ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 MARIA V. CIASULLO ASSOCIATO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE GIULIA MONETTA DOTTORE DI RICERCA ED ASSEGNISTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESPERIENZE D IMPRESA 1/2012 MARIA V. CIASULLO ASSOCIATO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE GIULIA MONETTA DOTTORE DI RICERCA ED ASSEGNISTA"

Transcript

1 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM * MARCO PELLICANO ORDINARIO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO 71 MARIA V. CIASULLO ASSOCIATO DI ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO GIULIA MONETTA DOTTORE DI RICERCA ED ASSEGNISTA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Sommario: 1. Scopo della ricerca; 1.2 Il modello SLoT di matrice economicoterritoriale; 1.2 Le determinanti del grado di compimento sistemico; 1.3 La genesi di uno SLot; 2. La ricerca empirica; 2.1 La metodologia utilizzata; 2.2 Risultati emersi nella prima fase; 2.3 Risultati emersi nella seconda fase. Case study; 3. Considerazioni conclusive; 4. Limiti della ricerca ed implicazioni teorico-pratiche. ABSTRACT The purpose of the paper is to identify and define the conditions and modalities for the genesis of a SLoT, as well as defining the role that the different (public or private) actors can have in the process of said genesis. The paper is divided into two parts which deal with theoretical analysis and empirical research. Theoretical part compares the design and analytical elements of SLoT with components that distinguish the conceptual paradigm of vital systems. The analysis focusses on the process of development of a SLoT, making reference to the possible different evolution stages of systemic entities. Empirical part mapped out prospective SLoTs in Campania detecting the conditions, modalities and actors that took part in the genesis of the SLoTs and focussed on the case study Accordo di Reciprocità Piana del Sele-Paestum. Data is gathered directly in the field through the realisation of semi-structured interviews given to the various (public and private) project partners. The conclusions, arrived at by combining the theoretical-conceptual systemisation and the empirical verification, cover different modalities for the evolution of SLoTs, detecting conditions that permit local territorial associations to qualify for vital systems * Sebbene il lavoro sia frutto della comune attività di ricerca degli autori, il par. 3 va attribuito a Marco Pellicano; i parr. 1, 1.1, 1.2, 2.3, 4 a Maria V. Ciasullo; i parr. 1.3, 2, 2.1, 2.2 a Giulia Monetta.

2 72 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA being carried out. Finally, we highlight the implications for the development of further studies and research, as well as for governance within the field of local institutional territorial associations. KEY WORDS SLoT genesis evolution stages PIL case study. 1. Scopo della ricerca Finalità conoscitiva della ricerca è individuare e definire condizioni e modalità di genesi di un sistema locale territoriale (SLoT) e rilevare il ruolo che differenti attori, pubblici e/o privati, possono rivestire nel processo di genesi. Sulla base degli studi di matrice economico territoriale relativamente agli elementi costituenti uno SLoT, si provvede ad effettuare una comparazione con il paradigma concettuale proposto dall ASV. Frutto di un analisi supportata anche da una ricerca field, l intento ultimo è arricchire le basi di conoscenza scientifica in termini di logiche interpretative delle possibili modalità evolutive di un sistema territoriale. 1.1 Il modello SLoT di matrice economico territoriale Nell ambito degli studi di matrice economico territoriale, il territorio è un elemento primario e non derivato (Storper, 1997) nei processi di sviluppo socio-economico e culturale. L evoluzione degli studi anzidetti, come verrà di seguito evidenziato, ha portato a considerare il territorio come un sistema dinamico di relazioni intersoggettive capaci di sedimentare risorse relazionali, cognitive e organizzative di tipo contestuale. Esiste, dunque, una concezione di territorio che inserisce componenti socio-culturali in una più ampia visione sistemica, tesa a comprendere tutte le possibili componenti che, nel corso della storia naturale e umana, hanno variamente dotato i luoghi di risorse specifiche. In tal senso, il territorio è un prodotto storico di processi di coevoluzione di lunga durata fra insediamento umano e ambiente, natura e cultura, esito della trasformazione dell ambiente ad opera di successivi e stratificati cicli di civilizzazione (Magnaghi, 2000). Sebbene letta in ottica sistemica, la visione del territorio risente di alcuni limiti che, talvolta, privilegiano i caratteri ed i fattori di permanenza rispetto a quelli di cambiamento, con la tendenza ad approfondire gli elementi a scapito delle relazioni e, quindi, gli oggetti a scapito dei soggetti. Il rischio, infatti, è studiare il territorio come un contenitore di dotazioni fisse, dunque un analisi che privilegia aspetti di tipo strutturale piuttosto che sistemici capaci, solo questi ultimi di garantire nel tempo quel processo di coevoluzione di cui si è detto.

3 73 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM Sulla base delle suddette riflessioni, il presente lavoro accoglie una concezione di territorialità attiva, ossia sistemica, frutto della messa in valore di risorse specifiche dei luoghi, sia effettive che potenziali, sia tangibili che intangibili (Governa, 2005) 1. Anche nell ambito degli studi economico-aziendali, da taluni, viene riconosciuta l importanza della territorialità attiva in quanto in grado di generare, nei processi di sviluppo, un notevole valore aggiunto, che travalica aspetti di tipo economico (Rullani, 2004a). Accogliendo tale impostazione, lo sviluppo locale, pertanto, non risulta circoscritto all analisi del processo di crescita di un settore produttivo o di un aggregazione locale di imprese, ma in una prospettiva più ampia, quale sviluppo territoriale che, nel coinvolgere anche la sfera sociale, culturale e le capacità di autorganizzazione dei soggetti che insistono su una determinata area, si basa sulla valorizzazione sostenibile di risorse materiali ed immateriali. Proprio con riferimento agli aspetti suddetti, il territorio non è, dunque, più considerato come una realtà data, rigidamente individuabile e delimitabile su carte topografiche, ma come un divenire possibile, un costrutto sociale che deriva dalla interazione fra soggetti e componenti, materiali ed immateriali (Rullani, 2004a). Il territorio è generato a partire dallo spazio, è il risultato di un azione condotta da un attore. In altre parole, l attore territorializza lo spazio (Raffestin, 1981) 2. Nell ambito delle politiche urbane e territoriali, le interazioni fra soggetti e luoghi ovvero fra attori e territorio 3, sono state oggetto di approfondimento in un PRIN 4. Ricerche empiriche, applicate a problemi di sviluppo locale e di progettazione integrata per conto di enti pubblici (Comuni, Province, Regioni, Ministeri), assieme a studi di casi e riflessioni teorico concettuali, ne hanno supportato l analisi conoscitiva e definitoria. È proprio la rete locale di soggetti che definisce lo SLoT: quest ultimo identifica un soggetto collettivo in funzione degli specifici rapporti intrapresi e delle peculiarità territoriali del milieu locale 5 in cui insiste, opera ed agisce. Per meglio dire, uno SLoT qualifica un aggregato, o rete locale, di soggetti i quali, interagendo all interno di un contesto territoriale geograficamente definito, svolgono il ruolo di interfaccia fra le potenzialità specifiche del milieu locale e le reti sovra locali (Dematteis, Governa, 2005). Il modello SLoT si ritiene utile ad esplorare e descrivere la geografia di una particolare risorsa e la capacità autorganizzativa locale in quanto interfaccia necessaria per attivare, e in certa misura produrre, risorse specifiche nei processi di sviluppo territoriale. Il modello si propone di descrivere le relazioni tra interazione sociale, potenzialità del territorio locale, governance e sviluppo 6. Gli elementi caratterizzanti uno SLoT si suddividono in com-

4 74 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA ponenti e relazioni. Le prime vengono individuate in: reti locali di soggetti e milieu territoriale di riferimento; le seconde tra: soggetti locali, soggetti locali e milieu territoriale, componenti locali e livelli di scala sovra locali Le determinanti del grado di compimento sistemico La finalità conoscitiva della ricerca ha reso necessario effettuare un confronto tra gli elementi costituenti lo SLoT (Cfr. par. 1.1) e le componenti che contraddistinguono il paradigma concettuale dei sistemi vitali (Beer, 1973; 1991). Tale comparazione ha consentito di rilevare analogie e differenze che contraddistinguono le due distinte tipologie di modelli e, più precisamente, facendo riferimento ai differenti stadi evolutivi delle entità sistemiche (Golinelli, 2000; 2005) è stato possibile analizzare condizioni e modalità di sviluppo degli SLoT. Partendo dall analisi delle svariate forme di aggregazione e relazione tra imprese nonché delle dinamiche tra esse ed il contesto, gli studiosi delle discipline economico-manageriali hanno progressivamente privilegiato un analisi tesa ad approfondire non solo le aggregazioni imprenditoriali, ma anche una pluralità di attori di natura sostanzialmente diversa, accomunati dalla possibilità di essere qualificati sistemi. Gli attori di un territorio, infatti, sono immersi in una trama di rapporti con altre entità diverse per struttura, finalità grado di compimento, rilevanza e correlata condotta/comportamento 8. Nello specifico, mediante componenti più o meno sistemiche, essi attivano e possono attivare un numero pressoché indefinito e variante nel tempo di interazioni, attraverso le quali si manifestano una pluralità di atti di scambio. Ciascuno dei suddetti attori a sua volta, si rende in taluni casi protagonista in tal altri comparsa, di ulteriori rapporti. Questi ultimi, possono qualificare relazioni strutturali, ossia solo in potenza attivabili, ovvero relazioni attivate e sistematiche caratterizzate da frequenti interazioni. E evidente come anche un sistema territoriale si configura quale intrico di rapporti, diretti o indiretti che porta a qualificare il contesto come un reticolo di entità sistemiche 9. Il primo passo del processo valutativo a base di ogni rapporto intersistemico consiste nell analisi del grado di compimento sistemico delle entità di contesto. Esso consente, infatti, la distinzione tra sistemi: embrionali, in via di compimento e compiuti. Più precisamente, la distinzione tra i diversi stadi di compimento sistemico è fondata sull osservazione della presenza combinata, nelle diverse entità, di un organo di governo e di una struttura operativa e della capacità di indirizzo del sistema 10 analizzate attraverso due variabili latenti quali: grado di compimento dell organo di

5 75 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM governo e grado di compimento della struttura operativa (Liguori, Iannuzzi, 2008). La prima variabile è nulla (primo estremo) in caso di assenza totale di un organo di governo; in caso contrario, laddove è presente un governo capace di condurre l aggregato di sistemi nel suo insieme verso il conseguimento di obiettivi, scopi e finalità, la variabile assume il suo massimo valore (secondo estremo). Al tendere della variabile al secondo estremo, l entità indagata, partendo da un sistema embrionale, evolverà dapprima verso configurazioni di sistema in via di compimento e, progressivamente, di sistema compiuto. Ciò premesso, la valutazione del grado di compimento dell organo di governo può essere effettuata secondo una prospettiva strutturale o sistemica frutto dell analisi dei seguenti elementi: centralizzazione dell entità osservata, fa riferimento alla struttura in quanto l attenzione è incentrata sulla posizione e sul ruolo ricoperto dalla componente responsabile del disegno strategico ed organizzativo dell intera struttura analizzata. La misura della centralizzazione esprime la posizione della componente focale nell ambito di una rete di relazioni sociali 11 ; legittimazione riconosciuta alla componente focale dalle altre componenti dell entità analizzata 12 ; potere esercitato ed esercitabile dalla componente focale nei confronti delle restanti componenti dell aggregato in oggetto 13. Legittimazione e potere attengono alla prospettiva sistemica. Esse confermano o meno, in ottica dinamica, che la componente su cui risulta centrata l entità osservata ne sia effettivamente l organo di governo. Con riferimento al grado di compimento della struttura operativa, le dimensioni di analisi sono: connettività esistente tra le componenti 14 ; auto-organizzazione, sia a livello di singole componenti che di loro aggregazioni 15. La maggiore o minore vitalità sistemica può essere schematizzata nel modo che segue (Tab. 1). Tab. 1 Matrice del grado di compimento sistemico Fonte: Ns. adattamento da Liguori, Proietti, 2008

6 76 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA 1.3 La genesi di uno SLoT La necessità di differenziare i sistemi territoriali, in riferimento al grado di integrazione e condivisione tra le componenti (grado di compimento della struttura operativa) e in merito al ruolo svolto dall organo di governo (grado di compimento dell organo di governo), viene approfondito dall ASV mediante il concetto di grado di compimento del sistema territoriale (Nigro, Trunfio, 2003). In effetti, il percorso evolutivo può realizzarsi in diversi modi in cui non tutte le fasi hanno una sequenza logica ovvia e definita (Liguori, 2003). Gli stadi, attraverso cui spiegare tale percorso, possono essere illustrati considerando i possibili passi che una o più entità, da eventuale sistema embrionale può compiere, passando per la forma di sistema in via di compimento, ad un sistema vitale compiuto. Un sistema embrionale si caratterizza per la presenza di un insieme non organizzato di entità sistemiche ed in cui non esiste alcuna traccia evidente di un organo deputato a governare il sistema 16, per cui i rapporti tra le componenti avvengono sulla base della logica ferrea transazionale dei mercati (Barile, Piciocchi, Bassano, 2008) 17. Infatti, i sistemi embrionali, nelle differenti configurazioni assunte (cfr. Tab. 1), si caratterizzano per il minore o maggiore livello di connettività ed auto-organizzazione riferito alle variabili che misurano il grado di compimento della struttura operativa; mentre appare del tutto nullo il grado di compimento dell organo di governo. Talune aree territoriali sono assimilabili a sistemi embrionali (tipo 1) laddove è presente l aggregazione di componenti di dotazione e sistemiche 18 nell ambito dello stesso spazio, senza, tuttavia, la presenza di un soggetto decisore preposto a coordinare e indirizzare le azioni sul territorio. Con riferimento a tal altre aree territoriali, si è in presenza di sistemi embrionali (tipo 2) i quali, seppur privi di un organo di governo, si caratterizzano prevalentemente da processi autorganizzativi delle componenti in cui, comunque, manca una coerente e condivisa strategia di generazione di valore per il territorio (Nigro, Trunfio, 2003). Nel momento in cui i rapporti tra gli attori sistemici non sono più occasionali e transazionali, ma inizia ad emergere una programmazione dei ruoli dei membri, la formulazione dei criteri di reciproco controllo e la condivisione di regole, linguaggi e vincoli (Pellicano M., 2002), l aggregato territoriale inizia a transitare verso la forma di sistema in via di compimento. Il percorso evolutivo si svolge sulla base del graduale riconoscimento di un bisogno di collaborazione tra i diversi attori secondo una serie di confronti soggettivi di natura economica e sociale (Barile, Piciocchi, Bassano, 2008) 19. Talune aree territoriali possono essere assimilate a sistemi in via di compi-

7 77 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM mento, laddove risulta formalizzata la presenza di un soggetto decisore che ne assume il ruolo di promozione e valorizzazione attraverso l esercizio di funzioni di coordinamento di attività e componenti presenti nella struttura operativa. Tali tipologie sono facilmente riscontrabili in realtà e costituiscono la chiara manifestazione di processi di creazione, del tipo top-down, di enti e strutture operative (Nigro, Trunfio, 2003). Le considerazioni che precedono rendono appropriato comparare lo SLoT, di matrice economico territoriale, ad un sistema in via di compimento. Sulla base della definizione proposta (cfr. par. 1.1), infatti, uno SLoT si qualifica per essere un aggregato territoriale di soggetti pubblici e privati che pongono in essere progetti ed azioni riconducibili alla categoria generale dello sviluppo locale, quest ultimo inteso non solo in senso economico, ma anche sociale e culturale. In particolare, con riferimento al grado di compimento della struttura operativa, gli sviluppi del modello evidenziano la necessaria presenza di attori che, sebbene autonomi dal punto di vista giuridico-istituzionale, si coordinano tra loro secondo una logica di mutua cooperazione. Pertanto, uno SLoT può configurarsi un sistema in via di compimento del tipo 1 (Cfr. Tab. 1), laddove gli attori non assumono condotte proattive, ma si adattano passivamente alle contingenze derivanti dall azione pubblica di governance, ovvero del tipo 2 allorquando si assiste ad un elevata densità relazionale ed auto-organizzazione tra gli attori dell aggregato territoriale. Tuttavia, un armonico sviluppo dello SLoT richiede il fabbisogno di coordinamento delle decisioni assunte dai singoli attori. Esso risulta efficace in presenza di istituzioni ed organizzazioni pubbliche capaci di rendere compatibili, in modo continuo, le diverse componenti. Dunque, la funzione di coordinamento 20 rappresenta il cuore di qualsiasi politica di sviluppo locale (Salone, 2005). È evidente che uno SLoT non possa essere assimilato ad un sistema embrionale proprio in considerazione della presenza di un istituzione/organizzazione pubblica che guida il coordinamento delle attività dei singoli attori assumendo il ruolo di promozione e valorizzazione del territorio. In particolare, con riferimento al grado di compimento dell organo di governo, va evidenziato come semplici, seppur complesse, attività di coordinamento che un istituzione/organizzazione pone in essere nei confronti di più attori locali risultano insufficienti a garantire identità sistemica. Infatti, quest ultima non si realizza neppure laddove è presente un organo di governo al quale è, implicitamente o esplicitamente, riconosciuto il ruolo di indirizzo e guida da parte di tutti gli attori e soggetti presenti nel territorio circoscritto (Barile, 2007); né, tantomeno allorquando le relazioni strutturali e le interazioni sistemiche tra le componenti del-

8 78 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA l aggregato territoriale sono stabili, ricorrenti ed equifinalizzate (Golinelli, 2000; 2005). È necessario e fondamentale che l organo di governo si qualifichi e si rafforzi, renda la struttura operativa internamente risonante e sviluppi una precipua identità d insieme (Golinelli, 2005). In tal caso, l organo di governo mostra un compiuto grado di vitalità (Cfr. Tab. 1) delineando altresì sistemi territoriali compiuti 21. Infatti, nel momento in cui si configura l esistenza ed il permanere nel tempo di un entità, composita pubblica, riconosciuta e legittimata da tutti gli attori che costituiscono lo SLoT ad esercitare il ruolo di leadership, il processo evolutivo culmina in un sistema vitale compiuto. Pertanto, le singole entità territorialmente disperse individuano, nelle logiche unitarie di governo, un importante leva strategica di sopravvivenza. La consapevolezza di ciò si concretizza nella realizzazione di un governo unitario dell aggregato, in cui il momento decisionale appare accentrato, a garanzia di una guida armonica nell interesse della moltitudine degli attori coinvolti. In altre parole, il governo di un sistema territoriale si sostanzia in un azione, implementata a più livelli decisionali 22, orientata a: valorizzare le componenti dell area, coordinare i comportamenti delle componenti sistemiche direttamente ed indirettamente coinvolte nei processi di sviluppo dello specifico sistema territoriale, attrarre nuove risorse 23 /componenti, indurre consonanza tra le stesse (Golinelli, 2003). 2. La ricerca empirica L assunto teorico secondo cui è possibile assimilare uno SLoT ad un sistema in via di compimento e, in chiave evolutiva, soddisfatte talune condizioni ad un sistema vitale compiuto, rappresenta la base su cui prende avvio la ricerca empirica. L analisi field si focalizza su sistemi territoriali, la cui genesi origina da peculiari iniziative pubbliche proprio perché ad istituzioni/organizzazioni pubbliche viene attribuito e riconosciuto il ruolo di coordinamento delle politiche di sviluppo locale (Salone, 2005) e di definizione delle strategie di valorizzazione delle specificità locali (Dente, 1990; Le Galès, 1995). 2.1 La metodologia utilizzata La ricerca empirica è stata svolta in due fasi, caratterizzate da un progressivo livello di approfondimento (Bryman, 1988; Corbetta, 2003). Le fonti di provenienza dei dati raccolti sono state, in una logica temporale: secondarie, prevalentemente di tipo interno 24 ; primarie, acquisite tramite interviste semi-strutturate 25.

9 79 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM La prima fase di ricerca ha inteso verificare l esistenza di aggregazioni territoriali che presentavano analogie con il modello teorico SLoT, con riferimento al livello di coerenza in termini di condizioni, attori e modalità di genesi dello stesso. L universo di riferimento indagato è costituito dalle aggregazioni territoriali di sviluppo della Regione Campania individuate dagli Accordi di Reciprocità (AdR) 26 finalizzati allo sviluppo economico ed alla coesione sociale delle aree territoriali campane. I dati a cui si è fatto ricorso sono stati acquisiti prevalentemente da fonti secondarie di tipo interno 27. L analisi, tesa a far emergere analogie e differenze tra gli elementi del modello teorico e quelli rinvenuti nell AdR, ne ha consentito una mappatura. La seconda fase di ricerca è stata svolta attraverso il ricorso ad un approccio metodologico del tipo case study 28, focalizzato sulla proposta di AdR Piana del Sele-Paestum 29. I dati sono stati acquisiti direttamente sul campo attraverso la realizzazione di interviste semi-strutturate rivolte ai 52 partner (pubblici e privati) che hanno partecipato alla progettazione ed alla presentazione dell Accordo 30. La sistematizzazione e codifica delle risposte 31 è stata effettuata in modo separato da due ricercatori; le analisi sono state poste a confronto al fine di evidenziare e risolvere eventuali incongruenze (Silverman, 2001). L obiettivo è consistito nel far emergere il grado di compimento del partenariato rilevando la minore o maggiore capacità del Soggetto Gestore di coordinare, controllare e ricondurre a unità il progetto intrapreso. Più precisamente, si è inteso misurare le variabili che incidono sul grado di compimento sistemico vitale del partenariato (cfr. par. 2.2). 2.2 Risultati emersi nella prima fase Al fine di soddisfare la finalità conoscitiva della prima fase della ricerca preliminarmente, si è reso necessario approfondire caratteristiche (attori e funzioni) e modalità di funzionamento degli AdR. In particolare, un AdR risulta così strutturato: Amministrazione regionale, disegna lo sviluppo in chiave sovralocale impegnandosi a favorire la cooperazione interistituzionale tra le Amministrazioni, di diverso livello e competenza, in grado di contribuire al buon esito della complessiva strategia di sviluppo territoriale. Enti Locali, aderenti al Partenariato Istituzionale Locale (PIL) con funzioni di indirizzo e coordinamento 32 in una specifica area di programma o circoscritto ambito territoriale. Organizzazioni socio economiche, costituenti il Partenariato Economico e Sociale (PES). Esso orienta, supporta e sorveglia le azioni e gli interventi

10 80 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA di incentivazione che interessano e coinvolgono il sistema produttivo del territorio. Soggetto Gestore pubblico o a totale partecipazione pubblica, individuato dal PIL 33. Esso coordina la complessiva attuazione del progetto di sviluppo e gestisce, altresì, le risorse assegnate per la concreta realizzazione delle iniziative. Riguardo alle modalità di funzionamento, è opportuno approfondire i contenuti del Programma di Sviluppo Territoriale (PST), che ne rappresenta il disegno politico. Il programma descrive la strategia per l area, il progetto portante 34, gli impatti socio-economici, le modalità attuative, i singoli interventi da finanziare. Il PST è la chiara manifestazione di una precipua volontà tesa a realizzare azioni volte alla qualificazione di peculiari aree territoriali, in termini di: salvaguardia e cura del paesaggio, promozione della cultura e legalità, qualità della vita e dei servizi, mobilitazione delle comunità locali e del sistema produttivo, capacità e trasparenza amministrativa. Le caratteristiche e le modalità di funzionamento degli AdR consentono di assimilare questi ultimi al modello SLoT per la presenza di tutti gli elementi costituenti (Tab. 2). Tab. 2 - Comparazione tra AdR e SLoT Fonte: Ns. elaborazione Gli AdR sembrano prevedere forme locali di territorialità attiva utilizzando le identità locali come risorse per attivare coerenti processi di sviluppo. La territorialità attiva è supportata dal notevole fermento mostrato dai partenariati tesi a perseguire una strategia unitaria e comuni obiettivi di sviluppo. Infatti, in funzione della zonizzazione prevista dal Piano Territoriale Regionale, ben 33 risultano le proposte di AdR 35, formate da uno o più STS. I complessivi dati analizzati hanno consentito di definirne una mappatura (Fig. 1). 2.3 Risultati emersi nella seconda fase. Case study La finalità conoscitiva della seconda fase della ricerca ha reso necessario, preliminarmente, approfondire la strategia generale dell AdR Piana del Sele - Paestum tesa a promuovere la capacità competitiva degli STS F6 Magna Graecia e F8 Piana del Sele 36 attraverso azioni integrate di sviluppo in campo infrastrutturale, produttivo, sociale e amministrativo 37.

11 81 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM Fig. 1 -Gli AdR in Campania Fonte: Ns. adattamento del Piano Territoriale Regionale Ciò detto, gli attori costituenti l AdR sono: - il PIL 38, composto dalle amministrazioni comunali rientranti nei sistemi territoriali F6 e F8 e designando quale Ente Capofila il Comune di Battipaglia, con l impegno a cooperare sia nella fase di progettazione che, in caso di approvazione, nella fase di attuazione del programma; - il PIL allargato 39, formato da enti pubblici che hanno aderito alla proposta di AdR ed il cui contributo è stato ritenuto dal PIL coerente sia in relazione alla finalità generale di sviluppo dell area che con riferimento alle specifiche azioni proposte; - il PES 40, costituito da molteplici organizzazioni socio-economiche ritenute dal PIL in grado di coinvolgere il tessuto economico e sociale del territorio. Infatti, tali organizzazioni, nell assumersi concreti impegni rispetto agli obiettivi di sviluppo, si sono rese partecipi di costruttivi momenti di confronto sulla base della verifica ex ante, rilevata sulle imprese del territorio, di peculiari esigenze, fabbisogni e disponibilità alla realizzazione di nuovi investimenti 41 ; - lo Sviluppo Sele Paestum 42, quale Soggetto Gestore. Sotto forma di Agenzia di Sviluppo svolge compiti e funzioni affidate dal PIL in una logica di massima condivisione e partecipazione delle scelte strategicogestionali. Il ruolo svolto è di coordinamento degli interessi dei partner coinvolti, in relazione a molteplici attività quali: attribuzione delle risorse finanziarie, attuazione dei singoli interventi, verifica dei risultati raggiunti, monitoraggio continuo di tutte le azioni. Le interviste semi-strutturate, rivolte agli enti pubblici che hanno aderito al PIL, al PIL allargato ed agli attori economici del PES, hanno consentito di misurare il grado di compimento sistemico dell AdR in termini di:

12 82 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA 1. minore o maggiore compatibilità relazionale tra i partner e relativa autonomia decisionale (Tab. 3). Tab. 3 - Grado di compimento della struttura operativa Le caratteristiche e le modalità di funzionamento dell AdR consentono di riconoscere alle differenti forme di partenariato una capacità (più o meno esplicita e consapevole) di autorappresentarsi e di autoprogettarsi, in termini di connettività ed auto-organizzazione. La misurazione della prima ha evidenziato un elevata densità relazionale per effetto della capacità di apertura riscontrata nella maggior parte delle componenti. La misura della seconda risente in positivo dell efficace apporto decisionale fornito dalle componenti PIL allargato e PES mentre difetta in relazione agli enti locali (PIL). Il risultato a cui si è pervenuto non va letto, tuttavia, in senso negativo nei confronti del PIL in quanto, nell ambito della finalità generale del PST, sembra logico attribuire peculiari competenze a specifici attori locali piuttosto che alle amministrazioni comunali. 2. individuazione nel soggetto gestore della componente focale attraverso la verifica del ruolo ricoperto nella percezione dei partner (Tab. 4). Tab. 4 Grado di compimento dell organo di governo Il grado di compimento dell organo di governo si caratterizza per una differente percezione in funzione della tipologia di partenariato indagato: - tutte le amministrazioni locali (PIL) riconoscono al soggetto gestore centralizzazione, legittimazione e potere. Infatti, il PIL gli attribuisce un ruolo strategico inerente la definizione di una vision condivisa per lo sviluppo del complessivo territorio di competenza e l implementazione, attraverso concreti piani d azione, delle linee strategiche emergenti;

13 83 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM - gli enti pubblici aderenti al PIL allargato, seppur tendono a qualificare il soggetto gestore quale nodo principale dell AdR, tuttavia gli riconoscono bassa legittimazione e potere. In particolare, il valore medio della legittimazione risente di un elevata dispersione a causa della presenza di soli due attori (Provincia di Salerno, Università) che ritengono Sviluppo Sele Paestum capace di guidare e rappresentare l AdR favorendone uno sviluppo armonico coerente alla finalità del progetto; - la maggior parte delle organizzazioni socio economiche (PES) non identifica il soggetto gestore quale organo di governo dell AdR. Infatti, ad esso è attribuita la mera la formalizzazione dei piani di azione verificandone la coerenza rispetto alle linee strategiche definite dal PST. 3. Considerazioni conclusive La congiunzione tra la sistematizzazione teorico-concettuale e la verifica empirica induce alle riflessioni che seguono. Innanzitutto, con riferimento alla natura sistemica del modello SLoT proposto dagli studi economico territoriali e al processo di genesi dello stesso, è possibile ritenere che gli elementi concettuali che lo costituiscono - se analizzati attraverso il percorso evolutivo degli aggregati sistemici proposto dall ASV - conducono a qualificare il modello stesso come un sistema in via di compimento. Affinché uno SLoT assurga, viceversa, a rango di sistema vitale compiuto è necessario rilevare la presenza di una componente focale legittimata e capace di svolgere il ruolo di indirizzo e guida dell aggregato territoriale. L intento di verificare empiricamente la validità del modello proposto per definire il grado di compimento sistemico degli aggregati territoriali (Liguori, Iannuzzi, 2008) viene accolto e sviluppato attraverso il case study. La misurazione delle variabili, come si è visto (Cfr. par. 2.3), evidenzia differenti percezioni degli intervistati in relazione al ruolo svolto dall Agenzia Sviluppo Sele Paestum : da mero coordinamento e gestione a governo del partenariato. Sebbene la dottrina, in generale e l ASV, in particolare, sostengono che l azione di governo si basa su una costante capacità di indirizzo e guida in grado di orientare il sistema verso traiettorie evolutive maggiormente vitali, tuttavia la stessa può essere interpretata in differenti modi. Al riguardo, risulta opportuno distinguere (Pellicano, 2004): governo, quale contributo soggettivo che l organo di governo, sulla base di un proprio disegno intenzionale, apporta alla dinamica strategica del sistema; governance, quale portato di una spontanea attività di regolazione siste-

14 84 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA mica delle interazioni inerenti sia le componenti sub sistemiche sia il sistema nel suo complesso e gli interlocutori sovrasistemici. Con riferimento alla nota elaborazione concettuale di Mintzberg (1985), mentre il governo appare assimilabile al concetto di strategia intenzionale, la governance è riferibile alla strategia realizzata per effetto, soprattutto, dei contenuti strategici emersi durante il percorso evolutivo intrapreso. Ricorrendo, infine, a figure metaforiche 49, è possibile meglio evidenziare le differenti modalità di interpretare il ruolo di indirizzo e guida: governo, inteso quale condottiero di una milizia, impegnato nel tentativo, spesso illusorio e vano, di piegare le sorti dell evoluzione sistemica sulla base del proprio disegno intenzionale. Pertanto, lo stesso, presumendo di essere artefice dei destini dell aggregato sistemico, si sforza attraverso l azione di governo di dirigere la governance. governo, inteso quale pastore alla guida di un gregge 50, che ricerca e facilita l armonia tra le componenti dell aggregato ed agevola i processi di autorganizzazione ed autoregolazione intersistemica. L organo di governo, quindi, pur rimanendo protagonista à la Fazzi della dinamica evolutiva, indirizza e guida facilitando le interazioni intra ed inter sistemiche. In tal caso, l azione di governo risulta in armonia in quanto parte integrante della governance. Per tutto quanto detto, infine, è difficile ipotizzare che il soggetto gestore di un AdR possa assurgere al ruolo di organo di governo di un sistema vitale. Ciò, tuttavia, è possibile solo nella misura in cui lo stesso risulti in grado di armonizzare la propria azione di governo con l autoregolazione strutturale e la regolazione intersistemica. 4. Limiti della ricerca ed implicazioni teorico-pratiche La complessiva ricerca condotta risulta foriera di ulteriori e differenti approfondimenti. Infatti, i risultati emersi dalla ricerca empirica rappresentano una base conoscitiva utile in quanto tesa ad una verifica dell architettura logica inerente il grado di compimento degli aggregati sistemici. Tuttavia, si rendono necessari ed opportuni ulteriori sviluppi. In particolare, si auspica per il futuro misurare le variabili che definiscono il grado di compimento di un aggregato sistemico in fase di realizzazione dell AdR, adottando la metodologia ispirata alla longitudinal comparative case study research (Pettigrew, 1990, 1992, 1997). L analisi teorica, ricorrendo alla contaminazione degli studi di economia territoriale e attraverso l ASV, ha consentito di qualificare il modello SLoT quale sistema in via di compimento. Il principale terreno di sfida per nuove

15 85 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM ricerche al riguardo potrebbe consistere nella comparazione tra il modello SLoT rispetto ad altri approcci multidisciplinari allo studio dei sistemi. Ciò al fine di verificare se diverse prospettive di analisi, in riferimento ad elementi e condizioni che qualificano un sistema territoriale, conducono a medesime o differenti riflessioni. NOTE 1 Gli approcci principali al tema della territorialità sono riferibili a due posizioni principali. La prima, espressa da Sack (1986; 1993; 1997), esprime la territorialità come controllo ed espressione primaria del potere sociale; dunque, si configura in specifiche strategie perpetrate per controllare persone e risorse. La seconda, sostenuta da Raffestin (1981; 2007), presenta la territorialità come frutto delle relazioni (concrete o astratte) tra soggetti e ambiente in un contesto tridimensionale società-spazio-tempo; dunque, la territorialità rappresenta un processo aperto che si esprime con strategie inclusive rivolte all autonomia locale (Sharp et al., 2000; Brown, 1992). In effetti, i due approcci al tema della territorialità indicano due diversi modi di considerare il locale ed i rapporti che in esso si instaurano. Si può, infatti, distinguere una territorialità passiva, che attraverso strategie di controllo supportate da un rigido sistema normativo, mira esclusivamente all utilizzo strumentale di soggetti e risorse ed una territorialità attiva, che discende dall azione collettiva dei soggetti locali e mira alla costruzione di strategie inclusive. 2 Tali definizioni di territorio portano a considerare lo stesso quale produttore di memoria (Piveteau, 1995) e, contemporaneamente creatore di un codice genetico locale (Magnaghi, 2000), in cui si intrecciano risorse e valori che, costruiti e sedimentati nel tempo, vengono valorizzati permettendo di dare senso alle azioni e ai progetti del presente e del futuro. 3 In particolare, le interazioni anzidette fanno riferimento a diverse concezioni di territorio: amministrative, in tal caso, il territorio è visto come spazio delle competenze delimitate dai confini politico-amministrativi; connesse all appartenenza naturale e data ai luoghi, in tal caso, il territorio è identificato quale patrimonio di eredità storica proveniente dal passato; costruzione sociale che fonda l identità locale in funzione dell azione collettiva dei soggetti (Bourdin, 1994). In tal caso, il territorio, in una visione progettuale, è costruito dagli attori in funzione di un idea condivisa di trasformazione (Governa, 2005). 4 L impostazione concettuale della ricerca è illustrata in Bonora (2001) e i contributi metodologici in Sommella (2004), mentre alcuni casi di studio sono contenuti in: Bonora e Giardini (2003); Rossignolo, Imarisio (2003); Dematteis, Governa e Vinci (2003); Sommella e Viganoni (2004). Il milieu definisce l identità specifica di un sistema locale. Nelle discipline territoriali il milieu considera, accanto alla dotazione delle risorse fisiche e socio-culturali, anche le dinamiche organizzative dei soggetti nelle reti locali (Dematteis, 1994; Governa, 1997). Il milieu territoriale locale comprende tutte le caratteristiche che nel corso del tempo si sono sedimentate e legate stabilmente a un territorio e che possono in qualche modo costituire delle leve per lo sviluppo di esso. (Becattini, Rullani, 1993). 5 Pur riferendosi ad entità territoriali individuabili geograficamente, lo SLoT differisce concettualmente da analoghe categorie descrittive utilizzate da geografi, pianificatori ed altri studiosi (Dematteis, 2003). Infatti, il modello non fa riferimento ad un sistema territoriale già esistente e funzionante come attore collettivo, ma si propone di trovare una serie di indizi (attitudini ed esperienze pregresse) e precondizioni oggettive e soggettive che, con l intervento di opportune azioni di governance, rendono possibile ed altamente probabile

16 86 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA la costruzione, in una certa area geografica, di un sistema territoriale capace di contribuire autonomamente ad obiettivi di sviluppo. In tal senso, lo SLoT diventa uno strumento di analisi che permette di: individuare lo stato attuale delle relazioni territorio/soggetti/azioni nella prospettiva di attivare un sistema locale come attore collettivo; valutare ex ante la possibilità di attivare processi di sviluppo autocentrati ed ex post il valore aggiunto territoriale da essi prodotto; suggerire l architettura più adatta per costruire un sistema di governance efficace per l attuazione di politiche e per la realizzazione di programmi e progetti (Dematteis, Governa, 2005). 6 Al fine di estendere la cooperazione interistituzionale, le reti tra i soggetti sono estese anche ad amministrazioni di diverso livello territoriale (regionale, nazionale e/o europeo) in quanto capaci di contribuire al buon esito della strategia di sviluppo territoriale (Dematteis, 2003). 7 La distinzione tra comportamento e condotta è esprimibile attraverso il seguente assunto: il passaggio dal primo al secondo si manifesta quando da un insieme di azioni dell aggregato nel suo complesso, prive di un governo intrinseco, si perviene ad una successione delle stesse complessivamente governate da uno specifico soggetto (Panati, Golinelli, 1991). Pertanto, il termine condotta è utilizzato solo con riferimento a sistemi vitali compiuti caratterizzati dalla presenza, legittimazione e leadership di un organo di governo. 8 L approccio sistemico fornisce validi contributi e specifica la lettura dell ambiente e la definizione del contesto basandosi su due criteri fortemente integrati quali: grado di compimento sistemico e rilevanza delle entità di contesto (Liguori, Proietti, 2008). 9 Ogni sistema vitale è genericamente rappresentabile come una categoria unica in una schematizzazione che evidenzia: un area del decidere e un area dell agire (Beer, 1991). Ne discende che un sistema vitale si caratterizza per la coesistenza di due aree distinte, ma tra loro interagenti (Barile, 2007). La scissione tra le due aree ha senso solo per fini analitici e di studio dell identità del sistema vitale: in realtà le aree non possono mai costituire un ambito autonomo ed indipendente del sistema stesso, né possono vivere di vita autonoma (Golinelli, 2005). Per la proprietà dell isotropia, il sistema vitale si caratterizza per il suo modo di essere da processi che manifestano uniformità rispetto alle attività: finalizzate al decidere oppure finalizzate all agire. Le decisioni e le azioni poste in essere da un sistema vitale denotano, dunque, la natura finalizzata del comportamento dei sistemi vitali (Barile, 2007). 10 Il contributo teorico sviluppato dalla Social Network Analysis si è focalizzato, tra l altro, sulla declinazione del concetto di centralità (Wasserman, Faust, 1998) e su possibili indici di misurazione (Freeman, 1979). 11 In particolare, la legittimazione è considerata in termini di consenso, ossia approvazione complessiva della condotta della componente focale da parte delle restanti componenti dell ente osservato; è evidente come la fiducia costituisca una delle principali determinanti la stabilità e la collaborazione nei rapporti all interno dell entità stessa (Vicari, 1991). 12 Il potere è riferito alla possibilità ed alla capacità di indirizzare e controllare le attività poste in essere dalle altre componenti. Esso può essere considerato in termini di capacità della componente focale di indirizzare, coordinare, controllare ed armonizzare l entità di contesto nel suo complesso. In tale accezione positiva, il potere incide in modo significativo sul gado di compimento dell organo di governo trovando espressione funzioni inderogabili, quali: strategica, organizzativa e politica (Fazzi, 1982). La funzione strategica definisce il potere decisionale riferito alla capacità di tracciare la visione complessiva dell intero aggregato, di individuarne gli orientamenti di fondo e di delinearne l indirizzo strategico (Iannuzzi, Nigro, 2005; Ciappei, Bricheri, 2005). La funzione organizzativa è esplicativa del potere di guida e di coordinamento delle varie componenti costitutive dell entità osservata (Paci, 2003). La funzione politica garantisce l armonizzazione delle finalità e degli interessi delle varie componenti con le esigenze di sopravvivenza della specifica entità di contesto nel suo insieme.

17 87 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM 13 La connettività nell assumere valenza strutturale, fa riferimento alla minore o maggiore diffusione delle relazioni tra le componenti. Essa è misurata dalla densità relazionale, espressa dal rapporto al tempo T fra le relazioni esistenti e quelle potenziali tra i nodi della rete (Soda, 1998). 14 L auto-organizzazione individua la capacità dei singoli individui e delle unità organizzative a porre in essere relazioni ed interazioni senza l intervento progettuale dell organo di governo (Golinelli, 2000). 15 Un area distrettuale, ad esempio, in una fase di start up, si presenta come un complesso di componenti interdipendenti, totalmente priva di un organo di governo ma, al contempo, contraddistinta da un comportamento emergente, frutto della combinazione di livelli di densità relazionale ed auto-organizzazione tra le entità sistemiche coinvolte. Il comportamento del distretto nel suo insieme nasce dalla combinazione di scelte di ordinamento parziali che consentono a ciascuna impresa di regolare il suo posizionamento rispetto agli altri, secondo le classiche dinamiche dello sciame (Rullani, 2002). Trattasi di configurazioni di sistemi embrionali, i cui processi di genesi appaiono del tutto spontanei, del tipo bottom up, manifestazione di condizioni di contesto particolarmente favorevoli che determinano un atmosfera industriale in un area territoriale delimitata ed in cui numerosissime micro imprese, o di piccola e media dimensione danno luogo a forme spinte di divisione del lavoro (Liguori, Proietti, 2008). Una siffatta genesi non è riconducibile ad una decisione o pianificazione ad opera di un master mind a livello distrettuale. 16 Le entità realizzano scambi mercantili, determinati da finalità utilitaristiche e volti a minimizzare il prezzo delle transazioni; è ovvio che le risorse scambiate sono sostanzialmente banali, perché facilmente rinvenibili sul mercato e non essenziali per lo svolgimento delle attività. 17 Un territorio, può essere suddiviso nelle seguenti componenti (Golinelli, 2003): di dotazione (naturali, artistiche, culturali, urbanistiche, ecc.) che devono necessariamente coincidere spazialmente con l area geografica alla quale ci si riferisce; sistemiche (sistemi vitali imprese, organizzazioni sociali, individui, enti istituzionali, ecc.), che godono di una precipua ed autonoma capacità di generazione di valore, in ragione del perseguimento di maggiore probabilità di sopravvivenza propria. 18 È stato ampiamente riscontrato che le imprese, solitamente di piccola o media dimensione, nel momento in cui avvertono un incerta reperibilità di risorse ritenute critiche ai fini della propria sopravvivenza, iniziano ad aggregarsi ponendo in essere varie tipologie di accordi con l obiettivo di garantirsene continuità e stabilità di accesso (Rullani, 2004b; Massaroni, Ricotta, 2009). È questa la genesi di un sistema in via di compimento, attraverso una logica di tipo bottom-up in cui le imprese definiscono una struttura reticolare, senza che si profili la presenza di un organo di governo. In tal senso, le stesse agiscono consapevolmente ed in modo organizzato per gestire il fabbisogno di risorse (informazioni e conoscenza) stabilizzando nel tempo interazioni contraddistinte da obiettivi comuni e interessi convergenti. Tali interazioni, tendenzialmente di tipo sinergico, rappresentano il portato della profonda trasformazione culturale che ha investito i meccanismi di governo dei rapporti interaziendali facilmente riscontrabili in configurazioni reticolari. 19 Nell ambito degli studi delle discipline economico territoriali, il coordinamento definisce la governance urbana e territoriale, inerente la capacità dell azione pubblica di integrare e dare forma agli interessi locali, alle organizzazioni, ai gruppi sociali rappresentandoli all esterno e sviluppando delle strategie più o meno unificanti rispetto a tutti i possibili livelli di governo (Le Galès, 1995). La funzione di coordinamento è attribuita esclusivamente alle istituzioni pubbliche, aventi il triplice ruolo di: interpretare e garantire la corretta esecuzione delle politiche pubbliche; promuovere e guidare strategie di valorizzazione delle specificità locali; farsi mediatori della domanda esterna (Dente, 1990). 20 Un sistema territoriale vitale realizza creazione ed incremento di valore, sia economico che sociale, mostrando dinamicità nei processi competitivi (Nigro, Trunfio, 2003).

18 88 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA 21 Gli svariati livelli decisionali rendono complessa l identificazione dell articolato e frammentato processo decisionale (Pellicano, 2002; Golinelli, 2003). 22 La capacità di attrarre risorse costituisce una prerogativa, non già delle singole componenti territoriali, ma di coesi e coerenti sistemi territoriali guidati da un organo di governo in grado di esprimere un chiaro percorso di sviluppo del territorio. 23 I dati secondari, sono quelli già raccolti e pubblicati per scopi diversi da quelli riconducibili alla ricerca in corso (Marbach, 1996). Le fonti di provenienza dei dati secondari possono essere: interne, se prodotte e fornite dall intervistato; esterne, se provengono da altri enti o organizzazioni (Metallo, Barile, 2002). 24 Le domande che hanno guidato l intervista sono prevalentemente a risposta aperta. 25 Gli AdR fanno riferimento a Sistemi Territoriali di Sviluppo (STS), definiti secondo la zonizzazione del Piano Territoriale Regionale. Essi sono previsti con il Programma Attuativo Regionale del FAS 2007/13, teso a valorizzare l aggregazione delle competenze strategiche, attuative e gestionali, già consolidatesi nel territorio per l attuazione di programmi di sviluppo locale (Patti, PIT, PIR, ecc.). 26 I dati sono stati reperiti dalla Regione Campania. Si ringrazia il Dirigente del Settore Pianificazione e collegamento con le aree generali di Coordinamento il quale, supportato dagli Uffici dell Area Generale di Coordinamento, nel mettere a disposizione tutta la documentazione richiesta, si è reso disponibile a fornire chiarimenti ed informazioni. 27 Tale metodologia è efficace per comprendere l evoluzione ed i cambiamenti di eventi manifestatisi nel tempo e per l approfondimento di fenomeni complessi. Infatti, il ricorso ai casi è opportuno se l obiettivo della ricerca è quello di comprendere i cambiamenti manifestatisi nell ambito di complessi fenomeni ( ) quali ( ) processi organizzativi e manageriali (Yin, 2004). 28 Si precisa che per la selezione del caso si è fatto ricorso ad una tecnica non probabilistica, tecnica generalmente usata nelle analisi condotte mediante casi di studio (Neuman, 2000). Inoltre, la scelta del caso è stata del tipo purposive in quanto lo stesso presentava elementi e contenuti particolarmente informativi (Saunders et al., 2003). 29 Le domande sono state poste in modo non standardizzato con il duplice obiettivo di garantire un elevato coinvolgimento degli intervistati e concedere loro un certo grado di libertà al fine di ottenere risposte esaurenti ed esaustive (Kvale, 1996). 30 La misurazione delle risposte è avvenuta servendosi di scale di valutazione metrica con range compresi tra 0 e 1. Attribuito a ciascuna risposta il relativo punteggio si è proceduto, per ogni singola variabile analizzata, alla media aritmetica semplice calcolata con riferimento al numero dei componenti le differenti forme di partenariato. 31 Le principali funzioni svolte dal PIL: articolazione delle linee strategiche e di indirizzo relative all attuazione del Programma di Sviluppo Territoriale (PST); costituzione del partenariato socioeconomico territoriale, con il quale condividere le linee strategiche del PST; individuazione del Soggetto Gestore e dell Ente Capofila; coinvolgimento della collettività locale nei processi di definizione e realizzazione dell Accordo; verifica del conseguimento dei risultati; controllo dell avanzamento finanziario del Programma. 32 Nel momento in cui il PIL definisce il Soggetto Gestore tende a riconoscersi in esso conferendogli pieno mandato ad operare ed impegnandosi a coadiuvarne le attività. 33 Esso, definito come singola operazione infrastrutturale, assume una forte rilevanza strategica. Gli interventi, coerenti con la finalità del PST sono infrastrutturali (almeno il 25% delle risorse), materiali ed immateriali. 34 Le proposte sono scaturite dall Avviso pubblico della Regione Campania Disciplinare per la definizione e realizzazione degli Accordi di reciprocità pubblicato sul BURC n. 50 del 17 agosto L AdR interessa un area di rilevanza strategica in cui risorse ambientali, storiche e culturali sono tra le più importanti della regione Campania. L area si posiziona tra due ambiti provinciali turisticamente consolidati e rinomati a livello nazionale ed internazionale: a nord,

19 89 LA GENESI DEI SISTEMI TERRITORIALI VITALI. L ACCORDO DI RECIPROCITÀ PIANA DEL SELE-PAESTUM la città di Salerno e la Costiera amalfitana; a sud, il Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Dunque, tale area lega fisicamente due gradi attrattori della regione rappresentando un punto di forza inerente i flussi turistici più importanti. 36 Finalità generale del progetto è recuperare e valorizzare la naturalità dell area territoriale attraverso molteplici azioni di riqualificazione della fascia litoranea che interessano sia il patrimonio naturale che le complessive attività socio-economiche (produzioni agricole, agroalimentari, servizi turistici, sportivo-ricreativi, ecc.). 37 I comuni sono: Albanella, Altavilla Silentina, Battipaglia, Capaccio, Eboli, Giungano, Roccadaspide, Serre e Trentinara. 38 Gli enti pubblici sono: Amministrazione provinciale di Salerno, ASL Salerno, Consorzio Comuni Bacino SA, Università degli studi di Salerno, Soprintendenza per i Beni storici Artistici ed Etnoantropologici SA e AV, Consorzi di Bonifica di Paestum (sinistra e destra Sele) Piano sociale di zona S5, Capitaneria di porto-guardia costiera di Salerno, Istituto Tecnico Agrario G. Fortunato di Eboli, ANAS SpA, ASIS Salernitana Reti ed Impianti SpA. La suddetta elencazione contribuisce a fornire al partenariato una dimensione sovralocale. 39 Composto da: Sindacati (CSIL Salerno, CGIL Salerno, UIL Salerno, UGL Salerno), Consorzi per il turismo (Società Consortile Paestum, Consorzio Lidi Paestum, Consorzio Turistico Costa del Sele), Federazione provinciale artigiani di Salerno-Casartigiani, Confederazione nazionale artigianato, Confederazione italiana agricoltori, Confindustra, Confcommercio, Associazioni ambientaliste (WWF, Legambiente, ecc.). 40 Le complessive analisi Swot evidenziano la disponibilità delle imprese ad investire risorse proprie nei processi di riqualificazione ambientale. Numerose (oltre 100) risultano le manifestazioni di interesse di operatori alberghieri e servizi turistici complementari, consapevoli che i presupposti per uno sviluppo del territorio sono: mare pulito, spiaggia ampia, grande pineta risanata, rete di sottoservizi adeguata alle esigenze degli attuali e potenziali flussi turistici, sistema di mobilità efficiente. 41 Esso, nella forma di ScpA, è costituito da tutti i comuni aderenti al PIL, dalla Provincia di Salerno e dal Patto Territoriale Magna Grecia. Nel Soggetto Gestore confluisce anche il know how di Magna Grecia Sviluppo, inerente l esperienza decennale acquisita in tema di politiche pubbliche sociali. 42 A ciascun partner è stato chiesto di indicare: il numero di relazioni potenzialmente attivabili, sia con riferimento agli altri partner che hanno aderito all iniziativa che ad entità sistemiche terze da coinvolgere per meglio soddisfare la finalità della proposta progettuale; il numero di relazioni effettivamente attivate al tempo t (concretizzazione della proposta progettuale) con gli altri attori di progetto. La misura del rapporto tra queste ultime e le prime si approssima, in tutti e tre i casi, ad un valore vicino all unità. 43 È stato chiesto di evidenziare l apporto fornito alla definizione delle linee strategiche di sviluppo in termini di azioni ed interventi concretamente formalizzati nel progetto. 44 È stato chiesto se e quanto i partner riconoscono al soggetto gestore il ruolo di attore (nodo) centrale dell AdR. Le domande, in tal senso poste, erano tese ad approfondire aspetti quali: naturale vocazione, prestigio, know how professionale, specifiche competenze maturate in interventi di sviluppo locale. 45 Le domande hanno inteso approfondire il livello di consapevolezza mostrato dai partner circa la capacità del soggetto gestore di guidare e rappresentare l aggregato attraverso modalità condivise. 46 Le domande hanno inteso indagare quanto i partner ritengano probabile che il soggetto gestore assuma concretamente la condotta prevista nel progetto garantendo il perseguimento della finalità dell AdR. 47 È stato chiesto di approfondire se, quanto e attraverso quali modalità il soggetto gestore sia ritenuto capace di articolare una condotta strategica valida per tutto l aggregato. 48 In tal senso, mirabilmente, Ciappei (2006), nel commentare il pensiero di Gui gu zu, af-

20 90 MARCO PELLICANO-MARIA V. CIASULLO-GIULIA MONETTA ferma: Non bisogna farsi seguire, ma seguire. Non si guida come un duce che capeggia innanzi agli altri, ma come un pastore che segue le proprie pecore conoscendone e assecondandone le propensioni. 49 Si precisa che il termine gregge non fa riferimento all accezione comune che definisce lo stesso una mandria di ovini da allevamento, ma sposa la visione cattolica secondo cui è da riferirsi ad un gruppo di autentici credenti. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI BARILE S., Contributo al dibattito sull approccio sistemico al governo dell impresa, Sinergie, n. 72, BARILE S., GOLINELLI C.M., Modalità e limiti dell azione di governo del territorio in ottica sistemica, in Barile S., (a cura di), L impresa come sistema. Contributi sull Approccio Sistemico Vitale (ASV), Giappichelli, Torino, BARILE S., PICIOCCHI P., BASSANO C., Le dinamiche evolutive del distretto in ottica sistemico-vitale, in Barile S., (a cura di), L impresa come sistema. Contributi sull Approccio Sistemico Vitale (ASV), Giappichelli, Torino, BECATTINI G., RULLANI E., Sistema locale e mercato globale, Economia e politica industriale, n. 80, BEER S., Diagnosi e progettazione organizzative. Principi cibernetici, Isedi, Torino, BEER S., L azienda come sistema cibernetico, Isedi, Torino, BONORA P. (a cura di), Quaderno SLoT n. 1, Baskerville, Bologna, BONORA P., GIARDINI A., SLoT Quaderno 4. Orfana e claudicante. L Emilia post-comunista e l eclissi del modello territoriale, Baskerville, Bologna, BOURDIN A., Pouquoi la perspectiveinvente-t-elle des territoires?, Espaces et Sociétés, n , BROWN M.P., The possibility of local autonomy, Urban Geography, Vol. 14, n. 3, BRYMAN A., Quantity and Quality in Social Research, Routledge, London, CHISNALL P., Le ricerche di marketing, McGraw-Hill, Milano, CIAPPEI C., BRICHERI E., Soggetti e sistemi nel contributo di Roberto Fazzi sul governo dell impresa, Sinergie, n.68, CIAPPEI C., Il realismo strategico nel governo d impresa, University Press, Firenze, CIAPPEI C., Il realismo strategico nel governo d impresa. Materiali per una pragmatica del valore, Firenze, University press, CORBETTA P., La ricerca sociale: metodologia e tecniche. L analisi dei dati, Vol. IV, Il Mulino, Bologna, DEMATTEIS G., Possibilità e limiti dello sviluppo locale, Sviluppo locale, n. 1, DEMATTEIS G., SLoT (Sistema locale territoriale). Uno strumento per rappresentare, leggere e trasformare il territorio, Documento del Convegno: Per un patto di sostenibilità. Sviluppo locale e sostenibilità tra teoria e pratica, Pinerolo, 29 ottobre DEMATTEIS G., GOVERNA F. (a cura di), Territorialità, sviluppo locale, sostenibilità: il modello SLoT, Franco Angeli, Milano, DEMATTEIS G., GOVERNA F., VINCI I., La territorializzazione delle politiche di sviluppo. Un applicazione del modello Slot alla Sicilia, Archivio di Studi Urbani e Regionali, n. 77, DENTE B., Le politiche pubbliche in Italia, in Dente G., (a cura di), Le politiche pubbliche in Italia, Il Mulino, Bologna, FAZZI R., Il governo dell impresa, Vol. I, Giuffrè, Milano, FREEMAN L.C., Centrality in Social Networks: Conceptual Clarification, Social Networks, n.1, GOLINELLI C.M., Approccio sistemico e governo del territorio, Esperienze d Impresa, Quaderno n.2, Serie Speciale S/2, 2003.

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio

MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio OLTRE LA CRISI MANIFESTO APERTO VERSO IL PATTO COMUNITARIO VENETO Per una Responsabilità Sociale d Impresa e di Territorio Nel nostro mondo sempre più globalizzato viviamo in una condizione di interdipendenza

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR)

Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) Progetto di ricerca rilevante di Ateneo (PAR) UNA CULTURA, UNA TRADIZIONE, UN SISTEMA PRODUTTIVO LOCALE: IL CASO DI CASTELLI (TE) Indicazioni progettuali per un analisi territoriale, per un progetto di

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile

Strategie di Sviluppo Socio-economico Sostenibile Azioni a carattere innovativo finanziate nel quadro dell'art. 6 del regolamento relativo al Fondo Sociale Europeo, Linea di Bilancio B2-1630,"Strategie locali per l'occupazione e innovazione" Strategie

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento

Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento Governance di sistema e di progetto e possibili canali di finanziamento di Giorgio Casoni Il concetto di capacità competitiva territoriale è entrato a far parte del linguaggio comune degli amministratori.

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria

CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI. di Confindustria CODICE ETICO E DEI VALORI ASSOCIATIVI di Confindustria 19 giugno 2014 1 Il presente Codice, approvato dalla Assemblea straordinaria di Confindustria del 19 giugno 2014, è parte integrante dello Statuto

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

Approccio Sistemico Vitale - ASV ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. A.A. 2010-2011 Prof. Francesco Polese

Approccio Sistemico Vitale - ASV ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. A.A. 2010-2011 Prof. Francesco Polese Università degli Studi di Cassino Facoltà di Economia (sede di Terracina) Approccio Sistemico Vitale - ASV ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE A.A. 2010-2011 Prof. Francesco Polese 1 Approccio Sistemico

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

"GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education"

GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education "GIOVANE CITTADINANZA: dalla prevenzione verticale alla peer education" SISTEMA DI VALUTAZIONE INDICE DEL DOCUMENTO 1. Linee guida per la valutazione.. pag. 2 2. Dimensioni e tempi della valutazione...

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA

PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA PROVINCIA DI PESARO E URBINO Distretto Culturale Evoluto CreATTIVITA 1 Introduzione L Amministrazione Provinciale di Pesaro Urbino intende raccogliere la sfida lanciata dalla Regione Marche per lo sviluppo

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1

Roma, 15 novembre 99. Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi LORO SEDI. Prot. n. 530971 All.: n. 1 Roma, 15 novembre 99 Direzione Generale del Commercio Delle Assicurazioni e dei Servizi Div. II Agli UU.PPI.CA LORO SEDI Prot. n. 530971 All.: n. 1 E, p.c. UNIONCAMERE P.zza Sallustio, 21 00187 R O M A

Dettagli

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA

ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA ORIENTAMENTI PER L APPLICAZIONE DEL COMMUNITY-LED LOCAL DEVELOPMENT IN ITALIA I. Le principali sfide da affrontare con il CLLD Il Community-led local development (CLLD) è uno strumento normato dai regolamenti

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance

Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Seminario Il controllo di gestione e la misurazione delle performance Intervento del Direttore Generale della Banca d Italia Fabrizio Saccomanni 13 giugno 2012 Do il benvenuto a tutti i partecipanti a

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013

La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 La governance della politica regionale unitaria Innovazioni e lavori in corso per il 2007-2013 1. Governance e politiche di coesione Nelle politiche di coesione 2007 2013 hanno un forte rilievo le azioni

Dettagli

Network management. Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management. 0. Un inquadramento: dove siamo

Network management. Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management. 0. Un inquadramento: dove siamo Network management Dott. Alessandro Sancino Ricercatore ALTIS, Divisione Public Management 1 0. Un inquadramento: dove siamo Modelli di riferimento Burocrazia New Public Management Network Management Momento

Dettagli

PROVINCIA DI PIACENZA

PROVINCIA DI PIACENZA PROVINCIA DI PIACENZA DI SVILUPPO E QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER BAMBINI N ETA 0-3 ANNI INDIRIZZI GENERALI PER IL TRIENNIO 2001-2003 Approvato con atto C.P. 29.10.2001 n.133 Ufficio Politiche

Dettagli

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER

LIFE09ENVIT000188-EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER -EnvironmentalCOoperation model for Cluster - Acronimo: ECO-CLUSTER Linee Guida Modello di gestione ambientale ECO-CLUSTER: requisiti del Comitato di gestione Comune di Collagna Responsabile dell azione

Dettagli

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate

SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate SEZIONE IV Le attività finalizzate al raccordo scuola-lavoro: una lettura critica delle esperienze realizzate Le opinioni dei Capi di Istituto e dei responsabili scolastici dei progetti -25- -26- Nota

Dettagli

ABC Apprendere Bene (in) CGIL

ABC Apprendere Bene (in) CGIL Marche Percorso di ricerca, formazione e sviluppo Promuovere e tutelare il diritto ad apprendere attraverso il funzionamento organizzativo della CGIL MARCHE DOCUMENTO FINALE 4 luglio 2007 ABC Apprendere

Dettagli

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017

COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 COSTRUIRE L HUB CAMERALE DEL CREDITO E DELLA FINANZA 1 PIANO DI RIPOSIZIONAMENTO STRATEGICO PER IL TRIENNIO 2015-2017 Premessa Le recenti iniziative varate dal Governo per il riordino del sistema camerale

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO

PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO PROGETTO QUALITA PIANO FINANZIARIO Progetto Qualità INTESA-CCA 2014-2016 Pagina 1 PROGETTO QUALITA 2014-2016 PREMESSA: Il progetto dopo il periodo di avvio e consolidamento, in base alle osservazioni poste

Dettagli

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007

Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani. Marta Berni AA. 2006-2007 Corso di Valutazione Economica dei Progetti e dei Piani AA. 2006-2007 PIANO e PIANIFICAZIONE 3 Pianificazione È il Processo con il quale un individuo, una impresa, una istituzione, una collettività territoriale

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA AZIENDALE STRATEGIA AZIENDALE CONOSCENZE IL CONCETTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO DI FONDO (OSF) L orientamento strategico di fondo delle imprese si basa su una nozione

Dettagli

Il colloquio psicologico

Il colloquio psicologico Il colloquio psicologico Nel colloquio psicologico, a fronte di un soggetto che propone un immagine di se stesso, fornisce informazioni, esprime sentimenti e opinioni, o implicitamente una richiesta di

Dettagli

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività

I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi per INGEGNERIA SENZA FRONTIERE si articolano su tre livelli: principi fondamentali principi di quotidianità principi di operatività I principi fondamentali sono quelli che definiscono il senso

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Capitolo 7 Reti di impresa

Capitolo 7 Reti di impresa Capitolo 7 Reti di impresa Indice Il tema delle reti nella teorie manageriali Le definizioni prevalenti sul concetto di rete Risorse e competenze nei processi di rete Rete e vantaggi competitivo Alcune

Dettagli

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro

Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro Simone Tosi, Tommaso Vitale To cite this version: Simone Tosi, Tommaso Vitale. Appendice. Il disegno della ricerca e le modalità di lavoro. Piccolo

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo.

La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. La newsletter del Progetto Monitoraggio: uno strumento di condivisione informativa e di coinvolgimento operativo. Editoriale a cura dell Ing. Aldo Mancurti, Capo Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

La cinematografia come produzione ad alto contenuto di creatività: : inquadramento di filiera e peculiarità organizzative

La cinematografia come produzione ad alto contenuto di creatività: : inquadramento di filiera e peculiarità organizzative Lezione La cinematografia come produzione ad alto contenuto di creatività: : inquadramento di filiera e peculiarità organizzative Prof.ssa Clara Bassano Corso di Marketing A.A. 2008-2009 I caratteri dell

Dettagli

Documento Unico di Programmazione 2014-2016

Documento Unico di Programmazione 2014-2016 COMUNE DI BOLOGNA Documento Unico di Programmazione 2014-2016 I nuovi strumenti della pianificazione strategica e operativa UNA GUIDA ALLA LETTURA 31 marzo 2014 Indice 1. L evoluzione della normativa

Dettagli

CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA

CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA CODICE ETICO E DI RESPONSABILITÀ SOCIALE DEL SISTEMA NAZIONALE BORGHI AUTENTICI D ITALIA PREAMBOLO In sede di dichiarazione preliminare si esplicitano quelli che costituiscono i precisi riferimenti cui

Dettagli

La dimensione europea. Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi

La dimensione europea. Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi La dimensione europea Dalla comunità di prassi alla sostenibilità degli interventi ESTRATTI DAL DOCUMENTO DELL UNIONE EUROPEA ELEARNING:PENSARE ALL ISTRUZIONE DI DOMANI: Occorre garantire la disponibilità

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

CONSULTAZIONE SUL LIBRO VERDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SU RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE EMILIA-ROMAGNA

CONSULTAZIONE SUL LIBRO VERDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SU RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE EMILIA-ROMAGNA CONSULTAZIONE SUL LIBRO VERDE DELLA COMMISSIONE EUROPEA SU RICERCA E INNOVAZIONE REGIONE EMILIA-ROMAGNA 1. Come può il quadro strategico comune rendere più interessanti e accessibili per i partecipanti

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 16 DEL 3 APRILE 2006 PROVINCIA DI SALERNO - Avviso Pubblico per l attuazione degli interventi formativi programmati nell ambito del progetto integrato PI Piana del Sele da realizzare con il contributo del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003 Ufficio del Direttore Regionale Struttura operativa di coordinamento per la comunicazione interna ed esterna Piano della comunicazione integrata della Direzione Regionale della Campania per l anno 2003

Dettagli

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO

COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO COMMISSIONE TRAIETTORIE DI SVILUPPO PER LE FILIERE TECNOLOGICHE E PIATTAFORME TECNOLOGICHE DI SERVIZIO A CURA DEL COORDINATORE DR. MICHELE VIANELLO DIRETTORE GENERALE VEGA- PST DI VENEZIA CONSIGLIERE APSTI

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province

RIPARTIRE DALLA SOSTENIBILITA - per una nuova generazione dei Piani Territoriali di Coordinamento delle Province Le tecniche operative solitamente applicate in questa fase sono l intervista diretta a testimoni privilegiati (telefonica e/o verbale), e la ricerca con l ausilio di internet. I testimoni privilegiati

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

diverse forme di globalizzazione

diverse forme di globalizzazione Cap. III Ripensare il rapporto tra Turismo e Territorio Globalizzazione e turismo Globalizzazione: è generalmente usato per indicare un insieme di fenomeni di allargamento ed estensione degli scambi commerciali

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO

LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE TRA IL PERSONALE INFERMIERISTICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO MASTER / COORDINAMENTO LA LEADERSHIP INFERMIERISTICA NELLA GESTIONE DEI CONFLITTI SUL LAVORO: RICERCA SULLA REALTA DELL INTERAGIRE

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità

ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità 9. ambiti trasversali di interesse: verso i protocolli operativi di sostenibilità Un altra tipologia di strumentazioni di supporto alla concretizzazione di una pratica di sostenibilità, intesa prettamente

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO

TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO INTEGRATO ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TURISMO TECNICO SUPERIORE PER L ORGANIZZAZIONE E IL MARKETING DEL TURISMO STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E.

Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Carta del Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona - Cre.Ar.T.E. Art. 1. Il Distretto culturale evoluto della Provincia di Cremona: natura e scopi Il Distretto culturale costituisce un sistema

Dettagli

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE

HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE HOUSING SOCIALE, RIQUALIFICAZIONE URBANA E QUALITÀ DELL ABITARE a cura degli architetti Roberta Prampolini Daniela Rimondi F/01_FASCICOLO 1_DESCRIZIONE DELLA RICERCA Indice 1. La ricerca 2. Gli obiettivi

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche

Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche Le attività generatrici di valore nelle e-company: dalla catena alla rete del valore nelle relazioni intersistemiche 1. La e-company: definizione e caratteristiche 2. Le tre direttrici di sviluppo del

Dettagli

STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES. Francesca Lecci

STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES. Francesca Lecci STRATEGIE DI CRESCITA DELLE PUBLIC UTILITIES Francesca Lecci Agenda Le dimensioni del comparto delle public utilities: fabbisogno di crescita Le strategie di crescita Le alleanze strategiche Definizione

Dettagli

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA

Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA Progetto: Sistema degli Itinerari Turistici Integrati PREMESSA La consapevolezza dell importanza del turismo per lo sviluppo economico e la creazione di nuova occupazione richiede l elaborazione di nuove

Dettagli

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012

Empoli, giovedì 13 dicembre 2012 PER LO SVILUPPO DI UN WELFARE EDUCATIVO P r e m e s s a Da tempo si avverte l esigenza di riprendere una riflessione condivisa intorno al concetto fondamentale di impegno della comunità e delle istituzioni

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI

DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI DIREZIONE REGIONALE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Principi Guida per la promozione di Progetti di Sviluppo per Destinazione e Prodotti Turistici Regionali e la costituzione e il riconoscimento

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI SI.VA.DI.S. IL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI Criteri generali CRITERI GENERALI PER LA COSTRUZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI (SI.VA.DI.S.) 1. Sistema

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES);

d) una politica di comunicazione originale per incrementare la visibilità dei Distretti di Economia Solidale (DES); Obiettivi del progetto e raggiungimento di tali obiettivi Il progetto mirava al raggiungimento di tre obiettivi specifici ma legati da un comune denominatore: 1. La lettura del territorio lombardo facendo

Dettagli

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica

Tavolo La qualità del prodotto e dell esperienza turistica Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

Nuove forme di interazione fra domanda ed offerta turistica *

Nuove forme di interazione fra domanda ed offerta turistica * Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Marketing agroalimentare e turismo rurale (A.A 2010-2011) Prof. Gervasio Antonelli Nuove forme di interazione fra domanda ed offerta

Dettagli

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5

Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy. Policy Brief WP5 Co-funded by the European Union DIVERSE Diversity Improvement as a Viable Enrichment Resource for Society and Economy Policy Brief WP5 1. L opportunità del progetto DIVERSE per la Società San Vincenzo

Dettagli

Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area urbana cosentina

Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area urbana cosentina ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI EDILI - SEZIONE DI COSENZA CONTESTI SRL, SERVIZI E RICERCHE PER I SISTEMI LOCALI - RENDE Investimenti pubblici e sviluppo locale: la mappa delle opportunità nell area

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Bozza di Linee guida per l aggiornamento del Programma triennale

Dettagli

Orientamenti per il POR del Veneto,

Orientamenti per il POR del Veneto, Orientamenti per il POR del Veneto, parte FESR 2014 2020 Venezia, 23 settembre 2013 Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Segreteria Generale della Programmazione Direzione Programmazione Orientamenti

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO DOTTORATO DI RICERCA IN ECONOMIA E DIREZIONE DELLE AZIENDE PUBBLICHE XI CICLO Abstract LE NUOVE FRONTIERE DEL SERVIZIO SANITARIO PENITENZIARIO CANDIDATO Dr. Migliaccio

Dettagli

Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato

Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato acuradella Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti di Milano coordinamento di Enrico Holzmiller Soluzioni operative: novità nella relazione sulla gestione al bilancio consolidato

Dettagli