DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE"

Transcript

1 DEFINIZIONE DI CANALE DI DISTRIBUZIONE Il canale di distribuzione di un bene è il percorso che questo segue nel suo trasferimento dal produttore (industriale o agricolo) al consumatore finale o all utilizzatore industriale ed è costituito da una serie di stadi, in ciascuno dei quali avviene un passaggio del titolo di proprietà. Il canale di distribuzione di un prodotto termina in corrispondenza dell ultima persona o dell ultima azienda che acquista quel prodotto senza apportare a questo delle modifiche significative. Quando queste ultime ci sono ed il prodotto risulta trasformato in un altro, allora da quel punto inizia un nuovo canale di distribuzione. 1

2 GLI ATTORI DELLA DISTRIBUZIONE Gli attori della distribuzione possono essere individuati e classificati considerando i seguenti aspetti: Il rischio commerciale I livelli di canale Le forme distributive Le forme aziendali 2

3 LE FUNZIONI DISTRIBUTIVE Il sorting identifica quell insieme di attività finalizzate a colmare la distanza tecnologica fra offerta e consumo. L attività di sorting si compone di 4 sub-attività: 1. Sorting out (classificazione dell offerta eterogenea in lotti omogenei) 2. Accumulation (concentrazione dei lotti omogenei per economie logistiche (stoccaggio, trasporto, ecc.) 3. Allocation (suddivisione di un offerta omogenea in lotti di più piccole dimensioni) 4. Assorting (formazione di un assortimento di prodotti differenti). 3

4 I VALORI E I COSTI DELLE FUNZIONI DISTRIBUTIVE Al fine di disegnare i canali distributivi è fondamentale, dopo aver identificato attori e funzioni, individuare: Il valore creato per il cliente che dipende dall utilità che egli trae dal servizio commerciale che la singola funzione contribuisce a creare I costi delle funzioni distributive 4

5 La giustificazione economica degli intermediari in termini di riduzione del numero degli scambi VENDITA DIRETTA VENDITA ATTRAVERSO UN GROSSISTA VENDITA ATTRAVERSO DUE GROSSISTI PRODUTTORI GROSSISTI DETTAGLIANTI 40 contatti 14 contatti 28 contatti 5

6 IL CANALE DIRETTO Nel canale diretto non esiste nessun intermediario commerciale tra il produttore ed il consumatore finale (o l utilizzatore industriale). Vantaggi: maggior controllo del mercato; gestione diretta dell immagine e del posizionamento della propria marca; luogo di accumulazione di conoscenza tramite l osservazione diretta dei comportamenti della domanda. Svantaggi: ingenti investimenti e costi; non garantisce significativi livelli di capillarità distributiva. 6

7 IL CANALE INDIRETTO Il canale corto è quello nel quale opera un solo intermediario commerciale (su uno stadio). Il canale lungo è quello nel quale operano due o più intermediari commerciali (su più stadi). Quanto più ridotto è il numero degli stadi di un canale tanto più elevato è il grado di integrazione verticale del sistema distributivo. Mentre il presidio di variabili informative spinge all integrazione e al controllo del canale, la gestione dei costi logistici sembra spingere nella direzione opposta. 7

8 IL POSIZIONAMENTO DEI SETTORI RISPETTO AL CONTROLLO LOGISTICO ED INFORMATIVO DEL CANALE b) La marca Controllo informativo del produttore c) La marca e l insegna Confronto logistico e informativo Auto (6+/1 ) Orologi (4+/2 ) Cosmesi (4+/3+) Alimentari (4+,5+) Elettrodomestici (3+/4+) a) Le merci Confronto logistico Ottici (2+/0+) Sport (1+/0+) Giocattoli (0+/2+) Abbigliamento (1 /3 ) Mobili (5 /1 ) d) L insegna Controllo informativo del distributore 8

9 LE SCELTE DISTRIBUTIVE La scelta dei canali distributivi si effettua considerando quattro livelli di analisi: Numerosità di stadi (diretto vs. breve o lungo) Numerosità di canali (monocanale vs. multicanale) Numerosità di sbocchi (monosbocco vs. multisbocco) Numerosità degli intermediari per ciascuno sbocco (distribuzione esclusiva vs. intensiva) 9

10 I VETTORI DELLA MULTICANALITA La liberalizzazione dei canali La distribuzione estensiva I nuovi format distributivi Le nuove esigenze del mercato Lo sviluppo della tecnologia. 10

11 IL CONFLITTO DERIVANTE DALLA MULTICANALITA E una situazione in cui un componente del canale percepisce che il comportamento di un altro soggetto è tale da impedirgli di conseguire i propri obiettivi o di svolgere in maniera efficiente il proprio ruolo nel sistema distributivo. Maggiore è la conflittualità tra i soggetti che compongono un sistema distributivo, minore è la loro soddisfazione e, di conseguenza, il risultato conseguito dagli stessi. L obiettivo del management deve essere quello di contenere il conflitto nell ambito della sua dimensione funzionale. 11

12 LE CAUSE DEL CONFLITTO Divergenza di obiettivi Divergenza nelle aspettative di ruolo Divergenza di percezione 12

13 GESTIONE DELLA MULTICANALITA La multicanalità può essere determinata dalla presenza sullo stesso mercato di una pluralità di canali distributivi (diretto, breve, lungo) e/o dalla necessità di attivare più sbocchi distributivi. Gli elementi alla base della multicanalità da valutare distintamente sono quindi: La permeabilità dei mercati; il controllo dei canali lunghi, i comportamenti opportunistici, la discriminazione percepita da alcuni intermediari; la differenziazione dei prezzi e dei servizi nei diversi sbocchi distributivi. 13

14 Le tipologie di multicanalità Scarsa Elevata Elevata Scarsa Impresa Multisbocco Per esempio, nel settore cosmetico canale breve con presenza di farmacie, profumerie e supermercati Impresa Monosbocco e Monocanale Per esempio, nel settore dei prodotti grocery canale breve, solo supermercati Impresa Multisbocco e Multicanale Per esempio nel settore delle macchine per ufficio, vendita diretta attraverso person. dell impr., vendita via catalogo, canale breve tramite GSS e utilizzo di grossisti, che a loro volta raggiungono negozi d inform. e dealer specializzati Impresa Multicanale Per esempio, nel settore dell abbigliamento sbocco boutique, raggiunto mediante il canale diretto, breve e lungo Elevata Scarsa Scarsa Elevata 14

15 GESTIONE DELLA MULTICANALITA Per cogliere le opportunità generate dalla multicanalità può essere necessario attivare più canali e/o sbocchi, predisponendo le dovute precauzioni volte a: evitare che emergano situazioni conflittuali (strategie preventive di differenziazione del prodotto e/o dei servizi commerciali); gestire in modo appropriato le conseguenze negative (azioni di recupero della relazione). Evitare il free-riding Si manifesta quando il medesimo prodotto è presente in sbocchi specializzati, che forniscono informazioni, e in formule distributive despecializzate, che praticano prezzi più convenienti, offrendo al contempo un livello inferiore di servizio informativo e di assistenza alla vendita. 15

16 LE POLITICHE DI DIFFERENZIAZIONE DEL PRODOTTO PER IL GOVERNO DELLA MULTICANALITA Le aree di differenziazione possono essere le seguenti: differenze nel brand (es, marchi fantasia); diversi modelli e profondità assortimentali; differenze del modello (es. componenti, tecnologie, materiali, ingredienti); estetiche del prodotto (es. confezione, formato); diversi livelli di servizio (non commerciale) connessi al prodotto (es, durata della garanzia). 16

17 LE POLITICHE DI DIFFERENZIAZIONE DEL SERVIZIO PER IL GOVERNO DELLA MULTICANALITA Il criterio fondamentale per la selezione degli sbocchi deve fondarsi sul tipo di servizio commerciale richiesto dal cliente (prossimità, orari di apertura, ampiezza, servizi informativi) e sulle sue abitudini di shopping (complementarietà di consumo e di acquisto). Pertanto ai fini della definizione della varietà degli sbocchi distributivi diviene fondamentale un analisi dei differenti possibili segmenti di clientela e delle possibili stringhe di consumo e acquisto. 17

18 LE RELAZIONI DI COMPLEMENTARIETA Le relazioni di complementarietà esistenti fra i prodotti rappresentano le modalità con cui il consumatore procede alla combinazione di differenti prodotti per conseguire i benefici ricercati. Classificazione delle complementarietà nelle seguenti categorie: 1. categorie funzionali in: stringhe di consumo stringhe d acquisto 2. categorie di tipo simbolico-denotativo in: complementarietà sul piano semiotico complementarietà valoriali 18

19 GESTIONE DELLA MULTICANALITA DAL CONFLITTO ALLA COOPETITION L impresa industriale che intende implementare strategie multicanali, incrementando la propria presenza in diversi formati distributivi per sfruttarne l effetto differenziante e accrescere le possibilità di contatto con il consumatore, ha tre vie principali per gestire tale attività senza impattare negativamente sul suo patrimonio distributivo (channel equity) e sulla sua brand equity: selezionare nuovi sbocchi differenziati sul piano dei servizi rispetto a quelli già esistenti; differenziare i brand o i formati di prodotto nel caso di sovrapposizione nel servizio commerciale dei nuovi canali rispetto a quelli tradizionali; garantire nei nuovi canali la brand equity esistente nei canali originali. 19

20 GESTIONE DELLA MULTICANALITA DAL CONFLITTO ALLA COOPETITION Le azioni di recupero della relazione in caso di conflittualità sono le seguenti: una chiara comunicazione verso il mercato dei distributori; condivisione del problema con i soggetti danneggiati; ritiro del prodotto o sospensione delle forniture e discriminazione negativa nei confronti degli intermediari scorretti; minaccia di rifiuto di rinnovo dei contratti di fornitura o di distribuzione. 20

21 FENOMENI CHE HANNO CONTRIBUITO ALLA CRISI DEL MARKETING CONCEPT: sviluppo di nuovi modelli di consumo e di acquisto; offerta distributiva più differenziata; crescita del mercato distributivo e del potere contrattuale della clientela commerciale; progressiva internazionalizzazione dei mercati della produzione e della distribuzione, ampliamento dei mercati di fornitura e intensificazione della concorrenza tra i produttori; politiche di riposizionamento della marca commericiale; passaggio da un orientamento al fornitore ad un orientamento al consumatore da parte dei distributori. Integrazione delle strategie di Consumer Marketing con le nuove strategie di Trade Marketing 21

22 22

23 DEFINIZIONE DI TRADE MARKETING Il trade marketing può essere definito come l insieme di tutte quelle attività che, basate sul concetto di prodotto/cliente/canale, puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività degli investimenti di marketing e ottenere un vantaggio competitivo nella competizione orizzontale (Fornari, 1999). Il Trade Marketing rappresenta perciò una strategia commerciale volta a contribuire all efficacia dell azione di marketing dell azienda attraverso il soddisfacimento delle specifiche esigenze dei propri clienti commerciali (Mauri, 1987). Dalla vendita tramite il trade alla vendita al trade. 23

24 Un orientamento al trade marketing comporta i seguenti condizionamenti: monitorare lo stadio di sviluppo del potere nei rapporti Industria Distribuzione; approfondire il grado di conoscenza dei comportamenti dei consumatori; costruire un sistema informativo aggiornato sui canali di vendita e sui gruppi strategici commerciali; modificare e adattare le strutture organizzative al cambiamento distributivo; adottare e utilizzare nuovi strumenti operativi di programmazione e controllo dei rapporti con la clientela commerciale; offrire nuovi servizi al trade funzionali a ridurre i costi di interfaccia e a massimizzare le performance nei rapporti verticali; realizzare iniziative di marketing integrato in grado di accrescere il valore delle marche e dei punti vendita per i consumatori. 24

25 IL TRADE MARKETING MANAGEMENT Il trade marketing rappresenta un processo decisionale basato fondamentalmente sul concetto di cliente e/o canale articolato in quattro fondamentali step: 1.Un momento analitico volto ad approfondire i processi distributivi, le esigenze della domanda intermedie e le dinamiche competitive; 2. Un momento strategico volto a pianificare le attività rispetto ai singoli canali/clienti; 3. Un momento operativo/gestionale volto a definire le leve o politiche di trade marketing; 4. Un momento di controllo volto a verificare i risultati delle singole azioni commerciali nonché a monitorare costantemente 25

26 ASPETTI STRATEGICI DEL TRADE MARKETING La fase strategica del trade marketing concerne la segmentazione della domanda intermedia, il targeting e il posizionamento desiderato. Segmentare la domanda intermedia significa riconoscere una certa eterogeneità tra i clienti intermedi e quindi vuol dire creare gruppi di distributori tra loro simili per certi aspetti e, al tempo stesso, dissimili da altri. Il targeting è la scelta dei segmenti di distributori che l impresa intende presidiare e rispetto ai quali definisce il posizionamento desiderato. 26

27 SCHEDA CLIENTE Dati anagrafici del cliente Dimensioni aziendali Caratteristiche di mercato e principali concorrenti Appartenenza a Gruppo o Centrale d Acquisto Organizzazione del processo d acquisto e ruoli Composizione del comitato inserimento N.P. Criteri prevalenti per l inserimento N.P. Attività di trade marketing svolta in passato Principali indicatori di performance della marca sul singolo distributore. 27

28 LE LEVE OPERATIVE DI TRADE MARKETING Il trade marketing mix è la combinazione delle azioni da intraprendere nei confronti di un target di clienti intermedi. Condizioni contrattuali, sconti e incentivi; Assortimento: innovazione di prodotto e referenziamento; Promozioni al trade; Merchandising; Animazioni in-store; Iniziative di category management e di space-allocation; Logistica. 28

29 CLASSIFICAZIONE DEGLI SCONTI E DEI CONTRIBUTI AL TRADE Sconti collegati ai termini di pagamento Sconti quantità Sconti collegati al servizio logistico Sconti per acquisti congiunti Sconti fuori fattura e premi di fine anno Contributi promozionali Contributi di referenziamento Sconti Canvass 29

30 RINNOVAMENTO DEGLI ASSORTIMENTI COMMERCIALI Le principali caratteristiche che le offerte industriali devono possedere per il referenziamento nell assortimento commerciale sono le seguenti: le condizioni economiche il servizio logistico le politiche promozionali connesse al lancio il potenziale di vendita del nuovo prodotto il valore del prodotto per il consumatore le caratteristiche del produttore considerazioni di natura competitiva

31 MODELLO LINEARE ADDITTIVO 31 31

32 Un esempio di applicazione dei metodi per la valutazione di un nuovo prodotto da parte della distribuzione CARATTERISTICHE CONSIDERATE IMPORTANZA VALUTAZ. MARCA 1 VALUTAZ. MARCA 2 VALUTAZ. MARCA 3 VALORI SOGLIA Margine lordo atteso Volume di vendita atteso Termini di pagamento Servizio offerto Reputazione del fornitore Puntualità consegne Promozioni Valutazione sintetica Fonte: Adattata da Stem e El-Ansary [1988, 93]

33 ANALISI E CONTROLLO A SUPPORTO DEL TRADE MARKETING Sono due fasi sovrapponibili dal momento che gli stessi strumenti possono essere utilizzati ex-ante (es. per la segmentazione e la definizione della strategia) ed ex-post (es. per la verifica del raggiungimento degli obiettivi sui singoli segmenti di clienti intermedi). Analisi dei canali attuali e potenziali: -vincoli istituzionali, grado di concentrazione, barriere all entrata e all uscita, ecc.; -dinamiche competitive (concorrenza trasversale e ampliamento dei confini geografici), ricostruzione delle strategie e delle politiche perseguite. 33

34 Analisi delle performance distributive dell impresa e dei suoi principali concorrenti: analisi delle quote di mercato; analisi del portafoglio distributori; indagini qualitative sul trade per rilevare atteggiamenti, preferenza, livello di soddisfazione o di fedeltà dei clienti intermedi; conto economico cliente-canale. Analisi dei bisogni e delle preferenze del trade: analisi del comportamento d acquisto, delle politiche di mercato e della capacità innovativa; indagine dei bisogni espressi (es. criteri adottati per la valutazione dei fornitori presenti in assortimento e per l inserimento di nuovi prodotti); 34

35 ANALISI DELLA QUOTA DI MERCATO La quota di mercato assoluta è definita come l ammontare delle vendite di un impresa espresso in percentuale delle vendite complessive nel mercato in cui l azienda opera. Questa quota può essere espressa in volumi (unità, chilogrammi, litri, ecc.) o in valore (unità di misura monetaria). Il confronto tra la quota in volumi e la quota in valore fornisce un indicazione generale sulla politica di prezzi attuata dall impresa. Se la quota di mercato in volume risulta maggiore (minore) di quella in valore si è in presenza di un impresa che pratica prezzi inferiori (superiori) rispetto alla media di mercato. QMi = Qi/Q Qi = vendite (espresse in quantità o in valore) della marca-iesima Q = vendite totali (espresse in quantità o valore) del mercato di riferimento 35

36 ANALISI DELLA QUOTA DI MERCATO La quota di mercato relativa rappresenta la posizione competitiva a livello distributivo ed è calcolata come rapporto tra la quota dell impresa i-esima e quella del principale concorrente (o dei principali concorrenti). La quota di mercato relativa offre utili indicazioni sulla distanza competitiva dell impresa rispetto al leader di mercato o al più diretto concorrente dell impresa (in termini di dimensione). La quota di mercato relativa rispetto al leader di mercato consente di comprendere il grado di sfruttamento delle economie di scala e di esperienza. La quota di mercato relativa rispetto alle prime due o tre imprese sul mercato o con riferimento al più diretto concorrente rappresenta un indicatore di concorrenzialità rispettivamente in mercati concentrati e frammentati. 36

37 SCOMPOSIZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO La quota di mercato può essere espressa come prodotto di due indici: - Grado di penetrazione (detto anche quota trattanti) che esprime la percentuale delle vendite della marca i-esima in rapporto alle quantità totali della categoria di prodotto acquistate dai distributori dell impresa i-esima. - Grado di copertura ponderata (detto anche ponderata) che esprime il rapporto fra gli acquisti totali del genere di prodotto effettuati dalla clientela servita dall impresa i-esima e le vendite totali del genere di prodotto nel mercato di riferimento. QMi = Qi/Q. Acsi/Acsi QMi = Qi/Acsi. Acsi/Q Dove Acsi corrisponde agli acquisti totali della categoria di prodotto (e non della sola marca i-esima) effettuati dalla clientela servita dall impresa i-esima 37

38 SCOMPOSIZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO La ponderata è scomponibile in tre ulteriori indicatori inserendo due nuovi fattori: - Ni che rappresenta il numero dei clienti serviti dall azienda i-esima; - N che indica il numero totale dei consumatori o di punti vendita che acquistano o trattano il genere di prodotto in questione. il peso medio della clientela (Acsi/Ni) che indica la qualità in termini dimensionali della clientela distributiva; La copertura numerica (Ni/N), ovvero la percentuale di clienti effettivi dell azienda sul totale dei clienti potenziali; L indice di dispersione (N/Q), che rappresenta il reciproco della dimensione media della clientela ed esprime l inverso della concentrazione della clientela. 38

39 ESEMPIO DI SCOMPOSIZIONE DELLA QUOTA DI MERCATO Quantità vendute dall impresa i-esima (Qi) = Acquisti della clientela servita (Acsi) = Quantità totale venduta nel mercato (Q) = Numero dei distributori clienti dell impresa i-esima (Ni) = Numero totale dei distributori (N) = Quota di mercato Qi/Q = 1.800/ = 9% Penetrazione Qi/Acsi = 1.800/ = 10% Ponderata Acsi/Q = / = 90% QMi = 0,10. 0,90 = 0,09 = 9% Peso medio clientela Acsi/Ni = / = 0,36 Numerica Ni/N = / = 50% Indice di dispersione N/Q = / = 5 Ponderata = 0,36. 0,50. 5 = 0,90 = 90% 39

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

IL TRADE MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino IL TRADE MARKETING 1 DEFINIZIONE Il trade marketing è l insieme delle attività che puntano a conoscere, pianificare, organizzare e gestire il processo distributivo in modo da massimizzare la redditività

Dettagli

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01

LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING. Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE DI TRADE MARKETING Beatrice Luceri Facoltà di Economia Anno Accademico 2000/01 La configurazione della funzione di Trade Marketing I fenomeni che hanno influito sui processi

Dettagli

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX

Indice. Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Autori Prefazione Ringraziamenti dell Editore XIII XV XIX Capitolo 1 Il marketing nell economia e nella gestione d impresa 1 1.1 Il concetto e le caratteristiche del marketing 2 1.2 L evoluzione del pensiero

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Come cambia la distribuzione in rete

Come cambia la distribuzione in rete E-COMMERCE Come cambia la distribuzione in rete Ruolo degli intermediari commerciali: trasferire prodotti e servizi secondo le modalità preferite dal cliente e al prezzo per lui accessibili CRITICITA DELLA

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia

MARKETING La gestione dei canali distributivi. Marketing - Prof. Giovanni Mattia Roma Tre, Economia MARKETING La gestione dei canali distributivi Che cosa è un canale distributivo? E un insieme di imprese il cui compito è trasferire un bene fisico o un servizio dal produttore al consumatore, generando

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Marketing Operativo: Distribuzione

Marketing Operativo: Distribuzione Fondamenti di Marketing Turistico Università degli Studi di Roma Tor Vergata Marketing Operativo: Distribuzione Dott. Mario Liguori Comunicazione Martedì 14 e Mercoledì 15 no lezione 1 Canali distributivi

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy

Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price. Pricing Strategy Dal Cost Plus Pricing al Value Based Price Pricing Strategy Approfondimenti tematici settembre 2013 Le informazioni contenute nel presente documento sono classificate riservate e confidenziali ad esclusivo

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI MARKETING LEZIONI N. 13 e 14 La Gestione dei Canali di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO DEI CANALI DI

Dettagli

L IMPRESA NELL AMBIENTE

L IMPRESA NELL AMBIENTE L IMPRESA NELL AMBIENTE General environment P Settore e mercati del settore (task environment) D O ORGANIZZAZIONI OVUNQUE E SISTEMI OVUNQUE General environment 2 SETTORE, MERCATI E IMPRESA L ambiente viene

Dettagli

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.

Page 1. GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2014/2015 GESTIONE DEI CANALI DI MARKETING, SUPPLY CHAIN MANAGEMENT E DISTRIBUZIONE AL DETTAGLIO (CAP. 16, 17, 18) Unit 11 Slide 11.2.1 SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LE STRATEGIE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE Prof. Fabio Musso Università degli Studi di Urbino Facoltà di Economia fabio.musso@uniurb.it pagina 1 Fasi del processo di sviluppo della strategia di internazionalizzazione

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Principi di marketing

Principi di marketing Principi di marketing Corso di Gestione e Marketing delle Imprese Editoriali (A Z) Prof.ssa Fabiola Sfodera Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione Anno Accademico 2013/2014 1 L utilità

Dettagli

Marketing, vendite e servizi post-vendita

Marketing, vendite e servizi post-vendita Marketing, vendite e servizi post-vendita L attività di marketing include: a) tutte le azioni che spingono il consumatore ad acquistare un dato prodotto Marca, pubblicità, promozione (servizi di assistenza

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

Indice di un Business Plan (2)

Indice di un Business Plan (2) Il Piano di Marketing www.docenti.unina unina.it/mario.raffa Corso di Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale Prof. Mario Raffa raffa@unina.it it Indice di un Business Plan (2)! 3. Il piano di marketing

Dettagli

Marketing. La segmentazione del mercato

Marketing. La segmentazione del mercato Marketing La segmentazione del mercato 1 Fase analitica e conoscitiva Analisi di settore e comportamenti concorrenziali Definizione del mercato e analisi della domanda Comportamento del consumatore Struttura

Dettagli

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa

Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Il canale on-line di Coop La spesa che non pesa Bologna 19 Febbraio 2003 1 Il mercato Internet Il numero totale degli utenti varia a seconda delle fonti ma è stimabile intorno a 9/10 milioni di persone.

Dettagli

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1

Introduzione al Marketing II. Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Introduzione al Marketing II Marketing e Tecniche di Accesso al Mercato Farmaceutico 1 Livelli di Marketing Marketing Strategico Analisi strategica Segmentazione, Targeting, Posizionamento Marketing Tattico

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Marketing Industriale Prof. Ferruccio Piazzoni L analisi di competitività dei segmenti I Mktg-L06 SISTEMA DI SORVEGLIANZA DELLA CONCORRENZA

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ]

I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] PRODUTTORE CHIAMA DISTRIBUTORE L UNIONE FA LA FORZA I N D I C E 1 [ PRODUTTORI E DISTRIBUTORI AL BIVIO ] 2 [ LA SFIDA SI VINCE IN DUE ] 3 [ UN APPROCCIO SINERGICO ] 4 [ INSIEME PER INNOVARE ] 1. [PRODUTTORI

Dettagli

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione

Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti. Corso di Gestione dei Flussi di informazione Il controllo operativo nell area produzione - approvigionamenti Corso di Gestione dei Flussi di informazione Programmazione operativa della produzione Processo di approvigionamento Programmazione operativa

Dettagli

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1

Capitolo 13. La distribuzione al dettaglio e all ingrosso. Capitolo 13- slide 1 Capitolo 13 La distribuzione al dettaglio e all ingrosso Capitolo 13- slide 1 e all ingrosso Obiettivi di di apprendimento La distribuzione al dettaglio. Le decisioni di marketing dell impresa al dettaglio.

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie

La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie La ricerca del VALORE nelle aggregazioni tra farmacie Dott. Gianluca Strata Napoli - 7 febbraio 2010 Evoluzione delle Teorie del Valore Teorie classiche Il valore intrinseco di una cosa è la misura della

Dettagli

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business

Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Anteprima Estratta dall' Appunto di Trade e marketing e business Università : Università degli studi di Bologna Facoltà : Economia Indice di questo documento L' Appunto Le Domande d'esame e' un sito di

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

START CUP VENETO 2014 UNSTOPPABLE STARTUPPERS

START CUP VENETO 2014 UNSTOPPABLE STARTUPPERS START CUP VENETO 2014 STARTCUP BOOTCAMP Dall analisi del mercato alla stesura del piano di marketing: il prodotto, il prezzo, la distribuzione e la promozione ing. Davide Merlin AULA ARDUINO - DIP. DI

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela

Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Nuove soluzioni di Factoring e nuovi rapporti con la Clientela Intervento di Antonio De Martini Milano, 16 maggio 2006 Il vantaggio competitivo Principali elementi di soddisfazione: o Velocità e sicurezza

Dettagli

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente

Tecniche di Marketing. Parola chiave: Formula imprenditoriale. Formula imprenditoriale coerente Tecniche di Marketing Progetto F.I.S.I.Agri 7 e 13 dicembre 2007 Luisa Baldeschi Parola chiave: Formula imprenditoriale La formula imprenditoriale è il cuore della pianificazione strategica La coerenza

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009

Zurich Connect. Presentazione Partnership. Compagnia diretta di assicurazione. Maggio 2009 Zurich Connect Compagnia diretta di assicurazione Presentazione Partnership Maggio 2009 Contenuti della presentazione Presentazione del Gruppo Zurich Financial Services e di Zurich Connect in Italia Illustrazione

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO Distribuzione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

XMART per gestire il retail non food

XMART per gestire il retail non food XMART per gestire il retail non food Le aziende retail che oggi competono nei mercati specializzati, sono obbligati a gestire una complessità sempre maggiore; per questo, hanno bisogno di un valido strumento

Dettagli

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi)

I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) I processi di orientamento delle attività commerciali e di vendita dei prodotti finiti (beni o servizi) azienda/clienti circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari

Dettagli

Piano di marketing internazionale

Piano di marketing internazionale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO CORSO DI MARKETING INTERNAZIONALE anno accademico 2004/2005 ISSUE 6: Piano di marketing internazionale Prof. Mauro Cavallone Dott.ssa Chiara Zappella Materiale didattico

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

Le prestazioni della Supply Chain

Le prestazioni della Supply Chain Le prestazioni della Supply Chain L ottenimento dell adattamento strategico e la sua portata Le prestazioni della Supply Chain 1 Linea guida Le strategie Competitiva e della supply chain L ottenimento

Dettagli

Fasi di crescita. Chiara Casadio

Fasi di crescita. Chiara Casadio Fasi di crescita Chiara Casadio condizioni interne ed esterne Le strategie di crescita possono essere influenzate da condizioni interne ed esterne all impresa. Le condizioni esogene principali possono

Dettagli

I PROCESSI GESTITI DALLA FUNZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino

I PROCESSI GESTITI DALLA FUNZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di marketing Università di Urbino 2 I PROCESSI GESTITI DALLA FUNZIONE DI MARKETING 1 IL PROCESSO DI CREAZIONE DEL VALORE Finalità del marketing: la creazione di valore per il cliente e per l impresa. Le fasi del processo di creazione del

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali. Marco Roccabianca

Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali. Marco Roccabianca Natura ed evoluzione dei canali di marketing tradizionali e digitali Marco Roccabianca pagina 1 di 10 La scelta del canale di marketing Uno dei fattori critici di successo per la realizzazione ottimale

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Economia Aziendale. Il marketing

Economia Aziendale. Il marketing Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Economia Aziendale Il marketing Lezione n. 12 del 27 aprile 2016 Michele Di Marcantonio Bari

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

I processi di vendita

I processi di vendita circuiti sempre aperti: flussi fisico-tecnici (in uscita) flussi monetari-finanziari (in entrata) azienda/clienti I processi di vendita settore fisico-tecnico settore economico settore finanziario prodotti/servizi

Dettagli

Il prodotto e la distribuzione nel settore della moda AREA DI SPECIALIZZAZIONE TECNICO DEL COMMERCIO ESTERO Dotto Valentina Cl. 5^C tga Anno 2008/2009 MARKETING OPERATIVO Attività atte a realizzare le

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Segmentazione del mercato e scelta del target

Segmentazione del mercato e scelta del target Segmentazione del mercato e scelta del target 1 DEFINIZIONE DEL MERCATO: PROCESSO A PIU STADI LIVELLI DI SEGMENTAZIONE (Lambin): 1. Segmentazione strategica: identifica grandi settori di attività CORPORATE

Dettagli

Marketing Internazionale

Marketing Internazionale Marketing Internazionale Facoltà di Economia CdL in Economia e Gestione Aziendale II semestre A.A. 2008-2009 Il posizionamento nei mercati internazionali Posizionamento Dopo aver scelto il segmento l impresa

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 18 aprile 2007 Gli argomenti del primo corso PROPRIETA GOVERNO GESTIONE LE TEORIE

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: la gestione della produzione e la gestione finanziaria dott. Matteo Rossi Benevento, 21 gennaio 2008 La funzione produzione La produzione

Dettagli

Le strategie di marketing

Le strategie di marketing Stampa Le strategie di marketing admin in Professione Consulente Con l analisi di mercato è possibile mettere a punto i prodotti o servizi corrispondenti alle esigenze di ogni segmento di mercato. Essa

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

fornitore globale per la GDO

fornitore globale per la GDO fornitore globale per la GDO evision srl è specializzata in soluzioni software per le aziende della Grande Distribuzione (alimentare e non), per le piattaforme ortofrutticole e per le aziende manifatturiere.

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21(

/(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( /(',0(16,21,'(,&$1$/,',',675,%8=,21( Abbiamo visto, nel paragrafo precedente, quali sono le figure e le strutture che possono costituire i canali di vendita per l impresa produttrice di olio di oliva,

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 7 Le strategie dell internazionalizzazione: integrazione con il mercato estero La strategia di integrazione con il mercato estero L impresa

Dettagli

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore)

La Strategia di Marketing. Il Marketing operativo. Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) 6 La Strategia di Marketing Piano di Marketing scelte di lungo periodo per uno specifico prodotto (o settore) Il Marketing operativo Gli adeguamenti di breve periodo 1 La strategia di marketing (o MKTG

Dettagli

IL MARKETING. Materiale didattico di Andrea Maulini

IL MARKETING. Materiale didattico di Andrea Maulini IL MARKETING Materiale didattico di Andrea Maulini CHE COS E IL MARKETING? Non esiste una definizione univoca di marketing. In prima ipotesi, lo si può definire come STRUMENTO MEDIANTE IL QUALE SI REALIZZA

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Il sistema logistico integrato

Il sistema logistico integrato Il sistema logistico integrato Che cos è la logistica? Il concetto di logistica è spesso poco chiaro Per logistica, spesso, s intendono soltanto le attività di distribuzione fisica dei prodotti (trasporto

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

profilo aziendale sviluppo delle vendite ed il recupero di competitività e marginalità dei prodotti. approccio operativo e orientato ai risultati

profilo aziendale sviluppo delle vendite ed il recupero di competitività e marginalità dei prodotti. approccio operativo e orientato ai risultati profilo aziendale ROSTEAM è una società di consulenza direzionale nata nel 2004 su iniziativa di un team di professionisti con ampia visione delle problematiche inerenti lo sviluppo delle vendite ed il

Dettagli

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015

Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management. 04 giugno2015 Il Progetto «Freschi e Freschissimi» : una sfida (vinta) di Change Management 04 giugno2015 La COOP : Il Distretto Nord Ovest Il Sistema Coop si presenta come un insieme articolato di Cooperative e Consorzi

Dettagli

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014

La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience. ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 La centralità del Pricing per una gestione evoluta della Customer Experience ABI Dimensione Cliente 2014 Roma, 8 Aprile 2014 Agenda Il contesto di mercato La centralità del Pricing Come sfruttare le potenzialità

Dettagli