Estratto distribuito da Biblet. Anna Somma. io leggo... giallo. l a scuola media. Excerpt of the full publication

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Estratto distribuito da Biblet. Anna Somma. io leggo... giallo. l a scuola media. Excerpt of the full publication"

Transcript

1 Anna Somma Estratto distribuito da Biblet io leggo... giallo labirinti collana di nar rativa per l a scuola media

2 labirinti collana di nar rativa per l a scuola media

3

4 Anna Somma io leggo... giallo labirinti collana di nar rativa per l a scuola media

5 Copyright 2002 Esselibri S.p.A. Via F. Russo 33/D Napoli Tutti i diritti riservati È vietata la riproduzione anche parziale e con qualsiasi mezzo senza l autorizzazione scritta dell editore. Per citazioni e illustrazioni di competenza altrui, riprodotte in questo libro, l editore è a disposizione degli aventi diritto. L editore provvederà, altresì, alle opportune correzioni nel caso di errori e/o omissioni a seguito della segnalazione degli interessati. Prima edizione: 2002 S275 - Io leggo giallo ISBN X Ristampe Questo volume è stato stampato presso «Officina Grafica Iride» Via Prov.le Arzano-Casandrino, VII traversa, Arzano (NA) Copertina: Gianfranco De Angelis

6 Prima parte Introduzione

7

8 Il romanzo poliziesco: breve storia Il fascino dell enigma è antico quanto l uomo e l argomento del delitto con le sue conseguenze si ritrova già nella Bibbia e nella tragedia greca, ma il romanzo (e il racconto) poliziesco in senso stretto nasce e si sviluppa nell Ottocento, quando più generalmente si afferma il romanzo come forma letteraria caratteristica ed autonoma. Contribuisce a tale nascita la tendenza, in campo filosofico, a basare la conoscenza sui fatti osservati e a privilegiare il metodo scientifico; e, più in particolare, la rivoluzione industriale con i mutamenti sociali che ne derivano, quali l urbanizzazione, il degrado delle periferie, il diffondersi della criminalità. Il genere poliziesco ha avuto ed ha gli autori più noti nei paesi anglosassoni. L iniziatore del genere è l americano Edgar Allan Poe ( ; vedi vita e opere a pag. 41), che pubblica, nel 1841, il racconto I delitti della Rue Morgue, con il personaggio di Auguste Dupin. Questo racconto è quindi il capostipite del genere e inaugura il filone del romanzo enigma, dove l equilibrio assicurato dalla legge viene rotto dal delitto e la conseguente indagine o detection, condotta dall investigatore con metodo logico-deduttivo, ha lo scopo di ricomporre la verità, al di là delle apparenze, scoprendo così il colpevole e ristabilendo l ordine. Poe scrive solamente altri due racconti polizieschi, Il mistero di Marie Roget e La lettera rubata (che riportiamo più avanti), ma, pur nell esiguità della sua produzione gialla, ha inventato gli elementi classici di questo genere: un crimine misterioso, un investigatore dilettante, che svolge l indagine basandosi su un ragionamento di tipo logico-deduttivo, un personaggio che funge da spalla-narratore. 7

9 Introduzione Auguste Dupin La figura dell investigatore dilettante creata da Poe è destinata a diventare il modello dei futuri detective presenti nel genere poliziesco. Il suo metodo è semplice, ma ferreo, e si basa sul principio di non contraddizione: si eliminano tutte le ipotesi impossibili, quindi si formula l unica ipotesi possibile. Il procedimento logico si regge su una stretta concatenazione di causa ed effetto, di premesse e conseguenze; e proprio per questo interessa il lettore, il quale ha l impressione di poter giungere anch egli allo scioglimento dell enigma con gli elementi che gli vengono offerti. Intellettuale, raffinato, amante dei libri, un po bizzarro, dotato di un cervello molto lucido e di una capacità di ragionamento molto sottile, è accompagnato da un discepolobiografo, un devoto amico incaricato di far conoscere ai posteri il metodo del maestro. Dopo Poe si passa dal racconto breve (short story) al romanzo poliziesco vero e proprio con l apporto dell inglese Wilkie Collins ( ) e del francese Émile Gaboriau ( ). Wilkie Collins si pose sulla scia di Poe fondando la narrazione su basi realistiche, ma arricchì i personaggi sia nell aspetto fisico che psicologico. Il suo capolavoro è The Moonstone ( La pietra lunare, 1868), che fu pubblicato sui periodici inglesi e americani ed ebbe un grande successo. In questo romanzo la figura dell investigatore dilettante di Poe è sostituita da quella di un pubblico funzionario, il sergente Cuff, che non indaga per curiosità intellettuale, ma per dovere di ufficio. Émile Gaboriau, nel 1863, pubblicò a puntate su «Le Pays» L Affaire Lerouge ( L Affare Lerouge ) ispirandosi anch egli a Poe. Qui compare già, come personaggio secondario, quello che sarà il protagonista dei romanzi successivi, Monsieur Lecoq, poliziotto di professione, ma erede di Auguste Dupin, rispetto al quale tuttavia si distingue per l indagine attenta ai particolari. L influenza di Émile Gaboriau fu notevole anche all estero; infatti dalla lettura di L Affaire Lerouge fu spinto a scrivere nel genere poliziesco l inglese Sir Arthur Conan Doyle ( ; vedi vita e opere a pag. 70), che peraltro seguì il modello di Poe aggiungendo però una maggiore coloritura narrativa. Egli, creando il personaggio di Sherlock Holmes, l investigatore simbolo della narrativa imperniata sulla detection, impo- 8

10 Il romanzo poliziesco: breve storia se durevolmente l esistenza del giallo consacrando definitivamente questo genere. Scrisse sia racconti che romanzi, nei quali i personaggi non sono statici, ma, nell arco della lunga produzione, assumono nuove e diverse caratteristiche. È anche opportuno osservare che l autore trattò il caso poliziesco in tutta la sua varietà (assassinio, furto, truffa, spionaggio). Sherlock Holmes La descrizione dell immortale investigatore creato da Conan Doyle viene fatta in prima persona dal dottor Watson, collaboratore e biografo, un uomo comune che sembra sciocco perché incapace di seguire i ragionamenti di Holmes. Pare che l autore, nel creare il personaggio di Holmes, si ispirasse ad un chirurgo conosciuto nell ospedale di Edimburgo, Joseph Bell, noto per la sua abilità nel dedurre da particolari anche minimi le caratteristiche fisiologiche e psicologiche dei suoi pazienti; ma è indubbio che si rifece anche ad Auguste Dupin, il personaggio inventato da Poe. Holmes è un ricco gentiluomo che, per sfuggire alla noia e all ozio, si dedica ad un attività impegnativa, rischiosa e perciò emozionante: dare la caccia ai delinquenti, da privato cittadino, facendo da consulente alla polizia di Scotland Yard, nei casi in cui questa non riesce a risolvere l enigma, una polizia rappresentata dall ispettore Lestrade, buono ma ottuso. Più il caso è difficile, più il delinquente è abile, accorto e intelligente, più Holmes ci prende gusto. Holmes è un tipo chiuso, superbo, presuntuoso, ironico, alquanto misogino, spesso cinico, tutto sommato poco simpatico. Ama la scienza e svolge esperimenti di laboratorio per cui ha le mani sempre sporche di sostanze chimiche; suona il violino anche per concentrarsi meglio, ricorre ai travestimenti, quando il caso lo ritiene. Il pastrano e il berretto di stoffa scozzese di Sherlock Holmes, le vie nebbiose della città con i fanali a gas, le abbazie, i vecchi castelli ricordano l atmosfera della Londra vittoriana di fine Ottocento. La figura dell investigatore con la sua personalità e i suoi comportamenti suscita l interesse del lettore forse ancor più dell enigma che egli deve risolvere. L inizio della vicenda lo coglie spesso nell atmosfera tranquilla dell appartamento in affitto, al numero 211 di Baker Street, una via del centro di Londra, dove egli abita con l amico Watson. Egli è intento a leggere, fumare, fare esperimenti scientifici o chiacchierare con Watson di problemi di poca importanza, quando improvvisamente si presenta il caso misterioso con un effetto di grande suggestione. 9

11 Introduzione Negli anni Venti e Trenta il giallo trova il suo canone nel mistery, un enigma logico che l autore svolge in modo rigoroso e onesto sfidando il lettore a scioglierlo in base agli indizi offerti. Esso conosce un periodo di grande splendore grazie soprattutto ad autori inglesi e americani. Un investigatore che continua e nello stesso tempo si pone in antitesi con Sherlock Holmes è Padre Brown, creato dall inglese Gilbert Keith Chesterton ( ), narratore di vigorosa ispirazione cattolica. Egli è il protagonista di varie storie in cinquanta racconti scritti tra il 1911 e il 1935 e raccolti in cinque volumi: The innocence of Father Brown ( L innocenza di Padre Brown ), The Wisdom of Father Brown ( La saggezza di Padre Brown ), The Incredility of Father Brown ( L incredulità di Padre Brown ), The Secret of Father Brown ( Il segreto di Padre Brown ), The Scandal of Father Brown ( Lo scandalo di Padre Brown ). In questi racconti, agli elementi propri del giallo (l enigma, la detection, i trabocchetti per il lettore, i colpi di scena) si aggiunge la fede religiosa; infatti, il delitto è un prodotto del male, che rompe l ordine di pace stabilito da Dio, e la detection condotta dall investigatore con metodo logico, sulla base della ragione, tende a ristabilire la verità e il bene, scoprendo il colpevole. I racconti di Chesterton mescolano due generi: il racconto dell orrore e il racconto della ragione; e sono caratterizzati dall uso del paradosso e di un sottile umorismo. Padre Brown È un piccolissimo prete cattolico, trasandato, con il volto tonto del campagnolo (proviene da un villaggio dell Essex), e perciò facilmente viene sottovalutato. Ama dar la caccia ai ladri e agli assassini e riesce a risolvere i casi battendo la polizia. La sua forza non è tanto la ragione, quanto l intuito: egli più che analizzare gli indizi e seguire procedimenti logici, si pone nella mentalità del criminale cercando di intuirne il disegno e scopre il colpevole seguendo la via psicologica, grazie anche all esperienza di tanti anni di confessionale. Edgar Wallace ( ), scrittore inglese, è autore di numerosi romanzi polizieschi, che furono e sono molto popolari, esercitando un certo fascino ed offrendo molto materiale al cinema e alla televi- 10

12 Il romanzo poliziesco: breve storia sione, nonostante alcuni limiti e difetti rilevati dai critici, come la scarsa varietà delle situazioni e dei personaggi, lo stile sciatto, la trama grossolana e incongruente. Sono testi di facile lettura e di pura evasione, caratterizzati da un intreccio molto complicato e non privi di umorismo. Wallace aveva grande fantasia e nella sua produzione mescolò vari filoni. Ricordiamo I quattro giusti, Il cerchio rosso. Agatha Christie ( ; vedi vita e opere a pag. 84), scrittrice inglese, è forse la più famosa autrice di gialli del Novecento. Nei suoi numerosi racconti e romanzi si fondono elementi tradizionali ed elementi innovativi: pur conservandosi la struttura esterna dell enigma, l investigazione pone più attenzione agli indizi psicologici che alle tracce lasciate dai colpevoli. Due le figure di investigatore create dalla sua penna: Hercule Poirot e Miss Jane Marple Nell opera di Agatha Christie convivono vari filoni: il racconto poliziesco puro (ciclo di Poirot), il racconto di ambiente provinciale (ciclo di miss Marple), il racconto psicologico, il giallo metafisico, il racconto fantapolitico ecc. L autrice si caratterizza per la grande capacità di sviare l attenzione del lettore dagli indizi importanti, che pure mette in bella mostra, per l ingegnosità dell intreccio, per l abilità delle soluzioni. Molto spesso, nei suoi romanzi, l arma usata dall assassino è il veleno, che la Christie conobbe nel suo servizio di crocerossina presso un ospedale militare, durante la I guerra mondiale, quando seguì il marito, l ufficiale inglese Archibald Christie. Hercule Poirot È il primo investigatore inventato dalla Christie ed ebbe un successo straordinario in tutto il mondo. Si tratta di un personaggio ben caratterizzato e perciò indimenticabile: poliziotto belga in pensione, basso, grassoccio, piuttosto anziano, con un enorme paio di baffi e una testa simile a un uovo, presuntuoso, teatrale, leggermente ridicolo, ma geniale e infallibile anche di fronte ad enigmi molto aggrovigliati. È un uomo ordinato, metodico, scrupoloso, sprovvisto di fantasia, virtuoso e lavora per amore della verità ispi- 11

13 Introduzione randosi a un ragione morale, sentendosi in dovere di sciogliere i misteri che gli sottopongono. Miss Jane Marple È una figura singolare di investigatore: infatti è una zitella ultrasettantenne, furba e pettegola, che vive nel villaggio di campagna in cui è nata, St. Mary Mead. Eppure, osservando con attenzione ogni piccolo avvenimento dal suo giardino, dove in apparenza è occupata a curare i fiori, riesce a spiegare gli enigmi più intricati. Il suo metodo è molto semplice: si basa sulla sua esperienza (ha molto visto e molto ascoltato), un esperienza nutrita da un pettegolezzo curioso, intelligente, abile, talvolta un po cattivo, per lei molto divertente; sulla sua capacità di intuire i pensieri e le intenzioni delle persone che la circondano e quindi di interpretarne i comportamenti. Nonostante sia abituata a origliare alle porte e a spiare la gente persino con un binocolo, si presenta come una persona amabile, comprensiva e dolce, alla quale si sarebbe pronti a confessare qualsiasi reato, che poi lei denunzia inevitabilmente alla polizia. L autrice la descrive alta, snella, il viso rubizzo tutto rughe, i capelli bianchi, gli occhi di colore azzurro chiaro, le mani sempre indaffarate con gomitoli, ferri da calza e crochet. S.S. Van Dine è lo pseudonimo dell americano W. Huntington Wright ( ), critico d arte, antropologo e filologo. Nel romanzo The Benson Murder Case ( La strana morte del signor Benson ), 1926, egli introdusse il personaggio di Philo Vance, che fu protagonista di dodici avventure in tutto. L investigatore si pone nella scia della tradizione del detective-superuomo, è cioè del tipo di Dupin, Holmes, Poirot, cerebrale e onnipotente, e per questo suscita antipatia e amore nel lettore. Ha un approccio umanistico alle cose, è contraddistinto dal monocolo, è elegante, raffinato, ha un temperamento sprezzante. Lo scrittore si ispira all alta società newyorchese degli anni Venti, ne analizza con lucidità i problemi ed è molto abile a tendere trabocchetti al lettore. Il genere in cui egli si iscrive è quello del thriller (1) di tradizione britannica, basato sulla riflessione e sulla deduzione. (1) thriller: romanzo (o racconto) giocato sulle emozioni violente e paurose che suscita nei lettori. 12

14 Il romanzo poliziesco: breve storia Tra i romanzi più riusciti ricordiamo: The Canary Murder Case ( La canarina assassinata, 1927), The Kennel Murder Case ( Il caso del terrier scozzese, 1931), The Bishop Murder Case ( L enigma dell alfiere, 1929), The Garden Murder Case ( Il mistero di casa Garden, 1937). A S. S. Van Dine si deve un decalogo sulle regole che ogni onesto scrittore di gialli dovrebbe seguire, ma anche altri autori (tra cui Poe e Chandler) hanno proposto regole poco o molto differenti tra loro. Il giallo è il genere che ne ha avuto di più, anche perché nel corso della sua storia ha subito numerose trasformazioni, tuttavia lo schema essenziale è rimasto sostanzialmente sempre lo stesso. Venti regole per scrivere un giallo 1. Il lettore deve avere le stesse possibilità del poliziotto di risolvere il mistero. Tutti gli indizi e le tracce debbono essere chiaramente elencati e descritti. 2. Non devono essere esercitati sul lettore altri sotterfugi e inganni oltre quelli che legittimamente il criminale mette in opera contro lo stesso investigatore. 3. Non ci deve essere una storia d amore troppo interessante. Lo scopo è di condurre un criminale davanti alla Giustizia, non due innamorati all altare. 4. Né l investigatore né alcun altro dei poliziotti ufficiali deve mai risultare colpevole. 5. Il colpevole deve essere scoperto attraverso logiche deduzioni: non per caso, o coincidenza, o non motivata confessione. 6. In un romanzo poliziesco ci deve essere un poliziotto, e un poliziotto non è tale se non indaga e deduce. Il suo compito è quello di riunire gli indizi che possono condurre alla cattura di chi è colpevole del misfatto commesso nel capitolo I. Se il poliziotto non raggiunge il suo scopo attraverso un simile lavorìo non ha risolto veramente il problema. 7. Ci deve essere almeno un morto in un romanzo poliziesco e più il morto è morto, meglio è. Nessun delitto minore dell assassinio è sufficiente. Trecento pagine sono troppe per una colpa minore. 8. Il problema del delitto deve essere risolto con metodi strettamente naturalistici. Apprendere la verità per mezzo di scritture medianiche, sedute spiritiche, lettura del pensiero, suggestioni e magie, è assolutamente proibito. Un lettore può gareggiare con un poliziotto che ricorre a metodi razionali: se deve competere anche con il mondo 13

15 Introduzione degli spiriti e con la metafisica, è battuto ab initio (in partenza). 9. Ci deve essere nel romanzo un poliziotto, un solo deduttore. Mettere in scena tre, quattro, o addirittura una banda di segugi per risolvere il problema significa non soltanto disperdere l interesse, spezzare il filo della logica, ma anche attribuirsi un antipatico vantaggio sul lettore. 10. Il colpevole deve essere una persona che ha avuto una parte più o meno importante nella storia, una persona, cioè, che sia divenuta familiare al lettore, e lo abbia interessato. 11. I servitori non devono essere, in genere, scelti come colpevoli: si prestano a soluzioni troppo facili. Il colpevole deve essere decisamente una persona di fiducia, uno di cui non si dovrebbe mai sospettare. 12. Ci deve essere un colpevole e uno soltanto, qualunque sia il numero dei delitti commessi. Il colpevole può aver naturalmente qualche complice o aiutante minore: ma l intera responsabilità e l intera indignazione del lettore devono gravare sopra un unico capro espiatorio. 13. Società segrete, associazioni a delinquere et similia (e cose simili) non trovano posto in un vero romanzo poliziesco. Un delitto interessante è irrimediabilmente sciupato da una colpa collegiale. 14. I metodi del delinquente e i sistemi di indagine devono essere razionali e scientifici. Vanno cioè senz altro escluse la pseudo-scienza e le astuzie puramente fantastiche, alla maniera di Giulio Verne. Quando un autore ricorre a simili metodi può considerarsi evaso, dai limiti del romanzo poliziesco, negli incontrollati domini del romanzo d avventura. 15. La soluzione del problema deve essere sempre evidente, ammesso che vi sia un lettore sufficientemente astuto per vederla subito. Se il lettore, dopo aver raggiunto il capitolo finale e la spiegazione, ripercorre il libro a ritroso, deve constatare che in un certo senso la soluzione stava davanti ai suoi occhi fin dall inizio, che tutti gli indizi designavano il colpevole e che, se egli fosse stato acuto come il poliziotto, avrebbe potuto risolvere il mistero da sé, senza leggere il libro sino alla fine. 16. Un romanzo poliziesco non deve contenere descrizioni troppo diffuse, pezzi di bravura letteraria, analisi psicologiche troppo insistenti, presentazioni di atmosfera : tutte cose che non hanno vitale importanza in un romanzo di indagine poliziesca. Esse rallentano l azione, distraggono dallo scopo principale che è: porre un problema, analizzarlo, condurlo a una conclusione positiva. Si capisce che ci deve essere quel tanto di descrizione e di studio di carattere che è necessario per dar verosimiglianza alla narrazione. 14

16 Il romanzo poliziesco: breve storia 17. Un delinquente di professione non deve mai essere preso come colpevole in un romanzo poliziesco. I delitti dei banditi riguardano la polizia, non gli scrittori e i brillanti investigatori dilettanti. Un delitto veramente affascinante non può essere commesso che da un personaggio molto pio, o da una zitellona nota per le sue opere di beneficenza. 18. Il delitto, in un romanzo poliziesco, non deve mai essere avvenuto per accidente: né deve scoprirsi che si tratta di suicidio. Terminare una odissea di indagini con una soluzione così irrisoria significa truffare bellamente il fiducioso e gentile lettore. 19. I delitti nei romanzi polizieschi devono essere provocati da motivi puramente personali. Congiure internazionali ecc. appartengono a un altro genere narrativo. Una storia poliziesca deve riflettere le esperienze quotidiane del lettore, costituisce una valvola di sicurezza delle sue stesse emozioni. 20. Ed ecco infine, per concludere degnamente questo credo, una serie di espedienti che nessuno scrittore poliziesco che si rispetti vorrà più impiegare; perché già troppo usati e ormai familiari a ogni amatore di libri polizieschi. Valersene ancora è come confessare inettitudine e mancanza di originalità: a) scoprire il colpevole grazie al confronto di un mozzicone di sigaretta lasciata sul luogo del delitto con le sigarette fumate da uno dei sospettati; b) il trucco della seduta spiritica contraffatta che atterrisca il colpevole e lo induce a tradirsi; c) impronte digitali falsificate; d) alibi creato grazie a un fantoccio; e) cane che non abbaia e quindi rivela il fatto che il colpevole è uno della famiglia; f) il colpevole è un gemello, oppure un parente sosia di una persona sospetta, ma innocente; g) siringhe ipodermiche e bevande soporifere; h) delitto commesso in una stanza chiusa, dopo che la polizia vi ha già fatto il suo ingresso; i) associazioni di parole che rivelano la colpa; l) alfabeti convenzionali che il poliziotto decifra. (rid. da Guida al giallo di R. Di Vanni - F. Fossati, Ed. Gammalibri) Ellery Queen è il nome fittizio sotto il quale si nascondono due autori americani di romanzi polizieschi: i due cugini coetanei (1905) Frederic Dannay e Manfred B. Lee, quest ultimo morto nel La loro produzione fu abbondante, legata per molti anni allo stesso protagonista, an- 15

17 Introduzione ch egli chiamato Ellery Queen, un intellettuale un po snob, con una straordinaria capacità di notare i segni più labili, collegandoli poi in un ordine logico; inoltre ricco di umanità, il che lo rende pietoso sia verso la vittima sia verso l assassino; infine gli piacciono le donne. Tipico dei racconti e dei romanzi di Ellery Queen è il doppio finale, cioè due spiegazioni entrambe perfettamente conseguenti all indagine, la seconda delle quali però ribalta completamente la prima. Un altro particolare curioso è che, prima del capitolo conclusivo, gli autori si rivolgono direttamente al lettore sfidandolo a dare una sua soluzione al giallo, giacché ha in mano gli stessi indizi. Georges Simenon ( ). Nato a Liegi (Belgio), si trasferì giovanissimo a Parigi, dove scrisse numerosi romanzi e racconti popolari con vari pseudonimi. Esordì con il suo nome e il nuovo personaggio del commissario Maigret nel romanzo Pietr le Letton ( Pietro il Lettone, 1930), al quale seguì tutta una serie, pur con interruzioni per interesse verso altri generi. Simenon più che all intreccio e alla suspense pone attenzione ai caratteri dei personaggi, alla descrizione dell ambiente e della natura, Egli, inoltre, costruisce le vicende romanzesche su una trama di realtà sociale ben precisa: la Francia della piccola borghesia, che fa da sfondo ai suoi gialli; e il suo investigatore ha i tratti tipici del borghese francese, pur ispirandosi al modello americano. Jules Maigret L investigatore creato da Simenon è un bravo funzionario di polizia, il commissario del Quai des Orfèvres; e questa è già una novità rispetto alla moda dei grandi investigatori privati diffusa nella letteratura del tempo. Inoltre Maigret è del tutto diverso: come uomo è grosso, maturo, un piccolo comune borghese, bonario, pacioso, che, appena può, si riposa nel suo modesto appartamento insieme alla moglie, una donna di mezza età, buona e tranquilla. I suoi svaghi sono la campagna e la pesca sulle rive del fiume. Come funzionario non è niente di eccezionale, infatti a volte non riesce a trovare il bandolo della matassa, a volte è lento e ci arriva troppo tardi. Più spesso, però, risolve i casi che gli si presentano, non tanto con un intelligenza eccezionale o uno straordinario acume, ma con la pazienza, la tenacia, la 16

18 Il romanzo poliziesco: breve storia testardaggine, l impegno, la fatica, l osservazione dei fatti banali della vita. Anche Maigret investiga e spesso l inchiesta è condotta con logica serrata, ma quel che più conta per lo scrittore è penetrare il significato delle azioni umane, rendere un atmosfera, Il personaggio di Maigret, dal carattere lineare e nello stesso tempo ricco di umanità, con la sua aria placida, sorniona, ostentatamente borghese, si impose come un nuovo modello di investigatore. Le ricette della signora Maigret, i lavori di giardinaggio, le giornate a pesca del commissario diventarono subito parte integrante dei romanzi. I film e le serie televisive prodotti in molti paesi, anche fuori dall Europa, hanno imposto questo personaggio anche in termini di immagine: i baffi dell attore italiano Gino Cervi, il volto dell attore francese Jean Gabin, la pipa, il cappello, la birra fresca sono diventati elementi di riconoscimento. Verso la fine degli anni Trenta il giallo classico entra in crisi per vari motivi e si diffonde un genere poliziesco, costruito sugli ingredienti del ricatto, della sopraffazione, dell azione violenta; infatti l indagine non è più legata ad un ambiente limitato e ad una ristretta cerchia di persone, e quindi non basta la semplice deduzione per risolvere l enigma. In America si afferma il genere hard-boiled, nel quale la spietatezza del racconto fa esplodere nelle azioni delittuose le angosciose tensioni della violenza metropolitana. L investigatore è un detective privato, un professionista, moralmente meno scrupoloso delle figure precedenti e disposto ad usare la violenza contro la violenza; e nuove figure narrative prendono il posto della spalla ; il linguaggio è crudo. L iniziatore di questo genere è Dashiell Hammet ( ), che con il romanzo capolavoro The maltese falcon ( Il falcone maltese,1929) crea il personaggio di Sam Spade, un impasto di cinismo e sentimento. Diretto continuatore dell Hammett fu Raymond Chandler ( ), autore delle storie con Philip Marlowe, investigatore privato apparso per la prima volta nel romanzo The big sleep ( Il grande sonno, 1939). Marlowe ottenne un così grande successo che il suo autore gli dovette creare una vera e propria biografia, com era già avvenuto per Sherlock Holmes. 17

19 Introduzione È alto, grosso, con capelli scuri e occhi marroni; veste con eleganza. Dotato di ingegno acuto e sicuro nel comportamento, è onesto e altruista, ma insoddisfatto, squattrinato e triste per non poter cambiare un mondo dominato dalla disonestà. Nei romanzi polizieschi dell americano Rex Stout ( ) il personaggio dell investigatore è prevalente. Il suo Nero Wolf è un oriundo montenegrino che vive a New York in modo appartato, è misogino, alieno dall automobile e dalla televisione, si concentra sui piaceri della tavola (infatti è grasso) e sulla coltivazione delle orchidee. Nello svolgimento delle indagini, che accetta non per danaro, ma solo se gli interessano, ha un ruolo squisitamente intellettuale, rifuggendo dall intervento diretto, mentre il ruolo più dinamico è affidato ad Archie Goodwin, inseparabile collaboratore, più che una semplice spalla, che diversamente da Wolf è un playboy e ama i vantaggi della società consumistica. I romanzi migliori sono: Fer-de Lance ( La traccia del serpente, 1934) e Gambit ( Scacco al re per Nero Wolf, 1962). Erle Stanley Gardner ( ), noto avvocato penalista americano, divenne uno scrittore di successo creando una figura nuova di investigatore, il personaggio di Perry Mason, e dando inizio al filone del legal thriller. Perry Mason è un abile avvocato penalista, che ha il suo ufficio legale all incrocio tra la Settima Strada e la Brodway, a Los Angeles, e scioglie gli enigmi all interno del tribunale. Intraprendente e disposto a tutto pur di far assolvere il suo cliente, ha una segretaria bella e intelligente, Della Street, e si fa aiutare nelle indagini da un agenzia privata, quella del suo amico Paul Drake. Gardner fu un autore molto fecondo e, nell arco di più di quarant anni, scrisse numerosi romanzi con protagonista Perry Mason, il quale approdando al cinema e alla televisione è diventato un personaggio cult per generazioni di spettatori. Dagli anni Sessanta-Settanta la produzione gialla continua seguendo le varie tradizioni (il mystery, il suspense, il thriller, l hard-boiled) e progressivamente si afferma un nuovo genere: il police procedural, che segue i procedimenti della polizia ed ha come investigatore un poliziotto di professione o un altro funzionario. Una sua variante è il giallo giudiziario, ispirato agli aspetti legali dell inchiesta o del dibattimento. 18

20 Gli ingredienti del romanzo (o racconto) poliziesco Gli elementi che entrano nella composizione di un romanzo poliziesco sono quelli comuni a ogni genere narrativo: l intreccio, la capacità di coinvolgere il lettore, la caratterizzazione dei personaggi, l ambientazione, la lingua e lo stile. L INTRECCIO Il romanzo poliziesco classico ha una struttura ad intreccio, che comprende alcuni elementi costanti: a) il preludio (non sempre presente), che fa da introduzione, atto a creare un atmosfera carica di angoscia, in cui si svilupperà il delitto, o, al contrario, tranquilla per ottenere un effetto di contrasto con quel che accadrà dopo; b) l enigma: l evento criminoso, misterioso e interessante, apparentemente inspiegabile, che rappresenta una rottura dell equilibrio e che si presenta già all inizio in modo esplicito; c) l indagine: l analisi dei fatti svolta con razionalità, immaginazione e determinazione da un investigatore privato, dalla polizia o da altro personaggio, che basandosi su indizi, informazioni, segnali si impegna a sciogliere l enigma fornendo una spiegazione degli avvenimenti; d) la soluzione: la conclusione a cui perviene l indagine con l individuazione del colpevole; e) la dimostrazione della colpevolezza: la spiegazione logica che dagli indizi riconosciuti come prove permette di ricostruire in modo inconfutabile l ordine degli eventi portando al trionfo della giustizia. 19

21 Giallisti italiani Il vasetto di marmellata di Danila Camastri Montanari... Pag. 111 Esercizi...» 124 Il tassista, il poliziotto e il mostro di Carlo Lucarelli...» 131 Esercizi...»

22 labirinti collana di narrativa Leggere per conoscere nuovi mondi e per riflettere su cose già conosciute. Leggere per perdersi nei labirinti dell immaginazione e, attraverso la finzione letteraria, capire i problemi del mondo che ci circonda. Leggere per sentirsi convinti che ogni libro degno di questo nome rappresenta una concentrazione, un compendio e una forte semplificazione di cose complicate. (H. Hesse) pe r la scuola media io leggo... giallo io leggo... giallo Un viaggio nella letteratura poliziesca, attraverso autori classici (Poe, Conan Doyle, Agatha Christie) e contemporanei (Camilleri, Comastri Montanari, Lucarelli), per scoprire le tecniche con cui si costruisce il racconto giallo: l intreccio, l ambientazione, il coinvolgimento del lettore, la suspense. Seguendo le indagini di Sherlock Holmes, di Miss Marple o del commissario Montalbano, il giovane lettore non solo si appassiona alla storia, ma viene stimolato a un lavoro di scrittura creativa. La struttura e la varietà degli apparati didattici, infatti, mettendo alla prova le capacità di comprensione logica, di osservazione e di memoria mediante l analisi dei numerosi testi proposti, consentono di avvicinarsi alle modalità proprie del genere poliziesco e di assimilarne i modelli, per cimentarsi poi nella stesura di un racconto.

Il racconto poliziesco o Giallo

Il racconto poliziesco o Giallo Il racconto poliziesco o Giallo deve il suo nome, almeno in Italia, a una famosa collana dell editore Arnoldo Mondadori. Nel lontano 1929, infatti, Mondadori diede vita a una collana con la copertina gialla,

Dettagli

Alessandro Perissinotto. Le trame del poliziesco

Alessandro Perissinotto. Le trame del poliziesco Alessandro Perissinotto Le trame del poliziesco Il programma narrativo Ogni programma narrativo è, in ultima analisi, riassumibile come segue: 1. INIZIO: vi è un soggetto disgiunto da un oggetto di valore

Dettagli

Mistero e poliziesco. Invito. genere. Con «letteratura di intrattenimento» si indica un genere letterario il cui scopo AL GENERE

Mistero e poliziesco. Invito. genere. Con «letteratura di intrattenimento» si indica un genere letterario il cui scopo AL GENERE Invito INVITO al AL GENERE genere Torna indietro Il concetto di identità. Impronta umana con codice a barre. (Foto D.I. Popescu/Shutterstock) Mistero e poliziesco Società di massa. Viene così definita

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005

Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 Dario Fo Struttura per la veggente 15 luglio 2005 L indovina racconta come da psichiatra abbia scelto di diventare veggente: un modo straordinario per aver successo e quattrini. Organizza e apre uno studio

Dettagli

FABIO GIOVANNINI Il noir contemporaneo e la tradizione

FABIO GIOVANNINI Il noir contemporaneo e la tradizione FABIO GIOVANNINI Il noir contemporaneo e la tradizione Sono costretto a partire dalla questione della definizione di noir perché è un problema centrale - lo segnalavamo già lo scorso anno nel primo convegno

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA

LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA LABORATORIO TEATRALE PER LA SCUOLA ELEMENTARE E SCUOLA DELL INFANZIA PROGETTO: LA FIABA L obbiettivo di questo laboratorio è quello di rielaborare ed interpretare un antica fiaba usando i significati profondi

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

La nascita di un corto

La nascita di un corto La nascita di un corto Short Animated Movie in 3D Short: breve, dai 30 ai 5 minuti. Perché? Che vincoli impone all artista? Animated Movie: le scene non sono reali, né realistiche. Spezzoni di filmato

Dettagli

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1

X edizione de I Colloqui Fiorentini Nihil Alienum Alessandro Manzoni Sentir, riprese, e meditar. Intervista Raffaele Cavalluzzi 1 XedizionedeIColloquiFiorentini NihilAlienum AlessandroManzoni Sentir,riprese,emeditar IntervistaRaffaeleCavalluzzi 1 ValerioCapasa:«Sentiremeditar»puòsintetizzarel approcciodimanzoniallarealtàsottoilvigilesostegnodella

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni. Prof.ssa Maria Grazia Massari

Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni. Prof.ssa Maria Grazia Massari Dalla Commedia dell'arte alla 'riforma' di Carlo Goldoni Prof.ssa Maria Grazia Massari La commedia dell'arte, punto di partenza della 'riforma' goldoniana Quando? La commedia "all improvviso o "dell arte"

Dettagli

Teatro del Cerchio e Teatro Aurora di Langhirano - Comunicati stampa 7 e 8 Febbraio

Teatro del Cerchio e Teatro Aurora di Langhirano - Comunicati stampa 7 e 8 Febbraio Teatro del Cerchio e Teatro Aurora di Langhirano - Comunicati stampa 7 e 8 Febbraio Comunicato del 7 febbraio 2015 - Teatro del Cerchio, via Pini 16/A (Parma) In programma per sabato 7 febbraio alle ore

Dettagli

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili

E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili POSTFAZIONE 389 390 E un grande illusionista, Cees Nooteboom, un maestro nella creazione di effetti di rispecchiamento, di eco, di rifrazione. I suoi romanzi sono abili costruzioni in cui il lettore viene

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che

E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che E uno dei pezzi più preziosi esposti al Padiglione Italia di Expo 2015. Un marmo policromo del IV secolo a.c. che rappresenta due grifoni che azzannano una cerva. Tecnicamente è un trapezophoros, un sostegno

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel?

Solo un bambino. Gabriel! Gabriel! Gabriel!... Che cosa era successo a Gabriel? Solo un bambino... Che cosa era successo a Gabriel? Era arrivato a St. Cloud con un breve destino già scritto, crudele, di orfano. Avrebbe abitato dalla zia, l anziana signora Mitchell, la vecchia maestra

Dettagli

LA RAGAZZA DELLA FOTO

LA RAGAZZA DELLA FOTO dai 9 anni LA RAGAZZA DELLA FOTO LIA LEVI Illustrazioni di Desideria Guicciardini Serie Arancio n 78 Pagine: 240 Codice: 978-88-566-3995-7 Anno di pubblicazione: 2014 L AUTRICE Lia Levi, di famiglia ebrea,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA

I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA Scuola dell Infanzia Porto Cervo 1 SEZIONE Insegnanti: Derosas Antonella, Sanna Paola I QUATTRO ELEMENTI ARIA ACQUA TERRA FUOCO SETTEMBRE: Progetto accoglienza: Tutti a scuola con i quattro elementi OTTOBRE-

Dettagli

Occasioni di scrittura Il testo e le sue caratteristiche

Occasioni di scrittura Il testo e le sue caratteristiche Occasioni di scrittura/ Occasioni di dibattito Occasioni di scrittura percorso 1 Il testo e le sue caratteristiche 1 Il testo 5 1.1 I requisiti del testo 6 La coesione testuale 6 La coerenza testuale 6

Dettagli

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare

1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare 1 Laboratorio La gabbianella e il gatto che le insegnò a volare LA GABBIANELLA E IL GATTO Messaggio: -importanza della diversità -diversità come ricchezza -rispetto dell altro -sostegno del gruppo nella

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Programmazione didattica

Programmazione didattica Programmazione didattica di italiano IN BASE AL LIVELLO LOGICO COGNITIVO ESPRESSIVO DELLA CLASSE E DEI PROCESSI INTELLETTIVI E PSICODINAMICI DELL ETÀ EVOLUTIVA, SI INDIVIDUANO: GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona)

I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) I PROMESSI SPOSI (Unità didattiche per gli studenti stranieri di recente immigrazione dell ITIS J. TORRIANI di Cremona) Unità 1 In prima e in seconda ITIS noi studiamo I PROMESSI SPOSI. Che cosa è? I Promessi

Dettagli

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO

Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO Maria Teresa Serafini COME SI LEGGE (E SCRIVE) UN RACCONTO STRUMENTI BOMPIANI 2009 RCS Libri S.p.A. Via Mecenate 91-20138 Milano I edizione Strumenti Bompiani maggio 2009 ISBN 978-88-452-5929-6 INDICE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

Conigli, anatre, topolini (e non solo...) Beatrix Potter e la sua allegra brigata di animali

Conigli, anatre, topolini (e non solo...) Beatrix Potter e la sua allegra brigata di animali Conigli, anatre, topolini (e non solo...) Beatrix Potter e la sua allegra brigata di animali dell Astrologa Martina Ènata sotto il segno del Leone una delle più amate autrici della letteratura per l infanzia:

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI

PER COMINCIARE TOCCA CON GLI OCCHI, NON CON LE MANI PER COMINCIARE CERCA LE OPERE NELLE SALE Su ogni carta trovi il disegno di un dettaglio tratto da un opera in mostra. SCOPRI NUOVE COSE sull arte e gli artisti con le domande, i giochi e gli approfondimenti

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia.

Sviluppare la capacità di utilizzare varie modalità espressive: disegno,manipolazione, scrittura creativa, poesia. 1. Macroarea progettuale 4 CREATIVITA ED ESPRESSIVITA 2. Coordinatore progetto DE MARCHI ANTONIETTA. 3. Obiettivi Sviluppare la creatività e la manualità. Potenziare lo sviluppo della motricità fine e

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LA RAGIONE E LA LIBERTÀ: LA BOTOLA APERTA SUL CIELO

LA RAGIONE E LA LIBERTÀ: LA BOTOLA APERTA SUL CIELO LA RAGIONE E LA LIBERTÀ: LA BOTOLA APERTA SUL CIELO Andrò per il mondo come una sorpresa meravigliosa Punterò la pistola alla tempia dell uomo moderno, non per ucciderlo ma per farlo rinascere alla vita.

Dettagli

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO

Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective. Cultura MATADOR MATTATÓRE STORIE DA RAGAZZI MARCO PASSARELLO PIER DOMENICO BACCALARIO Lo strano re che ha ispirato il culto di True Detective MARCO PASSARELLO La rubrica STORIE DA RAGAZZI PIER DOMENICO BACCALARIO La parola MATADOR MATTATÓRE a cura di ZANICHELLI Lo strano re che ha ispirato

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Gli operatori di Biblioteca, Centro della Cultura, Centro Giovani, Ludovilla e Museo della Bilancia

Gli operatori di Biblioteca, Centro della Cultura, Centro Giovani, Ludovilla e Museo della Bilancia CAMPOSCUOLA 2006/2007 Progetti d intervento e supporti didattici a cura della Biblioteca, del Centro della Cultura, di Ludovilla e del Museo della Bilancia del Comune di Campogalliano Si apre un nuovo

Dettagli

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti.

Indice. 7 Introduzione. 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi. 33 3 Emozioni e sentimenti. Indice 7 Introduzione 9 Guarda dentro e troverai... 13 1 Genere (tipi di storie) 22 2 Personaggi 33 3 Emozioni e sentimenti 52 4 Dimensioni 59 5 Dialoghi e suoni 68 6 Velocità 74 7 Ambientazioni 82 8 Aspetti

Dettagli

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una

La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle. scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una La biblioteca si accinge a riproporre una serie di attività rivolta alle scolaresche; lo fa dopo un periodo intenso dedicato all allestimento di una nuova sede destinata ai bambini e ai ragazzi e che ha

Dettagli

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino.

Biografia. Manuela Salvi. Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Biografia Manuela Salvi è nata nel 1975 e si è laureata in Grafica e Comunicazione presso l Isia di Urbino. Manuela Salvi Dal 2004 collabora con la Mondadori Ragazzi come copyeditor e traduttrice. La sua

Dettagli

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico

Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO Scuole dell Infanzia I.C. Igea Marina Anno scolastico 2014/2015 Modi di essere. Lo spazio matematico e lo spazio scientifico una scuola è uno spazio speciale in cui gli esseri

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

GRAFOLOGIA & PERSONALITA

GRAFOLOGIA & PERSONALITA GRAFOLOGIA & PERSONALITA a cura della Dott.ssa Marialuisa IARUSSI La scrittura è un filo nero che emerge dal bianco del foglio rivelando qualcosa di noi. La mano è lo strumento del pensiero che dirige

Dettagli

A qualcuno piace Holmes

A qualcuno piace Holmes Biblioteca San Giorgio A qualcuno piace Holmes Mostra di reperti sherlockiani dalla collezione di Gabriele Mazzoni Pistoia 18 gennaio 6 febbraio 2011 Festival del Giallo Le varie forme di espressione del

Dettagli

Gustavo Rol Il mistero

Gustavo Rol Il mistero Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) E stato uno studio personale che ho affrontato sia nel corso di apprendistato che a casa. Mi piacerebbe che altri

Dettagli

Paolo Beneventi David Conati

Paolo Beneventi David Conati Paolo Beneventi David Conati L animazione teatrale costituisce un momento molto importante della formazione di tutti, non solo dei bambini ma anche degli adulti. IMPARIAMO LE REGOLE Il teatro è soprattutto

Dettagli

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca

Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca Disegnata da Olga Minardo Scritta da Rosario Frasca C era una volta un extraterrestre, di nome Celestino, che viveva nel pianeta Oltresol, in un paese chiamato Regard. La sua vita scorreva lenta e tranquilla

Dettagli

LA REGINA MADRETERRA. Scuola dell infanzia di Podenzano

LA REGINA MADRETERRA. Scuola dell infanzia di Podenzano LA REGINA MADRETERRA Scuola dell infanzia di Podenzano AREA DI APPARTENENZA: Tutti i campi d esperienza Tutti ALUNNI DESTINATARI: IDEA E TEMA CENTRALE: Questo progetto mira a fornire ai bambini la possibilità

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte)

Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) MUSEO CIVICO BASILIO CASCELLA PESCARA LABORATORI DIDATTICI DI APPRENDIMENTO ANNO SCOLASTICO 2006/07 Ideazione, realizzazione e cura di Irene Di Ruscio (storico dell arte) Una genealogia di artisti e le

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

EDSEG CITTA DEI RAGAZZI

EDSEG CITTA DEI RAGAZZI EDSEG CITTA DEI RAGAZZI ALLIEVO CLASSE 1 2 3 4 5 A B C D ES 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 6 ES 6.1 6.2 6.3 7 È stato commesso un omicidio, ma l indiziato nega tutto. Afferma di non conoscere la vittima. Dice di

Dettagli

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia

Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Le traduzioni italiane di letteratura danese, una breve storia Prima di affrontare questa storia molto concisa delle traduzioni italiane di letteratura danese va fatta una precisazione: per letteratura

Dettagli

Biblioteca Comunale di Traversetolo Vivere la Biblioteca a.s.2012/2013 Anno 5

Biblioteca Comunale di Traversetolo Vivere la Biblioteca a.s.2012/2013 Anno 5 Biblioteca Comunale di Traversetolo Vivere la Biblioteca a.s.2012/2013 Anno 5 Laboratorio sul racconto giallo e consigli di lettura Classe I C Scuola Secondaria di 1 Manzoni Docente Veronica Ronchei Durante

Dettagli

Biblioteca comunale di Su Planu e Selargius Comune di Selargius Assessorato alla pubblica istruzione e cultura

Biblioteca comunale di Su Planu e Selargius Comune di Selargius Assessorato alla pubblica istruzione e cultura Biblioteca comunale di Su Planu e Selargius Comune di Selargius Assessorato alla pubblica istruzione e cultura La biblioteca comunale di Su Planu, sede decentrata della biblioteca centrale di Selargius

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI 2014:2015. Le nostre proposte

TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI 2014:2015. Le nostre proposte TEATRO STABILE DI INNOVAZIONE PER LE NUOVE GENERAZIONI Le nostre proposte Perché il teatro? Nella nostra società così schiacciata dall individualismo, dove la socializzazione è delegata ai mezzi virtuali,

Dettagli

Anna e Alex alle prese con i falsari

Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex alle prese con i falsari Anna e Alex sono compagni di classe e amici per la pelle. Si trovano spesso coinvolti in avventure mozzafiato: insieme, ne hanno viste delle belle. Sono proprio due

Dettagli

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903)

SIMBOLISMO Paul Gauguin (1848-1903) Scuola Secondaria di I grado Pio X Artigianelli Firenze Arte e Immagine Prof. Fortunato Rao La pittura deve suggerire più che descrivere, come invero fa la musica. (Paul Gauguin) SIMBOLISMO Paul Gauguin

Dettagli

Alice e gli specchi delle meraviglie Riflessi bizzarri di immagini, numeri e parole dal 4 aprile al 14 giugno 4 edizione

Alice e gli specchi delle meraviglie Riflessi bizzarri di immagini, numeri e parole dal 4 aprile al 14 giugno 4 edizione Alice e gli specchi delle meraviglie Riflessi bizzarri di immagini, numeri e parole dal 4 aprile al 14 giugno 4 edizione Scheda di recensione e analisi critica dell opera Alice nel Paese delle Meraviglie

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Lettera alle Mamme_Layout 1 11/09/2015 17:10 Pagina 1 Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Priority mom Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Cosa posso fare per interrompere subito la violenza? rivolgiti alle Forze dell Ordine o al Servizio Sociale più vicino chiedi aiuto al Centro

Dettagli

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini?

Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Tribunale per i Minorenni dell Emilia Romagna Se chiedo aiuto mi porteranno via i bambini? Dialogo con le mamme che subiscono violenza in famiglia per conoscere l intervento della giustizia minorile Indice:

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole

Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Un incontro significativo con l autore: motivazioni e obiettivi fondamentali per la realizzazione di un progetto di lettura per le scuole Mi presento Mi chiamo Lisa Cappellazzo, ho 35 anni e son un insegnante

Dettagli

Follow me into the nature.seguimi nella natura

Follow me into the nature.seguimi nella natura Follow me into the nature.seguimi nella natura PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE ANNO 2014-2015 INFANZIA 1 PERCORSI DIDATTICI PROPOSTI CONOSCERE LA NATURA E L AMBIENTE: AMICO ALBERO IL MERAVIGLIOSO MONDO

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Il postino di Neruda: metafore in divenire

Il postino di Neruda: metafore in divenire Il postino di Neruda: metafore in divenire di Katya Maugeri - 02, feb, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-postino-di-neruda-metafore-in-divenire/ Il postino di Neruda: metafore in divenire Stile10 Contenuti10

Dettagli

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE

PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE PROPOSTA SCUOLE PRIMARIE La Macchina del Tempo Il progetto ideato e realizzato da L Asino d Oro Associazione Culturale per le scuole primarie, dal titolo La Macchina del Tempo, si propone come uno strumento

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE

COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE Conversazioni e consigli di dieci famiglie italiane Disegni di Alfredo Pompilio Dellisanti MARTINO CARRIERI COME ARRIVARE DI NUOVO A FINE MESE (Conversazioni

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno.

I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. I Disturbi Specifici di Apprendimento Forse non tutti sanno. La dislessia sembra essere un tema molto recente ed attuale; in realtà la dislessia probabilmente è sempre esistita e in letteratura, nel corso

Dettagli

Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte?

Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte? Questa non è una pipa: l'assurdo e il sogno di René Magritte? René Magritte (1898-1967) Nasce in Belgio da una famiglia piccolo borghese e perde la madre (in circostanze misteriose) all'età di soli 13

Dettagli

FIABE, FAVOLE E FANTASIA

FIABE, FAVOLE E FANTASIA SCUOLA DELL INFANZIA SACRO CUORE DI NOVARA LABORATORIO DI STORIE FIABE, FAVOLE E FANTASIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONE COCCINELLE (BAMBINI DI 4 ANNI) INSEGNANTE: BRUGNONE MARIA Il progetto laboratoriale

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

La vera libertà sessuale non ha effetti collaterali

La vera libertà sessuale non ha effetti collaterali La vera libertà sessuale non ha effetti collaterali Alle donne piace scegliere un uomo, essere guardate, toccare i propri seni e quelli delle altre, levarsi i maschi di torno, baciare una ragazza, fare

Dettagli

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime

Accoglienza. laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Accoglienza laboratorio per l affiatamento di gruppo rivolto alle classi prime Obiettivi generali affiatare il gruppo-classe recentemente formatosi stimolare e facilitare le relazioni superare le resistenze

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

MALEVIČ PER LA SCUOLA

MALEVIČ PER LA SCUOLA MALEVIČ PER LA SCUOLA KazimirMalevič nasce a Kiev nel 1878, e nel 1915 il suo Quadrato nero su fondo bianco che vede quest anno il centenario - è stato identificato come l icona del nostro tempo dal suo

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli