29/7/2009)

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia

SEPA Single Euro Payments Area. FAQ SEPA Banca d Italia SEPA Single Euro Payments Area FAQ SEPA Banca d Italia Che cosa è la SEPA? SEPA è l acronimo che identifica la Single Euro Payments Area (l Area unica dei pagamenti in euro), ovvero un area nella quale

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 29 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS HTTP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

LA DIRETTIVA La PSD (Payment Service Directive) - Direttiva sui Servizi di Pagamento è stata recepita dall ordinamento giuridico italiano con decorrenza 1 marzo 2010. La Direttiva intende unificare il

Dettagli

Guida per le aziende I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO. Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA

Guida per le aziende I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO. Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA Guida per le aziende I NUOVI SERVIZI DI BONIFICO E ADDEBITO DIRETTO Come cambiano pagamenti e incassi con la SEPA LA SEPA INCLUDE 33 PAESI: 17 Paesi UE che utilizzano l Euro come loro valuta: Italia Germania

Dettagli

Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD

Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD SPIN 2010 Le novità del CBI a seguito del progetto SEPA e della PSD Liliana Fratini Passi Segretario Generale Consorzio CBI Membro dell Expert Group on Electronic Invoicing della Commissione Europea Roma

Dettagli

Sezione II - Area Incassi

Sezione II - Area Incassi http://www.acbi.it Riferimenti Oggetto: Modello Documento: Nome File: Normal.dot Rel. -.doc : v. Pagine 88 Ultimo aggiornamento: 20/12/2002 15.00.00 creazione: 08/02/2002 Autore: Revisore: Segreteria Tecnica

Dettagli

Gestione della fatturazione elettronica

Gestione della fatturazione elettronica Gestione della fatturazione elettronica Introduzione Il decreto attuativo MEF e PA n. 55/2013, previsto dalla legge 24 dicembre 2007 n. 244, in materia di emissione, trasmissione e ricevimento della fattura

Dettagli

Determina 9/13_PORTALE_Switching SW1. Divisione Energy & Utilities. Manuale Utente. Data di validità: 03/07/2015. N.ro versione: 1.0.

Determina 9/13_PORTALE_Switching SW1. Divisione Energy & Utilities. Manuale Utente. Data di validità: 03/07/2015. N.ro versione: 1.0. Manuale Utente Determina 9/13: Switching SW1- Soluzione NET@PORTAL Redatto da: Verificato da: Approvato da: Riccardo Luciani Pier Francesco Fermani Alessandro Spurio Data di validità: 03/07/2015 N.ro versione:

Dettagli

Fatturazione elettronica PA Nota informativa per i fornitori

Fatturazione elettronica PA Nota informativa per i fornitori Fatturazione elettronica PA Nota informativa per i fornitori Riferimenti normativi e nuovo adempimento obbligatorio Il Decreto Ministeriale n. 55 del 3 aprile 2013, entrato in vigore il 6 giugno 2013,

Dettagli

CONVERSIONE AEA - SEDA

CONVERSIONE AEA - SEDA CONVERSIONE AEA - SEDA Regole per impostare il tracciato arricchito CBI 1. Premessa 2. Attività propedeutiche 3. Modalità di conversione 4. Sezione I : flussi da Azienda Cliente a Banca di Allineamento

Dettagli

SEPA Single Euro Payments Area. Introduzione alla SEPA

SEPA Single Euro Payments Area. Introduzione alla SEPA SEPA Single Euro Payments Area Introduzione alla SEPA La SEPA in sintesi Dal 1 febbraio 2014 bonifici nazionali in euro e RID sono stati sostituiti dai corrispondenti servizi europei che potranno essere

Dettagli

Rapporti Interbancari Diretti - R.I.D. CBI - Standard tecnici

Rapporti Interbancari Diretti - R.I.D. CBI - Standard tecnici Riferimenti Oggetto: Documento: : v. Nome File: 6_05 Ultimo aggiornamento: 14-07-2010 creazione: 31-01-2005 Autore: Segreteria Tecnica Revisore: D.ssa Liliana Fratini Passi Il contenuto del presente documento

Dettagli

http://www.abicloud.it/articolo?urn=urn:abi:abi:cir.tec:2013;14&pr=idx,0;artic,1;artic...

http://www.abicloud.it/articolo?urn=urn:abi:abi:cir.tec:2013;14&pr=idx,0;artic,1;artic... Page 1 of 12 CIRCOLARIABI SERIE TECNICA N. 14-10 GIUGNO 2013 SEPA COMPLIANT ELECTRONIC DATABASE ALIGNMENT (SEDA): IL SERVIZIO OPZIONALE AGGIUNTIVO DEGLI SCHEMI SEPA DIRECT DEBIT Premessa Con circolari

Dettagli

L applicazione è frutto dell esperienza maturata da CAB, nel corso degli ultimi quindici anni, nell ambito dei sistemi di pagamento.

L applicazione è frutto dell esperienza maturata da CAB, nel corso degli ultimi quindici anni, nell ambito dei sistemi di pagamento. PREMESSA OPPIO-SERVICE è una procedura espressamente realizzata per normalizzare le disposizioni di portafoglio, bonifico ed F24 provenienti dalla clientela bancaria. L applicazione è frutto dell esperienza

Dettagli