Estratto distribuito da Biblet. Anna Somma. io leggo... giallo. l a scuola media. Excerpt of the full publication

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Estratto distribuito da Biblet. Anna Somma. io leggo... giallo. l a scuola media. Excerpt of the full publication"

Transcript

1 Anna Somma Estratto distribuito da Biblet io leggo... giallo labirinti collana di nar rativa per l a scuola media

2 labirinti collana di nar rativa per l a scuola media

3

4 Anna Somma io leggo... giallo labirinti collana di nar rativa per l a scuola media

5 Copyright 2002 Esselibri S.p.A. Via F. Russo 33/D Napoli Tutti i diritti riservati È vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione scritta dell editore. Per citazioni e illustrazioni di competenza altrui, riprodotte in questo libro, l editore è a disposizione degli aventi diritto. L editore provvederà, altresì, alle opportune correzioni nel caso di errori e/o omissioni a seguito della segnalazione degli interessati. Prima edizione: 2002 S275 - Io leggo giallo ISBN X Ristampe Questo volume è stato stampato presso «Officina Grafica Iride» Via Prov.le Arzano-Casandrino, VII traversa, Arzano (NA) Copertina: Gianfranco De Angelis

6 Prima parte Introduzione

7

8 Il romanzo poliziesco: breve storia Il fascino dell enigma è antico quanto l uomo e l argomento del delitto con le sue conseguenze si ritrova già nella Bibbia e nella tragedia greca, ma il romanzo (e il racconto) poliziesco in senso stretto nasce e si sviluppa nell Ottocento, quando più generalmente si afferma il romanzo come forma letteraria caratteristica ed autonoma. Contribuisce a tale nascita la tendenza, in campo filosofico, a basare la conoscenza sui fatti osservati e a privilegiare il metodo scientifico; e, più in particolare, la rivoluzione industriale con i mutamenti sociali che ne derivano, quali l urbanizzazione, il degrado delle periferie, il diffondersi della criminalità. Il genere poliziesco ha avuto ed ha gli autori più noti nei paesi anglosassoni. L iniziatore del genere è l americano Edgar Allan Poe ( ; vedi vita e opere a pag. 41), che pubblica, nel 1841, il racconto I delitti della Rue Morgue, con il personaggio di Auguste Dupin. Questo racconto è quindi il capostipite del genere e inaugura il filone del romanzo enigma, dove l equilibrio assicurato dalla legge viene rotto dal delitto e la conseguente indagine o detection, condotta dall investigatore con metodo logico-deduttivo, ha lo scopo di ricomporre la verità, al di là delle apparenze, scoprendo così il colpevole e ristabilendo l ordine. Poe scrive solamente altri due racconti polizieschi, Il mistero di Marie Roget e La lettera rubata (che riportiamo più avanti), ma, pur nell esiguità della sua produzione gialla, ha inventato gli elementi classici di questo genere: un crimine misterioso, un investigatore dilettante, che svolge l indagine basandosi su un ragionamento di tipo logico-deduttivo, un personaggio che funge da spalla-narratore. 7

9 Introduzione Auguste Dupin La figura dell investigatore dilettante creata da Poe è destinata a diventare il modello dei futuri detective presenti nel genere poliziesco. Il suo metodo è semplice, ma ferreo, e si basa sul principio di non contraddizione: si eliminano tutte le ipotesi impossibili, quindi si formula l unica ipotesi possibile. Il procedimento logico si regge su una stretta concatenazione di causa ed effetto, di premesse e conseguenze; e proprio per questo interessa il lettore, il quale ha l impressione di poter giungere anch egli allo scioglimento dell enigma con gli elementi che gli vengono offerti. Intellettuale, raffinato, amante dei libri, un po bizzarro, dotato di un cervello molto lucido e di una capacità di ragionamento molto sottile, è accompagnato da un discepolobiografo, un devoto amico incaricato di far conoscere ai posteri il metodo del maestro. Dopo Poe si passa dal racconto breve (short story) al romanzo poliziesco vero e proprio con l apporto dell inglese Wilkie Collins ( ) e del francese Émile Gaboriau ( ). Wilkie Collins si pose sulla scia di Poe fondando la narrazione su basi realistiche, ma arricchì i personaggi sia nell aspetto fisico che psicologico. Il suo capolavoro è The Moonstone ( La pietra lunare, 1868), che fu pubblicato sui periodici inglesi e americani ed ebbe un grande successo. In questo romanzo la figura dell investigatore dilettante di Poe è sostituita da quella di un pubblico funzionario, il sergente Cuff, che non indaga per curiosità intellettuale, ma per dovere di ufficio. Émile Gaboriau, nel 1863, pubblicò a puntate su «Le Pays» L Affaire Lerouge ( L Affare Lerouge ) ispirandosi anch egli a Poe. Qui compare già, come personaggio secondario, quello che sarà il protagonista dei romanzi successivi, Monsieur Lecoq, poliziotto di professione, ma erede di Auguste Dupin, rispetto al quale tuttavia si distingue per l indagine attenta ai particolari. L influenza di Émile Gaboriau fu notevole anche all estero; infatti dalla lettura di L Affaire Lerouge fu spinto a scrivere nel genere poliziesco l inglese Sir Arthur Conan Doyle ( ; vedi vita e opere a pag. 70), che peraltro seguì il modello di Poe aggiungendo però una maggiore coloritura narrativa. Egli, creando il personaggio di Sherlock Holmes, l investigatore simbolo della narrativa imperniata sulla detection, impo- 8

10 Il romanzo poliziesco: breve storia se durevolmente l esistenza del giallo consacrando definitivamente questo genere. Scrisse sia racconti che romanzi, nei quali i personaggi non sono statici, ma, nell arco della lunga produzione, assumono nuove e diverse caratteristiche. È anche opportuno osservare che l autore trattò il caso poliziesco in tutta la sua varietà (assassinio, furto, truffa, spionaggio). Sherlock Holmes La descrizione dell immortale investigatore creato da Conan Doyle viene fatta in prima persona dal dottor Watson, collaboratore e biografo, un uomo comune che sembra sciocco perché incapace di seguire i ragionamenti di Holmes. Pare che l autore, nel creare il personaggio di Holmes, si ispirasse ad un chirurgo conosciuto nell ospedale di Edimburgo, Joseph Bell, noto per la sua abilità nel dedurre da particolari anche minimi le caratteristiche fisiologiche e psicologiche dei suoi pazienti; ma è indubbio che si rifece anche ad Auguste Dupin, il personaggio inventato da Poe. Holmes è un ricco gentiluomo che, per sfuggire alla noia e all ozio, si dedica ad un attività impegnativa, rischiosa e perciò emozionante: dare la caccia ai delinquenti, da privato cittadino, facendo da consulente alla polizia di Scotland Yard, nei casi in cui questa non riesce a risolvere l enigma, una polizia rappresentata dall ispettore Lestrade, buono ma ottuso. Più il caso è difficile, più il delinquente è abile, accorto e intelligente, più Holmes ci prende gusto. Holmes è un tipo chiuso, superbo, presuntuoso, ironico, alquanto misogino, spesso cinico, tutto sommato poco simpatico. Ama la scienza e svolge esperimenti di laboratorio per cui ha le mani sempre sporche di sostanze chimiche; suona il violino anche per concentrarsi meglio, ricorre ai travestimenti, quando il caso lo ritiene. Il pastrano e il berretto di stoffa scozzese di Sherlock Holmes, le vie nebbiose della città con i fanali a gas, le abbazie, i vecchi castelli ricordano l atmosfera della Londra vittoriana di fine Ottocento. La figura dell investigatore con la sua personalità e i suoi comportamenti suscita l interesse del lettore forse ancor più dell enigma che egli deve risolvere. L inizio della vicenda lo coglie spesso nell atmosfera tranquilla dell appartamento in affitto, al numero 211 di Baker Street, una via del centro di Londra, dove egli abita con l amico Watson. Egli è intento a leggere, fumare, fare esperimenti scientifici o chiacchierare con Watson di problemi di poca importanza, quando improvvisamente si presenta il caso misterioso con un effetto di grande suggestione. 9

11 Introduzione Negli anni Venti e Trenta il giallo trova il suo canone nel mistery, un enigma logico che l autore svolge in modo rigoroso e onesto sfidando il lettore a scioglierlo in base agli indizi offerti. Esso conosce un periodo di grande splendore grazie soprattutto ad autori inglesi e americani. Un investigatore che continua e nello stesso tempo si pone in antitesi con Sherlock Holmes è Padre Brown, creato dall inglese Gilbert Keith Chesterton ( ), narratore di vigorosa ispirazione cattolica. Egli è il protagonista di varie storie in cinquanta racconti scritti tra il 1911 e il 1935 e raccolti in cinque volumi: The innocence of Father Brown ( L innocenza di Padre Brown ), The Wisdom of Father Brown ( La saggezza di Padre Brown ), The Incredility of Father Brown ( L incredulità di Padre Brown ), The Secret of Father Brown ( Il segreto di Padre Brown ), The Scandal of Father Brown ( Lo scandalo di Padre Brown ). In questi racconti, agli elementi propri del giallo (l enigma, la detection, i trabocchetti per il lettore, i colpi di scena) si aggiunge la fede religiosa; infatti, il delitto è un prodotto del male, che rompe l ordine di pace stabilito da Dio, e la detection condotta dall investigatore con metodo logico, sulla base della ragione, tende a ristabilire la verità e il bene, scoprendo il colpevole. I racconti di Chesterton mescolano due generi: il racconto dell orrore e il racconto della ragione; e sono caratterizzati dall uso del paradosso e di un sottile umorismo. Padre Brown È un piccolissimo prete cattolico, trasandato, con il volto tonto del campagnolo (proviene da un villaggio dell Essex), e perciò facilmente viene sottovalutato. Ama dar la caccia ai ladri e agli assassini e riesce a risolvere i casi battendo la polizia. La sua forza non è tanto la ragione, quanto l intuito: egli più che analizzare gli indizi e seguire procedimenti logici, si pone nella mentalità del criminale cercando di intuirne il disegno e scopre il colpevole seguendo la via psicologica, grazie anche all esperienza di tanti anni di confessionale. Edgar Wallace ( ), scrittore inglese, è autore di numerosi romanzi polizieschi, che furono e sono molto popolari, esercitando un certo fascino ed offrendo molto materiale al cinema e alla televi- 10

12 Il romanzo poliziesco: breve storia sione, nonostante alcuni limiti e difetti rilevati dai critici, come la scarsa varietà delle situazioni e dei personaggi, lo stile sciatto, la trama grossolana e incongruente. Sono testi di facile lettura e di pura evasione, caratterizzati da un intreccio molto complicato e non privi di umorismo. Wallace aveva grande fantasia e nella sua produzione mescolò vari filoni. Ricordiamo I quattro giusti, Il cerchio rosso. Agatha Christie ( ; vedi vita e opere a pag. 84), scrittrice inglese, è forse la più famosa autrice di gialli del Novecento. Nei suoi numerosi racconti e romanzi si fondono elementi tradizionali ed elementi innovativi: pur conservandosi la struttura esterna dell enigma, l investigazione pone più attenzione agli indizi psicologici che alle tracce lasciate dai colpevoli. Due le figure di investigatore create dalla sua penna: Hercule Poirot e Miss Jane Marple Nell opera di Agatha Christie convivono vari filoni: il racconto poliziesco puro (ciclo di Poirot), il racconto di ambiente provinciale (ciclo di miss Marple), il racconto psicologico, il giallo metafisico, il racconto fantapolitico ecc. L autrice si caratterizza per la grande capacità di sviare l attenzione del lettore dagli indizi importanti, che pure mette in bella mostra, per l ingegnosità dell intreccio, per l abilità delle soluzioni. Molto spesso, nei suoi romanzi, l arma usata dall assassino è il veleno, che la Christie conobbe nel suo servizio di crocerossina presso un ospedale militare, durante la I guerra mondiale, quando seguì il marito, l ufficiale inglese Archibald Christie. Hercule Poirot È il primo investigatore inventato dalla Christie ed ebbe un successo straordinario in tutto il mondo. Si tratta di un personaggio ben caratterizzato e perciò indimenticabile: poliziotto belga in pensione, basso, grassoccio, piuttosto anziano, con un enorme paio di baffi e una testa simile a un uovo, presuntuoso, teatrale, leggermente ridicolo, ma geniale e infallibile anche di fronte ad enigmi molto aggrovigliati. È un uomo ordinato, metodico, scrupoloso, sprovvisto di fantasia, virtuoso e lavora per amore della verità ispi- 11

13 Introduzione randosi a un ragione morale, sentendosi in dovere di sciogliere i misteri che gli sottopongono. Miss Jane Marple È una figura singolare di investigatore: infatti è una zitella ultrasettantenne, furba e pettegola, che vive nel villaggio di campagna in cui è nata, St. Mary Mead. Eppure, osservando con attenzione ogni piccolo avvenimento dal suo giardino, dove in apparenza è occupata a curare i fiori, riesce a spiegare gli enigmi più intricati. Il suo metodo è molto semplice: si basa sulla sua esperienza (ha molto visto e molto ascoltato), un esperienza nutrita da un pettegolezzo curioso, intelligente, abile, talvolta un po cattivo, per lei molto divertente; sulla sua capacità di intuire i pensieri e le intenzioni delle persone che la circondano e quindi di interpretarne i comportamenti. Nonostante sia abituata a origliare alle porte e a spiare la gente persino con un binocolo, si presenta come una persona amabile, comprensiva e dolce, alla quale si sarebbe pronti a confessare qualsiasi reato, che poi lei denunzia inevitabilmente alla polizia. L autrice la descrive alta, snella, il viso rubizzo tutto rughe, i capelli bianchi, gli occhi di colore azzurro chiaro, le mani sempre indaffarate con gomitoli, ferri da calza e crochet. S.S. Van Dine è lo pseudonimo dell americano W. Huntington Wright ( ), critico d arte, antropologo e filologo. Nel romanzo The Benson Murder Case ( La strana morte del signor Benson ), 1926, egli introdusse il personaggio di Philo Vance, che fu protagonista di dodici avventure in tutto. L investigatore si pone nella scia della tradizione del detective-superuomo, è cioè del tipo di Dupin, Holmes, Poirot, cerebrale e onnipotente, e per questo suscita antipatia e amore nel lettore. Ha un approccio umanistico alle cose, è contraddistinto dal monocolo, è elegante, raffinato, ha un temperamento sprezzante. Lo scrittore si ispira all alta società newyorchese degli anni Venti, ne analizza con lucidità i problemi ed è molto abile a tendere trabocchetti al lettore. Il genere in cui egli si iscrive è quello del thriller (1) di tradizione britannica, basato sulla riflessione e sulla deduzione. (1) thriller: romanzo (o racconto) giocato sulle emozioni violente e paurose che suscita nei lettori. 12

14 Il romanzo poliziesco: breve storia Tra i romanzi più riusciti ricordiamo: The Canary Murder Case ( La canarina assassinata, 1927), The Kennel Murder Case ( Il caso del terrier scozzese, 1931), The Bishop Murder Case ( L enigma dell alfiere, 1929), The Garden Murder Case ( Il mistero di casa Garden, 1937). A S. S. Van Dine si deve un decalogo sulle regole che ogni onesto scrittore di gialli dovrebbe seguire, ma anche altri autori (tra cui Poe e Chandler) hanno proposto regole poco o molto differenti tra loro. Il giallo è il genere che ne ha avuto di più, anche perché nel corso della sua storia ha subito numerose trasformazioni, tuttavia lo schema essenziale è rimasto sostanzialmente sempre lo stesso. Venti regole per scrivere un giallo 1. Il lettore deve avere le stesse possibilità del poliziotto di risolvere il mistero. Tutti gli indizi e le tracce debbono essere chiaramente elencati e descritti. 2. Non devono essere esercitati sul lettore altri sotterfugi e inganni oltre quelli che legittimamente il criminale mette in opera contro lo stesso investigatore. 3. Non ci deve essere una storia d amore troppo interessante. Lo scopo è di condurre un criminale davanti alla Giustizia, non due innamorati all altare. 4. Né l investigatore né alcun altro dei poliziotti ufficiali deve mai risultare colpevole. 5. Il colpevole deve essere scoperto attraverso logiche deduzioni: non per caso, o coincidenza, o non motivata confessione. 6. In un romanzo poliziesco ci deve essere un poliziotto, e un poliziotto non è tale se non indaga e deduce. Il suo compito è quello di riunire gli indizi che possono condurre alla cattura di chi è colpevole del misfatto commesso nel capitolo I. Se il poliziotto non raggiunge il suo scopo attraverso un simile lavorìo non ha risolto veramente il problema. 7. Ci deve essere almeno un morto in un romanzo poliziesco e più il morto è morto, meglio è. Nessun delitto minore dell assassinio è sufficiente. Trecento pagine sono troppe per una colpa minore. 8. Il problema del delitto deve essere risolto con metodi strettamente naturalistici. Apprendere la verità per mezzo di scritture medianiche, sedute spiritiche, lettura del pensiero, suggestioni e magie, è assolutamente proibito. Un lettore può gareggiare con un poliziotto che ricorre a metodi razionali: se deve competere anche con il mondo 13

15 Introduzione degli spiriti e con la metafisica, è battuto ab initio (in partenza). 9. Ci deve essere nel romanzo un poliziotto, un solo deduttore. Mettere in scena tre, quattro, o addirittura una banda di segugi per risolvere il problema significa non soltanto disperdere l interesse, spezzare il filo della logica, ma anche attribuirsi un antipatico vantaggio sul lettore. 10. Il colpevole deve essere una persona che ha avuto una parte più o meno importante nella storia, una persona, cioè, che sia divenuta familiare al lettore, e lo abbia interessato. 11. I servitori non devono essere, in genere, scelti come colpevoli: si prestano a soluzioni troppo facili. Il colpevole deve essere decisamente una persona di fiducia, uno di cui non si dovrebbe mai sospettare. 12. Ci deve essere un colpevole e uno soltanto, qualunque sia il numero dei delitti commessi. Il colpevole può aver naturalmente qualche complice o aiutante minore: ma l intera responsabilità e l intera indignazione del lettore devono gravare sopra un unico capro espiatorio. 13. Società segrete, associazioni a delinquere et similia (e cose simili) non trovano posto in un vero romanzo poliziesco. Un delitto interessante è irrimediabilmente sciupato da una colpa collegiale. 14. I metodi del delinquente e i sistemi di indagine devono essere razionali e scientifici. Vanno cioè senz altro escluse la pseudo-scienza e le astuzie puramente fantastiche, alla maniera di Giulio Verne. Quando un autore ricorre a simili metodi può considerarsi evaso, dai limiti del romanzo poliziesco, negli incontrollati domini del romanzo d avventura. 15. La soluzione del problema deve essere sempre evidente, ammesso che vi sia un lettore sufficientemente astuto per vederla subito. Se il lettore, dopo aver raggiunto il capitolo finale e la spiegazione, ripercorre il libro a ritroso, deve constatare che in un certo senso la soluzione stava davanti ai suoi occhi fin dall inizio, che tutti gli indizi designavano il colpevole e che, se egli fosse stato acuto come il poliziotto, avrebbe potuto risolvere il mistero da sé, senza leggere il libro sino alla fine. 16. Un romanzo poliziesco non deve contenere descrizioni troppo diffuse, pezzi di bravura letteraria, analisi psicologiche troppo insistenti, presentazioni di atmosfera : tutte cose che non hanno vitale importanza in un romanzo di indagine poliziesca. Esse rallentano l azione, distraggono dallo scopo principale che è: porre un problema, analizzarlo, condurlo a una conclusione positiva. Si capisce che ci deve essere quel tanto di descrizione e di studio di carattere che è necessario per dar verosimiglianza alla narrazione. 14

16 Il romanzo poliziesco: breve storia 17. Un delinquente di professione non deve mai essere preso come colpevole in un romanzo poliziesco. I delitti dei banditi riguardano la polizia, non gli scrittori e i brillanti investigatori dilettanti. Un delitto veramente affascinante non può essere commesso che da un personaggio molto pio, o da una zitellona nota per le sue opere di beneficenza. 18. Il delitto, in un romanzo poliziesco, non deve mai essere avvenuto per accidente: né deve scoprirsi che si tratta di suicidio. Terminare una odissea di indagini con una soluzione così irrisoria significa truffare bellamente il fiducioso e gentile lettore. 19. I delitti nei romanzi polizieschi devono essere provocati da motivi puramente personali. Congiure internazionali ecc. appartengono a un altro genere narrativo. Una storia poliziesca deve riflettere le esperienze quotidiane del lettore, costituisce una valvola di sicurezza delle sue stesse emozioni. 20. Ed ecco infine, per concludere degnamente questo credo, una serie di espedienti che nessuno scrittore poliziesco che si rispetti vorrà più impiegare; perché già troppo usati e ormai familiari a ogni amatore di libri polizieschi. Valersene ancora è come confessare inettitudine e mancanza di originalità: a) scoprire il colpevole grazie al confronto di un mozzicone di sigaretta lasciata sul luogo del delitto con le sigarette fumate da uno dei sospettati; b) il trucco della seduta spiritica contraffatta che atterrisca il colpevole e lo induce a tradirsi; c) impronte digitali falsificate; d) alibi creato grazie a un fantoccio; e) cane che non abbaia e quindi rivela il fatto che il colpevole è uno della famiglia; f) il colpevole è un gemello, oppure un parente sosia di una persona sospetta, ma innocente; g) siringhe ipodermiche e bevande soporifere; h) delitto commesso in una stanza chiusa, dopo che la polizia vi ha già fatto il suo ingresso; i) associazioni di parole che rivelano la colpa; l) alfabeti convenzionali che il poliziotto decifra. (rid. da Guida al giallo di R. Di Vanni - F. Fossati, Ed. Gammalibri) Ellery Queen è il nome fittizio sotto il quale si nascondono due autori americani di romanzi polizieschi: i due cugini coetanei (1905) Frederic Dannay e Manfred B. Lee, quest ultimo morto nel La loro produzione fu abbondante, legata per molti anni allo stesso protagonista, an- 15

17 Introduzione ch egli chiamato Ellery Queen, un intellettuale un po snob, con una straordinaria capacità di notare i segni più labili, collegandoli poi in un ordine logico; inoltre ricco di umanità, il che lo rende pietoso sia verso la vittima sia verso l assassino; infine gli piacciono le donne. Tipico dei racconti e dei romanzi di Ellery Queen è il doppio finale, cioè due spiegazioni entrambe perfettamente conseguenti all indagine, la seconda delle quali però ribalta completamente la prima. Un altro particolare curioso è che, prima del capitolo conclusivo, gli autori si rivolgono direttamente al lettore sfidandolo a dare una sua soluzione al giallo, giacché ha in mano gli stessi indizi. Georges Simenon ( ). Nato a Liegi (Belgio), si trasferì giovanissimo a Parigi, dove scrisse numerosi romanzi e racconti popolari con vari pseudonimi. Esordì con il suo nome e il nuovo personaggio del commissario Maigret nel romanzo Pietr le Letton ( Pietro il Lettone, 1930), al quale seguì tutta una serie, pur con interruzioni per interesse verso altri generi. Simenon più che all intreccio e alla suspense pone attenzione ai caratteri dei personaggi, alla descrizione dell ambiente e della natura, Egli, inoltre, costruisce le vicende romanzesche su una trama di realtà sociale ben precisa: la Francia della piccola borghesia, che fa da sfondo ai suoi gialli; e il suo investigatore ha i tratti tipici del borghese francese, pur ispirandosi al modello americano. Jules Maigret L investigatore creato da Simenon è un bravo funzionario di polizia, il commissario del Quai des Orfèvres; e questa è già una novità rispetto alla moda dei grandi investigatori privati diffusa nella letteratura del tempo. Inoltre Maigret è del tutto diverso: come uomo è grosso, maturo, un piccolo comune borghese, bonario, pacioso, che, appena può, si riposa nel suo modesto appartamento insieme alla moglie, una donna di mezza età, buona e tranquilla. I suoi svaghi sono la campagna e la pesca sulle rive del fiume. Come funzionario non è niente di eccezionale, infatti a volte non riesce a trovare il bandolo della matassa, a volte è lento e ci arriva troppo tardi. Più spesso, però, risolve i casi che gli si presentano, non tanto con un intelligenza eccezionale o uno straordinario acume, ma con la pazienza, la tenacia, la 16

18 Il romanzo poliziesco: breve storia testardaggine, l impegno, la fatica, l osservazione dei fatti banali della vita. Anche Maigret investiga e spesso l inchiesta è condotta con logica serrata, ma quel che più conta per lo scrittore è penetrare il significato delle azioni umane, rendere un atmosfera, Il personaggio di Maigret, dal carattere lineare e nello stesso tempo ricco di umanità, con la sua aria placida, sorniona, ostentatamente borghese, si impose come un nuovo modello di investigatore. Le ricette della signora Maigret, i lavori di giardinaggio, le giornate a pesca del commissario diventarono subito parte integrante dei romanzi. I film e le serie televisive prodotti in molti paesi, anche fuori dall Europa, hanno imposto questo personaggio anche in termini di immagine: i baffi dell attore italiano Gino Cervi, il volto dell attore francese Jean Gabin, la pipa, il cappello, la birra fresca sono diventati elementi di riconoscimento. Verso la fine degli anni Trenta il giallo classico entra in crisi per vari motivi e si diffonde un genere poliziesco, costruito sugli ingredienti del ricatto, della sopraffazione, dell azione violenta; infatti l indagine non è più legata ad un ambiente limitato e ad una ristretta cerchia di persone, e quindi non basta la semplice deduzione per risolvere l enigma. In America si afferma il genere hard-boiled, nel quale la spietatezza del racconto fa esplodere nelle azioni delittuose le angosciose tensioni della violenza metropolitana. L investigatore è un detective privato, un professionista, moralmente meno scrupoloso delle figure precedenti e disposto ad usare la violenza contro la violenza; e nuove figure narrative prendono il posto della spalla ; il linguaggio è crudo. L iniziatore di questo genere è Dashiell Hammet ( ), che con il romanzo capolavoro The maltese falcon ( Il falcone maltese,1929) crea il personaggio di Sam Spade, un impasto di cinismo e sentimento. Diretto continuatore dell Hammett fu Raymond Chandler ( ), autore delle storie con Philip Marlowe, investigatore privato apparso per la prima volta nel romanzo The big sleep ( Il grande sonno, 1939). Marlowe ottenne un così grande successo che il suo autore gli dovette creare una vera e propria biografia, com era già avvenuto per Sherlock Holmes. 17

19 Introduzione È alto, grosso, con capelli scuri e occhi marroni; veste con eleganza. Dotato di ingegno acuto e sicuro nel comportamento, è onesto e altruista, ma insoddisfatto, squattrinato e triste per non poter cambiare un mondo dominato dalla disonestà. Nei romanzi polizieschi dell americano Rex Stout ( ) il personaggio dell investigatore è prevalente. Il suo Nero Wolf è un oriundo montenegrino che vive a New York in modo appartato, è misogino, alieno dall automobile e dalla televisione, si concentra sui piaceri della tavola (infatti è grasso) e sulla coltivazione delle orchidee. Nello svolgimento delle indagini, che accetta non per danaro, ma solo se gli interessano, ha un ruolo squisitamente intellettuale, rifuggendo dall intervento diretto, mentre il ruolo più dinamico è affidato ad Archie Goodwin, inseparabile collaboratore, più che una semplice spalla, che diversamente da Wolf è un playboy e ama i vantaggi della società consumistica. I romanzi migliori sono: Fer-de Lance ( La traccia del serpente, 1934) e Gambit ( Scacco al re per Nero Wolf, 1962). Erle Stanley Gardner ( ), noto avvocato penalista americano, divenne uno scrittore di successo creando una figura nuova di investigatore, il personaggio di Perry Mason, e dando inizio al filone del legal thriller. Perry Mason è un abile avvocato penalista, che ha il suo ufficio legale all incrocio tra la Settima Strada e la Brodway, a Los Angeles, e scioglie gli enigmi all interno del tribunale. Intraprendente e disposto a tutto pur di far assolvere il suo cliente, ha una segretaria bella e intelligente, Della Street, e si fa aiutare nelle indagini da un agenzia privata, quella del suo amico Paul Drake. Gardner fu un autore molto fecondo e, nell arco di più di quarant anni, scrisse numerosi romanzi con protagonista Perry Mason, il quale approdando al cinema e alla televisione è diventato un personaggio cult per generazioni di spettatori. Dagli anni Sessanta-Settanta la produzione gialla continua seguendo le varie tradizioni (il mystery, il suspense, il thriller, l hard-boiled) e progressivamente si afferma un nuovo genere: il police procedural, che segue i procedimenti della polizia ed ha come investigatore un poliziotto di professione o un altro funzionario. Una sua variante è il giallo giudiziario, ispirato agli aspetti legali dell inchiesta o del dibattimento. 18

20 Gli ingredienti del romanzo (o racconto) poliziesco Gli elementi che entrano nella composizione di un romanzo poliziesco sono quelli comuni a ogni genere narrativo: l intreccio, la capacità di coinvolgere il lettore, la caratterizzazione dei personaggi, l ambientazione, la lingua e lo stile. L INTRECCIO Il romanzo poliziesco classico ha una struttura ad intreccio, che comprende alcuni elementi costanti: a) il preludio (non sempre presente), che fa da introduzione, atto a creare un atmosfera carica di angoscia, in cui si svilupperà il delitto, o, al contrario, tranquilla per ottenere un effetto di contrasto con quel che accadrà dopo; b) l enigma: l evento criminoso, misterioso e interessante, apparentemente inspiegabile, che rappresenta una rottura dell equilibrio e che si presenta già all inizio in modo esplicito; c) l indagine: l analisi dei fatti svolta con razionalità, immaginazione e determinazione da un investigatore privato, dalla polizia o da altro personaggio, che basandosi su indizi, informazioni, segnali si impegna a sciogliere l enigma fornendo una spiegazione degli avvenimenti; d) la soluzione: la conclusione a cui perviene l indagine con l individuazione del colpevole; e) la dimostrazione della colpevolezza: la spiegazione logica che dagli indizi riconosciuti come prove permette di ricostruire in modo inconfutabile l ordine degli eventi portando al trionfo della giustizia. 19

21 Giallisti italiani Il vasetto di marmellata di Danila Camastri Montanari... Pag. 111 Esercizi...» 124 Il tassista, il poliziotto e il mostro di Carlo Lucarelli...» 131 Esercizi...»

22 labirinti collana di narrativa Leggere per conoscere nuovi mondi e per riflettere su cose già conosciute. Leggere per perdersi nei labirinti dell immaginazione e, attraverso la finzione letteraria, capire i problemi del mondo che ci circonda. Leggere per sentirsi convinti che ogni libro degno di questo nome rappresenta una concentrazione, un compendio e una forte semplificazione di cose complicate. (H. Hesse) pe r la scuola media io leggo... giallo io leggo... giallo Un viaggio nella letteratura poliziesca, attraverso autori classici (Poe, Conan Doyle, Agatha Christie) e contemporanei (Camilleri, Comastri Montanari, Lucarelli), per scoprire le tecniche con cui si costruisce il racconto giallo: l intreccio, l ambientazione, il coinvolgimento del lettore, la suspense. Seguendo le indagini di Sherlock Holmes, di Miss Marple o del commissario Montalbano, il giovane lettore non solo si appassiona alla storia, ma viene stimolato a un lavoro di scrittura creativa. La struttura e la varietà degli apparati didattici, infatti, mettendo alla prova le capacità di comprensione logica, di osservazione e di memoria mediante l analisi dei numerosi testi proposti, consentono di avvicinarsi alle modalità proprie del genere poliziesco e di assimilarne i modelli, per cimentarsi poi nella stesura di un racconto.

Il racconto poliziesco o Giallo

Il racconto poliziesco o Giallo Il racconto poliziesco o Giallo deve il suo nome, almeno in Italia, a una famosa collana dell editore Arnoldo Mondadori. Nel lontano 1929, infatti, Mondadori diede vita a una collana con la copertina gialla,

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

Alessandro Perissinotto. Le trame del poliziesco

Alessandro Perissinotto. Le trame del poliziesco Alessandro Perissinotto Le trame del poliziesco Il programma narrativo Ogni programma narrativo è, in ultima analisi, riassumibile come segue: 1. INIZIO: vi è un soggetto disgiunto da un oggetto di valore

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni. Prof.ssa Maria Grazia Massari

Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni. Prof.ssa Maria Grazia Massari Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni Prof.ssa Maria Grazia Massari La commedia dell'arte, punto di partenza della 'riforma' goldoniana Quando? La commedia "all improvviso o "dell arte"

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 L indovina racconta come da psichiatra abbia scelto di diventare veggente: un modo straordinario per aver successo e quattrini. Organizza e apre uno studio

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Scuola Comunale dell Infanzia

Scuola Comunale dell Infanzia Direzione Municipalità Venezia Murano Burano Servizi Educativi Territoriali Scuola Comunale dell Infanzia Progetto (lavoro di intersezione). Anno scolastico 2014.15 PROGETTO: STORIE DI OGGETTI SCUOLA DELL

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA

COME SI PRODUCEVA, COSA SI CONSUMAVA, COME SI VIVEVA IN EUROPA Scheda 1 Introduzione Lo scopo di questo gruppo di schede è di presentare alcuni aspetti della grande trasformazione dei modi di produrre, consumare e vivere avvenuta in alcuni paesi europei (Inghilterra,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente.

Per raggiungere il suo scopo, un testo deve innanzitutto essere comprensibile, completo e coerente. Che cos è un testo? Il termine testo (dal latino textus "intreccio, tessuto") sta ad indicare un insieme di parole, scritte od orali, strutturato in base alle norme di una certa lingua per comunicare un

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO

SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO 6 POTENZIAMENTO SLIP SLAP CANE POLIZIOTTO Slip Slap è un piccolo cane che gironzola per il quartiere a caccia di gatti da rincorrere, ma sogna di diventare un cane poliziotto. Un giorno vede un ladruncolo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO

PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO PROGETTO ACCOGLIENZA TUTTI A BORDO L entrata alla scuola dell infanzia rappresenta per il bambino una tappa fondamentale di crescita. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza della sua abilità

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che azzannano una cerva. Tecnicamente è un trapezophoros, un sostegno

Dettagli

Compagnia delle Ombre. www.compagniadelleombre.it

Compagnia delle Ombre. www.compagniadelleombre.it Compagnia delle Ombre CHI SIAMO La Compagnia delle Ombre nasce dal fortunato incontro di professionisti con diversi ruoli e competenze: registi, attori, sceneggiatori, formatori aziendali, esperti di comunicazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2014/2015 UN MONDO CREATO PER ME Premessa In riferimento al Progetto Educativo e alle Indicazioni Nazionali, l'insegnamento della Religione

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA STATALE NICCOLINI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE Rofrano Barbara PROGETTAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA L insegnamento della religione

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Intelligenza o abilità?

Intelligenza o abilità? a Intelligenza o abilità? L apprendimento è stato spesso collegato con l intelligenza, e l intelligenza è stata misurata dagli psicologi con vari tipi di test. Ma come funziona un «tipico» test di intelligenza?

Dettagli

Programmazione di religione cattolica

Programmazione di religione cattolica Programmazione di religione cattolica Istituto Comprensivo P. Gobetti Trezzano sul Naviglio Anno Scolastico 2012/2013 INSEGNANTE: Franca M. CAIATI Obiettivi specifici di Apprendimento Questi obiettivi

Dettagli

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del

Giuseppe Ungaretti. Studiò a Parigi alla Sorbonne e collaborò con gli intellettuali d avanguardia del Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nacque nel 1888 ad Alessandria d Egitto, dove i suoi genitori, che erano originari di Lucca, si erano trasferiti in quanto il padre lavorava alla realizzazione del

Dettagli

Si parla molto oggi di quanti preferiscono

Si parla molto oggi di quanti preferiscono COPERTINA Natale: una grata dipendenza da Cristo Il messaggio per i lettori di 30Giorni di sua grazia Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury Si parla molto oggi di quanti preferiscono spiritualità a

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito

PERIODO E ORARI DI ATTIVITA Da novembre a maggio ore 9,30-11,30. SEDE ATTIVITA Areabambini Gialla. COSTO ATTIVITA Gratuito TEATRO E NARRAZIONE AREABAMBINI GIALLA Via degli Armeni, 5 Tel 0573-32640 LINEE GUIDA E OBIETTIVI EDUCATIVI Tutti gli itinerari condividono il presupposto che per il bambino ogni esperienza è frutto di

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

Beppe Severgnini. L inglese. Lezioni semiserie

Beppe Severgnini. L inglese. Lezioni semiserie Beppe Severgnini L inglese Lezioni semiserie Proprietà letteraria riservata 1992, 1994 R.C.S. Libri & Grandi Opere S.p.A., Milano 1997, 2010 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-04484-4 Prima edizione

Dettagli

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello

Studiò a Roma e a Bonn (in Germania) dove si laureò; tornò in Italia nel 1892 e si. La casa dove nacque Pirandello Luigi Pirandello è stato uno dei più importanti scrittori e drammaturghi italiani, conosciuto, famoso e apprezzato in tutto il mondo, e fu anche premiato con il Nobel per la letteratura nel 1934. Nacque

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia)

Classe 5^A. a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Classe 5^A a.s. 2011-2012 Scuola Primaria Statale Neria Secchi (Bibbiano, Reggio Emilia) Autori: Bagni Heloà Cadeddu Federico Caramaschi Marco Carretti Elisa Cella Samuele Collaku Selmir De Luca Annapia

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

Mistero e poliziesco. Invito. genere. Con «letteratura di intrattenimento» si indica un genere letterario il cui scopo AL GENERE

Mistero e poliziesco. Invito. genere. Con «letteratura di intrattenimento» si indica un genere letterario il cui scopo AL GENERE Invito INVITO al AL GENERE genere Torna indietro Il concetto di identità. Impronta umana con codice a barre. (Foto D.I. Popescu/Shutterstock) Mistero e poliziesco Società di massa. Viene così definita

Dettagli

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA

Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Un altra speranza Riccardo Dossena UN ALTRA SPERANZA Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Riccardo Dossena Tutti i diritti riservati Progetto scrivere di Riccardo Dossena. Con il mio

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Storia di un burattino

Storia di un burattino Pinocchio Storia di un burattino C'era una volta... -Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori. No ragazzi, avete sbagliato: c'era una volta un pezzo di legno.» (Carlo Collodi, incipit de "Le avventure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi

UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi UN ESTATE CON GLI INDIANI Un libro di Alda Maria Lusuardi Edizioni Disegni: Maria Elisa Cavandoli Copertina: Fabiano Fedi contributi alla seconda edizione: Fabrizio Carletti I edizione: 1998 ed. Creativ,

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1

DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B1 NOME FILE: ITA_B_Le-mie-amiche_testo CODICE DOCUMENTO: S ITA B B S 9 DESCRIZIONE DOCUMENTO: PROVA DI VERIFICA DELLA COMPRENSIONE DEL TESTO NARRATIVO - LIVELLO LINGUISTICO B SCUOLA: secondaria di grado

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

MASTER DI GIORNALISMO. Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli

MASTER DI GIORNALISMO. Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli MASTER DI GIORNALISMO Direttore didattico: Luisa Briganti Docenti: Franco Fracassi, Massimo Lauria, Giorgia Pietropaoli MODULO I CORSO BASE DI GIORNALISMO (8 settimane) Il corso serve ad apprendere le

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

UN MUSICAL DA FAVOLA. di e con Andrea Longhi nel ruolo di Giovannino Perdigiorno

UN MUSICAL DA FAVOLA. di e con Andrea Longhi nel ruolo di Giovannino Perdigiorno in UN MUSICAL DA FAVOLA di e con Andrea Longhi nel ruolo di Giovannino Perdigiorno Tratto da uno dei capolavori letterari più letti e famosi di Gianni Rodari FAVOLE AL TELEFONO, e dalle composizioni musicali

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

I giochi delle Gioc-Arte

I giochi delle Gioc-Arte I giochi delle Gioc-Arte Giochi basati sulla capacità di osservazione e di attenzione. Indovina l opera Numero di giocatori: da 2 a tutta la classe. Ognuno col suo mazzo, o una parte di esso, senza le

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19

SOMMARIO. Scopri che albero sei. In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di bosco?...pag. 19 SOMMARIO Introduzione Gli alberi, antenati maestosi e sacri, specchio di noi stessi...pag. 7 Scopri che albero sei Primo passo In quale figura ti identifichi meglio: una pianta solitaria o un albero di

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni

Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Accordo di rete per l innovazione della didattica Studenti 2.0: educare ai media le nuove generazioni Documentazione del lavoro svolto Anno scolastico 2010/2011 Scuola Primaria Statale Pennabilli Capoluogo

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

IL CONCETTO DI MODELLO

IL CONCETTO DI MODELLO Titolo: IL CONCETTO DI MODELLO Autore: Elisabetta Caroti Percorsi didattici associati: 1. Investigazioni sul modello particellare 2. Alziamo gli occhi al cielo 3. L'universo in una stanza AVVERTENZA: Le

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

Motivazioni del percorso

Motivazioni del percorso "Fiabe di tutti i colori " Motivazioni del percorso Scegliere la fiaba come oggetto di un percorso permette di offrire ai bambini un genere letterario già conosciuto, coinvolgente a livello emotivo, rassicurante

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte?

Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte? Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte? René Magritte (1898-1967) Nasce in Belgio da una famiglia piccolo borghese e perde la madre (in circostanze misteriose) all'età di soli 13

Dettagli

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Gioco Scopro

La Scuola Primaria F. Busoni di Pozzale presenta il progetto Gioco Scopro La presenta il progetto Gioco Scopro Progetto GIOCO-SCOPRO!!! Nik-day 2011: prepariamo insieme il calendario della Solidarietà ed il nuovo libro! Cari bambini e care bambine dai 3 ai 99 anni, quest anno

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

SPETTACOLO del 10 novembre 2012

SPETTACOLO del 10 novembre 2012 SPETTACOLO del 10 novembre 2012 CONTRIBUTI DI : presso il teatro Studio Milano Zena Elisa, 4 A scientifico Cantaluppi Giulia, III A classico Scotto Davide, III A classico Gaddi Valentino, I A classico

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona

Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Corso di Formazione per Operatore Socio-Sanitario Complesso Integrato Columbus- Anno 2014 Lezione 1 Identificazione dei bisogni della persona Docenti: Claudia Onofri Ivana Palumbieri Concetto di persona

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli