GARDA BUSSOLENGO MARIE CURIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GARDA BUSSOLENGO MARIE CURIE"

Transcript

1 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE GARDA BUSSOLENGO MARIE CURIE Sede Via Berto Barbarani, Garda tel fax Sede aggregata Via C.A.Dalla Chiesa, Bussolengo tel. - fax Classe 4D LICEO Indirizzo Anno scolastico 2013/ Programmazione svolta

2 Classe 4D LICEO Materia FILOSOFIA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa GALVAGNI MARCO 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) U.D. CONTENUTI PERIODO Unità di raccordo: Aristotele (ripasso) Metafisica Teologia Fisica La filosofia ellenistica Agostino di Ippona Tommaso d Aquino Umanesimo e Rinascimento La Rivoluzione scientifica Galileo Galilei René Descartes Blaise Pascal Epicureismo -Canonica -Fisica -Etica Stoicismo -Logica -Fisica -Etica Ragione e fede Verità e illuminazione Il problema della creazione e del tempo Il problema del male Libertà e grazia Ragione e fede L ontologia La teologia La questione degli universali Cenni introduttivi Platonismo rinascimentale Aristotelismo rinascimentale Giordano Bruno Nuova immagine dell universo La scienza come sapere sperimentale Il ruolo della tecnica Copernico, Brahe, Keplero (cenni) L incommensurabilità tra scienza e fede Lo scontro con la Chiesa L immagine galileiana della scienza La questione del metodo Le regole del metodo Dal dubbio al cogito Il ruolo di Dio Il mondo fisico Anima e corpo Esprit de géométrie, esprit de finesse La condizione umana La scommessa su Dio Settembre Settembre-Ottobre Ottobre-Novembre Novembre Dicembre Gennaio Gennaio Gennaio Febbraio

3 Thomas Hobbes John Locke David Hume Immanuel Kant La logica Corpo e moto Lo stato di natura Il Leviatano II Saggio sull intelletto umano La dottrina delle idee La gnoseologia Il pensiero politico La Lettera sulla tolleranza Impressioni e idee Relazioni fra idee Questioni di fatto Critica del principio di causalità Caratteri generali del criticismo La Critica della ragion pura -Le forme di giudizio -L estetica trascendentale -L analitica trascendentale -La dialettica trascendentale La Critica della ragion pratica (cenni) Marzo Marzo-Aprile Aprile Maggio-Giugno 2. MATERIALI DIDATTICI - A. Massarenti, E. Di Marco, Filosofia: sapere di non sapere, voll. 1 e 2, Casa Editrice G.D Anna. - Alcuni materiali di lettura sono stati forniti in fotocopia a complemento o sostituzione dei testi antologici presenti nel manuale. - Il corso di Filosofia è stato supportato dall utilizzo di presentazioni in PowerPoint per facilitare la redazione di un quaderno di appunti.

4 Classe 4D LICEO Materia INFORMATICA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa ANDREELLA TERESA 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) Dal libro Corso di informatica - Volume 2: I DBMS (periodo settembre gennaio) Modulo 8: Database Management System Unità didattica 1: La gestione dei database mediante DBMS Unità didattica 4: Un DBMS di rete: MySql Modulo 9: Il linguaggio SQL Unità didattica 1: Il linguaggio definizione dei dati (DDL) Unità didattica 2: Le interrogazioni e il linguaggio di manipolazione dei dati (DML) Unità didattica 3: Le congiunzioni JOIN Integrazione con appunti dell insegnante: le funzioni di aggregazione SUM, COUNT, GROUP BY, la clausola HAVING Tutti gli argomenti sono stati corredati da esercizi in classe e in laboratorio attraverso l uso del programma Heidi-SQL e MySQL-Front. La costruzione di pagine dinamiche e statiche in modalità visuale (periodo febbraio maggio) I CMS: analisi, progettazione e creazione di siti WEB attraverso la piattaforma Wordpress. Tutti gli argomenti e procedure sono state proposti attraverso il blog/sito dell insegnante. La realizzazione di presentazioni in Prezi (periodo maggio giugno) Le rimanenti ore sono state impiegate per verifiche sia pratiche che orali, momenti di ripasso, approfondimenti, uscite didattiche, attività di istituto, recuperi. 2. MATERIALI DIDATTICI Libri di testo: Corso di informatica - Volume 2; Nikolassy, Camagni Hoepli Blog dell insegnante

