Capitolo 7 Il costo di produzione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 7 Il costo di produzione"

Transcript

1 Temi da discutere Capitolo 7 Il costo di produzione Misurazione dei costi: quali costi I costi nel Curve di costo di breve e di lungo periodo Misurazione dei costi: quali costi Costi economici e costi contabili contabile Spese effettive più spese di ammortamento dei beni capitali economico inclusivo del costo opportunità Misurazione dei costi: quali costi opportunità associato con le possibilità di guadagno cui l impresa rinuncia non destinando le proprie risorse al migliore impiego alternativo. Misurazione dei costi: quali costi Esempio Una impresa possiede l edificio dove risiede e dunque non paga alcun affitto Questo significa che il costo della occupazione degli spazi utilizzati è nullo? Misurazione dei costi: quali costi Costi irrecuperabili Spese che sono state sostenute e che non possono essere recuperate. Queste spese non dovrebbero influenzare le decisioni dell impresa.

2 Misurazione dei costi: quali costi Un nuovo edificio per la facoltà di legge Un esempio Un impresa paga $ di caparra per l acquisto di un edificio. L edificio costa in totale $5,5 milioni. L impresa trova un altro edificio per $5,25 milioni. Quale edificio dovrebbe acquistare? La facoltà di legge della Northwestern University 1) è collocata nella downtown di Chicago 2) Una collocazione alternativa è Evanston, assieme al campus principale Un nuovo edificio per la facoltà di legge Un nuovo edificio per la facoltà di legge La facoltà di legge della Northwestern University 3) Scelta del sito Possiede il terreno a Chicago Deve comprare il terreno a Evanston Il sito di Chicago è preferibile se non si considera il costo opportunità del terreno La facoltà di legge della Northwestern University 3) Scelta del sito La collocazione a Chicago è molto costosa Si giustifica solo se c è un valore intrinseco nello stare a Chicago ltrimenti, conviene vendere i terreni a Chicago e acquistare a Evanston Misurazione dei costi: quali costi Costi fissi e variabili Il prodotto totale è funzione di inputs fissi e variabili. Perciò il costo totale di produzione è la somma di costi fissi e costi variabili: CT = CF + CV Misurazione dei costi: quali costi Costi fissi e variabili fisso Non varia con il livello dell output variabile Varia al variare dell output

3 Misurazione dei costi: quali costi fisso pagato da una impresa per il solo fatto di essere in affari, anche se la produzione è zero irrecuperabile sostenuto che non può essere recuperato. Non va confuso con il costo fisso. Misurazione dei costi: quali costi Personal Computers: la maggior parte dei costi sono variabili Componenti, lavoro Software: molti costi sono irrecuperabili di sviluppare il software Misurazione dei costi: quali costi Pizza La maggiore componente di costo è fissa I costi di di una impresa ($) costo costo costo costo costo costo Output fisso variabile totale marginale medio medio medio (CF) (CV) (CT) (C ) fisso variabile totale (CMF) (CMV) (CMT) ,7 32,7 49, , , , , , , ,3 25,5 31, ,6 26,9 32, , ,5 I costi nel I costi nel Il costo marginale (C ) è il costo di aumentare l output di una unità. Dato che i costi fissi non hanno impatto sul costo marginale, esso può essere scritto come: C = ΔCV/ΔQ = ΔCT/ΔQ Il costo medio totale (CMT) è il costo per unità di output, o il costo medio fisso (CMF) più il costo medio variabile (CMV): CMT = CMF + CMV = CFT/Q + CVT/Q

4 I costi nel I costi nel Le determinanti del costo di breve periodo I costi si comportano diversamente a seconda che vi siano rendimenti crescenti o rendimenti decrescenti. Le determinanti del costo di Rendimenti crescenti L output cresce relativamente all input (o agli inputs); perciò i costi variabili e totali si riducono rispetto all output. Rendimenti decrescenti L output si riduce relativamente all input (o agli inputs); perciò i costi variabili e totali crescono rispetto all output. I costi nel Esempio: supponiamo che il saggio di salario (w) non cambi all aumentare dei lavoratori assunti. Quindi: CV = wl C = ΔCV/ΔQ = wδl/δq = w/p L I costi nel In conclusione: un basso prodotto marginale implica un alto costo marginale e viceversa. I costi nel Dalla tabella: C inizialmente si riduce (rendimenti crescenti) Da 0 a 4 unità di output C da un certo punmto in poi cresce (rendimenti decrescenti) Da 5 a 11 unità di output I costi di di una impresa ($) costo costo costo costo costo costo Output fisso variabile totale marginale medio medio medio (CF) (CV) (CT) (C ) fisso variabile totale (CMF) (CMV) (CMT) ,7 32,7 49, , , , , , , ,3 25,5 31, ,6 26,9 32, , ,5

5 Le curve di costo Le curve di costo ($ anno) Il costo totale è la somma verticale di costo fisso e variabile TC VC Il costo variabile cresce con la produzione ad un tasso che varia a seconda che vi siano rendimenti crescenti o decrescenti. ($ anno) C CMT CMV Il costo fisso non varia con l output FC Output CMF Output (unità/anno) Le curve di costo Le curve di costo La linea dall origine ad un punto della curva di costo variabile La pendenza è CMV La pendenza di un punto su CV è C Perciò, C = CMV a 7 unità di output (punto ) P CT 400 CV CF Output Costi unitari CMF si riduce sempre Quando C < CMV o C < CMT, CMV & CMT calano Quando C > CMV o C > CMT, CMV & CMT crescono ($ per unità) 100 MC TC VC 25 FC Output (unità/anno)) Le curve di costo di gestione-fusione dell alluminio ($/t. - con output 600 t./giorno) Costi unitari C = CMV e CMT al minimo CMV e CMT Il minimo CMV si ha in corrispondenza di un output inferiore a causa del costo medio fisso ($ per unità) 100 MC TC VC 25 FC Output (unità-anno)) Costi variabili medi costanti per tutti i livelli di output Elettricità $316 llumina 369 ltre materie prime 125 Energia elettrica e comb. 10 Subtotale $820

6 di gestione-fusione dell alluminio ($/t. - con output 600 t./giorno) Il costo variabile di breve nella fusione dell alluminio Costi variabili medi che aumentano quando l output supera le 600 t./giorno ($ per t.) Lavoro $150 Manutenzione 120 Trasporti 50 Subtotale $320 Totale costi operativi $ C CMV Output (t./giorno) Il costo di uso del capitale d uso del capitale = Deprezza- mento + Tasso di interesse Valore del capitale Il costo di uso del capitale Esempio Delta compra per 150 milioni di $ un Boeing 737 con una vita attesa di 30 anni Deprezzamento economico annuale = $150 milioni /30 = $5 milioni Tasso di interesse = 10% Il costo di uso del capitale Esempio d uso del capitale = $5 milioni + (0,10)($150 milioni deprezzamento) 1 o anno = $5 milioni + (0,10)($150 milioni) = $20 milioni Il costo di uso del capitale Tasso per dollaro di capitale r = Tasso di deprezzamento + tasso di interesse 10 o = $5 milioni + (0,10)($100 milioni) = $15 milioni

7 Il costo di uso del capitale Esempio Tasso di deprezzamento = 1/30 = 3,33% annuo Tasso di rendimento = 10% annuo di utilizzo del capitale r = 3, = 13,33% annuo La scelta della combinazione ottima dei fattori ssunzioni Due inputs: lavoro (L) e capitale (K) Prezzo del lavoro: tasso di salario (w) Prezzo del capitale r = tasso di deprezzamento + tasso di interesse The La scelta User Cost della of combinazione Capital ottima dei fattori Problema Se il capitale fosse preso in affitto, cambierebbe il valore di r? La The scelta User della Cost combinazione of Capital ottima dei fattori La curva di isocosto C = wl + rk Isocosto: è il luogo di tutte le combinazoni di L e K che possono essere acquistate con lo stesso costo complessivo Scelta dei fattori La curva di isocosto Riscriviamo l equazione della curva esprimendo K in funzione di L: K = C/r - (w/r)l Pendenza dell isocosto: Rapporto fra tasso di salario e costo di utilizzo del capitale. Esprime il tasso al quale è possibile sostituire capitale a lavoro senza cambiare il costo. Come possiamo minimizzare il costo per un dato livello dell output? Possiamo risolvere il problema combinando le curve di isocosto con gli isoquanti

8 Produrre un dato output al costo minimo Cambiamento del prezzo di un input Capitale annuo Q 1 è un isoquanto per l output Q 1. la curva di isocosto C 0 mostra tutte le combinazioni di K e L che hanno costo C 0 Capitale annuo Se il salario aumenta, gli isocosti diventano più inclinati per il cambiamento della pendenza -(w/l). C O C 1 C 2 sono tre linee di isocosto K 2 L isoquanto Q 1 mostra che la quantità Q 1 può essere prodotta anche con le combinazioni K 2, L 2 e K 3,L 3. Tuttavia, entrambe Costano di più di K 1,L 1. K 2 B Ciò modifica la combinazione ottima di K ed L per produrre Q 1. La nuova combinazione B contiene meno lavoro della vecchia combinazione. K 1 K 1 K 3 Q 1 Q 1 C 0 C 1 C 2 C 2 C 1 L 2 L 1 L 3 Lavoro annuo L 2 L 1 Lavoro annuo Isoquanti, isocosti e funzione di produzione SMST = - ΔK / ΔL = P L / P K ΔK / ΔL = - w / r P L / P K = w / r La condizione di minimizzazione può anche essere scritta come P L / w = P K / r Un euro aggiuntivo speso nel fattore lavoro deve accrescere l output come un euro aggiuntivo speso in capitale. L effetto di una tassa sugli effluenti Problema Se w = $10, r = $2, e P L = P K, quale input dovrebbe essere più utilizzato? Perché? Gli effluenti sono sottoprodotti inquinanti del processo produttivo. Una tassa sugli effluenti è una tassa proporzionale alla quantità di effluenti prodotta. Come deve reagire l impresa di fronte alla tassa?

9 L effetto di una tassa sugli effluenti Lo scenario: produzione di acciaio 1) Collocata su un fiume: basso costo per lo smaltimento degli scarti di produzione (effluenti). 2) L EP impone una tassa per ridurre l inquinamento. L effetto di una tassa sugli effluenti Capitale (ore macchina mensili) Pendenza dell isocosto = -10/40 = - 0,25 Output di 2000 t. Di acciaio al mese cqua reflua (galloni/mese) L effetto di una tassa sugli effluenti L effetto di una tassa sugli effluenti Capitale (ore macchina mensili) F Pendenza dell isocosto = -20/40 = -0,50 B Prima dell intervento regolativo le imprese scelgono di produrre galloni d acqua iquinata e 2000 ore-macchina di capitale in. In seguito alla tassa di $10 al gallone la pendenza dell isocosto cambia. La combinazione ottima è ora B. Osservazioni: Più sostituibili sono i fattori, maggiore è l effetto della tassa nel ridurre la produzione di effluenti. Più sostituibili sono i fattori, meno l impresa dovrà pagare E C Output di 2000 t. Di acciaio al mese cqua reflua (galloni/mese) Minimizzazione dei costi al variare dell output Il sentiero di espansione di un impresa mostra le combinazioni di lavoro e capitale di minimo costo per ogni livello dell output. Il sentiero di espansione Capitale annuo Il sentiero di espansione illustra le combinazioni di minimo costo di lavoro e capitale che si possono usare per produrre tutti i livelli di linea di socosto per $3000 output nel lungo periodo. Linea di isocosto per $2000 B C Isoquanto 200 unità Sentiero di espansione Isoquanto corrispondente a 300 unità Lavoro annuo

10 La curva di costo totale di lungo periodo annuo E F Cosa accade al costo medio quando entrambi gli inputs sono variabili (lungo periodo) rispetto alla situazione in cui un solo input è variabile? 1000 D Output, Unità annue La rigidità della produzione nel breve periodo Capitale annuo E C medio di lungo periodo (CM LP ) Rendimenti costanti di scala K 2 Sentiero di lungo periodo Sentiero di P Se gli inputs raddoppiano l output (massimo) raddoppia e dunque il costo medio è costante per tutti i livelli di output. K 1 Q 2 L 1 L 2 B L 3 D Q 1 F Lavoro annuo medio di lungo periodo (CM LP ) Rendimenti crescenti di scala Se gli inputs raddoppiano l output più che raddoppia e dunque il costo medio è decrescente per tutti i livelli di output. medio di lungo periodo (CM LP ) Rendimenti decrescenti di scala Se gli inputs raddoppiano l output meno che raddoppia e dunque il costo medio è crescente per tutti i livelli di output.

11 medio di lungo periodo (CM LP ) Nel lungo periodo le imprese spesso sperimentano dapprima rendimenti crescenti e oltre un certo output rendimenti decrescenti di scala. Perciò la curva di costo medio ha la forma di una U. medio di lungo periodo (CM LP ) Il costo marginale di lungo periodo guida il costo medio di lungo periodo Se C LP < CM LP, CM LP scende Se C LP > CM LP, CM LP sale Perciò, se C LP = CM LP, CM LP ha raggiunto il suo minimo Costi medi e marginali di lungo periodo ($ per unità di output) C LP CM LP Problema Qual è la relazione fra costo medio e marginale di lungo periodo quando il costo medio è costante? Output Economie e diseconomie di scala Economie di scala L output aumenta più degli inputs. Diseconomie di scala L output aumenta meno degli inputs. Misurare le economie di scala E C = elasticità del costo rispetto all output = (ΔC / ΔQ) / (C / Q) = C / CM

12 Perciò: E C < 1: C < CM Ci sono economie di scala E C = 1: C = CM Ci sono rendimenti costanti di scala E C > 1: C > CM Ci sono diseconomie di scala La relazione tra curve di costo di e di lungo periodo Useremo il lungo periodo per determinare la dimensione ottima degli impianti Costi di lungo con rendimenti costanti Costi di lungo con rendimenti costanti ($ per unità di output CM BP1 La curva di costo marginale coincide con la curva di costo medio ed è una retta orizzontale C BP1 C BP2 CM BP2 C BP3 CM BP3 CM LP = C LP Osservazione La dimensione ottima dell impianto dipende dalla produzione attesa (ad es. se ci aspettiamo di produrre Q 1 scegliamo CM BP1 ). La curva di costo medio di lungo periodo è l inviluppo delle curve di costo medio di breve. Q 1 Q 2 Q 3 Output Costi di lungo con rendimenti crescenti e decrescenti Costi di lungo con rendimenti costanti ($ per unità di output $10 $8 CM BP1 C LP C BP1 B C BP2 CM BP3 CM LP CM BP2 Se l output è Q 1 un manager C BP3 sceglierebbe il piccolo impianto 1 e il costo medio di breve sarebbe $8. Osservazioni La curva di lungo non include i punti di minimo delle curve di breve. Il costo marginale di lungo periodo non è l inviluppo delle curve di costo marginale di breve. Q 1 Output

13 Cambiamenti nei costi la curva di apprendimento La curva di apprendimento La curva di apprendimento misura l impatto della esperienza dei lavoratori sui costi di produzione. Essa descrive la relazione tra la produzione cumulativa e l ammontare di inputs necessaria a produrre una unità di output. Ore di lavoro per macchina Numero di macchine prodotte La curva di apprendimento Cambiamenti nei costi la curva di apprendimento L asse orizzontale misura il numero di macchine che l impresa ha prodotto nella sua vita L asse verticale misura misura il numero di ore di lavoro necessarie per produrre una macchina Ore di lavoro per macchina La curva di apprendimento della figura corrisponde alla relazione L = + BN -β N = unità cumulative di output prodotto L = lavoro per unità di prodotto, B, β sono costanti, B > 0; 0 < β < 1 Cambiamenti nei costi la curva di apprendimento Se N = 1 L è uguale ad + B e questo misura l input di lavoro necessario per produrre la prima unità di output Se β = 0 L input di lavoro rimane costante al crescere di N, per cui non c è apprendimento Cambiamenti nei costi la curva di apprendimento Se β > 0 e N aumenta L si avvicina ad, e rappresenta il minimo rapporto lavoro/output dopo che tutto l apprendimento ha avuto luogo. Maggiore è β Più importante è l effetto dell apprendimento.

14 La curva di apprendimento Cambiamenti nei costi la curva di apprendimento Ore di lavoro per macchina La figura mostra una discesa ripida fino a 20 macchine, poi risparmi di lavoro inferiori Un raddoppio dell output cumulativo causa una riduzione del 20% del rapporto tra l input necessario e il minimo input necessario raggiungibile () Osservazioni 1) Nuove imprese possono sperimentare una curva di apprendimento (connessa all output cumulativo), da non confondere con economie di scala (connesse all output annuo). 2) Le vecchie imprese hanno poco da guadagnare dall apprendimento Numero di macchine prodotte Economie di scala e apprendimento Prevedere il lavoro necessario per produrre un dato output ($ per unità di output) Output cumulativo Lavoro per unità di ouput necessario Lavoro totale (N) per 10 unità di Output (L) necessario pprendimento C Economie di scala B CM 1 CM 2 Output 10 1,00 10,0 20 0,80 18,0 (10,0 + 8,0) 30 0,70 25,0 (18,0 + 7,0) 40 0,64 31,4 (25,0 + 6,4) 50 0,60 37,4 (31,4 + 6,0) 60 0,56 43,0 (37,4 + 5,6) 70 0,53 48,3 (43,0 + 5,3) 80 e più 0,51 53,4 (48,3 + 5,1) Cambiamenti nei costi la curva di apprendimento La curva di apprendimento in pratica La curva di apprendimento implica: 1) Il lavoro necessario per unità prodotta si riduce. 2) I costi sono più alti all inizio dell attività e in seguito si riducono. 3) Dopo 8 anni il lavoro necessario per unità di output è 0.51 e il costo unitario è la metà di quello necessario il primo anno. Scenario Una nuova impresa entra nell industria chimica. Deve: 1) Produrre poco e vendere a prezzi alti? 2) Produrre molto e vendere a prezzi bassi?

15 La curva di apprendimento in pratica La curva di apprendimento in pratica La vostra decisione è influenzata dalla curva di apprendimento? Empiricamente si è verificato che In base ad uno studio su 37 prodotti chimici Il costo medio si riduce del 5.5% annuo Per un raddoppio della dimensione degli impianti, il costo medio di produzione scende dell 11% Un raddoppio dell output cumulativo comporta una riduzione del costo medio del 27% La curva di apprendimento in pratica La curva di apprendimento in pratica ltri risultati di stime empiriche Nella industria dei semiconduttori uno studio su sette generazioni di semiconduttori DRM tra il 1974 e il 1992 ha trovato tassi medi di apprendimento del 20% per un aumento del 100% dell output cumulativo. Nella industria areonautica sono stati stimati tassi di apprendimento del 40%. E necessario tener conto della curva di apprendimento 1) per valutare se è profittevole entrare in una industria; 2) per valutare quando si inizia a fare profitti con riferimento all output cumulativo. Riassunto Riassunto I manager, gli imprenditori e gli economisti devono tener conto del costo opportunità associato all uso delle risorse dell impresa. Le imprese nel hanno costi fissi e costi variabili. Nel, con un solo input variabile, la presenza di rendimenti marginali decrescenti determina la forma delle curve di costo. Nel lungo periodo, tutti gli inputs sono variabili, e l impresa deve combinare gli inputs in modo da minimizzare i costi.

16 Riassunto Riassunto Il sentiero di espansione dell impresa descrive la combinazione degli inputs di minimo costo al variare della scala di produzione. La curva di costo medio di lungo periodo è l inviluppo delle curve di costo medio di. Un impresa gode di economie di scala quando può raddoppiare l output senza raddoppiare i costi. Il costo di produzione di un impresa si riduce nel tempo se l impresa impara come produrre in modo più efficiente. Fine del capitolo 7 Il costo di produzione

Il costo di produzione

Il costo di produzione Capitolo 7 Il di produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 7 1 Questo file (con nome cap_07.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Costo marginale e costo medio. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Costo marginale e costo medio. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Costo marginale e costo medio 1 Costo marginale (C ) Incremento di costo risultante dalla produzione di una unità di output in più. Poiché il costo fisso non cambia al variare del livello di produzione

Dettagli

I COSTI NEL BREVE PERIODO

I COSTI NEL BREVE PERIODO Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

I Costi di Produzione

I Costi di Produzione I Costi di Produzione Misurazione del costi: di quali costi tenere conto? I costi nel breve periodo I costi nel lungo periodo Curve di costo nel lungo e nel breve periodo a confronto Produzione di due

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 5 a Edizione Copyright 2010 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene ricordare che la categoria

Dettagli

Programma delle Lezioni

Programma delle Lezioni UniversitàdegliStudidi Bologna Facoltà di Scienze Politiche Corsodi Laureain ScienzePolitiche, Sociali e Internazionali Microeconomia (A-E) Matteo Alvisi Parte 3 LA TEORIA DELL IMPRESA (b) CURVE DI COSTO

Dettagli

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 7. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 7 Continuiamo ad acquisire gli strumenti che ci permetteranno di studiare la scelta ottimale dell impresa. In questo capitolo vengono trattati i costi dell impresa. Usando la funzione di produzione

Dettagli

I costi. Costi economici vs. costi contabili

I costi. Costi economici vs. costi contabili I costi Costi economici vs. costi contabili I costi economici connessi alla produzione di una certa quantità di output Y includono tutte le spese per i fattori produttivi. In altre parole, i costi economici

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI

I COSTI PROF. MATTIA LETTIERI I COSTI ROF. MATTIA LETTIERI Indice 1. LE FUNZIONI DI COSTO --------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2. I COSTI DELL IMRESA NEL BREVE ERIODO

Dettagli

La Massimizzazione del profitto

La Massimizzazione del profitto La Massimizzazione del profitto Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. Ora vedremo un modello per analizzare le scelte di quantità prodotta e come produrla.

Dettagli

La Minimizzazione dei costi

La Minimizzazione dei costi La Minimizzazione dei costi Il nostro obiettivo è lo studio del comportamento di un impresa che massimizza il profitto sia in mercati concorrenziali che non concorrenziali. Ora vedremo la fase della minimizzazione

Dettagli

Lezione 3 Esercitazioni

Lezione 3 Esercitazioni Lezione 3 Esercitazioni Forlì, 26 Marzo 2013 Teoria della produzione Esercizio 1 Impiegando un fattore produttivo (input) sono stati ottenuti i livelli di produzione (output) riportati in tabella. Fattore

Dettagli

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI

MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 MINIMIZZAZIONE DEI COSTI Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it Web: http://docenti.unimc.it/docenti/fabio-clementi

Dettagli

I Costi di Produzione

I Costi di Produzione I Costi di Produzione Prologo: (Capitolo 7 del libro di testo di micro) Nelle lezioni precedenti abbiamo discusso del processo produttivo e cioè di quel processo che trasforma gli input in output. Tenete

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Il comportamento del produttore

Il comportamento del produttore Unità 2 Il comportamento del produttore 1 Indice Ambito I fattori produttivi La funzione di produzione Il mercato concorrenziale 2 Ambito La teoria del produttore si occupa di studiare il comportamento

Dettagli

Lezione 10 Funzione di produzione ed

Lezione 10 Funzione di produzione ed Corso di Economica Politica prof. S. Papa Lezione 10 Funzione di produzione ed efficienza economica Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Costi e produzione 102 Da che dipendono i costi? Dipendono

Dettagli

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl

Capitolo 10 Costi. Robert H. Frank Microeconomia - 4 a Edizione Copyright 2007 - The McGraw-Hill Companies, srl Capitolo 10 Costi COSTI Occorre collegare la produzione dell impresa ai costi sostenuti per realizzarla, sia nel breve, sia nel lungo periodo Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori

Dettagli

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI

Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale. G. Pignataro Microeconomia SPOSI Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale 1 Mercati perfettamente concorrenziali 1. Price taking Poiché ogni impresa vende una porzione relativamente piccola della produzione complessiva del

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1

Capitolo 8. La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale. F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Capitolo 8 La massimizzazione del profitto e l offerta concorrenziale F. Barigozzi Microeconomia CLEC 1 Argomenti trattati nel capitolo I mercati in concorrenza perfetta La massimizzazione del profitto

Dettagli

1 La scelta ottimale dei fattori produttivi e la funzione di costo di lungo periodo

1 La scelta ottimale dei fattori produttivi e la funzione di costo di lungo periodo 1 La scelta ottimale dei fattori produttivi e la funzione di costo di lungo periodo 1.1 La soluzione analitica Il problema dell impresa è quello di scegliere la combinazione migliore degli inputs al fine

Dettagli

COSTI, RICAVI E PROFITTI

COSTI, RICAVI E PROFITTI COSTI, RICAVI E PROFITTI L obiettivo dell impresa è la massimizzazione dei profitti. I profitti sono dati dalla differenza tra i ricavi e i costi. Al variare della quantità prodotta, q, variano sia i costi

Dettagli

Mercati di concorrenza perfetta

Mercati di concorrenza perfetta Mercati di concorrenza perfetta Capitolo 14 Significato di concorrenza Un mercato perfettamente concorrenziale ha le seguenti caratteristiche: Alto numero di compratori e venditori. I beni offerti sono

Dettagli

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi

Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Capitolo 8 La teoria dell offerta: tecnologia di produzione e costi Trasparenti tratti, con modifiche e integrazioni, da: David Begg, Stanley Fischer e Rudiger Dornbusch, Economia, cap.8 McGraw-Hill, 2001

Dettagli

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi

Capitolo 6. Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Capitolo 6 Offerta in concorrenza perfetta: il lato dei costi Costo opportunità Adalberto può guadagnare 6 all ora come cameriere; in alternativa può effettuare raccolta per riciclaggio al prezzo di 2

Dettagli

Istituzioni di Economia

Istituzioni di Economia Corso di laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia I costi di produzione (Capitolo 13) I costi di produzione La legge dell offerta P Offerta Le imprese sono disposte a produrre e vendere quantità

Dettagli

La teoria dell offerta

La teoria dell offerta La teoria dell offerta Tecnologia e costi di produzione In questa lezione approfondiamo l analisi del comportamento delle imprese e quindi delle determinanti dell offerta. In particolare: è possibile individuare

Dettagli

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente.

Determinare il livello produttivo che consente di rendere minimo il costo medio, nonché il suo valore corrispondente. ESERCIZI SVOLTI SU COMPORTAMENTO DELL IMPRESA di G.Garofalo 1. Nota la funzione di costo totale CT = 1 + 3 + 70 Determinare le funzioni di costo: - fisso e medio fisso - variabile e medio variabile - medio

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del Profitto e offerta concorrenziale Mercati perfettamente concorrenziali Massimizzazione del profitto Ricavo marginale, costo marginale e massimizzazione del profitto La scelta di produzione

Dettagli

Risposte agli esercizi del Capitolo 6

Risposte agli esercizi del Capitolo 6 Risposte agli esercizi del Capitolo 6 Se non siete in grado di rispondere correttamente a qualche esercizio, è opportuno che rileggiate le pagine che la precedono prima di proseguire. 6.1 Se Raffaele non

Dettagli

CAPITOLO 10 I SINDACATI

CAPITOLO 10 I SINDACATI CAPITOLO 10 I SINDACATI 10-1. Fate l ipotesi che la curva di domanda di lavoro di una impresa sia data da: 20 0,01 E, dove è il salario orario e E il livello di occupazione. Ipotizzate inoltre che la funzione

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

La produzione. Produzione

La produzione. Produzione La produzione Produzione > La produzione è attività che consiste nella combinazione di fattori produttivi (input) e nella loro trasformazione in prodotti (output) direttamente consumabili destinati ad

Dettagli

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti SMST. Rendimenti di scala

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti SMST. Rendimenti di scala Produzione Concetti chiave Funzione di produzione Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori Isoquanti SMST Rendimenti di scala 1 L obiettivo dell impresa L impresa vuole massimizzare

Dettagli

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti. Rendimenti di scala. Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori

Produzione Concetti chiave Funzione di produzione. Isoquanti. Rendimenti di scala. Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori Produzione Concetti chiave Funzione di produzione Prodotto totale, marginale Rendimenti marginali dei singoli fattori Isoquanti SMST Rendimenti di scala 1 ricordiamo L obiettivo dell impresa L impresa

Dettagli

CORSO SERALE DI ECONOMIA POLITICA - anno accademico 2005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FILIPPIN

CORSO SERALE DI ECONOMIA POLITICA - anno accademico 2005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FILIPPIN CORSO SERAE DI ECONOMIA POITICA - anno accademico 005-06 Facoltà di Scienze Politiche - Università degli Studi di Milano ANTONIO FIIPPIN EZIONE 15. TEORIA DE IRESA (CAPITOO 9) I SAGGIO MARGINAE DI SOSTITUZIONE

Dettagli

Economia Politica Lezioni 9-11

Economia Politica Lezioni 9-11 Economia Politica ezioni 9-11 e scelte delle imprese a massimizzazione dei profitti e la minimizzazione dei costi a funzione di produzione I fattori di produzione Il breve e il lungo periodo Rendimenti

Dettagli

Sommario del Capitolo 8. 1.Il costodilungoperiodo Costo totale Costimedie marginali Economie di scala. 2.Le curve dicostodibreveperiodo

Sommario del Capitolo 8. 1.Il costodilungoperiodo Costo totale Costimedie marginali Economie di scala. 2.Le curve dicostodibreveperiodo Le curve dicosto Sommario del Capitolo 8 1.Il costodilungoperiodo Costo totale Costimedie marginali Economie di scala 2.Le curve dicostodibreveperiodo 2 Curva del costo totale di lungo periodo La curva

Dettagli

I Costi di Produzione

I Costi di Produzione I Costi di Produzione Misurazione del costi: di quali costi tenere conto? I costi nel breve periodo I costi nel lungo periodo Curve di costo nel lungo e nel breve periodo a confronto Produzione di due

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 16 Offerta dell impresa Prof. Gianmaria Martini Offerta dell impresa La decisione di un impresa a riguardo della quantità

Dettagli

Ipotesi sulle preferenze

Ipotesi sulle preferenze La teoria delle scelte del consumatore La teoria delle scelte del consumatore Descrive come i consumatori distribuiscono i propri redditi tra differenti beni e servizi per massimizzare il proprio benessere.

Dettagli

Esercizi. per il corso di Microeconomia 1, a.a. 2005/06. + x 2. , b) U = x 1 3 + 3x 2. ; si calcoli l utilità marginale del bene x 1

Esercizi. per il corso di Microeconomia 1, a.a. 2005/06. + x 2. , b) U = x 1 3 + 3x 2. ; si calcoli l utilità marginale del bene x 1 Esercizi per il corso di Microeconomia 1, a.a. 2005/06 1. Data la seguente funzione di utilità U = 2x 1 + x 2 si calcoli l utilità marginale dei beni x 1 e x 2. UM(x 1 ) = U ( x 1 )= ( 2x 1 + x 2 ) = 2

Dettagli

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia

Corso di Economia Politica (a.a. 2007-8) Esercitazioni - Microeconomia Corso di Economia Politica (a.a. 007-8) Esercitazioni - Microeconomia Capitolo 6: Problemi 5, 6, 8, 9 Capitolo 7: Problemi 1,, 4 Capitolo 8: Problemi 3, 10 Capitolo 9: Problemi 3, 4, 7, 9 Capitolo 10:

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

Capitolo 5. La produzione e i costi

Capitolo 5. La produzione e i costi Capitolo 5 La produzione e i costi Spostiamo l'attenzione sulle imprese La natura delle imprese L'impresa è una organizzazione, posseduta e gestita da privati, specializzata nella produzione La produzione

Dettagli

Approfondimento 1 Le curve di costo

Approfondimento 1 Le curve di costo Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Approfondimento 1 Le curve di costo Prof. Coll. Renato Da Re Barbara Bolognesi Obiettivo della comunicazione La comunicazione

Dettagli

I costi d impresa (R. Frank, Capitolo 10)

I costi d impresa (R. Frank, Capitolo 10) I costi d impresa (R. Frank, Capitolo 10) COSTI Per poter realizzare la produzione l impresa sostiene dei costi Si tratta di scegliere la combinazione ottimale dei fattori produttivi per l impresa È bene

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila

Università degli Studi dell Aquila Università degli Studi dell Aquila Esame di Microeconomia 9 crediti 3 settembre 2014 Docente: Giuseppe Pace ISTRUZIONI Riempire i campi relativi a nome, cognome (IN STAMPATELLO) e matricola sulla griglia.

Dettagli

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore

Capitolo 3. Il comportamento del consumatore. Temi da discutere. Il comportamento del consumatore. Il comportamento del consumatore Temi da discutere Capitolo 3 Il comportamento del consumatore L utilità marginale Il comportamento del consumatore Due applicazioni che illustrano l importanza della teoria economica del consumatore sono:

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia AA. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Richiami di microeconomia La curva di domanda o Le scelte

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth?

SCAMBIO EFFICIENTE. Cos è la Scatola di Edgeworth? SCAMBIO EFFICIENTE Per determinare se l equilibrio competitivo soddisfa la condizione di scambio efficiente, dovremo sviluppare uno strumento grafico chiamato la Scatola di Edgeworth e utilizzato per descrivere

Dettagli

Lezione 12 Argomenti

Lezione 12 Argomenti Lezione 12 Argomenti Costi di produzione: differenza tra costo economico e costo contabile I costi nel breve periodo Relazione di breve periodo tra funzione di produzione, produttività del lavoro e costi

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi

Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Laboratorio di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Corso di Estimo a.a. 2007-08 Docente Renato Da Re Collaboratore: Barbara Bolognesi Microeconomia venerdì 29 febbraio 2008 La struttura della lezione

Dettagli

Domande a scelta multipla 1

Domande a scelta multipla 1 Domande a scelta multipla Domande a scelta multipla 1 Rispondete alle domande seguenti, scegliendo tra le alternative proposte. Cercate di consultare i suggerimenti solo in caso di difficoltà. Dopo l elenco

Dettagli

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico

Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Beni pubblici e beni privati forniti dal settore pubblico Obiettivi delle prossime due lezioni Che cosa distingue i beni pubblici, tipicamente forniti dal settore pubblico, dai beni forniti dal mercato?

Dettagli

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 8. Ricerca del profitto e mano invisibile. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 8 Ricerca del profitto e mano invisibile Mercati e motivazioni personali Non è dalla benevolenza del macellaio, del birraio, o del fornaio che ci aspettiamo il nostro desinare, ma dalla considerazione

Dettagli

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf)

Capitolo 6. La produzione. A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1. Questo file (con nome cap_06.pdf) Capitolo 6 La produzione A.A. 2013-2014 Microeconomia - Cap. 6 1 Questo file (con nome cap_06.pdf) può essere scaricato da siti e file elearning.moodle2.unito.it/esomas/course/ view.php?id=215 abbreviato

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano -Il modello dell istruzione 1 Il capitale umano Il modello dell istruzione L istruzione, come abbiamo visto, è associata a tassi di disoccupazione

Dettagli

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012

Microeconomia A-K, Prof Giorgio Rampa a.a. 2011-2012. Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 Svolgimento della prova scritta di Microeconomia AK del 19 settembre 2012 A DEFINIZIONI - Si definiscano sinteticamente i termini anche con l ausilio, qualora necessario, di formule e grafici. 1. Beni

Dettagli

Il processo di produzione

Il processo di produzione Facolta di Scienze Politiche Universita di Torino - Sede di Biella Corso di Economia Politica Lezione 6: I costi di produzione Prof.ssa Maria Laura Di Tommaso Dipartimento di Economia e Statistica Cognetti

Dettagli

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare

Esercizi Modulo Impresa. Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizi Modulo Impresa Corso di laurea Consulente del Lavoro e Giurista d'impresa UNIBS, a.a. 2012-2013 Prof.ssa Chiara Dalle Nogare Esercizio 1 lez.6 Una donna che lavora in un negozio di fotocopie guadagnando

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore

Lezione 5. Argomenti. Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore Lezione 5 Argomenti Premessa Vincolo di bilancio La scelta ottima del consumatore 5.1 PREESSA Nonostante le preferenze portino a desiderare quantità crescenti di beni, nella realtà gli individui non sono

Dettagli

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a Eleonora Pierucci

Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a Eleonora Pierucci Economia Politica Microeconomia (ECN0006) 10 CFU a.a. 2012-2013 Eleonora Pierucci eleonora.pierucci@unibas.it Decisioni di produzione I cos/ Classificazione dei costi Il costo totale rappresenta la spesa

Dettagli

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA

Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA Economia, Corso di Laurea Magistrale in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA QUARTA SETTIMANA SURPLUS del CONSUMATORE E utile poter disporre di una misura monetaria

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO

LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 LA MASSIMIZZAZIONE DEI PROFITTI NEL BREVE PERIODO 1 La nozione di breve e di lungo periodo Una assunzione rilevante della teoria del comportamento dell'impresa sviluppato in precedenza è che l'impresa

Dettagli

Produzione, costi, ricavi e profitti

Produzione, costi, ricavi e profitti 4 Produzione, costi, ricavi e profitti Che cosa vedremo in questo capitolo? La funzione di produzione e la legge della produttività marginale decrescente. La distinzione temporale tra breve e lungo periodo.

Dettagli

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ.

4. IMPRESA. 4.1. Un isoquanto è: 4.2. La retta di isocosto di un'impresa che usa macchine e lavoro inizialmente è PQ. 4. IMPRESA 4.1. Un isoquanto è: 1) L'insieme delle combinazioni di due beni il cui costo per il consumatore è costante 2) L'insieme delle combinazioni dei fattori della produzione che comportano il medesimo

Dettagli

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano

15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati. Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano 15. Analisi del rapporto tra costi, volumi e risultati Ragioneria Generale ed Applicata Sede di Fano UNO STRUMENTO PER L ANALISI CONGIUNTA DELL ANDAMENTO DEI COSTI, RICAVI, RISULTATI B.E.P.= break even

Dettagli

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda

Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Capitolo 10 Z Elasticità della domanda Sommario Z 1. L elasticità della domanda rispetto al prezzo. - 2. La misura dell elasticità. - 3. I fattori determinanti l elasticità. - 4. L elasticità rispetto

Dettagli

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso

Capitolo 5. La teoria della domanda. Soluzioni delle Domande di ripasso Capitolo 5 La teoria della domanda Soluzioni delle Domande di ripasso 1. La curva prezzo-consumo mostra l insieme dei panieri ottimi di due beni, diciamo X e Y, corrispondenti a diversi livelli del prezzo

Dettagli

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo

Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Microeconomia, Esercitazione 2 (26/02/204) Vincolo di bilancio del consumatore, paniere ottimo Dott. Giuseppe Francesco Gori Domande a risposta multipla ) Antonio compra solo due beni, sigarette e banane.

Dettagli

Il mercato di monopolio

Il mercato di monopolio Il monopolio Il mercato di monopolio Il monopolio è una struttura di mercato caratterizzata da 1. Un unico venditore di un prodotto non sostituibile. Non ci sono altre imprese che possano competere con

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni

Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Principi di Economia - Macroeconomia Esercitazione 3 Risparmio, Spesa e Fluttuazioni di breve periodo Soluzioni Daria Vigani Maggio 204. In ciascuna delle seguenti situazioni calcolate risparmio nazionale,

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ

LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ LA MASSIMIZZAZIONE DEL PROFITTO ATTRAVERSO LA FISSAZIONE DEL PREZZO IN FUNZIONE DELLE QUANTITÀ In questa Appendice mostreremo come trovare la tariffa in due parti che massimizza i profitti di Clearvoice,

Dettagli

L efficienza del mercato

L efficienza del mercato L efficienza del mercato I mercantilisti, Smith e il mercato Prima di Smith, era ampiamente diffusa l idea che il migliore raggiungimento dell interesse pubblico richiedesse un intervento attivo dello

Dettagli

Fallimenti del mercato: Il monopolio

Fallimenti del mercato: Il monopolio Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Fallimenti del mercato: Il monopolio Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Concorrenza imperfetta La concorrenza

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia.

ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia. ESEMPI DI DOMANDE per la prova scritta dell esame di Istituzioni di Economia. La prova scritta consta di dodici domande, formulate come test a risposta multipla. Una sola delle cinque risposte fornite

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Gli input sono detti anche fattori di produzione: terra, capitale, lavoro, materie prime.

Gli input sono detti anche fattori di produzione: terra, capitale, lavoro, materie prime. LA TECNOLOGIA Studio del comportamento dell impresa, soggetto a vincoli quando si compiono scelte. La tecnologia rientra tra vincoli naturali e si traduce nel fatto che solo alcuni modi di trasformare

Dettagli

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito:

RICERCA OPERATIVA. Questi due tipi di costi contribuiscono a determinare il costo totale di produzione così definito: RICERCA OPERATIVA Prerequisiti Rappresentazione retta Rappresentazione parabola Equazioni e disequazioni Ricerca Operativa Studio dei metodi e delle strategie al fine di operare scelte e prendere decisioni

Dettagli

Domanda e offerta di lavoro

Domanda e offerta di lavoro Domanda e offerta di lavoro 1. Assumere (e licenziare) lavoratori Anche la decisione di assumere o licenziare lavoratori dipende dai costi che si devono sostenere e dai ricavi che si possono ottenere.

Dettagli

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale

Discuteremo di. Domanda individuale e domanda di mercato. Scelta razionale Discuteremo di. La determinazione dell insieme delle alternative all interno del quale sceglie il consumatore La descrizione e la rappresentazione delle sue preferenze Come si determina la scelta ottima

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Esercitazione. Capp. 1-5

Esercitazione. Capp. 1-5 Esercitazione Capp. 1-5 Esercizio 1 Elencate e spiegate sinteticamente: 1. I principi che regolano le scelte individuali 2. I principi che regolano l interazione tra gli individui Risposta: 1. Quattro

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano - L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni 1 L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni La forma del profilo età guadagni

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza

Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza Capitolo 23: Scelta in condizioni di incertezza 23.1: Introduzione In questo capitolo studiamo la scelta ottima del consumatore in condizioni di incertezza, vale a dire in situazioni tali che il consumatore

Dettagli

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin

Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Corso di Politica Economica Europee Stefano Papa spapa@uniroma1.it Modello neoclassico per la specializzazione internazionale: Heckscher-Ohlin Facoltà di Economica Università di Roma Sapienza Da produttività

Dettagli