I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012"

Transcript

1 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

2 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca e la principale fonte di copertura del fabbisogno finanziario delle imprese Caratteristiche: Loans make deposits (chiusura circuito) Prestiti e funzione informativa: presupposto dell esistenza delle banche Fungono da tramite per l avvio delle relazioni di clientela e cross-selling

3 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche Crediti / TA = 77% Crediti / TA = 74% I prestiti rappresentano oltre i 2/3 delle attività delle banche

4 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche MI/MINT: 2007 = 57% 2008 = 66% Il margine di interesse è la componente più rilevante del margine di intermediazione

5 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche Prestiti e funzione informativa: presupposto dell esistenza delle banche PMI: teoria delle asimmetrie informative Ex ante: adverse selection Ex post: moral hazard Imprese di grandi dimensioni: Flessibilità delle forme tecniche di prestito Signalling (accesso agevolato alla finanza di mercato)

6 Problematiche dell attività creditizia Attività redditizia ma rischiosa (rischio di insolvenza e rischio di liquidità): Rischio finanziario (rischio di liquidità): mancata puntualità nei rimborsi Rischio economico (rischio di credito): perdita, totale o parziale, del capitale prestato in caso di insolvenza del debitore Valutare il singolo prestito ovvero la capacità di rimborso del prenditore rischio idiosincratico Importi unitari elevati Elevata specificità del debitore Valutare inserimento del singolo prestito in portafoglio (politica prestiti) rischio sistemico

7 Problematiche dell attività creditizia A livello di singola posizione OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard MODALITÀ: Ex ante: SELEZIONE O SCREENING (istruttoria di fido) Misurazione del rischio (calcolo della perdita attesa e non attesa) Attribuzione del rating Pricing del prestito Ex post: MONITORAGGIO O MONITORING Posizione in bonis: prosecuzione del rapporto senza modifiche contrattuali Posizioni anomale: gestione del contenzioso Ristrutturazione del contratto Revoca/recupero del credito secondo diverse modalità

8 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio (politica dei prestiti) MODALITÀ: Origination di nuovi contratti Sostituzione dei contratti giunti in scadenza Gestione dinamica del portafoglio tramite strumenti di credit risk transfer

9 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard MODALITÀ: A livello di singola posizione Ex ante: SELEZIONE O SCREENING (istruttoria di fido) Misurazione del rischio (calcolo della perdita attesa e non attesa) Attribuzione del rating Pricing del prestito Ex post: MONITORAGGIO O MONITORING Posizione in bonis: prosecuzione del rapporto senza modifiche contrattuali Posizioni anomale: gestione del contenzioso Ristrutturazione del contratto Revoca/recupero del credito secondo diverse modalità

10 Problematiche dell attività creditizia Il rischio connesso all erogazione di un prestito deve essere valutato, assunto e gestito: I. Screening II. Istruttoria di fido e attribuzione di rating Decisioni di affidamento e scelta della forma tecnica III. Monitoring IV. Gestione a livello di portafoglio (diversificazione e frazionamento) della dinamica : mercato secondario, cartolarizzazioni, derivati creditizi,

11 Istruttoria di fido: aspetti generali Il fido: E un accordo preliminare (l inevitabile presupposto ) a ciascun contratto bancario di prestito; esprime l impegno della banca ad assumere una certa esposizione nei confronti del richiedente È sempre determinato nell importo (e può dare origine a uno o più prestiti) Può essere a tempo determinato o indeterminato Il prestito: è il modo in cui il cliente utilizza il credito messo a disposizione Esistono diverse forme tecniche di prestito

12 Istruttoria di fido: aspetti generali Obiettivi: Stimare la probabilità di insolvenza del debitore e la dimensione della possibile perdita Individuare l ammontare e la forma tecnica più adeguata al fabbisogno del richiedente Verificare la compatibilità con obiettivi di dimensione e composizione di portafoglio Fasi successive: i. Relazione di fido ii. Delibera iii. Erogazione

13 Istruttoria di fido: le fasi 1. Accertamento dati (iscrizione camera di commercio, dati anagrafici, accertamenti ipotecari-catastali,...) e raccolta nuove informazioni da fonti interne ed esterne Lavoro bancario Segnalazioni Centrale Rischi e Centrale Bilanci (www.centralebilanci.it), Banche dati esterne (bollettino protesti) 2. Analisi qualitativa: Struttura e andamento del settore di attività economica Caratteristiche generali (dimensione, assetto proprietario, localizzazione) e politiche di gestione dell impresa (politiche di approvvigionamento, produzione, vendita) Valutazione della fondatezza dei programmi futuri

14 Istruttoria di fido: le fasi 3. Analisi quantitativa: Analisi consuntive (analisi di bilancio e per flussi): ricavare indicatori sintetici di redditività, liquidità e grado di indebitamento Analisi previsionali (bilanci pro forma e bilanci preventivi di cassa): apprezzare la capacità di rimborso futura nel medio lungo e nel breve termine Relazione di fido da trasmettere agli organi competenti

15 Istruttoria di fido: la delibera Le decisioni relative alla concessione dei prestiti sono regolamentate dallo statuto e dagli ordinamenti interni della banca (dimensione, articolazione territoriale, struttura organizzativa, competenze dei quadri aziendali) Gli organi decisionali (chi delibera?): Consiglio di Amministrazione (CdA) Direttore Generale (DG) Servizio fidi (o Responsabile di area) Filiali (Direttore di filiale, addetto fidi)

16 Istruttoria di fido: focus La procedura di istruttoria di fido si conclude con l attribuzione di un rating (della controparte / dell operazione) Risk costing / risk pricing Procedure e grado di accuratezza dell istruttoria dipendono dalla clientela richiedente e dall importo richiesto Per piccoli importi e attività del debitore poco strutturata un analisi troppo accurata è onerosa/non sostenibile: Analisi è prevalentemente condotta su bilanci consuntivi Valutazione del rischio di credito del debitore sulla base di dati medi di settore (analisi top down Centrale dei bilanci) Credit scoring (specialmente nel credito al consumo) In presenza di asimmetrie informative (ex ante ed ex post) Prevalenza di un approccio garantista e di tipo statico/patrimoniale (asset based lending vs cash flow lending): ruolo delle garanzie e delle restrictive covenants

17 Lo scoring ed il modello Z-score di Altman Per prestiti retail (modesto ammontare, standardizzati) la valutazione del merito di credito avviene sovente tramite procedure di scoring Pro: risparmio di tempi e costi di raccolta, di analisi e di elaborazione di informazioni Contro: analisi superficiale e poco discriminante Nel 1968 Edward I. Altman sviluppò un modello previsionale noto come test Z-SCORE Obiettivo: prevedere con tecniche statistiche la probabilità di fallimento di un'impresa negli anni successivi Il test fu sviluppato analizzando i dati di bilancio di 33 società fallite e 33 società solide con un grado di accuratezza del 95%, utilizzando 8 variabili: vendite nette, risultato operativo, attività correnti, capitale investito, passività correnti, passività totali, utile non distribuito, valore di mercato

18 Un esempio di modello di scoring: lo Z-score di Altman La formula per calcolare lo Z-SCORE è la seguente: Sulla base del valore dello Z-SCORE la probabilità di fallimento è: ALTA La probabilità di fallimento è molto alta: Z<1.79 MEDIO-ALTA Probabilità di fallimento entro 2 anni: 1.8<Z<2.69 MEDIA Cautela nella gestione: 2.7<Z<2.99 BASSA Società finanziariamente solida: Z>3

19 Un esempio di modello di scoring: lo Z-score di Altman Avvertenze al modello: Esistono parecchie varianti di questo modello: in questa sezione è stato esposto il modello Z-SCORE per le società quotate Questo metodo è un valido strumento di analisi, ma non ha valore assoluto E' opportuno che il test venga calcolato su più esercizi per verificare se la tendenza sta migliorando o peggiorando

20 Il ruolo dei covenants e delle garanzie accessorie Per attenuare il moral hazard dei prenditori le banche possono apporre al contratto delle clausole (covenants) Per attenuare comportamenti di selezione avversa, le banche possono invece richiedere garanzie reali e personali. La presenza di tali garanzie fa sorgere due tipologie di problematiche: Misurazione del rischio di recupero e della Loss Given Default (LGD=1-RR) Rischio di razionamento se l approccio è troppo garantista

21 Il ruolo dei covenants e delle garanzie accessorie Peso indicativo dell importanza dei diversi fattori di decisione sulla affidabilità delle aziende clienti, con riguardo ai fidi di importo medio per l istituzione Indagine del 1993 Importanza attuale (1996) Importanza tra 5 anni (2001) Garanzie e patrimonio aziendale 25% 24% 19% severity of loss Trend degli indicatori di bilancio degli ultimi anni 23% 16% 16% bilancio Confronto sistematico degli indicatori di bilancio con dati medi di 3% 6% 8% probasettore Conoscenza personale dell affidato 10% 13% 10% Informazioni esterne: agenzie specializzate, clienti, fornitori, banche, 6% 6% 5% bility mercato di borsa aspetti Informazioni qualitative sui programmi di attività dell azienda e sulla 8% 7% 11% qualitativi situazione organizzativa e tecnologica of Analisi qualitative e quantitative sulle caratteristiche di struttura del 5% 5% 9% settore e delle regole del gioco concorrenziale in cui l azienda agisce default Dati di andamento del rapporto e di Centrale dei Rischi 18% 18% 15% debiti Giudizio dei sistemi di valutazione automatica delle aziende (credit scoring) 2% 4% 8% Totali 100% 100% 100% scoring

22 Istruttoria e rating interni La procedura di istruttoria di fido si conclude con l attribuzione di un rating (della controparte/dell operazione) Valutazioni sintetica del merito di credito di un soggetto affidato (issuer rating) della rischiosità delle singole operazioni creditizie (issue rating) Gli input per pervenire a un rating interno: Dati quantitativi: Struttura indebitamento, cash flow, OF, Capitalizzazione, MOL ROE e altri indicatori redditività, Valutazioni qualitative: Assetti societari, capacità management, validità piani industriali, corporate governance, separazione proprietà e management, Informazioni andamentali Sconfinamenti, fido accordato / utilizzato, tipologia operazioni in essere Pro e contro di modelli automatici vs modelli soggettivi

23 I rating interni Il concetto di rating è stato introdotto nel Nuovo Accordo sul Capitale (Basilea 2) come variabile cui ancorare il calcolo del requisito patrimoniale: Requisito patrimoniale = 8% x RWA Il calcolo delle ponderazioni (del requisito patrimoniale) dipende dai rating (esterni/di agenzia o interni/della banca).

24 I rating interni Nell approccio basato sui rating interni (IRBA), il requisito patrimoniale è calcolato a partire da 4 input: 1. Probabilità che la controparte sia insolvente (PD, misurata dal rating di controparte) 2. Speranza di recupero in caso di insolvenza (LGD) 3. Esposizione al momento dell insolvenza (EAD) 4. Durata dell operazione (M) Riguarda il profilo di rischio del soggetto affidato Riguardano il profilo di rischio dell operazione creditizia nel suo complesso (forma tecnica, presenza di garanzie, livello di prelazione )

25 Gli approcci IRB: counterparty rating e facility rating Il rischio connesso con un esposizione è espresso attraverso quattro componenti: una che attiene il debitore (PD) le altre tre che attengono la singola operazione: EAD, LGD, M

26 Gli approcci IRB: differenze tra FIRBA e AIRBA Quattro variabili chiave PD LGD EAD M (Prob. of Default) (Loss Given Def.) (Exposure At Def.) (Maturity) Stimato dalla banca in entrambi gli approcci Foundation: forniti da Autorità Advanced: stimati dalla banca Prima misura di rischio di credito: Perdita attesa (Expected Loss - EL) = PD x EAD x LGD

27 I rating interni e il calcolo del requisito patrimoniale Per ogni prestito, le 4 stime sono immesse in una formula decisa dalle Autorità ( funzione di ponderazione ) che fornirà il requisito patrimoniale Requisito patrimoniale = 8% x RWA = f (EAD, PD, LGD, M) Dati di input da inserire nelle funzioni regolamentari NB: Esistono diverse funzioni regolamentari a seconda del segmento di clientela.

28 Es. 1: Capitale richiesto da un prestito a un cliente con PD del 2%? 5 funzioni di ponderazione, dalla più alla meno severa, riguardano prestiti a: 1. Grandi gruppi con fatturato > 50 milioni di euro 2. Imprese medie, con fatturato < 50 milioni di euro (es: 5 mil di euro) 3. Privati, sotto forma di mutui ipotecari prima casa 4. Privati e piccole imprese (con esposizione totale a livello di gruppo < 1 mil euro) 5. Privati, sotto forma di carte di credito e simili Circa il 10% se è una grande impresa (funzione 1, peso ~ 125%) Circa l 8% se fattura 5 mil di euro (funzione 2, peso ~ 100%) Circa il 5% se è esposto con il gruppo per 1 mil di euro (funzione 4, peso ~ 62%)

29 Es. 2: Capitale assorbito da un prestito a un cliente nei diversi approcci Dati input: M: 2,5 anni; RR: 55% w: ~ 20% w: ~ 13% w: ~ 16% w: ~ 4% w: ~ 100% w: ~ 100% w: ~ 80% w: ~ 56% w: ~ 150% w: > 400% w: ~ 360% w: ~ 250%

30 Basilea 1: Coefficienti di ponderazione Fattori di ponderazione del rischio per le attività a bilancio Ponderazione 0% Ponderazione 20% Ponderazione 50% Ponderazione 100% Cassa e valori assimilati Crediti verso banche centrali e governi dei paesi OCSE Titoli di stato emessi da governi dei paesi OCSE Crediti verso banche multilaterali di sviluppo Crediti verso banche dei paesi OCSE Crediti verso enti del settore pubblico di paesi OCSE Crediti, di durata inferiore a 1 anno, nei confronti di banche di paesi OCSE Mutui garantiti da ipoteche su proprietà immobiliari di tipo residenziale Crediti verso imprese del settore privato Partecipazioni in imprese private Crediti verso banche e governi centrali di paesi non OCSE Impianti e altri investimenti fissi

31 Basilea 2 - Coefficienti di ponderazione: approccio standard (rating esterni) ESPOSIZIONI MOODY S STANDARD AND POOR S da Aaa / Aa3 da A 1 / A3 da AAA / AAda A+ / A- da Baa1 / Baa3 PONDERAZIONI DI RISCHIO da Ba1 / Ba3 Scaduti da B+ a Senza B- < B3 rating (> 90 gg) da BBB+ / BBBda BB+ / BBda B1 a B3 < B- Senza rating Scaduti Corporate 20% 50% 100% 150% 150% 100% -150% Stati Sovrani 0% 20% 50% 100% 100% 150% 100% (accant. a riserva < 20%) Banche (1) 20% 50% 100% 100% 100% 150% 100% -100% Banche (2) 20% 50% 100% 100% 150% 50% Banche (2*) vita residua esposizioni < 3 m. 20% 50% 150% 20% Retail (privati e PMI) 75% Mutui resid. 35% (accant.a riserva > 20%)

32 I rating interni Le banche possono utilizzare a fini regolamentari (i.e. per il calcolo del requisito patrimoniale minimo obbligatorio) i giudizi sulla controparte e sull operazione prodotti internamente solo se il sistema di rating è validato dalla Banca d Italia. La normativa prudenziale richiede il rispetto di requisiti minimi quantitativi e organizzativi, come ad esempio: 2 rating separati: (i) rischio di insolvenza della controparte (counterparty rating), (ii) i fattori specifici della transazione (facility rating); il rating deve rispecchiare PD (probability of default) a 1 anno, ma riflettere condizioni avverse relative ad archi più lunghi; revisione del rating controparti/transazioni con frequenza almeno annua; il rating deve essere assegnato prima dell impegno di prestito; la struttura ed i dettagli operativi del sistema di rating devono essere adeguatamente documentati (definizione di default adottata, degli algoritmi statistici impiegati, dei criteri di attribuzione dei rating) le informazioni prodotte dal sistema di rating interno devono avere ampia e concreta applicazione gestionale (es. a fini di pricing)

33 I rating interni: le banche italiane In Italia sono ancora poche le banche che utilizzano i rating interni con finalità regolamentare: Con provvedimento del 28 marzo 2008 Banca d Italia ha autorizzato il Gruppo Unicredit all utilizzo dei metodi avanzati per la determinazione del requisito patrimoniale sui rischi di credito e sui rischi operativi. Con specifico riferimento al rischio di credito, il Gruppo è stato autorizzato ad utilizzare le stime interne dei parametri PD e LGD per il portafoglio crediti di Gruppo (Stati Sovrani, Banche, Multinazionali e transazioni di Global Project Finance) e per i portafogli creditizi locali delle banche italiane del Gruppo (mid-corporate e retail, ad eccezione del portafoglio esclusivo relativo al perimetro ex Capitalia, per il quale è in corso l estensione delle metodologie AIRB). (www.unicreditgroup.eu) Intesa Sanpaolo ha ottenuto l autorizzazione all utilizzo del FIRB per la determinazione dei requisiti patrimoniali dei portafogli Corporate, a far data dalla segnalazione di dicembre L istanza di validazione approvata dalla Banca d Italia prevede un piano di estensione progressiva dell approccio basato sui rating interni, che si articola su un orizzonte temporale di 6 anni ( ) A partire da giugno 2010 verrà adottato il metodo IRB avanzato sul segmento corporate e sul segmento SME retail (group.intesasanpaolo.com)

34 Il pricing dei prestiti Un pricing inefficiente (mispricing) minaccia le condizioni di economicità della banca (sottostima del rischio di credito tassi attivi insufficienti a coprire tutti i costi distruzione di valore per gli azionisti) genera effetti distorsivi nell allocazione del credito (clienti meno rischiosi che sussidiano clienti più rischiosi selezione avversa)

35 Il pricing dei prestiti: esempi 1) Banca price-setter i p i d (PD LGDR) C (K 1 e (PD LGDR) i d ) cop ELR 2) Banca price-taker RAROC i m (1 PD LGDR) id (PD LGDR) VaR cop

36 Il pricing dei prestiti: problematiche Nella prassi bancaria fenomeni di mispricing sono frequenti e dovuti a: Difficoltà di stima dei costi delle variabili di input per il calcolo dell i p e del Raroc Politica creditizia dettata da logiche diverse, quali: crescita impieghi, preservazione relazione di clientela, cross selling, attrazione di nuova clientela

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it

I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it I prestiti (parte I) Dott. Giovanni Liccardo 15 marzo 2011 giovanni.liccardo@uniroma2.it L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale della banca

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL

Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Finanziamento Immobiliare Finanziamenti strutturati, leasing, mezzanine e NPL Giacomo Morri Antonio Mazza Capitolo 6 GLI ACCORDI DI BASILEA E I FINANZIAMENTI IMMOBILIARI STRUTTURATI Il Nuovo Accordo Obiettivi

Dettagli

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo

Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Modelli e processi di rating in Mediofactoring gruppo Intesa Sanpaolo Rony Hamaui Brescia 20-21 settembre 2007 Mediofactoring nel perimetro di validazione di Intesa Sanpaolo L ingresso di Mediofactoring

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016

Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 Prof.ssa M. Intonti, Economia degli intermediari finanziari, Economia aziendale, a.a. 2015-2016 POLITICA DEI PRESTITI La valutazione dei fidi il controllo dei crediti concessi il recupero dei crediti problematici

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012

GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 GLI EFFETTI DELLA LOSS GIVEN DEFAULT SUL COSTO DEL CREDITO XXIII CONVEGNO RIDEFINIZIONE PROSPETTICA DEL RISCHIO BENE 18 OTTOBRE 2012 LOSS GIVEN DEFAULT Alcune definizioni della LGD: E la misura del rischio

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE

BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE Venerdì 23 Aprile 2004 Auditorium di Palazzo Montani-Antaldi BASILEA 2 LA NUOVA SFIDA DI BANCHE E IMPRESE MASSIMO BIANCONI DIRETTORE GENERALE DI BANCA DELLE MARCHE 1 Contenuti del documento BASILEA 2 LA

Dettagli

www.onetimeconsulting.it www..it

www.onetimeconsulting.it www..it www.onetimeconsulting.it www..it Comune di Fossalta di Piave Basilea 2 Basilea 2 - Indice 1. Il Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria 2. Perché Basilea? 3. I principi base di Basilea 1 e 2 4. Il

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte II) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI: Riduzione selezione avversa Riduzione moral hazard

Dettagli

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009 Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione di Ornella Ricci oricci@uniroma3.it Agenda Il rischio di credito e le sue componenti Il pricing del credito e la redditività corretta per

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2016) Tecnica Bancaria (Cagliari - 06) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca Argomenti

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

Basilea 2. Sistema dei rating interni

Basilea 2. Sistema dei rating interni Basilea 2 Sistema dei rating interni Banca Popolare di Novara S.p.A. Domenico De Angelis Amministratore Delegato Fabrizio Marchetti Vice Direttore Generale Bruno Pezzoni Vice Direttore Generale 22 novembre

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE

IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE IL RATING BANCARIO PUÒ MIGLIORARE Un decalogo per l impresa ODCEC Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino Confidi Macerata Società Cooperativa per Azioni Possiamo

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea

Il contesto economico abruzzese ed il rapporto banca-impresa alla luce del nuovo accordo di Basilea SPIN OFF: un impresa possibile Fondi per iniziative e attività culturali e sociali degli studenti Ud A (Decreto Rettorale n. 307 del 23.01.2006, ai sensi della Legge n. 429 del 3 agosto 1985 e al D.M.

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

Valutazione rischio di credito

Valutazione rischio di credito Seminario I rischi ed il loro monitoraggio nella Banche ed i principali aspetti del bilancio bancario Valutazione rischio di credito Gli impatti sulla pratica professionale 1 Seminario I rischi ed il loro

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno

Lezione 2. Il rating. Il rating. Sistemi di rating, il rating esterno Lezione 2 Sistemi di rating, il rating esterno Il rating Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza (LGD) Scadenza

Dettagli

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE DETERMINANTI DEL RATING E SUO UTILIZZO

Dettagli

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte III) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 Problematiche dell attività creditizia OBIETTIVI/DECISIONI: Dimensione Composizione A livello di portafoglio

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari

Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Le valutazioni immobiliari nel processo creditizio delle banche: aspetti operativi e regolamentari Modena, 4 ottobre 2008 Michele Campanardi Vice Direttore Divisione Corporate michele.campanardi@bper.it

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI CORSO AVANZATO II PRESENTAZIONE DEL CORSO Lezione 1 Laura Viganò, Università degli Studi di Bergamo A.A. 2006-07 STRUTTURA CORSO Primo modulo: rischio di credito

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE L IMPORTANZA DEL CAPITALE Basilea 2 è il nuovo Accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Analisi di Bilancio e Basilea 2

Analisi di Bilancio e Basilea 2 Analisi di Bilancio e Basilea 2 a cura del GRUPPO DI STUDIO BASILEA 2 di OPEN Dot Com Spa www.opendotcom.it basilea2@opendotcom.it tel. 0171449311 1 CHE COSA E BASILEA 2 L Accordo e la normativa di riferimento

Dettagli

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord

NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE. The New Basel Capital Accord NUOVO ACCORDO di BASILEA sul CAPITALE The New Basel Capital Accord Area di applicazione Diversified financial Group HOLDING Internationally active bank (banca con operatività internazionale) Domestic bank

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA

IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA IL SISTEMA BANCARIO A SUPPORTO DELLA CRESCITA DEL PAESE NEL 2013 MERITO CREDITIZIO E RUOLO DEL CONFIDI E DEL COMMERCIALISTA NEL RAPPORTO BANCA IMPRESA SIRACUSA Martedì 29 Gennaio 2013 Il processo e gli

Dettagli

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 BASILEA 2 Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 CHE COSA E E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI

Basilea 2: Cosa devono fare le banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Basilea 2: banche adesso. Le nuove istruzioni di vigilanza e i processi implementativi in atto. Convegno ABI Antonio Renzi e Katia Mastrodomenico Banca d Italiad, 1 BASILEA 2 TECNICHE DI RIDUZIONE DEL

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria

Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi. Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria Corso di Tecnica Bancaria. Anno 2009-2010 Prof. Roberto Malavasi Parte quarta La gestione dei rischi tipici dell attività bancaria In questa parte. Il rischio di credito Il rischio di liquidità Il rischio

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Come determinare redditività d impresa e solvibilità

Come determinare redditività d impresa e solvibilità Come determinare redditività d impresa e solvibilità Assolombarda, 13 marzo 2008 Cristina Soppelsa 1 Agenda Riclassificazione Interpretazione dei più significativi indici di redditività e di solvibilità

Dettagli

INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA. Politiche di gestione del rischio di credito

INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA. Politiche di gestione del rischio di credito 1.1. RISCHIO DI CREDITO Le strategie, le facoltà e le regole di concessione e gestione del credito nel Gruppo sono indirizzate: al raggiungimento di un obiettivo di crescita delle attività creditizie sostenibile

Dettagli

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare

Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Le regole di Basilea II per il credito immobiliare Convegno ABI Credito alle Famiglie 2008 Mario Marangoni Banca d Italia Roma, 10 giugno 2008 1 Le regole di Basilea II per il credito immobiliare L impatto

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

Rating e condizioni bancarie

Rating e condizioni bancarie Club della Finanza Confindustria Udine Rating e condizioni bancarie Introduzione di: Alberto Bortolin ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 16 ottobre 2012 AGENDA L utilizzo del rating nelle

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

Corso di Gestione degli Intermediari Finanziari

Corso di Gestione degli Intermediari Finanziari Corso di Gestione degli Intermediari Finanziari La politica dei prestiti I prestiti rappresentano la parte dell attivo più remunerativa in termini di ricavi da interessi e commissioni ne deriva che Obiettivo

Dettagli

I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF. confidi@crif.com Simone Capecchi

I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF. confidi@crif.com Simone Capecchi I Confidi non sono tutti uguali. Il rating di CRIF Agenda Rischiosità delle imprese Rischiosità del credito garantito dai Confidi I Confidi non sono tutti uguali Rating ai Confidi Conclusioni 2 CRIF, partner

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

COME CALCOLA IL RATING LA BANCA

COME CALCOLA IL RATING LA BANCA COME CALCOLA IL RATING LA BANCA Chiarimenti per applicare in pratica questa monografia? Telefonate al nr. 3387400641, la consulenza telefonica è gratuita. Best Control Milano www.best-control.it Pag. 1

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo andrea@unibg.it Traccia di questa presentazione: Cos è il credit

Dettagli

Le implicazioni sul processo del credito

Le implicazioni sul processo del credito SETTEMBRE 2006 BASILEA 2 E LE SUE IMPLICAZIONI 9 Le implicazioni sul processo del credito Passiamo qui ad analizzare alcuni degli elementi principali della variazione nei rapporti banca-impresa alla luce

Dettagli

Intermediazione Creditizia: Gestione dell Attivo e Raccolta

Intermediazione Creditizia: Gestione dell Attivo e Raccolta Intermediazione Creditizia: Gestione dell Attivo e Raccolta 01 ottobre 2013 Economia e Gestione degli Intermediari Finanziari Eugenio Namor eugenio.namor@gmail.com I temi della lezione 1. I Prestiti e

Dettagli

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate Basilea fa il bis Entro giugno del 2004 verranno stabilite le nuove regole sul delicato rapporto tra banche e imprese Marcello Bianchi 10 Prende il via da questo numero una serie di articoli che hanno

Dettagli

Basilea II - L accuratezza e la qualità delle informazioni chiave: survey qualitativa

Basilea II - L accuratezza e la qualità delle informazioni chiave: survey qualitativa Governance & Compliance Customer Relationship Payments & Settlements Wealth Management Insurance Basilea II - L accuratezza e la qualità delle informazioni chiave: survey qualitativa Alessandra Bertulli

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

BISOGNI: finanziamento investimento La funzione di collegamento o intermediazione. PRODOTTI - raccolta risorse finanziarie -investimenti risparmio

BISOGNI: finanziamento investimento La funzione di collegamento o intermediazione. PRODOTTI - raccolta risorse finanziarie -investimenti risparmio BISOGNI: finanziamento investimento La funzione di collegamento o intermediazione PRODOTTI - raccolta risorse finanziarie -investimenti risparmio 1 FLUSSI DI FONDI E circuiti di collegamento informale

Dettagli

INIZIATIVE s.r.l. Soluzioni Informatiche per la banca e l'impresa. Responsabile Scientifico: Prof. Roberto CAPPELLETTO

INIZIATIVE s.r.l. Soluzioni Informatiche per la banca e l'impresa. Responsabile Scientifico: Prof. Roberto CAPPELLETTO BASILEA 2 IL CAMBIAMENTO DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA Iniziative s.r.l. Responsabile Scientifico: Prof. Roberto CAPPELLETTO SOMMARIO Introduzione pag. 3 Il Nuovo Accordo di Basilea pag. 3 Modalità di attribuzione

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA

MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA MITTEL GENERALE INVESTIMENTI SPA BASILEA 2 TERZO PILASTRO Informativa al pubblico Anno 2010 INDICE Premessa Tavola 1 - Adeguatezza patrimoniale Tavola 2 - Rischio di credito: informazioni generali Tavola

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia

Le imprese edili bresciane e la sfida del rating. Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia Le imprese edili bresciane e la sfida del rating Cinzia Dabrassi Prandi Università degli studi di Brescia Facoltà di Economia La sfida per le imprese edili Valorizzare i punti di forza delle imprese edili

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli

La Gestione del Credito in. Banca. La gestione del credito in banca. dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli La Gestione del Credito in La gestione del credito in banca Banca dott. Antonio Popolla Componente cda Banca di Credito Cooperativo di Napoli LE FUNZIONI DI UNA BANCA Funzione creditizia Intermediare tra

Dettagli