PROF. MATTIA LETTIERI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROF. MATTIA LETTIERI"

Transcript

1 LA POLITICA MONETARIA PROF. MATTIA LETTIERI

2 Indice 1 GLI OBIETTIVI DELLA POLITICA MONETARIA I MECCANISMI DI TRASMISSIONE DELLA POLITICA MONETARIA LA POLITICA DI STABILIZZAZIONE DEI TASSI DI INTERESSE L ESPERIENZA ITALIANA LA POLITICA MONETARIA PER I KEYNESIANI E PER I MONETARISTI GLI STRUMENTI DELLA POLITICA MONETARIA I CANALI DI TRASMISSIONE EFFICACIA DELLE POLITICHE MONETARIE di 18

3 1 Gli obiettivi della politica monetaria e creditizia è, insieme alla politica fiscale, una componente importantissima della politica economica. L intervento dello Stato nell economia mediante la spesa pubblica e il prelievo tributario è la cosiddetta politica fiscale, ma non è l unico tipo di intervento possibile perché vi sono anche strumenti di tipo monetario che servono a orientare le scelte private, che danno luogo a quella che si chiama la politica monetaria. Lo strumento tipico di politica monetaria è la variazione dell offerta di moneta. Quando la moneta aumenta, ad esempio, l offerta di credito aumenta e il tasso di interesse si riduce. La riduzione del tasso di interesse provoca un aumento degli investimenti che gli imprenditori vorranno realizzare. L aumento degli investimenti provoca un aumento del valore di equilibrio del reddito nazionale. Perciò, una variazione dell offerta di moneta e di credito consente alle autorità monetarie di influire sul valore di equilibrio del reddito in modo da favorire la piena utilizzazione delle risorse. si intreccia con la politica fiscale, perché la variazione dell offerta di moneta, che è un atto di politica monetaria, si accompagna con la variazione della spesa pubblica, che è un atto di politica fiscale. Per poter valutare gli effetti di un aumento dell offerta di moneta che serve a finanziare un deficit di bilancio bisogna, perciò, esaminare al contempo gli effetti di un aumento della spesa pubblica e quelli di un aumento dell offerta di moneta. Spesso risulta difficile distinguere se una misura di politica economica rientra nella politica fiscale o in quella monetaria. Si è soliti operare la distinzione sulla base di due diversi criteri: in basa alle autorità che prendono la decisione o in base ai mercati che da tale decisione sono influenzati. Secondo la definizione di Hansen, la politica fiscale comprende ogni transazione governativa in tema di tasse, imposte, spesa pubblica che influenzi l ammontare del debito pubblico ma non la sua composizione. Di conseguenza, è un atto di politica monetaria ogni decisione che riguardi la composizione del debito pubblico ma non il livello del suo ammontare. 3 di 18

4 deve tener conto di obiettivi ugualmente desiderabili ma, spesso, fra loro contrastanti. I principali obiettivi cui la politica monetaria si rivolge sono: La crescita dell attività economica ed il contenimento delle sue fluttuazioni. Ciò si sostanzia nel sostegno alla produzione per limitare la disoccupazione; La stabilità monetaria, ovvero la difesa del potere di acquisto della moneta ed il contenimento della crescita dei prezzi; L equilibrio nei conti con l estero, soprattutto per quanto riguarda la stabilità del cambio; La crescita del capitale reale, conseguente ad un elevato saggio di investimenti. Oltre a questi obiettivi la politica monetaria può perseguire altri obiettivi più specifici, quali una migliore efficienza dei mercati e degli intermediari finanziari, uno sviluppo della struttura creditizia capace di assicurare stabilità al sistema e prevenire crisi bancarie, un ottimale allocazione del risparmio. Tali obiettivi sono configgenti: perseguire la piena occupazione comporta quasi sempre pericoli inflazionistici e non sempre l equilibrio della bilancia dei pagamenti è, almeno nel breve periodo, compatibile con la stabilità dei prezzi e la crescita del sistema economico. Di qui la necessità che i policy makers esplicitino le proprie preferenze e che i tecnici scelgano gli strumenti più appropriati. La scelta fra i diversi strumenti a disposizione viene diversamente valutata dalle varie scuole economiche. 4 di 18

5 2 I meccanismi di trasmissione della politica monetaria Possiamo ora comprendere come la politica monetaria contribuisce a modificare il reddito nazionale. Secondo Keynes, sul mercato monetario si determina il saggio di interesse i. Il saggio di interesse è essenziale per determinare il livello degli investimenti privati I. Infatti, più è alto il tasso di interesse, meno imprenditori potranno prendere capitali a prestito dal settore bancario. Se invece il tasso di interesse è basso, un numero più alto di imprenditori potrà chiedere prestiti alle banche ed effettuare nuovi investimenti I. Gli investimenti privati I, così come i consumi aggregati C e la spesa pubblica G, sono componenti della domanda aggregata (C + I + G), quindi, un loro aumento ha un effetto espansivo sul reddito nazionale, effetto accresciuto grazie al meccanismo del moltiplicatore. Così se la Banca Centrale vuole incrementare il reddito nazionale, politica monetaria espansiva, dovrà aumentare l offerta di moneta M s. Tale decisione comporterà le seguenti conseguenze: aumento offerta di moneta (M s ), diminuzione saggio di interesse (i), aumento investimenti privati (I), aumento delle vendite delle imprese (Y = 1/1-c (C + I + G)), aumento del consumo aggregato (C + I + G). Quindi, un aumento dell offerta di moneta ha tanta più efficacia quanto più essa è in grado di ridurre il tasso di interesse e quanto più la riduzione del tasso di interesse stimola gli investimenti. La differenza fra politica di bilancio e politica monetaria consiste in: La politica di bilancio agisce direttamente sulla domanda aggregata grazie alle variazioni della spesa pubblica G. Tali variazioni si ripercuotono sul reddito nazionale in misura amplificata grazie al meccanismo del moltiplicatore; 5 di 18

6 , invece, agisce sulla domanda aggregata solo in forma indiretta, attraverso le variazione indotte dal saggio di interesse i sugli investimenti privati I. Rispetto alla politica di bilancio il percorso è più tortuoso poiché prevede un numero maggiore di passaggi. Se il sistema economico è caratterizzato da una situazione di trappola della liquidità, la politica monetaria è inefficace, infatti, non essendo in grado di abbassare il tasso di interesse, essa non potrà influenzare gli investimenti e il reddito. In questa situazione solo la politica di bilancio, aumento della spesa pubblica, di munizione delle imposte, potrà elevare il reddito nazionale di equilibrio. L efficacia della politica monetaria dipende da: La flessibilità del tasso di interesse, che è tanto maggiore quanto meno elastica è la curva della preferenza per la liquidità; L elasticità della curva dell efficienza marginale del capitale. 6 di 18

7 3 La politica di stabilizzazione dei tassi di interesse Una politica di tipo Keynesiano è quella che tende a stabilizzare i tassi di interesse e, con essi, i prezzi delle obbligazioni. La politica consiste nel fare continue operazioni di mercato aperto nella misura necessaria a mantenere costanti i tassi di interesse. Consiste, quindi, nella vendita di obbligazioni da parte delle autorità monetarie quando il prezzo di esse sale e nell acquisto di obbligazioni quando il mercato tende al ribasso. Supponiamo ad esempio, che vi sia un aumento della domanda globale di merci che faccia aumentare la produzione e con essa la domanda di moneta. Se l offerta di moneta fosse mantenuta costante, questo aumento della domanda di moneta farebbe aumentare il tasso di interesse, perché imprese e famiglie sarebbero indotte a vendere titoli allo scopo di procurarsi le disponibilità monetarie desiderate. In questo caso, il Tesoro o la Banca Centrale, se vogliono contrastare l aumento dei tassi di interesse, devono fare operazioni di mercato aperto, acquistando titoli e fornendo in cambio la moneta di cui il sistema ha bisogno. La conseguenza di questa politica è che l offerta di moneta diventa endogena, perché, se si vuol evitare ogni aumento del tasso di interesse, l offerta di moneta deve variare nello stesso ammontare in cui varia la domanda di moneta. In questo modo, l offerta di moneta sfugge al controllo delle autorità monetarie e viene ad essere determinata esclusivamente dalla domanda: ad ogni tasso di interesse, quale che sia la domanda di moneta, l offerta di moneta si deve adattare passivamente ad essa. La politica della stabilizzazione dei tassi di interesse è una politica di tipo opposto a quella suggerita dai monetaristi, perché nel caso le autorità monetarie rinunciano ad ogni controllo sull offerta di moneta, che diventa endogena, e rinunciano così a controllare sia il livello del reddito che il livello dei prezzi tramite il controllo della base monetaria. Quindi, una politica di stabilizzazione dei tassi di interesse è per sua natura una politica monetaria accomodante, una politica cioè che adatta l offerta di moneta alla domanda di essa. Una politica accomodante elimina lo spiazzamento e rende, quindi, più efficace la politica fiscale. 7 di 18

8 Quando la politica monetaria è accomodante il moltiplicatore della spesa pubblica e della tassazione esplica appieno i suoi effetti. Il saggio di interesse sale quando il prezzo dei titoli scende, e viceversa, ed è in equilibrio quando domanda e offerta di titoli sono eguali. Se la Banca D Italia, ad esempio, vuole stabilizzare il prezzo dei titoli, evitando che salga o scenda al di là di certi valori, deve vendere, senza limiti, titoli quando il loro prezzo sale ad un certo livello, e deve comprare titoli quando il loro prezzo scende al livello più basso che si vuol consentire. Ma in tal caso l offerta di titoli sarà data dall offerta del pubblico più quella della Banca. La Banca d Italia è disposta a vendere tanti titoli quanti ne occorrono per stabilizzare il tasso di interesse, ovvero tanti titoli quanti ne sono domandati, ed è tendenzialmente infinita, o infinitamente elastica rispetto al tasso di interesse, perché l offerta di titoli da parte della Banca Centrale aumenta illimitatamente quando il tasso di interesse tende anche solo un poco a diminuire. La domanda di titoli sarà data dalla domanda del pubblico più quella della Banca e la curva della domanda complessiva di titoli risulterà anch essa una spezzata. Ma, se il prezzo dei titoli ha un limite massimo e un limite minimo, anche il tasso di interesse potrà oscillare solo all interno di una fascia e non potrà salire al di sopra o scendere al di sotto dei limiti stabiliti. 8 di 18

9 3.1 L esperienza italiana In Italia si è avuta una politica di stabilizzazione dei tassi di interesse per buona parte degli anni 60 e. in particolare, nel periodo e poi dal 1971 al Dal 1958 al 1969 la Banca d Italia ha fatto operazioni di risconto e di anticipazione con il sistema bancario senza ricorrere a variazioni dei tassi di interesse, a differenza di quel che accadeva in altri paesi. Solo dal 1969, ovvero da quando i mercati finanziari internazionali hanno manifestato una fortissima instabilità, che la Banca d Italia ha preso a manovrare sistematicamente il tasso ufficiale di sconto. La vera e propria politica di stabilizzazione dei tassi cominciò nella prima metà del 1996, quando la Banca d Italia decise di diventare acquirente o venditrice di una serie di titoli pubblici, teoricamente per una quantità illimitata, a prezzi prefissati. Lo scopo della politica fu quello di tenere basso il costo del finanziamento degli investimenti e del debito pubblico, favorendo l acquisto di titoli sia da parte delle banche sia da parte del pubblico, perché si pensava che la stabilizzazione del prezzo dei titoli ne avrebbe reso più facile la vendita, senza perdite in caso di necessità di vendite improvvise, e li avrebbe resi più appetibili. La politica di stabilizzazione dei tassi è durata in Italia dal 1966 al 1969 ad ha avuto, a quanto è sembrato, molto successo, perché la stabilizzazione del prezzo dei titoli si estese anche a titoli non oggetto di transazioni da parte della Banca d Italia e nel periodo si ebbe un forte aumento della domanda di titoli, sia da parte delle banche sia da parte delle famiglie, tanto che la Banca d Italia, anziché compratrice di titoli, divenne venditrice netta di essi. La politica di stabilizzazione dei tassi è ritenuta inflazionistica dai monetaristi, perché essa tende a tenere basso il tasso di interesse mediante emissione di moneta, per acquistare titoli. In Italia in quegli anni, però, non sembra che sia stato questo il caso, perché la stabilizzazione dei corsi stimolò la domanda di titoli da parte delle famiglie e delle aziende di credito al punto tale che la Banca d Italia, invece, di comprare, al netto, titoli li vendette. Una politica di stabilizzazione dei corsi dei titoli può essere inflazionistica solo quando dà luogo ad un aumento del rapporto moneta-obbligazioni, e se è vero che nel caso italiano nel periodo in esame il rapporto in questione è diminuito, se ne deduce che la politica di stabilizzazione dei tassi di interesse in Italia non è stata affatto inflazionistica. 9 di 18

10 Un altro caso di stabilizzazione dei tassi di interesse si ha quando il governo emette titoli dallo Stato in pubblica sottoscrizione imponendo alla Banca Centrale di acquistare tutti i titoli che non riesce a collocare sul mercato. In questo caso il tasso di interesse sui titoli dello Stato avrà un limite superiore al di sopra del quale non può salire. In Italia un sistema del genere di aste di titoli pubblici è stato in vigore a partire dal 1975, quando fu modificata la tecnica di emissione dei BOT precedentemente in vigore. Con la riforma del 1975, infatti, furono autorizzati a partecipare all asta dei BOT, oltre alle aziende di credito, anche altri operatori, e tra essi la Banca d Italia. A quest ultima fu dato un ruolo attivo nelle aste, allo scopo di far sì che la sua miglior conoscenza della situazione del mercato e le sue opinioni sulla politica monetaria da perseguire potessero influenzare il prezzo di aggiudicazione dei titoli. Ma l offerta di BOT fu tenuta alta, al di sopra della quantità che il mercato avrebbe presumibilmente assorbito. Poiché la Banca d Italia si era impegnata a comprare tutti i BOT che non si riuscivano a collocare presso le famiglie, le imprese e le banche, in tal modo si venne di fatto a fissare un limite massimo al tasso d interesse. 10 di 18

11 4 per i Keynesiani e per i monetaristi Facendo riferimento all efficacia di una politica monetaria, per i neoclassici il sistema economico è sempre in equilibrio ed il reddito è sempre un reddito di piena occupazione, una politica monetaria espansiva, che aumenti l offerta di moneta, provocherà semplicemente un aumento dei prezzi. Infatti, se vale l equazione quantitativa MV = PQ un aumento di M a parità di V e Q, che è costante perché indica il reddito di piena occupazione, si scaricherà su P, provocando inflazione. Per i Keynesiani, invece, un aumento dell offerta di moneta provocherà un aumento della domanda di titoli e, di conseguenza, della loro quotazione. Però, poiché la quotazione di un titolo è inversamente proporzionale al suo rendimento, ovvero al tasso di interesse, ne deriva che il saggio di interesse cadrà. Questo stimolerà gli investimenti, cioè la domanda globale, e grazie all effetto moltiplicatore si avrà un reddito più alto. In una situazione di trappola della liquidità, però, tale processo non avverrà poiché l aumento dell offerta di moneta andrà ad aumentare le scorte monetarie degli operatori. Occorrerà, quindi, ricorrere alla politica fiscale, attraverso l aumento della spesa pubblica. Le idee principali su cui il monetarismo si incentra sono poche ma tutte di vasta portata. La prima di queste idee parte da una critica al cosiddetto meccanismo di trasmissione degli impulsi monetari descritto dalla teoria Keynesiana e suggerisce un allargamento della prospettiva. Per la teoria Keynesiana un aumento dell offerta di moneta può trasmettere un impulso espansivo al sistema solo attraverso la riduzione del tasso di interesse che esso provoca e il conseguente aumento degli investimenti. Secondo la teoria Keynesiana un aumento dell offerta di moneta può avere effetti rilevanti sul tasso di interesse solo se la domanda di moneta è poco elastica e una diminuzione del tasso di interesse può avere effetti rilevanti sulla domanda globale solo se la funzione dell efficienza marginale del capitale è molto elastica. Poiché i Keynesiani ritengono che la curva di moneta sia molto elastica rispetto al tasso di interesse e la curva dell efficienza marginale del capitale sia poco elastica rispetto al tasso di interesse, il meccanismo di trasmissione per un Keynesiano è tale che un aumento dell offerta di moneta non può avere effetti rilevanti sul livello di attività e sul livello dei prezzi. 11 di 18

12 Questa descrizione è giudicata dai monetaristi poco convincente, poiché, per i monetaristi, la domanda di moneta non è molto sensibile alle variazioni del tasso di interesse e che gli investimenti crescono in modo apprezzabile quando il saggio di interesse si riduce. Ma questa è solo una critica di tipo empirico al modello Keynesiano. La seconda idea-chiave del monetarismo è la convinzione che la moneta non è uno stretto sostituto delle altre attività finanziarie. La moneta, dai monetaristi, viene considerata un bene con caratteristiche tali che la rendono un sostituto non duna classe di beni ad essa simili, ma di tutte le attività patrimoniali, reali o finanziarie. Secondo i Keynesiani un aumento dell offerta di moneta, riducendone il prezzo, dà luogo ad una sostituzione tra moneta e titoli, mentre secondo i monetaristi l aumento dell offerta di moneta provoca un ampia sostituzione tra moneta e attività patrimoniali di ogni genere, comprese le attività non finanziarie, come i beni di consumo durevoli. Quindi, secondo i monetaristi, la riduzione dell offerta di moneta dovrebbe dar luogo ad una riduzione proporzionale della spesa nel mercato delle merci e darebbe luogo quindi ad una riduzione del livello generale dei prezzi. I Keynesiani, inoltre, sostengono che ogni qual volta un individuo ha più moneta di quanta ne desideri tenderà a sostituire moneta solo con attività finanziarie, mentre i monetaristi sostengono che in tal caso vi sarà una sostituzione di moneta con beni patrimoniali di ogni genere, finanziari e reali. Si può concludere affermando che la politica fiscale è considerata dai Keynesiani lo strumento più adeguato per stabilizzare il livello del reddito a favorire la piena occupazione, mentre alla politica monetaria danno poco peso, poiché pensano che sia poco efficace. I monetaristi, all opposto, credono nella validità della teoria quantitativa della moneta, ovvero, credono che il livello dei prezzi sia determinato soprattutto dalla quantità di moneta in circolazione. Quanto alla politica fiscale, invece, per i monetaristi essa è di scarsa efficacia nel determinare il livello del reddito perché essa non fa altro che sostituire in gran parte la spesa pubblica alla spesa privata. 12 di 18

13 5 Gli strumenti della politica monetaria Per strumenti della politica monetaria devono intendersi quelle variabili economiche sotto il diretto controllo della Banca Centrale e che possono essere manovrate tempestivamente per il raggiungimento degli obiettivi dell azione monetaria. In genere, gli strumenti sono costituiti da: Base monetaria: tramite il controllo dell offerta di base monetaria la Banca Centrale regola anche la crescita dei depositi bancari, grazie al meccanismo del moltiplicatore monetario; I tassi di interesse del mercato monetario: tra questi assumono particolare rilevanza il tasso pronti contro termine e il tasso di sconto; I controlli diretti o amministrativi sui flussi finanziari: spesso temporanei, tali controlli cono stati comunque sempre meno utilizzati nel corso dell ultimo decennio in ragione della progressiva deregulation del sistema. Ora, esamineremo come i singoli strumenti vengono manovrati. La base monetaria. Il volume dei depositi bancari dipende dal volume della base monetaria e dal coefficiente di riserva obbligatoria. Dunque, il controllo della base monetaria implica quello del credito e dei depositi bancari e influenza tutti gli altri mercati monetari e finanziari. Dopo il 1993, in Italia, con il divieto per il Tesoro di ricevere anticipazioni dalla Banca Centrale, il controllo della componente interna della base monetaria, ovvero quella non derivante da un surplus della bilancia dei pagamenti, avviene tramite le operazioni di mercato aperto e le variazioni della riserva obbligatoria. Le operazioni di mercato aperto consistono nell acquisto o nella vendita di titoli di Stato. Se la Banca Centrale vuole immettere liquidità nel sistema essa acquisterà titoli, mentre, se l obiettivo è quello di diminuire la base monetaria, la Banca venderà titoli. Tramite le variazioni del coefficiente di riserva obbligatoria la Banca Centrale ha un controllo completo dell offerta di moneta anche in un sistema in cui gran parte della moneta è 13 di 18

14 costituita da moneta bancaria. Ad un coefficiente più elevato corrisponderà un moltiplicatore dei depositi più piccolo, cosicché minore sarà l ammontare dei depositi bancari conseguente ad una variazione della base monetaria. I tassi di interesse del mercato monetario. Si è soliti attribuire un particolare valore al tasso di sconto, cioè al tasso di sconto praticato dalla Banca Centrale sui propri risconti, sconti di titoli fatti alle banche ordinarie. Infatti, in ogni Paese alla Banca Centrale compete la funzione di lender of last resort (prestatore d ultima istanza) e ad essa ricorrono le banche ordinarie per fronteggiare squilibri temporanei di cassa. Il tasso praticato dalla Banca Centrale per il risconto di cambiali, così come quello praticato sulle anticipazioni, è stato per lungo tempo considerato un importante strumento di politica monetaria. Infatti, il maggior, minor, costo del ricorso al credito di ultima istanza comporta per le banche ordinarie la necessità di aumentare, diminuire, il tasso praticato ai propri clienti. La manovra del tasso di sconto ha, però, oggi un importanza molto minore. Questo perché i tassi bancari possono essere molto vischiosi e perché non sempre le banche sono costrette a ricorrere al credito della Banca Centrale. Molto più rilevante, invece, è la funzione di annuncio che la variazione del tasso di sconto comporta. Essa, infatti, orienta le aspettative degli operatori sull andamento futuro dei tassi di mercato, con ciò accelerando l adeguamento di questi ultimi. Per questo motivo, più che per il maggior o minor rischio di illiquidità per le banche, un aumento o una diluizione del tasso di sconto comporta l adozione di una politica monetaria restrittiva o espansiva. Ben più rilevante, per effettivo controllo dell offerta di moneta, risultano essere le variazioni dei tassi sulle operazioni pronti contro termine. Con queste operazioni la Banca Centrale disciplina la liquidità a breve e brevissimo termine delle banche ed il tasso applicato, pur non potendosi discostare di molto da quello di mercato, è comunque influenzato dalla Banca Centrale. Tale tasso, a sua volta, ha ripercussioni sui tassi a brevissimo termine del mercato monetario e sulla scelta delle banche tra prestiti e titoli pubblici. 14 di 18

15 I controlli diretti sui flussi finanziari. Rispetto al controllo della base monetaria ed alle variazioni dei saggi di interesse, i controlli amministrativi del credito presentano il vantaggio di una applicabilità più diretta, non immediata dal mercato. Però, nel lungo periodo essi possono provocare effetti discorsivi sull ottimale allocazione delle risorse finanziarie. Con il controllo diretto le autorità monetarie impongono vincoli o regole di comportamento agli intermediari finanziari, al fine di regolare il volume globale del credito o per tentare di correggere un imperfetto funzionamento del mercato finanziario. In Italia sono stati adottati due tipi di controllo del credito: il massimale sui prestiti bancari, che ha posto un limite all espansione degli impieghi bancari; il vincolo di portafoglio, con cui si obbligavano le banche ad acquistare una quantità minima di titoli, nella fattispecie quelli emessi dagli Istituti di Credito Speciale. Il primo strumento fu introdotto dalla Banca d Italia nel 1973 ed eliminato dieci anni dopo. Successivamente si è fatto ancora temporaneamente ricorso ad esso in due situazioni di congiuntura difficile per il mercato valutario. Il vincolo di portafoglio, invece, fu introdotto sempre nel 1973 e poi progressivamente attutito fino alla sua definitiva soppressione nel Un efficacia immediata e pericolo di effetti discorsivi hanno anche i provvedimenti adottati dalle autorità monetarie e tesi al controllo dei movimenti di capitali. In questo caso, fine ultimo è quello di preservare l equilibrio della bilancia dei pagamenti attraverso l imposizione di determinati comportamenti, quali l obbligo di un deposito vincolato infruttifero sull acquisizione di attività estere o il divieto di acquisto di attività estere a breve termine, o attraverso l utilizzo di incentivi o disincentivi. Dopo un periodo di forti restrizioni negli anni Settanta, dovuto alle crisi energetiche ed alle turbolenze valutarie seguite all abbandono della convertibilità in oro del dollaro, gli anni Ottanta hanno visto un impetuoso processo di deregulation, agevolato anche dalla sempre maggiore integrazione del nostro mercato finanziario con quelli degli altri Stati membri della Comunità Europea in vista dell Unione Economica e Monetaria. 15 di 18

16 6 I canali di trasmissione Secondo uno schema semplificativo del modo di operare della politica monetaria di Keynes, un aumento dell offerta di moneta provoca una riduzione del tasso di interesse, per l accresciuta domanda di moneta speculativa, stimolando così gli investimenti e, di conseguenza, il reddito. Tale schema può essere raffinato tenendo conto della scuola delle scelte del portafoglio, secondo cui la ricchezza detenuta da ciascun operatore è formata da un portafoglio di investimenti che includono attività liquide, titoli con diverse scadenze, beni reali ecc. In questo modo è possibile superare il troppo rigido aut-aut fra moneta e titoli tipica del pensiero Keynesiano, tener conto che le decisioni degli operatori dipendono dalla loro ricchezza più che dal loro reddito e, infine, considerare l intera struttura dei tassi di interesse, a differenza di Keynes che considera il solo tasso di interesse monetario. Il modo di operare della politica monetaria viene spiegato da questo schema teorico attraverso un progressivo aggiustamento dei portafogli degli operatori con conseguenti variazioni del prezzo dei titoli e quindi del loro rendimento. Infatti, un aumento dalla base monetaria attuato tramite acquisto sul mercato aperto provocherà un aumento della liquidità in possesso delle banche, che hanno venduto titoli, ed hanno un deprezzamento dei titoli stessi, con conseguente riduzione del tasso di rendimento. Si innesca così un processo di sostituzione nel portafoglio delle banche, verranno acquistati altri titoli e concessi nuovi crediti ad un tasso più basso, ed in quello delle famiglie e delle imprese. I privati, in particolare, modificheranno il modo di impiego della propria ricchezza in relazione ai nuovi rendimenti finanziari e, se vi è sufficiente grado di sostituibilità, potranno anche rimpiazzare le attività finanziarie caratterizzate da rendimenti troppo bassi con beni reali. Il processo di adeguamento, aumento dei corsi e riduzione del rendimento, interesserà l intero spettro delle attività finanziarie secondo i relativi rapporti di sostituibilità. L aumento di base monetaria si concretizzerà in un aumento del reddito tanto più efficacemente quanto più alto è il grado di sostituibilità fra attività finanziarie a lungo termine ed attività reali, investimenti. 16 di 18

17 7 Efficacia delle politiche monetarie Anche gli interventi delle autorità monetarie sono condizionati da un numero molto elevato di variabili. Rispetto alla semplicità con cui opera un moltiplicatore del reddito, la variazione della base monetaria comporta, almeno a livello teorico, un processo abbastanza tortuoso prima di riflettersi sulle variabili reale. Pur non considerando il caso limite della trappola della liquidità, è comunque possibile che gli input monetari non influenzino le grandezze reali nella misura sperata se vi è scarsa sostituibilità fra attività finanziarie ed attività reali. Va, inoltre, considerato che gli studi sugli interventi di politica monetaria hanno evidenziato una notevole asimmetria nella sua efficacia. Infatti, se essa si dimostra adatta a raffreddare una situazione congiunturale caratterizzata da eccessiva crescita dei prezzi o da deficit nella bilancia dei pagamenti, essa si è dimostrata meno efficace quando si è trattato di ridare slancio all economia, politica monetaria espansiva. Fra le possibili spiegazioni di questo fenomeno vi è il fatto che il moltiplicatore effettivo dei depositi è relativamente più grande in occasione di una riduzione, piuttosto che di un aumento, della base monetaria. Inoltre, i tassi di interesse nominali hanno sempre un valore minimo al di sotto del quale è impossibile che essi scendano. Sarà sempre possibile, invece, un innalzamento dei tassi di inflazione. Inoltre, non va sottovalutata l ipotesi di razionamento del credito. Con tale termine si definisce la situazione in cui, al tasso di interesse corrente, la domanda di credito eccede l offerta. Infatti, poiché i mercati finanziari, più che in condizioni di concorrenza perfetta, agiscono in situazione prossima all oligopolio, le banche tenderanno a selezionare i clienti, escludendo quelli più rischiosi. Per la stessa ragione, configurazione oligopolistica del mercato, i tassi bancari, in particolare quelli attivi, presentano una alta vischiosità, così che gli effetti di una politica espansiva si trasmettono più lentamente di quelli di una politica restrittiva. 17 di 18

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS)

Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 29: Modello Domanda-Offerta Aggregata (AD-AS) Facoltà di Economia Sapienza Roma Introduciamo i prezzi Finora abbiamo ipotizzato che i prezzi fossero dati

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi.

Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. Dalla crisi petrolifera agli anni 90: aspettative e problemi. DI Borsatti Federico matr.552665 Uliano Giuseppina A. matr. 025653 Il valore della credibilità della politica economica nell economia italiana

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15)

Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) Equilibrio generale ed efficienza dei mercati (Frank, Capitolo 15) EQUILIBRIO ECONOMICO GENERALE Esistono molteplici relazioni tra mercati Per comprendere il funzionamento dell economia è quindi indispensabile

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LO STATO E L'ECONOMIA. (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATO E L'ECONOMIA (Sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) IL LIBERISMO ECONOMICO 1. La legge di Say Il francese Say, sostenendo che è l'offerta a condizionare la Domanda, ritiene

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia

Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia Applicazioni dell'analisi in più variabili a problemi di economia La diversità tra gli agenti economici è alla base della nascita dell attività economica e, in generale, lo scambio di beni e servizi ha

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best

Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best Lezione 13- I due teoremi fondamentali dell economia del benessere e il second best La mano invisibile e i due teoremi fondamentali dell economia del benessere Nel 1776 Adam Smith nella Ricchezza delle

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La Banca nazionale in breve

La Banca nazionale in breve La Banca nazionale in breve La Banca nazionale in breve Indice 2 La Banca nazionale in breve Introduzione 5 1 Il mandato della Banca nazionale 6 2 La strategia di politica monetaria 9 3 L attuazione della

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE

2001/24/CE, 2002/47/CE, 2004/25/CE, 2005/56/CE, 2007/36/CE, 2011/35/UE, 2012/30/UE L 173/190 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 12.6.2014 DIRETTIVA 2014/59/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 15 maggio 2014 che istituisce un quadro di risanamento e risoluzione degli enti

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli