PROF. MATTIA LETTIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROF. MATTIA LETTIERI"

Transcript

1 LA POLITICA MONETARIA PROF. MATTIA LETTIERI

2 Indice 1 GLI OBIETTIVI DELLA POLITICA MONETARIA I MECCANISMI DI TRASMISSIONE DELLA POLITICA MONETARIA LA POLITICA DI STABILIZZAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE L ESPERIENZA ITALIANA LA POLITICA MONETARIA PER I KEYNESIANI E PER I MONETARISTI GLI STRUMENTI DELLA POLITICA MONETARIA I CANALI DI TRASMISSIONE EFFICACIA DELLE POLITICHE MONETARIE di 18

3 1 Gli obiettivi della politica monetaria e creditizia è, insieme alla politica fiscale, una componente importantissima della politica economica. L intervento dello Stato nell economia mediante la spesa pubblica e il prelievo tributario è la cosiddetta politica fiscale, ma non è l unico tipo di intervento possibile perché vi sono anche strumenti di tipo monetario che servono a orientare le scelte private, che danno luogo a quella che si chiama la politica monetaria. Lo strumento tipico di politica monetaria è la variazione dell offerta di moneta. Quando la moneta aumenta, ad esempio, l offerta di credito aumenta e il tasso di interesse si riduce. La riduzione del tasso di interesse provoca un aumento degli investimenti che gli imprenditori vorranno realizzare. L aumento degli investimenti provoca un aumento del valore di equilibrio del reddito nazionale. Perciò, una variazione dell offerta di moneta e di credito consente alle autorità monetarie di influire sul valore di equilibrio del reddito in modo da favorire la piena utilizzazione delle risorse. si intreccia con la politica fiscale, perché la variazione dell offerta di moneta, che è un atto di politica monetaria, si accompagna con la variazione della spesa pubblica, che è un atto di politica fiscale. Per poter valutare gli effetti di un aumento dell offerta di moneta che serve a finanziare un deficit di bilancio bisogna, perciò, esaminare al contempo gli effetti di un aumento della spesa pubblica e quelli di un aumento dell offerta di moneta. Spesso risulta difficile distinguere se una misura di politica economica rientra nella politica fiscale o in quella monetaria. Si è soliti operare la distinzione sulla base di due diversi criteri: in basa alle autorità che prendono la decisione o in base ai mercati che da tale decisione sono influenzati. Secondo la definizione di Hansen, la politica fiscale comprende ogni transazione governativa in tema di tasse, imposte, spesa pubblica che influenzi l ammontare del debito pubblico ma non la sua composizione. Di conseguenza, è un atto di politica monetaria ogni decisione che riguardi la composizione del debito pubblico ma non il livello del suo ammontare. 3 di 18

4 deve tener conto di obiettivi ugualmente desiderabili ma, spesso, fra loro contrastanti. I principali obiettivi cui la politica monetaria si rivolge sono: La crescita dell attività economica ed il contenimento delle sue fluttuazioni. Ciò si sostanzia nel sostegno alla produzione per limitare la disoccupazione; La stabilità monetaria, ovvero la difesa del potere di acquisto della moneta ed il contenimento della crescita dei prezzi; L equilibrio nei conti con l estero, soprattutto per quanto riguarda la stabilità del cambio; La crescita del capitale reale, conseguente ad un elevato saggio di investimenti. Oltre a questi obiettivi la politica monetaria può perseguire altri obiettivi più specifici, quali una migliore efficienza dei mercati e degli intermediari finanziari, uno sviluppo della struttura creditizia capace di assicurare stabilità al sistema e prevenire crisi bancarie, un ottimale allocazione del risparmio. Tali obiettivi sono configgenti: perseguire la piena occupazione comporta quasi sempre pericoli inflazionistici e non sempre l equilibrio della bilancia dei pagamenti è, almeno nel breve periodo, compatibile con la stabilità dei prezzi e la crescita del sistema economico. Di qui la necessità che i policy makers esplicitino le proprie preferenze e che i tecnici scelgano gli strumenti più appropriati. La scelta fra i diversi strumenti a disposizione viene diversamente valutata dalle varie scuole economiche. 4 di 18

5 2 I meccanismi di trasmissione della politica monetaria Possiamo ora comprendere come la politica monetaria contribuisce a modificare il reddito nazionale. Secondo Keynes, sul mercato monetario si determina il saggio di interesse i. Il saggio di interesse è essenziale per determinare il livello degli investimenti privati I. Infatti, più è alto il tasso di interesse, meno imprenditori potranno prendere capitali a prestito dal settore bancario. Se invece il tasso di interesse è basso, un numero più alto di imprenditori potrà chiedere prestiti alle banche ed effettuare nuovi investimenti I. Gli investimenti privati I, così come i consumi aggregati C e la spesa pubblica G, sono componenti della domanda aggregata (C + I + G), quindi, un loro aumento ha un effetto espansivo sul reddito nazionale, effetto accresciuto grazie al meccanismo del moltiplicatore. Così se la Banca Centrale vuole incrementare il reddito nazionale, politica monetaria espansiva, dovrà aumentare l offerta di moneta M s. Tale decisione comporterà le seguenti conseguenze: aumento offerta di moneta (M s ), diminuzione saggio di interesse (i), aumento investimenti privati (I), aumento delle vendite delle imprese (Y = 1/1-c (C + I + G)), aumento del consumo aggregato (C + I + G). Quindi, un aumento dell offerta di moneta ha tanta più efficacia quanto più essa è in grado di ridurre il tasso di interesse e quanto più la riduzione del tasso di interesse stimola gli investimenti. La differenza fra politica di bilancio e politica monetaria consiste in: La politica di bilancio agisce direttamente sulla domanda aggregata grazie alle variazioni della spesa pubblica G. Tali variazioni si ripercuotono sul reddito nazionale in misura amplificata grazie al meccanismo del moltiplicatore; 5 di 18

6 , invece, agisce sulla domanda aggregata solo in forma indiretta, attraverso le variazione indotte dal saggio di interesse i sugli investimenti privati I. Rispetto alla politica di bilancio il percorso è più tortuoso poiché prevede un numero maggiore di passaggi. Se il sistema economico è caratterizzato da una situazione di trappola della liquidità, la politica monetaria è inefficace, infatti, non essendo in grado di abbassare il tasso di interesse, essa non potrà influenzare gli investimenti e il reddito. In questa situazione solo la politica di bilancio, aumento della spesa pubblica, di munizione delle imposte, potrà elevare il reddito nazionale di equilibrio. L efficacia della politica monetaria dipende da: La flessibilità del tasso di interesse, che è tanto maggiore quanto meno elastica è la curva della preferenza per la liquidità; L elasticità della curva dell efficienza marginale del capitale. 6 di 18

7 3 La politica di stabilizzazione dei tassi di interesse Una politica di tipo Keynesiano è quella che tende a stabilizzare i tassi di interesse e, con essi, i prezzi delle obbligazioni. La politica consiste nel fare continue operazioni di mercato aperto nella misura necessaria a mantenere costanti i tassi di interesse. Consiste, quindi, nella vendita di obbligazioni da parte delle autorità monetarie quando il prezzo di esse sale e nell acquisto di obbligazioni quando il mercato tende al ribasso. Supponiamo ad esempio, che vi sia un aumento della domanda globale di merci che faccia aumentare la produzione e con essa la domanda di moneta. Se l offerta di moneta fosse mantenuta costante, questo aumento della domanda di moneta farebbe aumentare il tasso di interesse, perché imprese e famiglie sarebbero indotte a vendere titoli allo scopo di procurarsi le disponibilità monetarie desiderate. In questo caso, il Tesoro o la Banca Centrale, se vogliono contrastare l aumento dei tassi di interesse, devono fare operazioni di mercato aperto, acquistando titoli e fornendo in cambio la moneta di cui il sistema ha bisogno. La conseguenza di questa politica è che l offerta di moneta diventa endogena, perché, se si vuol evitare ogni aumento del tasso di interesse, l offerta di moneta deve variare nello stesso ammontare in cui varia la domanda di moneta. In questo modo, l offerta di moneta sfugge al controllo delle autorità monetarie e viene ad essere determinata esclusivamente dalla domanda: ad ogni tasso di interesse, quale che sia la domanda di moneta, l offerta di moneta si deve adattare passivamente ad essa. La politica della stabilizzazione dei tassi di interesse è una politica di tipo opposto a quella suggerita dai monetaristi, perché nel caso le autorità monetarie rinunciano ad ogni controllo sull offerta di moneta, che diventa endogena, e rinunciano così a controllare sia il livello del reddito che il livello dei prezzi tramite il controllo della base monetaria. Quindi, una politica di stabilizzazione dei tassi di interesse è per sua natura una politica monetaria accomodante, una politica cioè che adatta l offerta di moneta alla domanda di essa. Una politica accomodante elimina lo spiazzamento e rende, quindi, più efficace la politica fiscale. 7 di 18

8 Quando la politica monetaria è accomodante il moltiplicatore della spesa pubblica e della tassazione esplica appieno i suoi effetti. Il saggio di interesse sale quando il prezzo dei titoli scende, e viceversa, ed è in equilibrio quando domanda e offerta di titoli sono eguali. Se la Banca D Italia, ad esempio, vuole stabilizzare il prezzo dei titoli, evitando che salga o scenda al di là di certi valori, deve vendere, senza limiti, titoli quando il loro prezzo sale ad un certo livello, e deve comprare titoli quando il loro prezzo scende al livello più basso che si vuol consentire. Ma in tal caso l offerta di titoli sarà data dall offerta del pubblico più quella della Banca. La Banca d Italia è disposta a vendere tanti titoli quanti ne occorrono per stabilizzare il tasso di interesse, ovvero tanti titoli quanti ne sono domandati, ed è tendenzialmente infinita, o infinitamente elastica rispetto al tasso di interesse, perché l offerta di titoli da parte della Banca Centrale aumenta illimitatamente quando il tasso di interesse tende anche solo un poco a diminuire. La domanda di titoli sarà data dalla domanda del pubblico più quella della Banca e la curva della domanda complessiva di titoli risulterà anch essa una spezzata. Ma, se il prezzo dei titoli ha un limite massimo e un limite minimo, anche il tasso di interesse potrà oscillare solo all interno di una fascia e non potrà salire al di sopra o scendere al di sotto dei limiti stabiliti. 8 di 18

9 3.1 L esperienza italiana In Italia si è avuta una politica di stabilizzazione dei tassi di interesse per buona parte degli anni 60 e. in particolare, nel periodo e poi dal 1971 al Dal 1958 al 1969 la Banca d Italia ha fatto operazioni di risconto e di anticipazione con il sistema bancario senza ricorrere a variazioni dei tassi di interesse, a differenza di quel che accadeva in altri paesi. Solo dal 1969, ovvero da quando i mercati finanziari internazionali hanno manifestato una fortissima instabilità, che la Banca d Italia ha preso a manovrare sistematicamente il tasso ufficiale di sconto. La vera e propria politica di stabilizzazione dei tassi cominciò nella prima metà del 1996, quando la Banca d Italia decise di diventare acquirente o venditrice di una serie di titoli pubblici, teoricamente per una quantità illimitata, a prezzi prefissati. Lo scopo della politica fu quello di tenere basso il costo del finanziamento degli investimenti e del debito pubblico, favorendo l acquisto di titoli sia da parte delle banche sia da parte del pubblico, perché si pensava che la stabilizzazione del prezzo dei titoli ne avrebbe reso più facile la vendita, senza perdite in caso di necessità di vendite improvvise, e li avrebbe resi più appetibili. La politica di stabilizzazione dei tassi è durata in Italia dal 1966 al 1969 ad ha avuto, a quanto è sembrato, molto successo, perché la stabilizzazione del prezzo dei titoli si estese anche a titoli non oggetto di transazioni da parte della Banca d Italia e nel periodo si ebbe un forte aumento della domanda di titoli, sia da parte delle banche sia da parte delle famiglie, tanto che la Banca d Italia, anziché compratrice di titoli, divenne venditrice netta di essi. La politica di stabilizzazione dei tassi è ritenuta inflazionistica dai monetaristi, perché essa tende a tenere basso il tasso di interesse mediante emissione di moneta, per acquistare titoli. In Italia in quegli anni, però, non sembra che sia stato questo il caso, perché la stabilizzazione dei corsi stimolò la domanda di titoli da parte delle famiglie e delle aziende di credito al punto tale che la Banca d Italia, invece, di comprare, al netto, titoli li vendette. Una politica di stabilizzazione dei corsi dei titoli può essere inflazionistica solo quando dà luogo ad un aumento del rapporto moneta-obbligazioni, e se è vero che nel caso italiano nel periodo in esame il rapporto in questione è diminuito, se ne deduce che la politica di stabilizzazione dei tassi di interesse in Italia non è stata affatto inflazionistica. 9 di 18

10 Un altro caso di stabilizzazione dei tassi di interesse si ha quando il governo emette titoli dallo Stato in pubblica sottoscrizione imponendo alla Banca Centrale di acquistare tutti i titoli che non riesce a collocare sul mercato. In questo caso il tasso di interesse sui titoli dello Stato avrà un limite superiore al di sopra del quale non può salire. In Italia un sistema del genere di aste di titoli pubblici è stato in vigore a partire dal 1975, quando fu modificata la tecnica di emissione dei BOT precedentemente in vigore. Con la riforma del 1975, infatti, furono autorizzati a partecipare all asta dei BOT, oltre alle aziende di credito, anche altri operatori, e tra essi la Banca d Italia. A quest ultima fu dato un ruolo attivo nelle aste, allo scopo di far sì che la sua miglior conoscenza della situazione del mercato e le sue opinioni sulla politica monetaria da perseguire potessero influenzare il prezzo di aggiudicazione dei titoli. Ma l offerta di BOT fu tenuta alta, al di sopra della quantità che il mercato avrebbe presumibilmente assorbito. Poiché la Banca d Italia si era impegnata a comprare tutti i BOT che non si riuscivano a collocare presso le famiglie, le imprese e le banche, in tal modo si venne di fatto a fissare un limite massimo al tasso d interesse. 10 di 18

11 4 per i Keynesiani e per i monetaristi Facendo riferimento all efficacia di una politica monetaria, per i neoclassici il sistema economico è sempre in equilibrio ed il reddito è sempre un reddito di piena occupazione, una politica monetaria espansiva, che aumenti l offerta di moneta, provocherà semplicemente un aumento dei prezzi. Infatti, se vale l equazione quantitativa MV = PQ un aumento di M a parità di V e Q, che è costante perché indica il reddito di piena occupazione, si scaricherà su P, provocando inflazione. Per i Keynesiani, invece, un aumento dell offerta di moneta provocherà un aumento della domanda di titoli e, di conseguenza, della loro quotazione. Però, poiché la quotazione di un titolo è inversamente proporzionale al suo rendimento, ovvero al tasso di interesse, ne deriva che il saggio di interesse cadrà. Questo stimolerà gli investimenti, cioè la domanda globale, e grazie all effetto moltiplicatore si avrà un reddito più alto. In una situazione di trappola della liquidità, però, tale processo non avverrà poiché l aumento dell offerta di moneta andrà ad aumentare le scorte monetarie degli operatori. Occorrerà, quindi, ricorrere alla politica fiscale, attraverso l aumento della spesa pubblica. Le idee principali su cui il monetarismo si incentra sono poche ma tutte di vasta portata. La prima di queste idee parte da una critica al cosiddetto meccanismo di trasmissione degli impulsi monetari descritto dalla teoria Keynesiana e suggerisce un allargamento della prospettiva. Per la teoria Keynesiana un aumento dell offerta di moneta può trasmettere un impulso espansivo al sistema solo attraverso la riduzione del tasso di interesse che esso provoca e il conseguente aumento degli investimenti. Secondo la teoria Keynesiana un aumento dell offerta di moneta può avere effetti rilevanti sul tasso di interesse solo se la domanda di moneta è poco elastica e una diminuzione del tasso di interesse può avere effetti rilevanti sulla domanda globale solo se la funzione dell efficienza marginale del capitale è molto elastica. Poiché i Keynesiani ritengono che la curva di moneta sia molto elastica rispetto al tasso di interesse e la curva dell efficienza marginale del capitale sia poco elastica rispetto al tasso di interesse, il meccanismo di trasmissione per un Keynesiano è tale che un aumento dell offerta di moneta non può avere effetti rilevanti sul livello di attività e sul livello dei prezzi. 11 di 18

12 Questa descrizione è giudicata dai monetaristi poco convincente, poiché, per i monetaristi, la domanda di moneta non è molto sensibile alle variazioni del tasso di interesse e che gli investimenti crescono in modo apprezzabile quando il saggio di interesse si riduce. Ma questa è solo una critica di tipo empirico al modello Keynesiano. La seconda idea-chiave del monetarismo è la convinzione che la moneta non è uno stretto sostituto delle altre attività finanziarie. La moneta, dai monetaristi, viene considerata un bene con caratteristiche tali che la rendono un sostituto non duna classe di beni ad essa simili, ma di tutte le attività patrimoniali, reali o finanziarie. Secondo i Keynesiani un aumento dell offerta di moneta, riducendone il prezzo, dà luogo ad una sostituzione tra moneta e titoli, mentre secondo i monetaristi l aumento dell offerta di moneta provoca un ampia sostituzione tra moneta e attività patrimoniali di ogni genere, comprese le attività non finanziarie, come i beni di consumo durevoli. Quindi, secondo i monetaristi, la riduzione dell offerta di moneta dovrebbe dar luogo ad una riduzione proporzionale della spesa nel mercato delle merci e darebbe luogo quindi ad una riduzione del livello generale dei prezzi. I Keynesiani, inoltre, sostengono che ogni qual volta un individuo ha più moneta di quanta ne desideri tenderà a sostituire moneta solo con attività finanziarie, mentre i monetaristi sostengono che in tal caso vi sarà una sostituzione di moneta con beni patrimoniali di ogni genere, finanziari e reali. Si può concludere affermando che la politica fiscale è considerata dai Keynesiani lo strumento più adeguato per stabilizzare il livello del reddito a favorire la piena occupazione, mentre alla politica monetaria danno poco peso, poiché pensano che sia poco efficace. I monetaristi, all opposto, credono nella validità della teoria quantitativa della moneta, ovvero, credono che il livello dei prezzi sia determinato soprattutto dalla quantità di moneta in circolazione. Quanto alla politica fiscale, invece, per i monetaristi essa è di scarsa efficacia nel determinare il livello del reddito perché essa non fa altro che sostituire in gran parte la spesa pubblica alla spesa privata. 12 di 18

13 5 Gli strumenti della politica monetaria Per strumenti della politica monetaria devono intendersi quelle variabili economiche sotto il diretto controllo della Banca Centrale e che possono essere manovrate tempestivamente per il raggiungimento degli obiettivi dell azione monetaria. In genere, gli strumenti sono costituiti da: Base monetaria: tramite il controllo dell offerta di base monetaria la Banca Centrale regola anche la crescita dei depositi bancari, grazie al meccanismo del moltiplicatore monetario; I tassi di interesse del mercato monetario: tra questi assumono particolare rilevanza il tasso pronti contro termine e il tasso di sconto; I controlli diretti o amministrativi sui flussi finanziari: spesso temporanei, tali controlli cono stati comunque sempre meno utilizzati nel corso dell ultimo decennio in ragione della progressiva deregulation del sistema. Ora, esamineremo come i singoli strumenti vengono manovrati. La base monetaria. Il volume dei depositi bancari dipende dal volume della base monetaria e dal coefficiente di riserva obbligatoria. Dunque, il controllo della base monetaria implica quello del credito e dei depositi bancari e influenza tutti gli altri mercati monetari e finanziari. Dopo il 1993, in Italia, con il divieto per il Tesoro di ricevere anticipazioni dalla Banca Centrale, il controllo della componente interna della base monetaria, ovvero quella non derivante da un surplus della bilancia dei pagamenti, avviene tramite le operazioni di mercato aperto e le variazioni della riserva obbligatoria. Le operazioni di mercato aperto consistono nell acquisto o nella vendita di titoli di Stato. Se la Banca Centrale vuole immettere liquidità nel sistema essa acquisterà titoli, mentre, se l obiettivo è quello di diminuire la base monetaria, la Banca venderà titoli. Tramite le variazioni del coefficiente di riserva obbligatoria la Banca Centrale ha un controllo completo dell offerta di moneta anche in un sistema in cui gran parte della moneta è 13 di 18

14 costituita da moneta bancaria. Ad un coefficiente più elevato corrisponderà un moltiplicatore dei depositi più piccolo, cosicché minore sarà l ammontare dei depositi bancari conseguente ad una variazione della base monetaria. I tassi di interesse del mercato monetario. Si è soliti attribuire un particolare valore al tasso di sconto, cioè al tasso di sconto praticato dalla Banca Centrale sui propri risconti, sconti di titoli fatti alle banche ordinarie. Infatti, in ogni Paese alla Banca Centrale compete la funzione di lender of last resort (prestatore d ultima istanza) e ad essa ricorrono le banche ordinarie per fronteggiare squilibri temporanei di cassa. Il tasso praticato dalla Banca Centrale per il risconto di cambiali, così come quello praticato sulle anticipazioni, è stato per lungo tempo considerato un importante strumento di politica monetaria. Infatti, il maggior, minor, costo del ricorso al credito di ultima istanza comporta per le banche ordinarie la necessità di aumentare, diminuire, il tasso praticato ai propri clienti. La manovra del tasso di sconto ha, però, oggi un importanza molto minore. Questo perché i tassi bancari possono essere molto vischiosi e perché non sempre le banche sono costrette a ricorrere al credito della Banca Centrale. Molto più rilevante, invece, è la funzione di annuncio che la variazione del tasso di sconto comporta. Essa, infatti, orienta le aspettative degli operatori sull andamento futuro dei tassi di mercato, con ciò accelerando l adeguamento di questi ultimi. Per questo motivo, più che per il maggior o minor rischio di illiquidità per le banche, un aumento o una diluizione del tasso di sconto comporta l adozione di una politica monetaria restrittiva o espansiva. Ben più rilevante, per effettivo controllo dell offerta di moneta, risultano essere le variazioni dei tassi sulle operazioni pronti contro termine. Con queste operazioni la Banca Centrale disciplina la liquidità a breve e brevissimo termine delle banche ed il tasso applicato, pur non potendosi discostare di molto da quello di mercato, è comunque influenzato dalla Banca Centrale. Tale tasso, a sua volta, ha ripercussioni sui tassi a brevissimo termine del mercato monetario e sulla scelta delle banche tra prestiti e titoli pubblici. 14 di 18

15 I controlli diretti sui flussi finanziari. Rispetto al controllo della base monetaria ed alle variazioni dei saggi di interesse, i controlli amministrativi del credito presentano il vantaggio di una applicabilità più diretta, non immediata dal mercato. Però, nel lungo periodo essi possono provocare effetti discorsivi sull ottimale allocazione delle risorse finanziarie. Con il controllo diretto le autorità monetarie impongono vincoli o regole di comportamento agli intermediari finanziari, al fine di regolare il volume globale del credito o per tentare di correggere un imperfetto funzionamento del mercato finanziario. In Italia sono stati adottati due tipi di controllo del credito: il massimale sui prestiti bancari, che ha posto un limite all espansione degli impieghi bancari; il vincolo di portafoglio, con cui si obbligavano le banche ad acquistare una quantità minima di titoli, nella fattispecie quelli emessi dagli Istituti di Credito Speciale. Il primo strumento fu introdotto dalla Banca d Italia nel 1973 ed eliminato dieci anni dopo. Successivamente si è fatto ancora temporaneamente ricorso ad esso in due situazioni di congiuntura difficile per il mercato valutario. Il vincolo di portafoglio, invece, fu introdotto sempre nel 1973 e poi progressivamente attutito fino alla sua definitiva soppressione nel Un efficacia immediata e pericolo di effetti discorsivi hanno anche i provvedimenti adottati dalle autorità monetarie e tesi al controllo dei movimenti di capitali. In questo caso, fine ultimo è quello di preservare l equilibrio della bilancia dei pagamenti attraverso l imposizione di determinati comportamenti, quali l obbligo di un deposito vincolato infruttifero sull acquisizione di attività estere o il divieto di acquisto di attività estere a breve termine, o attraverso l utilizzo di incentivi o disincentivi. Dopo un periodo di forti restrizioni negli anni Settanta, dovuto alle crisi energetiche ed alle turbolenze valutarie seguite all abbandono della convertibilità in oro del dollaro, gli anni Ottanta hanno visto un impetuoso processo di deregulation, agevolato anche dalla sempre maggiore integrazione del nostro mercato finanziario con quelli degli altri Stati membri della Comunità Europea in vista dell Unione Economica e Monetaria. 15 di 18

16 6 I canali di trasmissione Secondo uno schema semplificativo del modo di operare della politica monetaria di Keynes, un aumento dell offerta di moneta provoca una riduzione del tasso di interesse, per l accresciuta domanda di moneta speculativa, stimolando così gli investimenti e, di conseguenza, il reddito. Tale schema può essere raffinato tenendo conto della scuola delle scelte del portafoglio, secondo cui la ricchezza detenuta da ciascun operatore è formata da un portafoglio di investimenti che includono attività liquide, titoli con diverse scadenze, beni reali ecc. In questo modo è possibile superare il troppo rigido aut-aut fra moneta e titoli tipica del pensiero Keynesiano, tener conto che le decisioni degli operatori dipendono dalla loro ricchezza più che dal loro reddito e, infine, considerare l intera struttura dei tassi di interesse, a differenza di Keynes che considera il solo tasso di interesse monetario. Il modo di operare della politica monetaria viene spiegato da questo schema teorico attraverso un progressivo aggiustamento dei portafogli degli operatori con conseguenti variazioni del prezzo dei titoli e quindi del loro rendimento. Infatti, un aumento dalla base monetaria attuato tramite acquisto sul mercato aperto provocherà un aumento della liquidità in possesso delle banche, che hanno venduto titoli, ed hanno un deprezzamento dei titoli stessi, con conseguente riduzione del tasso di rendimento. Si innesca così un processo di sostituzione nel portafoglio delle banche, verranno acquistati altri titoli e concessi nuovi crediti ad un tasso più basso, ed in quello delle famiglie e delle imprese. I privati, in particolare, modificheranno il modo di impiego della propria ricchezza in relazione ai nuovi rendimenti finanziari e, se vi è sufficiente grado di sostituibilità, potranno anche rimpiazzare le attività finanziarie caratterizzate da rendimenti troppo bassi con beni reali. Il processo di adeguamento, aumento dei corsi e riduzione del rendimento, interesserà l intero spettro delle attività finanziarie secondo i relativi rapporti di sostituibilità. L aumento di base monetaria si concretizzerà in un aumento del reddito tanto più efficacemente quanto più alto è il grado di sostituibilità fra attività finanziarie a lungo termine ed attività reali, investimenti. 16 di 18

17 7 Efficacia delle politiche monetarie Anche gli interventi delle autorità monetarie sono condizionati da un numero molto elevato di variabili. Rispetto alla semplicità con cui opera un moltiplicatore del reddito, la variazione della base monetaria comporta, almeno a livello teorico, un processo abbastanza tortuoso prima di riflettersi sulle variabili reale. Pur non considerando il caso limite della trappola della liquidità, è comunque possibile che gli input monetari non influenzino le grandezze reali nella misura sperata se vi è scarsa sostituibilità fra attività finanziarie ed attività reali. Va, inoltre, considerato che gli studi sugli interventi di politica monetaria hanno evidenziato una notevole asimmetria nella sua efficacia. Infatti, se essa si dimostra adatta a raffreddare una situazione congiunturale caratterizzata da eccessiva crescita dei prezzi o da deficit nella bilancia dei pagamenti, essa si è dimostrata meno efficace quando si è trattato di ridare slancio all economia, politica monetaria espansiva. Fra le possibili spiegazioni di questo fenomeno vi è il fatto che il moltiplicatore effettivo dei depositi è relativamente più grande in occasione di una riduzione, piuttosto che di un aumento, della base monetaria. Inoltre, i tassi di interesse nominali hanno sempre un valore minimo al di sotto del quale è impossibile che essi scendano. Sarà sempre possibile, invece, un innalzamento dei tassi di inflazione. Inoltre, non va sottovalutata l ipotesi di razionamento del credito. Con tale termine si definisce la situazione in cui, al tasso di interesse corrente, la domanda di credito eccede l offerta. Infatti, poiché i mercati finanziari, più che in condizioni di concorrenza perfetta, agiscono in situazione prossima all oligopolio, le banche tenderanno a selezionare i clienti, escludendo quelli più rischiosi. Per la stessa ragione, configurazione oligopolistica del mercato, i tassi bancari, in particolare quelli attivi, presentano una alta vischiosità, così che gli effetti di una politica espansiva si trasmettono più lentamente di quelli di una politica restrittiva. 17 di 18

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE

APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE APPUNTI DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA PER LA CLASSE IV PROF. FEDERICO MAZZONE CAPITOLO II EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Abbiamo detto che le risorse che costituiscono il reddito nazionale possono essere

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta

Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta Lezione 17. La trasmissione della politica monetaria in economia aperta La politica monetaria induce effetti asimmetrici se le aree economiche coinvolte non sono omogenee. Ciò è particolarmente vero in

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Modello keynesiano: il settore reale

Modello keynesiano: il settore reale Macro 4 Modello keynesiano: il settore reale La macroeconomia keynesiana La macroeconomia si occupa di studiare i meccanismi di determinazione delle grandezze economiche aggregate, così come definite dalla

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI LA DOMANDA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA MONETA ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 2 LA TEORIA QUANTITATIVA

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

La spesa per investimenti

La spesa per investimenti 14 La spesa per investimenti Problemi teorici 1. Sebbene l economia abbia raggiunto lo stock desiderato di capitale, è comunque necessario effettuare investimenti (lordi) per mantenere lo stock di capitale

Dettagli

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione

CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione CAPITOLO 13 L offerta aggregata e il trade-off di breve periodo tra inflazione e disoccupazione Domande di ripasso 1. In questo capitolo abbiamo esaminato tre modelli della curva di offerta aggregata di

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI?

I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? I MOLTIPLICATORI FISCALI SONO EFFICACI CONTRO LA CRISI? Il testo riprende Cozzi T. (2013), La crisi e i moltiplicatori fiscali, in Moneta e credito, n. 262, i dati sono invece aggiornati e resi disponibili

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Capitolo 7 Z La politica monetaria

Capitolo 7 Z La politica monetaria Capitolo 7 Z La politica monetaria Sommario Z 1. Obiettivi finali, intermedi e operativi. - 2. Gli strumenti della politica monetaria. - 2.1 La manovra delle riserve obbligatorie. - 2.2 Le operazioni di

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 2. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 2 Il prodotto nazionale e la spesa aggregata Obbiettivo della macroeconomia Uno degli obbiettivi più importanti della macroeconomia è quello di spiegare come si determina il PIL e quali sono le cause

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 la moneta Moneta come mezzo di pagamento strumento che agevola gli scambi A seconda dei diversi gradi di minimizzazione dei costi di detenzione e di trasferimento si hanno:

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Prezzi vischiosi e domanda aggregata

Prezzi vischiosi e domanda aggregata Prezzi vischiosi e domanda aggregata Ciò che rende differente il lungo periodo dal breve è il comportamento dei prezzi. Nel lungo periodo i prezzi sono flessibili, nel breve sono vischiosi. Il fatto che

Dettagli

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm

Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm Approfondimenti La dinamica nel modello Is-Lm 1. Aggiungiamo la dinamica Negli approfondimenti dedicati al mercato dei beni abbiamo aggiunto considerazioni dinamiche alla nostra descrizione del mercato

Dettagli

"The U.S. Current Account and the Dollar"

The U.S. Current Account and the Dollar "The U.S. Current Account and the Dollar" Olivier Blanchard, Francesco Giavazzi, Filipa Sa discussione da parte di Giorgio Basevi, Napoli, 24 giugno 2005 June 25, 2005 1 Introduzione Dividerò la mia discussione

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Capitolo Quinto: L interesse

Capitolo Quinto: L interesse Capitolo Quinto: L interesse 95 Capitolo Quinto L interesse L interesse può essere definito come il prezzo che si paga per l uso del risparmio altrui: esso viene corrisposto a chi dispone di capitale finanziario

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING

Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING Capitolo 5 ECONOMIA INTERNAZIONALE: IL MODELLO MUNDELL - FLEMING 5.1 INTRODUZIONE In questo capitolo studieremo alcuni aspetti relativi all economia aperta agli scambi internazionali. In quanto segue,

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011

ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 ECONOMIA POLITICA I (prof. G.Garofalo) Prova del 30/09/2011 1. Le funzioni dell investimento e del consumo sono, rispettivamente: I = 70 310 r C = 60 + 0,8 Y Rappresentarle entrambe. Mostrare nello stesso

Dettagli

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11

Macro 3. Marco Grazzi Economia Politica 2010/11 Macro 3 La moneta e la politica monetaria Moneta Qualsiasi mezzo di pagamento generalmente accettato per lo scambio di beni e servizi e per l estinzione dei debiti Ciò che importa non è il materiale usato

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 4

Economia monetaria e creditizia. Slide 4 Economia monetaria e creditizia Slide 4 Le teorie diverse che spiegano come di determina la domanda di moneta possono essere ricondotte alle due funzioni di mezzo di pagamento e di riserva di valore la

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 La gestione della raccolta In termini generali l espressione politica della raccolta è sinonimo dell

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4 Moneta e inflazione. Mankiw, MACROECONOMIA, Zanichelli editore 2004 Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

Capitolo 18. La politica fiscale

Capitolo 18. La politica fiscale Capitolo 18 La politica fiscale Definizioni istituzionali La politica fiscale è determinata dall insieme delle entrate e spese del settore pubblico. Occorre quindi definire il settore pubblico Amministrazioni

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3

Indice. 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE IX IL SETTORE PUBBLICO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 La spesa pubblica G ed il moltiplicatore del reddito ---------------------------------------------- 3 1.1. Gli

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Necessaria una moneta per regolare gli scambi internazionali Convertibilità (oro o moneta-chiave) Esportazioni: ingresso di valute estere Importazioni: uscita di valute estere

Dettagli

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1

Capitolo 4. Moneta e inflazione. Capitolo 4: Moneta e inflazione 1 Capitolo 4 Moneta e inflazione 1 Il percorso La moneta Cos è la moneta: funzioni e tipi. Offerta di moneta: strumenti. Domanda di moneta o o Teoria quantitativa. Teoria delle preferenze per la liquidità.

Dettagli

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico

La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico La politica fiscale e la sostenibilità del debito pubblico Dibattito politica fiscale nel medio/lungo periodo Gli effetti di una politica fiscale espansiva con aumento della spesa pubblica dipendono da

Dettagli

LEZIONE 6. Il modello keynesiano

LEZIONE 6. Il modello keynesiano LEZIONE 6 IL MODELLO REDDITO SPESA Il modello keynesiano La GD segna l origine della teoria macroeconomica moderna Il modello classico e i relativi precetti di politica economica si dimostrano incapaci

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

La politica fiscale nelle teorie macroeconomiche

La politica fiscale nelle teorie macroeconomiche La politica fiscale nelle teorie macroeconomiche I classici e la tradizione keynesiana La nascita della moderna macroeconomia può essere ricondotta agli anni 30 e in particolare alla pubblicazione della

Dettagli