Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali GMP - EFfCI per Ingredienti Cosmetici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali GMP - EFfCI per Ingredienti Cosmetici"

Transcript

1 2/2011 ISSN Bimestrale. Spedizione in abbonamento postale. 70%. Filiale di Milano. EURO Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali GMP - EFfCI per Ingredienti Cosmetici

2 Un processo continuo per l eccellenza. Garantiamo un servizio completo per lo sviluppo e la produzione di cosmetici, integratori alimentari ed apparati medicali attraverso la ricerca delle materie prime, le analisi dei prodotti, lo sviluppo formulativo, la produzione e il confezionamento, la valutazione della sicurezza, l efficacia d uso e l assistenza tecnico-legislativa in Italia e all estero. Biofarma S.p.A. Via Castelliere, Mereto di Tomba (UD) Italy - Tel. (39) Fax (39)

3

4

5 Recensito in SciFinder-Chemical Abstracts Service IFSCC Scientific Database Editoriale 2/2011 ANNO 14 In copertina Collage 9 I trend dei Social Network Crescono veloci, cadono veloci S Paglialunga Articoli 13 L innovazione e l industria cosmetica Giovanni Pantini 19 Probiotici e Cranberry Per uso topico nelle infezioni del basso tratto urogenitale Achille Tolino, Gianfranco Borruto Caracciolo 23 EFfCI* GMP Qualità e certezze per tutta la filiera cosmetica Vincenzo Rialdi 27 Concetto NICE mente-corpo Una melodia innovativa per la cura della pelle Pierfrancesco Morganti, Hong-Duo Chen, Yuanhong Li Bimestrale 2/2011 Innovazione Cosmetica Probiotici e Cranberry nelle Infezioni Vaginali 0GMP - EffCI per Ingredienti Cosmetici Speciale Cosmoprof Pagina 91 Aggiornamenti 34 Letteratura Cosmetologica - P Poggi Tossicologica - S Paglialunga 46 In vitro testing solutions - M Meloni Aziende 50 Ingredienti Zanthalene, da una spezia cinese - Indena LycoMega - Lessonia / Safic-Alcan Italia Reforcyl - Rahn 56 Mercato - R Ambrose 60 Cosmetic Corner - M Zorzetto 66 PR 73 Publiredazionale - Merck 74 Intervista a Stefano Togni (Indena) - T Mennini Notizie Pagina 100 Indice generale per categorie ERRATA CORRIGE Pagina Associazioni - COLIPA - PCPC:USA 78 Società Scientifiche - SICC 80 Istituzioni - MINSALUTE - COMMISSIONE UE - CSSC UE 84 Universita & Formazione 85 Riconoscimenti 86 Appuntamenti - Fiere - Agenda EDITORE srl Via Primaticcio Milano tel fax