5 Classe 4D LICEO Materia DISEGNO E STORIA DELLâ ARTE Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa AZZALI GIOVANNI 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) Disegno Primo periodo Esercizi a mano libera : -Forme architettura gotica e rinascimento. -Lettura grafica dello spazio della Pala di Castelfranco:lo spazio prospettico, proiezuine ortogonale trono,assonometria dei volumi. -Lettura grafica spazio prospettica Miracolo dell Ostia di Paolo Uccello. -Lettura grafica volume leggio Annunciazione di Domenico del Ghirlandaio, colleggiata San Gimignano. -Lettura grafica facciata Uffizi verso l Arno :struttura portante e simmetrie. -Lettura grafica facciata Villa Barbaro a Maser. -Lettura grafica facciata Villa Degli Albertini a Garda.La Serliana. -Disegno dal vero:uscita con blocco da disegno a Garda/lettura grafica Palazzo dei Capitani. Storia dell arte primo periodo Giorgione: Pala di Castelfranco, i Tre Filosofi, la Tempesta. Scheda di lettura dell opera d arte. Tiziano: Concerto campestre, Amor sacro e profano, Assunta dei Frari e Assunta Duomo di Verona. Lettura composizione tipologia Assunta:confronti opere di Tiziano e Giovanni Bellini. Il manierismo : caratteristiche,li Pontormo: trasporto Cristo Cappella Capponi.Rosso Fiorentino:Deposizione di Volterra.Tableaux vivant di Pasolini. Il Vasari e gli Uffizi: origini,funzione pratica e politica, modulo architettonico.il corridore vasariano,il passetto vaticano,il ponte scaligero. Leonardo da Vinci : Annunciazione degli Uffizi.Il punto di vista dell osservatore. Architettura manierista: palazzo Te a Mantova. Palladio e l architettura: Basilica a Vicenza.La villa:conesto storico, origini e sviluppo tipologia villa nel territorio veneto,villa Barbaro a maser, Villa Almerico -Capra detta la Rotonda, villa Emo. Palladio a Venezia:Chiesa del Redentore,chiesa San Giorgio Maggiore. Il teatro Olimpico a Vicenza. Paolo Caliari e gli affreschi di Villa Barbaro.Cena in casa di Levi. Disegno Secondo Periodo Disegno a mano libera. -assonometria villa Emo,

6 -Elementi prospettiva angolare e teoria delle ombre: villa Pojana di Palladio. -Disegno struttura facciata villa Pojana di Palladio. -La Serliana :studio proporzioni-da Bramante a Palladio -Disegno geometrico serliana di villa Pojana.Disegno circonferenze concentrich4e con oculi. Storia dell Arte Secondo Periodo I Carracci : Annibale Carracci e la pittura di genere.il mangiafagioli,la grande macelleria. autoritratti. Caravaggio: biografia e caratteristiche opere. costruzione dei dipinti, utilizzo della luce e gli specchi. Il Barocco:caratteri.G.L.Bernini: San Pietro.Baldacchino,cattedra san pietro, sistemazione spazio, Scala regia / prospettiva accelerata. Borromini: caratteristiche.s.carlo alle quattro fontane.s.ivo alla Sapienza. Il 700 :caratteristiche,il vedutismo.l architettura:le reggie. Versailles e Caserta: caratteristiche architettoniche e paesaggistiche.stupinigi. G.B.Tiepolo: cicli di Wuzburg, palazzo Labia, Villa Valmarana ai Nani. Canaletto: caratteri pittura. Vedute veneziane e londinesi. Il Neoclassicismo.caratteristiche.Il neoclassicismo etico:david e la morte di Marat.Il neoclassicismo estetico: Canova,Amore e Psiche,Paolina Bonaparte. Architettura neoclassica: caratteristiche.ledoux e Boullee.Le Saline di Chaux. Tempio di Possagno. Sabbioneta e Vespasiano Gonzaga:percorso preparazione per uscita didattica. Caratteristiche cinta muraria/ architettura militare e città "ideali": Peschiera del Garda,Palmanova, Terra del Sole. Le costruzioni della città: le porte, palazzo del giardino,palazzo ducale, la galleria. Uscita didattica ( 5 giugno 2014 ) Sabbioneta e Palazzo Te a mantova. 2. MATERIALI DIDATTICI

7 Classe 4D LICEO Materia RELIGIONE Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa PACHERA RICCARDO 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) 1. Dio e i diversi modi di pensarlo e viverlo la visione personale di Dio la visione nelle varie forme di arte (musica, cinema, pittura,ecc) la visione nel rapporto tra teologia e scienza la visione della filosofia la visione delle religioni 2. La coscienza e tematiche legate ad essa (giustizia e pace, libertà e fraternità) 3. Introduzione all Etica 4. L etica cristiana anche in relazione a problematiche morali di attualità 5. L etica cristiana a partire dai dieci comandamenti e dal messaggio evangelico 2. MATERIALI DIDATTICI Libro di testo Articoli di giornale/riviste/internet Materiali video e audio

8 Classe 4D LICEO Materia SCIENZE NATURALI Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa RECCHIA ISABELLA 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) CHIMICA (settembre- febbraio) Le quantità nelle reazioni, reagente limitante, resa percentuale, calcoli stechiometrici. La spontaneità delle reazioni: aspetto termodinamico e cinetico. Entalpia, reazioni esotermiche ed endotermiche, spontaneità di reazione, entropia, energia libera. La velocità e l equilibrio nelle reazioni chimiche. Cinetica chimica. Catalizzatori, energia di attivazione. Equilibrio chimico. Principio di Le Chatellier. Acidi e basi. Arrhenius, Bronsted, Lowry, Lewis. Il ph, forza di acidi e basi, costanti di equilibrio. Idrolisi salina. Soluzioni tampone. Il ph delle soluzioni. Indicatori e ph-metro. La titolazione. Elettrochimica. Il numero di ossidazione, reazioni redox, bilanciamento. Le pile. Potenziale di un elettrodo. I potenziali di riduzione standard in volt. Elettrolisi. La corrosione. Testo : Chimica per noi-tottola, Allegrezza-Mondadori ( da pag.252 alla fine del libro) SCIENZE DELLA TERRA ( marzo- aprile) La ricerca geologica. Il modello interno della terra. I minerali. La litosfera. La struttura cristallina. Proprietà dei minerali. La classificazione. Elementi nativi. Silicati. Genesi dei minerali. Le rocce. Processo magmatico, sedimentario e metamorfico. Il ciclo litogenetico. Rocce magmatiche: intrusive ed effusive, differente struttura ed esempi. Rocce sedimentarie: fasi del processo, degradazione meteorica (processi fisici e chimici), i fossili, classificazione, esempi. Rocce metamorfiche. Tipi di metamorfismo. Struttura, esempi. Testo : Scienze delle terra- Pignocchino- Sei ( fino a pag. 103) BIOLOGIA (aprile- maggio) Forme e funzioni degli organismi Organizzazione gerarchica degli organismi animali Il tessuto epiteliale, struttura, tipi di epiteli, funzioni Il tessuto connettivo, struttura, composizione, tessuti connettivi propriamente detti e specializzati. Il tessuto muscolare, tipologie e funzioni Tessuto nervoso, tipi di cellule e funzioni. Sistemi di organi, funzioni Scambi con l ambiente esterno Alimentazione, trasformazione macromolecole, fasi della trasformazione del cibo

9 Il sistema digerente umano: cavità orale, esofago, stomaco, intestino tenue, intestino crasso, organi annessi (pancreas e fegato). Struttura, funzioni, secrezioni. I nemici del sistema digerente Alimentazione e salute I meccanismi per gli scambi gassosi negli animali. Sistema respiratorio umano Controllo della respirazione Agenti che danneggiano il sistema respiratorio Il fumo di sigaretta Il trasporto di gas nel corpo umano Struttura e funzioni del sangue Le analisi del sangue Testo: Biologia Il corpo umano- Campbell, R. T. S. D. - Pearson 2. MATERIALI DIDATTICI libro di testo in adozione E- book di altri testi di chimica e biologia laboratori LIM materiali informatici e multimediali appunti dalle lezioni articoli tratti da riviste scientifiche

10 Classe 4D LICEO Materia EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa ZOCCA EDO 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) Argomento Periodo Ore Introduzione ai contenuti e ai metodi delle pratiche motorie. AP individuale, in coppia e in dinamica di gruppo. AT: 1Q informativo. AP, preatletismo generale: motricità funzionale ed espressiva in dinamica di coppia, gioco tradizionale: staffetta. AP: preatletismo generale e specifico su prove metriche (mobilità articolare, velocità, forza AI), andature, rilevazione. Informazioni su corsa prolungata. AP: piccoli attrezzi, funicella, preatletismo generale. I giochi tradizionali e i giochi sportivi. AP: circuito preatletico con piccoli e grandi attrezzi.approfondimento: spalliera, tappeto. Formazione due gruppi. Gioco in DDS AD, 10 passaggi e a terra PMano C da seduti. (analisi delle dinamiche e delle tecniche) Informazioni su criteri di valutazione. AP: coordinazione dinamica con la palla. Introduzione ai GIOCHI SPORTIVI: Gioco Pcampo, Pvolo. AT: verifica sulle conoscenze disciplinari e sulla progettazione. AP: coordinazione dinamica con la palla. Giochi sportivi: Pallamano e basket Informazioni sul progetto attività personale. Gioco preatletico. Dinamica di gruppo "Jigsaw" con piccoli e grandi attrezzi. AP: movimento espressivo e movimento finalizzato, esercitazioni a coppie e in piccolo gruppo, progressione con la funicella, esercitazioni su ambientazioni e pantomime. Le diverse dinamiche di gioco. AP: Coordinazione D con la palla in dinamica di coppia e per piccoli gruppi, (staffette) segue gioco AD a squadre (Basket, Pallamano) Settembre Ottobre Novembre Dicembre AP: Coordinazione dinamica con cerchi. AP: movimento Gennaio espressivo, attività motoria con basi musicali. Febbraio AT: informazioni su criteri valutazione quadrimestrale. Valutazione delle prestazioni e dei processi, valutazione delle tecniche e delle dinamiche sociali nel gruppo. AP: CD con la palla e gioco della PV. AT: in classe su "origine delle pratiche motorie e sportive, elementi del programma". Presentazione. Test grafico. Esercitazione grafica. Chiesto ad un gruppo di descrivere comportamenti produttivi e altri sfavorevoli alle pratiche

11 AT: informazioni sul programma. AP: preatletismo in forma ludica (staffette e AD) Esercitazioni Acrosport (2) GIoco della PV e giochi in libera espansione. (2 gruppi) Osservazione delle tecniche e delle dinamiche di gruppo AT: informazioni sul programma e attività. AP: preatletismo in forma ludica. Gioco in dinamica di Gruppo e Squadra, AD invasione di campo (Basket) Analisi delle dinamiche e delle funzioni di gioco. AP: preatletismo in forma ludica. Marzo Aprile Gioco in dinamica di Gruppo e Squadra, Baseball - AD campo Maggio fisso (Pvolo). Partecipazione al torneo GSS di Pallavolo e Calcio a 5. AT: informazioni sul programma, educazione posturale e attività preventiva. Preatletismo specifico, segue gioco in DDS. Preatletismo specifico ed esercitazioni su mobilità articolare e tonificazione AD in dinamica di coppia. Gioco sportivo: softball e ultimate frisbee. AT: educazione posturale e prevenzione: il "mal di schiena". Esercitazioni a corpo libero su posture equilibrate. AP: esercitazioni su mobilità e tonificazione della colonna. Preatletismo specifico su velocità e forza, test metrici. Preatletismo su tonificazione generale. Esercitazione staffette. Partita calcetto -gruppo- Giochi in libera espansione. Giochi di forza in dinamica di coppia. Elementi di difesa personale. Informazioni sulla valutazione, scheda RPA Attività integrative: - Corsa Campestre* - Uscita sulla neve e palapattinaggio a Folgaria per tutti - Torneo interno studentesco di Pallavolo e calcio a cinque. - * con partecipazione ai G.S.S. 2. MATERIALI DIDATTICI Per il raggiungimento di alcuni obiettivi si è valutata l opportunità di utilizzare supporti tecnici quali sintesi grafiche, MC, accompagnati da materiali didattici come liste, esempi di test metrici, griglie di osservazione, check-list, presentazioni e testi scritti per l'approfondimento. I materiali e gli attrezzi della palestra e degli impianti a disposizione sono stati utilizzati per le varie attività nelle pratiche e nelle attività sportive proposte.

12 Classe 4D LICEO Materia FISICA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa SPONZA DONATELLA 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) I PERIODO Termodinamica : gli enunciati del 2 principio della termodinamica e la loro equivalenza (ripasso), rendimento di una macchina termica e rendimento di Carnot (ripasso), interpretazione probabilistica del 2 principio della termodinamica ( diavoletto di Maxwell ), concetto di entropia (esempi). TEORIA DELLE ONDE: moto armonico semplice, onde materiali ed elettromagnetiche, onde trasversali e longitudinali equazione d'onda e sue caratteristiche, il suono e le sue caratteristiche, tipici fenomeni acustici: eco, risonanza, principio di sovrapposizione delle onde, principio di Huygens (fronti d'onda), interferenza acustica:equazioni dei nodi e dei ventri, tubo di Quincke, onda stazionaria, sua equazione, nodi e ventri(dim.), battimenti e loro equazione (dim.), effetto Doppler con moto della sorgente e dell'ascoltatore (leggi con dim.), cono di Mach e aerei supersonici, onde elettromagnetiche: spettro delle onde elettromagnetiche, la luce: frequenze e lunghezze d'onda della luce visibile, fenomeni ottici: leggi della riflessione e della rifrazione, riflessione totale, il miraggio e il fenomeno della fata Morgana diffusione, dispersione. Specchi e lenti e legge dei punti coniugati. Interpretazione corpuscolare e ondulatoria della luce: esperimenti di Young e Fresnel di diffrazione della luce. Cenni sull'evoluzione dei modelli atomici e sulla dualità onda-corpuscolo

13 (Thomson, Rutherford, Bohr, Planck, De Broglie). ELETTROSTATICA: Introduzione allo studio dei fenomeni elettrici( cenni storici) elettrizzazione per strofinio, per contatto e per induzione; materiali conduttori e isolanti; elettroscopio; II PERIODO: legge di Coulomb (enunciato) e sue applicazioni; bilancia di torsione; confronto tra forze elettriche e forze gravitazionali; campo elettrico e sue linee di forza, il campo elettrico è conservativo (dimostrazione), potenziale elettrico e differenza di potenziale; superfici equipotenziali ; rappresentazione grafica delle linee di forza e delle superfici equipotenziali di alcune distribuzioni di cariche: carica puntiforme, dipolo elettrico, due cariche dello stesso segno. flusso di campo elettrico (definizione); teorema di Gauss (dimostrazione per superfici sferiche e per superfici irregolari), conseguenze del teorema di Gauss: conduttori in equilibrio elettrostatico e loro proprietà; teorema di Coulomb (dimostrazione): effetto disperdente delle punte; laboratorio:esperimenti dimostrativi con generatore di Van De Graaff (gabbia di Faraday, emisferi di Cavendish, effetto punta, ecc...) capacità elettrica di un conduttore; i condensatori, capacità elettrica di un condensatore, sistemi di condensatori in serie e in parallelo e loro capacità equivalente(dimostrazione); capacità di un condensatore piano(dimostrazione); lavoro di carica di un condensatore; moto di una particella carica in un campo elettrico uniforme generato da un condensatore (dimostrazione che la traiettoria è parabolica) esperimento di Millikan. CORRENTI ELETTRICHE: Intensità di corrente elettrica; l e 2 legge di Ohm; resistività elettrica e dipendenza con la temperatura, superconduttori, conduttori ohmici e semiconduttori (grafici resistività-temperatura) ; sistemi di resistenze in serie ed in parallelo e loro resistenza totale (dimostrazione); leggi di Joule: lavoro e potenza di un circuito(dimostrazione); strumenti di misura: amperometri e voltmetri (con uso dello shunt) e loro inserimento in un circuito;

14 laboratorio: verifica delle leggi di Ohm (esperimento a gruppi); conduzione di elettricità nei liquidi: elettrolisi e leggi di Faraday; disputa tra Galvani e Volta, cenni sulle leggi di Volta e pila di Volta; pila di Daniell; effetto termoionico e valvole termoioniche: diodo a vuoto e triodo a vuoto; semiconduttori e loro drogaggio, diodo a semiconduttore e transistor. Lettura sull invenzione del transistor. MAGNETISMO: Introduzione allo studio del magnetismo (cenni storici); dipoli magnetici, ago magnetico e linee di forza del campo magnetico; magnetismo terrestre (cenni): declinazione e inclinazione magnetica; forza di Lorentz e vettore B di induzione magnetica; interazioni tra campi elettrici e campi magnetici: esperimento di Oersted, filo rettilineo e legge di Biot-Savart, permeabilità magnetica del vuoto, forza magnetica su un filo percorso da corrente (legge di Laplace), legge di Ampere:la forza magnetica tra due fili rettilinei e paralleli, Letture assegnate per le vacanze: un libro a scelta di argomentazione scientifica o di storia della scienza ( si consiglia la lettura del testo: E.Ricci "La fisica fuori casa" ed. Giunti ), 5 articoli di argomentazione scientifica tratti da riviste, quotidiani o pubblicazioni scientifiche, relazione di laboratorio dell'esperimento sulla verifica delle leggi di Ohm. 2. MATERIALI DIDATTICI Gli strumenti didattici: testo in adozione ed ulteriore materiale fornito dall insegnante (dispense, altri testi, ecc ) cd rom materiale di laboratorio programmi applicativi di simulazione e/o elaborazione dati.

15 Classe 4D LICEO Materia MATEMATICA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa SPONZA DONATELLA 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) I PERIODO: FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE Ripasso: Definizione di funzione, campo di esistenza o dominio di una funzione, codominio di una funzione. Funzioni pari e dispari, crescenti e decrescenti, suriettive, iniettive, biiettive, grafici di coniche e di curve deducibili, grafici di funzioni esponenziali e logaritmiche. TRIGONOMETRIA: Definizione di angolo come rotazione, gradi e radianti, definizione di seno, coseno, tangente e cotangente di un angolo in un triangolo rettangolo, identità fondamentali della trigonometria(con dim.), circonferenza goniometrica, angoli notevoli (30, 45, 60, 18,90, ecc...), formule di trasformazione del seno e coseno in tangente(con dim.), archi associati, espressioni goniometriche, formule di: addizione e sottrazione, duplicazione, bisezione, parametriche, prostaferesi, (tutte con dim.), equazioni goniometriche: elementari, lineari in seno e coseno, omogenee o riconducibili ad omogenee, con applicazioni delle formule, grafico delle funzioni goniometriche (sen, cos, tan, cotan), grafico di funzioni periodiche tramite traslazioni, simmetrie, valore assoluto delle funzioni goniometriche,

16 grafico delle funzioni inverse delle funzioni periodiche (arcsen, arcos, arctg, arcotg), grafici delle funzioni inverse con traslazioni e valori assoluti, disequazioni goniometriche intere e fratte, II PERIODO: teoremi sui triangoli rettangoli, teorema della corda, teorema dei seni, teorema del coseno, formula per l area di un triangolo, (tutti con dim.), risoluzione di triangoli rettangoli, risoluzione di triangoli qualsiasi. Problemi di geometria piana con incognita e metodi risolutivi trigonometrici. I NUMERI COMPLESSI Definizione di numero complesso Rappresentazione cartesiana e trigonometrica Piano di Argand-Gauss Operazione con i numeri complessi: in forma algebrica, in forma trigonometrica (prodotto e quoziente con dimostrazione) Formula di De Moivre e della radice n-esima STATISTICA DESCRITTIVA: Statistica semplice (ripasso): indicatori statistici: media aritmetica semplice e ponderata,moda, varianza e deviazione standard(del campione e della popolazione), istogramma di una distribuzione. Statistica bivariata: distribuzioni doppie, covarianza, indice di correlazione lineare, retta di regressione lineare: metodo dei punti fissi,metodo di Wald, metodo dei minimi quadrati (senza dimostrazione). MATRICI E SISTEMI LINEARI Matrici matrici particolari:trasposta, identità, matrice nulla, inversa, matrici quadrate

17 Operazioni con matrici:somma e prodotto Determinante e sue proprietà Formula generale e regola di Sarrus per il calcolo del determinante Sistemi lineari metodo di Cramer per la risoluzione di un sistema lineare TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Classificazione delle trasformazioni Trasformazioni e loro equazioni Isometrie: traslazioni, rotazioni di centro l origine, simmetrie centrali e simmetrie assiali. CALCOLO COMBINATORIO Fattoriale di un numero e sue proprietà Disposizioni semplici e con ripetizione Permutazioni semplici e con ripetizione Combinazioni semplici e con ripetizione Coefficienti binomiali legge dei tre fattoriali binomio di Newton e suo sviluppo verifica di identità e risoluzione di equazioni con elementi di calcolo combinatorio. N.B. Di tutte le proprietà. le formule ed i teoremi (se non diversamente indicato nella stesura del programma) sono state sviluppate le dimostrazioni. Esercizi assegnati per il periodo estivo: pag.848 nn.24, 25 e 28, pag.915 n.26,pag.1181 n.120, pag.1204 numeri pari dal 382 al 396, pag.1230 n.28, pag.45 e 46a nn.19,21, MATERIALI DIDATTICI Gli strumenti didattici: testo in adozione ed ulteriore materiale fornito dall insegnante (dispense, altri testi, ecc ) fogli elettronici di calcolo

18 Classe 4D LICEO Materia STORIA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa RAMA GIULIO CARLO 1. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) La Spagna di Filippo II L'Inghilterra di Elisabetta I Le guerre di religione in Francia La rivoluzione inglese: da Cromwell alla rivoluzione costituzionale L'assolutismo in Europa: Luigi XIV e Pietro il Grande L'Illuminismo in Europa L'età delle rivoluzioni: l'america e la Francia Napoleone L'età della restaurazione L'Europa fino al 1848 Le tappe del Risorgimento italiano L'unificazione italiana fino al 1861 L Italia post-unitaria (cenni) 2. MATERIALI DIDATTICI Libro di testo Altro materiale: fotocopie di letture e documenti su argomenti specifici; schemi per lo studio personale e materiale reperito attraverso Internet.

19 Classe 4D LICEO Materia LINGUA E LETTERATURA STRANIERA Anno scolastico 2013/2014 Prof/Prof.essa HANSEN AASE 3. CONTENUTI DISCIPLINARI ESPRESSI PER UNITA DIDATTICHE, MODULI, PERCORSI O ARGOMENTI TRATTATI CON I RISPETTIVI TEMPI DI REALIZZAZIONE(PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO E TEMPI DI ATTUAZIONE) Facendo riferimento al testo in adozione Millennium di Arturo Cattaneo e Donatella De Flaviis, Ed. Signorelli Scuola, si sono affrontati in maniera specifica gli argomenti di seguito elencati. UNIT C THE RESTORATION AND THE EIGHTEENTH CENTURY History and society Culture The literary scene Writers and texts The restoration The Glorious Revolution and the last Stuarts The first Hanoverian kings: George I and Parlamentary monarchy George III and the British Empire The Restoration: The French influence The rebulding of London Science and the Royal Society The Augustan Age The term Augustan Neoclassicism A Belief in order Rational philosophers The role of women The education of the middle class The novel and the middle class The rise of the novel The need for realism The realistic novel Utopian fiction The epistolary novel The picaresque novel The sentimental novel Daniel Defoe Robinson Crusoe: Robinson and Friday Samuel Richardson Pamela, or Virtue Rewarded: Pamela Refuses Mr B.'s Advances TRIMESTRE

20 UNIT D THE ROMANTIC AGE History and Society Culture The literary Scene Writers and Texts The American Revolution The new colonies The French Revolution Social unrest Economic liberalism The Revolution Industrial Ascolto: The Triumph of technology Consequences of the Industrial Revolution Social reforms The emancipation of women The Romantic Revolution Romantic themes and conventions The dark Romantic hero Romantic poetry First-generarion Romantics Second-generation Romantics William Blake Songs of Innocence and of Experience: The Lamb The Tyger William Wordsworth Lyrical Ballads: I Wandered Lonely as a Cloud Samuel Taylor Coleridge The Rime of the Ancient Mariner: It Is an Ancient Mariner... A Sadder and a Wiser Man He Rose the Morrow Morn PENTAMESTRE The Romantic Novel The novel of manners Jane Austen Pride and Prejudice: Hunting for a Husband The novel of purpose Mary Shelley Frankenstein: The Creation of the Monster Letture per le vacanze: Pride and Prejudice di Jane Austen, ed. Black Cat (Livello B2.2) Frankenstein di Mary Shelley, ed. ELI (Livello B2) 5. MATERIALI DIDATTICI Nell'organizzazione del lavoro degli studenti in classe si sono utilizzati le seguenti tecniche e strumenti: La lezione frontale e la lezione dialogata in L2 Regolare assegnazione di esercizi e questionari sulle attività svolte in classe, con controllo sistematico dei compiti. Lavoro in classe individuale, a coppie e in piccoli gruppi. Il testo in adozione: MILLENNIUM volumi 1 di Arturo Cattaneo e Donatella De Flaviis, corredato di audio CD per la classe e Grammar and Vocabulary Trainer di Angela Gallagher e Fausto Galuzzi; ed. Pearson Longman, corredato di CD-Rom interattivo. il computer di classe dotato di lettore CD e DVD; Lavagna LIM

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 2 A Corso: BIENNIO UNICO COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Classe: 2 A RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM BIBBIA GERUSALEMME / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 No No No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Dispensa sulle funzioni trigonometriche

Dispensa sulle funzioni trigonometriche Sapienza Universita di Roma Dipartimento di Scienze di Base e Applicate per l Ingegneria Sezione di Matematica Dispensa sulle funzioni trigonometriche Paola Loreti e Cristina Pocci A. A. 00-0 Dispensa

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552

Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0229408552 Materiale originale prodotto dal Centro Didattico della Matematica - www.cedima.it - Tel. 0940855 La funzione: y = cos x DEFINIZIONE Si dice funzione coseno di un angolo nel cerchio trigonometrico, la

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica

Onde e suono. Roberto Cirio. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica Onde e suono Roberto Cirio Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Anno accademico 2007 2008 Corso di Fisica La lezione di oggi Oscillazioni e onde Sovrapposizione di onde L orecchio Fisica

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio.

Appunti di Analisi Matematica 1. Docente:Fabio Camilli. SAPIENZA, Università di Roma A.A. 2014/15. http://www.dmmm.uniroma1.it/~fabio. Appunti di Analisi Matematica Docente:Fabio Camilli SAPIENZA, Università di Roma A.A. 4/5 http://www.dmmm.uniroma.it/~fabio.camilli/ (Versione del 9 luglio 5) Note scritte in collaborazione con il prof.

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto.

(V) (FX) Z 6 è un campo rispetto alle usuali operazioni di somma e prodotto. 29 giugno 2009 - PROVA D ESAME - Geometria e Algebra T NOME: MATRICOLA: a=, b=, c= Sostituire ai parametri a, b, c rispettivamente la terzultima, penultima e ultima cifra del proprio numero di matricola

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO

SIMULAZIONE DI PROVA D ESAME CORSO DI ORDINAMENTO SIMULAZINE DI PRVA D ESAME CRS DI RDINAMENT Risolvi uno dei due problemi e 5 dei quesiti del questionario. PRBLEMA Considera la famiglia di funzioni k ln f k () se k se e la funzione g() ln se. se. Determina

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc.

1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. Classi Numeriche 1 1 Numeri Complessi, Formula di Eulero, Decomposizioni Notevoli,... ecc. In questo breve capitolo richiamiamo le definizioni delle classi numeriche fondamentali, già note al lettore,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Prova di Matematica : Relazioni + Geometria Alunno: Classe: 1 C 05.06.2012 prof. Mimmo Corrado 1. Dati gli insiemi =2,3,5,7 e =2,4,6, rappresenta

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis

APPUNTI DI FISICA 3. Pietro Donatis APPUNTI DI FISICA 3 Pietro Donatis Versione 2 7 luglio 2009 i Questi Appunti di fisica sono rivolti agli studenti del quinto anno di un liceo scientifico e seguono gli analoghi appunti scritti per il

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Classe: 1 A RELIGIONE 9788810614082 CIONI LUIGI / MASINI PAOLO / PANDOLFI BARBARA PAOLINI LUCA I-RELIGIONE+LIBRO DIGITALE+DVD / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 16,00 Si Si No ITALIANO ANTOLOGIE

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

Funzioni e loro grafici

Funzioni e loro grafici Funzioni e loro grafici Dicesi funzione y=f(x) della variabile x una legge qualsiasi che faccia corrispondere ad ogni valore di x, scelto in un certo insieme, detto dominio, uno ed uno solo valore di y

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ;

Risposta: L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; 1. Un triangolo ha area 3 e due lati che misurano 2 e 3. Qual è la misura del terzo lato? : L area del triangolo è dove sono le misure di due lati e è l ampiezza dell angolo tra essi compreso ; nel nostro

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli