SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE"

Transcript

1 SENTIRE BENE PER ALLENARE LA MENTE

2

3 PREMESSA AL TESTO Metodologia Questa pubblicazione è frutto di un analisi condotta utilizzando fonti bibliografiche internazionali, una serie di studi clinici e di laboratorio che riguardano i possibili benefici degli apparecchi acustici nella conservazione e nello sviluppo delle capacità cognitive. Gruppo di lavoro Questo Consensus Paper è il risultato di una revisione della letteratura scientifica disponibile sull argomento a cura di: Prof. Roberto Bernabei - Direttore Dipartimento per l Assistenza Sanitaria di Geriatria, Neuroscienze e Ortopedia - Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma, Italia; Prof. Frank R. Lin, M.D. Ph.D. - Assistant Professor of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Geriatric Medicine, Mental Health, and Epidemiology - Johns Hopkins University - Baltimore, United States; Prof. Sophia E. Kramer, Ph.D. - Associate Professor - VU University Medical Center, Dept. of ENT / Audiology, EMGO Institute - Amsterdam, The Netherlands; Prof. Alessandro Martini - Direttore Dipartimento di Neuroscienze e Organi di Senso e Professore Ordinario di Otorinolaringoiatria - Azienda Ospedaliera Università di Padova - Italia; Centro Ricerche e Studi Amplifon (CRS) - Milano, Italia. INDICE Prefazione 3 01 Scenario sociale ed epidemiologico 7 02 Correlazione fra ipoacusia e invecchiamento cognitivo Ipoacusia, cognitività e soluzioni uditive Conclusioni 21 Prospettive di ricerca 25 La pubblicazione è stata realizzata con il contributo di 1

4 SOMMARIO Anche se le difficoltà uditive possono manifestarsi in qualsiasi momento della vita, la loro prevalenza aumenta considerevolmente con l età. Più del 40% delle persone tra anni di età presenta infatti una forma significativa di ipoacusia e l incidenza di questo disturbo aumenta fino al 90% nelle persone con più di ottant anni. Con una popolazione mondiale in continua crescita, anche grazie a migliori cure sanitarie e a una più attenta alimentazione, nel prossimo futuro è previsto un incremento considerevole di persone over 60; secondo le Nazioni Unite entro il 2050 ci saranno nel mondo 1,95 miliardi di ultrasessantenni, pari al 21% della popolazione globale. L invecchiamento della popolazione sta altresì alimentando il numero di persone affette da forme di demenza e decadimento cognitivo. L Organizzazione Mondiale della Sanità stima che il numero attuale di persone affette da demenza sia di 36 milioni, ma prevede che questo numero triplicherà entro il Varie ricerche dimostrano come le persone affette da sordità siano maggiormente predisposte a sviluppare forme di decadimento cognitivo. Un ampia ricerca ha evidenziato come, rispetto ad un gruppo di controllo di normoudenti, le persone affette da sordità di grado lieve, medio e grave abbiano rispettivamente una possibillità di 2, 3 o 5 volte maggiore di sviluppare un deterioramento delle funzioni cognitive. Anche se il legame specifico fra le due condizioni resta sconosciuto, è stata suggerita l ipotesi che il maggior sforzo mentale, associato ad un maggiore isolamento sociale legato alla sordità, possa rappresentare una delle maggiori cause cui imputare l aumento dei casi di demenza. Questo documento esamina le informazioni attualmente disponibili in relazione al beneficio potenziale della riabilitazione uditiva nel mantenimento e nell aumento delle abilità cognitive. Le informazioni attuali sono limitate e non sono esaustive, tuttavia tendono a suggerire un effetto positivo dell uso delle soluzioni uditive. Nel caso in cui fosse possibile dimostrare attraverso una ricerca clinica che gli apparecchi acustici possono ritardare il deterioramento delle abilità cognitive, gli effetti sarebbero di enorme valore. 2

5 Prefazione 3

6 Prefazione Prof. Roberto Bernabei - Direttore Dipartimento per l Assistenza Sanitaria di Geriatria, Neuroscienze e Ortopedia - Università Cattolica del Sacro Cuore - Roma, Italia. Gli italiani ed il mondo occidentale invecchiano con tale imprevista rapidità da cogliere la politica e lo stesso mondo medico-sanitario in generale impreparati e, comunque, spesso curiosamente conniventi nell eludere il problema. Per quanto riguarda la politica si elude per non doversi impegnare in un complesso ridisegno del sistema assistenziale; per i professionisti del settore sanitario perché gli anziani sono complicati e time consuming. Invece le implicazioni, i collegamenti, i cambiamenti che l invecchiamento determina sono intensi di novità, pieni di sorprese, ricchi di ritorni. Per la politica e per i medici. Rimaniamo però nel settore di cui si occupa questo Consensus Paper, la stretta relazione tra mente e udito. Se è molto probabile che chi nasce oggi arrivi a vivere 100 anni, è certo che chiunque viva già oggi continua a guadagnare tre/quattro mesi di aspettativa di vita ogni anno che passa, che una donna su due ci lascia dopo i 90 anni, che il traguardo degli 80 anni è comune per molti e che la curva della mortalità non crolla clamorosamente, come accadeva fino a 50 anni fa, dopo il raggiungimento di questa età, ma scende, anzi, dolcemente. Questi dati demografici hanno un impatto forte su quelli epidemiologici e determinano la nascita di realtà nuove ed insospettabili. In Italia ci sono quasi 13 milioni di persone con più di 65 anni d età: stanno quasi tutti bene e a 70 anni quelli che hanno deficit di funzione o deficit cognitivi sono meno del 10%. Ciò significa che il 90% degli over 65, anche se portatore di una o più malattie, è sostanzialmente dotato di una soddisfacente qualità della vita. È oggi, per fortuna, osservazione comune vedere ultrasettantenni fare esattamente quello che facevano a 50 anni. 4

7 C è però un altra serie di fenomeni che si presentano proprio per l allungamento della vita e possono determinare problemi importanti anche quando si collocano all interno di questa longevità attiva. Così come dopo i 50 anni siamo tutti o quasi colpiti dalla presbiopia, e nessuno ci fa nemmeno caso, arrivare a dopo i 70 o dopo gli 80 vuol dire incorrere in fenomeni come la diminuzione della massa magra e quindi nel rallentamento dell andatura o nella diminuzione del senso della sete e quindi nella disidratazione e secchezza cutanea. Oltre a ciò, nell ambito della sfera cognitivo sensoriale che stiamo discutendo si affermano, come vedrete affrontati più in dettaglio, altre due problematiche correlate all età : la demenza ed il deficit dell udito. I numeri a riguardo sono elevati: oltre il 50% delle persone con più di 85 anni ha un deficit cognitivo e alcuni affermano che se non troveremo una terapia rischiamo di arrivare a 100 anni, certo, ma senza accorgercene. C è poi il deficit dell udito, accompagnamento implacabile della longevità e, come vi sarà riferito da questa pubblicazione, capace di determinare demenza facilitandone l insorgere. Non solo, il deficit uditivo si accompagna ad un altro spauracchio dell invecchiamento: la caduta. Chi ci sente poco cade di più! E cadere vuol dire aumentare la possibilità, vista l osteoporosi, di frattura del femore e inizio della cascata di problemi geriatrici che sorgono dalla disabilità. E la disabilità fa male: non si muore per malattia da vecchi, ma per sopravvenuta disabilità. Chi ha studiato quanto succede nelle popolazioni anziane ha infatti visto che è caratteristica comune la multimorbidità, cioè la presenza di due/tre o più malattie negli anziani di oggi. Ma questi anziani multimorbidi muoiono solo quando si affianca alle malattie la disabilità, quando cioè il corpo funziona male. Allora il paradosso può essere che per un banale e rimediabile deficit uditivo si accentui un deficit cognitivo e si cada, ci si fratturi il femore, si diventi disabile e Se un bambino sente poco è automatico suggerire una soluzione acustica, se un cinquantenne non riesce più a leggere il giornale è automatico che inforchi gli occhiali: è mai possibile che su 7 milioni di ipoacusici solo portino gli apparecchi acustici? Questo Consensus Paper vuole darvi argomenti perché questo accada sempre meno. 5

8 6

9 01 Scenario sociale ed epidemiologico 7

10 Scenario sociale ed epidemiologico Revisione a cura del Prof. Frank R. Lin, M.D. Ph.D. - Assistant Professor of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Geriatric Medicine, Mental Health, and Epidemiology - Johns Hopkins University - Baltimore, United States. Grazie ad una migliore nutrizione e alle maggiori cure per le malattie, l aspettativa di vita a livello mondiale sta aumentando annualmente ed è plausibile prevedere che continuerà allo stesso modo nel prossimo futuro. Secondo le Nazioni Unite, la popolazione mondiale complessiva passerà dai 6,9 miliardi del 2010 ai 9,3 miliardi di persone nel 2050 e fra il 2000 e il 2050 la percentuale di persone ultrasessantenni raddoppierà (dal 10% al 21% della popolazione mondiale). Questo equivale ad un incremento da 0,69 miliardi fino a 1,95 miliardi di persone. Estimated global population > 60 years old Estimated total number of the global population older than 60 years (in millions) Grafico 1: Stima della popolazione mondiale ultrasessantenne (Fonte: Lin et al, Arch Intern Med, 2011 and United Nations Department of Economic and Social Affairs Population Division). 8

11 Un possibile fattore di rischio legato all invecchiamento della popolazione è l ipoacusia. Una recente ricerca effettuata negli Stati Uniti da Lin e Colleghi ha evidenziato come il numero di persone affette da sordità bilaterale di grado lieve o superiore aumenti con l età. Prevalence of hearing loss per age group % of the age group with hearing loss of 25 dbhl or greater in both ears 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% >80 Grafico 2: L effetto dell età sulla perdita uditiva. Dai 40 anni di età l ipoacusia di grado lieve o superiore aumenta quasi del 20% ogni 10 anni (Fonte: Lin et al, Arch Intern Med, 2011). Attualmente vi sono 590 milioni di persone nel mondo affette da sordità. Con il costante aumento della popolazione mondiale è prevedibile che questo numero raddoppi entro il 2050, fino ad arrivare a 1,2 miliardi di persone. L aumento sarà più evidente nella fascia di età al di sopra dei sessant anni. hanno avuto effetti positivi nella riduzione delle persone che soffrono di ipoacusia per cause riconducibili al lavoro. Sfortunatamente però gli adolescenti e i giovani (fra i 12 e 19 anni di età) ascoltano sempre più spesso la musica con i lettori MP3 a volumi molto elevati e raramente fanno uso di otoprotettori in ambienti rumorosi come ad esempio feste e luoghi di ritrovo. Il numero di questi adolescenti affetti da ipoacusia è aumentato del 30% negli ultimi 15 anni (dal 14,9% del periodo al 19,5% tra il ). Un altro elemento potenzialmente in grado di incidere sul numero di giovani affetti da ipoacusia è rappresentato dal diabete. Nel mondo si prevede che la percentuale di adulti diabetici passerà dal 2,8% del 2000 al 4,4% nel La causa principale di questo aumento è attribuibile al drammatico problema dell obesità. Gli adulti diabetici (di età compresa tra 20 e 69 anni) hanno un 21% di possibilità di essere affetti da ipoacusia, contro il 9% degli adulti non diabetici. L aumento quindi del numero di persone diabetiche, in modo particolare tra i giovani, porterà ad un incremento di soggetti giovani affetti da disturbi uditivi. Un altro grave problema di salute che aumenta con l invecchiamento è rappresentato dalla demenza. A partire dai 70 anni di età la percentuale di persone affette da demenza aumenta dell 1% all anno. Questo andamento è più diffuso tra gli uomini rispetto alle donne. Prevalence of dementia per age group Estimated global population with hearing loss from 2000 to 2050 Estimated global population (in millions) with hearing loss: > 25 dbhl in both ears HI > 60 years HI =< 60 years Grafico 3: Stima della popolazione mondiale affetta da ipoacusia dall anno 2000 al La quota di sessantenni aumenta ogni decennio (Fonte: Lin et al, Arch Intern Med, 2011 and United Nations Department of Economic and Social Affairs Population Division). Il diffondersi dell uso di dispositivi per la protezione dell udito e una generale riduzione dei livelli sonori in ambienti di lavoro Prevalence of dementia 35% 30% 25% 20% 15% 10% 5% 0% Female Male Grafico 4: Prevalenza di demenza per gruppi di età (Fonte: Launer et al, Neurology 1999). Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità il numero stimato di persone al mondo che convivono con la demenza è attualmente di 36 milioni di individui. Questo numero raddoppierà entro il 2030 e triplicherà entro l anno

12 The growth of the estimated global population with dementia The estimated number of the global population (in millions) with dementia Grafico 5: Crescita stimata della popolazione mondiale affetta da demenza (Fonte: Demenza: una priorità per la Salute pubblica Organizzazione Mondiale della Sanità e Associazione Internazionale Alzheimer). Per l Organizzazione Mondiale della Sanità, la demenza rappresenta una delle maggiori priorità per la salute pubblica, che richiede dunque l intervento dei sistemi sanitari nazionali a livello mondiale. Grazie ad un alimentazione più attenta e ad una maggiore cura della salute la nostra aspettativa di vita sta aumentando, con la previsione di una popolazione mondiale di ultrasessantenni raddoppiata entro il Contemporaneamente il numero di persone che nel mondo soffrono di ipoacusia (attualmente stimato intorno ai 590 milioni) sta aumentando costantemente e, con l incremento della popolazione mondiale, si stima che raddoppierà raggiungendo 1,2 miliardi di persone entro il Infine, si prevede che la popolazione mondiale dei soggetti affetti da demenza, attualmente di 36 milioni di persone, triplicherà sino ad arrivare a quota 115 milioni entro il Esiste un legame significativo fra ipoacusia e decadimento cognitivo, aspetto che sarà trattato più approfonditamente nel prossimo capitolo. Considerato il sensibile aumento della popolazione mondiale e l incremento stimato delle persone affette da ipoacusia, è evidente quanto forte sia la necessità di intraprendere azioni al fine di scongiurare un incremento ulteriore della stima di 115 milioni di persone che entro il 2050 soffriranno di demenza. Riferimenti bibliografici 1. Bainbridge KE, Hoffman HJ, Cowie CC. Diabetes and Hearing Impairment in the United States: Audiometric Evidence from the National Health and Nutrition Examination Survey, 1999 to Ann Intern Med 2008;149: Davis A, Smith P, Ferguson M, et al. Acceptability, benefit and costs of early screening for hearing disability: a study of potential screening tests and models. NHS R&D HTA Programme Health Technology Assessment 2007;11: Launer LJ, Andersen K, Dewey ME et al. Rates and risk factors for dementia and Alzheimer s disease: Results from EURODEM pooled analyses. Neurology 1999;52; Lin FR, Niparko JF, Ferrucci L. Hearing Loss Prevalence in the United States. Arch Intern Med 2011;171(20): Shargorodsky J, Curhan SG, Curhan GC, Eavey R. Change in Prevalence of Hearing Loss in US Adolescents. JAMA 2010;304(7): United Nations, Department of Economic and Social Affairs, Population Division. World Population to 2300, New York, United Nations, Department of Economic and Social Affairs, Population Division. Population Ageing and Development 2012, New York, September World Health Organization; US National Institute of Aging. Global health and ageing, October World Health Organization, Department of Mental Health and Substance Abuse; Alzheimer s Disease International. Dementia a public health priority. Geneva whqlibdoc.who.int/publications/2012/ _eng.pdf 10

13 02 Correlazione fra ipoacusia e invecchiamento cognitivo 11

14 Correlazione fra ipoacusia e invecchiamento cognitivo Revisione a cura del Prof. Frank R. Lin, M.D. Ph.D. - Assistant Professor of Otolaryngology-Head & Neck Surgery, Geriatric Medicine, Mental Health, and Epidemiology - Johns Hopkins University - Baltimore, United States. La relazione fra ipoacusia e demenza in persone anziane è stata oggetto di varie ricerche cliniche. Questi studi hanno dimostrato che i soggetti affetti da ipoacusia, confrontati con i coetanei che non ne soffrono, sono significativamente più predisposti a sviluppare la demenza. In una delle prime ricerche pubblicate nel 1989, Richard Uhlmann e Colleghi hanno effettuato una comparazione fra 100 soggetti con demenza e un gruppo di controllo composto da altri 100 soggetti sani. Uhlmann è arrivato alla conclusione che l ipoacusia, negli anziani, rappresenta un fattore in grado di contribuire alla compromissione delle facoltà cognitive, secondo una relazione di proporzionalità diretta: maggiore il livello d ipoacusia, maggiori le possibilità di sviluppare la demenza. Una dettagliata analisi dei dati ha evidenziato che la percentuale di pazienti con demenza potenzialmente causata da difficoltà uditive potrebbe arrivare addirittura al 32% del totale. La ricerca ha inoltre evidenziato che l ipoacusia si associa a ridotta funzione cognitiva, anche in pazienti non colpiti da demenza. Il lavoro del Dr. Uhlmann ha messo in luce come, in fase di diagnosi di demenza, i clinici devono essere particolarmente attenti a segnalare un eventuale presenza d ipoacusia. In parallelo, l ipoacusia potrebbe rappresentare un importante fattore di rischio per l insorgenza di demenza e disturbi cognitivi. Se ciò fosse vero, qualsiasi correzione dell ipoacusia non sarebbe in grado di prevenire la progressione della demenza ma potrebbe potenzialmente attenuarne i sintomi. Questo renderebbe la correzione uditiva un opportunità promettente per il trattamento dei disturbi cognitivi nelle persone anziane, in particolare perché attualmente non vi sono altri metodi per rallentare la progressione delle demenze comuni, come ad esempio l Alzheimer. Frank Lin, otorinolaringologo ed epidemiologo presso la Johns Hopkins School of Medicine, insieme a suoi collaboratori ha effettuato una ricerca più approfondita, seguendo 639 pazienti per 18 anni. All inizio della ricerca 12

15 in nessuno dei soggetti fu riscontrato un danno cognitivo, anche se alcuni soggetti erano affetti da ipoacusia. Durante i 18 anni di follow up fra i 639 pazienti sono stati diagnosticati 58 casi di demenza. Effettuando una comparazione con individui normoudenti, i soggetti affetti da ipoacusia lieve, media e grave, avevano rispettivamente 2, 3 e 5 volte un rischio più alto di sviluppare demenza. Per ogni 10 db (A) di aumento del livello d ipoacusia, paragonato a normali livelli uditivi per la stessa fascia d età, il rischio di demenza aumenta di 2,7 volte. Un altro riscontro interessante è stato verificare come l associazione tra le due patologie fosse più marcata quando i test venivano somministrati da un intervistatore rispetto a quelli erogati mediante un computer Anche dopo aver preso in considerazione altri fattori associati al rischio di demenza, inclusi diabete, pressione sanguigna elevata, età, sesso e razza, è stato tuttavia possibile dimostrare il legame forte fra ipoacusia e demenza. Risk of developing dementia in relation to hearing loss (Uhlmann et al, 1989 & Lin et al, 2011) Risk of developing dementia Uhlmann et al (1989) Lin et al (2011) Mild Hearing Loss Moderate Hearing Loss Severe Hearing Loss Grafico 6: Il rischio di sviluppare demenza aumenta con il livello d ipoacusia. La ricerca di Uhlmann (istogrammi di sinistra), definisce sordità lieve quella compresa tra 21 e 29 db, media tra 30 e 39 db e grave come medio-grave => 40 db, mentre nella ricerca di Lin et al (istogrammi a destra) l ipoacusia lieve è compresa tra 25 e 40 db, la media tra 41 e 70 db, la grave => 70 db di perdita uditiva (Fonte: Uhlmann et al, JAMA 1989 & Lin et al, Arch Neurol, 2011). I risultati del gruppo di lavoro di Lin hanno trovato conferma in una recente ricerca effettuata da Gallacher e Colleghi, pubblicata nel In questo studio è stato monitorato per 17 anni un totale di 1057 uomini, valutando il livello uditivo all inizio dello studio e poi nuovamente dopo nove anni, oltre che l eventuale insorgere di demenza e il livello di declino cognitivo. Gli autori della ricerca hanno evidenziato un forte legame fra la presenza d ipoacusia, demenza e declino cognitivo. Anche se la causa del legame fra le due condizioni, ipoacusia e invecchiamento cognitivo, resta sconosciuta, i ricercatori suggeriscono l ipotesi di una patologia comune; in alternativa, ipotizzano che gli sforzi necessari all elaborazione dei suoni durante l arco di vita potrebbero sovraccaricare il cervello delle persone affette da difficoltà uditive, rendendole maggiormente esposte all insorgenza della demenza. Un altra possibilità avanzata dal ricercatore è che l ipoacusia potrebbe condurre all invecchiamento cerebrale rendendo gli individui più isolati socialmente, un fattore di rischio conclamato sia per la demenza sia per altri disturbi cognitivi. La ragione del legame tra perdita uditiva e diminuzione delle abilità cognitive è tuttora sconosciuta. Gli studiosi suggeriscono che una patologia comune potrebbe essere alla base di entrambi questi problemi di salute. Secondo quanto emerso dalla ricerca infatti poiché l ipoacusia comporta negli anni un grande sforzo del cervello per decodificare i suoni in informazioni utili, chi ne è affetto diventa sempre più vulnerabile alla demenza. Inoltre, con lo sviluppo della perdita uditiva, si rischia di diventare socialmente più isolati, diventando meno invogliati ad uscire e meno disposti a farsi coinvolgere in conversazioni. Uno dei maggiori fattori di rischio per l insorgere della demenza è l isolamento sociale. Questi risultati suggeriscono dunque che è possibile ritardare l invecchiamento cognitivo tramite l adozione di semplici rimedi, come l uso di apparecchi acustici e una maggiore attenzione verso la prevenzione e l identificazione precoce della sordità. Un fattore critico potrebbe anche essere il modo in cui gli apparecchi acustici sono utilizzati, in particolare la loro corretta programmazione e il counselling fornito dall audioprotesista. 13

16 Riferimenti bibliografici 1. Castillo M. Hearing loss may be linked to dementia, CBS News/ January 22, 2013, 4:07 PM. 2. Gallacher J, Ilubaera V, Ben-Shlomo Y, et al. Auditory threshold, phonologic demand, and incident dementia. Neurology 2012;79: Lin FR. Hearing loss and cognition among older adults in the United States. J Gerontol A BiolSci Med Sci 2011;66(10): Lin FR. Hearing Loss in Older Adults Who s Listening? JAMA 2012;307(11): Lin FR, Ferrucci L, Metter EJ, et al. Hearing loss and cognition in the Baltimore Longitudinal Study of Aging. Neuropsychology 2011;25(6): Lin FR, Metter EJ, O Brien RJ, et al. Hearing loss and incident dementia. Arch Neurol 2011;68(2): Lloyd J. Listen up: Dementia linked to hearing loss, USA TODAY 8:07p.m. EST January 21, McAlpine D. Viewpoint: Does deafness contribute to dementia? BBC News 4 December Uhlmann RF, Larson EB, Rees TS, et al. Relationship of hearing impairment to dementia and cognitive dysfunction in older adults. JAMA 1989;261(13): Hearing Loss Accelerates Brain Function Decline in Older Adults. Hopkinsmedicine, press release, Jan Hearing Aid Gap: Millions Who Could Benefit Remain Untreated. Hopkinsmedicine, press release, Feb

17 03 Ipoacusia, cognitività e soluzioni uditive 15

18 Ipoacusia, cognitività e soluzioni uditive Revisione a cura della Prof.ssa Sophia E. Kramer, Ph.D. - Associate Professor - VU University Medical Center, Dept. of ENT / Audiology, EMGO Institute - Amsterdam, The Netherlands. Negli ultimi decenni c è stato un rapido aumento del numero di ricerche che hanno evidenziato come la comprensione del parlato in ambienti d ascolto impegnativi sia influenzata dalle capacità cognitive dell individuo. In queste attività entrano in gioco sia processi bottom-up (il percorso dall orecchio sino al cervello) che top-down (i sistemi centrali necessari per l interpretazione delle informazioni). Non è quindi più possibile ignorare il ruolo della sfera cognitiva nelle ricerche sulle abilità uditive. La rilevanza dei processi cognitivi dipende dalle esigenze uditive. Quando le condizioni d ascolto sono difficili, a causa del rumore o della stessa sordità, la necessità che i processi cognitivi contribuiscano alla comprensione del parlato aumenta. Esistono almeno cinque funzioni cognitive associate in maniera significativa alla comunicazione verbale: a) la velocità nell elaborazione delle informazioni; b) l abilità di usare il contesto linguistico; c) l attenzione; d) la memoria di lavoro (l abilità di immagazzinare simultaneamente informazioni ed effettuare la loro elaborazione nella memoria); e) l integrazione linguistica (o l abilità di leggere un testo parzialmente incompleto). Tutte le funzioni cognitive elencate, eccezion fatta per la capacità di sfruttare il contesto linguistico, diminuiscono con l età. 16

19 Numerose ricerche hanno evidenziato come la memoria di lavoro influisca per il 20-30% sull abilità di comprensione del parlato, mentre la capacità di leggere testi parzialmente nascosti incida per circa il 30% sulla capacità di comprensione. Poiché l invecchiamento del cervello dà luogo a un complessivo rallentamento delle funzionalità cognitive, questo implica che le persone più anziane, rispetto ai giovani, hanno bisogno, e in maniera significativa, di un rapporto segnale-rumore migliore durante l ascolto del parlato in ambienti acusticamente impegnativi (ad esempio in presenza di rumore di fondo). Questa esigenza è tanto più forte se l interlocutore parla velocemente. approfondito l argomento, scoprendo che il rapporto fra la preferenza individuale per la compressione veloce o lenta non dipendeva soltanto dalle specifiche abilità cognitive dell individuo ma anche dalle caratteristiche del parlato che stavano ascoltando (cioè dal contesto linguistico). Queste ricerche dimostrano che le caratteristiche identificative delle persone candidabili agli apparecchi acustici vanno oltre la loro funzione uditiva, all interno del dominio delle abilità cognitive e delle differenze intersoggettive nella percezione dello scenario acustico che incontrano nella vita di ogni giorno. Due studi recenti hanno evidenziato come la riduzione digitale del rumore negli apparecchi acustici abbia effetti sulla memorizzazione delle informazioni nel parlato (la quantità d informazioni che si è in grado di ricordare) Anche se la demenza è frequentemente indicata come disfunzione cognitiva, non dovrebbe essere confusa con la ridotta capacità di una qualsiasi delle funzioni cognitive sopra citate. La demenza è molto più severa, è una sindrome aspecifica con molte aree della funzione cognitiva colpite simultaneamente, quali la memoria, l attenzione e la parola. La demenza è caratterizzata dal declino della funzione cognitiva, che è più rapido di quanto ci si potrebbe attendere da un normale processo d invecchiamento, ed è irreversibile. Nella loro ricerca, Lin e Colleghi (2013) hanno dimostrato un forte legame fra ipoacusia, accelerazione del declino cognitivo e demenza. È inoltre risaputo che: a) la funzione cognitiva ricopre un ruolo significativo nell ascolto quotidiano; b) la funzione cognitiva peggiora con l età; c) la prevalenza del fenomeno demenza nella nostra società sta aumentando velocemente. Una domanda sorge a questo punto spontanea: gli effetti dell ipoacusia sul declino cognitivo possono essere arrestati grazie ad una amplificazione acustica precoce, magari nel momento in cui si manifestano le prime difficoltà di comunicazione verbale? Le ricerche condotte sino ad oggi sul legame fra l amplificazione e la cognitività hanno indagato gli effetti dell amplificazione sia a breve sia a lungo termine (più di 3 mesi di uso continuativo degli apparecchi acustici). Studiando gli effetti a breve termine dell amplificazione, Gatehouse e Colleghi hanno dimostrato come gli ascoltatori con maggiori capacità cognitive riuscivano ad ottenere maggiori benefici dalla compressione rapida, mentre gli ascoltatori con minori capacità riuscivano a ottenere i migliori benefici dal controllo di volume ad attivazione più lenta. Cox e Xu hanno ulteriormente Impact of digital noise reduction in word recall task (Ng et al, 2013 / Sarampalis et al, 2009) Words correctly recalled in % Group with high reading span (Ng et al, 2013) % recalled SNR-2 (Sarampalis et al, 2009) 4 T babble - no noise reduction 4 T babble - dig noise reduction Quiet Grafico 7: L impatto positivo della Riduzione Digitale del Rumore (DNR) sulle capacità mnemoniche. Sia per Ng (istogrammi a sinistra) che per Sarampalis (istogrammi a destra) è possibile vedere come il risultato migliore si ottiene nel silenzio; tuttavia la presenza del DNR porta a risultati migliori che la sua assenza (Fonti: Ng et al, Int J Audiol 2013 & Sarampalis et al, J Speech Lang Hearing Res, 2009). Oltre alla ricerca di Lin e Colleghi (2013), vi sono altri sette studi che hanno valutato gli effetti a lungo termine dell uso degli apparecchi acustici (>3 mesi) sulla funzionalità cognitiva. Nelle ricerche in oggetto è stata utilizzata sia la metodica dei questionari somministrati ai pazienti, sia la valutazione diretta della funzionalità cognitiva conseguente all uso prolungato degli apparecchi acustici. Una ricerca di Mulrow (grafico 8, istogrammi a sinistra) ha evidenziato che l amplificazione uditiva ha permesso di ottenere risultati significativamente migliori nella performance mentale rispetto ai pazienti senza amplificazione. Lehrl (grafico 8, istogrammi a destra) ha invece dimostrato un miglioramento nella capacità della memoria di lavoro grazie all amplificazione. 17

20 Improvement on the Short Portable Mental Status Questionnaire due to hearing aid use (Mulrow et al, 1990) Total score SPMSQ scale 0,5 0,45 0,4 0,35 0,3 0,25 0,2 0,15 0,1 0,05 0 HA Group Control Group Baseline After 4 months Impact of HA use on working memory capacity (Lehrl et al, 2005) Working memory capacity in % HA Group Control Group Before HA After 2 months Grafico 8: Impatto positivo dell amplificazione acustica sulle abilità cognitive (Fonte: Mulrow et al, Ann Intern Med 1990 & Lehrl et al, HNO, 2005). Impact of HA use on MMSE (Mini Mental State Examination) (Acar et al, 2010) Working memory capacity in % 23, , , , , ,5 Before HA After 3 months Improvement on the Visual Verbal Learning Test (VVLT) due to hearing aid use (Choi et al, 2011) Total score VVLT scale Baseline After 6 months HA Group HA Group Control Group Grafico 9: Impatto positivo dell amplificazione acustica sulle abilità cognitive (Fonte: Acar et al, Arch.Gerontol.Geriatr & Choi et al, Clin.Exper. Otorhinolaryn., 2011). Acar e Colleghi (grafico 9, istogrammi a sinistra) hanno rilevato un miglioramento complessivo dello stato mentale grazie all amplificazione e Choi e Colleghi (grafico 9, istogrammi a destra) hanno dimostrato un miglioramento nelle abilità di apprendimento. Come descritto in precedenza, Lin e Colleghi hanno valutato il ruolo dell amplificazione acustica in caso di declino cognitivo accelerato. Anche se è stato evidenziato come l utilizzo di apparecchi acustici riduca leggermente il deficit cognitivo e i rischi ad esso connessi in soggetti affetti da ipoacusia, i risultati non erano realmente significativi. In altre parole, le evidenze in grado di confermare gli effetti positivi a lungo termine dell amplificazione sulla funzione cognitiva erano scarse. Anche se gli apparecchi acustici potrebbero avere degli effetti positivi sulla qualità generale della vita, il ruolo dell amplificazione sulle abilità cognitive è meno evidente e necessita di ulteriori ricerche. 18

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI

VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI VALUTAZIONE BEDSIDE DEI DISTURBI COGNITIVI 90 STRUMENTI DI VALUTAZIONE DEI DISTURBI COGNITIVI: UTILITÀ E LIMITI DI IMPIEGO Marianna Amboni CEMAND, Università di Salerno IDC Hermitage-Capodimonte, Napoli

Dettagli

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue

Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue Italian Il bambino sordo e il suo diritto a crescere bilingue The Italian translation of The right of the deaf child to grow up bilingual by François Grosjean University of Neuchâtel, Switzerland Translated

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Dal deterioramento psico-cognitivo alle demenze: www.demenzemedicinagenerale.net. Proposta per un modello operativo/formativo per la Medicina Generale

Dal deterioramento psico-cognitivo alle demenze: www.demenzemedicinagenerale.net. Proposta per un modello operativo/formativo per la Medicina Generale Alessandro Pirani 1, Lucia Benini 2, Rita Marchi 2, Bruno Franco Novelletto 3, Riccardo De Gobbi 3 1 MMG, AUSL FE, SIMG, Ferrara, Centro Delegato Disturbi Cognitivi, Distretto Ovest, AUSL Ferrara; 2 MMG

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA

DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE. Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA DIAGNOSTICA CLINICA E STRUMENTALE Dr.ssa Michela Marcon CDC NEUROLOGIA DIPARTIMENTO NEUROSCIENZE OSPEDALE SAN BORTOLO VICENZA 1984 I criteri NINCDS-ADRDA regole La diagnosi di AD è clinico-patologico:

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Applicazioni di Realtà

Applicazioni di Realtà Università di Pisa Corso di Laurea in Terapia Occuapazionale Corso di Bioingegneria applicata alla Realtà Virtuale Anno Accademico 2009/2010 Applicazioni di Realtà Virtuale in Riabilitazione i Ing. Stefano

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria

Le valutazione neuropsicologica. Camillo Marra Clinica della Memoria Le valutazione neuropsicologica Camillo Marra Clinica della Memoria Roma 19.3.2015 Affidabilità del test neuropsicologico nella diagnosi differenziale di demenza Lo studio dei profili quantitativi e qualitativi

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO )

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE FACOLTÀ DI ECONOMIA ESTRATTO DA REGOLAMENTO SUI REQUISITI E SULLA PROCEDURA DI RECLUTAMENTO DI RICERCATORI E DOCENTI (IL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO ) 1 Requisiti

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI

LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI Che cos è la depressione? LA DEPRESSIONE NEI BAMBINI E NEGLI ADOLESCENTI La depressione è un disturbo caratterizzato da un persistente stato di tristezza che può durare mesi o addirittura anni. Può manifestarsi

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare

I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare I disturbi del sonno Il progetto Ci piace sognare Paolo Brambilla ASL Milano 2, Melegnano, Milano email: paolo.brambilla3@tin.it Gruppo di lavoro SIPPS Obesità e Stili di vita Sergio Bernasconi, Paolo

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento

Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Renzo Vianello Con la collaborazione di Silvia Lanfranchi Funzionamento Intellettivo Limite e Disturbi Specifici di Apprendimento Per ulteriori informazioni sui FIL: Cap. 9 del volume a cura di Cesare

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti

La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife Informazioni per i pazienti La radiochirurgia tramite Gamma Knife è un metodo ampiamente diffuso per il trattamento di un area selezionata del cervello, detta bersaglio.

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology

QUEST. Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology QUEST Quebec User Evaluation of Satisfaction with assistive Technology versione 2.0 L. Demers, R. Weiss-Lambrou & B. Ska, 2000 Traduzione italiana a cura di Fucelli P e Andrich R, 2004 Introduzione Il

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN)

I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) I.R.C.C.S. Oasi Maria SS. Troina (EN) VALUTAZIONE DELLA TERAPIA FARMACOLOGICA PER LA CURA DEI COMPORTAMENTI PROBLEMATICI IN SOGGETTI CON SINDROME DI PRADER WILLI State per compilare un questionario sull'utilizzo

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

User guide Conference phone Konftel 100

User guide Conference phone Konftel 100 User guide Conference phone Konftel 100 Dansk I Deutsch I English I Español I Français I Norsk Suomi I Svenska Conference phones for every situation Sommario Descrizione Connessioni, accessoires, ricambi

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Allegato II L ONU e le persone con disabilità

Allegato II L ONU e le persone con disabilità Allegato II L ONU e le persone con disabilità L impegno delle Nazioni Unite sul miglioramento dello Stato delle persone con disabilità Oltre mezzo miliardo di persone sono disabili come risultato di una

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli