COMUNICAZIONE e VENDITA in Farmacia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNICAZIONE e VENDITA in Farmacia"

Transcript

1 Corso di formazione ECM COMUNICAZIONE e VENDITA in Farmacia (COMUNICAZIONE è VENDITA) Corso teorico di base COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata Programma 1- Elementi di Marketing Obiettivi e strumenti di Marketing Il punto vendita e il consumatore Bisogni e motivazioni d acquisto 2 La Comunicazione Tipologie e schema della comunicazione Valenza suggestiva delle parole Il linguaggio non verbale 3 La vendita assistita Le tappe di una vendita assistita Domande e obiezioni Comportamento relazionale 4 - Il cliente interno La leadership ll teamwork Tipologie di farmacista COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 2

2 Introduzione Questa sessione si prefigge di riflettere insieme su alcuni aspetti che spesso vengono sottovalutati. Non sono leggi matematiche ma derivano da attente analisi sui comportamenti delle persone, che hanno radici antichissime, anche se gli studi della moderna comunicazione hanno rivoluzionato questo universo. Ciò che ci proponiamo è di fornirvi qualche fondamento per analizzare i vostri comportamenti, quelli dei vostri collaboratori e dei clienti. Naturalmente molti degli argomenti potranno essere approfonditi in sessioni di formazione ad hoc. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 3 1- Elementi di Marketing a - Obiettivi e strumenti di Marketing b - Il punto vendita e il consumatore c - Bisogni e motivazioni d acquisto COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 4

3 Elementi di Marketing Prima di dare una definizione del termine marketing è giusto porsi la domanda: Qual è la mission di un azienda? Si potrebbe facilmente rispondere: guadagnare! COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 5 Elementi di Marketing In termini di Marketing in realtà il fine di un azienda è quello di soddisfare i bisogni del mercato/cliente (soddisfazione fedeltà) e il guadagno è ciò che ne scaturisce (Robinson Fraser) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 6

4 Elementi di Marketing Cos e` il Marketing? L insieme delle attività svolte su un mercato, che hanno come obiettivo : -prevedere -identificare - soddisfare i bisogni del cliente in maniera profittevole COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 7 Elementi di Marketing Confluenza di elementi di discipline diverse Psicologia Statistica Sociologia Informatica Marketing Economia Comunicazione COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 8

5 Elementi di Marketing Cosa fa il Marketing? - analizza il mercato, per capire quali siano i servizi desiderati dal cliente (dati, ricerche di mercato) - stimola la domanda, per avvicinare e fidelizzare il cliente, utilizzando gli strumenti/le attività più idonee COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 9 Elementi di Marketing Conoscere il cliente è il fattore critico di successo di un azienda moderna. VENDITA marketing CLIENTE marketing FARMACISTA marketing FARMACIA Essere Marketing oriented significa orientare i propri comportamenti alle aspettative del cliente COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 10

6 Elementi di Marketing Il Marketing sul punto vendita L applicazione de i concetti di Marketing in un punto vendita ha l obiettivo di sfruttare gli investimenti dell industria : -interni(ricerche di mercato) -esterni(pubblicità informazione scient.) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 11 Elementi di Marketing Il Marketing sul punto vendita Gli investimenti dell industria generano : - conoscenza del marchio (brand awareness) acquisto spontaneo -fedeltàal marchio(brand loyalty) acquisto protratto nel tempo COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 12

7 Elementi di Marketing Il Marketing sul punto vendita Il ciclo di vita di un prodotto è rappresentato dall area sottesa alla curva e corrisponde alla conoscenza del marchio : fatturato crescita introduzione maturità declino studio tempo. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 13 Elementi di Marketing Il Marketing sul punto vendita E un dato acquisito l interazione diretta tra esposizione e vendita Aumento della scelta da parte dei clienti di servirsi in Punti Vendita a libero servizio Aumento degli acquisti non pianificati COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 14

8 Elementi di Marketing Il Marketing in farmacia Oggi in media in farmacia, considerando i prodotti di libera vendita: il 94% degli acquisti è da considerare «programmato» solo il 6% viene stimolato all interno del punto vendita La farmacia ha ancora ampi margini di miglioramento rispetto agli altri canali COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 15 Elementi di Marketing Il Marketing in farmacia Il POP (Point of Purchase) è l insieme delle informazioni e comunicazioni nel punto vendita che influenzano e/o assistono il cliente nella scelta di un prodotto Il 75% delle decisioni d acquisto vengono influenzate dal POP COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 16

9 Elementi di Marketing Il Marketing in farmacia L efficacia del POP si esprime in 4 livelli di comunicazione: Esterno Interno Ripiano Prodotto Vetrina Merchandising Segnaletica Packaging COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 17 Elementi di Marketing Il Marketing in farmacia La COMUNICAZIONE INTEGRATA INTERNO/ ESTERNO è l arma più efficace per aumentare la fidelizzazione del cliente, anche in presenza di minore qualità di servizio/offerta Messaggi comunicazionali coerenti e univoci Farmacia Personale COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 18

10 Elementi di Marketing Il punto vendita e il consumatore Il consumatore ha inconsapevolmente recepito dalla GDO, negli ultimi anni, un modo ben specifico di gestire dell esposizione. Il PV è un luogo di conoscenza e di apprendimento per il consumatore, soprattutto quello inesperto. Nella grande maggioranza dei casi, il cliente entra in farmacia per soddisfare un bisogno, non per comprare un prodotto (che è il risultato). Il farmacista lo deve aiutare nella soddisfazione del suo bisogno. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 19 Elementi di Marketing Effetti delle varietà sulle scelte dei consumatori Assortimenti abbondanti Assortimento ottimizzato Scelta complessa Scelta facilitata Confusione inconsapevole Stimolo Posticipazione Acquisto Ottimizzazione del rapporto tempo / acquisto COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 20

11 Elementi di Marketing Strumenti di Marketing Il MERCHANDISING è l insieme delle tecniche e attività, basate su analisi di mercato e di comportamento dei consumatori, che hanno il fine di ottimizzare lo spazio espositivo per aumentare le vendite COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 21 Elementi di Marketing Strumenti di Marketing Il CATEGORY MANAGEMENT gestisce l esposizione secondo criteri di suddivisione merceologica/ terapeutica e di segmentazione della clientela COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 22

12 Elementi di Marketing Strumenti di Marketing Le tecniche di Merchandising e Category Man. permettono allo spazio espositivo di assumere un ruolo attivo nella gestione del punto vendita e rispondere alle esigenze del cliente: - soddisfare il proprio bisogno - essere guidato nell acquisto. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 23 Elementi di Marketing CLIENTE Strumenti di Marketing Acquista prodotto da banco OUT Acquista parafarmaco Non acquista prodotti da banco/ parafarmaci Vuole acquistare un farmaco RR Efficacia comunicazione ed esposizione Adeguato supporto del farmacista Occasione di cross selling persa IN Vuole acquistare un OTC o parafarmaco Conoscenza del marchio Efficace comunicazione ed esposizione Adeguato supporto del farmacista Scarso assortimento Scarsa informazione Scarsa visibilità Scarsa attenzione del farmacista Vuole info per acquistare un OTC o parafarmaco Adeguato supporto del farmacista Efficace comunicazione ed esposizione Occasione di vendita mancata COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 24

13 Elementi di Marketing Scala di Maslow I bisogni AUTOREALIZZAZIONE (evoluzione) Scala di Alderfer Ambizioni di crescita Psicologici RICONOSCIMENTO (prestigio - carisma) APPARTENENZA (amicizia gruppi) Relazioni umane Fisiologici SICUREZZA (stabilità lavoro casa) PRIMARI (salute benessere) Esistenza COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 25 Elementi di Marketing Processo dei bisogni e motivazioni Stimolo Bisogno Motivazione Analisi Acquisto Postvalutazione razionalizzazione Es. : fame-cibo-dieta Uno dei compiti importanti del farmacista è stimolare i bisogni (anche inespressi) del cliente, per far scattare il processo d acquisto COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 26

14 Elementi di Marketing Motivazionidiacquisto RAZIONALI IRRAZIONALI Sicurezza Comodità Prezzo Novità Autostima Simpatia/fedeltà COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 27 Elementi di Marketing Motivazionidiacquisto Sicurezza Il cliente vuole acquistare un prodotto di comprovata efficacia ma soprattutto al sicuro da rischi collaterali Rassicurare il cliente che ha paura delle novità COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 28

15 Elementi di Marketing Motivazionidiacquisto Comodità Il cliente vuole acquistare un prodotto con caratteristiche tecniche semplici e di elevata funzionalità e praticità Insistere sul profilo comfort e spiegare il prodotto in maniera semplice COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 29 Elementi di Marketing Motivazionidiacquisto Prezzo Il cliente vuole acquistare un prodotto economico, o un offerta promozionale Approntare una politica di assortimento con prodotti e promozioni che soddisfino anche questo segmento clienti COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 30

16 Elementi di Marketing Motivazionidiacquisto Autostima Il cliente vuole acquistare un prodotto con un profilo elevato dal punto di vista prezzo e notorietà (grande marca) per differenziarsi ed ostentare Dare valore al prodotto ed alla scelta, lusingando il cliente COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 31 Elementi di Marketing Novità Motivazionidiacquisto Il cliente vuole acquistare un prodotto innovativi per un bisogno di cambiamento e di sentirsi al passo coi tempi Consigliare con una certa attenzione alla dinamicità del mercato e distribuire spesso campioni prova COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 32

17 Elementi di Marketing Motivazionidiacquisto Simpatia/fedeltà Il cliente vuole acquistare un prodotto o una marca specifica a cui è legato da tempo Mostrare sempre attenzione al cliente perché la sua fedeltà al prodotto è legata spesso ad una fedeltà alla farmacia/farmacista COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 33 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Oggi in Italia entrano circa 3 milioni di persone al giorno, con una frequenza che può essere così ripartita: 26% 14% alta media bassa 14% una volta/settim 60% 1 volta / mese 60% 26% 1-2 volte / anno Fonte Indagine Federfarma 2005 Osserv. extrafarmaco Utifar 2005 COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 34

18 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore IDENTIKIT ALTA FREQUENZA BASSA FREQUENZA donne uomini casalinghe o pensionate professionisti/dirigenti > 45 anni < 45 anni comuni < 10 mila ab. città > 100 mila ab. istruzione medio/bassa istruzione medio/alta COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 35 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore 34% Fedeltà alla stessa farmacia Stesso IDENTIKIT di cliente 66% Alta Bassa COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 36

19 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Criteri di scelta di una farmacia prossimità all abitazione prossimità al posto di lavoro competenza/professionalità disponibilità/cortesia assortimento ambiente/spazio vendita logistica servizio marketing COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 37 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore 12,7% solo in farmacia 26,5% 60,8% anche al supermercato anche altri punti vendita Abitudine di acquisto extrafarmaco COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 38

20 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore 17,4% 45,1% spesso a volte raramente 37,5% Frequenza di acquisto extrafarmaco in farmacia COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 39 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Percezione dell immagine sociale della farmacia 13% 1% 42% 44% ottima buona/suff. scarsa pessima motivazioni positive motivazioni negative -personale competente 72% - prezzi alti 72% (in discesa) -comodità, vicinanza 78% - prodotti non per la salute 50% -garanzia, sicurezza 78% -organizzazione ed esposizone 61% (in discesa) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 40

21 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Percezione dell immagine sociale della farmacia -favorevole al modello attuale - esclusività del farmaco 78% -favorevole all allargamento alla GDO 17% -favorevole al modello drugstore americano 5% 5% 17% mod. attuale GDO drugstore 78% Fonte : Indagine Astra feb 2005 COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 41 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Aree di miglioramento in farmacia in ordine di priorità relazioni con i clienti/consiglio servizi /prevenzione / informazione prezzi più bassi /promozioni facilità di self shopping assortimento orari di apertura / weekend-notte COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 42

22 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Forme di comunicazione preferite dal cliente in farmacia consiglio del farmacista vetrine / cartellonistica riviste/opuscoli espositori da banco/terra promoter video sicurezza impatto info dettagliate visibilità informazione fruibilità COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 43 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Categorie di prodotti sui quali il consiglio influenza di più il cliente farmaci da banco vitamine / integratori prodotti naturali igiene intima medicazione cosmetici COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 44

23 Elementi di Marketing Il paziente/consumatore Parli dei tuoi problemi di salute al tuo farmacista? 29% Ricevi dei consigli dal tuo farmacista? 26% Sì, richiesti 6% Sì, non richiesti No 71% 68% Nessun consiglio Comportamenti del consumatore sui prodotti di automedicazione acquistati in farmacia (AESGP, Ipsos, 2002) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 45 Elementi di Marketing Quanto consideri utile il consiglio del Farmacista? Molto utile Abbastanza utile Qualche volta utile % 98% 25.4 Poco utile Di nessuna utilità Problema chiarito Problema non chiarito Comportamenti del consumatore sui prodotti di automedicazione acquistati in farmacia (AESGP, Ipsos, 2002) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 46

24 La vendita assistita Il consiglio del farmacista Il farmacista deve anticipare le evoluzioni del mercato, dimostrando che è il professionista del farmaco e rafforzando il suo ruolo di consiglio, ancora oggi il vero valore aggiunto verso la GDO. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 47 La vendita assistita Il consiglio del farmacista Il farmacista deve far percepire che lui è il professionista del farmaco e che è l unica persona legittimata a : - dare consigli sulla cura dei disturbi lievi - consigliare gli eventuali prodotti associati - dare informazioni complementari (prevenzione, alimentazione, igiene ) - fornire consigli sul prodotto, il suo uso, gli effetti collaterali, la posologia ecc.. => Quanti farmacisti oggi lo fanno sistematicamente? COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 48

25 Elementi di Marketing Importanza della comunicazione IMMAGINE SERVIZIO VALORI PROFESS. POSIZIONAMENTO RAPPORTO CON I COLLABORATORI (coccodè) VENDITE FARMACISTA COMMUNICATION MANAGER RELAZIONI CON I CLIENTI FACILITAZIONE DEL PROCESSO D ACQUISTO COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 49 2 La Comunicazione a - Tipologie e schema della comunicazione b - Valenza suggestiva delle parole c - Il linguaggio non verbale COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 50

26 La comunicazione Evoluzione della comunicazione L arte della comunicazione ha radici antichissime (Platone, Aristotele, Cicerone, ecc..) La COMUNICAZIONE è l atto di trasmettere ad altri (vocabolario Zingarelli) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 51 La comunicazione Evoluzione della comunicazione Se due persone si scambiano un dollaro, hanno un dollaro a testa. Se due persone si scambiano un idea, hanno due idee ciascuno. La COMUNICAZIONE è uno scambio di informazioni che generano un influenzamento reciproco. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 52

27 La comunicazione Evoluzione della comunicazione Non si può non comunicare... Il comportamento è comunicazione... (Watzlawick, 1967 Pragmatica della comunicazione) Parole, silenzio ed ogni tipo di comportamento, attivo o passivo, hanno valore di comunicazione COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 53 La comunicazione Elementi della comunicazione Il processo di comunicazione prevede: un emittente : il soggetto del messaggio un ricevente : l oggetto del messaggio un mezzo : parole, immagini o suoni un codice : il significato una decodificazione : l interpretazione COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 54

28 La comunicazione Elementi della comunicazione Nella comunicazione il fattore critico di successo per raggiungere l obiettivo è conoscere il ricevente Comunichiamo ciò che il ricevente capisce COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 55 La comunicazione Tipologie di COMUNICAZIONE VERBALE (parole) VOCALE (tono) VISIVA (sguardo) GESTUALE (mimica) SPAZIALE (distanza) SCRITTA (visual-aid) Musicale, olfattiva ecc. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 56

29 La comunicazione Memoria della comunicazione COMUNICAZIONE PERCEZIONE RICORDO MEMORIA (immediato) (dopo alcuni gg.) Verbale Uditiva 70% 10% Scritta Visiva 75% 25% Visual-aid Uditiva/visiva 85% 65% COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 57 La comunicazione Gerarchia della comunicazione in base alle potenzialità di coinvolgimento bassa alta Parola Disegno Filmato muto Filmato sonoro Colloquio personale Dimostrazione Simulazione Diretta TV Candid camera Interattività (video games- internet) Realtà virtuale Esperienza diretta COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 58

30 La comunicazione Schema della comunicazione Intenzione Interpretazione Comprensione COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 59 La comunicazione Schema della comunicazione intenzione La comunicazione deve essere il più possibile vicino all intenzione (ciò che vogliamo comunicare) comprensione Il feedback (domanda di controllo finale) è utile per verificare che questo avvenga. Comunichiamo ciò che il ricevente capisce COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 60

31 La comunicazione Gli errori più comuni Non parlare troppo velocemente Non mozzare le parole Non sovrapporsi Saper usare le pause Non trascinare COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 61 La comunicazione Contenuto e Forma Ogni comunicazione ha un aspetto sostanziale esprimersi con proprietà di linguaggio, per chiarirne il CONTENUTO ed uno relazionale il tono e l atteggiamento (la FORMA) sono spesso più importanti, nell efficacia della comunicazione, del contenuto stesso. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 62

32 La comunicazione Contenuto e Forma Es. : la stessa barzelletta raccontata da persone diverse può far ridere o no; il COME assume in questo caso più importanza rispetto al COSA. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 63 La comunicazione La suggestione Le parole hanno un potere di suggestione, perché producono inconsapevolmente una suggestione, più o meno marcata a seconda dell interlocutore. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 64

33 La comunicazione La suggestione Es. : Proviamo a non pensare ad un cane nella nostra mente prende comunque forma un cane, perché la parola stessa crea la suggestione dell immagine. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 65 La comunicazione Suggestione negativa delle parole Ci sono parole che fanno condurre male la comunicazione e ci pongono in una condizione di inferiorità. Vanno evitate o sostituite con altre che orientino chi ascolta verso atteggiamenti costruttivi. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 66

34 La comunicazione Es.: Suggestione negativa delle parole le rubo solo un minuto per non farle perdere tempo : fanno pensare ad una perdita di tempo disturbo? mi permetto di disturbarla : evocano proprio il disturbo che non volevamo dare ha un momentino? solo un attimino : danno la sensazione che la cosa sia poco importante COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 67 La comunicazione Suggestione positiva delle parole Usare parole e frasi che tendano a rassicurare, cercare una soluzione ed enfatizzare l importanza del ruolo di chi ascolta : ho bisogno della sua attenzione per ho pensato subito a lei perchè sicuramente opportunità positivo COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 68

35 La comunicazione La Persuasione Persuasione = Ricezione x Accettazione Esposizione Decodifica Comprensione Influenzamento Atteggiamento Azione Ricezione Accettazione COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 69 La comunicazione Le tre componenti essenziali: Ethos - l etica La buona fede La forza morale Logos la logica Il contenuto Il razionale Il supporto di dati Pathos l emotività La simpatia La suggestione La Persuasione COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 70

36 La comunicazione Obiettivo della persuasione Modificare gli altrui comportamenti Comunicazione emotiva Comunicazione cognitiva Comunicazione imperativa COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 71 La comunicazione Comunicazione emotiva Persuasione mediante suggestione : No problem / Dreamworld Catastrofe Media / Politica PATHOS COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 72

37 La comunicazione Comunicazione cognitiva Persuasione mediante spiegazione Razionali supporti dati LOGOS COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 73 La comunicazione Comunicazione imperativa Persuasione quasi coercitiva Ordine Imposizione (famiglia/lavoro) ETHOS COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 74

38 La comunicazione La Persuasione L uso equilibrato di ethos, logos e pathos genera la comunicazione persuasiva, perché interagisce con entrambi gli emisferi cerebrali (PNL) COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 75 La comunicazione Emisfero cerebrale destro PNL Emisfero cerebrale sinistro Emozione, creatività, immaginazione Logica, analisi, ragione sentire capire COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 76

39 La comunicazione PNL Con lo studio della PNL si apre lo spazio per il linguaggio analogico, cioè quello non verbale. sfera emozionale (DX) pubblicità/acquisti + sfera razionale (SX) stabilità del comportamento COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 77 La comunicazione Il linguaggio non verbale La mente corre molto più veloce della capacità di esprimersi Il look (immagine) La mimica (gestualità, sguardo) L ambiente di lavoro COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 78

40 La comunicazione Il linguaggio non verbale COMUNICAZIONE PERCEZIONE contenuto 10% tono-voce 40% linguaggio non verbale 50% COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 79 La comunicazione Il look L aspetto L andatura La postura Segni e simboli COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 80

41 La comunicazione La mimica Una spia del pensiero umano Segni intenzionali gesticolare, sorridere, restare seri per dar maggior forza ed illustrare una situazione Segni istintivi manifestazioni emozionali del viso, movimento delle mani, colpi di tosse che tradiscono il proprio stato d animo COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 81 La comunicazione La mimica Guardare negli occhi = lealtà - interesse Guardare in basso = timidezza - bugia Labbra strette = verità nascoste - disapprovazione Ampi gesti = richiamo attenzione anche eccessiva Piccoli gesti = semplicità - riservatezza Toccarsi il viso = riflessione tensione Risatine, tossire = disagio - poco interesse COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 82

42 La comunicazione L ambiente di lavoro L ambiente di lavoro comunica al cliente il servizio e la professionalità del farmacista. Per questo motivo assumono sempre maggiore importanza servizi di marketing in farmacia, quali il visual merchandising ed il category management, che contribuiscono ad elevare l immagine e la redditività della farmacia. COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 83 3 La vendita assistita a Le tappe di una vendita assistita b - Domande e obiezioni c - Il comportamento relazionale COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 84

43 La vendita assistita Le tappe di una vendita assistita L accoglienza Il colloquio L ascolto L argomentazione L adesione / la vendita Il consiglio associato COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 85 La vendita assistita L accoglienza Molto dipende dalle strutture della farmacia organizzazione orientamento al cliente illuminazione percepibilità dei prodotti ordine, pulizia COMUNICAZIONE E VENDITA IN FARMACIA Corso teorico di base - Autore : Florio Bovio Riproduzione vietata 86

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni

Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni VideoFisco - VideoLavoro ottobre 2014 Organizzazione, efficienza e gestione del personale nello studio professionale Comunicazione, leadership, motivazione, delega, riunioni a cura di Eros Tugnoli 1 COMUNICAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Documentazione per la formazione

Documentazione per la formazione La mia formazione professionale di base come assistente di farmacia Documentazione per la formazione Versione luglio 2007 Nome/cognome Farmacia Inizio della formazione professionale Fine della formazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Corso formazione genitori - FISDE

Corso formazione genitori - FISDE Corso formazione genitori - FISDE FISDE Tutti i diritti sono riservati E vietata la riproduzione diretta o indiretta, totale o parziale, temporanea o permanente. che cosa fa di un problema un problema?

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE E GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE UMANA Proprietà semplici della comunicazione Un essere umano è coinvolto fin dall inizio della sua esistenza in un complesso

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia

GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE. C. Bonasia GOVERNANCE & COMUNICAZIONE D IMPRESA IL PROCESSO DICOMUNICAZIONE II LEZIONE C. Bonasia IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE DIMENSIONE VERTICALE: top -down bottom - up DIMENSIONE ORIZZONTALE trasversale, tra persone

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

DISPENSA N. 18 MARKETING

DISPENSA N. 18 MARKETING 1 E PIANIFICAZIONE Per marketing si intende l'insieme di attività che servono per individuare a chi vendere, che cosa vendere e come vendere, con l'obiettivo di soddisfare í bisogni e i desideri del consumatore,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO-

su empatia, Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto Liliana Jaramillo - Libro digitale GRATUITO- Liliana Jaramillo Attività e giochi su empatia, emozioni e conflitto http://www.comunicazionepositiva.it

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli