LA VENDITA MEDIANTE PERSONALE (personal selling)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VENDITA MEDIANTE PERSONALE (personal selling)"

Transcript

1 LA VENDITA MEDIANTE PERSONALE (personal selling) Marketing Operativo Temi Comprendere il ruolo del personale di vendita nella creazione di valore da parte dell impresa Conoscere il processo di gestione della forza vendite (6 steps) Capire il funzionamento del processo di vendita personale (personal selling) 2 1

2 La vendita tramite personale La natura della vendita tramite personale (Personal Selling) La vendita è una delle più antiche attività dell uomo. Chi se ne occupa può assumere varie denominazioni Agenti Venditori Rappresentanti Responsabili di cliente (Account) Responsabile vendite Consulente di vendita Ingegneri addetti alle vendite/venditori tecnici Responsabili di Area Responsabili sviluppo clienti Nel mondo anglosassone sales associate o salesperson Sgomberiamo il campo dagli stereotipi 3 LE ATTIVITA DI VENDITA SONO DIVERSE NEL LORO CONTENUTO: ATTIVITA ESEMPI RESPONSABILITA CONSEGNARE IL PRODOTTO DISTRIBUTORE DI BENZINA MODESTA PRENDERE ORDINI E FARE CONSEGNE FARE DIMOSTRAZIONI E STIMOLARE L ACQUISTO DI PRODOTTI FARE DIMOSTRAZIONI CHE RICHIEDONO FORTE CONOSCENZA TECNICA DEL PRODOTTO VENDERE A UFFICIO ACQUISTI DI UN ORGANIZZAZIONE PROBLEM SOLVER VENDITORE DIETRO AL BANCO DI BENI DI LARGO CONSUMO FUNZIONARI DI VENDITA DI ELETTRODOMESTICI, AUTO, CALCOLATRICI INGEGNERE ESPERTO DI MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO ACCOUNT DI GRANDI CATENE AL DETTAGLIO VENDITORI DI SOFTWARE E DI PROGETTI INDUSTRIALI MODESTA DA RARAMENTE CONSIGLI MEDIA IL PRODOTTO E STANDARDIZZATO CONVINCE CON LE DIMOSTRAZIONI TECNICHE ELEVATA DEVE CONVINCERE PRINCIPALMENTE MEDIANTE LE DIMOSTRAZIONI TECNICHE ELEVATA RICHIEDE BUONA CONOSCENZA TECNICA; CAPACITA DI DARE ASSISTENZA PRE-VENDITA (progettazione) E POST-VENDITA ELEVATA IL VENDITORE ESAMINA LE ESIGENZE DEL CLIENTE E PROPONE LA SOLUZIONE MIGLIORE. DEVE DUNQUE AVERE CAPACITA TECNICHE E NON SOLTANTO CAPACITA DI CONVINCERE AD ACQUISTARE 4 2

3 Ne consegue la classificazione dei venditori in: Order takers (raccoglitori di ordini) Ha il compito di generare vendite ripetute, prolungando il più possibile la relazione soddisfacente con il cliente. Genera i volumi maggiori delle vendite dell impresa. Deve accertarsi che il cliente abbia quantità sufficienti di prodotto nei tempi e luoghi voluti. Inside order taker (ricevono gli ordini dentro l ufficio vendite o nel punto vendita al dettaglio) Outside order taker (o field), che visitano la clientela spesso con supporti ICT Order getters (sollecitatori di ordini) Ha il compito di aumentare le vendite vendendo a nuovi clienti e/o incrementando gli acquisti dei clienti esistenti. Deve informare i clienti potenziali dopo averne riconosciuto I bisogni e persuaderli ad acquistare. Personale di supporto Facilita la vendita ma non è detto che raccolga ordini: svolge altre attività di marketing come informazione, formazione, fornitura di servizi post vendita. Agevolano I clienti del produttore nella vendita ai propri clienti Informatori, merchandisers, venditori tecnici Solitamente la forza vendite di un impresa è composta di tutte queste figure, in proporzione variabile in base alla natura del prodotto venduto, di canali utilizzati, dei clienti. 5 Le molteplici situazioni in cui è presente la vendita tramite personale 6 3

4 DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE LA VENDITA MEDIANTE PERSONALE (personal selling) è uno strumento di comunicazione integrata. Essa consiste in una comunicazione bilaterale e diretta tra i responsabili di vendita e i singoli clienti o potenziali clienti, che di solito avviene di persona, a voce, ma può anche avvalersi del telefono o del video, AL FINE DI informarli e CONVINCERLI AD ACQUISTARE IMPORTANZA CRESCENTE SONO PIU FREQUENTI I LANCI DI PRODOTTI CON TECNOLOGIE NUOVE; I PRODOTTI SONO DIVENTATI PIU COMPLESSI; I CLIENTI RISULTANO SEMPRE PIU ESIGENTI. 7 CARATTERISTICHE DELLA VENDITA MEDIANTE PERSONALE FORTE PESO NELLA ECONOMIA NAZIONALE E LA MODALITA PROMOZIONALE CHE HA UN INCIDENZA SUI COSTI MAGGIORE (IN % SUL FATTURATO). GLI ADDETTI ALLE VENDITE SONO UNA % ELEVATA DEGLI OCCUPATI DI UN PAESE FLESSIBILE SI ADATTA A SITUAZIONI SPECIFICHE, consentendo la massima libertà di adattare il messaggio in modo da soddisfare il bisogno di informazioni dei clienti COSTOSA MA EFFICACE Evoluzione e sofisticazione RICHIEDE DI RISOLVERE IL TRADE OFF TRA COSTO ED EFFICACIA CONCENTRANDO L ATTENZIONE SU UN OBIETTIVO LIMITATO, il target di potenziali clienti che hanno le prospettive di acquisto più promettenti. Si dimostra più efficace della pubblicità in situazioni di vendita più complesse Sta diventando un area di attività sempre più professionale e sofisticata, ed il personale deve possedere conoscenze e capacità sempre maggiori, per porsi come consulente. 8 4

5 CARATTERISTICHE DELLA VENDITA MEDIANTE PERSONALE IL RUOLO DELLA VENDITA PERSONALE E CAMBIATO PASSANDO DA: ORIENTAMENTO ALLE VENDITE: si pensa che il cliente acquisti solo se si fa pressione; la dote cercata è la tenacia; il cliente non conosce a fondo il prodotto quindi si può esagerare nel presentarlo, anche rispetto alla concorrenza; l acquirente è lusingabile; non interessano le reazioni post acquisto ORIENTAMENTO ALLE ESIGENZE DEL CLIENTE: l obiettivo sono profitti di medio-lungo;il venditore è un consulente che offre un servizio, incomincia dal comprendere i problemi e bisogni del cliente e spiega come il prodotto può risolverli 9 GLI OBIETTIVI FONDAMENTALI: IDENTIFICARE I BISOGNI DEI POTENZIALI CLIENTI; INDIVIDUARE UNO O PIU PRODOTTI IDONEI A SODDISFARE TALI BISOGNI; CONVINCERE IL POTENZIALE ACQUIRENTE AD ACQUISTARE. IL PERSONALE DEVE INOLTRE CERCARE E INDIVIDUARE I POTENZIALI CLIENTI, FORNIRE AL COMPRATORE INFORMAZIONI SUI NUOVI PRODOTTI E SULLE NUOVE TECNOLOGIE, FORNIRE SERVIZI E REALIZZARE ANCHE RICERCHE DI MERCATO, FORNENDO SISTEMATICAMENTE INFORMAZIONI AL MARKETING DELLA PROPRIA IMPRESA SU DOMANDA E CONCORRENZA. La FORZA VENDITA rappresenta l anello di congiunzione tra l impresa e gli acquirenti: Rappresentano l impresa, per il cliente e per l impresa rappresentano i clienti, ne difendono gli interessi, ne comunicano lamentele e obiezioni (al marketing) 10 5

6 LA GESTIONE DELLA FORZA VENDITE La gestione della forza vendite (salesforce management) comprende le operazioni di analisi, pianificazione e controllo delle attività della forza vendite, inclusa la definizione della struttura e della strategia della forza vendite, e le attività di reclutamento, selezione, formazione, retribuzione, supervisione e valutazione del personale di vendita Definizione della strategia e della struttura della forza vendite I quesiti sulla strategia di vendita e sulla struttura cui l azienda deve dare risposta sono molti. Qual è la dimensione ottimale della forza vendite? Devono operare da soli o in squadra? Come suddividerne le responsabilità? Devono lavorare solo di persona, per telefono o con entrambi I mezzi? Ecc 12 6

7 Definire la struttura significa ripartire le responsabilità di vendita secondo determinati criteri. TERRITORIALE. OGNI VENDITORE HA LA RESPONSABILITA DI TUTTI I PRODOTTI DELL IMPRESA IN UNA DATA AREA geografica assegnata esclusivamente a lui. Lo radica sul territorio, è efficace per le relazioni e le trasferte. PRODOTTO. IN IMPRESE ORGANIZZATE PER DIVISIONI prodotto o con product manager, AI VENDITORI E ASSEGNATA IN GENERE LA RESPONSABILITA DI UNA LINEA DI PRODOTTI. Specializza la conoscenza, è adatto per prodotti complessi, ma dà luogo a sovrapposizioni, confusione per il cliente e maggiori costi per l impresa CLIENTI. LA STRUTTURA E ARTICOLATA PER CLASSI DI CLIENTI o settori di attività: PICCOLE IMPRESE E GRANDI IMPRESE, IMPRESE INDUSTRIALI, BANCHE, IMPRESE AGRICOLE, E COSI VIA. Specializza i venditori sui problemi specifici di classi di clienti, ma aumenta i costi se i clienti sono distribuiti in un territorio vasto. Contribuisce a instaurare rapporti più stretti con i clienti più importanti (P&G e Wal Mart). Mette i venditori in condizione di operare come consulenti NELLE PMI, LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E MOLTO SEMPLICE. I VENDITORI SI OCCUPANO DI PIU ATTIVITA, rispondono al direttore vendite che risponde a sua volta al direttore commerciale. 13 AREE DI VENDITA E ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE ORGANIZZAZIONE DELLA FORZA DI VENDITA NELLE IMPRESE PIU GRANDI L ORGANIZZAZIONE E PIU COMPLESSA. Dalle direzioni regionali dipende il FIELD, ovvero AREA MANAGERS, I QUALI,A LORO VOLTA, HANNO IL COMPITO DI COORDINARE L ATTIVITA DI PIU VENDITORI. in STAFF SI TROVANO SERVIZI DI FORMAZIONE DEL PERSONALE, RICERCHE DI MERCATO ETC. 14 7

8 Dimensioni LA DIMENSIONE DELLA FORZA VENDITE INFLUENZA DIRETTAMENTE LA CAPACITÀ DELL IMPRESA DI GENERARE VENDITE E PROFITTI Microsoft: venditori; Pepsi E una delle voci più produttive ma anche più costose, aumentarne il numero aumenta vendite e costi e va valutato attentamente Approccio del carico di lavoro, che raggruppa I clienti in classi correlate all entità dello sforzo necessario a mantenerli, e successivamente definisce il numero di venditori necessari a contattare I clienti di ciascuna classe per il numero di volte desiderato Forza vendite interna o esterna. La prima opera dagli uffici dell impresa, supportando la seconda, ed è formata da tecnici, assistenti di vendita e operatori di telemarketing, meno costoso e più produttivo (20 contatti contro 4, 5 dollari contro 300) SQUADRE DI VENDITA Quando un unico venditore non è in grado di gestire tutti I bisogni del cliente con le sue competenze e tempo, e spesso per rispondere alla trasformazione della funzione acquisti del cliente si compongono sales teams RECLUTAMENTO E SELEZIONE DEL PERSONALE DISPORRE DI UNA FORZA VENDITA ADEGUATA E FONDAMENTALE PER AVERE SUCCESSO NEL CONTESTO ATTUALE. Devono essere efficaci sia la selezione sia l addestramento. Tipicamente, il 30% dei venditori genera il 60% delle vendite.. La corretta selezione riduce la costosa rotazione Doti del venditore: motivazione interna, disciplina del modus operandi, capacità di concludere una transazione, capacità di instaurare un rapporto con i clienti FONTI I VENDITORI POSSONO ESSERE SELEZIONATI PRINCIPALMENTE DA: FORZA DI VENDITA DELL IMPRESA ALTRI SETTORI DELL IMPRESA ALTRE IMPRESE SOCIETA SPECIALIZZATE NELLA SELEZIONE DEL PERSONALE PRIMO IMPIEGO MODALITA SELETTIVE DIFFORMI DA PARTE DELLE IMPRESE. 16 8

