DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.)"

Transcript

1 DOMANDE DI TEORIA (Rispondete in modo sintetico alle seguenti domande usando gli appositi spazi ed una calligrafia chiara.) 1) Scrivete la funzione di profitto di un'impresa e definite i termini che la compongono. Come influisce la forma di mercato (concorrenza perfetta / monopolio / oligopolio) sulla massimizzazione del profitto dell'impresa? Confrontate la soluzione ottimale nel caso delle diverse forme di mercato che abbiamo studiato. Come primo passo è necessario considerare la decisione di una qualunque impresa che valuta il proprio livello di produzione massimizzante il profitto. Dato un certo livello di produzione q, un'impresa ottiene un certo ricavo R q che è uguale al prezzo del prodotto P per il numero di unità vendute: R q Pq. Notiamo che anche il costo di produzione C q dipende dal livello di produzione. Il profitto dell'impresa ( ) è per definizione la differenza tra ricavo e costi, cioè: q R q C q. Per massimizzare il profitto l'impresa sceglie il livello di produzione per il quale è massima la differenza tra ricavo e costo. Nella figura osserviamo la curva di ricavo, costo e profitto di una impresa rappresentativa. La pendenza della curva di ricavo rappresenta il ricavo marginale ( Rmg ) intesa come variazione del ricavo causata da un aumento di una unità di prodotto. La pendenza della curva di costo viene invece definita come costo marginale (Cmg ) cioè come costo addizionale nel produrre una unità addizionale di prodotto. Osserviamo che il profitto è negativo a bassi livelli di produzione ( q 0 ) e ad alti livelli di produzione oltre una certa soglia. All'aumentare del livello di produzione (da q 0 in poi) il ricavo cresce più rapidamente rispetto al costo e di consequenza anche il profitto è positivo. Il massimo si ottiene nel punto q. Raggiunto questo punto Rmg e Cmg sono uguali. Per livelli di produzione superiori a q il costo aumenta via via più rapidamente rispetto al ricavo e quindi il profitto tende lentamente a ridursi (fino a diventare negativo per valori superiori ad una certa soglia).

2 La regola quindi di massimizzazione del profitto implica che Rmg Cmg. Essa è valida per tutte le imprese siano esse concorrenziali, in monopolio o oligopolio. concorrenza perfetta: il modello di cp si basa principalmente su tre hp: 1) il prezzo viene considerato come un dato (cioè ogni impresa non è in grado con le sue decisioni di influenzare il prezzo di mercato 2) omogeneità dei prodotti, cioè quando i prodotti nel mercato sono omogenei nessuna impresa è in grado di aumentare il prezzo del suo prodotto al di sopra del prezzo delle altre imprese senza perdere la (quasi) totalità dei suoi prodotti. 3) libera entrata ed uscita (non devono essere sostenuti costi speciali che rendano difficile entrare in un mercato e produrre o uscirne). Poichè in un mercato concorrenziale ogni impresa vende soltanto una piccola quota delle vendite dell'intero settore, la quantità di prodotto che l'impresa decide di vendere non avrà alcun effetto sul prezzo di mercato. Poichè l'impresa prende il prezzo come un dato, essa ha di fronte una curva di domanda perfettamente orizzontale (cioè perfettamente elastica). Ciò implica che essa in grado di vendere una unità addizionale di prodotto senza abbassare il prezzo. In questo caso una unità addizionale di prodotto venduto comporta un aumento del ricavo totale di un ammontare uguale al prezzo. Questo vuol dire che la curva di domanda di un'impresa in un mercato concorrenziale rappresenta sia la curva di ricavo medio ( Rme RT/q Pq/q P ) sia la curva di ricavo marginale. Lungo questa curva di domanda, Rmg, Rme e P sono uguali. Un'impresa perfettamente concorrenziale sceglie il suo livello di produzione in modo tale che: Rmg P Cmg. Solo come esempio descriviamo la massimizzazione del profitto in caso di concorrenza nel breve periodo. Una situazione analoga potrebbe replicarsi nel caso del lungo periodo facendo riferimento ai costi marginali e medi di lungo periodo. Monopolio: E' un mercato in cui opera solo un venditore con molti compratori. Essendo l'unico

3 produttore la sua curva di domanda è la curva di domanda di mercato. In generale sappiamo che la quantità prodotta dal monopolista sarà inferiore (mentre il prezzo sarà maggiore) rispetto a quanto prodotto (e al prezzo) in concorrenza. Per massimizzare il proprio profitto il monopolista deve prima determinare il proprio costo e le caratteristiche della domanda di mercato. Il ricavo medio del monopolista (ossia il prezzo che riceve per ogni unità venduta) corrisponde esattamente alla curva di domanda di mercato. Esaminando quindi la domanda del monopolista (che è anche domanda di mercato), osserviamo che essa ha una pendenza negativa. In questo caso (a differenza della concorrenza), il prezzo è maggiore del ricavo marginale ( Rmg ) poichè tutte le unità vengono vendute allo stesso prezzo. Come indicato sopra, anche nel caso di un monopolista la massimizzazione del profitto implica che il Rmg Cmg. Tale condizione viene verificata in corrispondenza della quantità Q. Conseguentemente, dalla curva di domanda si ricava il prezzo P corrispondente a questa quantità. Algebricamente è possibile dimostrare che la quantità Q che massimizza il profitto è tale che il profitto incrementale derivante da un piccolo aumento di Q è esattamente nullo, cioè / Q 0. Quindi / Q R/ Q C/ Q 0, dove R/ Q è il ricavo marginale ( Rmg ) mentre C/ Q è il costo marginale ( Cmg ). A questo punto è possibile effettuare un confronto tra le condizioni in concorrenza perfetta e in monopolio. In un mercato concorrenziale il prezzo è uguale a Cmg mentre in monopolio il prezzo è maggiore del Cmg. Il potere monopolistico migliora o peggiora la situazione dei consumatori e dei produttori? Come è possibile osservare in monopolio il prezzo è più alto e i consumatori comprano meno. A causa del prezzo più alto i consumatori che comprano il bene perdono un ammontare di rendita del consumatore pari ad A. I consumatori che non comprano il bene al prezzo P m ma che lo comprano a P c perdono anch'essi una rendita pari a B. La perdita totale della rendita del consumatore è pari a A B. Il produttore in monopolio dall'altra parte guadagna A poichè vende il prodotto ad un prezzo più alto ma perde l area C che rappresenta il profitto addizionale che avrebbe ottenuto vendendo la quantità

4 Q c Q m al prezzo Pc. Il guadagno per il produttore è quindi A C. Sottraendo la perdita di rendita del consumatore dal guadagno della rendita del produttore, otteniamo una perdita netta di B C che rappresenta il costo di avere un mercato in monopolio rispetto alla concorrenza perfetta. Oligopolio: Infine possiamo osservare la condizione di massimizzazione dei profitti nel caso di oligopolio. In questo tipo di mercato esistono soltanto poche imprese che impediscono ad altre imprese di entrare a far parte del mercato (barriere all'entrata). Questa è la prima differenza rispetto al mercato in concorrenza. Queste barriere sono generalmente naturali cioè insite nella struttura di mercato. Inoltre le imprese già presenti possono intraprendere azioni strategiche per dissuadere l'entrata di nuove aziende. Il prodotto che le imprese producono potrebbe essere differenziato come nel caso delle automobili oppure potrebbe non esserlo come nel caso dell'acciaio. In questi settori il potere di mercato e la conseguente reddività dipendono in parte da come le imprese interagiscono. Ogni impresa che prende una decisione, deve valutare le probabili reazioni dei suoi concorrenti. In particolare quando un mercato è in equilibrio le imprese massimizzando il loro profitto non hanno incentivo a variare il prezzo o la quantità dei loro prodotti. Ad esempio in concorrenza l'equilibrio di lungo periodo si costituisce quando nessuna impresa è incentivata ad entrare o uscire, si realizza un profitto nullo e la domanda è uguale all'offerta. In monopolio questo è possibile quando RMg Cmg massimizzando il proprio profitto. Una valutazione simile accade anche nel mercato oligopolistico dove ogni impresa desidererà realizzare il massimo profitto possibile tenendo però in considerazione ciò che fanno le altre imprese (equilibrio di Nash). Esaminando ad esempio il modello di Cournot (tipico modello di oligopolio), esso rivela che ciascuna impresa considera fisso il livello di produzione del suo concorrente e poi decide quanto produrre. Supponiamo di osservare due imprese che producono un bene omogeneo. Esse conoscono anche la curva di domanda di mercato. Ognuna delle imprese deve decidere quanto produrre e le decisioni devono essere prese simultaneamente. Il livello di produzione che massimizza il profitto dell'impresa 1 è una funzione decrescente del livello di produzione dell'impresa 2 secondo le previsioni dell'impresa 1 stessa. Questa funzione viene denominata curva di reazione Q 1 Q 2. Lo stesso tipo di analisi si può fare anche per l'impresa 2. L'equilibrio di Cournot si calcola nel punto di intersezione tra le due curve di reazione.

5 Nel punto di equilibrio à la Cournot, nessuno dei concorrenti ha incentivo a cambiare scelta (cioè la quantità 10 nell'esempio). In genere i profitti di Cournot per le imprese sono maggiori di quello in concorrenza perfetta (nullo nel lungo periodo), ma inferiori come somma a quello che avrebbe un unico monopolista. E' possibile osservare come la quantità prodotta in equilibrio nel caso di oligopolio sia inferiore a quello prodotta nel caso di perfetta concorrenza. L'efficienza sia produttiva che allocativa è egualmente a metà strada tra la situazione di concorrenza perfetta e quella di monopolio. Quanto descritto spiega perché talvolta le imprese in oligopolio si mettono d'accordo per formare un cartello collusivo che si comporta come un unico monopolista per massimizzare i propri profitti. Tale pratica è vietata dalle norme antitrust proprio in virtù della maggiore efficienza dell'oligopolio à la Cournot rispetto al monopolio. 2) Considerate un consumatore che desidera massimizzare la sua utilità U(x,y) dato un vincolo di bilancio. Cosa si intende per soluzione d angolo? Fate un esempio grafico qui sotto. Per quali tipologie di beni le soluzioni d angolo possono verificarsi e perchè? L'obiettivo del consumatore è quello di massimizzare l'utilità (ossia la soddisfazione che si trae dal consumo di un paniere) dato il reddito di cui dispone. La scelta ottimale deve soddisfare due condizioni: i) il paniere scelto deve giacere sulla retta di bilancio. In altri termini, tutto il reddito disponibile deve essere speso per l'acquisto dei beni che costituiscono il paniere ottimale. ii) il consumatore sceglie quella combinazione di beni che massimizza la propria utilità. Ciò significa che il paniere scelto deve essere posizionato sulla curva di indifferenza più esterna possibile.

6 L'utilità marginale misura la maggior soddisfazione che si trae dal consumo di una unità addizionale di un bene. Se la variazione della quantità del bene è infinitesimale, l'utilità marginale corrisponde alla derivata dell'utilità complessiva del consumatore rispetto alla quantità del bene. In generale l'utilità marginale è decrescente poiché all'aumentare del consumo di un bene, l'ulteriore soddisfazione che si trae dal consumo di unità aggiuntive diminuisce. La condizione di ottimo dimostra che il saggio marginale di sostituzione è uguale al rapporto tra l'utilità marginale di x 1 e l'utilità marginale di x 2. Inoltre dato che la pendenza della retta di bilancio è data dal rapporto tra i prezzi dei due beni con segno negativo ( p 1 /p 2 ), mentre la pendenza della curva di indifferenza è data dal saggio marginale di sostituzione (SMS), la soddisfazione del consumatore è massima quando il saggio marginale di sostituzione tra x 1 e x 2 è uguale al rapporto tra i prezzi dei due beni. Ciò corrisponde ad affermare che il beneficio marginale (o utilità marginale) è uguale al costo marginale (rapporto tra i prezzi) associato al consumo di una unità aggiuntiva di bene. Mettendo insieme queste due condizioni, si ottiene la soluzione al problema di ottimizzazione del consumatore. Graficamente, ciò corrisponde ad individuare quel punto in cui la curva di indifferenza più esterna tocca la retta di bilancio. In generale, i panieri bilanciati (costituiti da combinazioni di diversi beni) sono preferiti e corrispondono alle cosiddette "soluzioni interne". In tal caso, la curva di indifferenza è tangente alla retta di bilancio, ossia le due curve hanno la stessa pendenza e si toccano in un solo punto. Fanno eccezione le cosiddette "soluzioni d'angolo" in cui la curva di indifferenza più esterna tocca il vincolo di bilancio in una delle sue intercette (ma le due curve non sono tangenti) e il paniere ottimale è costituito da un solo bene ( x 1 nel caso in cui la curva di indifferenza più esterna tocca il vincolo di bilancio nel punto di intercetta orizzontale o x 2 se la curva di indifferenza più esterna tocca il vincolo di bilancio nel punto di intercetta verticale). In tal caso il saggio marginale di sostituzione del consumatore non è uguale al rapporto tra i prezzi per tutti i livelli di consumo. Il motivo è legato al fatto che i consumatori talvolta comprano in condizioni estreme, almeno entro certe categorie di beni. Nella figura viene indicata la relazione tra crema di gelato e yogurt. Per identificare le condizioni in cui i consumatori scelgono di non consumare un particolare bene si può usare l'analisi delle curve di indifferenza. Il punto B rappresenta il punto di massima soddisfazione ed in quel punto il SMS di gelato rispetto allo yogurt è maggiore della pendenza della retta di bilancio. Questa disuguaglianza rivela che se il consumatore disponesse di un maggiore quantità di yogurt a cui rinunciare, egli sarebbe felice di cederlo in cambio di una quantità addizionale di gelato. In questo punto però il consumatore sta già consumando tutto il gelato e non consuma yogurt ed è impossibile consumare quantità negative di yogurt.

7 Conseguentemente quando insorge una soluzione d'angolo, il SMS del consumatore non è necessariamente uguale al rapporto tra i prezzi. La condizione necessaria affinchè la soddisfazione sia massimizzata quando si sceglie come in questo caso tra yougurt e gelato è data: SMS P G P Y La condizione si invertirebbe se la soluzione d'angolo si situasse nel punto A anzichè nel punto B. In entrambi i casi si può vedere che l'uguaglianza tra beneficio marginale e costo marginale è valida soltanto quando vengono consumate quantità positive di entrambi i bnei. Un esempio di soluzioni d'angolo potrebbe essere nella realtà la spesa per l'istruzine universitaria (fondo fiduciario) rispetto ad altri beni di consumo (vedi esempio 3.4 nel libro di testo). 3) Date la definizione formale di potere di mercato e spiegatene il significato economico. In quali mercati esso e' rilevante e perchè? Quale indice si usa per indicare il potere di mercato? Alla base della politica della concorrenza, vi è l'idea che le situazioni di monopolio siano poco desiderabili, in quanto i prezzi di monopolio generano una perdita di benessere sociale rispetto ai prezzi concorrenziali. Generalmente esiste una relazione inversa tra il potere di mercato (di cui il potere di monopolio rappresenta la forma più estrema) ed il benessere sociale. Il concetto di potere di mercato, cruciale ai fini della politica della concorrenza fa riferimento alla capacità di una impresa di aumentare in modo profittevole il prezzo al di sopra di un certo livello di riferimento. Poiché il più basso prezzo che un'impresa possa praticare è uguale al costo marginale di produzione, il potere di mercato è di solito definito in funzione della differenza tra i prezzi praticati da un'impresa e i suoi costi marginali di produzione. Il concetto di potere di mercato identifica potenzialmente una ampia classe di situazioni nelle quali le imprese sono in grado competendo in modo più o meno intenso, di praticare dei prezzi superiori ai costi. Un qualche grado di potere di mercato caratterizza la maggior parte dei mercati oligopolistici, mentre la situazione nella quale il potere di mercato risulta massimo corrisponde al monopolio senza possibilità di entrata di altri concorrenti. Un'analisi di questo tipo permette inoltre di distinguere tra un'impresa posta nel caso di perfetta concorrenza e un'impresa dotata di potere monopolistico. Il potere di mercato (e quindi i prezzi e i profitti) dovrebbero essere gradualmente più elevati in industrie con sostanziali barriere all'entrata che riducono la concorrenza effettiva e potenziale. Perciò un metodo naturale per misurare il potere monopolistico consiste nell'esaminare il grado a cui il prezzo che massimizza il profitto supera il costo marginale. In particolare è possibile usare il mark-up (prezzo meno costo marginale diviso prezzo) come misura del potere di mercato dell'impresa che dipende dalla elasticità della domanda rispetto al prezzo. E' possibile derivare tale coefficiente, altresì denominata indice di Lerner partendo dal ricavo medio: R Q P Q Q da cui è possibile ricavare il ricavo marginale, R Q P Q P Q moltiplicando al numeratore e al denominatore il secondo membro della funzione, otteniamo:

8 R Q P P Q P P Q P 1 1 E d dove E d indica l'elasticità della domanda rispetto al prezzo che è uguale a: E d P Q Q P Uguagliando successivamente il ricavo e il costo marginale, R Q C Q, P 1 1 E d C Riordinando otteniamo. P C P 1 E d Questa relazione fornisce quindi una regola pratica per la determinazione del prezzo. Il primo membro è il mark-up sul costo marginale, espresso come percentuale del prezzo. La relazione spiega che tale indice dovrebbe essere uguale al reciproco dell'elasticità della domanda rispetto al prezzo (con segno negativo). E' possibile riorganizzare l'equazione esprimendo direttamente il prezzo come un mark-up sul costo marginale, P C 1 1 E d Se in un mercato perfettamente concorrenziale il prezzo coincide con il costo marginale, in monopolio il prezzo sarà maggiore del costo marginale ma di una quantità inversamente proporzionale all'elasticità della domanda. Quindi se la domanda è estremamente elastica, E d è un numero negativo grande in valore assoluto e il prezzo sarà molto vicino al costo marginale in questo caso un mercato monopolistico apparirà simile ad un mercato concorrenziale (nel caso di una domanda elastica essere un monopolista non è molto vantaggioso). ESERCIZI: (indicate e spiegate i vari passaggi) 1: Un consumatore trae utilità dal consumo del bene x e del bene y con questa forma funzionale 2 U xy

9 Il prezzo del bene x è px ed il prezzo del bene y è py. Il reddito del consumatore è M=1200. a) Determinare la funzione di domanda ottima del bene x e del bene y b) Si consideri ora, solo il mercato del bene x. Ipotizzando che nel mercato vi siano quattro consumatori identici, la cui funzione di domanda individuale per il bene x è quella determinata al punto a) dell esercizio, ricavare la funzione di domanda aggregata, Q. c) La funzione di offerta sul mercato del bene x è Qx px. Determinare l equilibrio di mercato e calcolare la spesa dei consumatori. d) Mostrare graficamente il surplus del consumatore e la spesa dei consumatori. e) Calcolare l elasticità della domanda nel punto di equilibrio. Commentare. O D x a) Il saggio marginale di sostituzione tra x e y è: SMS x,y y2 2xy lo eguagliamo al rapporto p x /p y tale che y 2 2xy p x p y ed esplicitiamo la domanda del bene y in funzione del bene x, y 2 p x p y x Considerando quindi il vincolo di bilancio ( p x x p y y 1200 ) e sostituendo l'espressione trovata per y, p x x p y 2 p x p y x p x x 1200 quindi x 400 p x ; y 800 p y

10 b) La curva di domanda di mercato si ottiene sommando le curve di domanda dei singoli consumatori. Quindi se la domanda del bene x per un generico individuo rappresentativo è uguale a 400/p x, la domanda di mercato ( Q x D ) composta da 4 individui identici sarà 4 400/p x 1600/p x. c) L'equilibrio di mercato si ottiene quando la domanda è uguale all'offerta, cioè: Q x D Q x O esplicitando i termini in esame: 1600 p x p x otteniamo che: p x 40. Esso rappresenta il prezzo di equilibrio per il bene x. Fissato questo prezzo, la quantità di bene x prodotta sarà 1600/ La spesa del consumatore (indicata nel grafico sotto) sarà quindi l'area determinata dal prodotto p x x d) Definiamo il surplus del consumatore come il beneficio totale derivante dal consumo di un prodotto al netto del costo totale sostenuto per comprarlo. In particolare si misura come la differenza tra il prezzo massimo che un individuo è disposto a pagare per un bene e il prezzo che quel consumatore paga effettivamente: Graficamente mostriamo che per l'intero mercato la rendita del consumatore fissando il prezzo p x a p 1 è misurata dall'area della regione sotto la curva di domanda indicata da A. La spesa effettiva è invece il rettangolo sotto con base Oq 1. Una riduzione del prezzo da p 1 a p 2 induce un aumento della rendita

11 da A a ABC. e) Conduciamo l'analisi prendendo come riferimento il bene x. L'elasticità della domanda x rispetto a p x è data da: E x,p x x p x p x x e sostituendovi i valori specifici calcolati si ricava che: E x,p x 400 p x 2 p x x 400 p x x tale espressione ha segno algebrico negativo e ciò indica che il bene x è un bene normale, ossia la sua domanda diminuisce all'aumentare del proprio prezzo, ceteris paribus. 2: Considerate il gioco rappresentato nella seguente matrice dei pagamenti dove A1 e A2 sono le strategie a disposizione di A e B1 e B2 le strategie a disposizione di B. 1. Date la definizione di Strategia Dominante. 2. Verificate se i giocatori della matrice hanno una strategia dominante. 3. Date la definizione di Equilibrio in strategie dominanti. 4. Date la definizione di Equilibrio di Nash. 5. Cosa possiamo dire sull equilibrio della matrice? 1) Definiamo una strategia dominante come una strategia che è ottimale per un giocatore indipendentemente da ciò che fanno gli avversari. 2) Il gioco proposto dimostra l'esistenza di strategia dominanti per entrambi i giocatori. La matrice illustra i potenziali equilibri del gioco. Consideriamo per primo l'individuo A. Egli dovrebbe scegliere

12 chiaramente la strategia A 1. Perchè? Se B sceglie B 1, A guadagna 3 se sceglie A 1 ma soltanto 2 se sceglie A 2. Se B sceglie B 2, A guadagna 9 se sceglie A 1 ma soltanto 7 se sceglie A 2. Un ragionamento analogo è possibile effettuarlo per l'individuo B la cui strategia dominante è invece B 1 indipendentemente da ciò che A decide di scegliere. 3) Quando ogni giocatore ha una strategia dominante l'esito del gioco è un equilibrio in strategia dominanti. Quindi l'equilibrio in strategie dominanti si definisce come l'esito di un gioco in cui ciascuna impresa fa meglio che può indipendentemente da ciò che fanno le imprese concorrenti. 4) A differenza della precente definizione, l'equilibrio di Nash è un insieme di strategie tali che ogni giocatore intraprende la scelta ottima dato (e non indipendentemente da) quello che fanno gli altri. 5) Se A sceglie A 1, egli guadagna 3 se B sceglie B 1 e 9 se B sceglie B 2. Se scegliesse A 2 guadagnerebbe rispettivamente 2 se B sceglie B 1 e 7 se B sceglie B 2. Un'analisi analoga si può condurre per l'individuo B nella scelta di B 1. Tale analisi rivela che esiste un equilibrio di Nash ( A 1 ;B 1 ).

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

OLIGOPOLIO. Introduzione

OLIGOPOLIO. Introduzione OLIGOPOLIO Introduzione Nelle precedenti lezioni abbiamo visto differenti forme di mercato quali la concorrenza perfetta e il monopolio. Queste due strutture di mercato sono assai diverse 1, tuttavia entrambe

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 12 Il monopolio. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 12 Il monopolio IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza fondamentale

Dettagli

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale)

Oligopolio. G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio G. Degli Antoni 26/2/2014 (Economia Applicata/Industriale) Oligopolio In Oligopolio le imprese possono produrre beni sostanzialmente omogenei, oppure differenziati (automobili, bibite, giornali)

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA

ESERCITAZIONE 8: GIOCHI SEQUENZIALI, ASIMMETRIE INFORMATIVE ED ESTERNALITA MICRECNMI CLE.. 003-004 ssistente alla didattica: Elena rgentesi ESERCITZINE 8: GICHI SEUENZILI, SIMMETRIE INFRMTIVE E ESTERNLIT Esercizio : Giochi sequenziali e minacce credibili Si consideri un mercato

Dettagli

La Concorrenza Monopolistica

La Concorrenza Monopolistica La Concorrenza Monopolistica Caratteristiche Molteplicità di imprese Libertà di entrata (entreranno imprese finché vi sarà possibilità di profitti positivi). L entrata di nuove imprese favorisce i consumatori

Dettagli

Il monopolio (Frank, Capitolo 12)

Il monopolio (Frank, Capitolo 12) Il monopolio (Frank, Capitolo 12) IL MONOPOLIO Il monopolio è una forma di mercato in cui un unico venditore offre un bene che non ha stretti sostituti, ad una moltitudine di consumatori La differenza

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla

Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015. Domande a risposta multipla Esercitazione 9 Dott.ssa Sabrina Pedrini 29/04/2015 Domande a risposta multipla 1) Il primo teorema dell economia del benessere sostiene che: a) L equilibrio competitivo dipende dal potere contrattuale

Dettagli

9 a Esercitazione: soluzioni

9 a Esercitazione: soluzioni 9 a Esercitazione: soluzioni Corso di Microeconomia K, a.a. 009 00 Monica Bonacina (monica.bonacina@unibocconi.it) Corso di Microeconomia L Z, a.a. 009 00 Stefania Migliavacca (stefania.migliavacca@enicorporateuniversity.eni.it)

Dettagli

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008

ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 ESERCITAZIONI per il corso di ECONOMIA DELL ARTE E DELLA CULTURA 1 1 MODULO (prof. Bianchi) a.a. 2007-2008 A. Il modello macroeconomico in economia chiusa e senza settore pubblico. A.1. Un sistema economico

Dettagli

"ESERCIZI-TIPO" i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo:

ESERCIZI-TIPO i video con la soluzione sono scaricabili all'indirizzo: Università degli Studi di Catania Dipartimento di Economia e Impresa - Corso di Laurea in Economia Insegnamento di Microeconomia - Prof. Roberto Cellini "ESERCIZI-TIPO" CHE IL DOCENTE ILLUSTRA E RISOLVE

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin

Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Economia e Politica economica nei mercati globali S. Papa spapa@unite.it Lezione 2: Teoria del commercio internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo

Dettagli

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi

Economia Politica. Il monopolio. Cap 15. Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi Economia Politica Appunti delle lezioni Fabiano Schivardi testo di riferimento: Mankiw, Principi di economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Cap 15 Il monopolio Inquadramento generale In questa sezione prenderemo

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE

REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE REGOLAZIONE (E TASSAZIONE OTTIMALE) DI UN MONOPOLIO CON PIÙ LINEE DI PRODUZIONE Nella Sezione 16.5 abbiamo visto come un regolatore che voglia fissare il prezzo del monopolista in modo da minimizzare la

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici

L oligopolio a.a. 2008/2009. Dott. Laura Vici L oligopolio a.a. 008/009 Dott. Laura Vici Esercitazioni: giovedì 9:00-11:00, Aula A, Via Berti Pichat, 6 Ricevimento: giovedì 1:00-15:00 Dipartimento di Scienze Economiche- Strada Maggiore, 45 Studion.

Dettagli

= 8.000 + 2.000 = 5.000.

= 8.000 + 2.000 = 5.000. Esercizio 1 Consideriamo il mercato delle barche usate e supponiamo che esse possano essere di due tipi, di buona qualità e di cattiva qualità. Il valore di una barca di buona qualità è q = 8000, mentre

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli

Le preferenze e la scelta

Le preferenze e la scelta Capitolo 3: Teoria del consumo Le preferenze e la scelta 1 Argomenti trattati in questo capitolo Usiamo le preferenze dei consumatori per costruire la funzione di domanda individuale e di mercato Studiamo

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali

Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali Università degli Studi di Macerata Dipartimento di Scienze politiche, della Comunicazione e delle Relazioni internazionali ECONOMIA MODULO TEORIA A.A. 2013/2014 IL O Fabio Clementi E-mail: fabio.clementi@unimc.it

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

Introduzione all economia

Introduzione all economia Introduzione all economia 4.X.2005 Macro e microeconomia La teoria economica è divisa in due sezioni principali: la microeconomia e la macroeconomia La microeconomia studia il comportamento dei singoli

Dettagli

12.4 Risposte alle domande di ripasso

12.4 Risposte alle domande di ripasso Il monopolio 81 12.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Controllo su input fondamentali; economie di scala; brevetti; economie di rete; licenze governative. Nel lungo periodo il controllo sugli input

Dettagli

Per sostenere l esame e NECESSARIO iscriversi attraverso la procedura informatica prevista. Non saranno ammesse eccezioni.

Per sostenere l esame e NECESSARIO iscriversi attraverso la procedura informatica prevista. Non saranno ammesse eccezioni. Iscrizione Per sostenere l esame e NECESSARIO iscriversi attraverso la procedura informatica prevista. Non saranno ammesse eccezioni. Numero di prove Si possono sostenere non piu di 4 prove di esame nel

Dettagli

13.4 Risposte alle domande di ripasso

13.4 Risposte alle domande di ripasso 86 Capitolo 13 13.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Il modello di Cournot è incentrato sull ipotesi che ciascuna impresa consideri costante il livello attuale di output delle concorrenti. Il modello

Dettagli

MONOPOLIO, MONOPOLISTA

MONOPOLIO, MONOPOLISTA Barbara Martini OBIETTIVI IL SIGNIFICATO DI MONOPOLIO, IN CUI UN SINGOLO MONOPOLISTA È L UNICO PRODUTTORE DI UN BENE COME UN MONOPOLISTA DETERMINA L OUTPUT ED IL PREZZO CHE MASSIMIZZANO IL PROFITTO LA

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ.

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ. 4. IMPRESA 4.1. Un isoquanto è: 1) L'insieme delle combinazioni di due beni il cui costo per il consumatore è costante 2) L'insieme delle combinazioni dei fattori della produzione che comportano il medesimo

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale

Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 10: Il problema del consumatore: Preferenze e scelta ottimale Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Scelta

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

Teoria dei Giochi. Anna Torre

Teoria dei Giochi. Anna Torre Teoria dei Giochi Anna Torre Almo Collegio Borromeo 14 marzo 2013 email: anna.torre@unipv.it sito web del corso:www-dimat.unipv.it/atorre/borromeo2013.html IL PARI O DISPARI I II S T S (-1, 1) (1, -1)

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Il comportamento del consumatore

Il comportamento del consumatore Il comportamento del consumatore Le preferenze del consumatore I vincoli di bilancio La scelta del consumatore Preferenze rivelate Utilità marginale e scelta del consumatore 1 Teoria del comportamento

Dettagli

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto

MONOPOLIO. 1. Massimizzazione del Profitto MONOPOLIO Quando nel mercato c è una sola impresa, difficilmente questa accetta il prezzo di mercato come dato. Il monopolista può infatti influire sul prezzo di mercato (price-maker) e quindi sceglie

Dettagli

Capitolo 3. La domanda e l'offerta

Capitolo 3. La domanda e l'offerta Capitolo 3 La domanda e l'offerta Domanda e offerta sono parte di un modello che punta a spiegare in che modo vengono determinati i prezzi in un sistema di mercato I mercati Un mercato è un gruppo di acquirenti

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato

Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Unità 3 I mercati e le ipotesi di fallimento del mercato Sommario Mappa grafica dei contenuti proposti dalla scheda Abstract Obiettivi d apprendimento specifici alla scheda 1. Equilibrio di mercato 2.

Dettagli

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata

Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata CAPITOLO 1 Equilibrio di mercato e analisi di statica comparata Esercizio 1.1. Si consideri un mercato per un determinato bene. La curva di offerta delle imprese è Q S = 60 + p, quella di domanda dei consumatori

Dettagli

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust?

Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone e Rockerduck: a cosa serve l antitrust? Paperone Anna Torre, Rockerduck Ludovico Pernazza 1-14 giugno 01 Università di Pavia, Dipartimento di Matematica Concorrenza Due imprese Pap e Rock operano

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

Oligopolio non cooperativo

Oligopolio non cooperativo Oligopolio non cooperativo Introduzione Gianmaria Martini La teoria dell'oligopolio non cooperativo studia l'interazione strategica tra imprese che hanno potere di mercato (sono quindi price maker), sono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES

INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005. Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES INTRODUZIONE ALLA MICROECONOMIA [F O] / Prova finale 14 Gennaio 2005 A Nome.. Cognome. Matricola. Corso di laurea: CLEMI CLEA CLSES Istruzioni: rispondete alle domande segnando con una crocetta la lettera

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

La curva di offerta. La curva di offerta

La curva di offerta. La curva di offerta La curva di offerta La curva di offerta Un diagramma che mostra la quantità di un bene che i venditori desiderano vendere per un dato prezzo rapporto tra prezzo e quantità offerta Ha pendenza positiva

Dettagli

La scelta in condizioni di incertezza

La scelta in condizioni di incertezza La scelta in condizioni di incertezza 1 Stati di natura e utilità attesa. L approccio delle preferenza per gli stati Il problema posto dall incertezza riformulato (state-preference approach). L individuo

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia

Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Esercizi svolti per l esame di Microeconomia Università di Bari aa. 014-15 CL Economia e Commercio CL Scienze Statistiche Es. 3.1 Concorrenza perfetta In un mercato in concorrenza perfetta in equilibrio

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Differenziazione del prodotto Differenziazione

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli

Esercitazione del 5/10/09

Esercitazione del 5/10/09 Esercitazione del 5/10/09 A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) Corso di Microeconomia, Docente Luigi Marattin 1 Esercizi. 1.1 Le curve di domanda e di offerta in un dato mercato sono date da:

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

Una tassonomia dei mercati

Una tassonomia dei mercati Monopolio capitolo 15 Una tassonomia dei mercati concorrenza perfetta monopolio oligopolio concorrenza monopolistica 1 Concorrenza perfetta tanti venditori, tanti compratori bene omogeneo (identico o perfettamente

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

5.4 Risposte alle domande di ripasso

5.4 Risposte alle domande di ripasso 34 Capitolo 5 5.4 Risposte alle domande di ripasso 1. Poiché in seguito all applicazione dell imposta la benzina diventerà comunque relativamente più costosa rispetto ad altri beni, i consumatori tenderanno

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3)

La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) La scelta razionale del consumatore (Frank - Capitolo 3) L'INSIEME OPPORTUNITÁ E IL VINCOLO DI BILANCIO Un paniere di beni rappresenta una combinazione di beni o servizi Il vincolo di bilancio o retta

Dettagli

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA. L oligopolio. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA L oligopolio Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Π 1 = P Q 1 2 Secondo i criteri adottati, l oligopolio può essere definito come quella forma di mercato composta da un numero

Dettagli

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo

Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 14 Equilibrio economico generale (efficienza nello scambio) e fallimenti del mercato Facoltà di Scienze della Comunicazione

Dettagli

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6

Indice. 1 La disoccupazione ---------------------------------------------------------------------------------------- 3. 2 di 6 INEGNAMENO DI EONOMIA OLIIA LEZIONE VIII IL EORE DELL OUAZIONE ROF. ALDO VAOLA Economia olitica Indice 1 La disoccupazione ----------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta

Capitolo 8. Il monopolio e la concorrenza imperfetta Capitolo 8 Il monopolio e la concorrenza imperfetta In alcuni casi, è ragionevole pensare che le imprese possano influenzare il prezzo Oppure, in alcuni casi è ragionevole aspettarsi che le imprese prendano

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

I ricavi ed i costi di produzione

I ricavi ed i costi di produzione I ricavi ed i costi di produzione Supponiamo che le imprese cerchino di operare secondo comportamenti efficienti, cioè comportamenti che raggiungono i fini desiderati con mezzi minimi (o, che è la stessa

Dettagli

La concorrenza perfetta

La concorrenza perfetta La concorrenza perfetta Caratteristiche POLVERIZZAZIONE DEL MERCATO: molti piccoli acquirenti e produttori, incapaci di influire sul prezzo di mercato OMOGENEITÀ DI PRODOTTO : le imprese producono beni

Dettagli

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore.

Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Microeconomia, Esercitazione 3 Effetto reddito, sostituzione, variazione compensativa, domanda di mercato, surplus del consumatore. Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Se nel mercato

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

Economia Pubblica il Monopolio Naturale

Economia Pubblica il Monopolio Naturale Economia Pubblica il Monopolio Naturale Giuseppe De Feo Università degli Studi di Pavia email: giuseppe.defeo@unipv.it Secondo Semestre 2011-12 Outline il Monopolio Naturale Il problema del Monopolio Naturale

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale

Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale Università degli Studi di Teramo Corso di Laurea in Scienze del Turismo e dell'organizzazioni delle Manifestazioni Sportive Economia Politica Prof. Paolo Di Giannatale A. A. 2011/2012 1 Le scelte del consumatore

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza

Corso di Economia Politica prof. S. Papa. Lezione 17: Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 17: Il monopolio Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Concorrenza imperfetta La concorrenza perfettaè una forma di mercato identificata dalla

Dettagli