GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA"

Transcript

1 DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GLI SPORTELLI D ASCOLTO NEGLI ISTITUTI SECONDARI E NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE DELLE PROVINCE DI PARMA E FORLI -CESENA PRIMI RISULTATI DELL ANALISI QUALITATIVA a cura di Cinzia Albanesi, Martina Stefanelli, Bruna Zani Dipartimento di Psicologia, Università di Bologna La ricerca è stata realizzata nell ambito dell accordo di Collaborazione fra il Garante Regionale per l Infanzia e L adolescenza e il Dipartimento di Psicologia- Università di Bologna per la realizzazione congiunta di attività nel settore della Promozione e Protezione dei Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza

2 OBIETTIVI DELLA RICERCA Significato e «esperienza» dell ascolto a scuola perché si ascolta? (qual è il significato dell ascolto a scuola) cosa si ascolta? (che cosa portano gli studenti e le studentesse: problematiche, desideri) come si ascolta? (si ascolta bene? Lo sportello è in grado di «intercettare» i bisogni adolescenti?) quanto? (abbastanza? Si può facilitare ulteriormente l ascolto) Come viene visto lo sportello/l attività dello sportello di ascolto dagli attori scolastici? Criticità e punti di forza

3 PARTECIPANTI COINVOLTI NEI FOCUS GROUP 14 partecipanti di cui: 4 psicologi PARMA 1 pedagogista 5 docenti Funzione Strumentale 2 docenti coordinatori 1 docente responsabile orientamento 1 tutor d aula FORLI - CESENA 16 partecipanti di cui: 3 psicologi 5 Dirigenti Istituti Secondari 1 Direttore CFP 4 Docenti Funzione Strumentale 2 docenti referenti sportello d ascolto 1 Coordinatore CFP

4 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro Stare bene a scuola = stare bene fuori Unica opportunità di essere ascoltati Adolescenti come persone, non solo studenti Bisogno degli adolescenti di essere ascoltati Bisogno degli adolescenti di essere visti

5 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro questa attività è importantissima, i nostri ragazzi è sempre Stare bene a scuola = stare bene fuori più evidente che vedono nella scuola un luogo sicuro, più Unica opportunità di essere ascoltati sicuro a volte della famiglia, quindi tante situazioni che erano rimaste Adolescenti nel silenzio come sono persone, emerse grazie non solo all intervento studenti del tutor Bisogno degli adolescenti o della psicologa di essere ascoltati (Funzione Strumentale Istituto Professionale) Bisogno degli adolescenti di essere visti

6 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro questa lo star bene attività a scuola è importantissima, comporta che i ragazzi i nostri abbiano ragazzi un percorso è sempre di vita Stare bene a scuola = stare bene fuori più diverso evidente [..] a volte che vedono vedi ragazzi nella che scuola sono davvero un luogo in bilico, sicuro, che più basta pochissimo Unica opportunità per cui loro possano di essere prendere ascoltati una strada che li porterà chissà dove e a volte davvero l intervento lungimirante di qualche insegnante o di Adolescenti come persone, non solo studenti qualche occasione, un ascolto una possibilità ha permesso a noi di poterli rivedere Bisogno dopo degli un po adolescenti di o tempo della e psicologa di dirci, essere ma guarda, ascoltati ce l abbiamo fatta (Funzione (Docente Strumentale Funzione Strumentale Istituto Professionale) Istituto Agrario). sicuro a volte della famiglia, quindi tante situazioni che erano rimaste nel silenzio sono emerse grazie all intervento del tutor Bisogno degli adolescenti di essere visti

7 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro Stare bene a scuola = stare bene fuori Adolescenti come persone, non solo studenti c è un bisogno profondo di essere ascoltati da parte di questi Unica ragazzi opportunità perché di molto essere spesso ascoltati non hanno la famiglia dietro, ci sono situazioni caotiche dietro, difficili, c è di tutto Bisogno degli adolescenti dietro essere ascoltati (Psicologa CFP) Bisogno degli adolescenti di essere visti

8 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro Stare bene a scuola = stare bene fuori Lo Unica sportello opportunità penso che sia di una essere grande ascoltati dimostrazione da parte della scuola di occuparsi non di studenti ma di persone Adolescenti come persone, non solo studenti (Psicologo Liceo Scientifico) Bisogno degli adolescenti di essere ascoltati Bisogno degli adolescenti di essere visti

9 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro Stare bene a scuola = stare bene fuori il ritorno dei ragazzi, che riescono ad avere, è che si sentono finalmente ascoltati, ascolto è la parola chiave (Dirigente Liceo Scientifico) Unica opportunità di essere ascoltati Adolescenti come persone, non solo studenti Bisogno degli adolescenti di essere ascoltati Bisogno degli adolescenti di essere visti

10 Perché si ASCOLTA a scuola? Il significato dell ascolto La scuola come luogo sicuro Stare bene a scuola = stare bene fuori Bisogno degli adolescenti di essere ascoltati Unica io direi opportunità che più che ascolti di essere in certi ascoltati casi è proprio che loro si sentono visti [..] a scuola magari li scocci un po, ma si Adolescenti come persone, non solo studenti sentono visti e di conseguenza poi l ascolto viene a seguire (Psicologa CFP) Bisogno degli adolescenti di essere visti

11 Cosa si ASCOLTA a scuola? I contenuti portati dai ragazzi Dipendono dalla scuola di appartenenza Temi ricorrenti Violazione dei diritti dei minori

12 Cosa si ASCOLTA a scuola? I contenuti portati dai ragazzi Affettività, motivazione allo studio, gestione dello stress, relazioni amicali, difficoltà interpersonali, rapporto coi genitori, comportamenti a rischio, rapporto con se stessi, difficoltà economica. Dipendono dalla scuola di appartenenza Temi ricorrenti Violazione dei diritti dei minori

13 Cosa si ASCOLTA a scuola? I contenuti portati dai ragazzi lo psicologo è pubblico ufficiale, quindi quando abbiamo a Affettività, Dipendono motivazione dalla scuola allo studio, appartenenza gestione dello stress, che fare con dei minori che nel caso ci vengono a raccontare relazioni Temi ricorrenti amicali, difficoltà interpersonali, rapporto coi qualcosa che mette in pericolo loro, comunicazione su un genitori, comportamenti a rischio, rapporto con se stessi, Violazione abuso dei diritti ecc.. dobbiamo dei minori segnalare difficoltà economica. (Psicologa CFP)

14 Come si ASCOLTA a scuola? Le modalità dell ascolto Capacità di intercettare i bisogni degli adolescenti Differenze nelle professionalità coinvolte (docenti vs. psicologi) Ascolto formale vs. ascolto informale Ascolto focalizzato sui problemi vs. ascolto diffuso

15 Come si ASCOLTA a scuola? Le modalità dell ascolto Capacità di intercettare i bisogni degli adolescenti Differenze nelle professionalità coinvolte (docenti vs. psicologi) secondo me li intercettano ma in pochissima parte (Funzione Strumentale Liceo Scienze Sociali) Ascolto formale vs. ascolto informale Ascolto focalizzato sui problemi vs. ascolto diffuso

16 Come si ASCOLTA a scuola? Le modalità dell ascolto di Capacità solito l utilizzo di intercettare che si fa è molto i bisogni informale, degli è una figura adolescenti molto elastica ormai è entrata nella vita della scuola, tutti ne usufruiscono ma senza Differenze nelle professionalità prendere appuntamenti coinvolte (docenti vs. psicologi) secondo (Funzione me li Strumentale intercettano Liceo ma Scienze in pochissima Sociali) parte (Funzione Strumentale Liceo Scienze Sociali) Ascolto formale vs. ascolto informale Da 7 anni invece abbiamo formalizzato la presenza di uno psicologo d istituto che è presente almeno una volta la settimana per un intera mattina, ed è a disposizione dei ragazzi, dei genitori, degli insegnanti e del personale della scuola che può prendere appuntamento ed accedere (Docente Funzione Strumentale Liceo Scientifico) Ascolto focalizzato sui problemi vs. ascolto diffuso

17 Come si ASCOLTA a scuola? Le modalità dell ascolto di Capacità solito l utilizzo di intercettare che si fa è molto i bisogni informale, degli è una figura adolescenti molto elastica Però questo sportello è specifico per i casi gravi, nel senso che se ci sono ormai è entrata nella vita della scuola, tutti ne usufruiscono ma senza delle problematiche particolari che noi evidenziamo come docenti lo invio Differenze nelle allo professionalità sportello prendere con appuntamenti lo psicologo coinvolte (docenti vs. psicologi) secondo (Funzione me li Strumentale intercettano Liceo ma Scienze in pochissima Sociali) parte (Docente Funzione Strumentale ITC) (Funzione Strumentale Liceo Scienze Sociali) Ascolto formale vs. ascolto informale lo Da sportello 7 anni invece è uno strumento abbiamo formalizzato per promuovere la presenza il benessere di uno cioè, psicologo è un ottica d istituto diversa che dove è presente lo sportello almeno ci una va anche volta il la ragazzo settimana che per non un intera ha mattina, particolari ed è difficoltà a disposizione ma è dei un ragazzo ragazzi, che dei vuole genitori, potenziare degli insegnanti la sua e del personale della scuola prestazione che può prendere scolastica appuntamento ed accedere (Docente (Psicologo Funzione Strumentale Liceo Scientifico) Liceo Scientifico) Ascolto focalizzato sui problemi vs. ascolto diffuso

18 Quanto si ASCOLTA a scuola? La frequenza dell ascolto Il problema delle risorse Monte ore non sufficiente

19 Quanto si ASCOLTA a scuola? La frequenza dell ascolto Poi in generale, di altro.. anche noi abbiamo il problema che hanno loro, la mancanza di fondi, lo sportello d ascolto lo abbiamo sempre pagato in quel modo li, quest anno saremmo già partiti ma.. (Responsabile Sportello Liceo Scientifico) Il problema delle risorse Monte ore non sufficiente noi in passato, quando c erano i fondi destinati all educazione alla salute, avevamo anche noi degli interventi su tutta la classe con gli educatori,poi queste cose sono andate scemando ovviamente perché mancavano i fondi, quindi ora abbiamo solo lo sportello d ascolto pagato con i contributi degli studenti (Docente Funzione Strumentale Liceo Scientifico)

20 Quanto si ASCOLTA a scuola? La frequenza dell ascolto Poi su in generale, prenotazione di i altro.. ragazzi anche si prenotano, noi abbiamo ce lo dicono, il problema noi ci che organizziamo hanno loro, per la fare mancanza questi colloqui, di fondi, lo usare sportello meno tempo d ascolto possibile lo abbiamo perché le sempre ore sono pagato in tutto in un quel centinaio modo ma li, comprensive quest anno degli saremmo incontri già nostri, dell organizzazione partiti di tutto.. ma.. effettivamente questo è un problema (Responsabile Sportello Liceo Scientifico) Il problema delle risorse Monte ore non sufficiente (Docente referente sportello ITG) noi in passato, quando c erano i fondi destinati all educazione alla salute, avevamo anche noi degli interventi su tutta la classe con gli educatori,poi queste cose sono andate scemando ovviamente perché mancavano i fondi, quindi ora abbiamo solo lo sportello (Docente Funzione Strumentale Agrario) d ascolto pagato con i contributi degli studenti (Docente Funzione Strumentale Liceo Scientifico) chiaro che io non posso far dei grandi progetti con lo psicologo, io l anno scorso ho chiesto 60 ore per tutta la scuola perché mi hanno detto non chiederne di più quest anno ho detto, senti almeno ne chiedo 65 perché..

21 Quanto si ASCOLTA a scuola? La frequenza dell ascolto Poi su in generale, prenotazione di i altro.. ragazzi anche si prenotano, noi abbiamo ce lo dicono, il problema noi ci che organizziamo hanno loro, per la fare mancanza questi colloqui, di fondi, lo usare sportello meno tempo d ascolto possibile lo abbiamo perché le sempre ore sono pagato in tutto in un quel centinaio modo ma li, comprensive quest anno degli saremmo incontri già nostri, dell organizzazione partiti di tutto.. ma.. effettivamente questo è un non è sufficiente l attività che problema noi svolgiamo perché lo psicologo non riesca a far (Responsabile fronte Sportello Liceo Scientifico) (Docente a tutte referente le situazioni sportello e quindi ITG) i casi che riesce ad affrontare sono minimi rispetto alla totalità dei casi che si noi in passato, quando c erano presentano i fondi destinati all educazione alla salute, avevamo (Dirigente anche noi degli Istituto interventi Professionale) su tutta la classe con gli scorso educatori ho chiesto,poi queste 60 ore cose per tutta sono la andate scuola scemando perché mi hanno ovviamente detto non perché mancavano i fondi, quindi ora abbiamo solo lo sportello (Docente Funzione Strumentale Agrario) d ascolto pagato con i contributi degli studenti (Docente Funzione Strumentale Liceo Scientifico) Il problema delle risorse Monte ore non sufficiente chiaro che io non posso far dei grandi progetti con lo psicologo, io l anno chiederne di più quest anno ho detto, senti almeno ne chiedo 65 perché..

22 Atteggiamenti verso lo sportello Come viene visto lo sportello da ragazzi e docenti? Pregiudizi e paure dei ragazzi Psicologo e comunità scolastica Un integrazione possibile?

23 Atteggiamenti verso lo sportello Come viene visto lo sportello da ragazzi e io credo che dobbiamo ancora combattere contro questo docenti? stereotipo perché c è ancora radicato nella testa, anzi, mi Pregiudizi pare che ultimamente e paure dei si sia ragazzi quasi rinforzata, questa idea Psicologo che e lo comunità psicologo scolastica sia solo per i disturbati (Docente Referente Sportello Istituto Professionale) Un integrazione possibile? si vergognano perché pensano che il CIC sia per chi ha problemi gravi, per i matti (Docente Funzione Strumentale Liceo Scienze Umane)

24 Atteggiamenti verso lo sportello Come viene visto lo sportello da ragazzi e io Quindi credo che la questione dobbiamo di ancora combattere contro questo docenti? entrare dentro all organico per stereotipo quanto mi perché riguarda c è mi ancora sembra radicato fantascienza, nella testa, già entrare anzi, mi Pregiudizi pare nei che consigli ultimamente e paure di classe dei si sia mi ragazzi quasi è capitato rinforzata, poche questa volte.. idea Psicologo che e lo (Psicologo comunità psicologo scolastica sia Liceo solo Scientifico) per i disturbati (Docente Referente Sportello Istituto Professionale) Un integrazione possibile? si è vergognano la scelta che abbiamo perché pensano fatto proprio che il di CIC avere sia lo per psicologo chi ha problemi gravi, per i matti (Docente Funzione Strumentale Liceo Scienze Umane) che coincide con il coordinatore.. questo è un dato di fatto ma però il nostro CFP deve avere lo psicologo sempre la (Direttore CFP)

25 Atteggiamenti verso lo sportello Come viene visto lo sportello da ragazzi e io la Quindi scuola credo presidi che la questione dobbiamo e insegnanti di ancora combattere contro questo docenti? entrare devono dentro essere abituati all organico a lavorare perin stereotipo questo senso perché [dell ascolto] c è ancora e comunque radicato vedo nella che le testa, cose cambiano quanto mi riguarda mi sembra fantascienza, già entrare anzi, mi Pregiudizi pare nei che consigli ultimamente e paure di dei si sia ragazzi quasi rinforzata, questa idea ricomincia classe mi sempre è capitato da capo.. poche volte.. Psicologo che e lo comunità psicologo (Psicologo scolastica sia Liceo solo Scientifico) per i disturbati (Docente Referente Sportello Istituto Professionale) piano piano, di anno in anno, se c è una continuità, perché altrimenti si Un integrazione possibile? Credo che la diffidenza forte che avevano alcuni docenti nei confronti di si è questo vergognano la scelta servizio che sia abbiamo perché stata proprio pensano fatto a proprio poco che a poco il di CIC avere sciolta sia lo per psicologo il fatto chi che ha vedevano che coincide che io con davo problemi il coordinatore.. udienza gravi, [..] Cioè per questo il fatto i matti è che un dato il dirigente fatto stesso ma avesse (Docente però presente il Funzione nostro il servizio CFP Strumentale e deve si relazionasse avere lo ciclicamente psicologo Liceo Scienze sempre con il Umane) servizio la è stato uno degli elementi che (Direttore ha veramente CFP) abbattuto la diffidenza di alcuni (Dirigente Liceo Linguistico)

26 Reti e équipe per l ASCOLTO a scuola Con soggetti esterni (coprogettazione) Dentro la scuola Tra scuole

27 Reti e équipe per l ASCOLTO a scuola Con soggetti esterni (coprogettazione) «il servizio è co-progettato tra scuola e una ONLUS che ha fornito la cornice per attirare i finanziamenti, attraverso l elaborazione di progetti io non so bene se regionali od europei l anno scorso questi finanziamenti esterni sono venuti meno a questo servizio è stata data la priorità e lo abbiamo pagato noi, ma è stato ugualmente coprogettato con la stessa realtà esterna» (Coordinamento Liceo Scientifico Musicale) Dentro la scuola Tra scuole

28 Reti e équipe per l ASCOLTO a scuola Con soggetti esterni (coprogettazione) «il nostro lavoro è sempre fatto in collaborazione con il coordinatore di «il servizio è co-progettato tra scuola e una ONLUS che ha fornito la cornice classe e per con attirare i docenti i della finanziamenti, classe [..] se attraverso ci sono delle l elaborazione problematichedi progetti particolarmente io non so urgenti bene sono se regionali i docenti delle od europei classi che vengono l anno scorso da noi questi e ci presentano il caso e ci chiedono un supporto e ci chiedono un intervento [..] finanziamenti esterni sono venuti meno a questo servizio è stata data la priorità efficace, e è uno lo abbiamo scambio di pagato informazioni noi, ma che è è stato importante» ugualmente coprogettato con la stessa realtà esterna» Dentro la scuola Tra scuole abbiamo visto che quando coordinatore e tutor sono in sintonia il lavoro è più (Funzione Strumentale Istituto Professionale) (Coordinamento Liceo Scientifico Musicale) «io non è che li conosca tantissimo gli insegnanti, conosco bene la mia referente, conosco altri un po di più perché magari ho avuto modo di parlare con loro su richiesta loro» (Psicologa Liceo Scientifico)

29 Reti e équipe per l ASCOLTO a scuola Con soggetti esterni (coprogettazione) «quello che manca è la rete tra le scuole, mentre sul «il nostro lavoro è sempre fatto in collaborazione con il coordinatore di «il servizio è co-progettato tra scuola e una ONLUS che ha fornito la territorio.. cornice classe e per con praticamente attirare i docenti i della finanziamenti, classe ciascuno [..] se attraverso ci di sono noi delle collabora l elaborazione problematiche condi progetti particolarmente io non so urgenti bene sono se regionali i docenti delle od europei classi che vengono l anno scorso da noi questi e ci presentano l'ausl, spazio il caso e ci giovani, chiedono un Provincia supporto e ecc.. ci chiedono però un fra intervento di noi.. [..] finanziamenti esterni sono venuti meno a questo servizio è stata no [..] però non c'è rete, anche noi che siamo i 3 licei data la priorità efficace, e è uno lo abbiamo scambio di pagato informazioni noi, ma che è è stato importante» ugualmente coprogettato non c'è nessun con la legame.. stessa realtàse esterna» non perché scientifici, ci Dentro la scuola Tra scuole abbiamo visto che quando coordinatore e tutor sono in sintonia il lavoro è più (Funzione Strumentale Istituto Professionale) (Coordinamento Liceo Scientifico Musicale) conosciamo tra di noi» (Funzione Strumentale Liceo Scientifico)

30 La valutazione dell ASCOLTO a scuola Come viene valutato il servizio di sportello? Problema degli strumenti Problema delle tempistiche Problema della misurabilità

31 La valutazione dell ASCOLTO a scuola Come viene valutato il servizio di sportello? «secondo me noi non siamo capaci nel senso che la valutazione mediamente è stata utilissima, sono misure dell attività che fai.. però anche i criteri per poter fare questo io non li conosco, non lo so come fare [..] noi lo facciamo in modo molto intuitivo» (Responsabile Sportello ITG) Problema degli strumenti Problema delle tempistiche Problema della misurabilità «perché vedo che poi alla resa dei conti è molto difficile, tutto quello che si fa richiede molto tempo, che non ci sono metodi di verifica scientifica o oggettiva per cui andiamo molto ad intuito» (Docente Funzione Strumentale Liceo Scientifico)

32 La valutazione dell ASCOLTO a scuola Come viene valutato il servizio di sportello? «utilizzare delle ore del monte ore dei delegati per fare questi progetti e quindi alla fine c era un test di valutazione però poi li bisognava tirarlo giù, ci vogliono altre persone che lavorano li, persone nella commissione di ri orientamento, persone nella commissione handicap.. cioè, coordinare tutto questo diventa una cosa difficile» (Docente Funzione Strumentale ITC) Problema degli strumenti Problema delle tempistiche Problema della misurabilità

33 La valutazione dell ASCOLTO a scuola Come viene valutato il servizio di sportello? «quello «secondo che fa me riferimento noi non siamo alla capaci prevenzione nel senso è sempre che la un valutazione qualcosa di difficilmente mediamente valutabile è stata utilissima, perché non sono sapremo misure dell attività mai come sarebbe che fai.. andata però anche i criteri a finire per poter se non fare ci fosse questo stato io non questo li conosco, intervento» non lo so come fare [..] (Docente noi lo facciamo Funzione Strumentale in modo molto - ITG) intuitivo» (Responsabile Sportello ITG) Problema degli strumenti Problema delle tempistiche Problema della misurabilità «il «perché termine vedo evidence che poi based alla mi resa mette dei conti molto è in molto crisi perché difficile, nonostante tutto quello si cerchi che tanto si fa richiede di valutare molto i dati tempo, in ingresso che non e ci in sono uscita, metodi quando di verifica abbiamo a che scientifica fare con alcuni o oggettiva tipi di richiesta per cui andiamo non è così molto facile ad quantificarli» intuito» (Docente Funzione (Psicologo Strumentale - CFP) Liceo Scientifico)

34 Valore aggiunto dello sportello a scuola Gratuità ed accessibilità Funzione di filtro Strumento per favorire il successo scolastico

35 Valore aggiunto dello sportello a scuola Gratuità ed accessibilità una parte molto importante è che svolge un azione di prevenzione, perché diciamo così, c è un servizio a scuola gratuito di facile accesso dove è possibile affrontare certe tematiche (Psicologo Liceo Scientifico) Funzione di filtro Strumento per favorire il successo scolastico

36 Valore aggiunto dello sportello a scuola una parte molto importante è che svolge un azione di è prevenzione, percepito come perché una diciamo prima così, fase c è di approccio un servizio ala scuola problema gratuito per valutare di facile in accesso termini dove un po è possibile meno impegnativi affrontare se mio figlio certe o se tematiche io ho un problema davvero, e allora (Psicologo dopo li Liceo è un altro Scientifico) il professionista a cui mi rivolgo (Funzione Strumentale Liceo Scientifico) Gratuità ed accessibilità Funzione di filtro Strumento per favorire il successo scolastico

37 Valore aggiunto dello sportello a scuola Ci siamo dati un obiettivo comune che è quello di creare condizioni più favorevoli per agganciare gli studenti, una parte tenerli molto dentro importante al binario è che dell istruzione svolge un azione di è prevenzione, percepito (Dirigente come perché una diciamo Istituto prima Professionale) così, fase c è di approccio un servizio ala scuola problema gratuito per valutare di facile in accesso termini dove un po è possibile meno è impegnativi proprio uno affrontare se strumento mio figlio per certe o se affrontare tematiche io ho un problema un calo della davvero, motivazione e allora allo (Psicologo dopo studio, li Liceo è una un altro difficoltà Scientifico) il professionista rispetto alle a attese e ai risultati, cui il mi desiderio rivolgo di cambiare scuola.. poi per (Funzione creare anche Strumentale uno spazio Liceo di Scientifico) pensiero per non fare delle scelte affrettate, quindi.. ci tengo a sottolineare che lo sportello ha due obiettivi, la persona e il corpo ma anche l esperienza scolastica (Psicologo Liceo Scientifico) Gratuità ed accessibilità Funzione di filtro Strumento per favorire il successo scolastico

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola

INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola INDAGINE del Consiglio Nazionale dell Ordine degli Psicologi sui Servizi Psicologici nella scuola Svolta in collaborazione con gli IRRE e con i Consigli Territoriali dell Ordine degli Psicologi 1. Attività

Dettagli

Istituto Statale Comprensivo B. Lorenzi Fumane (VR)

Istituto Statale Comprensivo B. Lorenzi Fumane (VR) Istituto Statale Comprensivo B. Lorenzi Fumane (VR) PROGETTO BENESSERE SPORTELLO DI CONSULENZA PSICOLOGICA ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Dott.ssa Elena Piccoli Psicologa-Psicoterapeuta Insegnante Mindfulness

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata B1/9 I.R.R.E. Basilicata e Consiglio Nazionale Ordine Psicologi QUESTIONARIO PER LE SCUOLE Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof.ssa Maria Donata La Rocca L I.R.R.E.

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo.

In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. In questa lezione abbiamo ricevuto in studio il Dott. Augusto Bellon, Dirigente Scolastico presso il Consolato Generale d Italia a São Paulo. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie 1

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA

ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA ISTITUTO COMPRENSIVO 1 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO G. DOZZA n. di classi 18 n. alunni 458 di cui 116 stranieri ALUNNI CON CITTADINANZA NON ITALIANA Est Europa: 42 Estremo oriente:37 Maghreb: 19

Dettagli

Progetto vita indipendente

Progetto vita indipendente Buon giorno io sono Leda mamma di Giulia, una ragazza disabile che ha usufruito del Progetto vita indipendente fornito dalla Cooperativa Primavera 85. Mia figlia ha 24 anni e da sempre mi sono impegnata

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle

L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle L anno scolastico era cominciato tra mille difficoltà, al punto che, a causa delle proteste dei docenti contro le ultime disposizioni del governo, avevamo deciso di non offrire nessuna attività extra-

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14

QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 QUESTIONARI INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013/14 Questionari per: - docenti dell istituto - alunni classi terze secondaria - genitori classi terze secondaria Composti da tre punti di analisi con 8 domande

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto

Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Padova, 01 settembre 2011 Relazione sull attività svolta nell a.s. 2010-2011 dal Punto di Ascolto Il Punto di Ascolto attivo ormai da quattro anni presso l Ufficio Scolastico Territoriale di Padova, coordinato

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976

SPAZIO GIOVANI. Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 SPAZIO GIOVANI A chi rivolgersi: Alberto Genziani Tel: 338.9620608 Emanuele Soressi Tel: 333.6443742 Andrea Roda (Ser.T) Tel: 349.6750976 Dove: Piazzale Milano, 2 2 piano - blocco B Fax: 0523.317735 Email:

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Concorso per i migliori elaborati sulla disabilità

Concorso per i migliori elaborati sulla disabilità INSTABILITÀ Un elemento stabile comunemente fermo come la sedia compie l'azione di salire le scale. La sedia in primo piano quasi osserva tristemente la scena contemplando la sua diversità. Istituto Statale

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE

VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Anselm Grün VIVERE IL LUTTO SIGNIFICA AMARE Vivere le nostre relazioni al di là della morte Queriniana Introduzione Nel nostro convento tengo regolarmente dei corsi per persone in lutto, in particolare

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto D Istruzione Superiore N. Miraglia Sezioni: I. P. S. S. C. T. N.Miraglia - LICEO GINNASIO N. Carlomagno e I.T.I.S. di LAURIA Via Cerse dello Speziale - 85045

Dettagli

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile

La TUA Grande Rete Sempre Disponibile La TUA Grande Rete Sempre Disponibile A chi ci rivolgiamo? Chi vuole mettersi in gioco sempre. Chi vuole raggiungere livelli altissimi di guadagno. Chi vuole essere il padrone di se stesso. Chi vuole

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Lo sportello d ascolto.

Lo sportello d ascolto. Lo sportello d ascolto. La presenza di uno sportello di ascolto psicologico all interno della scuola è una grande occasione e opportunità per affrontare e risolvere problematiche inerenti la crescita,

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

CENTRO INFORMAZIONE E CONSULENZA

CENTRO INFORMAZIONE E CONSULENZA PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA C.I.C. CENTRO INFORMAZIONE E CONSULENZA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DURATA DEL PROGETTO Da Novembre 2014 a Maggio 2015 RISORSE UMANE COINVOLTE NEL PROGETTO Dirigente scolastico

Dettagli

RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA

RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA RICERCA, VALUTAZIONE E SOSTEGNO PER LA SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO Anno scolastico 2014-2015 Dott.ssa Carlotta PASSI 334-7921713 Referente Finalità e Obiettivi Il Centro RIVAS interviene

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA

IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI L ORTO IN TAVOLA SCUOLA DELL INFANZIA IV CIRCOLO DIDATTICO MONCALIERI LA GABBIANELLA L ORTO IN TAVOLA Quattro anni fa la nostra scuola iniziò un progetto di educazione scientifica denominato ORTI E FIORI A SCUOLA che aveva

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015

RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE FUNZIONI STRUMENTALI E REFERENTI DI PROGETTO Anno scolastico 2014-2015 Nome ROSAMARIA CONTI Funzione strumentale/referente progetto LIBERI DA LIBERI PER Ore stanziate dal Fondo d Istituto

Dettagli

Interventi nelle istituzioni

Interventi nelle istituzioni Interventi nelle istituzioni Il Minotauro Il Minotauro è formato da psicologi e psicoterapeuti che da oltre trent anni collaborano nell area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico,

Dettagli

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015

Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Scheda di PRESENTAZIONE PROGETTO 2.11 PROGETTO CONTINUITÀ EROI CHE PASSANO, EROI CHE RESTANO DOCENTI: scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado DESTINATARI: ALUNNI/E CLASSI 5^ SCUOLA PRIMARIA - 1^ 1.

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Speriamo in questo modo di fare cosa gradita e di poter ulteriormente approfondire il confronto. Grazie per l attenzione e buon lavoro.

Speriamo in questo modo di fare cosa gradita e di poter ulteriormente approfondire il confronto. Grazie per l attenzione e buon lavoro. iride per la scuola La Cooperativa IRIDE da circa 20 anni si occupa di progetti e di servizi educativi nel tempo dell extra-scuola e all interno dei percorsi scolastici. In questo opuscolo presentiamo

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA FRATELLI GRIMM

SCUOLA DELL INFANZIA FRATELLI GRIMM DIRIGENTE SCOLASTICO DOTT.ssa MARIA PIA CECCARELLI SCUOLA DELL INFANZIA FRATELLI GRIMM PROGETTO INTERCULTURA ANNO SCOLASTICO 2009/2010 REFERENTE: NARDUCCI VALENTINA INSEGNANTI: CENTOFANTI CECILIA DE RISIO

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

la psicologia nella scuola dell obbligo Una figura controversa TEORIA E RICERCA

la psicologia nella scuola dell obbligo Una figura controversa TEORIA E RICERCA TEORIA E RICERCA Lo psicologo nella scuola dell obbligo Una figura controversa Paolo Scapellato (Università Europea di Roma) L articolo presenta un modello di intervento per l introduzione dello psicologo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA DI MONTICELLI D ONGINA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA DI MONTICELLI D ONGINA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA, ELEMENTARE E MEDIA DI MONTICELLI D ONGINA e-mail: PCic806002@istruzione.it sito: www.icmonticelli.it Studenti e genitori sono di fronte a una scelta difficile.

Dettagli

Dott.ssa Lorenza Fontana

Dott.ssa Lorenza Fontana Dott.ssa Lorenza Fontana Nonostante l aula fosse il posto più tranquillo della scuola, continuavo ad avere difficoltà ad ascoltare la maestra. Scivolavo in me stessa, mi dissolvevo e me ne andavo. Mi cambiarono

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO. Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014

PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO. Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014 PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014 FRANCOFORTE 18/07/2014-22/08/2014 Alessandra Io ho lavorato presso un ufficio di consulenza commerciale

Dettagli

QUESTIONARIO PER PSICOLOGI Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata

QUESTIONARIO PER PSICOLOGI Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata A1/13 IRRE BASILICATA e CONSIGLIO NAZIONALE ORDINE DEGLI PSICOLOGI QUESTIONARIO PER PSICOLOGI Una indagine esplorativa nella Regione Basilicata Docente referente: Prof. ssa Maria Donata La Rocca L IRRE

Dettagli

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA?

Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Attività fisica: è più importante la QUANTITA o la QUALITA? Spesso mi capita di visitare persone che si lamentano del fatto che pur allenandosi tutti i giorni (a volte anche 2 volte al giorno), non ottengono

Dettagli

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo

Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Esercito della salvezza, filiale di Zurigo Karin Wüthrich, pedagoga sociale, Esercito della salvezza Quando, nell autunno 2008, il signor K. è stato messo in malattia, il responsabile dell Esercito della

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte:

Lezione 9. Tema: La comunicazione interculturale. Parte I. 1ª parte: Lezione 9 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di San Vito al Tagliamento Consiglio Comunale dei Ragazzi Soggetti Coinvolti Alunni Scuola Primaria delle classi 4^ 5^ dei plessi di San Vito, Ligugnana e Prodolone per un totale di 12 classi e

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli 1 di 6 Autore di Esami No Problem 1 Titolo I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE

Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE Classi 1 A 1B 1C Scuola Aurelio Saffi di Siena LA POSTA DEL CUORE All inizio del mese di Febbraio abbiamo chiesto ai bambini di procurarsi delle buste da lettera nuove. Quando tutti le hanno portate a

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono Scuola dell infanzia di Legoli la casa sull albero Ins. Giorgi Michela- Sartini Antonella Parte prima IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono L acqua del mare è salata perché c è il sale Si sente bene che

Dettagli

Livello A2 Unità 7 Istruzione

Livello A2 Unità 7 Istruzione Livello A2 Unità 7 Istruzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Testo 1 - Ciao Marta. - Ciao Habiba, come stai? - Bene grazie. - E Aziz? Lo hai già iscritto scuola?

Dettagli

Life skills Diari di scuola Scuola Primaria Rignano - classe prima B a.s. 2014-2015

Life skills Diari di scuola Scuola Primaria Rignano - classe prima B a.s. 2014-2015 Life skills Diari di scuola Scuola Primaria Rignano - classe prima B a.s. 2014-2015 Abbiamo iniziato il nostro percorso con i bambini lavorando sull identità. Abbiamo proseguito cercando un pretesto per

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa.

Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. 1 Scuola e adozione: il punto di vista di Genitori si diventa. Il contesto di riferimento: Numerosa ormai è la presenza, nelle aule scolastiche, di bambini adottati nazionalmente ed internazionalmente.

Dettagli

L ESERCITO DEI BISCOTTI

L ESERCITO DEI BISCOTTI L ESERCITO DEI BISCOTTI Siamo gli alunni del Convitto Nazionale Paolo Diacono, un Istituzione Educativa dello Stato, presente a Cividale del Friuli dal 1876. L offerta formativa del Convitto comprende:

Dettagli

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia.

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. Alunni: Samuele Bagnato; Irene Barilà; Greta Bellantone; Carmelo Calabrò; Gabriele Campo; Concetta Caratozzolo; Graziella Caratozzolo; Rosario Carmelo

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli