PROVINCIA DI CROTONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI CROTONE"

Transcript

1 PROVINCIA DI CROTONE LA SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA - Direzione generale - Servizio Sicurezza Stradale Dott. Fabio Bruno Pisciuneri year 2007 tel. e fax BARI, 11 LUGLIO 2008

2 SINTESI DELLA PRESENTAZIONE SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 2

3 IL PROGETTO DELLA PROVINCIA DI CROTONE CENTRO DI MONITORAGGIO, CONSULTA, PIANO PROVINCIALE ED INTERVENTI SPERIMENTALI PER LA SICUREZZA STRADALE Obiettivo : - 50% ASSUMERE L OBIETTIVO COMUNITARIO E NAZIONALE DI RIDURRE IL NUMERO DELLE VITTIME DEL 50% ENTRO IL 2010 PER LA PROVINCIA DI CROTONE COMPORTA: PASSARE DA 14 MORTI (MEDIA TRIENNIO ) A 7 MORTI; PASSARE DA 600 FERITI (MEDIA TRIENNIO ) A 300 FERITI; RIDURRE IL COSTO SOPPORTATO DALLO STATO, DALLE IMPRESE E DALLE FAMIGLIE A CAUSA DEGLI INCIDENTI STRADALI, PASSANDO DA 64 A 32 MILIONI DI EURO. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 3

4 CARATTERI GENERALI DEL PROGETTO IL PROGETTO DELLA PROVINCIA DI CROTONE CENTRO DI MONITORAGGIO, CONSULTA, PIANO PROVINCIALE ED INTERVENTI SPERIMENTALI PER LA SICUREZZA STRADALE Realizzare: Centro di monitoraggio provinciale per la sicurezza stradale; Consulta provinciale sulla sicurezza stradale; Piano provinciale per la sicurezza stradale; Campagna di informazione e sensibilizzazione; Interventi sperimentali; SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 4

5 PROVINCIA DI CROTONE - DIREZIONE GENERALE - SERVIZIO SICUREZZA STRADALE I PUNTI SALIENTI DEL PROGETTO SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: NON SOLO DATI.. MA. UNA RESPONSABILITA CONDIVISA SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 5

6 CENTRO DI MONITORAGGIO PROVINCIALE istituito con delibera di Giunta Provinciale n. 25 del Il Centro di Monitoraggio Provinciale di Crotone (CDM) è l organo di concentrazione dei dati dell incidentalità e supporto per la programmazione e la pianificazione degli interventi e degli investimenti dell Ente Provincia e dei Comuni. Esso deve essere: organo tecnico-conoscitivo; organo per lo sviluppo di analisi e valutazioni; organo di supporto all azione di governo della sicurezza stradale; Dal 01 Giugno del 2007 il CDM è in convenzione con l ISTAT per la realizzazione di un flusso informativo integrato relativo alla rilevazione delle statistiche degli incidenti stradali e a tale scopo è stato predisposto un apposito programma, in ambiente MS ACCESS per la gestione dei dati. PRINCIPALI OBIETTIVI: Ritorno informativo rapido e localizzazione puntuale dell incidente; database del Centro di Monitoraggio Migliorare la qualità della rilevazione e lo stato delle conoscenze sugli incidenti stradali promuovendo l individuazione dei fattori di rischio; Analizzare i risultati degli interventi per migliorare la sicurezza stradale posti in essere, al fine di individuare gli interventi più efficaci e promuoverne la diffusione; Fornire supporti tecnici all azione di governo, basandosi sia sui risultati delle analisi sulla sicurezza stradale, sia sulle verifiche di efficacia degli interventi SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 6

7 CONSULTA PROVINCIALE istituita con delibera di Consiglio Provinciale n. 54 del La Consulta è la sede permanente di confronto, valutazione e proposta sui problemi legati alla sicurezza sulle strade e persegue l obiettivo di creare una rete di relazioni e di interscambio di esperienze fra tutti i soggetti pubblici e privati che lavorano sul tema della sicurezza stradale. Tale organismo, insediato il 31 Gennaio del 2007 alla presenza del Ministro dei Trasporti, Prof. Alessandro Bianchi, è presieduto dal competente Assessorato alla Viabilità ed è aperto alla partecipazione di tutti i soggetti pubblici o privati interessati al tema della sicurezza stradale. Hanno aderito, ad oggi, n. 56 enti diversi: Aci, Anas-Compartimento per la Calabria, ANPRIS, Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone, Ass. Fermiamo il male! La Strada!, Ass. Familiari Vittime della Strada, Ass. Naz. Centri Socc. Autoveicoli-ANCSA, C.C.I.A.A., Regione Carabinieri Calabria - Comando Provinciale di Crotone, Casa di Cura "Istituto S. Anna, CGIL, CISAL, CISL, Comuni di Belvedere Spinello, Caccuri, Carfizzi, Casabona, Castelsilano, Cerenzia, Cirò Marina, Cotronei, Crotone, Crucoli, Cutro, Isola Capo Rizzuto, Melissa, Mesoraca, Petilia Policastro, Roccabernarda, Rocca di Neto, San Mauro Marchesato, San Nicola dell Alto, Santa Severina, Savelli, Scandale, Strongoli, Umbriatico, Verzino, Comunità Montana Alto Crotonese, Comunità Montana Alto Marchesato, Confedertai, Confindustria, Consulta Studentesca Provinciale, Inail, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti-Dip. Trasporti Terrestri-Uff. Prov. di Crotone, Ministero dell'interno-dip. Pubblica Sicurezza-Compartimento della Poliza Stradale-Sez. di Crotone, Ordine degli Ingegneri di Crotone, Prefettura di Crotone- Ufficio Territoriale del Governo, Questura di Crotone, S.I.U.L.P., S.N.A.P.I.S, S.U.E.M. 118 KR, Ufficio Scolastico Provinciale, UGL, UIL, Unasca Compito della Consulta è quello di: Fornire i supporti valutativi necessari per conoscere lo stato dell incidentalità e la sua evoluzione nonché gli interventi posti in essere e i risultati da questi determinati; Favorire il confronto tra le parti e l espressione di indirizzi unitari relativi agli obiettivi, alle priorità, ai contenuti del programma di azioni, etc.; Ideare e vagliare progetti sulla sicurezza stradale identificando linee di finanziamento per la loro realizzazione; Consentire una valutazione dettagliata delle misure di sicurezza stradale poste in essere. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 7

8 PIANO PROVINCIALE SICUREZZA STRADALE approvato con delibera di Consiglio Provinciale n. 9 del Il Piano Provinciale per la Sicurezza Stradale (PPSS) tende ad individuare i principali campi di intervento e le linee di azione, al fine di indicare tutta la gamma di misure che possono essere realizzate per eliminare i fattori di rischio presenti nella provincia o ridurne la portata. Sotto questo profilo, il PPSS si configura come una scatola di strumenti che deve essere utilizzata da chi governa la sicurezza stradale in modo selettivo, in funzione degli specifici obiettivi, delle priorità di intervento e delle azioni che si intendono o si possono realizzare. Obiettivo principale del Piano è quello di indicare tutte le più rilevanti opportunità di intervento, lasciando agli strumenti di programmazione e ai diversi soggetti che collaborano al processo di miglioramento della sicurezza stradale, la scelta degli specifici interventi e delle specifiche misure attuative. Più in particolare il PPSS elenca i principali campi di intervento, descrive le problematiche di riferimento, con particolare attenzione ai fattori di rischio specifici, individua le priorità di intervento di ciascun settore, delinea le linee di azione e le condizioni che possono rimuovere o attenuare i fattori di rischio. Questo sistema di conoscenze, valutazioni, indirizzi, etc. costituisce base di riferimento: per la programmazione di interventi per il miglioramento della sicurezza stradale da parte dei diversi settori dell Amministrazione provinciale e delle Amministrazioni comunali o da parte di istituzioni e imprese; per concertare interventi multisettoriali da parte di diversi soggetti, pubblici e privati, interessati alla realizzazione di una particolare iniziativa; per valutare l opportunità e la dimensione di un impegno nel settore della sicurezza stradale da parte di soggetti che non sono istituzionalmente competenti in questa materia (ma che intendono partecipare al processo di miglioramento della sicurezza stradale). SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 8

9 ROAD SAFETY INSPECTION DELLE STRADE PROVINCIALI Tecnica di analisi delle strade per la sicurezza stradale (Circolare n.3699/2001 del Ministro LLPP) Con questa analisi, eseguita da un team di esperienza internazionale su 200 km di rete e 5 siti critici, la Provincia dispone oggi di un documento operativo che individua i difetti della rete stradale che hanno ripercussioni per la sicurezza della circolazione per le varie componenti di traffico con cui il gestore può decidere quali interventi attuare. I principali interventi individuati sono stati: - meccanismi di riduzione dei fenomeni di frana; - programma di manutenzione per la segnaletica stradale e barriere; - interventi di riduzione del rischio per i pedoni in attraversamento dei centri abitati; - eliminazione delle condizioni di conflitto lungo la rete provinciale; L occasione della realizzazione di un sistema di catasto stradale sarà determinante per individuare le migliori strategie di miglioramento della sicurezza stradale che la Provincia di Crotone intende attuare. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 9

10 Dati ufficiali FLUSSO DELLE DECISIONI Fornisce supporti conoscitivi e schemi di valutazione sulle azioni prioritarie e sui risultati degli interventi Decisore politico Consulta provinciale Dati di confronto Analisi dei risultati degli interventi e dell evoluzione della sicurezza stradale Definiscono obiettivi e priorità, verificano l efficacia degli interventi e suggeriscono le attività di sensibilizzazione Attuazione tramite programmi annuali Interventi infrastrutturali e di sensibilizzazione Piano provinciale SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 10

11 PROVINCIA DI CROTONE - DIREZIONE GENERALE - SERVIZIO SICUREZZA STRADALE ATTIVITA CONNESSE SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 11

12 SOTTOSCRIZIONE DELLA CARTA EUROPEA SICUREZZA STRADALE Per collaborare alla riduzione del numero di incidenti stradali la Commissione Europea ha dato vita alla Carta Europea della Sicurezza Stradale per intraprendere azioni specifiche volte a migliorare la sicurezza nelle strade. La Carta Europea sulla Sicurezza Stradale mira a coinvolgere tutti i cittadini negli sforzi intesi a raggiungere l'obiettivo comunitario di dimezzare entro il 2010 il numero di vittime degli incidenti stradale. L Amministrazione Provinciale ha inteso aderire al progetto europeo il 22 febbraio del 2007, intraprendendo un cammino volto a sensibilizzare i giovani sul tema dell educazione stradale a carattere permanente ed elaborando un analisi approfondita delle dinamiche e delle cause degli incidenti e in questi ambiti intende sottoscrivere la Carta Europea della Sicurezza Stradale L iniziativa proposta dall Amministrazione Provinciale e approvato dalla Commisione Europea per la sottoscrizione della Carta Europea della Sicurezza Stradale è: Attraverso il nostro Centro di Monitoraggio per la sicurezza stradale faremo un' analisi approfondita delle dinamiche e delle cause degli incidenti più gravi localizzati sulle strade provinciali al fine di capire quali fattori determinano tali concentrazioni. A seguito di questa analisi si procederà al rafforzamento dell'azione di educazione alla sicurezza stradale e all' avvio di un programma di formazione sistematica alla mobilità sicura e sostenibile della popolazione in età scolare. Verranno coinvolte tutte le scuole della Provincia dedicando agli alunni almeno 4 ore di formazione ; SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 12

13 Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone -> CDM Convenzione sottoscritta il Il Servizio di Sicurezza Stradale, a verifica dei dati ottenuti, sta realizzando un intensa attività di collaborazione con l Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone. La mancata comunicazione all ISTAT della situazione sanitaria del ferito è spesso causa di una sottostima dei decessi. La Provincia di Crotone e la Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone si impegnano a creare le condizioni opportune per un confronto tra dati statistici sanitari (dati del 118, dei servizi per Pronto Soccorso, delle Schede di Dimissione Ospedaliera e delle Schede di Morte) e dati statistici basati sui verbali degli incidenti al fine di controllare e migliorare la completezza e la qualità delle statistiche e di creare un sistema integrato di dati sulle vittime degli incidenti stradali. Tale sistema permetterà altresì all Azienda Sanitaria di Crotone di utilizzare i servizi di elaborazione e di analisi dei dati forniti dal Centro di Monitoraggio della Provincia di Crotone e di migliorare la conoscenza delle cause dei danni associati all incidentalità stradale. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 13

14 PIANO SICUREZA STRADALE URBANA (PSSU) Comune di Rocca di Neto La Provincia di Crotone ha ricevuto dal Comune di Rocca di Neto la proposta di realizzare il Piano di Sicurezza Stradale urbana (PSSU) che è stato predisposto in collaborazione con l UNICAL di Arcavacata (CS). Il Piano della Sicurezza Stradale Urbana (PSSU) individua quattro linee strategiche per la riduzione dell'incidentalità: riduzione dell'esposizione al rischio, diminuendo il numero di veicoli-km percorsi dagli utenti della strada; riduzione del rischio di incidenti, intervenendo sui fattori di incidentalità relativi al comportamento degli utenti ed all'ambiente stradale; protezione dell'utenza debole, con azioni specifiche; attenuazione delle conseguenze degli incidenti, intervenendo sull'uso dei dispositivi di sicurezza (cinture e casco) e con servizi di soccorso. attenuazione delle conseguenze degli incidenti, intervenendo sull'uso dei dispositivi di sicurezza (cinture e casco) e con servizi di soccorso. Vengono definite classi di intervento: costruzione di una cultura della sicurezza stradale; rafforzamento dell azione di prevenzione, controllo e repressione; gestione del traffico/mobilità ed adeguamento delle infrastrutture; SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 14

15 CATASTO STRADALE DELLA PROVINCIA DI CROTONE Con la firma della Convenzione fra le Province di Crotone e Perugia si è dato il via ai lavori per la realizzazione del Catasto delle strade della Provincia di Crotone. Un adempimento previsto dal nuovo Codice della strada per la realizzazione dell'archivio nazionale delle strade che, fra l'altro, permetterà all'amministrazione di conoscere approfonditamente il proprio patrimonio viario. Di fatto, il lavoro consiste nel realizzare un archivio informatizzato delle strade, delle loro geometrie e quanto di pertinenza stradale: segnaletica, ponti, gallerie, muri di contenimento, gabbionate, piazzole di sosta, incroci, passi di accesso, cassonetti, ecc. Il catasto stradale consentirà alla Provincia di Crotone una migliore programmazione degli interventi di manutenzione e, conseguentemente, la razionalizzazione delle risorse economiche disponibili, ma anche la conoscenza della reale geometria stradale per un'analisi approfondita e preventiva della sicurezza della intera rete viaria. La convenzione sottoscritta alla fine del mese di marzo 2008 permetterà alla Provincia di Crotone di disporre di un ulteriore tassello nel costituendo mosaico della sicurezza stradale, grazie anche all ausilio di innovative strumentazioni tecnologiche; avrà la possibilità di mappare tutti gli eventuali innesti abusivi alla rete viaria provinciale nonché rilevare l'eventuale cartellonistica non autorizzata. I rilievi video-foto-topografici sono eseguiti con uno speciale autoveicolo (Videocar) che in un unico passaggio acquisisce la geometria dell'asse stradale e le immagini fotografiche di tutto ciò che è visibile lungo la sede viaria. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 15

16 EUROPEAN TRANSPORT SAFETY COUNCIL aderito con delibera di Giunta Provinciale n. 166 del La Provincia di Crotone è entrata a far parte del Main Council dell ETSC che è stato istituito per fornire consulenza in materia di sicurezza stradale alla Commissione Europea, al Parlamento Europeo e ad altri organi interessati di sicurezza stradale. In questo modo la Provincia di Crotone può aiutare e contribuire ad orientare ed organizzare gli sforzi per migliorare le azioni prioritarie verso la sicurezza stradale. PRINCIPALI OBIETTIVI dell ETSC: riunisce nel Consiglio le più importanti organizzazioni nazionali non governative e organizzazioni che si occupano di ricerca sulla sicurezza dei trasporti. sostiene i suoi membri e li pone al centro del processo decisionale all interno delle politiche europee di sicurezza dei trasporti. incoraggia fortemente i suoi membri a contribuire alle note e largamente distribuite riviste internazionali, agli articoli e ai giornali del settore, che rappresentano documenti di riferimento per i legislatori dell EU. porta i suoi membri più vicino alle attività dei decisori, all interno delle Istituzioni Europee. incoraggia i suoi membri a prendere parte a progetti condivisibili e fondati dalle Istituzioni Europee. persegue un dialogo aperto e costruttivo con i personaggi chiave dell industria dei trasporti. offre ai suoi membri l accesso a nuove conoscenze e innovazioni tecnologiche che rappresentano il punto di svolta per lo sviluppo della sicurezza dei trasporti. Questo network assicura ai membri dell ETSC di poter rispondere velocemente alle ultime politiche e agli ultimi sviluppi di ricerca in Europa sulla Sicurezza dei Trasporti. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 16

17 L EVOLUZIONE DELL INCIDENTALITA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 17

18 L incidentalità nella Provincia di Crotone nel 2007 (secondo semestre) 2007 incidenti morti feriti I NCI DE NT ALI T A' P ROV I NCI A DI CROT ONE giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre TOTALE INCIDENT I FERIT I M ORT I TIPO DI STRADA 42% COMUNALI 50% PROVINCIALI STATALI 8% SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 18

19 L incidentalità nella Provincia di Crotone nel 2007 (secondo semestre) INCIDENTALITA' PER MESE. DATI PROVINCIA DI CROTONE Incidenti ,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 Morti incidenti morti giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre INCIDENTALITA' PER MESE. DATI PROVINCIA DI CROTONE Incidenti Feriti incidenti feriti giugno luglio agosto settembre ottobre novembre dicembre INCIDENTALITA' PER GIORNO DELLA SETTIMANA. DATI PROVINCIA DI CROTONE INCIDENTALITA' PER GIORNO DELLA SETTIMANA. DATI PROVINCIA DI CROTONE Incidenti lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica 4,5 4 3,5 3 2,5 2 1,5 1 0,5 0 Morti incidenti morti SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 19 Incidenti lunedì martedì mercoledì 15 giovedì 21 venerdì 22 sabato 17 domenica Feriti incidenti feriti

20 L ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE SVOLTA NELLA PROVINCIA DI CROTONE SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 20

21 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE VACANZE COI FIOCCHI Dal 2003 ad oggi ogni anno si è svolge l attività distributiva e di diffusione della campagna di sensibilizzazione denominata Vacanze coi fiocchi La campagna Vacanze coi fiocchi è organizzata dal Centro Antartide di Bologna con la collaborazione della Fondazione Ania per la sicurezza stradale e dell UPI (Unione delle Province d Italia). Tanti, come di consueto, i patrocini che onorano l iniziativa: Presidenza della Repubblica, Camera dei Deputati e Senato della Repubblica, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Commissione europea, Anci, Istituto Superiore di Sanità e la quasi totalità delle Regioni italiane. Su tutte le strade provinciali gli agenti di tutte le forze dell ordine nella giornata stabilita dalla campagna nazionale hanno distribuiscono i volantini e viene effettuata una specifica affissione di manifesti. Anno 2003 Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 Anno 2007 SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 21

22 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE IL QUESTIONARIO Il Centro di Monitoraggio ha pensato di diffondere un questionario per verificare i comportamenti degli utenti alla guida in modo da orientare meglio le attività di sensibilizzazione che si effettuano durante il corso degli anni. Hanno compilato, ad oggi, il questionario più di 700 giovani sia su strumenti cartacei che tramite le pagine della Sicurezza Stradale presenti sul sito istituzionale I risultati di questa indagine è che percentualmente i giovani che hanno risposto hanno un età compresa tra i 19 e 25 anni (40%), non lavorano (56%), sono maschi (67%), vivono nella Provincia di Crotone (77%) e hanno un titolo di studio tipo scuola superiore (61%). 13% 77% 6% 4% Altra Regione Calabria Non Compilato Provincia di Crotone 61% 2% 15% 20% Elementare Laurea Media Non Compilato Superiore 33% Maschio Femmina 2% 67% 12% 18% 30% da 15 a 18 da 19 a 25 14% da 26 a 30 oltre 31 56% 30% Lavoratore Autonomo Lavoratore Dipendente Non lavoro 40% SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 22

23 IL QUESTIONARIO Il 63% si sposta in auto, considera lo spostamento una libertà (48,23%), considera il 21,4% l alcool un problema grave, suggerisce, per aumentare la sicurezza, un maggior utilizzo dei strumenti automatici (tipo telecamere e autovelox) (36,33%), e addebita alle cause a cui avvengono maggiormente gli incidenti all eccesso di velocità (58,2%). 6,4% 6,3% 11% 10% 2% auto privata 9,2% 48,2% una libertà una necessità un diritto una preoccupazione non rispondo 14% 63% a piedi bici o motocicletta trasporto pubblico altro 29,9% 8% 13% 7% 14% 5% 3% aumento strumenti tipo telecamere autovelox 14% 36% interventi di moderazione della velocità aumentare la vigilanza e repressione promozione del trasporto pubblico aumentare campagne di informazione non rispondo aumento manutenzione delle strade incremento aree pedonali e ciclistiche 3,7% 3,9% 4,5% 9,3% 15,8% 3,4% 1,1% 0,2% 58,2% eccesso di velocità utilizzo di sostanze stupefacenti e alcool distrazione conducenti uso telefono cellulare condizioni dei mezzi di trasporto scorrettezza alla guida non rispondo condizione manto stradale e segnaletica condizioni atmosferiche SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 23

24 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE CORSO DI EDUCAZIONE STRADALE Vengono realizzati in tutti gli Istituti Medi Superiori della Provincia di Crotone in collaborazione con: ACI - Automobile Club Italia; Comando Provinciale dei Carabinieri; Questura; Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; Unità di Emergenza Pronto Soccorso; corsi di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale sia di tipo teorico in classe per un ammontare di 16 ore teoriche che di tipo pratico con l organizzazione annuale della simulazione di un pronto intervento in caso di incidente stradale. Ad oggi, sono stati coinvolti circa studenti di età compresa tra i 14 e 18 anni. L appuntamento con gli studenti nelle scuole diviene così un modo per insegnare alla legalità e al corretto comportamento sulle strade. Offre l opportunità di un contatto diretto con l utenza in modo da migliorare l approccio che i giovani devono avere con le regole presenti sulla strada. Prova pratica Lezioni in aula SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 24

25 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE SCENDI IN CAMPO PER LA SICUREZZA STRADALE L'Amministrazione Provinciale ha inteso attivare un progetto sperimentale coinvolgendo le squadre di calcio dei campionati dilettantistici di II e III categoria della provincia. La categoria dei calciatori e i dirigenti delle squadre sono stati per un giorno testimoni di un modello di buone abitudini. Nella settimana mondiale della sicurezza stradale la domenica ha visto come attori tutte le squadre che militano nei campionati dilettantistici della provincia di Crotone che sono scese in campo indossando un gilet ad alta visibilità fornito loro dall Amministrazione Provinciale con un messaggio forte per il pubblico presente: SCENDI IN CAMPO PER LA SICUREZZA STRADALE. Contemporaneamente i dirigenti delle squadre, durante l evento calcistico, distribuivano gratuitamente gli stessi gilet ad alta visibilità al pubblico presente. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 25

26 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE DIVERTIMENTO SICURO Estate 2007 L'amministrazione Provinciale ha inteso affrontare la problematica relativa all'associazione della guida con l'alcool. Con la decisa volontà della Prefettura locale è stata organizzata un attività con la collaborazione degli enti gestori delle discoteche locali. Il programma messo in campo si è fondato su una fase di Prevenzione/Sensibilizzazione svolta al di fuori e al di dentro dei locali notturni ed una fase di Controllo/Repressione in prossimità delle discoteche. La prevenzione dal rischio di incidente necessita, infatti, di un intensa attività di informazione e di una sensibilizzazione adeguata e il contatto diretto con l'utenza da la possibilità di conoscere le abitudini dei giovani e i comportamenti che adottano sulla strada in modo da calibrare bene le attività istituzionali future. L'attività di controllo serve anche per avere una chiara visone del fenomeno attraverso i dati. E possibile, così, realizzare la mappa del rischio in rapporto all origine e alla destinazione dell utenza e degli orari di punta. Notizie indispensabili per un idoneo trattamento del fenomeno con una razionalizzazione nella distribuzione sul territorio del personale di vigilanza al fine di ridurre le occasioni di rischio. La collaborazione tra diversi enti e forze dell'ordine è risultata l arma vincente: l'azienda Sanitaria Provinciale, all'interno delle discoteche, ha somministrato questionari e ha offerto la possibilità, al "guidatore designato, di sottoporsi, all uscita, al test del precursore in modo da ottenere un biglietto gratuito per la serata successiva, in caso di risultato negativo. Il Comune di Crotone ha dato la possibilità di utilizzare una linea autobus negli orari più utilizzati dai giovani. La Provincia di Crotone, per mezzo dell opera messa a disposizione dall'ass. CIS Pitagora, ha somministrato questionari sul lungomare di Crotone e a messo a disposizione circa precursori che sono stati utilizzati dai partner e dalle forze dell'ordine. Questa importante concertazione tra gli enti al fine di combattere i cattivi comportamenti sulla strada e l'associazione della guida con l uso di alcool sono state fortemente propagandate sulla rete televisiva locale e sulla stampa dando massimo risalto alle iniziative ottenendo così una elevata consapevolezza da parte dell'utenza su ciò che accadeva intorno a loro nei momenti di svago e divertimento. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 26

27 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE MEMORIAL GIUSEPPE MARRAZZO L iniziativa, nata nel 2003 nel Liceo Classico Pitagora di Crotone, è promossa in seguito alla scomparsa, in un incidente stradale, di Giuseppe Marrazzo, studente dello stesso Liceo. L attività è riuscita, sin dal suo primo anno, a sensibilizzare gli studenti sul tema della sicurezza stradale e per questo motivo che la Provincia di Crotone ha inteso proseguirne l esperienza in tutte le scuole medie superiori della provincia affidando a questo memorial il compito di coinvolgere le giovani generazioni nell elaborazione di attività legate al tema. 1 posto - Linea Grafica Nel tempo sono state realizzate poesie, disegni, musiche, linee grafiche pubblicitarie, spot video e radiofonici coinvolgendo centinaia di studenti che, in questo modo, si trovano contemporaneamente a progettare e ad apprendere, rendendosi, loro stessi, ambasciatori della sicurezza stradale nelle giovani generazioni. L elaborazioni degli studenti sono divenute, nel tempo, i bozzetti utilizzati dalla Provincia di Crotone per l attività istituzionale di sensibilizzazione, dando enorme risultato al lavoro svolto nelle scuole. Lo spot video che ha vinto il memorial dell a.s. 2006/07 ha riscosso un successo tale che è stato anche premiato, come fuori concorso, nel GIFFONI FILM FESTIVAL dal sottosegretario alle infrastrutture e Trasporti, On. Andrea Annunziata. 2 posto - Linea Grafica SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 27

28 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE BIMBO A BORDO ALLACCIATI ALLA VITA L Amministrazione Provinciale ha pensato di dedicare ai più piccoli utenti della strada e ai loro genitori una particolare campagna di sensibilizzazione sull uso dei seggiolini e più in generale dei sistemi che consentono la ritenuta dei piccoli a bordo delle auto. La campagna di sensibilizzazione consiste nel diffondere a tutti i genitori, al momento della nascita del bimbo, insieme ai documenti attestanti la nascita, anche una busta indirizzata al loro nascituro contenente il suddetto materiale: una vetrofania; un depliant esplicativo; una lettera di presentazione dell iniziativa; Di fatto tutti i nascituri, ma ovviamente in particolare i loro genitori, vengono sensibilizzati sin dal primi istanti di vita all utilizzo di comportamenti corretti sulle strade. L attività è svolta in collaborazione con l Azienda Sanitaria Provinciale di Crotone dal 03 Maggio del 2004 e, ad oggi, sono state consegnate più di buste dal Centro Nascite di Crotone. Vetrofania SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 28

29 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE CONVEGNO MOBILITA E SICUREZZA L Amministrazione Provinciale ha promosso il 18 marzo del 2006 la realizzazione di un convegno dal titolo Mobilità e Sicurezza Un modello amministrativo per offrire migliori servizi e creare benessere al fine di: illustrare le esperienze nel campo della mobilità e della sicurezza urbana in alcune amministrazioni italiane; promuovere la predisposizione di iniziative che consentano alle amministrazioni convenute e a quelle invitate di sensibilizzare sui temi della sicurezza stradale; confrontare le diverse iniziative sotto il profilo dell efficacia ed individuare le soluzioni più efficienti (le migliori pratiche); Il livello dei relatori coinvolti è stato altissimo ed è servito anche a creare un ottima immagine del lavoro svolto dall Amministrazione Provinciale in questo settore presso esponenti nazionali che lavoro in questo ambito. Hanno partecipato all iniziativa per Mobilità e Videosorveglianza : Dott. Achille Francesco Benedetti Consulente security manager sicurezza urbana Mega Italia SpA Brescia Dott. Arch. Paolo Maggia Sindaco di Gallianico (BI) Ing. Carlo Benacchio Resp. Tec. AEMCOM Azienda Municipalizzata di Cremona Dott. Niccolò Augusto Eusepi Pres. Assoconsumatori Ing. Maurizio Baldini Dir. Gen. AEMCOMAzienda Municipalizzata di Cremona per Sicurezza Stradale : Arch. Maurizio Coppo Ricerca e servizi per il territorio Srl Roma Ing. Raimondo Polidoro TMS Consultancy Napoli Com. Nazario Gabellino Pol. Municipale di Cattolica (RM) Dott. Graziano Prantoni Ass. Mobilità Prov. Di Bologna Dott. Emilio De Masi Vice-Presidente Provincia di Crotone Prof. Giorgio Franceschetti California Los Angeles University SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 29

30 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE CARTELLONISTICA STRADALE L Amministrazione Provinciale ha inteso installare, lungo le strade provinciali, cartelloni stradali bifacciali sul tema della sicurezza stradale. Anche in questo modo è possibile suscitare interesse e rammentare il giusto comportamento alla guida che deve essere mantenuto sulla strada. I temi trattati sono: la guida in stato di ebbrezza, l educazione stradale nei ragazzi, i comportamenti alla guida e l abbandono degli animali. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 30

31 ATTIVITA DI SENSIBILIZZAZIONE SETTIMANA MONDIALE SICUREZZA STRADALE L Amministrazione Provinciale di Crotone ha aderito alla prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale indetta dall Organizzazione Mondiale della Sanità dal 23 al 29 aprile 2007, finalizzata al raggiungimento dell obiettivo UE per il dimezzamento delle vittime della strada entro il La prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale ha rappresentato un opportunità, anche nel nostro territorio, per portare il tema della sicurezza stradale al massimo livello di attenzione e, a tal proposito, sono state organizzate una serie di iniziative, ben 18, tese a coinvolgere tutti i cittadini in questa direzione. L obiettivo prefissato è quello di accrescere la consapevolezza riguardo alla gravità e all importanza delle lesioni da incidente stradale e di promuovere azioni sui fattori più importanti relativi agli incidenti e alla loro prevenzione nonché quello di coinvolgere, sempre di più, popolazione ed enti diversi. Simulazione pronto intervento - Crotone Simulazione di pronto intervento Cirò Marina SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 31

32 DIFFUSIONE E SOTTOSCRIZIONE DELLA CARTA EUROPEA La Carta Europea si fonda sul convincimento che a prendere misure concrete non debbano essere solo i professionisti dei trasporti, ma che debbano impegnarsi anche enti diversi che possono con la loro opera contribuire a diminuire l incidentalità stradale. L Amministrazione Provinciale ha messo in piedi un progetto teso alla diffusione della Carta Europea presso tutti gli Enti pubblici e privati della provincia coadiuvando gli stessi anche nell operazione di realizzazione del progetto e di proposta alla Commissione Europea. Il progetto ha decisamente contribuito allo sviluppo di un embrionale presa di coscienza su quanto sia necessario creare le condizioni per tutelare la vita di chiunque guidi. Ciò ch è stato rilevato, grazie anche al senso civico già fortemente presente in coloro i quali si sono da subito impegnati nell azione, è stato un sorprendente spirito d iniziativa. Ad oggi, in totale, sono 34 i firmatari della Carta Europea coinvolti dalla Provincia di Crotone. Le azioni contenute nel progetto triennale necessario per la sottoscrizione della carta non devono esser vissute come un punto d arrivo ma è un esordio importante da cui partire perché quel che oggi è senso civico, educazione, informazione e sensibilizzazione, si trasformi presto in un atteggiamento scontato e quotidiano di tutela della vita umana come bene prezioso e degno di ogni costante attenzione. In tal senso, la Provincia di Crotone, può contare sulla fattiva collaborazione di partner che in caso contrario non sarebbero mai stati coinvolti in un azione, a volte, anche estranea alle loro prerogative. SICUREZZA STRADALE NELLA PROVINCIA DI CROTONE: UNA RESPONSABILITA CONDIVISA / 32

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO

AGGREGAZIONE COMUNI PROVINCIA DI AVELLINO CAPOFILA COMUNE DI FRIGENTO Stradale. Procedura concorsuale per l'assegnazione di contributi finanziari ai Regione Campania Decreto Dirigenziale 54 del 25/03/2013 COMUNI AZIONI PER LA SICUREZZA STRADALE PREMESSA...3 SETTORE A...3

Dettagli

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco PROTOCOLLO D INTENTI TRA IL COMUNE DI NAPOLI E LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE FINALIZZATO ALLO SVILUPPO DI ATTIVITA CONDIVISE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL INCIDENTALITA E DI PROMOZIONE

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Città di Tortona Provincia di Alessandria

Città di Tortona Provincia di Alessandria Città di Tortona Provincia di Alessandria Settore Polizia Municipale Educazione stradale Introduzione L Educazione stradale o l educazione al rischio stradale ed alla mobilità sostenibile è disposta dall

Dettagli

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA

PROGETTO DI PROMOZIONE DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO PARTIRE DAI BANCHI DI SCUOLA ORDINE INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CATANIA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI CATANIA E ASSESSORATO REGIONALE ALLA PUBBLICA ISTRUZIONE AZIENDA USL 3 DI CATANIA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SCOLASTICHE DEL

Dettagli

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015

Comune di Pesaro AUTONOMIA È SALUTE. Roma - 23 novembre 2015 Convegno internazionale AUTONOMIA È SALUTE PESARO RO. A scuola ci andiamo da soli. un progetto partecipato per l autonomia dei bambini e la mobilità sostenibile arch. Paola Stolfa Roma - 23 novembre 2015

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI

PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI PROGETTO DI FORMAZIONE I BAMBINI E LA SICUREZZA SUGLI ATTRAVERSAMENTI PEDONALI E IN AUTOMOBILE A PASSO SICURO E TRASPORTACI SICURI PROPOSTA FORMATIVA Il presente Progetto di formazione sul tema della sicurezza

Dettagli

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale

Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria. AMICI della STRADA. in collaborazione con. scuola famiglia polizia municipale Progetto di Educazione Stradale per la Scuola Primaria AMICI della STRADA in collaborazione con scuola famiglia polizia municipale 1.quadro normativo 2.strategie d intervento 3.modalità operative : il

Dettagli

Regione Umbria. Disposizioni per la sicurezza stradale.

Regione Umbria. Disposizioni per la sicurezza stradale. Regione Umbria LEGGE REGIONALE 17 aprile 2014, n. 8 Disposizioni per la sicurezza stradale. Pubblicazione: Bollettino Ufficiale n. 20 del 23/04/2014 L'Assemblea legislativa ha approvato. La Presidente

Dettagli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli

Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità. utenti deboli Stato della sicurezza stradale in Italia: priorità delle politiche nazionali e protezione degli utenti deboli LE DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638 incidenti stradali.

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI CREMA POLIZIA LOCALE DI CREMA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE NELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 In collaborazione con AUTOMOBILE CLUB CREMONA Delegazione

Dettagli

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara.

La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia. Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. La sicurezza nelle infrastrutture della Provincia Il Progetto Pilota sulla sicurezza sulla S.P. n. 3 Reggio E. - Bagnolo- Novellara. 12/1/2010 Francesco Capuano 1 Articolazione strutturale dei Servizi

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA

SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA SISTEMA INFORMATIVO SULLA SICUREZZA STRADALE IN PROVINCIA DI MANTOVA Arezzo, 31 gennaio 2003 Dott. Angelo Cortellazzi Responsabile Servizio Statistica e Innovazione Provincia di Mantova statistica@provincia.mantova.it

Dettagli

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione

Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Informazioni per comitati scolastici, autorità, associazioni regionali/nazionali su mobilità ed educazione Scheda informativa 2 MISURE PER IL MOBILITY MANAGEMENT NELLE SCUOLE Annibale, il serpente sostenibile

Dettagli

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini

Drink-driving in Italy. Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Drink-driving in Italy Dibattito Safe & Sober 14 dicembre 2009 Roma Palazzo Marini Umberto Guidoni, Segretario Generale Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale Le Compagnie di assicurazione per la sicurezza

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI

CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI CONSIDERAZIONI SULLA RETE DI MONITORAGGIO DELLA SICUREZZA STRADALE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI CENTRI DI MONITORAGGIO PROVINCIALI E COMUNALI La procedura che questo Dipartimento ha intrapreso per la

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE P.O.F. 2013-2014 I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO TITOLO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ALI TERME PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE I TRE ORDINI DI SCUOLA DELL ISTITUTO P.O.F. 2013-2014 TITOLO I docenti dell Istituto Comprensivo, in base alle disposizioni dell art. 230

Dettagli

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano

Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Questionario sulla sicurezza stradale a Lanciano Comune di Lanciano Assessorato urbanistica settore IV programmazione urbanistica Progetto messa in sicurezza SP82 VIA per Treglio, incrocio Quartiere S.Rita

Dettagli

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi

Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi Scheda per la progettazione di dettaglio degli Interventi e dei Servizi PIANO DI ZONA I triennio Annualità: I ann. II ann. X III ann. Progetto di durata biennale AMBITO _COMUNE DI BARI PROV Ba AUSL BA/4

Dettagli

ALLEGATO 1 OSCARplus

ALLEGATO 1 OSCARplus ALLEGATO 1 OSCARplus 1 Sommario A. Proposta e sue motivazioni... 3 1. Breve descrizione dell intervento e dei motivi che hanno condotto alla sua scelta... 3 B. Contesto tecnico e interventi nel precedente

Dettagli

In particolare, il progetto riesce toccare diverse classi di età, affrontando in modo diretto le problematiche più evidenti per ogni tipologia:

In particolare, il progetto riesce toccare diverse classi di età, affrontando in modo diretto le problematiche più evidenti per ogni tipologia: Il progetto Caschiamoci e tutte le iniziative ad esso connesse, coinvolgono vari soggetti della realtà locale: Provincia di Arezzo, Comune di Arezzo, Comuni della Provincia di Arezzo (n. 38), Prefettura,

Dettagli

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada;

- coinvolgimento dei genitori con somministrazione di un questionario sulla percezione dei pericoli della strada; Percorso educativo Scuola Primaria BERSANI a.s. 2010-2011 Il VII Circolo Didattico di Forlì, di cui fa parte la scuola primaria Bersani, da almeno 5 anni lavora sulla tematica della mobilità sostenibile,

Dettagli

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo

MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA. Rapporto definitivo MOBILITY MANAGEMENT IN AREA TURISTICA Rapporto definitivo (ai sensi dell art. 4 del D. D. prot. 57/2002/SIAR/DEC del 15.03.02) COMPLETAMENTO DEL PROGRAMMA OPERATIVO Sintesi delle attività svolte Con la

Dettagli

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE

METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE UN PROGETTO PARTECIPATO PER LA MOBILITA SOSTENIBILE Ecosistema bambino 2009 dati comunali anni 2006-2007 - 2008 2 parte METODOLOGIA E MODALITA DI ATTUAZIONE Il ogni anno propone il progetto agli Istituti

Dettagli

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008

SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Allegato Atto G.P. N.184 del 25/09/2008 SULLA STRADA PER LA SICUREZZA PROGETTO DELLA PROVINCIA DI PORDENONE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. N. 9/2008 Il Programma d azione europeo per la sicurezza stradale mette

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza Incontri di sensibilizzazione alla sicurezza stradale rivolti agli studenti delle scuole superiori Il progetto è un programma di incontri nelle scuole superiori, organizzati dalla Polizia Municipale in

Dettagli

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como

Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como Patto locale di sicurezza urbana Area Cintura di Como 1 PREMESSO: - che la sicurezza è percepita dai cittadini come un diritto primario e una componente indispensabile della qualità della vita e che vi

Dettagli

WORKSHOP Big Bang intergenerazionale nel mondo assicurativo. Umberto Guidoni Fondazione ANIA per la sicurezza stradale Napoli, 30 ottobre 2014

WORKSHOP Big Bang intergenerazionale nel mondo assicurativo. Umberto Guidoni Fondazione ANIA per la sicurezza stradale Napoli, 30 ottobre 2014 WORKSHOP Big Bang intergenerazionale nel mondo assicurativo Umberto Guidoni Fondazione ANIA per la sicurezza stradale Napoli, 30 ottobre 2014 La Fondazione ANIA: i numeri chiave. Nata nel 2004 per volontà

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

il PRSS individua tra le misure da attuare per il miglioramento della sicurezza stradale le seguenti azioni:

il PRSS individua tra le misure da attuare per il miglioramento della sicurezza stradale le seguenti azioni: REGIONE PIEMONTE BU1 05/01/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 28 novembre 2011, n. 117-3019 Approvazione dello schema di Protocollo di Intenti fra la Regione Piemonte e la Fondazione A.N.I.A. (Associazione

Dettagli

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale

6 Maggio 2006. Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale 6 Maggio 2006 Attività di promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Promozione di campagne di sensibilizzazione per la sicurezza stradale Motivazioni dell attività Il progetto

Dettagli

Guida la vita. Il Senso della Vita e la Sicurezza Stradale

Guida la vita. Il Senso della Vita e la Sicurezza Stradale Guida la vita Il Senso della Vita e la Sicurezza Stradale Progetto di Educazione alla Sicurezza Stradale riservato agli studenti delle classi quarte delle Scuole Secondarie di secondo grado del Comune

Dettagli

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI

ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI Roma, 31 ottobre 2012 ACI ISTAT 2011: MENO INCIDENTI (-2,7%), MORTI (-5,6%) E FERITI (-3,5%) Obiettivo UE 2010 (-50% morti sulle strade): Italia non raggiunge target nemmeno nel 2011 ma fa meglio della

Dettagli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli

La scatola rosa a Milano. trasformazioni sociali e nuovi modelli La scatola rosa a Milano Le donne al volante tra trasformazioni sociali e nuovi modelli 24 novembre 2008 Fondazione ANIA per la Sicurezza Stradale: chi siamo La Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale

Dettagli

Il presente bando si divide in due sezioni

Il presente bando si divide in due sezioni BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI FINALIZZATI ALLA PREVENZIONE DELL'OBESITA' E PATOLOGIE CORRELATE ALLA CATTIVA ALIMENTAZIONE, ALLA PROMOZIONE DELLA SICUREZZA STRADALE, ALLA

Dettagli

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità;

TRA PREMESSO. che il fenomeno della violenza nei confronti delle donne rappresenta un tema di grande attualità e particolare gravità; PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE TRA l Amministrazione Provinciale di Vercelli,

Dettagli

Programmazione e qualità della produzione statistica

Programmazione e qualità della produzione statistica Martedì 9 Novembre 2004, ore 16,45 Sala nord-ovest Sessione parallela Programmazione e qualità della produzione statistica coordinatore Giorgio Alleva Paola Baldi Il ruolo delle Regioni e degli Enti locali

Dettagli

Cronologia progetto Tempi della scuola

Cronologia progetto Tempi della scuola Progetto pilota Tempi della Scuola Cronologia progetto Tempi della scuola progettazione studi attuazione gennaio 1998 marzo - aprile 1998 aprile 1998 Interviste a sindaco, assessori, segretario comunale

Dettagli

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999;

visto il Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale dipendente del comparto Scuola sottoscritto il 26 maggio 1999; Protocollo d intesa tra Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (di seguito denominato Ministero) e Istituto Nazionale per l Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (di seguito

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

[31] 1. Servizio / Ufficio Politiche territoriali e di piano. 2. Dirigente Fabio Tomasetti. 3. Account Andrea Guermandi

[31] 1. Servizio / Ufficio Politiche territoriali e di piano. 2. Dirigente Fabio Tomasetti. 3. Account Andrea Guermandi [31] 1. Servizio / Ufficio Politiche territoriali e di piano 2. Dirigente Fabio Tomasetti 3. Account Andrea Guermandi 4. Referente per la comunicazione Giancarlo Pasi Giorgia Mussoni 5. Referente sito

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE

LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE LA NUOVA NORMATIVA SUL SISTEMA NAZIONALE DI VALUTAZIONE La scuola italiana si dota oggi di uno strumento fondamentale che è quello della valutazione del sistema nazionale Bisogna dire con chiarezza che

Dettagli

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Introduzione al D. Lgs. n. 33/2013 1 of 21 MODULO DIDATTICO 2 Trasparenza amministrativa: gli

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) PROTOCOLLO D INTESA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR) Associazione Volontari Italiani del Sangue (di seguito denominato AVIS) VISTI gli articoli 2-3-13-19-32

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

DRINK SMART SOCIAL SCHOOL. settembre / dicembre 2012

DRINK SMART SOCIAL SCHOOL. settembre / dicembre 2012 SOCIAL SCHOOL settembre / dicembre 2012 CAMPAGNA SOCIALE SUL DIVERTIMENTO CONSAPEVOLE NELLE SCUOLE SECONDARIE DI SECONDO GRADO DELLA PROVINCIA DI ANCONA Enti promotori / organizzazione: Provincia di Ancona

Dettagli

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA

Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza TRA Consiglio Regionale della Puglia Ufficio del Garante dei diritti dell Infanzia e dell adolescenza MIUR PROTOCOLLO D INTESA TRA L UFFICIO DEL GARANTE DEI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA DELLA REGIONE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Progettualità

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Progettualità Progettualità LIM. Edu strada MIUR Piccole ruote crescono MIUR La buona strada della sicurezza MIT Istantanee di sicurezza MIUR Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in

Dettagli

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie.

Rispetto degli spazi riservati alla sosta dei veicoli a servizio di persone con difficoltà motorie. ATTIVITÁ E CONTENUTI GENITORI INCONTRO UNICO Incontro - dibattito tra le Istituzioni e i genitori finalizzato a sensibilizzare questi ultimi a comportamenti corretti e al rispetto delle norme del C.d.S..

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 60

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. Deliberazione della Giunta Provinciale. Registro Delibere di Giunta N. 60 REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone Deliberazione della Provinciale Registro Delibere di N. 60 OGGETTO: Piano Triennale Sperimentale della Disabilità 2011-2013. "Patto tra le parti per la realizzazione

Dettagli

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA

NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA NUOVA CULTURA DELLA SICUREZZA, DUE GRANDI VERITA Non si è raggiunto l obiettivo! E necessario inaugurare un grande cantiere fatto di: Cultura della sicurezza Tecnologia della sicurezza Prevenzione Controlli

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola Prefettura di Forlì Cesena Amministrazione Provinciale Ministero dell Istruzione, Ufficio Territoriale del Governo di Forlì - Cesena dell Università e della Ricerca Centro Servizi Amm.vi di Forlì - Cesena

Dettagli

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora

La prevenzione degli incidenti stradali: prima, durante, dopo e dopo ancora 2 Workshop Nazionale - Osservatori per gli incidenti stradali: dai dati alle azioni Strumenti per le politiche di sicurezza Settore Mobilità e Sicurezza della Circolazione Stradale La prevenzione degli

Dettagli

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza

Concorso di idee #La Mia scuola sicura# Progetto: Promozione della cultura della sicurezza Liceo Scientifico Statale Ernesto Basile Via San Ciro, 23-90124 Palermo Tel: 0916302800 - Fax: - 0916302180 Codice Fiscale: 80017840820 Internet : htpp://www.liceobasile.it email: paps060003@istruzione.it

Dettagli

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE

dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE dott.ssa MARINA ELLERO VIOLENZA DI GENERE E STRATEGIE DI INTERVENTO 08/11/2014 LA RISPOSTA DEI SERVIZI IN RETE Sede: Distretto Sanitario - Via San Valentino 20, 3 piano Udine Numero Verde: 800.531.135

Dettagli

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite

Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite Messaggio del Segretario Generale delle Nazioni Unite in occasione della Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale, 23-29 aprile 2007. L a Prima Settimana Mondiale della Sicurezza Stradale delle

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI

PROTOCOLLO D INTESA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI PROTOCOLLO D INTESA TRA ANCI E MINISTERO DELLE COMUNICAZIONI Per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti di stazioni radio base Vista la legge del 22 febbraio

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2007 Relazione sullo stato di avanzamento al 31 dicembre 2007 Regione: Friuli Venezia Giulia Titolo del progetto: Sorveglianza e prevenzione degli incidenti stradali

Dettagli

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI

LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI LA RETE NAZIONALE DI CONFINDUSTRIA TRA GIOVANI, SCUOLA E IMPRENDITORI IDEE DI IMPRESA IN GARA UN RACCONTO DI COSA SIGNIFICA FARE IMPRESA ATTRAVERSO UNA PIATTAFORMA WEB DEDICATA E UN VERO E PROPRIO CONTEST

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra

PROTOCOLLO D'INTESA. Tra PROTOCOLLO D'INTESA Tra Il Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Direzione Generale per lo studente, l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione e la Croce Rossa Italiana

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Comune di Jesi. Protocollo d intesa

Comune di Jesi. Protocollo d intesa Comune di Jesi Protocollo d intesa TRA LA PREFETTURA DI ANCONA, IL COMUNE DI JESI, LE FORZE DELL ORDINE, L UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE, IL C.I.O.F., L ASUR ZONA TERRITORIALE 5, L AMBITO TERRITORIALE

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

ASSOCIAZIONE POLICE PENELOPE ASSOCIATION

ASSOCIAZIONE POLICE PENELOPE ASSOCIATION PROTOCOLLO D INTESA INTERNATIONAL & ASSOCIAZIONE POLICE PENELOPE ASSOCIATION ITALIA Solidarietà fra i Popoli e le Polizie di tutto il mondo Chi dimentica cancella noi non dimentichiamo www.ipa-italia.ititalia.it

Dettagli

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV

NORMATIVA E DOCUMENTI. Il format di autovalutazione. Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV NORMATIVA E DOCUMENTI Il format di autovalutazione Le Tappe FASI REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DEL RAV SINTESI PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE E RAV DPR 28 Marzo 2013, n. 80 Direttiva n.11 del 18 settembre 2014

Dettagli

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali

Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Management dello sviluppo delle gestioni associate comunali Corso di Alta Formazione Formazione Permanente Milano, 24 ottobre - 29 novembre 2012 In collaborazione con: Finalità

Dettagli

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016

LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LICEO ECONOMICO SOCIALE CLASSE 5 a ES 1 PROGETTO DI ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO LAVORO a. s. 2015/2016 LA DIMENSIONE DEL BISOGNO: COMUNICAZIONE E DIVERSITÀ Motivazione dell idea progettuale Il nostro Istituto

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità Programma delle attività finalizzate alla celebrazione della Giornata Regionale sulla Legalità Finalità L iniziativa promossa dalla Regione Abruzzo è finalizzata

Dettagli

STATI GENERALI PER LA SICUREZZA STRADALE 2015 E' TEMPO DI AGIRE. LOTTA ALLA VIOLENZA STRADALE

STATI GENERALI PER LA SICUREZZA STRADALE 2015 E' TEMPO DI AGIRE. LOTTA ALLA VIOLENZA STRADALE " LA FONDAZIONE LUIGI GUCCIONE SOSTIENE IL DECENNIO DI AZIONE PER LA SICUREZZA STRADALE 2011-2020" FLG E COMPONENTE DELLA FEDERAZIONE EUROPEA VITTIME DELLA STRADA E DELL ALLEANZA GLOBALE DELLE ONG PER

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

L esperienza di Cento Progetto sulla Sicurezza Stradale Amici della Strada

L esperienza di Cento Progetto sulla Sicurezza Stradale Amici della Strada Forum P.A. 17/20 maggio 2010 Roma L esperienza di Cento Progetto sulla Sicurezza Stradale Comune di Cento D.ssa Silva Rossi Ispettore capo Polizia Municipale Cento La fascia di età della scuola primaria,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO SUL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO PIEDIBUS SCUOLA PRIMARIA APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 33 DEL 28/11/2014 IL SINDACO (Alberto PILLONI) IL SEGRETARIO COMUNALE (DOTT.SSA Valentina MARVALDI) INDICE

Dettagli

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager

Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager ALLEGATO A Protocollo d intesa Per la formazione di esperti della Sicurezza nei luoghi di lavoro Safety Manager tra: Regione Toscana, INAIL Toscana, Università degli Studi di Firenze, Pisa e Siena, Confindustria

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012

ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 ASSESSORATO DELL'IGIENE E SANITA' E DELL'ASSISTENZA SOCIALE Allegato 2. PIANO OPERATIVO DEL PRP REGIONE SARDEGNA 2010-2012 Regione: Regione Autonoma della Sardegna 2) Titolo del progetto o del programma:

Dettagli

Incidenti stradali in Italia nel 2014

Incidenti stradali in Italia nel 2014 Incidenti stradali in Italia nel 2014 Roberta Crialesi, Silvia Bruzzone Istat 4 Roma, 3 novembre 2015 ACI - Automobile Club d Italia Sala Assemblea Gli incidenti stradali I principali risultati per l anno

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Progetto Scuole & CSR - 1

Progetto Scuole & CSR - 1 Progetto Scuole & CSR Con il rinnovo del Protocollo d Intesa sulla CSR, tra Regione del Veneto e Unioncamere del Veneto, siglato il 16 giugno 2009, è stata approvata, per il 2009/2010, una particolare

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso

Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso Sicurezza stradale Le priorità di intervento dell unità organizzativa quali eccesso velocità, semaforo rosso, uso del casco, uso telefono cellulare e cinture di sicurezza, sono sviluppate attraverso azioni

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

Gli STATI GENERALI del PIANO CASA

Gli STATI GENERALI del PIANO CASA Dagli organizzatori del Piano Casa Tour 2010 l Evento finale di sintesi In collaborazione con Gli STATI GENERALI del PIANO CASA Patrocinato da ROMA 22 marzo 2011 OPZIONI DI PARTECIPAZIONE E COMUNICAZIONE

Dettagli