Studio imprese di comunicazione Dinamiche di cambiamento e nuove opportunità di posizionamento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio imprese di comunicazione Dinamiche di cambiamento e nuove opportunità di posizionamento"

Transcript

1 Studio imprese di comunicazione Dinamiche di cambiamento e nuove opportunità di posizionamento Una sintesi dei principali risultati giugno 2013

2 L IMPIANTO DELLA RICERCA [2]

3 Il nuovo studio Imprese di comunicazione STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE background Makno fonda lo studio Agenzie di comunicazioni-utenti. Si sono succedute 9 edizioni finanziate dai principali gruppi di comunicazione che oano in Italia e all estero anni di studi e analisi sul comparto Makno propone un nuovo studio Imprese di comunicazione, con un impianto di ricerca in continuità con il passato ma in grado di cogliere ed interpretare le nuove tendenze evolutive [3]

4 Discontinuità con il passato e domande ate STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE background La rivoluzione digitale moltiplicazione dei canali/device nuove pratiche di fruizione difficoltà ad identificare i propri target La crisi economica e finanziaria razionalizzazione degli investimenti nuovi modelli di pianificazione investimenti di breve iodo????? Come cambiano le strategie di comunicazione delle aziende investitrici. Come si modifica il communication mix delle aziende. Come cambiano gli assetti organizzativi interni alle aziende investitrici. Come cambiano le modalità di relazione tra le aziende investitrici, le agenzie e i centri media. Come si modificano i criteri di scelta delle aziende che portano all identificazione dei loro fornitori. [4]

5 Il corso di ricerca STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE l impianto della ricerca FASE 1 indagine esplorativa Focus: dinamiche evolutive e nuovi fattori reputazionali Target: responsabili marketing & communication aziende top spender Campione: 30 con colloqui in profondità. FASE 2 indagine estensiva Focus: quantificare e pesare i cambiamenti in atto analizzare la domanda di servizio misurare il ranking fattori reputazionali strategici Approfondimento su: agenzie pubblicitarie, centri media e agenzie di relazioni pubbliche Target: responsabili marketing & communication aziende top spender Campione: 310 con colloqui semi-strutturati. [5]

6 NUOVI EQUILIBRI TRA INVESTITORI ED IMPRESE DI COMUNICAZIONE I comparti aziendali e gli attori esterni coinvolti Le modalità di relazione con le aziende [10]

7 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione I comparti aziendali coinvolti nella definizione della strategia I comparti aziendali coinvolti nella definizione della strategia I comparti aziendali che hanno l ultima parola Totale campione Top-spender Totale campione Top-spender Marketing Direzione generale Proprietà Comunicazione Commerciale Investitori/ fondi di investimento Public affair/ relazioni esterne Altro Direzione generale Proprietà Marketing Investitori/ fondi di investimento Commerciale Altro Multi-response set dati centuali [11]

8 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione Il ricorso alle strutture esterne la definizione della strategia Alla definizione della strategia di comunicazione solitamente siete supportati da figure / agenzie o società esterne? Sì No Quali figure / società esterne vi supportano? Agenzia pubblicitaria Centro media Gruppo di comunicazione Agenzia di relazioni pubbliche Agenzie specializzate sul Digital 19 Base: totale campione dati % Consulente/ consulenti indipendenti Istituto di ricerca Società di consulenza Base: aziende che sono supportate da attori esterni nella definizione della strategia (77%) multi-response set - dati % [12]

9 SPINTE ESTERNE RISPOSTE INTERNE BISOGNO EMERGENTE Le aziende giocano un ruolo più attivo Le spinte di cambiamento portano ad una maggiore articolazione dei team in chiave funzionale e di competenze Da qui, due esigenze Maggiore presidio strategico Maggiore necessità di coordinamento STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione Frammentazione e articolazione delle leve utilizzate Allargamento e articolazione team Necessità di aprirsi ad un maggior numero di interlocutori / stimoli Forte presidio aziendale di STRATEGIA e COORDINAMENTO [13]

10 COME CAMBIANO LE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Il nuovo communication mix Gli approcci alle strategie [14]

11 Communication mix anno 2012 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di investimento La ripartizione del budget nelle diverse attività di comunicazione ATL BTL DIGITAL Totale campione Top-spender % di budget destinato all attività indicata Base: totale campione dati % % di budget destinato all attività indicata Base: aziende Top-Spender dati % [15]

12 Il trend d investimento il 2013 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di investimento Crescerà Rimarrà stabile Diminuirà Attività ATL - Tot. Campione Attività ATL - Top-spender Attività BTL - Tot. Campione Attività BTL - Top-spender Attività Digital - Tot. Campione Attività Digital - Top-Spender [16]

13 Come cambiano le strategie la rivoluzione digitale e moltiplicazione dei canali e dei touch point di relazione tra marca e consumatore. STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione Prevale la ricerca di nuovi paradigmi / modelli di comunicazione C è stato uno spostamento degli investimenti dai media tradizionali a new media molto variabile: il digital può pesare dal 5% al 50% in funzione dei settori / mercati. Modelli non ancora Consolidati Uno switch verso il digitale molto diversificato Un approccio empirico : non è chiara la strutturazione del nuovo media mix ricerca di INNOVAZIONE nuove strade mancano NUOVI MODELLI nuovi paradigmi di riferimento [17]

14 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione Integrazione vs. specializzazione canale/attività Il rapporto tra le diverse attività (ATL, BTL, DIGITAL) 7 Le diverse attività devono muoversi in maniera autonoma essere davvero efficaci, ogni attività richiede una forte specializzazione È importante che ci sia un coordinamento tra le attività, dare messaggi coerenti e non contrastanti. Top spender 68% Per dare maggiore efficacia alla strategia complessiva, è fondamentale che tutte le attività siano pensate e realizzate in modo integrato. Base: totale campione dati % [18]

15 Tre approcci alle strategie di comunicazione STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione DINAMICA EVOLUTIVA DELLE AZIENDE 25% 35% 40% ADV ATL MARCA BTL MEDIA MARCA WEB OWNED DIGITAL PR MARCA EVENTI MKTG NN CONV. BTL DIGITAL PR WEB SOCIAL WEB SOCIAL WEB OWNED DIRECT MKTG TRADIZIONALE PLURI-CANALE CONVERGENTE Focalizzazione quasi esclusiva su adv, media tradizionali e attività BTL RILEVANZA Presidiano i diversi touch point massimizzare i punti di contatto con il cliente SPECIALIZZAZIONE Pensano alla comunicazione con strategie nativamente crossmediali portare in sinergia i canali INTEGRAZIONE [ [19]]

16 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le strategie di comunicazione Strategie differenziate di relazione con le agenzie Approccio tradizionale Ricorso tattico a consulenti/agenzie esterne specializzate L agenzia di riferimento è il principale interlocutore Approccio pluricanale Creazione di team dedicati, con competenze tecniche (non strategiche). Ricorso a consulenti/agenzie esterne singole iniziative. L agenzia è in competizione con strutture tecniche su iniziative specifiche canale (digital, ma anche BTL, PR, ecc.) Approccio convergente Creazione di team integrati. Forte richiesta di sinergia tra i diversi fornitori. L agenzia ideale è quella che integra al suo interno le diverse competenze. L agenzia è in relazione forte con l azienda e la filiera degli altri fornitori. C è spazio le agenzie che offrono una cotura a 360 dei servizi [20]

17 PARTE SPECIFICA LA DOMANDA DI SERVIZIO ALLE IMPRESE DI COMUNICAZIONE AGENZIE DI COMUNICAZIONE CENTRI MEDIA AGENZIE DI RELAZIONI PUBBLICHE [21]

18 LE AGENZIE DI COMUNICAZIONE Lo sviluppo delle attività Strutture esterne coinvolte Fattori reputazionali strategici [22]

19 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le agenzie di comunicazione L importanza dei fattori reputazionali - confronti diacronici 2004-' ' '13 % di molto importante GESTIONE BUDGET [23]

20 Creatività vs. technicalities CREATIVITA Capacità di VISIONE Forza dell IDEA Esplorare NUOVI TERRITORI STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le agenzie di comunicazione SPECIALIZZAZIONE Essere UP TO DATE, sul pezzo VELOCITÀ e COMPETITIVITÀ costi Proporre NOVITÀ DEL MOMENTO NUOVI PARADIGMI DI COMUNICAZIONE Proporre al mercato una risposta autorevole e credibile la definizione di nuovi modelli di comunicazione che sappiano suare l attuale dicotomia in un ottica di integrazione. [24]

21 I CENTRI MEDIA Le attività di pianificazione Strutture esterne coinvolte Fattori strategici di posizionamento [25]

22 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE i centri media L importanza dei fattori reputazionali - confronti diacronici 2004-' ' ' % di molto importante [26]

23 LE AGENZIE DI RELAZIONI PUBBLICHE Le attività di relazioni pubbliche Fattori strategici di posizionamento [27]

24 Le strutture esterne coinvolte STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le agenzie di relazioni pubbliche La presenza di figure esterne nella definizione delle strategie di gestione delle attività di relazioni pubbliche Le figure / società esterne di supporto Sì No Non so Agenzia di relazioni 61 pubbliche 1 Agenzia pubblicitaria Centro media Gruppo di comunicazione Società di consulenza Agenzie specializzate sul Digital Consulente/ consulenti indipendenti Altro Base: totale campione dati % Base: aziende che sono supportate da attori esterni nella definizione della strategia (68%) dati % [28]

25 STUDIO IMPRESE DI COMUNICAZIONE le agenzie di relazioni pubbliche L importanza dei fattori reputazionali - confronti diacronici 2006-' ' STRATEGIA DI COMUNICAZIONE CONOSCENZA DEI MERCATI COMPETENZA ATTIVITÀ SERVIZIO PERSONE GESTIONE BUDGET INTERNAZIONALITÀ % di molto importante [29]

26 Considerazioni di sintesi Livello strategico Riappropriarsi della capacità di leggere e anticipare le tendenze Allargare il imetro della creatività a quello dei media strategie convergenti Capacità di proporre nuovi modelli, nuovi paradigmi Livello di servizio Maggiore interlocuzione strategica Capacità di intervenire sulla domanda di coordinamento e di integrazione Assimilazione di nuove extice Una nuova relazione con l azienda [30]

VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE. Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM

VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE. Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM Giuliano Noci Professore Ordinario di MarkeCng Politecnico di Milano e Presidente Explora @giuliano_noci Agenda

Dettagli

Le filiere della comunicazione

Le filiere della comunicazione ASK - Centro di ricerca Art, Science and Knowledge Le filiere della Paola Dubini Mario Campana 24 marzo 2009 Osservatorio Business TV Le domande della ricerca 1. Come si articola il processo di costruzione

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Market tomorrow. I mutamenti del proprio mercato di riferimento

Market tomorrow. I mutamenti del proprio mercato di riferimento Market tomorrow I mutamenti del proprio mercato di riferimento Obiettivi 2 Fotografare il proprio posizionamento al giorno d oggi significa prima di tutto comprendere e ridefinire i contorni del proprio

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Programmazione annuale docente classe 5^

Programmazione annuale docente classe 5^ Programmazione annuale docente classe 5^ Programmazione del Docente: Perrotta Tullio, D Assisti Giovanni Classe: V sez.: A-B Indirizzo: Iter Materia di insegnamento: Discipline Economiche e Aziendali Libro

Dettagli

2015 CATALOGO FORMATIVO

2015 CATALOGO FORMATIVO 2015 CATALOGO FORMATIVO AREA MARKETING Il marketing del pdv Dipendenti di attività commerciali. 40 ore. -Conoscere i principi di base del marketing e della comunicazione per essere veri professionisti

Dettagli

Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli

Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli Lezione 14: introduzione al 2 modulo La comunicazione IN azienda Stella Romagnoli La comunicazione in azienda Gli strumenti di comunicazione complessi: Co-branding e co-marketing Valorizzazione delle sponsorizzazioni

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

ASSOREL PR Trends 2013/2014

ASSOREL PR Trends 2013/2014 ASSOREL PR Trends 2013/2014 Metodologia L indagine è stata realizzata grazie alla partecipazione dei Soci Assorel che, rispondendo alle domande del questionario proposto dall Associazione nel mese di luglio

Dettagli

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A.

FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. FBA Fondo Banche Assicurazioni Avviso 1/2014 Piani aziendali, settoriali e territoriali FORMAZIONE A SUPPORTO PIANO D IMPRESA 2014/2017 GRUPPO INTESA SANPAOLO S.P.A. 1 MOTIVAZIONI AZIENDALI In un momento

Dettagli

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE WHITE PAPER [ Con la moderata ripresa economica emergono nuove necessità di bilanciamento delle leve di marketing Pierluigi Carlini ASK Vice President IRI Con la moderata ripresa economica emergono nuove

Dettagli

what your brand wants Relazioni Pubbliche

what your brand wants Relazioni Pubbliche Relazioni Pubbliche ottimi motivi per una campagna di RP Progettiamo e sviluppiamo campagne di Relazioni Pubbliche utilizzando in modo strategico ed integrato attività di comunicazione online ed offline

Dettagli

Economia e tecnica della pubblicità

Economia e tecnica della pubblicità Si fa presto a dire pubblicità * * Pubblicità - s.f. (franc. Publicité): notorietà pubblica//carattere di ciò che è fatto in presenza del pubblico//insieme dei mezzi utilizzati per far conoscere prodotti

Dettagli

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT

ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT ACCOUNT MANAGEMENT nell ICT Maturità di molte applicazioni su cliente, interlocutori sempre più tecnicamente preparati e esigenti, banalizzazione di know how e di processo nelle diverse offerte spingono

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Come fare un piano di marketing

Come fare un piano di marketing Come fare un piano di marketing Marketing strategico e operativo Definizione Un Un piano di di marketing è un un piano finanziario arricchito di di informazioni su su origini e destinazioni dei dei flussi

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

The new outsourcing wave: multisourcing

The new outsourcing wave: multisourcing EVOLUZIONE DEI MODELLI DI OUTSOURCING La pratica dell outsourcing, cioè del trasferire all esterno dell azienda singole attività, processi o infrastrutture è in voga da tempo, e negli anni ha dimostrato

Dettagli

Le professioni della comunicazione Le sfide del digitale, le nuove competenze, i profili emergenti nel mercato del lavoro

Le professioni della comunicazione Le sfide del digitale, le nuove competenze, i profili emergenti nel mercato del lavoro Le professioni della comunicazione Le sfide del digitale, le nuove competenze, i profili emergenti nel mercato del lavoro OssCom Centro di ricerca sui Media e la Comunicazione Ce.R.T.A. Centro di Ricerca

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU

DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU DON T FORGET TO LOOK AROUND YOU PROFILO AGENZIA Maste Eventi è un agenzia di servizi dinamica ed innovativa che si propone come partner ideale nella realizzazione di soluzioni personalizzate per tutte

Dettagli

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma

CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ. STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma CORSO AVANZATO DI PROMOZIONE DELL IMPRENDITORIALITÀ STARTING UP 2014- PRIMA EDIZIONE Dipartimento di Economia Università degli Studi di Parma MASTER in MARKETING MANAGEMENT - 2012 BUSINESS MODEL & CUSTOMER

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Osservatorio AISM Marketing B2B

Osservatorio AISM Marketing B2B Osservatorio AISM Marketing B2B in Italia 2014 8 Fonte Elaborazione ANES su dati AISM e 2014 Executive Summary 2 8 L Osservatorio AISM censisce ogni anno le abitudini di spesa dei marketer B2B in Italia

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology

Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Marketing Multimedia Innovative Communication Technology Chi siamo Marketing Multimedia nasce nel 1993, dall idea e dall entusiasmo di Roberto Silva Coronel. Roberto Silva Coronel, classe 1969, ha fatto

Dettagli

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra

EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner. Eventi e gioco di squadra EVENTI E GIOCO DI SQUADRA I successi non dipendono solo dal planner 1 L Azienda Profilo Aziendale Un orologio, che con i suoi meccanismi interni permette di unire le energie di più elementi per raggiungere

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e Controllo della Comunicazione 1 PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA COMUNICAZIONE Stella Romagnoli LM59 LUMSA 2014-2015 Stella Romagnoli LUMSA - Pianificazione e

Dettagli

Marketing del turismo culturale. Scaletta Seminario con il prof. Giancarlo Dall Ara Modena, 17 aprile 2010

Marketing del turismo culturale. Scaletta Seminario con il prof. Giancarlo Dall Ara Modena, 17 aprile 2010 Marketing del turismo culturale Scaletta Seminario con il prof. Giancarlo Dall Ara Modena, 17 aprile 2010 I temi dell incontro Il mktg turistico applicato al patrimonio culturale Le nuove tendenze L analisi

Dettagli

Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE

Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE Global Communication DOVE NASCONO LE IDEE Global Communication opera nel settore della comunicazione integrata. Le specializzazioni acquisite nei mercati italiani ed esteri, nel settore del marketing

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu

IL PIANO DI MARKETING NOTE. tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu IL PIANO DI MARKETING NOTE tratto da MARKETING WORKBOOK Executive MBA MIB School of Management www.mib.edu 1 Because its purpose is to create a customer, the business has two - and only two - functions:

Dettagli

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione

1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione CORSI DI FORMAZIONE PROJECT GROUP AREA STRATEGIA 1. Balanced Scorecard 2. Controllo di Gestione 3. Compensation Management 4. Marketing 5. Internazionalizzazione Balanced Scorecard 1 giorno Significato

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

Costruendo valore per il turismo in Lombardia

Costruendo valore per il turismo in Lombardia Costruendo valore per il turismo in Lombardia Chi siamo Explora S.C.p.A. ha il compito di promuovere la Lombardia e Milano sul mercato turistico nazionale ed internazionale. La società opera esattamente

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Stella Romagnoli

Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Stella Romagnoli Lezione 24: Strategia e Piano di Comunicazione Definizione di pianificazione strategica della comunicazione Le fasi della pianificazione Comunicazione e integrazione Ottica integrata Specializzazione Le

Dettagli

Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata. Project Work

Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale. Pubblicità e strategie di comunicazione integrata. Project Work Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale Pubblicità e strategie di comunicazione integrata Project Work Ogni gruppo lavorerà come se fosse un agenzia di consulenza incaricata di valutare le attività

Dettagli

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo

Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Corso Online: Marketing degli Eventi Culturali e dello Spettacolo Programma (121 pagine tra dispense e slides) IL MARKETING IL MARKETING IN AZIENDA - AZIENDE MARKETING ORIENTED

Dettagli

Workshop Nielsen. TV+Web: l'analisi dell'audience cross-mediale

Workshop Nielsen. TV+Web: l'analisi dell'audience cross-mediale Comunicazione pubblicitaria ed effetto Social : nuove prospettive per l analisi del ROI Workshop Nielsen 13 Ottobre 2011 ore 12.00 TV+Web: l'analisi dell'audience cross-mediale 12-13 Ottobre 2011 Internet:

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE

MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE 735 736 738Università degli Studi di Torino MASTER IN ECONOMIA, MANAGEMENT, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TURISMO MASTER MINT www.mastermint.unito.it MODULI ACQUISTABILI SINGOLARMENTE Comportamento del

Dettagli

MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI 30 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ALESSANDRIA

MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI 30 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ALESSANDRIA MEETING FORMATIVO GIOVANI IMPRENDITORI 30 NOVEMBRE 1 DICEMBRE 2013 ALESSANDRIA Il contesto di riferimento verso cui muove l incontro formativo parte dall assunto che il Web è un acceleratore di visibilità

Dettagli

PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU

PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale PRINCIPI DI MARKETING TURISTICO 9 CFU Lezione 10 22 marzo 2012 Calendario Lezioni lunedi 26 e martedi 27 marzo??? Vinitaly Giovedi 26 aprile

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT

INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT INNOVARE E TRASFORMARSI PER COMPETERE LA FORMAZIONE DI LIQUID PER IL CHANGE MANAGEMENT Introdurre nuove competenze e applicarle rapidamente al ruolo per ottenere risultati rapidi e tangibili sul business:

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. I Player del Sistema. Le Istituzioni di Controllo A.A. 2009-2010

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. I Player del Sistema. Le Istituzioni di Controllo A.A. 2009-2010 Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 Player, regole e dinamiche del Sistema della Comunicazione Fulvio Fortezza I Player del Sistema 2 Le Istituzioni di Controllo Premessa: ci sono vincoli

Dettagli

Obiettivi Generali COS È

Obiettivi Generali COS È Obiettivi Generali COS È Una tecnologia attraverso la quale è possibile fare simulazioni di scenario per comprendere meglio le scelte di marketing e comunicazione. PERCHÈ La progressiva complessità di

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Domanda interna e strategie di filiera

Domanda interna e strategie di filiera Roberto Ravazzoni Università di Modena e Reggio Emilia Domanda interna e strategie di filiera Assemblea 2013 Scelte di mercato Contesto economico e decisioni d'impresa per il rilancio della domanda Milano,

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione -

BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - BUSINESS 2.0 LAB - seconda edizione - Laboratorio operativo sugli strumenti di Business, Marketing & Reputation,per aumentare la visibilità e il potere attrattivo delle aziende on-line SCENARIO Ogni giorno

Dettagli

Il Direct Marketing per la comunicazione istituzionale della PA. Massimo Curcio

Il Direct Marketing per la comunicazione istituzionale della PA. Massimo Curcio Il per la comunicazione istituzionale della PA Massimo Curcio Responsabile Business Line 1 INDICE La Comunicazione nella PA Scenari socio culturali e fruizione dei media Investimenti nel mercato pubblicitario:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEGLI OUTPUT PREVISTI Le linee guida esplicitate in questo documento vogliono rappresentare essenzialmente una traccia, per i fornitori iscritti ai cataloghi Lombardia Net

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

RTB WORKSHOP. Milano, 22 Maggio 2013

RTB WORKSHOP. Milano, 22 Maggio 2013 RTB WORKSHOP Milano, 22 Maggio 2013 Agenda AUTOREVOLEZZA E FRAMMENTAZIONE DELL'UTENTE MULTI DEVICE RTB: I benefici per il Brand RTB: Concetto & piattaforme Rilevanza del Dato Approccio ed Operatività La

Dettagli

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing

Master Universitario di I livello in. Comunicazione e Marketing Master Universitario di I livello in Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti del master in Marketing e Comunicazione gli strumenti manageriali indispensabili

Dettagli

Internet marketing lez 4: comunicazione online

Internet marketing lez 4: comunicazione online Università di Pisa Master OS a.a. 2005/2006 Internet marketing lez 4: comunicazione online Dott. Roberto Cucco cucco@ec.unipi.it Comunicazione online Sito coerente al target e con giusto posizionamento

Dettagli

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare

BRAND ED EVENTI. Tra queste in particolare 1 CHI SIAMO comevoi, nata nel 2011, è un'agenzia di comunicazione composta da un gruppo di soci che vantano esperienza decennale nel campo dell editoria e della comunicazione. MISSION La nostra missione

Dettagli

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO

IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO IL FONDO ITALIANO D INVESTIMENTO Roberto Del Giudice Firenze, 10 febbraio 2014 Il progetto Si tratta del più grande fondo italiano di capitale per lo sviluppo, costituito per dare impulso alla crescita

Dettagli

L agenda. 1. La società Mutti SPA. 2. La comunicazione Mutti SPA. 3. La comunicazione 2010 Mutti Sughi. 4. Risultati e Conclusioni

L agenda. 1. La società Mutti SPA. 2. La comunicazione Mutti SPA. 3. La comunicazione 2010 Mutti Sughi. 4. Risultati e Conclusioni L agenda 1. La società Mutti SPA 2. La comunicazione Mutti SPA 3. La comunicazione 2010 Mutti Sughi 4. Risultati e Conclusioni La mission I numeri Fatturato 2009: 117,8 mio/euro (+6,4% rispetto al 2008)

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING Ogni impresa deve decidere il programma della propria attività per l anno successivo. Il compito

Dettagli

Caso studio. Brunner AG passa ai servizi multicanale. Gennaio 2011

Caso studio. Brunner AG passa ai servizi multicanale. Gennaio 2011 Caso studio Gennaio 2011 L azienda svizzera realizza la transizione grazie all apparecchiatura di stampa di produzione digitale Commenti o domande? Sommario Introduzione... 3 Dalla stampa offset ai servizi

Dettagli

CORPORATE GIFT E REGALISTICA AZIENDALE

CORPORATE GIFT E REGALISTICA AZIENDALE Ricerca di scenario: CORPORATE GIFT E REGALISTICA AZIENDALE - focus sui regali di Natale - Il sistema delle attività promozionali Il business di riferimento è quello della regalistica aziendale, che può

Dettagli

ANALISI DI TARGETING: GLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI COSMETICI NEI PRINCIPALI CANALI D ACQUISTO

ANALISI DI TARGETING: GLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI COSMETICI NEI PRINCIPALI CANALI D ACQUISTO GFK EURISKO PER UNIPRO ANALISI DI TARGETING: GLI ACQUIRENTI DI PRODOTTI COSMETICI NEI PRINCIPALI CANALI D ACQUISTO SINOTTICA trend 2009/2 2012/2 COSMOPROF, Bologna 8 Marzo 2013 LA CURA DI SÉ E IL BENESSERE:

Dettagli

Il marketing della nautica da diporto

Il marketing della nautica da diporto Il marketing della nautica da diporto Prof Sergio Cherubini www.marketingnautico.net Perché i premi di marketing nella nautica? Page 2 Indicazioni dal panel di studio effettuato al NauticSud nn Il marketing,

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Corso di Specializzazione In Comunicazione d Impresa Efficace messa a sistema perché l Intelligenza di

Dettagli

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012

I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Quale percorso per migliorare la performance del volantino? Gianpiero Lugli Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia I trend del 2011 si sono accentuati nel 2012 Menopubblicitàepiùpromozione(dal26,4al27,4)

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales

L outsourcing nei processi di Marketing & Sales L outsourcing nei processi di Marketing & Sales Eventi & Congressi Milano 18 novembre 2010 Copyright 2010 CWT CWT nel settore Healthcare Con un esperienza più che trentennale, CWT affianca alle attività

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Divisione Ricerche Claudio Dematté LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Paolo Guenzi, Gabriele Troilo Convegno Multiconsult E nata prima la gallina Kilometro Rosso 4 dicembre

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia

La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia La certificazione biologica: ruolo di garanzia, riconoscibilita e fiducia Maurizio Canavari e Nicola Cantore Unità di Ricerca: Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria Università degli Studi di Bologna

Dettagli

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE

L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L OFFERTA PER L ORDI NE DEGLI ARCHITETTI DI VARESE L Ordine degli architetti di Varese è interessato a sviluppare a) un ciclo di incontri di formazione sulle tematiche dell internazionalizzazione da offrire

Dettagli

Approccio alla logica della finanza aziendale

Approccio alla logica della finanza aziendale Corso Formazione Approccio alla logica della finanza aziendale OBIETTIVI Capire il contenuto del bilancio per creare valore. A CHI SI RIVOLGE Tutti i manager. IMPARERETE A Capire il contenuto del bilancio

Dettagli

Strategie per il web marketing

Strategie per il web marketing Strategie per il web marketing Fasi dell orientamento d impresa Per comprendere in che misura (rivoluzionaria) internet ed il web in particolare, ha contributo allo sviluppo del mercato dei servizi e/o

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

L azienda e la pianificazione del communication mix

L azienda e la pianificazione del communication mix L azienda e la pianificazione del communication mix 1. Ruoli e figure aziendali 2. Il processo: dai desiderata alla realizzazione della comunicazione 3. Gli obiettivi della comunicazione 4. Come scegliere

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

Company Prof.ile. Il chi. Il come. Il perché.

Company Prof.ile. Il chi. Il come. Il perché. Company Prof.ile Il chi. Il come. Il perché. Sommario Introduzione Presentazione Approccio I plus La rete di progetti Servizi Perché scegliere Toast? Clienti Contatti Introduzione Il ruolo delle agenzie

Dettagli

IL PIANO DI COMUNICAZIONE DIGITALE INTEGRATO LE PRINCIPALI LEVE DEL WEB MARKETING

IL PIANO DI COMUNICAZIONE DIGITALE INTEGRATO LE PRINCIPALI LEVE DEL WEB MARKETING IL PIANO DI COMUNICAZIONE DIGITALE INTEGRATO LE PRINCIPALI LEVE DEL WEB MARKETING 2014 / 2015 Marketing sales & communication Z2123.1 II Edizione / Formula weekend 21 NOVEMBRE 2014 14 FEBBRAIO 2015 In

Dettagli

Contract istruzioni per l uso

Contract istruzioni per l uso Contract istruzioni per l uso v. 1.0 Gennaio 2014 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo uso del personale Cliente. Nessuna parte può

Dettagli

INVESTIMENTI DI DIRECT MARKETING PRESENTAZIONE DEI RISULTATI

INVESTIMENTI DI DIRECT MARKETING PRESENTAZIONE DEI RISULTATI RICERCA SU SCENARIO E INVESTIMENTI DI DIRECT MARKETING IN ITALIA E IN EUROPA NEL 2003 PRESENTAZIONE DEI RISULTATI Milano, 20 aprile 2004 Obiettivi Obiettivi di scenario Ruolo, utenza e strumenti del Direct

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli