I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi"

Transcript

1 I rischi operativi in banca Giampaolo Gabbi Gestione dei rischi finanziari Corso di Laurea in Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Anno Accademico

2 Agenda La definizione La regolamentazione La misurazione 2

3 Il RO: un problema di definizione Alcune definizioni All risks which are not banking (ie it excludes credit, market, and trading risks, and those arising from business decisions etc.) The risk that deficiencies in information systems or internal controls will result in unexpected loss. The risks associated with human error, systems failure and inadequate procedures and controls The potential of any activity to damage the organization, including physical, financial, legal risks and risks to business relationships Risk that deficiencies in information systems or internal controls will result in financial loss, failure to meet regulatory requirements or an adverse impact on the bank s reputation The risk of loss through inadequate systems, controls and procedures, human error or management failure 3

4 Il RO: un problema di definizione Nelle corporate è il vero rischio, ossia il c.d. business risk Possibile definizione per la banca: rischio che comportamenti illegali o inappropriati delle risorse umane, carenze tecnologiche, errori o carenze nei processi produttivi e fattori esterni possano generare perdite nello svolgimento dell attività d'impresa 4

5 Il RO: un problema di definizione Accezione più ampia basata su fattori causali Fattori umani: frodi, errori, violazioni, disinformazione Fattori tecnologici: crisi S.I, errori programmaz., interruzioni, ecc. Procedure: inadeguate, obsolete, assenti Fattori esterni: politici, legislativi, naturali, regolamentari 5

6 Casi di perdite da RO Anno Fine anni ottanta-inizio novanta Fine anni novanta Evento Fallimento della banca tedesca Herstatt Bank con ripercussioni sul sistema di regolamento. Fallimento della Franklin National Bank of New York. Il sistema informatico della Bank of New York va in blocco per 28 ore. Serie di perdite rilevanti dovute ai sistemi di reporting inadeguati: DG Bank, Kidder Peoboy, bank of Tokio- Mitsubishi. Perdite rilevanti dovute ad attività di trading non autorizzata presso la Daiwa Bank di New York e Sumitomo Corporation. Serie di manipolazioni fraudolente di valutazioni e posizioni di mercato: Drexel, UBS, Natwest, e il caso più famoso della Barings bank. Perdite dovute alle attività di Hackers, per esempio Citibank. 6

7 Casi di perdite da RO 7

8 I rischi e l assorbimento di capitale Assorbimento del capitale delle banche 60% 20% 5% 10% 5% rischi operativi rischi di mercato free capital rischio di tasso rischi di credito 8

9 Il RO: alcune peculiarità Rischi di credito e di mercato Misurabili Generalmente ben compresi e identificabili Più di moda Assunti consapevolmente Prezzabili Coerenti con rischio/rendimento atteso Facilmente allocabili 9

10 Il RO: alcune peculiarità Difficile da quantificare Rischio operativo Generalmente poco compreso Poco di moda Assunto inevitabilmente Non Prezzabile Non sempre coerente con il principio rischio /rendimento atteso 10

11 Le specificità del rischio operativo RISCHI FINANZIARI (TASSO, MERCATO E CREDITO) Assunti consapevolmente Rischi speculativi Coerenti con logica rischio-rendimento Compresi e facilmente identificati Facilmente misurabili/quantificabili Disponibilità di strumenti di copertura Possono essere prezzati e trasferiti RISCHIO OPERATIVO Assunto involontariamente (inevitabile) Rischio puro Non coerente con logica rischio-rendimento Poco compreso e difficile da identificare Complesso da misurare e quantificare Assenza di strumenti efficaci di copertura Complesso da prezzare e trasferire 11

12 Le proposte di Basilea Secondo il Comitato di Basilea gli organi di vigilanza nazionale dovrebbero: valutare l adeguatezza del sistema di controlli imporre un requisito patrimoniale esplicito a fronte del RO Quest ultimo è addizionale rispetto a quelli per rischi mercato, credito e interesse 12

13 Le proposte di Basilea Secondo il Comitato di Basilea gli organi di vigilanza nazionale dovrebbero: valutare l adeguatezza del sistema di controlli imporre un requisito patrimoniale esplicito a fronte del RO Quest ultimo è addizionale rispetto a quelli per rischi mercato, credito e interesse 13

14 Il requisito relativo al RO Tre approcci alternativi Approccio Caratteristiche + Sofisticazione + Costi di implementazion e + Risparmi di capitale Basic approach Standardised approach Più semplice. Basato su una proxy semplificata dell esposizione al rischio. Evoluzione del basic approach. Maggiore sofisticazione legata al fatto che si impongono requisiti differenti in funzione delle differenti business units. Advanced measurement approaches Le banche possono utilizzare i propri modelli interni subordinatamente ad alcune condizioni imposte dagli organi di vigilanza nazionali. 14

15 Il requisito relativo al RO Basic Approach Requisito patr. RO = * Operating Income (M.INT.) Margine intermediaz. Tale che il requisito patrimoniale sia almeno il12% del totale del requisito complessivo. Indicazione Comitato per α: 15% Margine di interesse + Ricavi netti da commissioni Molto semplice. Probabilmente verrà seguito da banche minori, meno sofisticate 15

16 Il requisito relativo al RO L aggregato di riferimento è definito dal Comitato come la somma del margine di interesse (net interest income) e degli utili non da interessi (non-interest income). Da questa variabile reddituale dovrebbero essere esclusi eventuali profitti o perdite derivanti dalla cessione di titoli del portafoglio immobilizzato e altri risultati di natura straordinaria. 16

17 Il requisito relativo al RO Questo primo approccio risulta estremamente semplificato e approssimativo, nel senso che non viene in alcun modo considerata la diversa gamma di attività svolte dalle diverse istituzioni finanziarie. Trattandosi della metodologia base non prevede alcun requisito specifico per la relativa adozione. In questo senso, l approccio viene considerato dal Comitato di Basilea come quello idoneo per le banche di dimensioni minori, caratterizzate da una gamma limitata di attività e da un basso grado di sofisticazione. 17

18 Il requisito relativo al RO Standardized Approach Il secondo approccio prevede che il requisito patrimoniale sia misurato separatamente per ogni singola business line della banca sulla base di un indicatore economico quale il reddito operativo e di uno specifico coefficiente di rischiosità predeterminato. Diversamente dall approccio precedente, questo secondo approccio sarebbe in grado di cogliere almeno in parte il diverso profilo di rischio delle diverse banche connesso alla diversa composizione dei relativi portafogli di attività. 18

19 Il requisito relativo al RO Standardized Approach L indicatore economico prescelto per il calcolo del requisito patrimoniale è ancora una volta il margine operativo lordo (gross income) medio relativo agli ultimi tre anni. Il Comitato richiede che tutte le attività della banca siano ricondotte ad una e una sola business line. Il processo di mapping delle diverse attività svolte da una banca alle otto categorie di business line deve inoltre essere chiaramente documentato e soggetto a una review indipendente. Tale processo, per il quale è responsabile il senior management della banca, deve infine essere approvato dal consiglio di amministrazione. 19

20 Il requisito relativo al RO Ogni Business Line ha il suo e il suo requisito patrimoniale per il RO Ci si attende che la maggioranza delle grandi banche sceglieranno questo approccio Standardized Approach Requisito RO = i i * Margine Intermediazione i Business Unit Investment Banking Banking Others Business Line Corporate Finance Trading & Sales Retail Banking Commercial Banking Payment and Settlement Agency Services and custody Asset Management Retail Brokerage 20

21 Il requisito relativo al RO Standardized Approach All interno di ogni singola business line il requisito patrimoniale viene calcolato moltiplicando il margine operativo lordo medio per un coefficiente beta stimato dall organo di vigilanza sulla base del rapporto fra le perdite storicamente registrate dall industria bancaria in quella particolare linea di business e il relativo indicatore economico. I valori dei coefficienti beta proposti dal Comitato sono elencati nella tabella che segue 21

22 Il requisito relativo al RO I coefficienti Business unit Business line Coefficiente Beta Investment Banking Corporate Finance 18% Trading and Sales 18% Retail Banking 12% Banking Commercial Banking 15% Payment and Settlement 18% Others Agency services 15% Asset Management 12% Retail Brokerage 12% Fonte: Basel Committee (2002). RP RO 8 i 1 GI i i 22

23 Il requisito relativo al RO Standardized Approach Implicita in questa prassi di sommare il requisito patrimoniale delle singole business line, vi sia l ipotesi di una correlazione perfetta fra le diverse tipologie di eventi di perdita. In pratica, si assume che le perdite connesse al RO delle differenti business line avvengano tutte contestualmente e che dunque la banca abbia una dotazione patrimoniale sufficiente a coprire questi eventi congiunti. 23

24 Il requisito relativo al RO Advanced Measurement Approaches Il terzo approccio prevede che sia la singola banca a determinare, sulla base di un modello interno, il capitale a rischio connesso al RO. In questo senso, dunque, una banca che abbia sviluppato un modello di misurazione del RO che consente di determinare l assorbimento di capitale economico associato a questa tipologia di rischio può, subordinatamente ad alcune condizioni qualitative e quantitative, utilizzare tale modello anche per la determinazione del relativo requisito patrimoniale. 24

25 Il requisito relativo al RO Advanced Measurement Approaches Il Comitato di Basilea riconosce dunque la possibilità che le banche utilizzino le proprie stime interne relative alla distribuzione delle perdite connesse al RO nelle singole business lines per stimare il proprio requisito patrimoniale sulla base di un approccio simile a quello dei modelli interni previsto per i rischi di mercato. Da questo punto di vista, il Comitato non impone alcun particolare modello o forma funzionale della distribuzione di probabilità delle perdite derivanti dal RO. 25

26 Il requisito relativo al RO Advanced Measurement Approaches Ogni banca che desideri adottare un approccio avanzato è dunque libera di scegliere fra le ormai numerose metodologie di misurazione del RO diffusesi nell industria bancaria. Il Comitato di Basilea, pur ammettendo la possibilità di modelli alternativi, menziona esplicitamente tre principali categorie: internal measurement approach loss distribution approach scorecard approach. 26

27 Il requisito relativo al RO Internal Measurement Approach Il requisito patrimoniale (RP) relativo al RO è stimato ipotizzando una relazione lineare e stabile fra expected loss (EL) e unexpected loss (UL), approssimata da un coefficiente definito dagli organi di vigilanza: Requisito patr. RO = i i * EI i * PE i *LGE i = i i * EL i Loss Distribution Approach Scorecard Approach Il RP per il RO è stimato sulla base di una distribuzione di prob. delle perdite per ogni BL, stimando direttamente UL Una volta determinato il RP relativo al RO (sulla base di uno dei precedenti approcci) la sua evoluzione dipende dal rischio prospettico di ogni BL, non sulla base dei dati storici RP per RO > 9% del RP relativo ad altri rischi 27

28 Internal Measurement Approach Prevede la suddivisione delle attività della banca in business line e la conseguente misurazione di requisiti patrimoniali separatamente per ognuna di esse. Prevede le seguenti fasi distinte: 1. le attività della banca vengono segmentate in linee di business predefinite e viene identificata da parte delle autorità di vigilanza una gamma di possibili eventi rischiosi da applicare alle business line identificate; 28

29 Internal Measurement Approach 2. le attività della banca vengono segmentate in linee di business predefinite e viene identificata da parte delle autorità di vigilanza una gamma di possibili eventi rischiosi da applicare alle business line identificate; 3. per ogni incrocio business line/tipologia di evento l organo di vigilanza identifica un indicatore di esposizione al rischio (EI exposure indicator) che rifletta la dimensione delle attività svolte dalla banca; 29

30 Internal Measurement Approach 4. per ogni incrocio business line/tipologia di evento la banca fornisce la propria stima relativa alla probabilità di accadimento dell evento (PE probability of event) e alla perdita in caso di accadimento dell evento (LGE loss given event). Sulla base dei tre parametri così ottenuti (EI, PE e LGE) è dunque possibile stimare la perdita attesa relativa a ogni incrocio business line/tipologia di evento; 30

31 Internal Measurement Approach 5. infine, l organo di vigilanza fornisce un parametro gamma ( ), il quale dovrebbe riflettere il rapporto fra perdita inattesa e perdita attesa relativo al singolo incrocio business line/tipologia di evento. Tale parametro consente di ottenere il requisito patrimoniale sulla base della perdita attesa. 31

32 Internal Measurement Approach Il requisito patrimoniale complessivo secondo questo approccio viene dunque analiticamente determinato come: RP RO n m n m, ELi, j i, j i 1 j 1 EI i j PEi, j LGEi, j i, j i 1 j 1 dove n rappresenta il numero di business line m rappresenta il numero di tipologie di eventi rischiosi considerati EI: exposure indicator LGE: loss given event PE: probability of event EL: perdita attesa : rapporto fra perdita inattesa e perdita attesa relativo al singolo incrocio business line/tipologia di evento 32

33 Internal Measurement Approach La logica sottostante l approccio della misurazione interna e in particolare la determinazione dei fattori gamma può essere chiarita ricordando la logica sottostante i modelli di determinazione dell assorbimento di capitale economico di tipo value at risk. Tali modelli, nella relativa versione parametrica, si fondano sull ipotesi di una distribuzione nota e determinano la massima perdita potenziale, dato un certo livello di confidenza, utilizzando un multiplo della deviazione standard ricavato da tale ipotesi. 33

34 Internal Measurement Approach Nel caso di una distribuzione normale, un livello di confidenza del 99% può essere ottenuto utilizzando un multiplo della deviazione standard pari 2,33. RP k (1) dove k indica il fattore scalare utilizzato come multiplo della deviazione standard σ. Lo schema dell approccio della misurazione interna prevede invece che: RP EL (2) Combinando la (1) e la (2) si ottiene: k EL 34

35 Loss distribution approach Questa seconda categoria di modelli differisce dalla precedente per il fatto che il capitale a rischio, e conseguentemente il requisito patrimoniale, viene determinato per ogni linea di business stimando l intera distribuzione di probabilità delle perdite e tagliando quest ultima in corrispondenza del percentile desiderato. Non vi è dunque, come nel caso degli approcci di misurazione interna, la stima di un unico parametro la perdita attesa sulla base della quale si ottiene, ipotizzando una relazione fissa e stabile, la perdita inattesa, ma viene invece stimata l intera distribuzione. 35

36 Loss distribution approach Anche in questo caso la stima della distribuzione delle perdite avviene separatamente per ogni linea di business sulla base dei relativi ai due parametri della frequenza delle perdite e della severità delle stesse (LGE). La stima delle distribuzioni di probabilità dei due parametri può essere effettuata sia utilizzando forme funzionali note (ad esempio una distribuzione Poisson per il numero di eventi rischiosi e una distribuzione beta per la perdita in caso di evento), sia ricorrendo a simulazioni Monte Carlo. 36

37 Loss distribution approach Una volta ottenute le misure di capitale a rischio relative alle singole business line, è possibile ricavare il requisito patrimoniale complessivo sia sommando questi ultimi sia utilizzando tecniche di aggregazione differenti che riconoscano l effetto diversificazione implicito nella correlazione imperfetta. 37

38 Internal Measurement Approach Si comprende dunque che i fattori gamma da applicare alle singole business line per ottenere, partendo dalla relativa perdita attesa, il requisito patrimoniale, dovrebbero risultare tanto maggiori quanto maggiore è il livello di confidenza desiderato e quanto più asimmetrica e curtotica è la distribuzione delle perdite. Trattandosi di modelli interni, sarebbe in questo caso la singola banca a determinare, sulla base di evidenze empiriche interne ed esterne, i fattori gamma da applicare alle singole business line. 38

39 Le condizioni per l adozione dei modelli Il primo approccio, quello dell indicatore base, può essere adottato da qualunque banca, a condizione che rispetti i principi gestionali essenziali L adozione degli altri due approcci è subordinata al rispetto di specifiche condizioni relative da un lato alla gestione del RO e dall altro alla qualità dei dati storici raccolti. Fra queste condizioni vi sono in particolare le seguenti: il consiglio di amministrazione e l alta direzione della banca devono essere attivamente coinvolti nella supervisione del processo relativo alla gestione del RO; il sistema di risk management deve essere concettualmente robusto e implementato in modo integro; le risorse umane devono essere sufficienti a garantire un utilizzo adeguato dell approccio prescelto così come un adeguata attività di controllo e auditing.i modelli interni dovrebbero essere utilizzati per fissare limiti, misurare I rischi e allocare il capitale 39

40 Le condizioni per l adozione dei Le condizioni esplicitamente previste per l adozione dell approccio standard sono le seguenti: a) identificare le proprie esposizioni seguendo un approccio bottom-up, che parta dunque dall esame dei prodotti, delle attività, dei processi produttivi e dei sistemi e da questi identifichi i possibili eventi rischiosi; b) valutare l impatto che il RO potrebbe avere sulla propria solvibilità, analizzando separatamente gli eventi a bassa frequenza ed elevato impatto (LFHI) e quelli a elevata frequenza e basso impatto (HFLI); modelli HFLI Events LFHI Events 40

41 Le condizioni per l adozione dei modelli c) introdurre un sistema di reporting relativo al RO rivolto a tutte le principali funzioni della banca che consenta di attirare l attenzione del management in caso di esposizioni che superano delle soglie predefinite; d) introdurre un sistema di incentivi al controllo del RO basato sull inclusione del RO nelle procedure relative alle politiche di remunerazione del personale e alle politiche di pricing; e) iniziare a registrare i dati rilevanti per il RO quali le perdite interne per linea di business. 41

42 Le condizioni per l adozione dei modelli L adozione di un approccio avanzato è invece subordinata a condizioni sia qualitative che quantitative. Fra le prime, le più rilevanti sono le seguenti: a) la banca deve disporre di un unità indipendente di controllo e di monitoraggio del RO; b) il sistema di misurazione del RO deve essere strettamente integrato nel processo di gestione quotidiana del RO della banca; in questo senso, la banca deve disporre di un sistema di allocazione del capitale connesso al RO alle diverse linee di business; 42

43 Le condizioni per l adozione dei modelli c) deve esistere un sistema di reporting delle esposizioni al RO e delle perdite al management delle singole business unit, al senior management e al consiglio di amministrazione; d) i processi di misurazione e di gestione del RO devono essere sottoposti a una revisione periodica da parte di auditor interni ed esterni; e) la validazione del sistema di misurazione del RO da parte degli auditor esterni e degli organi di vigilanza deve verificare che le revisioni periodiche interne siano condotte in modo adeguato e che i flussi di dati e i processi associati con il sistema di misurazione del rischio siano trasparenti e facilmente accessibili. 43

44 Le condizioni per l adozione dei modelli I requisiti di natura quantitativa per l adozione di un approccio avanzato sono invece sintetizzabili in quattro punti principali. La banca deve essere in grado di dimostrare che il proprio modello interno è in grado di cogliere in modo adeguato eventi estremi che si collocano nella coda delle distribuzioni di probabilità degli eventi rischiosi ( tail loss events ); in particolare, la misura di rischio deve essere coerente con un livello di confidenza del 99,9% e un orizzonte temporale di un anno. 44

45 Le condizioni per l adozione dei modelli b) Il requisito patrimoniale relativo al rischio operativo deve essere determinato come somma delle due componenti di perdita attesa e di perdita inattesa; la possibilità di limitarsi alla sola componente di perdita inattesa è condizionata alla capacità della singola banca di dimostrare che la componente di perdita attesa è adeguatamente riflessa nelle proprie politiche di accantonamento a riserva, di determinazione dei prezzi; il requisito patrimoniale relativo al rischio operativo potrà essere limitato alla stima della perdita inattesa se la banca saprà dimostrare che la perdita attesa, stimata in base alla frequenza media delle perdite, sia già adeguatamente riflessa negli accantonamenti a riserva e nei prezzi dei prodotti servizi delle business line a cui tali perdite sono associate. 45

46 Le condizioni per l adozione dei modelli c) la possibilità di utilizzare stime di correlazioni fra le diverse tipologie di perdite riconducibili alla più generale categoria del rischio operativo. Il Comitato riconosce tale possibilità, a condizione che le stime di correlazione siano fondato su una metodologia robusta, integra e capace di riflettere l incertezza che tipicamente caratterizza tali stime nei periodi di stress. La singola banca deve essere in grado di dimostrare che le stime di correlazioni derivano da dati empirici che riflettono un arco temporale sufficientemente ampio, capace di riflettere periodi di stress, e sono fondate su una metodologia rigorosa. In assenza di tali condizioni, il requisito relativo al rischio operativo deve essere calcolato sommando le misure di rischio relative alle diverse tipologie di perdita. 46

47 Le condizioni per l adozione dei modelli d) Una quarta condizione riguarda infine gli elementi sui quali si deve necessariamente fondare il sistema di misurazione del RO: i dati interni, i dati esterni, l analisi di scenario e altri fattori che riflettono l ambiente in cui opera la banca e il sistema di controlli di quest ultima. In particolare, con riferimento a questi elementi il Comitato di Basilea richiede che: le misure di rischio relative al RO siano basate su dati interni di perdite relativi a un periodo storico di almeno 5 anni (un periodo minimo di soli 3 anni può essere accettato nella fase iniziale di adozione dell approccio avanzato); i dati interni relativi alle perdite devono siano associati alle otto business line previste per l approccio standard e alle diverse tipologie di eventi di perdita; 47

48 Le condizioni per l adozione dei modelli - i dati interni relativi alle perdite siano tali da racchiudere tutti gli eventi rilevanti, esplicitando dunque una soglia minima di perdita quale ad esempio euro, e siano tali che a ogni perdita sia associata la relativa data di manifestazione, l eventuale recupero parziale e un indicazione del fattore causale sottostante; le misure di rischio siano associate a dati esterni, specie nel caso in cui la banca sia esposta a perdite poco frequenti anche se potenzialmente rilevanti; con riferimento ai dati esterni la banca deve esplicitare i casi in cui essi devono essere utilizzati e la metodologia con cui incorporare gli stessi nel modello di misurazione; 48

49 Le condizioni per l adozione dei modelli - le stime dell esposizione al RO devono essere fondate anche su analisi di scenario a loro volta basate su opinioni di esperti; la valutazione del rischio deve fondarsi anche su elementi relativi all ambiente esterno e al sistema dei controlli interni della banca; le stime di rischio devono essere rese forward looking e non limitarsi a dati storici o simulati ma riflettere adeguatamente le previsioni relative all ambiente esterno e interno alla banca.deve esistere un sistema di reporting delle esposizioni al RO e delle perdite al management delle singole business unit, al senior management e al consiglio di amministrazione 49

50 Le condizioni per l adozione dei modelli Infine, è importante rilevare come nel caso in cui una banca adotti un approccio avanzato, il Comitato di Basilea riconosce la possibilità che il requisito patrimoniale connesso al RO possa scendere anche al 9% del complessivo requisito patrimoniale (invece di 12%) Il Comitato prevede una soglia minima per il requisito patrimoniale relativo al RO, la quale risulta funzione dello stesso requisito che si otterrebbe adottando l approccio standard (nella fase iniziale, 75% di quello cui sarebbe soggetta adottando l approccio standard) 50

51 La misurazione del rischio operativo. Le fasi L identificazione dei fattori di rischio Il mapping delle unità di business e la stima dell esposizione La stima della probabilità di accadimento degli eventi rischiosi La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi La stima della perdita attesa connessa al RO La stima della perdita inattesa La stima del capitale a rischio connesso al RO 51

52 La stima della probabilità di accadimento Una prima soluzione per la misurazione quantitativa è l analisi dei dati storici interni o esterni 3 52

53 53

54 54

55 55

56 56

57 57

58 58

59 59

60 60

61 61

62 La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi Una volta stimata la probabilità che un certo evento rischioso si manifesti occorre stimare la perdita che si verrebbe a manifestare in caso di accadimento ( loss given event LGE). La perdita in caso di evento può essere espressa sia in termini monetari, come perdita media, sia come percentuale dell aggregato identificato come misura di esposizione, ossia come tasso di perdita in caso di evento (LGER). 4 62

63 La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi Altri modelli di stima delle perdite sono i modelli causali Questi si riconducono a due categorie principali: Modelli econometrici Modelli non lineari 4 63

64 La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi Modelli econometrici Regressione semplice (esempio) Regressione multivariata Correlazione Analisi discriminante Modelli non lineari Reti neurali 4 64

65 La stima della perdita attesa La quinta fase del processo di misurazione del RO prevede che i dati relativi alle tre fasi precedenti vengano utilizzati per la stima della perdita attesa (expected loss EL). In particolare, quest ultima sarà data, per ogni unità di business e per ogni categoria di rischio, dal prodotto fra esposizione al rischio (EI), probabilità di accadimento dell evento rischioso (PE) e relativo tasso di perdita media (LGER loss given event rate) EL EI PE LGER 5 65

66 La stima della perdita attesa La scelta dell indicatore di esposizione (EI) deve essere coerente con la stima del tasso di perdita in caso di evento (LGER). LGER dovrebbe esprimere la quota di EI che viene mediamente persa in caso di accadimento dell evento rischioso. La relazione precedente si fonda su un ipotesi di relazione lineare fra LGER e EI, mentre per alcune tipologie di eventi rischiosi, potrebbe invece presentarsi un problema di non linearità della relazione fra tasso di perdita in caso di evento e dimensione dell esposizione. 5 66

67 La stima della perdita attesa Una semplice modalità per risolvere questo problema è non rifarsi a un indicatore di esposizione (EI) ma di limitarsi a stimare la perdita media in caso di evento non come percentuale di EI ma direttamente come importo monetario (LGE). In questo senso, dunque, la perdita attesa sarebbe data da: EL PE LGE 5 La perdita attesa deve trovare copertura in riserve esplicite i cui accantonamenti e utilizzi dovrebbero passare dal conto economico. 67

68 Scenario Analysis Time System Downtime Employees Data Quality Transactions Loss (euro) ,0% ,0% ,3% ,7% ,1% ,3% ,0% ,5% ,8% ,3%

69 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 13,4 Data Quality (%) 98% Transactions

70 Scenario Analysis Time System Downtime Employees Data Quality Transactions ,0% ,0% ,3% ,7% ,1% ,3% ,0% ,5% ,8% ,3% Average 3,80 13,40 0, ,65 Volatility 1,25 1,28 0, ,77 Lower bound 0,89 10,42 0, ,22 Upper bound 6,71 16,38 1, , %

71 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 6,71 Employees 13,4 Data Quality (%) 98% Transactions

72 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 10,42 Data Quality (%) 98% Transactions

73 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 13,4 Data Quality (%) 96% Transactions

74 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 13,4 Data Quality (%) 98% Transactions

75 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 6,71 Employees 10,42 Data Quality (%) 96% Transactions

76 Scenario Analysis Time System Downtime Employees Data Quality Transactions ,0% ,0% ,3% ,7% ,1% ,3% ,0% ,5% ,8% ,3% Average 3,80 13,40 0, ,65 Volatility 1,25 1,28 0, ,77 Lower bound -0,06 9,44 0, ,83 Upper bound 7,66 17,36 1, , ,9%

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane

Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane IX Convention ABI 29 e 30 novembre 2005 Lo stato dell arte dei progetti di ORM nelle banche italiane Giampaolo Gabbi Università degli Studi di Siena SDA Bocconi 1 Le fasi dell ORM nei progetti in essere

Dettagli

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo

Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Requisiti patrimoniali sul rischio operativo Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il requisito patrimoniale sul

Dettagli

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche

Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Laurea Specialistica in Analisi, Consulenza e Gestione Finanziaria Facoltà di Economia Marco Biagi Il rischio operativo in Basilea II: una nuova sfida per le banche Relatore: Prof.ssa Torricelli Costanza

Dettagli

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA

A.I.PRO.S. ASSOCIAZIONE ITALIANA PROFESSIONISTI DELLA SICUREZZA RISCHI OPERATIVI E RISCHI ASSICURABILI FRANCO FRANZOSO Assicurazioni Generali S.p.A. Linea RISCHI BANCHE AGENDA Introduzione Definizione di rischio operativo Comitato di Basilea Tipologie di cause del

Dettagli

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte

I rischi operativi. Dott. Michele Lanotte I rischi operativi Assilea, Assifact, Assofin Le nuove disposizioni di Vigilanza della Banca d Italia per le Banche e gli Intermediari Finanziari dell Elenco Speciale Milano, 14 aprile 2008 Dott. Michele

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Houston, we ve had a problem here Il 13 aprile 1970 gli astronauti

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA NELLE BANCHE

LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA NELLE BANCHE LA COPERTURA DEL RISCHIO OPERATIVO MEDIANTE STRUMENTI ASSICURATIVI Dott. FRANCO FRANZOSO e Dott. FLAVIANO GIURGIUTTI Assicurazioni Generali S.p.A. 1 BANCASICURA 2005 XV CONVEGNO NAZIONALE SULLA SICUREZZA

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Il RISCHIO OPERATIVO. Misura e gestione La normativa di vigilanza

Il RISCHIO OPERATIVO. Misura e gestione La normativa di vigilanza Il RISCHIO OPERATIVO Misura e gestione La normativa di vigilanza NEMANJA RADIĆ 23/04/2009 AGENDA I. Introduzione II. III. 2 La definizione del rischio operativo I fattori di rischio Le pecularità del rischio

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005)

Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Schema per il mapping delle Business Lines (Versione del 14 giugno 2005) Premessa Il presente documento, approvato dal Comitato Guida, è una rielaborazione della tabella mapping business lines già comunicata

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Misurare la redditività della banca

Misurare la redditività della banca Misurare la redditività della banca Milano, settembre 2013 dr.giliberto Camillo dr.ferfoglia Marco Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata/partial

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010

Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi. Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Seminario Rischi Operativi Definizione, contesto normativo e classificazione dei rischi operativi Andrea Giacchero Tor Vergata, Roma, Giugno 2010 Indice RISCHI OPERATIVI DEFINIZIONE DI RISCHI OPERATIVI

Dettagli

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale.

La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. La funzione di controllo dei rischi di II livello, un approccio metodologico sul rischio di credito con focus sul controllo andamentale. 1 Rischio di credito: Il Framework Logico di Riferimento Rischio

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007

FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO. In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 FORTINVESTIMENTI SIM S.P.A. BASILEA 2 III PILASTRO - INFORMATIVA AL PUBBLICO In ottemperanza al Regolamento Banca d Italia del 24 ottobre 2007 Al 31 dicembre 2008 INTRODUZIONE 3 TAVOLA 1 - REQUISITO INFORMATIVO

Dettagli

HYPO ALPE-ADRIA-BANK

HYPO ALPE-ADRIA-BANK HYPO ALPE-ADRIA-BANK INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo pilastro di Basilea 3 Al 31 dicembre 2014 (Circ. n. 285 del 17 dicembre 2013) 1 Informativa al pubblico Dal 1 gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012

ISA SpA III Pilastro Informativa al pubblico - Anno 2012 PREMESSA La Circolare 216 di Banca d Italia del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, al Capitolo V, al fine di rafforzare la disciplina prudenziale per gli Intermediari Finanziari iscritti

Dettagli

Basilea 3, CRD4 e Banking Union

Basilea 3, CRD4 e Banking Union Basilea 3, CRD4 e Banking Union Dove siamo oggi, dove saremo domani? Rischio di Mercato: quali novità sul Trading Book I cambiamenti per le banche a Modello Interno Roma 4 Dicembre 2012 Rita Gnutti Head

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari

Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari finanziari S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO L operational risk management in ottica regolamentare, di vigilanza ed organizzativa Rischi operativi e ruolo dell operational risk manager negli intermediari

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013

III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 III PILASTRO PREVISTO DALLA NORMATIVA DI BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 Premessa IRFIS Finanziaria per lo sviluppo della Sicilia Spa (di seguito anche Società o, in breve, IRFIS

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti

La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Corso tecnico e pratico La realizzazione in Excel dei Modelli di Portafoglio per la stima delle perdite su crediti Calcolo delle expected losses e del credit VaR Valutazione di congruità degli spread contrattuali

Dettagli

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale

Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC. Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Convegno ABI Basilea 3 2013 Sessione parallela Rischio di Mercato e IRC Rischio di mercato: la revisione del framework prudenziale Christian Mahlknecht Servizio Normativa e politiche di vigilanza Roma,

Dettagli

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri

XV Introduzione XXI Profili degli autori. 3 Parte prima - Profili istituzionali. 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri XV Introduzione XXI Profili degli autori 3 Parte prima - Profili istituzionali 5 Capitolo primo Storia ed evoluzione della banca di Stefano Perri 5 1.1 Premessa: l attività bancaria e il moltiplicatore

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2

AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 AGOS DUCATO S.p.A. III PILASTRO DI BASILEA 2 Informativa al pubblico sui requisiti patrimoniali individuali al 31 dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 INFORMATIVA

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II Testi di riferimento PROGRAMMA Parte relativa alla gestione dei rischi bancari

continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II Testi di riferimento PROGRAMMA Parte relativa alla gestione dei rischi bancari continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II 3) Rischi e redditività ruolo del capitale allocazione del capitale valutazione della performance della banca e dei singoli centri operativi

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

Operazioni di Project Finance

Operazioni di Project Finance Università degli Studi di Milano-Bicocca Anno Accademico 2005 / 2006 Operazioni di Project Finance Corso di Risk Management S Milano, 22 Marzo 2006 definizione Finanziamento tipicamente di natura bancaria:

Dettagli

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche

Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Determinazione delle condizioni di finanziamento in base al rischio di credito: alcune simulazioni numeriche Prof. Jean-Marie BOUROCHE Direttore del Comitato Scientifico Internazionale CRIF Decision Solutions,

Dettagli

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO

IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La congiuntura Economica IL CONTROLLO DEL RISCHIO NELLA VALUTAZIONE DEL PORTAFOGLIO ALESSANDRO BIANCHI 20 Novembre 2014 Indice Introduzione: cosa intendiamo

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2

FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 FINDOMESTIC GRUPPO TERZO PILASTRO BASILEA 2 INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31 DICEMBRE 2011 Indice Introduzione... 2 Tavola 3 - Composizione del patrimonio di vigilanza... 4 Tavola 4 - Adeguatezza patrimoniale...

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA

Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Scenari di Self Risk Assessment e loro utilizzo nei modelli AMA Proposte metodologiche dall esperienza del Gruppo UBI Banca Giulia Marini Claudio Andreatta BASILEA 3 2012 RISCHIO OPERATIVO-CONVEGNO ANNUALE

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it mauro.aliano@unica.it 1 Il rischio di interesse 2 Il rischio di tasso di interesse Il rischio di tasso di interesse può essere

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale

FINDOMESTIC GRUPPO. Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale FINDOMESTIC GRUPPO Informativa al pubblico in materia di composizione del patrimonio di vigilanza e dell adeguatezza patrimoniale Aggiornamento al 31 dicembre 2013 * * * Terzo Pilastro dell accordo di

Dettagli

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni

Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Da B2 a B 3. come affrontare il passaggio in una realtà di piccole e medie dimensioni Paolo Palliola Cassa di Risparmio di San Miniato S.p.a. Roma, 28 giugno 2013 Agenda Cosa ci ha portato di nuovo Basilea

Dettagli

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT

ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT ANALISI D IMPATTO SULL ARCHIVIO DELLE PERDITE STORICAMENTE REGISTRATE SULLE POSIZIONI IN DEFAULT Indice 1. Introduzione... 1 2. Gli obiettivi del regolatore... 1 3. Aree informative e opzioni segnaletiche...

Dettagli

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS

Assessment degli Operational Risk. Assessment. Progetto Basilea 2. Agenda. Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS Progetto Basilea 2 Area Controlli Interni Corporate Center - Gruppo MPS degli Operational Risk 2003 Firm Name/Legal Entity Agenda Il nuovo contesto di vigilanza: novità ed impatti Analisi Qualitativa 1

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60

Luglio 1994 Diploma di Ragioniere e Perito Commerciale conseguito presso ITC G. Salvemini di Latina con la votazione di 42/60 /XFLD9HWLFD,QIRUPD]LRQL SHUVRQDOL,VWUX]LRQH Stato civile: nubile Nazionalità: italiana Data di nascita: 16 Settembre 1975 Luogo di nascita: Latina Residenza: Via Congiunte Sx, 12 04013 Latina Scalo (LT)

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Enterprise Risk Management - ERM

Enterprise Risk Management - ERM Enterprise Risk Management - ERM ANALISI, VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI La sopravvivenza di un azienda è assicurata dalla sua capacità di creare valore per i suoi stakeholders. Tutte le aziende devono

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA?

RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Crenca & Associati CORPORATE CONSULTING SERVICES RISK MANAGEMENT: MAPPATURA E VALUTAZIONE DEI RISCHI AZIENDALI. UN COSTO O UN OPPORTUNITA? Ufficio Studi Milano, 3 aprile 2008 Introduzione al Risk Management

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari. Giuseppe G. Santorsola 1

Il sistema dei rischi bancari. Giuseppe G. Santorsola 1 Il sistema dei rischi bancari Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) Giuseppe G. Santorsola

Dettagli

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici

Rischi in Finanza. Rischi finanziari. Rischi puri. Rischi sistematici. Rischi non sistematici Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici Rischi non sistematici I rischi non sistematici sono rischi specifici Tipologie di rischi specifico più frequenti:

Dettagli

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione

L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione L asset liability management visto da Generali Investments Carlo Cavazzoni, Responsabile Globale Distribuzione Contenuti 1. Asset liability management: il contesto e le evoluzioni 2. L approccio di Generali

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2011 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza

Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE. Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza Il RISCHIO DI TASSO DI INTERESSE Il Cash Flow Mapping La normativa di vigilanza NEMANJA RADIĆ 22/04/2009 AGENDA Introduzione I. I modelli basati sul cash flow mapping II. III. 2 Gli obiettivi del cash

Dettagli

I metodi di valutazione di azienda

I metodi di valutazione di azienda I metodi di valutazione di azienda 2 parte A cura del prof. Michele Rutigliano 1 I metodi finanziari: logica sottostante I metodi finanziari sono generalmente ritenuti i più razionali ai fini della valutazione

Dettagli

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014

III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 III PILASTRO INFORMATIVA AL PUBBLICO AL 31/12/2014 1 Premessa Le disposizioni contenute nella Circolare della Banca d Italia n.216 del 5 agosto 1996 7 aggiornamento del 9 luglio 2007, Capitolo V - Vigilanza

Dettagli

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche

INTERVENTI. L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche INTERVENTI L ACCORDO DI BASILEA 2 Nuovi rapporti tra imprese e banche di MAURIZIO CALELLO È arrivato a conclusione dopo un lungo e intenso lavoro il nuovo accordo internazionale sui requisiti patrimoniali

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010

CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro Informativa al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A. Basilea 2 Terzo Pilastro al Pubblico Situazione al 31/12/2010 CONAFI PRESTITO S.p.A Sede legale ed amministrativa: Torino, via Cordero di Pamparato 15 cap 10143 tel. 011/7710320

Dettagli

DA BASILEA 2 A BASILEA 3:

DA BASILEA 2 A BASILEA 3: DA BASILEA 2 A BASILEA 3: GLI EFFETTI SULLE BANCHE E SUL CREDITO MARCO GIORGINO ORDINARIO DI FINANZA, POLITECNICO DI MILANO MARCO.GIORGINO@POLIMI.IT Milano, 8 ottobre 2010 AGENDA Da Basilea 2 a Basilea

Dettagli

Programma Rating e Credit Risk Management

Programma Rating e Credit Risk Management Programma Rating e Credit Risk Management 20-24 maggio 2013 PROGRAMMA Copyright 2012 SDA Bocconi, Milano Lunedì, 20 maggio 2013 Il quadro regolamentare e le metodologie di rating 09.30 10.45 Andrea Sironi

Dettagli

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

Convegno ABI Credit & Operational Risk 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting

Convegno ABI Credit & Operational Risk 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting FINANCIAL SERVICES Convegno ABI Credit & Operational 2007 Tavola rotonda: allocazione del capitale e capital budgeting Un primo approccio alla quantificazione dei rischi non compresi nel pillar I ADVISORY

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE L ORGANIZZAZIONE DELLA BANCA: MODELLI E STRUTTURE ORGANIZZATIVE 1 MODELLI ISTITUZIONALI-ORGANIZZATIVI: SI FA RIFERIMENTO A MODELLI DI INTERMEDIAZIONE BANCA UNIVERSALE GRUPPO POLIFUNZIONALE BANCA SPECIALIZZATA

Dettagli

Informativa al pubblico

Informativa al pubblico ZENITH SERVICE S.P.A. Informativa al pubblico In ottemperanza alle norme relative alla vigilanza prudenziale sugli intermediari inscritti nell Elenco speciale ex art. 107 TUB (Circolare della Banca d Italia

Dettagli

ORDINE DEGLI ATTUARI

ORDINE DEGLI ATTUARI La principali attività della Funzione Attuariale: la contribuzione all applicazione del sistema di gestione dei rischi ed al calcolo dei requisiti patrimoniali Salvatore Forte Roma, 1 luglio 2014 Agenda

Dettagli

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale

Il secondo pilastro: il processo di controllo prudenziale : il processo di controllo prudenziale! Il processo di controllo prudenziale (Supervisory Review Process SRP) si articola in due fasi integrate! La prima è rappresentata dal processo interno di determinazione

Dettagli

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo

Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche e simulazione Monte Carlo Università degli Studi di Perugia Laurea specialistica in Finanza a.a. 2009-10 Corso di Laboratorio di calcolo finanziario prof. Franco Moriconi Esperienza MBG Il moto browniano geometrico. Proprietà teoriche

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Corso di Risk Management

Corso di Risk Management Concetti fondamentali di risk management Tutti i concetti della lezione odierna sono presi da McNeil, Frey, Embrechts (2005), Quantitative Risk Management, Princeton, Princeton University Press, cap. 2.

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

Il sistema dei rischi bancari

Il sistema dei rischi bancari Il sistema dei rischi bancari 1 Il rischio finanziario Rischi in Finanza Rischi puri Rischi finanziari Rischi sistematici Rischi non sistematici (specifici) 2 Il rischio finanziario Concetto connaturato

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

4. LA REVISIONE DEI REQUISITI PATRIMONIALI SULLE BANCHE *

4. LA REVISIONE DEI REQUISITI PATRIMONIALI SULLE BANCHE * 69 4. LA REVISIONE DEI REQUISITI PATRIMONIALI SULLE BANCHE * La regolamentazione relativa ai coefficienti patrimoniali sulle banche è attualmente oggetto di un processo di profonda revisione, a livello

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010

INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 INFORMATIVA AL PUBBLICO SULLA SITUAZIONE AL 31/12/2010 (documento redatto in ottemperanza del Titolo IV, Capitolo 1 delle Nuove disposizioni di vigilanza prudenziale per le banche, circolare Banca d Italia

Dettagli

2.1 Un modello multinomiale semplificato ANDREA SIRONI

2.1 Un modello multinomiale semplificato ANDREA SIRONI . Un modello multinomiale semplificato ADREA SIROI... Introduzione... La scelta dell orizzonte temporale di riferimento..3. Matrici di transizione annuali e pluriennali..4. La stima del tasso di perdita

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE

IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Crenca & Associati IL RISCHIO DI RISERVAZIONE IN OTTICA SOLVENCY II: MODELLI E STRATEGIE Ufficio Studi Aprile 2008 SISTEMA INTEGRATO DI VALUTAZIONE DELLA COMPAGNIA AL FAIR VALUE Tecniche VaR Analisi della

Dettagli