FOCUS: Malattie emorragiche ereditarie rare. Guest Editor Giovanni Di Minno. Editorial Board Flora Peyvandi Cristina Santoro Giancarlo Castaman

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FOCUS: Malattie emorragiche ereditarie rare. Guest Editor Giovanni Di Minno. Editorial Board Flora Peyvandi Cristina Santoro Giancarlo Castaman"

Transcript

1 Anno 4 Numero 1 Febbraio 2011 Guest Editor Giovanni Di Minno Editorial Board Flora Peyvandi Cristina Santoro Giancarlo Castaman FOCUS: Malattie emorragiche ereditarie rare

2

3 Anno 4-1/11 FOCUS: Malattie emorragiche ereditarie rare Guest Editor Giovanni Di Minno Editorial Board Flora Peyvandi Cristina Santoro Giancarlo Castaman

4 INDICE FOCUS: Malattie emorragiche ereditarie rare Introduzione 3 Registri nazionali ed internazionali 5 sulle malattie rare della coagulazione Flora Peyvandi, Andrea Cairo, Roberta Palla, Marzia Menegatti Sintomatologia e manifestazioni cliniche 11 delle malattie emorragiche ereditarie rare Cristina Santoro La terapia delle malattie emorragiche 19 ereditarie rare Giancarlo Castaman Focus Review 30 Focus Emostasi Anno 4 - N. 1 - Febbraio 2011 Direttore responsabile Emilio Polverino Registrazione al Tribunale di Milano al n. 129 del 26/02/2008 Periodico quadrimestrale edito da Alter M&P S.r.l. Piazza San Camillo de Lellis, Milano - Tel Fax Sede e Redazione di Milano 10AP /2011 Stampa Momento Medico S.r.l. - Via Terre Risaie, Salerno

5 Introduzione Malattie emorragiche ereditarie rare In Europa, una malattia è definita rara quando colpisce non più di 5 persone su abitanti; negli USA, quando colpisce non più di 6/7 persone su Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità, 5000/7000 malattie sono classificabili come rare, ed il numero di persone da esse affette è di circa 30 milioni in Europa e di circa 25 milioni negli Stati Uniti. La rarità di tali patologie comporta limitazioni alla loro conoscenza: minor interesse nella ricerca eziologica e patogenetica; maggiore difficoltà nel descrivere la storia naturale con le sue possibili varianti; minor mercato capace di ammortizzare i costi di una ricerca farmacologica specifica, scarsa o scarsissima diffusione delle conoscenze disponibili nella pratica clinica. Le malattie rare della coagulazione (RBDs: Rare Bleeding Disorders) sono carenze di uno o più fattori della coagulazione (fibrinogeno, FII, FV, FVII, FX, FXI, FXIII o FV+FVIII in combinazione) che rispettano pienamente i criteri suddetti: caratterizzate da ereditarietà autosomica recessiva, hanno una prevalenza (di soggetti presumibilmente omozigoti) variabile da 1 caso su (carenza del FVII) fino ad 1 caso su 2 milioni (carenza di protrombina o di FXIII); mostrano differente gravità di sintomi emorragici e costanti complicanze emorragiche dopo procedure invasive (quando non si instauri adeguata profilassi), e sono difficili da trattare (in quanto poco è noto ai non addetti ai lavori sul loro trattamento). Negli ultimi anni, vi sono stati tentativi di risolvere la mancanza di informazioni concernenti le malattie rare mediante la creazione di registri dedicati ad aspetti importanti (fenotipici e genotipici) di ogni singola carenza. Questa attitudine è però agli esordi nel caso delle RBDs e/o del loro trattamento. Un indicazione sulla prevalenza globale delle RBDs si ricava dal censimento effettuato dalla World Federation of Haemophilia: le carenze di FVII e FXI sembrano essere più prevalenti (frequenza di circa il 34% e 32% delle RBDs totali rispettivamente, seguite da carenza di FV e FX (8%), del fibrinogeno (7.5%) e del FXIII (6%). La carenza combinata di FV+FVIII (2.5%) e quella del FII (2%) sembrano essere le più rare. Tuttavia questo censimento fornisce un indicazione generale sulla diversità di frequenza delle singole carenze, ma non un quadro della loro distribuzione reale nel mondo: è noto infatti che le RBDs raggiungono frequenze più alte, quasi pari a quelle dell emofilia B (1 caso su ), in aree geografiche dove il matrimonio fra consanguinei è frequente (Nord-Africa, Medio- Oriente, sud dell India). Peraltro, i dati disponibili sulla distribuzione dei pazienti affetti da RBDs nei Paesi in via di sviluppo sono limitati, in quanto l eterogeneità biologica e la pre- 3

6 sentazione varia di queste malattie rende difficile un accurata diagnosi. L ondata migratoria di popolazioni da questi Paesi verso l Europa pone problemi clinici e diagnostici poiché la medicina di base, così come quella specialistica non sempre sono preparate ad affrontare il paziente che si presenti con una diatesi emorragica dovuta a queste carenze. Nella documentazione che segue, i dati qui sintetizzati, sono trattati con minuziosità e precisione: il contributo di Peyvandi tratta la problematica dei Registri nazionali ed internazionali sulle malattie rare della coagulazione, quello di Santoro tratta dei fenotipi clinici più comuni. Per quanto concerne il trattamento, il contributo di Castaman prende in considerazione la terapia delle RBDs. Viene chiarito che nei Paesi Occidentali, la disponibilità di concentrati plasmaderivati virus-inattivati di fattori carenti e l uso di plasma fresco congelato virus-inattivato, hanno migliorato in maniera significativa la qualità di vita di questi pazienti, permettendo il trattamento efficace della stragrande maggioranza dei sintomi emorragici, e consentendo la chirurgia e la profilassi in casi selezionati. Nelle donne con poliabortività dovuta ad alcune di queste carenze, la profilassi periodica in corso di gravidanza è sicura ed efficace. Sono anche in corso sperimentazioni cliniche di concentrati di fattori ottenuti con le tecniche del DNA ricombinante. Nell insieme, viene fuori un documento agile e prezioso, utile sia dal punto di vista pratico che conoscitivo, e ricco di importanti spunti di discussione che verosimilmente aumenteranno l attenzione degli esperti a questo problema orfano. Va ad esempio sottolineato che, accanto alle difficoltà di diagnosi, un gran numero di questi pazienti vive in Paesi nei quali non è semplice avere accesso ad un efficace e sicuro trattamento. Lo sforzo futuro dovrà quindi anche essere rivolto a migliorare l attuale diseguaglianza nelle potenzialità di diagnosi, di trattamento e quindi di qualità della vita dei pazienti con RBD. Giovanni Di Minno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, AOUP Federico II, Napoli 4

7 Registri nazionali ed internazionali sulle malattie rare della coagulazione Flora Peyvandi, Andrea Cairo, Roberta Palla, Marzia Menegatti U.O.S. Dipartimentale per la Diagnosi e la Terapia delle Coagulopatie, Angelo Bianchi Bonomi Hemophilia and Thrombosis Center, Luigi Villa Foundation, Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico e Università degli Studi di Milano, Milano Introduzione In Europa, una malattia è definita rara quando colpisce non più di 5 persone su abitanti, e similmente negli Stati Uniti, quando colpisce non più di persone sull intera popolazione (quindi 1 su 1500) (1,2). Il numero di malattie che coincide con questa definizione è maggiore di 5000/7000 secondo la Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) ed il numero di persone che ne sono affette è di circa 30 milioni in Europa e 25 negli Stati Uniti (3). Le malattie rare della coagulazione (Rare Bleeding Disorders: RBDs) quali carenza di fibrinogeno, protrombina (FII), FV, FVII, FX, FXI, FXIII e carenza combinata dei FV+FVIII con una prevalenza dei soggetti presumibilmente omozigoti che varia da 1 caso su per la carenza del FVII fino ad 1 caso in 2 milioni per la carenza di FII e FXIII (4) rispettano pienamente questo criterio. Queste carenze pur essendo molto rare nella maggior parte delle popolazioni, raggiungono frequenze più alte, quasi pari a quelle dell emofilia B (1 caso su ), in quelle aree geografiche dove il matrimonio fra consanguinei è frequente, come Nord-Africa, Medio-Oriente o il sud dell India (5,6). L ondata migratoria di popolazioni da questi Paesi verso l Europa pone un problema clinico e diagnostico poiché la medicina di base, così come quella specialistica non sempre sono preparate ad affrontare il paziente che si presenti con una diatesi emorragica dovuta a queste carenze. In particolare, la rarità delle RBDs comporta una serie di limitazioni alla loro conoscenza quali un minor interesse della ricerca eziologica e patogenetica, una maggiore difficoltà nel descrivere la storia naturale con le sue possibili varianti e nel progettare ricerche cliniche, un minore mercato capace di ammortizzare i costi di una ricerca farmacologica specifica e una scarsa o scarsissima diffusione delle conoscenze disponibili nella pratica clinica corrente. I dati disponibili sulla distribuzione dei pazienti affetti da RBDs sono limitati, particolarmente nei Paesi in via di sviluppo, anche perché l eterogeneità biologica e la presentazione varia di queste malattie rende difficile effettuarne un accurata diagnosi. Un indicazione sulla prevalenza globale delle RBDs (Figura 1) si può ottenere sulla base del censimento effettuato dal World Federation of Haemophilia (http://www.wfh.org/2/docs/publications/ Statistics/2008_Global_Survey_Report.pd). Secondo questi dati, le carenze di FVII e FXI sembrano essere le RBDs più prevalenti in tutto il mondo con una frequenza rispettiva di circa il 34% e 32% delle RBDs totali, seguite da carenza di FV e FX (8%), fibrinogeno (7.5%) e FXIII (6%). La carenza combinata di FV+FVIII (2.5%) e quella del FII (2%) sembrano essere le più rare. Tuttavia, questa raccolta di dati a livello globale fornisce un indicazione generale sulla diversità di frequenza delle singole carenze, ma non riesce ancora a fornire un quadro della loro distribuzione reale nel mondo. 5

8 % 32% 25 % % 8% 7.5% 6% 2.5% 2% 0 FVII FXI FV FX Fibrinogeno FXIII FV+FVIII FII Figura 1. Prevalenza di ogni singola RBD secondo il censimento del 2008 effettuato dal WFH. Registri e database esistenti È ormai risaputo che ogni singola carenza può presentare diversi sintomi emorragici dai più leggeri ai più gravi, che possono apparire alla nascita o più avanti nel corso della vita. In alcune carenze l attività coagulante residua è direttamente proporzionale alla probabilità di sviluppare un emorragia, ma questo non è vero per tutte le carenze. Per esempio, alcuni pazienti affetti da carenza di FVII possono avere un attività estremamente bassa o non misurabile e non mostrare alcun sintomo, mentre altri con la stessa attività possono avere sintomi gravi (come il sanguinamento cerebrale) (7,8). L alta variabilità fenotipica delle RBDs è comprovata da alcuni studi che riportano eventi trombotici in pazienti affetti da afibrinogenemia, carenza di FVII e FXI, in particolare in presenza di chirurgia o trattamento, indipendentemente dal livello funzionale residuo della proteina; al contrario, non sono mai stati riportati casi di trombosi, arteriosa o venosa, in pazienti con carenza di FII o FX (9-13). Queste informazioni sono state raccolte negli anni più recenti, grazie all incremento della letteratura scientifica pubblicata su riviste la cui missione è fornire informazioni nel campo dell emostasi. Tuttavia, a causa della rarità delle RBDs, i dati disponibili derivano da piccole coorti di pazienti o case reports, poiché pochi centri hanno la possibilità di seguire e trattare un consistente numero di pazienti e sviluppare una reale conoscenza della malattia. Quindi, anche se in sensibile aumento, la quantità di dati disponibile non è ancora sufficiente e ben organizzata per produrre delle linee guida, basate sull evidenza, che possano aiutare il clinico, integrando la sua esperienza personale con la miglior evidenza clinica esterna derivante dalla ricerca sistematica (raccomandazioni di livello A o B, cioè derivanti da clinical trials controllati o da studi di coorte retrospettivi) (14,15). Negli ultimi anni, vi sono stati tentativi di risolvere questa mancanza di informazione con la creazione di registri nazionali che comprendessero tutti gli aspetti di ogni singola carenza, dai sintomi alla caratterizzazione fenotipica e genotipica. Raramente si registrano database che raccolgano dati su tutte le RBDs e/o sul trattamento ed il consumo di prodotti terapeutici. Sulla base di questi criteri i database possono essere molto diversi tra loro. Per esempio, vi sono database che sono ospitati e gestiti da centri di rilevanza governativa ad accesso libero come può essere il National Center for Biotechnology Information (NCBI: che al suo interno raccoglie e incrocia banche dati genetiche e proteiche, di descrizione di malattie, nonché su un enorme numero di citazioni bibliografiche. Alla stessa stregua società scientifiche come la Società Internazionale di Trombosi ed Emostasi 6

9 (International Society on Thrombosis and Haemostasis: ISTH, ospitano sul proprio sito web registri e database specifici della comunità scientifica a cui si rivolgono, ed in questo caso, a quella delle malattie della coagulazione. Tuttavia, non vi è ancora una gestione organica di questo enorme ammontare di dati. Spesso registri di livello nazionale, che si riferiscano a singole carenze della coagulazione o a singoli aspetti delle RBDs (genotipo, fenotipo o trattamento), pur molto ben mantenuti, rischiano di perdere potenzialità ed importanza perché raggiungono con difficoltà l utente finale o contengono numeri limitati e poco utili alla pratica clinica. La necessità di incrementare la quantità e la qualità delle informazioni relative alle RBDs ha quindi portato allo sviluppo di database nazionali ed internazionali basati sulla raccolta di dati anagrafici, genetici, fenotipici, clinici e sul trattamento di ogni singolo paziente. A livello nazionale le informazioni vengono raccolte in registri dedicati principalmente all emofilia A e B e non quindi in network specializzati. Registri nazionali sono ormai presenti in gran parte delle regioni mondo: Australia, Nord e Sud-Africa, Medio-Oriente, Sudamerica, India, Asia, ma particolare attenzione al loro sviluppo è stata osservata principalmente in Europa (ad esempio, Francia: Svizzera: www. aekreg.ch, Regno Unito, Italia Polonia, Repubblica Ceca, Irlanda, questi ultimi non hanno una corrispondente pagina web) e Nord America (Stati Uniti:http:// (16) e Canada: Questi database sono normalmente gestiti e finanziati da organi governativi e l inserimento e l analisi dei dati viene effettuata solamente dal personale addetto e regolarmente registrato. Per dare maggiore forza ai dati contenuti all interno dei vari registri nazionali sono stati sviluppati anche database a livello internazionale che hanno come scopo principale quello di raggruppare ed uniformare tutte le informazioni relative a pazienti provenienti dalle diverse aree geografiche: HemoRec (18), RBDD (www.rbdd.org), EN-RBD (www.rbdd. eu). HemoRec è una piattaforma sviluppata nel 2006 dall Istituto di Biostatistica ed Analisi dell Università di Masaryk in Brno (Repubblica Ceca) contenente dati su 4294 pazienti con emofilia di cui 495 con RBDs in Europa Centro-Orientale: Repubblica Ceca, Slovacchia, Polonia, Serbia, Macedonia, Ungheria, Lituania e Slovenia. Registri dedicati unicamente alla raccolta dati nelle RBDs sono invece il database internazionale RBDD, contenente principalmente dati genetici di pazienti provenienti da tutto il mondo e dati relativi alla frequenza e distribuzione delle RBDs, e quello europeo EN-RBD dove sono invece raccolte informazioni su fenotipo di laboratorio e genotipo, sulle manifestazioni cliniche e sul trattamento di pazienti provenienti da diversi centri europei. Esistono anche database relativi ad alcune singole carenze (FXIII: aspx, FXI: Fibrinogeno: Tali database sono liberamente consultabili in internet, ma le informazioni che contengono sono quasi esclusivamente di tipo genetico e mancano totalmente della parte clinica e di trattamento. Anche per quanto riguarda il FVII è stato creato un database (http://www.targetseven.org/) consultabile on-line per quanto riguarda la parte genetica ma non per quella relativa al trattamento, che è comunque parte integrante del database. Il crescente interesse del mondo scientifico per le RBDs ha portato anche le case farmaceutiche a mostrare maggiore interesse nei confronti di queste patologie e di conseguenza allo sviluppo di nuovi strumenti per l approfondimento delle conoscenze, soprattutto per quanto riguarda il trattamento. A tale scopo, ad esempio, è stato creato nel 2005 un database, Haemostasis Registry (http://www.med. monash.edu.au/epidemiology/traumaepi/haemostasis.html), per ottenere informazioni sulla sicurezza, efficacia, appropriatezza d uso e dosi di FVII ricombinante attivato (rfviia) in pazienti non affetti da emofilia. Iniziative in Europa La frammentazione dell informazione è anche causa diretta degli investimenti limitati che fino ad oggi sono stati effettuati dalle istituzioni pubbliche coinvolte nell ambito sanitario, così come dello scarso interesse economico delle aziende farmaceutiche nella produzione di farmaci per il trattamento delle 7

