La responsabilità sociale nelle reti d impresa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La responsabilità sociale nelle reti d impresa"

Transcript

1 La responsabilità sociale nelle reti d impresa Antonella Zucchella * Abstract La value proposition dell impresa non è solamente il risultato di un estrazione di valore su scala globale, attraverso lo sfruttamento delle differenziate capacità e risorse locali, ma per un crescente numero di imprese è un insieme di valori e proposte di valore, basate su un comportamento socialmente responsabile. La catena del valore sposta l attenzione dalla pratica della responsabilità sociale a livello di singola impresa (cioè la corporate social responsibility), a quella di network social responsibility. Il coordinamento della catena del valore di network, da un lato migliora le prestazioni aziendali e dall altro delinea una politica strategica dell impresa, in grado di garantire ai clienti finali il rispetto delle aspettative, comprese le attese di responsabilità sociale. Keywords: Responsabilità sociale di network; catene del valore globali; Governo del network; Gestione del network; Responsabilità sociale d impresa; Etica; Mercati globali 1. Le catene del valore globali L obiettivo della creazione del valore caratterizza differenti attività economiche in tutto il mondo e la organizzazione e gestione della catena di valore a livello globale rappresenta uno dei mezzi più comunemente utilizzati per raggiungere tale finalità in un contesto competitivo internazionale. Quest ultimo implica che l impresa oggi debba confrontarsi con le minacce e le opportunità derivanti dalle molteplici potenziali localizzazioni delle attività della catena del valore in tutto il mondo. Identificare la miglior localizzazione, i migliori partners con cui realizzare queste operazioni quando non sono attuate internamente attraverso investimenti diretti esteri e gestire sistemi di value creation, che sono dispersi in diversi paesi, sono tutti diventati le decisioni ed attività strategiche sulle quali è costruito il posizionamento competitivo dell impresa. Quando Porter (1985) scrisse il suo contributo sulla catena del valore, il fenomeno era ancora agli inizi e nel suo lavoro si può percepire la fondamentale ipotesi di una catena del valore internalizzata. Analogamente le decisioni di localizzazione delle attività, così come le scelte di realizzare partnership, non rappresentavano il tema principale. Nei vent anni successivi, la globalizzazione ha evidenziato progressivamente la sua natura di forza trasformatrice (Nordhaug, 2002); le opportunità di fare business si sono estese sia a livello settoriale che geografico, insieme alle minacce della competizione globale. Le decisioni riguardanti il dove localizzare le attività della catena del valore e il chi, cioè i partner eventuali per lo svolgimento di date attività, diventano fondamentali al fine di mantenere e accrescere la competitività e la creazione di valore. Più recentemente, una crescente attenzione è stata rivolta alla responsabilità sociale dell impresa e alla sua necessità di comportarsi come buon cittadino in uno scenario globale. Nell approccio alle decisioni strategiche, l esigenza di orientamento verso i consumatori è risultata essere complementare alla necessità di orientamento sociale (Maloni, Brown, * Professore Ordinario di Marketing, Università degli Studi di Pavia

2 ). Quest ultima considerazione si è manifestata in conseguenza di differenti motivazioni: probabilmente la più importante è rappresentata dalla crescita della domanda, da parte dei consumatori, di imprese e di prodotti socialmente responsabili (demand-pull motivation), anche se alcune aziende hanno perseguito questo comportamento come risultato di una tensione etica interna (organisation-push motivations). Anche fattori ambientali hanno avuto un impatto rilevante (Gereffi, Sturgeon, Humphrey, 2005), come la pressione dei movimenti politici, delle ONG, dell opinione pubblica, del quadro normativo, ecc. La value proposition dell impresa non è solamente il risultato di un estrazione di valore su scala globale, attraverso lo sfruttamento delle differenziate capacità e risorse locali, ma per un crescente numero di imprese è un insieme di valori e proposte di valore, basate su un comportamento socialmente responsabile. Questo contributo ha l obiettivo di esplorare questo tema e di analizzare la sua potenziale rilevanza per la competitività aziendale. In particolare questo lavoro si propone di integrare il concetto teorico di catena del valore con quello di catena dei valori, che significa implica fornire una evidenza circa il rispetto dei valori dichiarati dall impresa (rispetto dei diritti umani, corrette condizioni di lavoro, pari opportunità, rispetto dell ambiente, contributo al benessere delle comunità locali, ecc.) lungo l intera catena del valore nelle sue diverse localizzazioni e per le attività svolte dai diversi partners (fornitori esterni, alleati strategici, filiali, agenti, e così via). La catena del valore sposta l attenzione dalla pratica della responsabilità sociale a livello di impresa individuale (la tradizionale CSR), a quella di network social responsibility (NSR, ovvero reti di responsabilità sociale). È ampiamente riconosciuto che l azione economica avviene sempre più attraverso reti di imprese, ma la questione della responsabilità sociale è ancora trattata principalmente a livello di impresa singola e raramente a livello di network (McGuire, Sundgren, Schneeweis, 1988; Wheeler, Colbert, Freeman, 2003). Questo approccio non dovrebbe essere considerato dalle imprese come un costo aggiuntivo o come un limite all azione imposto da vincoli esterni e interni (i consumatori, i movimenti di opinione, i sindacati, i partiti politici, ecc), ma come un opportunità per fornire innovative proposte di valore al mercato, dove la questione del value for money è integrata con quella del value for values e come un opportunità per l intera organizzazione di condividere i valori dell azienda. 2. Le caratteristiche emergenti della catena del valore Il mondo della produzione è cambiato profondamente nel corso degli ultimi tre decenni. La produzione di beni finali è sempre più il risultato di catene del valore che sono: a) disperse in tutto il mondo; b) distribuite tra diverse organizzazioni. La dispersione delle attività della catena del valore potrebbe essere vista come il principale elemento di competitività per l impresa, perché è il risultato della scelta delle migliori localizzazioni per alcune attività (basso costo

3 71 del lavoro, alta produttività, risorse e competenze uniche, e così via) e dei migliori partners per la creazione di valore (i più efficienti o più economici subfornitori, i soggetti in possesso di risorse e competenze uniche per quel business, soggetti caratterizzati da ottima distanza cognitiva e così via). Da questo punto di vista, la dispersione e l eterogeneità, sia in termini di localizzazione geografica che in termini di tipologie di partners coinvolti, contribuisce alla creazione di valore e rafforza il posizionamento competitivo internazionale (Nohria, Ghoshal, 1997). Alcuni autori si riferiscono a queste catene anche come commodity chain : una commodity chain consiste in un insieme di reti inter-organizzative raggruppate intorno a quelle di commodities o prodotti che collegano famiglie, imprese e Stati gli uni agli altri all interno dell economia mondiale (Gereffi et al., 1994). Il network è una caratteristica strutturale delle attuali catene di valore globali: una significativa quota di scambi commerciali nell economia mondiale (sebbene sia difficile quantificarla con precisione) è realizzata attraverso transazioni tra società controllate e filiali di imprese transnazionali. È ancora meno quantificabile il commercio organizzato tramite reti di imprese giuridicamente indipendenti, che utilizzando una varietà di relazioni transazionali. Trenta anni fa, Richardson (1972) ha descritto questo fenomeno come la fitta rete di cooperazione e di affiliazione con la quale le imprese sono interconnesse. Recenti ricerche suggeriscono che tali rapporti sono sempre più diffusi nel commercio internazionale. La ricerca riguardante la catena del valore globale, in particolare, mira a comprendere la natura di queste relazioni e le loro implicazioni per lo sviluppo aziendale (Nohria, Ghoshal, 1997; Humphrey, Schmitz, 2001). La dispersione delle catene del valore e l esistenza delle strutture di network richiedono il coordinamento di queste attività disperse e implicano costi di coordinamento così come dei rischi. I primi sono principalmente costi organizzativi relativi alla gestione di differenti organizzazioni localizzate in diverse località. Gli ultimi sono rappresentati da una varietà di fattori di rischio: questo contributo si focalizza principalmente sui rischi associati a società controllate/partners stranieri che non sono allineati con la responsabilità sociale dell impresa (se c è). Un partner del Terzo Mondo che impiega bambini o una filiale estera che sfrutta le risorse locali, quali ad esempio l acqua, o inquina l ambiente, sono comuni esempi di comportamenti di partners stranieri che possono seriamente danneggiare la reputazione di un organizzazione. Da questo punto di vista, il coordinamento della catena del valore non è solo una questione di migliorare le prestazioni aziendali, ma si trasforma in un problema strategico di garantire ai clienti finali il rispetto delle loro aspettative, comprese le attese di responsabilità sociale. Per la maggior parte dei consumatori l interesse verso la catena di produzione che sta dietro ogni prodotto è cresciuta notevolmente. In realtà l emergente questione della tracciabilità si sta muovendo dal suo originale campo di applicazione (quello alimentare) verso qualsiasi prodotto/servizio (Maloni, Brown, 2006). Nel suo più ampio significato, la tracciabilità implica che il venditore del bene finale dovrebbe garantire l acquirente/utente non solo per quanto riguarda la realizzazione fisica del

4 72 prodotto/servizio, ma anche con riferimento alla qualità e all etica dei processi sottostanti, compresi quelli che dipendono da differenti organizzazioni localizzate in parti diverse del mondo. Questo implica una considerazione delle aspettative dei consumatori lungo due differenti dimensioni: la sicurezza e la qualità del prodotto, compresi gli aspetti estetici ed emotivi (individualismo) e l impatto della sua catena del valore sull ambiente esterno, ad esempio in termini di inquinamento, condizioni di lavoro, sviluppo locale e il benessere delle comunità coinvolte (collettivismo). La rilevanza di tali questioni, che influenzano il comportamento dei consumatori, varia tra i diversi segmenti di mercato, ma è cresciuta in maniera significativa nel corso degli ultimi decenni. Per alcuni gruppi di consumatori (militant customers, consumatori militanti), le scelte di consumo rappresentano il nuovo diritto di voto nel panorama politico globale. La ricerca di marketing deve scoprire la rilevanza quantitativa di questi segmenti e, ancora più importante, la sua influenza sul comportamento delle altre categorie. Un più ampio e ancora più influente segmento è rappresentato dai consumatori socialmente responsabili (socially responsible consumers): anche in questo caso, la loro rilevanza non è limitata solamente alle dimensioni del segmento, ma anche alla loro capacità di influenzare progressivamente il comportamento di categorie meno socialmente sensibili (Antil, 1984). Le pressioni esterne nel perseguire pratiche di business socialmente responsabili non provengono solo dalle tendenze dei comportamenti dei consumatori, ma anche dal lato degli investitori finanziari. Secondo una serie di ricerche, sembra dimostrato un positivo o almeno neutrale rapporto tra CSR (Cusoumer Social Responsibility) e redditività aziendale e/o il valore del titolo azionario (McGuire, Sundgren, Schneeweis, 1988; Hamilton, Jo, Statman, 1993). Inoltre, i cosìddetti investitori militanti stanno diventando una categoria significativa, che oggi gestisce un importante portafoglio di titoli. Insieme agli investitori che finanziano le imprese socialmente responsabili, vi è un grande e crescente numero di investitori che non finanziano attività che rientrano in determinate categorie o le imprese che hanno incontrato problemi di scarsa responsabilità sociale. Perseguire un progetto di tracciabilità della qualità del prodotto esteso al tema della responsabilità sociale e dispersa lungo la rete dei partners è una sfida per le imprese, ma rappresenta anche un opportunità per esprimere sia il valore per il cliente sia i valori per il sistema, aggregando proposte di valore innovative. 3. Governance e gestione delle reti come fattore-chiave per la responsabilità sociale I networks sono una fondamentale forma di organizzazione per combinare risorse e competenze uniche (Powell, 1990; Eisenhardt, Schoonhoven, 1996) e non solo un alternativa al mercato o alla gerarchia. Le reti rappresentano la forma prevalente di organizzazione della produzione mondiale, sia per le piccole che per le grandi imprese, come precedentemente detto.

5 73 Come qualsiasi altra struttura, le reti rafforzano e limitano l azione (Giddens, 1984; Nooteboom, 2004). Nello scenario precedentemente esposto sono in crescita le pressioni esterne verso comportamenti socialmente responsabili da parte dei consumatori, dell opinione pubblica e degli investitori. La risposta dell impresa dovrebbe in primo luogo affrontare il problema della governance della rete (Nooteboom, Gilsing, 2004). Prima di tutto, il concetto di governance è centrale nell approccio della catena del valore globale. Noi utilizziamo il termine nel senso che alcune aziende nella catena definiscono e/o fanno rispettare i parametri in base ai quali gli altri operano nella catena (Humphrey, Schmitz, 2001). In generale, a livello di network tra agenti indipendenti la governance fa riferimento a relazioni tra imprese e meccanismi istituzionali attraverso i quali viene realizzato il coordinamento delle attività non di mercato Tale coordinamento viene realizzato attraverso la definizione e l applicazione di parametri di processo e di prodotto che devono essere soddisfatte dagli attori della catena (Humprey, Schmitz, 2001). Queste ipotesi evidenziano le significative differenze rispetto al caso di governance all interno di una singola impresa. Contrariamente ad alcune credenze, le imprese coinvolte in un network non sono boundaryless (Ashkenas e altri, 1995), il che significa che ogni azienda mantiene i suoi elementi distintivi (core elements) in termini di valori aziendali e cultura (soprattutto incorporati in culture e sistemi di valore locali). Una rete dispersa impone sfide rilevanti quando la condivisione dei valori necessita di essere rafforzata o addirittura costruita. La governance dei network affronta questa sfida e svolge un ruolo fondamentale per quanto riguarda l adozione di alcuni valori condivisi tra i partner, e l implementazione di comportamenti di allineamento rispetto a tali valori, soprattutto perché i tradizionali meccanismi gerarchici sono piuttosto deboli nel caso di collaborazioni transnazionali tra agenti indipendenti. Secondo Fichter e Sydow (2002) le condizioni che condizionano la network governance sono: 1) la dimensione della rete; 2) la natura dei legami (Krackhardt, 1992); 3) la presenza di un nodo centrale. In questo contributo aggiungeremo il tema della dispersione geografica come un ulteriore fattore di complessità. Una domanda cruciale quando noi muoviamo dalla CSR (Corporate Social Responsability) alla NSR (Network Social Responsibility) è la seguente: la condivisione dei valori è una condizione di entrata o un output della rete stessa? Se essa rappresenta un pre-requisito significa che la governance e la gestione del network riguardano in primis la selezione dei partner sulla base di determinati criteri (Geringer, 1991; Denicolai, 2008). Un impresa che costruisce la sua catena del valore internazionale sceglie sulla base della convenienza economica, le performance tecniche, le competenze organizzative dei partners e pre-definisce gli standard della responsabilità sociale. Se la NSR è un output dedotto da appropriati meccanismi di governance e pratiche di management, significa che i partner del network sono allineati progressivamente su alcuni valori condivisi e corrispondenti a buone pratiche di responsabilità sociale.

6 74 Questo comporta un ruolo più forte dell impresa madre, che implica condivisione di conoscenza e formazione. Tra le diverse pratiche di network management ricordiamo le seguenti: - presenza di strumenti di selezione dei partner (Geringer, 1991); - impegno significativo di risorse da parte dell impresa centrale: presenza estera, integrazione delle procedure, creazione di un ufficio di CSR, sistemi di reporting coerenti (Waddock e altri, 2002); - utilizzo di codici di condotta: supporto al coordinamento del network nel definire valori e standards condivisi, attivazione di forme di auditing (Nooteboom, 2004). La prima opzione selezione dei partner limita la scelta e non supporta direttamente l azione della casa madre nel migliorare le condizioni lavorative e ambientali nei paesi stranieri. Le ultime due condizioni potrebbero coesistere perché si rinforzano reciprocamente: l impegno di risorse coinvolge le imprese-guida, i codici di comportamento implicano anche l impegno di altri partner (attraverso investimenti relationship-specific) e sviluppano un impegno reciproco nel lungo periodo (Currall, Inkpen, 2002). I codici di condotta comportano lo sviluppo di fiducia reciproca, la formazione dei partners e attività di audit e non solo la pubblicazione di alcune linee guida,a scopo di comunicazione interna/esterna. Il codice etico è considerato una risposta a livello di impresa, che a volte comprende alcuni partners principali. Mentre molte grandi imprese (e talvolta anche di piccole e medie dimensioni) hanno adottato codici di condotta, la pratica dei codici etici di rete è molto meno diffusa, anche se potrebbe essere uno strumento opportuno nel passaggio da CSR a NSR. L OCSE (l Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha rinvenuto attraverso una indagine 246 codici (OCSE, 2000, Scherrer, Greven, 2001) e questa pratica è apparentemente in crescita. Il codice di condotta solleva sia entusiasmi che critiche: per alcuni esso è un mosaico di dichiarazioni unilaterali di policy da parte di singole imprese (Fichter, Sydow, 2002). Alle risposte aziendali si possono accompagnare risposte istituzionali: ad esempio la normativa SA800, le norme ILO (Organizzazione Internazionale del Lavoro) sono indicati come strumenti che prevedono standards che potrebbero essere adottati da parte delle imprese e dalle loro reti, senza la necessità di complesse contrattazioni tra partners in riferimento a regole e standards comunemente accettati. La questione sollevata da Kant (1795) è oggi più attuale che mai. Istituzioni come l ILO e organismi analoghi sono stati definiti tigri senza denti. In mancanza di efficaci politiche globali e istituzioni normative, le imprese (piccole e grandi) sono il principale strumento di regolazione, non solo in campo economico. Secondo alcuni autori (Sabel et al., 2000), la forza della concorrenza potrebbe lavorare nell interesse della responsabilità sociale. Questa è una caratteristica tipica di una rete globale, in cui la concorrenza e la cooperazione coesistono. Questa questione è particolarmente importante quando le imprese competono perseguendo una strategia di orientamento al cliente ed i consumatori sono sensibili alle questioni di re-

7 75 sponsabilità sociale dietro i prodotti che acquistano. Abbiamo commentato l argomento della crescente sensibilità sociale nei mercati di consumo e, in particolare dei segmenti di mercato (i militanti e i socialmente sensibili) che potrebbero agire come precursori per classi di consumatori più ampie. Ma per diversi segmenti di mercato in tutto il mondo e per i nuovi gruppi di consumatori delle economie emergenti, la sensibilità al prezzo può ancora superare ogni problema di responsabilità sociale. Questo implica che un insieme di azioni istituzionali più forti sono necessarie per garantire un auspicabile diffusione della NSR in tutto il mondo. Le imprese sono organizzate in reti globali di produzione in misura crescente, in cui sorgono problemi di coordinamento, che riguardano in gran parte le questioni economiche e la creazione di valore, ma raramente la condivisione di valori. Le pratiche di responsabilità sociale d impresa sono spesso più una bandiera che una pratica per le imprese e tendono ad essere delimitate all interno della stessa. La responsabilità sociale come pratica implica l esistenza di meccanismi di governance e di gestione della rete dal punto di vista dei comportamenti socialmente responsabili. Le pratiche di gestione della rete sono ancora nella loro infanzia, nonostante la diffusione del network come mezzo dominante di creazione di valore. La presenza di network manager e di routines inter-organizzative sono ancora difficili da trovare anche nelle grandi multinazionali (Denicolai, 2008). Lo stesso vale per i sistemi di monitoraggio delle reti e le forme di reporting di rete. 4. Conclusioni Quando si considera la CSR, si ha la sensazione che non di rado le azioni di corporate responsability siano operazioni di facciata e inoltre che tendano ad essere delimitate all interno dell impresa. Questo contributo propone un modello di tracciabilità di prodotti/servizi a livello di rete di imprese, basata sui seguenti aspetti: - presenza di valori condivisi, incorporati in codici di condotta; - implementazione dei valori condivisi e dei codici di condotta tramite lo sviluppo di pratiche di governance e di gestione del network. Queste ultime dovrebbero svilupparsi nell interesse non solo della NSR ma più generale, al fine di garantire un efficace ed efficiente funzionamento della rete anche per la creazione di valore e la competitività. Queste pratiche variano dalle procedure di selezione dei partner, al monitoraggio della partnership, alle procedure per la gestione del conflitto, al controllo di allineamento degli obiettivi e infine alla valutazione della relazione e delle prestazioni (sia economiche che sociali) della rete. Una adeguata impostazione organizzativa è necessaria per lo sviluppo di queste pratiche, procedure e routines. Ad esempio la creazione di un manager di rete e di una apposita unità organizzativa potrebbe essere utile. Il ruolo dell impresa guida è molto importante, specialmente durante la fase di avvio della rete, perché un modello di coordinamento quasi gerarchico di governance rende più facile implementare valori e norme comuni.

8 76 Bibliografia Antil J.H, Socially Responsible Consumers: Profile and Implications for Public Policy, Journal of Macromarketing, Vol. 4, n. 2, 1984, pp Ashkenas, R., Ulrich, D., Jick, T., Kerr, S., The Boundaryless Organization: Breaking the Chains of Organizational Structure, Jossey-Bass, San Francisco, Currall, S. C., Inkpen, A. C., A Multilevel Approach to Trust in Joint Ventures, Journal of International Business Studies, 33(3), 2002, pp Denicolai S., Competenze dinamiche di rete: strategie, modelli organizzativi e tecnologie per l innovazione continua, Franco Angeli, Milano, Eisenhardt K.M., Schoonhoven C. B., Effects of Founding Conditions on the Creation of Manufacturing Alliances in Semiconductor Ventures, H. Thomas, D. O'Neal (eds.), Strategic Integration, John Wiley and Sons, Fichter M., Sydow J., Using Networks Towards Global Labor Standards? Organizing Social Responsibility in Global Production Chains, Industrielle Beziehungen, 9 (4), 2002, pp Gereffi G., Korzeniewicz M., Commodity Chains and Global Capitalism, Praeger, Westport, Gereffi G., T. Sturgeon, J. Humphrey, The Governance of Global Value Chains, Review of International Political economy, 12 (1), 2005, pp Geringer J. M., Strategic Determinants of Partner Selection Criteria, International Joint Ventures, Journal of International Business Studies, 22(1), 1991, pp Giddens A., The Constitution of Society; Outline of the Theory of Structure, University of California Press, Berkeley, Hamilton S., Jo H, Statman M., Doing Well while Doing Good? The Investment Performance Of Socially Responsible Mutual Funds, Financial Analysts Journal, Vol. 49, n. 6, Nov-Dec 1993, pp Humphrey J., Schmitz H., Governance in Global Value Chains, Institute of Development Studies, 32.3, Kant E., Perpetual Peace: A Philosophical Sketch, Krackhardt, D., The Strength of Strong Ties: the Importance of Philos in Organization, N. Nohria, R. C. Eccles (eds.), Networks and Organizations: Structure, Form, and Action, Harvard Business School Press, Boston, 1992, pp Maloni M., Brown M., Corporate Social Responsibility in the Supply Chain: an Application in the Food Industry, Journal of Business Ethics, 68 (1), 2006, pp McGuire J. B., Sundgren, A., Schneeweis T., Corporate Social Responsibility and Firm Financial Performance, Academy of Management Journal, 31,4, 1988, pp Nohria N., Ghoshal S., The Differentiated Network: Organising Multinational Corporations for Value Creation, Jossey Bass, San Francisco, Nooteboom B., Interfirm Collaboration, Learning and Networks, Routledge, London, Nooteboom B., Gilsing V. A., Density and Strength of Ties in Innovation Networks: A Competence and Governance View, Report Series, Erasmus Research Institute of Management, Nordhaug K., Globalization and the State: Theoretical Paradigms, European Journal of Development Research, Vol. 14, n. 1, 2002, pp OECD, Science, Technology and Industry Outlook, Porter M. E., Competitive Advantage, The Free Press, New York, Powell W. W., Neither Market nor Hierarchy: Network Forms of Organization, B. Staw, L. L. Cumming (eds.), Research in Organizational Behaviour, JAI Press, Greenwich, 1990.

9 77 Richardson G. B., The Organisation of Industry, Economic Journal, n. 82, 1972, pp Sabel C., O Rourke D., Fung A., Ratcheting Labor Standards: Regulation for Continuous Im- Provement in The Global Workplace. Version 2.0, February 23, (http://www.law.columbia.edu/sabel/papers/ratchpo.html) Scherrer C, Greven T., Global Rules for Trade: Codes of Conduct, Social Labelling, Workers Rights Clauses, Münster, Waddock Sandra, Leading Corporate Citizens: Vision, Values, Value Added. McGraw-Hill, New York, Wheeler D., Colbert B., Freeman R. E., Focusing on Value: Reconciling Corporate Social Responsibility, Sustainability and a Stakeholder Approach in a Network World, Journal of General Management, 28(3), 2003, pp Williamson O.E., The Economic Institutions of Capitalism: Firms, Markets, Relational Contracting, Free Press, New York, 1985.

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Parte 1 La strategia di espansione internazionale

Parte 1 La strategia di espansione internazionale Prefazione alla seconda edizione Autori Ringraziamenti dell Editore XIII XVI XVIII Parte 1 La strategia di espansione internazionale Capitolo 1 L internazionalizzazione delle imprese: scenari e tendenze

Dettagli

CAPITOLO 5. Relazioni Interorganizzative

CAPITOLO 5. Relazioni Interorganizzative CAPITOLO 5 Relazioni Interorganizzative Agenda Le relazioni interorganizzative Modello interorganizzativo Dipendenza dalle risorse Network collaborativi Ecologia delle Popolazioni Istituzionalismo 2 Le

Dettagli

Politica di Acquisto di FASTWEB

Politica di Acquisto di FASTWEB Politica di Acquisto di FASTWEB Edizione Settembre 2012 Editoriale Innovare per crescere ed essere sempre i primi, anche nell eccellenza con cui serviamo i nostri Clienti. Questo il principio ispiratore

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro di un gruppo Multistakeholder internazionale, coordinato da

Dettagli

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI

IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI LA RESPONSABILITÀ SOCIALE UN VOLANO PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRITORIO IL LABORATORIO SULLA RSI PER LA VAL D AGRI: IL CONTESTO, GLI OBIETTIVI, I TEMPI Lucia Briamonte M. Assunta D Oronzio Villa

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization )

ISO 26000. ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) ISO 26000 ISO (International Organisation for Standardization ) Linea Guida sulla Responsabilità Sociale delle Organizzazioni. Nasce da lavoro

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio

Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio Organizzazione, marketing interno e cultura del servizio Principi organizzativi La piramide rovesciata Il marketing interno La cultura del servizio Roberta Bocconcelli a.a. 2011/2012 DESP Dipartimento

Dettagli

Le idee per il tuo futuro: un business possibile!

Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Le idee per il tuo futuro: un business possibile! Antonio Usai ausai@uniss.it Marketing strategico e sviluppo nuovi prodotti Dipartimenti di scienze economiche e aziendali Università degli Studi di Sassari

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività

Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività Sostenibilità nella Supply Chain end-to-end: innovazione e competitività Davide Barbato, A&S Board Provincia di Milano, 12 Luglio 2011 1 Chi è e cosa propone Acquisti & Sostenibilità è una organizzazione

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO

INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO INFORMAZIONE E MANAGEMENT STRATEGICO CAP 10 IL SISTEMA DI PERFORMANCE MANAGEMENT DOCENTE: CHIARA DEMARTINI mariachiara.demartini@unipv.it Agenda Dal performance measurement al performance management Il

Dettagli

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP 14 ottobre 2013 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 RELATORI: GIAMPAOLO AZZONI - TONI MUZI FALCONI Indice degli argomenti

Dettagli

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012

QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 QUADRO AC DI COMPETENZE Versione riveduta Giugno 2012 Competenze di coaching per Tutti i Coach 1. Rispettare le linee guida etiche, legali e professionali 2. Stabilire il contratto di coaching e gli obiettivi

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing

Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Organizzazione e pianificazione delle attività di marketing Il continuum delle strutture tra efficienza ed efficacia Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura a matrice Struttura orizzontale

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015

BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile. Ottobre 2015 BNP Paribas Investment Partners Una società d investimento responsabile Ottobre 2015 2 L impegno di BNP Paribas Investment Partners In un mondo in transizione, essere una Società di gestione leader comporta

Dettagli

Corporate Social Responsibility lungo la Supply Chain. Concretezza, misurabilità e valore. Improving performance, reducing risk

Corporate Social Responsibility lungo la Supply Chain. Concretezza, misurabilità e valore. Improving performance, reducing risk Corporate Social Responsibility lungo la Supply Chain Concretezza, misurabilità e valore Improving performance, reducing risk La CSR secondo LRQA La CSR è una modalità di gestione dell azienda attraverso

Dettagli

Fornitori d Eccellenza

Fornitori d Eccellenza Fornitori d Eccellenza Dal 1994 Consulenza e Formazione Aziendale www.gestaonline.it Sistemi gestionali Sicurezza sul lavoro Ambiente Modelli 231 Direzione aziendale La nostra missione è quella di aiutare

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

XXVII Corso Viceprefetti Stage

XXVII Corso Viceprefetti Stage XXVII Corso Viceprefetti Stage Governare le complessità: analisi comparativa di realtà pubblica e realtà privata Roma, 11-15 novembre 2013 A cura di Enel University Contesto del progetto Il progetto Stage

Dettagli

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE

INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE INNOVAZIONE E RICERCA AL SERVIZIO DELLE AZIENDE E DELLE PERSONE OD&M Consulting è una società di consulenza specializzata nella gestione e valorizzazione delle persone e nella progettazione di sistemi

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

LA GREEN ECONOMY Unep definisce la green economy OCSE l innovazione disaccoppiare

LA GREEN ECONOMY Unep definisce la green economy OCSE l innovazione disaccoppiare LA GREEN ECONOMY Nel rapporto del 2009 Verso una green economy l Unep definisce la green economy come un economia capace di produrre un benessere di migliore qualità e più equamente esteso, migliorando

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Università di Macerata Facoltà di Economia

Università di Macerata Facoltà di Economia Materiale didattico per il corso di Internal Auditing Anno accademico 2010-2011 Università di Macerata Facoltà di Economia Obiettivo della lezione ERM - Enterprise Risk Manangement Per eventuali comunicazioni:

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese La strategia e la gestione ambientale dott. Matteo Rossi Benevento, 12 febbraio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA LA GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina

VII Forum Politeia. Supply Chain sostenibile end-to-end. Angelo Spina VII Forum Politeia Supply Chain sostenibile end-to-end Angelo Spina 1 www.acquistiesostenibilita.org 4 ACQUISTI &SOSTENIBILITA - Vietata la riproduzione anche parziale ed il ri-editing ad hoc Vers.1.0

Dettagli

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento

ISO 45001. il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione. Comprendere il cambiamento ISO 45001 il nuovo ponte tra sicurezza e innovazione Comprendere il cambiamento Premessa L art. 30 del Testo Unico della Sicurezza dice chiaramente che i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente

Dettagli

Commissione per la Sostenibilità Logistica

Commissione per la Sostenibilità Logistica Commissione per la Sostenibilità Logistica Relazione su incontro 23.2.15 Sono stati presentati, da parte di Alessandro Trojan, Partner di KPMG, i risultati del questionario (vedi allegato) consegnato durante

Dettagli

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva

IL BUSINESS PLANNING LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN. 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi. Ing. Ferdinando Dandini de Sylva LO SVILUPPO DI UN BUSINESS PLAN 1.Definizione della Visione Imprenditoriale e degli obiettivi Illustrare con esattezza la vostra vision e gli obiettivi dell iniziativa, può sembrare ovvio.in realtà molti

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013

FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti. Simonetta Bono Novembre 2013 FONDI PENSIONE ITALIANI: il percorso verso la responsabilità sociale degli investimenti Simonetta Bono Novembre 2013 Investimento socialmente responsabile 2. L Investimento socialmente responsabile (SRI,

Dettagli

Creazione di valore e obiettivi dell impresa

Creazione di valore e obiettivi dell impresa Gestione d impresa e creazione di valore Lezione 1-2. Creazione di valore e obiettivi dell impresa Obiettivi: Introdurre il tema della relatività del valore Presentare il legame tra impresa e creazione

Dettagli

Management e Certificazione della Qualità

Management e Certificazione della Qualità Management e Certificazione della Qualità Prof. Alessandro Ruggieri A.A. 2012-2013 Oggetto della lezione Certificazione: normazione e accreditamento terminologia e concetti ISO 9001:2008 Introduzione e

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ]

I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] MODELLI DI SVILUPPO INTERNAZIONALE I N D I C E 1 [ FILIALE LEGGERA O CLIENTE? ] 2 [ GESTIONE PER MATRICE O PER SOCIETA? ] 3 [ EFFICACIA O EFFICIENZA? ] La scelta del modello ottimale per lo sviluppo nei

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ

TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E DELL INTERMODALITÀ STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DEI TRASPORTI E

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

Foto indicativa del contenuto del modulo. Materiale Didattico Organizzazione Aziendale

Foto indicativa del contenuto del modulo. Materiale Didattico Organizzazione Aziendale Foto indicativa del contenuto del modulo Materiale Didattico Organizzazione Aziendale 3 Strategia d impresa (Introduzione al problema strategico) 4 Premessa Tema caratterizzato da ampispazi di indeterminatezza

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Il modello dei distretti industriali nei paesi del Sud del mondo

Il modello dei distretti industriali nei paesi del Sud del mondo Il modello dei distretti industriali nei paesi del Sud del mondo Diego Coletto Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Università degli Studi di Milano Bicocca diego.coletto@unimib.it 20 giugno 2012

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA LOGISTICA INTEGRATA

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Il sistema della comunicazione economico-finanziaria

Il sistema della comunicazione economico-finanziaria Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il sistema della comunicazione economico-finanziaria Anno Accademico 2009-2010 1 Rapporto

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/10/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento

International Programs Communication Officer Dipartimento Programmi Internazionali Save the Children Italia Onlus (ROMA) Responsabile Dipartimento TERMINI DI RIFERIMENTO RUOLO: AREA/DIPARTIMENTO: SEDE DI LAVORO: REFERENTE: RESPONSABILITÀ DI GESTIONE: RESPONSABILITÀ DI BUDGET: TIPOLOGIA DI CONTRATTO: DURATA: SALARIO DI RIFERIMENTO RAL 24.000 26.000

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA IL BISOGNO CHE VOGLIAMO SODDISFARE Accompagnare amministratori e manager delle

Dettagli

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private

Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Corporate Social Responsibility: Il Ruolo delle Partensrhip Pubblico-Private Giovanna Bottani I-CSR Foundation Fifth Annual Forum on Business Ethics and Corporate Social Responsibility in a Global Economy

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica

Politiche Gruppo Biesse. Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica Politiche Gruppo Biesse Qualità, Ambiente, Sicurezza e Etica 1 INDICE 1. INTRODUZIONE, PREMESSE E OBIETTIVI... 3 2. FINALITÀ DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO... 5 2.1 POLITICHE DELLA QUALITÀ... 6 2.3

Dettagli

Competere nei mercati internazionali

Competere nei mercati internazionali Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani Competere nei mercati internazionali A cura di: Martina Fiordigigli Silvia Gardini Cap. 7, Thompson A., Strickland

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale ETICA E IMPRESA Concetta Carnevale Università della Calabria 1 Il concetto di etica Cosa è A quale concetto ci rifacciamo Quale legame esiste tra etica e impresa 2 Etica e sviluppo sostenibile L esigenza

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE

I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE I NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI E TECNOLOGICI A SUPPORTO DELL EFFICIENZA AZIENDALE PROJECT PORTFOLIO MANAGEMENT Strumento indispensabile per l efficienza del business SICUREZZA FORMAZION E AMBIENTE ETICA

Dettagli

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo

Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Dall ascolto organizzativo alla motivazione professionale: L Audit organizzativo Premessa L Audit organizzativo si fonda sull ascolto organizzativo che presenta come obiettivo primario la valorizzazione

Dettagli

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI

MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI MANTENERE LE RELAZIONI CON I CLIENTI FINALI Il mantenimento delle relazioni con i clienti finali e il processo mediante il quale il fornitore soddisfa nel tempo le esigenze del cliente definite di comune

Dettagli

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche

Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche Principi per la vigilanza sugli stabilimenti esteri delle banche (Maggio 1983) I. Introduzione Il presente documento 1 delinea alcuni principi ai quali il Comitato ritiene dovrebbe essere informata la

Dettagli

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa

Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR. La dimensione operativa Social Plan Lo strumento fondamentale per definire ed attuare Una nuova politica di CSR La dimensione operativa Una nuova visione della CSR Quello della responsabilità sociale è un valore che viene accettato

Dettagli

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica.

Cenni introduttivi. L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. Cenni introduttivi L internazionalizzazione costituisce un fenomeno complesso ed eterogeneo nel grado e nelle modalità con il quale si esplica. L ambiente internazionale è diventato globale, come un unico

Dettagli

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO

Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione Empowerment of Migrant Associations for Co-development,

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli