Investire sul talento per crescere e innovare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Investire sul talento per crescere e innovare"

Transcript

1 Medie Imprese Motore di Sviluppo Investire sul talento per crescere e innovare Best practice nelle medie imprese manifatturiere italiane. Indagine svolta dalla School of Management del Politecnico di Milano per conto di GE Capital

2 Indice GE Capital per il talent management 1 Il team dei ricercatori 2 La School of Management del Politecnico di Milano 3 La gestione dei talenti: un tema strategico 4 Obiettivi della ricerca e metodologia 5 Le imprese del campione 6 I principali risultati 7 Il talent management: l'opinione delle imprese 8 Il caso IBM 12 Il caso Dinamica Generale 17 Gli approcci al talent management 18 I tre profili delle aziende italiane 20 Che cosa fanno le aziende per attrarre e trattenere i talenti 22 Il punto di vista dei talenti 24 L opinione degli esperti 26 Il talent management: consigli per l uso 30 2

3 GE Capital per il talent management Abbiamo ormai tutti ampia coscienza che nel prossimo futuro le economie avanzate continueranno a confrontarsi in modo sempre più diretto con quelle di nazioni in cui i fattori produttivi elementari, mano d opera e capitale, saranno disponibili a condizioni più favorevoli. Ne consegue che, in questo contesto economico, la capacità di competere con successo, contando su risorse economiche contingentate e operando in un ampio scacchiere, dipenderà ormai sempre più dalla qualità delle attività e dei prodotti che saremo in grado di offrire. Sarà quindi il capitale umano e il talento in particolare a fare la differenza, in termini di innovazione, motivazione e determinazione al raggiungimento dei risultati. Gli imprenditori che saranno in grado di costruire un talent mix adeguato e di mantenerlo nel tempo potranno contare su un vantaggio competitivo determinante. Nel nostro Paese queste dinamiche sono enfatizzate. Soprattutto per le caratteristiche del tessuto economico, mediamente costituito da imprese più piccole e dinamiche, ma anche per la difficile contingenza che stiamo attraversando, costretti in un processo di nation building europeo basato su fondamenti di rigore, ordine e pianificazione che condizioneranno le possibilità di manovra dei policy makers italiani. Competere sulla qualità e sulla distintività del made in Italy è diventato un obbligo riconosciuto. Per farlo, il talento degli esecutori è la leva più importante per crescere e probabilmente tra quelle maggiormente in linea con le corde di noi italiani. La ricerca svolta dalla School of Management del Politecnico di Milano, che ha analizzato le strategie di gestione dei talenti messe in atto dalle medie imprese italiane, rappresenta un lavoro molto interessante perché ricco di stimoli e di spunti concreti per migliorare l efficacia e i risultati delle politiche aziendali di talent management. Per noi di GE Capital analizzare le dinamiche delle medie imprese è particolarmente rilevante sia per identificare concrete azioni di sostegno future sia perché siamo fermamente convinti che queste imprese rappresentino il vero motore di sviluppo per una crescita dinamica e sostenibile in Italia. Buona lettura Fabio Giovanni Rescalli Chief Marketing Officer GE Capital Italy 1

4 Il team dei ricercatori Franco Giacomazzi laureato in Ingegneria industriale meccanica, è professore di Marketing School of Management Politecnico di Milano, già docente di Economia e Organizzazione Aziendale all Università di Bologna. Ricopre anche incarichi istituzionali e manageriali. Le sue attuali aree di studio sono: Marketing B2B, Marketing Metrics, Innovazione. È responsabile del progetto Investire nel talento per crescere e innovare. Raffaella Cagliano è professore ordinario di Organizzazione aziendale al Politecnico di Milano. È coordinatore dell area didattica di Organization Theory and Design e direttore dell area Specialized Masters del Consorzio MIP-Politecnico di Milano. La sua attività di ricerca riguarda l innovazione dei paradigmi e dei modelli organizzativi. Recentemente i suoi studi si sono orientati all analisi delle pratiche organizzative e di gestione delle risorse umane a supporto delle strategie di sostenibilità delle imprese. È responsabile scientifico del progetto Investire nel talento per crescere e innovare. Giacomo Copani dottore di ricerca in Ingegneria gestionale, è responsabile del gruppo di ricerca Manufacturing Business Models dell Istituto di Tecnologie industriali e automazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche. È collaboratore alla ricerca presso la cattedra di Marketing School of Management Politecnico di Milano. Le sue attuali aree di studio riguardano modelli di business manifatturieri, product-service systems, sostenibilità industriale, roadmapping tecnologico. Ha supportato il coordinamento, l analisi e la raccolta dati del progetto Investire nel talento per crescere e innovare. Filomena Canterino è dottoranda in Ingegneria gestionale al Politecnico di Milano. È teaching assistant del corso di Comportamento organizzativo e risorse umane e del corso di Sistemi School of Management Politecnico di Milano. La sua attività di ricerca riguarda la leadership nel contesto del cambiamento organizzativo. Ha svolto attività di analisi, raccolta ed elaborazione dei dati nel progetto Investire nel talento per crescere e innovare. Maddalena Ginelli laureata in Ingegneria gestionale al Politecnico di Milano, è junior consultant in Zucchetti Spa. Svolge attività di consulenza e business process re-engineering su processi HR. Supporta le aziende nella ridefinizione dei processi operativi di gestione delle risorse umane, identificando interventi di cambiamento e ottimizzazione. Ha collaborato all analisi e all elaborazione dei dati del progetto Investire nel talento per crescere e innovare. 2

5 La School of Management del Politecnico di Milano È da oltre trent anni uno dei più prestigiosi enti di formazione manageriale per laureati di tutte le discipline. Attraverso un esteso network di relazioni internazionali con università, istituzioni e imprese volte all internazionalizzazione del proprio business, la School of Management contribuisce allo sviluppo dell innovazione e alla crescita del sistema economico globale. La Scuola, che può contare su un corpo docente di più di 200 tra professori, ricercatori, tutor e staff, ha ricevuto nel 2007 l accreditamento EQUIS (European Quality Improvement System) entrando nel circuito delle 120 Business School riconosciute, a livello internazionale, dall EFMD (European Foundation for Management Development). Dal 2009 è nella classifica del Financial Times delle migliori Business School d Europa. Nel dicembre 2013, per il quinto anno consecutivo, il quotidiano londinese ha confermato la qualità della School of Management del Politecnico di Milano, che compare al 38esimo posto nel Ranking European Business School delle migliori 80 scuole. Anche nel 2014, la Scuola ha confermato il posizionamento a livello mondiale per molti criteri, tra cui: collaborazione con le imprese nella progettazione dei corsi, applicazione nelle aziende dei nuovi metodi appresi durante i percorsi di formazione, preparazione del corpo docente. Nell aprile 2014 la Scuola è entrata nel prestigioso network Unicon che riunisce le più prestigiose Business School del mondo e certifica la qualità della formazione Executive. 3

6 La gestione dei talenti: un tema strategico Negli ultimi anni l attenzione per la gestione dei talenti è cresciuta sia tra le aziende sia nel mondo accademico. Nell attuale scenario economico italiano, caratterizzato da elevate pressioni, poter contare su persone di talento è diventata per le aziende un esigenza prioritaria, una condizione necessaria per mantenere competitività nel mercato. Qualità e competenze delle risorse umane costituiscono un rilevante vantaggio competitivo in tutti i settori. La loro importanza per il successo aziendale rende la gestione dei talenti una fondamentale leva strategica, come emerge anche dal rapporto ISTAT 2014 sulla competitività Chi vince e chi perde: l industria italiana oltre la crisi. 4

7 Obiettivi della ricerca e metodologia La ricerca nasce per approfondire questi temi e fornire una visione completa della gestione dei talenti nelle medie imprese italiane. Il lavoro è parte di un progetto di ricerca sul tema "talent management" condotto da GE Capital in collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano. Obiettivo: identificare le strategie di gestione dei talenti messe in atto dalle medie imprese appartenenti al settore manifatturiero, le pratiche adottate, la loro efficacia e rispondenza alle attese dei talenti, il loro allineamento alle best practice di gestione delle risorse umane. L indagine rappresenta sia il punto di vista delle imprese sia quello dei talenti. Sono state contattate circa mille imprese del settore manifatturiero di medie dimensioni, con un numero di addetti compreso tra 50 e 500 e un fatturato tra 20 e 500 milioni di euro. Le opinioni sono state raccolte attraverso una web-survey erogata con un questionario standard a risposte prevalentemente chiuse. Al questionario hanno risposto 130 imprese attraverso: responsabili del personale o human resource manager; professionisti delle human resource ed esperti di talent management che lavorano nelle medie imprese o a stretto contatto con esse. Sono state inoltre esaminate le case history di due imprese con un sistema di talent management efficace e realizzate interviste con professionisti delle risorse umane, esperti di talent management e professionisti che facilitano il contatto tra talenti universitari e aziende. Il punto di vista dei talenti invece è stato rilevato attraverso 25 interviste a brillanti studenti o alumni (italiani e stranieri) che hanno frequentato un master del MIP, la Business School del Politecnico di Milano o la laurea in Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano. 5

8 grafico 1 Fatturato Qual è stato il fatturato registrato dall azienda nel 2013 (in milioni di euro?) grafico 2 Numero di dipendenti Quanti dipendenti ha l azienda? 11,49 1,15 5,75 18,39 63,22 12,64 3,06 12,24 43,88 40,82 % % Più di Le imprese del campione Il campione delle imprese che hanno risposto alle domande riflette, in termini di caratteristiche demografiche e generali, la totalità delle medie imprese manifatturiere italiane. Nei grafici sono riportati il fatturato e i dipendenti delle imprese del campione. Per quanto riguarda il fatturato (grafico 1), il segmento più numeroso (63%) è quello delle imprese con un fatturato 2013 tra 10 e 49 milioni di euro. Per quanto riguarda gli addetti (grafico 2), la maggioranza delle imprese intervistate è al di sotto del 250 dipendenti: il 43% ne ha tra 100 e 249; il 40,8 ne ha tra 50 e 99. Circa la metà (47%) delle imprese fa parte di un gruppo (di queste, il 53% sono capogruppo, il 47% filiali). Il 58% delle imprese intervistate sono multinazionali, il 42% nazionali. Il 76% è a controllo familiare. Le risposte delle aziende rispetto alla percezione del contesto mostrano dimensioni del mercato mediamente stabili e tassi di cambiamento tecnologico-stabilità non elevati, ma numero di concorrenti e, soprattutto, intensità della competizione elevati. 6

9 Le medie imprese manifatturiere italiane credono nei talenti come motore di sviluppo, ma investono poco nelle politiche per attrarli e farli crescere. È questa la fotografia che emerge dall indagine estensiva e dalle interviste agli esperti. Di seguito sono sintetizzati i risultati chiave della ricerca. I principali risultati Le medie imprese manifatturiere italiane hanno politiche di talent management poco strutturate. Tendono a reclutare i talenti secondo una logica di breve periodo, spesso legata all esigenza di coprire una posizione specifica. Solo una minoranza adotta pratiche avanzate per l attrazione dei talenti e investe nella valorizzazione del brand come employer. Il recruitment avviene prevalentemente in forme tradizionali: screening dei curricula, interviste biografiche e sulle competenze, inserzioni sulla stampa. Il web è ancora relativamente poco utilizzato. Similmente, la pratica più utilizzata per mantenere i talenti è la formazione. Attitudine al cambiamento e capacità decisionali e di leadership sono le qualità che le aziende associano più frequentemente al talento. I talenti sono attratti dalle grandi multinazionali, di rado scelgono le piccole e medie imprese. Le piccole imprese italiane attraggono difficilmente i talenti perché hanno brand poco riconoscibili e offrono opportunità di crescita limitate. Le medie imprese, pur non avendo abitualmente funzioni strutturate per la gestione del talento, hanno invece maggiori possibilità, soprattutto quando l imprenditore è illuminato. Le pratiche per trattenere i talenti sono poco frequenti. La causa principale di abbandono è l offerta di lavoro da parte di aziende concorrenti. Le ragioni che inducono invece a restare sono, soprattutto, l ambiente stimolante e la reputazione dell azienda. Le pratiche di talent management adottate dalle aziende sono considerate, mediamente, poco efficaci con criticità particolari per job rotation ed executive coaching. La pratica considerata più efficace è la formazione. Questa pubblicazione è una sintesi della ricerca. La versione integrale può essere consultata nel sito internet di GE Capital (www.gecapital.it). 7

10 grafico 3 Definizione di talento grafico 4 Il talento è un eccezione? Secondo Lei, i tratti che caratterizzano un talento sono: 4% 50% 46% 52% 48% Una persona giovane, dotata di intelligenza sopra la media e di alto potenziale (ovvero capacità di crescere professionalmente e di assumere elevate responsabilità in tempi rapidi) Una persona dotata di spiccate competenze professionali distintive particolarmente utili all azienda Altro Una dote innata che si ritrova in pochi individui Sviluppabili in tutti gli individui motivati Il talent management: l opinione delle imprese Che cosa s intende per talento? La popolazione degli intervistati si divide in due: il 46% (grafico 3) considera il talento come una persona ad alto potenziale con intelligenza sopra la media; l altra metà associa strettamente il talento al possesso di spiccate competenze tecniche. Il talento appartiene solo a pochi oppure tutti possono essere dei talenti? Anche in questo caso le risposte si sono divise a metà (grafico 4). Non c è una visione comune e condivisa di che cosa s intende per talento: l accezione data al termine (e l importanza che un tipo di talento ha rispetto all altro) porta ad adottare pratiche differenti. 8

11 grafico 5 Fattori importanti per caratterizzare un talento Indichi per favore quanto è importante ciascuno dei seguenti fattori per caratterizzare un talento nella sua azienda (1 = mai; 2 = raramente; 3 = abbastanza spesso; 4 = spesso; 5 = molto spesso; N/D = non so) 4,40 4,16 4,16 4,09 4,09 4,08 4,07 3,99 3,88 3,57 3,20 Attitudine al cambiamento Capacità decisionali se incertezza Capacità decisionali se stress Capacità di leadership Creatività Attitudini caratteriali Valori Competenze tecniche Apprendimento Desiderio di eccellere Esperienze professionali Per quanto riguarda invece le qualità che caratterizzano un talento (grafico 5), la più importante sembra essere l attitudine al cambiamento; meno importanti sono il desiderio di eccellere e le esperienze professionali. In generale, caratteristiche e attitudini individuali sembrano avere un importanza maggiore rispetto a competenze ed esperienze. Rispetto alle competenze ricercate, la principale è quella tecnica (78% delle imprese intervistate), seguita da quella commerciale (35%). 9

12 grafico 6 Sistema strutturato di talent management Nella sua azienda esistono una strategia e un sistema strutturato di attrazione e gestione dei talenti? 6% Sì No, non è ancora presente, ma intendiamo introdurlo in futuro 39% No, non è presente e non sentiamo la necessità di introdurlo in futuro 55% Quali strategie sono adottate per attrarre i talenti? Le risposte disegnano un orientamento tradizionale nell attrazione dei talenti in azienda che, nella maggior parte dei casi, segue un percorso indifferenziato rispetto alla ricerca di personale per coprire posizioni vacanti in azienda. Gli strumenti di recruiting più frequentemente utilizzati sono quelli tradizionali: valutazione dei curriculum vitae, interviste sulle competenze e interviste biografiche. Poco ricorrenti nelle risposte sono le pratiche più recenti o più elaborate, come l utilizzo di assessment center o di contest. Le aziende, in pratica, non sono ancora pienamente consapevoli dell importanza e della potenzialità del web. Lo strumento più frequentemente utilizzato nelle pratiche di recruiting è l offerta di stage per studenti, seguito dall utilizzo del sito aziendale per comunicare informazioni riguardanti l azienda, mentre sono scarsamente utilizzate le pratiche di employer branding come per esempio pubblicità e campagne di comunicazione. Per quanto riguarda i canali di ricerca utilizzati nella fase di recruiting, quelli mediamente più rilevanti sono le autocandidature e la consulenza di società specializzate nella gestione delle risorse umane. I canali mediamente meno rilevanti sono il ricorso alle società di recruitment on line, la ricerca su Google o l utilizzo di altri strumenti web. 10

13 grafico 7 Ottica di breve e lungo periodo Nella sua azienda i talenti vengono reclutati dall esterno: 6% Prevalentemente in funzione della necessità di coprire specifiche posizioni aperte Secondo campagne preordinate e pianificate, indipendentemente dalla presenza di posizioni aperte 94% Le strategie di sviluppo e mantenimento Una volta assunti, i talenti vanno sostenuti e sviluppati, in modo da metterne a frutto il potenziale e trattenerli in azienda. I fattori che le aziende ritengono più importanti a questo fine sono l offerta di opportunità di apprendimento e crescita e l incoraggiamento nello sviluppo della carriera. Flessibilità del lavoro e attenzione per il benessere dei lavoratori sono considerati fattori scarsamente importanti per aiutare lo sviluppo e il mantenimento dei talenti in azienda. Occorre rilevare che la consapevolezza dell importanza delle opportunità di apprendimento e crescita e di sviluppo di carriera non è abitualmente tradotta dalle imprese nell adozione di specifiche pratiche che le favoriscano. Le pratiche di sviluppo e mantenimento dei talenti sono adottate mediamente in modo non frequente, fatta eccezione per la formazione e la remunerazione ad hoc, adottate invece abbastanza spesso. Il sistema di talent management aziendale Un primo sguardo alle risposte porta a valutazioni non incoraggianti. Il 94% degli intervistati dichiara di non avere un sistema strutturato di attrazione e gestione dei talenti (grafico 6). Tra questi, il 39% non avverte la necessità d introdurlo. Per fare talent management, questo 94% utilizza i tradizionali sistemi di gestione del personale. La tendenza è poi quella di individuare i talenti prevalentemente prima dell assunzione (43% del campione). È stato inoltre chiesto se i talenti sono reclutati prevalentemente in base alla necessità di coprire specifiche funzioni, oppure secondo campagne preordinate e continuative non vincolate a specifiche posizioni aperte. Le risposte indicano che la maggior parte delle aziende adotta un ottica di breve periodo, attivando la ricerca di un talento solo a ridosso di una necessità specifica (grafico 7). 11

14 Il caso IBM Non appartiene alla categoria delle imprese oggetto dell indagine, ma è un esempio di eccellenza sul tema che può essere fonte di riflessioni e di ispirazione. IBM è un'azienda statunitense, tra le maggiori al mondo nel settore informatico. Produce e commercializza hardware e software, offre infrastrutture, servizi di hosting e consulenza in settori che spaziano dai mainframe alle nanotecnologie. Opera in 170 Paesi con un organico di dipendenti. In Italia è presente dal 1927 con una consolidata tradizione di progetti, iniziative e partnership a supporto della crescita economica e dell innovazione. Chi è un talento secondo IBM? Si parla di un ristretto numero di persone (15 20% dei dipendenti) che possono diventare, dopo un opportuno percorso di crescita, i futuri leader. I tratti che li definiscono sono la capacità di adattamento, la volontà di mettersi in discussione, studiare, apprendere e identificarsi nell azienda in modo forte. Come avviene l identificazione dei talenti? Tutti i neoassunti possono potenzialmente essere considerati talenti. In IBM l identificazione avviene in maniera strutturata: non si fa all assunzione ma dopo qualche anno. Un sistema di valutazione comune in tutto il mondo permette di scegliere i BTLT (Business and Technical Leadership Talent) che sono indirizzati verso specifici percorsi di sviluppo professionale per ricoprire, in prospettiva, le posizioni chiave. IBM continua peraltro a mantenere la tradizionale distinzione fra Performance e Potenziale, che considera come due variabili gestionali correlate ma indipendenti. Che cosa può attrarre i talenti e motivarli a restare in azienda? Il principale elemento è l'opportunità di partecipare da subito a progetti in aree tecnologiche molto avanzate (come per esempio il cloud, le soluzioni mobile, Watson ecc.) e l inserimento in team internazionali di un'azienda che è leader nell'innovazione. Questo vale sia per profili e ruoli tecnici sia per quelli commerciali. Un altro elemento importante è l attenzione all equilibrio tra vita privata e lavoro. Quest aspetto, che ha acquisito rilevanza negli ultimi anni, è particolarmente curato da IBM per migliorare la produttività e sviluppare il potenziale della persona. C'è comunque sempre una prima fase di sacrificio iniziale richiesto al neo-assunto, il "fare la gavetta". È cambiato infine anche il concetto di fedeltà all'azienda: ora significa essere engaged, cioè dimostrare la volontà di mettersi in discussione, di "sporcarsi le mani" e di fare parte di una comunità professionale. Esiste un sistema formalizzato di gestione dei talenti? In IBM il sistema è formalizzato in un processo che è uniforme in tutto il mondo e ha cadenza annuale. Si parte a inizio anno dal basso: a tutti i people manager è richiesto di identificare nella loro organizzazione i talenti e alimentare un database mondiale con la valutazione del potenziale. I talenti sono poi aggregati e verificati ai livelli superiori (via via crescenti), discussi nel corso dell anno nelle cosiddette talent review. Le talent review sono riunioni del people management in cui vengono rivisti i nomi delle persone a più elevato potenziale, i mentor, i piani di sviluppo, le tavole di rimpiazzo ecc. incrociando i dati del Paese di riferimento e della business unit di appartenenza. 12

15 grafico 8.1 I ruoli che identificano i talenti Nella sua azienda il ruolo/i preposti alla identificazione dei talenti sono: grafico 8.2 I ruoli che gestiscono i talenti Nella sua azienda coloro che gestiscono i talenti (decidendo gli avanzamenti di carriera): Alta Direzione Direttori di funzione Responsabile delle risorse umane Capi diretti Esperti di talent management Consulenti esterni % % Per quanto riguarda i ruoli aziendali coinvolti nella gestione dei talenti, si registrano differenze tra il momento dell individuazione e la gestione. I ruoli preposti all individuazione sono principalmente l alta direzione, i direttori di funzione e i responsabili delle risorse umane (grafico 8.1). Nella gestione successiva, il ruolo dei responsabili delle risorse umane è significativamente ridotto e l alta direzione assume un ruolo centrale (grafico 8.2). I responsabili delle risorse umane esercitano quindi un ruolo limitato nella gestione vera e propria dei talenti una volta assunti, caratteristica che può essere messa in relazione con la mancanza, nella maggior parte delle aziende intervistate, di processi strutturati di talent management. 13

16 grafico 9 Sistema di talent management e altri processi aziendali Nella sua azienda la gestione dei talenti è considerata come: grafico 10 La qualità dei talenti in azienda Come considera la qualità del gruppo dei talenti nella sua azienda? 29% 10% 3% 12% 27% 71% 48% Un insieme di processi specifici indipendenti dal resto dei processi aziendali Un sistema che interagisce in modo formalizzato e frequente con gli altri processi e le altre funzioni aziendali Non soddisfacente Quasi soddisfacente Soddisfacente Molto soddisfacente Estremamente soddisfacente Quanto all integrazione con gli altri processi e le altre funzioni aziendali, nella maggior parte dei casi (71%), la gestione dei talenti è vista non integrata con gli altri processi e funzioni (grafico 9). L efficacia del sistema di talent management Il 47% delle aziende dichiara di avere un numero di talenti tra l 1 e il 5% dei dipendenti. Solo il 4% dichiara di avere un numero di talenti superiore al 15%. Con riferimento agli ultimi tre anni, l 80% delle aziende ha dichiarato di aver reclutato un numero di talenti inferiore al 5% del totale degli impiegati e dirigenti. Bassa l internazionalizzazione: i talenti presenti delle medie imprese manifatturiere italiane sono quasi esclusivamente italiani, un dato particolarmente critico dovuto probabilmente alla barriera linguistica, ancora molto forte in molti settori e soprattutto nelle PMI, che lascia poco spazio ai talenti che non parlano italiano. È stato poi chiesto agli intervistati di valutare la qualità dei talenti presenti in azienda. Il 50% la considera soddisfacente (grafico 10). Sembra buona anche la performance sul tempo di permanenza in azienda: in media, il talento resta in azienda più di 24 mesi, raramente meno di sei mesi, fatto che indica una buona capacità delle aziende di trattenere i talenti una volta trovati e assunti. 14

17 grafico 11 Le cause dell abbandono Indichi per favore quanto è d accordo con la seguente affermazione: La ragione per la quale i talenti lasciano questa azienda è (1 = per niente d accordo; 5 = totalmente d accordo) 3,41 2,85 2,71 2,42 2,39 2,33 2,21 Offerte di lavoro più interessanti da aziende concorrenti Limitate possibilità di promozione Limitati piani e azioni dedicati allo sviluppo dei talenti Retribuzione non soddisfacente Carenza di formazione professionale Altro Ambiente poco stimolante La causa più frequente di abbandono consiste nell offerta di lavoro da imprese concorrenti. Meno influenti sembrano essere le eventuali carenze nell offerta dell azienda (retribuzione non soddisfacente o ambiente poco stimolante) (grafico 11). 15

18 grafico 12 Le ragioni per restare Indichi per favore quanto è d accordo con la seguente affermazione: La ragione per la quale i talenti rimangono in questa azienda è (1 = per niente d accordo; 5 = totalmente d accordo) 4,07 3,64 3,24 3,20 2,97 Reputazione dell azienda Ambiente stimolante Retribuzione soddisfacente Buone possibilità di promozione Soddisfacenti piani e azioni dedicati allo sviluppo dei talenti Le principali ragioni che inducono invece a restare sono l ambiente stimolante e, soprattutto, la reputazione dell azienda (grafico 12). Quanto ai tempi per fare carriera, in media, i talenti riescono ad accedere a posizioni manageriali dopo sei anni dall ingresso. Molto raramente ciò avviene in meno di quattro anni. Poco utilizzate sono le attività di review, che permettono di monitorare la situazione dei talenti in azienda in modo da individuare eventuali azioni migliorative. È stato infine chiesto agli intervistati di valutare l efficacia di alcune delle principali pratiche di talent management adottate dall azienda. Per nessuna delle pratiche si raggiunge il giudizio di abbastanza efficace, con criticità particolari per la job rotation e l executive coaching. La pratica più efficace è la formazione, un dato comunque interessante se messo in relazione con il rapporto ISTAT sulla competitività dei settori Chi vince e chi perde: l industria italiana oltre la crisi del 2014, che mostra come le imprese manifatturiere che hanno aumentato il fatturato nel periodo di crisi sono anche quelle che hanno investito molto in formazione. 16

19 Il caso Dinamica Generale È una media impresa che è riuscita ad adottare con successo una strategia di talent management strutturata. Ha sede a Poggio Rusco (Mantova), realizza sistemi di pesatura e soluzioni tecnologiche per il settore dei macchinari agricoli, dei macchinari per allevamento, per l industria e per le macchine medicali. Ha un fatturato di circa 14 milioni di euro, è il primo player in Europa nel settore dell agribusiness e si contende il primato globale con un competitor americano. Due anni fa si è integrata con un gruppo italiano quotato in Borsa, con competenze e portafoglio complementari, entrando in un network industriale diversificato. Chi è un talento? Un talento è una persona in grado di gestire in autonomia il lavoro e, soprattutto, avere iniziativa. Deve assumere il rischio di prendere decisioni in modo proattivo, in linea con i valori e la strategia aziendali. È scontato affermare che debba avere una preparazione di base adeguata: ciò che lo distingue è la sua dinamicità e la capacità di rischiare. Purtroppo, l immobilismo è una caratteristica diffusa anche tra i più bravi. Ovviamente devono esserci le condizioni per esprimere tale dinamicità e in Dinamica Generale si sta lavorando affinché tutti quelli che sono in grado possano farlo. Come attrae i talenti Dinamica Generale? Come li motiva a restare in azienda? Si parte dal presupposto che i talenti devono sentirsi parte attiva e importante del progetto aziendale. Non si possono affidare loro dei compiti come meri esecutori. Nel caso di Dinamica Generale, sono motivati dal livello di avanguardia della tecnologia offerta dall azienda e dal lavoro non statico, soprattutto dopo la recente fusione e l ingresso nel nuovo gruppo industriale allargato. Per motivare i talenti e mantenerli fedeli occorre offrire loro opportunità di crescita oltre ad adeguati ritorni economici e benefit. Quali criticità incontra l impresa nella gestione dei talenti? La criticità principale è la localizzazione: Poggio Rusco non offre grandi stimoli per giovani brillanti abituati alla vita in città. Vi sono quindi due possibilità: reclutare talenti nel bacino locale (un limite, indubbiamente) o attrarre persone da fuori e fare in modo che s integrino nel territorio (molto difficile). Due le risposte dell azienda: identificare e seguire costantemente i talenti locali; porre in atto azioni che la rendano attraente per i giovani nel territorio. Significativa, a questo riguardo, la sponsorizzazione di una squadra di basket locale che adesso milita in serie A2 e che ha attratto giocatori professionisti anche dagli Stati Uniti. Il successo della squadra e il suo legame con il territorio è un modo per trasmettere i valori aziendali ed è una pratica di employer branding molto efficace. Il contributo dell azienda alla vita sociale del territorio è rilevante. In occasione del recente terremoto, Dinamica Generale ha organizzato eventi di beneficienza e contribuito attivamente alla ricostruzione. Attraverso queste iniziative, Dinamica Generale è diventata un azienda di riferimento nel proprio territorio ed è considerata un organizzazione in cui è bello trovare lavoro. Questo aiuta nella capacità di attrarre i talenti locali. È soddisfacente il pool di talenti nell azienda? L azienda può contare oggi su 3-4 talenti, un numero soddisfacente, tutti provenienti dal territorio. In passato, ci sono state esperienze negative. Per esempio, sono stati assunti due manager che, nonostante le referenze, si sono rivelati inadeguati. In entrambi i casi provenivano da altre città ed erano stati introdotti da società specializzate nella selezione del personale. Per questo oggi la selezione è condotta esclusivamente dall azienda. In seguito alla visibilità e alla reputazione costruita negli anni recenti l offerta di talenti locali è molto migliorata, in termini di qualità e quantità. Dinamica Generale sta ora valutando una nuova opzione: il reclutamento di talenti da Paesi esteri in difficoltà, per esempio l Ucraina. 17

20 Gli approcci al talent management Una più approfondita analisi dei dati fa emergere approcci comuni tra gruppi di aziende, sia in termini di definizione e caratteristiche dei talenti sia in termini di strumenti, pratiche e canali utilizzati per attrarli e gestirli. L analisi ha inoltre permesso di individuare sia i principali macro-fattori che guidano le pratiche di talent management sia i profili di comportamento nella popolazione delle imprese target (tabella a fianco). 18

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

Investire sul talento per crescere e innovare

Investire sul talento per crescere e innovare MEDIE IMPRESE MOTORE DI SVILUPPO Investire sul talento per crescere e innovare Best practice nelle medie imprese manifatturiere italiane. Indagine svolta dalla School of Management del Politecnico di Milano

Dettagli

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto

Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine sul mondo del lavoro: Direttori del Personale e neolaureati a confronto Indagine nazionale neolaureati - G.I.D.P/H.R.D.A. A cura di Paolo Citterio Presidente Nazionale Associazione Risorse Umane

Dettagli

FINANCIAL RISK MANAGEMENT

FINANCIAL RISK MANAGEMENT RISK MANAGEMENT PERCORSO EXECUTIVE IN FINANCIAL RISK MANAGEMENT INDICE MIP Management Academy 1 AREA TEMATICA 2 Direzione 3 Percorso Executive in Financial Risk Management 4 Programma 5 Costi e modalità

Dettagli

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione

LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO. Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA BANCA FORMAZIONE DEL TEAM PER L INNOVAZIONE ED IL CAMBIAMENTO Programma di sviluppo continuo dell innovazione LA REALTÀ CORRENTE INNOVATION & CHANGE OGGI IL CLIMA GENERALE È CARATTERIZZATO DA CONTINUI

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane

Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane (HR) Strumenti per le Risorse Umane Quadro di riferimento Le opzioni per le aziende per crescere e garantirsi continuità incrementano: si acquisiscono imprese o

Dettagli

Corsi di formazione. Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it

Corsi di formazione. Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it Corsi di formazione 2014 Ventidue srl - News & Events / corporate@nexthr.it 16 ore Social & Antonio INCORVAIA digital STRATEGIES 26-27/2 MI *18/6 MI 8-9/10 Mi *fast edition 38 anni, laureato in Architettura

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XII Edizione 2014 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

Comer Academy. La sede

Comer Academy. La sede Comer Academy Nata nel 2008 per sostenere il processo di cambiamento dell azienda, Comer Academy è il centro per la diffusione della cultura dell eccellenza alla base del modello di business di Comer Industries.

Dettagli

praxi risorse umane ricerca & selezione praxi risorse umane Un partner per il rinnovamento e lo sviluppo ricerca e selezione sviluppo formazione

praxi risorse umane ricerca & selezione praxi risorse umane Un partner per il rinnovamento e lo sviluppo ricerca e selezione sviluppo formazione ricerca & selezione ricerca e selezione formazione Un partner per il rinnovamento e lo sviluppo PRAXI RICERCA & SELEZIONE è la Business Unit di PRAXI RISORSE UMANE specializzata nell individuazione, valutazione

Dettagli

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro

L indagine di Michael Page. Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro L indagine di Michael Page Global Human Resource Barometer 2013, le strategie degli Human Resource leaders nell attuale complesso mercato del lavoro Come sta cambiando il ruolo del Direttore Risorse Umane

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

Indice dei servizi Agenzia di Lavoro AlmaLaurea Employer Branding&Campus Recruiting Eventi Virtual Interactive Event Partnership

Indice dei servizi Agenzia di Lavoro AlmaLaurea Employer Branding&Campus Recruiting Eventi Virtual Interactive Event Partnership Indice dei servizi Agenzia di Lavoro AlmaLaurea A.1 Banca dati dei laureati e diplomati A.2 AlmaSkill: la Valutazione del Potenziale A.3 AlmaLaurea Selection Employer Branding&Campus Recruiting B.1 The

Dettagli

LE AMBIZIONI HANNO UN VOLTO. Adecco Office, la Business Line dedicata ai profili del mondo impiegatizio.

LE AMBIZIONI HANNO UN VOLTO. Adecco Office, la Business Line dedicata ai profili del mondo impiegatizio. LE AMBIZIONI HANNO UN VOLTO. Adecco Office, la Business Line dedicata ai profili del mondo impiegatizio. UNA BUSINESS LINE PER OGNI ESIGENZA Dare lavoro alle ambizioni significa mettere al centro le persone,

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio

Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio Master Courses 2012/2013 Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio Istituto Europeo di Design Economia delle Relazioni tra Arte, Imprese e Territorio OBIETTIVI I profondi mutamenti sociali

Dettagli

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri

Talent Management 2020. Scenari e prospettive futuri Talent Management 2020 Scenari e prospettive futuri INTRODUZIONE Le funzioni delle Risorse Umane (Human Resources-HR) non solo forniscono molti servizi interni, come la selezione del personale, il sostegno

Dettagli

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F.

S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. FORMAZIONE MANAGERIALE S&A Change Srl www.sa-change.it E-mail: info@sa-change.it Via Cesare Boldrini, 24 40121 Bologna Tel. 051.240180 Fax 051.240420 Via F. Baracca, 235/E 50127 Firenze Tel. 055.3436516

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010

Italia: Imprese e Futuro Giugno 2010 Giugno 2010 Premessa L obiettivo dell indagine è stato quello di registrare il sentire delle Aziende Italiane rispetto alla situazione economica attuale e soprattutto quali sono le aspettative per gli

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS. "Employability 2.1" Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile

Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS. Employability 2.1 Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile Birra Peroni nel Semestre di Presidenza del Consorzio ELIS "Employability 2.1" Flessibilità del mercato del lavoro e occupazione giovanile Documento di progetto Versione del 9 Gennaio 2015 Sommario Il

Dettagli

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS

Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS Avviso 2015D-01 del 14/03/2015 Avviso di selezione per 3 posizioni organizzative di quadro presso la Fondazione BBS La Fondazione Bologna University Business School (di seguito BBS o Scuola ) rappresenta

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione

Università Commerciale. Graduate School. Luigi Bocconi. MasterOP. Master in Organizzazione e personale. XIII Edizione Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MasterOP Master in Organizzazione e personale XIII Edizione 2015 MasterOP Master in Organizzazione e personale Le competenze nella gestione delle risorse

Dettagli

A-TALENT - CAMPUS RECRUITING STRATEGY - EMPLOYER BRANDING STRATEGY - ALMASKILL: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE - ALMALAUREA SELECTION

A-TALENT - CAMPUS RECRUITING STRATEGY - EMPLOYER BRANDING STRATEGY - ALMASKILL: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE - ALMALAUREA SELECTION A-TALENT - CAMPUS RECRUITING STRATEGY - EMPLOYER BRANDING STRATEGY - ALMASKILL: VALUTAZIONE DEL POTENZIALE - ALMALAUREA SELECTION I talenti lavorano per i talenti. Fai la tua scelta! Indice dei servizi

Dettagli

Studenti e laureati scelgono le aziende

Studenti e laureati scelgono le aziende Incontro aziende-studenti/neolaureati Studenti e laureati scelgono le aziende SCHEDA PROFILO AZIENDALE Verona, 10 novembre 2008 Università degli Studi di Verona Polo Zanotto Aula T1 Azienda : Volkswagen

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA

in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA in collaborazione con presenta Corso Store Manager EDIZIONE CAMPANIA INDICE 1) Premessa 2) Obiettivo 3) Il profilo professionale in uscita: lo Store Manager 4) Organizzazione delle attività 5) Programma

Dettagli

Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM

Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM Lo sviluppo continuo del Talento: la soluzione Talentia HCM Enzo De Palma Business Development Director Fabio Cardilli European Product Leader May 2013 Il Talento, cultura e opportunità Perché il Talento

Dettagli

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo

HumanWare. Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo HumanWare Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Sistemi Avanzati di Valutazione e Sviluppo Aree di Intervento Sistemi di Analisi e Valutazione delle Posizioni Sistemi di Valutazione delle Prestazioni

Dettagli

Ingegneri in Finmeccanica

Ingegneri in Finmeccanica Ingegneri in Finmeccanica Lavorare oggi in Finmeccanica significa essere a contatto diretto con le migliori tecnologie del mondo, nella realtà italiana che investe di più in Ricerca e Sviluppo e che fa

Dettagli

RISORSE UMANE. GESTIONE e SVILUPPO. Master in. delle XI E D I Z I O N E HUMAN RESOUCES DEVELOPMENT AND MANAGEMENT

RISORSE UMANE. GESTIONE e SVILUPPO. Master in. delle XI E D I Z I O N E HUMAN RESOUCES DEVELOPMENT AND MANAGEMENT C O N S O R Z I O P E R I L L A V O R O E L E A T T I V I T A I N N O V A T I V E E F O R M A T I V E Master in GESTIONE e SVILUPPO delle RISORSE UMANE XI E D I Z I O N E HUMAN RESOUCES DEVELOPMENT AND

Dettagli

Gestione del Capitale Umano, Mercato del lavoro ICT,

Gestione del Capitale Umano, Mercato del lavoro ICT, Gestione del Capitale Umano, Mercato del lavoro ICT, Retribuzioni Dati e risultati 2014 Simonetta Cavasin - OD&M Consulting e Asset Management Contenuti Lo scenario di riferimento: trend e sfide, mercato

Dettagli

Sfera Organizzazione, risorse, attività. Roma, 4 novembre 2009

Sfera Organizzazione, risorse, attività. Roma, 4 novembre 2009 Sfera Organizzazione, risorse, attività Roma, 4 novembre 2009 Excursus storico di Sfera Le origini Sfera nasce nel 1999 come società del Gruppo Enel con il ruolo di fornire al mercato interno ed esterno

Dettagli

Le 7 competenze chiave del Consulente IT

Le 7 competenze chiave del Consulente IT Le 7 competenze chiave del Consulente IT di Pierluigi Demaria Pierluigi Demaria ha partecipato a decine di progetti nazionali e internazionali supportando oltre 200 consulenti e manager nella implementazione,supporto

Dettagli

il punto di vista dei Recruiters in Italia.

il punto di vista dei Recruiters in Italia. 1 il punto di vista dei Recruiters in Italia. Il recruiting è sempre più social e l Osservatorio Adecco vuole capire come sta evolvendo: nell ambito di una più ampia ricerca internazionale che ha coinvolto

Dettagli

Human Resources Specialist Milano

Human Resources Specialist Milano La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso di Specializzazione per Human Resources Specialist Milano Percorso di base Percorsi di Approfondimento

Dettagli

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti

Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Gestione del capitale umano: dalla contrattualistica ai talenti DGR n. 37 del 19/01/2016 - Fondo Sociale Europeo

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE?

ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? ASSESSMENT CENTER COSA PENSANO LE AZIENDE? INDICE GI GROUP 3 OD&M CONSULTING & ASSET MANAGEMENT 3 1. ASSESSMENT CENTER & COMPETENCE CENTER 4 2. LA SURVEY 9 2.1 ASSESSMENT CENTER: COSA PENSANO LE AZIENDE?

Dettagli

Il consulente è e rimarrà il fattore critico

Il consulente è e rimarrà il fattore critico COVERSTORY Il consulente è e rimarrà il fattore critico di successo del business della distribuzione del settore finanziario - assicurativo - previdenziale. Ciò a dispetto della comparsa di diversi canali

Dettagli

Mercato del lavoro ed employer brand positioning

Mercato del lavoro ed employer brand positioning Mercato del lavoro ed employer brand positioning a cura di Eugenio Amendola Mercato del lavoro ed employer brand positioning a cura di Eugenio Amendola, Anthea Consulting Introduzione I dati riportati

Dettagli

La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale

La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale Roma, Palazzo Altieri 15 e 16 maggio 2006 La Gestione delle Risorse Critiche in Azienda: il quadro di riferimento europeo e intersettoriale Francesco Miggiani Amministratore Delegato, Hay Group 2 Il contesto

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI INFORMATI 7 SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale - Sportelli informa OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivo

Dettagli

Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma

Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma Sintesi dei risultati Studio condotto con il sostegno di Adecco Formazione S.r.l. Milano, 09 Ottobre 2013 Analisi e valutazione

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT POLITECNICO DI MILANO SCHOOL OF MANAGEMENT PERCORSI EXECUTIVE SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva 11 EDIZIONE NOVEMBRE 2013 OTTOBRE 2014 PERCORSI EXECUTIVE

Dettagli

Il questionario è stato preparato

Il questionario è stato preparato PRIMO CONFRONTO DEGLI INDICATORI DEMOGRAFICI, FINANZIARI E DEL MERCATO DEL LAVORO DELLA PROFESSIONE Indagine Fve sulla professione medico veterinaria in Europa Le opinioni di oltre 13.000 veterinari provenienti

Dettagli

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013

Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 SDA Bocconi School of Management Formazione, senso di appartenenza, turnover, e condizionamento sul luogo di lavoro: alcune riflessioni 23 Aprile 2013 cristina.filannino@sdabocconi.it 1 Cosa motiva le

Dettagli

la chiave per attrarre e trattenere i talenti migliori

la chiave per attrarre e trattenere i talenti migliori Prospettive Employee Value Proposition: la chiave per attrarre e trattenere i talenti migliori Come può l Employee Value Proposition (EVP) aiutarvi a individuare e trattenere i talenti migliori? Quali

Dettagli

Giovani laureati e lavoro. Conosci gli strumenti per costruire il tuo futuro?

Giovani laureati e lavoro. Conosci gli strumenti per costruire il tuo futuro? Giovani laureati e lavoro Conosci gli strumenti per costruire il tuo futuro? Chi siamo? Fondazione ISTUD è una Business School indipendente, Fondata nel 1970per iniziativa di Assolombardae di un gruppo

Dettagli

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005

Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Hotel Federico II di Jesi,, Ancona. 06 luglio 2005 Dino Petrone Elica Group i dati del Gruppo Elica Dati Gruppo Elica > Fatturato Gruppo Elica 2004 Aggregato 413 milioni di Euro 2300 dipendenti i dati

Dettagli

Gestione e Sviluppo. Master in. delle Risorse Umane. 10 edizione. Human Resources Development and Management. www.consorziolaif.it.

Gestione e Sviluppo. Master in. delle Risorse Umane. 10 edizione. Human Resources Development and Management. www.consorziolaif.it. Con il Patrocinio del Comune di Reggio Calabria www.consorziolaif.it Master in Gestione e Sviluppo delle Risorse Umane Human Resources Development and Management a 10 edizione Reggio Calabria Direttore

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana, ha sedi a Bologna e Firenze.

La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana, ha sedi a Bologna e Firenze. La nostra Società è nata nel 1992 e negli anni si è particolarmente radicata nei territori dell Emilia Romagna e Toscana, ha sedi a Bologna e Firenze. Siamo caratterizzati da una forte specializzazione

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler

Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler Introduzione La politica delle Risorse Umane del Gruppo Schindler illustra il contenuto strategico delle iniziative rivolte al personale Schindler. Si

Dettagli

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro

CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO. Tavolo 3 Risorse umane, formazione e sostegno al lavoro. Ipotesi di lavoro Provincia Autonoma di Trento Dipartimento turismo, commercio, promozione e internazionalizzazione tsm Trentino School of Management SMT Scuola di Management del Turismo CONFERENZA PROVINCIALE DEL TURISMO

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire

Federmanager Confindustria Bilancio di Competenze gratuito riservato fase on line fase in presenza Ambire Il Bilancio delle Competenze: Essere artefici del proprio sviluppo professionale Il Bilancio di Competenze per i Dirigenti Industriali Il rinnovo del CCNL Dirigenti Industria, sottoscritto il 25/11/2009

Dettagli

BECOMING MANAGER 2013

BECOMING MANAGER 2013 BECOMING MANAGER 2013 presentato da in collaborazione con 1 BECOMING MANAGER JEst - Junior Enterprise JEst - Junior Enterprise degli studenti di Ingegneria Gestionale di Vicenza è un associazione senza

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0)

Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) Questionario Modello di Maturità di Project Management (V.1.5.0) E necessario rispondere a tutte le domande riportate di seguito, selezionando la risposta ritenuta migliore o quella che meglio descrive

Dettagli

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita

Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Master Universitario di I livello in Gestione dei Processi di Vendita Gestione dei processi di vendita Master di I livello L Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management, attraverso il Bando

Dettagli

realizzato in collaborazione con

realizzato in collaborazione con Un progetto di: realizzato in collaborazione con Modelli sostenibili per l Age Management e il Welfare Aziendale Indagine di AstraRicerche in collaborazione con Manageritalia Competitività, politiche intergenerazionali

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione e sviluppo delle risorse umane

REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO. Gestione e sviluppo delle risorse umane REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Gestione e sviluppo delle risorse umane Direttore del corso: Prof. Edoardo Della Torre Commissione del Corso di Master: Prof.ssa Mara

Dettagli

People strategy in Azione

People strategy in Azione People strategy in Azione Gentili Colleghi, La People Strategy di Bausch + Lomb illustra il modo di operare della nostra azienda quando si stratta di selezionare, far crescere, motivare e valorizzare la

Dettagli

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE

AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE AZIENDA INNOVATION & CHANGE PROGRAMMA DI SVILUPPO CONTINUO DELL INNOVAZIONE Per Le Nuove sfide è necessario valutare i nostri punti di forza e di debolezza per poter mettere a punto un piano d azione che

Dettagli

MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO

MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO Master EMMPF I a EDIZIONE DICEMBRE 2014 - LUGLIO 2016 EXECUTIVE MASTER IN MANAGEMENT PUBBLICO PER IL FEDERALISMO MASTER EMMPF Negli ultimi anni,

Dettagli

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014

Driver di competitività nel settore Autonoleggio. Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Driver di competitività nel settore Autonoleggio Report di ricerca sui fattori di successo Workshop 26 febbraio 2014 Il workshop e la ricerca: gli obiettivi operatori del settore autonoleggio, coinvolgendo

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane

Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corso di Formazione professionale autorizzato dalla Regione Campania Esperto in Gestione Risorse Umane Corsi Autofinanziati riconosciuti dalla Regione Campania Pform, Scuola di Alta Formazione, ha ottenuto

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

Performing ideas, sewing solutions. Performing ideas, sewing solutions.

Performing ideas, sewing solutions. Performing ideas, sewing solutions. Performing ideas, sewing solutions. Performing ideas, sewing solutions. About us About Formind Formind nasce dall idea e dall esperienza acquisita da Antonio Faralla, in 18 anni di attività professionale

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT

SUPPLY CHAIN MANAGEMENT OPERATIONS & SUPPLY CHAIN PERCORSO EXECUTIVE IN SUPPLY CHAIN MANAGEMENT Gestione Strategica degli Acquisti / Logistica Distributiva NOVEMBRE 2014 OTTOBRE 2015 I.P. AREA TEMATICA E OBIETTIVI DEL CATALOGO

Dettagli

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org

JOB RECRUITMENT. www.puntoservice.org JOB RECRUITMENT www.puntoservice.org CHI SIAMO CERCHIAMO Punto Service è operatore leader in Italia nel settore dei servizi alla persona, dedicati in particolare alla terza età ed all infanzia, con un

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale.

IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA. Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. IL MANAGER COACH: MODA O REQUISITO DI EFFICACIA Nelle organizzazioni la gestione e lo sviluppo dei collaboratori hanno una importanza fondamentale. Gestione e sviluppo richiedono oggi comportamenti diversi

Dettagli

Uno di noi! Diventa Consulente assicurativo personale ERGO.

Uno di noi! Diventa Consulente assicurativo personale ERGO. Uno di noi! Diventa Consulente assicurativo personale ERGO. Diventare Consulente assicurativo personale ERGO significa essere protagonista nel mercato, in uno scenario unico del panorama italiano, con

Dettagli

Presentazione dell edizione italiana

Presentazione dell edizione italiana GR_00.qxd:GR_00 19-10-2009 11:59 Pagina v Indice IX XIX Presentazione dell edizione italiana Introduzione 3 1 L imperativo dei servizi e dei rapporti: il management nella concorrenza dei servizi Il ruolo

Dettagli

Management Consulting Boutiques e mercati globali

Management Consulting Boutiques e mercati globali Management Consulting Boutiques e mercati globali Antonella Negri Clementi * 1. Un modello distintivo Affiancare l azienda nel momento in cui si trova ad affrontare cambiamenti sostanziali di una o più

Dettagli

Catalogo formativo Anno 2012-2013

Catalogo formativo Anno 2012-2013 Catalogo formativo Anno 2012-2013 www.kaleidoscomunicazione.it marketing & innovazione >> Email Marketing >> L email è ad oggi lo strumento di comunicazione più diffuso tra azienda e cliente e dunque anche

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati

High Impact Programs. Performance Technology Solutions 2014 Tutti i diritti riservati High Impact Programs 1 Chi siamo Performance Technology Solutions (PTS) è una società di consulenza organizzativa e formazione manageriale Il nostro nome deriva dalla metodologia di origine statunitense

Dettagli

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016. www.timevision.it - info@timevision.

MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016. www.timevision.it - info@timevision. MASTER HUMAN RESOURCES MANAGEMENT SVILUPPO GESTIONE E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE 6 FEBBRAIO 2016 www.timevision.it - info@timevision.it TIME VISION Nata nel 2001, TIME VISION è: AGENZIA FORMATIVA accreditata

Dettagli

Progetto MISE - Unioncamere Veneto Report finale

Progetto MISE - Unioncamere Veneto Report finale Università degli Studi di Padova Dipartimento di Tecnica e Gestione dei Sistemi Industriali luglio 2014 Indice 1 Introduzione 4 2 Anagrafica delle aziende del campione 5 2.1 Distribuzione delle aziende

Dettagli

Master in Tourism Marketing & Social Media Management 9a edizione ROMA

Master in Tourism Marketing & Social Media Management 9a edizione ROMA Master in Tourism Marketing & Social Media Management 9a edizione ROMA Inizio master: 23 febbraio 2015 chiusura selezioni: 30 gennaio 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, che svolge istituzionalmente

Dettagli

La Selezione del personale nelle organizzazioni Corso specialistico per psicologi

La Selezione del personale nelle organizzazioni Corso specialistico per psicologi La Selezione del personale nelle organizzazioni Corso specialistico per psicologi Ottobre 2015 - Gennaio 2016 Al fine di rispondere efficacemente ai rapidi cambiamenti del mercato, questo corso, dopo molteplici

Dettagli

Master di Specializzazione Risorse Umane ESSERE SPECIALISTA DI RICERCA E SELEZIONE DELLE RISORSE UMANE. 1 edizione ottobre 2016

Master di Specializzazione Risorse Umane ESSERE SPECIALISTA DI RICERCA E SELEZIONE DELLE RISORSE UMANE. 1 edizione ottobre 2016 Master di Specializzazione Risorse Umane 1 edizione ottobre 2016 Il Professionista di Ricerca e Selezione ha un ruolo strategico in azienda. La sua azione è orientata a migliorare i risultati di business

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

EDGAR, DUNN & COMPANY

EDGAR, DUNN & COMPANY PATRICK DESMARES - Vice Direttore 1 Schema della presentazione Il piano della ricerca I risultati della ricerca u Gestione della redditività cliente - Il contesto strategico u Misurazione della redditività

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Newsletter Aprile 2012

Newsletter Aprile 2012 Newsletter Aprile 2012 Lo IAL - Innovazione Apprendimento Lavoro della Campania, da sempre attento alle richieste formative e di aggiornamento che arrivano dai giovani e dal mercato del lavoro, con questa

Dettagli