Ogni sguardo è culturale. I nostri pregiudizi sociali si giocano nella percezione del nostro stesso colore. (M. Pastoureau, Il piccolo libro dei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ogni sguardo è culturale. I nostri pregiudizi sociali si giocano nella percezione del nostro stesso colore. (M. Pastoureau, Il piccolo libro dei"

Transcript

1

2

3 Ogni sguardo è culturale. I nostri pregiudizi sociali si giocano nella percezione del nostro stesso colore. (M. Pastoureau, Il piccolo libro dei colori).

4

5 Indice Introduzione 11 Capitolo 1. Responsabilità sociale e pubblicità sociale. Istituzioni, organizzazioni non profit e aziende commerciali a confronto Pubblicità sociale: definizione e soggetti emittenti Le tre categorie di emittenti Le istituzioni Le organizzazioni non profit Le aziende private I prodotti della pubblicità sociale Pianificazione e budget: i due problemi delle organizzazioni non profit Conseguenze a livello di analisi La responsabilità sociale delle aziende commerciali Strumenti di responsabilità sociale a confronto Breve nota metodologica...27 Capitolo 2. Modalità e multimodalità Modalità: il valore di verità delle affermazioni sul mondo La modalità visuale: strumenti di analisi Coding orientation: tipologie di visual truth Multimodalità: i testi come sistemi di comunicazione Il colore come modalità semiotica Semiotica del colore: tratti distintivi Integrative Multi-semiotic Model: un modello di analisi della pubblicità Il significato della composizione: le dimensioni dello spazio visivo Given e new Il valore informativo di destra e sinistra Ideale e reale Il valore informativo di alto e basso Il valore informativo di centro e margine La salienza: cosa cattura l attenzione del lettore Il framing: connessione e separazione degli elementi Composizioni lineari e non lineari...48 Capitolo 3. Il colore L approccio storico: storia e origini del colore... 51

6 Dalla preistoria all Antica Roma Il Medioevo ed i colori del cristianesimo Colori politeistici, colori monoteistici La Riforma protestante: morigeratezza e cromofobia Dal Seicento ai nostri giorni L approccio scientifico e psicologico Newton ed i sette colori dello spettro cromatico Colori caldi e freddi L approccio linguistico Il colore come prodotto linguistico e culturale Colori di primo e secondo livello Universalità dei colori di base: l ipotesi di Berlin e Kay Hanunoo: nelle Filippine esistono solo quattro colori? Fenomenologia dei colori fondamentali Nero: morte ed eleganza Bianco: purezza ed igiene Rosso: vita e peccato Verde: destino ed ambiguità Giallo: vitalità e infamia Blu: barbaro e spirituale Marrone, arancione, rosa, grigio e viola: le mezze tinte dall identità debole Il relativismo culturale dei colori Indagine sulle preferenze cromatiche Bianco, nero e rosso: i colori dell Africa Nera Bianco Nero Rosso Relazione fra colori base ed elementi I colori come fasi della vita e nell aspetto personale I colori dell Estremo Oriente Riflessioni per un analisi della pubblicità sociale Due tipologie di colorazione Colore e comunicazione d impresa...81 Capitolo 4. Appraisal Theory Le Tipologie di atteggiamento e il Sistema della valutazione Attitude: Affect L espressione delle sensazioni Attitude: Judgement La valutazione dei comportamenti Attitude: Appreciation La sfera estetica degli Atteggiamenti L Amplificazione degli Atteggiamenti... 92

7 La Forza degli Atteggiamenti Amplificazione del Focus Testi monologlossici ed eteroglossici Le Fonti di un testo Posizionamento intertestuale Un approfondimento Endorsement L Approvazione del pensiero altrui Source Type Tipologia della Fonte Textual Integration Il grado di assimilazione della Fonte Coinvolgimento e Posizionamento Dialogico Smentita Negazione e Contro-aspettativa Proclamazione Aspettativa e Pronunciamento Probabilise Evidenza, Probabilità, Sentito dire Attribuzione ed Extra-vocalizzazione Dialogistic expansion e Dialogistic contraction Proposizioni non dialogiche (Undialogised utterances) La Teoria della Valutazione applicata alle immagini Capitolo 5. Analisi di casi a confronto Il caso United Colors of Benetton Storia di uno scandalo La comunicazione precedente al : gli anni del cambiamento Il concetto di varietà : il ciclo dell uguaglianza Opposizioni e polemica : il ciclo della morte Le immagini d agenzia : la verità Abbandono del colore e iniziativa a scopo benefico : il ciclo del sangue Apoteosi dell advocacy Dal 1994 ai giorni nostri: il ritorno ad una comunicazione positiva La salute ABA (Associazione Bulimia Anoressia) Fondo Dove per l Autostima e Amici di Maria De Filippi AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) e Mentadent Breast Health Institute La tutela dell infanzia, delle popolazioni e delle categorie svantaggiate ActionAid International For a Smile Terre des Hommes Italia Save the Children Italia Onlus Mus-e L arte per l integrazione a scuola Humana People to People AVSI (Associazione Volontari per il Servizio Internazionale) e OptoCoop Italia - OXO...147

8 Ai.Bi. (Amici dei Bambini), Henkel e Auchan Unicef, BD (Becton, Dickinson & C.) AMREF Save Darfur Medici con l Africa Cuamm Medici Senza Frontiere Coop Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità La ricerca scientifica per il miglioramento delle condizioni di vita AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e Mieloma) Telethon, BNL Collistar e I.S.P.L.A.D. (International-Italian Society of Plastic-Aesthetic and Oncologic Dermatology) Merck Sharp & Dohme La formazione come strumento di costruzione della pace Marithé + François Girbaud e Seeds of Peace La tutela dell ambiente e del patrimonio artistico-culturale Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) Focus e MediaFriends Onlus per forplanet FAI (Fondo Ambiente Italiano) e Banca Intesa FAI (Fondo Ambiente Italiano), Radio Capital e Telecom Italia FAI (Fondo Ambiente Italiano), Wind, Infostrada e Gruppo Editoriale L Espresso Eni 30PERCENTO The Coca-Cola Company e WWF (World Wildlife Fund) La tutela degli animali LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) e Hill s La sicurezza stradale Ministero dei Trasporti ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) - Fondazione per la Sicurezza Stradale Autostrade per l Italia Conclusioni 195 Allegati 199 Allegato 5.1. Campagne pubblicitarie a confronto Allegato 5.2. Galleria immagini

9 Bibliografia 325 Volumi Articoli e saggi Sitografia 331 Ringraziamenti 337

10

11 Introduzione A forza di averli sott occhio, si finisce col non vederli più. Insomma, non li si prende sul serio. Errore! I colori [ ] veicolano dei codici, dei tabù, dei pregiudizi cui obbediamo senza saperlo, possiedono significati reconditi che influenzano profondamente il nostro ambiente, i nostri comportamenti, il nostro linguaggio e il nostro immaginario. [ ] L arte, la pittura, la decorazione, l architettura, la pubblicità, ma anche i nostri prodotti di consumo [ ], tutto è retto da un codice non scritto di cui i colori detengono il segreto. 1 Il colore è una componente fondamentale nella vita di tutti noi, ci circonda, ci affascina, ci coinvolge. A volte è sgargiante e appariscente, altre sobrio e quasi inesistente. Esso è un elemento essenziale anche nella comunicazione pubblicitaria, dove viene utilizzato in modo diverso a seconda del prodotto, del settore merceologico di appartenenza, degli obiettivi della comunicazione. Nel complesso e variegato mondo della pubblicità, quella sociale è una delle tipologie meno martellanti rispetto alla totalità della comunicazione. Occupa minore spazio nella vita di tutti i giorni, ma forse, proprio per questo, sembra essere una delle categorie più interessanti da analizzare. Essa si distingue dalla comunicazione di prodotto per la volontà di veicolare i messaggi in modo più referenziale rispetto a profumi, abbigliamento, automobili e compagnie telefoniche, che spesso tendono a gridare al mondo la propria identità, con visual accattivanti e coloratissimi, testimonial famosi e testi che cercano di valorizzare questa o quella qualità rispetto alla concorrenza. La pubblicità sociale tende a privilegiare altri canali per affermare la propria identità e riuscire ad attrarre l attenzione del lettore: testi forti, immagini a volte brutali, ma non autocelebrative, che attirano il destinatario in modo meno eclatante, ma talmente diretto che è impossibile ignorarla senza soffermarsi un momento. A mio parere la necessità di perseguire degli obiettivi moralmente ed eticamente utili è fondamentale nella ricerca di un approccio più efficace, ed è 1 Pastoureau Michel, Simonnet Dominique, Il piccolo libro dei colori, Ponte delle Grazie, Milano, 2006, pp

12 Introduzione interessante vedere come la creatività delle agenzie sia stimolata nell affrontare temi difficili come salute, sicurezza, violenza, etc. In questo settore, ad un primo sguardo, appare evidente come il colore sia utilizzato in modo differente rispetto alle altre tipologie di pubblicità: questo genere di comunicazione ricorre ad una gamma cromatica più ristretta, a volte limitata ai colori fondamentali della cultura occidentale (bianco, nero e rosso) 2, o comunque circoscritta a colori scuri e poco appariscenti. Questo in forte contrasto con la forza del messaggio che esse vogliono veicolare, grazie all utilizzo di testi pungenti e di grande impatto. La prima parte della trattazione si occuperà della pubblicità sociale ad un livello macro-testuale. In essa verranno forniti gli strumenti necessari per l analisi complessiva delle campagne, a partire dai concetti di modalità e multimodalità (nel corso del capitolo dedicato a questi temi verranno forniti alcuni esempi tratti dal corpus di analisi), con un attenzione particolare dedicata al ruolo svolto dal colore in questo ambito. I testi pubblicitari, in quanto sistemi di comunicazione, possono essere infatti esaminati come dei testi multimodali, poiché il loro significato si realizza attraverso più codici semiotici che interagiscono fra loro. In altre parole un testo multimodale utilizza contemporaneamente elementi che provengono da diversi codici semiotici di comunicazione 3. Le teorie sull analisi multimodale fanno riferimento al lavoro di Michael Halliday, che ha identificato tre metafunzioni che si realizzano in un testo 4. In questa prospettiva il colore diventa una risorsa per la costruzione del significato, il quale non può essere associato ad una sola delle metafunzioni individuate da Halliday, quella interpersonale, ma sembra piuttosto costituire un elemento a sé stante. Esso pertanto può essere analizzato come singolo sistema di comunicazione, che interagisce assieme a testi ed immagini nel processo di significazione 5. 2 Ibidem, p Cfr. Graddol S., Visual English, in Goodman S. and Graddol S., Redesigning English: New Texts, New Identities, Routledge, London, 1996, p Cfr. Kress Gunther, Van Leeuwen Theo, Reading Images. The Grammar of Visual Design, 2 nd edition, Routledge, London, 2006, pp , Le tre metafunzioni cui si fa riferimento, ideazionale, interpersonale e testuale, verranno ampiamente trattate nel secondo capitolo. 5 Ibidem, pp

13 Introduzione Nel quarto capitolo si passerà all analisi del testo verbale, grazie ad un recente approccio teorico, quello dell Appraisal Theory. Esso affronta il problema delle valutazioni che vengono sempre espresse da chi produce i testi, in modo esplicito o implicito, e fornisce degli strumenti di analisi sviluppati a partire dalla grammatica sistemico-funzionale di Halliday, focalizzando la propria attenzione sulla funzione interpersonale del testo. Tale apparato teorico trova un limite nell essere stato fino ad ora applicato soltanto all analisi dei testi verbali e non dell apparato visuale. Per questa ragione verrà formulata un ipotesi di applicazione alle immagini, al fine di fornire una teoria che permetta di esaminare le campagne pubblicitarie nel loro complesso sistema di interazione fra piano verbale e piano visuale. All interno di questo capitolo verranno analizzati a vario titolo alcuni testi ed alcune pagine pubblicitarie tratte dal corpus di entrambi gli Allegati finali. Il quinto capitolo sarà infine dedicato all analisi approfondita di alcune fra le campagne rilevate nella fase di monitoraggio delle testate che hanno fornito gran parte del materiale per questo lavoro. La ricerca è stata svolta su un campione di riviste periodiche, per un periodo di un anno (da giugno 2006 a giugno 2007), e prevede una classificazione delle pubblicità a seconda della problematica sociale trattata. Esse saranno poi analizzate singolarmente (o per campagna), alla ricerca di una relazione anche fra tematica sociale e scelte cromatiche effettuate. La scelta di limitare il campo della ricerca alla sola carta stampata nonostante la maggiore pervasività del mezzo televisivo come veicolo per la pubblicità in genere è stata dettata principalmente da ragioni di carattere pratico, in quanto essa è più facilmente reperibile e catalogabile. Durante la fase di raccolta del materiale ho cercato di mettermi in contatto diretto con la maggior parte delle aziende, delle istituzioni e delle organizzazioni non profit che hanno pubblicato gli annunci. Alcune di esse, oltre ad informazioni sul loro operato, mi hanno fornito ulteriore materiale pubblicitario rispetto a quello rilevato sulle sole riviste periodiche. Per completezza si è deciso di includerne una parte all interno dell analisi effettuata, poiché alcuni annunci completavano delle campagne rilevate solo parzialmente nel campione di partenza. Inoltre sembra opportuno sottolineare come, all interno di questo materiale in eccedenza, fossero presenti alcuni casi particolarmente interessanti, ma che non rientrano nell arco temporale definito a priori, in quanto precedenti o successivi. Alcuni di questi verranno citati nel corso della trattazione o nelle Conclusioni, ed essi, insieme ad una selezione di casi non analizzati, saranno 13

14 Introduzione riuniti nell Allegato 5.2, una sorta di galleria fotografica che permetterà di avere una visione di insieme del materiale pubblicitario di cui si dispone. A partire dal campione iniziale delle campagne rilevate, per un totale di 92 (di cui 60 realizzate da istituzioni ed organizzazioni non profit, e 29 da aziende commerciali), si è deciso di limitare il numero su cui effettuare l analisi. Sono state selezionate ed analizzate in modo approfondito 43 campagne pubblicitarie, scelte perché ritenute particolarmente interessanti sulla base degli strumenti teorici adottati. Alcune delle rimanenti sono state analizzate solo parzialmente a livello micro-testuale (nel quarto capitolo) ed inserite all interno dell Allegato 5.2. Una parte consistente di questo lavoro sarà dedicata all analisi delle campagne realizzate da istituzioni ed organizzazioni non profit. Esse verranno confrontate con le pubblicità realizzate da alcune aziende commerciali, che sia in passato sia in tempi recenti hanno destinato una parte del loro budget pubblicitario a temi sociali, unitamente alla comunicazione della propria identità. Anche le imprese che perseguono la realizzazione di profitti si rendono conto, infatti, della necessità di assumersi una responsabilità sociale, e quindi esse, in modo più o meno diretto, cercano di prendere parte alla realizzazione progetti ed iniziative a scopo benefico e socialmente utile 6. A prima vista pare che questa tipologia di pubblicità si dissoci leggermente dalle scelte cromatiche spesso sobrie delle campagne realizzate da enti non profit e istituzioni: essa fa un uso del colore più vivo e saliente, che rispetta maggiormente il potenziale strutturale della categoria degli annunci pubblicitari, poiché associa la comunicazione sociale all identità dell azienda. I quesiti che percorrono questa ricerca sono i seguenti: esiste una correlazione fra la pubblicità sociale e l uso particolare del colore che la contraddistingue? In che modo il colore si mette in relazione con il testo? Quale metafunzione è preponderante in questa tipologia di campagne? 6 A questo proposito il caso Benetton, che verrà analizzato all inizio del quinto capitolo, è variamente citato nella letteratura italiana sulla responsabilità sociale delle aziende. Per un approfondimento su questo tema si vedano per esempio Gadotti Giovanna, Gli interventi nel sociale, in Fabris Giampaolo (a c. di), La comunicazione d impresa. Dal mix di marketing al communication mix, Sperling & Kupfer, Milano, 2003, pp (in particolare, il caso Benetton è citato a p. 381) e Semprini Andrea, Analizzare la comunicazione. Come analizzare la pubblicità, le immagini, i media, Franco Angeli, Milano, 2001 (il caso Benetton viene analizzato in tutta la Prima Parte del volume). 14

15 Introduzione Una delle ipotesi mira inoltre a dimostrare se esiste, in linea generale, una certa uniformità di approccio da parte degli emittenti nel trattare tematiche sociali e di pubblica utilità. 15

16

17 Capitolo 1. Responsabilità sociale e pubblicità sociale. Istituzioni, organizzazioni non profit e aziende commerciali a confronto Questo lavoro sarà dedicato all analisi delle campagne pubblicitarie pubblicate su alcune testate di stampa periodica nazionale. Prima di procedere a questa fase appare in ogni caso opportuno introdurre innanzitutto alcuni concetti teorici relativi alla pubblicità sociale delle istituzioni, delle organizzazioni non profit e delle aziende commerciali, ai soggetti che la producono ed al metodo di ricerca utilizzato Pubblicità sociale: definizione e soggetti emittenti Non è facile fornire una definizione esaustiva e semplice del concetto di pubblicità sociale. In generale si afferma che essa si occupa di tematiche socialmente utili e di interesse per il pubblico (inteso come cittadino). La pubblicità sociale dunque si distingue da quella commerciale, che ha come obiettivi la promozione di prodotti, beni, servizi, o anche delle stesse aziende. Tuttavia in alcuni casi, e lo si potrà vedere meglio nel quinto capitolo, dedicato all analisi delle campagne, non è facile tracciare una netta linea di demarcazione, poiché negli ultimi anni, anche se con notevole ritardo rispetto ad altri paesi, anche in Italia le aziende private hanno progressivamente assunto un ruolo attivo nella comunicazione a scopi sociali e benefici 1. Secondo Gadotti, è inoltre utile fare una precisazione quando si utilizzano le espressioni pubblicità sociale e comunicazione sociale : mentre la prima si basa unicamente sulla realizzazione di campagne informative per la modifica di atteggiamenti e comportamenti, spesso con scarsi risultati, la seconda è costituita da un approccio più ampio, che ricorre anche ad altri metodi, oltre alla pubblicità vera e propria, per inviare messaggi al pubblico (ad esempio avvalendosi dell ausilio di esperti o organizzando manifestazioni ed eventi per entrare 1 Cfr. Gadotti Giovanna, Pubblicità sociale. Lineamenti, esperienze e nuovi sviluppi, Franco Angeli, Milano, 2001, pp. 19 (nota 1) e

18 Capitolo 1 in contatto più diretto con i destinatari della comunicazione) 2. Ad oggi, anno 2007, a distanza di qualche tempo da quando il testo cui si fa riferimento è stato scritto, in generale si potrebbe (o si vorrebbe) affermare che la situazione sia un po cambiata in direzione di un approccio maggiormente comunicativo e un po meno (soltanto) pubblicitario. In questa ottica pare che ci si sia parzialmente resi conto della necessità di andare oltre alle sole campagne pubblicitarie per affrontare le tematiche sociali, facendo quindi ricorso anche ad altri mezzi di informazione e di persuasione. Quanto ai generi, o alle categorie della pubblicità sociale, la letteratura identifica tre macro-tipologie: la pubblicità non commerciale (non commercial advertising), in cui rientrano annunci di enti governativi locali e nazionali, organizzazioni religiose e benefiche, gruppi politici, associazioni di cittadini. Questa tipologia di advertising può di volta in volta sostenere, proporre o appoggiare misure di pubblica utilità, sollecitare donazioni, contributi etc. La seconda categoria comprende i comunicati che si occupano di temi controversi, proponendo e sottolineando un particolare punto di vista. La natura di questa pubblicità, chiamata advocacy, è essenzialmente polemica in quanto si oppone apertamente a tesi od opinioni espresse da altri gruppi. Fra i più clamorosi esempi di questa categoria si ricorda il caso di United Colors of Benetton. L ultimo genere individuato è quello della propaganda, a cui si intende solo accennare brevemente data la sua scarsa utilità, sia ai fini di questa ricerca, sia (soprattutto) per le implicazioni politico-ideologiche che questo termine porta con sé. Secondo Kotler 3, questo modello identifica le istituzioni (politiche, statali o aziendali) che cercano di conquistare il favore dei potenziali sostenitori a favore della propria causa, a volte attraverso l uso di strumenti retorici e di manipolazione. Si tratta dunque di un tipo di comunicazione i cui obiettivi principali sono quelli politici e/o quelli religiosi. 2 Ibidem, p. 24, nota 7. In questa sede tuttavia le due espressioni verranno utilizzate come sinonime. 3 Ibidem, p. 30, nota

19 Responsabilità sociale e pubblicità sociale Le tre categorie di emittenti Una distinzione più importante rispetto alla precedente ai fini di questa ricerca riguarda la classificazione dei diversi soggetti che possono mettere in atto una comunicazione socialmente utile e viene fornita sempre da Gadotti Le istituzioni La prima grande categoria è costituita dalle istituzioni (o pubblici poteri), di cui fanno parte gli apparati di governo, sia a livello centrale che locale, ovvero ministeri, regioni, province, comuni, etc. Questi soggetti, data la loro natura, non possono mettere in atto un attività di advocacy, ma realizzano essenzialmente dei messaggi di interesse pubblico e nell interesse pubblico. Non tutta la comunicazione proveniente da questi emittenti può essere tuttavia definita come pubblicità sociale: in essa non rientrano i messaggi che hanno come scopo quello la promozione di servizi o prodotti che in qualche misura si propongono come alternativa rispetto a quelli forniti dalle aziende private e commerciali: un esempio evidente può essere costituito servizi di trasporto collettivo e privato. Al di là dei casi più evidenti, la linea di suddivisione può presentare qualche difficoltà, poiché non tutti i servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche hanno lo stesso carattere, e ve ne sono alcuni che non presentano un chiaro profilo economico: si pensi ad esempio alle strutture di assistenza sanitaria o agli asili nido. Rientrano invece nel dominio della pubblicità sociale le comunicazioni messe in atto dallo Stato per lanciare campagne dirette alla stimolazione di comportamenti collettivi funzionali al raggiungimento di obiettivi di crescita civile della società, con evidenti scopi educativi: si pensi ad esempio alle campagne di sensibilizzazione sull ecologia e la salute Le organizzazioni non profit Le organizzazioni non profit comprendono fondazioni, associazioni, movimenti di cittadini e gruppi sociali che si identificano con alcune tematiche specifiche, il cui denominatore comune è costituito dalla mancanza degli obiettivi di lucro che invece caratterizzano le aziende commerciali. Questo tipo di soggetti fa ricorso ai messaggi pubblicitari per sensibilizzare l opinione pubblica sui valori e le tematiche di cui si fanno portavoce, e per i quali a volte le istituzioni non sono in grado di fornire soluzioni adeguate o sufficienti. La maggior parte delle campagne prodotte dalle organizzazioni non profit rientra a pieno titolo nella 4 Ibidem, pp

20 Capitolo 1 pubblicità sociale, poiché fanno appello a valori universali, riconosciuti e condivisi. I temi e le problematiche affrontate sono di varia natura: si va dalle questioni ambientali, alla salute, agli animali, solo per citarne alcune. Non mancano (anzi, sono molte) infine la campagne che cercano di focalizzare la loro attenzione su fasce di popolazione o gruppi che necessitano di una tutela particolare, come i bambini, le donne e le popolazioni delle aree povere del mondo Le aziende private Le imprese commerciali negli ultimi anni hanno sempre più di frequente realizzato delle campagne comunicazione che affrontano tematiche di carattere sociale, in modo più o meno diretto, per motivi diversi, che vanno dalla necessità di assumersi una responsabilità 5 e di raggiungere obiettivi sociali nel contesto in cui esse operano, a quella di promuovere la propria immagine e legittimare la propria preminenza sociale. Questo tipo di soggetti non sempre realizza delle campagne strettamente classificabili all interno della categoria che costituisce il principale oggetto di analisi di questo lavoro, tuttavia vi sono alcuni casi in cui l impegno delle aziende private si riesce a realizzare efficacemente anche accanto agli scopi commerciali per cui esse si caratterizzano. Tra i vari fattori che possono aver portato nel corso del tempo le imprese ad adottare anche questa fra le vie della comunicazione forse vi è anche il bisogno di riqualificare il mezzo pubblicitario come strumento non solo al servizio delle attività economiche e produttive, ma anche come mezzo a servizio di cause di pubblica utilità I prodotti della pubblicità sociale Kotler 6 inoltre identifica tre «prodotti da commercializzare» nel marketing sociale 7 : essi sono suddivisibili in idee, pratiche e oggetti tangibili. 5 Questo tema verrà affrontato in maniera più approfondita nel prosieguo del capitolo. 6 Kotler Philip, Roberto Eduardo L., Marketing sociale. Strategie per modificare i comportamenti collettivi, Edizioni di Comunità, Milano, 1991, pp L espressione marketing sociale indica genericamente l attività svolta dagli enti non profit, ma anche la responsabilità sociale connessa alle imprese commerciali. Kotler effettua una netta distinzione fra marketing delle organizzazioni senza fini di lucro, marketing sociale (chiamato anche public issue marketing), e marketing inteso come responsabilità sociale delle aziende private (societal marketing). Per un approfondimento su queste tre distinzioni si veda Tamborini Stefania, Marketing e comunicazione sociale, Lupetti, Milano, 1996, pp ). 20

21 Responsabilità sociale e pubblicità sociale Le idee possono prendere la forma di credenze, attitudini o valori. Le credenze sono costituite da percezioni su dati di fatto e non implicano nessun tipo di valutazione; le attitudini sono invece delle valutazioni, positive o negative, su persone, idee, oggetti e fatti; i valori infine sono costituiti da convinzioni condivise su ciò che si ritiene giusto o sbagliato. Molte delle campagne analizzate in questa ricerca sono fondate su dei valori: ad esempio quelle di AMREF, per la tutela dei diritti, della salute e della dignità delle popolazioni africane (figg ), le pagine realizzate da Save the Children, per la tutela dei minori (figg ), la pagina pubblicitaria di Terre des Hommes, anche questa per aiutare i bambini in difficoltà (fig ). Il secondo tipo di prodotto sociale è costituito dalla pratica, che si può realizzare o attraverso l esecuzione di singoli atti, o attraverso l instaurazione di un nuovo modello di comportamento (si veda per esempio la campagna realizzata dalla LILT nel 2007 per la Giornata Mondiale Senza Tabacco, fig , e quella dell AVIS per la donazione del sangue (figg ). L ultimo tipo di prodotto è infine costituito da un oggetto tangibile, in accompagnamento ad un progetto, come ad esempio l acquisto di un prodotto a scopo benefico: si vedano gli annunci che promuovono l acquisto di una stella di Natale per offrire il proprio contributo all AIL (fig ), o di un uovo di Pasqua (fig ). Ognuna di queste tipologie di prodotto sociale condiziona notevolmente la strategia di pianificazione e realizzazione delle iniziative da mettere in atto per il raggiungimento degli obiettivi. Tuttavia, come si vedrà nel paragrafo che segue, è un fatto sotto gli occhi di tutti i consumatori-cittadini che molto spesso le campagne su tempi socialmente utili non sempre seguono delle strategie a lungo termine, ma vengono realizzate solo occasionalmente Pianificazione e budget: i due problemi delle organizzazioni non profit Vi sono due tipologie di problemi che sembrano affliggere maggiormente la pubblicità sociale, e che spesso determinano la realizzazione di campagne di scarso successo. Come sottolinea Cottardo, si verifica che molto spesso la comunicazione sociale è in molti casi un fatto assolutamente episodico, che non fa parte di una strategia più ampia. Ed è invece proprio una campagna educativa che ha bisogno di uno sforzo ripetuto negli anni per poter essere efficace. In realtà occorre pianificare l azione su di uno spazio di almeno 5 anni. [ ] 21

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014

LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 LE PAROLE DELLA PUBBLICITÀ. La comunicazione per la salute: stili e strategie. Intervento a cura di Giulia Calaprice 27 novembre 2014 A CHE CI SERVE LA PUBBLICITÀ? Oltre a interrompere un film, la pubblicità

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

Pubblicità Sociale. Pubblicita Progresso

Pubblicità Sociale. Pubblicita Progresso Pubblicità Sociale La Pubblicità Sociale detta anche campagna di utilità sociale è quella forma di pubblicità che sfrutta le proprie caratteristiche principali con lo scopo di sensibilizzare l opinione

Dettagli

IMPRESE. Corporate Fund Raising

IMPRESE. Corporate Fund Raising IMPRESE Corporate Fund Raising PREMESSA Un piano di corporate fund raising va inserito in una più ampia strategie e pianificazione dell attività di fund raising della nostra organizzazione e/o della nostra

Dettagli

Allegato 5.2. Galleria immagini

Allegato 5.2. Galleria immagini Allegato 5.2. Galleria immagini Fig. 5.2.1: Nolita 291 292 Fig. 5.2.2: Unicef Fig. 5.2.3: Goldman Sachs 293 294 Fig. 5.2.4: AMREF Fig. 5.2.5: Project Malawi, Banca Intesa 295 296 Fig. 5.2.6: Dipartimento

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing

La redazione del piano marketing per le decisioni aziendali: il caso Kimben. Modelli di Marketing ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale TITOLO DELLA TESI La redazione del piano marketing per

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

A proposito di qualità del software didattico

A proposito di qualità del software didattico A proposito di qualità del software didattico Il software va visto nel contesto d uso e va valutato sulla base dell efficacia didattica e dell integrabilità del diversi percorsi educativi Michela Ott ITD-CNR,

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI

Psicologa, Psicoterapeuta, Antropologa Articolo scaricato da HT Psicologia PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI Project management Pag. 1 di 5 PROJECT MANAGEMENT PROJECT MANAGEMENT: CARATTERISTICHE GENERALI I motivi per cui la metodologia di project management è attualmente ritenuta uno strumento vincente nella

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

LOVE MARKETING MARKETING ANALITICO

LOVE MARKETING MARKETING ANALITICO LOVE MARKETING Love Marketing è un contributo italiano che rivela un lapalissiano dato di fatto: il marketing è una tecnica che ciascuno di noi mette in atto quotidianamente nei rapporti interpersonali.

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line

Il marketing nella ristorazione. Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Libro in forma mista cartacea e digitale secondo le più recenti disposizioni di Legge, con integrazioni on line Il marketing nella ristorazione Il marketing nella ristorazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE RETETOSTA ONLUS

ASSOCIAZIONE RETETOSTA ONLUS ASSOCIAZIONE RETETOSTA ONLUS IL MANIFESTO Il Manifesto esprime i principali concetti ispiratori dei soci fondatori dell Associazione, che contribuiscono a definirne gli aspetti caratteristici e a indirizzarne

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

Secondo Rapporto sulla comunicazione sociale in Italia A cura di Enzo Cucco, Rosaria Pagani, Maura Pasquali, Antonio Soggia Carocci Editore, 2011.

Secondo Rapporto sulla comunicazione sociale in Italia A cura di Enzo Cucco, Rosaria Pagani, Maura Pasquali, Antonio Soggia Carocci Editore, 2011. Secondo Rapporto sulla comunicazione sociale in Italia A cura di Enzo Cucco, Rosaria Pagani, Maura Pasquali, Antonio Soggia Carocci Editore, 2011. 8 Stili e strategie per comunicare la salute di Elisa

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE

APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE APPROFONDIMENTO RISORSE UMANE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LEADERSHIP E TEAM BUILDING La soddisfazione del lavoratore A livello individuale, la gestione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLA NORMA UNI EN ISO 9001:2008 IN ORGANIZZAZIONI CHE EROGANO SERVIZI E OPERANO PER PROGETTI, PRATICHE O COMMESSE ottobre 2010 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo delle

Dettagli

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2.

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. Gabriella Debetto Il presente fascicolo contiene le proposte didattiche elaborate dai docenti che hanno partecipato all intervento formativo Scrivere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

I linguaggi della pubblicità sociale

I linguaggi della pubblicità sociale I linguaggi della pubblicità sociale 6 lezione 30 settembre 2011 Quale linguaggio scegliere? Quale linguaggio (o stile comunicativo) è opportuno utilizzare nelle campagne sociali? Naturalmente non esiste

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI L educazione ai diritti umani può essere definita come l insieme dei programmi e delle attività educative centrati sulla promozione dell uguaglianza della dignità umana, al

Dettagli

Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 società: "X.Z.Y. srl Spese di pubblicità e rappresentanza

Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell articolo 21 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 società: X.Z.Y. srl Spese di pubblicità e rappresentanza R is oluzione 14 novembre 2002, n.356 E - Caus e r elated marketing, AGENZIA DELLE ENTRATE Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 novembre 2002 Oggetto: istanza d interpello ai sensi dell

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

1 Chi siamo? Learning School è composto da professionisti con anni di esperienza dedicati alla risoluzione di problemi connessi con la gestione delle risorse umane in azienda 2 Chi siamo? Ognuno con le

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA

DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA Anno Scolastico 2014/2015 LICEO ARTISTICO INDIRIZZO: GRAFICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA A DISCIPLINE GRAFICHE e LABORATORIO DI GRAFICA SECONDO BIENNIO/QUINTO ANNO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITÀ Conoscere

Dettagli

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta

PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI. Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta PROGETTI SEZIONE VIOLA VIOLA 3 ANNI ANNI Ins.:Imma Esposito Maria Carlotta LE STAGIONI CI ACCOMPAGNANO NEL MONDO DEI COLORI Questo progetto è rivolto ai bambini di 3 anni, che pur non essendo ancora del

Dettagli

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1

LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4. Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 LABORATORIO DI PSICOLOGIA COGNITIVA LA PERSUASIONE 4 Gaia Vicenzi - Laboratorio di 1 PUBBLICITA MARCA Gaia Vicenzi - Laboratorio di 2 LA PUBBLICITA Parlare di comunicazione persuasiva oggi significa evocare

Dettagli

Marketing. Per realizzare la pubblicità outdoor le PMI hanno a disposizione numerose agenzie di comunicazione

Marketing. Per realizzare la pubblicità outdoor le PMI hanno a disposizione numerose agenzie di comunicazione Outdoor: quando e perché realizzarla Per outdoor, ossia fuori casa si intendono tutte quelle attività promozionali e pubblicitarie che sono visibili all esterno delle pareti domestiche. Si tratta in sintesi

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management

di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management IL BILANCIO COME STRUMENTO DI MARKETING di Teresa Tardia Marketing e vendite >> Marketing e management Con le nuove metodologie e analisi che tendono a rilevare la relazione dell impresa con il suo ambiente

Dettagli

Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro

Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro Temi in preparazione alla maturità Pianificazione, controllo di gestione, analisi degli scostamenti, abc, costo del lavoro di Piero BERTOGLIO MATERIE: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a Istituto Professionale

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE I PROCESSI AZIENDALI E PROGETTI UDA 3 I PRINCIPI DEL PROJECT MANAGEMENT

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING

LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING COMMENTO FRASI LA FILOSOFIA GESTIONALE DEL MARKETING Il management deve convincersi non di fabbricare prodotti, ma di fornire soddisfazioni che creano valore per i clienti (Levitt) - mission del mkt è

Dettagli

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.

Catalogo formativo 2013. INGENIA Group. Manuale commerciale. Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013. Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup. Catalogo formativo 2013 INGENIA Group Manuale commerciale Manuale commerciale 1C - AM/CA 10/2013 Per informazioni: coordinamento@ingeniagroup.it MARKETING & INNOVAZIONE Percorso formativo e-mail MARKETING

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO

IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO Far riconoscere i fattori fondamentali attraverso cui l azienda individua e interpreta gli orientamenti della clientela Acquisire consapevolezza dell'importanza di

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student

LA PUBBLICITA NEL MARKETING. A cura di Francesco Paolone, PhD student LA PUBBLICITA NEL MARKETING A cura di Francesco Paolone, PhD student Indice Cenni sulla pubblicità Aspetti legali Modello promozionale Pubblicità come parte integrante del marketing mix Componenti di una

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO

INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO OSSERVATORIO CULTURALE DEL PIEMONTE INDAGINE CONOSCITIVA SULL ASSOCIAZIONISMO DEL VOLONTARIATO CULTURALE IN PROVINCIA DI TORINO SINTESI L Indagine sull associazionismo del volontariato culturale è una

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI

PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE UNEBA EDUCAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO E AL RICICLO DEI RIFIUTI L UNEBA vuole sottolineare che l ambiente è sempre più al centro delle strategie di sviluppo della comunità

Dettagli

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE

TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI CUCINA E DELLA RISTORAZIONE 105 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ARTISTICA Lo studente al termine del PRIMO CICLO possiede:

Dettagli

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA

CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE ESPRESSIONE ARTISTICA Consapevolezza dell importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione, compresi

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI ARTE E IMMAGINE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI FORMATIVI TRAGUARDI Educare al piacere del bello e del sentire estetico Stimolare la creatività attraverso lì esplorazione di materiali

Dettagli

IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA. A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale)

IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA. A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale) IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale) VERSO UN NUOVO UMANESIMO ECONOMICO E nata una nuova

Dettagli

DALLA MUTUALITA ALLA CITTADINANZA ATTIVA Forlì 27 ottobre 2012

DALLA MUTUALITA ALLA CITTADINANZA ATTIVA Forlì 27 ottobre 2012 VERSO LA CONFERENZA APS DALLA MUTUALITA ALLA CITTADINANZA ATTIVA Forlì 27 ottobre 2012 Non si vuole fare un intervento di carattere storico sulle mutue operaie, sulle società operaie di mutuo soccorso,

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

5.6. INGLESE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE PRIMO BIENNIO

5.6. INGLESE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE PRIMO BIENNIO 5.6. INGLESE Coordinatore del Dipartimento di lingue comunitarie: prof.ssa Elena Galeotti Docenti componenti il Dipartimento di lingue comunitarie: proff. Isabella Birrini, Stefania Colavizza, Paola Fogar,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

cambiamenti e adeguamenti comunicazione strategica comunicare nelle organizzazioni strategie di comunicazione

cambiamenti e adeguamenti comunicazione strategica comunicare nelle organizzazioni strategie di comunicazione Comunicazione aziendale cambiamenti e adeguamenti comunicazione strategica comunicare nelle organizzazioni strategie di comunicazione 1 Comunicazione aziendale cambiamenti e adeguamenti 2 cambiamenti le

Dettagli

La semplicità nella comunicazione pubblicitaria Alcuni spunti di riflessione

La semplicità nella comunicazione pubblicitaria Alcuni spunti di riflessione La semplicità nella comunicazione pubblicitaria Alcuni spunti di riflessione Giovanna Gadotti Quando la rivista Aperture ha proposto per il nuovo numero il tema della semplicità, invitandomi ad applicare

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making

L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making Raccolta fondi IDEE E STRUMENTI L integrazione tra ciclo del fund raising e ciclo del grant making di Valerio Melandri* e Francesco Santini** Fund raising e grant making sono due facce della stessa medaglia.

Dettagli

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita

La funzione dell imprenditore è proprio quella di controllare e di guidare questa costante evoluzione, queste continue influenze sulla vita PREMESSA L evoluzione dell Industria italiana nel secondo dopoguerra può essere suddivisa in tre fasi distinte: la prima si colloca nel periodo compreso tra gli anni cinquanta e gli anni sessanta, la seconda

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015

Le indagini dell IID. ASSIF 17 giugno 2015 Le indagini dell IID ASSIF 17 giugno 2015 PERCHE IID INIZIA A FARE INDAGINI? Per rispondere ad una serie di domande da parte di attori diversi Da parte del non profit (associati e non) Da parte dei donatori

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale

Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale SCUOLA PRIMARIA GIOTTO CARPI Potenziamento linguistico per bambini stranieri, livello 2 Caro diario, caro amico Il linguaggio informale della comunicazione confidenziale Anno Scolastico 2011-2012 Insegnanti

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Strumenti e tecniche per il sociale

Strumenti e tecniche per il sociale Strumenti e tecniche per il sociale Il Cause Related Marketing Le Relazioni Pubbliche 9 lezione - 7 ottobre 2011 Il Cause Related Marketing Cause Related Marketing: definizione Il Cause Related Marketing,

Dettagli