9 3. ADDESTRAMENTO E FORMAZIONE DELLA FORZA DI VENDITA Molte imprese hanno programmi di formazione permanente per la forza vendite, per l aggiornamento necessario e per l elevato turnover. Si va da poche settimane a oltre un anno, poi c è la formazione continua La formazione riguarda tutte le fasi del processo di vendita che abbiamo descritto La redditività dei programmi di formazione è elevata. Necessario far conoscere l impresa e i suoi prodotti, i concorrenti, i clienti, il processo di vendita LE TECNICHE SONO VARIE: > UTILIZZO DI strumenti audio e video, oggi soprattutto Internet (riduzione costi) > TESTIMONIANZE > SIMULAZIONI. LA TECNICA PIU EFFICACE E QUELLA DI METTERE AL LAVORO LE PERSONE (LEARNING BY DOING) Metodi di REMUNERAZIONE DELLA FORZA DI VENDITA REMUNERAZIONE FISSA; REMUNERAZIONE A PROVVIGIONE (determinata unicamente dalle vendite nell intervallo di tempo); PIANO RETRIBUTIVO COMBINATO (70% dei casi). Deve supportare la strategia (es.: quota di mercato) 17 GESTIONE DEL PERSONALE DI VENDITA SUPERVISIONE DELLA FORZA VENDITA Per il personale esterno si fissano obiettivi, piani di remunerazione, programmi di contatti con i clienti ma non si va oltre un disegno di massima, dopo di che si controllano periodicamente i risultati La supervisione consente di orientare e motivare la forza vendite a una maggiore produttività. Utilizza il piano annuale contatti e l analisi tempo obiettivi Ruolo dei sistemi di automazione della forza vendite (Salesforce automation) LA GESTIONE DEL PERSONALE DI VENDITA E RESA DIFFICILE DA ALMENO TRE FATTORI: NON E PRESENTE ALL INTERNO DELL IMPRESA. LA COMUNICAZIONE E DIFFICILE COSI COME SEGUIRE L ATTIVITA DEI VENDITORI. SVOLGE DIVERSI COMPITI OLTRE QUELLO DEI CONTATTI CON I CLIENTI ed è autonomo nell assegnare il tempo a ciascuna, più di tutto il restante personale d azienda. L EFFICIENZA DEI CONTATTI CON I CLIENTI DIPENDE DALLA CAPACITA DELLA FORZA VENDITE DI PRESENTARSI COME IN GRADO DI RISOLVERE PROBLEMI. E gli effetti non si misurano solo nell immediato. 18 9

10 How Salespeople Spend Their Time Figure GESTIONE DEL PERSONALE DI VENDITA I METODI USATI PIU PER DIRIGERE E ORIENTARE LA FORZA VENDITA SONO: 1 2 OBIETTIVI PER CLASSI DI CLIENTI. PER CIASCUNA CLASSE SI FISSANO OBIETTIVI ESPRESSI IN NUMERO DI CONTATTI ALL ANNO O IN MESI, oggi sempre di più si fissano le quote di clienti vecchi e nuovi. RISULTATI. CONSISTE NEL FISSARE UN OBIETTIVO DI VENDITA DA RAGGIUNGERE: IN TOTALE, PER CLIENTE, PER PRODOTTO, PER CANALE, PER SOTTOTERRITORIO, ETC.. Questi metodi per obiettivi richiedono che gli obiettivi siano compatibili con l intero marketing mix, siano raggiungibili, chiaramente definibili e misurabili 3 GESTIONE EFFICIENTE DEL TEMPO. L IMPRESA REALIZZA UNA PROGRAMMAZIONE ACCURATA DEI COMPITI DA SVOLGERE: l obiettivo è un lavoro efficiente 20 10

11 GESTIONE DEL PERSONALE DI VENDITA MOTIVARE IL PERSONALE I METODI USATI SONO PRINCIPALMENTE I SEGUENTI: PRIORITA ELEVATA ALLE VENDITE come valore dell organizzazione QUOTE DI VENDITA cui è legata parte della remunerazione GRADUATORIE incentivazione e premi ai venditori con risultati migliori PROFESSIONALITA, AVANZAMENTI DI CARRIERA GARE DI VENDITA 21 GESTIONE DEL PERSONALE DI VENDITA VALUTAZIONE DUE SONO I CRITERI : QUANTITATIVI E QUALITATIVI. IL METODO DI VALUTAZIONE DEVE ESSERE SEMPLICE; GLI OBIETTIVI DEBBONO ESSERE DEFINITI CON CHIAREZZA; LE MISURAZIONI DEI RISULTATI DEVONO ESSERE OBIETTIVE E NON SOGGETTE A INCERTEZZE. > I METODI QUANTITATIVI SONO BASATI SULLA FORMULA DEL RENDIMENTO. DA UN LATO SI CONSIDERANO I RISULTATI OTTENUTI (VOLUMI, NUMERO ORDINI, % CLIENTI NUOVI EVECCHI ECC.), DALL ALTRO I FATTORI IMPIEGATI (NUMERO DI CONTATTI, COSTI DIRETTI DI VENDITA). > I METODI QUALITATIVI PRENDONO IN ESAME: LA CAPACITA DI PRESENTAZIONE; LA CAPACITA DI SVOLGERE UN ATTIVITA DI PROBLEM SOLVER ; LA CONOSCENZA DEI PRODOTTI DELL IMPRESA E DELLA CONCORRENZA. IN OGNI CASO SONO NECESSARIE INFORMAZIONI REGOLARI SULL ATTIVITà DEI SINGOLI, TRATTE DALLE RELAZIONI DI VENDITA E DAI RENDICONTI SPESE 22 11

12 SISTEMI DI VALUTAZIONE UTILIZZABILI VALUTAZIONE DEI RISULTATI: ESEMPI - VOLUME DELLE VENDITE - MARGINALITA OTTENUTA - NUMERO DI NUOVI CLIENTI -CRESCITA DI PENETRAZIONE NEI CLIENTI IMPORTANTI - LIVELLO DI SODDISFAZIONE EVIDENZIATA - LIVELLO DI SCORTE MEDIE - NUMERO DI LAMENTELE GESTITE 23 Le fasi del processo di vendita personale Prospecting (identificazione e valutazione dei clienti potenziali) Preparazione del contatto Contatto Presentazione e dimostrazione Superamento delle obiezioni Conclusione della vendita Follow up post vendita 24 12

13 Steps in the Selling Process Figure LE FASI DEL PROCESSO DI VENDITA 1 INDIVIDUARE E SELEZIONARE I POTENZIALI CLIENTI (PROSPECTING) OCCORRE PREDISPORRE UNA LISTA DI POTENZIALI CLIENTI PER PROGRAMMARE L AZIONE: QUESTA ATTIVITA è DETTA PROSPECTING. SELEZIONARE IL TARGET IN BASE AD UNA SERIE DI VARIABILI. INDIVIDUARE I NOMINATIVI. A. RICERCA DI CONTATTI TRAMITE DIVERSE FONTI (ANCHE REFERRALS DI ALTRI CLIENTI). B. I CONTATTI SONO PRESI CON ORGANIZZAZIONI IN GRADO DI INFLUIRE SULLA SCELTA DEI CLIENTI, OPPURE INFORMATE SUI POTENZIALI CLIENTI. C. DIMOSTRAZIONI, MOSTRE, PARTECIPAZIONI A CONVEGNI, FIERE SONO UN ALTRO CANALE DA UTILIZZARE. POSIZIONARE IN UN RANKING I POTENZIALI CLIENTI SECONDO POTENZIALE DI VENDITA/DESIDERABILITA ETC. Ha la capacità finanziaria per acquistare? Ha l autorità per farlo? E raggiungibile? 26 13

14 LE FASI DEL PROCESSO DI VENDITA 2 PREPARAZIONE A. IL CLIENTE VUOLE ESSERE INFORMATO CIRCA IL PRODOTTO CHE COMPRA. E SUI VANTAGGI RISPETTO A QUELLI DELLA CONCORRENZA. B. I PRODOTTI SONO SEMPRE PIU COMPLESSI. C. PER VENDERE E NECESSARIO CONQUISTARE E MERITARE LA FIDUCIA DEL COMPRATORE. D. CONOSCERE I PUNTI DI FORZA E DI DEBOLEZZA DEL PRODOTTO OFFERTO, LE CARATTERISTICHE DELL IMPRESA CHE SI RAPPRESENTA E I PRODOTTI DELLA CONCORRENZA, nonchè PREZZI, SCONTI, CREDITO ACQUISIRE INFORMAZIONI SUL CLIENTE POTENZIALE, STORIA, ABITUDINI DI ACQUISTO, BISOGNI, SITUAZIONE FINANZIARIA IL VENDITORE DEVE DEFINIRE QUALI OBIETTIVI INTENDE RAGGIUNGERE NEL CONTATTO: A. PROSPETTARE I VANTAGGI DELL ACQUISTO; B. DIMOSTRARE IN MODO CONVINCENTE COME QUESTI OBIETTIVI POSSONO ESSERE RAGGIUNTI; C. CHIEDERE DI VERIFICARE LE PROPOSTE FATTE E QUINDI DI ACQUISTARE. PROGRAMMARE E IMPORTANTE IN QUANTO: DA VALORE AL TEMPO SIA DEL CLIENTE CHE DEL VENDITORE. AGEVOLA I VENDITORI ALLE PRIME ESPERIENZE. AUMENTA L EFFICIENZA DELLA PRESENTAZIONE. 27 LE FASI DEL PROCESSO DI VENDITA 3 CONTATTO E IL MODO IN CUI UN VENDITORE CONTATTA UN CLIENTE POTENZIALE OCCORRE: A. CREARE UN IMPRESSIONE FAVOREVOLE (STABILIRE IL MODO DI PRESENTARSI: ABBIGLIAMENTO, MODALITA, LE PRIME PAROLE DI PRESENTAZIONE) B. CERCARE DI SVILUPPARE UNA RELAZIONE L IDEALE E STUDIARE UN APPROCCIO PER OGNI CLIENTE OBIETTIVO, SECONDO LE SITUAZIONI, CHE CREIVALORE PER L INTERLOCUTORE. UNA FORMULA SULLA QUALE INSISTONO GLI ANGLOSSASONI PUNTA SU (AIDA): ATTIRARE L ATTENZIONE; STIMOLARE INTERESSE; FAR SORGERE IL DESIDERIO DI ACQUISTARE IL PRODOTTO; STIMOLARE L ACQUISTO

15 LE FASI DEL PROCESSO DI VENDITA 4 PRESENTAZIONE E DIMOSTRAZIONE OTTENUTA L ATTENZIONE DEL CLIENTE E NECESSARIO PRESENTARE LE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO: VANTAGGI E SVANTAGGI, ESEMPI DI SUCCESSI GIA OTTENUTI, ETC.., CERCANDO DI STIMOLARE IL DESIDERIO DI ACQUISTO LE TECNICHE SUGGERITE IN QUESTA FASE SONO TRE: A. APPROCCIO STANDARD. E UNA PRESENTAZIONE PREPARATA IN MODO ACCURATO NEI PUNTI PIU IMPORTANTI E VERIFICATA PIU VOLTE. B. ITERAZIONE: PASSAGGI SUCCESSIVI. NEL CORSO DEL PRIMO SCAMBIO DI IDEE IL VENDITORE INDIVIDUA LE ESIGENZE DEL COMPRATORE. SULLA BASE DI CIO, PROPONE QUANTO E UTILE PER SODDISFARLE. C. ESIGENZE DEL COMPRATORE. IL COMPRATORE E INVITATO A DESCRIVERE IN PROFONDITA LE SUE ESIGENZE. IL VENDITORE, ANCHE CON L AIUTO DI ALTRI COLLABORATORI SPECIALIZZATI, LI ESAMINA E PROPONE UNA SOLUZIONE AD HOC LE FASI DEL PROCESSO DI VENDITA SUPERAMENTO DELLE OBIEZIONI TUTTI I CLIENTI HANNO OBIEZIONI DA AVANZARE. DI NORMA SI TRATTA: DI UNA REAZIONE DI CARATTERE PSICOLOGICO; DEL TENTATIVO DI LIBERARSI RAPIDAMENTE DEL VENDITORE; DEL FATTO CHE IL CLIENTE NON HA LE RISORSE ECONOMICHE PER ACQUISTARE IL PRODOTTO; DELLA RICHIESTA DI MAGGIORI INFORMAZIONI, CIO CHE SEGNALA INTERESSE. LE OBIEZIONI PIU IMPORTANTI SONO QUELLE SOLLEVATE NELLA FASE DI CONCLUSIONE. LE OBIEZIONI DEVONO ESSERE TRATTATE CON MOLTA ATTENZIONE. A.RISPONDERE CON SINCERITA ED EVITARE DI AVVIARE UNA DISCUSSIONE AL TERMINE DELLA QUALE IL CLIENTE DEVE ESSERE BATTUTO. B. PREVEDERE IN ANTICIPO LE OBIEZIONI

16 6 CONCLUSIONE DELLA VENDITA. E la fase in cui il venditore chiede al potenziale cliente di acquistare il prodotto. Durante la fase di presentazione spesso si ricorre ad una tentata conclusione ad esempio ponendo domande sul modello, formato desiderato, per verificare se il cliente è pronto a concludere, oppure si propone un ordine di prova a basso rischio. 7 FOLLOW UP. E finalizzata a garantire lasoddisfazione del cliente e la ripetizione dell acquisto. E fondamentale seguire il cliente dopo la vendita, verificando che il prodotto sia stato consegnato con puntualità, installato correttamente, se ci sono stati problemi e mantenere attiva la relazione gettando un ponte sui fabbisogni futuri 31 COMUNICAZIONE E SUCCESSO NELLE VENDITE ATTRAVERSO LA VENDITA MEDIANTE PERSONALE SI REALIZZA UN PROCESSO DI COMUNICAZIONE A DUE VIE. LA CREDIBILITA DELLA FONTE RISULTA IL FATTORE CHE MAGGIORMENTE IMPATTA SULL EFFICACIA E DIPENDE DA: L ESPERIENZA MOSTRATA DAL VENDITORE; LA CONVINZIONE CHE ESPRIME NELLE IDEE PROPOSTE; L IMMAGINE DELL IMPRESA CHE RAPPRESENTA

17 COMUNICAZIONE E SUCCESSO NELLE VENDITE MODI DI COMUNICARE SI DISTINGUONO DUE MODI DI COMUNICARE TRA PERSONE: 1 2 VERBALE: RIGUARDA LA TRASMISSIONE DI PAROLE NELLA PRESENTAZIONE FACE TO FACE, OPPURE MEDIANTE IL TELEFONO. IN QUESTO CASO E OPPORTUNO CHE: IL COMPRATORE CAPISCA ESATTAMENTE QUANTO GLI VIENE COMUNICATO; TRA LE PARTI SI USI LA STESSA STRUTTURA DI LINGUAGGIO E DI COMUNICAZIONE. NON VERBALE: SI RICONOSCE PARTICOLARE IMPORTANZA ALLE DIMENSIONI NON VERBALI. 33 ESEMPI COMUNICAZIONE NON VERBALE RIENTRANO TRA QUESTI:LA MIMICA FACCIALE, I GESTI, LA POSTURA, I MOVIMENTI, LA DISTANZA INTERPERSONALE, L ABBIGLIAMENTO,ETC. IL PESO DELLE DIMENSIONI NON VERBALI ASSUME UNA PARTICOLARE RILEVANZA NEI PROCESSI DI GESTIONE DELLE RELAZIONI. ESEMPI: - L UTILIZZO DELLA MANO SINISTRA NELLA GESTICOLAZIONE PER IL MONDO ARABO; - IL SILENZIO ED I TEMPI LUNGHI NELLA COMUNICAZIONE IRRITA GLI AMERICANI; - LA FRANCHEZZA E LA FORTE COMUNICATIVITA NELLE RELAZIONI NON PIACE AI GIAPPONESI; - GUARDARE FISSO NEGLI OCCHI PER MOLTO TEMPO INFASTIDISCE NELLA CULTURA INDIANA; - IN MOLTI CONTESTI IL FARE TIPICO AMERICANO (SEDERE SCOMPOSTI, MASTICARE LA GOMMA, DARE DEL TU, OMETTERE I TITOLI, FARE BATTUTE DI SPIRITO, ETC. ) NON PIACE 34 17

18 LE PUBBLICHE RELAZIONI PER PUBBLICHE RELAZIONI SI INTENDE UN INSIEME DI AZIONI MIRANTI A SVILUPPARE RELAZIONI FAVOREVOLI TRA UN ORGANIZZAZIONE E IL PROPRIO PUBBLICO A CHI SI INDIRIZZANO IL PUBBLICO AL QUALE SI RIVOLGE UN IMPRESA PUO ESSERE DISTINTO IN DUE GRANDI GRUPPI: QUELLO DEGLI STAKEHOLDERS, COMPOSTO DA AZIONISTI, DIPENDENTI, INTERMEDIARI, CLIENTI, FORNITORI, AGENTI. MANTENERE BUONE RELAZIONI CON COSTORO SIGNIFICA AUMENTARE LE POSSIBILITA DI SUCCESSO DELL IMPRESA. QUELLO RAPPRESENTATO DA COLORO CHE POSSONO INFLUIRE SUL FUTURO DELL IMPRESA STESSA (parlamentari, giornalisti, scrittori, opinion leaders, associazioni di imprese). 35 LE PUBBLICHE RELAZIONI LE RAGIONI ALLA BASE DELLE PUBBLICHE RELAZIONI SONO DI DUE TIPI : COSTRUIRE UN IMMAGINE; SVOLGERE UN AZIONE SPECIFICA. CON LE PUBBLICHE RELAZIONI L IMPRESA CERCA DI ACCREDITARE LA PROPRIA IMMAGINE (CREARLA, CAMBIARLA, DIFENDERLA) PRESSO UN PUBBLICO PIU VASTO DI QUELLO DEI POTENZIALI COMPRATORI. Il presupposto è che l opinione pubblica giudica anche e in misura crescente la condotta dell impresa come parte integrante della società, tanto che sempre più si parla di Corporate Social Responsibility In alcuni casi l obiettivo è più limitato: se è in corso una controversia, una polemica, l impresa decide di comunicare al pubblico la propria posizione; può comunicare tentativi di contraffazione, pericolosità di prodotti,legittimità all usodi un marchio. Vi si fa ricorso per contribuire direttamente alle vendite quando si lancia un nuovo prodotto 36 18

19 LE PUBBLICHE RELAZIONI TECNICHE Impiega TUTTI I MEZZI CHE CONSENTONO DI INFORMARE IL PUBBLICO IN GENERALE O GRUPPI SPECIFICI DI PERSONE. CAMPAGNE PUBBLICITARIE CON LE STESSE CARATTERISTICHE impiegate PER I PRODOTTI E I SERVIZI; LOBBYING (informazione diretta) A COLORO CHE DEBBONO LEGIFERARE; INFORMAZIONI COMUNICATE AL PUBBLICO ATTRAVERSO I MEDIA, MA SENZA RICONOSCERE CORRISPETTIVI DI SORTA ATTRAVERSO QUEST ULTIMA OPZIONE L INTERVENTO VIENE REALIZZATO DA UNA TERZA PARTE, CHE DECIDE SE COMUNICARE IL MESSAGGIO. VANTAGGIO: LA CREDIBILITA DEL MESSAGGIO DIPENDE DALL IMMAGINE DI CHI LO TRASMETTE: la terza parte è più credibile. MODALITA COMUNICATI STAMPA; ARTICOLI REDAZIONALI. Il messaggio esce una sola volta, cosicchè se non raggiunge il pubblico va perduto La loro utilità è controversa: senz altro sono complesse e difficili da misurare 37 19

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 Capitolo 16 La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 La vendita personale e la promozione delle vendite Obiettivi di apprendimento Vendita personale Il ruolo della forza

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Aree di specializzazione e tematiche oggetto di programmi formativi:

Aree di specializzazione e tematiche oggetto di programmi formativi: MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Cianca Fabrizio : Specializzato in strategie di Marketing, Vendita e Comunicazione. Ha maturato una significativa

Dettagli

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING

CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING CRESCITA DELLA DISTRIBUZIONE COMMERCIALE E NASCITA DI NUOVE TIPOLOGIE DI MARKETING Dalla fine degli anni 70 la distribuzione commerciale italiana è stata protagonista di un imponente processo di cambiamento

Dettagli

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON

GESTIRE UNA FIERA GESTIONE FIERE CON GESTIONE FIERE CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, la gestione di una fiera si rivolge, come nel caso del telemarketing, ai

Dettagli

Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi

Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi MA.VE.CO. Consulting Aree di specializzazione della MAVECO consulting e tematiche oggetto di programmi formativi Marketing Vendita Comunicazione Marketing Operativo e Strategico (Analisi delle Risorse,

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie

Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Il marketing in rete Marketing relazionale e nuove tecnologie Obiettivi della lezione Illustrare il passaggio dall orientamento alla transazione all orientamento alla relazione nel marketing contemporaneo

Dettagli

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI

ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ACQUISIRE NUOVI CLIENTI INTRODUZIONE L acquisiszione di nuovi clienti e il processo di ricerca di nuove relazioni di business, di valutazione delle esigenze dei clienti e delle relative offerte dei fornitori,

Dettagli

22 GESTIONE DELLA FORZA VENDITA

22 GESTIONE DELLA FORZA VENDITA 22 GESTIONE DELLA FORZA VENDITA PROGETTAZIONE DELLA FORZA VENDITA Obiettivi Progettazione Obiettivi Strategia Struttura Dimensione Compensazio ne Gestione Reclutamento e selezione dei rappresentanti Addestramento

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

PARTE SECONDA La pianificazione strategica

PARTE SECONDA La pianificazione strategica PARTE SECONDA La pianificazione strategica 1. La pianificazione strategica dell impresa marketing oriented Di cosa parleremo Tutte le principali economie sono attualmente caratterizzate da continui e repentini

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Quando conta davvero il FATTORE UMANO. per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente

Quando conta davvero il FATTORE UMANO. per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente Quando conta davvero il FATTORE UMANO per il successo delle strategie di vendita e di servizio al cliente Performance delle vendite: di quanto può migliorare? Quali stime possiamo realisticamente fare

Dettagli

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE

LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE Corso di Strategie d impresa A.A. 2009/2010 Prof. Tonino Pencarelli - Dott. Simone Splendiani LE CINQUE STRATEGIE COMPETITIVE DI BASE A cura di: Fausto Chironi, Andrea Panichi Cap. 5, Thompson A., Strickland

Dettagli

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati

Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato. OBIETTIVI: Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Tecniche avanzate di vendita Livello avanzato Padroneggiare le tecniche di vendita e migliorarle con metodi di negoziazione affermati Direttori e Commerciali; Tutti coloro che devono gestire un gruppo

Dettagli

JOINT VENTURE USA - ITALIA

JOINT VENTURE USA - ITALIA JOINT VENTURE USA - ITALIA AZIENDA ITALIANA Sul mercato da 50 anni Progetta e produce prodotti metalmeccanici Leader in Europa nel suo settore AZIENDA AMERICANA Distribuisce merci e fornisce servizi Progetta,

Dettagli

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA

COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA MARKETING E VENDITE COME SVILUPPARE IL PIANO E LE STRATEGIE DI MARKETING E MIGLIORARE I RISULTATI DI VENDITA PREMESSA Per sviluppare un piano di marketing bisogna tenere in considerazione alcuni fattori

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

Decisioni di Comunicazione

Decisioni di Comunicazione Corso di MARKETING A.A. 2006/2007 Decisioni di Comunicazione Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 13 Novembre 2006 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la comunicazione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Parte Seconda Organizzazione di Vendita

Parte Seconda Organizzazione di Vendita Parte Seconda Organizzazione di Vendita Con il simbolo ^ le slide che non sono state discusse in aula Il Sistema dei Processi Processi Primari Processi centrali e caratteristici del ciclo di scambio PROGETTAZIONE

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO

LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO LE STRATEGIE E LE MODALITA DI INGRESSO Barbara Francioni 1 LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE COMMERCIALE Obiettivi Vincoli e risorse disponibili Specifici mercati verso i quali indirizzare

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Comunicazione Integrata di Marketing

Comunicazione Integrata di Marketing Corso di MARKETING A.A. 2011/2012 Comunicazione Integrata di Marketing Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 9 Gennaio 2012 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

TELEPASS+ 3 - Unità H

TELEPASS+ 3 - Unità H TELEPASS+ 3 - Unità H La gestione delle vendite e il marketing SOGGETTI GESTIONE DELLE VENDITE APPARATO DISTRIBUTIVO Insieme delle aziende e degli operatori economici, pubblici e privati, che intervengono

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio

Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio Ciclo convegni sulla cultura del marketing Vicenza, COM 2004 Organizzazione: AISM Delegazione

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

informazioni generali

informazioni generali Catalogo corsi 1 semestre 2016 informazioni generali I corsi indicati nel presente catalogo possono essere soggetti a variazione nei contenuti e nei titoli, in relazione all'interesse dei destinatari.

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente

Le scelte nella rete di distribuzione. La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Distribuzione Le scelte nella rete di distribuzione La distribuzione deve rendere disponibile il prodotto nel momento e nel luogo desiderati dal cliente Le scelte nella rete di distribuzione Dove vogliamo

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15)

LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE. (cap. 15) LE DECISIONI DI DISTRIBUZIONE (cap. 15) IL RUOLO ECONOMICO DEI CANALI DI DISTRIBUZIONE Un canale di distribuzione può essere definito come una struttura formata da partner interdipendenti che mettono beni

Dettagli

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi

A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Scuola di Economia Corso di Strategie d impresa (a.a. 2013-2014) Prof. Tonino Pencarelli Dott. Mauro Dini A cura di: Giorgia Grifoni Beatrice Renzi Obiettivo Introdurre

Dettagli

Corso di Marketing Industriale

Corso di Marketing Industriale U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I B E R G A M O Corso di Prof Ferruccio Piazzoni ferruccio.piazzoni@unibg.it LE LEVE OPERATIVE di MARKETING: il MARKETING MIX, DOMANDA e QUOTA di MERCATO I Mktg-L08

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica

Capitolo 17. I mercati con informazione asimmetrica Capitolo 17 I mercati con informazione asimmetrica Introduzione L incertezza sulla qualità e il mercato dei bidoni I segnali di mercato Il rischio morale Il problema agente-principale L informazione asimmetrica

Dettagli

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali

Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali Incrementare i profitti con una riduzione dei costi generali La competizione generata dall economia globale continuerà ad imporre un abbassamento dei prezzi al cliente finale. Di conseguenza, controllare

Dettagli

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO

AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO AREA TEMATICA INNOVAZIONE NEL RAPPORTO CON IL MERCATO Gestire la relazione di vendita con efficacia 1 Corso base in commercio estero 2 L efficacia commerciale: corso per operatori al servizio vendita 3

Dettagli

Strategie Funzionali di Logistica e Marketing

Strategie Funzionali di Logistica e Marketing Strategie Funzionali di Logistica e Marketing Logistica: definizioni, obiettivi e struttura Acquisti: l approvigionamento dell Azienda Marketing Strategico Marketing Operativo Il Marketing Mix Promozione

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3

Indice. 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 LEZIONE GESTIONE STRATEGICA DEGLI ACQUISTI DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1. Il marketing -----------------------------------------------------------------------------------------------3 1.1. Prima

Dettagli

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE

Telefono: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE EPOCH BUSINESS ANALYSIS Azienda: Indirizzo: Nome Persona: Mansione: Telefono: E Mail: ALLA CORTESE ATTENZIONE : AMMINISTRATORE, PROPRIETA O DIRETTORE GENERALE ISTRUZIONI: Questa è un analisi del potenziale

Dettagli

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA

Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Capitolo 2 STRATEGIA, PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA ED EFFICACIA Il ruolo della direzione strategica nella progettazione organizzativa Un organizzazione viene creata per raggiungere un determinato scopo.

Dettagli

The GLOBAL SALES BAROMETER

The GLOBAL SALES BAROMETER Benvenuto/a al Global Sales Barometer, l iniziativa mondiale di comparazione dei processi commerciali nelle imprese! ISTRUZIONI: Il questionario include domande brevi che, nella maggior parte dei casi,

Dettagli

RICERCA PARTNER COMMERCIALI

RICERCA PARTNER COMMERCIALI RICERCA PARTNER COMMERCIALI In collaborazione con: Divisione di Alma Italia s.r.l. www.sanpaoloimprese.com PREMESSA Lo sviluppo commerciale è da sempre uno dei punti fondamentali dell attività aziendale.

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione.

Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Alcune osservazioni in merito alla promozione all estero dei prodotti alimentari di qualità della Regione. Scegliere i settori su cui sia opportuno investire fondi pubblici a fini promozionali, non è sempre

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti

Il marketing dei servizi. Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Il marketing dei servizi Il gap 1: non sapere cosa si aspettano i clienti Gap del fornitore n.1 gap di ascolto Per minimizzare il gap di ascolto è utile: Capire le aspettative dei clienti usando le ricerche

Dettagli

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

LEZIONE N. 1. Il Marketing Concetti Introduttivi. Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 1 Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Marketing mix: promozione e comunicazione

Marketing mix: promozione e comunicazione Marketing mix: promozione e comunicazione La presente documentazione è ad esclusivo uso didattico. Al di fuori del corso nessuna parte può essere riprodotta in qualsiasi forma a stampa, fotocopia o altri

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

V01. Marketing e Vendite

V01. Marketing e Vendite Marketing e Vendite V01 La gestione del coraggio: aumentare impegno e risultati della rete di vendita rompendo le regole Come garantire all azienda maggiori risultati commerciali agendo sui punti di forza

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.

la prima volta di un piatto non sarà mai ottimale ogni nuova ricetta 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing. la prima volta di un piatto non sarà mai 5 consigli per amare e conservare i clienti www.studiocentromarketing.it ottimale ogni nuova ricetta richiede uno specifico know how che si apprende nel tempo Il

Dettagli

Il Marketing Concetti Introduttivi

Il Marketing Concetti Introduttivi Il Marketing Concetti Introduttivi Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing Il Corso OBIETTIVI DEL CORSO Fornire agli studenti conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del

Dettagli

La misurazione e la previsione della domanda

La misurazione e la previsione della domanda La misurazione e la previsione della domanda Le domande fondamentali Quali sono i principi che sottendono alla misurazione e alla previsione della domanda? Come si può stimare la domanda attuale? Come

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze

Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Facoltà di Economia Università degli Sudi di Firenze Firenze, mercoledì 27 Novembre 2002 Incontro con Vincenzo Freni L incalzante progredire delle nuove tecnologie, ogni giorno più sofisticate e complesse,

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012

BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 BUSINESS PLAN EDIZIONE 2011/2012 6 Una cooperativa, come ogni impresa, per stare sul mercato deve remunerare i fattori produttivi in modo da avere un saldo positivo e dunque redigere un bilancio in utile.

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano

Guida al CRM. White Paper FrontRange Solutions. SysAround S.r.l. Pagina 1 di 18. Via Cappuccini, 4 20122 Milano Guida al CRM White Paper FrontRange Solutions Pagina 1 di 18 SOMMARIO 1. Il CRM: come può migliorare il business aziendale... 3 1.1 Il CRM... 3 1.2 Quali sono i vantaggi di avere una strategia CRM?...

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Il Modello di Orientamento Commerciale

Il Modello di Orientamento Commerciale Il Modello di Orientamento Commerciale Un importante strumento di indirizzo strategico che, classificando clienti e prospect in base alle loro potenzialità di sviluppo, supporta azioni mirate su segmenti

Dettagli

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO

IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO IL MARKETING RELAZIONALE APPLICATO AI BENI DI CONSUMO 1 LE ORIGINI I primi studi sul marketing relazionale risalgono alla seconda metà degli anni ' 70 e sono riferiti al settore dei beni industriali negli

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING Ogni impresa deve decidere il programma della propria attività per l anno successivo. Il compito

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Marketing

Ciclo di formazione per PMI Marketing Ciclo di formazione per PMI Marketing Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business- Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business Ciclo

Dettagli

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE

POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE POLITICHE E CLASSIFICAZIONE DEL PRODOTTO COMMERCIALE Per prodotto s intende tutto ciò che può essere offerto ai consumatori per soddisfare un loro bisogno IN BASE ALLE ABITUDINI DEL CONSUMATORE I PRODOTTI

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

Strategia di marketing

Strategia di marketing Strategia di marketing La strategia di marketing è il complesso di azioni coordinate che un impresa realizza per raggiungere i propri obiettivi di marketing Elementi fondamentali della strategia di marketing

Dettagli

THE DIGITAL MARKETING HUB. hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON

THE DIGITAL MARKETING HUB. hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON THE DIGITAL MARKETING hdemo.com via F. Corridoni 27 31050 Vascon di Carbonera, Treviso, Italia BE SOCIAL ON 1 che quantifica il ritorno degli investimenti Il fatto che qualunque strategia di in una azienda

Dettagli

Audit interni e prevenzione degli incidenti

Audit interni e prevenzione degli incidenti Audit interni e prevenzione degli incidenti Michele Marchini PIACENZA 20 marzo 2014 2 Argomenti trattati Obiettivi di questa presentazione Comprendere perché sono necessari gli audit. Sviluppare/confermare

Dettagli

Sales e Marketing Management

Sales e Marketing Management Bologna - Ottobre 2006 con frequenza al sabato Sales e Marketing Management Il Master Gli Obiettivi I Destinatari Obiettivi: Introdurre il partecipante sui principali temi di marketing, favorendo l'acquisizione

Dettagli

CAP 11: La gestione dei canali distributivi

CAP 11: La gestione dei canali distributivi CAP 11: La gestione dei canali distributivi La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi 2. I rapporti con gli intermediari La gestione dei canali distributivi 1. I canali distributivi

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (3) dott. Matteo Rossi La politica di prezzo Determinare ed amministrare i prezzi assume una rilevanza fondamentale nell elaborazione del programma di

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line.

PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. PUBBLICITA ON LINE SEMPRE PIU ESPERIENZIALE - Un modello interpretativo delle tendenze più evolute della comunicazione d impresa on line. Introduzione Gli investimenti pubblicitari delle aziende si stanno

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it

La scelta dei canali di entrata. Michela Floris micfloris@unica.it La scelta dei canali di entrata Michela Floris micfloris@unica.it Una premessa Individuare il canale che, meglio degli altri può essere efficace per la propria attività nei mercati esteri non è semplice

Dettagli