GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Customer Service nei multimedia contact center

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA GESTIONE TOTALE DELLA QUALITA. Customer Service nei multimedia contact center"

Transcript

1 Progetto grafico: PRC Roma Questa guida è stata realizzata grazie al contributo dell Associazione Italiana Contact Center in Outsourcing (ASSOCONTACT). Le guide di questa collana sono supervisionate da un gruppo di esperti di imprese e associazioni del sistema Confindustria, partner del Progetto IxI: Between SpA, Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Eds Italia, Gruppo Spee, Hewlett Packard Italiana, Ibm Italia, Microsoft, Telecom Italia SpA. Suggerimenti per migliorare l utilità di queste guide e per indicare altri argomenti da approfondire sono più che benvenuti: IMPRESE X INNOVAZIONE Customer Service nei multimedia contact center

2 Il servizio clienti ha avuto negli ultimi anni un notevole sviluppo nelle società postindustriali. Fino a pochi anni fa era infatti impensabile poter prenotare al telefono una visita specialistica, attivare un nuovo contratto per la fornitura di elettricità o comprare azioni. A tutti noi è capitato di fruire delle comodità dei servizi clienti, che nel tempo hanno modificato le nostre abitudini: se ci soffermiamo un momento a riflettere, ci rendiamo facilmente conto di come tali cambiamenti siano stati estremamente significativi. Il customer service non è solo uno strumento che crea valore all utente, ma è ormai fondamentale anche per l azienda, che grazie a esso instaura una relazione one to on e con i propri clienti, entrando direttamente in contatto con ciascuno di essi, in modo da conoscerne abitudini, bisogni, esigenze e attivando politiche di marketing estremamente mirate. Scopo di questo breve viaggio nel customer service è quello di sottolinearne l importanza come strumento di marketing e di riflettere sul fatto che l organizzazione di un buon servizio clienti è alla portata della gran parte delle nostre aziende. Desideriamo poi fornire alcuni strumenti pratici e operativi per valutare la costituzione di un customer service, organizzato internamente o gestito in outsourcing, con l intento di contribuire ad evitare errori: il customer service, se funziona bene, è una grossa risorsa per l azienda; in caso contrario, può causare un peggioramento delle relazioni con i clienti. CHE COSA SI INTENDE PER CUSTOMER SERVICE Il servizio clienti nell industria e nei servizi La ricerca della soddisfazione del cliente, evidente in un azienda industriale, diventa un esigenza strategica per una società di servizi. Le aziende industriali si sono rese conto da tempo che, creando fedeltà al marchio e soddisfazione nell uso dei propri prodotti, si consolida la propria posizione sul mercato. Per le società di servizi la questione è ancora più strategica: con la vendita di un servizio si instaura infatti un rapporto di cui la vendita è solo l atto iniziale. Il cliente che acquista un servizio di customer inizia la 1

3 2 sua relazione e, tanto più sarà soddisfatto, tanto più a lungo continuerà ad essere cliente di quel determinato servizio. Il costo di acquisizione del cliente in un azienda di servizi è normalmente molto superiore al valore del pagamento iniziale del servizio stesso; sono necessari diversi mesi di permanenza, se non anni, per ammortizzare il costo iniziale e iniziare a guadagnare. Ecco, quindi, che tutti gli strumenti a disposizione per mantenere il cliente il più a lungo possibile diventano fondamentali; non basta erogare un servizio adeguato a un prezzo ragionevole e renderlo facilmente accessibile, ma è necessario essere al fianco del cliente costantemente per risolvere tutte le problematiche che possono insorgere nel corso del rapporto. La locuzione Servizio Clienti identifica tutte le attività che in un azienda vengono messe in atto per soddisfare le esigenze dei clienti nell utilizzo dei beni e dei servizi acquistati. In funzione dei beni e servizi offerti, la nozione di servizio clienti avrà declinazioni assai diverse. Tradizionalmente, nelle aziende produttrici di beni strumentali (automobili, computer, elettrodomestici ) il servizio clienti identifica di norma la rete di assistenza che supporta l installazione e provvede alla riparazione dei guasti ed eventualmente alla sostituzione dei beni. Nelle aziende produttrici di beni di largo consumo si sono nel tempo affermati dei contact center a disposizione dei clienti per denunciare anomalie sui prodotti o chiederne la reperibilità sul territorio; ma non sono rari i casi di servizi clienti che forniscono ricette di cucina o che vengono contattati per partecipare a giochi a premi e concorsi. È nel mondo dei servizi che la nozione di Customer Service è diventata comune ed identifica una delle più importanti funzioni aziendali, alla stregua della direzione commerciale o di produzione. Il Customer Service comprende tutte le attività di front line e di back office che l azienda svolge per soddisfare le molteplici esigenze del cliente. Pur esistendo, quindi, diverse modalità di erogazione di servizi ai clienti, in funzione del tipo di prodotto/servizio offerto (oltre che dell attenzione dell azienda verso la relazione col cliente), ai fini di questa breve guida si identifica il Customer service con l insieme delle attivita che l azienda svolge direttamente o attraverso i suoi outsourcer (normalmente concentrate in uno o piu centri chiamati contact center) per soddisfare le esigenze del cliente nel corso della sua relazione con l azienda stessa. Il fatto che il contact center sia il luogo naturale in cui si svolgono normalmente le attività di customer service fa sì che ci sia spesso confusione fra le due nozioni; in realtà, il call center rappresenta il luogo, la struttura organizzativa in cui si svolgono le attività (e non solo di customer service); con il termine customer service si identifica, invece, l insieme delle attività vere e proprie, rivolte alla gestione della relazione con il cliente. La definizione di cui sopra consente di catalogare come attività di customer service una gamma davvero notevole di azioni: nell ambito della relazione azienda-cliente l azienda ha infatti a disposizione molteplici possibilità per stringere questo rapporto. In primo luogo, l opportunità (o spesso necessità) di organizzare un servizio clienti è FIGURA 1 - MERCATO CONTACT CENTER PER SETTORE MERCEOLOGICO 42% TLC Internet 16% Utilities Editoria 1% Altro 4% Assicurazioni funzione di un elemento essenziale: la numerosità del parco clienti. È evidente, infatti, che maggiore è il numero dei clienti, più forte è l esigenza di rinsaldare il rapporto e preoccuparsi della loro fidelizzazione. Quanto più ci si sposta dal mondo dei beni a quello dei servizi, tanto più il ventaglio di possibilità si amplia; si potrebbe anzi dire che nel mondo dei servizi il servizio clienti è quasi implicito (scadente, adeguato o eccellente che sia). Anche le aziende produttrici di beni si sono rese conto che un buon servizio clienti può essere uno strumento decisivo per creare una differenziale e farsi apprezzare dalla clientela, inducendola a ripetere l acquisto o a fare da referente attivo nel proprio giro di conoscenze. 7% Finance 15% PA 15% Industria 3

4 4 QUALCHE ESEMPIO L uso di centri servizi (in gergo centrali operative) evoluti ha modificato enormemente il soccorso e l assistenza stradale; inoltre, la diffusione del cellulare e degli strumenti ICT hanno contribuito ad aumentare notevolmente la fruibilità di questi servizi; su questo filone, alcune case automobilistiche hanno impiantato dei centri servizi ancora più sofisticati del pur efficiente soccorso offerto da ACI o da Europe Assistance, allo scopo di offrire ai propri clienti servizi più esclusivi non acquisibili diversamente. L industria automobilistica è tra le più attive nello studio di servizi ai propri clienti, allo È un errore, quindi, ritenere che i customer service siano strutture necessarie solo alle aziende fornitrici di servizi ed è errato anche pensare che siano in ogni caso prerogativa di grandi FIGURA 2 - PARCO POSTAZIONI OPERATORE CONTACT CENTER ITALIA scopo di aumentare la fedeltà al marchio, evidenziare tratti distintivi e trarre benefici dalla relazione one to one per approfondire la conoscenza e la relazione con i clienti attuali e potenziali. Un altro esempio è costituito da un azienda produttrice di cibo per animali, che ha allestito una linea di assistenza ai propri clienti, per fornire informazioni sulla reperibilità dei propri prodotti, ma anche consigli nutrizionali, supporto veterinario in caso di problemi, possibilità di segnalare eventuali difformità nelle confezioni dei prodotti o nel contenuto, informazioni su avvenimenti (mostre, concorsi, ecc.). aziende. In realtà, quasi ogni azienda ha un servizio clienti; ciò mette in evidenza due cose: non è necessario essere una grande azienda per organizzare un servizio clienti; parco postazioni di cui in-house di cui outsourcing Fonte: Customer Management Multimedia Callcenter (CMMC) la capacità di organizzare un servizio diverso, innovativo o positivamente recepito dalla clientela, fa guadagnare vantaggi competitivi all azienda. ACQUISIRE VANTAGGI COMPETITIVI CON IL CUSTOMER SERVICE Il CS come strumento di differenziazione Le imprese di uno stesso mercato sono ormai abituate a confrontarsi, misurando i propri concorrenti in termini di prodotto, prezzi, notorietà, capillarità della rete, investimenti pubblicitari. Il servizio clienti invece non rientra ancora tra i parametri che gli uffici marketing confrontano nell analisi competitiva, con qualche ovvia eccezione rappresentata dalle grandi società fornitrici di servizi, imprese di telecomunicazioni in testa. Eppure gli investimenti fatti dalle imprese nel customer service sono aumentati in questi ultimi dieci anni in maniera esponenziale. Basti pensare che il settore dei call e contact center è passato dai addetti circa del 1995 agli oltre stimati per il 2007 e, se è vero che le società di servizi (telecomunicazioni, utilities, banche e assicurazioni) rappresentano la parte più rilevante del mercato, anche le imprese produttrici o distributrici di beni hanno moltiplicato per diverse volte gli investimenti in servizi alla clientela. 5

5 6 Non va trascurato il fatto che l evoluzione tecnologica ha reso estremamente più performanti i customer service; due innovazioni, in particolare, hanno rivoluzionato questo settore, a partire dalla seconda metà degli anni Novanta: la digitalizzazione della telefonia e internet. La prima ha consentito la gestione delle chiamate in maniera assai più efficace, grazie all introduzione delle piattaforme CTI e ACD e IVR (acronimi che significano rispettivamente integrazione fra computer e telefono, distribuzione automatica delle chiamate e risponditori vocali integrati ; si rimanda al glossario in calce una breve spiegazione delle diverse tecnologie). Tutto lo sforzo cui stiamo assistendo è stato, almeno fino ad ora, indirizzato alla acquisizione di vantaggi competitivi e appare doveroso che, qualunque sia la dimensione dell azienda, si includa questa voce fra i parametri dell analisi competitiva. Per esempio, i primi corrieri, che hanno organizzato un servizio di tracking del collo spedito attraverso un efficiente call center in grado di monitorare l andamento della spedizione, hanno acquisito un vantaggio competitivo fondamentale. Il mercato delle spedizioni ha subito enormi trasformazioni negli ultimi anni e il servizio di tracking è stato sicuramente uno degli elementi più dirompenti nel mutamento del quadro competitivo. Un importante catena di negozi di libri ha istituito un servizio di vendita del proprio catalogo attraverso il sito web e un piccolo call center, che raccoglie gli ordini telefonici ed organizza la spedizione. Rapidamente è diventato un servizio estremamente richiesto dalla clientela, spesso residente in aree lontane dai negozi; il giro d affari è aumentato considerevolmente e, fra l altro, è migliorata la gestione delle rimanenze. Complicato? Costoso? In realtà, un servizio di questo tipo è alla portata di molti e ha costi contenuti: è infatti probabile che siano stati più rilevanti gli investimenti in comunicazione rispetto all organizzazione del servizio. In definitiva, molti settori dovrebbero ripensare al rapporto con la propria clientela, re e tempestive: queste sono le ragioni di esistenza del servizio clienti, tutte mirate a costruire un rapporto positivo e, in una parola, a fidelizzare il cliente. Oggi però, avvalendosi anche di strumenti di CRM (customer relationship management), è possibile andare oltre, sfruttando il contatto instaurato con il cliente per fini ancora più sofisticati. Se ci pensiamo bene, un cliente soddisfatto ha fiducia nell azienda ed è, quindi, più propenso ad effettuare un nuovo acquisto dei nostri prodotti. Sta diventando prassi comune sfruttare il contatto da parte di un cliente, magari anche per esprimere una critica o segnalare un problema, per tentare di vendere un nuovo prodotto o un aggiornamento o anche solo per segnalare una nuova opportunità. Le società di servizi sono solite parlacon l obiettivo di migliorarlo e di acquisire un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti. Il Customer Service come strumento di Marketing Se è vero che il customer service si è sviluppato con l obiettivo delle imprese di guadagnarsi un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti, appare evidente come possa essere utilizzato in maniera ancora più consapevole come strumento di marketing con molteplici finalità. La fidelizzazione del cliente è il primo evidente obiettivo; è ormai nozione comune che il costo di acquisizione di un nuovo cliente è sempre più elevato, a causa della sofisticazione delle strategie di marketing; questo dato di fatto, sommato all accorciamento dei cicli di vita dei prodotti e alla maggior velocità con cui vengono messe in atto nuove campagne, obbliga le imprese a considerare la difesa del cliente un obiettivo almeno altrettanto importante quanto la crescita. Nella valutazione del valore di una PayTv il dato del numero dei clienti raggiunti è certamente fondamentale, ma il churn rate, cioè il tasso di disaffezione, la percentuale di clienti persi nel periodo, è il secondo indicatore considerato. Organizzare un filo diretto con la propria clientela, misurarne la soddisfazione, eliminare o ridurre al minimo gli inconvenienti insiti nell utilizzo dei prodotti o, quanto meno, l impatto che questi problemi possono avere sui clienti, fornire informazioni chia- 7

6 8 re di azioni di up selling (quando si cerca di vendere una versione più completa del prodotto/servizio originalmente acquistato) o di cross selling (quando si prova a vendere un ulteriore prodotto dalle caratteristiche anche completamente diverse), basandosi comunque sulla profilazione del cliente. Le tecniche descritte richiedono ovviamente una attenta preparazione; l utilizzo, come detto, di strumenti di CRM è spesso opportuno e a volte indispensabile per ottenere risultati significativi. L utilizzo di adeguati strumenti di CRM, insieme a un buon contact center, rende possibile arrivare a personalizzare a livello individuale il rapporto e la proposizione commerciale verso ciascun cliente. È importante tuttavia evidenziare come il rispetto della legge sulla privacy ponga limitazioni all utilizzo dei dati personali dei clienti. Merita anche un accenno il fatto che è importante dotarsi di norme di comportamento e correttezza adeguate nel trattare la relazione a distanza con la clientela attuale e potenziale. Assocontact, l Associazione dei Contact Center in outsourcing, si è dotata di un codice di autodisciplina, riferimento obbligatorio per tutti gli associati, nello sforzo di contribuire a migliorare la qualità, la trasparenza e la correttezza di comportamento. I canali del Customer Service Una moderna centrale operativa è in grado di fornire i servizi richiesti, utilizzando diversi mezzi di comunicazione. È importante che i clienti che desiderano entrare in contatto con la nostra azienda lo possano fare utilizzando una molteplicità di strumenti. Non è raro tuttora che molti clienti preferiscano armarsi di carta e penna e ritengano opportuno manifestare il loro disagio o comunque le loro necessità utilizzando un mezzo assai meno immediato di altri oggi a disposizione, ma che mantiene il crisma dell ufficialità, il peso della lettera scritta. Pur proiettati verso la gestione di tecnologie moderne ed efficienti, non dovremo trascurare la necessità di gestire con puntualità anche forme più convenzionali. I canali più diffusi oggi in uso sono: il telefono (che mantiene ovviamente la quota preponderante); la posta elettronica ( ); le chat su internet; la posta tradizionale; il fax; gli sms; forme ibride internet e telefono (per esempio, il call me back, cioè l invio, durante la navigazione sul sito dell azienda, della richiesta di essere richiamati in un momento successivo). Il centro servizi che è in grado di utilizzare diversi mezzi di comunicazione è chiamato Multimedia contact center. Come detto, è bene che un contact center sia in grado di gestire più canali. Una buona regola dice che si dovrebbe rispondere alle richieste dei clienti utilizzando lo stesso mezzo da loro prescelto; riteniamo però necessaria un analisi per tipologia di risposta e per mezzo utilizzato dal cliente, a valle della quale stabilire per ciascun abbinamento quale sia il canale più idoneo per rispondere. Le regole base per organizzare un buon servizio clienti L organizzazione di un servizio clienti è un momento assai delicato per il management dell azienda. Essa comporta infatti un investimento significativo, richiede l assunzione di personale non presente in azienda e in ogni caso impatta notevolmente su tutte le altre funzioni aziendali. È anche possibile non organizzarsi all interno e affidarsi ad un outsourcer, per non impegnarsi con investimenti rilevanti e non dover procedere ad assunzioni spesso in numero assai significativo; ciò nondimeno il costo, in relazione alle dimensioni aziendali e al volume dei contatti attesi, sarà rilevante e l impatto sull organizzazione sarà comunque notevole. Se non riusciamo a fornire un servizio adeguato, rischiamo di non raggiungere gli obiettivi di soddisfazione del cliente, fidelizzazione, aumento delle vendite o quant altro. Il primo passo consiste nel definire con cura la mission del centro servizi, cioè quali tipologie di attività deve svolgere: servizio informazioni per potenziali clienti; assistenza post vendita sull uso dei prodotti; vendita, raccolta ordini (in ingresso o in uscita); servizio gestione reclami; 9

7 servizi amministrativi (informazioni sulle fatture emesse, sui pagamenti ecc.); attività di telemarketing; customer satisfaction. I servizi forniti possono evolvere nel tempo e arricchirsi di nuove attività, ma definire con attenzione la mission è fondamentale. Il secondo passo consiste nel decidere se realizzare il servizio in casa (inhouse) o in outsourcing. Questa decisione può anche cambiare nel tempo al variare delle condizioni (e spesso in effetti succede), ma deve essere affrontata subito, perché da essa derivano tutta una serie di passaggi successivi. Nel caso dell inhouse sarà necessario scegliere i locali e le tecnologie e predisporre i criteri di recruiting, mentre in caso di outsourcing si dovrà individuare il partner cui affidare il servizio. Va evidenziato come in questo ambito il settore stia rapidamente evolvendo; alla distinzione classica fra le due modalità citate, sempre più frequentemente si sta affiancando un meccanismo di condivisione, di cosourcing, che permette di coinvolgere l outsourcer in un progetto più condiviso, sfruttandone le capacità e l esperienza, pur mantenendo una partecipazione attiva e un grado di presidio elevato. In ogni caso, sarà necessario individuare il management di questa nuova iniziativa, sia se avremo deciso di svolgerlo inhouse che di darlo in outsourcing. Sarebbe un grave errore (che purtroppo viene fatto con molta frequenza) pensare che, individuato il fornitore, sia poi lui a organizzare tutto. Questo è semplicemente il modo per garantirsi un risultato disastroso. Il management dovrà analizzare con cura i servizi da offrire, esplodendoli in tutte le possibili interazioni. Gli errori più frequenti in cui ci imbattiamo quando entriamo in contatto con un centro servizi sono: l operatore non è in grado di rispondere e di risolvere il problema e deve chiedere supporto a un secondo livello (a volte chiamando subito il supervisore o l operatore in grado di proseguire la conversazione, altre volte fornendo un diverso numero telefonico); l operatore A fornisce risposte diverse dall operatore B e, a volte, addirittura opposte a quelle di C. Istintivamente tendiamo a pensare subito che l operatore non è bravo; nella quasi totalità dei casi, invece, il problema sta nel fatto che l operatore non ha ricevuto le informazioni corrette o che il sistema informati- Il dimensionamento giusto, mantenere le promesse Come attraverso un servizio clienti di buon livello si possono acquisire rilevanti vantaggi competitivi e fidelizzare i clienti, così un servizio mal organizzato, mal progettato e non in grado di soddisfare le esigenze del cliente rappresenta un grave rischio, poiché genera costi aggiuntivi e peggiora la posizione e l immagine dell azienda sul mercato. Ribadiamo quanto sia necessario progettare accuratamente i servizi che si intendono erogare e accertarsi che il sistema funzioni correttamente, fornendo al mercato di riferimento quanto promesso. Le aree di attenzione sono legate a due elementi: il servizio, che deve rispondere effettivamente alle esigenze, e i tempi di reazione, che devono essere adeguati. Il clienvo utilizzato non garantisce l uniformità delle risposte, perché scadente, perché non contiene le informazioni necessarie, ecc. Le informazioni corrette (o le procedure e le attività da svolgere per soddisfare una determinata richiesta) non le può reperire l operatore e sarebbe grave pensare o dare per scontato - che possa costruirle l outsourcer. Sta a noi definire e sistematizzare le procedure, costruire l albero delle domande-risposte e tenerlo aggiornato. Un outsourcer molto professionale può aiutarci a impostare correttamente questa attività, ma non può certo sostituirsi a noi. Il suo compito prioritario sarà quello di erogare correttamente i servizi, non di progettarli. È necessario inoltre avere un responsabile del servizio, sia per la corretta progettazione che per il mantenimento dei livelli di servizio nel tempo. È importante che ci sia una figura di riferimento all interno dell azienda, ovunque sia dislocato il centro servizi, che faccia da catalizzatore di tutte le informazioni che servono per il buon funzionamento. Il lancio di un nuovo prodotto o di una nuova campagna promozionale, un difetto riscontrato in un nostro prodotto in commercio sono informazioni che il servizio clienti deve essere tempestivamente in grado di gestire; ciò non potrà accadere se non c è un responsabile in grado di catalizzare tutte le informazioni e renderle disponibili, nella forma corretta, al servizio clienti stesso. RISCHI E OPPORTUNITÀ NEL PROGETTARE IL SERVIZIO 10 11

8 te non deve avere la sensazione di perdere tempo nel tentativo di entrare in contatto con l azienda e di non ricevere risposta ai propri messaggi in tempi considerati congrui. Occorre, quindi, prestare molta attenzione ai cosiddetti tempi di risposta. Il primo problema da affrontare è quello relativo ai volumi attesi (per ogni canale utilizzato). Per poter offrire tempi di risposta adeguati è necessario avere un numero sufficiente di operatori: se arrivano, per esempio, 300 chiamate all ora, un solo operatore verrà immediatamente subissato di chiamate e le code di attesa si satureranno in brevissimo tempo. Al contrario, avere 100 persone in attesa per ricevere poche chiamate consentirà senz altro di fornire un servizio eccellente, dal punto di vista almeno dei tempi di risposta, ma comporterà costi proibitivi. Un buon servizio clienti è quello che fornisce risposte in tempi adeguati e con la completezza necessaria, tenendo sotto controllo i costi con estrema attenzione. Occorre mettere in evidenza che il personale ha un incidenza molto rilevante sul costo complessivo di un servizio di customer service, arrivando facilmente al 70% del costo totale. Facciamo un piccolo esercizio per poter dare qualche elemento di valutazione. In media, il costo di un operatore telefonico può avvicinarsi ai 16/17 euro per ora di lavoro; a questo bisogna aggiungere ulteriori 1,5 euro per il costo del supervisore, dando per scontata la presenza di almeno un supervisore ogni 12/15 operatori (a un costo orario ovviamente più alto). Questo porta a un costo orario del lavoro pari a circa 18 euro. Se il lavoro è effettivamente il 70% del costo del servizio, ciò significa che questo ha un costo orario totale di circa euro. Quante chiamate potrà gestire in un ora un operatore? Questo dipende molto dalla complessità del servizio. Poniamo per esempio che, per semplicità, ne riesca a gestire 10. Questo significa che il costo di ogni chiamata sarà pari a circa 2 euro. Se il nostro servizio gestirà, per esempio, chiamate al mese, il costo da affrontare sarà quindi di euro al mese; in linea teorica 6 operatori full time e 1 part time saranno sufficienti a gestire il traffico. Nell esempio considerato, 6 operatori full time e uno part time possono gestire circa chiamate. Ma cosa succede se in realtà le chiamate che stanno arrivando sono 7.000? È evidente che non potremo gestirle tutte; le persone che troveranno la linea occupata non saranno certo soddisfatte. Di più, alcune lasceranno perdere ritenendo il servizio non adeguato; le altre riproveranno, generando nuovo traffico e trovando facilmente di nuovo occupato. In questo modo, il livello di servizio peggiora ulteriormente (e, fra l altro, non sapremo più con precisione quante persone ci stanno realmente chiamando, perché molte avranno provato 2, 3, 4 volte, moltiplicando a dismisura i numeri). Risultato: invece di fornire un servizio, abbiamo generato un disservizio; invece di fidelizzare i clienti, ne abbiamo fatti scappare molti. E se invece le chiamate che arrivano non sono le per le quali ci siamo preparati, ma, per esempio 3.500? I clienti saranno contenti perché ci sarà una risposta immediata alle loro chiamate, ma i costi per chiamata saranno molto più alti, passando da 2 a ben 2,85 euro per chiamata. Il difficile compito del customer service manager sarà pertanto quello di immaginare i volumi di traffico, prendendo spunto dai concorrenti, da servizi similari in altri paesi, dal numero di telefonate, lettere, messaggi di altra natura che arrivavano in azienda anche prima del varo del nuovo servizio, pesando opportunamente la pressione pubblicitaria o comunque l informazione che verrà data al mercato della nuova iniziativa. IL CONTRATTO FRA COMMITTENTE (INTERNO O ESTERNO) E EROGATORE DEL SERVIZIO Individuare i referenti, patti chiari, individuare i key factor Qualità dei contenuti e capacità di risposta in tempi adeguati non sono parametri statici; il traffico varia continuamente in funzione degli orari, dei giorni, della stagionalità più o meno accentuata, delle nostre azioni 12 13

9 pubblicitarie e promozionali e dell ampiezza dei servizi offerti. I contenuti si modificano di continuo: nuovi prodotti, nuove campagne vendita, nuovi servizi, eventuali problemi di prodotto sono tutti avvenimenti che incidono fortemente sul nostro servizio clienti. Questo comporta che non solo dovremo progettare ed organizzare bene il nostro customer service, ma dovremo anche fare in modo che rimanga performante nel tempo, con un controllo continuo dei costi e della qualità di erogazione. Formazione permanente e attenzione all aggiornamento delle tecnologie in uso sono elementi fondamentali per mantenere nel tempo livelli qualitativi di eccellenza, senza mai perdere d occhio i costi. La formazione e l aggiornamento del personale rappresentano sicuramente un elemento chiave, non solo per la costanza della qualità della risposta, ma anche per il presidio della produttività dell attività. Spesso la formazione è vista come un costo, necessario, ma comunque un puro costo; in realtà, attraverso di essa si riesce non solo a migliorare la qualità della risposta, ma anche, per esempio, a ridurre il tempo medio di conversazione, grazie alla maggior preparazione dell operatore, che riesce ad aumentare la percentuale di richieste esaudite con un solo contatto. Per fare questo è necessario che l azienda si doti di un referente e che questi sia il naturale interlocutore del call center manager. Nelle strutture più piccole le due figure possono anche coincidere, ma nelle organizzazioni più complesse, e sempre quando si opta per un call center in outsourcing, queste saranno inevitabilmente diverse. Il call center manager sarà impegnato a far funzionare al meglio la macchina organizzativa: turni di lavoro accurati, personale ben addestrato, strumenti aggiornati ed affidabili ecc.; il referente aziendale deve trasmettere al centro servizi le istruzioni e gli obiettivi, garantire che il flusso di informazioni dall interno dell azienda sia costante e pronto, controllare che gli standard di servizio concordati siano rispettati. Alla base di tutto il servizio ci dovrebbe essere una pianificazione, quanto più esplicita possibile, in cui si individuano con precisione i contenuti, i fattori chiave e i livelli di servizio da raggiungere. Quanto più l azienda avrà esplicitato chiaramente i propri requisiti, tanto più sarà condiviso e noto il da farsi e facile controllare i risultati. IL SERVICE LEVEL AGREEMENT Gli strumenti di misura, monitoraggio e controllo Nell accordo fra azienda e centro servizi sarà necessario esplicitare quali risultati ci si attende sia in termini di qualità del servizio offerto che in termini di prontezza di risposta. Il pacchetto di elementi posti concordemente sotto osservazione si indica con il nome di Service Level Agreement (SLA). Merita rilevare che lo SLA deve sempre essere definito; è prassi normale quando ci si avvale di un contact center in outsourcing, ma a volte questo elemento viene omesso quando ci si organizza all interno, con inevitabili ripercussioni, spesso pesantissime, sui costi e sulla qualità dei servizi offerti. Non è raro che alcune aziende ritengano inutile o dannoso il servizio clienti in genere, a causa dei gravi errori commessi nell organizzazione interna del servizio. Le voci dello SLA dipendono dalle caratteristiche del servizio stesso, così come i livelli di performance da raggiungere; tutta- via si possono identificare quelli solitamente più utilizzati. Dal punto di vista dei volumi e della prontezza della risposta si parlerà di: tempo medio di risposta, che si estrinseca in n di ore/giorni medi per rispondere ai messaggi off line (posta, ) o in percentuale di chiamate accolte entro un certo n di secondi, per quel che riguarda le chiamate telefoniche; percentuale di chiamate perse (o di messaggi inevasi); tempi medi di conversazione; numero di chiamate entrate, accolte, perse, per ora, per giorno, per settimana, per mese. Per quel che riguarda la qualità si potrà far riferimento a: percentuale di chiamate evase al primo contatto (di messaggi risposti senza ulteriori elaborazioni); completezza delle risposte; cortesia e correttezza nel presentarsi; capacità di ascolto e comprensione del problema; soddisfazione dei clienti rilevata con indagini ad hoc. Tutto il blocco delle rilevazioni relative al numero dei contatti e alla prontezza della risposta telefonica sono rilevabili dal sistema ACD (Automatic call distribution), di cui un call center deve obbligatoriamente essere dotato; per i messaggi postali o va invece costruito ad hoc. Le performances qualitative sono invece normalmente rilevate attraverso indagini ad 14 15

10 hoc. In linea di massima, si indicano le tipologie di attività più utilizzate: ascolto della conversazione da parte di un valutatore interno (da concordare con gli operatori e le rappresentanze sindacali; lo statuto dei lavoratori vieta controlli a distanza); mistery calling (in parole povere simulare chiamate reali e valutare la risposta dell operatore in base a una griglia di valutazione predefinita); intervista successiva ai clienti che hanno effettuato chiamate al nostro customer service, per valutarne la soddisfazione. Preme sottolineare che il costante monitoraggio dei dati cruciali non è un esercizio di forma, ma è essenziale per riuscire a mantenere livelli qualitativi adeguati, tenendo costantemente sotto controllo i costi e impostando un percorso di miglioramento permanente di tutti gli indicatori. Solo così ci assicureremo buoni livelli qualitativi, evitando sorprese in termini di costi. CONCLUSIONI Il customer service, pur essendo uno strumento formidabile per l azienda, indubbiamente, rappresenta un costo, spesso anche significativo. Per alcune aziende è ormai la voce più consistente. Se la sua diffusione sta aumentando, è evidente che chi si è avventurato su questa strada ne vede i benefici al di là dei costi (per esempio, valorizzando correttamente la diminuzione dell erosione della base clienti); molte aziende stanno cercando di impostare il proprio customer service come un centro di profitto e non più come un normale centro di costo e questo normalmente avviene attraverso due strade: usare il customer service come canale commerciale (ricordiamoci la valenza del one to one marketing); erogare a pagamento i servizi stessi o una parte di essi. La macchina organizzativa che deve essere montata, anche nei customer service più semplici, è complessa e delicata. La possibilità di rivolgersi a un outsourcer non deve essere trascurata, fosse anche solo per i primi anni, accumulando esperienza e diminuendo così il rischio di errori. DIZIONARIO CALL CENTER a cura del CMMC ACD. I sistemi ACD (Automatic Call Distribution) instradano le chiamate entranti verso gli operatori o i risponditori virtuali secondo le regole di instradamento prestabilite. In molti sistemi ACD sono oggi disponibili software SKILL BASED ROUTING, che associano cioè alla chiamata entrante determinate caratteristiche di professionalità ed in base a queste la instradano all operatore più idoneo a gestirla. AHT. Average Handling Time, vedere TEMPO DI GESTIONE DELLA CHIAMATA. ALL-IN-ONE. Sistema modulare per call center che può comprendere, in un unico server PC, funzionalità di ACD, IVR, CTI, VOICE MAIL oltre che specifici applicativi software per la gestione del contatto col cliente/utente del call center. ASR. Automatic Speech Recognition, ovvero riconoscimento automatico vocale. BACK END. Tutte le operazioni necessarie per il completamento di un ordine ricevuto per corrispondenza e/o valutazione della performance di un prospect, dopo il primo acquisto di una serie di offerte. BACK OFFICE. Espletamento di attività conseguenti alle chiamate o ai contatti che pervengono al front-office di un call center. BANCA DATI. Raccolta omogenea di dati memorizzati su un supporto magnetico e accessibili mediante un elaboratore. Sono di informazione primaria, quando le informazioni sono utilizzabili dall utente della banca dati, e di informazione secondaria, quando supportano l utente ad individuare la fonte informativa più adatta. BILANCIAMENTO. I sistemi di bilanciamento del carico delle chiamate assicurano che le chiamate inbound siano instradate in modo uniforme verso gli operatori del call center. CALL ACCOUNTING. I sistemi di Call Accounting forniscono un Reporting dettagliato degli scostamenti di performance relativi agli agenti, all andamento delle chiamate e alla gestione dei flussi. CALL-BACK (o Call Me Back). Opzione che può essere scelta da un navigatore di internet per essere chiamato da un operatore di call center ad un numero che lui digita su un modulo predisposto su web. CALL CENTER (o Contact Center). Struttura, organizzata con risorse umane specializzate e risorse tecnologiche integrate, che gestisce in modo efficace ed efficiente volumi elevati di contatti multimediali inbound (in entrata) e outbound (in uscita) tra un azienda o un ente ed i suoi clienti o utenti. CHAT. Sistema di comunicazione a due vie ed in simultanea (real-time) dedicato a brevi messaggi cui si risponde velocemente. Si usa particolarmente per supportare i visitatori di siti e portali. CHIAMATE IN ATTESA. Numero di chiamate che sono in coda per essere passate agli operatori. CLEANING. Il processo di correzione e/o rimozione di nominativi e indirizzi errati o duplicati da una mailing list. CLI. Calling Line Identification, identificazione del chiamante in base al suo numero di telefono. COBROWSING. Vedi WEB CALL CENTER. CO-SOURCING. Modello di erogazione dei servizi che prevede la coesistenza integrata di servizi svolti all interno di un azienda (in-house) e servizi svolti da società esterne (in outsourcing). Ad esempio, quest ultima può gestire il traffico di picco mediante over-flow

11 CONTACT CENTER. Si dice del call center caratterizzato dalla capacità tecnica ed organizzativa di gestire l attività per mezzo di una molteplicità di canali, oltre al telefono: fax, mail, sms, chat, ecc. CONTATTI EFFETTUATI. Totale delle chiamate utili e non, depurati gli errori di composizione, i numeri di telefono errati, le cadute di linea e di sistema. CONTATTI UTILI. Totale delle chiamate nelle quali l operatore è riuscito a parlare con l interlocutore, indipendentemente dall esito, e a svolgere l attività prevista dallo script. CRM - CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT. Una soluzione che mira a comprendere ed intervenire sul comportamento dei clienti, attraverso un processo di comunicazione continuo, migliorando i livelli di customer retention. Il CRM è quindi prima di tutto una filosofia di approccio al cliente e non solo un package di applicativi software. Con e-crm s intende una soluzione integrata con Internet, a livello di architettura e di funzionalità. CTI - COMPUTER TELEPHONY INTEGRATION. Consente di collegare le prestazioni del computer a quelle del telefono: una delle più immediate applicazioni è lo screen pop, grazie al quale l operatore dispone in tempo reale sullo schermo del suo computer delle informazioni storiche del cliente che in quel momento sta chiamando. Ciò è possibile perché il sistema identifica la chiamata (mediante il riconoscimento della linea telefonica o un codice cliente o altri strumenti) e ad essa associa le informazioni contenute nel database aziendale, prima di dirottarla all operatore. CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT. Vedi CRM. DATAWAREHOUSE. Soluzione software in base al quale i dati sono estratti da ampi data base relazionali e altre sorgenti e memorizzati in data base minori tra loro collegati per rendere più agevoli le analisi. I responsabili dei nuovi business possono accedervi per estrarre le informazioni di conoscenza e consentire le analisi sui processi e le opportunità. ERLANG. Unità di misura del carico di lavoro telefonico. FAX SERVER. Unità elaborativa dedicata alla gestione delle comunicazioni in modalità fax. FILE MAINTENANCE. L attività di aggiornamento di un file aggiungendo, modificando o cancellando dati (in tutto o in parte); sinonimo di list maintenance. FTE - FULL TIME EQUIVALENT. Identifica il numero di operatori di call center a tempo pieno equivalenti. Termine utilizzato nel calcolo delle risorse necessarie per svolgere un dato servizio. INBOUND. Chiamate (telefoniche e non) ricevute in entrata da un call center. IVR. I sistemi di Interactive Voice Response (detti anche VRU Voice Response Unit) riducono il carico delle chiamate gestite dagli operatori del Call Center, poiché permettono al chiamante di inserire o ricevere informazioni direttamente da un host computer o da un database locale registrato nel sistema stesso. IWR - INTERACTIVE WEB RESPONSE. Risponditori ad o a FORM di Internet con modalità automatica. LCR - LEAST COST ROUTING. Soluzioni che permettono ad aziende o a privati di scegliere tra i carrier di telecomunicazioni concorrenti quello che offre un profilo di traffico più conveniente a parità di livello di servizio. LIVELLO DI SERVIZIO. Il livello di servizio in un call center può basarsi su differenti parametri, utilizzabili anche contemporaneamente. Se ne citano solo alcuni: tasso di chiamate abbandonate, TEMPO MEDIO DI ATTESA, percentuale di chiamate abbandonate dopo x secondi, percentuale di chiamate risposte entro x secondi MAIL PREFERENCE SERVICE - MPS. Un servizio che consente ai clienti di richiedere che il proprio nome sia rimosso o aggiunto alle mailing list. MONITORAGGIO. Il monitoraggio delle chiamate permette ai Supervisori di tenere sotto controllo le risorse del Call Center, mantenendo ad elevati livelli di qualità l assistenza al cliente fornita al telefono dagli operatori. NUMERO VERDE. E il servizio col quale è possibile, componendo normalmente i prefissi 800, effettuare telefonate a carico dei destinatari. OCCUPANCY - GRADO DI OCCUPAZIONE DELL OPERATORE. Misura la percentuale del tempo di conversazione on-line in un ora di lavoro. Ad esempio, se, in un ora, l operatore svolge attività telefonica (risponde alle chiamate e svolge attività di after-call) per 20 minuti, il suo grado di occupazione è 20/60 = 33%. OUTBOUND. Chiamate telefoniche in uscita effettuate da un centro di telemarketing. OUTSOURCING. Identifica attività che vengono svolte in modo specialistico da Società per conto di altre (Committenti), in base ad accordi specifici ed avvalendosi di regole contenute in SERVICE LEVEL AGREEMENT. PREDICTIVE DIALERS. Sistemi che effettuano chiamate (che verranno passate al primo operatore disponibile) sulla base di criteri di predizione che fanno riferimento alla situazione della rete ed alla stima del tempo residuo di ciascun operatore per portare a compimento il contatto. Con modalità diverse di effettuazione della chiamata si parla anche di Preview Dialling, Progressive Dialling e Power Dialling. REDEMPTION. Risultato in termini assoluti o percentuali di un operazione promozionale o di vendita. In un azione di direct marketing è il rapporto fra il numero di risposte ottenute e il numero dei messaggi inviati. REGISTRAZIONE VOCALE. I Sistemi di Registrazione Vocale sono apparecchiature impiegate nei call center quando è essenziale mantenere traccia delle comunicazioni. SCALABILITÀ. Possibilità di aumentare la dimensione (es. passare da 100 porte telefoniche a 130), in modo agevole. SCREEN POP UP. Funzionalità dell ACD o del CT SERVER che consente l instradamento di una chiamata con associati i dati del chiamante provenienti dai database, di modo che l operatore possa vedere a video la scheda del chiamante prima di rispondere alla chiamata. SERVICE LEVEL AGREEMENT - SLA. Accordo tra un utente e un fornitore di un servizio che definisce la natura del servizio fornito e stabilisce un insieme di parametri da utilizzare per misurare il livello del servizio erogato. Nel settore dei call center una Guida SLA è utilizzabile come riferimento per la formulazione di accordi - interni o esterni (outsourcing) - per l erogazione di un servizio relativamente a servizi inbound e outbound. SKILL BASED ROUTING. Tecnica di instradamento intelligente delle chiamate in ingresso, per cui, riconosciuto il tipo di chiamata (tramite CLI o interrogazione automatica con Ivr), questa viene inoltrata dall Acd in base alle capacità degli operatori, secondo regole predefinite. SLA. Vedi SERVICE LEVEL AGREEMENT. SMS. Short Message Service, sistema per inviare brevi (160 caratteri al massimo) messaggi di testo attraverso telefoni cellulari GSM. SPEECH RECOGNITION. Funzione, che può ad esempio essere presente in un IVR, che consente il riconoscimento 18 19

12 vocale, non solo della singola parola pronunciata, ma anche di più parole consecutive. STAFFING. Definizione del numero di operatori necessari per rispondere ad un dato volume di chiamate in arrivo, rispettando gli obiettivi di servizio di riferimento. TASSO DI ABBANDONO. Percentuale di chiamate che risultano abbandonate dopo un attesa pari ad un tempo stabilito come soglia massima. TELEMARKETING. Applicazione delle tecniche del direct marketing al mezzo telefonico. TEMPO DI CONVERSAZIONE. Totale del tempo dedicato al contatto telefonico con i clienti. TEMPO DI GESTIONE DELLA CHIAMATA. Equivale al TEMPO DI CHIAMATA più il tempo di AFTER CALL, cioè il tempo che l operatore deve impiegare per svolgere attività strettamente collegate alla chiamata appena conclusa, come, ad esempio, la compilazione di un modulo o la spedizione di un fax. Per indicare il TEMPO MEDIO DI GESTIONE DELLA CHIAMATA spesso si usa la sigla anglosassone AHT (Average Handling Time). TEMPO MEDIO DI ATTESA. Tempo medio che i clienti debbono attendere per entrare in contatto con gli operatori del Call Center. TEMPO MEDIO DI CHIAMATA. Ricavato dal tempo di conversazione diviso per il totale delle chiamate corrispondenti ai contatti telefonici. TROUBLE TICKETING. Sistema per mantenere traccia della storia con un cliente, di modo che l operatore possa conoscere tutti i passaggi precedenti ed inoltrare queste informazioni, insieme alla chiamata, ad un altro operatore. UNIFIED MESSAGING. Sistema che consente di gestire in modo unificato, in una sola schermata su PC, i messaggi , vocali e fax. Oltre a leggere, ascoltare e inviare messaggi, da questa interfaccia è spesso possibile anche convertire i messaggi da un formato all altro (ad esempio, ricevere un fax e inoltrarlo come e viceversa, o inoltrare il messaggio vocale come ). VOIP. Voice Over IP. Tecnologia che permette di trattare le comunicazioni vocali con la tecnica di commutazione di pacchetto impiegata da Internet (IP), al fine di integrare le comunicazioni con relativi risparmi, a partire dal traffico. VRU. Vedi IVR. WEB CALL CENTER. È un call center integrato col sito internet. In questo modo un visitatore del sito può compilare dei moduli su Web (FORM) o spedire che vengono inoltrati direttamente agli operatori. Inoltre, un visitatore Internet può richiedere di collegarsi con un operatore, cliccando su un bottone (Talk to me): in questo caso il contatto può essere di tipo voce su IP (VOIP), oppure testuale (Instant messaging, CHAT), in base alle caratteristiche di velocità della rete Internet e del PC Multimediale del visitatore. Nel corso della conversazione, l operatore del call center è in grado di vedere la stessa schermata del chiamante (CO-BROWSING) per aiutarlo nella navigazione ed inoltre può inviargli dei documenti o delle pagine Web (Page Pushing). WFM - WORK FORCE MANAGEMENT. Software per la gestione del call center, che integra le varie fasi di pianificazione: previsione delle chiamate (FORECASTING), dimensionamento del personale per fasce orarie, in relazione ai livelli di servizio obiettivo (STAFFING) ed elaborazione automatica dei turni, tenendo conto di vincoli contrattuali, preferenze e richieste degli operatori (SCHEDULING). 20

Customer Service nei multimedia contact center

Customer Service nei multimedia contact center Progetto grafico: PRC Roma Questa guida è stata realizzata grazie al contributo dell Associazione Italiana Contact Center in Outsourcing (ASSOCONTACT). Le guide di questa collana sono supervisionate da

Dettagli

Contact Center. solutions

Contact Center. solutions Contact Center solutions Rafforzate le relazioni con i clienti e proteggete i profitti Il contact center è l interfaccia principale che la vostra organizzazione presenta alla sua risorsa più preziosa:

Dettagli

CRM : I SISTEMI DI CONTATTO. Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione

CRM : I SISTEMI DI CONTATTO. Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione CRM : I SISTEMI DI CONTATTO Scopo dei sistemi di contatto Il modello tecnologico Il modello applicativo Il modello funzionale Diffusione Scopo dei sistemi di contatto Si basano sulla attività di operatori

Dettagli

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ;

Access, MSDE 2000, SQLServerExpress2005 e MySQL per soluzioni di media complessità e per soluzioni entry level ; Gruppo SIGLA, attiva da diversi anni nel settore della Computer Telephony Integration, ha realizzato SiTel, un sistema di comunicazione multicanale (telefonia fissa analogica e digitale, telefonia mobile,

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study SET Contact Center di Successo con VoIp e Crm In breve Profilo aziendale La storia di SET inizia nel 1989 dalla ferma volontà di Valter Vestena, che dopo aver creato

Dettagli

Contact Center e Centralizzazioni

Contact Center e Centralizzazioni Contact Center e Centralizzazioni Executive Summary Tipo Società S.p.A. Settore Telecomunicazioni, sviluppo software, consulenza. Fondazione 1990 Sedi Milano e Roma. Dipendenti 76 (31dic13) Valore della

Dettagli

Predictive Dialing Adattativo

Predictive Dialing Adattativo Predictive Dialing Adattativo Aumenta la produttività delle tue campagne al doppio! I tempi di attesa da due chiamate si riducono fino a pochi secondi. Scalabile con ottimi risultati da 5 fino a 1000 postazioni

Dettagli

Soluzioni di Contact Centre

Soluzioni di Contact Centre Soluzioni di Contact Centre Agenda Il Contact Centre come strumento di Business Perché BT Enìa è un valido interlocutore per soluzioni CC I Servizi di Contact Centre Le Soluzioni Contact Centre Case Studies

Dettagli

JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center.

JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center. Joy Marketing JOY MARKETING trae origine dall'esperienza di Marasco s.r.l., società nata nel 1980, operante nel settore dei call center. Prima in Italia ad istituire un sistema di call center per conto

Dettagli

2 Meeting 2001 CMMC 14 Settembre 2001 - Roma Unioncamere Il Contact Center e l offerta dei nuovi servizi di Telecomunicazioni Antonio Mustaro Direttore Commerciale Corporate Wind Telecomunicazioni S.p.A.

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study NETSI e GAT.crm danno voce alla tua azienda IN BREVE Profilo aziendale NETSI è attiva da diversi anni sul molti fronti: ad esempio, è infatti uno dei maggiori partner

Dettagli

APPLICAZIONI STANDARD

APPLICAZIONI STANDARD ì Voisfriend è l innovativo sistema di comunicazione Full IP ideato dal Gruppo Biesse, completamente compatibile con lo standard SIP, che grazie alle sue molteplici funzioni e sofisticati servizi, migliora

Dettagli

Contact Center & CRM Forum 2014

Contact Center & CRM Forum 2014 17.6.2014 Contact Center & CRM Forum 2014 Come sviluppare e coordinare la convergenza dei diversi canali su un unico Contact Center? Best Practices di Multicanalità e Customer Experience. Agenda 1. Company

Dettagli

Dal Call Center al Contact Center ridisegnare il front-office aziendale Business Conference - Il Sole 24 Ore Milano 3 Ottobre 2001

Dal Call Center al Contact Center ridisegnare il front-office aziendale Business Conference - Il Sole 24 Ore Milano 3 Ottobre 2001 Dal Call Center al Contact Center ridisegnare il front-office aziendale Business Conference - Il Sole 24 Ore Milano 3 Ottobre 2001 Il CRM, riflessioni su strategie e strumenti intervento di Mario Massone

Dettagli

Un call center in ogni luogo. Strutture operative con minimi investimenti, massima produttività anche da casa.

Un call center in ogni luogo. Strutture operative con minimi investimenti, massima produttività anche da casa. Un call center in ogni luogo. Strutture operative con minimi investimenti, massima produttività anche da casa. Thelgo è un CRM nato per rispondere alle esigenze di ogni call center. È facile da usare e

Dettagli

eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto

eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto eprogress la soluzione completa per la gestione della relazione e del contatto eprogress eprogress è la piattaforma per la gestione del contatto e della relazione sviluppata da ONC. Le principali caratteristiche

Dettagli

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco

Dal CRM all e-crm. Andrea De Marco Dal CRM all e-crm Andrea De Marco Qualità Uno dei principali fattori competitivi nell attuale contesto di mercato è rappresentato dalla qualità delle relazione online che vengono gestite tramite servizi

Dettagli

CHI SIAMO COSA FACCIAMO

CHI SIAMO COSA FACCIAMO CHI SIAMO CallSend è una delle più dinamiche e flessibili realtà italiane nel campo del Direct marketing. Una crescita costante, una approfondita conoscenza del mercato ed una specializzazione operativa

Dettagli

Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati

Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati Benchmarking Governance nei Contact Center della PA e di aziende di settori regolamentati Relativo al 2011 A cura di Livio Rolle Organizzazione, Modalità KPI Percorso Previsioni Rapporto/integrazione Verifica

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Semplicemente Outsourcing di qualita'

Semplicemente Outsourcing di qualita' Semplicemente Outsourcing di qualita' Business Oriented nasce dall esperienza ventennale di un gruppo di imprenditori e manager, specialisti del mondo delle telecomunicazioni e dei servizi, esperti di

Dettagli

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing

ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing ConCert - CTP Certified Telemarketing Professional Syllabus area teleselling/telemarketing Indice degli argomenti 2. Modulo 2 Teleselling/Telemarketing...2 2.1. Servizi e tecnologie...2 2.1.1. Call Center...2

Dettagli

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa Application Monitoring Broadband Report Analysis Le necessità tipiche del servizio di telefonia Maggiore sicurezza

Dettagli

Glossario CRM - Customer Relationship Management -

Glossario CRM - Customer Relationship Management - Glossario CRM - Customer Relationship Management - 1 Account Management Account Management offre un approccio strategico per mantenere clienti ad alto valore aggiunto e trasformarli in clienti soddisfatti

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale

VoipNet. La soluzione per la comunicazione aziendale VoipNet La soluzione per la comunicazione aziendale grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende:

Dettagli

La convergenza per la piccola impresa. Sistema telefonico integrato fonia e dati

La convergenza per la piccola impresa. Sistema telefonico integrato fonia e dati La convergenza per la piccola impresa Sistema telefonico integrato fonia e dati NeXer è il vostro Next Communication Server. Con questo sistema potrete mettere in rete fino a 10 computer, 20 Telefoni fissi

Dettagli

La convergenza per la piccola impresa. Sistema telefonico integrato fonia e dati

La convergenza per la piccola impresa. Sistema telefonico integrato fonia e dati La convergenza per la piccola impresa Sistema telefonico integrato fonia e dati NeXer è il vostro Next Communication Server. Con questo sistema potrete mettere in rete fino a 10 computer, 20 Telefoni fissi

Dettagli

Il partner per le tue attività di supporto

Il partner per le tue attività di supporto Il partner per le tue attività di supporto Orientamento al mercato, Customer Care, forte specializzazione e flessibilità rendono Mediacom il Partner strategico di aziende pubbliche e private a cui affidare

Dettagli

FASTCALL SH.PK BUL.BAJRAM CURRI, P.NCE, 1P Tirana, CF K92424003S, AL tel+39.89025620 www.fastcall.info

FASTCALL SH.PK BUL.BAJRAM CURRI, P.NCE, 1P Tirana, CF K92424003S, AL tel+39.89025620 www.fastcall.info FASTCALL SH.PK BUL.BAJRAM CURRI, P.NCE, 1P Tirana, CF K92424003S, AL tel+39.89025620 www.fastcall.info La Fastcall SH.PK è stata costituita nel 2009 a Tirana (Albania) e siamo un Business Process Outsourcer.

Dettagli

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo

Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo Dal CRM all ERM: nella condivisione degli obiettivi di business la chiave di una strategia di successo ABI CRM 2002 Gabriella Lo Conte Marketing Manager Roma, 13 Dicembre 2002 Agenda TeleAp Customer Relationship

Dettagli

Nuovo servizio di Call Center

Nuovo servizio di Call Center 2009 ced infosystem S.a.s Nuovo servizio di Call Center Nuovo servizio di Call Center Vi Propone: Il Nuovo servizio di Call Center La nostra società presente nel territorio siciliano dal 1994 si è proposta

Dettagli

GAT.crm Customer Solution Case Study

GAT.crm Customer Solution Case Study GAT.crm Customer Solution Case Study Contact Center in Outsourcing Il gruppo PHONEMEDIA B-SERVICES Un caso di successo con SISECO In breve Profilo aziendale Phonemedia-B-Services è la prima struttura italiana

Dettagli

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound.

ADMIN CLIENT. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. è il software definitivo di gestione del Call Center, sia inbound che outbound. Disponibile in versione Standard e Professional Rebacall si pone l obiettivo di gestire ogni tipo di problematica relativa

Dettagli

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE

VoIP e. via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP e via SOLUZIONI E INNOVAZIONE PER LA COMUNICAZIONE VoIP è Voice over IP (Voce tramite protocollo Internet), acronimo VoIP, è una tecnologia che rende possibile effettuare una conversazione telefonica

Dettagli

A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center

A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center A vaya IP Office Soluzioni per Contact Center Migliorate il servizio ai clienti accrescere la produttività Soluzioni per centri di contatto che migliorano il servizio, accrescono la produttività e riducono

Dettagli

FORYOU Passione per la comunicazione. Direct Marketing I nostri prodotti

FORYOU Passione per la comunicazione. Direct Marketing I nostri prodotti FORYOU Passione per la comunicazione Direct Marketing I nostri prodotti Indice Comunicazione via SMS - Strumenti - Reportistica & Flusso Controlli - Redemption Comunicazione via Email - Strumenti - Reportistica

Dettagli

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata

LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP ICT GOVERNANCE. ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1. Facoltà di Ingegneria Università di Roma Tor Vergata LEZIONE 3 CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) ICT GOVERNANCE ECONOMIA dell ICT ECONOMIA DELL ICT 1 Sviluppo storico del CRM 50 60 Avvento dei brand items e delle agenzie di pubblicità 70 Avvento del

Dettagli

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni

Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Multicanalità in Ferrovie: alcune riflessioni Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi Roma, 18 aprile 2013 Ora esiste il Web 2.0: le persone al centro. Interconnesse Informate Disintermediate

Dettagli

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto

ONC Srl. Il nostro valore aggiunto ONC Srl Il nostro valore aggiunto grave crisi economica fase recessiva mercati instabili terremoto finanziario difficoltà di crescita per le aziende Il mercato La nuova sfida per le aziende: Riuscire a

Dettagli

IPBX Office IPBX Office

IPBX Office IPBX Office IPBX Office IPBX Office include, oltre a tutte le funzioni di un centralino tradizionale, funzionalità avanzate quali ad esempio: voice mail con caselle vocali illimitate e personalizzate, risponditore

Dettagli

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina

Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina COMUNE DI FIRENZE Area Comunicazione Contact Center Integrato Multicanale dell Area territoriale fiorentina Forum P.A. - Roma, 08 maggio 2006 I PERCORSI DI CAMBIAMENTO E INNOVAZIONE NEL COMUNE DI FIRENZE

Dettagli

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza

CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza CRM: Come le PMI possono organizzare la loro attività senza costi di licenza Il Customer Relationship Management (CRM) punta a costruire, estendere ed approfondire le relazioni esistenti tra un'azienda

Dettagli

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano

L azienda Estesa. Giancarlo Stillittano L azienda Estesa Giancarlo Stillittano L azienda estesa L azienda ha necessità di rafforzare le relazioni al suo interno (tra funzioni,uffici, stabilimenti produttivi e filiali di vendita) e si trova al

Dettagli

Contatti profittevoli

Contatti profittevoli Contatti profittevoli paolo.vitali@yourvoice.com Milano, 25 gennaio 2002 CONTATTARE significa: Informare Proporre nuovi servizi / prodotti Suscitare nuove esigenze Cliente Utente Socio Collega Partner

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

I valori distintivi della nostra offerta di BPO:

I valori distintivi della nostra offerta di BPO: Business Process Outsourcing Partner 3M Software è il partner di nuova generazione, per la progettazione e la gestione di attività di Business Process Outsourcing, che offre un servizio completo e professionale.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

La visione di Telesurvey si fonda su tre importanti pilastri: la qualità dei processi, la soddisfazione e la fidelizzazione del cliente.

La visione di Telesurvey si fonda su tre importanti pilastri: la qualità dei processi, la soddisfazione e la fidelizzazione del cliente. Chi siamo Telesurvey Italia lavora dal 1987 al fianco delle aziende per aiutarle e supportarle nei contatti con i propri clienti e con i prospect. Negli anni sviluppa sempre più le proprie attività divenendo

Dettagli

Il partner ideale per servizi di. Help Desk.

Il partner ideale per servizi di. Help Desk. Il partner ideale per servizi di Help Desk. Agenda 1. Company Profile Reitek Società, posizionamento, clienti e mercati. 2. Soluzioni per l Help Desk Contact Center Multimodale Piattaforma Trouble Ticketing

Dettagli

RELAZIONE COMMERCIALE PRODOTTI

RELAZIONE COMMERCIALE PRODOTTI RELAZIONE COMMERCIALE PRODOTTI MIS identifica una linea di dispositivi intelligenti che consentono, ad aziende e privati, di risparmiare fino al 60% sul traffico internazionale generato da telefono fisso

Dettagli

Convegno CRM 2003. Multicanalità e Valori Umani. Roma, 11 Dicembre 2003. Ariodante Valeri

Convegno CRM 2003. Multicanalità e Valori Umani. Roma, 11 Dicembre 2003. Ariodante Valeri Convegno CRM 2003 Roma, 11 Dicembre 2003 Multicanalità e Valori Umani Ariodante Valeri 1 70 milioni di contatti gestiti ogni anno H24 per 365 giorni l anno 6000 risorse umane servizi multicanale in 12

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center

L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center L'evoluzione della comunicazione: la multicanalità il video call center 25 Ottobre 2013 White paper 1. CONTESTO ED ESIGENZE DEL MERCATO Imprese e Pubbliche Amministrazioni sono pressate dall esigenza di

Dettagli

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002

MARKETING (3 DI 3) R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS. ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 R i v i s t a in t e r n a z i o n a l e d e l G r u p p o B a i n RESULTS MARKETING (3 DI 3) ANNO VIII NUMERO 2 (3 A parte ) Dicembre 2002 Bain & Company RESULTS Dopo la prima e la seconda parte di questo

Dettagli

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO

ALLEGATO 1B. Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO ALLEGATO 1B Sistema automatico per la riduzione delle liste d attesa al CUP DISCIPLINARE TECNICO Indice 1.1 Definizioni, Abbreviazioni, Convenzioni...3 1.2 Scopo del Documento...3 2 Requisiti e Richieste...3

Dettagli

Contact Center 2.0 BBF 2009- Roma 25 Novembre www.xenialab.com

Contact Center 2.0 BBF 2009- Roma 25 Novembre www.xenialab.com Contact Center 2.0 BBF 2009- Roma 25 Novembre Agenda - Obiettivi - Contact center 1.0 e 2.0 (URM) - URM Framework - CRM Opensource - Integrazione con Social Network - Tecnologie Open Source - Esempio di

Dettagli

e-mail marketing tips & tricks migliora le performance delle tue campagne in 5 semplici mosse

e-mail marketing tips & tricks migliora le performance delle tue campagne in 5 semplici mosse e-mail marketing tips & tricks migliora le performance delle tue campagne in 5 semplici mosse Semina un pensiero e raccoglierai un azione, semina un azione e raccoglierai un abitudine, semina un abitudine

Dettagli

Multicanalità e-crm nei servizi Internet di Seat Pagine Gialle

Multicanalità e-crm nei servizi Internet di Seat Pagine Gialle Multicanalità e-crm nei servizi Internet di Seat Pagine Gialle Attilio Nertempi e Francesco Di Perna Con la collaborazione di Lucilla Livigni e Luca Barsotti Novembre 2001 INDICE 1 SEAT PAGINE GIALLE DIVISIONE

Dettagli

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo

Scheda. Il CRM per la Gestione del Marketing. Accesso in tempo reale alle Informazioni di rilievo Scheda Il CRM per la Gestione del Marketing Nelle aziende l attività di Marketing è considerata sempre più importante poiché il mercato diventa sempre più competitivo e le aziende necessitano di ottimizzare

Dettagli

Che cosa fa GAT.crm? Quali sono i vantaggi di GAT.crm?

Che cosa fa GAT.crm? Quali sono i vantaggi di GAT.crm? Che cosa fa GAT.crm? GAT.crm è il Contact Center per l impresa del futuro, che vuole star vicino ai propri clienti. GAT.crm consente di aumentare il proprio business, fornendo un servizio di qualità superiore

Dettagli

Performance Measures and Metrics High lights

Performance Measures and Metrics High lights Performance Measures and Metrics High lights Tratto dal Global Contact Centre Benchmarking Report 006 - Dimension Data Introduzione Negli ultimi anni i Contact Center sono stati protagonisti e allo stesso

Dettagli

Identità. Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo.

Identità. Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo. CHI SIAMO Identità Siamo un PLAYER STORICO E FINANZIARIAMENTE SOLIDO, presente nel settore dal 1994, con sede unica nel centro di Bergamo. Mission We increase your customers value è la filosofia che ci

Dettagli

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1

Figura 1 - Alcuni esempi di macchine distribuite da Selettra. Politecnico Innovazione 1 SELETTRA S.R.L. 1. PROFILO DELLA SOCIETÀ Selettra distribuisce macchine ad alto contenuto tecnologico per la produzione di circuiti stampati; le macchine sono prodotte in USA, Giappone, Francia, Germania,

Dettagli

Barometro Service Level Agreement - SLA

Barometro Service Level Agreement - SLA CMMC - RICERCHE ON-LINE Barometro Service Level Agreement - SLA Per partecipare alla versione su web: www.club-cmmc.it/interattivita/ricerche-online.htm Per un supporto consultare le "FAQ" o scrivere a

Dettagli

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione

BANCA VIRTUALE/1 tecnologie dell informazione della comunicazione BANCA VIRTUALE/1 Il termine indica un entità finanziaria che vende servizi finanziari alla clientela tramite le tecnologie dell informazione e della comunicazione, senza ricorrere al personale di filiale

Dettagli

Elsbeth Communication Excellence

Elsbeth Communication Excellence Elsbeth Communication Excellence Il gruppo IT Sonix Il gruppo IT Sonix Storia 1999: Fondazione come Spin-Off universitario 2005: Leader di mercato in Germania nel segmento Predictive Dialer 2006: Apertura

Dettagli

VoiP. oltre la fonia. e la VOCE è in RETE. IP communications system. Asterisk based. SISTEMA NORD srl Capitale Sociale. 98.800,00

VoiP. oltre la fonia. e la VOCE è in RETE. IP communications system. Asterisk based. SISTEMA NORD srl Capitale Sociale. 98.800,00 VoiP e la VOCE è in RETE * IpCS oltre la fonia Asterisk based SISTEMA NORD srl Capitale Sociale. 98.800,00 Via Icaro, 9 / 11 61100 Pesaro Reg.Impr. Pesaro Urbino n 7077 Trib.di Pesaro Tel. 0721/23604 r.a.

Dettagli

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA

PERCHE CW CREIAMO VALORE PER LA VOSTRA AZIENDA CHI SIAMO Call World, business unit di GGF GROUP, è un contact center multicanale specializzato in servizi in outsourcing multilingua,, H24, 7*7, di direct marketing, Customer Care ed Indagini di Mercato.

Dettagli

WEBINAR: App e Contact Center: l'engagement che migliora la customer experience. 22 aprile 2015

WEBINAR: App e Contact Center: l'engagement che migliora la customer experience. 22 aprile 2015 WEBINAR: App e Contact Center: l'engagement che migliora la customer experience 22 aprile 2015 L EVOLUZIONE DELLA SPECIE LE MASSE SONO SUL WEB IL WEB E CAMBIATO: INFLUENZA DEL SOCIAL E DEL MOBILE IL CLOUD

Dettagli

NOSTROMO. Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER

NOSTROMO. Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER NOSTROMO Piattaforma WEB Based per gestione completa di CALL CENTER CARATTERISTICHE DELLA PIATTAFORMA La piattaforma sarà in grado di assolvere a tutte le funzioni di Call Center essendo in grado di offrire

Dettagli

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita.

IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE. modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita. IL CRM NELL ERA DEL CLIENTE modi in cui un CRM moderno può aiutarti a deliziare i tuoi clienti e contribuire alla tua crescita ebook 1 SOMMARIO Introduzione Allineare meglio le vendite e il marketing Creare

Dettagli

Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it)

Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) Dal numero di settembre 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) Multicanalità nei contact center Attivare diversi canali di contatto permette di concentrare sui call center le attività

Dettagli

www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER

www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER www.softwaretelemarketing.com SOLUZIONE CRM E CTI PER CALL E CONTACT CENTER SOFTWARE PER LA GESTIONE E P SOFTWARE PER LA due. CRM è lo strumento dedicato alla gestione e pianificazione delle azioni di

Dettagli

Contact Center Manuale CC_Contact Center

Contact Center Manuale CC_Contact Center Contact Center Manuale CC_Contact Center Revisione del 05/11/2008 INDICE 1. FUNZIONALITÀ DEL MODULO CONTACT CENTER... 3 1.1 Modalità di interfaccia con il Contact Center... 3 Livelli di servizio... 4 1.2

Dettagli

KEY KONTACT C o m p a n y P r o f I l e

KEY KONTACT C o m p a n y P r o f I l e KEY KONTACT C o m p a n y P r o f I l e C O N T A C T C E N T E R GESTIONE DELL INTERO CICLO DI VITA DELLA CHIAMATA Ricezione della Chiamata Registrazione della Segnalazione Analisi Reportistica S E R

Dettagli

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati.

Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Parlare al cittadino e comunicare attraverso Internet: comunicazione e raccolta dati. Marzo 2002 - Paolo Sensini 00 XX 1 Tipologie servizi (1) Servizi vetrina Esempio tipo Struttura Pregi e difetti Servizi

Dettagli

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER

Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER GENERALITA Capitolato tecnico per il servizio di CALL CENTER L Ufficio Nazionale per il Servizio Civile (UNSC) per far fronte alle diverse ed aumentate necessità derivanti dal nuovo quadro normativo per

Dettagli

PIATTAFORMA PROFESSIONALE PER SOLUZIONI DI TELEFONIA VOIP E SUPPORTO INTEGRAZIONE CON CRM BCOM

PIATTAFORMA PROFESSIONALE PER SOLUZIONI DI TELEFONIA VOIP E SUPPORTO INTEGRAZIONE CON CRM BCOM PIATTAFORMA PROFESSIONALE PER SOLUZIONI DI TELEFONIA VOIP E SUPPORTO INTEGRAZIONE CON CRM BCOM Validità: Febbraio 2014 Questa pubblicazione è puramente informativa. Siseco non offre alcuna garanzia, esplicita

Dettagli

Incentive Web Platform 3.5

Incentive Web Platform 3.5 Incentive Web Platform 3.5 1 Indice 1 2 Introduzione IWP 3.5 Le Promozioni oggi pag. 04 L importanza di presidiare pag. 05 Chi comunica? pag. 05 Cos è IWP 3.5 pag. 06 Tipologia di promozione pag. 07 Media

Dettagli

Media punteggi sulle voci dell'autovalutazione - Quality Assurance 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0

Media punteggi sulle voci dell'autovalutazione - Quality Assurance 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 Dal numero di luglio 2013 di Customer Management Insights (www.cmimagazine.it) I Contact center del settore pubblico si confrontano sulle modalità di Quality Assurance e Knowledge Management Buone prassi

Dettagli

Cos è il Voice Over IP

Cos è il Voice Over IP VoIP: tecnologia e soluzioni Cos è il Voice Over IP Voice over IP o normalmente VoIP è la nuova tecnologia in grado di trasmettere il segnale della voce su rete dati utilizzando il protocollo Internet.

Dettagli

Technology Environment High lights

Technology Environment High lights Technology Environment High lights Tratto dal Global Contact Centre Benchmarking Report 2006 - Dimension Data Introduzione La nuova generazione di tecnologie IP telephony ha raggiunto un elevato livello

Dettagli

SISTEMA E-LEARNING INeOUT

SISTEMA E-LEARNING INeOUT SISTEMA E-LEARNING INeOUT AMBIENTE OPERATIVO 1 Premesse metodologiche La complessità di un sistema informatico dipende dall aumento esponenziale degli stati possibili della sua architettura. Se è vero

Dettagli

Interactive Web Contact Servizi Integrati di Multicanalità

Interactive Web Contact Servizi Integrati di Multicanalità Interactive Web Contact Servizi Integrati di Multicanalità Release del 17 settembre 2013 RBS Retail Banking Services // Piazzale dell Industria, 46-00144 Roma - Tel. 06 874171 - info@rbs24.eu Piattaforma

Dettagli

Perché Un progetto di e-mail marketing

Perché Un progetto di e-mail marketing Il momento giusto per una mail! ASSOLOMBARDA VI Giornata Comunicazione D D Impresa L e-mail marketing manda in vacanza il turista Expedia Inc. è la società leader a livello mondiale nel settore del turismo

Dettagli

I nostri clienti possono utilizzare servizi come: Connettività Internet xdsl Connettività Internet Wireless Linee telefoniche su rete dati

I nostri clienti possono utilizzare servizi come: Connettività Internet xdsl Connettività Internet Wireless Linee telefoniche su rete dati SSERV IIZ II E SSOLUZ IION II D II CONNETT IIV IITA VOCE E DAT II Le soluzioni di Internet Comunication del gruppo S.T. permettono al cliente la realizzazione di infrastrutture voce-dati adeguate alle

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM

RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM RINCONVERSIONE DEL BUSINESS, GLOBALIZZAZIONE DELL OFFERTA E NUOVE TECNOLOGIE DI RIFERIMENTO: IL CASO DI WWW.PCXSOFT.COM Emilio Spera 4/11/2001 e.spera@tiscalinet.it IL PIANO DI MARKETING ON LINE di PCX

Dettagli

Marketing & Telematica

Marketing & Telematica Marketing & Telematica Oltre 20 marchi nazionali ed internazionali hanno delegato la gestione del proprio servizio di Contact Center a M&T, offrendo ai propri clienti il più elevato livello di assistenza

Dettagli

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant

La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy. 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant La gestione integrata dei rapporti con il Cittadino e scenari di edemocracy 09/05/2005 Ilaria Scala CRM Consultant Agenda Un CRM per la PA Scenari di applicazione Bibliografia e Webliografia 2 Un CRM per

Dettagli

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES

BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES BENCHMARKING SERVIZIO CONTACT CENTER PUBLIC UTILITIES a cura di Gianluca Loparco 1 (gianluca.loparco@tin.it) Modello gestionale e parametri di funzionamento dei contact center. Il benchmarking rivolto

Dettagli

Incentive Web Platform 3.0

Incentive Web Platform 3.0 Incentive Web Platform 3.0 Incentive Web Platform 3.0 1. Introduzione 1.0 Le Promozioni oggi 1.1 Obiettivi 2. I.w.p. 2.0 Cos è IWP 3.0 2.1 Tipologia di promozione 2.2 Media 2.3 Personalizzazione 3. Tipologie

Dettagli

Soluzioni per Call Center

Soluzioni per Call Center Secure Online Desktop & Gruppo Tecnocontrol presentano Powered by S. O. D. Soluzioni per Call Center www.secure-od.com info@secure-od.com www.gruppotecnocontrol.com info@gruppotecnocontrol.com Il contenuto

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE 1.1 Premessa 1.2 Hurrah Online Automotive System

INDICE. INTRODUZIONE 1.1 Premessa 1.2 Hurrah Online Automotive System INDICE INTRODUZIONE 1.1 Premessa 1.2 Hurrah Online Automotive System HURRAH ONLINE SYSTEM 2.1 Descrizione di HOS 2.2 Modulo Vendita 2.3 Modulo Post-Vendita 2.4 Modulo Garanzie 2.5 Modulo Marketing 2.6

Dettagli

#guida 01 INBOUND MARKETING. Come Trovare Nuovi Clienti Online

#guida 01 INBOUND MARKETING. Come Trovare Nuovi Clienti Online #guida 01 INBOUND MARKETING Come Trovare Nuovi Clienti Online ArchiMedia S.r.l. Viale delle Industrie 53/C 45100 Rovigo Italia Tel. +39 0425 471064 Fax +39 0425 475565 info@archimedia.it #guida 01 Lead

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Presentazione di easycim. Milano, 22 maggio 2013 Massimiliano Salin, Direttore Commerciale Reitek.

Presentazione di easycim. Milano, 22 maggio 2013 Massimiliano Salin, Direttore Commerciale Reitek. Presentazione di easycim Milano, 22 maggio 2013 Massimiliano Salin, Direttore Commerciale Reitek. L Evoluzione della Contact Interaction Management.1 2006-2008 Automazione dei processi di teleselling..2

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli