Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali GMP - EFfCI per Ingredienti Cosmetici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali GMP - EFfCI per Ingredienti Cosmetici"

Transcript

1 2/2011 ISSN Bimestrale. Spedizione in abbonamento postale. 70%. Filiale di Milano. EURO Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali GMP - EFfCI per Ingredienti Cosmetici

2 Un processo continuo per l eccellenza. Garantiamo un servizio completo per lo sviluppo e la produzione di cosmetici, integratori alimentari ed apparati medicali attraverso la ricerca delle materie prime, le analisi dei prodotti, lo sviluppo formulativo, la produzione e il confezionamento, la valutazione della sicurezza, l efficacia d uso e l assistenza tecnico-legislativa in Italia e all estero. Biofarma S.p.A. Via Castelliere, Mereto di Tomba (UD) Italy - Tel. (39) Fax (39)

3

4

5 Recensito in SciFinder-Chemical Abstracts Service IFSCC Scientific Database Editoriale 2/2011 ANNO 14 In copertina Collage 9 I trend dei Social Network Crescono veloci, cadono veloci S Paglialunga Articoli 13 L innovazione e l industria cosmetica Giovanni Pantini 19 Probiotici e Cranberry Per uso topico nelle infezioni del basso tratto urogenitale Achille Tolino, Gianfranco Borruto Caracciolo 23 EFfCI* GMP Qualità e certezze per tutta la filiera cosmetica Vincenzo Rialdi 27 Concetto NICE mente-corpo Una melodia innovativa per la cura della pelle Pierfrancesco Morganti, Hong-Duo Chen, Yuanhong Li Bimestrale 2/2011 Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali 0GMP - EffCI per Ingredienti Cosmetici Speciale Cosmoprof Pagina 91 Aggiornamenti 34 Letteratura Cosmetologica - P Poggi Tossicologica - S Paglialunga 46 In vitro testing solutions - M Meloni Aziende 50 Ingredienti Zanthalene, da una spezia cinese - Indena LycoMega - Lessonia / Safic-Alcan Italia Reforcyl - Rahn 56 Mercato - R Ambrose 60 Cosmetic Corner - M Zorzetto 66 PR 73 Publiredazionale - Merck 74 Intervista a Stefano Togni (Indena) - T Mennini Notizie Pagina 100 Indice generale per categorie ERRATA CORRIGE Pagina Associazioni - COLIPA - PCPC:USA 78 Società Scientifiche - SICC 80 Istituzioni - MINSALUTE - COMMISSIONE UE - CSSC UE 84 Universita & Formazione 85 Riconoscimenti 86 Appuntamenti - Fiere - Agenda EDITORE srl Via Primaticcio Milano tel fax

6 Sede legale: Viale Legioni Romane, Milano Sede operativa: Via Primaticcio, Milano tel fax Direttore responsabile Anna Lebovich Direttore scientifico - editoriale Silvio Paglialunga Coordinatore editoriale Tiziana Mennini Coordinatore redazionale Maddalena Zorzetto Assistente marketing Silvia Pedretti Redazione Emanuela Dedoni Collaboratori Anna Ciranni, Roberto Frazzoli, Marisa Meloni, Paolo Poggi, Martino Recchia Progetto grafico e impaginazione Roberta Dedoni Serena Dori Fotolito F.lli Sala - Seregno (Mi) Stampa Gruppo Stampa GB - Cologno Monzese (Mi) Spedizione Poste Italiane Spa - spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB Milano Tariffa Abbonamenti Italia annuo Italia biennale Europa annuo Europa biennale (6 numeri annui) - C/C postale n B/B Banca Popolare di Novara IBAN IT92 G IVA assolta dall editore; non vengono rilasciate fatture; la ricevuta di pagamento costituisce idoneo documento contabile (DM. 9/4/93 n art. 1) Copyright CEC Editore - Milano Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione dei contenuti, totale o parziale, è soggetta a preventiva approvazione della CEC Editore Legge sulla privacy L editore garantisce la massima riservatezza dei dati in suo possesso, forniti dagli abbonati, fatto diritto, in ogni caso, per l interessato di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione ai sensi del D.lgs 196/03 L Editore non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli Autori e per eventuali errori riportati negli articoli. Il materiale pubblicitario si intende essere conforme a standard etici: la stampa di tale materiale non costituisce la garanzia della qualità del prodotto e della veridicità dei claim. Autorizzazione Tribunale di Milano n. 246 del 6/4/1998 ISSN CEC Editore pubblica anche: - L Integratore Nutrizionale - Agenda Cosmetica Legislativa - Nutrafoods Libri scientifici nell area cosmetica e nutrizionale COMITATO SCIENTIFICO Lucio Andreassi Professore ordinario - Clinica Dermatologica - Facoltà di Medicina - Uni Siena Giovanni Angelini Professore ordinario - Clinica Dermatologica - Facoltà di Medicina - Uni Bari Cecilia Anselmi Direttore Scuola di Spec in Scienza e Tecnologia Cosmetiche - Facoltà di Farmacia Uni Siena Stefano Bader Direttore Scientifico - Oikos - Milano Docente Scuola Spec in Scienza e Tecnica Cosmetica - Uni Ferrara Enzo Berardesca Direttore - Dipartimento di Dermatologia - Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS - Roma Antonio Bettero Direttore Scientifico - Centro Cosmetologia Chimica C.A. Benassi - Uni Padova Francesco Paolo Bonina Chimica dei Prodotti Cosmetici - Facoltà di Farmacia - Uni Catania Leonardo Celleno Direttore - Centro di Ricerche Cosmetologiche - Uni Cattolica del Sacro Cuore - Roma Ugo Citernesi Direttore Scientifico - I.R.A. - Usmate (Mi) Isabella De Angelis Meccanismi di Tossicità, Dipartimento Ambiente e Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità - Roma Stefano Dorato Direttore Relazioni Scientifiche e Normative - Unipro Luigi Gagliardi Direttore - Chimica Analitica dei Cosmetici - Istituto Superiore di Sanità - Roma Giancarlo Gazzaniga Chimico Cosmetologo - Pavia Paolo U Giacomoni Direttore Ricerca & Sviluppo Clinique Laboratories, Melville, NY - USA Umberto Giaroli Responsabile Servizio Dermatologia e Cosmetologia Clinica CAM - Monza Roberto Leonardi R&D Global Director Raw Materials and Process Development - The Colomer Group - Barcellona - Spagna Direttore Tecnico - Colomer Italy - Bologna Roberto Maffei Facino Direttore - Scuola di Spec Scienze e Tecnologia Cosmetiche - Facoltà di Farmacia - Uni Milano Luigi Manzo Cattedra di Tossicologia - Facoltà di Medicina - Uni Pavia Centro Medico Fondazione Maugeri - Pavia Marisa Meloni Direttore Scientifico - VitroScreen - Milano Pierfrancesco Morganti Presidente e Direttore Ricerca & Sviluppo - Mavi Sud - Aprilia (Lt) Segretario Generale International Society of Cosmetic Dermatology Luca Nava Responsabile Area Tecnica Normativa - Unipro Paola Perugini Ricercatore confermato Dipartimento di Chimica Farmaceutica - Facoltà di Farmacia - Uni Pavia Paolo D Pigatto Responsabile Servizio Dermatologia Allergologica - Uni Milano Luigi Rigano Direttore I.S.P.E. - Docente Scuola di Spec in Dermatologia - Uni Perugia Direttore Laboratorio Rigano Fabio Rinaldi Dermatologo - Studio Rinaldi & Associati - Milano Carla Scesa Docente Chimica Prodotti Cosmetici - Scuola di Spec in Cosmetologia - Facoltà di Medicina Uni Cattolica del Sacro Cuore - Roma Achille Sertoli Professore Associato - Dermatologia Allergologica - Uni Firenze Adele Sparavigna Dermatologa - Direttore Ricerche Cliniche Derming - Monza VicePresidente Skineco - Milano Vol 14(2)

7 A COMPLETE STANDARD RANGE OF PACKAGING FOR DEODORANTS round and oval deostik containers for alcoholic and antiperspirant products roll-ons squeeze packs GORLACOMMUNICATION 05 3/ osnago (lc) fax 039/

8 INSERZIONISTI 2/2011 ANNO 14 Aziende Web Pagina A.C.E.F. 10 AGER 26 AVG 38 B&T 84 BIOFARMA II di copertina BRUNO WOLHFARTH 87 CDB III di copertina COSMOFARMA 22 CRODA 7 DEPUR PADANA c/sommario DERMING 89 ESPERIS I Romana - 83 EUROCHEMICALS 8 FAROTTI Essenze 90 FARMALABOR 70 IRA - Istituto Ricerche Applicate 79 ISPE 45 LAMAPLAST 47 L&F CASTELLI 12 NUCE INTERNATIONAL 18 OFI IV di copertina PLASTIAPE 5 RAHN AG 55 VARIATI 48 VEVY EUROPE Vol 14(2)

9 Idratazione Intelligente DuraQuench TM IQ Scopri un nuovo approccio per un idratazione efficace con il nuovo complesso idratante di Croda, Duraquench IQ. Il suo duplice meccanismo d azione ottimizza l idratazione cutanea attraverso la formazione di un film strutturale intelligente sulla superficie della pelle, e tramite la regolazione dell evaporazione di acqua rinforzando la naturale barriera cutanea. Dona un idratazione superiore attraverso una tecnologia a duplice azione Agisce in diverse condizioni di temperatura e umidità Idratazione a lungo termine Migliora la naturale funzione barriera cutanea Protegge dalla secchezza data da saponi e detergenti Miglioramento visibile della secchezza cutanea Pelle più levigata e più luminosa Croda Italiana Croda Europe Ltd Innovation you can build on TM

10 IMPEGNO ed ESPERIENZA Coloranti per Capelli Decolorante Matrici vegetali in acqua termale Alga Ascophillum Nodosa ricca di olielementi minerali, aminoacidi e vitamine PVP-RA e PVP-HT coniugati antiossidanti-polimero - Azione protettiva contro agenti esogeni come le radiazioni UV, l'ozono, gli ipocloriti - Maggiore stabilità rispetto agli attivi a basso peso molecolare - Adesione del polimero al capello - Proprietà filmogene es studio - Milano EUROCHEMICALS S.p.a. Viale Emilia, Cologno Monzese (MI) Tel Fax

11 EDITORIALE I trend dei Social Network Crescono veloci, cadono veloci Tempo fa ero rimasto impressionato dalle possibilità di studio e di utilizzo dei social network per conoscere i nuovi trend e i prodotti richiesti direttamente dai consumatori. Già nel 2000 David Weinberger aveva ipotizzato che si sarebbe presto arrivati al marketing dei messaggi a flusso invertito, rispetto ai tempi passati, quando l azienda inventava un prodotto e poi convinceva il consumatore che il prodotto era a lui necessario. Il flusso dei nuovi trend sarebbe invece partito direttamente dai consumatori e l azienda avrebbe dovuto solo reperire il messaggio e mettere in pratica ciò che il consumatore aveva richiesto. Si poneva solo il problema di inventare potenti software per la lettura di miliardi di comunicazioni dei consumatori. Solo con Twitter, 95 milioni al giorno, mentre le pagine di Facebook sono già a 900 milioni. E quanto è stato fatto, con la social media intelligence, che si basa sulla semantica, cioè nel riconoscere il senso delle parole. Ora si va oltre con la sentiment analysis, analizzando le parole (giudizi) e ordinandole in categorie. Tutti questi progressi nel software ha notevoli vantaggi per le aziende che possono ora seguire quanto si dice sui loro marchi/prodotti ed intervenire tempestivamente a seconda delle notizie. Una ricaduta peculiare, per esempio, potrebbe essere l utilizzo in pubblicità della voce dei consumatori che hanno espresso un giudizio positivo su un prodotto. Sembrava proprio che tutto il progresso maturato sinora avesse portato vantaggi sia ai consumatori che alle aziende e che tutto fosse chiaro: suggerimenti sui nuovi trend provengono specialmente dagli utenti di social network che hanno diverse migliaia di amici che fanno da cassa di risonanza. La ricerca continua e cosa scopre? Che non è chiaro come sembrava. In uno studio recente californiano sugli utenti di Twitter si è scoperto che i temi di cui si discute nei cinguettii (tweets) provengono quasi sempre dai media internazionali e professionali, dati già per spacciati ed ora risorti! La ricerca ha dimostrato che solo un quarto dei soggetti poneva nel circuito idee proprie, mentre il 75% faceva da cassa di risonanza ai temi riportati e discussi su BBC, Cnn, New York Times, Wall Street Journal, specialmente con i re-tweet (immissione nel circuito del messaggio ricevuto senza modificazioni). La scoperta più significativa è stata che non è rilevante chi propone il tema e chi inizia la discussione (erano detti opinion leader quelli con tantissimi amici), ma è il tema stesso che scala la vetta e ci rimane a lungo. L analisi è stata eseguita su milioni di tweet per un tempo ragionevolmente lungo, ben 40 giorni, utilizzando il software sopra descritto. Questi nuovi risultati ci inducono ad una riflessione sui social network. Tutti vanno sempre più in fretta e sembra che quelli che ritardano un poco siano fuori. Quando viene sbandierata una verità in un determinato momento, sembra che non ci sia il tempo di riflettere per capire se la verità può essere considerata duratura o se sia vera solo per quel periodo di tempo, o vera solo per chi l ha enunciata. I follower abbracciano quella verità dando tutto il loro supporto, ma senza delebitamente analizzarla, criticarla, spesso per mancanza di tempo. La verità dopo poco viene considerata un dogma cui riferirsi senza se e senza ma. Tuttavia la ricerca continua e pone tutto in discussione, anche questi dogmi. A questo punto cosa succede? Altri dogmi sono pronti per essere accettati e il circuito non si interrompe se uno cade. E la fretta di avere certezze che andrebbe ripensata. Infatti con una piccola pausa di riflessione si può dire che le aziende possono continuare ad utilizzare tutte le fonti di informazioni provenienti dagli utenti dei network e dai media, vagliandole per identificare un potenziale trend: anche se questo sia stato suggerito dai media, il network ha comunque contribuito a selezionarlo e ad amplificarlo, dando quindi un contributo dal basso che non va assolutamente trascurato. In conclusione possiamo utilizzare tutte le informazioni a prescindere dalle fonti, ma senza troppa fretta e con un minimo di discernimento. Infatti il primo passo verso l ignoranza è presumere di sapere, e molti saprebbero se non pensassero di sapere (B. Graciàn y Morales, El Criticòn). Silvio Paglialunga Vol 14(2) 9

12 La Bellezza vuole qualità. La nostra gamma di materie prime naturali è accuratamente studiata e selezionata con severi criteri qualitativi, per fornire basi di formulazioni cosmetiche eccellenti. Out of Mind.it Estratti Vegetali Proteine Vegetali Emulsionanti Vegetali Olii Vegetali Cere e Burri Vegetali Esteri e Condizionanti per Cosmetica ACEF SpA Via Umbria, 8/ Fiorenzuola d Arda Tel Fax

13 13 L innovazione e l industria cosmetica 19 Probiotici e Cranberry 23 EFfCI* GMP 27 Concetto NICE mente-corpo 34 Letteratura 46 In vitro testing solutions

14 ingredienti di qualità ISP VAN DYK LES COLORANTS WACKHERR ECKART UNITED GUARDIAN MOMENTIVE PERFORMANCE MATERIALS ELEMENTIS JAN DEKKER TROMM COLORANTI PER CAPELLI FILTRI SOLARI SOSTANZE FUNZIONALI BIOCIDI PIGMENTI ADDITIVI PER DECORATIVA SILICONI INDENA LANXESS NEW PHASE TECHNOLOGIES CLARIANT SISTERNA C.V. DOW MICROBIAL CONTROL INDUCHEM SE TYLOSE IDROSSIETILCELLULOSE POLIMERI ESTERI ADDITIVI REOLOGICI OPACIZZANTI QUATERNARI EMULSIONANTI AZIENDA CERTIFICATA Norme UNI EN ISO Certificato n. 412 S.p.A MILANO- via Brera 17 Tel Fax Web:

15 ARTICOLI L innovazione e l industria cosmetica Parole chiave Innovazione Interstiziale, Combinatoria e Incrementale Radicale Divergente Giovanni Pantini Studio 24 - Milano INTRODUZIONE L innovazione è la creazione di un prodotto o di una tecnologia che prima non esisteva. Da questo deriva che l innovazione significativa non consiste nel miglioramento o nella modifica di qualcosa esistente, ma è quella che crea un prodotto con funzionalità e valori differenti, o una tecnologia capace di combinare risorse esistenti in maniera nuova e più produttiva. Tutto ciò non trova una misura nell entità scientifica su cui si basa un nuovo prodotto o una nuova tecnologia. Ricerche d avanguardia e d alto livello non portano necessariamente ad innovazioni importanti, mentre innovazioni importanti possono essere determinate da ricerche d impegno minore perché favorite dalla criticità del momento o per ragioni socio-economiche. Lo stesso avviene per i brevetti, per i quali una ricerca di respiro scientifico modesto può avere talora risultati economici di grande rilievo. In un caso come nell altro, se si andasse ad indagare la sproporzione tra investimenti e risultato, si scoprirebbe una causa esterna che amplifica l effetto dell innovazione. La misura dell innovazione è infatti data dall impatto sull ambiente, per usare parole che ritroviamo spesso nelle opere dell americano di origine austriaca Peter Drucker, un fondatore delle teorie riguardanti management e innovazione (1-3, Quadro 1). Un nuovo prodotto o una nuova tecnologia sono tanto più rilevanti quanto più sono capaci di trasformare in opportunità un cambiamento in atto. Con il cambiamento si ha instabilità, per cui basta uno sforzo relativamente piccolo per avere una ristrutturazione del mercato, e un successo del nuovo prodotto o della nuova tecnologia. C è del vero quando si dice che la guerra, che genera instabilità sociale, porta più innovazione della pace. L innovatore sa individuare le potenzialità di un risultato positivo, inaspettato e ottenuto con poco sforzo, un nuovo bisogno ancora inespresso, la possibilità di far confluire tecnologie mantenute separate dopo essere state sviluppate in maniera indipendente o anche l esistenza di incongruità nella struttura di mercato e nella filiera produttiva. E interessato inoltre alle aree di fluidità, che si formano in continuazione, meglio se ancora embrionali e da interpretare, come sono i segmenti di mercato non ben delineati, sapendo che quelli in evidenza rappresentano il passato piuttosto che il futuro. Infine, l innovatore va alla ricerca di problemi, per offrire soluzioni. NUOVI PRODOTTI E INNOVAZIONE Per l introduzione nel mercato di nuovi prodotti si può procedere da sinistra verso destra, con la ricerca che passa il nuovo prodotto alla produzione e poi al marketing e all organizzazione commerciale; oppure da destra verso sinistra, cioè partendo dal mercato, a cui si ritorna, dopo uno o più passaggi dalle parti della ricerca (Fig 1). Sono evidentemente delle semplificazioni per ricordare che nelle aziende esiste sempre questa contrapposizione, da ritenere fisiologica e normale, ma di cui occorre tenere conto. Alla ricerca non si può dire semplicemente di inventare qualcosa, contando su risultati ben definiti da utilizzare per un progetto, a meno che non ci si accontenti di un nuovo che lo è solo in rapporto al vecchio dell azienda, rimanendo, bene che vada, ai livelli della concorrenza. Facendo intervenire il fattore mercato fin dall inizio, cioè nella descrizione o definizione del Cosmetic Technology (2) 13-17

16 L innovazione e l industria cosmetica Giovanni Pantini Osservazioni di Peter Drucker (1) Quadro 1 - L innovazione non è una scienza, ma un valore; ( ), non è qualcosa che si verifica all interno di una organizzazione, bensì un cambiamento esterno: la misura dell innovazione si ha nell impatto sull ambiente. - Ciò che è significativamente diverso non è una decisione tecnica, né è la qualità della scienza a creare la diversità, né questa è data dal costo e dalle difficoltà che essa ha richiesto: la differenza significativa sta nell impatto sull ambiente. - ( ) la vera innovazione è raramente un estensione dell attività già esistente: raramente essa si adatta a portata, obiettivi, tecnologie, processi di oggi, anche se ovviamente è possibile definire soltanto portata, prodotti, tecnologie, processi, mercati di oggi. - L ipotesi principale di una strategia innovativa è che le attuali linee di prodotti e di servizi, i mercati, i canali di distribuzione esistenti, le tecnologie e i processi in corso presto o tardi - e di solito presto - declineranno anziché incrementarsi. - Una strategia innovativa consiste nel liberarsi sistematicamente e razionalmente di ciò che è vecchio, morente, obsoleto. Le organizzazioni innovative non impiegano tempo e risorse per difendere il passato, perché soltanto l abbandono sistematico del passato è in grado di liberare risorse per ciò che è nuovo. - Altro punto fondamentale in una strategia dell innovazione è la chiara consapevolezza che gli sforzi per l innovazione devono mirare in alto: normalmente è altrettanto difficile operare una piccola modifica su un prodotto esistente che introdurne uno nuovo per effetto dell innovazione. - La strategia innovativa mira quindi a creare una nuova attività anziché un nuovo prodotto nell ambito di una linea già affermata; mira a creare la capacità di funzionare in modo nuovo invece di un miglioramento; mira a creare un nuovo concetto di valore invece di soddisfare un po meglio le esistenti aspettative di valore. Lo scopo dell innovazione è di creare una diversità significativa. - La ricerca dell innovazione deve essere organizzata in modo distinto e separato dalle attività manageriali correnti. Non è possibile, infatti, creare il nuovo e contemporaneamente seguire ciò che si deve realizzare ogni giorno. - Al tempo stesso le organizzazioni innovative si rendono conto che l innovazione, fin dall inizio, deve essere organizzata come una attività piuttosto che come una funzione. In termini concreti, questo significa lasciare da parte la sequenza tradizionale in cui la ricerca viene al primo posto, seguita dallo sviluppo e poi dalla produzione e dal marketing. A) Ricerca e Sviluppo (Definizione del prodotto) Produzione Marketing e Vendite Mercato B) Mercato: Ricerca & Sviluppo Marketing Bisogno del mercato Definizione del prodotto Market test Produzione Vendite Segmento di mercato Figura 1 Due procedure per la definizione dei nuovi prodotti A) da sinistra verso destra B) da destra verso sinistra Vol 14(2)

17 nuovo prodotto come quello che soddisfa un bisogno espresso dell ambiente esterno, si sceglie la strategia di adattarsi ai valori degli utilizzatori, che in una certa misura è autolimitante, perché nel mercato non si ritrova molta fantasia, dato che spesso richiede quello che c è già, con qualche aspetto negativo in meno e qualche vantaggio in più. Spesso si parla di mercato, ma ci si riferisce alla concorrenza. In un modo o nell altro, il risultato più comune è quello di un progetto con poca innovazione, accettato dal management perché illustra bene tempi, costi ed azioni, mentre con l aumento dell innovazione il progetto apparirebbe più confuso, e quindi più rischioso, mentre, quanto a rischio, è vero il contrario. Come si esce da questa situazione? Molti Autori, tra questi Drucker, suggeriscono di concepire il nuovo in maniera distinta dalle attività correnti dell azienda. E parere di chi scrive che il nuovo in una azienda di prodotti cosmetici vada ripartito tra due modi di operare, con tempi e spazi e obiettivi diversi, indipendenti ma complementari. Tutto il complesso processo che va dalla definizione di nuovo prodotto, inteso come prodotto oggetto di un progetto che ha come scopo la sua introduzione nel mercato, fino al marketing e alla vendita, rientra nelle attività correnti di una azienda. Occorre però che ci siano i prerequisiti perché si possa avere una corretta definizione di nuovo prodotto : un prodotto che abbia effettivo contenuto innovativo, che sia stato scelto tra prototipi concepiti come modelli e che rientri in una consequenziale linea di sviluppo (se ne introduce uno, ma si comincia a pensare al successivo basandosi su una comune linea tecnologica, anche per funzionalità diverse). C è poi il nuovo, inteso come magazzino di idee, di cultura tecnica e possibilmente di brevetti e pubblicazioni, come dire la disponibilità di innovazione da adattare ad un progetto, poi ad un altro Ma come si costruisce questo nuovo? Interstiziale, combinatoria, incrementale e radicale La tecnologia si evolve gradualmente per il continuo contributo di innovazioni minori, come l innovazione interstiziale (che riguarda nicchie non ancora investigate all interno della frontiera tecnologica) o l innovazione combinatoria (nuove combinazioni di tecnologie) o l innovazione incrementale (miglioramento di una tecnologia con avanzamento marginale della frontiera tecnologica). In una ipotetica rappresentazione si fa corrispondere un area ad ogni tecnologia: la correlazione tra le aree e la frontiera tecnologica ci dà il tipo di innovazione (Fig 2A-C). A) Innovazione interstiziale Tecnologia 1 (ingrediente) Tecnologia 3 (ingrediente) Tecnologia 1 (ingrediente) Tecnologia 2 (ingrediente) Tecnologia 4 (ingrediente) Frontiera tecnologica Tecnologia 2 (ingrediente) Altra modalità di rappresentazione grafica è data dalla curva di apprendimento che descrive il ciclo di vita di una tecnologia con la performance in funzione degli investimenti: andamento sfavorevole all inizio (investimenti elevati per una modesta progressione), poi molto favorevole (fase di sviluppo della tecnologia) e infine di nuovo sfavorevole (maturità della tecnologia). La rappresentazione suddetta può evidenziare che in genere l innovazione combinatoria, tipica dell industria cosmetica, è da preferirsi a quella interstiziale o incrementale. Ma la curva di apprendimento aiuta soprattutto a descrivere l innovazione radicale, che si ha quando si passa con discontinuità da una curva in una fase sfavorevole, ad un altra in pieno sviluppo. Si realizza così l innovazione più significativa, specialmente se si fa avanzare la frontiera tecnologica (Fig 2D). B) Innovazione combinatoria Tecnologia 1 (ingrediente) Tecnologia 3 (ingrediente) Tecnologia 2 (ingrediente) Tecnologia 4 (ingrediente) Frontiera tecnologica C) Innovazione incrementale D) Innovazione radicale (Curve dell apprendimento) Performance S 3 Discontinuità TIPOLOGIE DI INNOVAZIONE Tecnologia 3 (ingrediente) Tecnologia 4 (ingrediente) S 2 S 1 Avanzamento della frontiera tecnologica Investimenti NB Con le innovazioni minori (interstiziale, combinatoria e incrementale) si ha una evoluzione graduale, mentre con l innovazione radicale si ha discontinuità passando da una tecnologia (S 1 o S 2 ) ad un altra più produttiva (S 3 ). Figura 2 Rappresentazione dei vari tipi di innovazione Può sembrare un paradosso, ma le condizioni che favoriscono il livello di innovazione interstiziale, combinatoria ed incrementale, portano ad una diminuizione delle possibilità che si abbia innovazione radicale: è il caso dell industria cosmetica. La complessità di questa industria - un numero elevatissimo di ingredienti e funzionalità, parecchie forme tecniche e presentazioni, differenze dovute a fattori culturali e ambientali o alle normative nazionali riguardanti la sicurezza e la commercializzazione, e anche continui problemi lewww.ceceditore.com 2011 Vol 14(2) 15

18 L innovazione e l industria cosmetica Giovanni Pantini gati al semplice mantenimento della qualità della produzione - rende pressoché normale l innovazione minore, distraendo così dall innovazione radicale. L innovazione radicale richiede nuove forme tecniche o nuove funzionalità o nuovi meccanismi di funzionalità note, per le quali non bastano nuovi ingredienti e nuove formulazioni. Per la gran parte delle aziende cosmetiche, tuttavia, l innovazione è legata solo agli ingredienti impiegati, con lo svantaggio di non avere una propria chiave per una innovazione indipendente e di introdurre nel mercato prodotti che sono più o meno simili a quelli della concorrenza. Solo le grandi aziende possono contare su team dedicati all individuazione di materie prime e di tecnologie sviluppate in altre industrie in modo da alimentare la ricerca interna attraverso una cross-fertilization esclusiva. Innovazione divergente e convergenza dei progetti Se si dice che l innovazione vera e propria è quella radicale, aggiungendo che occorrerebbe anche un po di ricerca di base, almeno a livello di impostazione, si corre il rischio di spaventare qualunque management per quanto ben disposto. Utilizziamo allora altre parole, a cominciare da innovazione di tipo divergente (4), che si può definire come un lavoro di indagine, con raccolta di informazioni di letteratura ed effettuazione di semplici sperimentazioni, da affrontare - ed è questo un punto saliente - con sistematicità e non in occasione dell avvio di un progetto per un nuovo prodotto (in questo senso è di base). E divergente perché tende ad essere orizzontale e trasversale, e perché partendo da una materia prima o da una tecnologia o da una funzionalità prima considera tutti i punti di vista, per passare poi a combinazioni semplici in un largo campo di rapporti e di condizioni operative, con un (probabile) effetto moltiplicativo di risultati e idee. Ed è innovazione perché ha lo scopo di scoprire e organizzare cose nuove che prima non si conoscevano. Altre differenze rispetto al lavoro per singoli progetti sono: orizzonti più larghi, in modo da andare oltre allo spettro dei prodotti aziendali, e obiettivi con tempi più lunghi, cercando di cogliere trend di medio-lungo periodo piuttosto che fotografare l attualità di mercato, e possibilmente con una visione tecnologica riguardante anche i prodotti della concorrenza. Il rischio, in rapporto ad eventuali obiettivi prefissati, potrà essere anche elevato, rimanendo però sempre modesto rapportato alle risorse impiegate, con la possibilità di trovare inoltre, in seguito, il modo di valorizzare esperienze e risultati non proprio calzanti per questo o quel progetto. I risultati del lavoro effettuato devono andare a costituire un patrimonio dell azienda a cui fare continuo riferimento. Per questo approccio è necessaria una formalizzazione di largo respiro, cioè svincolata dal lavoro contingente (idealmente brevetti e pubblicazioni), anche perché questo tipo di innovazione dovrebbe essere gestito tenendo conto di tutte le sue potenzialità (incluse licenze e collaborazioni con altre aziende). La prova del nove della validità di questo lavoro di innovazione è da una parte la capacità di supporto a progetti di nuovi prodotti, con contributi alla loro velocizzazione e diminuzione del rischio, e dall altra constatazioni più generali che riguardano la produttività che aumenta nel tempo (ma solo se si è partiti da una posizione giusta in una curva di apprendimento) e la tecnologia come fattore unificante. Ma perché questo si verifichi occorre sapere passare dall innovazione divergente alla convergenza dei progetti. E questo capovolgimento d approccio non è sempre cosa facile. SPECIFICITÀ DELL INDUSTRIA COSMETICA Tecnologie cosmetiche e innovazione Le considerazioni di questo articolo sono essenzialmente di carattere generale, ma un tentativo per un attenzione più specifica all industria cosmetica è necessario. Va subito detto che questa è un industria nella quale la produttività e le performance dei prodotti non si possono facilmente misurare e confrontare con la concorrenza e con il passato, come invece è possibile in altre industrie, dove si può arrivare ad individuare il susseguirsi di generazioni di prodotti e di tecnologie di produzione - a distanza di pochi anni e con livelli di miglioramento senza paragoni nell industria cosmetica - che rendono l innovazione tecnologica un fattore decisivo per il successo commerciale (ci riferiamo a tutta l industria cosmetica). Nel caso dell industria cosmetica nazionale, costituita da una forte predominanza di aziende di piccole e medie dimensioni che immettono nel mercato una vasta gamma di prodotti utilizzando impianti produttivi con unità e componenti standard, è impensabile e di scarsa utilità un analisi che prenda in considerazione il livello tecnologico delle diverse aziende. Per ognuna si ha un mix di un gran numero di tecnologie (e quindi possibilità di innovazioni minori da non sottovalutare), che tutte insieme costituiscono il know-how dell azienda, riconducibile nelle realtà più piccole alle competenze professionali del direttore tecnico o dell esperto di formulazioni, cui possono contribuire consulenti e fornitori di materie prime. Il know-how aziendale valutato nel tempo ci dà la curva di apprendimento di ogni azienda. Valutazioni generali di mercato sull evoluzione degli attivi, dei sistemi emulsionanti, reologici e conservanti indicano che le aziende non differiscono in maniera importante per la curva di apprendimento e che questa curva non mostra una elevata pendenza, cioè, non è elevato l incremento delle performance dei prodotti in rapporto al tempo o alle risorse impiegate. Questo perché si opera con continuità seguendo una curva d apprendimento o curva tecnologica che è sfavorevole, perché appunto poco inclinata, senza passare a curve più favorevoli attraverso momenti di quella discontinuità che è necessaria per una innovazione radicale o almeno abbastanza significativa. Questo è peraltro paradossale perché il tecnologo dell industria cosmetica è generalmente depositario di un elevato e diversificato patrimonio di cognizioni tecniche. Queste cognizioni permettono comunque la realizzazione della missione delle aziende cosmetiche, che è quella di introdurre nel mercato prodotti sufficientemente buoni, con garanzia di costanza nella presentazione e soprattutto sicuri. L attenzione su quest ultimo punto rende l industria cosmetica, per alcuni aspetti, più vicina all industria alimentare che all industria farmaceutica, con la quale tenderebbe invece a confrontarsi. Si può dire che, affrontato il problema della sicurezza e di una buona presentazione dei prodotti, un azienda abbia soddisfatto una parte importante della sua missione, trasferendo l impegno competitivo alle strutture commerciali e di marketing. A parità di strutture Vol 14(2)

19 aziendali non ci sono differenze significative tra un paese e l altro, come dire che queste sono caratteristiche intrinseche dell industria cosmetica piuttosto che proprie di questa industria nel nostro paese. Stando così le cose, ci limitiamo a qualche domanda. E possibile ed efficace, almeno nel caso di aziende sufficientemente strutturate, separare il lavoro di innovazione, come è stato precedentemente definito, dal lavoro di supporto per l introduzione di nuovi prodotti, pur mantenendo lo stesso livello di risorse, a parte eventuali periodi di implementazione? Si avrà per sempre un industria cosmetica essenzialmente omogenea dal punto di vista tecnologico-produttivo e per la capacità di innovazione e differenziazione effettiva dei prodotti, oppure si farà sentire a monte pienamente il fatto che poi nella commercializzazione vi è una forte segmentazione? Basti pensare alle differenze nella comunicazione tra le aziende che vendono tramite le farmacie e quelle che si servono delle profumerie. Ci sarà per sempre un industria nazionale come esiste oggi, oppure ci si sta avviando verso un processo di internalizzazione che presupporrà una maggiore competitività tecnologica? E la competizione con le aziende multinazionali? E come inciderà la globalizzazione? Innovazione e nuova concorrenza L industria cosmetica nazionale ed europea ha incontrato minori difficoltà legate alla globalizzazione rispetto ad altre industrie produttrici di beni di consumo: non ha così dovuto, ancora, misurarsi con la nuova concorrenza legata al fenomeno della globalizzazione. Questo perché i prodotti cosmetici, per i quali sono necessarie tecnologie di impegno medio, cioè abbastanza disponibili, hanno un così forte contenuto di componenti locali e culturali da costituire un ostacolo più difficile da superare di una elevata barriera tecnologica. Sono prodotti che si vendono per quello che fanno, cioè per la loro funzionalità, e non per quello che sono, e già per questo ogni azienda può rivendicare caratteristiche uniche. Ma si vendono, soprattutto, per come sono percepiti. Ricorrendo al linguaggio di Drucker, si vendono per l impatto sull ambiente, che può continuare ad esserci anche con una innovazione minore o addirittura senza alcuna innovazione. Marchi affermati o il riferimento a Parigi o al Made in Italy riescono a controbilanciare una concorrenza che si affidi all aspetto economico o anche a quello tecnologico, che però risente della mancanza di una immagine vincente. Al momento quindi questo settore dell industria non ha conosciuto le scottature di tanti altri settori. Fino a che punto questo è un bene? Proviamo a dirlo raccontando una osservazione comportamentale sulla rana. Se si getta una rana in un contenitore pieno di acqua bollente, questa reagisce più velocemente che può e, forse, con un gran salto ce la fa a scappare dal pericolo. Ma se si pone una rana in poca acqua entro un contenitore posto su una fonte di calore e si fa salire molto lentamente la temperatura dell acqua, la rana non se ne accorge e finisce lessa. L esperimento può essere utilizzato come un apologo: in altri settori industriali la concorrenza (la fonte di calore) è arrivata aggressiva (ben calda) e a volte con breve preavviso, costringendo così ad affrettate azioni di difesa. Ci sono state le scottature, si è reagito, con più o meno successo, con crolli e con salti, ma comunque, in generale non si è diventati lessi dopo avere goduto di un periodo di tepore. Se si è ottimisti si può pensare che, in un ottica di globalizzazione, l industria cosmetica dovrebbe continuare a rimanere dov è: come dire che sarebbe favorita da questo fenomeno. Tuttavia, per motivi interni o esterni, i cambiamenti, magari lenti e molto graduali, si presenteranno comunque: insomma qualcuno finirà lesso. BIBLIOGRAFIA 1 Drucker PF (1978) Manuale di Management Etas Libri, Milano, p Drucker PF (1986) Innovation and Entrepreneurship Pan Books, London, p Drucker PF (1992) The new Realities Harper & Row, New York, p Berggren C, Hjelm J (2010) The dual challenge Managing divergent innovation and convergent projects Proceedings IPMA-International Symposium on Project Management Creativity, Stoccolma, 31 Maggio-1 Giugno Vol 14(2) 17

20

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius

Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius Questa lezione tratta il sistema HACCP e la sua applicazione come viene presentata dal Codex Alimentarius 1 Il Codex ha accettato il sistema HACCP come il migliore strumento per garantire la sicurezza

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Un Partner qualificato sempre al vostro fianco

Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Un Partner qualificato sempre al vostro fianco Uffix Srl è una realtà attiva nella vendita, assistenza e noleggio di sistemi per l ufficio, a cui si aggiungono

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI

COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI I COSTI LOGISTICI COME INDIVIDUARLI E RAZIONALIZZARLI di Andrea Moneta Produzione e logistica >> Logistica DEFINIZIONE E AREE DI COMPETENZA Quando si parla di costi logistici generalmente si tende ad associare

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622

DCR consulting email: info@dcrconsulting.it website: www.dcrconsulting.it - cellulare: 345.502.0019 - telefono: 0824.42.969 Partiva iva 01559270622 PROGRAMMA CORSO MARKETING ED INNOVAZIONE NEL MERCATO FARMACEUTICO TITOLO RAZIONALE PRINCIPALI ARGOMENTI ORE Modulo 1 Modulo 2 Marketing strategico Marketing operativo Questo modulo introduce gli aspetti

Dettagli

Il nostro obiettivo è offrire la migliore soluzione alle vostre esigenze

Il nostro obiettivo è offrire la migliore soluzione alle vostre esigenze Consulenze Il nostro obiettivo è offrire la migliore soluzione alle vostre esigenze Cosmetica Italia, tramite Unipro Servizi s.r.l., risponde alle esigenze e alle richieste delle aziende e del mercato,

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity

GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity GEFRAN S.p.a. Utilizzata con concessione dell autore. GEFRAN: riduzione dei tempi di inattività con Business Continuity Partner Nome dell azienda GEFRAN S.p.a Settore Industria-Elettronica Servizi e/o

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Sezione di Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche Maria Edvige Sangalli Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche E25 Fabbricazione Industriale dei Medicinali 4 CFU Prof. Andrea

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007

Qualità UNI EN ISO 9001. Ambiente UNI EN ISO 14001. Registrazione EMAS. Emission trading. Sicurezza BS OHSAS 18001:2007 ICMQ Certificazioni e controlli per le costruzioni La certificazione dei sistemi di gestione Certificazione sistemi di gestione ICMQ, organismo di certificazione e ispezione per il settore delle costruzioni,

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA CENTRO DIAGNOSTICO E SERVICE DI LABORATORIO SPECIALIZZATO IN GENETIC LAB La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA Geneticlab

Dettagli

Edizione 2010. www.sovedi.it

Edizione 2010. www.sovedi.it Edizione 2010 www.sovedi.it SOVEDI s.r.l. Via Antica, 3-25080 Padenghe sul Garda (BS) email: info@sovedi.it tel: +39 0302076341 CAP.SOC. 51.480,00 - C.F. p.iva 00632180246 SOVEDI nasce nel 1978 a Vicenza.

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

20 anni al servizio. delle imprese. alimentari. consulenti e comunicatori della qualità alimentare

20 anni al servizio. delle imprese. alimentari. consulenti e comunicatori della qualità alimentare 20 anni al servizio delle imprese alimentari consulenti e comunicatori della qualità alimentare i numeri di TQF 150.000 le norme alimentari monitorate, interpretate e aggiornate nel mondo 147 5.000 i servizi

Dettagli

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business.

Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. ACCREDITED PARTNER 2014 Consulenza, servizi su misura e tecnologia a supporto del business. Gariboldi Alberto Group Srl è una realtà

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori 11 giugno 2007 Annamaria Nicchia - U.O.S.C. di

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole www.certificazione.info autore: Dr. Matteo Rapparini La certificazione di qualità nelle scuole La certificazione di qualità ISO 9001:2000 ha avuto recentemente

Dettagli

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO

DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI DOCENTE : MADEO NATALE MASSIMO 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA Ho conosciuto la classe nell anno scolastico 2011-2012 quando frequentavano la classe 2bt per poi

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Chi siamo Finint & Wolfson Associati è una giovane e dinamica società di consulenza di Direzione, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi di Innovazione,

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE UFFICIO IV DELL

Dettagli

4. Le Divisioni specializzate

4. Le Divisioni specializzate 1. Chi siamo Openjobmetis SpA nasce ufficialmente il 1 gennaio 2012, a seguito della fusione delle storiche Agenzie per il Lavoro Openjob SpA e Metis SpA e del rispettivo know-how nella gestione delle

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 STUDIO Q QUALITÀ TOTALE SRL organizzazione formazione marketing INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUAP COMUNE DI SASSARI Giugno 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE 3 2 METODOLOGIA 4 3 IL TARGET E IL CAMPIONE D

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT

AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT CUSTOMER SUCCESS STORY Ottobre 2013 AT&S Aumenta l Efficienza e l Agilità del Business Tramite il Miglioramento della Gestione IT PROFILO DEL CLIENTE Settore: Manifatturiero Azienda: AT&S Dipendenti: 7500

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

CLINICHE DENTALI IMPLADENT IMPLADENT IMPLADENT - cliniche dentali IMPLADENT

CLINICHE DENTALI IMPLADENT IMPLADENT IMPLADENT - cliniche dentali IMPLADENT Il franchising Il Franchising odontoiatrico è una forma di collaborazione tra imprenditori per l'erogazione di servizi odontoiatrici, indicata per chi vuole avviare una nuova impresa, ma non vuole partire

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Agosto 2015 Chi siamo FIWA è una giovane e dinamica società di consulenza direzionale, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi portanti dello

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550

10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 10/02/2009 www.miojob.it Visitatori Unici giornalieri: 1.219.550 Candidati chiavi in mano gli introvabili dell informatica Nel mondo dell It le imprese sempre meno disposte a investire in lunghi periodi

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

Le proponiamo un appuntamento per il giorno alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via , Roma

Le proponiamo un appuntamento per il giorno <gg/mm/aaa> alle ore <00.00> presso l ambulatorio di via <indirizzo>, Roma La Regione Lazio e la ASL Roma XY La invitano a partecipare ad un programma di prevenzione del tumore del collo dell utero rivolto alle donne di età compresa fra i 25 e 64 anni. Il programma ha lo scopo

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati

La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati La gestione del rischio clinico nell Organizzazione Sanitaria: Approcci, modalità, strumenti e risultati Il caso della Azienda Sanitaria della Valle d Aosta A cura di Clemente Ponzetti, Massimo Farina

Dettagli

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ

INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ INCREMENTARE LE QUOTE DI MERCATO E LA REDDITIVITÀ L ANALISI DELLA CONCORRENZA E IL CUSTOMER VALUE MANAGEMENT 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ ADOTTARE UN PROCESSO DI CUSTOMER VALUE MANAGEMENT? La prestazione

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA

LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA LINEE-GUIDA PER LA REDAZIONE DEL COSTO STANDARD NELLA SCUOLA STATALE E PARITARIA Prof. Marco Grumo (Docente università Cattolica del sacro Cuore di Milano e Responsabile scientifico del corso di alta formazione

Dettagli

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica

La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica La realizzazione di un manufatto in odontoiatria protesica Dott. Michele Rossini Parole chiave: Costo di produzione Valore di produzione Prototipo Lowcost Se neparla molto e il dialogo sembra ancora agli

Dettagli

Pianificare il futuro

Pianificare il futuro Pianificare il futuro THINK private. Linea Planning Banca Fideuram Banca Fideuram è uno dei principali protagonisti del private banking in Europa, con oltre 50 miliardi di euro di attività in gestione.

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com

i dossier TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO www.freefoundation.com 065 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SULLE BANCHE DI RENZI (E BOSCHI) E NESSUNO VI HA MAI DETTO 15 dicembre 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Pier Antonio Varesi (*) L apprendistato, un istituto di stampo europeo per l occupazione giovanile.

Pier Antonio Varesi (*) L apprendistato, un istituto di stampo europeo per l occupazione giovanile. Pier Antonio Varesi (*) L apprendistato, un istituto di stampo europeo per l occupazione giovanile. Il recente incontro tra Governo e parti sociali ed il documento congiunto Merkel Sarkozy - Monti sulle

Dettagli

CICLO DELLE PRENOTAZIONI

CICLO DELLE PRENOTAZIONI CICLO DELLE PRENOTAZIONI UNA SFIDA ANTICA Quando nuove tecnologie raggiungono un alto livello di diffusione, si aprono solitamente nuovi campi di applicazione. La combinazione della diffusione della Telefonia

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

AGENZIA ITALIANA del FARMACO Aula Magna Istituto Superiore di Sanità

AGENZIA ITALIANA del FARMACO Aula Magna Istituto Superiore di Sanità AGENZIA ITALIANA del FARMACO Aula Magna Istituto Superiore di Sanità Roma 17 Dicembre 2004 La qualità dei medicinali: un requisito in evoluzione Il ruolo del commercio nella filiera di produzione dei medicinali

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

GLI INDICATORI AMBIENTALI

GLI INDICATORI AMBIENTALI GLI INDICATORI AMBIENTALI L identificazione e l utilizzo di adeguati indicatori ambientali si dimostra indispensabile per misurare e tenere sotto controllo il miglioramento delle prestazioni ambientali

Dettagli

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ

Studiare nuovi prodotti è oggi una questione LEAN INNOVATION M I X. NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ LEAN INNOVATION LA PROGETTAZIONE DI UN NUOVO PRODOTTO NEL RISPETTO DELLA DISCIPLINA 6 σ M I X L articolo vuole mostrare come con il lavoro di gruppi interfunzionali e con l utilizzo di tecniche e metodologie

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE

LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PER UNA FORZA VENDITA VINCENTE Non c è mai una seconda occasione per dare una prima impressione 1. Lo scenario Oggi mantenere le proprie posizioni o aumentare le quote di mercato

Dettagli

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo

Osservatorio ISTUD - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo - seconda Survey: Aziende italiane e mercato unico europeo Quesito 1 In linea generale ritieni positiva la tendenza di molti paesi europei a cercare di proteggere alcuni settori ritenuti strategici per

Dettagli

1/ Internet e i sistemi automatici

1/ Internet e i sistemi automatici Dario Martinis e Andrea Deltetto hanno generato online oltre 700.000 euro di profitto netto in pochi anni, collaborato a tempo pieno con società online dai fatturati multi-milionari e insegnato ad oltre

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni:

IDENTITÀ GIOVANE. Nata nel 2006 con l intento di diventare leader nel settore IT, Easytech cresce con una solida competenza in tre divisioni: copertina pg. 1 immagine pg. 2 Easytech è un gruppo di giovani professionisti uniti da un obiettivo comune: proporre le migliori soluzioni per rendere le imprese leggere e pronte a sostenere la competizione

Dettagli

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP

LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP UN MONDO DI SERVIZI PER AZIENDE SEMPRE EFFICIENTI GROUP LANCAR GROUP DOVE L AZIENDA TROVA IL SUO SERVIZIO GLOBALE Pensate a tutti i servizi che devono essere attivati per assicurare alla vostra

Dettagli

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001

I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 I Sistemi di Gestione Integrata Qualità, Ambiente e Sicurezza alla luce delle novità delle nuove edizioni delle norme ISO 9001 e 14001 Percorsi di ampliamento dei campi di applicazione gestiti in modo

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione

UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE. Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ TELEMATICA GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE Corso di Laurea in Scienze dell Educazione e della Formazione L Outsourcing Relatore Prof.ssa Concetta Mercurio Candidato Mario

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Igiene femminile: momenti intimi

Igiene femminile: momenti intimi Igiene femminile: momenti intimi Per quanto riguarda l importante step di freschezza, l igiene intima femminile, innanzitutto occorre prendere in considerazione l ecosistema vaginale, che preserva i naturali

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Qualità. (ISO 19011:2012 - ISO 9001:2008) (40 ore) ISTUM

Corso di Alta Formazione/Specialist. Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Qualità. (ISO 19011:2012 - ISO 9001:2008) (40 ore) ISTUM Corso di Alta Formazione/Specialist Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Qualità (ISO 19011:2012 - ISO 9001:2008) (40 ore) ISTUM ISTITUTO DI STUDI DI MANAGEMENT Corso riconosciuto 40 ore Filippo Brunelleschi

Dettagli