Ogni sguardo è culturale. I nostri pregiudizi sociali si giocano nella percezione del nostro stesso colore. (M. Pastoureau, Il piccolo libro dei

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ogni sguardo è culturale. I nostri pregiudizi sociali si giocano nella percezione del nostro stesso colore. (M. Pastoureau, Il piccolo libro dei"

Transcript

1

2

3 Ogni sguardo è culturale. I nostri pregiudizi sociali si giocano nella percezione del nostro stesso colore. (M. Pastoureau, Il piccolo libro dei colori).

4

5 Indice Introduzione 11 Capitolo 1. Responsabilità sociale e pubblicità sociale. Istituzioni, organizzazioni non profit e aziende commerciali a confronto Pubblicità sociale: definizione e soggetti emittenti Le tre categorie di emittenti Le istituzioni Le organizzazioni non profit Le aziende private I prodotti della pubblicità sociale Pianificazione e budget: i due problemi delle organizzazioni non profit Conseguenze a livello di analisi La responsabilità sociale delle aziende commerciali Strumenti di responsabilità sociale a confronto Breve nota metodologica...27 Capitolo 2. Modalità e multimodalità Modalità: il valore di verità delle affermazioni sul mondo La modalità visuale: strumenti di analisi Coding orientation: tipologie di visual truth Multimodalità: i testi come sistemi di comunicazione Il colore come modalità semiotica Semiotica del colore: tratti distintivi Integrative Multi-semiotic Model: un modello di analisi della pubblicità Il significato della composizione: le dimensioni dello spazio visivo Given e new Il valore informativo di destra e sinistra Ideale e reale Il valore informativo di alto e basso Il valore informativo di centro e margine La salienza: cosa cattura l attenzione del lettore Il framing: connessione e separazione degli elementi Composizioni lineari e non lineari...48 Capitolo 3. Il colore L approccio storico: storia e origini del colore... 51

6 Dalla preistoria all Antica Roma Il Medioevo ed i colori del cristianesimo Colori politeistici, colori monoteistici La Riforma protestante: morigeratezza e cromofobia Dal Seicento ai nostri giorni L approccio scientifico e psicologico Newton ed i sette colori dello spettro cromatico Colori caldi e freddi L approccio linguistico Il colore come prodotto linguistico e culturale Colori di primo e secondo livello Universalità dei colori di base: l ipotesi di Berlin e Kay Hanunoo: nelle Filippine esistono solo quattro colori? Fenomenologia dei colori fondamentali Nero: morte ed eleganza Bianco: purezza ed igiene Rosso: vita e peccato Verde: destino ed ambiguità Giallo: vitalità e infamia Blu: barbaro e spirituale Marrone, arancione, rosa, grigio e viola: le mezze tinte dall identità debole Il relativismo culturale dei colori Indagine sulle preferenze cromatiche Bianco, nero e rosso: i colori dell Africa Nera Bianco Nero Rosso Relazione fra colori base ed elementi I colori come fasi della vita e nell aspetto personale I colori dell Estremo Oriente Riflessioni per un analisi della pubblicità sociale Due tipologie di colorazione Colore e comunicazione d impresa...81 Capitolo 4. Appraisal Theory Le Tipologie di atteggiamento e il Sistema della valutazione Attitude: Affect L espressione delle sensazioni Attitude: Judgement La valutazione dei comportamenti Attitude: Appreciation La sfera estetica degli Atteggiamenti L Amplificazione degli Atteggiamenti... 92

7 La Forza degli Atteggiamenti Amplificazione del Focus Testi monologlossici ed eteroglossici Le Fonti di un testo Posizionamento intertestuale Un approfondimento Endorsement L Approvazione del pensiero altrui Source Type Tipologia della Fonte Textual Integration Il grado di assimilazione della Fonte Coinvolgimento e Posizionamento Dialogico Smentita Negazione e Contro-aspettativa Proclamazione Aspettativa e Pronunciamento Probabilise Evidenza, Probabilità, Sentito dire Attribuzione ed Extra-vocalizzazione Dialogistic expansion e Dialogistic contraction Proposizioni non dialogiche (Undialogised utterances) La Teoria della Valutazione applicata alle immagini Capitolo 5. Analisi di casi a confronto Il caso United Colors of Benetton Storia di uno scandalo La comunicazione precedente al : gli anni del cambiamento Il concetto di varietà : il ciclo dell uguaglianza Opposizioni e polemica : il ciclo della morte Le immagini d agenzia : la verità Abbandono del colore e iniziativa a scopo benefico : il ciclo del sangue Apoteosi dell advocacy Dal 1994 ai giorni nostri: il ritorno ad una comunicazione positiva La salute ABA (Associazione Bulimia Anoressia) Fondo Dove per l Autostima e Amici di Maria De Filippi AVIS (Associazione Volontari Italiani Sangue) ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) e Mentadent Breast Health Institute La tutela dell infanzia, delle popolazioni e delle categorie svantaggiate ActionAid International For a Smile Terre des Hommes Italia Save the Children Italia Onlus Mus-e L arte per l integrazione a scuola Humana People to People AVSI (Associazione Volontari per il Servizio Internazionale) e OptoCoop Italia - OXO...147

8 Ai.Bi. (Amici dei Bambini), Henkel e Auchan Unicef, BD (Becton, Dickinson & C.) AMREF Save Darfur Medici con l Africa Cuamm Medici Senza Frontiere Coop Dipartimento per i Diritti e le Pari Opportunità La ricerca scientifica per il miglioramento delle condizioni di vita AIL (Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e Mieloma) Telethon, BNL Collistar e I.S.P.L.A.D. (International-Italian Society of Plastic-Aesthetic and Oncologic Dermatology) Merck Sharp & Dohme La formazione come strumento di costruzione della pace Marithé + François Girbaud e Seeds of Peace La tutela dell ambiente e del patrimonio artistico-culturale Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica) Focus e MediaFriends Onlus per forplanet FAI (Fondo Ambiente Italiano) e Banca Intesa FAI (Fondo Ambiente Italiano), Radio Capital e Telecom Italia FAI (Fondo Ambiente Italiano), Wind, Infostrada e Gruppo Editoriale L Espresso Eni 30PERCENTO The Coca-Cola Company e WWF (World Wildlife Fund) La tutela degli animali LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari Italiani) e Hill s La sicurezza stradale Ministero dei Trasporti ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) - Fondazione per la Sicurezza Stradale Autostrade per l Italia Conclusioni 195 Allegati 199 Allegato 5.1. Campagne pubblicitarie a confronto Allegato 5.2. Galleria immagini

9 Bibliografia 325 Volumi Articoli e saggi Sitografia 331 Ringraziamenti 337

10

11 Introduzione A forza di averli sott occhio, si finisce col non vederli più. Insomma, non li si prende sul serio. Errore! I colori [ ] veicolano dei codici, dei tabù, dei pregiudizi cui obbediamo senza saperlo, possiedono significati reconditi che influenzano profondamente il nostro ambiente, i nostri comportamenti, il nostro linguaggio e il nostro immaginario. [ ] L arte, la pittura, la decorazione, l architettura, la pubblicità, ma anche i nostri prodotti di consumo [ ], tutto è retto da un codice non scritto di cui i colori detengono il segreto. 1 Il colore è una componente fondamentale nella vita di tutti noi, ci circonda, ci affascina, ci coinvolge. A volte è sgargiante e appariscente, altre sobrio e quasi inesistente. Esso è un elemento essenziale anche nella comunicazione pubblicitaria, dove viene utilizzato in modo diverso a seconda del prodotto, del settore merceologico di appartenenza, degli obiettivi della comunicazione. Nel complesso e variegato mondo della pubblicità, quella sociale è una delle tipologie meno martellanti rispetto alla totalità della comunicazione. Occupa minore spazio nella vita di tutti i giorni, ma forse, proprio per questo, sembra essere una delle categorie più interessanti da analizzare. Essa si distingue dalla comunicazione di prodotto per la volontà di veicolare i messaggi in modo più referenziale rispetto a profumi, abbigliamento, automobili e compagnie telefoniche, che spesso tendono a gridare al mondo la propria identità, con visual accattivanti e coloratissimi, testimonial famosi e testi che cercano di valorizzare questa o quella qualità rispetto alla concorrenza. La pubblicità sociale tende a privilegiare altri canali per affermare la propria identità e riuscire ad attrarre l attenzione del lettore: testi forti, immagini a volte brutali, ma non autocelebrative, che attirano il destinatario in modo meno eclatante, ma talmente diretto che è impossibile ignorarla senza soffermarsi un momento. A mio parere la necessità di perseguire degli obiettivi moralmente ed eticamente utili è fondamentale nella ricerca di un approccio più efficace, ed è 1 Pastoureau Michel, Simonnet Dominique, Il piccolo libro dei colori, Ponte delle Grazie, Milano, 2006, pp

12 Introduzione interessante vedere come la creatività delle agenzie sia stimolata nell affrontare temi difficili come salute, sicurezza, violenza, etc. In questo settore, ad un primo sguardo, appare evidente come il colore sia utilizzato in modo differente rispetto alle altre tipologie di pubblicità: questo genere di comunicazione ricorre ad una gamma cromatica più ristretta, a volte limitata ai colori fondamentali della cultura occidentale (bianco, nero e rosso) 2, o comunque circoscritta a colori scuri e poco appariscenti. Questo in forte contrasto con la forza del messaggio che esse vogliono veicolare, grazie all utilizzo di testi pungenti e di grande impatto. La prima parte della trattazione si occuperà della pubblicità sociale ad un livello macro-testuale. In essa verranno forniti gli strumenti necessari per l analisi complessiva delle campagne, a partire dai concetti di modalità e multimodalità (nel corso del capitolo dedicato a questi temi verranno forniti alcuni esempi tratti dal corpus di analisi), con un attenzione particolare dedicata al ruolo svolto dal colore in questo ambito. I testi pubblicitari, in quanto sistemi di comunicazione, possono essere infatti esaminati come dei testi multimodali, poiché il loro significato si realizza attraverso più codici semiotici che interagiscono fra loro. In altre parole un testo multimodale utilizza contemporaneamente elementi che provengono da diversi codici semiotici di comunicazione 3. Le teorie sull analisi multimodale fanno riferimento al lavoro di Michael Halliday, che ha identificato tre metafunzioni che si realizzano in un testo 4. In questa prospettiva il colore diventa una risorsa per la costruzione del significato, il quale non può essere associato ad una sola delle metafunzioni individuate da Halliday, quella interpersonale, ma sembra piuttosto costituire un elemento a sé stante. Esso pertanto può essere analizzato come singolo sistema di comunicazione, che interagisce assieme a testi ed immagini nel processo di significazione 5. 2 Ibidem, p Cfr. Graddol S., Visual English, in Goodman S. and Graddol S., Redesigning English: New Texts, New Identities, Routledge, London, 1996, p Cfr. Kress Gunther, Van Leeuwen Theo, Reading Images. The Grammar of Visual Design, 2 nd edition, Routledge, London, 2006, pp , Le tre metafunzioni cui si fa riferimento, ideazionale, interpersonale e testuale, verranno ampiamente trattate nel secondo capitolo. 5 Ibidem, pp

13 Introduzione Nel quarto capitolo si passerà all analisi del testo verbale, grazie ad un recente approccio teorico, quello dell Appraisal Theory. Esso affronta il problema delle valutazioni che vengono sempre espresse da chi produce i testi, in modo esplicito o implicito, e fornisce degli strumenti di analisi sviluppati a partire dalla grammatica sistemico-funzionale di Halliday, focalizzando la propria attenzione sulla funzione interpersonale del testo. Tale apparato teorico trova un limite nell essere stato fino ad ora applicato soltanto all analisi dei testi verbali e non dell apparato visuale. Per questa ragione verrà formulata un ipotesi di applicazione alle immagini, al fine di fornire una teoria che permetta di esaminare le campagne pubblicitarie nel loro complesso sistema di interazione fra piano verbale e piano visuale. All interno di questo capitolo verranno analizzati a vario titolo alcuni testi ed alcune pagine pubblicitarie tratte dal corpus di entrambi gli Allegati finali. Il quinto capitolo sarà infine dedicato all analisi approfondita di alcune fra le campagne rilevate nella fase di monitoraggio delle testate che hanno fornito gran parte del materiale per questo lavoro. La ricerca è stata svolta su un campione di riviste periodiche, per un periodo di un anno (da giugno 2006 a giugno 2007), e prevede una classificazione delle pubblicità a seconda della problematica sociale trattata. Esse saranno poi analizzate singolarmente (o per campagna), alla ricerca di una relazione anche fra tematica sociale e scelte cromatiche effettuate. La scelta di limitare il campo della ricerca alla sola carta stampata nonostante la maggiore pervasività del mezzo televisivo come veicolo per la pubblicità in genere è stata dettata principalmente da ragioni di carattere pratico, in quanto essa è più facilmente reperibile e catalogabile. Durante la fase di raccolta del materiale ho cercato di mettermi in contatto diretto con la maggior parte delle aziende, delle istituzioni e delle organizzazioni non profit che hanno pubblicato gli annunci. Alcune di esse, oltre ad informazioni sul loro operato, mi hanno fornito ulteriore materiale pubblicitario rispetto a quello rilevato sulle sole riviste periodiche. Per completezza si è deciso di includerne una parte all interno dell analisi effettuata, poiché alcuni annunci completavano delle campagne rilevate solo parzialmente nel campione di partenza. Inoltre sembra opportuno sottolineare come, all interno di questo materiale in eccedenza, fossero presenti alcuni casi particolarmente interessanti, ma che non rientrano nell arco temporale definito a priori, in quanto precedenti o successivi. Alcuni di questi verranno citati nel corso della trattazione o nelle Conclusioni, ed essi, insieme ad una selezione di casi non analizzati, saranno 13

14 Introduzione riuniti nell Allegato 5.2, una sorta di galleria fotografica che permetterà di avere una visione di insieme del materiale pubblicitario di cui si dispone. A partire dal campione iniziale delle campagne rilevate, per un totale di 92 (di cui 60 realizzate da istituzioni ed organizzazioni non profit, e 29 da aziende commerciali), si è deciso di limitare il numero su cui effettuare l analisi. Sono state selezionate ed analizzate in modo approfondito 43 campagne pubblicitarie, scelte perché ritenute particolarmente interessanti sulla base degli strumenti teorici adottati. Alcune delle rimanenti sono state analizzate solo parzialmente a livello micro-testuale (nel quarto capitolo) ed inserite all interno dell Allegato 5.2. Una parte consistente di questo lavoro sarà dedicata all analisi delle campagne realizzate da istituzioni ed organizzazioni non profit. Esse verranno confrontate con le pubblicità realizzate da alcune aziende commerciali, che sia in passato sia in tempi recenti hanno destinato una parte del loro budget pubblicitario a temi sociali, unitamente alla comunicazione della propria identità. Anche le imprese che perseguono la realizzazione di profitti si rendono conto, infatti, della necessità di assumersi una responsabilità sociale, e quindi esse, in modo più o meno diretto, cercano di prendere parte alla realizzazione progetti ed iniziative a scopo benefico e socialmente utile 6. A prima vista pare che questa tipologia di pubblicità si dissoci leggermente dalle scelte cromatiche spesso sobrie delle campagne realizzate da enti non profit e istituzioni: essa fa un uso del colore più vivo e saliente, che rispetta maggiormente il potenziale strutturale della categoria degli annunci pubblicitari, poiché associa la comunicazione sociale all identità dell azienda. I quesiti che percorrono questa ricerca sono i seguenti: esiste una correlazione fra la pubblicità sociale e l uso particolare del colore che la contraddistingue? In che modo il colore si mette in relazione con il testo? Quale metafunzione è preponderante in questa tipologia di campagne? 6 A questo proposito il caso Benetton, che verrà analizzato all inizio del quinto capitolo, è variamente citato nella letteratura italiana sulla responsabilità sociale delle aziende. Per un approfondimento su questo tema si vedano per esempio Gadotti Giovanna, Gli interventi nel sociale, in Fabris Giampaolo (a c. di), La comunicazione d impresa. Dal mix di marketing al communication mix, Sperling & Kupfer, Milano, 2003, pp (in particolare, il caso Benetton è citato a p. 381) e Semprini Andrea, Analizzare la comunicazione. Come analizzare la pubblicità, le immagini, i media, Franco Angeli, Milano, 2001 (il caso Benetton viene analizzato in tutta la Prima Parte del volume). 14

15 Introduzione Una delle ipotesi mira inoltre a dimostrare se esiste, in linea generale, una certa uniformità di approccio da parte degli emittenti nel trattare tematiche sociali e di pubblica utilità. 15

16

17 Capitolo 1. Responsabilità sociale e pubblicità sociale. Istituzioni, organizzazioni non profit e aziende commerciali a confronto Questo lavoro sarà dedicato all analisi delle campagne pubblicitarie pubblicate su alcune testate di stampa periodica nazionale. Prima di procedere a questa fase appare in ogni caso opportuno introdurre innanzitutto alcuni concetti teorici relativi alla pubblicità sociale delle istituzioni, delle organizzazioni non profit e delle aziende commerciali, ai soggetti che la producono ed al metodo di ricerca utilizzato Pubblicità sociale: definizione e soggetti emittenti Non è facile fornire una definizione esaustiva e semplice del concetto di pubblicità sociale. In generale si afferma che essa si occupa di tematiche socialmente utili e di interesse per il pubblico (inteso come cittadino). La pubblicità sociale dunque si distingue da quella commerciale, che ha come obiettivi la promozione di prodotti, beni, servizi, o anche delle stesse aziende. Tuttavia in alcuni casi, e lo si potrà vedere meglio nel quinto capitolo, dedicato all analisi delle campagne, non è facile tracciare una netta linea di demarcazione, poiché negli ultimi anni, anche se con notevole ritardo rispetto ad altri paesi, anche in Italia le aziende private hanno progressivamente assunto un ruolo attivo nella comunicazione a scopi sociali e benefici 1. Secondo Gadotti, è inoltre utile fare una precisazione quando si utilizzano le espressioni pubblicità sociale e comunicazione sociale : mentre la prima si basa unicamente sulla realizzazione di campagne informative per la modifica di atteggiamenti e comportamenti, spesso con scarsi risultati, la seconda è costituita da un approccio più ampio, che ricorre anche ad altri metodi, oltre alla pubblicità vera e propria, per inviare messaggi al pubblico (ad esempio avvalendosi dell ausilio di esperti o organizzando manifestazioni ed eventi per entrare 1 Cfr. Gadotti Giovanna, Pubblicità sociale. Lineamenti, esperienze e nuovi sviluppi, Franco Angeli, Milano, 2001, pp. 19 (nota 1) e

18 Capitolo 1 in contatto più diretto con i destinatari della comunicazione) 2. Ad oggi, anno 2007, a distanza di qualche tempo da quando il testo cui si fa riferimento è stato scritto, in generale si potrebbe (o si vorrebbe) affermare che la situazione sia un po cambiata in direzione di un approccio maggiormente comunicativo e un po meno (soltanto) pubblicitario. In questa ottica pare che ci si sia parzialmente resi conto della necessità di andare oltre alle sole campagne pubblicitarie per affrontare le tematiche sociali, facendo quindi ricorso anche ad altri mezzi di informazione e di persuasione. Quanto ai generi, o alle categorie della pubblicità sociale, la letteratura identifica tre macro-tipologie: la pubblicità non commerciale (non commercial advertising), in cui rientrano annunci di enti governativi locali e nazionali, organizzazioni religiose e benefiche, gruppi politici, associazioni di cittadini. Questa tipologia di advertising può di volta in volta sostenere, proporre o appoggiare misure di pubblica utilità, sollecitare donazioni, contributi etc. La seconda categoria comprende i comunicati che si occupano di temi controversi, proponendo e sottolineando un particolare punto di vista. La natura di questa pubblicità, chiamata advocacy, è essenzialmente polemica in quanto si oppone apertamente a tesi od opinioni espresse da altri gruppi. Fra i più clamorosi esempi di questa categoria si ricorda il caso di United Colors of Benetton. L ultimo genere individuato è quello della propaganda, a cui si intende solo accennare brevemente data la sua scarsa utilità, sia ai fini di questa ricerca, sia (soprattutto) per le implicazioni politico-ideologiche che questo termine porta con sé. Secondo Kotler 3, questo modello identifica le istituzioni (politiche, statali o aziendali) che cercano di conquistare il favore dei potenziali sostenitori a favore della propria causa, a volte attraverso l uso di strumenti retorici e di manipolazione. Si tratta dunque di un tipo di comunicazione i cui obiettivi principali sono quelli politici e/o quelli religiosi. 2 Ibidem, p. 24, nota 7. In questa sede tuttavia le due espressioni verranno utilizzate come sinonime. 3 Ibidem, p. 30, nota

19 Responsabilità sociale e pubblicità sociale Le tre categorie di emittenti Una distinzione più importante rispetto alla precedente ai fini di questa ricerca riguarda la classificazione dei diversi soggetti che possono mettere in atto una comunicazione socialmente utile e viene fornita sempre da Gadotti Le istituzioni La prima grande categoria è costituita dalle istituzioni (o pubblici poteri), di cui fanno parte gli apparati di governo, sia a livello centrale che locale, ovvero ministeri, regioni, province, comuni, etc. Questi soggetti, data la loro natura, non possono mettere in atto un attività di advocacy, ma realizzano essenzialmente dei messaggi di interesse pubblico e nell interesse pubblico. Non tutta la comunicazione proveniente da questi emittenti può essere tuttavia definita come pubblicità sociale: in essa non rientrano i messaggi che hanno come scopo quello la promozione di servizi o prodotti che in qualche misura si propongono come alternativa rispetto a quelli forniti dalle aziende private e commerciali: un esempio evidente può essere costituito servizi di trasporto collettivo e privato. Al di là dei casi più evidenti, la linea di suddivisione può presentare qualche difficoltà, poiché non tutti i servizi offerti dalle amministrazioni pubbliche hanno lo stesso carattere, e ve ne sono alcuni che non presentano un chiaro profilo economico: si pensi ad esempio alle strutture di assistenza sanitaria o agli asili nido. Rientrano invece nel dominio della pubblicità sociale le comunicazioni messe in atto dallo Stato per lanciare campagne dirette alla stimolazione di comportamenti collettivi funzionali al raggiungimento di obiettivi di crescita civile della società, con evidenti scopi educativi: si pensi ad esempio alle campagne di sensibilizzazione sull ecologia e la salute Le organizzazioni non profit Le organizzazioni non profit comprendono fondazioni, associazioni, movimenti di cittadini e gruppi sociali che si identificano con alcune tematiche specifiche, il cui denominatore comune è costituito dalla mancanza degli obiettivi di lucro che invece caratterizzano le aziende commerciali. Questo tipo di soggetti fa ricorso ai messaggi pubblicitari per sensibilizzare l opinione pubblica sui valori e le tematiche di cui si fanno portavoce, e per i quali a volte le istituzioni non sono in grado di fornire soluzioni adeguate o sufficienti. La maggior parte delle campagne prodotte dalle organizzazioni non profit rientra a pieno titolo nella 4 Ibidem, pp

20 Capitolo 1 pubblicità sociale, poiché fanno appello a valori universali, riconosciuti e condivisi. I temi e le problematiche affrontate sono di varia natura: si va dalle questioni ambientali, alla salute, agli animali, solo per citarne alcune. Non mancano (anzi, sono molte) infine la campagne che cercano di focalizzare la loro attenzione su fasce di popolazione o gruppi che necessitano di una tutela particolare, come i bambini, le donne e le popolazioni delle aree povere del mondo Le aziende private Le imprese commerciali negli ultimi anni hanno sempre più di frequente realizzato delle campagne comunicazione che affrontano tematiche di carattere sociale, in modo più o meno diretto, per motivi diversi, che vanno dalla necessità di assumersi una responsabilità 5 e di raggiungere obiettivi sociali nel contesto in cui esse operano, a quella di promuovere la propria immagine e legittimare la propria preminenza sociale. Questo tipo di soggetti non sempre realizza delle campagne strettamente classificabili all interno della categoria che costituisce il principale oggetto di analisi di questo lavoro, tuttavia vi sono alcuni casi in cui l impegno delle aziende private si riesce a realizzare efficacemente anche accanto agli scopi commerciali per cui esse si caratterizzano. Tra i vari fattori che possono aver portato nel corso del tempo le imprese ad adottare anche questa fra le vie della comunicazione forse vi è anche il bisogno di riqualificare il mezzo pubblicitario come strumento non solo al servizio delle attività economiche e produttive, ma anche come mezzo a servizio di cause di pubblica utilità I prodotti della pubblicità sociale Kotler 6 inoltre identifica tre «prodotti da commercializzare» nel marketing sociale 7 : essi sono suddivisibili in idee, pratiche e oggetti tangibili. 5 Questo tema verrà affrontato in maniera più approfondita nel prosieguo del capitolo. 6 Kotler Philip, Roberto Eduardo L., Marketing sociale. Strategie per modificare i comportamenti collettivi, Edizioni di Comunità, Milano, 1991, pp L espressione marketing sociale indica genericamente l attività svolta dagli enti non profit, ma anche la responsabilità sociale connessa alle imprese commerciali. Kotler effettua una netta distinzione fra marketing delle organizzazioni senza fini di lucro, marketing sociale (chiamato anche public issue marketing), e marketing inteso come responsabilità sociale delle aziende private (societal marketing). Per un approfondimento su queste tre distinzioni si veda Tamborini Stefania, Marketing e comunicazione sociale, Lupetti, Milano, 1996, pp ). 20

21 Responsabilità sociale e pubblicità sociale Le idee possono prendere la forma di credenze, attitudini o valori. Le credenze sono costituite da percezioni su dati di fatto e non implicano nessun tipo di valutazione; le attitudini sono invece delle valutazioni, positive o negative, su persone, idee, oggetti e fatti; i valori infine sono costituiti da convinzioni condivise su ciò che si ritiene giusto o sbagliato. Molte delle campagne analizzate in questa ricerca sono fondate su dei valori: ad esempio quelle di AMREF, per la tutela dei diritti, della salute e della dignità delle popolazioni africane (figg ), le pagine realizzate da Save the Children, per la tutela dei minori (figg ), la pagina pubblicitaria di Terre des Hommes, anche questa per aiutare i bambini in difficoltà (fig ). Il secondo tipo di prodotto sociale è costituito dalla pratica, che si può realizzare o attraverso l esecuzione di singoli atti, o attraverso l instaurazione di un nuovo modello di comportamento (si veda per esempio la campagna realizzata dalla LILT nel 2007 per la Giornata Mondiale Senza Tabacco, fig , e quella dell AVIS per la donazione del sangue (figg ). L ultimo tipo di prodotto è infine costituito da un oggetto tangibile, in accompagnamento ad un progetto, come ad esempio l acquisto di un prodotto a scopo benefico: si vedano gli annunci che promuovono l acquisto di una stella di Natale per offrire il proprio contributo all AIL (fig ), o di un uovo di Pasqua (fig ). Ognuna di queste tipologie di prodotto sociale condiziona notevolmente la strategia di pianificazione e realizzazione delle iniziative da mettere in atto per il raggiungimento degli obiettivi. Tuttavia, come si vedrà nel paragrafo che segue, è un fatto sotto gli occhi di tutti i consumatori-cittadini che molto spesso le campagne su tempi socialmente utili non sempre seguono delle strategie a lungo termine, ma vengono realizzate solo occasionalmente Pianificazione e budget: i due problemi delle organizzazioni non profit Vi sono due tipologie di problemi che sembrano affliggere maggiormente la pubblicità sociale, e che spesso determinano la realizzazione di campagne di scarso successo. Come sottolinea Cottardo, si verifica che molto spesso la comunicazione sociale è in molti casi un fatto assolutamente episodico, che non fa parte di una strategia più ampia. Ed è invece proprio una campagna educativa che ha bisogno di uno sforzo ripetuto negli anni per poter essere efficace. In realtà occorre pianificare l azione su di uno spazio di almeno 5 anni. [ ] 21

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA

TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TECNICHE PROFESSIONALI PER IL COMMERCIO E LA GRAFICA PUBBLICITARIA TERZO ANNO U.D.A.: 01 LA MULTIMEDIALITÀ Individuare ed utilizzare le moderne forme di comunicazione visiva e multimediale, anche con riferimento

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Il Marketing Strategico La mente del mercato aspetta solo di essere esplorata Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni

Dettagli

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa

Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa Laboratorio per preadolescenti Questo non è lavoro e tanto meno festa in preparazione all Incontro Mondiale delle Famiglie di Milano 2012 L IDEA - I più piccoli sono sempre i primi a gioire e sempre pronti

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Artability. Tlab - 1 interim report

Artability. Tlab - 1 interim report Artability Tlab - 1 interim report Introduzione Il progetto Artability è un progetto biennale per lo scambio di buone pratiche che possono motivare le persone con disabilità di partecipare al processo

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Tutorial. al Piano di Miglioramento

Tutorial. al Piano di Miglioramento Tutorial al Piano di Miglioramento Il presente documento è protetto ai sensi della vigente normativa sul diritto d'autore Legge 6 del 9 e ss.mm.ii. Come definito nell introduzione il Piano di Miglioramento

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA

CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA CODICE EUROPEO DI ETICA SPORTIVA (approvato dai Ministri europei responsabili per lo Sport, riuniti a Rodi per la loro 7^ conferenza, 13-15 maggio 1992) FAIR PLAY - IL MODO VINCENTE CHI GIOCA LEALMENTE

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie

L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie L Agenzia per le ONLUS e l accountability del Terzo Settore a cura di ADRIANO PROPERSI. L accountability, cioè il rendere conto delle proprie attività a tutti i soggetti interessati, è un valore per tutte

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA

OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA OPPORTUNITA FORMATIVE IRECOOP EMILIA ROMAGNA SEDE DI RAVENNA PROGETTARE IN EUROPA Risultati attesi La partecipazione ad un bando europeo presuppone, prima di tutto, lo sviluppo di un idea progettuale contenutisticamente

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

FILIPPO MARIA CAILOTTO SOLDI DAGLI SPONSOR

FILIPPO MARIA CAILOTTO SOLDI DAGLI SPONSOR FILIPPO MARIA CAILOTTO SOLDI DAGLI SPONSOR Strategie di Marketing e Segreti per Negoziare con Successo le Sponsorizzazioni per i Tuoi Eventi 2 Titolo SOLDI DAGLI SPONSOR Autore Filippo Maria Cailotto Editore

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE GIUGNO 2014 GLI OBIETTIVI Nell ambito del progetto impari A SCUOLA, è stata svolta un indagine negli istituti scolastici secondari di primo

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

I linguaggi della pubblicità sociale

I linguaggi della pubblicità sociale I linguaggi della pubblicità sociale 6 lezione 30 settembre 2011 Quale linguaggio scegliere? Quale linguaggio (o stile comunicativo) è opportuno utilizzare nelle campagne sociali? Naturalmente non esiste

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera

CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione in lingua straniera ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA PRIMARIA Fine classe terza Fine classe quinta COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ CONOSCENZE

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO»

LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» LICEO SCIENTIFICO «MARIO PAGANO» anno scolastico 2012/2013 PROGETTO GIORNALINO DI ISTITUTO DOCENTI REFERENTI DESTINATARI FINALITA' prof.sse Maria-Eleonora De Nisco Claudia Liberatore Alunni di tutte le

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo

Vademecum per organizzare un evento CaffExpo Vademecum per organizzare un evento CaffExpo 1 - Cosa è CaffExpo Nato da un idea del Centro di Ricerca sull agricoltura sostenibile OPERA e sviluppato grazie al contributo importante di altri centri di

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design

È ORA di diventare GRANdI. MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop. MASTER IN GRAPHIC design MASTER IN GRAPHIC E WEb design 328 ore 76 lezioni da 4 ore 2 Volte a settimana + 6 WorKshop È ORA di diventare GRANdI MASTER IN GRAPHIC design CERTIFIED ASSOCIATE AbC formazione PROfESSIONALE Via Pisanelli,

Dettagli

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio

DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio DISCIPLINE GRAFICHE Secondo Biennio COMPETENZE PECUP COMPETENZE DISCIPLINA CONOSCENZE CONTENUTI TEMPI 1 Conoscere e saper applicare i principi della percezione e della composizione Sviluppare le capacità

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante

Che cosa può rendere felice la società? Quale lavoro può migliorare la società? Guida per l insegnante Che cosa può rendere felice la società? Guida per l insegnante Obiettivi educativi generali Compito di esplorazione - Immaginare diverse modalità di risoluzione dei problemi. - Dare risposte originali.

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

cambiamenti e adeguamenti comunicazione strategica comunicare nelle organizzazioni strategie di comunicazione

cambiamenti e adeguamenti comunicazione strategica comunicare nelle organizzazioni strategie di comunicazione Comunicazione aziendale cambiamenti e adeguamenti comunicazione strategica comunicare nelle organizzazioni strategie di comunicazione 1 Comunicazione aziendale cambiamenti e adeguamenti 2 cambiamenti le

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI

AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI AMNESTY INTERNATIONAL E L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI Prof.ssa Marilina Marrone COS È L EDUCAZIONE AI DIRITTI UMANI (EDU)? «L EDU è una pratica intenzionale e partecipativa vòlta a favorire la presa di

Dettagli

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007

PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE. Laboratorio Life Skills Education 2007 PROMUOVERE LO SVILUPPO PERSONALE E SOCIALE 200 Programma di lavoro PRIMA PARTE: FONDAMENTI TEORICI la scuola dell autonomia come contesto di promozione della salute e dello sviluppo personale e sociale

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli