FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO. La grande forza dell It Chi vince e chi perde nella nuova rivoluzione hi-tech

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO. La grande forza dell It Chi vince e chi perde nella nuova rivoluzione hi-tech"

Transcript

1 FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 5 - Numero 42 - Maggio 2012 La grande forza dell It Chi vince e chi perde nella nuova rivoluzione hi-tech Etf India Gli strumenti per puntare sulla futura economia leader Consensus sui paesi emergenti Con il fiato sospeso sulla Cina

2 Consensus I paesi emergenti La Cina al bivio La ripresa degli emerging market è soprattutto nelle mani del Dragone, in bilico fra crisi economica conclamata e ristrutturazione soft verso un modello economico più equilibrato. Cattive notizie arrivano comunque anche dal Brasile e dall India, che hanno recentemente presentato dati di crescita inferiori alle aspettative. In questo contesto dagli operatori non arrivano segnali chiari e prevale l incertezza, anche se viene considerato un buon segnale il fatto che nel mese di aprile la borsa di Shanghai è stata una delle poche positive del pianeta Le economie e i mercati finanziari dei paesi emergenti si trovano oggi in una situazione non meno difficile e incerta, rispetto alle controparti del mondo sviluppato. Da una parte infatti vi è un sistema economico occidentale che sembra avere tradito per l ennesimo anno le promesse di una ripresa decisa, ma dall altra parte vi è una Cina ancora sospesa fra soft landing e ristrutturazione verso un modello economico più equilibrato e il rischio di una crisi economica di Boris Secciani e David Tonello dura. Dal destino cinese dipendono anche molte realtà emergenti, sotto forma di esportazioni di materie prime verso il colosso asiatico. Le commodity a loro volta sono alquanto correlate alla propensione al rischio generale presente fra gli investitori. Se andiamo a esaminare alcuni dati recenti, in effetti la situazione non pare tale da indurre a facili entusiasmi. Il Pil indiano nel corso del primo trimestre del 2012 è cresciuto del 6,9%, un valore che, per quanto notevole, è ri- Il panel dei gestori e degli analisti Andrea Arata, senior advisor di Nordea; Giovanni Brambilla, amministratore delegato di AcomeA sgr; Rossana Brambilla, gestore portfolio manager global emerging market e area Pacifico di Sella Gestioni; Giovanni Buffa, gestore di AcomeA Paesi Emergenti; Douglas Cairns, gestore mercati emergenti di Threadneedle; Alessandro Castagnetti, gestore di Vg Asset Management; Cyriaque Dailland, fund manager di Convictions Am; Thomas Fallon, head emerging markets di La Française Asset Management; Michael Godfrey, gestore di M&G Global Emerging Markets di M&G Investments; France Kalfon, fund manager equities di La Française Asset Management; Daniele Mellana, responsabile Italia di East Capital Asset Management; Paolo Monaco, gestore di Eurizon Azioni Paesi Emergenti di Eurizon Capital; Giuseppina Parini, responsabile del comparto fondi flessibili di Gestielle; Donatella Principe, head institutional business di Schroders Italia; Gabriele Roghi, responsabile delle gestioni patrimoniali di Invest Banca; Sven Schubert, head of emerging markets research di Bank Vontobel; Laura Tardino, market strategist di Bnp Paribas Investment Partners; Bart Turtelboom, emerging markets portfolio manager di Glg Man; Matthew Vaight, gestore M&G Global Emerging Markets di M&G Investments; Rajesh Varma, responsabile del comparto global leaders di Dnca Finance; Nathalie Wallace, emerging markets senior portfolio manager di Batterymarch, (gruppo Legg Mason). 56 FONDI&SICAV/Aprile 2012

3 «Per il momento il decoupling degli emergenti è ancora lontano o quanto meno incompleto» sultato il più basso degli ultimi tre anni. Ciò ha indotto la Banca centrale indiana ad abbassare i tassi di interesse per la prima volta nell ultimo triennio, nonostante minacce di inflazione tutt altro che scomparse. Negativi anche i dati più recenti provenienti dal Brasile, dove la produzione industriale, già in difficoltà a causa della moneta forte, è risultata a marzo in calo congiunturale dello 0,5%, a fronte di attese che prevedevano una crescita dell 1,3%. Non si può fare altro che sottolineare che per il momento il decoupling degli emergenti è ancora lontano o quanto meno incompleto. Se però ci concentriamo sulla Cina, vediamo che in realtà i dati sono contraddittori: spesso le risposte che si ottengono dai gestori e dagli analisti sul settore manifatturiero variano molto a seconda delle fonti interpellate, segno di scarsa chiarezza di idee sulla direzione che sta prendendo il colosso asiatico. In questo ambito non mancano voci di ottimismo che ritengono che la Cina abbia superato il proprio momento più critico. Non a caso, a differenza della generalità dei mercati azionari, il listino delle azioni A di Shanghai ha avuto ad aprile un andamento positivo. Quale tipo di valutazione presenta l azionario dei paesi emergenti? Qualche occasione c è ancora Nonostante un discreto inizio di 2012, sembra prevalere un certo ottimismo sulle valutazioni degli emergenti, sia in termini di prospettive di utile sia a livello patrimoniale in rapporto alla loro media storica, se confrontato con altri listini azionari. Per quanto riguarda gli utili, interessante appare l analisi di Paolo Monaco, gestore di Eurizon Azioni Paesi Emergenti: «L insieme dei mercati dei paesi emergenti tratta a un multiplo prezzo/utili stimato per i prossimi 12 mesi di poco superiore a 10 (stime Ibes). Questo valore è inferiore di circa il 15%, rispetto alle medie storiche degli ultimi dieci anni, e di circa il 10%, rispetto ai mercati globali. Migliori fondamentali economici e maggiori prospettive di crescita rispetto ai paesi sviluppati, nonché inflazione in discesa e banche centrali che stanno adottando politiche accomodanti, sono le premesse per un espansione di questi multipli e per una buona performance dell asset class nei prossimi mesi. È interessante rilevare Sottovalutato o fair value 75% 25% Sopravvalutato FONDI&SICAV/Maggio

4 Consensus I paesi emergenti che statisticamente negli ultimi vent anni simili livelli di multipli azionari si sono tradotti in ritorni a doppia cifra nei 12 mesi successivi». Sulla stessa lunghezza d onda Rossana Brambilla, gestore portfolio manager global emerging market e area Pacifico di Sella Gestioni: «I mercati emergenti si presentano con valutazioni ancora particolarmente interessanti, con un rapporto price/earnings intorno a 10, considerando che incorporano una crescita attesa degli utili inferiore al 10%». L equity emergente, come ricordato, sembra relativamente interessante anche in termini patrimoniali. France Kalfon, fund manager equities, e Thomas Fallon, head emerging markets di La Française Asset Management, considerano: «Le valutazioni degli emergenti rispetto ai mercati più sviluppati continuano a essere ragionevoli, con uno sconto vicino al 20%. Il price earning forward degli emergenti è sotto la media degli ultimi 10 anni (10,2 versus 10,7), così come il price to book value (1,7 a fronte di 2,0). Quindi riteniamo che l Msci Em sia ancora attraente per investire nelle condizioni attuali in azioni di economie in via di sviluppoi». Non manca comunque qualche cautela, pur nell ambito di una visione ottimista. Fra costoro va annoverata Donatella Principe, head institutional business di Schroders Italia: «Nonostante il forte rally che ha interessato i paesi emergenti negli ultimi mesi, le prospettive di questi mercati si confermano positive, anche a causa di un livello delle valutazioni estremamente contenuto. Il P/E degli emerging market, grazie anche a una crescita degli utili attesa a due cifre anche quest anno, si attesta a 10,2X, contro una media storica a 20 anni di 12,3X. Se sussistono alcuni rischi per la tenuta dei mercati emergenti, essi sono esogeni alle aree in via di sviluppo e connessi alle crisi ancora in atto nei paesi sviluppati». In questo contesto Matthew Vaight e Michael Godfrey, gestori dell M&G Global Emerging Markets di M&G Investments invitano alla selettività: «Se si considerano la migliore performance e la maggiore redditività che offrono le aziende dei mercati emergenti rispetto ai loro competitor dei paesi sviluppati, crediamo che gli emerging offrano ancora a livello aggregato valutazioni interessanti, rispetto all andamento storico e ai mercati sviluppati. Tuttavia, dopo il forte rialzo all inizio dell anno, le valutazioni non sono così allettanti come erano in precedenza, anche se crediamo che, dato il contesto storico, questa asset class abbia ancora un buon valore. Abbiamo un approccio all investimento di tipo stock picking bottom-up e stiamo riscontrando un buon numero di aziende dalle valutazioni interessanti sulle economie in via di sviluppo». Un ragionamento non dissimile arriva infine da Alessandro Castagnetti, gestore di Vg Asset Management: «I paesi emergenti continuano a essere più interessanti di quelli sviluppati con tassi di crescita previsti per il 2012 del 7% per l Asia, del 3% per l area Emea, del 3,5% per l America Latina e del 4% per il Medio Oriente. Ricordiamo, però, che la dicitura paesi emergenti racchiude un panorama quanto mai disomogeneo. Per ottenere rendimenti in linea con le aspettative non è sufficiente investire in Etf o titoli generici appartenenti a questi paesi, ma occorre essere selettivi e focalizzarsi sui giusti settori o sui giusti panieri di azioni». 58 FONDI&SICAV/Maggio 2012

5 Quale crescita dei profitti è attesa? Soprattutto in Asia Sui profitti le differenze geografiche si fanno sentire, con il maggiore ottimismo concentrato ancora una volta sull Asia. In generale, comunque, le prospettive di crescita aziendale sembrano migliori, rispetto alle imprese dei paesi sviluppati. È questo il parere di Giuseppina Parini, responsabile del comparto fondi flessibili di Gestielle: «Vediamo una crescita degli Eps pari al 12%». Ancora più bullish Rajesh Varma, responsabile del comparto global leaders di Dnca Finance: «La crescita dei profitti degli emergenti si aggira intorno al 14% in questo periodo». Cyriaque Dailland, fund manager di Convictions Asset Management, sottolinea le forti differenze geografiche: «La crescita dei profitti delle società dei paesi emergenti dovrebbe essere di circa il 13% per il 2012 e dell 11% per il Bisogna però tenere presente che vi sono forti disparità fra le diverse zone geografiche. Infatti, la crescita degli earning sarà molto più forte per le società asiatiche (17%) che per i paesi Emea (4%). L America Latina si trova fra le due aree con attese dell 11% di crescita. Questi livelli di miglioramento sono relativamente vicini a quelli attesi dalle società del resto del mondo». Interessante il discorso di Nathalie Wallace, emerging markets senior portfolio manager di Batterymarch (gruppo Legg Mason), che vede comunque un ambiente positivo per la crescita domestica: «I livelli di debito pubblico e aziendale rispetto al Pil in molti di questi paesi sono diminuiti negli ultimi 10 anni e, rispetto agli standard internazionali, il grado di leva dei consumatori è basso. Con trend fiscali che si muovono generalmente nella direzione giusta, la tassazione privata e corporate è scesa nettamente e ci attendiamo ulteriori bruschi ribassi, supportando così i consumi domestici e investimenti per i prossimi tre-cinque anni. I crescenti consumi, combinati con una domanda massiccia di sviluppo infrastrutturale, sono i driver di una sempre maggiore crescita interna. Anche se alcune large cap sono coinvolte nelle attività legate alle infrastrutture, costruzioni ad esempio, sono generalmente le small cap a essere meglio posizionate per beneficiare della crescita domestica in queste aree». Non manca comunque qualche voce di cautela. Gabriele Roghi, responsabile delle gestioni patrimoniali a Invest Banca, sostiene: «Le attese sono per tassi di crescita contenuti per Russia e Brasile (5-7%), mentre le stime per Cina e India sono molto più elevate, intorno al 13-15%; ma queste cifre al momento riflettono più un recupero rispetto ai dati precedenti che non un'improvvisa e forte ripresa della redditività aziendale». I rischi inflativi sui margini aziendali vengono sottolineati da Laura Tardino, market strategist di Bnp Paribas Investment Partners: «Ci aspettiamo un incremento del 12-13%, al di sotto della media storica che è pari al 20%. Se proseguisse la ripresa del ciclo economico globale, gli utili ne beneficerebbero, soprattutto in Asia, dove i mercati sono più ciclici. Il tasso di crescita resterà comunque moderato, poiché i margini di utile continueranno a risentire della pressione sui costi, proveniente soprattutto dalle materie prime e dai salari». Prudenziali infine le parole di Daniele Mellana, responsabile Italia di East Capital Asset Management: «Il 2012 sarà un anno difficile per colpa del rallentamento, quindi la crescita degli utili sarà minore se comparata al 2011». Inferiore al 10% 50% 50% Superiore al 10% FONDI&SICAV/Maggio

6 Consensus I paesi emergenti Dove si trova il maggiore valore sui mercati emergenti in termini di paesi, settori e/o tipi di azione? In Russia e nei consumi Pur nella diversità di vedute, qualche trend sembra che si possa ricavare: in particolare sembrano piacere i titoli legati ai consumi domestici, ai temi dell energia, all It, soprattutto sul mercato asiatico. Sintomatico appare il parere di Douglas Cairns, gestore mercati emergenti di Threadneedle: «Al momento siamo overweight sui consumer discretionary e sull information technology, come settori, e su Thailandia, Turchia e Russia come paesi». La Russia attrae per le sue basse valutazioni, nonostante prospettive di utili non entusiasmanti, anche Bart Turtelboom, emerging markets portfolio manager di Glg Man: «La nazione più interessante è la Russia (valutazione 9,5x), mentre il settore più economico è quello dell energia (valutazione 9x)». Temi simili anche da Parini di Gestielle: «Preferiamo Cina e Russia e i settori finanziario, energetico e industriale». Consumi anche per Sven Schubert, head of emerging markets research di Bank Vontobel: «La nostra esposizione ai beni di largo consumo è superiore al loro peso nell indice generale». Una sintesi simile arriva anche da Mellana di East Capital Asset Management: «Russia in particolare e poi Cina rimangono i due grandi mercati più attraenti dal punto di vista delle valutazioni. In un contesto di rallentamento globale i settori legati alla crescita dei consumi interni sono da privilegiare». La Cina sembra piacere, nonostante tutte le sue grandi difficoltà e incertezze. È questo il parere di Tardino di Bnp Investment Partners: «La Cina ci piace. Il mercato ha registrato una forte correzione in marzo, perdendo oltre il 50% 50% 40% 40% Consumi It Energia Altro 10%, ma nel mese di aprile il mercato locale è riuscito a guadagnare oltre tre punti percentuali, in controtendenza rispetto a molte piazze sviluppate ed emergenti. Una parte della flessione era prevista, soprattutto dopo il forte rally di inizio anno. Tra i fattori che alimentano la volatilità su questo mercato e le voci di un atterraggio brusco dell economia, ci sono la forte decelerazione dell attività economica e degli investimenti, la debolezza della domanda estera, il calo dei prezzi degli immobili, le rivalità politiche che circondano la fase di transizione della leadership cinese. Le autorità hanno aumentato i crediti ai settori strategici e adottato una politica monetaria meno restrittiva, accelerando nel contempo le riforme. Il mercato immobiliare è ora più accessibile e rappresenta un importante catalizzatore per invertire il clima e la tendenza sui mercati. Le valutazioni sono depresse. Infine, gli indicatori tecnici suggeriscono che è stato toccato un punto di minimo». Giovanni Brambilla, amministratore delegato di AcomeA sgr, e Giovanni Buffa, gestore di AcomeA Paesi Emergenti, infine, sottolineano che le trasformazioni dell economia cinese saranno una storia di lungo periodo: «Come posizionamento a lungo termine riteniamo che avere un esposizione sui titoli legati al consumo cinese, correlati quindi alla domanda interna, possa rappresentare un buon investimento, soprattutto tra le small e le mid cap che offrono un profilo di rischio rendimento interessante. Tuttavia la transizione da un economia basata sulle esportazioni a una incentrata sulla domanda interna sarà un processo graduale, che richiederà anni e necessiterà di incentivi e riforme strutturali, soprattutto in ambito assistenziale e previdenziale, da parte del governo cinese. In Cina il peso dei consumi sul Pil è passato dal 65% degli anni 50 al 33% del 2010». 60 FONDI&SICAV/Maggio 2012

7 Quanto sono dipendenti i maggiori mercati emergenti dall andamento cinese? Semplicemente fondamentale In questo caso il parere prevalente è che la Cina sia decisamente importante, se non fondamentale, per l andamento dei mercati emergenti, soprattutto per quanto riguarda gli scambi commerciali nel resto dell Asia e le esportazioni di materie prime. Indicativa appare al riguardo la sintesi di Dailland di Convictions Am: «La Cina ha un ruolo centrale per le economie emergenti. Da sola contribuisce per circa il 50% della crescita economica mondiale. L influenza cinese varia molto nei diversi paesi emergenti. Alcuni sono soprattutto fornitori di materie prime (Indonesia, Brasile, Cile), mentre altri sono più investitori (Taiwan, Corea del Sud). In ogni caso un eventuale forte rallentamento dell economia cinese, cui noi peraltro non crediamo, sarebbe catastrofico per la maggior parte delle economie emergenti». Un analisi non dissimile arriva anche da Roghi di Invest Banca: «Chiaramente l area asiatica è molto interconnessa, con casi di ridelocalizzazione di produzioni cinesi nei paesi di frontiera come Vietnam e Cambogia. Anche il legame tra Cina e Russia resta forte, a causa della fornitura di materie prime, e direi che lo stesso motivo tiene molto legata l economia cinese a quelle dei maggiori produttori di petrolio e materie prime in giro per il mondo (compresi produttori come Venezuela e Iran e molti paesi africani in questo momento interessati da scontri interni)». L importanza della Cina per gli esportatori di risorse viene sottolineata anche da Monaco di Eurizon: «Sono maggiormente esposti alla Cina i paesi esportatori di petrolio e materie prime, anche se non direttamente dipendenti da questo mercato, in quanto influenzati dagli eventuali movimenti di prezzo causati dalle fluttuazioni della domanda di questo paese. Inoltre Brasile e Russia, ma anche Sudafrica, hanno listini azionari che presentano al loro interno forti componenti cicliche direttamente esposte all andamento dell economia cinese». In generale, comunque, lo scenario dell hard landing viene ancora ritenuto improbabile. Andrea Arata, senior advisor di Nordea, sostiene: «L economia cinese sta rallentando: lo sviluppo delle esportazioni e degli investimenti non è più sostenibile al ritmo registrato negli ultimi dieci anni. La leadership cinese è al corrente di ciò e vuole portare il paese verso una crescita più dipendente dai consumi e meno dalla spesa per investimenti, ma questo passaggio sarà graduale nel tempo. C è poi lo scenario peggiore, quello che implica un hard landing per l economia cinese, cioè un collasso del sistema finanziario sotto il peso di investimenti non redditizi e di una bolla immobiliare nelle grandi città costiere. Ci sembra che questo scenario sia improbabile, in quanto il governo cinese ha la volontà e le risorse per salvare le istituzioni finanziarie eventualmente in difficoltà». Non manca anche chi mette relativamente in prospettiva l importanza della Cina. Fra questi Varma di Dnca Finance: «Ovviamente la Cina è importante per le economie emergenti, grazie alle sempre maggiori importazioni di materie prime e servizi. Il contrario è meno vero, in quanto la maggior parte della crescita cinese è collegata alle spese per infrastrutture. Ad ogni modo, però, per le economie emergenti, in particolare per l Asia, il maggiore mercato è rappresentato dall Unione Europea e non dalla Cina». Infine Brambilla di Sella Gestioni sottolinea la relativa decorrelazione del listino cinese rispetto ad altre piazze: «I paesi emergenti sono molto sensibili all andamento dell economia cinese, i legami sono molti. Invece direi che non c è particolare sensibilità all andamento dell indice locale azionario, poiché è mosso da dinamiche domestiche (liquidità e volumi delle emissioni sul secondario)». Molto dipendenti 75% 25% Moderatamente dipendenti FONDI&SICAV/Maggio

8 Consensus I paesi emergenti Che cosa ci si può aspettare dalle maggiori banche centrali dei paesi emergenti? Politiche più espansive Politiche espansive 75% 25% Politiche sostanzialmente immutate comune è che si andrà incontro a politiche più espansive, anche se vi sarà una forte differenza a seconda delle diverse economie. Vista la L opinione precarietà della situazione mondiale, nessun paese sembra infatti desideroso di avere una divisa eccessivamente forte. Buffa e Brambilla di AcomeA spiegano: «Le banche centrali faranno tutto il possibile per mantenere il tasso di crescita delle rispettive economie su valori accettabili. Se la crescita economica dovesse subire un rallentamento, è plausibile che le politiche monetarie delle banche centrali possano diventare più accomodanti, anche in considerazione del fatto che nessun paese in questo momento desidera avere una valuta forte». In generale, comunque, non è previsto l avvio di una politica eccessivamente espansiva, a causa di una situazione inflativa tuttora non troppo rassicurante. Interessante al proposito il commento di Cairns di Threadneedle: «Con il diminuire delle pressioni inflazionistiche nell ultimo anno, abbiamo già visto politiche monetarie più espansive negli scorsi mesi. Ci attendiamo un rallentamento dei vincoli creditizi in Cina, in previsione di un soft landing, però non ci aspettiamo una politica monetaria significativamente più espansiva per il resto dell anno». Non si aspetta grandi sconvolgimenti neppure Castagnetti di Vg Asset Management: «Il trend previsto, considerando che il pericolo inflazionistico sembra contenuto, vede tassi inalterati per Singapore, Hong Kong, Corea, Filippine e Messico, nonché tassi in leggera diminuzione in Brasile, Russia, India, Cina e Indonesia». In generale la situazione cinese appare più facile di quella di India e Brasile. Schubert, di Vontobel Bank, commenta: «Le aspettative di inflazione e di crescita variano parecchio a seconda delle zone. Per quanto riguarda la Cina, pensiamo che il governo manterrà i tassi inalterati, anche se potrebbe rilassare le condizioni del credito bancario. Al contrario l India ha già cominciato ad abbassare i tassi di interesse e pensiamo che vi sia margine per ulteriori 75 basis point al ribasso. Il Brasile invece è in una situazione contraddittoria: la forza della moneta suggerirebbe di abbassare i tassi, il livello elevato di inflazione però indurrebbe a sviluppare una politica monetaria più restrittiva». Cautela arriva anche da Turtelboom di Glg: «Ci aspettiamo che il Brasile continui nelle sua politica di taglio dei tassi. La Banca centrale si è infatti dimostrata piuttosto favorevole al riguardo. Pensiamo che la Cina continuerà a tagliare i suoi Rrr (Required reserve ratio) e che alla fine i tassi base saranno anch essi limati. La Banca centrale indiana ha da poco tagliato 50 punti base in più rispetto alle attese di mercato e rimane alla finestra, concentrandosi sulle dinamiche inflazionistiche conseguenti all indebolimento della rupia. Crediamo comunque che il ciclo dei tagli dei tassi sarà più breve, rispetto a quello del 2009, in quanto l inflazione è in aumento». Interessante notare che per la Russia Kalfon e Fallon di La Française Am vedano invece rialzi in vista: «Pensiamo che in Russia, nonostante l inflazione sia ai minimi degli ultimi 20 anni, la Banca centrale potrebbe inasprire la propria politica monetaria per prevenire un ritorno della crescita dei prezzi, dovuta alle alte quotazioni del greggio e all aumento delle spese sociali». In generale, comunque, è difficile attendersi grandi spinte dalla politica monetaria. Principe, di Schroders, chiarisce: «Oggi le crescenti tensioni che provengono dalla zona euro e l allentamento delle pressioni inflazionistiche stanno consentendo a diverse banche centrali dei paesi emergenti di portare avanti azioni espansive di politica monetaria. Tuttavia ciò non sarà garanzia di un ritorno di rendimento sui rispettivi mercati, perché sempre più stanno tornando importanti i fondamentali economici: un esempio eclatante è quello dell India, con il mercato che ha scarsamente reagito di fronte a un taglio dei tassi superiore alle attese, a causa delle deboli dinamiche di crescita interna e del deterioramento sul piano fiscale». 62 FONDI&SICAV/Maggio 2012

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS

Outlook dei mercati. I Trimestre 2015 ARCA FOCUS ARCA FOCUS Outlook dei mercati I Trimestre 2015 Ad uso esclusivo dei Soggetti Collocatori, vietata la diffusione alla clientela. Il presente documento ha semplice scopo informativo. 1 Indice Outlook di

Dettagli

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90

Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 22 maggio 2014 Mercati emergenti: molto più solidi rispetto agli anni 90 Un modello economico basato su bassi costi, massicci afflussi di capitali ma anche politiche monetarie molto espansive messe in

Dettagli

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. III Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati III Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 8 agosto 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi

I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi I temi caldi di inizio 2014: la parola ai gestori alternativi No. No. 6 7 - - Dicembre Febbraio 2013 2014 No. 7 - Febbraio 2014 N. 67 Dicembre Febbraio 2014 2013 2 Il presente documento sintetizza la visione

Dettagli

Qualche scriccolio scricchiolio

Qualche scriccolio scricchiolio CONSENSUS DEGLI ANALISTI E DEI GESTORI I PAESI EMERGENTI Qualche scriccolio scricchiolio a cura di Giuseppe Riccardi, Boris Secciani, Alessandro Coltella, Matteo Cicala e Gloria Valdonio Il 2010 non si

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 marzo 15 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati

Analisi dei Mercati. Reazione esagerata dei mercati Analisi mensile dei principali eventi e previsioni sui mercati globali 22 ottobre 2014 Analisi dei Mercati Crediamo che i mercati stiano reagendo in modo esagerato considerato lo stato di salute dei fondamentali.

Dettagli

Il ritorno del rischio Una situazione di instabilità

Il ritorno del rischio Una situazione di instabilità Pag. Pag. 18 18N.77 N.77 - settembre - settembre 2015 2015 Il ritorno del rischio Una situazione di instabilità È il new normal, baby! Dopo molti segnali di allarme lanciati da diversi analisti, i mercati

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 Gennaio 2014 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo.

Outlook dei mercati. IV Trimestre 2015 ARCA FOCUS. Il presente documento ha semplice scopo informativo. ARCA FOCUS Outlook dei mercati IV Trimestre 2015 1 Indice Outlook di lungo periodo Mercati Azionari 3 Outlook di lungo periodo Mercati Obbligazionari 4 Outlook di medio periodo Opportunità e rischi 5 Outlook

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 9 luglio 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi, dopo l introduzione del pacchetto di misure da

Dettagli

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE

SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE SCENARIO 2008 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 1 SEMESTRE Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti - Responsabile Strategia Eurizon Capital SGR; Luca Mezzomo - Responsabile

Dettagli

L OPINIONE DEI COMPETITOR

L OPINIONE DEI COMPETITOR L OPINIONE DEI COMPETITOR 11 A cura della Direzione Studi. L Opinione dei Competitor Sintesi e Indicazioni Tattiche SINTESI MACRO E ASSET ALLOCATION Pictet - AGGIORNATO A SETTEMBRE QUADRO MACRO: Timori

Dettagli

76 Relazione annuale. 1 aprile 2005-31marzo 2006

76 Relazione annuale. 1 aprile 2005-31marzo 2006 Banca dei Regolamenti Internazionali 76 Relazione annuale 1 aprile 2005-31marzo 2006 Sara Amadei Silvia Mangini Sandra Zoglia Federica Cardinale I. L economia mondiale: aspetti salienti Il periodo in rassegna

Dettagli

cover story Il peggio è passato, c è fiducia in Basta rendimenti negativi, BTp, high yield e corporate forum gestori

cover story Il peggio è passato, c è fiducia in Basta rendimenti negativi, BTp, high yield e corporate forum gestori 4 Plus24 - Il Sole 24 Ore SABATO 29 DICEMBRE 2012 N. 542 cover story forum gestori Il peggio è passato, c è fiducia in Si è tenuto presso la redazione del Sole 24 Ore, il 17esimo Forum degli asset manager.

Dettagli

Operazione salvataggio internazionale.

Operazione salvataggio internazionale. Operazione salvataggio internazionale. Gli interventi messi in atto per evitare la recessione Keith Wade Capo Economista L economia americana oggi Revisione del rischio Diminuzione del debito Settore finanziario

Dettagli

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE

NEL 2012, RENDIMENTO, QUALITÀ E DIVERSIFICAZIONE SARANNO LA CHIAVE DEGLI INVESTIMENTI IN UN QUADRO ECONOMICO MONDIALE IN PROGRESSO MA ANCORA DEBOLE Comunicato stampa Bank of America Merrill Lynch Financial Centre 2 King Edward Street London EC1A 1HQ Per ulteriori informazioni: Ana Iris Reece Gonzalez Donatella Cifarelli Brunswick tel: 02 9288 6200

Dettagli

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10

Alternative Spot. HEDGE INVEST (SUISSE) SA Via Balestra 27, 6900 Lugano (Svizzera) T +41 91 912 57 10 Alternative Spot Dic 2013 L outlook di Hedge Invest per il 2014 Scenario macroeconomico: la visione per il 2014 EUROZONA Prevediamo ancora pressioni al ribasso sulla crescita a breve termine, a causa di

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 16 marzo 2015 S.A.F.

Dettagli

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015)

VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) VIEW SUI MERCATI (16/04/2015) STOXX600 Europe Lo STOXX600 ha superato l importante resistenza toccata nel 2007 a quota 400, confermando le nostre previsioni di un mese fa. Il trend di medio-lungo periodo

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 1 GIUGNO 2015 Il primo trimestre del 2015 ha portato con sé alcuni cambiamenti nelle dinamiche di crescita delle maggiori economie: alla moderata ripresa nell Area euro

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

AGORA VALORE PROTETTO

AGORA VALORE PROTETTO Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Largo della Fontanella di Borghese, 19-00186 Roma Iscritta al n. 99 dell Albo delle SGR tenuto dalla Banca d Italia AGORA VALORE PROTETTO FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 2 febbraio 2013 A cura dell Ufficio Ricerca e

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Fondo AcomeA ETF attivo

Fondo AcomeA ETF attivo Articolo pubblicato su Borsa Italiana il 28 giugno 2012 http://www.borsaitaliana.it/speciali/trading/inside-markets/23/etf-fondoacomeaetfattivo.htm Fondo AcomeA ETF attivo Il fondo AcomeA ETF Attivo è

Dettagli

Aggiornamento sui mercati valutari

Aggiornamento sui mercati valutari 14 novembre 2014 Aggiornamento sui mercati valutari A cura di: Peter Butler, Emanuele Del Monte e Pietro Calati Il quadro di riferimento Il mercato dei cambi resta molto influenzato dalle diverse politiche

Dettagli

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI

ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI 60 Victoria Embankment London EC4Y 0JP ANNO NUOVO, VECCHIA SFIDA: SECONDO J.P. MORGAN ASSET MANAGEMENT BILANCIAMENTO E DIVERSIFICAZIONE RIMANGONO, COME SEMPRE, LE STRATEGIE VINCENTI Economie divergenti

Dettagli

Global Asset Allocation

Global Asset Allocation Global Asset Allocation L impatto dell incremento dei rendimenti obbligazionari sul ciclo economico e sulla nostra view Aprile 0 Punti chiave PROSPETTIVE Giordano Lombardo Group CIO, Pioneer Investments

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 8 Luglio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La pesante flessione del PIL degli USA nel primo trimestre

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo

I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo No. 5 - Settembre 2013 2 I punti di forza del mercato azionario europeo rispetto al resto del mondo Con il mercato obbligazionario

Dettagli

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione

Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Un nuovo equilibrio tra ripresa e transizione Stefano Guglielmetto Head of Portfolio Management Italy Osservatorio PMI 212 Milano 11 Luglio 212 Il 212 a metà strada: economic summary L economia mondiale

Dettagli

Ciclo economico e mercati azionari

Ciclo economico e mercati azionari Torino, agosto 2006 Ciclo economico e mercati azionari Una verifica empirica sul mercato americano È piuttosto frequente in questi giorni leggere analisi in cui la debolezza dei mercati azionari americani

Dettagli

su azioni e bond societari

su azioni e bond societari Unanno per puntare su azioni e bond societari Laripresa promette guadagni anche se non mancano le incognite Con il calo dello spread potrebbe esserci uno scatto dei Btp Azioni A CURA DI SANDRA RICCIO 1

Dettagli

Aggiornamento sui mercati obbligazionari

Aggiornamento sui mercati obbligazionari Aggiornamento sui mercati obbligazionari A cura di: Pietro Calati 20 Marzo 2015 Il quadro d insieme rimane ancora costruttivo Nello scorso aggiornamento di metà novembre dell anno passato i segnali per

Dettagli

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds

ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie. Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds ALETTI GESTIELLE SGR: View e strategie Valentino Bidone Senior Portfolio Manager Comparto Absolute Return Funds 1 Sintesi Gli attuali squilibri Le prospettive Le strategie nelle varie asset class 2 Gli

Dettagli

Templeton Mercati Emergenti

Templeton Mercati Emergenti A FRANKLIN TEMPLETON INVESTMENTS NEWSLETTER Templeton Mercati Emergenti - Relazione mensile: Novembre 2014 Mark Mobius, Executive Chairman, Templeton Emerging Markets Group Panoramica I mercati globali

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 3 Marzo 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Schroder ISF European Absolute Return

Schroder ISF European Absolute Return Pagina 1 Indice Europa: Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Il fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del fondo al 29 giugno 2007 Il

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

Consensus. Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro. Sempre più importanti

Consensus. Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro. Sempre più importanti Consensus Le aree sviluppate fuori da dollaro ed euro Sempre più importanti Alcuni paesi, come l Australia, gli scandinavi e il Canada, rappresentano alternative molto interessanti agli investimenti nelle

Dettagli

contents: La calda estate dei mercati finanziari Effetti sulle economie emergenti

contents: La calda estate dei mercati finanziari Effetti sulle economie emergenti Anno II_ N 8_Settembre 27 contents: La crisi dei mutui subprime statunitensi di quest estate è stata generata da livelli troppo bassi di percezione del rischio nel mercato del credito e comporterà un ricorso

Dettagli

La congiuntura. internazionale

La congiuntura. internazionale La congiuntura internazionale N. 2 LUGLIO 2015 Il momento del commercio mondiale segna un miglioramento ad aprile 2015, ma i volumi delle importazioni e delle esportazioni sembrano muoversi in direzioni

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 Gennaio 214 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Il 2013 è stato per l Europa un anno molto difficile da. Una maggiore palpabile fiducia. Il panel dei gestori e degli analisti

Il 2013 è stato per l Europa un anno molto difficile da. Una maggiore palpabile fiducia. Il panel dei gestori e degli analisti Una maggiore palpabile fiducia Non è ancora del tutto chiaro se il Vecchio continente abbia definitivamente svoltato verso la ripresa o se si tratti solo dell ennesimo passaggio di una crisi strutturale.

Dettagli

Mercati e Valute, 30 luglio 2015

Mercati e Valute, 30 luglio 2015 Mercati e Valute, 30 luglio 2015 Emergenti Valute e materie prime anticipano le mosse della FED Il grafico dell andamento dei tassi sui Federal Funds USA, dal 2008 a oggi, ricorda quello di un elettroencefalogramma

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 2 Aprile 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico La politica monetaria nelle economie avanzate sta

Dettagli

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO

1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO 13 1.1 Cenni sull economia Nel 2013 l economia mondiale è cresciuta ad un ritmo modesto. Il Prodotto Interno Lordo (PIL) mondiale è salito del 3% circa, in linea con il +3,1%

Dettagli

Focus Market Strategy

Focus Market Strategy Valute emergenti: rand, lira e real 30 luglio 2015 Atteso un recupero verso fine anno Contesto di mercato Il comparto delle valute emergenti è tornato nuovamente sotto pressione negli ultimi mesi complice

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Giugno 2015 Il ritorno della volatilità Nelle ultime settimane, agli investitori è stato ricordato che

Dettagli

Investire in bond: quando il gioco si fa duro

Investire in bond: quando il gioco si fa duro Investire in bond: quando il gioco si fa duro No. 3 - Maggio 2013 Investire in bond: quando il gioco si fa duro Dopo la corsa agli elevati rendimenti generalizzati degli ultimi anni, il mercato obbligazionario

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda

Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda 18 Azioni Le analisi interne fanno la differenza indipendentemente dalle dimen sioni di un azienda Anche se la Banca Centrale statunitense sta riflettendo su un abbandono della politica monetaria distensiva,

Dettagli

1. Il quadro congiunturale internazionale

1. Il quadro congiunturale internazionale 1. Il quadro congiunturale internazionale di Cesare Benzi 1. Premessa Quello che ci siamo lasciati alle spalle è stato un anno contraddistinto da un quadro di grande incertezza, nel corso del quale, come

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015

Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Informazione Regolamentata n. 0036-1-2015 Data/Ora Ricezione 27 Marzo 2015 18:58:41 MOT - DomesticMOT Societa' : BANCA NAZIONALE DEL LAVORO Identificativo Informazione Regolamentata : 55362 Nome utilizzatore

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 9 settembre 2012 A cura dell Ufficio Ricerca

Dettagli

Previsioni di Mercato Raiffeisen

Previsioni di Mercato Raiffeisen Previsioni di Mercato Raiffeisen di Raiffeisen Capital Management per Cassa Raiffeisen di Brunico Gennaio/Febbraio 2015 Si preferiscono gli USA L inizio dell anno è cautamente positivo se parliamo dei

Dettagli

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad

Fondi & Gestioni Gennaio 2014. Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Fondi & Gestioni Gennaio 2014 Rispondiamo in tempo reale alle domande sui fondi e le gestioni di AcomeA SGR su Twitter. Utilizza l hashtag #aad Indice Classifiche: rassegna stampa fondi...3 AcomeA Classifiche

Dettagli

View. Mercati Obbligazionari

View. Mercati Obbligazionari 4 settembre 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici:

Random Note 1/2015. Qui di seguito le nostre principali assunzioni relativamente agli scenari macroeconomici: Random Note 1/2015 OUTLOOK 2015 : VERSO LA NORMALIZZAZIONE? La domanda a cui, con la nostra analisi di inizio anno, cerchiamo di dare una risposta è se nel 2015 assisteremo ad un ritorno alla normalizzazione

Dettagli

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari

View. Fideuram Investimenti. 10 marzo 2015. Scenario macroeconomico. Mercati Azionari. Mercati Obbligazionari 10 marzo 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Nel corso delle ultime settimane abbiamo rivisto al

Dettagli

Forte rallentamento dei tassi di crescita nel PIL mondiale (variazioni percentuali)

Forte rallentamento dei tassi di crescita nel PIL mondiale (variazioni percentuali) Embargo: da non pubblicarsi via radio, internet od ogni altro mezzo di comunicazione fino alle 14 (ora di Washington) e le 18 (ora di Greenwich) del 10 aprile 2001. La Banca Mondiale Notizia atampa n.

Dettagli

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015

CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa. Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 CFA Italy Financial Business Survey and Sentiment Index, maggio 2015 Rassegna Stampa Il Sole 24 Ore Radiocor 4 maggio 2015 Cfa Society: +56,8 pt Italy sentiment in maggio, fiducia confermata 2015-05-04

Dettagli

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5

maggio 2015 ( i mercati azionari e in generale, trasversalmente, le asset class più rischiose - comprese quindi le 1/5 maggio 2015 Mantenere la rotta in mezzo alla volatilità Nonostante il paracadute della Bce nelle ultime settimane sui mercati è tornato il nervosismo. A medio termine lo scenario resta favorevole alle

Dettagli

L investimento azionario deep value con la Pathfinder StrategyTM di PIMCO. Your Global Investment Authority

L investimento azionario deep value con la Pathfinder StrategyTM di PIMCO. Your Global Investment Authority Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari L investimento azionario deep value con la Pathfinder StrategyTM di PIMCO L investimento azionario deep value con la Pathfinder

Dettagli

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto

Fonditalia Core MERCATO CARATTERISTICHE. Azionario. Obbligazionario. Valute. Strategia del prodotto 29 Settembre 2015 Fonditalia Core MERCATO Azionario Da metà aprile gli indici azionari hanno corretto al ribasso dopo il rialzo di inizio anno (prima a causa dell acuirsi della crisi greca, poi per via

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie)

STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) STRATEGIA D INVESTIMENTO Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 1 gennaio 2011 A cura dell ufficio Ricerca e

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE

IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL MERCATO AZIONARIO: SITUAZIONI E PROSPETTIVE ANDREA ROTTI ERSEL S.I.M. 22/11/2013 Milano Scenario 2014: premessa Il decennio 2002-2012 è stato decisamente

Dettagli

Strategia d investimento

Strategia d investimento Strategia d investimento Indicatori dell Asset Allocation Strategia d investimento (asset classes, valute, duration obbligazionarie) Bollettino mensile no. 6 giugno 2014 A cura dell Ufficio Ricerca e Analisi

Dettagli

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014

Mathema Advisors: Market Report. Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 Mathema Advisors: Market Report Quadro Macro e Valutazione dei Rischi - Maggio 2014 CONTENUTI Pag.3 - Analisi Macro: Quadro Globale Pag.6 - Analisi del Rischio Pag.9 - Disclaimer 2 Analisi Macro Quadro

Dettagli

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile

Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Asset class: Fondi Obbligazionari Speaker: Giovanni Radicella- Responsabile Investimenti Obbligazionari Moderatore: Marco Parmiggiani Responsabile Sviluppo Rete Arca Fund Manager Webinar Fondi Obbligazionari

Dettagli

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi

Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi Politiche monetarie e nuove opportunità: le mosse dei gestori alternativi No. 8 - Luglio 2014 N. 86 Luglio Dicembre 2014 2013 2 Come negli scorsi anni, anche nel 2014 le politiche monetarie delle principali

Dettagli

BILANCI DELLE FAMIGLIE

BILANCI DELLE FAMIGLIE Il bilancio della famiglia Marzo 2010 BILANCI DELLE FAMIGLIE Marzo 2010 Introduzione Lo studio pone l accento sull analisi dei bilanci delle famiglie negli ultimi anni, che sono prese come fulcro e che

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 Febbraio 2014 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Le prime settimane dell anno sono state caratterizzate

Dettagli

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO

MERRILL LYNCH GLOBAL WEALTH MANAGEMENT E CAPGEMINI PRESENTANO LA 15ª EDIZIONE DEL WORLD WEALTH REPORT, IL RAPPORTO ANNUALE SULLA RICCHEZZA NEL MONDO Merrill Lynch: Brunswick Ana Iris Reece Gonzalez aireece@brunswickgroup.com Natasha Aleksandrov naleksandrov@brunswickgroup.com +39 02 92 886200 / 03 Capgemini: Community - consulenza nella comunicazione

Dettagli

Schroder ISF EURO Short Term Bond

Schroder ISF EURO Short Term Bond Pagina 1 Indice Review su mercato e fondo pag. 2 Il mercato Il fondo Cosa ci aspettiamo dal mercato e dal fondo pag. 3 Uno sguardo al mercato Le scelte strategiche I risultati di pag. 4 Descrizione del

Dettagli

FONDI&SICAV. del previsto. CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 3 - Numero 25 - Novembre 2010

FONDI&SICAV. del previsto. CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 3 - Numero 25 - Novembre 2010 FONDI&SICAV CONOSCERE PER INVESTIRE AL MEGLIO Anno 3 - Numero 25 - Novembre 2010 I trend forti del momento Oro e valute, opportunità o bolla? Life settlement Un alternativa che cresce Consensus Europa

Dettagli

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la

Primo semestre 2007. 1.1 Stati Uniti. Negli Stati Uniti le stime preliminari indicano che nel primo trimestre 2007 la QUADRO CONGIUNTURALE DEL SETTORE MANIFATTURIERO, DEL COMMERCIO E DELL ARTIGIANATO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Primo semestre 2007 1. La congiuntura economica internazionale In questo primo semestre del

Dettagli

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo.

Nessuna sanzione è stata applicata nei confronti di Piaggio, a conferma della correttezza e trasparenza dell'operato del Gruppo. COMUNICATO STAMPA GRUPPO PIAGGIO: PROGETTO DI BILANCIO 2013 Ricavi consolidati 1.212,5 milioni di euro (1.406,2 milioni nel 2012) con incidenza negativa dell'effetto cambio per 53 milioni di euro Ebitda

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 10 febbraio 2015 View Fideuram Investimenti Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari 3 Mercati Obbligazionari 4 Scenario macroeconomico Il programma di Quantitative Easing finalmente

Dettagli

FONDO IMMOBILIARE MEDIOLANUM REAL ESTATE RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014

FONDO IMMOBILIARE MEDIOLANUM REAL ESTATE RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 1 PREMESSA FONDO IMMOBILIARE MEDIOLANUM REAL ESTATE RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2014 Il presente Resoconto intermedio di gestione, redatto in conformità con quanto previsto dall art.

Dettagli

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5

NOVEMBRE 2015. Area MACRODATI ECONOMICI TITOLO CONGIUNTURA FLASH. Anno 2015. N. Doc A-9 Pagine 5 5 NOVEMBRE 2015 Fonte Elaborazioni ANES MONITOR su ANALISI MENSILE DEL CENTRO STUDI CONFINDUSTRIA 2 5 Lo scenario economico globale non è più contrassegnato solo da fattori favorevoli. La frenata degli

Dettagli

Newsletter. febbraio 2015

Newsletter. febbraio 2015 Newsletter febbraio 2015 Il presente documento è stato preparato da Tosetti Value S.I.M. S.p.a. autorizzata e regolamentata dalla Banca di Italia. Il presente documento può essere distribuito a soggetti

Dettagli

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari

View. Scenario macroeconomico. Mercati Obbligazionari 13 gennaio 2015 View Fideuram Investimenti Autori: Enrico Boaretto Flavio Rovida Patrizia Bussoli Ilaria Spinelli Francesca Pini Cristian Gambino Indice Sintesi scenario 1 Macroeconomia 2 Mercati Azionari

Dettagli

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED)

L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 609 i dossier www.freefoundation.com L ENIGMA DI BERNANKE (E DELLA FED) 23 settembre 2013 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Nella giornata del 18 settembre la Federal Reserve, andando contro

Dettagli

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica

Veloce e Fragile. Le dinamiche dell economia britannica Veloce e Fragile Le dinamiche dell economia britannica 2 maggio, 2011 Rimbalzo nel primo trimestre per il Regno Unito? Come è già stato precedentemente sottolineato, l economia britannica è un economia

Dettagli

Divergenze P. Gautry, capo economista

Divergenze P. Gautry, capo economista 2015 Divergenze P. Gautry, capo economista Union Bancaire Privée, UBP SA Rue du Rhône 96-98 CP 1320 1211 Ginevra 1, Svizzera Tel. +4158 819 21 11 Fax +4158 819 22 00 ubp@ubp.com www.ubp.com La crescita

Dettagli

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi.

SCENARIO 2009 PICCOLE E MEDIE IMPRESE MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE. Vicini a voi. SCENARIO 2009 MACROECONOMIA E MERCATI AGGIORNAMENTO 2 SEMESTRE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Vicini a voi. Hanno contribuito alla realizzazione della pubblicazione: Andrea Conti, Responsabile Strategia Eurizon

Dettagli

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta

Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta 1-08-2015 Numero 15-11 NOTA DAL CSC Dopo il crollo nella crisi, gli investimenti ripartono. Cruciale sostenerli per avere una crescita più robusta Tra il e il gli investimenti fissi lordi si sono contratti

Dettagli

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee

Mercati e Valute, 10 aprile 2015. Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Mercati e Valute, 10 aprile 2015 Euro/Dollaro USA L Euro a sconto sostiene le quotazioni europee Nel primo trimestre dell anno, il forte calo dell Euro nei confronti del Dollaro USA ha reso più attraenti

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

Trascrizione Videochat ANIMA del 11 settembre 2014

Trascrizione Videochat ANIMA del 11 settembre 2014 Trascrizione Videochat ANIMA del 11 settembre 2014 Lo strumento che ANIMA utilizza per comunicare con la massima chiarezza e trasparenza ai propri clienti e partner commerciali Partecipano: Samuele Chiodetto

Dettagli