Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO LUBRINI DAMIANO NORIS MARCO PALAMINI MAURIZIO 44585

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO 44456 LUBRINI DAMIANO 46235 NORIS MARCO 44570 PALAMINI MAURIZIO 44585"

Transcript

1 LA CONCORRENZA DEI PREZZI Differenziazione/Oligopolio Tutorial a cura di: LEGRENZI ROBERTO LUBRINI DAMIANO 4635 NORIS MARCO PALAMINI MAURIZIO Economia industriale: Prof. Gianmaria Martini 1

2 Agenda dell intervento I. Introduzione II. Il modello di duopolio di Bertrand III. Il modello di Bertrand rivisitato a. Capacità produttiva b. Differenziazione (modello spaziale) IV. Conclusione

3 Introduzione al modello di Bertrand Intel e AMD sono i principali produttori di microprocessori x86 e rispettivamente le loro quotedimercatosono75%perlaprimae5%perlaseconda. Apartiredamaggio006,AMDridusseilprezzodeimodelliAthlon64Xdual-core5000+e del 57%. Pochi giorni dopo, la Intel abbassò il prezzo del suo ultimo processore del 40% e i precedenti di una percentuale compresa tra il 50% e il 60%. Fino ad aprile 007 seguirono riduzioni dei prezzi da parte di entrambe le imprese. I principali acquirenti di Intel e AMD acquistano dall impresa che offre il prezzo più basso. Perciò le due imprese rispondono fissando i loro prezzi e cercano in seguito di adattare la produzione alla domanda dei consumatori. Modello di Bertrand: prende in esame due imprese che producono prodotti identici e che competono stabilendo prima i prezzi, piuttosto che i livelli di produzione. 3

4 Il modello di duopolio di Bertrand Il modello standard di duopolio di Cournot, riformulato in termini di strategie dei prezzi piuttosto che delle quantità, prende il nome di modello di Bertrand. Nel criticare l opera di Cournot, Bertrand riconobbe che l utilizzo del prezzo come variabile strategica si differenzia dall utilizzo della quantità come variabile strategica. Riformuliamo il modello di Cournot in modo tale che le imprese scelgano il prezzo; abbiamo imprese che scelgono le loro strategie simultaneamente e che producono lo stesso bene allo stesso costo marginale costante, c, conoscendo la struttura della domanda di mercato. 4

5 Funzione di domanda nel modello di Cournot: P= A BQ Riscriviamo la domanda ponendo l output come variabile dipendente: Q = a bp dove a= A B e b = 1 B L output dell impresa quindi sarà: se se se p > p 1 p = p 1 p < p 1 q =0 a bp q = q = a bp 5

6 p p > p 1 p = p 1 La funzione non è continua p 1 p < p 1 ( a bp)/ q La discontinuità della domanda si traduce in una discontinuità dei profitti: se se se p > p 1 p = p 1 p < p 1 Π ( p1, p) = 0 a bp Π p1, p) = ( p c) Π p1, p) = ( p c)( a bp ( ( ) 6

7 RISPOSTA OTTIMALE IMPRESA Per trovare la funzione di risposta ottimale dell impresa occorre trovare il prezzo p chemassimizzaiprofittidell impresaperognipossibilep 1. Supponiamo ad esempio che l impresa 1 scelga un prezzo più elevato del prezzo di monopolio: p 1 > p M = a+ bc b Dal momento che l impresa può accaparrarsi l intero mercato scegliendo qualsiasiprezzo inferiore a p 1,la suarispostaottimalesarebbescegliere ilprezzo di monopoliop M eottenereiprofittidimonopolio. Al contrario se l impresa 1 scegliesse un prezzo molto basso, inferiore al suo costo unitario c, l impresa si troverebbe di fronte a alternative di prezzo ottimale: p > p 1 che comporterebbe nessuna vendita e 0 profitti per l impresa p p < < 1 c che per l impresa comporterebbe profitti negativi 7

8 Nel caso più probabile invece, quando l impresa 1 stabilisce un prezzo superiore a c, ma pari o inferiore al prezzo di monopolio p M, ovvero: a+ bc b La risposta dell impresa sarà di stabilire un prezzo leggermente inferiore a p 1. p 1 > c Π( p1, p) p < p 1 p = p 1 I profitti dell impresa aumentano con continuità quando p aumenta passando da c a un valore inferiore a p 1, e l impresa è l unica dalla quale il cliente acquista Tuttavia essendo p 1 inferiore o uguale a p M il poteredimonopoliodièlimitato c p 1 p > p 1 p L impresa sceglierà quindi un prezzo leggermente inferiore a quello di 1: * p = p 1 ε 8

9 Nell ultimo caso l impresa 1 stabilisce un prezzo pari al costo. L impresa non è incentivata a vendere a un prezzo inferiore, in quanto ciò comporterebbe unicamente perdite. La scelta ottimale di potrà quindi essere: p > non venderà niente p 1 p = p 1 avrà vendite positive, ma con un pareggio su ogni unità venduta Inognicasoiprofittidell impresasarannoparia0,perciòlasuarispostaottimale quando: p = c 1 saràdistabilireunprezzop maggioreougualerispettoap 1. 9

10 La risposta dell impresa può essere quindi così riassunta: se se se se a+ bc * a+ bc p1 > p = b b a+ bc * c< p1 p = p 1 ε b * c= p 1 p p1 c> p 0 * p 1 > p1 Per un ragionamento simile la risposta dell impresa 1 sarà: se se se se a+ bc * a+ bc p > p1 = b b a+ bc * c< p p 1 = p ε b * c= p p1 p c> p 0 * p 1 > p 10

11 EQUILIBRIO DI NASH PER IL GIOCO DEL DUOPOLIO Determiniamo ora l equilibrio di Nash per il gioco del duopolio. Se ad esempio prendiamo il profilo di strategie: a+ bc [ p =, p b a+ bc = b 1 ε Questo non può essere un equilibrio. Questo perché l impresa vende ad un prezzo inferiore a quello dell impresa 1 e a quello di monopolio. L impresa 1 non avendo clienti per ottenere grossi profitti abbasserebbe il prezzo a un livello appena inferiore a quello stabilito dall impresa. In altre parole l impresa non può aspettarsi che l impresa 1 stabilisca un prezzo come quello proposto nell esempio perché saprebbe che questo le porterebbe profitti pari a zero. ] 11

12 Ne consegue che il gioco del duopolio alla Bertrand ha uno e un solo equilibrio di Nash, ossia la coppia di prezzi ( * * p 1 = c, p = c) Se l impresa 1 stabilisce questo prezzo prevedendo che così farà l impresa, e se quest ultima agisce esattamente nello stesso modo, nessuna delle due sarà incentivata a cambiare. Pertanto l esito è che il prezzo di mercato è pari al costo marginale. Questo è ciò che avviene nel caso della concorrenza perfetta, con l unica differenza che ora invece di esserci molte imprese di piccole dimensioni ce ne sono solo due, ma di grandi dimensioni rispetto al mercato. 1

13 Modello di Bertrand rivisitato Il modello di Bertrand, secondo cui l impresa che applica il prezzo più alto risulta essere esclusa dal mercato, non è esente da critiche: 1) Capacità produttiva: è assai improbabile che la singola impresa che applica il prezzo più basso abbia capacità produttiva sufficiente a soddisfare l intera domanda di mercato; ) Differenziazione (Modello spaziale): il mercato stesso potrebbe non considerare i beni prodotti dalle due compagnie come perfetti sostituti; In entrambi i casi si può affermare che l impresa che applica il prezzo più alto non incorrerà in una perdita completa della clientela asservita. 13

14 Capacità produttiva CASO MONTE NORDA Si consideri il caso del Monte Norda (Trentino), in cui si ipotizza la presenza di due diverse stazioni sciistiche: la Punta Resia e la Sport Resort; gli sciatori percepiscono i servizi forniti dagli impianti di risalita (lungo i due fianchi della montagna) come omogenei: la variabile che li guida nella loro scelta è il prezzo giornaliero dell abbonamento sembra una normale competizione sui prezzi che, per quanto precedentemente detto, dovrebbe portare all uguaglianza fra prezzo e costo marginale. In realtà col seguente esempio numerico dimostreremo che, in presenza di vincoli di capacità, tale soluzione non costituisce l equilibrio di Nash. Supponiamo che 1000 e 1400 rappresentino il numero massimo di sciatori ospitabili ogni giorno rispettivamente dagli impianti di risalita di Punta Resia e Sport Resort. Esprimiamo poi la domanda turistica con: Q= P dove Q rappresenta il numero giornaliero di sciatori, mentre P è il prezzo giornaliero dell abbonamento(espresso in euro). 14

15 Caso /9 Supponendo che il costo marginale c sia pari a 10 e ponendo P=c otterremmo una quantità d equilibrio pari a Q* = (10) = 5400, decisamente maggiore della somma delle capacità massime dei due impianti di risalita. prezzo 100 domanda Numero di sciatori Non sarebbe stato opportuno da parte delle due stazioni sciistiche, intuita l alta richiesta del servizio, aumentare in anticipo le rispettive capacità, con ulteriori impianti di risalita e parcheggi? 15

16 Caso 3/9 La risposta a tale domanda è negativa: infatti, se ad esempio Punta Resia fissasse il prezzo a 11, non avrebbe senso per la Sport Resort applicare un prezzo di 10,90 attraverso l espansione della propria capacità, per poter soddisfare l intera domanda di mercato. Questo perché Punta Resia sarebbe fortemente incentivata ad adottare il medesimo comportamento della rivale, abbassando ulteriormente il prezzo e investendo in nuove strutture, al fine di riconquistare il mercato. Tale gioco al ribasso si fermerebbe solo nel momento in cui p=c, con conseguente spartizione equa del mercato, ossia Q 1 =Q =5400/=700, a fronte di impianti e parcheggi atti ad ospitare il doppio della clientela. Conclusione: l incentivo ad applicare un prezzo pari al costo marginale dipende sì dal fatto di avere una capacità sufficiente a servire l intera domanda di mercato al prezzo concorrenziale, ma osservando che tale strategia comporta un equa divisione del mercato e quindi il 50% di capacità inutilizzata, nessuna delle due imprese avrà interesse ad applicare un prezzo pari al costo marginale. 16

17 Caso 4/9 Generalizzando l esempio, sia: Q C = a bc la funzione (diretta) di domanda totale in corrispondenza di un prezzo pari al costo marginale(output concorrenziale). Vediamo di capire quale strategia adottata da ciascuna impresa costituisce la scelta ottima al comportamento della rivale, in presenza di vincoli di capacità. Avrebbe senso per l impresa fissare il prezzo p a un livello superiore al costo marginale? 17

18 Caso 5/9 Sipuòosservareche la coppia distrategiediprezzo(p 1 = c;p > c)costituiscelarisposta ottima dell impresa alla strategia applicata dall impresa 1. infatti l impresa, applicando un prezzo per il bene/servizio superiore a quello della concorrente, sa perfettamente che dovrà rinunciare a parte della clientela, che si affiderà all impresa che offre un prezzo minore; sa anche che, data la presenza del vincolo di capacità, riuscirà comunque ad appropriarsi di una fetta di mercato, da cui potrà ottenere non più profitti nulli(caso di perfetta spartizione della clientela rappresentata dalla coppia di strategie p 1 = p = c), bensì positivi; Abbiamo così formalmente dimostrato che p 1 = p = c non puòrappresentareilnash- Equilibrio per le due imprese. 18

19 Riassumendo Caso 6/9 In presenza di vincoli di capacità, la competizione sui prezzi si gioca solo dopo la definizione dei livelli di capacità da parte di ciascuna impresa sebbene l esito del gioco non sia univoco, risulta improbabile che le singole imprese acquisiscano capacità sufficiente a soddisfare l intero mercato se i prezzi successivamente fissati si livelleranno al costo marginale Vediamo ora di approfondire meglio tali considerazioni, riprendendo in esame il caso Norda e mostrando il concetto di razionamento efficiente: Supponiamo che, in corrispondenza di prezzi tali da comportare un eccesso di domanda rispetto alle singole capacità massime degli impianti, le due stazioni sciistiche siano in grado di selezionare i clienti, ospitando coloro che presentano le maggiori disponibilità a pagare. La domanda Q= P, in corrispondenza di P=50, risulta pari a 3000, maggiore della somma delle capacità massime delle due stazioni. 19

20 Caso 7/9 L ipotesi di razionamento efficiente comporta che Punta Resia ospiterà i 1000 sciatori con la più alta disponibilità a pagare e ci permette di osservare più da vicino la domanda residuale relativa alla Sport Resort, rappresentata in figura, in cui sono tracciate le linee relative ai costi e ai ricavi marginali. /unità 83,33 60,00 ricavi marginali domanda 36,67 10,00 costo marginale 1400 Quantità Un caso interessante si ha in corrispondenza di p 1 = p = 60 : la domanda risulta essere pari a 400, ossia alla somma delle capacità massime delle due stazioni. Si tratta di un equilibrio di Nash? 0

21 Caso 8/9 Per rispondere a ciò, consideriamo la curva di domanda residuale della Sport Resort, ottenuta traslando a sinistra di 1000 la curva di domanda originale(questo perché Punta Resia può soddisfare 1000 sciatori). Si ottiene Q = ( ) - 60P, ossia Q = P, da cui la domanda inversa risulta pari a P = 83,333 - Q/60. Si ricorda che tale stazione presenta un limite massimo di capacità pari a L ottimalità della soluzione è data dalle seguenti considerazioni: una diminuzione del prezzo non comporterebbe alcuna variazione in termini di clientela servita, poiché la stazione opera a capacità massima; un aumento del prezzo comporterebbe non soltanto una perdita in termini di quota di mercato detenuta, bensì anche di profitti: questo lo si evince graficamente osservando che, in corrispondenza di ciascun livello di output, i ricavi marginali sono superiori a i costi marginali. 1

22 Fissare un prezzo p =60 risulta essere la risposta ottima alla strategia di Punta Resia di fissare il prezzo p 1 anch esso pari a 60. Discorso analogo se si guarda il problema dall ottica dell impresa 1; Abbiamo cioè ricavato che l equilibrio di Nash per questo duopolio alla Bertrand è datodap 1 =p =60. In definitiva: Caso 9/9 Le imprese che competono sui prezzi, in presenza di beni omogenei raramente scelgono di disporre di capacità produttiva sufficiente a soddisfare l intera domanda di mercato a prezzi concorrenziali(p = c); La considerazione più importante la si può fare a livello di welfare, osservando che in presenza di vincoli di capacità si arriva a soluzioni tali per cui la domanda di mercato viene soddisfatta in presenza di prezzi superiori ai costi marginali il duopolio di Bertrand non è più in grado di garantire l efficienza di mercato osservata in assenza di vincoli di capacità.

23 Differenziazione Le imprese non producono beni perfettamente identici (cade l ipotesi del modello di Bertrand => P MC) CASO: SALONE DI ACCONCIATURA Consideriamo ad esempio due negozi di parrucchieri: possiamo affermare con certezza che essi non offriranno lo stesso taglio di capelli, e nemmeno la stessa acconciatura. Inoltre, probabilmente, avranno posizioni ed apparecchiature differenti. Queste considerazioni bastano a far si che alcuni clienti preferiscano un parrucchiere rispetto ad un altro(nonostante essi applichino prezzi differenti). Da ciò si può dedurre che una semplice differenziazione in termini di posizione, arredamento, stile di taglio può giustificare il fatto che un negozio fissi prezzi più elevati rispetto ad un proprio concorrente, senza perdere immediatamente i propri clienti. 3

24 In untrattodistradadi1kmsitrovano negozigestitidaimpreseconcorrenti: L impresa 1 è dislocata nella parte occidentale della città(indirizzo X=0); L impresa è dislocata nella parte orientale della città(indirizzo X=1). Ogni impresa ha lo stesso costo di produzione unitario c. Caso /1 La caratteristica di differenziazione su cui agiremo è quindi la Posizione delle due imprese. Impresa 1 Impresa Distribuiti uniformemente 0 1 4

25 Caso 3/1 Definiamo: 1) x = distanza del consumatore A rispetto all impresa 1; ) V = prezzo(valore) di riserva che il consumatore attribuisce al servizio/prodotto; 3) t = costo unitario dello spostamento(disutilità unitaria); I clienti hanno un comportamento razionale per cui solitamente preferiscono acquistare il bene dall impresa a loro più vicina. Impresa 1 Consumatore A Impresa x (1-x) 5

26 Supponiamo che V>c, quindi che ciascun consumatore acquisti almeno un unità del prodotto (nel nostro caso vada dall impresa). Se il consumatore acquista un bene che non corrisponde al suo ideale, è soggetto ad una perdita di utilità. Vediamo la situazione del consumatore A in termini di costi: Costoperandaredall impresa1:t*x; Costo per andare dall impresa : t*(1-x); In termini di surplus per il consumatore A: surplusimpresa1:v p 1 t*x; surplusimpresa:v p t*(1 x); Caso 4/1 Dovep 1 èilprezzopagatoall impresa1,mentrep èilprezzopagatoall impresa. Il consumatore andrà dall impresa che gli riserverà il surplus maggiore, ammesso che sia maggiore di zero! 6

27 l equilibrio di Nash? Caso 5/1 In equilibrio entrambe le imprese hanno una quota di mercato positiva, quindi la situazione di π=0 non rientra nell equilibrio di Nash, perché in tal caso basta abbassare il prezzo per avere effetti positivi(migliori); V>c quindi le imprese sono incentivate a vendere a quanti più clienti possibili; esiste un consumatore marginale x m per il quale è indifferente servirsi da un impresa piuttosto che dall altra(surplus uguale); Obbiettivo: individuare i prezzi ottimi per le due imprese. Ciò significa: V p 1 tx m = V p t(1 x m ) x m (p 1, p )= (p p 1 + t) t 7

28 In corrispondenza di ciascuna combinazione di prezzi p 1 e p, tutti i consumatori a sinistradi x m ricorronoall impresa1,mentrequelliadestraalla: x m =>porzionedimercatoservitadall impresa1; (1 x m )=>porzionedimercatoservitadall impresa. Caso 6/1 Impresa 1 Impresa x m 0 1 Consumatore x m indifferente ( 1-x m ) 8

29 Caso 7/1 SeiltotaledeiconsumatorièNedessisonodistribuitiinmodouniforme,lefunzionidi domandadelleimprese1eperciascunacombinazionediprezzi(p 1,p )sono: DOMANDA 1 => m ( p p D 1 1 ( p1, p) = x ( p1, p) = + t t) DOMANDA => D m ( p1 p+ t ) ( p1, p) = [1 x ( p1, p)] = t + La funzione di domanda di ciascuna impresa è: 1) Decrescente nel suo prezzo, ma crescente in quello del suo concorrente. )E continuasiainp 1 cheinp quandoibenisonodifferenziati. 9

30 Caso 8/1 La continuità delle funzioni di domanda si trasmette anche ai rispettivi profitti: Profitto impresa 1: Profitto impresa : Π 1 (p 1, p )=(p 1 c) (p p 1 + t) t Π ( p 1, p )=(p c) (p 1 p + t) t 30

31 CALCOLO STRATEGIA DI PREZZO DELLE DUE IMPRESE (determinazione del prezzo ottimo) Caso 9/1 1 Metodo: Datop 1 procediamoalcalcolodelprezzoottimoperl impresa1: Π 1 p 1 =0 => p 1 * = p + c+ t Datop procediamoalcalcolodelprezzoottimoperl impresa: Π =0 => p * = p + c+ t 1 p 31

32 Metodo : Convertire la curva di domanda dell impresa 1 nella sua forma inversa e risolverla nel punto dove i ricavi marginali(mr) pareggiano il costo marginale(mc). 1 Caso(impresa 1): Curva di domanda: Caso 10/1 m ( p p D 1 1 ( p1, p) = x ( p1, p) = + t t) Domanda inversa: q = (p p + t) 1 => 1 t p 1 = p + t t q 1 Curva Ricavi Marginali: MR R = q 1 = t 4t ( p+ t q1) q1 = p+ t q 1 Condizione di Primo Ordine di massimizzazione dei profitti: MR= MC = > p + t 4t q * 1 = c 3

33 Caso 11/1 Risolvo nel valore ottimale del output dell impresa 1, a partire dal prezzo scelto dalla impresa : q 1 * = 4t (p + t c) Sostituisco il valore di q 1 * nella curva di domanda inversa di 1 e trovo il prezzo ottimale stabilito dall impresa1 a partire dal prezzo stabilito dalla. La funzione di risposta ottimale dell impresa 1 è: p * 1 = p + t t ( 4t )(p + t c)= p + t+ c Caso: Stessa procedura per l impresa. La funzione di risposta dell impresa è: p * = p 1 + c+t 33

34 Uguagliando i due prezzi ottimi, determiniamo l equilibrio di Nash: p 1 * = p * = c+t => c) Funzioni di risposta per la competizione dei prezzi con prodotti sostituti imperfetti i = ( * p i / = Caso 1/1 t / p Curva di risposta ottima per l impresa Curva di risposta ottima per l impresa 1 p * =MC+t (MC+t)/ (MC+t)/ p * 1 =MC+t p 1 34

35 Esempio numerico Esempio: Abbiamo negozi di parrucchieri dislocati in via Centrale ad un Km di distanza. Caratteristiche: Tutti i potenziali clienti vivono in via centrale e sono distribuiti equamente; Ciascun consumatore è disposto a pagare un prezzo massimo di 50 per un taglio dei capelli nel negozio sottocasa; Ogniconsumatoresostieneuncostodiandataeritornoparia5,sedevespostarsiper tagliare i capelli; Il costo unitario per consumatore è di 10. Determiniamo un prezzo che massimizza i profitti dei negozi: Ilprezzodiequilibrioè: p * 1 = p * = c+t=10+5=15 35

36 Punti importanti in relazione ai risultati ottenuti: Ruolo del parametro t: è una misura del valore che ciascun consumatore attribuisce al fatto di ottenere la sua versione preferita del prodotto(bene); televato: I consumatori hanno forti preferenze per il prodotto che desiderano di più, e sostengono un elevata perdita di utilità, qualora debbano consumare un prodotto differente; La concorrenza dei prezzi fra le imprese è attenuata: la differenziazione del prodotto rende la concorrenza dei prezzi molto meno intensa. Le imprese non si fanno molti problemi a stabilire un prezzo elevato per il prodotto o servizio offerto. t non elevato: I consumatori attribuiscono meno valore al fatto di ottenere il loro prodotto preferito, essi sono attratti dai prezzi più bassi; La concorrenza dei prezzi è intensificata; t=0: La differenziazione del prodotto non ha valore agli occhi dei consumatori, i quali trattano tutti i beni come se fossero identici; La concorrenza dei prezzi diventa agguerrita(p=mc => Mod. Bertrand). 36

37 La posizione delle imprese: abbiamo ipotizzato che le imprese siano posizionate alle estremità della via, ma anche la posizione e la progettazione del prodotto fanno parte della strategia di un impresa; vi sono due forze opposte che incidono sulla scelta del prezzo e della posizione: 1. Le due imprese vorranno evitare di collocarsi nello stesso punto, in quanto così facendo eliminerebbero le differenze fra i prodotti. In questo la concorrenza dei prezzi sarebbe agguerrita come nel modello originario di Bertrand;. Ciascuna impresa è anche incentivata a posizionarsi in prossimità del centro della città per poter raggiungere la parte più ampia di mercato possibile; La tensione tra queste forze rende la soluzione dell esito di equilibrio molto complicata. Infatti vi sono numerosi studi che riguardano questa frangia dell economia. 37

38 Complementi e sostituti strategici Di seguito sono illustrate le funzioni di risposta ottimale del modello di duopolio standard di Cournot e le funzioni di risposta ottimale del modello di Bertrand sotto l ipotesi di prodotti differenziati q p Impresa 1 Impresa Impresa Impresa 1 q 1 Un analisi sulle proprietà delle funzioni di risposta ottimale ci consente di comprendere il funzionamento dell interazione strategica e cosa può causare una variazione dell intensità della concorrenza. p 1 38

39 Sostituti strategici Si ipotizzi di aumentare c il costo unitario dell impresa. L effetto sarebbe quello di uno spostamento verso l interno della curva di risposta ottimale per l impresa. Il nuovo equilibrio di Nash viene raggiunto in un punto in cui l impresa produce di meno e l impresa 1 di più rispetto a prima. Quindi l impresa 1 risponde aggressivamente all aumento di c per l impresa, aumentando la propria quota di mercato a spese della sua rivale. q Quando un consumatore reagisce ad un aumento (diminuzione) del prezzo del prodotto acquistando una quantità minore (maggiore) di esso e una quantità minore (maggiore) di un altro, si dice che i beni sono sostituti. Quando le funzioni di risposta ottimale hanno pendenza negativa si dice che le strategie (le quantità nel caso di Cournot) sono sostituti strategici. Impresa 1 Impresa 39 q 1

40 Complementi strategici Invece l aumento di c nel modello di Bertrand con beni differenziati sposta la curva di risposta ottimale dell impresa verso l alto. A causa dell aumento dei costi, L impresa fisserà un p più alto in risposta a ciascun dato valore di p 1. In questo caso la reazione dell impresa 1 è menoaggressivaper l impresa e reagisce aumentandop 1. L intensità della concorrenza fra i due soggetti viene meno a causa dell impossibilità per l impresa distabilireunprezzopiùbassorispettoap 1. p Quando un consumatore reagisce a una variazione del prezzo di un bene acquistando una quantità maggiore o minoredientrambi,sidicecheiduebeni sono complementi. Quando le funzioni di risposta ottimale hanno pendenza positiva si dice che le strategie (i prezzi nel caso di Bertrand) sono complementi strategici. Impresa Impresa 1 p 1 40

41 In conclusione: E molto importante la scelta del prezzo o della quantità come variabile strategica per costruire la concorrenza di mercato E ipotizzabile che si competa sulle quantità, in quei mercati dove le imprese stabiliscono dei programmi di produzione prima di mettere in vendita i prodotti ai consumatori. (Es. mercato dell energia, piantagioni di caffè, produttori di automobili ecc.). E ipotizzabile che si competa sui prezzi in molte aziende di servizi (banche, assicurazioni, compagnie aeree ecc.) e in aziende manifatturiere, e di detergenti dove la battaglia sui prezzi è molto forte. Il modello spaziale di differenziazione è uno strumento molto utile per capire come le preferenze dei consumatori incidano sulla concorrenza dei prezzi sia per la varietà (differenziazione orizzontale del prodotto) sia per la qualità (differenziazione verticale del prodotto). 41

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Pubblicità (Forma di investimento strategico) Introduzione L intensità

Dettagli

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1

Esame di Microeconomia: Soluzioni. VERSIONE A Esercizio 1 Esame di Microeconomia: Soluzioni Università di Bari - Corso di laurea in Economia e Commercio prof. Coco e dott. Brunori 30-01-2012 VERSIONE A Esercizio 1 Carmen e Tosca sono due sorelle hanno una funzione

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità

La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità. La pubblicità La La rappresenta il canale principale attraverso il quale i consumatori ottengono informazioni sui prodotti. Nel 2006, le spese pubblicitarie in USA sono state pari al 2,2% 2% del PIL. In Italia, nel

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

INTERAZIONE STRATEGICA: LA COMPETIZIONE DI PREZZO E IL PARADOSSO DI BERTRAND

INTERAZIONE STRATEGICA: LA COMPETIZIONE DI PREZZO E IL PARADOSSO DI BERTRAND INTERAZIONE STRATEGICA: LA COMPETIZIONE DI PREZZO E IL PARADOSSO DI BERTRAND ECONOMIA INDUSTRIALE UNIVERSITA Bicocca Christian Garavaglia - Maggio 2006 Caso Britannica-Encarta Fino ad inizi anni 90, i

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI

ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI ECONOMIA DEI SISTEMI INDUSTRIALI Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it 0776/2994353 XIV LEZIONE 12/11/2012 Intervento A.D. Rainbow Magic Land Il giorno 16 novembre, dalle 16 alle 18 si terrà in aula T1 l'intervento

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

11.1.6 I produttori eterogenei

11.1.6 I produttori eterogenei L equilibrio nei mercati concorrenziali 1 11.1.6 I produttori eterogenei Nel modello base della concorrenza perfetta, tutte le imprese utilizzano la stessa tecnologia e quindi hanno gli stessi costi di

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4)

Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Economia Industriale (teoria dei giochi) Concetti di soluzione in giochi dinamici a informazione perfetta in strategie pure (LEZIONE 4) Valerio Sterzi Università di Bergamo Facoltà di ingegneria 1 Cosa

Dettagli

Oligopolio non cooperativo

Oligopolio non cooperativo Oligopolio non cooperativo Introduzione Gianmaria Martini La teoria dell'oligopolio non cooperativo studia l'interazione strategica tra imprese che hanno potere di mercato (sono quindi price maker), sono

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.8 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D

Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D Università Carlo Cattaneo - LIUC Economia Industriale: esercizi su INNOVAZIONE E R&D 26 Novembre 2009 Informazioni generali Testo: Garavaglia C. (2006), Economia Industriale: Esercizi e Applicazioni, Carocci

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005 A Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES Istruzioni: rispondete alle domande segnando con una crocetta la lettera

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Capitolo 9 Concorrenza perfetta

Capitolo 9 Concorrenza perfetta Capitolo 9 Concorrenza perfetta Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.9 McGraw-Hill, 2001 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO definire

Dettagli

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 17: Il monopolio Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Concorrenza imperfetta La concorrenza perfettaè una forma di mercato identificata dalla

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI

EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE ------------------------------------------------------------------------------ 3 2 L EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

I COSTI NEL BREVE PERIODO

I COSTI NEL BREVE PERIODO Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi

Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Esercizi d esame di Teoria dei Giochi Dario Bauso Esempio Svolto Dato il seguente gioco a due giocatori a somma zero si calcolino P P 1 0-3 3 1. il loss ceiling J,. il gain floor J, 3. l equilibrio di

Dettagli

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A

Ist. di Economia Politica I a.a. 2010-11 A. Lasagni (A-D) - P. Fabbri (E-N) - M. Ziliotti (O-Z) Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A Esame del 10/07/2012 ore 14 Tipo A COMPITO TIPO A - QUESTO TESTO DEVE ESSERE RI-CONSEGNATO Cognome: Nome: Matricola: AVVISI IMPORTANTI 1. PROPEDEUTICITA : ogni voto assegnato PRIMA di aver superato gli

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado

Lezione 23. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione dei prezzi. Discriminazione di primo grado. Discriminazione di primo grado Lezione 3 omportamento monopolistico ome dovrebbe fissare il prezzo un monopolista? Fino ad ora abbiamo pensato al monopolio come ad un impresa che deve vendere il suo prodotto allo stesso prezzo per ogni

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Giochi e decisioni strategiche

Giochi e decisioni strategiche Teoria dei Giochi Giochi e decisioni strategiche Strategie dominanti L equilibrio di Nash rivisitato Giochi ripetuti Giochi sequenziali Minacce impegni e credibilità Deterrenza all entrata 1 Giochi e decisioni

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI

SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI SCREENING E MERCATI ASSICURATIVI Lo screening è un approccio per studiare i mercati caratterizzati da asimmetrie informative ed affrontare il problema connesso della selezione avversa Un applicazione interessante

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Macroeconomia sui capitoli 19 e 20. Dott.ssa Rossella Greco Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Macroeconomia sui capitoli 19 e 20 Dott.ssa Rossella Greco Domanda 1 (Problema 1. dal Cap. 19 del Libro di Testo) Nei paesi di Richland

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica.

Informazione e mercati competitivi. Lezione 29. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Infomazione asimmetrica. Lezione 9 Informazione Asimmetrica Informazione e mercati competitivi Mercati perfettamente competitivi: tutti gli agenti sono pienamente informati circa i beni scambiati e sul funzionamento del mercato.

Dettagli

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ.

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ. 4. IMPRESA 4.1. Un isoquanto è: 1) L'insieme delle combinazioni di due beni il cui costo per il consumatore è costante 2) L'insieme delle combinazioni dei fattori della produzione che comportano il medesimo

Dettagli

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere RELAZIONI VERTICALI Relazione tra un impresa a monte (produttore) e un impresa a valle (rivenditore). Produttore Rivenditore Consumatore Relazione tra imprese. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza,

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Corso di Economia Applicata

Corso di Economia Applicata Corso di Economia Applicata a.a. 2007-08 II modulo 12 Lezione Asimmetrie informative e Adverse Selection Soluzioni per l Adverse Selection? selezione (screening ) segnalazione razionamento le soluzioni

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

5.4 Risposte alle domande di ripasso

5.4 Risposte alle domande di ripasso 34 Capitolo 5 5.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Poiché in seguito all applicazione dell imposta la benzina diventerà comunque relativamente più costosa rispetto ad altri beni, i consumatori tenderanno

Dettagli