6 Sede legale: Viale Legioni Romane, Milano Sede operativa: Via Primaticcio, Milano tel fax Direttore responsabile Anna Lebovich Direttore scientifico - editoriale Silvio Paglialunga Coordinatore editoriale Tiziana Mennini Coordinatore redazionale Maddalena Zorzetto Assistente marketing Silvia Pedretti Redazione Emanuela Dedoni Collaboratori Anna Ciranni, Roberto Frazzoli, Marisa Meloni, Paolo Poggi, Martino Recchia Progetto grafico e impaginazione Roberta Dedoni Serena Dori Fotolito F.lli Sala - Seregno (Mi) Stampa Gruppo Stampa GB - Cologno Monzese (Mi) Spedizione Poste Italiane Spa - spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in 27/02/2004 n.46) art. 1, comma 1, DCB Milano Tariffa Abbonamenti Italia annuo Italia biennale Europa annuo Europa biennale (6 numeri annui) - C/C postale n B/B Banca Popolare di Novara IBAN IT92 G IVA assolta dall editore; non vengono rilasciate fatture; la ricevuta di pagamento costituisce idoneo documento contabile (DM. 9/4/93 n art. 1) Copyright CEC Editore - Milano Tutti i diritti sono riservati. La riproduzione dei contenuti, totale o parziale, è soggetta a preventiva approvazione della CEC Editore Legge sulla privacy L editore garantisce la massima riservatezza dei dati in suo possesso, forniti dagli abbonati, fatto diritto, in ogni caso, per l interessato di richiederne gratuitamente la rettifica o la cancellazione ai sensi del D.lgs 196/03 L Editore non assume responsabilità per le opinioni espresse dagli Autori e per eventuali errori riportati negli articoli. Il materiale pubblicitario si intende essere conforme a standard etici: la stampa di tale materiale non costituisce la garanzia della qualità del prodotto e della veridicità dei claim. Autorizzazione Tribunale di Milano n. 246 del 6/4/1998 ISSN CEC Editore pubblica anche: - L Integratore Nutrizionale - Agenda Cosmetica Legislativa - Nutrafoods Libri scientifici nell area cosmetica e nutrizionale COMITATO SCIENTIFICO Lucio Andreassi Professore ordinario - Clinica Dermatologica - Facoltà di Medicina - Uni Siena Giovanni Angelini Professore ordinario - Clinica Dermatologica - Facoltà di Medicina - Uni Bari Cecilia Anselmi Direttore Scuola di Spec in Scienza e Tecnologia Cosmetiche - Facoltà di Farmacia Uni Siena Stefano Bader Direttore Scientifico - Oikos - Milano Docente Scuola Spec in Scienza e Tecnica Cosmetica - Uni Ferrara Enzo Berardesca Direttore - Dipartimento di Dermatologia - Istituto Dermatologico San Gallicano IRCCS - Roma Antonio Bettero Direttore Scientifico - Centro Cosmetologia Chimica C.A. Benassi - Uni Padova Francesco Paolo Bonina Chimica dei Prodotti Cosmetici - Facoltà di Farmacia - Uni Catania Leonardo Celleno Direttore - Centro di Ricerche Cosmetologiche - Uni Cattolica del Sacro Cuore - Roma Ugo Citernesi Direttore Scientifico - I.R.A. - Usmate (Mi) Isabella De Angelis Meccanismi di Tossicità, Dipartimento Ambiente e Prevenzione Primaria Istituto Superiore di Sanità - Roma Stefano Dorato Direttore Relazioni Scientifiche e Normative - Unipro Luigi Gagliardi Direttore - Chimica Analitica dei Cosmetici - Istituto Superiore di Sanità - Roma Giancarlo Gazzaniga Chimico Cosmetologo - Pavia Paolo U Giacomoni Direttore Ricerca & Sviluppo Clinique Laboratories, Melville, NY - USA Umberto Giaroli Responsabile Servizio Dermatologia e Cosmetologia Clinica CAM - Monza Roberto Leonardi R&D Global Director Raw Materials and Process Development - The Colomer Group - Barcellona - Spagna Direttore Tecnico - Colomer Italy - Bologna Roberto Maffei Facino Direttore - Scuola di Spec Scienze e Tecnologia Cosmetiche - Facoltà di Farmacia - Uni Milano Luigi Manzo Cattedra di Tossicologia - Facoltà di Medicina - Uni Pavia Centro Medico Fondazione Maugeri - Pavia Marisa Meloni Direttore Scientifico - VitroScreen - Milano Pierfrancesco Morganti Presidente e Direttore Ricerca & Sviluppo - Mavi Sud - Aprilia (Lt) Segretario Generale International Society of Cosmetic Dermatology Luca Nava Responsabile Area Tecnica Normativa - Unipro Paola Perugini Ricercatore confermato Dipartimento di Chimica Farmaceutica - Facoltà di Farmacia - Uni Pavia Paolo D Pigatto Responsabile Servizio Dermatologia Allergologica - Uni Milano Luigi Rigano Direttore I.S.P.E. - Docente Scuola di Spec in Dermatologia - Uni Perugia Direttore Laboratorio Rigano Fabio Rinaldi Dermatologo - Studio Rinaldi & Associati - Milano Carla Scesa Docente Chimica Prodotti Cosmetici - Scuola di Spec in Cosmetologia - Facoltà di Medicina Uni Cattolica del Sacro Cuore - Roma Achille Sertoli Professore Associato - Dermatologia Allergologica - Uni Firenze Adele Sparavigna Dermatologa - Direttore Ricerche Cliniche Derming - Monza VicePresidente Skineco - Milano Vol 14(2)

7 A COMPLETE STANDARD RANGE OF PACKAGING FOR DEODORANTS round and oval deostik containers for alcoholic and antiperspirant products roll-ons squeeze packs GORLACOMMUNICATION 05 3/ osnago (lc) fax 039/

8 INSERZIONISTI 2/2011 ANNO 14 Aziende Web Pagina A.C.E.F. 10 AGER 26 AVG 38 B&T 84 BIOFARMA II di copertina BRUNO WOLHFARTH 87 CDB III di copertina COSMOFARMA 22 CRODA 7 DEPUR PADANA c/sommario DERMING 89 ESPERIS I Romana - 83 EUROCHEMICALS 8 FAROTTI Essenze 90 FARMALABOR 70 IRA - Istituto Ricerche Applicate 79 ISPE 45 LAMAPLAST 47 L&F CASTELLI 12 NUCE INTERNATIONAL 18 OFI IV di copertina PLASTIAPE 5 RAHN AG 55 VARIATI 48 VEVY EUROPE Vol 14(2)

9 Idratazione Intelligente DuraQuench TM IQ Scopri un nuovo approccio per un idratazione efficace con il nuovo complesso idratante di Croda, Duraquench IQ. Il suo duplice meccanismo d azione ottimizza l idratazione cutanea attraverso la formazione di un film strutturale intelligente sulla superficie della pelle, e tramite la regolazione dell evaporazione di acqua rinforzando la naturale barriera cutanea. Dona un idratazione superiore attraverso una tecnologia a duplice azione Agisce in diverse condizioni di temperatura e umidità Idratazione a lungo termine Migliora la naturale funzione barriera cutanea Protegge dalla secchezza data da saponi e detergenti Miglioramento visibile della secchezza cutanea Pelle più levigata e più luminosa Croda Italiana Croda Europe Ltd Innovation you can build on TM

10 IMPEGNO ed ESPERIENZA Coloranti per Capelli Decolorante Matrici vegetali in acqua termale Alga Ascophillum Nodosa ricca di olielementi minerali, aminoacidi e vitamine PVP-RA e PVP-HT coniugati antiossidanti-polimero - Azione protettiva contro agenti esogeni come le radiazioni UV, l'ozono, gli ipocloriti - Maggiore stabilità rispetto agli attivi a basso peso molecolare - Adesione del polimero al capello - Proprietà filmogene es studio - Milano EUROCHEMICALS S.p.a. Viale Emilia, Cologno Monzese (MI) Tel Fax

11 EDITORIALE I trend dei Social Network Crescono veloci, cadono veloci Tempo fa ero rimasto impressionato dalle possibilità di studio e di utilizzo dei social network per conoscere i nuovi trend e i prodotti richiesti direttamente dai consumatori. Già nel 2000 David Weinberger aveva ipotizzato che si sarebbe presto arrivati al marketing dei messaggi a flusso invertito, rispetto ai tempi passati, quando l azienda inventava un prodotto e poi convinceva il consumatore che il prodotto era a lui necessario. Il flusso dei nuovi trend sarebbe invece partito direttamente dai consumatori e l azienda avrebbe dovuto solo reperire il messaggio e mettere in pratica ciò che il consumatore aveva richiesto. Si poneva solo il problema di inventare potenti software per la lettura di miliardi di comunicazioni dei consumatori. Solo con Twitter, 95 milioni al giorno, mentre le pagine di Facebook sono già a 900 milioni. E quanto è stato fatto, con la social media intelligence, che si basa sulla semantica, cioè nel riconoscere il senso delle parole. Ora si va oltre con la sentiment analysis, analizzando le parole (giudizi) e ordinandole in categorie. Tutti questi progressi nel software ha notevoli vantaggi per le aziende che possono ora seguire quanto si dice sui loro marchi/prodotti ed intervenire tempestivamente a seconda delle notizie. Una ricaduta peculiare, per esempio, potrebbe essere l utilizzo in pubblicità della voce dei consumatori che hanno espresso un giudizio positivo su un prodotto. Sembrava proprio che tutto il progresso maturato sinora avesse portato vantaggi sia ai consumatori che alle aziende e che tutto fosse chiaro: suggerimenti sui nuovi trend provengono specialmente dagli utenti di social network che hanno diverse migliaia di amici che fanno da cassa di risonanza. La ricerca continua e cosa scopre? Che non è chiaro come sembrava. In uno studio recente californiano sugli utenti di Twitter si è scoperto che i temi di cui si discute nei cinguettii (tweets) provengono quasi sempre dai media internazionali e professionali, dati già per spacciati ed ora risorti! La ricerca ha dimostrato che solo un quarto dei soggetti poneva nel circuito idee proprie, mentre il 75% faceva da cassa di risonanza ai temi riportati e discussi su BBC, Cnn, New York Times, Wall Street Journal, specialmente con i re-tweet (immissione nel circuito del messaggio ricevuto senza modificazioni). La scoperta più significativa è stata che non è rilevante chi propone il tema e chi inizia la discussione (erano detti opinion leader quelli con tantissimi amici), ma è il tema stesso che scala la vetta e ci rimane a lungo. L analisi è stata eseguita su milioni di tweet per un tempo ragionevolmente lungo, ben 40 giorni, utilizzando il software sopra descritto. Questi nuovi risultati ci inducono ad una riflessione sui social network. Tutti vanno sempre più in fretta e sembra che quelli che ritardano un poco siano fuori. Quando viene sbandierata una verità in un determinato momento, sembra che non ci sia il tempo di riflettere per capire se la verità può essere considerata duratura o se sia vera solo per quel periodo di tempo, o vera solo per chi l ha enunciata. I follower abbracciano quella verità dando tutto il loro supporto, ma senza delebitamente analizzarla, criticarla, spesso per mancanza di tempo. La verità dopo poco viene considerata un dogma cui riferirsi senza se e senza ma. Tuttavia la ricerca continua e pone tutto in discussione, anche questi dogmi. A questo punto cosa succede? Altri dogmi sono pronti per essere accettati e il circuito non si interrompe se uno cade. E la fretta di avere certezze che andrebbe ripensata. Infatti con una piccola pausa di riflessione si può dire che le aziende possono continuare ad utilizzare tutte le fonti di informazioni provenienti dagli utenti dei network e dai media, vagliandole per identificare un potenziale trend: anche se questo sia stato suggerito dai media, il network ha comunque contribuito a selezionarlo e ad amplificarlo, dando quindi un contributo dal basso che non va assolutamente trascurato. In conclusione possiamo utilizzare tutte le informazioni a prescindere dalle fonti, ma senza troppa fretta e con un minimo di discernimento. Infatti il primo passo verso l ignoranza è presumere di sapere, e molti saprebbero se non pensassero di sapere (B. Graciàn y Morales, El Criticòn). Silvio Paglialunga Vol 14(2) 9

12 La Bellezza vuole qualità. La nostra gamma di materie prime naturali è accuratamente studiata e selezionata con severi criteri qualitativi, per fornire basi di formulazioni cosmetiche eccellenti. Out of Mind.it Estratti Vegetali Proteine Vegetali Emulsionanti Vegetali Olii Vegetali Cere e Burri Vegetali Esteri e Condizionanti per Cosmetica ACEF SpA Via Umbria, 8/ Fiorenzuola d Arda Tel Fax

13 13 L innovazione e l industria cosmetica 19 Probiotici e Cranberry 23 EFfCI* GMP 27 Concetto NICE mente-corpo 34 Letteratura 46 In vitro testing solutions

14 ingredienti di qualità ISP VAN DYK LES COLORANTS WACKHERR ECKART UNITED GUARDIAN MOMENTIVE PERFORMANCE MATERIALS ELEMENTIS JAN DEKKER TROMM COLORANTI PER CAPELLI FILTRI SOLARI SOSTANZE FUNZIONALI BIOCIDI PIGMENTI ADDITIVI PER DECORATIVA SILICONI INDENA LANXESS NEW PHASE TECHNOLOGIES CLARIANT SISTERNA C.V. DOW MICROBIAL CONTROL INDUCHEM SE TYLOSE IDROSSIETILCELLULOSE POLIMERI ESTERI ADDITIVI REOLOGICI OPACIZZANTI QUATERNARI EMULSIONANTI AZIENDA CERTIFICATA Norme UNI EN ISO Certificato n. 412 S.p.A MILANO- via Brera 17 Tel Fax Web:

15 ARTICOLI L innovazione e l industria cosmetica Parole chiave Innovazione Interstiziale, Combinatoria e Incrementale Radicale Divergente Giovanni Pantini Studio 24 - Milano INTRODUZIONE L innovazione è la creazione di un prodotto o di una tecnologia che prima non esisteva. Da questo deriva che l innovazione significativa non consiste nel miglioramento o nella modifica di qualcosa esistente, ma è quella che crea un prodotto con funzionalità e valori differenti, o una tecnologia capace di combinare risorse esistenti in maniera nuova e più produttiva. Tutto ciò non trova una misura nell entità scientifica su cui si basa un nuovo prodotto o una nuova tecnologia. Ricerche d avanguardia e d alto livello non portano necessariamente ad innovazioni importanti, mentre innovazioni importanti possono essere determinate da ricerche d impegno minore perché favorite dalla criticità del momento o per ragioni socio-economiche. Lo stesso avviene per i brevetti, per i quali una ricerca di respiro scientifico modesto può avere talora risultati economici di grande rilievo. In un caso come nell altro, se si andasse ad indagare la sproporzione tra investimenti e risultato, si scoprirebbe una causa esterna che amplifica l effetto dell innovazione. La misura dell innovazione è infatti data dall impatto sull ambiente, per usare parole che ritroviamo spesso nelle opere dell americano di origine austriaca Peter Drucker, un fondatore delle teorie riguardanti management e innovazione (1-3, Quadro 1). Un nuovo prodotto o una nuova tecnologia sono tanto più rilevanti quanto più sono capaci di trasformare in opportunità un cambiamento in atto. Con il cambiamento si ha instabilità, per cui basta uno sforzo relativamente piccolo per avere una ristrutturazione del mercato, e un successo del nuovo prodotto o della nuova tecnologia. C è del vero quando si dice che la guerra, che genera instabilità sociale, porta più innovazione della pace. L innovatore sa individuare le potenzialità di un risultato positivo, inaspettato e ottenuto con poco sforzo, un nuovo bisogno ancora inespresso, la possibilità di far confluire tecnologie mantenute separate dopo essere state sviluppate in maniera indipendente o anche l esistenza di incongruità nella struttura di mercato e nella filiera produttiva. E interessato inoltre alle aree di fluidità, che si formano in continuazione, meglio se ancora embrionali e da interpretare, come sono i segmenti di mercato non ben delineati, sapendo che quelli in evidenza rappresentano il passato piuttosto che il futuro. Infine, l innovatore va alla ricerca di problemi, per offrire soluzioni. NUOVI PRODOTTI E INNOVAZIONE Per l introduzione nel mercato di nuovi prodotti si può procedere da sinistra verso destra, con la ricerca che passa il nuovo prodotto alla produzione e poi al marketing e all organizzazione commerciale; oppure da destra verso sinistra, cioè partendo dal mercato, a cui si ritorna, dopo uno o più passaggi dalle parti della ricerca (Fig 1). Sono evidentemente delle semplificazioni per ricordare che nelle aziende esiste sempre questa contrapposizione, da ritenere fisiologica e normale, ma di cui occorre tenere conto. Alla ricerca non si può dire semplicemente di inventare qualcosa, contando su risultati ben definiti da utilizzare per un progetto, a meno che non ci si accontenti di un nuovo che lo è solo in rapporto al vecchio dell azienda, rimanendo, bene che vada, ai livelli della concorrenza. Facendo intervenire il fattore mercato fin dall inizio, cioè nella descrizione o definizione del Cosmetic Technology (2) 13-17

16 L innovazione e l industria cosmetica Giovanni Pantini Osservazioni di Peter Drucker (1) Quadro 1 - L innovazione non è una scienza, ma un valore; ( ), non è qualcosa che si verifica all interno di una organizzazione, bensì un cambiamento esterno: la misura dell innovazione si ha nell impatto sull ambiente. - Ciò che è significativamente diverso non è una decisione tecnica, né è la qualità della scienza a creare la diversità, né questa è data dal costo e dalle difficoltà che essa ha richiesto: la differenza significativa sta nell impatto sull ambiente. - ( ) la vera innovazione è raramente un estensione dell attività già esistente: raramente essa si adatta a portata, obiettivi, tecnologie, processi di oggi, anche se ovviamente è possibile definire soltanto portata, prodotti, tecnologie, processi, mercati di oggi. - L ipotesi principale di una strategia innovativa è che le attuali linee di prodotti e di servizi, i mercati, i canali di distribuzione esistenti, le tecnologie e i processi in corso presto o tardi - e di solito presto - declineranno anziché incrementarsi. - Una strategia innovativa consiste nel liberarsi sistematicamente e razionalmente di ciò che è vecchio, morente, obsoleto. Le organizzazioni innovative non impiegano tempo e risorse per difendere il passato, perché soltanto l abbandono sistematico del passato è in grado di liberare risorse per ciò che è nuovo. - Altro punto fondamentale in una strategia dell innovazione è la chiara consapevolezza che gli sforzi per l innovazione devono mirare in alto: normalmente è altrettanto difficile operare una piccola modifica su un prodotto esistente che introdurne uno nuovo per effetto dell innovazione. - La strategia innovativa mira quindi a creare una nuova attività anziché un nuovo prodotto nell ambito di una linea già affermata; mira a creare la capacità di funzionare in modo nuovo invece di un miglioramento; mira a creare un nuovo concetto di valore invece di soddisfare un po meglio le esistenti aspettative di valore. Lo scopo dell innovazione è di creare una diversità significativa. - La ricerca dell innovazione deve essere organizzata in modo distinto e separato dalle attività manageriali correnti. Non è possibile, infatti, creare il nuovo e contemporaneamente seguire ciò che si deve realizzare ogni giorno. - Al tempo stesso le organizzazioni innovative si rendono conto che l innovazione, fin dall inizio, deve essere organizzata come una attività piuttosto che come una funzione. In termini concreti, questo significa lasciare da parte la sequenza tradizionale in cui la ricerca viene al primo posto, seguita dallo sviluppo e poi dalla produzione e dal marketing. A) Ricerca e Sviluppo (Definizione del prodotto) Produzione Marketing e Vendite Mercato B) Mercato: Ricerca & Sviluppo Marketing Bisogno del mercato Definizione del prodotto Market test Produzione Vendite Segmento di mercato Figura 1 Due procedure per la definizione dei nuovi prodotti A) da sinistra verso destra B) da destra verso sinistra Vol 14(2)

17 nuovo prodotto come quello che soddisfa un bisogno espresso dell ambiente esterno, si sceglie la strategia di adattarsi ai valori degli utilizzatori, che in una certa misura è autolimitante, perché nel mercato non si ritrova molta fantasia, dato che spesso richiede quello che c è già, con qualche aspetto negativo in meno e qualche vantaggio in più. Spesso si parla di mercato, ma ci si riferisce alla concorrenza. In un modo o nell altro, il risultato più comune è quello di un progetto con poca innovazione, accettato dal management perché illustra bene tempi, costi ed azioni, mentre con l aumento dell innovazione il progetto apparirebbe più confuso, e quindi più rischioso, mentre, quanto a rischio, è vero il contrario. Come si esce da questa situazione? Molti Autori, tra questi Drucker, suggeriscono di concepire il nuovo in maniera distinta dalle attività correnti dell azienda. E parere di chi scrive che il nuovo in una azienda di prodotti cosmetici vada ripartito tra due modi di operare, con tempi e spazi e obiettivi diversi, indipendenti ma complementari. Tutto il complesso processo che va dalla definizione di nuovo prodotto, inteso come prodotto oggetto di un progetto che ha come scopo la sua introduzione nel mercato, fino al marketing e alla vendita, rientra nelle attività correnti di una azienda. Occorre però che ci siano i prerequisiti perché si possa avere una corretta definizione di nuovo prodotto : un prodotto che abbia effettivo contenuto innovativo, che sia stato scelto tra prototipi concepiti come modelli e che rientri in una consequenziale linea di sviluppo (se ne introduce uno, ma si comincia a pensare al successivo basandosi su una comune linea tecnologica, anche per funzionalità diverse). C è poi il nuovo, inteso come magazzino di idee, di cultura tecnica e possibilmente di brevetti e pubblicazioni, come dire la disponibilità di innovazione da adattare ad un progetto, poi ad un altro Ma come si costruisce questo nuovo? Interstiziale, combinatoria, incrementale e radicale La tecnologia si evolve gradualmente per il continuo contributo di innovazioni minori, come l innovazione interstiziale (che riguarda nicchie non ancora investigate all interno della frontiera tecnologica) o l innovazione combinatoria (nuove combinazioni di tecnologie) o l innovazione incrementale (miglioramento di una tecnologia con avanzamento marginale della frontiera tecnologica). In una ipotetica rappresentazione si fa corrispondere un area ad ogni tecnologia: la correlazione tra le aree e la frontiera tecnologica ci dà il tipo di innovazione (Fig 2A-C). A) Innovazione interstiziale Tecnologia 1 (ingrediente) Tecnologia 3 (ingrediente) Tecnologia 1 (ingrediente) Tecnologia 2 (ingrediente) Tecnologia 4 (ingrediente) Frontiera tecnologica Tecnologia 2 (ingrediente) Altra modalità di rappresentazione grafica è data dalla curva di apprendimento che descrive il ciclo di vita di una tecnologia con la performance in funzione degli investimenti: andamento sfavorevole all inizio (investimenti elevati per una modesta progressione), poi molto favorevole (fase di sviluppo della tecnologia) e infine di nuovo sfavorevole (maturità della tecnologia). La rappresentazione suddetta può evidenziare che in genere l innovazione combinatoria, tipica dell industria cosmetica, è da preferirsi a quella interstiziale o incrementale. Ma la curva di apprendimento aiuta soprattutto a descrivere l innovazione radicale, che si ha quando si passa con discontinuità da una curva in una fase sfavorevole, ad un altra in pieno sviluppo. Si realizza così l innovazione più significativa, specialmente se si fa avanzare la frontiera tecnologica (Fig 2D). B) Innovazione combinatoria Tecnologia 1 (ingrediente) Tecnologia 3 (ingrediente) Tecnologia 2 (ingrediente) Tecnologia 4 (ingrediente) Frontiera tecnologica C) Innovazione incrementale D) Innovazione radicale (Curve dell apprendimento) Performance S 3 Discontinuità TIPOLOGIE DI INNOVAZIONE Tecnologia 3 (ingrediente) Tecnologia 4 (ingrediente) S 2 S 1 Avanzamento della frontiera tecnologica Investimenti NB Con le innovazioni minori (interstiziale, combinatoria e incrementale) si ha una evoluzione graduale, mentre con l innovazione radicale si ha discontinuità passando da una tecnologia (S 1 o S 2 ) ad un altra più produttiva (S 3 ). Figura 2 Rappresentazione dei vari tipi di innovazione Può sembrare un paradosso, ma le condizioni che favoriscono il livello di innovazione interstiziale, combinatoria ed incrementale, portano ad una diminuizione delle possibilità che si abbia innovazione radicale: è il caso dell industria cosmetica. La complessità di questa industria - un numero elevatissimo di ingredienti e funzionalità, parecchie forme tecniche e presentazioni, differenze dovute a fattori culturali e ambientali o alle normative nazionali riguardanti la sicurezza e la commercializzazione, e anche continui problemi lewww.ceceditore.com 2011 Vol 14(2) 15

18 L innovazione e l industria cosmetica Giovanni Pantini gati al semplice mantenimento della qualità della produzione - rende pressoché normale l innovazione minore, distraendo così dall innovazione radicale. L innovazione radicale richiede nuove forme tecniche o nuove funzionalità o nuovi meccanismi di funzionalità note, per le quali non bastano nuovi ingredienti e nuove formulazioni. Per la gran parte delle aziende cosmetiche, tuttavia, l innovazione è legata solo agli ingredienti impiegati, con lo svantaggio di non avere una propria chiave per una innovazione indipendente e di introdurre nel mercato prodotti che sono più o meno simili a quelli della concorrenza. Solo le grandi aziende possono contare su team dedicati all individuazione di materie prime e di tecnologie sviluppate in altre industrie in modo da alimentare la ricerca interna attraverso una cross-fertilization esclusiva. Innovazione divergente e convergenza dei progetti Se si dice che l innovazione vera e propria è quella radicale, aggiungendo che occorrerebbe anche un po di ricerca di base, almeno a livello di impostazione, si corre il rischio di spaventare qualunque management per quanto ben disposto. Utilizziamo allora altre parole, a cominciare da innovazione di tipo divergente (4), che si può definire come un lavoro di indagine, con raccolta di informazioni di letteratura ed effettuazione di semplici sperimentazioni, da affrontare - ed è questo un punto saliente - con sistematicità e non in occasione dell avvio di un progetto per un nuovo prodotto (in questo senso è di base). E divergente perché tende ad essere orizzontale e trasversale, e perché partendo da una materia prima o da una tecnologia o da una funzionalità prima considera tutti i punti di vista, per passare poi a combinazioni semplici in un largo campo di rapporti e di condizioni operative, con un (probabile) effetto moltiplicativo di risultati e idee. Ed è innovazione perché ha lo scopo di scoprire e organizzare cose nuove che prima non si conoscevano. Altre differenze rispetto al lavoro per singoli progetti sono: orizzonti più larghi, in modo da andare oltre allo spettro dei prodotti aziendali, e obiettivi con tempi più lunghi, cercando di cogliere trend di medio-lungo periodo piuttosto che fotografare l attualità di mercato, e possibilmente con una visione tecnologica riguardante anche i prodotti della concorrenza. Il rischio, in rapporto ad eventuali obiettivi prefissati, potrà essere anche elevato, rimanendo però sempre modesto rapportato alle risorse impiegate, con la possibilità di trovare inoltre, in seguito, il modo di valorizzare esperienze e risultati non proprio calzanti per questo o quel progetto. I risultati del lavoro effettuato devono andare a costituire un patrimonio dell azienda a cui fare continuo riferimento. Per questo approccio è necessaria una formalizzazione di largo respiro, cioè svincolata dal lavoro contingente (idealmente brevetti e pubblicazioni), anche perché questo tipo di innovazione dovrebbe essere gestito tenendo conto di tutte le sue potenzialità (incluse licenze e collaborazioni con altre aziende). La prova del nove della validità di questo lavoro di innovazione è da una parte la capacità di supporto a progetti di nuovi prodotti, con contributi alla loro velocizzazione e diminuzione del rischio, e dall altra constatazioni più generali che riguardano la produttività che aumenta nel tempo (ma solo se si è partiti da una posizione giusta in una curva di apprendimento) e la tecnologia come fattore unificante. Ma perché questo si verifichi occorre sapere passare dall innovazione divergente alla convergenza dei progetti. E questo capovolgimento d approccio non è sempre cosa facile. SPECIFICITÀ DELL INDUSTRIA COSMETICA Tecnologie cosmetiche e innovazione Le considerazioni di questo articolo sono essenzialmente di carattere generale, ma un tentativo per un attenzione più specifica all industria cosmetica è necessario. Va subito detto che questa è un industria nella quale la produttività e le performance dei prodotti non si possono facilmente misurare e confrontare con la concorrenza e con il passato, come invece è possibile in altre industrie, dove si può arrivare ad individuare il susseguirsi di generazioni di prodotti e di tecnologie di produzione - a distanza di pochi anni e con livelli di miglioramento senza paragoni nell industria cosmetica - che rendono l innovazione tecnologica un fattore decisivo per il successo commerciale (ci riferiamo a tutta l industria cosmetica). Nel caso dell industria cosmetica nazionale, costituita da una forte predominanza di aziende di piccole e medie dimensioni che immettono nel mercato una vasta gamma di prodotti utilizzando impianti produttivi con unità e componenti standard, è impensabile e di scarsa utilità un analisi che prenda in considerazione il livello tecnologico delle diverse aziende. Per ognuna si ha un mix di un gran numero di tecnologie (e quindi possibilità di innovazioni minori da non sottovalutare), che tutte insieme costituiscono il know-how dell azienda, riconducibile nelle realtà più piccole alle competenze professionali del direttore tecnico o dell esperto di formulazioni, cui possono contribuire consulenti e fornitori di materie prime. Il know-how aziendale valutato nel tempo ci dà la curva di apprendimento di ogni azienda. Valutazioni generali di mercato sull evoluzione degli attivi, dei sistemi emulsionanti, reologici e conservanti indicano che le aziende non differiscono in maniera importante per la curva di apprendimento e che questa curva non mostra una elevata pendenza, cioè, non è elevato l incremento delle performance dei prodotti in rapporto al tempo o alle risorse impiegate. Questo perché si opera con continuità seguendo una curva d apprendimento o curva tecnologica che è sfavorevole, perché appunto poco inclinata, senza passare a curve più favorevoli attraverso momenti di quella discontinuità che è necessaria per una innovazione radicale o almeno abbastanza significativa. Questo è peraltro paradossale perché il tecnologo dell industria cosmetica è generalmente depositario di un elevato e diversificato patrimonio di cognizioni tecniche. Queste cognizioni permettono comunque la realizzazione della missione delle aziende cosmetiche, che è quella di introdurre nel mercato prodotti sufficientemente buoni, con garanzia di costanza nella presentazione e soprattutto sicuri. L attenzione su quest ultimo punto rende l industria cosmetica, per alcuni aspetti, più vicina all industria alimentare che all industria farmaceutica, con la quale tenderebbe invece a confrontarsi. Si può dire che, affrontato il problema della sicurezza e di una buona presentazione dei prodotti, un azienda abbia soddisfatto una parte importante della sua missione, trasferendo l impegno competitivo alle strutture commerciali e di marketing. A parità di strutture Vol 14(2)

19 aziendali non ci sono differenze significative tra un paese e l altro, come dire che queste sono caratteristiche intrinseche dell industria cosmetica piuttosto che proprie di questa industria nel nostro paese. Stando così le cose, ci limitiamo a qualche domanda. E possibile ed efficace, almeno nel caso di aziende sufficientemente strutturate, separare il lavoro di innovazione, come è stato precedentemente definito, dal lavoro di supporto per l introduzione di nuovi prodotti, pur mantenendo lo stesso livello di risorse, a parte eventuali periodi di implementazione? Si avrà per sempre un industria cosmetica essenzialmente omogenea dal punto di vista tecnologico-produttivo e per la capacità di innovazione e differenziazione effettiva dei prodotti, oppure si farà sentire a monte pienamente il fatto che poi nella commercializzazione vi è una forte segmentazione? Basti pensare alle differenze nella comunicazione tra le aziende che vendono tramite le farmacie e quelle che si servono delle profumerie. Ci sarà per sempre un industria nazionale come esiste oggi, oppure ci si sta avviando verso un processo di internalizzazione che presupporrà una maggiore competitività tecnologica? E la competizione con le aziende multinazionali? E come inciderà la globalizzazione? Innovazione e nuova concorrenza L industria cosmetica nazionale ed europea ha incontrato minori difficoltà legate alla globalizzazione rispetto ad altre industrie produttrici di beni di consumo: non ha così dovuto, ancora, misurarsi con la nuova concorrenza legata al fenomeno della globalizzazione. Questo perché i prodotti cosmetici, per i quali sono necessarie tecnologie di impegno medio, cioè abbastanza disponibili, hanno un così forte contenuto di componenti locali e culturali da costituire un ostacolo più difficile da superare di una elevata barriera tecnologica. Sono prodotti che si vendono per quello che fanno, cioè per la loro funzionalità, e non per quello che sono, e già per questo ogni azienda può rivendicare caratteristiche uniche. Ma si vendono, soprattutto, per come sono percepiti. Ricorrendo al linguaggio di Drucker, si vendono per l impatto sull ambiente, che può continuare ad esserci anche con una innovazione minore o addirittura senza alcuna innovazione. Marchi affermati o il riferimento a Parigi o al Made in Italy riescono a controbilanciare una concorrenza che si affidi all aspetto economico o anche a quello tecnologico, che però risente della mancanza di una immagine vincente. Al momento quindi questo settore dell industria non ha conosciuto le scottature di tanti altri settori. Fino a che punto questo è un bene? Proviamo a dirlo raccontando una osservazione comportamentale sulla rana. Se si getta una rana in un contenitore pieno di acqua bollente, questa reagisce più velocemente che può e, forse, con un gran salto ce la fa a scappare dal pericolo. Ma se si pone una rana in poca acqua entro un contenitore posto su una fonte di calore e si fa salire molto lentamente la temperatura dell acqua, la rana non se ne accorge e finisce lessa. L esperimento può essere utilizzato come un apologo: in altri settori industriali la concorrenza (la fonte di calore) è arrivata aggressiva (ben calda) e a volte con breve preavviso, costringendo così ad affrettate azioni di difesa. Ci sono state le scottature, si è reagito, con più o meno successo, con crolli e con salti, ma comunque, in generale non si è diventati lessi dopo avere goduto di un periodo di tepore. Se si è ottimisti si può pensare che, in un ottica di globalizzazione, l industria cosmetica dovrebbe continuare a rimanere dov è: come dire che sarebbe favorita da questo fenomeno. Tuttavia, per motivi interni o esterni, i cambiamenti, magari lenti e molto graduali, si presenteranno comunque: insomma qualcuno finirà lesso. BIBLIOGRAFIA 1 Drucker PF (1978) Manuale di Management Etas Libri, Milano, p Drucker PF (1986) Innovation and Entrepreneurship Pan Books, London, p Drucker PF (1992) The new Realities Harper & Row, New York, p Berggren C, Hjelm J (2010) The dual challenge Managing divergent innovation and convergent projects Proceedings IPMA-International Symposium on Project Management Creativity, Stoccolma, 31 Maggio-1 Giugno Vol 14(2) 17

20

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

CALENDARIO CORSI 2015

CALENDARIO CORSI 2015 SAFER, SMARTER, GREENER DNV GL - Business Assurance Segreteria Didattica Training Tel. +39 039 60564 - Fax +39 039 6058324 e-mail: training.italy@dnvgl.com www.dnvba.it/training BUSINESS ASSURANCE CALENDARIO

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti

1. Proteggere il lavoro ed esprimere il potenziale delle aziende clienti Ufficio Stampa Jacobacci & Partners DATASTAMPA Simonetta Carbone Via Tiepolo, 10-10126 Torino, Italy Tel.: (+39) 011.19706371 Fax: (+39) 011.19706372 e-mail: piemonte@datastampa.it torino milano roma madrid

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento

1. Come si svolgono gli accertamenti a Firenze e a chi vengono fatti? 2. Qual è l iter di accertamento Continuiamo con la nostra serie di interviste ad operatori che si occupano dell'applicazione delle attuali leggi sui consumi di sostanze Oggi incontriamo il dr. Francesco Ruffa - Medico Chirurgo, referente

Dettagli