Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore)"

Transcript

1 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Obiettivi di apprendimento Utilizzare frazioni e numeri decimali per denotare uno stesso numero razionale in diversi modi, essendo consapevoli di vantaggi e svantaggi delle diverse rappresentazioni. Eseguire le operazioni con frazioni e numeri decimali essendo consapevoli di vantaggi e svantaggi nei vari casi. Imparare ad utilizzare in modo più consapevole la calcolatrice. Confrontare le varie modalità di scrittura dei numeri decimali (modello anglosassone e modello europeo) Comprendere il valore di un numero espresso in notazione esponenziale. Utilizzare il concetto di rapporto tra numeri o misure ed esprimerlo sia nella forma decimale sia mediante frazione. Comprendere l uso della percentuale e saperla calcolare utilizzando strategie diverse Avere una visione unitaria di numeri decimali, frazioni rapporti e percentuali Contenuti Attività Metodo Strumenti Durata (in ore) Le quattro operazioni con frazioni e con numeri decimali. Riflessione su vantaggi e svantaggi dell uso dell uno o dell altro tipo di numeri. Il problema dell approssima-zione. Uso delle frazioni nella vita di tutti i giorni Approssimazione. Diverse modalità di scrittura dei numeri razionali Storia dei numeri razionali. Il rapporto come: unità di misura, nuova grandezza, indice di comprensione. Ripartizione secondo un rapporto. La percentuale: un rapporto particolare Esecuzione delle quattro operazioni con: frazioni, numeri decimali approssimati ai decimi e numeri decimali approssimati ai centesimi. Confronto dei risultati e riflessione. Exchange: gli effetti dell approssimazione Numero di scarpa Giochiamo con la calcolatrice Rapporto tra lunghezza della mano e altezza della persona. I due chef. Il cambio della bicicletta. Schermi televisivi. Ripartire secondo un rapporto: il metodo del falegname. Quanto vale lo sconto 3x2? Diluizioni. La matematica dell alcool. I cocktail di matematica Lavoro in piccoli gruppi Lavoro di gruppo Lavoro individuale e/o in piccoli gruppi Lavoro individuale e discussione guidata Lavoro in piccoli gruppi Fogli, righelli, squadre, matita e calcolatrice Schede da compilare Valutazione degli obiettivi di apprendimento 3 Schede da consegnare, discussione collettiva e confronto sui risultati del lavoro Valutazione della competenza Discussione sui risultati del lavoro Richiesta di spiegare le proprietà scoperte durante il lavoro. Scheda e calcolatrici 1 Scheda da consegnare Richiesta di spiegare le scoperte fatte durante l esperienza Schede, carta, penna, righello, metro, biciclette piccole stecche di legno, seghetto per legno, colla a caldo 6 Schede da consegnare Richiesta di spiegare ciò che si è appreso durante l esperienza. Utilizzare quanto appreso per la realizzazione di parallelepipedi Schede di lavoro 2 Risoluzione di problemi Richiesta di spiegare ciò che si è appreso durante l esperienza. Schede di lavoro Succhi di frutta, cilindri graduati, caraffe 2 Schede da consegnare Realizzazione di cocktail analcolici

2 Sintesi dell attività NUMERI E FRAZIONI CONTIAMO, DIVIDIAMO, NUMERIAMO! Scuola secondaria di primo grado La sperimentazione relativa alla secondaria di primo grado è stata effettuata nelle classi seconde dell Istituto Comprensivo Petrarca di Montevarchi. Nelle varie classi si è lavorato con tempistiche diverse: in una classe gli argomenti sono stati affrontati in un laboratorio concentrato nei mesi di Aprile- Maggio 2014, mentre nelle altre, i vari argomenti sono stati diluiti nel corso di tutto il secondo quadrimestre. Il percorso ha preso l avvio con una sessione di brain storming, in cui agli alunni è stato richiesto di collegare a quattro contenitori ideali esempi di utilizzo di numeri decimali, rapporti, frazioni e percentuali, tratti dalla loro esperienza quotidiana. Già dall analisi dei dati raccolti è emerso che alcune delle proposte potevano essere classificate in più contenitori e gli alunni hanno iniziato a chiedersi se si trattasse veramente di cose diverse tra loro o se ci fosse qualcosa che le accomunava. Le attività successive, nella maggior parte dei casi, hanno preso spunto dalle proposte fatte dagli alunni. Durante tutto il percorso si sono alternate attività pratiche, guidate o meno, e attività di approfondimento e riflessione, svolte con l aiuto di schede preparate dalle insegnanti. In alcuni casi al termine delle attività, oltre alla discussione sui risultati ottenuti, sono state fornite agli alunni informazioni di carattere storico-culturale, che li hanno aiutati a comprendere l evoluzione della matematica nel corso dei secoli. La decisione di svolgere gran parte dei lavori in gruppo si è rivelata particolarmente vantaggiosa perché ha permesso a ciascun alunno di portare il proprio contributo. Sono state apprezzate soprattutto le attività pratiche, che hanno coinvolto tutti gli alunni. Anche coloro che presentano un rapporto conflittuale con la matematica, in questa occasione, sono riusciti ad ottenere con poco sforzo risultati gratificanti. Addirittura, nella parte finale della sperimentazione, sono stati gli alunni stessi ad organizzare attività matematiche su alcuni degli argomenti che avevano proposto durante il brain-storming. A conclusione della sperimentazione possiamo affermare che gli obiettivi di apprendimento previsti sono stati raggiunti per la maggior parte degli studenti e che l aspetto sicuramente più rilevante di tutta l esperienza è stato l entusiasmo con cui i ragazzi hanno partecipato e la facilità con cui sono riusciti a ricavare proprietà e regole generali che in seguito hanno imparato ad applicare anche in contesti diversi.

3 ATTIVITA PROPOSTE U N U S O I NS O S P E T T A T O D E L L E F R A Z I O NI P R O P O S T O S O T T O F O R M A D I G I A L L O S C H E R Z O S O IL GIALLO DEL PALLONE SCOMPARSO Nella spiaggia di SOLOVIP-DAQUESTEPARTI, la splendida giornata estiva viene interrotta da un orribile grido: AAAHHHHH! Dalla zona delle cabine ecco arrivare di corsa, con aria disperata, la Marchesa Ugolina De Soprani. Subito il personale dello stabilimento balneare le si fa incontro per chiedere informazioni sull accaduto. La Marchesa, piangendo, tra un singhiozzo e l altro, racconta che dalla sua cabina è stato sottratto un preziosissimo pallone fatto di un tessuto innovativo, appena inventato dal centro di ricerca spaziale di cui lei è una sostenitrice. Il pallone le era stato appena consegnato dal suo amico, il famosissimo ricercatore giapponese dott. Yoko Poco, in partenza per motivi personali, con la raccomandazione di custodirlo con cura fino al suo ritorno. Questo pallone è di valore inestimabile, perché è l unico prototipo esistente al mondo ed è destinato alla prima partita di football sul suolo lunare (evento assolutamente eccezionale, che tutto il mondo dei tifosi sportivi aspetta da tempo con grande trepidazione!). La Marchesa afferma di aver lasciato incustodita la propria cabina solo per 5 minuti, giusto il tempo di richiamare i figli che erano intenti a fare il bagno in mare. Al suo ritorno ha incrociato un uomo che stava andando in spiaggia e che proveniva dalla direzione delle cabine: purtroppo non lo ha visto in faccia e non si ricorda quale costume indossasse. La spiaggia è recintata e non ci sono possibilità di uscire, se non passando attraverso l ingresso dello stabilimento balneare, sotto gli occhi attenti e vigili del capo bagnino. Costui afferma subito che, nell ultima ora, nessuno è entrato o uscito dallo stabilimento. Quindi chi ha rubato il pallone è sicuramente ancora in spiaggia! Da un primo sopralluogo, dentro la cabina della Marchesa, viene trovato un paio di scarpe numero 42, sicuramente dimenticate dal ladro. Come fare per individuare il colpevole? Sherlokkino Holmes, curiosone di professione, nota una serie di impronte sulla sabbia che conducono a quattro signori seduti sotto i rispettivi ombrelloni. Subito misura la lunghezza delle orme e in un batter d occhio capisce chi è il colpevole. Osservando la tabella sottostante, sapresti dire a chi appartengono le scarpe? Sig.A Sig. B Sig. C Sig.D Lunghezza dell impronta 30 cm 28,5 cm 26,5 cm 24, 5 cm Se vuoi un aiuto capovolgi la pagina Il numero di scarpa nel sistema francese (quello che utilizziamo in Italia) si ottiene utilizzando la seguente espressione (lunghezza del piede in cm + 1,5) x 3 2 Ed ora prova a calcolare la lunghezza del tuo piede partendo al numero di scarpa! Rifletti su come puoi fare e confronta il risultato che hai trovato con la misura esatta del tuo piede Cosa noti? Confrontati con i tuoi compagni e prova a dare una spiegazione. (Per la misura delle scarpe da ginnastica spesso si usa il sistema americano, fai una ricerca per capire come funziona) *convertworld.com sito in cui si può far convertire le misure di scarpa dal sistema europeo a quello americano, inglese.. ecc.

4 Durante la discussione che ha seguito il lavoro alcuni alunni hanno fanno presente che non c era bisogno di misurare la lunghezza del piede, bastava misurare la lunghezza dell interno dell avambraccio, che dovrebbe corrispondere a quella del piede. Questo ci ha portato a parlare dei rapporti tra le varie parti del corpo e a introdurre il lavoro seguente R A P P O R T O T R A L U N G H E Z Z A D E L L A M A N O E D A L T E Z Z A D E L L A P E R S O NA Ricalca la tua mano su un foglio, facendo attenzione che anche il polso sia ben appoggiato sulla carta: misura la distanza tra l estremità del dito medio e l attaccatura del polso e poi la tua altezza. Calcola il rapporto tra le due misure. Confronta il tuo risultato con quello dei tuoi compagni. Come si può vedere tale rapporto risulta uguale circa a 1/10. Questo ci ha portato a parlare delle unità di misura antropomorfiche. Molte unità di misura del passato, prendevano come riferimento alcune lunghezze caratteristiche della mano, come la lunghezza di una spanna, del palmo o la distanza tra la punta del pollice e quella dell indice a mano aperta (in Calabria era detta miro ). Addirittura l unità di misura più utilizzata nell antichità era il cubito (l ulna, una delle due ossa dell avambraccio è chiamata anche cubito). La misura del cubito era di circa mezzo metro e corrispondeva alla lunghezza dell'avambraccio, a partire dal gomito fino alla punta del dito medio. Ancora oggi le unità di misura della lunghezza, nei paesi anglosassoni, fanno riferimento a parti del corpo umano: il pollice (inc, 1 in = 2,54 cm) e il piede (foot = 12 pollici, 1ft= 30,48 cm). MISURARE È QUINDI FARE UN RAPPORTO TRA UNA GRANDEZZA E L UNITÀ DI MISURA (nel caso del nostro esperimento l ALTEZZA di ciascuno e la lunghezza della sua MANO). Quando si parla di misure si ricorre all uso di numeri decimali, ma è sempre stato così? A questo punto abbiamo arricchito il percorso con qualche pillola di storia della matematica. I numeri decimali (in Europa) nascono alla fine del 1500 grazie all introduzione nel calcolo delle frazioni decimali e prima cosa si usava? Come è avvenuta l introduzione di questi nuovi numeri? [Le informazioni fornite agli alunni sono state ricavate da libri e siti riportati nella sito-bibliografia che si trova a fine documento]

5 G I O C H I A M O C O N L A C A L C O L A T R I C E Sapete già che i numeri decimali fanno parte dell insieme dei numeri razionali, cioè tutti quei numeri che si possono ottenere grazie ad una divisione. O RA LAVORE RE MO CO N LA C ALCO LATRICE Proviamo a fare alcune divisioni di numeri interi per vedere cosa ci dice questo magnifico strumento 4560: 24=.. tutti sappiamo che, se il dividendo è multiplo del divisore, si ottengono dei numeri Interi Ma i numeri interi si possono considerare dei numeri decimali? 190 si può scrivere anche come 190, Quindi i numeri interi sono dei numeri decimali con la parte decimale uguale a : 750=. Osserva il risultato scritto sulla calcolatrice, che tipo di numero è? Noti niente di strano? La calcolatrice usa il punto al posto della virgola!!! Perché? Come usiamo noi il punto nella scrittura dei numeri? C è qualcuno che scrive i numeri decimali in modo diverso dal nostro? Conosci altri modi strani per scrivere i numeri decimali? Per esempio se nella calcolatrice scrivi 12x0.56 o se scrivi 12x.56 ottieni lo stesso risultato o cambia qualcosa? Se osservi le vetrine dei negozi come sono scritti i prezzi? Sempre nel solito modo o in alcuni negozi i decimi ed i centesimi sono scritti in modo diverso? Come? (LA MATEMATICA CAMBIA CON LA SOCIETA. SI ADEGUA AI TEMPI?) 966:5697=. Osserva il risultato scritto sulla calcolatrice, che tipo di numero è? Noti niente di strano? Questo è solo un altro modo di scrivere i numeri decimali, si chiama notazione esponenziale. Questa scrittura significa = x 10-1 = x 1/10 = x0.1= :49= Osserva il risultato scritto sulla calcolatrice, che tipo di numero è? Noti niente di strano? Quello ottenuto è il risultato esatto della divisione? In base alle tue conoscenze che numero ti aspetteresti? 966:45=. Osserva il risultato scritto sulla calcolatrice, che tipo di numero è? Noti niente di strano? LA CALCOLATRICE APPROSSIMA! Tutte le calcolatrici hanno scritto lo stesso risultato? OK per lavorare con i numeri decimali spesso bisogna approssimare!

6 A D D I Z I O N E R I S O L V I L E S E G U E N T I O P E R A Z I O NI N E L M O D O I NDI C A T O, C O NFR O N T A E R I F L E T T I tra frazioni tra frazioni Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali FRAZIONE 2 3 =.. APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO FRAZIONE =. APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO.. SOMMA SOMMA Con la calcolatrice 2:3+1:12=. Con la calcolatrice 4 : 9 + :. S O T T R A Z I O N E tra frazioni tra frazioni Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali FRAZIONE 2 3 =. APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO FRAZIONE 2 =. APPROSSIMATO A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMATO A MENO DI UN CENTESIMO DIFFERENZA DIFFERENZA Con la calcolatrice Con la calcolatrice :3 + : 4. 14:25- :3.

7 M O L T I P L I C A Z I O N E tra frazioni tra frazioni Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali FRAZIONE. 9. APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO FRAZIONE. 3. APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO PRODOTTO PRODOTTO Con la calcolatrice Con la calcolatrice 5:9+18:25. ( : 3) ( : ) tra frazioni Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali FRAZIONE 2 =. APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO 3 3. PRODOTTO Con la calcolatrice ( : 49) (3 : 3 )..

8 D I V I S I O N E tra frazioni 2 :. Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali FRAZIONE... QUOZIENTE Con la calcolatrice APPROSSIMA A MENO APPROSSIMA A MENO DI DI UN DECIMO UN CENTESIMO ( : ):( : ). tra frazioni 2 : 3 3. Dopo aver trasformato le frazioni in numeri decimali RIFLETTI Quali operazioni si possono svolgere più facilmente con i numeri decimali? Quali con le frazioni? Se devo svolgere dei calcoli con la maggior precisione possibile, quale delle due modalità (frazioni o numeri decimali) devo preferire? Cosa puoi dire sull approssimazione? Dove si notano di più i suoi effetti? Dall attività emerge che la quasi totalità degli alunni ritiene che fare i calcoli con i numeri decimali sia molto più facile e veloce nel caso di addizioni e sottrazioni, mentre l uso di frazioni è preferito nel caso di moltiplicazioni e divisioni. Si sottolinea inoltre come, nel caso in cui si voglia un risultato molto preciso, convenga utilizzare le frazioni, anche perché spesso nel calcolo con i numeri decimali occorre ricorrere all approssimazione. A questo punto ci siamo chiesti: quali sono gli effetti dell approssimazione nel calcolo? Sarà più conveniente approssimare prima di calcolare o dopo aver calcolato il risultato? FRAZIONE APPROSSIMA A MENO DI UN DECIMO APPROSSIMA A MENO DI UN CENTESIMO Ecco che viene presentata agli alunni la scheda EXCHANGE con cui si cerca di stimolarli a trovare una risposta alle domande. QUOZIENTE Con la calcolatrice ( 4: 3): (4 : 39).

9 E XC H A N G E Se viaggerai dovrai fare i conti con il cambio. Supponiamo che tu debba cambiare euro in dollari. Il tasso di cambio odierno è di 1,3558. Cosa vuol dire? Che 1 euro oggi vale 1,3558 dollari. In realtà, bisogna tener conto del fatto che nelle monete non esistono né i millesimi, né i decimi di millesimo, e che quindi la cifra deve essere arrotondata, 1 euro vale 1,36 dollari. Se tu potessi *, sarebbe più conveniente cambiare tutti i dollari insieme o cambiarne uno per volta? (*ovviamente esistono le spese di cambio, per cui si paga per ogni operazione che si effettua). I D U E C H E F Se voglio confrontare due grandezze, posso procedere in due modi: calcolarne la DIFFERENZA mediante la sottrazione; calcolarne il RAPPORTO mediante la divisione. Per esempio La signora Prelibatesse, rinomato chef del ristorante Gran Gourmet di Nizza, guadagna euro al mese, mentre il signor Miscottoledita, cuoco del ristorante Il Ramaiolo di Montevarchi, guadagna euro al mese. Confronta i loro stipendi utilizzando sia la differenza che il rapporto. Quale dei due risultati ti fa comprendere con maggior chiarezza la disparità di trattamento economico?

10 SCHERMI TELEVISIVI Quando andiamo a comprare un televisore, un tablet, il monitor di un computer, tra le indicazioni che troviamo ci sono il numero di pollici ed i formati con cui possiamo visualizzare l immagine. Secondo te cosa significano questi dati? Nel disegno sotto rappresenta come viene misurata, secondo te, la grandezza dello schermo televisivo La visione, nei televisori a schermo piatto di ultima generazione, può essere impostata con vari formati per es. 4:3 o 16:9. Questi numeri rappresentano il rapporto tra le dimensioni della base e quella dell altezza dello schermo. Prova a disegnare sotto le due tipologie di schermo cercando di mantenere l altezza costante. Calcola di quanto aumenta, in percentuale, la superficie di uno schermo 16:9, rispetto ad uno 4:3 a parità di altezza. Ma quali saranno le dimensioni di un televisore di 16 pollici? E di uno di 23? I due numeri 16 e 9 indicano la proporzione tra le dimensioni di base b e altezza h del rettangolo in cui vengono visualizzate le immagini. Se la base è di 16 centimetri, l altezza sarà di 9 centimetri. Ovviamente queste dimensioni aumentano se lo schermo è più grande, ma rimangono sempre proporzionali ai valori 16 (per il lato orizzontale) e 9 (per il lato verticale). Per indicare in modo rapido la dimensione di uno schermo televisivo o di un monitor, si usa fornire la misura della diagonale d, espressa in pollici. A partire dalla diagonale è possibile

11 avere una idea della grandezza complessiva dello schermo, grazie alla sua forma rettangolare e alla proporzione fissa tra la base e l altezza. Ma come si calcolano questi valori? Come si ottiene la dimensione reale della superficie di visualizzazione di un televisore widescreen? La prima cosa da fare è convertire la misura della diagonale da pollici a centimetri (ti ricordo che 1in=2,54 cm). Prova a calcolare prima la diagonale di un ipotetico televisore con la base di 19 cm e l altezza di 9 cm. Pitagora ti può aiutare!!! A questo punto potresti ricorrere all aiuto delle proporzioni? R I P A R T I R E S E C O ND O U N R A P P O R T O Abbiamo già detto che fino al 1600 circa non esistevano i numeri decimali, ma come potevano gli artigiani dividere in modo preciso un oggetto? Usavano il METODO DEL FALEGNAME: Se dobbiamo dividere un asse di legno in parti che stiano tra loro in rapporto di 2:5 basta usare quello che si chiama metodo del falegname (basato sul teorema di Talete) Occorre disegnare una semiretta a piacere che origina da un estremo dell asse. Su questa occorre riportare, a partire dall origine della semiretta, un segmento a piacere (preso come unità di riferimento) tante volte quante sono quelle indicate dal rapporto [nel nostro caso 2+5=7] A questo punto occorre unire l estremo dell ultimo segmento con l estremità dell asse. Si ottiene così un segmento che ci servirà come riferimento perché dovremo condurre dal secondo punto individuato sulla semiretta una parallela a questo. Quest ultimo segmento individua sull asse il punto in cui occorre effettuare il taglio.

12 Dopo aver letto con attenzione la scheda precedente abbiamo deciso di trasformare l aula in una falegnameria e di costruire dei solidi partendo da semplici stecche di legno. Ciascuna stecca doveva essere ripartita in tre parti in rapporto di 1:2:3 Una volta tagliati i bastoncini i ragazzi li hanno assemblati per costruire l intelaiatura di parallelepipedi Ciò che li ha sorpresi è che nonostante i vari gruppi avessero usato tutti pezzi della stessa lunghezza i parallelepipedi costruiti differivano tra loro! Inoltre, quando hanno provato a costruire un cubo, utilizzando pezzi ricavati da una stecca avanzata, si sono resi conto che, pur avendo usato pezzi tutti uguali, in realtà avevano ottenuto di nuovo un parallelepipedo! Questo è stato lo spunto per una discussione che li ha portati a scoprire gli accorgimenti che devono essere adottati per tali costruzioni: per esempio il taglio a 45 delle estremità delle stecche.

13 I L C A M BI O D E L L A BI C I C L E T T A Questa attività è stata proposta e realizzata da alcuni alunni. I ragazzi hanno portato due biciclette a scuola e, dopo aver spiegato ai compagni come è fatto il sistema di trasmissione del movimento dai pedali alla ruota posteriore, hanno realizzato la seguente attività. Hanno contato il numero dei denti presenti nelle ruote dentate delle corone (o moltipliche, montate sul pedale ) e dei pignoni (montati sul mozzo della ruota posteriore) di ciascuna bicicletta. Hanno misurato il diametro delle ruote e calcolato la lunghezza della loro circonferenza, corrispondente alla lunghezza del battistrada della ruota e quindi allo spazio percorso dalla bici ad ogni giro delle ruote. A questo punto hanno preso in considerazione tutte le possibili combinazioni che si possono ottenere spostando la catena di trasmissione della bicicletta sulle varie ruote dentate anteriori e posteriori. Anche se hanno precisato che non è consigliabile combinare corona grande con pignone grande o corona piccola con pignone piccolo perché altrimenti la catena non sarebbe più parallela all asse della bici e quindi verrebbe sottoposta ad una tensione eccessiva, con il rischio di spezzarsi. Calcolando il rapporto tra il numero di denti della corona e quello del pignone, nei vari casi, e moltiplicando i risultati per la circonferenza della ruota hanno ottenuto lo spazio percorso dalla bicicletta con una pedalata. Poi con un metro a fettuccia hanno controllato l esattezza dei loro calcoli. Dall attività è emerso che maggiore è il rapporto, maggiore è la distanza percorsa e più grande è la forza richiesta per far muovere la bici (i ciclisti dicono che il rapporto è più duro).

14 Q U A NTO V A L E L O S C O NTO 3 X2? Molto spesso nei supermercati alcuni prodotti vengono venduti con uno sconto 3x2. Ma a quanto corrisponde in realtà? Semplice se il costo di un prodotto è 100 euro, è come se spendessi 200 euro per comprare 3 prodotti. Quindi il costo di ciascun pezzo è 3 euro Quindi lo sconto è del 33 3 %. Addirittura nelle offerte 1+1 (prendi 2 e paghi 1) lo sconto è del 50%. Ma allora come fanno i venditori a guadagnarci? Attenti molte volte il prezzo degli articoli messi in offerta è stato appositamente rialzato prima dello sconto. Quindi OCCHIO! L A M A T E M A T I C A D E L L ALC O O L L alcool etilico (o etanolo) detto anche alcool alimentare è presente in varia concentrazione nelle bevande alcoliche e deriva dalla fermentazione degli zuccheri contenuti nella frutta (uva per il vino, mele per il sidro, ecc.) o dalla fermentazione degli amidi di cui sono ricchi i cereali (per esempio il malto per la birra) e i tuberi. L alcool ha un valore energetico pari a 7 kcal per grammo. L ingestione di alcool provoca numerosi effetti nel nostro organismo. Essendo una molecola piccola, l alcool non ha bisogno di essere digerito e viene assorbito subito dallo stomaco, diffondendosi in tutto l organismo. Attraverso il sangue raggiunge velocemente il cervello e influenza il funzionamento del sistema nervoso. Gli effetti variano in base alla dose di alcool ingerita, alla concentrazione alcolica della bevanda e al fatto che venga ingerito a stomaco vuoto oppure durante i pasti. Contano anche le differenze di sesso, il peso corporeo e lo stato di salute. L eliminazione dell alcool avviene attraverso il fegato che lo trasforma in altre sostanze grazie all azione di alcuni enzimi. In un ora è in grado di trasformare un grammo di alcool puro, per ogni 10 kilogrammi di peso corporeo. In realtà nelle donne e in alcuni individui questa capacità è ridotta, per cui sono maggiormente vulnerabili all alcool. Nonostante la maggior parte di alcool ingerito (90-98%) venga rimossa dal fegato, una piccola parte (2-10%) viene eliminata inalterata attraverso i polmoni, l urina, il sudore, le lacrime e il latte materno. Tale sistema viene utilizzato per i test (palloncino) che misurano la quantità di alcool presente nel sangue (alcolemia). Vediamo quali sono gli effetti sull uomo in relazione alla diversa concentrazione di alcol nel sangue TASSO ALCOLEMICO g/l EFFETTI 0,1-0,2 iniziale sensazione di ebbrezza con affievolimento del livello di attenzione e controllo 0,3-0,4 sensazione di ebbrezza e diminuzione delle inibizioni, accompagnate da nausea, riduzione del coordinamento motorio e del livello di attenzione 0,5-0,8 stato di ebbrezza, cambiamento di umore, nausea, sonnolenza, stato di eccitazione emotiva che comportano minor capacità di giudizio, riflessi rallentati e vomito 0,9-1,5 stato di ebbrezza, umore alterato, confusione, disorientamento con conseguente riduzione dell autocontrollo, alterazione dell equilibrio, linguaggio male articolato e vomito 1,6-3,0 Stato di ubriachezza:stordimento, aggressività, stato depressivo con grave alterazione dello stato psicofisico, stato di inerzia generale, ipotermia e vomito 3,1-4,0 stato di incoscienza accompagnato da allucinazioni, riflessi annullati, coma e possibilità di morte per soffocamento da vomito oltre 4 problemi respiratori, sensazione di soffocamento con conseguente battito cardiaco rallentato, coma e possibile morte per arresto cardiaco

15 Per il codice della strada la guida in stato di ebbrezza è un reato. Il codice prevede che per guidare un autoveicolo il livello di alcolemia deve essere zero, per i giovani che hanno meno di 21 anni o le persone che hanno la patente da meno di 3 anni, mentre per tutti gli altri il tasso alcolemico deve essere inferiore a 0,5. Come si può calcolare il tasso di alcool nel sangue di una persona? Basta una semplice formula: à ( ) ( ) ( ) ( ( )) Il fattore di Widmark vale 0,73 per gli uomini e 0,66 per le donne. Come si può calcolare la quantità di alcool in una bevanda? Nelle etichette degli alcolici (sia che si tratti di birra, vino o superalcolici) è riportata la gradazione alcolica in % di volume (ml di alcool presenti in 100 ml di bevanda). Basta moltiplicarla per la quantità che ci interessa e si ottiene il volume di alcool. Per trasformarlo in peso, occorre moltiplicare il tutto per il peso specifico dell alcool che è di 0,79 Ricordiamoci che: 9 BEVANDA QUANTITÀ GRADO ALCOLICO % Lattina o bottiglia di birra leggera 330 ml 5 Bottiglia di birra doppio malto 330 ml 8 Bicchiere di vino 125 ml 11 Bicchiere di vino liquoroso 125 ml 16 Bicchierino di superalcolico 40 ml 40 Come calcolare quanto tempo impiega una persona a eliminare l alcool dal proprio organismo. ( ) ( ): Ora prova tu 1. Qual è la concentrazione di alcool nel sangue delle seguenti persone? Una donna di 54 kg che ha bevuto due bicchieri di vino nell arco di poco tempo. Un uomo di 70 kg che ha bevuto due bottiglie di birra doppio malto nell arco di poco tempo Una donna di 60 kg che ha bevuto due bicchierini di superalcolico nell arco di poco tempo 2. Il signore e la signora Sbronzetti (rispettivamente di 75kg e 64 kg), hanno bevuto metà bottiglia di vino (da 75 cl) per ciascuno. Quanto tempo impiegherà ciascuno ad eliminare l alcool dal proprio organismo?

16 C O C KT A I L D I M A T E M A T I C A Agli alunni, divisi in piccoli gruppi, sono state fornite schede con ricette per realizzare cocktail analcolici. Garibaldi 3/10 di Bitter o Ginger 7/10 di succo d arancia Caipiroska analcolica alla fragola 1 lime 30g di zucchero di canna 50 g di fragole 50 ml di acqua tonica o Sprite Colpo di fulmine 15% succo di limone 25% succo di arancia 15% succo di fragola 10% succo di ananas 10% zucchero liquido 25% acqua tonica o soda Lucky 35% Succo di pompelmo 35% Succo di mandarino 5% Sciroppo di frutti di bosco 20 % Acqua tonica o soda 5% Sciroppo di zucchero Fragolemon Fragola: Bitter: limone: soda In rapporto 3 : 2 : 1 : 3 Virgin Bellini pesca: limone: soda: sciroppo di zucchero in rapporto 4 : 2: 4: 1 Smeraldo 8cl succo di mela verde 4 cl sciroppo di sambuco 3 cl succo di limone 5 cl acqua tonica o soda Virgin colada 4 cl di succo di arancia 6 cl succo di ananas 2cl latte di cocco 2-3 fragole e tocchetti di ananas Rosso sambuco 1/5 Fragola 1/10 sciroppo di sambuco 3/10 limone 2/5 acqua tonica Virgin mojito 15 cl Soda 1/2 frutto Lime 2 cucchiaini Zucchero di canna 5-6 foglie di Menta

17 Come si può vedere le quantità degli ingredienti sono espresse in modo diverso: ci sono frazioni, rapporti, percentuali e misure decimali. Per prima cosa gli aspiranti barman dovevano calcolare per ogni ingrediente la quantità necessaria per preparare mezzo litro di cocktail, dopo di che dovevano procurarsi il necessario e preparare i cocktail. Inoltre ciascun gruppo doveva inventare un cocktail, dargli un nome, scrivere la ricetta e realizzarlo. L esperienza si è conclusa con l assaggio e la proclamazione del cocktail vincitore tra quelli di nuova invenzione: Il COLPO DI FRUTTA

18 Il materiale utilizzato per la realizzazione del progetto in parte è inventato e in parte ha preso spunto dai seguenti testi e siti internet. BIBLIOGRAFIA La matematica degli Egizi- I papiri matematici del nuovo regno,a. Cartocci, Firenze University Press,2007 Storia della matematica, Carl B. Boyer, Oscar Mondadori, 2013 La Matematica Numeri A e B- Emma Castelnuovo, La Nuova Italia,2005 Matematica a Sorpresa- Aritmetica 2- A. Gorini, Principato Ed., 2011 Matematica intorno a te- Numeri 2- Zarattini et al., Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, 2010 Matematica in azione- Vol C Aritmetica, Arpinati, Musiani, Zanichelli,2011 Contaci! Numeri, relazioni, dati- vol 1 e 2, C. Bertinetto et al., Zanichelli, 2012 Matematica in volo Aritmetica B, Colosio Giliani, Editrice La scuola,2009 SITOGRAFIA Le frazioni Cenni storici sui numeri decimali Appunti scienze della formazione Parenti Scienze della Formazione Primaria Modulo Matematica I - A.A. 2008/2009 Docente L. Parenti Lettura: la scrittura delle frazioni nella storia, confronto con i nostri metodi Argomento: numeri decimali e scrittura dei numeri Lezione 16: 28/04/03 NUMERI DECIMALI E MISURE VERBALE (a cura di Carla Ivaldi, Claudia Celentano e Maria A. Mazzotta) Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria A.A. 2011/12 Corso di Matematica I modulo Docente Parenti Laura

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza

Opuscolo. Informativo/Formativo. Alcol e Alcoldipendenza N Prot. Sicurezza sul Lavoro Opuscolo Informativo/Formativo per i Lavoratori della Scuola Alcol e Alcoldipendenza Salute e Benessere La salute ed il benessere sono elementi essenziali per lo sviluppo personale,

Dettagli

Un modo semplice, intuitivo e immediato per la stima del tasso alcolemico: il metodo Dosi di Giancarlo Dosi 1

Un modo semplice, intuitivo e immediato per la stima del tasso alcolemico: il metodo Dosi di Giancarlo Dosi 1 Un modo semplice, intuitivo e immediato per la stima del tasso alcolemico: il metodo Dosi di Giancarlo Dosi 1 Le formule attualmente disponibili per calcolare il tasso alcolemico sono particolarmente complesse

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Seconda Spazio per

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina

SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA. Emidio Tribulato. Centro studi LOGOS - Messina SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA Emidio Tribulato Centro studi LOGOS - Messina 1 Emidio Tribulato SCHEDE PROGRAMMATE PER L APPRENDIMENTO DELLA MATEMATICA C 2010- Tutti i diritti

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE

TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE TUTTO (O QUASI) QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER BERE IN MODO CONSAPEVOLE A cura di: Kashem Lubaba Omerovic Ismeta Omerovic Ramayana III A Anno Scolastico 2009 2010 LE BEVANDE ALCOLICHE L alcool è l ingrediente

Dettagli

Esempi di didattica laboratoriale

Esempi di didattica laboratoriale Esempi di didattica laboratoriale Il curricolo di matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado Abbiamo visto che I nostri allievi non sanno applicare le abilità apprese a scuola ad un contesto

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

INVALSI. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca X MATEMATICA_COP_Layout 1 15/03/11 08:51 Pagina 2 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca INVALSI Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione

Dettagli

Oggi scelgo di...bere sano

Oggi scelgo di...bere sano Oggi scelgo di...bere sano LO SAPEVI CHE.. È arrivato il drink Coke Malibù detto anche Malibù e Cola, che toglierà il Sex on the Beach dall Olimpo dei cocktail. Infatti sono i due drinks più richiesti,

Dettagli

MODULO 2 NUMERI DECIMALI E FRAZIONI

MODULO 2 NUMERI DECIMALI E FRAZIONI MODULO 2 NUMERI DECIMALI E FRAZIONI Questo modulo si articola in due sottomoduli: Sottomodulo 2/1: Numeri decimali. Sottomodulo 2/2: Frazioni e percentuali. Ad esso saranno dedicate 3 lezioni, pari a 6

Dettagli

Prova di Matematica. www.matematicamente.it Prove Invalsi Secondaria di primo grado classe III 2009-2010

Prova di Matematica. www.matematicamente.it Prove Invalsi Secondaria di primo grado classe III 2009-2010 Prova di Matematica D. Su una confezione di succo di frutta da 250 ml trovi le seguenti informazioni nutrizionali: INFORMAZIONI NUTRIZIONALI Valori medi per 00 ml Valore energetico 54 Kcal 228 kj Proteine

Dettagli

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura Le grandezze fisiche Per studiare la composizione e la struttura della materia e le sue trasformazioni, la chimica e le altre scienze sperimentali si basano sulle grandezze fisiche, cioè su proprietà che

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo?

Alcol: ma quanto ce n'è in quello che bevo? www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi Alcol: ma quanto

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE.

ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI È OBBLIGATORIO DOTARSI DI ETILOMETRO O PRECURSORE. VADEMECUM ALCOOL DEF:Layout 1 15/02/11 10:57 Pagina 1 Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici Polizia di Stato ISTRUZIONI PER L USO...NON PER L ABUSO! DAL 13 NOVEMBRE 2010 PER MOLTI LOCALI

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA

Sistemi di misura. Enti geometrici fondamentali GEOMETRIA Sistemi di misura Enti geometrici fondamentali GEOMETRI SISTEMI DI MISUR Si dice grandezza tutto ciò che si può misurare, Es: la durata di una lezione di matematica, il peso di un ragazzo, la lunghezza

Dettagli

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11

SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 SERVIZIO NAZIONALE DI VALUTAZIONE 2010 11 Rapporto tecnico sulle caratteristiche delle prove INVALSI 2011 Scuola secondaria di secondo grado classe II MATEMATICA Domanda D1 item a D1. Nella tabella che

Dettagli

Simulazione della Prova Nazionale. Matematica

Simulazione della Prova Nazionale. Matematica VERSO LA PROVA nazionale scuola secondaria di primo grado Simulazione della Prova Nazionale Invalsi di Matematica 8 marzo 011 Scuola..................................................................................................................................................

Dettagli

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^

Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria CLASSE 1^ Curricolo verticale MATEMATICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara CLASSE 1^ NUCLEI TEMATICI ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUMERI Tecniche e procedure

Dettagli

Vince il più piccolo. Contenuti

Vince il più piccolo. Contenuti Vince il più piccolo Livello scolare: 4 a classe Competenze interessate Contenuti Nuclei coinvolti Collegamenti esterni Comprendere il significato e l uso dello zero e della virgola. Comprendere il significato

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Benjamin Per studenti di prima o seconda media. I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 9-14-.qxd 22/02/2004 16.53 Pagina 10 Kangourou Italia Gara del 18 marzo 2004 Categoria Per studenti di prima o seconda media I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. (10 x 100) x (20 x 80)

Dettagli

CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL

CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL CONSUMO E DANNI POTENZIALI DERIVANTI DALL ALCOOL Centro Sperimentale per l Educazione Sanitaria - Perugia 1 Definizione: le caratteristiche della sostanza alcool Le bevande alcooliche sono composte principalmente

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

La misura. La misura di una grandezza varia al variare del campione scelto. Misurare una grandezza vuole dire stabilire quante volte la grandezza

La misura. La misura di una grandezza varia al variare del campione scelto. Misurare una grandezza vuole dire stabilire quante volte la grandezza 1 La misura Per misurare una grandezza si procede come segue: (1) Si sceglie una grandezza campione omogenea alla grandezza da misurare (2) Si vede quante volte la grandezza da misurare contiene la grandezza

Dettagli

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011)

TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) TEST INVALSI DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDE (a.s. 2010-2011) D1. Nella tabella che vedi sono riportati i dati relativi alla distribuzione di alunni e insegnanti nella scuola secondaria di primo grado

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

LA FINESTRA DI EXCEL

LA FINESTRA DI EXCEL 1 LA FINESTRA DI EXCEL Barra di formattazione Barra degli strumenti standard Barra del titolo Barra del menu Intestazione di colonna Contenuto della cella attiva Barra della formula Indirizzo della cella

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Apprendere al volo con il metodo analogico!

Apprendere al volo con il metodo analogico! Chiavari, 16 novembre 2013 Apprendere al volo con il metodo analogico! dott.ssa Zara Mehrnoosh pedagogista e vicepresidente O.S.Dislessia ONLUS Il 20% circa degli studenti incontrano difficoltà nella matematica

Dettagli

Prof. F. Rota 2002-2003 ISS Romero Albino (Bg) Materiale di supporto alle lezioni ERRORI NELLE MISURE ERRORI NELLE MISURE

Prof. F. Rota 2002-2003 ISS Romero Albino (Bg) Materiale di supporto alle lezioni ERRORI NELLE MISURE ERRORI NELLE MISURE LA MATEMATICA E LA FISICA Sia la matematica che la fisica hanno a che fare con i numeri. Non lo fanno però allo stesso modo. Se pensiamo, per esempio, all'espressione 1 1 5 ( + ) 1 2 3 il risultato vale

Dettagli

Strette di mano. Iniziamo con un problema in tema! Quante strette di mano diverse si possono scambiare gli studenti di una classe?

Strette di mano. Iniziamo con un problema in tema! Quante strette di mano diverse si possono scambiare gli studenti di una classe? Strette di mano Stringersi la mano serve per presentarsi e anche per dimostrare la propria amicizia. Nelle prossime pagine ti proponiamo occasioni per stringere la mano ai tuoi compagni e all insegnante

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI DI ECONOMIA AZIENDALE e INFORMATICA DI BASE ISTVAS Ancona Indirizzo: RAGIONIERI Proff.

Dettagli

La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, che definisce quante volte un compreso nella grandezza da misurare. CAMPIONE prestabilito

La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, che definisce quante volte un compreso nella grandezza da misurare. CAMPIONE prestabilito CLASSI PRIME MISURA E UNITA DI MISURA La MISURA di una grandezza è espressa da un NUMERO, 1-2-5-10-0,001-1.000.000001-1 000 000 che definisce quante volte un CAMPIONE prestabilito è compreso nella grandezza

Dettagli

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti.

MATEMATICA CLASSE SECONDA OBIETTIVI OPERATIVI. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Conoscere il numero nei suoi vari aspetti. MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA

INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA INTORNO AL CUBO PER CLASSI III, IV E V DI SCUOLA PRIMARIA Anno scolastico 2012/2013 1 Indice Componenti del gruppo di lavoro pag. 2 Premessa pag. 3 Descrizione dell'attività di laboratorio pag. 4 Verifica

Dettagli

Unità Didattica CAFFE ESPRESSO

Unità Didattica CAFFE ESPRESSO Provincia di Milano Assessorato all Istruzione Centro COME Cooperativa Farsi Prossimo PROGETTO NON UNO DI MENO Laboratori ELLEDUE Materiali didattici prodotti nel corso della sperimentazione 2007/2008

Dettagli

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi

Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Valutazione del rischio Alcol dipendenza Allegato al Documento di Valutazione dei rischi Euservice s.r.l. - Largo Principessa Brancaccio, 2-00027 Roviano (RM)- info@euservice.it 81@euservice.it www.euservice.it

Dettagli

Master in Didattica delle scienze per insegnanti delle scuole medie ed elementari Università di Genova

Master in Didattica delle scienze per insegnanti delle scuole medie ed elementari Università di Genova Master in Didattica delle scienze per insegnanti delle scuole medie ed elementari Università di Genova La proporzionalità: un possibile itinerario didattico dalla scuola dell infanzia alla fine della scuola

Dettagli

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI

della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI A. Messineo P. Abetti T. Antoniozzi S. Villarini A. Imperatore A B C della SICUREZZA contro l abuso di ALCOL e STUPEFACENTI Manuale ad uso dei lavoratori ai sensi dell art. 36 del D.Lgs. 9 aprile 2008

Dettagli

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti

Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti Didattiche disciplinari integrate SSIS A.A. 2008/2009 Modulo di Matematica Docente L. Parenti SCHEDE DI LAVORO La seguente rassegna di esempi deve essere analizzata nella duplice chiave di lettura: - aspetti

Dettagli

ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125

ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125 ARCAT Liguria Associazione Regionale dei Club degli Alcolisti in Trattamento chiama lo: 010 2512125 Un uomo di 70kg può raggiungere il limite legale già con: oppure oppure Una donna di 55kg può raggiungere

Dettagli

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015

Programmazione didattica classe 1A Schilpario, Anno Scolastico: 2014/2015 METODOLOGIA DIDATTICA E STRUMENTI Le lezioni teoriche vengono sviluppate a partire da momenti pratici e di osservazione di fenomeni. I principi teorici verranno quindi o presentati dall insegnate o ricavati

Dettagli

Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa.

Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa. Si può risolvere? Leggi attentamente, esegui i calcoli a mente, rispondi e completa. I canarini Luca, che è un appassionato allevatore di canarini, compra, alla fiera di Borgopennuto, 4 canarini gialli.

Dettagli

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Carlo Romanelli (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Introduzione Tematica: Costruzione, entro un budget assegnato, di un preventivo per le proprie

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 1

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 1 PROVA DI MATEMATICA - Scuola Secondaria di II grado - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola secondaria di II grado Classe Seconda Fascicolo

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

CONSEGUENZA PROPORZIONI

CONSEGUENZA PROPORZIONI Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA CONSEGUENZA PROPORZIONI PROBLEMI DEL TRE SEMPLICE Le conoscenze acquisite sui rapporti e sulle proporzioni possono essere applicate

Dettagli

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura.

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. L A 145 ATTIVITÀ 1 Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. Il tuo libro di scienze; strumenti di misura e non di misura forniti dal tuo insegnante. Osserva il tuo libro di scienze

Dettagli

HERBALIFE UNA GIOIA DA VIVERE RICETTE. Ricette per Shake con la Formula 1

HERBALIFE UNA GIOIA DA VIVERE RICETTE. Ricette per Shake con la Formula 1 HERBALIFE UNA GIOIA DA VIVERE RICETTE CONSIGLI PER UN BUON FRULLATO Il frullato è il tuo pasto quindi deve essere buono, variato, fatto con la stessa cura con cui prepari o scegli il tuo pasto: PROCURATI,

Dettagli

Dida%ca Speciale per l insegnamento dell aritme4ca. Giampaolo Chiappini - Is4tuto per le Tecnologie Dida%che - CNR

Dida%ca Speciale per l insegnamento dell aritme4ca. Giampaolo Chiappini - Is4tuto per le Tecnologie Dida%che - CNR Dida%ca Speciale per l insegnamento dell aritme4ca Giampaolo Chiappini - Is4tuto per le Tecnologie Dida%che - CNR Apprendimento in campo aritmetico Problema di Aritmetica Pratica Sei bottiglie di succo

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno

I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno Kangourou Italia Gara del 19 marzo 2015 Categoria Cadet Per studenti di terza della scuola secondaria di primo grado e prima della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti

Dettagli

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA L.S. GALILEO GALILEI SELVAZZANO (PD) TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA Nome e cognome:. classe : data :. Obiettivi: sondare alcune conoscenze in ambito matematico-fisico utili allo svolgimento del

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 5

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA. Scuola secondaria di II grado. Classe Seconda Fascicolo 5 Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2012 2013 PROVA DI MATEMATICA Scuola secondaria di II grado Classe Seconda Fascicolo 5 Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI Troverai nel fascicolo

Dettagli

Indice. Imparare a imparare

Indice. Imparare a imparare Indice Imparare a imparare Perché fai una cosa? 8 Attività 1 Il termometro della motivazione 8 Attività 2 Quantità o qualità? 9 Attività 3 Tante motivazioni per una sola azione 10 Organizzare il tempo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Un mondo di problemi

Un mondo di problemi Un mondo di problemi Progetto in rete Istituti scolastici afferenti: I.C. "San Leone IX " Sessa Aurunca, I.C. "Caio Lucilio" Sessa Aurunca, I.C. "Serao-Fermi" Cellole, I.C. Roccamonfina/Galluccio Roccamonfina

Dettagli

La misura. Rita Fazzello

La misura. Rita Fazzello 1 Il significato di misura In questa unità riprenderemo le nozioni riguardanti le grandezze e le loro misure, che certamente ricorderai dalla scuola primaria. Il termine grandezza indica tutto ciò che

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Attività PQM matematica 2012/13: Diario di bordo del tutor

Attività PQM matematica 2012/13: Diario di bordo del tutor Attività PQM matematica 2012/13: Diario di bordo del tutor Scheda n 1 iniziale Tutor di istituto:prof.ssa Mezzina Lucia Data 4.04.2013 Classe 12 alunni della classe III^ B Ambito: Relazioni e funzioni

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

Parte Seconda La Misura

Parte Seconda La Misura Il procedimento di misura è uno dei procedimenti fondamentali della conoscenza scientifica in quanto consente di descrivere quantitativamente una proprietà di un oggetto o una caratteristica di un fenomeno.

Dettagli

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI MATEMATICA. Scuola... Classe... Alunno...

VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI MATEMATICA. Scuola... Classe... Alunno... VERSO L ESAME DI STATO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROVA DI MATEMATICA Scuola..........................................................................................................................................

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli

Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2013 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado

Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2013 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado Kangourou Italia Gara del 21 marzo 2013 Categoria Junior Per studenti di seconda e terza della secondaria di secondo grado I quesiti dal N. 1 al N. 10 valgono 3 punti ciascuno 1. Il numero 200013 2013

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA).

PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA). Grandezze Fisiche PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA). Il MOVIMENTO è collegato allo SPAZIO. Le misure nello SPAZIO

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015

SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SCHEDA DI PROGETTAZIONE Rete Scuola on the road ANNO SCOLASTICO 2014-2015 I^ PARTE UDA TITOLO (per alunni) TITOLO (per docenti) PERSONE E AMBITI COINVOLTI MOTIVAZIONE L acqua si trasforma? Gli Stati della

Dettagli

A colpo d occhio Giocando con le stime e le misure

A colpo d occhio Giocando con le stime e le misure A colpo d occhio Giocando con le stime e le misure Antonella Declich e Giuliana Pellegrini * Introduzione Nella scuola primaria, l insegnamento della misura ha come fine la capacità di riconoscere le caratteristiche

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

ESAME DI STATO PROVA NAZIONALE

ESAME DI STATO PROVA NAZIONALE Ministero della Pubblica Istruzione ESAME DI STATO Anno Scolastico 2007 2008 PROVA NAZIONALE Scuola Secondaria di I grado Classe Terza Classe:.. Studente:. Fascicolo 1 Istituto Nazionale per la Valutazione

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2014/15 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola primaria I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito Numero di

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

0, 25 si legge 25 centesimi

0, 25 si legge 25 centesimi NUMERI DECIMALI Pagine: 2 Definizione 3 Addizione 4 Lettura e scrittura 5 Millesimi di euro 6 A coin game 7 Compilare un bollettino di conto corrente postale Tra i test di entrata al corso di licenza media

Dettagli

BATMAN COCKTAIL BORA BORA. Succo di arancia 18 cl Sciroppo di granatina 1 cl. Decorazione Spicchio di arancia Ciliegia cocktail

BATMAN COCKTAIL BORA BORA. Succo di arancia 18 cl Sciroppo di granatina 1 cl. Decorazione Spicchio di arancia Ciliegia cocktail BATMAN COCKTAIL Succo di arancia 18 cl Sciroppo di granatina 1 cl Spicchio di arancia Ciliegia cocktail Riempire il bicchiere con ghiaccio. Versare tutto nel bicchiere. Mescolare delicatamente. Decorare

Dettagli

Le curve ellittiche sono un gioiello della matematica. Sono state studiate per secoli per la loro bellezza e importanza.

Le curve ellittiche sono un gioiello della matematica. Sono state studiate per secoli per la loro bellezza e importanza. Come fare soldi con le curve ellittiche L. Göttsche Le curve ellittiche sono un gioiello della matematica. Sono state studiate per secoli per la loro bellezza e importanza. È difficile spiegare la bellezza

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12

PROBLEMI DI MISURA. Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN. Classe Quinta 22/02/12 PROBLEMI DI MISURA Graziella Marcus I.C.di Roveredo in Piano e San Quirino - PN Classe Quinta 22/02/12 Panoramica progetto Descrizione generale di argomento e contenuto Obiettivi formativi (conoscenze/abilità/

Dettagli

Fibonacci s project. La matematica che non si vede. Marco Moscatelli

Fibonacci s project. La matematica che non si vede. Marco Moscatelli Fibonacci s project La matematica che non si vede Marco Moscatelli Quale di questi rettangoli è il più bello? Test dei rettangoli Test dei rettangoli Nel rettangolo che avete scelto, ci guardereste un

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi. Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON

Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi. Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON Aurora Martina Angelo Raffaele Meo Clotilde Moro Mario Scovazzi Passo dopo passo impariamo a programmare con PYTHON Usare Python come calcolatrice Sul tuo computer clicca su: start, programmi, Python,

Dettagli