Circuiti logici combinatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circuiti logici combinatori"

Transcript

1 Circuiti logici combinatori - Prof. G. Acciari - M.M. Mano C.R.Kime, RETI LOGICHE IV ed, Pearson Prentice Hall Cap..,.,.6,.7,.8,.9 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

2 Circuiti logici combinatori Un circuito combinatorio è un circuito composto da porte logiche le cui uscite sono, istante per istante, funzioni logiche degli ingressi. Sia gli ingressi che le uscite sono segnali binari (, ). E' caraterizzato dalle variabili di ingresso e di uscita, dalle porte logiche e da come sono interconnesse. Ad un circuito combinatorio arrivano all'ingresso n variabili (segnali di ingresso) e forniscono m uscite (segnali di uscita). Idealmente le uscite sono contemporanee all'applicazione degli ingressi, mentre nella realtà sono sempre in ritardo di un certo intervallo di tempo. In corrispondenza di ogni uscita è possibile individuare una funzione booleana dipendente da un numero di ingressi n IN RETE COMBINATORIA OUT n m Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

3 Metodologia di progettazione La progetazione di un circuito combinatorio inizia con la descrizione del problema e termina con lo schema logico pensato per la soluzione. ) Specifche del circuito carateristiche e funzioni del circuito che si vuole ideare (ad esempio vanno fssati ingressi ed uscite necessari assegnando loro un nome,...) ) Sintesi determinazione della tabella della verità (o equazioni booleane) che legano gli ingressi con le uscite ) Ottimizzazione si applicano delle tecniche di otimizzazione in base agli obietivi fssati. Ad esempio si può dirigere l'otimizzazione verso forme standard (Somma di Mintermini, Prodoto di Maxtermini,...) oppure verso forme ridote (SoP, PoS, Mappe di Karnaugh), etc. 4) Implementazione si trasforma il circuito logico in un nuovo schema che faccia uso della tecnologia che si vuole utilizzare 5) Verifca Si verifca la corretezza del progeto (simulazioni, prove investigative, prototipi...) Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

4 Esempio : convertitore da BCD codice eccesso Problema: si progeti un circuito logico in grado di convertire una cifra decimale espressa in codice BCD (84) in un codice eccesso (rappresentazione BCD (84) +) Ci sono 4 ingressi (A,B,C,D) necessari per la cifra codifcata BCD (4) che arriva al circuito. All'uscita dovremo prevedere 4 segnali (W,,Y,Z) per la cifra codifcata eccesso (ne occorrono 4 in quanto una quantità inferiore è insufciente a convertire cifre) IN A B C D RETE COMBINATORIA W Y Z OUT Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

5 Esempio: convertitore da BCD codice eccesso Tabella della verità: Ingressi BCD (4) Uscite eccesso A B C D W Y Z Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 5

6 Esempio: convertitore da BCD codice eccesso Scegliamo di progetare un circuito tipo SoP e per sintetizzare le 4 funzioni ( per ciascuna delle uscite) utilizziamo le mappe di Karnaugh. Le 6 combinazioni che non vengono usate sono tratate come don't care ed indicate da CD AB CD AB W W=A +BC+BD =BC D+BC+BD CD AB CD AB Y Y=C D+C D Z Z=D Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 6

7 Esempio: convertitore da BCD codice eccesso 4 A partire dalle 4 funzioni W,, Y, Z possiamo sintetizzare il relativo circuito logico (non è scelta una tecnologia particolare) D D C C B B A A A B W C D Y Z 5 Verifca tramite un simulatore software Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 7

8 Ottimizzazione ed implementazione multilivelli ' 4' A B C D A partire dalle 4 funzioni W,, Y, Z possiamo sintetizzare il relativo circuito logico otimizzando il numero di porte logiche (otenendo, però, un circuito multilivello) D D C B B A {W=A +BC+BD =BC+BD+BC D Y=C D+C D Z=D W {W=A+B (C+D) =B (C+D)+B(C+D ) Y=C D+C+D Z=D C+D Y Z Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 8

9 Esempio : convertitore da BCD (84) a codice a 7 segmenti Problema: si progeti un circuito logico in grado di convertire una cifra decimale espressa in codice BCD (84) in un codice a 7 segmenti adato a pilotare l'accensione degli opportuni diodi LED in un display alfanumerico. Per le combinazioni extra il display deve visualizzare la letera E (Errore) Ci sono 4 ingressi (W,,Y,Z) necessari per la cifra codifcata BCD (84) che arriva al circuito. All'uscita dovremo prevedere 7 segnali (a,b,c,d,e,f,g) per la cifra codifcata in un display a 7 segmenti (come riportato in fgura) IN W Y Z RETE COMBINATORIA (BCD to 7 segment) a b c d e f g OUT Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 9

10 Esempio:convertitore da BCD (84) a codice a 7 segmenti Tabella della verità: Ingressi BCD (84) Uscite codifcate per i 7 segmenti A B C D a b c d e f g Letera E (errore) 4 5 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

11 Esempio:convertitore da BCD (84) a codice a 7 segmenti Scegliamo di progetare un circuito tipo SoP e per sintetizzare le 7 funzioni : CD AB CD AB CD AB CD AB a = B D B D A C CD AB b=b C A B A C D A C D c=b C A C A D A B d=b C D B C B D C D A CD AB CD AB e=b D A B C D A B C f =C D B C B C A g=b C C D B C A Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

12 Esempio:convertitore da BCD (84) a codice a 7 segmenti 4 Per la realizzazione del circuito logico SoP c'è bisogno di 4 porte NOT, 8 AND e di 7 OR (circuito logico lasciato per esercizio) a = B D B D A C b=b C A B A C D A C D c=b C A C A D A B d=b C D B C B D C D A e=b D A B C D A B C f =C D B C B C A g=b C C D B C A Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

13 Progettazione intelligente Nei circuiti integrati più complessi (ad es. VLSI) possono coesistere milioni di porte logiche ed è impensabile un approccio complessivo per la sua sintesi. Necessità di frazionare il progeto iniziale Capacità di operare tale frazionamento in maniera intelligente, ovvero le varie parti devono essere: il più possibile uguali riutilizzabili facilmente interpretabili e correggibili facilmente realizzabili con la tecnologia scelta Progetazione gerarchica top-dotwn con approccio del tipo DIVIDI ET IMPERA Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

14 Prog. Gerarchica tramite Dividi et Impera: esempio Si vuole progetare un circuito logico che realizzi la funzione dispari a 9 ingressi (ad es. si può controllare la corretezza di Byte aggiungendo il 9 bit come bit di parità) A -Input A odd B O function A Funzione dispari a 9 ingressi Z O 4 5 A A A -Input odd function B O A -Input A odd B function O A Z O Simbolo per l'intero circuito A A A -Input odd B O function A Circuito costruito connetendo 4 funzioni dispari a ingressi A B O A Circuito per una funzioni dispari a ingressi costruito tramite porte OR Singola porta logica OR realizzata tramite 4 porte NAND Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

15 Prog. Gerarchica tramite Dividi et Impera: esempio Blocchi funzionali Funzione dispari a 9 ingressi Funzione dispari a ingressi Funzione dispari a ingressi Funzione dispari a ingressi Funzione dispari a ingressi OR OR OR OR OR OR OR OR NAND Blocchi primitivi (predefniti) Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 5

16 Progettazione Top-Down Descrizione delle funzionalità del circuito Tecnologia, costi, prestazioni, afdabilità Ripetute suddivisioni in soto-blocchi fno ai blocchi funzionali elementari Progetazione dei blocchi funzionali (o blocchi che utilizzano blocchi funzionali predefniti) Circuiti logici Simulazione dei vari blocchi e successivamente del circuito complessivo (VHDL) Verifca, realizzazione, misure, validazione BOTTOM-UP alcune volte, allo scopo di velocizzare la procedura e massimizzare il riutilizzo di blocchi predefniti, si sviluppano parti del progeto partendo dal basso verso l'alto Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 6

17 Abilitazione (enabling) Nella propagazione di un segnale di ingresso verso l'uscita di un circuito logico può essere utile (o addiritura indispensabile) la presenza di un ulteriore segnale che determini l'abilitazione alla trasmissione della informazione. In base al suo valore o tale segnale, indicato normalmente con ENABLE (EN), blocca il passaggio dell'informazione dall'ingresso verso l'uscita, oppure ne rende il passaggio del tuto trasparente. In fgura alcuni esempi tipici: ENABLE ativo alto ENABLE ativo basso ENABLE disativo F= EN F EN F ENABLE disativo F= EN F EN F Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 7

18 Decoder (decodificatore) Il DECODER è un circuito combinatorio utilizzato per la decodifca di un codice binario, ovvero opera la trasformazione da un codice a n-bit in ingresso ad uno a m-bit in uscita tale che a ciascuna delle parole di codice in ingresso corrisponde una unica parola in uscita. Segue che n m n. IN n DECODER n m m n OUT Esempi di utilizzo: ENABLE Convertitore tra BINARIO e OTTALE (decoder -8) e BINARIO-ESADECIMALE (decoder 4-6) Generatore di tuti i mintermini (Maxtermini). Con l'aggiunta di una o più OR (oppure AND) fnali posso realizzare qualsiasi funzione booleana espressa come somma di mintermini (Prodoto di Maxtermini) Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 8

19 Decoder elementare - Il DECODER elementare è quello che presenta ingresso e uscite IN n = DECODER m = = OUT Tabella della verità: Ingressi Uscite A D D A D D OUT Decoder - Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 9

20 Decoder -4 Il DECODER -4 presenta DECODER ingressi e 4 uscite IN OUT 4 n = m = = 4 A A A A A A D =A A D =A A D =A A D =A A Tabella della verità: Ingressi Uscite A A D D D D Decoder -4 (con porte AND mintermini) Decoder - 4 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

21 Esercizio: decoder -4 alternativi Esercizio: date le seguenti tabelle della verità per decoder -4 ricavare il relativo circuito logico: Ingressi A A D D Uscite (a) logica negata D D A A A A A A Con porte OR Maxtermini D =A A D =A +A D =A +A D =A +A Ingressi Uscite A A A A A A D D D D A A D =A +A =A A D =A +A =A A (b) Utilizzare porte NOT e OR (NOR) D =A +A =A A D =A +A =A A Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

22 Decoder -8 A A A A A A A A A D =A A A EN D =A A A EN D = A A A EN D =A A A EN IN DECODER 8 n = m = = 8 Tabella della verità: Ingressi Uscite OUT 4 5 D 4 = A A A EN D 5 =A A A EN A A A D 7 D 6 D 5 D 4 D D D D 6 7 D 6 =A A A EN D 7 =A A A EN 4 EN 5 6 Decoder -8 7 (con porte AND mintermini) Decoder - 8 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

23 Implementare una funzione logica con un decoder: esempio A A A A A A F (A, A, A )= m (,5,6,7) A A A 4 F EN Decoder -8 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

24 Espansione nei Decoder A A B B A A A D D A A D EN Decoder -4 D D D EN D D Decoder -4 D 4 Decoder D 5 EN -4 D 6 D 7 Decoder -8 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

25 Composizione modulare dei Decoder A A A A EN Decoder -4 D D D D Decoder 4-6 modulare EN EN Decoder -4 EN EN Decoder -4 Decoder -4 D 4 D 5 D 6 D 7 D 8 D 9 D D EN Decoder -4 D D D 4 D 5 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 5

26 74LS8-8 decoder Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 6

27 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 7

28 Laboratorio: esperienza Montare il decoder -8 74LS8 sulla scheda mille-fori seguendo lo schema riportato ed aiutandosi con il relativo datasheet verifcare il correto funzionamento andando a metere combinazioni binarie agli ingressi A - e controllando l'accensione del corrispondente LED in uscita. Vcc 5V R Ω R Ω R Ω R Ω R4 Ω R 5 Ω R 6 Ω R 7 Ω Diodo LED A D R -7 = Ω - Ω A D A D 74LS8 D D 4 E D 5 E D 6 E D 7 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 8

29 Laboratorio: esperienza Aiutandosi con lo schema di principio in fgura (e con opportuni datasheet) si realizzi un circuito digitale in grado di convertire un numero BCD nel corrispondente numero da visualizzare su un display. Materiale a disposizione: 74LS47 TDSR 5 (display ad anodo comune) R -7 = Ω Ω Deviatori (o pulsanti) Vcc 5V n.c. LT RBI BI/RBO A B C D 74LS47 R R R R R 4 R 5 R 6 R 7 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 9

30 Encoder (Codificatore) L' ENCODER è un circuito combinatorio che l'operazione inversa rispeto al Decoder. Sono presenti n = m linee (a volte anche meno) delle quali è ativa soltanto una. In uscita si otiene la conversione di questa informazione nel numero binario corrispondente formato da m cifre (m = LOG n). IN ENCODER n m OUT n Esempi di utilizzo: m=log n Convertitore da OCT BIN (Encoder 8-) e HE BIN (Encoder 6-4)... Abilitazione (EN) Sintesi dal numero del mintermine alla sua codifca binaria. Oss.: può essere ativato solo ingresso alla volta (particolare atenzione alla tempistica). Problema per il numero binario che va tratato diversamente Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

31 Encoder 4- : tabella della verità e circuito A Ingressi Uscite A A A A D D A A A D D Problema legato ad A foating Encoder 4 - A A D Risolve il problema dell' A foating. A A D Errore nel caso di più di un ingresso ad contemporaneamente Oss.: manca ancora il terminale di abilitazione (EN), spesso indispensabile! Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

32 Encoder 8- : tabella della verità e circuito con EN Ingressi Uscite A 7 A 6 A 5 A 4 A A A A EN D D D A A A A A 4 A 5 A 6 A 7 EN D D D Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

33 Priority Encoder (es. 8-) I I I I I 4 I 5 I 6 I 7 E in I 7 I 6 I 5 I 4 Priority circuit H H H H H 4 H 5 H 6 H 7 Ingressi Uscite I I I I Ein D D D H H H H H 4 H 5 H 6 H 7 Encoder D D D E out Eout Per eliminare la possibilità di errore in caso di ingressi multipli si ricorre ad una priorità. In presenza di più ingressi ativi contemporaneamente, ai fni dell uscita, viene considerato ativo quello di peso maggiore (priorità maggiore). Il circuito si modifca anteponendo il circuito che determina le priorità stabilite. H =Ein I I I I I 4 I 5 I 6 I 7 H =Ein I I I I 4 I 5 I 6 I 7 H =Ein I I I 4 I 5 I 6 I 7 H =Ein I I 4 I 5 I 6 I {D 7 =H H H 5 H 7 H 4 =Ein I 4 I 5 I 6 I D 7 =H H H 6 H 7 H 5 =Ein I 5 I 6 I D =H 4 H 5 H 6 H 7 7 H 6 =Ein I 6 I 7 H 7 =Ein I 7 Eout=Ein I I I I I 4 I 5 I 6 I 7 Priorità massima Esercizio: in base alla tab della verità ed alle equazioni si progeti il circuito logico relativo. Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. /

34 74LS48 TTL Priority Encoder (/) Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

35 74LS48 TTL Priority Encoder (/) EN Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 5

36 Esercizio: analisi di un Priority Encoder Esercizio: in fgura è riportato il circuito logico di un Priority Encoder. Si determini la tabella della verità e le funzioni booleane che legano le uscite con gli ingressi Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 6

37 Multiplexer (MU - Selettore) Il Multiplexer (MU) è un circuito combinatorio in grado di selezionare un segnale binario tra quelli presenti all'ingresso (segnali DATI) per dirigerlo verso l'uscita. La selezione viene gestita da altre linee di ingresso (segnali di SELEZIONE): in base al codifca binaria presente a questi ingressi di selezione viene individuato il segnale DATI da dirigere verso l'uscita. Normalmente ad n ingressi di selezione corrispondono n ingressi dati ed sola uscita. Tale tipo di circuito può anche essere multiplato m volte in questo modo: n ingressi comuni di selezione a cui corrispondono m * n ingressi dati ed m uscite, una per ogni set di n ingressi. SELEZIONE n IN DATI MU n x OUT n Abilitazione (enable) Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 8

38 MU 4- (4 to ) A A A A Tab. della verità SELEZIONE S S D S S OUT D D D D IN DATI D D OUT D EN Multiplexer 4- Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 9

39 Esempio di selezione per un MU DUAL 4 to (74F5) A A A A SELEZIONE S S Tab. della verità S S OUT A OUT B DA DB DA DA DB DA DB DATI A DA OUT A DA DB DA DA Multiplexer 4- DB DATI B DB OUT B DB DB EN Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

40 Circuito combinatorio tramite MULTIPLEER Una qualsiasi funzione booleana ad n variabili può essere realizzata anche con l'utilizzo di un MULTIPLEER. Il metodo più banale consiste nello scegliere un MU ad n ingressi di selezione associando / a ciascuno degli ingressi dati a seconda che il relativo mintermine sia/non sia rappresentativo della funzione F. C A A B B CC Esempio con n= variabili: F A, B, C = m, 4, 5, 7 B A F EN Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

41 Circuito combinatorio tramite MULTIPLEER (ridotto) La stessa funzione booleana ad n variabili può essere realizzata anche con l'utilizzo di un MULTIPLEER ad n- ingressi di selezione utilizzando il metodo qui descrito: ) Data la funzione F ad n variabili si sceglie un MU ad n- ingressi di selezione ) Tabella della verità ) Le prime n- variabili sono connesse agli ingressi di selezione. La rimanente variabile (corrispondente al LSB) verrà utilizzata per gli ingressi Dati e, per comodità, verrà denominata Z. 4) Ogni combinazione degli ingressi di selezione corrisponde ad un gruppo di righe consecutive della tab. della verità. Per ciascun gruppo l'ultima variabile Z ed il valore della funzione F possono combinarsi in 4 modi: I) F = Z II) F = Z negato III) F = IV) F = 5) Ciascuno degli n- ingressi DATI sarà collegato in uno dei 4 modi appena elencati. Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

42 Esempio Esempio con n = 4 variabili: F A, B, C, D = m,, 4,,,, 4, A B C D F F=D F=D _ F=D F= F= F=D F= F= D A B C EN A A B B CC F Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 4

43 DEMULTIPLEER (De-selezionatore DEMU) Il DEMU esegue l'operazione inversa rispeto a quella svolta dal MU: riceve in ingresso sola linea Dati e questa, in base alla via indicata dagli n ingressi selezione, viene indirizzata verso una delle n uscite. IN DEMU n OUT m=n n Selezione Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 44

44 Realizzazione di un DEMU Può essere realizzato agevolmente utilizzando un DECODER ove viene sfrutato l'ingresso di ENable come ingresso Dati A A B B S S OUT OUT OUT IN OUT DEMU -4 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 45

45 Dual -4 decoder/demultiplexer 74LS55 and 74LS56 Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 46

46 Laboratorio: esperienza Parte : utilizzando un decoder -8 tipo 74LS8 ed si progeti e realizzi un circuito digitale che soddisf la funzione F(A,B,C) = (AB + CB) (AB C) Per il progeto potrebbero essere neessari anche altri circuiti integrati. Parte : vedere come si modifca il circuito se F(A,B,C) = (AB + CB) (AB C) + AC F(A,B,C) = ABC + ABC F(A,B,C) = ABC + ABC + ABC Ing. G. Acciari - Circuiti Logici (ver..) A.A. / 47

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Altri cifrari a blocchi

Altri cifrari a blocchi Altri cifrari a blocchi Barbara Masucci Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno masucci@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/masucci RC2 [1989] IDEA (International

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori"

Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori Esercitazioni su rappresentazione dei numeri e aritmetica dei calcolatori" slide a cura di Salvatore Orlando & Marta Simeoni " Architettura degli Elaboratori 1 Interi unsigned in base 2" Si utilizza un

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Rappresentazione numeri in virgola mobile

Rappresentazione numeri in virgola mobile Rappresentazione numeri in virgola mobile Un numero non intero può essere rappresentato in infiniti modi quando utilizziamo la notazione esponenziale: Es. 34.5 = 0.345 10 2 = 0.0345 10 3 = 345 10-1 Questo

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione:

Esperimentatori: Durata dell esperimento: Data di effettuazione: Materiale a disposizione: Misura di resistenza con il metodo voltamperometrico. Esperimentatori: Marco Erculiani (n matricola 454922 v.o.) Noro Ivan (n matricola 458656 v.o.) Durata dell esperimento: 3 ore (dalle ore 9:00 alle

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese

C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese C è solo un acca tra pi e phi ing. Rosario Turco, prof. Maria Colonnese Introduzione Nell articolo vengono mostrate vari possibili legami tra la costante di Archimede (pi greco) e la sezione aurea (phi).

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma

Ingresso mv c.c. Da 0 a 200 mv 0,01 mv. Uscita di 24 V c.c. Ingresso V c.c. Da 0 a 25 V 0,001 V. Ingresso ma c.c. Da 0 a 24 ma 0,001 ma 715 Volt/mA Calibrator Istruzioni Introduzione Il calibratore Fluke 715 Volt/mA (Volt/mA Calibrator) è uno strumento di generazione e misura utilizzato per la prova di anelli di corrente da 0 a 24 ma e

Dettagli

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA

LA CARTOGRAFIA E LA SCALA Corso di laurea in Urbanistica e Sistemi Informativi Territoriali Laboratorio di ingresso Prof. Salvemini Arch. Valeria Mercadante A.A. 2009/2010 LA CARTOGRAFIA E LA SCALA La scala numerica La scala numerica

Dettagli

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Manuale istruzioni 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Spazio riservato per annotare le tre cifre del PIN dell'eventuale password di protezione. Indice Principali operazioni a cura dell'utente............................................

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Teoria degli insiemi

Teoria degli insiemi Teoria degli insiemi pag 1 Easy Matematica di dolfo Scimone Teoria degli insiemi Il concetto di insieme si assume come primitivo, cioè non riconducibile a concetti precedentemente definiti. Sinonimi di

Dettagli

Così come le macchine meccaniche trasformano

Così come le macchine meccaniche trasformano DENTRO LA SCATOLA Rubrica a cura di Fabio A. Schreiber Il Consiglio Scientifico della rivista ha pensato di attuare un iniziativa culturalmente utile presentando in ogni numero di Mondo Digitale un argomento

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009. Lab 02 Tipi semplici in C Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB Ingengeria dell Automazione a.a. 2008/2009 Lab 02 Tipi semplici in C Obiettivo dell esercitazione Acquistare familiarità con i tipi di dato semplici supportati

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it

Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli. Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it 3 4 5 Terne pitagoriche e teorema di Pitagora, numeri e triangoli Riccardo Ricci: Dipartimento di Matematica U.Dini ricci@math.unif.it Qualche osservazione preliminare sul Teorema di Pitagora e le terne

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A

Progetto di un alimentatore con Vo = +5 V e Io = 1 A Progetto di un alimentatore con o +5 e Io A U LM7805/TO IN OUT S F T 5 4 8 - ~ ~ + + C GND + C + C3 3 R D LED Si presuppongono noti i contenuti dei documenti Ponte di Graetz Circuito raddrizzatore duale

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Architetture CISC e RISC

Architetture CISC e RISC FONDAMENTI DI INFORMATICA Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine Architetture CISC e RISC 2000 Pier Luca Montessoro (si veda la nota di copyright alla slide n.

Dettagli

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti Il presente documento defnisce le condizioni generali ( Condizioni ) per l utlizzo del sito internet www.becomingossola.com ( Sito web ) da

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti?

THE WORLD OF DC/DC-CONVERTERS. SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? SCEGLIERE UN CONVERTITORE DC / DC Convertitori DC/DC, quali sono i criteri più importanti? Un convertitore DC / DC è utilizzato, generalmente, quando la tensione di alimentazione disponibile non è compatibile

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011

Trasformazioni Geometriche 1 Roberto Petroni, 2011 1 Trasformazioni Geometriche 1 Roberto etroni, 2011 Trasformazioni Geometriche sul piano euclideo 1) Introduzione Def: si dice trasformazione geometrica una corrispondenza biunivoca che associa ad ogni

Dettagli

I sistemi di acquisizione dati

I sistemi di acquisizione dati I sistemi di acquisizione dati L'utilizzo dei computers, e dei PC in particolare, ha notevolmente aumentato la produttività delle attività sperimentali. Fenomeno fisico Sensore/ trasduttore Acquisizione

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it L Informatica!2 Informatica Il termine informatica deriva dal francese Informatique Inform(ation

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano.

Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto italiano. Il punto Il punto è un elemento geometrico fondamentale privo di dimensioni ed occupa solo una posizione. Come si indica un punto? Un punto si indica (distingue) con una lettera maiuscola dell alfabeto

Dettagli

TASSI DI ASSENZA, MAGGIOR PRESENZA E ASSENTEISMO NETTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DIVISO PER AREE DIRIGENZIALI (compresi i Dirigenti)

TASSI DI ASSENZA, MAGGIOR PRESENZA E ASSENTEISMO NETTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DIVISO PER AREE DIRIGENZIALI (compresi i Dirigenti) CAMERA DI COMMERCIO NUMERO UNITA' DI PERSONALE 333 333 333 329 332 332 329 328 363 365 360 358 1.256 996 896 1.691 879 1.089 1.736 3.368 1.157 817 1.049 1.543 B) GIORNI LAVORATI COMPLESSIVI 5.709 5.962

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli