Analisi delle principali criticità incontrate dalle imprese del settore della pesca nel percorso di accesso al credito

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi delle principali criticità incontrate dalle imprese del settore della pesca nel percorso di accesso al credito"

Transcript

1 Analisi delle principali criticità incontrate dalle imprese del settore della pesca nel Pagina 1 di 58

2 INDICE 1 PREMESSE E QUADRO MACROECONOMICO LE CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE DI INDAGINE LE TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI UTILIZZATI LE FINALITA DI IMPIEGO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI LE STRATEGIE AZIENDALI NEI RAPPORTI CON IL SISTEMA DEL CREDITO GLI ACCORDI DI BASILEA: CONOSCENZA, IMPLICAZIONI E PROSPETTIVE LE DINAMICHE DELL ACCESSO AL CREDITO CONCLUSIONI...52 Pagina 2 di 58

3 1 PREMESSE E QUADRO MACROECONOMICO Sono ormai diversi anni che il mercato del credito ha cambiato i propri parametri operativi. Il mondo delle imprese e quello delle banche hanno attraversato, su versanti diversi, numerosi momenti difficili, in una spirale che ha spesso amplificato i fattori recessivi del contesto economico e finanziario internazionale. L accesso al credito è così diventato un passaggio critico, mettendo in difficoltà le imprese con situazione finanziaria non equilibrata e con troppa dipendenza dal debito bancario. Le banche, anche sotto la pressione di più stringenti parametri imposti dalle autorità di vigilanza, hanno assunto frequentemente atteggiamenti restrittivi ed hanno incrementato i costi (commissioni e spread) del denaro. Dall inizio del secolo e fino al 2007 il modello di finanziamento bancario ha permesso alle imprese italiane un soddisfacente (quando non abbondante) grado di disponibilità creditizia. Ciò ha rafforzato i canali di dipendenza delle imprese italiane dal settore bancario, rinviando quel processo di diversificazione delle fonti di finanziamento (verso obbligazioni e capitalizzazione interna, soprattutto). La crisi economica ha messo in evidenza il difetto più destabilizzante del sistema banco centrico di finanziamento alle imprese: la prociclicità. La stretta creditizia si è perciò abbattuta con maggior reverbero sulle economie come quella italiana e spagnola che, non avendo sviluppato solide alternative ai prestiti bancari, si sono ritrovate senza liquidità sufficiente. Già a partire dal primo semestre 2014 la quota di imprese italiane che non ha ottenuto il credito bancario richiesto è andata riducendosi, come rilevato dalle Pagina 3 di 58

4 indagini qualitative Istat e confermato dalla Survey on the access to finance of SMEs (SAFE) condotta congiuntamente da Commissione Europea e BCE. Il Rapporto sulla stabilità finanziaria emesso nel maggio 2014 da Banca d Italia delinea il quadro macroeconomico generale in Italia; esso evidenzia che pur in presenza di un lieve miglioramento nell ultima parte dell anno, nel 2013 la redditività delle imprese è rimasta su livelli molto bassi. Le recenti indagini congiunturali segnalano un miglioramento delle aspettative degli imprenditori sull andamento della domanda nei prossimi mesi, in particolare tra le aziende esportatrici e tra quelle di maggiore dimensione; le condizioni per investire sono considerate più favorevoli rispetto ai mesi scorsi e prevalgono previsioni di crescita della spesa per investimenti nel Le condizioni finanziarie delle imprese restano nel complesso deboli. I casi di interruzione dell attività produttiva o di avvio di procedure concorsuali hanno raggiunto nel 2013 un nuovo massimo; il saldo demografico delle imprese, pari a circa unità, resta positivo ma di oltre due terzi inferiore a quello osservato nel quinquennio precedente. Negli ultimi mesi del 2013 sono tuttavia emersi segnali di lieve miglioramento. La crescita delle sofferenze è divenuta meno intensa; i dati CERVED indicano una moderata riduzione della quota dei mancati pagamenti sul valore complessivo delle fatture in scadenza e della percentuale di imprese in ritardo nei pagamenti. Si è rafforzato nel corso del 2013 il calo dei debiti finanziari iniziato a metà del 2011 (-2,7 per cento su base annua). In rapporto al PIL i debiti sono diminuiti di due punti percentuali, all 81,0 per cento. Il calo è essenzialmente ascrivibile ai prestiti bancari che hanno continuato a contrarsi anche nei primi mesi del 2014 (-4,2 per cento, su base annua, a marzo 2014). Gli intermediari italiani intervistati nell ambito Pagina 4 di 58

5 dell indagine sul credito (Bank Lending Survey) segnalano un attenuazione nella severità dei criteri di offerta che restano tuttavia restrittivi. L indagine condotta dall Istat nei primi mesi del 2014 presso le imprese manifatturiere indica che la percentuale di aziende che dichiarano difficoltà nell accesso al credito è rimasta elevata, attorno al 18 per cento tra le aziende con meno di 50 addetti e al 12 tra quelle più grandi. Al calo del credito ha contribuito, oltre alla debole dinamica degli investimenti, l accelerazione dei rimborsi dei debiti della Pubblica amministrazione, che molte imprese hanno utilizzato per ridurre l esposizione nei confronti degli intermediari: alla fine di marzo del 2014 erano stati rimborsati 23,5 miliardi, circa la metà della cifra stanziata per il biennio Alcune rilevazioni effettuate da associazioni imprenditoriali indicano tempi di pagamento della Pubblica amministrazione leggermente inferiori rispetto al passato, benché ancora lontani dai giorni prescritti dalle regole europee (cfr. il riquadro: I debiti commerciali delle Amministrazioni pubbliche, in Bollettino economico, n. 2, 2014). Come nel 2012, tra le società più grandi e finanziariamente più solide il calo del credito ha riflesso in buona parte la sostituzione tra debiti bancari e titoli obbligazionari. Per le piccole e medie imprese (PMI) la principale misura a sostegno dell accesso al credito resta il Fondo centrale di garanzia, che ha raggiunto nell anno 2013 un picco di domande accolte (circa ) e di finanziamenti garantiti (10,8 miliardi). Nuovi ampliamenti dell attività del Fondo potranno derivare dall aumento della sua dotazione e dai cambiamenti nelle modalità operative introdotti di recente (cfr. Rapporto sulla stabilità finanziaria, n. 6, 2013). Nel luglio 2013 l ABI e le principali Pagina 5 di 58

6 associazioni imprenditoriali hanno sottoscritto una nuova moratoria, la terza dal 2009, che ripropone misure di sospensione dei pagamenti e allungamento dei finanziamenti in favore delle PMI; i criteri di accesso all iniziativa, analoghi a quelli del precedente accordo, escludono le imprese che presentano anomalie nel rimborso dei debiti. L adesione è risultata meno ampia che in passato: nel 2013 sono state accolte circa domande per un totale di quote di capitale sospese pari a 3,3 miliardi. Un miglioramento della capacità di accesso al credito nel medio periodo potrà derivare dagli incentivi alla patrimonializzazione delle imprese introdotti dal decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 (ACE, Aiuto alla crescita economica) e rafforzati con la legge di stabilità per il 2014: lo scarso apporto del capitale di rischio è infatti una delle caratteristiche che maggiormente hanno limitato le capacità delle aziende di ottenere nuovi finanziamenti durante la crisi. La debolezza della ripresa e le difficoltà di accesso al credito rimarranno i principali fattori di rischio per le imprese nei prossimi mesi. Pur in presenza di attese positive sull evoluzione della domanda di beni e servizi, tra le aziende di minore dimensione sono ancora molto diffusi i problemi di liquidità e di finanziamento. Ritardi nel recupero della redditività potranno incidere soprattutto sulla solidità delle imprese finanziariamente più fragili: secondo gli ultimi dati disponibili, relativi ai bilanci di circa società in larga parte rappresentate da microimprese, nel 2012 la quota di aziende vulnerabili (quelle con un rapporto tra oneri finanziari e MOL superiore al 50%) era prossima al 33% e l incidenza dei loro prestiti sul totale del credito alle imprese era pari al 46%; la vulnerabilità è più elevata tra le imprese di minore dimensione e tra quelle del settore delle costruzioni. Per conoscere le dinamiche creditizie del sistema produttivo delle imprese della pesca e analizzare aspetti relativi al rapporto tra aziende e sistema del credito non Pagina 6 di 58

7 rilevate dalle statistiche ufficiali, è stata realizzata un indagine campionaria tra imprese del settore dislocate sull intero territorio nazionale. Tale indagine ha consentito di rilevare e analizzare l attenzione e la propensione delle imprese della pesca italiane a ricorrere al sistema del credito, le valutazioni delle imprese stesse sull accessibilità e sui costi del credito, ossia su una delle variabili di particolare rilievo nei processi di sviluppo imprenditoriale e di crescita economica, e le prospettive per il prossimo futuro, anche alla luce dei cambiamenti introdotti dagli Accordi di Basilea. Pagina 7 di 58

8 2 LE CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE DI INDAGINE L indagine è stata realizzata su un campione rappresentativo di imprese attive dislocate sull intero territorio nazionale e disaggregate per volume della produzione e localizzazione geografica. L indagine campionaria ha riguardato le risposte effettivamente fornite da 79 imprese cooperative, intervistate attraverso la somministrazione ai Titolari/Responsabili delle aziende di un questionario strutturato da compilarsi on line su apposita piattaforma web predisposta dal Settore Pesca delle centrali cooperative AGCI, CONFOCOOPERATIVE e LEGACOOP aderenti alla Alleanza delle Cooperative Italiane. Le interviste alle aziende sono state realizzate nel periodo compreso tra novembre 2013 e settembre Le imprese coinvolte nell indagine sono equamente suddivise sul territorio nazionale con una distribuzione del 30% al nord, del 27% al sud e il rimanente 43% tra sud e isole (Tav.1). Le imprese analizzate appartengono tutte alla categorie delle piccole imprese o microimprese secondo la definizione del D.M. 18 aprile 2005 del Ministero dello sviluppo economico che riprende i parametri di classificazione della Raccomandazione della Commissione europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003 relativa alla definizione delle microimprese, piccole e medie imprese, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale Unione europea legge n. L 124 del 20 maggio Secondo tale impostazione, è definita piccola impresa quella che : Pagina 8 di 58

9 a) ha meno di 50 occupati, e b) ha un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 10 milioni di euro. E definita microimpresa quella che: a) ha meno di 10 occupati, e b) ha un fatturato annuo oppure un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro. In particolare l analisi del numero occupati (Tav. 2) mostra che la maggior parte del campione (64%) presenta una popolazione tra le imprese con un numero di occupati inferiore o uguale a 10, mentre una quota minoritaria è rappresentata dalle imprese con un grado di occupazione tra gli 11 e i 19 addetti e quelle con un numero maggiore di o uguale a 20, rispettivamente il 12% e il 24%. Pagina 9 di 58

10 Tav. 1 Distribuzione geografica del campione Nord 30% Sud e isole 43% Centro 27% Pagina 10 di 58

11 Tav. 2 Distribuzione del campione per numero di occupati >=20 24% 11<x<19 12% <=10 64% Pagina 11 di 58

12 3 LE TIPOLOGIE DI STRUMENTI FINANZIARI UTILIZZATI Alle imprese del campione è stato richiesto di indicare quali fossero le più importanti fonti di finanziamento dell attività di impresa. Le risposte del campione sono suddivise equamente tra l autofinanziamento e il ricorso al sistema del credito (Istituti bancari e altre imprese finanziarie), attestandosi rispettivamente al 46% e al 54% denotando un sostanziale equilibrio tra fonti interne ed esterne alle imprese (Tav.3). E stato altresì richiesto di specificare la categoria delle fonti interne ed esterne di finanziamento (Tav. 4), e al proposito si è rilevato che tra le fonti interne di finanziamento (autofinanziamento) viene privilegiato l apporto di capitale sociale da parte di soci cooperatori (52%) seguito dall apporto di risorse finanziarie da prestito sociale (29%) e dall apporto di capitale sociale da parte di soci sovventori (19%). Il prestito sociale nelle imprese cooperative si configura come una particolare forma di apporto di mezzi finanziari propri (autofinanziamento) disciplinato dalla legge nell impresa cooperativa che contraddistingue da sempre la relazione tra il socio e la sua cooperativa: il socio impegna una parte delle proprie disponibilità finanziarie per sostenere la cooperativa e il suo sviluppo, oltre che a tutela del proprio risparmio, ed è considerato uno strumento essenziale per il conseguimento dello scopo mutualistico e per la realizzazione dell oggetto sociale. La figura del socio sovventore si inserisce, diversamente, nella più ampia categoria dei soci finanziatori. In particolare la normativa prevede la possibilità di diventare soci di una cooperativa senza il diritto/dovere di prestare la propria opera, pur partecipando gli scopi sociali, al progetto complessivo, come sovventori, Pagina 12 di 58

13 sottoscrivendo azioni della cooperativa. Si diventa socio sovventore sottoscrivendo un fondo di sviluppo tecnologico o di ristrutturazione aziendale. Considerando le fonti di finanziamento di terzi o esterne, si rileva che sono privilegiati i finanziamenti bancari a medio-lungo termine (40%) rispetto quelli sempre provenienti dal sistema bancario a breve termine (33%); il 27% del campione di imprese intervistate fa prevalentemente ricorso a fonti esterne alternative al sistema creditizio bancario quali società finanziarie e di leasing (Tav. 5). A fronte dei finanziamenti richiesti a fonti esterne sono state richieste garanzie nel 65% dei casi mentre nel 35% non sono state chieste. L importo della garanzia prestata dall impresa è risultato più alto del valore del finanziamento concesso nel 39% dei casi mentre il 26% delle imprese ha prestato garanzie comprese tra il 50% e il 100% del valore del finanziamento concesso (Tav. 6) Pagina 13 di 58

14 Tav. 3 Tipologie di strumenti finanziari utilizzati Auto finanziamento 46% Istituti finanziari 54% Pagina 14 di 58

15 Tav. 4 Tipologie di autofinanziamento Soci sovventori 19% Capitale sociale 52% Prestito sociale 29% Pagina 15 di 58

16 Tav. 5 Tipologie di finanziamento di terzi Altro 27% Finanaziamento bancario ML 40% Finanaziamento bancario BT 33% Pagina 16 di 58

17 Tav. 6 Garanzie richieste dagli Istituti di finanziamento >=100% 39% Nessuna garanzia 35% 50%<x<100% 26% Pagina 17 di 58

18 4 LE FINALITA DI IMPIEGO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Alle imprese del campione è stato richiesto di indicare quali fossero le finalità sottostanti il fabbisogno di finanziamento dell impresa. Le risposte del campione hanno visto prevalere le esigenze di nuovi investimenti ( 58%) ma una percentuale significativa del campione (42%) ha indicato l esigenza di liquidità di cassa quale motivazione principale del fabbisogno (Tav. 7). Pagina 18 di 58

19 Tav. 7 Fabbisogni di finanziamento Liquidità 42% Investimento 58% Pagina 19 di 58

20 5 LE STRATEGIE AZIENDALI NEI RAPPORTI CON IL SISTEMA DEL CREDITO Alle imprese del campione sono state sottoposte una serie di domande al fine di evidenziare il quadro del rapporto relazionale banca impresa. A tal fine l analisi è partita dalla comprensione del numero medio dei partner bancari dell impresa; appare evidente la prevalente tendenza delle imprese a ricorrere ad un solo Istituto di credito (62%), seguono le aziende con rapporti con due/quattro Istituti (30%) e, infine, con una percentuale nettamente minoritaria dell 8% quelle con cinque o più Istituti (Tav. 8). La Tav. 9 evidenzia le ragioni sottostanti al rapporto con diversi Istituti di credito che risiedono principalmente nella motivazione della necessità di soddisfare maggiori esigenze finanziarie (60%), seguite dall esigenza di ottenere servizi diversi (24%) ed infine dalla necessità di ridurre il costo del credito (16%). La Tav. 10 mette in evidenza le motivazioni generali alla base della scelta di un Istituto di credito; la maggioranza del campione di aziende intervistate ritiene che la vicinanza fisica e l esistenza di rapporti personali siano i principali parametri di scelta (42%), seguiti da una significativa percentuale (36%) che identifica il parametro di scelta nella qualità generale dei servizi offerti. Parametri residuali risultano il costo del denaro minore (9%), le minori garanzie richieste (9%) e il livello di consulenza prestata (4%). Relativamente alla dimensione di Istituto prescelto, il campione intervistato mostra una netta preferenza degli Istituti Territoriali (74%) rispetto quelli Nazionali (26%); le motivazioni di tale preferenza sembrano risiedere sia nelle migliori Pagina 20 di 58

21 condizioni economiche generali di erogazione del finanziamento sia nel maggior volume erogato (Tav. 11 e 12). Dalla più puntuale analisi delle risposte fornite emerge pertanto la significativa criticità del rapporto con gli Istituti di livello nazionale che sembrano offrire peggiori condizioni sia nel costo dell indebitamento che nel volume di erogato; in tal senso il campione ha riscontrato maggiori difficoltà di accesso al credito bancario dovuto pertanto sia a riduzioni o revoche degli affidamenti bancari sia ad inasprimento degli oneri finanziari. Infine si è ritenuto importante comprendere le esigenze di servizi di tipo gestionale richieste al sistema creditizio, richiedendo alle imprese per quali dei servizi si desidererebbe ottenere un maggior supporto da parte degli Istituti stessi ai fini di ottimizzare l accesso al credito; l analisi mostra come le aziende intervistate abbiano indicato diversi fattori critici e comunque che il supporto maggiormente apprezzato e richiesto sia quello relativo al miglioramento della gestione finanziaria aziendale (47%), seguito dalla individuazione di finanziamenti agevolati (23%) e dal supporto ad eventuali rinegoziazioni dell indebitamento (10%); a livello residuale e per una percentuale del 20% cumulato risultano preferiti i supporti in materia di semplificazione istruttorie, di facilità di accesso al credito, la maggiore trasparenza del rapporto e la maggior personalizzazione del servizio (Tav. 13). Pagina 21 di 58

22 Tav. 8 Distribuzione del numero degli Istituti di finanziamento >5 8% 2/4 30% 1 62% Pagina 22 di 58

23 Tav. 9 Motivazioni alla base dell'utilizzo di diversi Istituti Per ottenere servizi diversi 24% Per ridurre il costo del credito 16% Per soddisfare maggiori esigenze finanziare 60% Pagina 23 di 58

24 Tav. 10 Motivazioni alla base della scelta dell'istituto di credito Minori garanzie richieste 9% Livello consulenza prestata 4% Costo del denaro minore 9% Vicinanza fisica / Esistenza di rapporti personali 42% Qualità generale dei servizi offerti 36% Pagina 24 di 58

25 Tav. 11 Condizioni del credito: costo indebitamento Stesse condizioni; 21% Stesse condizioni; 27% Peggiori condizioni; 15% Peggiori condizioni; 43% Migliori condizioni; 65% Migliori condizioni; 30% Istituti territoriali Istituti nazionali Pagina 25 di 58

26 Tav. 12 Condizioni del credito: volume credito erogato Stesse condizioni; 23% Peggiori condizioni; 13% Stesse condizioni; 41% Migliori condizioni; 67% Peggiori condizioni; 41% Migliori condizioni; 23% Istituti territoriali Istituti nazionali Pagina 26 di 58

27 Tav. 13 Necessità di servizi da parte degli Istituti di credito Individuazione di finanziamenti agevolati 23% Altro 20% Miglioramento gestione finanziaria aziendale 47% Rinegoziazione dell indebitame nto 10% Pagina 27 di 58

28 6 GLI ACCORDI DI BASILEA: CONOSCENZA, IMPLICAZIONI E PROSPETTIVE A seguito della crisi finanziaria del 2008 il Comitato di Basilea ha approvato una serie di provvedimenti al fine di modificare e perfezionare la preesistente regolamentazione prudenziale del settore bancario, l efficacia dell azione di vigilanza e la capacità degli intermediari di gestire i rischi assunti (Basilea III). Tali regole, che integrano o sostituiscono quelle precedenti, meglio note come Basilea I e II, si articolano principalmente su tre punti: la garanzia di liquidità a breve, la trasformazione delle scadenze e i requisiti di capitale. Il dibattito sui possibili effetti delle nuove regole è molto intenso, in quanto sono state sollevate alcune critiche sulla eccessiva penalizzazione che queste potrebbero comportare per i sistemi bancari caratterizzati da modelli di business più orientati al finanziamento dell economia reale rispetto a quelli più incentrati sulla finanza. Se questo elemento di criticità sollevato venisse confermato, le nuove regole di Basilea III correrebbero il rischio, a giudizio di alcuni rappresentanti del sistema imprenditoriale, di riflettersi negativamente sul sostegno del settore bancario alle piccole e medie imprese del territorio. Negli ultimi anni le banche, conseguentemente a quanto sopra evidenziato, hanno modificato le proprie modalità operative in materia di concessione del credito, anche nei confronti delle PMI. Alla base di tale modifica vi è una significativa trasformazione del settore bancario europeo. L evoluzione della gestione del rischio, accompagnata da trasformazioni strutturali (quali le crescenti aspettative di rendimento degli azionisti, l intensificazione della concorrenza e, in alcune zone, la recessione economica a cui è seguito un aumento Pagina 28 di 58

29 degli accantonamenti ai fondi rischi su crediti), ha indotto le banche a prestare maggior attenzione alla misurazione e alla gestione della propria esposizione al rischio di credito, nonché alla propria adeguatezza patrimoniale rispetto a questo rischio. Per le PMI il mutamento del quadro regolamentare sull adeguatezza patrimoniale degli intermediari creditizi determina significative conseguenze. Le banche analizzano con maggiore profondità la capacità dei clienti di rimborsare i prestiti. Nelle valutazioni che le banche effettuano per misurare i rischi connessi ai prestiti, le caratteristiche del singolo cliente assumono un rilievo crescente, e vengono sintetizzate in un «rating». Le banche si servono di questi sistemi per misurare i livelli di rischio di ciascun prestito e per determinarne così il relativo prezzo, congruo rispetto al rischio sopportato. Queste trasformazioni incidono direttamente sulle relazioni d affari tra impreseclienti e banche. Mentre per le grandi imprese le conseguenze sono abbastanza contenute, data la loro maggiore dimestichezza con i metodi di valutazione basati su sistemi di rating, per molte PMI i cambiamenti sono significativi. Le banche, infatti, sottopongono queste ultime a una valutazione (o rating) interna sempre più completa, anche quando chiederanno prestiti modesti. Le PMI sono quindi destinate a confrontarsi con una varietà sempre più ampia di prezzi e condizioni di accesso al credito. A prescindere dagli effetti sull economia reale, che saranno più noti e quindi più facilmente analizzati nel prossimo futuro, è interessante rilevare il livello di conoscenza e di consapevolezza del campione di imprese intervistate sui contenuti degli Accordi di Basilea. Pagina 29 di 58

30 Indicato quanto in premessa, l indagine ha voluto mettere in rilievo le principali criticità che necessariamente discendono dal meccanismo di valutazione dell impresa imposto dalle regole di Basilea. A tal fine si è richiesto al campione di imprese una serie di quesiti per comprendere il grado di conoscenza e di percezione delle implicazioni in ambito aziendale. Il primo quesito si riferisce alla conoscenza o utilizzazione di strumenti di autovalutazione del merito di credito nel campione di imprese; dall analisi delle risposte è emersa la criticità che la maggior parte delle imprese(68%) non si è mai preoccupata di affrontare il tema della (auto)valutazione d impresa pur magari essendo al corrente della materia mentre solo il 20% lo ha fatto ma più preoccupante è la condizione che il 12% degli intervistati non era a conoscenza del significato stesso (Tav. 14). Il secondo quesito è relativo al livello di conoscenza del rating dell'azienda sulle varie banche con le quali le aziende operano e le dinamiche/fattori/parametri che ne influenzano il valore; anche in questo caso emerge la criticità della non conoscenza della posizione aziendale pur conoscendone la problematica (52%) e della scarsa o assente conoscenza della materia (8%) mentre una buona percentuale (40%) è a conoscenza della propria posizione (Tav. 15). Il terzo quesito è mirato a evidenziare la conoscenza dell utilizzo dello strumento della Centrale dei Rischi. La Centrale dei Rischi (CR) è un sistema informativo sull'indebitamento della clientela verso le banche e le società finanziarie (intermediari). Gli intermediari comunicano mensilmente alla Banca d'italia il totale dei crediti verso i propri clienti: i crediti pari o superiori a euro e i crediti in sofferenza di qualunque importo. Pagina 30 di 58

31 La Banca d'italia fornisce mensilmente agli intermediari le informazioni sul debito totale verso il sistema creditizio di ciascun cliente segnalato. La Centrale dei Rischi ha l'obiettivo di: - migliorare il processo di valutazione del merito di credito della clientela - innalzare la qualità del credito concesso dagli intermediari - rafforzare la stabilità finanziaria del sistema creditizio. La Centrale dei Rischi favorisce l'accesso al credito per la clientela "meritevole". I dati della CR sono riservati. Chi vuole conoscere la propria posizione presso la Centrale dei Rischi può rivolgersi alle Filiali della Banca d'italia. Le principali informazioni contenute nella CR sono: - Crediti per cassa - Crediti di firma - Garanzie ricevute - Derivati finanziari - Sezione informativa I crediti per cassa comprendono cinque categorie di crediti in ordine di rischiosità crescente: - Rischi auto liquidanti, che derivano da operazioni che presentano una fonte di rimborso predeterminata - Rischi a scadenza, che si riferiscono a operazioni con scadenza fissata per contratto, senza una fonte di rimborso prefissata (es. prestiti personali, mutui, pronti contro termine) - Rischi a revoca, che consistono in aperture di credito in c/c concesse per elasticità di cassa con clausola fino a revoca - Finanziamenti a procedura concorsuale e altri finanziamenti particolari Pagina 31 di 58

32 - Sofferenze, ovvero crediti verso soggetti in stato di insolvenza anche non accertato giudizialmente I crediti di firma si dividono in due categorie: garanzie commerciali e garanzie finanziarie. Nella sezione informativa rientrano: - Le operazioni effettuate per conto terzi - I crediti per cassa effettuati in pool - I crediti acquisiti da clientela diversa da intermediari debitori ceduti - I rischi auto liquidanti crediti scaduti - I crediti passati a perdita - I crediti ceduti a terzi A tal fine, considerata l importanza del documento in relazione alla conoscenza della posizione finanziaria dell impresa, si è chiesto se essa era stata consultata/monitorata negli ultimi 3/6 mesi; l indagine ha evidenziato aspetti significativamente critici poiché il 63% delle aziende non ne effettua il monitoraggio periodico, il 16% non ne conosce l esistenza e solo il 21% del campione ne conosce l esistenza e ne effettua una consultazione periodica (Tav. 16). Un altro aspetto di forte criticità è stato messo in evidenza dall ulteriore quesito circa l effettuazione periodica di analisi dei bilanci da parte delle imprese; poco meno della meta del campione (44%) ha indicato che non esegue o non è in grado di eseguire analisi periodiche dei valori di bilancio contro il (56%) che invece le esegue periodicamente (Tav. 17). La criticità rilevata non è di poco conto poiché la comprensione delle dinamiche aziendali non può certamente prescindere dall analisi delle dinamiche contabili che Pagina 32 di 58

33 hanno nello strumento del bilancio d esercizio o comunque nelle situazioni contabili periodiche degli importanti strumenti di sintesi. Si è approfondito la problematica indagando la percezione degli intervistati circa le implicazioni che gli Accordi di Basilea possono avere nel rapporto relazionale con gli istituti di credito partner; la maggior parte (63%) evidenzia una percezione negativa, quindi una significativa criticità, lamentando o comunque esprimendo preoccupazioni circa il deterioramento del rapporto relazionale con gli Istituti di credito mentre solo il 27% non evidenzia criticità. Occorre comunque rilevare che una parte del campione (10%) non è neppure a conoscenza della materia (Tav. 18). Pagina 33 di 58

34 Tav. 14 Conoscenza/utilizzo degli strumenti di autovalutazione del merito creditizio Non so cosa siano 12% Si 20% No 68% Pagina 34 di 58

35 Tav. 15 Conoscenza del rating creditizio dell'impresa Non so cosa sia il rating 8% Si 40% No 52% Pagina 35 di 58

36 Tav. 16 Monitoraggio periodico della "Centrale Rischi" Non so cosa sia 16% Si 21% No 63% Pagina 36 di 58

37 Tav. 17 Effettuazione periodica di analisi dei bilanci no 44% si 56% Pagina 37 di 58

38 Tav. 18 Percezione negativa delle conseguenze degli Accordi di Basilea nel rapporto relazionale con l'istituto di credito No 27% Si 63% Non so cosa siano gli accordi di Basilea 10% Pagina 38 di 58

39 7 LE DINAMICHE DELL ACCESSO AL CREDITO La ricerca è proseguita con l approfondimento delle tematiche dell accesso concreto al credito. Il primo aspetto di indagine ha riguardato la contingente necessità di finanziamenti; a tal fine si è chiesto se negli ultimi 3/6 mesi l azienda si è rivolta alle proprie banche oppure a nuove banche per ottenere nuove linee di credito. Solo il 35% ha risposto positivamente mentre il 65% ha dichiarato di non averlo fatto (Tav. 19). Alle imprese che hanno richiesto nuove linee, il sistema creditizio ha risposto positivamente nel 33% dei casi ma negativamente nel 53% mentre il 14% era ancora in attesa di un responso al momento dell intervista (Tav. 20). La criticità evidenziata può essere anche diretta conseguenza di una possibile incomprensione e mancanza di trasparenza nel tra le imprese e gli Istituto di credito; infatti le imprese (Tav. 21) lamentano difficoltà di tipo comunicativo con gli Istituti di credito principalmente in relazione alla valutazione circa l onerosità effettiva dello strumento finanziario richiesto/concesso (57%), seguito dalla difficoltà nel far fronte alle richieste di comunicazione circa la propria situazione economico finanziaria (29%) e da problematiche nella comprensione delle diverse forme tecniche di finanziamento proposte (14%). Altro aspetto critico che si è evidenziato è quello del mancato utilizzo da parte delle imprese degli strumenti agevolativi pubblici di accesso al credito (Fondo Centrale di Garanzia, Fondi di garanzia regionali, Confidi,ecc.) Pagina 39 di 58

40 Infatti l 82% delle imprese intervistate ha dichiarato di non utilizzarli (Tav. 22, 23) principalmente a causa dello scarso interesse riposto nello strumento agevolativo (55%) e a causa della difficoltà nella presentazione della domanda di aiuto (32%). Contrariamente, le imprese che hanno utilizzato gli strumenti agevolativi per l accesso a finanziamenti (Tav. 24), per lo più consistenti in forme aventi l effetto di abbassare il costo dell indebitamento, lo hanno fatto principalmente per l acquisto/ristrutturazione di attrezzature e mobili (53%) e per esigenze di liquidità (27%). E importante anche evidenziare il ruolo svolto dal Sistema Associazionistico nella divulgazione delle informazioni (Tav. 25); infatti le imprese che hanno usufruito delle agevolazioni, ne sono venute a conoscenza grazie alla propria Associazione di Categoria (83%) e solo in via residuale grazie al consulente fiscale (13%)o al proprio Istituto di credito (4%). A tal proposito la quasi unanimità delle imprese intervistate (91%) ha dichiarato che proprio l informativa sugli strumenti agevolativi di accesso al credito rappresenta un aspetto critico e per il quale risulta necessaria maggiore diffusione delle informazioni (Tav. 26). E stato anche effettuato un focus circa il ruolo del sistema dei CONFIDI nei percorsi di accesso al credito delle imprese. I CONFIDI (consorzi fidi) sono delle istituzioni finanziarie che affiancano e supportano le PMI ai fini dell accesso al credito bancario. Tale obiettivo è raggiunto attraverso l erogazione di servizi quali: - concessione di garanzie; - valutazione del merito di credito; - affiancamento negli adempimenti burocratici relativi al processo di assegnazione del credito; Pagina 40 di 58

41 - consulenza. I confidi in Italia sono solitamente espressione di associazioni di categoria; altri soggetti invece sono legati ad enti pubblici, come Camere di commercio o Regioni. L analisi ha evidenziato (Tav. 27) che una buona percentuale di imprese è a conoscenza del sistema dei CONFIDI e degli strumenti offerti tuttavia solo il 31% delle stesse ha dichiarato di fare ricorso alle garanzie o ai servizi messi a disposizione da queste strutture (Tav. 28). Pagina 41 di 58

42 Tav. 19 Richiesta nuove linee di credito negli ultimi 3/6 mesi si 35% no 65% Pagina 42 di 58

43 Tav. 20 Risposta del Sistema creditizio alla richiesta di nuove linee di credito In attesa 14% Positivo 33% Negativo 53% Pagina 43 di 58

44 Tav. 21 Principali difficoltà di tipo comunicativo con gli Istituti di credito Problematiche nella comprensione delle diverse forme tecniche di 14% Comunicazioni circa la propria situazione economico finanziaria 29% Valutazione circa l onerosità effettiva dello strumento finanziario 57% Pagina 44 di 58

45 Tav. 22 Fruizione di strumenti di agevolazione pubblica di accesso al credito si 18% no 82% Pagina 45 di 58

46 Tav. 23 Motivazioni alla base della decisione di non utilizzare le agevolazioni pubbliche Altro 5% Difficoltà nel presentare domanda 32% Non le interessava 55% Rifiuto della domanda 8% Pagina 46 di 58

47 Tav. 24 Modalità di utilizzo dell'agevolazione pubblica concessa Altro 20% Liquidità 27% Acquisto/Ristru tturazione attrezzature e mobili 53% Pagina 47 di 58

48 Tav. 25 Fonte dell'informazione circa l'esistenza di strumenti agevolativi Commercialista /Consulente 13% Banca 4% Associazione di categoria 83% Pagina 48 di 58

49 Tav. 26 Necessità di maggiore informazione sugli strumenti messi a disposizione dalle amministrazioni pubbliche e finanziarie per agevolare l accesso al credito no 9% si 91% Pagina 49 di 58

50 Tav. 27 Conoscenza del sistema dei CONFIDI no 17% si 83% Pagina 50 di 58

51 Tav. 28 Utilizzo delle garanzie prestate dal sistema dei CONFIDI si 31% no 69% Pagina 51 di 58

52 8 CONCLUSIONI A conclusione dell analisi è stato chiesto alle imprese di dare una valutazione del livello di soddisfazione del rapporto con il sistema del credito e la maggioranza significativa (64%) ha risposto positivamente (Tav. 29) esprimendo, tuttavia, l esigenza di una maggiore comprensione delle dinamiche che regolano il rapporto impresa-banca nel mediante specifici servizi di tipo consulenziale lamentandone ad oggi una carenza (Tav. 30). Inoltre, a completamento del quadro, è stata chiesta una valutazione, alla luce degli attuali scenari finanziari, circa la possibilità di incontrare, anche nel prossimo futuro, maggiori difficoltà nel finanziamento di nuovi investimenti; relativamente a tale aspetto, la stragrande maggioranze delle imprese mostra pessimismo, infatti l 86% del campione risponde che nell immediato futuro esisteranno ancora significative criticità nell accesso al credito contro una minoranza (14%), al contrario, più ottimistica (Tav. 31). Occorre sottolineare come le risultanze dell indagine vadano anche lette alla luce di una congiuntura economica negativa dove la crisi, ha influito prepotentemente sul livello di attenzione che le banche pongono sui prestiti erogati, rendendo più stringenti i parametri legati all erogazione di credito. Preso atto delle risultanze dell indagine effettuata, è possibile concludere che le criticità incontrate dalle imprese della pesca sono comuni a quelle delle PMI di altri settori. In particolare, l accesso al credito rappresenta, specie negli ultimi anni, un elemento di forte criticità per le PMI che, con l acuirsi della crisi economico-finanziaria, hanno Pagina 52 di 58

53 visto un progressivo irrigidimento nelle relazioni con il sistema bancario, con una continua contrazione dell erogazione del credito. Esaminando i dati divulgati dalla Banca d Italia, emerge come le condizioni del mercato del credito nel 2014 continuino a rimanere tese. Le difficoltà, generalizzate, appaiono, inoltre, più marcate soprattutto per le imprese di piccola e media dimensione, per le quali appare difficile una sostituzione dei propri prestiti bancari con altri finanziamenti. La flessione dei prestiti, quindi, rispecchia la perdurante debolezza della domanda di credito, ma continua a risentire anche dell orientamento restrittivo dell offerta. Nonostante la liquidità, le politiche di prestito delle banche sono frenate dal peggioramento del rischio di credito provocato dal prolungarsi della recessione. L accresciuta rischiosità dei prestiti si riflette sul costo del credito, contrapponendosi agli effetti favorevoli derivanti dalle riduzioni dei tassi ufficiali e dal parziale rientro delle tensioni sul mercato del debito sovrano. Il perdurare della fase di recessione, quindi, continua a riflettersi in un peggioramento della qualità del credito delle imprese bancarie, oltre che in sempre più marcate difficoltà del mondo imprenditoriale. I dati Cerved relativi alle chiusure aziendali indicano che nel secondo trimestre del 2014 i fallimenti hanno fatto registrare un nuovo record, mentre risultano in calo le chiusure volontarie di imprese in bonis e le procedure concorsuali non fallimentari, che scontano l effetto delle modifiche legislative al concordato in bianco introdotte a Settembre del Con gli oltre 4 mila fallimenti dichiarati tra Aprile e Giugno, il numero di procedure osservate nei primi sei mesi del 2014 supera quota 8 mila, un aumento del 10,5% rispetto allo stesso periodo del 2013 e un nuovo record dall inizio della serie storica Pagina 53 di 58

54 (dal 2001). L aumento delle procedure fallimentari non ha risparmiato alcun settore o area geografica: i default sono aumentati ovunque, con tassi di crescita a due cifre nel terziario, nel Nord-Ovest e nel Centro-Sud. Nel secondo trimestre è crollato, dimezzandosi rispetto all anno precedente, il numero di concordati in bianco, la procedura che consente di bloccare le azioni esecutive dei creditori in attesa di preparare un piano di risanamento o di avviare un "vero" concordato preventivo: è l effetto dei correttivi legislativi introdotti nel Settembre del 2013 e, in particolare, della possibilità per i tribunali di nominare un commissario giudiziale che monitori la condotta del debitore. Ne è seguita una netta diminuzione dei concordati comprensivi di piano, che nei primi sei mesi del 2014 si sono ridotti del 12,3% rispetto alla prima metà del Tali questioni hanno spostato l attenzione dell intervento pubblico a sostegno delle imprese sulle politiche di accesso al credito, cercando di garantire la tenuta del nostro sistema produttivo, implementando l offerta di liquidità per le imprese. L emergenza ha determinato la necessità di incentrarsi più sul mantenimento del sistema produttivo, piuttosto che sul finanziamento degli investimenti produttivi e quindi sullo sviluppo economico. I più recenti interventi normativi statali sul Fondo Centrale di Garanzia sono stati pertanto volti ad assicurare un più ampio accesso al credito ad un numero maggiore di imprese e di settori di attività delle stesse, anche attraverso l aggiornamento dei criteri di valutazione delle imprese, in funzione del ciclo economico e dell andamento del mercato finanziario. Si sottolinea, tuttavia, che il Fondo centrale di garanzia dovrebbe rappresentare lo strumento attraverso il quale favorire l accesso al credito da parte delle imprese Pagina 54 di 58

55 sane che, in questa particolare congiuntura, si possono trovare in una momentanea condizione di difficoltà. Inoltre, il Fondo nell ultimo anno ha aumentato del 25% le domande accolte e ha nel contempo registrato un aumento apprezzabile delle sofferenze. Peraltro, dalle statistiche si rileva, come già detto, un forte incremento delle garanzie dirette che ha portato tale strumento di fatto ad esercitare una concorrenza nei confronti dell operatività dei Confidi. Proprio a quest ultimo riguardo, in considerazione dell ingente sforzo finanziario che le Regioni hanno impiegato nel sostegno del sistema delle garanzie e dei Confidi, è importante un approfondimento tra lo Stato e le Regioni per rendere più coerenti ed efficienti sia le riforme normative già acquisite in materia e sia gli strumenti le politiche pubbliche messi in campo in questi anni. Si tratta di operare un armonizzazione del sistema nazionale e regionale che consenta di indirizzare effettivamente le risorse pubbliche direttamente a favore del tessuto produttivo. Ciò anche e soprattutto in considerazione del fatto che le politiche di accesso al credito stanno assumendo una forte rilevanza quale asset strategico della nuova fase di programmazione comunitaria Pagina 55 di 58

56 Tav. 29 Livello di soddisfazione nel rapporto Banca/impresa Non soddisfatto 36% Soddisfatto 64% Pagina 56 di 58

57 Tav. 30 Necessità di usufruire di servizi consulenziali specifici al fine di ottenere approfondimenti sul rapporto bancaimpresa no 32% si 68% Pagina 57 di 58

58 Tav. 31 Percezione della difficoltà dei fabbisogni di finanziamento per investimenti no 14% si 86% Pagina 58 di 58

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche

MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche A cura di: Dott. Antonio Fortarezza MORATORIA SUL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Sospensione dei debiti verso le banche Il 3 agosto 2009 il Ministro dell'economia e delle finanze, il Presidente

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza l andamento dell economia reale e della finanza PL e Credito Bancario Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre 2014 SE Consulting ha avviato un analisi che mette a disposizione delle

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti!

A volte il risultato della revisione è l'attribuzione di un rating peggiorativo, che può portare alla revoca in tronco degli affidamenti! Accade spesso che la banca vada a visitare l azienda solo quando deve acquisirne la relazione o, successivamente, per collocare nuovi prodotti o chiedere maggiori flussi di lavoro o relazioni indotte,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA

CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA 1 CRISI ECONOMICA E CONFIDI: IL CASO ITALIANO MAURO GORI COOPERFIDI ITALIA Foz Iguacu - 6 Giugno 2014 2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1. Le garanzie: strumento di politica economica per i soggetti pubblici 2.

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO E LA CRESCITA DELLE IMPRESE A PREVALENTE PARTECIPAZIONE FEMMINILE E DELLE LAVORATRICI AUTONOME PREMESSO CHE l Unione Europea incoraggia la partecipazione delle donne

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA

IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IL RUOLO DEL DOTTORE COMMERCIALISTA IN OTTICA BASILEA 2 DOTT. GABRIELE TROISE - troise@innofin.net 1 PRINCIPI ISPIRATORI DI BASILEA 2 BASILEA 2 E UNA NORMATIVA DIRETTA ALLE BANCHE. FUNZIONE PRECIPUA DELLA

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013

GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 GRUPPO BANCA MARCHE: IL CDA APPROVA I RISULTATI DI BILANCIO DEL PRIMO SEMESTRE 2013 - Risultato economico netto consolidato dei primi sei mesi 2013 pari a -232 milioni di euro (perdita per l esercizio

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Roma, 12 novembre 2008 La CNA di Roma ha condotto dal 29 ottobre al 4 novembre 2008 un indagine tra

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro)

SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) SENATO DELLA REPUBBLICA 6a COMMISSIONE (Finanze e Tesoro) Indagine conoscitiva sul sistema bancario italiano nella prospettiva della vigilanza europea 20 gennaio 2015 Audizione dell Amministratore Delegato

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO

INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Finanza agevolata, bandi, credito d'imposta INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO Castellanza, LIUC - Università Cattaneo 2 ottobre 2014 INTERVENTI E INIZIATIVE DELLA CAMERA DI COMMERCIO PRINCIPI:

Dettagli

Crisi finanziaria e accesso al credito

Crisi finanziaria e accesso al credito Crisi finanziaria e accesso al credito 13 novembre 2008 Elio Schettino Direttore Area Fiscalità, Finanza e Diritto d Impresa Confindustria Banca d Italia d Indagine congiunturale sulle imprese industriali

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Osservatorio regionale sul credito dell Emilia-Romagna

Osservatorio regionale sul credito dell Emilia-Romagna Osservatorio regionale sul credito dell UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE INDAGINE DICEMBRE 2012 DOMANDA ED OFFERTA DI CREDITO IN PROVINCIA DI FORLI - CESENA 1.1 L assetto finanziario

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali

La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali La finanza d impresa in Italia durante la crisi: problemi congiunturali e nodi strutturali Giorgio Gobbi Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Giorgio Gobbi - Banca d'italia 25 settembre 2014 La

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con

Regione Liguria. Vademecum BASILEA 2. In collaborazione con Regione Liguria Vademecum BASILEA 2 In collaborazione con BASILEA2: RISCHIO O OPPORTUNITÀ IL NUOVO ACCORDO DI BASILEA SUL CAPITALE A GARANZIA DELLA SOLVIBILITÀ DEL SISTEMA BANCARIO INTERNAZIONALE I TRE

Dettagli

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati

Indagine sulle micro, piccole e medie imprese: sintesi dei principali risultati Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la Politica Industriale, la Competitività e le Piccole e Medie Imprese ex Div. VIII PMI e artigianato Indagine sulle micro, piccole e medie imprese:

Dettagli

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito.

Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Le 6 regole fondamentali per un sicuro accesso al credito. Torino, 18 settembre 2006 Indice Introduzione...p. 3 Le 6 regole fondamentali...p. 3 Introduzione Come abbiamo rilevato nei precedenti articoli

Dettagli

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari

1 a 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari 7. LE BANCHE E IL CREDITO* 7.1 I prestiti bancari Nel 21 il calo dei prestiti bancari alle imprese e alle famiglie consumatrici residenti in regione ha mostrato un attenuazione, cui hanno contribuito la

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

CREDITO E COOPERAZIONE

CREDITO E COOPERAZIONE CREDITO E COOPERAZIONE PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO 2 L Osservatorio e l analisi sul credito 3 Osservatorio della cooperazione agricola italiana Istituito presso il Mipaaf(legge 11/11/2005 n. 231) Sostenuto

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

servizi finanziari schede di prodotto

servizi finanziari schede di prodotto servizi finanziari schede di prodotto aumento di capitale sociale p. 03 socio sovventore p. 05 consolidamento indebitamento a breve termine p. 07 liquidità p. 09 sostegno agli investimenti p. 15 finanziamento

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo

Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Eterogeneità delle condizioni finanziarie delle imprese e mercato del credito Paolo Finaldi Russo Servizio Stabilità finanziaria Banca d Italia Conferenza Fedart Roma,1 dicembre 2014 Outline La spirale

Dettagli

PMI BASILEA. autodiagnosi aziendale e corso di formazione

PMI BASILEA. autodiagnosi aziendale e corso di formazione PMI BASILEA autodiagnosi aziendale e corso di formazione L attuale contesto di mercato Situazione di scarsa liquidità per le banche commerciali italiane Obbligo per le banche di monitoraggio e di misurazione

Dettagli

Intervento ordine commercialisti

Intervento ordine commercialisti Intervento ordine commercialisti 1 Perché nascono i Confidi? Per favorire l accesso al credito delle PMI e delle imprese artigiane Per ridurre gli squilibri tra banca e impresa nella valutazione del merito

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012 Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI Report 3 Trimestre 2012 Novembre 2012 INDICE Struttura dell Osservatorio nazionale sul credito per le PMI... Fonti... Executive Summary... Parte I... Analisi

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche

LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO. Il volto poco amico delle banche LE PICCOLE IMPRESE E IL CREDITO Il volto poco amico delle banche Metodologia Indagine quantitativa condotta mediante somministrazione telefonica (sistema C.A.T.I. Computer Assisted Telephone Interview)

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma gennaio 211 2 1 1 1 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004

BASILEA II. Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa. Milano, 12 maggio 2004 BASILEA II Il ruolo del Dottore Commercialista consulente d impresa Relatore: Aldo Camagni Presidente commissione finanza, controllo di gestione e contabilità d impresa dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012

IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di credito al consumo anno 2012 IL CONSUMATORE E IL CREDITO Indagine sul rapporto tra i consumatori e i prodotti di al consumo anno 2012 Il al consumo in Italia Il settore del ai consumatori è regolato dal Testo Unico Bancario, così

Dettagli

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico

DI INFORMATIVO GARANZIA PER LE PMI. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. Ministero dello Sviluppo Economico FONDO LIBRETTO DI INFORMATIVO GARANZIA PER SUL FONDO LE PICCOLE E DI MEDIE GARANZIA IMPRESE PER LE PMI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dello Sviluppo Economico IL FONDO

Dettagli

COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE

COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE Note e commenti n 13 Aprile 2014 Ufficio Studi AGCI Area Studi Confcooperative Centro Studi Legacoop COOPERATIVE DI ABITAZIONE E TENDENZE DEL MERCATO IMMOBILIARE 1 Si ringraziano tutte le cooperative e

Dettagli

FINANZIAMENTI A BREVE

FINANZIAMENTI A BREVE FINANZIAMENTI A BREVE Il presupposto per accedere a finanziamenti da parte delle banche è la concessione del fido. Un soggetto affidato può accedere ad operazioni di finanziamento di diverso genere, tra

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.

La Centrale dei Rischi. Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance. La Centrale dei Rischi Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione http://www.arcadiafinance.eu Obiettivi della Centrale dei Rischi La Centrale dei Rischi

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook

Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Consob - Auditorium Presentazione del Risk Outlook Gregorio De Felice Chief Economist Intesa Sanpaolo Roma, 24 febbraio 2014 Agenda 1 Le prospettive macro nel 2014-15 2 Credito ed economia reale nell area

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli