I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I rischi operativi in banca. Giampaolo Gabbi"

Transcript

1 I rischi operativi in banca Giampaolo Gabbi Gestione dei rischi finanziari Corso di Laurea in Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Anno Accademico

2 Agenda La definizione La regolamentazione La misurazione 2

3 Il RO: un problema di definizione Alcune definizioni All risks which are not banking (ie it excludes credit, market, and trading risks, and those arising from business decisions etc.) The risk that deficiencies in information systems or internal controls will result in unexpected loss. The risks associated with human error, systems failure and inadequate procedures and controls The potential of any activity to damage the organization, including physical, financial, legal risks and risks to business relationships Risk that deficiencies in information systems or internal controls will result in financial loss, failure to meet regulatory requirements or an adverse impact on the bank s reputation The risk of loss through inadequate systems, controls and procedures, human error or management failure 3

4 Il RO: un problema di definizione Nelle corporate è il vero rischio, ossia il c.d. business risk Possibile definizione per la banca: rischio che comportamenti illegali o inappropriati delle risorse umane, carenze tecnologiche, errori o carenze nei processi produttivi e fattori esterni possano generare perdite nello svolgimento dell attività d'impresa 4

5 Il RO: un problema di definizione Accezione più ampia basata su fattori causali Fattori umani: frodi, errori, violazioni, disinformazione Fattori tecnologici: crisi S.I, errori programmaz., interruzioni, ecc. Procedure: inadeguate, obsolete, assenti Fattori esterni: politici, legislativi, naturali, regolamentari 5

6 Casi di perdite da RO Anno Fine anni ottanta-inizio novanta Fine anni novanta Evento Fallimento della banca tedesca Herstatt Bank con ripercussioni sul sistema di regolamento. Fallimento della Franklin National Bank of New York. Il sistema informatico della Bank of New York va in blocco per 28 ore. Serie di perdite rilevanti dovute ai sistemi di reporting inadeguati: DG Bank, Kidder Peoboy, bank of Tokio- Mitsubishi. Perdite rilevanti dovute ad attività di trading non autorizzata presso la Daiwa Bank di New York e Sumitomo Corporation. Serie di manipolazioni fraudolente di valutazioni e posizioni di mercato: Drexel, UBS, Natwest, e il caso più famoso della Barings bank. Perdite dovute alle attività di Hackers, per esempio Citibank. 6

7 Casi di perdite da RO 7

8 I rischi e l assorbimento di capitale Assorbimento del capitale delle banche 60% 20% 5% 10% 5% rischi operativi rischi di mercato free capital rischio di tasso rischi di credito 8

9 Il RO: alcune peculiarità Rischi di credito e di mercato Misurabili Generalmente ben compresi e identificabili Più di moda Assunti consapevolmente Prezzabili Coerenti con rischio/rendimento atteso Facilmente allocabili 9

10 Il RO: alcune peculiarità Difficile da quantificare Rischio operativo Generalmente poco compreso Poco di moda Assunto inevitabilmente Non Prezzabile Non sempre coerente con il principio rischio /rendimento atteso 10

11 Le specificità del rischio operativo RISCHI FINANZIARI (TASSO, MERCATO E CREDITO) Assunti consapevolmente Rischi speculativi Coerenti con logica rischio-rendimento Compresi e facilmente identificati Facilmente misurabili/quantificabili Disponibilità di strumenti di copertura Possono essere prezzati e trasferiti RISCHIO OPERATIVO Assunto involontariamente (inevitabile) Rischio puro Non coerente con logica rischio-rendimento Poco compreso e difficile da identificare Complesso da misurare e quantificare Assenza di strumenti efficaci di copertura Complesso da prezzare e trasferire 11

12 Le proposte di Basilea Secondo il Comitato di Basilea gli organi di vigilanza nazionale dovrebbero: valutare l adeguatezza del sistema di controlli imporre un requisito patrimoniale esplicito a fronte del RO Quest ultimo è addizionale rispetto a quelli per rischi mercato, credito e interesse 12

13 Le proposte di Basilea Secondo il Comitato di Basilea gli organi di vigilanza nazionale dovrebbero: valutare l adeguatezza del sistema di controlli imporre un requisito patrimoniale esplicito a fronte del RO Quest ultimo è addizionale rispetto a quelli per rischi mercato, credito e interesse 13

14 Il requisito relativo al RO Tre approcci alternativi Approccio Caratteristiche + Sofisticazione + Costi di implementazion e + Risparmi di capitale Basic approach Standardised approach Più semplice. Basato su una proxy semplificata dell esposizione al rischio. Evoluzione del basic approach. Maggiore sofisticazione legata al fatto che si impongono requisiti differenti in funzione delle differenti business units. Advanced measurement approaches Le banche possono utilizzare i propri modelli interni subordinatamente ad alcune condizioni imposte dagli organi di vigilanza nazionali. 14

15 Il requisito relativo al RO Basic Approach Requisito patr. RO = * Operating Income (M.INT.) Margine intermediaz. Tale che il requisito patrimoniale sia almeno il12% del totale del requisito complessivo. Indicazione Comitato per α: 15% Margine di interesse + Ricavi netti da commissioni Molto semplice. Probabilmente verrà seguito da banche minori, meno sofisticate 15

16 Il requisito relativo al RO L aggregato di riferimento è definito dal Comitato come la somma del margine di interesse (net interest income) e degli utili non da interessi (non-interest income). Da questa variabile reddituale dovrebbero essere esclusi eventuali profitti o perdite derivanti dalla cessione di titoli del portafoglio immobilizzato e altri risultati di natura straordinaria. 16

17 Il requisito relativo al RO Questo primo approccio risulta estremamente semplificato e approssimativo, nel senso che non viene in alcun modo considerata la diversa gamma di attività svolte dalle diverse istituzioni finanziarie. Trattandosi della metodologia base non prevede alcun requisito specifico per la relativa adozione. In questo senso, l approccio viene considerato dal Comitato di Basilea come quello idoneo per le banche di dimensioni minori, caratterizzate da una gamma limitata di attività e da un basso grado di sofisticazione. 17

18 Il requisito relativo al RO Standardized Approach Il secondo approccio prevede che il requisito patrimoniale sia misurato separatamente per ogni singola business line della banca sulla base di un indicatore economico quale il reddito operativo e di uno specifico coefficiente di rischiosità predeterminato. Diversamente dall approccio precedente, questo secondo approccio sarebbe in grado di cogliere almeno in parte il diverso profilo di rischio delle diverse banche connesso alla diversa composizione dei relativi portafogli di attività. 18

19 Il requisito relativo al RO Standardized Approach L indicatore economico prescelto per il calcolo del requisito patrimoniale è ancora una volta il margine operativo lordo (gross income) medio relativo agli ultimi tre anni. Il Comitato richiede che tutte le attività della banca siano ricondotte ad una e una sola business line. Il processo di mapping delle diverse attività svolte da una banca alle otto categorie di business line deve inoltre essere chiaramente documentato e soggetto a una review indipendente. Tale processo, per il quale è responsabile il senior management della banca, deve infine essere approvato dal consiglio di amministrazione. 19

20 Il requisito relativo al RO Ogni Business Line ha il suo e il suo requisito patrimoniale per il RO Ci si attende che la maggioranza delle grandi banche sceglieranno questo approccio Standardized Approach Requisito RO = i i * Margine Intermediazione i Business Unit Investment Banking Banking Others Business Line Corporate Finance Trading & Sales Retail Banking Commercial Banking Payment and Settlement Agency Services and custody Asset Management Retail Brokerage 20

21 Il requisito relativo al RO Standardized Approach All interno di ogni singola business line il requisito patrimoniale viene calcolato moltiplicando il margine operativo lordo medio per un coefficiente beta stimato dall organo di vigilanza sulla base del rapporto fra le perdite storicamente registrate dall industria bancaria in quella particolare linea di business e il relativo indicatore economico. I valori dei coefficienti beta proposti dal Comitato sono elencati nella tabella che segue 21

22 Il requisito relativo al RO I coefficienti Business unit Business line Coefficiente Beta Investment Banking Corporate Finance 18% Trading and Sales 18% Retail Banking 12% Banking Commercial Banking 15% Payment and Settlement 18% Others Agency services 15% Asset Management 12% Retail Brokerage 12% Fonte: Basel Committee (2002). RP RO 8 i 1 GI i i 22

23 Il requisito relativo al RO Standardized Approach Implicita in questa prassi di sommare il requisito patrimoniale delle singole business line, vi sia l ipotesi di una correlazione perfetta fra le diverse tipologie di eventi di perdita. In pratica, si assume che le perdite connesse al RO delle differenti business line avvengano tutte contestualmente e che dunque la banca abbia una dotazione patrimoniale sufficiente a coprire questi eventi congiunti. 23

24 Il requisito relativo al RO Advanced Measurement Approaches Il terzo approccio prevede che sia la singola banca a determinare, sulla base di un modello interno, il capitale a rischio connesso al RO. In questo senso, dunque, una banca che abbia sviluppato un modello di misurazione del RO che consente di determinare l assorbimento di capitale economico associato a questa tipologia di rischio può, subordinatamente ad alcune condizioni qualitative e quantitative, utilizzare tale modello anche per la determinazione del relativo requisito patrimoniale. 24

25 Il requisito relativo al RO Advanced Measurement Approaches Il Comitato di Basilea riconosce dunque la possibilità che le banche utilizzino le proprie stime interne relative alla distribuzione delle perdite connesse al RO nelle singole business lines per stimare il proprio requisito patrimoniale sulla base di un approccio simile a quello dei modelli interni previsto per i rischi di mercato. Da questo punto di vista, il Comitato non impone alcun particolare modello o forma funzionale della distribuzione di probabilità delle perdite derivanti dal RO. 25

26 Il requisito relativo al RO Advanced Measurement Approaches Ogni banca che desideri adottare un approccio avanzato è dunque libera di scegliere fra le ormai numerose metodologie di misurazione del RO diffusesi nell industria bancaria. Il Comitato di Basilea, pur ammettendo la possibilità di modelli alternativi, menziona esplicitamente tre principali categorie: internal measurement approach loss distribution approach scorecard approach. 26

27 Il requisito relativo al RO Internal Measurement Approach Il requisito patrimoniale (RP) relativo al RO è stimato ipotizzando una relazione lineare e stabile fra expected loss (EL) e unexpected loss (UL), approssimata da un coefficiente definito dagli organi di vigilanza: Requisito patr. RO = i i * EI i * PE i *LGE i = i i * EL i Loss Distribution Approach Scorecard Approach Il RP per il RO è stimato sulla base di una distribuzione di prob. delle perdite per ogni BL, stimando direttamente UL Una volta determinato il RP relativo al RO (sulla base di uno dei precedenti approcci) la sua evoluzione dipende dal rischio prospettico di ogni BL, non sulla base dei dati storici RP per RO > 9% del RP relativo ad altri rischi 27

28 Internal Measurement Approach Prevede la suddivisione delle attività della banca in business line e la conseguente misurazione di requisiti patrimoniali separatamente per ognuna di esse. Prevede le seguenti fasi distinte: 1. le attività della banca vengono segmentate in linee di business predefinite e viene identificata da parte delle autorità di vigilanza una gamma di possibili eventi rischiosi da applicare alle business line identificate; 28

29 Internal Measurement Approach 2. le attività della banca vengono segmentate in linee di business predefinite e viene identificata da parte delle autorità di vigilanza una gamma di possibili eventi rischiosi da applicare alle business line identificate; 3. per ogni incrocio business line/tipologia di evento l organo di vigilanza identifica un indicatore di esposizione al rischio (EI exposure indicator) che rifletta la dimensione delle attività svolte dalla banca; 29

30 Internal Measurement Approach 4. per ogni incrocio business line/tipologia di evento la banca fornisce la propria stima relativa alla probabilità di accadimento dell evento (PE probability of event) e alla perdita in caso di accadimento dell evento (LGE loss given event). Sulla base dei tre parametri così ottenuti (EI, PE e LGE) è dunque possibile stimare la perdita attesa relativa a ogni incrocio business line/tipologia di evento; 30

31 Internal Measurement Approach 5. infine, l organo di vigilanza fornisce un parametro gamma ( ), il quale dovrebbe riflettere il rapporto fra perdita inattesa e perdita attesa relativo al singolo incrocio business line/tipologia di evento. Tale parametro consente di ottenere il requisito patrimoniale sulla base della perdita attesa. 31

32 Internal Measurement Approach Il requisito patrimoniale complessivo secondo questo approccio viene dunque analiticamente determinato come: RP RO n m n m, ELi, j i, j i 1 j 1 EI i j PEi, j LGEi, j i, j i 1 j 1 dove n rappresenta il numero di business line m rappresenta il numero di tipologie di eventi rischiosi considerati EI: exposure indicator LGE: loss given event PE: probability of event EL: perdita attesa : rapporto fra perdita inattesa e perdita attesa relativo al singolo incrocio business line/tipologia di evento 32

33 Internal Measurement Approach La logica sottostante l approccio della misurazione interna e in particolare la determinazione dei fattori gamma può essere chiarita ricordando la logica sottostante i modelli di determinazione dell assorbimento di capitale economico di tipo value at risk. Tali modelli, nella relativa versione parametrica, si fondano sull ipotesi di una distribuzione nota e determinano la massima perdita potenziale, dato un certo livello di confidenza, utilizzando un multiplo della deviazione standard ricavato da tale ipotesi. 33

34 Internal Measurement Approach Nel caso di una distribuzione normale, un livello di confidenza del 99% può essere ottenuto utilizzando un multiplo della deviazione standard pari 2,33. RP k (1) dove k indica il fattore scalare utilizzato come multiplo della deviazione standard σ. Lo schema dell approccio della misurazione interna prevede invece che: RP EL (2) Combinando la (1) e la (2) si ottiene: k EL 34

35 Loss distribution approach Questa seconda categoria di modelli differisce dalla precedente per il fatto che il capitale a rischio, e conseguentemente il requisito patrimoniale, viene determinato per ogni linea di business stimando l intera distribuzione di probabilità delle perdite e tagliando quest ultima in corrispondenza del percentile desiderato. Non vi è dunque, come nel caso degli approcci di misurazione interna, la stima di un unico parametro la perdita attesa sulla base della quale si ottiene, ipotizzando una relazione fissa e stabile, la perdita inattesa, ma viene invece stimata l intera distribuzione. 35

36 Loss distribution approach Anche in questo caso la stima della distribuzione delle perdite avviene separatamente per ogni linea di business sulla base dei relativi ai due parametri della frequenza delle perdite e della severità delle stesse (LGE). La stima delle distribuzioni di probabilità dei due parametri può essere effettuata sia utilizzando forme funzionali note (ad esempio una distribuzione Poisson per il numero di eventi rischiosi e una distribuzione beta per la perdita in caso di evento), sia ricorrendo a simulazioni Monte Carlo. 36

37 Loss distribution approach Una volta ottenute le misure di capitale a rischio relative alle singole business line, è possibile ricavare il requisito patrimoniale complessivo sia sommando questi ultimi sia utilizzando tecniche di aggregazione differenti che riconoscano l effetto diversificazione implicito nella correlazione imperfetta. 37

38 Internal Measurement Approach Si comprende dunque che i fattori gamma da applicare alle singole business line per ottenere, partendo dalla relativa perdita attesa, il requisito patrimoniale, dovrebbero risultare tanto maggiori quanto maggiore è il livello di confidenza desiderato e quanto più asimmetrica e curtotica è la distribuzione delle perdite. Trattandosi di modelli interni, sarebbe in questo caso la singola banca a determinare, sulla base di evidenze empiriche interne ed esterne, i fattori gamma da applicare alle singole business line. 38

39 Le condizioni per l adozione dei modelli Il primo approccio, quello dell indicatore base, può essere adottato da qualunque banca, a condizione che rispetti i principi gestionali essenziali L adozione degli altri due approcci è subordinata al rispetto di specifiche condizioni relative da un lato alla gestione del RO e dall altro alla qualità dei dati storici raccolti. Fra queste condizioni vi sono in particolare le seguenti: il consiglio di amministrazione e l alta direzione della banca devono essere attivamente coinvolti nella supervisione del processo relativo alla gestione del RO; il sistema di risk management deve essere concettualmente robusto e implementato in modo integro; le risorse umane devono essere sufficienti a garantire un utilizzo adeguato dell approccio prescelto così come un adeguata attività di controllo e auditing.i modelli interni dovrebbero essere utilizzati per fissare limiti, misurare I rischi e allocare il capitale 39

40 Le condizioni per l adozione dei Le condizioni esplicitamente previste per l adozione dell approccio standard sono le seguenti: a) identificare le proprie esposizioni seguendo un approccio bottom-up, che parta dunque dall esame dei prodotti, delle attività, dei processi produttivi e dei sistemi e da questi identifichi i possibili eventi rischiosi; b) valutare l impatto che il RO potrebbe avere sulla propria solvibilità, analizzando separatamente gli eventi a bassa frequenza ed elevato impatto (LFHI) e quelli a elevata frequenza e basso impatto (HFLI); modelli HFLI Events LFHI Events 40

41 Le condizioni per l adozione dei modelli c) introdurre un sistema di reporting relativo al RO rivolto a tutte le principali funzioni della banca che consenta di attirare l attenzione del management in caso di esposizioni che superano delle soglie predefinite; d) introdurre un sistema di incentivi al controllo del RO basato sull inclusione del RO nelle procedure relative alle politiche di remunerazione del personale e alle politiche di pricing; e) iniziare a registrare i dati rilevanti per il RO quali le perdite interne per linea di business. 41

42 Le condizioni per l adozione dei modelli L adozione di un approccio avanzato è invece subordinata a condizioni sia qualitative che quantitative. Fra le prime, le più rilevanti sono le seguenti: a) la banca deve disporre di un unità indipendente di controllo e di monitoraggio del RO; b) il sistema di misurazione del RO deve essere strettamente integrato nel processo di gestione quotidiana del RO della banca; in questo senso, la banca deve disporre di un sistema di allocazione del capitale connesso al RO alle diverse linee di business; 42

43 Le condizioni per l adozione dei modelli c) deve esistere un sistema di reporting delle esposizioni al RO e delle perdite al management delle singole business unit, al senior management e al consiglio di amministrazione; d) i processi di misurazione e di gestione del RO devono essere sottoposti a una revisione periodica da parte di auditor interni ed esterni; e) la validazione del sistema di misurazione del RO da parte degli auditor esterni e degli organi di vigilanza deve verificare che le revisioni periodiche interne siano condotte in modo adeguato e che i flussi di dati e i processi associati con il sistema di misurazione del rischio siano trasparenti e facilmente accessibili. 43

44 Le condizioni per l adozione dei modelli I requisiti di natura quantitativa per l adozione di un approccio avanzato sono invece sintetizzabili in quattro punti principali. La banca deve essere in grado di dimostrare che il proprio modello interno è in grado di cogliere in modo adeguato eventi estremi che si collocano nella coda delle distribuzioni di probabilità degli eventi rischiosi ( tail loss events ); in particolare, la misura di rischio deve essere coerente con un livello di confidenza del 99,9% e un orizzonte temporale di un anno. 44

45 Le condizioni per l adozione dei modelli b) Il requisito patrimoniale relativo al rischio operativo deve essere determinato come somma delle due componenti di perdita attesa e di perdita inattesa; la possibilità di limitarsi alla sola componente di perdita inattesa è condizionata alla capacità della singola banca di dimostrare che la componente di perdita attesa è adeguatamente riflessa nelle proprie politiche di accantonamento a riserva, di determinazione dei prezzi; il requisito patrimoniale relativo al rischio operativo potrà essere limitato alla stima della perdita inattesa se la banca saprà dimostrare che la perdita attesa, stimata in base alla frequenza media delle perdite, sia già adeguatamente riflessa negli accantonamenti a riserva e nei prezzi dei prodotti servizi delle business line a cui tali perdite sono associate. 45

46 Le condizioni per l adozione dei modelli c) la possibilità di utilizzare stime di correlazioni fra le diverse tipologie di perdite riconducibili alla più generale categoria del rischio operativo. Il Comitato riconosce tale possibilità, a condizione che le stime di correlazione siano fondato su una metodologia robusta, integra e capace di riflettere l incertezza che tipicamente caratterizza tali stime nei periodi di stress. La singola banca deve essere in grado di dimostrare che le stime di correlazioni derivano da dati empirici che riflettono un arco temporale sufficientemente ampio, capace di riflettere periodi di stress, e sono fondate su una metodologia rigorosa. In assenza di tali condizioni, il requisito relativo al rischio operativo deve essere calcolato sommando le misure di rischio relative alle diverse tipologie di perdita. 46

47 Le condizioni per l adozione dei modelli d) Una quarta condizione riguarda infine gli elementi sui quali si deve necessariamente fondare il sistema di misurazione del RO: i dati interni, i dati esterni, l analisi di scenario e altri fattori che riflettono l ambiente in cui opera la banca e il sistema di controlli di quest ultima. In particolare, con riferimento a questi elementi il Comitato di Basilea richiede che: le misure di rischio relative al RO siano basate su dati interni di perdite relativi a un periodo storico di almeno 5 anni (un periodo minimo di soli 3 anni può essere accettato nella fase iniziale di adozione dell approccio avanzato); i dati interni relativi alle perdite devono siano associati alle otto business line previste per l approccio standard e alle diverse tipologie di eventi di perdita; 47

48 Le condizioni per l adozione dei modelli - i dati interni relativi alle perdite siano tali da racchiudere tutti gli eventi rilevanti, esplicitando dunque una soglia minima di perdita quale ad esempio euro, e siano tali che a ogni perdita sia associata la relativa data di manifestazione, l eventuale recupero parziale e un indicazione del fattore causale sottostante; le misure di rischio siano associate a dati esterni, specie nel caso in cui la banca sia esposta a perdite poco frequenti anche se potenzialmente rilevanti; con riferimento ai dati esterni la banca deve esplicitare i casi in cui essi devono essere utilizzati e la metodologia con cui incorporare gli stessi nel modello di misurazione; 48

49 Le condizioni per l adozione dei modelli - le stime dell esposizione al RO devono essere fondate anche su analisi di scenario a loro volta basate su opinioni di esperti; la valutazione del rischio deve fondarsi anche su elementi relativi all ambiente esterno e al sistema dei controlli interni della banca; le stime di rischio devono essere rese forward looking e non limitarsi a dati storici o simulati ma riflettere adeguatamente le previsioni relative all ambiente esterno e interno alla banca.deve esistere un sistema di reporting delle esposizioni al RO e delle perdite al management delle singole business unit, al senior management e al consiglio di amministrazione 49

50 Le condizioni per l adozione dei modelli Infine, è importante rilevare come nel caso in cui una banca adotti un approccio avanzato, il Comitato di Basilea riconosce la possibilità che il requisito patrimoniale connesso al RO possa scendere anche al 9% del complessivo requisito patrimoniale (invece di 12%) Il Comitato prevede una soglia minima per il requisito patrimoniale relativo al RO, la quale risulta funzione dello stesso requisito che si otterrebbe adottando l approccio standard (nella fase iniziale, 75% di quello cui sarebbe soggetta adottando l approccio standard) 50

51 La misurazione del rischio operativo. Le fasi L identificazione dei fattori di rischio Il mapping delle unità di business e la stima dell esposizione La stima della probabilità di accadimento degli eventi rischiosi La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi La stima della perdita attesa connessa al RO La stima della perdita inattesa La stima del capitale a rischio connesso al RO 51

52 La stima della probabilità di accadimento Una prima soluzione per la misurazione quantitativa è l analisi dei dati storici interni o esterni 3 52

53 53

54 54

55 55

56 56

57 57

58 58

59 59

60 60

61 61

62 La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi Una volta stimata la probabilità che un certo evento rischioso si manifesti occorre stimare la perdita che si verrebbe a manifestare in caso di accadimento ( loss given event LGE). La perdita in caso di evento può essere espressa sia in termini monetari, come perdita media, sia come percentuale dell aggregato identificato come misura di esposizione, ossia come tasso di perdita in caso di evento (LGER). 4 62

63 La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi Altri modelli di stima delle perdite sono i modelli causali Questi si riconducono a due categorie principali: Modelli econometrici Modelli non lineari 4 63

64 La stima della perdita in caso di accadimento degli eventi rischiosi Modelli econometrici Regressione semplice (esempio) Regressione multivariata Correlazione Analisi discriminante Modelli non lineari Reti neurali 4 64

65 La stima della perdita attesa La quinta fase del processo di misurazione del RO prevede che i dati relativi alle tre fasi precedenti vengano utilizzati per la stima della perdita attesa (expected loss EL). In particolare, quest ultima sarà data, per ogni unità di business e per ogni categoria di rischio, dal prodotto fra esposizione al rischio (EI), probabilità di accadimento dell evento rischioso (PE) e relativo tasso di perdita media (LGER loss given event rate) EL EI PE LGER 5 65

66 La stima della perdita attesa La scelta dell indicatore di esposizione (EI) deve essere coerente con la stima del tasso di perdita in caso di evento (LGER). LGER dovrebbe esprimere la quota di EI che viene mediamente persa in caso di accadimento dell evento rischioso. La relazione precedente si fonda su un ipotesi di relazione lineare fra LGER e EI, mentre per alcune tipologie di eventi rischiosi, potrebbe invece presentarsi un problema di non linearità della relazione fra tasso di perdita in caso di evento e dimensione dell esposizione. 5 66

67 La stima della perdita attesa Una semplice modalità per risolvere questo problema è non rifarsi a un indicatore di esposizione (EI) ma di limitarsi a stimare la perdita media in caso di evento non come percentuale di EI ma direttamente come importo monetario (LGE). In questo senso, dunque, la perdita attesa sarebbe data da: EL PE LGE 5 La perdita attesa deve trovare copertura in riserve esplicite i cui accantonamenti e utilizzi dovrebbero passare dal conto economico. 67

68 Scenario Analysis Time System Downtime Employees Data Quality Transactions Loss (euro) ,0% ,0% ,3% ,7% ,1% ,3% ,0% ,5% ,8% ,3%

69 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 13,4 Data Quality (%) 98% Transactions

70 Scenario Analysis Time System Downtime Employees Data Quality Transactions ,0% ,0% ,3% ,7% ,1% ,3% ,0% ,5% ,8% ,3% Average 3,80 13,40 0, ,65 Volatility 1,25 1,28 0, ,77 Lower bound 0,89 10,42 0, ,22 Upper bound 6,71 16,38 1, , %

71 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 6,71 Employees 13,4 Data Quality (%) 98% Transactions

72 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 10,42 Data Quality (%) 98% Transactions

73 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 13,4 Data Quality (%) 96% Transactions

74 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 3,8 Employees 13,4 Data Quality (%) 98% Transactions

75 Scenario Analysis Bank A Global Analysis Losses Simulation Losses System Downtime 6,71 Employees 10,42 Data Quality (%) 96% Transactions

76 Scenario Analysis Time System Downtime Employees Data Quality Transactions ,0% ,0% ,3% ,7% ,1% ,3% ,0% ,5% ,8% ,3% Average 3,80 13,40 0, ,65 Volatility 1,25 1,28 0, ,77 Lower bound -0,06 9,44 0, ,83 Upper bound 7,66 17,36 1, , ,9%

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4

1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 IL RISCHIO 1 IL RISCHIO: INTRODUZIONE.2 2 LA VOLATILITA.4 2.1 La volatilità storica... 4 2.2 Altri metodi di calcolo... 5 3 LA CORRELAZIONE..6 4 IL VALUE AT RISK....8 4.1 I metodi analitici... 9 4.2 La

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation

Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation ASSOCIAZIONE BANCARIA ITALIANA Osservazioni del sistema bancario italiano sul documento del Comitato di Basilea Second Working Paper on Securitisation 20 Dicembre 2002 1 L ABI ha esaminato con uno specifico

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge

Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge Unità di ricerca Business Intelligence, Finance& Knowledge ( www.economia.unimi.it/lda/adamss ) Facoltàdi Scienze, Università degli Studi di Milano 10 febbraio 2006 Coordinatore: Davide La Torre (Professore

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

The Supervisory Review Process

The Supervisory Review Process Studi e Note di Economia Anno XII, n. 2-2007, pagg. 283-303 The Supervisory Review Process EPIFANIO TOMMASO ZARBO* The new rules on Supervisory Review Process (SRP) are included into the title III of the

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI

IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI IL TRATTAMENTO DEL RISCHIO NELL ANALISI DEGLI INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI Testo di riferimento: Analisi finanziaria (a cura di E. Pavarani) McGraw-Hill 2001 cap. 11 (dottor Alberto Lanzavecchia) Indice

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Board of the International Organization of Securities Commissions Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Board of the International Organization of Securities Commissions Requisiti di margine per i derivati non compensati centralmente Settembre 2013 Il presente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Convergenza internazionale della misurazione del capitale e dei coefficienti patrimoniali Nuovo schema di regolamentazione Versione integrale Comprendente

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Documento di discussione Lo schema di regolamentazione: bilanciare sensibilità al rischio, semplicità e comparabilità Termine per la presentazione dei commenti:

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Principi fondamentali per un efficace vigilanza bancaria Settembre 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese. In caso di dubbio, si rimanda

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

Energy risk management

Energy risk management Il sistema di supporto alle tue decisioni Energy risk management Un approccio orientato agli attori M.B.I. Srl, Via Francesco Squartini 7-56121 Pisa, Italia - tel. 050 3870888 - fax. 050 3870808 www.powerschedo.it

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO)

PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) INFORMATIVA AL PUBBLICO Terzo Pilastro di Basileaa 2 SITUAZIONE AL 31/12/2 2014 PREMESSA NOTE ESPLICATIVE SULL INFORMATIVA AL PUBBLICO (III PILASTRO) Il primo gennaio 2014 è entrata in vigore la nuova

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Corso di Valutazioni d Azienda

Corso di Valutazioni d Azienda Andrea Cardoni Università degli Studi di Perugia Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline Giuridiche e Aziendali Corso di Laurea Magistrale in Economia e Management Aziendale Corso di Valutazioni

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

Capitale raccomandato

Capitale raccomandato Aggiornato in data 1/9/212 Advanced 1-212 Capitale raccomandato da 43.8 a 6.298 Descrizioni e specifiche: 1. E' una combinazione composta da 3 Trading System automatici 2. Viene consigliata per diversificare

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21

INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 PILLAR 3 Informativa al pubblico al 31/ /12/2010 INTRODUZIONE... 3 TAVOLA 1 REQUISITO INFORMATIVO GENERALE... 6 TAVOLA 2 AMBITO DI APPLICAZIONE... 21 TAVOLA 3 COMPOSIZIONE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA...

Dettagli

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1

MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE. Gli indicatori. G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 MODULO MONITORAGGIO E VALUTAZIONE 4. Gli indicatori G. VECCHI esperto del team scientifico di supporto del Centro Risorse Nazionale CAF 1 Cosa sono gli indicatori Gli indicatori sono strumenti in grado

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA

Programma. Massimo Scolari, General Secretary, ASCOSIM and Member of Consultative Working Group - Investor Protection and Intermediaries, ESMA Programma 08:30 Registrazione e caffè di benvenuto 08:50 Osservazioni preliminari del presidente: Mauro Cesa, Technical Editor, RISK 09:10 DISCORSO DI APERTURA: Valutazione delle problematiche nazionali

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010

Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business. Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 Orc Trading: tecnologia innovativa per far crescere il vostro business Matteo Carcano Milano, 13 Aprile, 2010 2 Agenda 17.00 17.15 Introduzione Matteo Carcano Orc Software 17.15 17.30 Le opportunità di

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Basilea 3 Schema di regolamentazione internazionale per il rafforzamento delle banche e dei sistemi bancari Dicembre 2010 (aggiornamento al giugno 2011) Il

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Trattamento prudenziale delle esposizioni delle banche nei confronti di controparti centrali Luglio 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Il VaR: Metodi quantitativi basilari. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2

Il VaR: Metodi quantitativi basilari. Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2 Il VaR: Metodi quantitativi basilari Aldo Nassigh Financial Risk Management A.A. 2011/12 Lezione 2 Distribuzione futura del rendimento di un asset/portafoglio Il calcolo del VaR richiede la conoscenza

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 L ISVAP. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 20 DEL 26 MARZO 2008 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI, GESTIONE DEI RISCHI, COMPLIANCE ED ESTERNALIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE,

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli