Droghe contenenti Carboidrati

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Droghe contenenti Carboidrati"

Transcript

1 Droghe contenenti Carboidrati Carboidrati: composti da C, H e O Hanno una funzione sia strutturale che energetica Possiamo classificarli in: Monosaccaridi: fruttosio, levulosio, glucosio Nelle piante sono il prodotto della fotosintesi e per tutti i viventi rappresentano il substrato energetico Disaccaridi: saccarosio, lattosio Polisaccaridi: amido, cellulosa, destrano Gomme e mucillagini: agar, gomma arabica, adragante, guar Altri: vitamina C, glicosidi

2 Carboidrati:

3 Carboidrati:

4 Acido ascorbico (Vit. C) e deidroascorbico:

5 Derivati di monosaccaridi di interesse farmacologico Monosaccaridi metilati L-ramnosio

6 Derivati di monosaccaridi di interesse farmacologico Monosaccaridi ridotti

7 Droghe contenenti Carboidrati MONOSACCARIDI Miele Prodotto da Apis mellifera dal nettare di piante, combinato con specifiche sostanze, depositato, disidratato, immagazzinato nell alveare Costituito da miscela di glucosio e fruttosio (ottenuti per idrolisi del saccarosio ad opera dell ape) + vitamine, derivati dell acido caffeico, pigmenti e oli volatili (in dipendenza delle piante). Possono essere presenti residui di saccarosio. Aromatizzante ed emolliente Miele Rosato = blando lassativo ed emolliente nelle affezioni infiammatorie del cavo buccale

8 Droghe contenenti Carboidrati MONOSACCARIDI Manna Essudato zuccherino ottenuto per incisione (o puntura di insetti) della corteccia di Fraxinus Ornus (Oleacee) al tempo della fioritura (fine estate). Contiene D- mannitolo (60-80%), D-glucosio, D-fruttosio e oligosaccaridi. Usata come lassativo osmotico principalmente in pediatria Il mannitolo viene usato nel trattamento dell insufficienza renale acuta (attività osmotica)

9 DISACCARIDI di origine naturale Risultano dal legame covalente di due monosaccaridi Saccarosio glucosio + fruttosio Si ricava dalla barbabietola (Beta vulgaris) o dalla canna da zucchero (Saccharum officinarum) E la base di sciroppi (soluzioni sature) che impediscono la crescita batterica. Lattosio glucosio + galattosio E presente nel latte dei mammiferi. Usato come eccipiente per compresse e polveri

10 OLIGOSACCARIDI di origine naturale Ciclodestrine Oligosaccaridi ciclici non riducenti ottenuti per degradazione dell amido ad opera dell enzima ciclodestrina glicosiltransferasi, presente in Bacillus macerans, B. circulans etc. Si distinguono alfa (6), beta (7) e gamma-ciclodestrine (8 unità D-glucopiranosiliche unite da un legame 1-4 glicosidico). La cavità che si forma è fortemente apolare ed in grado di ospitare molecole diverse. Hanno ottima tollerabilità.

11 OLIGOSACCARIDI di origine naturale Ciclodestrine Utilizzo: Complessano principi attivi o additivi, migliorando la biodisponibilità di farmaci poco solubili. Stabilizzano composti volatili o poco stabili. Coprono sapori spiacevoli

12 Droghe contenenti Carboidrati POLISACCARIDI: omo- e eteropolisaccaridi (contenenti anche derivati quali aminozuccheri o acidi urinici) - Nella pianta possono avere una funzione energetica (polisaccaridi di riserva) o funzioni strutturali (costituenti della parete cellulare). Amidi: costituiti da amilosio e amilopectina (polimeri di D-glucosio lineare e ramificato, rispettivamente)

13 Droghe contenenti Carboidrati AMIDI: Sospesi in acqua, bolliti e raffreddati formano una mucillagine che si colora di blu (amido di frumento), rosso-arancio/blu scuro (amido di mais), blu scuro (amido di riso e di patata) con iodio Di norma non vengono assorbiti ma possono influenzare l assorbimento di farmaci, Fe-ione e vitamine Utilizzo: eccipiente nella preparazione di pastiglie e unguenti. La soluzione acquosa colloidale (salda d amido) è stata utilizzata come protettivo nelle infiammazioni gastriche

14 Droghe contenenti Carboidrati POLISACCARIDI: omo- e eteropolisaccaridi Amido di frumento: si ottiene da farina di cariossidi di Triticum aestivum macerata con acqua e filtrata. L amido si separa per centrifugazione, viene poi essiccato e polverizzato. Amido di mais: le cariossidi di Zea mays vengono immerse in 0.2% di H 2 SO 4 per almeno due giorni, poi vengono macinate. Dagli embrioni oleaginosi si ottiene l olio ricco in vitamine. Amido e glutine vengono separati e l amido essicato e polverizzato. Amido di riso: si ottiene da cariossidi di Oryza Sativa trattata con NaOH 0.4% fino a disfacimento. Dopo macinazione e ripetute scremature l amido si separa per centrifugazione, viene poi essiccato e polverizzato. Amido di patata: si ottiene dai tuberi di Solanum tuberosum ridotti in polpa. Dopo macerazione in acqua il liquido viene setacciato e l amido separato per centrifugazione, essicato e polverizzato

15 Droghe contenenti Carboidrati GOMME E MUCILLAGINI o IDROCOLLOIDI VEGETALI - Le gomme sono prodotti vegetali che in acqua di rigonfiano e formano gel o dispersioni adesive. Le mucillagini in acqua danno soluzioni viscose. La distinzione non sempre è netta - Più comunemente le gomme sono essudati viscosi che si formano in seguito ad incisione del tronco mentre le mucillagini sono normali costituenti di cellule frequentemente localizzate nel tegumento del seme - Sono costituiti da polisaccaridi complessi, acidi per la presenza di acidi uronici o di gruppi solforici (nelle alghe) oppure neutri tipicamente glucomannani o galattomannani (nei semi)

16 Droghe contenenti Carboidrati GOMME E MUCILLAGINI o IDROCOLLOIDI VEGETALI Gomma arabica: essudato gommoso spontaneo o ottenuto per incisione del tronco e dei rami della corteccia di Acacia, essiccato all aria. La migliore qualità (Acaciae gummi) si forma in condizioni climatiche sfavorevoli e si accumula nella stagione secca dopo la caduta delle foglie. La soluzione non deve colorarsi per aggiunta di iodio L idrolizzato non dà glucosio nè xilosio Utilizzo: ha proprietà emollienti ed è usata per preparati per la tosse e per proteggere la gola. Stabilizza le emulsioni olio-acqua. Gomma adragante: essudato gommoso di Astragalus gummifer ed altri frutici spinosi che vivono in zone montuose tra Turchia e Russia. Dà soluzioni ad elevata viscosità stabili anche a ph inferiore a 5 Per idrolisi dà galattosio, arabinosio e xilosio e derivati metilati Utilizzo: per sospendere polveri insolubili o come legante per pillole e compresse

17 Droghe contenenti Carboidrati GOMME E MUCILLAGINI o IDROCOLLOIDI VEGETALI Gomma carruba: polvere che si ottiene dai semi di Ceratonia siliqua, il cui frutto è un legume con semi tondeggianti a peso costante. La gomma ne costituisce l endosperma che circonda l embrione. Utilizzo: come adsorbente per il trattamento sintomatico della diarrea; come antiemetico nei bambini Gomma guar: polvere che si ottiene dall endosperma del seme di Cyamopsis tetragonolobus. o tomentosa. Ha spiccato odore di acido acetico. Poco solubile ma si rigonfia significativamente. Utilizzo: è una fibra dietetica perché interferisce con il metabolismo di glucidi e lipidi. Diminuisce i livelli di colesterolo e LDL. Dà sensazione di sazietà e viene quindi usata nel trattamento dell obesità. NOTA: Entrambi contengono galattomannano e per idrolisi danno mannosio e galattosio

18 Droghe contenenti Carboidrati GOMME E MUCILLAGINI o IDROCOLLOIDI VEGETALI Altea radici: radici di Althaea officinalis raccolte in autunno, lavate (per eliminare i grassi) ed essiccate rapidamente a 40 C. Contiene mucillaggini, amido, zuccheri. Deve presentare un indice di rigonfiamento di almeno 10 Altea foglie: foglie di Althaea officinalis. Contiene mucillaggini, amido, zuccheri. Deve presentare un indice di rigonfiamento di almeno 12 Utilizzo: emolliente e protettiva sulla mucosa orale, gastrica e intestinale Lino: seme maturo ed essiccato di Linum usitatissimum. Contiene mucillagini nell epidermide Deve presentare un indice di rigonfiamento di almeno 4 Utilizzo: emolliente e protettivo. Lassativo. Con la farina vengono preparati cataplasmi emollienti ed antiinfiammatori (?).

19 Gel di Aloe Droga: gel ottenuto dalla parte centrale della foglia di Aloe vera Usi Cicatrizzante Antiinfiammatorio e antiirritante per la cute Ustioni

20 Farmacologia Attiva macrofagi e fibroblasti Stabilizza alcuni fattori di crescita Inibisce la sintesi di trombossano Principi attivi Non certi Contiene aminoacidi e polisaccaridi come glucomannano, acemannano e mannoso-6-fosfato

21 Studi clinici La maggior parte degli studi mostra che Aloe gel diminuisce l infiammazione e stimola la cicatrizzazione. I risultati di studi sull utilizzo di preparazioni commerciali nelle ustione da terapia radiante non sono incoraggianti anche in considerazione del fatto che la stabilità dei prodotti commerciali è questionabile. Reazioni avverse/ controindicazioni Molto rare Dosi Il gel fresco applicato sulla parte interessata è la migliore preparazione. Sono disponibili preparazioni stabilizzate ma la qualità è variabile

22 Droghe contenenti Carboidrati GOMME E MUCILLAGINI o IDROCOLLOIDI VEGETALI Malva: foglie e fiori di Malva sylvestris. Contiene mucillaggini fortemente ramificate (8-10%), flavonoidi e antociani Utilizzo: emolliente tradizionalmente usato nelle patologie infiammatorie delle prime vie aeree e del cavo orale. Nelle gastriti è usato come antiacido e citoprotettivo

23 Droghe contenenti Carboidrati GOMME E MUCILLAGINI o IDROCOLLOIDI VEGETALI

24

25 POLISACCARIDI di origine naturale Destrano Prodotto da ceppi selezionati di Leuconostoc mesenteroides su di un substrato di saccarosio, precipitato con etanolo e parzialmente idrolizzato per ottenere composti con PM tra 40K e 75K. Contiene polimeri del glucosio formati da α-d-glucopiranosili lineari e ramificati in e 1-4. Deve contenere un massimo di 110 ppm di azoto Utilizzo: Soluzioni di destrano vengono usate come espansori ematici in qualità di succedanei del plasma (presenta una pressione osmotica colloidale simile a quella del plasma) in caso di shock ipovolemico, emorragie, disidratazioni e ustioni. Migliora il comfort dei portatori di lenti a contatto.

26 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Sono esteri di acidi grassi con il glicerolo C 18:1 acido oleico I più rappresentati sono a 16 o 18 C Il grado di insaturazione determina le caratteristiche dei trigliceridi: Solidi a T ambiente (grassi) quelli dove predominano acidi grassi saturi Liquidi a T ambiente (oli) quelli dove predominano acidi grassi insaturi

27 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Controllo di Qualità Indice di acidità: misura l ammontare di acidi grassi liberi attraverso la quantità di KOH necessaria (in mg) per neutralizzare gli acidi liberi presenti in 1 g di sostanza e serve a stabilire il grado di irrancidimento acido Indice di saponificazione: misura il numero di mg di KOH necessari a neutralizzare gli acidi grassi liberi ed idrolizzare gli esteri contenuti in 1 g di sostanza Indice di esterificazione: Indice di saponificazione - Indice di acidità Indice di iodio: valuta il grado di insaturazione utilizzando la misura dei g di I consumati per 100 g di sostanza Indice di perossidi: esprime il contenuto di perossidi in meq di ossigeno attivo in 1000 g di sostanza Per ciascun olio è importante determinare l assenza di altri olii

28 OLI e GRASSI Controllo di Qualità Droghe contenenti Lipidi Indice di perossidi: esprime in meq di ossigeno attivo in 1000 g di sostanza il contenuto in perossidi Si utilizza potassio ioduro in soluzione satura titolandolo con sodio tiosolfato in presenza di cloroformio e acido acetico glaciale Ip = [10 - (ml di titolante)]/g di sostanza Per ciascun olio è importante determinare l assenza di altri olii Si procede alla analisi degli acidi grassi utilizzando la gas cromatografia

29 OLI e GRASSI Controllo di Qualità Irrancidimento Droghe contenenti Lipidi E rappresentato dalla formazione di prodotti secondari: idrocarburi, esteri, aldeidi, chetoni, alcoli, acidi, polimeri, ecc., che sono responsabili dell'odore di rancido degli alimenti grassi ossidati. Può essere: - Acido (liberazione di acidi grassi ad opera di attività enzimatiche di tipo lipasico) - Chetonico (provoca la formazione di chetoni che sono responsabili dell odore ed è il risultato della attività di bacilli lipofili Gram positivi o di micrococchi) - Perossidico (caratteristico di lipidi insaturi, la cui reazione con l ossigeno è favorita dalla luce, dal calore, dalla presenza di tracce di metalli. La reazione genera radicali che causano l autopropagarsi della reazione stessa. Può essere prevenuta dalla presenza di antiossidanti naturalmente presenti nei grassi, quali la vitamina E)

30 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Acidi grassi essenziali Sono gli acidi insaturi della serie ω-6 e ω-3 Dagli acidi insaturi a catena corta di queste serie assunti con la dieta (acido linoleico e linolenico, rispettivamente) possono essere ottenuti quelli a lunga catena per elongazione Secondo l OMS l apporto calorico di acidi grassi essenziali dovrebbe essere del 5-8% e 1-2% per ω-6 e ω-3 rispettivamente

31 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Olio di cocco Si ottiene per pressione dell endosperma del frutto di cocco Cocos nucifera. Contiene principalmente trigliceridi di acidi grassi saturi ed in particolare a catena corta (40-50% di acido laurico e 15-20% di acido miristico) che lo rendono facilmente digeribile Indice di perossidi inferiore a 5 e residuo insaponificabile <1% Olio di mandorle Si ottiene per pressione dei semi di Prunus dulcis (var. dulcis e amara) Contiene principalmente trigliceridi degli acidi oleico e linoleico ed una frazione sterolica (β-sitosterolo e Δ5-avenasterolo) Blando lassativo per via orale è largamente usato in tecnica farmaceutica

32 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Olio di Lino: si ottiene per pressione del seme maturo di Linum usitatissimum. Si può aggiungere un antiossidante Contiene trigliceridi dell acido linolenico, acido linoleico e acido oleico, con un contenuto massimo di acidi a catena inferiore a C 16 dell 1% Indice di iodio: Indice di perossidi <15 Utilizzo: emolliente e protettivo. Lassativo. L olio è ricco in vitamina F ed usato per alcuni tipi di dermatiti.

33 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Olio di oliva Si ottiene per pressione dal frutto di Olea europea. Il migliore (extra-vergine) è ottenuto per pressione a freddo Contiene principalmente gliceridi dell acido oleico e un gran numero di composti: steroli, alcoli e acidi terpenici, tocoferoli, e composti polari a natura fenolica (acido caffeico, coumarico, sirigico, idrossibenzoico, vanillico, gentisico, protocatechico) tirosolo e idrossitirosolo liberi o esterificati a dare oleuropeina o ligustroside, per un totale di mg/l, massima nell olio extravergine. Questi ultimi in particolare conferiscono potere antiossidante. Utilizzato principalmente come alimento

34 OLI e GRASSI Olio di oliva Droghe contenenti Lipidi

35 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Olio di ricino Si ottiene per pressione dai semi di Ricinus communis. Si può aggiungere un antiossidante Contiene principalmente gliceridi dell acido ricinoleico, un acido insaturo ed idrossilato. Indice di perossidi: <10 Utilizzato principalmente come purgante per l azione dell acido ricinoleico liberato dalle lipasi duodenali Olio di arachide Si ottiene per pressione dai semi sgusciati di Arachis hypogea. Si può aggiungere un antiossidante Indice di perossidi: <5 Contiene trigliceridi di acidi insaturi (oleico, linoleico), ed in misura minore saturi (stearico e arachidico), ed a più lunga catena. Usato per adulterare l olio di oliva e come veicolo per iniezioni intramuscolari

36 Droghe contenenti Lipidi OLI e GRASSI Olio di fegato di merluzzo Si ottiene dal fegato del merluzzo Gadus morhua et al. Si separa la stearina a basse temperature ed il contenuto di vitamine viene standardizzato con oli di qualità complementare Deve contenere UI di vitamina A (valutata mediante spettrofotometria UV) e di vit. D (valutata mediante HPLC). Inoltre è ricchissimo di gliceridi di acidi grassi insaturi, inclusi gli ω-3: linolenico, moroctico, eicosapentaenoico e docosaexaenoico. Deve rispondere ad un profilo di acidi grassi standard pubblicato Indice di iodio: Indice di perossidi: <10 Utilizzato principalmente come sorgente di vitamine e per le attività ipoglicemizzanti e antiaggreganti degli acidi grassi ω-3

37 OLI e GRASSI Droghe contenenti Lipidi Queste attività sono in parte attribuite alla modulazione della formazione di eicosanoidi ma sono state documentate anche attività significative a livello della funzionalità di membrana, di processi metabolici e di espressione di proteine

38 OLI e GRASSI Droghe contenenti Lipidi Risultati degli studi clinici sulla attività di acidi grassi omega-3

39 I FITOSTEROLI Sono composti senza valore nutritivo la cui struttura chimica, analoga a quella del colesterolo, differisce per le modificazioni sulla catena laterale presente sul carbonio 24. Nell'alimentazione si trovano in particolar modo negli oli vegetali, nella frutta secca e in alcuni semi e legumi I più diffusi dono sitosterolo, campesterolo, e stigmasterolo Effetti: diminuzione dell assorbimento di colesterolo e sali biliari; sono allo studio potenziali effetti antitumorali

40 Droghe contenenti Lipidi CERE Sono esteri di acidi grassi con alcoli primari a lunga catena. Si saponificano solo in ambiente alcolico Nella pianta la cera protegge l epidermide di foglie, frutti e fusti e controlla la evaporazione Cera carnauba Si ottiene dalle foglie di diverse specie di Copernicia (palme) Utilizzato come agente lucidante nell industria farmaceutica Cera d api Prodotto di secrezione di alcune ghiandole delle api giovani; si distinguono cera gialla (ottenuta per centrifugazione dal favo) e bianca (sbiancata chimicamente o fisicamente) La cera bianca è utilizzata per la produzione di unguenti o pomate Lanolina Si ottiene dalla lana di pecora. Può contenere fino a 200 ppm di BHT E costituita da esteri del colesterolo, lanosterolo, alcoli alifatici a lunga catena, insaturi e ramificati nonché esteri con acidi grassi. Deve essere in grado di incorporare efficientemente fino a 2 volte il suo peso in acqua Va determinato il contenuto in pesticidi Utilizzato principalmente come base nelle pomate e negli unguenti per le sue proprietà emollienti

41 Droghe contenenti Terpeni I terpeni (>20000 strutture) sono derivati dalla condensazione di unità isopenteniliche (a 5 C) correlate all isoprene, da cui anche la definizione di isoprenoidi Monoterpeni (2 unità) Sequiterpeni (3 unità) Diterpeni (4 unità) Triterpeni (6 unità) Tetraterpeni o carotenoidi (8 unità) Poliisopreni Diversi composti contengono unità isopreniche insieme a strutture non isopreniche (alcaloidi della segale cornuta, chinina, cannabinoidi, tocoferoli, fillochinoni)

42 Strutture terpeniche con evidenziata l unità isoprenilica

43 Droghe contenenti Terpeni MONOTERPENI (C10) E SESQUITERPENI (C15) Comprendono strutture di vario genere sia cicliche che non, variamente funzionalizzate (alcoli, aldeidi, chetoni, esteri, fenoli), volatili (il che li distingue dagli oli fissi ), di odore intenso, componenti principali degli oli essenziali insieme a fenilpropanoidi e fenoli. Sono localizzate in strutture biologiche specializzate (cellule degli oli essenziali nelle Lauracee, peli secretori nelle Lamiacee, tasche secretrici delle Mirtacee, canali secretori nelle Asteracee). Il ruolo fisiologico è quello di facilitare l impollinazione l e proteggere da insetti, infezioni microbiche e limitare la crescita di piante competitrici Forniscono sapore e fragranza a molte piante aromatiche.

44 TECNICHE PREPARATIVE DEGLI OLI ESSENZIALI Distillazione Distillazione in corrente di vapore Spremitura (agrumi) Enfleurage Estrazione con fluidi supercritici

45 Attività fondamentali delle droghe ad oli essenziali Essendo miscele lipofile, gli oli essenziali vengono facilmente assorbiti, ma possono anche accumularsi nel derma dove, contribuendo a degradare i legami ad idrogeno tra le molecole di ceramide presenti nello strato corneo, facilitano l assorbimento transdermico di altre sostanze La somministrazione degli oli avviene per via inalatoria, o per via dermica ed orale dopo diluizione in un olio fisso (i.e. l olio di mandorle dolci) al fine di diminuire l azione irritante.

46 Attività fondamentali delle droghe ad oli essenziali Nel caso le componenti degli oli essenziali vengano eliminate per via renale possono esercitare una attività diuretica ed antisettica; nel caso di eliminazione polmonare possono esercitare un attività espettorante anche dopo somministrazione orale

47 Attività fondamentali delle droghe ad oli essenziali Attività antisettica (in particolare per cannella, timo, lavanda, eucalipto...) Si manifesta anche nei confronti di batteri resistenti. Taluni oli essenziali sono anche antimicotici.

48 Attività fondamentali delle droghe ad oli essenziali

49 Attività fondamentali delle droghe ad oli essenziali

50 Attività fondamentali delle droghe ad oli essenziali Tossicità E abbastanza nota la neurotossicità acuta degli oli essenziali contenenti tujone (assenzio, salvia) o pinocamfone (issopo). Mentolo cineolo e anetolo a dosi elevate sono ugualmente tossici Il tujone presenta un tropismo per le cellule muscolari uterine La tossicità cronica non è ben definita e fa sconsigliare l automedicazione e l uso molto esteso che se ne fa in aromaterapia

51 Lavanda Fiori secchi di Lavandula angustifolia, da cui si ottiene l essenza per distillazione in corrente di vapore (13 ml essenza/kg). La essenza contiene linalolo (20-45%) acetato di linalile (25-46%), limonene (<1%), cineolo (<2.5%) e altre sostanze. La canfora deve essere <1.2% (analisi mediante GC) È mediamente antibatterico, e viene usato in preparati topici (per ustioni superficiali o piccole ferite) Per uso interno è stato usato come sintomatico in casi non gravi di insonnia

52 Origano Sommità fiorite di Origanum vulgare raccolte nei mesi caldi, contenenti >25 ml/kg di essenza e >1.5% di timolo e carvacrolo L essenza contiene timolo (30-55%) e carvacrolo Utilizzato principalmente come spezia. Indicato nel trattamento sintomatico dei disturbi digestivi. Rinfrescante e antipruriginoso per uso esterno

53 Menta Si ottiene l essenza per distillazione in corrente di vapore delle foglie (e sommità fiorite) di Mentha piperita, raccolte nelle ore meno calde al momento della fioritura (12 ml essenza/kg). Contiene mentolo (30-55%) e il corrispondente chetone mentone (14-32%), cineolo (3.5-14%), flavonoidi. Attività spasmolitica a livello intestinale (inibizione dell ingresso di Ca ione). Rinfrescante e antisettico per uso esterno

54 Eucalipto Foglie dei rami adulti di Eucalyptus globulus raccolte in estate o autunno. Si ottiene l essenza per distillazione in corrente di vapore (non < di 15 mg/kg) e rettificazione. L essenza presenta un odore aromatico e canforaceo e gusto pungente e canforaceo e contiene 1,8 cineolo o eucaliptolo (>70%), limonene (<12%), pinene (<9%), canfora ed aldeidi irritanti in tracce; flavonoidi (rutoside, iperoside) L essenza è antisettica, balsamica ed espettorante a livello polmonare, sia per via topica che orale. L essenza ad alte dosi è neurotossica, epilettogena. Può modificare il metabolismo di farmaci assunti contemporaneamente (induce gli enzimi di metabolismo epatici).

55 Niaouli Foglie di Melaleuca Viridiflora. Si ottiene l essenza per distillazione in corrente di vapore. La composizione è simile a quella dell eucalipto. Contiene 1,8 cineolo o eucaliptolo, limonene (<12%), pinene (<9%), α-terpineolo L essenza è antisettica, utilizzata principalmente in otorinolaringoiatria Utilizzata molto in aromaterapia, richiede le attenzioni già viste per l eucalipto

56 Assenzio Foglie basali e sommità fiorite di Arthemisia absinthum contenenti un minimo di 2 ml/kg di olio essenziale dal marcato potere amaricante L essenza contiene α e β-tujone, tujolo, monoterpeni e sesquiterpeni. Distillata in alcol con aggiunta di estratti di altre piante (anice, finocchio, melissa etc) costituisce l assenzio, liquore amaro per la presenza di absintina (lattone sesquiterpenico). A piccole dosi risulta stimolante e tonico A dosi elevate è neurotossico ed epilettogeno (tujone). L absintismo cronico conduce a delirio epilettiforme.

57 Curcuma di Giava, Curcuma Rizoma di Curcuma xanthorriza, contenente un minimo di 50 ml/kg di olio essenziale e non meno di 1% di derivati cinnamoilmetanici espressi come curcumina (diferuloilmetano), o domestica L essenza contiene monoterpeni e sesquiterpeni (zingiberene) I curcumonoidi (lignani) sono responsabili del colore (è presente in grandi quantità nelle salse al curry) e delle attività. Largamente utilizzati come coloranti alimentari. Antiinfiammatorio, colagogo/coleretico Esperimenti in vitro hanno dimostrato una attività epatoprotettrice, antiulcera e citoprotettiva dell estratto idroalcolico

58 Melissa Foglie di Melissa officinalis raccolte in aprile maggio e seccate all ombra (>0.5% di essenza) con vago profumo di limone. Contengono non meno del 4% di derivati idrossicinnamici espressi come acido rosmarinico L essenza contiene aldeidi monoterpeniche citronellale e citrale a e b ed epossicariofillene. Le foglie contengono anche triterpeni, acido rosmarinico e flavonoidi L olio essenziale è antibatterico, antimicotico e spasmolitico. L estratto idroalcolico è sedativo. Per via topica l estratto acquoso è antierpetico per l attività antivirale di composti polifenolici Tradizionalmente usata nei disturbi minori del sonno e del tratto gastrointestinale Possibile attività inibitoria sulla secrezione di TSH da parte dell estratto acquoso

59 Zenzero Droga: Rizomi freschi o essiccati di Zingiber officinale contenenti un minimo di 15 ml/kg di essenza Usi Nausea e vomito da mal di moto e mal di mare Nausea postoperatoria Dispepsia, flatulenza, coliche, vomito, diarrea, spasmi addominali Raffreddore ed influenza, antiinfiammatorio

60 Farmacologia Aumenta la secrezione di bile e la motilità intestinale Attività antiemetica associata alla attività sull apparato digerente Inibisce la COX (in particolare la COX-2) Inibisce la aggregazione piastrinica Una attività anticoagulante è possibile ma non è stata provata da appropriati studi clinici Epatoprotettore Principi attivi Composti fenolici [Gingeroli (a), shogaoli (b)] Sesquiterpeni (zingiberene) Possibilmente flavonoidi n=4,6,8 a b

61 Studi clinici Diversi studi in doppio cieco hanno dimostrato la sua efficacia nel mal di moto Mancano evidenze nella nausea postoperatoria Risultati non chiari in uno studio in cross-over sulla efficacia nella osteoartrosi Reazioni avverse/ controindicazioni Da non usare in pazienti con calcoli biliari (è colagogo) Mancano evidenze circa la possibile teratogenicità per cui è da evitare nella terapia della nausea gravidica Nonostante un effetto anticoagulante non è osservabile se non a dosi molto alte è meglio evitare la associazione contemporanea con anticoagulanti Il rizoma fresco può causare dermatite da contatto. Dosi 3-9 g al giorno fresco; 2-4 g al giorno secco Per il mal di moto: 2 capsule da 500 mg di rizoma secco 30 min prima della partenza, poi se i sintomi si manifestano 1-2 capsule ogni 4 ore

62 Camomilla Droga: Capolini essiccati di Matricaria recutita (Camomilla comune) o Anthemis nobilis (Camomilla Romana) contenenti un olio essenziale (non meno di 4 o 7 ml/kg, ripettivamente) e lo 0.25% di apigenina-glicoside (matricaria) Usi Carminativo, digestivo, spasmolitico, citoprotettivo Antiinfiammatorio Sedativo Indicato nelle irritazioni e infiammazioni della pelle Antibatterico e antifungino (essenza)

63 Farmacologia Spasmolitico Inibitore della cicloossigenasi e della 5-lipossigenasi Modesto inibitore della attività del CNS Principi attivi Camazulene (fino al 15% dell essenza; sesquiterpene antiinfiammatorio che si forma per decomposizione di un lattone sesquiterpenico: la matricina) Alfa-bisabololo (sesquiterpene; antiinfiammatorio, spasmolitico, citoprotettivo) Apigenina (glicoside flavonico; spasmolitico, sedativo)

64 Studi clinici I risultati supportano un effetto antiinfiammatorio topico, e modesti effetti sedativi e di protezione gastrointestinale per via orale L Apigenina si lega ai recettori per le benzodiazepine Non è efficace nel contrastare la stomatite indotta da 5-FU Reazioni avverse/ controindicazioni Sono riportati pochi casi di allergia; è bene accertare che il soggetto non sia allergico alle paritarie Possibile inibizione di CYP1A2 e 3A4 Dosi 3 g di droga in acqua calda, 3 volte al giorno Tintura: 1-4 ml 3 volte al giorno

65 SESQUITERPENI Erba-amara vera Droga: parti aeree essiccate di Tanacetum parthenium contenenti almeno lo 0.2% di partenolide Usi Prevenzione degli attacchi di emicrania

66 Farmacologia Inibisce la liberazione di serotonina da piastrine attivate Inibisce la degranulazione dei leucociti Inibisce la attivazione di NFkB Principi attivi Partenolide Altri lattoni sesquiterpenici? Flavonoidi?

67 Studi clinici Diversi studi clinici in doppio cieco hanno evidenziato l efficacia nel prevenire gli attacchi di emicrania Le preparazioni devono generalmente contenere almeno 0.2% di partenolide, anche se questo potrebbe non essere l unico composto attivo Reazioni avverse/ controindicazioni Ulcere orali e disturbi astrointestinali utilizzando foglie fresche Da non usare per più di 8 mesi consecutivi Da non usare in gravidanza, allattamento, bambini <12a Da non assumere con anticoagulanti o in caso di ridotta funzionalità piastrinica (effetto anticoagulante) Dosi 125 mg al giorno di droga secca standardizzata allo 0.2% di partenolide

68 SESQUITERPENI Valeriana Droga: organi sotterranei di Valeriana officinalis raccolte in aprile o agosto-settembre, mondate, lavate ed essiccate, anche in essiccatoi a temperature non >40 C. 15% in sostanze estrattive ottenute per macerazione in acqua-alcol per 2 ore. Contiene 3-5 ml/kg di olio essenziale di cui lo 0.17% rappresentato da acidi sesquiterpenici espressi come acido valerenico. Usi Sedativo Insonnia, affaticamento

69 Farmacologia Letteratura abbondante e ricca di contraddizioni Deprimente il CNS. Sesquiterpeni e valepotriati si legano al recettore delle benzodiazepine, ma non ha gli effetti collaterali delle benzodiazepine: crisi da astinenza del tipo di quelle osservate con le benzodiazepine si osservano solo dopo sospensione di dosi molto elevate di valeriana. Si osserva anche una inibizione del metabolismo del GABA nel CNS. I valepotriati sono distrutti in ambiente gastrico, ma i metaboliti (baldrinale) conservano una attività sufficiente I valpotriati sono citotossici e mutageni in vitro Principi attivi Non certamente identificati, ma includono sesquiterpeni (acido valerenico, valeranone, velerenale) e iridoidi (valepotriati: valtrato, diidrovaltrato; particolarmente instabili)

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Le piante officinali in Sicilia: distribuzione ed utilizzo

Le piante officinali in Sicilia: distribuzione ed utilizzo Le piante officinali in Sicilia: distribuzione ed utilizzo 27 gennaio 2005 2% 2% 2% 2% 3% 3% Ripartizione in famiglie delle principali specie officinali spontanee presenti in Sicilia (totale delle 9 province)

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

La corretta alimentazione

La corretta alimentazione La corretta alimentazione www.salute.gov.it 2 Tutta la comunità scientifica è d accordo sul fatto che esista uno stretto legame tra una corretta alimentazione e una vita in buona salute. Per mantenersi

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Biochimica della Nutrizione

Biochimica della Nutrizione Università di Roma Tor Vergata - Scienze della Nutrizione Umana Biochimica della Nutrizione Prof.ssa Luciana Avigliano 2011 VITAMINA C VITAMINA E VITAMINA C: FUNZIONA DA AGENTE RIDUCENTE Donatore monoelettronico

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti

Gruppo Mangiarsano Germinal. Book prodotti Gruppo Mangiarsano Germinal Book prodotti Il Gruppo MangiarsanoGerminal opera nel mercato dei prodotti biologici e salutistici con un unica missione: prendersi cura della salute dell uomo e dell ambiente.

Dettagli

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI:

STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: STUDI PRELIMINARI COMPARATIVI SULLA BIODISPONIBILITA E CAPACITA DI PERMEARE LA PELLE DI: - RETINOLO PURO - RETINOLO IN LIPOSOMI - RETINOLO IN LIPOSYSTEM COMPLEX - RETINOLO IN CYCLOSYSTEM COMPLEX - VITAMINA

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale

2. Stress ossidativo & bilancio nutrizionale 2.1 Vitamine & antiossidanti 2.2 Elementi in traccia ed enzimi STRESS OSSIDATIVO & BILANCIO NUTRIZIONALE R Alimentazione : vitamine e carotenoidi, Antiossidanti : lipofilici Vitamine & antiossidanti ZVIT

Dettagli

Meccanismi di azione degli antiossidanti

Meccanismi di azione degli antiossidanti Meccanismi di azione degli antiossidanti Materiali rganici Sistemi biologici Lipidi, Proteine, Acidi Nucleici Alimenti Polimeri Materiali plastici, Gomme Lubrificanti Idrocarburi Carburanti Degradazione

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI

I PRINCIPI NUTRITIVI SICUREZZA ALIMENTARE PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI I PRINCIPI NUTRITIVI PROTEINE LIPIDI GLUCIDI VITAMINE SALI MINERALI SICUREZZA ALIMENTARE DIETA CORRETTA TOSSINFEZIONI ALIMENTARI ALTRI RISCHI LEGATI AL CONSUMO DI ALIMENTI I PRINCIPI NUTRITIVI I principi

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI

UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI POSTER con 10 consigli inclusi UTILIZZO IN SICUREZZA DEI GUANTI nella gestione dei solventi in collaborazione con ESIG European Solvents Industry Group (ESIG) è un associazione che rappresenta i principali

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Pane 100% farina di grano saraceno

Pane 100% farina di grano saraceno Questa ricetta l'ho elaborata grazie ai preziosi consigli di un grande chef e amico, ovvero il titolare del Ristorante dal Sem ad Albissola Superiore Sv (http://www.ristorantedasem.it/). Uno sguardo al

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale

Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale Cibo e salute: le scelte alimentari che promuovono o contrastano la progressione tumorale L attuale impressionante diffusione delle patologie tumorali è diretta conseguenza del mutato contesto ambientale

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Potere calorifico al kg: materiali

Potere calorifico al kg: materiali Potere calorifico al kg: materiali INDICE MATERIALI PESO POTERE CALORIFICO kg/mc kcal/kg MJ/kg A Abiti 800 4998 21 A Abiti appesi (al metro lineare) - 121380 510 A Acetaldeide (gas) 1519 6197,52 26,04

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche

Farmaci psicoattivi. Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi Farmaci stimolanti o sedativi capaci di influenzare la psiche Farmaci psicoattivi eurolettici (antipsicotici) Trovano impiego nel trattamento delle psicosi Rappresentativi della classe

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione

Antiossidanti endogeni. fotoprotezione Pietro Santoianni Professore Emerito di Dermatologia Docente nel Dottorato di Ricerca in Dermatologia Sperimentale Dipartimento di Patologia sistematica, Sezione di Dermatologia Università di Napoli Federico

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Catalizzatore Kjeldahl(Se) pastiglie 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli