Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa"

Transcript

1 Giuliano Broggini 1 Hegel: L Essenza come riflessione in se stessa L essenza proviene dall essere; non è quindi immediatamente in sé e per sé, ma è un risultato di quel movimento 2. E questa la spiegazione hegeliana del ciò che già era essere di Aristotele: l essenza non è l immediato. L immediato è l essere. L essenza si disvela lungo il movimento logico, immanente all essere stesso. Quindi l essenza è l essere che è in sé e per sé tolto 3. L essere di fronte all essenza è solo parvenza. Ma la riduzione dell essere a parvenza è il proprio porre dell essenza 4. L essenza riduce il movimento dell essere a parvenza. L essere è inessenziale, è privo di essenza, è parvenza 5. Dunque la parvenza dell essere non è estrinseca, ma è il parere dell essenza, la sua riflessione 6. L essenza, come afferma Hegel, è l essere che si è tolto ; in quanto negazione dell essere, è semplice uguaglianza con sé. L essenza ha necessariamente di fronte a sè l immediatezza dell essere da cui è divenuta; l essenza nel togliere l essere comunque lo conserva, in quanto negato. Quindi l essenza a questo livello, è solo essenza che è, essenza immediata 7 e l essere è semplicemente un negativo rispetto all essenza, ma non ancora rispetto a sé. Ma in questo rimbalzo tra essere ed essenza, l essenza è determinata solo come altro in relazione all essere; perciò ancora legata alla sfera dell essere. Dunque la differenza tra essere ed essenza è solo estrinseca, è il semplice contrapporsi tra ciò che è inessenziale e ciò che, nello stesso ciò, è essenziale. Come afferma Hegel: più precisamente l essenza diventa solo un essenziale a fronte di un inessenziale per il fatto che l essenza è presa solo come un tolto essere 8. Ma se fosse soltanto così, ancora si penserebbe l essenza come interna alla sfera dell essere. Invece l essenza è la negazione assoluta dell essere da cui proviene 9. Se così, allora l essere nel suo trapassare nell essenza, non è più semplicemente un esserci 1 Ex professore di Filosofia e storia presso il Liceo Scientifico G. Ferraris, Varese. 2 Hegel, Scienza della Logica, p. 437, editori Laterza Ibidem 4 Ibidem 5 Ibidem 6 Ibidem 7 Ivi, p Ivi, p Ibidem PRISMI on line 2013 pagina 1

2 inessenziale, ma è l immediato in sé e per sé nullo; è solo una non essenza, la parvenza 10. L essere è parvenza 11. Ma la parvenza è solo in relazione immanente all essenza; essa è il negativo posto come il negativo 12. La parvenza è l ultimo stadio della sfera dell essere. La parvenza è questo immediato non esserci. La sua determinata nullità è solo in relazione all essenza; quindi è la vuota determinazione dell immediatezza del non-esserci 13. La parvenza è la determinazione del non-essere inessenziale. Ma la Verità dell essere è l essenza 14. Questo è il punto cardinale che non si deve mai dimenticare. E nell essenza che si presenta la verità dell essere. Quindi è nell essenza che entrano in gioco le categorie del pensiero apofantico. Ma tutto ciò deve mostrarsi come immanente al movimento stesso dell essere. Dato che la parvenza è la determinatezza ultima dell essere in relazione all essenza, cioè il suo inessenziale, essa stessa contiene necessariamente un lato indipendente a fronte dell essenza 15. La parvenza, in quanto esserci in relazione immanente all essenza, si configura come presupposizione immediata 16. L immediatezza del non essere che costituisce la parvenza è tale solo in relazione all essenza, per cui l essere è il non - essere nell essenza. Ma qui tutto si complica e si chiarisce in modo davvero straordinario. Se l essere in relazione all essenza è parvenza, allora l immediatezza che ha determinatezza nella parvenza, non ha più in sé l immediatezza in quanto esserci, ma l immediatezza come parvenza. Quindi non più l essere come essere, ma l essere solo come momento immanente alla riflessione dell essenza. L essere è davvero risolto nell essenza; la parvenza nell essenza non è la parvenza di un altro, non è dunque un passare, tipico dell esserci, ma è la parvenza in sé, la parvenza dell essenza stessa 17. La parvenza è dunque l essenza stessa ; ma l essenza in quanto parvenza è ancora legata alla determinazione, sebbene quest ultima sia solo un suo momento, e quindi l essenza è il suo proprio riflettersi in sé. L essenza in questo suo proprio movimento è la riflessione 18. La parvenza è l inessenziale, proprio per questo essa non ha il suo essere in altro, in cui appaia. La parvenza è tutta interna alla riflessione, al movimento dell essenza; il suo essere è la sua stessa uguaglianza con se stessa. Questa uguaglianza non è un passare della 10 Ibidem 11 Ibidem 12 Ibidem 13 Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ibidem 17 Ivi, p Ivi, p. 443 PRISMI on line 2013 pagina 2

3 parvenza nell uguaglianza con sé, come nel suo esser altro, ma è un immediato coincidere del negativo con se stesso. Questa immediatezza, che è solo come ritorno in sé del negativo, è quell immediatezza che costituisce la determinatezza della parvenza e da cui dianzi sembrava cominciare il movimento riflessivo 19. Ma non è così; la parvenza è tale solo nel movimento dell essenza, nella riflessione, cioè nel suo ritornare a se stessa. Immediatezza che toglie se stessa. Questo è l esser posto 20, dunque non è il cominciamento, pura immediatezza, puro essere, ma essere che si media nell essenza, posto nell essenza. Si è così giunti ad un punto chiave della speculazione logica di Hegel: l essenza è un porre, in quanto è l immediatezza come tornare. Non vi è un altro, né un altro in cui ritorni, né un altro da cui essa ritorni. Essa è dunque solo come tornare, ossia come il negativo di se stessa 21. La riflessione che riduce l essere a parvenza, toglie il suo altro,toglie l immediatezza dell esserci, toglie il negativo. L essere quindi è posto, è interno al movimento dell essenza. L essenza è questo movimento riflessivo. Negazione del negativo come negativo: perciò è un presupporre 22. Questa ulteriore caratterizzazione del movimento essenziale è fondamentale. Per capire meglio è necessario aver presente il capitolo introduttivo alla Dottrina dell essenza. L essenza è mediana tra il passare dell essere e l autosvolgimento del concetto. L essenza sorge dalla misura, l ultima figura categoriale dell esserci; essa è il permanente, l universale che determina e regola secondo un preciso riferimento i movimenti estrinseci qualitativi quantitativi dell esserci. L essenza è quindi il fondamento, lo stare in sé del passare dell esserci. Ma l essenza non è il concetto, che sta in sé e per sé, l essenza è in sé,ma non ancora per sé. Dunque il movimento circolare dell essenza, in quanto essenza che sorge dall esserci, è in sé, in quanto eguaglianza con sé, ma al tempo stesso è necessitata a porre l altro, cioè l essere di cui è essenza. Quindi il porre dell essenza, è sempre un presupporre, nel senso che la dialettica dell essenza è il rapporto immanente tra una eguaglianza e il ciò di cui è l eguaglianza. Per cui è in sé, ma non per sé. E sempre in altro. Scrive, infatti, Hegel: la riflessione dunque trova prima di sé un immediato ch essa sorpassa e dal quale essa costituisce il ritorno. Ma questo ritorno è solo il presupporre ciò che è stato trovato. Questo trovato diviene solo ciò che vien lasciato indietro; la sua 19 Ivi, p Ibidem 21 Ivi, p Ibidem PRISMI on line 2013 pagina 3

4 immediatezza è l immediatezza tolta. L immediatezza tolta è il ritorno in sé, il giungere dell essenza presso di sé 23. Il movimento riflessivo è quindi caratterizzato da un contraccolpo in se stesso. La riflessione, in quanto riflessione che pone l esserci, è necessariamente riflessione esterna. Hegel la definisce così: La riflessione esterna è il sillogismo, in cui sono i due estremi, l immediato e la riflessione in sé. Il medio di codesto sillogismo è la relazione di quei due, l immediato determinato 24. Ma nella riflessione esterna, l immediato è un estremo, la determinazione o negazione, cioè la riflessione, l altro estremo. Quindi la riflessione esterna pone l immediato, ma essa è anche immediatamente un togliere l immediato, cioè toglie questo suo posto, che è il presupposto. Per cui la riflessione esterna ruota su se stessa. L immediato da cui la riflessione comincia ad esercitarsi come se fosse un estraneo, in realtà è il suo stesso cominciare. La riflessione si cerchia, e quindi è tolta la esteriorità della riflessione di fronte all immediato. La riflessione nega la sua determinazione, in quanto altro da sé. La riflessione esterna è dunque riflessione immanente dell immediatezza stessa. 25 Questo è un passaggio decisivo: da esterna o estrinseca, la riflessione che pone diventa immanente. Si comprende bene, a questo punto la nota critica rivolta a Kant, in relazione alla sua interpretazione del giudizio riflettente. La riflessione viene presa comunemente in senso soggettivo, come il movimento della potenza giudicatrice che cerca di connettere una rappresentazione immediata ad una determinazione generale. Dal particolare all universale. Quindi l immediato è determinato come particolare solo tramite questo suo riferimento al suo universale 26. E chiaro che dal punto dei vista hegeliano, Kant è rimasto fermo alla riflessione esterna che si limita a cogliere l immediato come un dato su cui riflettere, regolativamente, in funzione dell unità sistemica. Ma allora il dato assume la sua determinazione effettiva solo entro l unità sistematica, cioè, hegelianamente, solo entro un movimento riflessivo essenziale. Il riferimento critico di Hegel nei confronti del modo estrinseco, soggettivo, con cui Kant affronta l analisi della potenza del giudizio riflettente, è molto interessante, per comprendere sempre meglio il rapporto soggettività oggettività, essere pensiero nella sua filosofia. La posizione hegeliana è assolutamente anti-soggettiva. In fondo in Hegel è presente una sorta di dislocazione del logos. 23 Ivi, p Ivi, p Ivi, p Ibidem PRISMI on line 2013 pagina 4

5 Il logos (comunque lo si voglia chiamare Io penso, Io puro ) non è colui cui spetti la funzione di categorizzare i dati esperienziali che si offrono all attività conoscitiva dell uomo. Il logos si limita a mostrare il già dato, cioè la struttura categoriale dell Essere. In questo Hegel è vicino al metodo fenomenologico; lasciare che le cose si mostrino per ciò che sono. L essere, cioè la presenza, è essa stessa, in sé e per sé, la sua stessa struttura categoriale. Quindi l essere è Ragione, Idea, logos immanente, che la filosofia si limita speculativamente a disvelare. La presenza stessa è la Ragione stessa. La catena categoriale che la ragion dialettica percorre è immanente all essere stesso in sé e per sé. L analisi hegeliana si avvia alla conclusione e quindi il filosofo prussiano riesamina tutta la speculazione messa in atto. La distinzione fondamentale riguarda quella che intercorre tra la determinatezza riflessiva e quella dell essere, la qualità. Nella qualità l essere passa in altro; la determinatezza riflessa, cioè l esser posto è anch esso rifermento ad altro, ma nel suo esser riflesso. Riflesso nell essenza, l esser posto è fissato, determinato come tale, non passa più in altro. E uguale a se stesso. Come scrive Hegel: L uguaglianza con sé della riflessione, che ha il negativo solo come negativo, come tolto o posto, è quello che gli dà il sussistere 27. Esemplificando un po grossolanamente: nella Dottrina dell essere, un libro (in realtà, l esserci) nella sua limitatezza e finitudine (il negativo del da ), si affianca, trapassa nel tavolo, nel senso di uno scorrere di esserci qualitativamente omogenei nella loro caratteristica categoriale. Determinano così una estrinseca serialità che sfocia nella quantità. Nella determinazione essenziale, invece, un libro è posto come libro, la sua negazione nei confronti del tavolo è fissata. Il libro non è il tavolo, nel senso che il libro è libro. Il non, non è estrinseco, come nell esserci qualitativo,ma immanente, attraverso il movimento negativo dell essenza che lo riduce a determinazione posta, quindi non indipendente. Per cui la determinatezza riflessiva è la relazione al suo altro in se stessa 28. La determinazione riflessiva, dunque, riprende in sé il suo altro, è negazione dell altro, il posto, ma proprio per questo è negazione come unità di se stessa e del suo altro 29. Nella terminologia hegeliana questa unità è chiamata essenzialità. Nel movimento dell essenza, l esser posto toglie se stesso come posto e negandosi come semplicemente tale, è infinito riferimento a se stesso : pura identità. Con l identità si apre lo scenario delle categorie essenziali. 27 Ivi, p Ivi, p Ivi, p.454 PRISMI on line 2013 pagina 5

6 NOTA Se si confronta la speculazione hegeliana con quella aristotelica, balza agli occhi della mente una differenza fondamentale. Per Hegel l identità e la sua non contraddittorietà, non è affatto assiomatica, ma è speculativamente fondabile solo con l analisi del movimento dell essenza. L identità si costituisce alla sola condizione che l essere, in quanto essere con una determinazione immediata (Dasein) sia relazionato all essenza (Wesen), al suo eidos. Il principio inconcusso della logica apofantica, si basa, per Hegel, sul movimento essere essenza. Questo è il movimento categoriale del ciò che già era essere. L apofansi lavora solo e soltanto sull essenza. L essere, in quanto dasein, è passato nell essenza. Ma non è un movimento che accada nel tempo, non è un fatto; è una necessità categoriale, immanente all essere stesso. Dunque i principi supremi della logica sono sì i principi dell essere, purchè si capisca che si logicizza non l essere in sé, ma l essere mediatosi nell essenza. Senza la mediazione essenziale non è possibile determinare alcunché. Fondamentalmente Hegel in queste pagine, ritenute dai suoi studiosi, tra le più esoteriche, al limite dell incomprensibile, di tutta la sua speculazione logica, ricostruisce il percorso storico che la filosofia ha percorso. Il passaggio dalla misura, ultima figura dell esserci, all essenza è il passaggio, speculativamente inteso, dal pitagorismo a Platone. La matematica, il regno della misura, è ancora immerso nella estrinsecità della dialettica qualitativa quantitativa delle grandezze messe in campo: il permanente di un continuo variare estrinseco. Solo con l essenza si determina la molteplicità, in quanto strutturata eideticamente. Qui si colloca la fondamentale svolta platonica della seconda navigazione. Questo è quel che Platone esigeva dal conoscere, di considerare le cose in sé e per se stesse, da un lato di considerarle nella loro universalità, dall altro poi di non sviarsi da loro ed attaccarsi a circostanze, esempi e paragoni, ma di avere innanzi a sé unicamente le cose e portare alla coscienza quel che vi è in esse d immanente 30. Da qui la successiva svolta aristotelica e l approdo al ciò che già era essere. La logica lavora solo su un essere che è ormai solo essere del logos, in quanto essere dell essenza, quindi secondo identità e non contraddizione. L essere in sé, la cosa stessa, per Hegel che pensa Aristotele, è definitivamente uscita fuori dalla speculazione filosofica. E solo il caput mortuum di una astrazione che non coglie il movimento immanente all essere stesso che si fa essenza, poi concetto, quindi Idea, Ragione disvelata. Ma è un passare senza tempo. Pura necessità. Ma è pur vero che l Anfang del movimento logico dialettico è l Essere puro, la sua stessa immediatezza. E proprio questa immediatezza che si svolge in se stessa, fino a disvelare la sua stessa pienezza, la sua intensiva totalità 31. Quindi è vero che l immediato si toglie, ma è pur sempre il fondo nascosto della totalità dispiegata: l Idea. 30 Ivi, p Ivi, p.956 PRISMI on line 2013 pagina 6

7 L immediato è ciò che rimane assolutamente immanente alle sue ultime determinazioni 32. L immediato, quindi, non può essere effettivamente pensato, ma solo accolto dal pensiero. Come afferma Hegel, alla fine della sua gigantesca speculazione sulla logica, l immediato, il cominciamento, non può essere oggetto dell intuizione sensibile o della rappresentazione, ma solo del pensare, che a causa della immediatezza stessa dell Inizio, può anche esser chiamato un intuire soprasensibile 33. Questa sconcertante definizione hegeliana del pensiero dell Inizio merita, sicuramente, una pausa di riflessione. La conoscenza iniziale non può essere nulla di oggettivo, di determinato. Se così fosse, il pensiero logico, dovrebbe subito innalzarsi alla ricerca della ragioni della determinatezza, in sé e per sé inspiegabile. Quindi l Inizio non può essere nulla di empirico, ma neppure un concetto determinato. Anche in questo caso la presenza immediata della determinatezza richiederebbe al concetto giustificazioni ulteriori. Una filosofia che attribuisse all essere finito come tale, un vero essere, un essere definitivo, assoluto, non meriterebbe il nome di filosofia 34. Il tentativo kantiano di tenere assieme i due lati della conoscenza, porta a ciò che Hegel ha sempre criticato radicalmente: la divisione tra fenomeno e noumeno, e la conseguente inconoscibilità della ragione del mondo fenomenico. E allora come caratterizzare questo intuire non sensibile, se non nel senso che la ragione inizialmente non può categorizzare il già dato, ma deve limitarsi ad accogliere nel pensiero una eccedenza, che essa stessa è costretta a concedere, per poter giustificare il suo sviluppo, che è poi lo svolgimento stesso del puro Inizio all Idea? Come dire: al fondo dello sviluppo categoriale sta l assolutamente non-categoriale. Quello, che costituisce il cominciamento, il cominciamento stesso, bisogna quindi prenderlo come tale che non si possa analizzare, bisogna prenderlo nella sua semplice, non riempita immediatezza, epperò come essere 35. La ferrea identità parmenidea tra essere e pensiero che Hegel ricostruisce con la ragion dialettica, è necessitata a concedere che al fondo del Dasein (la prima verità dialettica del puro essere) sta un semplice Sein che la ragione non può categorizzare, se non già, nella figura dell esserci, cioè dell essere con una determinatezza immediata. La logica, anche nella sua speculazione più alta, è costretta a lasciare che l essere ecceda la sua stessa categorizzazione. Ma se l essere non può essere categorizzato, se non mostrando la sua prima determinatezza immediata, il dasein, in cui si invera, allora bisogna pur dire che la differenza ontologica, a qualsiasi titolo (il dasein non va confuso con l esistente) si insinua necessariamente in ogni forma di pensiero orientato logicamente. Prima di chiudere questa breve nota sulla difficoltà della logica di fondare l Inizio del suo stesso cammino, non si può eludere un confronto, seppure molto sintetico, con la riflessione severiniana sulla questione discussa. Tra i grandi filosofi contemporanei, Severino, è, forse, quello che ha difeso con maggior forza il principio di non contraddizione. La sua radicale speculazione sul principio primo della logica, ha portato il filosofo italiano a superare la base di partenza aristotelica tomista, per approdare ad una concezione olistica, di stampo hegeliano, del principio stesso. Il principio più saldo: A non può essere a un tempo A e non-a interpretato dialetticamente, si trasforma in principio di opposizione assoluta. Esso non solo afferma 32 Ivi, p Ivi. P Ivi, p Ivi, p.61 PRISMI on line 2013 pagina 7

8 l opposizione escludente tra ogni ente e il suo stesso nulla, ma, anche, e questo è il punto decisivo, di derivazione hegeliana, il differire di ogni ente da ogni altro ente. Ciò implica immediatamente che l identità di ogni essente, per il principio stesso di non contraddizione, stia in un rapporto di necessità, logico ontologica con la totalità. Ogni ente è altro da tutto ciò che non è lui stesso. L identità di A, ad esempio, è tale solo in relazione a tutto il suo non-a. Questa opposizione universale è originaria. Quindi ogni predicazione di A è immanente ad A. Seguendo non solo Hegel, ma anche Leibniz, secondo la speculazione severiniana, ogni giudizio vero è una identità tra il soggetto e tutte le sue determinazioni. Il giudicare apofantico non determina contraddizione, alla sola condizione che soggetto e predicato siano pensati insieme, come costituenti l identità monadica di ogni essente. Se così non fosse, e i predicati venissero pensati come estrinsecamente legati al soggetto, grazie ad un intervento soggettivo del logos, si determinerebbe necessariamente la contraddizione di una identità, costituita da non identici. Proprio l originarietà del differire di ogni ente dal nulla e da tutto ciò che non è lui stesso, porta Severino a negare qualsiasi significato ad una presunta antecedenza delle cose rispetto al logos. Se un essente, un noema, fosse davvero antecedente e quindi separato dal proprio essere immediatamente se stesso e il suo non essere l altro da sé, l ente non sarebbe se stesso e, quindi, non sarebbe il suo non essere il suo altro. L immediato, dunque, è l essere stesso, nella sua impossibilità fenomenologica e logica di non essere immediatamente se stesso. Aristotele e Tommaso d Aquino non cogliendo l immediata essentità di ogni essente, la sua identità originaria, concedono che l identità si realizzi solo attraverso l operazione seconda dell intelletto che giudica secondo necessità logica la cosa stessa. Ma un essente isolato dalla dimensione dianoetica è incapace di essere se stesso e negazione del proprio altro. La cosa in sé è quindi un nulla, che il realismo pensa come un essente. Per Severino, l apparire dell essente è l apparire immediato dell identità originaria dell essente stesso. A ciò si deve, però, subito aggiungere ciò che è già stato affermato, e cioè che l originarietà dell identità dell essente è tale in relazione alla totalità del suo non-essere: immediatezza logica. Quindi il duplice volto della struttura originaria, determinata dalla relazione tra l immediatezza fenomenologica e quella logica: l essente che appare, appare per ciò che è. Non può apparire ed essere l altro da sé. La sua identità è originaria. Quindi, in opposizione ad Hegel, non il puro essere immediato, ma l immediata determinatezza degli essenti, nel loro essere ciò che sono e non-altro è il cominciamento. L essere non è non essere. Ogni essente non è tutti gli altri. Ma la totalità, concretamente, cioè dal punto di vista fenomenologico, non è data, e non può essere data, perché la visuale fenomenologica, in questo caso, verrebbe annientata 36 : se necessariamente è così (l argomentazione severiniana ha tratti comuni con quella hegeliana tra cattivo e vero infinito ),allora solo formalmente è data la connessione necessaria tra un essente e la totalità. Quindi l immediata verità identitaria di ogni essente non è mai concretamente data. L ente che appare immediatamente come ciò che è, non appare come ciò che è in sé è per sé, nella misura in cui la sua compiuta essentità è tale solo in relazione alla inapparente totalità del suo non-essere. Ciò comporta, in ultima istanza, che anche nella radicale speculazione severiniana sull essere, il logos sia costretto a riconoscere la presenza di una eccedenza d essere che non può colmare. La struttura dell immediatezza, cioè di ciò che è affermato per sé e non per 36 E. Severino, La Gloria, Milano, Adelphi, 2001, p.83. PRISMI on line 2013 pagina 8

9 altro, non è in grado, proprio per la sua originaria struttura olistica, di essere compiutamente se stessa. Quindi, o si nega assurdamente la presenza fenomenologica degli essenti, o si deve necessariamente ammettere che nella dimensione di ogni presenza d essere, già giace la sua eccedenza, che né la logica apofantica, né quella dialettica, né la loro sintesi riesce a sopprimere. PRISMI on line 2013 pagina 9

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO

FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO APPROSSIMAZIONI DIDATTICHE ALLA FENOMENOLOGIA DELLO SPIRITO DI HEGEL Liceo Scientifico Statale Gaspare Aselli Cremona Anno scolastico 2010/2011 Classe 5H Storia e Filosofia Insegnante: Prof. Marco Paolo

Dettagli

Il per sé in Hegel (für sich)

Il per sé in Hegel (für sich) Enrico Grassi Il per sé in Hegel (für sich) [Il per sé, come già l in lui (o destinazione), è essenziale nella filosofia hegeliana, perché stabilisce che ogni contenuto di pensiero, ogni finito, è il centro

Dettagli

Hegel: La nascita dello spirito.

Hegel: La nascita dello spirito. Hegel: La nascita dello spirito. dalla Fenomenologia dello Spirito Il testo seguente, tratto dalla sezione Autocoscienza della Fenomenologia dello spirito, è uno dei più celebri dell'opera e di tutta la

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail.

Essere e Tempo. Quaderno Filosofi & Classici SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it. a cura di R. Terzi. r_terzi@hotmail. Essere e Tempo a cura di R. Terzi r_terzi@hotmail.com SWIF Sito Web Italiano per la Filosofia www.swif.it Introduzione Essere e tempo (Sein und Zeit) di Martin Heidegger costituisce uno dei testi più importanti

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Sulla questione dell Uno

Sulla questione dell Uno Sulla questione dell Uno Impostazione del problema Può avere interesse riflettere su di un tema così apparentemente arido e astratto come quello dell uno, dell essenza dell uno o dell unità? Intanto, per

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista

Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista Tempo e essere: Heidegger a confronto con il Parmenide e il Sofista di Paolo Vanin Settembre 1999 Versione provvisoria Sommario Sommario... II RIPENSARE UN FALLIMENTO FILOSOFICO... 1 Il problema del senso

Dettagli

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO.

LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. LA NATURA UMANA? NON ESISTE: E L UOMO CHE DEVE INVENTARLA. IL MONDO E AL DI FUORI DELLA COSCIENZA? UNA DOMANDA SENZA SENSO. Introduzione a Martin Heidegger 1 Heidegger è sulla stessa lunghezza d'onda della

Dettagli

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1

Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 Heidegger: la cura, l empatia e la morte dell altro. 1 di Danilo Semprini Heidegger è la figura più rappresentativa dell esistenzialismo tedesco. Il termine esistenzialismo, da cui esistenziale, è utilizzato

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

ARGOMENTARE CORSO DI FILOSOFIA PER PROBLEMI MANUALE DI FILOSOFIA PER PROBLEMI PAOLO VIDALI GIOVANNI BONIOLO CHE COS È LA CONOSCENZA?

ARGOMENTARE CORSO DI FILOSOFIA PER PROBLEMI MANUALE DI FILOSOFIA PER PROBLEMI PAOLO VIDALI GIOVANNI BONIOLO CHE COS È LA CONOSCENZA? CORSO DI FILOSOFIA PER PROBLEMI ARGOMENTARE MANUALE DI FILOSOFIA PER PROBLEMI PAOLO VIDALI GIOVANNI BONIOLO EDIZIONE DIGITALE CHE COS È LA CONOSCENZA? EMPEDOCLE, ANASSAGORA, DEMOCRITO, PLATONE, ARISTOTELE,

Dettagli

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO.

Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Leggendo Heidegger ESSERE-IN come senso dell ESSER-CI ed ESSERE-NEL-MONDO. Romeo Lucioni Il tema dell Essere permea la metafisica ed è il fondamento della filosofia anche se spesso questa sembra attratta

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Algebra di Boole ed Elementi di Logica

Algebra di Boole ed Elementi di Logica Algebra di Boole ed Elementi di Logica 53 Cenni all algebra di Boole L algebra di Boole (inventata da G. Boole, britannico, seconda metà 8), o algebra della logica, si basa su operazioni logiche Le operazioni

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

una chiave di lettura

una chiave di lettura LA SCIENZA NEL MEDIO EVO TRA OXFORD E PARIGI una chiave di lettura Alberto Strumia CIRAM - Università di Bologna Dipartimento di Matematica Università di Bari I L M E D I O E V O L U N I T À D E L S A

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Elèuthera promuove la libera circolazione della conoscenza

Elèuthera promuove la libera circolazione della conoscenza Elèuthera promuove la libera circolazione della conoscenza Ti invitiamo a sostenerci acquistando anche copia cartacea di questo o di altri libri Elèuthera http://www. Questo testo è distribuito sotto licenza

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER

ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA CORSO DI LAUREA IN FILOSOFIA ESSERE E LINGUAGGIO IN HEIDEGGER Tesi di Laurea di: Calogero Turco Relatore: Ch.mo Prof.Pietro Palumbo ANNO

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Luca Vanzago. Io/Altro

Luca Vanzago. Io/Altro 1 Luca Vanzago Io/Altro Alterità. Le questioni relative all esperienza che il soggetto ha di altri soggetti sono molteplici e insieme interrelate. Un conto è infatti descrivere in che modo ogni individuo

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

La critica aristotélica dalla "diairesi" platónica

La critica aristotélica dalla diairesi platónica La critica aristotélica dalla "diairesi" platónica GALVANO DELLA VOLPE Universitá di Messina Si sa che la critica platónica dell'assoluto non-essere parmenideo, critica che é a un tempo autocrítica, prende

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato

Martin Heidegger Martin Heidegger (1889-1976) Dal Neokantismo all'ontologia comprendere L Esser-ci come progetto gettato Martin Heidegger Nella celebre Lettera sull'umanismo del 1947 Heidegger in polemica con Sartre nega la propria appartenenza all'esistenzialismo. rivoluzione interpretativa: da filosofo dell'esistenza a

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

Il lavoro e il suo mondo

Il lavoro e il suo mondo www.dialetticaefilosofia.it 2010 ISSN 1974-417X (on line) Il lavoro e il suo mondo Di Michele Vecchietti - Sterpico@libero.it Work is the key concept of Marxism; it is used both to define the economical

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Cinque lezioni Dal linguaggio all immagine

Cinque lezioni Dal linguaggio all immagine Aesthetica Preprint Cinque lezioni Dal linguaggio all immagine di Paul Ricoeur Centro Internazionale Studi di Estetica Aesthetica Preprint 66 Dicembre 2002 Centro Internazionale Studi di Estetica Edizione

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Benedetto Baruch Spinoza. Trattato sull emendazione dell intelletto (1677, postumo) A cura di Enrico de Angelis. SE, Milano 1990

Benedetto Baruch Spinoza. Trattato sull emendazione dell intelletto (1677, postumo) A cura di Enrico de Angelis. SE, Milano 1990 Benedetto Baruch Spinoza Trattato sull emendazione dell intelletto (1677, postumo) A cura di Enrico de Angelis SE, Milano 1990 Il Trattato sull emendazione dell ntelletto ecc., che, incompiuto, presentiamo

Dettagli

La teoria dell esperienza nella fenomenologia di E. Husserl.

La teoria dell esperienza nella fenomenologia di E. Husserl. La teoria dell esperienza nella fenomenologia di E. Husserl. Cenni introduttivi La fenomenologia husserliana rappresenta uno dei capisaldi della filosofia del Novecento e agisce come stimolo sullo sviluppo

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Aspetti del Romanticismo. Il problema della cosa in sé. Fichte (svolto in sintesi) Schelling (svolto in sintesi) Hegel. Schopenhauer.

Aspetti del Romanticismo. Il problema della cosa in sé. Fichte (svolto in sintesi) Schelling (svolto in sintesi) Hegel. Schopenhauer. PAGINA INIZIALE Aspetti del Romanticismo Il problema della cosa in sé Fichte (svolto in sintesi) Schelling (svolto in sintesi) Hegel Schopenhauer Comte Kierkegaard Marx Aspetti della cultura positivistica

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza

Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Funzione del benessere sociale e trade-off equità ed efficienza Economia Pubblica lezione 3 1 Esistono infinite allocazioni Pareto-efficienti: Frontiera del Benessere (FB) o grande frontiera dell utilità

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia?

Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Logica fuzzy e calcolo delle probabilità: due facce della stessa medaglia? Danilo Pelusi 1 Gianpiero Centorame 2 Sunto: Il seguente articolo illustra le possibili analogie e differenze tra il calcolo delle

Dettagli

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell

pensiero incentrato sui «fondamenti spirituali della vita contemporanea», e cioè su quella «sostanza europea» che è al centro della riflessione dell Jan Patočka, Cristianesimo e mondo naturale e altri saggi, introduzione e traduzione di Riccardo Paparusso, postfazione di Giancarlo Baffo, Roma, Lithos, 2011, pp. 172 di Caterina Di Fazio Il volume curato

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Il 1923 di Gentile: dal liberalismo al fascismo*

Il 1923 di Gentile: dal liberalismo al fascismo* Il 1923 di Gentile: dal liberalismo al fascismo* GIOVANNI DESSÌ La questione che si intende affrontare in questo scritto è quella dell adesione dell intellettuale Gentile al fascismo: tra il 1919 e il

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX. 1. Il paradosso dell estetica

DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX. 1. Il paradosso dell estetica S&F_n. 6_2011 DELIO SALOTTOLO L UOMO ORNATO DAL PRESTIGIO DELLA BESTIA. BATAILLE E IL MIRACOLO DI LASCAUX 1. Il paradosso dell estetica 2. Quando cominciarono gli uomini. Per una genealogia del fenomeno

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

Essere in quanto Dialogo ovvero le conseguenze etiche dell interpretazione *

Essere in quanto Dialogo ovvero le conseguenze etiche dell interpretazione * Hans-Herbert Kögler Essere in quanto Dialogo ovvero le conseguenze etiche dell interpretazione * trad. italiana di Andrea Lugoboni A Verità e metodo di Hans-Georg Gadamer è giustamente riconosciuto di

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli