SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE"

Transcript

1 SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE

2

3 PREMESSA AL TESTO Metodologia Questa pubblicazione è frutto di un analisi condotta utilizzando fonti bibliografiche internazionali, una serie di studi clinici e di laboratorio che riguardano i possibili benefici degli apparecchi acustici nella conservazione e nello sviluppo delle capacità cognitive. Gruppo di lavoro Questo Consensus Paper è il risultato di una revisione della letteratura scientifica disponibile sull argomento a cura di: Prof. Roberto Bernabei - Direttore Dipartimento per l Assistenza Sanitaria di Geriatria, Neuroscienze e Ortopedia - Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma, Italia; Prof. Frank R. Lin, M.D. Ph.D. - Assistant Professor of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Geriatric Medicine, Mental Health, and Epidemiology - Johns Hopkins University - Baltimore, United States; Prof. Sophia E. Kramer, Ph.D. - Associate Professor - VU University Medical Center, Dept. of ENT / Audiology, EMGO Institute - Amsterdam, The Netherlands; Prof. Alessandro Martini - Direttore Dipartimento di Neuroscienze e Organi di Senso e Professore Ordinario di Otorinolaringoiatria - Azienda Ospedaliera Università di Padova - Italia; Centro Ricerche e Studi Amplifon (CRS) - Milano, Italia. INDICE Prefazione 3 01 Scenario sociale ed epidemiologico 7 02 Correlazione fra ipoacusia e invecchiamento cognitivo Ipoacusia, cognitività e soluzioni uditive Conclusioni 21 Prospettive di ricerca 25 La pubblicazione è stata realizzata con il contributo di 1

4 SOMMARIO Anche se le difficoltà uditive possono manifestarsi in qualsiasi momento della vita, la loro prevalenza aumenta considerevolmente con l età. Più del 40% delle persone tra anni di età presenta infatti una forma significativa di ipoacusia e l incidenza di questo disturbo aumenta fino al 90% nelle persone con più di ottant anni. Con una popolazione mondiale in continua crescita, anche grazie a migliori cure sanitarie e a una più attenta alimentazione, nel prossimo futuro è previsto un incremento considerevole di persone over 60; secondo le Nazioni Unite entro il 2050 ci saranno nel mondo 1,95 miliardi di ultrasessantenni, pari al 21% della popolazione globale. L invecchiamento della popolazione sta altresì alimentando il numero di persone affette da forme di demenza e decadimento cognitivo. L Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il numero attuale di persone affette da demenza sia di 36 milioni, ma prevede che questo numero triplicherà entro il Varie ricerche dimostrano come le persone affette da sordità siano maggiormente predisposte a sviluppare forme di decadimento cognitivo. Un ampia ricerca ha evidenziato come, rispetto ad un gruppo di controllo di normoudenti, le persone affette da sordità di grado lieve, medio e grave abbiano rispettivamente una possibillità di 2, 3 o 5 volte maggiore di sviluppare un deterioramento delle funzioni cognitive. Anche se il legame specifico fra le due condizioni resta sconosciuto, è stata suggerita l ipotesi che il maggior sforzo mentale, associato ad un maggiore isolamento sociale legato alla sordità, possa rappresentare una delle maggiori cause cui imputare l aumento dei casi di demenza. Questo documento esamina le informazioni attualmente disponibili in relazione al beneficio potenziale della riabilitazione uditiva nel mantenimento e nell aumento delle abilità cognitive. Le informazioni attuali sono limitate e non sono esaustive, tuttavia tendono a suggerire un effetto positivo dell uso delle soluzioni uditive. Nel caso in cui fosse possibile dimostrare attraverso una ricerca clinica che gli apparecchi acustici possono ritardare il deterioramento delle abilità cognitive, gli effetti sarebbero di enorme valore. 2

5 Prefazione 3

6 Prefazione Prof. Roberto Bernabei - Direttore Dipartimento per l Assistenza Sanitaria di Geriatria, Neuroscienze e Ortopedia - Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma, Italia. Gli italiani ed il mondo occidentale invecchiano con tale imprevista rapidità da cogliere la politica e lo stesso mondo medico-sanitario in generale impreparati e, comunque, spesso curiosamente conniventi nell eludere il problema. Per quanto riguarda la politica si elude per non doversi impegnare in un complesso ridisegno del sistema assistenziale; per i professionisti del settore sanitario perché gli anziani sono complicati e time consuming. Invece le implicazioni, i collegamenti, i cambiamenti che l invecchiamento determina sono intensi di novità, pieni di sorprese, ricchi di ritorni. Per la politica e per i medici. Rimaniamo però nel settore di cui si occupa questo Consensus Paper, la stretta relazione tra mente e udito. Se è molto probabile che chi nasce oggi arrivi a vivere 100 anni, è certo che chiunque viva già oggi continua a guadagnare tre/quattro mesi di aspettativa di vita ogni anno che passa, che una donna su due ci lascia dopo i 90 anni, che il traguardo degli 80 anni è comune per molti e che la curva della mortalità non crolla clamorosamente, come accadeva fino a 50 anni fa, dopo il raggiungimento di questa età, ma scende, anzi, dolcemente. Questi dati demografici hanno un impatto forte su quelli epidemiologici e determinano la nascita di realtà nuove ed insospettabili. In Italia ci sono quasi 13 milioni di persone con più di 65 anni d età: stanno quasi tutti bene e a 70 anni quelli che hanno deficit di funzione o deficit cognitivi sono meno del 10%. Ciò significa che il 90% degli over 65, anche se portatore di una o più malattie, è sostanzialmente dotato di una soddisfacente qualità della vita. È oggi, per fortuna, osservazione comune vedere ultrasettantenni fare esattamente quello che facevano a 50 anni. 4

7 C è però un altra serie di fenomeni che si presentano proprio per l allungamento della vita e possono determinare problemi importanti anche quando si collocano all interno di questa longevità attiva. Così come dopo i 50 anni siamo tutti o quasi colpiti dalla presbiopia, e nessuno ci fa nemmeno caso, arrivare a dopo i 70 o dopo gli 80 vuol dire incorrere in fenomeni come la diminuzione della massa magra e quindi nel rallentamento dell andatura o nella diminuzione del senso della sete e quindi nella disidratazione e secchezza cutanea. Oltre a ciò, nell ambito della sfera cognitivo sensoriale che stiamo discutendo si affermano, come vedrete affrontati più in dettaglio, altre due problematiche correlate all età : la demenza ed il deficit dell udito. I numeri a riguardo sono elevati: oltre il 50% delle persone con più di 85 anni ha un deficit cognitivo e alcuni affermano che se non troveremo una terapia rischiamo di arrivare a 100 anni, certo, ma senza accorgercene. C è poi il deficit dell udito, accompagnamento implacabile della longevità e, come vi sarà riferito da questa pubblicazione, capace di determinare demenza facilitandone l insorgere. Non solo, il deficit uditivo si accompagna ad un altro spauracchio dell invecchiamento: la caduta. Chi ci sente poco cade di più! E cadere vuol dire aumentare la possibilità, vista l osteoporosi, di frattura del femore e inizio della cascata di problemi geriatrici che sorgono dalla disabilità. E la disabilità fa male: non si muore per malattia da vecchi, ma per sopravvenuta disabilità. Chi ha studiato quanto succede nelle popolazioni anziane ha infatti visto che è caratteristica comune la multimorbidità, cioè la presenza di due/tre o più malattie negli anziani di oggi. Ma questi anziani multimorbidi muoiono solo quando si affianca alle malattie la disabilità, quando cioè il corpo funziona male. Allora il paradosso può essere che per un banale e rimediabile deficit uditivo si accentui un deficit cognitivo e si cada, ci si fratturi il femore, si diventi disabile e Se un bambino sente poco è automatico suggerire una soluzione acustica, se un cinquantenne non riesce più a leggere il giornale è automatico che inforchi gli occhiali: è mai possibile che su 7 milioni di ipoacusici solo portino gli apparecchi acustici? Questo Consensus Paper vuole darvi argomenti perché questo accada sempre meno. 5

8 6

9 01 Scenario sociale ed epidemiologico 7

10 Scenario sociale ed epidemiologico Revisione a cura del Prof. Frank R. Lin, M.D. Ph.D. - Assistant Professor of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Geriatric Medicine, Mental Health, and Epidemiology - Johns Hopkins University - Baltimore, United States. Grazie ad una migliore nutrizione e alle maggiori cure per le malattie, l aspettativa di vita a livello mondiale sta aumentando annualmente ed è plausibile prevedere che continuerà allo stesso modo nel prossimo futuro. Secondo le Nazioni Unite, la popolazione mondiale complessiva passerà dai 6,9 miliardi del 2010 ai 9,3 miliardi di persone nel 2050 e fra il 2000 e il 2050 la percentuale di persone ultrasessantenni raddoppierà (dal 10% al 21% della popolazione mondiale). Questo equivale ad un incremento da 0,69 miliardi fino a 1,95 miliardi di persone. Estimated global population > 60 years old Estimated total number of the global population older than 60 years (in millions) Grafico 1: Stima della popolazione mondiale ultrasessantenne (Fonte: Lin et al, Arch Intern Med, 2011 and United Nations Department of Economic and Social Affairs Population Division). 8

11 Un possibile fattore di rischio legato all invecchiamento della popolazione è l ipoacusia. Una recente ricerca effettuata negli Stati Uniti da Lin e Colleghi ha evidenziato come il numero di persone affette da sordità bilaterale di grado lieve o superiore aumenti con l età. Prevalence of hearing loss per age group % of the age group with hearing loss of 25 dbhl or greater in both ears 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% >80 Grafico 2: L effetto dell età sulla perdita uditiva. Dai 40 anni di età l ipoacusia di grado lieve o superiore aumenta quasi del 20% ogni 10 anni (Fonte: Lin et al, Arch Intern Med, 2011). Attualmente vi sono 590 milioni di persone nel mondo affette da sordità. Con il costante aumento della popolazione mondiale è prevedibile che questo numero raddoppi entro il 2050, fino ad arrivare a 1,2 miliardi di persone. L aumento sarà più evidente nella fascia di età al di sopra dei sessant anni. hanno avuto effetti positivi nella riduzione delle persone che soffrono di ipoacusia per cause riconducibili al lavoro. Sfortunatamente però gli adolescenti e i giovani (fra i 12 e 19 anni di età) ascoltano sempre più spesso la musica con i lettori MP3 a volumi molto elevati e raramente fanno uso di otoprotettori in ambienti rumorosi come ad esempio feste e luoghi di ritrovo. Il numero di questi adolescenti affetti da ipoacusia è aumentato del 30% negli ultimi 15 anni (dal 14,9% del periodo al 19,5% tra il ). Un altro elemento potenzialmente in grado di incidere sul numero di giovani affetti da ipoacusia è rappresentato dal diabete. Nel mondo si prevede che la percentuale di adulti diabetici passerà dal 2,8% del 2000 al 4,4% nel La causa principale di questo aumento è attribuibile al drammatico problema dell obesità. Gli adulti diabetici (di età compresa tra 20 e 69 anni) hanno un 21% di possibilità di essere affetti da ipoacusia, contro il 9% degli adulti non diabetici. L aumento quindi del numero di persone diabetiche, in modo particolare tra i giovani, porterà ad un incremento di soggetti giovani affetti da disturbi uditivi. Un altro grave problema di salute che aumenta con l invecchiamento è rappresentato dalla demenza. A partire dai 70 anni di età la percentuale di persone affette da demenza aumenta dell 1% all anno. Questo andamento è più diffuso tra gli uomini rispetto alle donne. Prevalence of dementia per age group Estimated global population with hearing loss from 2000 to 2050 Estimated global population (in millions) with hearing loss: > 25 dbhl in both ears HI > 60 years HI =< 60 years Grafico 3: Stima della popolazione mondiale affetta da ipoacusia dall anno 2000 al La quota di sessantenni aumenta ogni decennio (Fonte: Lin et al, Arch Intern Med, 2011 and United Nations Department of Economic and Social Affairs Population Division). Il diffondersi dell uso di dispositivi per la protezione dell udito e una generale riduzione dei livelli sonori in ambienti di lavoro Prevalence of dementia 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Female Male Grafico 4: Prevalenza di demenza per gruppi di età (Fonte: Launer et al, Neurology 1999). Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità il numero stimato di persone al mondo che convivono con la demenza è attualmente di 36 milioni di individui. Questo numero raddoppierà entro il 2030 e triplicherà entro l anno

12 The growth of the estimated global population with dementia The estimated number of the global population (in millions) with dementia Grafico 5: Crescita stimata della popolazione mondiale affetta da demenza (Fonte: Demenza: una priorità per la Salute pubblica Organizzazione Mondiale della Sanità e Associazione Internazionale Alzheimer). Per l Organizzazione Mondiale della Sanità, la demenza rappresenta una delle maggiori priorità per la salute pubblica, che richiede dunque l intervento dei sistemi sanitari nazionali a livello mondiale. Grazie ad un alimentazione più attenta e ad una maggiore cura della salute la nostra aspettativa di vita sta aumentando, con la previsione di una popolazione mondiale di ultrasessantenni raddoppiata entro il Contemporaneamente il numero di persone che nel mondo soffrono di ipoacusia (attualmente stimato intorno ai 590 milioni) sta aumentando costantemente e, con l incremento della popolazione mondiale, si stima che raddoppierà raggiungendo 1,2 miliardi di persone entro il Infine, si prevede che la popolazione mondiale dei soggetti affetti da demenza, attualmente di 36 milioni di persone, triplicherà sino ad arrivare a quota 115 milioni entro il Esiste un legame significativo fra ipoacusia e decadimento cognitivo, aspetto che sarà trattato più approfonditamente nel prossimo capitolo. Considerato il sensibile aumento della popolazione mondiale e l incremento stimato delle persone affette da ipoacusia, è evidente quanto forte sia la necessità di intraprendere azioni al fine di scongiurare un incremento ulteriore della stima di 115 milioni di persone che entro il 2050 soffriranno di demenza. Riferimenti bibliografici 1. Bainbridge KE, Hoffman HJ, Cowie CC. Diabetes and Hearing Impairment in the United States: Audiometric Evidence from the National Health and Nutrition Examination Survey, 1999 to Ann Intern Med 2008;149: Davis A, Smith P, Ferguson M, et al. Acceptability, benefit and costs of early screening for hearing disability: a study of potential screening tests and models. NHS R&D HTA Programme Health Technology Assessment 2007;11: Launer LJ, Andersen K, Dewey ME et al. Rates and risk factors for dementia and Alzheimer s disease: Results from EURODEM pooled analyses. Neurology 1999;52; Lin FR, Niparko JF, Ferrucci L. Hearing Loss Prevalence in the United States. Arch Intern Med 2011;171(20): Shargorodsky J, Curhan SG, Curhan GC, Eavey R. Change in Prevalence of Hearing Loss in US Adolescents. JAMA 2010;304(7): United Nations, Department of Economic and Social Affairs, Population Division. World Population to 2300, New York, United Nations, Department of Economic and Social Affairs, Population Division. Population Ageing and Development 2012, New York, September World Health Organization; US National Institute of Aging. Global health and ageing, October World Health Organization, Department of Mental Health and Substance Abuse; Alzheimer s Disease International. Dementia a public health priority. Geneva whqlibdoc.who.int/publications/2012/ _eng.pdf 10

13 02 Correlazione fra ipoacusia e invecchiamento cognitivo 11

14 Correlazione fra ipoacusia e invecchiamento cognitivo Revisione a cura del Prof. Frank R. Lin, M.D. Ph.D. - Assistant Professor of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Geriatric Medicine, Mental Health, and Epidemiology - Johns Hopkins University - Baltimore, United States. La relazione fra ipoacusia e demenza in persone anziane è stata oggetto di varie ricerche cliniche. Questi studi hanno dimostrato che i soggetti affetti da ipoacusia, confrontati con i coetanei che non ne soffrono, sono significativamente più predisposti a sviluppare la demenza. In una delle prime ricerche pubblicate nel 1989, Richard Uhlmann e Colleghi hanno effettuato una comparazione fra 100 soggetti con demenza e un gruppo di controllo composto da altri 100 soggetti sani. Uhlmann è arrivato alla conclusione che l ipoacusia, negli anziani, rappresenta un fattore in grado di contribuire alla compromissione delle facoltà cognitive, secondo una relazione di proporzionalità diretta: maggiore il livello d ipoacusia, maggiori le possibilità di sviluppare la demenza. Una dettagliata analisi dei dati ha evidenziato che la percentuale di pazienti con demenza potenzialmente causata da difficoltà uditive potrebbe arrivare addirittura al 32% del totale. La ricerca ha inoltre evidenziato che l ipoacusia si associa a ridotta funzione cognitiva, anche in pazienti non colpiti da demenza. Il lavoro del Dr. Uhlmann ha messo in luce come, in fase di diagnosi di demenza, i clinici devono essere particolarmente attenti a segnalare un eventuale presenza d ipoacusia. In parallelo, l ipoacusia potrebbe rappresentare un importante fattore di rischio per l insorgenza di demenza e disturbi cognitivi. Se ciò fosse vero, qualsiasi correzione dell ipoacusia non sarebbe in grado di prevenire la progressione della demenza ma potrebbe potenzialmente attenuarne i sintomi. Questo renderebbe la correzione uditiva un opportunità promettente per il trattamento dei disturbi cognitivi nelle persone anziane, in particolare perché attualmente non vi sono altri metodi per rallentare la progressione delle demenze comuni, come ad esempio l Alzheimer. Frank Lin, otorinolaringologo ed epidemiologo presso la Johns Hopkins School of Medicine, insieme a suoi collaboratori ha effettuato una ricerca più approfondita, seguendo 639 pazienti per 18 anni. All inizio della ricerca 12

15 in nessuno dei soggetti fu riscontrato un danno cognitivo, anche se alcuni soggetti erano affetti da ipoacusia. Durante i 18 anni di follow up fra i 639 pazienti sono stati diagnosticati 58 casi di demenza. Effettuando una comparazione con individui normoudenti, i soggetti affetti da ipoacusia lieve, media e grave, avevano rispettivamente 2, 3 e 5 volte un rischio più alto di sviluppare demenza. Per ogni 10 db (A) di aumento del livello d ipoacusia, paragonato a normali livelli uditivi per la stessa fascia d età, il rischio di demenza aumenta di 2,7 volte. Un altro riscontro interessante è stato verificare come l associazione tra le due patologie fosse più marcata quando i test venivano somministrati da un intervistatore rispetto a quelli erogati mediante un computer Anche dopo aver preso in considerazione altri fattori associati al rischio di demenza, inclusi diabete, pressione sanguigna elevata, età, sesso e razza, è stato tuttavia possibile dimostrare il legame forte fra ipoacusia e demenza. Risk of developing dementia in relation to hearing loss (Uhlmann et al, 1989 & Lin et al, 2011) Risk of developing dementia Uhlmann et al (1989) Lin et al (2011) Mild Hearing Loss Moderate Hearing Loss Severe Hearing Loss Grafico 6: Il rischio di sviluppare demenza aumenta con il livello d ipoacusia. La ricerca di Uhlmann (istogrammi di sinistra), definisce sordità lieve quella compresa tra 21 e 29 db, media tra 30 e 39 db e grave come medio-grave => 40 db, mentre nella ricerca di Lin et al (istogrammi a destra) l ipoacusia lieve è compresa tra 25 e 40 db, la media tra 41 e 70 db, la grave => 70 db di perdita uditiva (Fonte: Uhlmann et al, JAMA 1989 & Lin et al, Arch Neurol, 2011). I risultati del gruppo di lavoro di Lin hanno trovato conferma in una recente ricerca effettuata da Gallacher e Colleghi, pubblicata nel In questo studio è stato monitorato per 17 anni un totale di 1057 uomini, valutando il livello uditivo all inizio dello studio e poi nuovamente dopo nove anni, oltre che l eventuale insorgere di demenza e il livello di declino cognitivo. Gli autori della ricerca hanno evidenziato un forte legame fra la presenza d ipoacusia, demenza e declino cognitivo. Anche se la causa del legame fra le due condizioni, ipoacusia e invecchiamento cognitivo, resta sconosciuta, i ricercatori suggeriscono l ipotesi di una patologia comune; in alternativa, ipotizzano che gli sforzi necessari all elaborazione dei suoni durante l arco di vita potrebbero sovraccaricare il cervello delle persone affette da difficoltà uditive, rendendole maggiormente esposte all insorgenza della demenza. Un altra possibilità avanzata dal ricercatore è che l ipoacusia potrebbe condurre all invecchiamento cerebrale rendendo gli individui più isolati socialmente, un fattore di rischio conclamato sia per la demenza sia per altri disturbi cognitivi. La ragione del legame tra perdita uditiva e diminuzione delle abilità cognitive è tuttora sconosciuta. Gli studiosi suggeriscono che una patologia comune potrebbe essere alla base di entrambi questi problemi di salute. Secondo quanto emerso dalla ricerca infatti poiché l ipoacusia comporta negli anni un grande sforzo del cervello per decodificare i suoni in informazioni utili, chi ne è affetto diventa sempre più vulnerabile alla demenza. Inoltre, con lo sviluppo della perdita uditiva, si rischia di diventare socialmente più isolati, diventando meno invogliati ad uscire e meno disposti a farsi coinvolgere in conversazioni. Uno dei maggiori fattori di rischio per l insorgere della demenza è l isolamento sociale. Questi risultati suggeriscono dunque che è possibile ritardare l invecchiamento cognitivo tramite l adozione di semplici rimedi, come l uso di apparecchi acustici e una maggiore attenzione verso la prevenzione e l identificazione precoce della sordità. Un fattore critico potrebbe anche essere il modo in cui gli apparecchi acustici sono utilizzati, in particolare la loro corretta programmazione e il counselling fornito dall audioprotesista. 13

16 Riferimenti bibliografici 1. Castillo M. Hearing loss may be linked to dementia, CBS News/ January 22, 2013, 4:07 PM. 2. Gallacher J, Ilubaera V, Ben-Shlomo Y, et al. Auditory threshold, phonologic demand, and incident dementia. Neurology 2012;79: Lin FR. Hearing loss and cognition among older adults in the United States. J Gerontol A BiolSci Med Sci 2011;66(10): Lin FR. Hearing Loss in Older Adults Who s Listening? JAMA 2012;307(11): Lin FR, Ferrucci L, Metter EJ, et al. Hearing loss and cognition in the Baltimore Longitudinal Study of Aging. Neuropsychology 2011;25(6): Lin FR, Metter EJ, O Brien RJ, et al. Hearing loss and incident dementia. Arch Neurol 2011;68(2): Lloyd J. Listen up: Dementia linked to hearing loss, USA TODAY 8:07p.m. EST January 21, McAlpine D. Viewpoint: Does deafness contribute to dementia? BBC News 4 December Uhlmann RF, Larson EB, Rees TS, et al. Relationship of hearing impairment to dementia and cognitive dysfunction in older adults. JAMA 1989;261(13): Hearing Loss Accelerates Brain Function Decline in Older Adults. Hopkinsmedicine, press release, Jan Hearing Aid Gap: Millions Who Could Benefit Remain Untreated. Hopkinsmedicine, press release, Feb

17 03 Ipoacusia, cognitività e soluzioni uditive 15

18 Ipoacusia, cognitività e soluzioni uditive Revisione a cura della Prof.ssa Sophia E. Kramer, Ph.D. - Associate Professor - VU University Medical Center, Dept. of ENT / Audiology, EMGO Institute - Amsterdam, The Netherlands. Negli ultimi decenni c è stato un rapido aumento del numero di ricerche che hanno evidenziato come la comprensione del parlato in ambienti d ascolto impegnativi sia influenzata dalle capacità cognitive dell individuo. In queste attività entrano in gioco sia processi bottom-up (il percorso dall orecchio sino al cervello) che top-down (i sistemi centrali necessari per l interpretazione delle informazioni). Non è quindi più possibile ignorare il ruolo della sfera cognitiva nelle ricerche sulle abilità uditive. La rilevanza dei processi cognitivi dipende dalle esigenze uditive. Quando le condizioni d ascolto sono difficili, a causa del rumore o della stessa sordità, la necessità che i processi cognitivi contribuiscano alla comprensione del parlato aumenta. Esistono almeno cinque funzioni cognitive associate in maniera significativa alla comunicazione verbale: a) la velocità nell elaborazione delle informazioni; b) l abilità di usare il contesto linguistico; c) l attenzione; d) la memoria di lavoro (l abilità di immagazzinare simultaneamente informazioni ed effettuare la loro elaborazione nella memoria); e) l integrazione linguistica (o l abilità di leggere un testo parzialmente incompleto). Tutte le funzioni cognitive elencate, eccezion fatta per la capacità di sfruttare il contesto linguistico, diminuiscono con l età. 16

19 Numerose ricerche hanno evidenziato come la memoria di lavoro influisca per il 20-30% sull abilità di comprensione del parlato, mentre la capacità di leggere testi parzialmente nascosti incida per circa il 30% sulla capacità di comprensione. Poiché l invecchiamento del cervello dà luogo a un complessivo rallentamento delle funzionalità cognitive, questo implica che le persone più anziane, rispetto ai giovani, hanno bisogno, e in maniera significativa, di un rapporto segnale-rumore migliore durante l ascolto del parlato in ambienti acusticamente impegnativi (ad esempio in presenza di rumore di fondo). Questa esigenza è tanto più forte se l interlocutore parla velocemente. approfondito l argomento, scoprendo che il rapporto fra la preferenza individuale per la compressione veloce o lenta non dipendeva soltanto dalle specifiche abilità cognitive dell individuo ma anche dalle caratteristiche del parlato che stavano ascoltando (cioè dal contesto linguistico). Queste ricerche dimostrano che le caratteristiche identificative delle persone candidabili agli apparecchi acustici vanno oltre la loro funzione uditiva, all interno del dominio delle abilità cognitive e delle differenze intersoggettive nella percezione dello scenario acustico che incontrano nella vita di ogni giorno. Due studi recenti hanno evidenziato come la riduzione digitale del rumore negli apparecchi acustici abbia effetti sulla memorizzazione delle informazioni nel parlato (la quantità d informazioni che si è in grado di ricordare) Anche se la demenza è frequentemente indicata come disfunzione cognitiva, non dovrebbe essere confusa con la ridotta capacità di una qualsiasi delle funzioni cognitive sopra citate. La demenza è molto più severa, è una sindrome aspecifica con molte aree della funzione cognitiva colpite simultaneamente, quali la memoria, l attenzione e la parola. La demenza è caratterizzata dal declino della funzione cognitiva, che è più rapido di quanto ci si potrebbe attendere da un normale processo d invecchiamento, ed è irreversibile. Nella loro ricerca, Lin e Colleghi (2013) hanno dimostrato un forte legame fra ipoacusia, accelerazione del declino cognitivo e demenza. È inoltre risaputo che: a) la funzione cognitiva ricopre un ruolo significativo nell ascolto quotidiano; b) la funzione cognitiva peggiora con l età; c) la prevalenza del fenomeno demenza nella nostra società sta aumentando velocemente. Una domanda sorge a questo punto spontanea: gli effetti dell ipoacusia sul declino cognitivo possono essere arrestati grazie ad una amplificazione acustica precoce, magari nel momento in cui si manifestano le prime difficoltà di comunicazione verbale? Le ricerche condotte sino ad oggi sul legame fra l amplificazione e la cognitività hanno indagato gli effetti dell amplificazione sia a breve sia a lungo termine (più di 3 mesi di uso continuativo degli apparecchi acustici). Studiando gli effetti a breve termine dell amplificazione, Gatehouse e Colleghi hanno dimostrato come gli ascoltatori con maggiori capacità cognitive riuscivano ad ottenere maggiori benefici dalla compressione rapida, mentre gli ascoltatori con minori capacità riuscivano a ottenere i migliori benefici dal controllo di volume ad attivazione più lenta. Cox e Xu hanno ulteriormente Impact of digital noise reduction in word recall task (Ng et al, 2013 / Sarampalis et al, 2009) Words correctly recalled in % Group with high reading span (Ng et al, 2013) % recalled SNR-2 (Sarampalis et al, 2009) 4 T babble - no noise reduction 4 T babble - dig noise reduction Quiet Grafico 7: L impatto positivo della Riduzione Digitale del Rumore (DNR) sulle capacità mnemoniche. Sia per Ng (istogrammi a sinistra) che per Sarampalis (istogrammi a destra) è possibile vedere come il risultato migliore si ottiene nel silenzio; tuttavia la presenza del DNR porta a risultati migliori che la sua assenza (Fonti: Ng et al, Int J Audiol 2013 & Sarampalis et al, J Speech Lang Hearing Res, 2009). Oltre alla ricerca di Lin e Colleghi (2013), vi sono altri sette studi che hanno valutato gli effetti a lungo termine dell uso degli apparecchi acustici (>3 mesi) sulla funzionalità cognitiva. Nelle ricerche in oggetto è stata utilizzata sia la metodica dei questionari somministrati ai pazienti, sia la valutazione diretta della funzionalità cognitiva conseguente all uso prolungato degli apparecchi acustici. Una ricerca di Mulrow (grafico 8, istogrammi a sinistra) ha evidenziato che l amplificazione uditiva ha permesso di ottenere risultati significativamente migliori nella performance mentale rispetto ai pazienti senza amplificazione. Lehrl (grafico 8, istogrammi a destra) ha invece dimostrato un miglioramento nella capacità della memoria di lavoro grazie all amplificazione. 17

20 Improvement on the Short Portable Mental Status Questionnaire due to hearing aid use (Mulrow et al, 1990) Total score SPMSQ scale 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 HA Group Control Group Baseline After 4 months Impact of HA use on working memory capacity (Lehrl et al, 2005) Working memory capacity in % HA Group Control Group Before HA After 2 months Grafico 8: Impatto positivo dell amplificazione acustica sulle abilità cognitive (Fonte: Mulrow et al, Ann Intern Med 1990 & Lehrl et al, HNO, 2005). Impact of HA use on MMSE (Mini Mental State Examination) (Acar et al, 2010) Working memory capacity in % 23, , , , , ,5 Before HA After 3 months Improvement on the Visual Verbal Learning Test (VVLT) due to hearing aid use (Choi et al, 2011) Total score VVLT scale Baseline After 6 months HA Group HA Group Control Group Grafico 9: Impatto positivo dell amplificazione acustica sulle abilità cognitive (Fonte: Acar et al, Arch.Gerontol.Geriatr & Choi et al, Clin.Exper. Otorhinolaryn., 2011). Acar e Colleghi (grafico 9, istogrammi a sinistra) hanno rilevato un miglioramento complessivo dello stato mentale grazie all amplificazione e Choi e Colleghi (grafico 9, istogrammi a destra) hanno dimostrato un miglioramento nelle abilità di apprendimento. Come descritto in precedenza, Lin e Colleghi hanno valutato il ruolo dell amplificazione acustica in caso di declino cognitivo accelerato. Anche se è stato evidenziato come l utilizzo di apparecchi acustici riduca leggermente il deficit cognitivo e i rischi ad esso connessi in soggetti affetti da ipoacusia, i risultati non erano realmente significativi. In altre parole, le evidenze in grado di confermare gli effetti positivi a lungo termine dell amplificazione sulla funzione cognitiva erano scarse. Anche se gli apparecchi acustici potrebbero avere degli effetti positivi sulla qualità generale della vita, il ruolo dell amplificazione sulle abilità cognitive è meno evidente e necessita di ulteriori ricerche. 18

ORGANI DI SENSO E DEMENZA

ORGANI DI SENSO E DEMENZA ORGANI DI SENSO E DEMENZA Eliana Cristofari ORL Audiovestibologia VARESE www.audiologia.it eliana.cristofari@ospedale.varese.it DEFINIZIONE TRECCANI Insieme di elementi di sostegno e specializzati che,

Dettagli

SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE

SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE PREMESSA AL TESTO Metodologia Questa pubblicazione è frutto di un analisi condotta utilizzando fonti bibliografiche internazionali, una serie di studi clinici e di laboratorio,

Dettagli

UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE INTERGRATO PER LA VALUTAZIONE E LA RIABILITAZIONE DELL UDITO

UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE INTERGRATO PER LA VALUTAZIONE E LA RIABILITAZIONE DELL UDITO Hear with the brain: give a sound to your life. UN PROGETTO MULTIDISCIPLINARE INTERGRATO PER LA VALUTAZIONE E LA RIABILITAZIONE DELL UDITO La percezione udiva La percezione uditiva è un fenomeno molto

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

SORDITA E QUALITA DI VITA

SORDITA E QUALITA DI VITA MARTEDI DELLA SALUTE SORDITA E QUALITA DI VITA PROF. GIANCARLO PECORARI I CLINICA ORL - UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Direttore Prof. R. Albera L apparato udi,vo periferico è suddiviso in 3 par,: L'ipoacusia

Dettagli

7. LO SVILUPPO DELLA PERCEZIONE VERBALE E I DISTURBI DEL «PROCESSING» UDITIVO

7. LO SVILUPPO DELLA PERCEZIONE VERBALE E I DISTURBI DEL «PROCESSING» UDITIVO 7. LO SVILUPPO DELLA PERCEZIONE VERBALE E I DISTURBI DEL «PROCESSING» UDITIVO Elisabetta Genovese doi: 10.7359/746-2015-geno Un importante branca di ricerca scientifica e di applicazione sul campo è senz

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

OBSERVATION TREATMENT (AOT)

OBSERVATION TREATMENT (AOT) ABSTRACT Valutazione dell efficacia dell ACTION OBSERVATION TREATMENT (AOT) sull impairment funzionale in pazienti con Demenza di Alzheimer di grado lieve-moderato - Studio randomizzato e controllato Il

Dettagli

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza

Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Proposta per il superamento di criticità nella gestione di pazienti con demenza Le dimensioni del problema Il dato stimato per demenza in Toscana nell anno 2010 è di 84.212 persone, con un tasso di incidenza

Dettagli

Psicogeriatria e Medicina

Psicogeriatria e Medicina 53 Congresso Nazionale Società Italiana di Gerontologia e Geriatria L Italia? Non è un paese per vecchi Firenze, 29 novembre 2008 Lettura AIP/SIGG Psicogeriatria e Medicina Marco Trabucchi Presidente Associazione

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI

PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI PREVENZIONE DELLA SORDITÀ E DEGLI HANDICAP ASSOCIATI Fabrizio Ottaviani Professore Ordinario di Otorinolaringoiatria Università di Roma Tor Vergata Epidemiologia Prevalenza: paesi sviluppati compresa fra

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa

Disturbi della vista e deficit cognitivi. Dr. Claudio Campa Università degli Studi di Ferrara Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirurgico Specialistiche Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore Prof. Paolo Perri Disturbi della vista e deficit cognitivi Dr.

Dettagli

Acufene: una panoramica in breve

Acufene: una panoramica in breve : una panoramica in breve Descrizione Le persone che soffrono di acufene percepiscono un suono in assenza di sorgenti esterne. I suoni che si sentono nell acufene tendono ad essere ronzii, fischi o trilli

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE

Dettagli

La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano

La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano Atti del convegno ATTI DEL CONVEGNO La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano Dott. Renzo Scortegagna, Università di Padova La società contemporanea ha riservato molta attenzione

Dettagli

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano Unità di Ortopedia e Traumatologia Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Dr. Fabio Bertaiola 1 Chiunque ha sentito parlare dell osteoporosi

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche

L innovazione dei servizi per la cura delle malattie croniche Cooperativa Sociale Nòmos onlus Bagno a Ripoli, 2011 Convegno L evoluzione dei bisogni degli anziani: Le risposte dei servizi alle esigenze emergenti L innovazione dei servizi per la cura delle malattie

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile

I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano fragile La prevenzione della disabilità nell anziano fragile: sperimentazione di un modello in due Società della Salute Firenze - 4 maggio 2011 I metodi per l identificazione e la prima valutazione dell anziano

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI RIFORMA DEL D.M. 332/99 E DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) SORDITÀ, APPARECCHI ACUSTICI E MODALITÀ DI

LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI RIFORMA DEL D.M. 332/99 E DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) SORDITÀ, APPARECCHI ACUSTICI E MODALITÀ DI LA POSIZIONE ASSOCIATIVA IN TEMA DI RIFORMA DEL D.M. 332/99 E DEI LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA (LEA) SORDITÀ, APPARECCHI ACUSTICI E MODALITÀ DI ACQUISIZIONE DA PARTE DEL SSN INDICE 1 - INTRODUZIONE

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE RICERCA DELLA SOGLIA UDITIVA: METODI E TECNICHE AUDIOMETRISTA R. RUBERTO Quando si parla di adulto non collaborante si ha a che fare con un paziente complesso,

Dettagli

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH:

in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: I t a l b i o f o r m a in collaborazione con Keyword E U R O P A organizza il corso di aggiornamento scientifico OSTEOTEACH: corso teorico-pratico sull osteoporosi postmenopausale Monza (MI) 26/05/2007

Dettagli

Il PDTA per la diagnosi precoce delle Demenze e la sua applicazione nel Progetto Regionale NPS

Il PDTA per la diagnosi precoce delle Demenze e la sua applicazione nel Progetto Regionale NPS Il PDTA per la diagnosi precoce delle Demenze e la sua applicazione nel Progetto Regionale NPS Diagnosi e presa in carico della Demenza precoce Biella Auditorium Città degli Studi 17 gennaio 2015 PREMESSA

Dettagli

I professionisti dell udito w w w. e l e t t r o s o n o r. i t. Il beneficio protesico nel rumore

I professionisti dell udito w w w. e l e t t r o s o n o r. i t. Il beneficio protesico nel rumore I professionisti dell udito w w w. e l e t t r o s o n o r. i t Il beneficio protesico nel rumore INTRODUZIONE Il Centro Sordità Elettrosonor, nel corso di quarant anni di esperienza nell applicazione

Dettagli

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento.

La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. La psichiatria geriatrica è un campo in rapida crescita in quanto la popolazione anziana è in aumento. I disturbi mentali dell anziano comprendono tutti i disturbi ritrovabili nei giovani adulti e ad essi

Dettagli

LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO

LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO LA FARMACOVIGILANZA COME STRUMENTO DI APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA: DAL RISCHIO AL BENEFICIO Perché e quando sospettare una ADR e come fare diagnosi Trattazione pratica basata su un caso clinico Aurelio

Dettagli

1. Background. Introduzione

1. Background. Introduzione Introduzione 13 1. Background In questo volume viene presentata la versione breve 1 della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute, nota come ICF. 2 Lo scopo generale

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento

L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Firenze, 2-3 Dicembre 2011 Aula Magna del Seminario Arcivescovile Maggiore L automisurazione della pressione e aderenza al trattamento Mauro Vannucci Elena Tamburini Il 62% delle visite dal medico danno

Dettagli

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing

Il delirium II/II. Firenze 1 dicembre 2007. 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Firenze 1 dicembre 2007 8 Corso Multiprofessionale di Nursing Il delirium II/II M.Pozzebon U.O.C. Geriatria U.S.D. Continuità delle Cure P.O. Treviso Delirium: sindrome multifattoriale che deriva dall

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ

Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Facoltà di Medicina e Psicologia Corso di laurea magistrale in PSICOLOGIA DELLA SALUTE, CLINICA E DI COMUNITÀ Tesi di laurea La Sclerosi Multipla: disturbi cognitivi, dell'umore e d'ansia Relatore Prof.ssa

Dettagli

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE

IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE IL DELIRIUM: STRATEGIE DI PREVENZIONE E GESTIONE Collegio IPASVI Brescia 24 febbraio 2016 Zani Michele Gruppo di Ricerca Geriatrica, Brescia Fond. Le Rondini Città di Lumezzane ONLUS IL MESSAGGIO DI OGGI

Dettagli

La sordità. Prof. Oskar Schindler

La sordità. Prof. Oskar Schindler La sordità Prof. Oskar Schindler Cenni d anatomia L orecchio Come funziona l udito Apparato uditivo Periferico o Orecchio Centrale o Centri e vie uditive encefaliche (percezione) Esterno Raccoglie i suoni

Dettagli

Dir. Resp.: Roberto Napoletano

Dir. Resp.: Roberto Napoletano Lettori: n.d. Diffusione: n.d. 03-DIC-2013 Dir. Resp.: Roberto Napoletano da pag. 27 Lettori: n.d. Diffusione: n.d. Dir. Resp.: Roberto Napoletano 03-DIC-2013 da pag. 27 Quotidiano 097156 www.ecostampa.it

Dettagli

N 34 lunedì 2 agosto 2010

N 34 lunedì 2 agosto 2010 settore nazionale UISP sede operativa presso Costruire in Project via Delle Monache, 2 41057 Spilamberto (Modena) t. 059.785422 - www.spazidisport.it info@spazidisport.it Prof. Fabio Casadio Responsabile

Dettagli

Epidemiologia delle ipoacusie infantili

Epidemiologia delle ipoacusie infantili Epidemiologia delle ipoacusie infantili 78 milioni di persone nel mondo presentano una ipoacusia moderata (>40 db) nell orecchio migliore e 364 milioni di persone hanno una ipoacusia lieve (26-40 db).

Dettagli

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it Caserta, 16 ottobre 2014 1 CONGRESSO NAZIONALE A.

Dettagli

RUOLO DEI CARE GIVERS

RUOLO DEI CARE GIVERS RUOLO DEI CARE GIVERS Antonella Surbone, MD PhD FACP Professor of Medicine New York University Novi Ligure, January 16 th, 2009 Demographics of ageing Elderly population in the US people > 65 are the

Dettagli

* Il Progetto Europeo SOCIABLE:

* Il Progetto Europeo SOCIABLE: * Il Progetto Europeo SOCIABLE: 22 Novembre 2012 - HANDIMATICA Dott.ssa CHIARA ZACCARELLI Dott. GIULIO CIRILLO Centro Esperto della Memoria U.O. GERIATRIA (AUSL Forlì) *Progetto Europeo SOCIABLE Progetto

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile?

Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Come promuovere il mantenimento delle capacità residue degli anziani affetti da demenza senile? Studio condotto presso i 5 Istituti di cura per anziani della Città di Lugano. Giornata RAI 2011 Lugano 27

Dettagli

Indice 1 LA DISABILITÀ UDITIVA ------------------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice 1 LA DISABILITÀ UDITIVA ------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: LA DISABILITÀ UDITIVA PROF. EDOARDO ARSLAN La disabilità uditiva Indice 1 LA DISABILITÀ UDITIVA -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario

La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario Gruppo di Studio La cura nella fase terminale della vita La morte nelle strutture residenziali per anziani non autosufficienti in Italia Presentazione dei risultati del questionario FLAVIA CARETTA Dipartimento

Dettagli

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C

Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C Epidemiologia e storia naturale dell epatite cronica C SOCIETA MEDICO-CHIRURGICA FERRARA Anastasio Grilli UO Malattie Infettive Universitaria Dipartimento Medico 19 settembre 2015 Epidemiologia e storia

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA

LEZIONI DI STATISTICA MEDICA LEZIONI DI STATISTICA MEDICA A.A. 2010/2011 - Screening - Test diagnostici Sezione di Epidemiologia & Statistica Medica Università degli Studi di Verona Storia naturale della malattia (Rothman( Rothman,,

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL)

I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) I DISTURBI SPECIFICI DI LINGUAGGIO (DSL) Premessa La tutela della Salute materno- infantile e la riabilitazione in età evolutiva, ha valenza strategica nei sistemi sanitari, sia per le ripercussioni sul

Dettagli

Per rendere noto come questa patologia sia limitante per chi ne soffre, è stato realizzato uno studio per valutare la Qualità della Vita

Per rendere noto come questa patologia sia limitante per chi ne soffre, è stato realizzato uno studio per valutare la Qualità della Vita Epidemiologia della Disfunzione Lacrimale Per Disfunzione Lacrimale (DL) si intende una malattia multifattoriale delle lacrime e della superficie oculare che porta a sintomi di discomfort 1 oculare, disturbi

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT

La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT La proposta e la scelta dell intervento psicologico per i familiari R. Chattat Dip. Psicologia, Università degli Studi di Bologna I dati dell ISTAT del 2004 riportano che circa 2,6 milioni di persone con

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi M.Cristina, Sicoli Silvia Psicologa: Ghiggeri Sabrina Audiologo:

Dettagli

muscolo-scheletrichescheletriche

muscolo-scheletrichescheletriche Abilità motorie e problematiche muscolo-scheletrichescheletriche Dr. Ilaria Baroncini Dr. Silvia Olivi Abilità motorie La lesione midollare (SCI) accentua il calo fisiologico dei diversi apparati causati

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Programma: Promozione di interventi mirati ad incidere sui rischi infortunistici in ambito domestico tra gli anziani e bambini di 0-4 anni Identificativo della Linea

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO

UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Renato Donfrancesco UOC NEUROPSICHIATRIA INFANTILE OSPEDALE SANDRO PERTINI ROMA IL BAMBINO IPERATTIVO Una richiesta d aiuto... d che ha il bambino? che devo fare? e e se fosse ADHD? Disturbo da Deficit

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

La stimolazione cognitiva nell anziano.

La stimolazione cognitiva nell anziano. La stimolazione cognitiva nell anziano. Percorso formativo di potenziamento delle funzioni mnesico attentive e di consolidamento della metacognizione in relazione agli stili di vita adottati. E stato scritto

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996

SCHEDA 4. Quarto Congresso Internazionale su Attività fisica, Invecchiamento e Sport Heidelberg, Germania, agosto 1996 SCHEDA 4 Le Linee guida di Heidelberg per la promozione dell attività fisica per le persone anziane (The Heidelberg Guidelines for promoting physical activity among older persons) Quarto Congresso Internazionale

Dettagli

Imbriano Letizia, Podda Livia, Rendace Lidia, Lucchese Franco*, Campanelli Alessandra, D Antonio Fabrizia, Trebbastoni Alessandro, de Lena Carlo

Imbriano Letizia, Podda Livia, Rendace Lidia, Lucchese Franco*, Campanelli Alessandra, D Antonio Fabrizia, Trebbastoni Alessandro, de Lena Carlo VI Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONEALZHEIMER (UVA) NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Centro Disturbi della Memoria, Unità Valutativa Alzheimer (UVA), Dipartimento di Neurologia

Dettagli

Percorso educazionale e di counseling del paziente anziano diabetico. Punto 1. 1a.Anziano

Percorso educazionale e di counseling del paziente anziano diabetico. Punto 1. 1a.Anziano Percorso educazionale e di counseling del paziente anziano diabetico Punto 1 1a.Anziano Per convenzione si definisce anziana la persona di età 65 anni Anziano ovvero persona che è avanti con gli anni,

Dettagli

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MILD COGNITIVE IMPAIRMENT La patologia dementigena inizia molto prima delle manifestazioni cliniche della malattia. Esiste una fase

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

The Silver Tsunami. Il mondo invecchia. Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo. Il contesto demografico

The Silver Tsunami. Il mondo invecchia. Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo. Il contesto demografico Dati epidemiologici di incidenza e prevalenza della demenza in provincia di Bergamo Alberto Zucchi Servizio Epidemiologia Aziendale-Dipartimento PAC ASL di Bergamo COMITATO SCIENTIFICO INTERAZIENDALE DELLE

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Necessario, invece, una qualità di intervento alto in grado di muovere assistenza sanitaria e di dare gli giusti stimoli al paziente.

Necessario, invece, una qualità di intervento alto in grado di muovere assistenza sanitaria e di dare gli giusti stimoli al paziente. Informazionediretta.it Competenza, appropriatezza, integrazione! La triade per la cura all'alzheimer Il 13 dicembre alla Biblioteca del Senato si è fatto il punto sugli attuali sistemi di cura di una malattia

Dettagli

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa

Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa Parliamo di autismo: dalla diagnosi precoce alla pratica educativa FOGGIA 4 dicembre 2012 A cura della Dott.ssa G. Berlingerio - @: cooperativasocialeperla@gmail.com tel: 320-8493110 AUTISMO:chi decide

Dettagli

le malattie reumatiche: attualità e prospettive

le malattie reumatiche: attualità e prospettive gallarate, 9.11. 2013 le malattie reumatiche: attualità e prospettive marco broggini L impatto delle patologie muscoloscheletriche nel nuovo millennio Le patologie muscoloscheletriche rappresentano la

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: il quadro epidemiologico

La Malattia di Alzheimer: il quadro epidemiologico La Malattia di Alzheimer: il quadro epidemiologico IL BUIO DELLA COSCIENZA IL MALATO DI ALZHEIMER E L OPERATORE SANITARIO: Maria Elena Flacco 1 Vito Di Candia 2 Lamberto Manzoli 3 un paziente critico in

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici

Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Evoluzione Prognostica e Ruolo degli Interventi Terapeutici Michele Sanza Bologna 11 febbraio 2011 Lo skills Training della DBT nel trattamento integrato del Disturbo Borderline di Personalità 1 Il decorso

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

La medicina della complessità. Massimo Fini Direttore Scientifico IRCCS San Raffaele Pisana, Roma

La medicina della complessità. Massimo Fini Direttore Scientifico IRCCS San Raffaele Pisana, Roma La medicina della complessità Massimo Fini Direttore Scientifico IRCCS San Raffaele Pisana, Roma 11 Aprile 1945 Pressione arteriosa di Franklin D. Roosevelt dal 1935 fino al giorno della sua morte, 12

Dettagli

MALATTIA DI ALZHEIMER

MALATTIA DI ALZHEIMER MALATTIA DI ALZHEIMER FORME FAMILIARI FORME SPORADICHE 5-10% 90-95% Esordio precoce (40-60 aa) (EOFAD) Esordio tardivo (>60 aa) (LOFAD) Esordio precoce (65 aa) (LOAD) (Fattori

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

a supporto dei malati di Parkinson dr. A.Marsano

a supporto dei malati di Parkinson dr. A.Marsano La rete dei servizi a supporto dei malati di Parkinson dr. A.Marsano Caratteristiche demografiche : il progressivo invecchiamento della popolazione M Italia 2000 F M Italia 2050 F L INDICE DI VECCHIAIA

Dettagli

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 Aumentato rischio di Mild Cognitive Impairment Amnesico in soggetti portatori dell allele ε 4 dell ApoE Valeria Cornacchiola, Roberto Monastero*,

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI A. Peretti 1, M. Gravino 2, A. Farina 3 1) Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Università di Padova 2) Tecnico

Dettagli

La demenza nell ospedale per acuti. -in pronto soccorso- Chiara Mussi Cattedra di Geriatria e Gerontologia Università di Modena e Reggio Emilia

La demenza nell ospedale per acuti. -in pronto soccorso- Chiara Mussi Cattedra di Geriatria e Gerontologia Università di Modena e Reggio Emilia La demenza nell ospedale per acuti -in pronto soccorso- Chiara Mussi Cattedra di Geriatria e Gerontologia Università di Modena e Reggio Emilia L anziano al pronto soccorso Il numero di anziani che accede

Dettagli

Rischio psicopatologico

Rischio psicopatologico Rischio psicopatologico http://www.medicinalive.com/sindrome-di-down Corso di Disabilità cognitive - Prof. Renzo Vianello - Università di Padova Power Point per le lezioni a cura di Manzan Dainese Martina

Dettagli

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO

LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO LA DEMENZA DI ALZHEIMER: LE NUOVE FRONTIERE DELL APPROCCIO INTEGRATO PRENDERSI CURA DEL MALATO E DELLA SUA FAMIGLIA ALZHEIMER CAFE una proposta di realizzazione, una risposta a chi ha bisogno. DR. ALESSANDRO

Dettagli