10 RBDs, che vengono così chiamate orfane. Tutto ciò è avvenuto, fino a tempi recenti, quando la Commissione Europea ha posto le malattie rare come un problema di salute pubblica grave e una priorità nella ricerca sanitaria Europea. Con la Decisione N. 1295/1999/EC del Parlamento Europeo (29 aprile 1999) tra gli obiettivi che la comunità Europea si è posta vi è la promozione dello sviluppo dell informazione sulle malattie rare tramite creazione di database e network sui diversi aspetti delle malattie rare che ne raccolgano principalmente definizione, descrizione, sintomi, cause e dati epidemiologici. All interno del programma di salute pubblica promosso dall agenzia esecutiva (Public Health Executive Agency: PHEA ora Executive Agency for Health and Consumers: EAHC) è stato sviluppato un progetto finanziato dalla Commissione Europea e dal Direttorato generale per la salute ed i consumatori (Directorate-General for Health and Consumers: DG SANCO) (http://ec.europa.eu/phea/documents/2006_health_information.pdf) intitolato Establishment of an European network of the Rare Bleeding Disorders (EN-RBD) che comprendeva originariamente 10 centri europei allo scopo di creare un nuovo ed omogeneo strumento di comunicazione per inserire, gestire, rivedere e revisionare informazioni su pazienti affetti da RBDs (www.rbdd.eu). I dati raccolti riguardavano prevalentemente il fenotipo, il genotipo ed il trattamento (con le sue complicazioni) di pazienti affetti da RBDs, a prescindere dalla gravità della malattia. Ad aprile del 2010 il progetto si è concluso dopo tre anni di raccolta ed analisi dei dati. Lo strumento di analisi si è basato sulla creazione di queries mirate e sulla produzione di report. All interno del database sono stati raccolti dati su 592 pazienti, che, data la rarità delle malattie in oggetto, rappresenta un ragguardevole numero di casi. In questo database la frequenza di ogni singola carenza conferma in linea generale quella riportata dal censimento del WFH precedentemente riportato (18). Inoltre, per la prima volta è stata condotta un analisi statistica che ha permesso di trovare una differenza statisticamente significativa nella proporzione di pazienti con diversi gradi di manifestazioni cliniche (dagli asintomatici a quelli con episodi gravi, quali sanguinamento del sistema nervoso centrale o del cordone ombelicale) e il livello di attività coagulante che definisce la gravità della carenza. È stata anche condotta una analisi sulla varietà dei tipi di sanguinamento presenti in pazienti affetti da diverse carenze con diversi fenotipi di laboratorio che ha rivelato come le carenze più soggette a emorragie gravi siano l afibrinogenemia e la carenza grave di FX e FXIII; mentre i pazienti eterozigoti (con livelli di attività >30%) possono essere soggetti a sanguinamenti minori, quali quelli mucocutanei e la menorragia, soprattutto dopo trauma o operazioni chirurgiche. Il trattamento d elezione si è rivelato essere ancora quello sostitutivo e le complicanze riportate sono state quasi assenti. In conclusione, il database on-line si è rilevato uno strumento efficace per migliorare la qualità dei dati raccolti e ha dimostrato che uno schema di raccolta comune non può che essere il modo migliore per ottenere dati più accurati e adatti all analisi statistica. Tuttavia, per poter ottenere dati conclusivi sulle manifestazioni cliniche e le conseguenti decisioni terapeutiche è necessario raccogliere una quantità ancora maggiore di dati in modo prospettico. Sulla base di queste conclusioni il database, che si sta per dotare di una nuova pagina per la raccolta di dati prospettici, si sta estendendo, ospitando nuovi partner sia europei che extraeuropei, sia implementandosi con l esistente EMOWEB, rete on-line italiana che fornisce ai medici strumenti che facilitano la gestione di pazienti con coagulopatie. Quest ultima fase è resa possibile anche grazie ad un progetto finanziato dall Istituto Superiore di Sanità Italiano. Iniziative negli Stati Uniti Negli Stati Uniti, da circa 10 anni è stato creato un sistema di sorveglianza sanitaria finanziato dal Centro Controllo e Prevenzione delle Malattie (US Centers for Disease Control and Prevention: CDC) e dal Sistema di Raccolta di Dati Universale (Universal Data Collection: UDC), che raccoglie i dati di pazienti in cura per disordini della coagulazione in una rete di centri di trattamento di più di 125 centri (19). I gruppi di supporto per i pazienti sono stati strumentali per la sensibilizzazione sulle condizioni 8

11 di vita di pazienti affetti da malattie rare. Ad esempio, l organizzazione nazionale per le malattie rare (National Organization of Rare Disorders: NORD) è stato determinante nell approvazione della legge sui farmaci orfani negli Stati Uniti (Orphan Drug Act: ODA)(20). L ODA, approvato nel 1983, stabilisce la portata degli incentivi economici ai produttori farmaceutici per stimolare lo sviluppo di prodotti per un trattamento efficace per le malattie rare. Inoltre, con uno sforzo di collaborazione fra i vari servizi che coinvolgono la comunità dei disordini della coagulazione, rappresentata dalla Fondazione Nazionale di Emofilia (National Hemophilia Foundation: NHF), la Federazione Mondiale dell Emofilia (World Federation of Hemophilia: WFH), il CDC (CDC), la Food and Drug Administration (FDA), l ISTH ed il Network Americano su Trombosi ed Emostasi (American Thrombosis and Hemostasis Network: ATHN) ha portato all istituzione di una rete per affrontare e risolvere problemi di diversa natura legati alle RBDs. Gli obiettivi principali di questa collaborazione sono: 1) stabilire una base di conoscenze affidabile e sufficiente per l identificazione e il trattamento delle RBDs; 2) nuove licenze per i prodotti, attraverso l identificazione del soggetto e l accesso ai dati comparativi storici del trattamento; 3) un efficace database per raccogliere dati sui risultati della ricerca e sulla sorveglianza dei prodotti; e 4) formazione dei pazienti e dei loro medici (21). I gruppi di lavoro statunitensi ed europei, lavorando alla realizzazione dei database nei rispettivi continenti, stanno anche monitorando i rispettivi progressi con l obiettivo di sviluppare uno strumento di raccolta dati comune. Trattamento Il trattamento delle malattie rare della coagulazione è prevalentemente basato sulla sostituzione del fattore carente con prodotti plasmaderivati (22). Nei Paesi occidentali, il paziente affetto da RBDs può ambire a raggiungere una buona qualità della vita, sia in termini di disponibilità, che di sicurezza dei prodotti disponibili per il trattamento. Al contrario, nei Paesi in via di sviluppo le ristrettezze economiche, le risorse di laboratorio limitate e la scarsa disponibilità di prodotti terapeutici, spesso precludono il raggiungimento di un livello accettabile delle cure e della qualità di vita. Anche se in ritardo rispetto agli Stati Uniti, nel 1999 l Unione Europea ha adottato un regolamento che consente alle aziende, che fanno ricerca nell area delle malattie rare, di avere alcune agevolazioni. Il Regolamento UE ha consentito, dal 2001 ad oggi, di ottenere l approvazione di 18 farmaci orfani, molti dei quali destinati al trattamento dei tumori, di malattie autoimmunitarie e metaboliche. Negli Stati Uniti l introduzione di una normativa ad hoc (Orphan Drug Act, che risale al 1983) ha fortemente incentivato l impegno delle imprese nel campo delle malattie rare. Dal 1983 ad oggi sono quasi 300 i farmaci approvati dalla FDA, con un incremento del numero dei medicinali disponibili per il trattamento delle malattie rare mai registrato nel passato. Sul fronte italiano, la programmazione nazionale e regionale degli interventi, volti alla tutela dei soggetti affetti da malattie rare e la sorveglianza delle stesse è assegnata all ISS che cura il registro nazionale delle malattie rare. Nell ambito della sorveglianza dei farmaci l ISS, insieme al Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute, esegue l analisi della variabilità, temporale e territoriale, della distribuzione e dell utilizzo dei farmaci dalla quale sia possibile trarre elementi utili per la pianificazione di un uso più razionale delle risorse. Conclusioni In conclusione, negli ultimi anni ci sono stati sforzi profusi da parte del WFH e di altri gruppi, prevalentemente europei e statunitensi, per aumentare la conoscenza sulle RBDs. Tuttavia, ottenere informazioni specifiche da ogni singolo paziente è ancora problematico, principalmente a causa della difficoltà di raggiungere tutti i Paesi in modo omogeneo, particolarmente quelli in via di sviluppo, dove si ha la maggior frequenza di pazienti affetti. Inoltre, in questi Paesi, a causa delle risorse limitate, la priorità non è rappresentata da queste malattie che, seppur invalidanti e a rischio di vita, rappresentano una minoranza, così i pazienti a volte non superano l infanzia o non sono del tutto diagnosticati 9

12 o trattati. Quindi, lo sviluppo di registri nazionali, seguito dalla loro unificazione ed integrazione è fortemente necessario per sviluppare linee d azione comuni in risposta alle esigenze del paziente affetto da malattie rare della coagulazione. Ringraziamenti Siamo particolarmente grati a tutti i pazienti che si sono resi disponibili ed ai medici che hanno contribuito alla raccolta dei dati per lo sviluppo del database sulle malattie rare della coagulazione (RBDD: inoltre vorremmo ringraziare tutti i partner coinvolti nel progetto EN-RBD (www.rbdd.eu/partners.htm), il World Federation of Haemophilia, per i suoi continui sforzi volti alla raccolta annuale dei dati a livello globale e tutti coloro che hanno già aderito al nascente Registro Nazionale Italiano per le malattie rare della coagulazione. Inoltre, vogliamo ringraziare l Istituto Superiore di Sanità Italiano (www.iss.it) che permette la prosecuzione di questi studi grazie al Progetto ISS, Establishment of a European network of rare bleeding disorders (conv. 526D/29), determinazione n del 18/06/2007 (www.rbdd.it, pagina in costruzione). Parte di questa articolo deriva dal progetto Establishment of a European Network of Rare Bleeding Disorders (EN-RBD) finanziato dalla UE, nell'ambito del Public Health Programme. Bibliografia 1. Council recommendation of 8 June 2009 on an action in the field of rare diseases. Official Journal of the European Union. C 151/02, pag 7 (http://eur-lex.europa.eu/lexuriserv/lexuriserv.do?uri=oj:c:20 09:151:0007:0010:EN:PDF); 2. Rare Disease Act of 2002; gov/cgibin/getdoc.cgi?dbname=107_cong_public_laws &docid=f:publ ]. 3. Schieppati A, Henter JI, Daina E, Aperia A. Why rare diseases are an important medical and social issue. Lancet Jun 14;371(9629): Peyvandi F, Duga S, Akhavan S, Mannucci PM. Rare coagulation deficiencies. Haemophilia. 2002; 8: Tuddenham EGD, Cooper DN. The Molecular Genetics of Haemostasis and Its Inherited Disorders. Oxford Monography on Medical Genetics No. 25 Oxford Medical Publications; Oxford, United Kingdom Mannucci PM, Duga S, Peyvandi F. Recessively inherited coagulation disorders. Blood. 2004; 104: Triplett DA, Brandt JT, Batard MA, Dixon JL, Fair DS. Hereditary factor VII deficiency: heterogeneity defined by combined functional and immunochemical analysis. Blood 1985;66: Mariani G, Herrmann FH, Dolce A, Batorova A, Etro D, Peyvandi F, Wulff K, Schved JF, Auerswald G, Ingerslev J, Bernardi F; International Factor VII Deficiency Study Group. Clinical phenotypes and factor VII genotype in congenital factor VII deficiency. Thromb Haemost 2005;93: Marty S, Barro C, Chatelain B, Fimbel B, Tribout B, Reynaud J, Schved JF, Giansily-Blaizot M. The paradoxical association between inherited factor VII deficiency and venous thrombosis. Haemophilia 2008;14: Lak M, Keihani M, Elahi F, Peyvandi F, Mannucci PM. Bleeding and thrombosis in 55 patients with inherited afibrinogenaemia. Br J Haematol 1999;107: Mariani G, Herrmann FH, Schulman S, Batorova A, Wulff K, Etro D, Dolce A, Auerswald G, Astermark J, Schved JF, Ingerslev J, Bernardi F; International Factor VII Deficiency Study Group. Thrombosis in inherited factor VII deficiency. J Thromb Haemost 2003;1: Peyvandi F, Haertel S, Knaub S, Mannucci PM. Incidence of bleeding symptoms in 100 patients with inherited afibrinogenemia or hypofibrinogenemia. J Thromb Haemost 2006;4: Girolami A, Ruzzon E, Tezza F, Scandellari R, Vettore S, Girolami B. Arterial and venous thrombosis in rare congenital bleeding disorders: a critical review. Haemophilia 2006;12: Sackett DL, Rosenberg WM, Gray JA, Haynes RB, Richardson WS. Evidence based medicine: what it is and what it isn t. BMJ 1996;312: Guyatt GH, Oxman AD, Vist GE, Kunz R, Falck-Ytter Y, Alonso-Coello P, Schünemann HJ; GRADE Working Group. GRADE: an emerging consensus on rating quality of evidence and strength of recommendations. BMJ. 2008;336: Acharya SS, Coughlin A, Dimichele DM; North American Rare Bleeding Disorder Study Group. Rare Bleeding Disorder Registry: deficiencies of factors II, V, VII, X, XIII, fibrinogen and dysfibrinogenemias. J Thromb Haemost. 2004; 2: Zdziarska J, Chojnowski K, Klukowska A, Le Towska M, Mital A, Musiał J, Podolak M, Dawidziak, Windyga J, Ovesna P, Brabec P and Zawilska K. Registry of inherited bleeding disorders in Poland current status and potential role of the HemoRec database. Haemophilia 2011; 17:e189-e Peyvandi F, Palla R, Menegatti M. European Registry of Rare Bleeding Disorders Hematology education: the education program for the annual Congress of the European Hematology Association 2010;4: Soucie JM, McAlister S, McClellan A, Oakley M, Su Y. The universal data collection surveillance system for rare bleeding disorders. Am J Prev Med 2010; 38(4 Suppl):S Haffner ME. Adopting orphan drugs: two dozen years of treating rare diseases. NEJM 2006; 354: Shapiro AD, Soucie JM, Peyvandi F, Aschman DJ, DiMichele D on behalf of the UDC Rare Bleeding and Clotting Disorders Working Group and the European Network Rare Bleeding Disorders Database. Knowledge and Therapeutic Gaps: A Major Public Health Problem Highlighted in the Rare Coagulation Disorders Population. Under submission. 22. Bolton-Maggs PH, Perry DJ, Chalmers EA, Parapia LA, Wilde JT, Williams MD, Collins PW, Kitchen S, Dolan G, Mumford AD. The rare coagulation disorders review with guidelines for management from the United Kingdom Haemophilia Centre Doctors Organisation. Haemophilia 2004;10:

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti

Allegato U.O. Macerata: Informativa Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia per i pazienti Ed.II Rev.1del 25/11/2012 Pag. 1 di 10 Centro Emofilia, altri difetti ereditari della coagulazione, trombofilia I SERVIZI OFFERTI L U.O. di Medicina Trasfusionale di Macerata ha anche la funzione di Centro

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico

Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it. Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico Paola Giordano, paola.giordano@uniba.it Approccio Clinico Nel Paziente Pediatrico Emorragico INTEGRITA DEL SISTEMA VASCOLARE PIASTRINE VASI SANGUIGNI FATTORI DELLA COAGULAZIONE Eziologia chiara Trauma,

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica

PRODA Istituto di Diagnostica Clinica Test genetici per evidenziare il rischio di trombolfilia Il Fattore V della coagulazione è un cofattore essenziale per l attivazione della protrombina a trombina. La variante G1691A, definita variante

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO Telefono +39 02 48195432 Fax

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite Piano di Riorganizzazione della Rete delle Malattie Emorragiche Congenite 1 Rete delle Malattie

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell emostasi e trombosi Promosso da PROGRAMMA

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE

DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE AICE (Associazione Italiana Centri Emofilia) DALLA DIAGNOSI DI PORTATRICE DI EMOFILIA ALLA DIAGNOSI PRENATALE AICE (Associazione Italiana

Dettagli

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC)

Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Allegato A Indirizzi per i percorsi regionali o interregionali di assistenza per le persone affette da Malattie Emorragiche Congenite (MEC) Al fine di assicurare l'assistenza e la presa in carico dei pazienti

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG

La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Convegno Nazionale GISCI (Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma) 2015 Workshop precongressuale Finalborgo (SV) 20 maggio 2015 La metodologia della Consensus Conference secondo il SNLG Franca D

Dettagli

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio

Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Gli immigrati e il disagio mentale nel Lazio Andrea Gaddini *, Lilia Biscaglia *, Francesco Franco *, Salvatore Cappello **, Giovanni Baglio *, Domenico Di Lallo *, Gabriella Guasticchi * Introduzione

Dettagli

Rassegna Stampa CONGRESSO ISTH

Rassegna Stampa CONGRESSO ISTH Rassegna Stampa CONGRESSO ISTH AMSTERDAM, 2-3 LUGLIO 2013 INDICE AGENZIE 1. ADNKRONOS/ADNKRONOS SALUTE (4) QUOTIDIANI 1. LA REPUBBLICA SPECIALIZZATI 1. PHARMASTAR 2. PHARMAKRONOS 3. OSSERVATORIO MALATTIE

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE PER L EMOFILIA: SONO TUTTI UGUALMENTE EFFICACI E SICURI?

FATTORI DELLA COAGULAZIONE PER L EMOFILIA: SONO TUTTI UGUALMENTE EFFICACI E SICURI? FATTORI DELLA COAGULAZIONE PER L EMOFILIA: SONO TUTTI UGUALMENTE EFFICACI E SICURI? P.M. Mannucci Direttore Scientifico, Fondazione IRCCS Ca Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Milano EFFICACY Adequate

Dettagli

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015

Agenzia sanitaria e sociale regionale. Biblioteca. Periodici in abbonamento nel 2015 Agenzia sanitaria e sociale regionale Biblioteca Periodici in nel 2015 PERIODICI ITALIANI Adverse drug reaction bullettin (ed. italiana) 1978 Carta e online Ambiente e sicurezza sul lavoro 1995 Carta e

Dettagli

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi

Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Screening neonatale: un semplice test per proteggere la salute dei bimbi Informazioni per i genitori A cosa serve lo screening neonatale Questa pubblicazione serve ad illustrare perché è così importante

Dettagli

Data e luogo di nascita: 11 Aprile 1950, Torino Residenza: 20122 Milano, Via Santa Sofia 27

Data e luogo di nascita: 11 Aprile 1950, Torino Residenza: 20122 Milano, Via Santa Sofia 27 PIER ALBERTO TESTONI CURRICULUM ATTIVITA SCIENTIFICA, DIDATTICA, ASSISTENZIALE Data e luogo di nascita: 11 Aprile 1950, Torino Residenza: 20122 Milano, Via Santa Sofia 27 OCCUPAZIONE ATTUALE 1999 - oggi

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS:

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS: CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE SANITANEWS: MALATTIE RARE E FARMACI ORFANI LA DIFFICOLTA DI CONIUGARE BISOGNO ASSISTENZIALE E SCARSITA DI RISORSE 1. Il quadro di riferimento 1.1 Le Patologie Una malattia è considerata

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Realizzato da: Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici Fondazione IRCCS Istituto Nazionale Tumori di Milano Istituto Superiore di Sanità Che cos è un tumore?

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA

ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA ESENZIONI PER MALATTIA RARA NELL ASL di BRESCIA - Dicembre 2014 - Centro Territoriale Malattie Rare INTRODUZIONE Vengono definite Malattie Rare quelle patologie con prevalenza inferiore ad una soglia stabilita

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MALATTIE RARE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MALATTIE RARE INDAGINE CONOSCITIVA SULLE MALATTIE RARE Audizione XII Commissione (Affari Sociali) - Montecitorio 15 Aprile 2015-04-12 Dott.ssa Vincenzina Lucidi- Responsabile Unità Operativa Complessa di Fibrosi Cistica

Dettagli

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso

Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Revisione della Letteratura Internazionale sul Triage infermieristico in Pronto Soccorso Introduzione La funzione di selezione-valutazione dei pazienti all interno dei Dipartimenti di Emergenza è divenuta

Dettagli

L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è

L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è IL TRATTAMENTO LASER (ELVeS) DELLE VENE VARICOSE Dott. Alessandro MASTROMARINO L insufficienza venosa cronica degli arti inferiori, la cui espressione più diffusa è rappresentata dalla comparsa delle varici

Dettagli

Epidemiologia dei tumori A. Spitale

Epidemiologia dei tumori A. Spitale Epidemiologia dei tumori A. Spitale 03 aprile 2007 Che cos è l Epidemiologia? Kleinbaum et al. (1982): L Epidemiologia è la scienza che studia lo stato di salute o di malattia nelle popolazioni umane I

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Registro Italiano Mastocitosi:

Registro Italiano Mastocitosi: Divisione di Ematologia Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo Pavia Serena Merante Registro Italiano Mastocitosi: malattia rara e "orfana" di farmaci Outline Perchè la mastocitosi? Perché un registro

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Verso la terapia personalizzata

Verso la terapia personalizzata Verso la terapia personalizzata M.G.Tibiletti Genetista Ospedale di Circolo-Università dell Insubria Varese Soroptimist Club Varese Varese 20 aprile 2013 Test genetici DIAGNOSTICI PRESINTOMATICI PREDITTIVI,

Dettagli

scaricato da sunhope.it

scaricato da sunhope.it Test di secondo livello per la valutazione della coagulazione I test di cui vi parlo oggi sono test di secondo livello, che si fanno quando i test di primo livello sono risultati negativi ma il paziente

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

La prevenzione delle Malattie Rare e la genetica

La prevenzione delle Malattie Rare e la genetica Centro di Riferimento Regionale per le Malattie Rare II Clinica Pediatrica Ospedale Regionale per le Microcitemie La prevenzione delle Malattie Rare e la genetica Dott.ssa Francesca Meloni Dott.ssa Paola

Dettagli

A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. www.gistonline.it info@gistonline.it

A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus. www.gistonline.it info@gistonline.it A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus www.gistonline.it info@gistonline.it Cos'è il Tumore Stromale Gastrointestinale (GIST)? - E un tumore raro; rientra nella categoria dei sarcomi dei tessuti molli

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna.

spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. spesso presentano sintomatologia, decorso clinico ed esiti diversi nell uomo e nella donna. CAMERA DEI DEPUTATI XVII LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE N 1485 d iniziativa del deputato VARGIU Presentata il

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema

HEALTH NEEDS ASSESSMENT. Sintesi di una selezione di articoli sul tema HEALTH NEEDS ASSESSMENT Sintesi di una selezione di articoli sul tema 1 INDICE 1. Wright J, Williams R, Wikinson JR Development and importance of health needs assessment, BMJ 1998; 316: 1310-1313 (25 April)

Dettagli

Farmaci Orfani e Malattie Rare

Farmaci Orfani e Malattie Rare ANTONIO ORAZIO GIOVANNI FRANCO Presidente Osservatorio sulle minoranze etniche e religiose e sui rapporti con la Croce Rossa Internazionale e col volontariato Farmaci Orfani e Malattie Rare Roma - 28 settembre

Dettagli

DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA

DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA Conosciamo il nostro Genoma Varese, 20 aprile 2013 Elisabetta Lenzini LE TAPPE DELLA 1953 Watson and Crick Struttura del DNA 1956 Tijo e Levan Cariotipo 46 cr 1959

Dettagli

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare

Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013. Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Audizione informale Commissione Sanità 1 Agosto 2013 Richiesta di inserimento della Mastocitosi nel nuovo Elenco delle Malattie Rare Prof. Massimo Triggiani Presidente Società Italiana di Allergologia

Dettagli

Tumori rari Come orientarsi

Tumori rari Come orientarsi Tumori rari Come orientarsi Che cos è un tumore? Il nostro corpo è costituito da cellule che, pur diverse tra loro per aspetto e funzioni, si riproducono, si riparano e muoiono secondo gli stessi processi

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di medicina di genere N. 1599. d iniziativa del deputato MURER Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1599 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MURER Norme in materia di medicina di genere Presentata il 18 settembre 2013 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

Rapporto sulle biotecnologie in Italia. BioInItaly Report 2014. Assobiotec-EY. Torino, 11 marzo 2014

Rapporto sulle biotecnologie in Italia. BioInItaly Report 2014. Assobiotec-EY. Torino, 11 marzo 2014 Rapporto sulle biotecnologie in Italia BioInItaly Report 2014 Assobiotec-EY Torino, 11 marzo 2014 1. Il sistema delle imprese biotecnologiche in Italia Numero di imprese Anche nel 2013, quello delle biotecnologie

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA

APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA APPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA L 80% degli eventi cardiovascolari che insorgono prima dei 75 anni è prevenibile Nel 2011 diminuisce del -3,1% l aderenza alle terapie per l ipertensione: i liguri i meno assidui;

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue

GastroPanel. Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue GastroPanel Test clinico per la diagnosi di disturbi dello stomacoa partire da un campione di sangue Un test affidabile e di facile esecuzione che fornisce una serie di importanti indicazioni Segnala la

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010

RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 Appropriatezza prescrittiva nella terapia dell ipercolesterolemia RACCOMANDAZIONI DELL ASL CN1 2010 PREMESSE L'ipercolesterolemia è uno dei maggiori fattori di rischio cardiovascolare e la sua riduzione

Dettagli

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive

Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Organizzazione e gestione delle Malattie Rare nella Regione Emilia-Romagna: esperienza e prospettive Elisa Rozzi Servizio Presidi Ospedalieri Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Assessorato Politiche

Dettagli

Principi di trattamento ed aggiornamento delle raccomandazioni per la terapia sostitutiva delle malattie emorragiche congenite

Principi di trattamento ed aggiornamento delle raccomandazioni per la terapia sostitutiva delle malattie emorragiche congenite ASSOCIAZIONE ITALIANA DEI CENTRI EMOFILIA Principi di trattamento ed aggiornamento delle raccomandazioni per la terapia sostitutiva delle malattie emorragiche congenite editi a cura della Commissione AICE

Dettagli

PASQUALE FREGA Assobiotec

PASQUALE FREGA Assobiotec ITALIAN ORPHAN DRUGS DAY Venerdì 13 febbraio 2015 Sala conferenze Digital for Business - Sesto San Giovanni (MI) PASQUALE FREGA Assobiotec www.digitalforacademy.com Italian Orphan Drug Day Malattie Rare

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Programma: Prevenzione della popolazione a rischio R e g i o n e L a z i o Identificativo della Linea o delle Linee

Dettagli

di follow-up sono stati inviati, un anno dopo, alle donne che avevano partecipato al sondaggio basale. Le informazioni richieste alle partecipanti

di follow-up sono stati inviati, un anno dopo, alle donne che avevano partecipato al sondaggio basale. Le informazioni richieste alle partecipanti OSTEOPOROSI E FRATTURE DA FRAGILITÁ : FATTORI PREDITTIVI DEL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO Recentemente, sulla rivista Journal of the American Geriatrics Society sono stati pubblicati i risultati di uno studio

Dettagli

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati

Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano. Unità di Ortopedia e Traumatologia. Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Istituto Clinico Beato Matteo Vigevano Unità di Ortopedia e Traumatologia Fratture di femore: incidenza, invalidità associata, costi associati Dr. Fabio Bertaiola 1 Chiunque ha sentito parlare dell osteoporosi

Dettagli

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12

Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 www.printo.it/pediatric-rheumatology/it/intro Febbre Ricorrente Associata a NLRP12 Versione 2016 1.CHE COS È LA FEBBRE RICORRENTE ASSOCIATA A NLRP12 1.1 Che cos è? La febbre ricorrente associata a NLRP12

Dettagli

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute

Dipartimento Psichiatria. Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Dipartimento Psichiatria Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute Rimini, 20-22 novembre 2015 Agenda Il percorso di Senior Italia FederAnziani Obiettivi del Dipartimento Psichiatria Contesto

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano AGGIORNAMENTO DEI SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE PER LA COMPILAZIONE DELLA SDO

Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano AGGIORNAMENTO DEI SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE PER LA COMPILAZIONE DELLA SDO Responsabile Editoriale AME: Vincenzo Toscano AGGIORNAMENTO DEI SISTEMI DI CLASSIFICAZIONE PER LA COMPILAZIONE DELLA SDO L ICD9-CM e il sistema DRG sono gli strumenti che vengono impiegati per la compilazione

Dettagli

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo

Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute. Risorse messe in campo Piano Nazionale Amianto Macro-area Salute Risorse messe in campo Dott. Mariano Alessi Dirigente Medico Medico del Lavoro Ministero della salute DG Prevenzione Nel 2012 sono state finanziate attività specifiche

Dettagli

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa Cinzia Colombo Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA?

LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? LA SIBO: CONDIZIONE TRASVERSALE TRASCURATA? SIBO è l acronimo di Small Intestinal Bacterial Overgrowth, ovvero sovraccrescita batterica dell intestino tenue. La sua caratterizzazione clinica è variata

Dettagli

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia?

La concentrazione di Imatinib nel plasma: un nuovo parametro nella terapia farmacologia? Dott.ssa Paola Coco Struttura Semplice Trattamento Medico Sarcomi Adulto, Dott. Daniele Morelli, Responsabile Medicina di Laboratorio Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori, Milano Sintesi della

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale

Prevenire mortalità e morbosità cardiovascolare mediante la valutazione del rischio individuale ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 200-202 ) Regione: Regione Autonoma della Sardegna Allegato 2 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA

POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA POLICLINICO UNIVERSITARIO A GESTIONE DIRETTA Istituto di Genetica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE Address: Istituto di Genetica - Facoltà di Medicina e Chirurgia PUGD - Università degli Studi di Udine

Dettagli

Studio su incidenza e mortalità di alcune neoplasie nel Comune di Fabriano (2004-2009)

Studio su incidenza e mortalità di alcune neoplasie nel Comune di Fabriano (2004-2009) Studio su incidenza e mortalità di alcune neoplasie nel Comune di Fabriano (2004-2009) Approfondimenti ecologici sui ricoveri ospedalieri per tumore maligno del fegato a cura di Katiuscia Di Biagio, Marco

Dettagli

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità

32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Risk Management in ambito ostetrico Manuela Ghilardi A.O. Ospedali Riuniti di Bergamo 32 Congresso Nazionale FNCO: l Ostetrica/o professionista nell Unione Europa: valori, innovazioni e progettualità Contenuti

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Menarini Foundation Symposia: 194 FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI XXXIV Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: cardiovascolari PROGRAMMA Milano, 20-21

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Il malato complesso: possibili modelli di management

Il malato complesso: possibili modelli di management Il malato complesso: possibili modelli di management Walter Ricciardi, Maria Lucia Specchia Istituto di Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore Agenda La gestione del malato complesso Gli

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli