Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici"

Transcript

1 Recupero, esame critico, omogeneizzazione ed analisi di serie storiche secolari italiane di dati meteorologici M. Maugeri 1, M. Brunetti 2, L. Buffoni 3, F. Mangianti 4, F. Monti 1, T. Nanni 2, R. Pastorelli 1 1 Istituto di Fisica Generale Applicata, Università degli Studi Milano 2 Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima, CNR-ISAC Bologna 3 Osservatorio Astronomico di Brera, Milano 4 Ufficio Centrale di Ecologia Agraria, UCEA Roma Introduzione L esigenza di capire in quale misura le modulazioni di temperatura osservate nel corso del XX secolo siano da ricondurre a cause di natura antropica ha indotto la comunità scientifica ad indirizzare ampi sforzi verso lo studio dei processi che regolano il clima del nostro Pianeta. Nel loro complesso le ricerche condotte hanno evidenziato come il miglioramento della nostra capacità di comprendere l evoluzione del clima della Terra richieda lo sviluppo di nuovi modelli nonché l utilizzo di risorse di calcolo e di metodi numerici sempre più avanzati. Tuttavia risulta forse di importanza ancora maggiore l esame critico delle osservazioni di base e la stessa continuazione delle osservazioni, in quanto solo la minuziosa osservazione di ciò che accade nel presente e di ciò che è accaduto nel passato nei diversi comparti del sistema Terra, può consentirci di capire quali sono i processi e le interazioni fondamentali da considerare ai fini di una corretta comprensione dell evoluzione delle condizioni dell atmosfera. Una fonte molto importante di osservazioni è costituita dalle serie storiche di dati meteorologici. Obiettivi generali della ricerca Nella seconda metà degli anni 90 un gruppo di lavoro, costituito da ricercatori dell Istituto di Fisica Generale Applicata, dell Istituto per le Scienze dell Atmosfera e del Clima, dell Osservatorio Astronomico di Brera e dell Ufficio Centrale di Ecologia Agraria (UCEA), ha avviato un ampio programma di ricerche per il recupero, l omogeneizzazione e l analisi delle lunghe serie storiche italiane di dati meteorologici. Questo programma è stato condotto nell ambito di diversi progetti di ricerca nazionali ed internazionali. Nell ambito del progetto CLIMAGRI il gruppo si è proposto innanzitutto di procedere all ampliamento, al completamento, alla revisione critica ed all omogeneizzazione del database delle serie storiche secolari italiane di dati termometrici, pluviometrici e barometrici. Tutti questi obiettivi sono stati conseguiti nel corso dei primi due anni della ricerca. Un ulteriore obiettivo raggiunto nel primo biennio del progetto è consistito nella costruzione di alcune serie regionali rappresentative di aree climaticamente omogenee del nostro Paese. Nel corso del terzo e ultimo anno del progetto si procederà all analisi delle serie. 11

2 i quali, in assenza di informazioni di carattere storico, si era preferito sospendere il giudizio. Conseguentemente a queste lacune, nell anno 2000 il nostro gruppo di ricerca ha iniziato a costruire un nuovo data-base di serie storiche secolari. Quest attività si è indirizzata verso il recupero di serie con risoluzione giornaliera, anche se, ove i dati giornalieri non fossero risultati disponibili, si sono trasferiti su supporto informatico anche dati disponibili solo con risoluzione mensile. Essa è stata prevalentemente condotta nell ambito del progetto CLIMAGRI. I passi fondamentali nella costruzione di questo nuovo data-base sono descritti nella relazione relativa al primo anno delle attività svolte nell ambito di CLIMAGRI (www.climagri.it), ove viene fornito anche il dettaglio delle serie prodotte. In realtà l attività di recupero dei dati e delle informazioni sulla storia delle osservazioni è continuata anche nel secondo anno del progetto e l archivio attuale risulta significativamente più esteso di quello che si era ottenuto alla fine del primo anno di attività. Come già accennato, l obiettivo del nostro gruppo di ricerca era quello di ottenere entro la fine del secondo anno di CLIMAGRI serie mensili omogeneizzate. Un primo problema che abbiamo dovuto affrontare era costituto dalla presenza di numerosi dati mancanti. I dati mancanti costituiscono, purtroppo, un gravissimo problema per le serie pluviometriche. Se, infatti, per le temperature è sufficiente disporre almeno dell 80% dei dati giornalieri per ricavare un ragionevole valore medio mensile, per le precipitazioni anche l assenza di un singolo dato giornaliero può inficiare il calcolo di tale valore. Per ovviare a ciò si è sviluppato ed applicato un metodo di stima dei dati mancanti, basato sul confronto tra stazioni vicine. Questo algoritmo è stato comunque applicato solo in caso di lacune che non interessassero periodi superiori ai trenta giorni. Per le precipitazioni, quindi, accanto all archivio delle serie originali, si dispone di un archivio di serie originali completate. Una volta completato il database giornaliero, si sono calcolate le serie mensili a partire da quelle giornaliere: per le temperature il dato mensile è stato ricavato soltanto se era disponibile almeno l 80% dei valori giornalieri; per le precipitazioni, invece, si è proceduto solo ove non vi fosse alcun dato mancante. Qui, tuttavia, non si sono utilizzate le serie originali, ma le serie originali completate. Le serie mensili sono poi state integrate aggiungendovi i dati relativi ai periodi per i quali non erano disponibili dati giornalieri, ma soltanto mensili; per alcune stazioni sono anche stati integrati i parametri per i quali non esisteva alcun dato con risoluzione giornaliera. Infine, al data-base sono state aggiunte alcune serie per le quali si disponeva unicamente di dati mensili. La disponibilità di un ampia base di dati meteorologici non costituisce di per sé condizione sufficiente per poter procedere ad una dettagliata ricostruzione dell evoluzione del clima di una data località; è infatti molto improbabile che osservazioni raccolte nell arco di più secoli, con strumenti e metodi notevolmente diversi tra loro, siano direttamente confrontabili. Ciò fa sì che, accanto ad una buona disponibilità di dati, un efficace ricostruzione del clima del passato richieda anche adeguati metodi che permettano di valutare il grado di omogeneità delle serie di dati e ridurre ad un grado accettabile di omogeneità le serie non omogenee. I metodi utilizzati per omogeneizzare i dati possono essere classificati, in estrema sintesi, in metodi diretti e metodi indiretti. I metodi diretti normalmente si basano su metadati, ossia su informazioni solitamente ricavate da studi di carattere storico, mentre i 13

3 Problemi e metodi Fino a metà degli anni 90 il più rilevante data-base di lunghe serie storiche italiane disponibile in formato digitale era l archivio delle serie secolari UCEA. Esso era stato prodotto nel corso degli anni 70, nell ambito di un progetto finalizzato del CNR che aveva consentito di digitalizzare i dati termometrici e pluviometrici di 26 stazioni, per un periodo generalmente compreso tra il 1870 ed il In seguito, alcune di queste serie hanno continuato ad essere aggiornate, mentre altre stazioni hanno cessato di funzionare o di fornire i loro dati all UCEA. Per quanto il data-base UCEA raccogliesse un primo e fondamentale nucleo di dati, esso era molto lontano dal costituire un punto d arrivo. Un primo problema consisteva nel numero delle serie: 26 stazioni erano troppo poche per descrivere in modo efficace il comportamento di un territorio geograficamente complesso come quello italiano; inoltre esse non avevano una distribuzione territoriale uniforme, cosicché vaste regioni risultavano scoperte. Un ulteriore problema era rappresentato dai parametri disponibili; infatti, per quanto temperature e precipitazioni rivestano grande importanza, esse non sono sufficienti per una ricostruzione completa del clima del passato. Vi era inoltre un problema di completezza dei dati, in quanto le serie UCEA avevano, soprattutto nel periodo iniziale, numerosi dati mancanti; molte di loro, inoltre, non erano più state aggiornate dopo il Esistevano, infine, fondamentali problemi di omogeneità, dal momento che soltanto per un ridottissimo numero di serie si disponeva di informazioni sufficienti per capire quanto fossero fra loro confrontabili i dati raccolti in un periodo generalmente superiore ai 100 anni. In questo contesto, il nostro gruppo di ricerca ha intrapreso, nella seconda metà degli anni 90, un ampio progetto per favorire l ampliamento della disponibilità, della qualità e dell omogeneità delle serie storiche secolari italiane di dati meteorologici. Il primo passo è stato operato nell ambito del Progetto Speciale CNR Ricostruzione del clima dell area mediterranea nel passato. Nel corso di questo progetto, il data-base UCEA delle serie mensili di temperature minime, medie e massime e di precipitazioni è stato aggiornato, esteso nel passato, completato, corretto, ed omogeneizzato. Il data-base ottenuto copriva il periodo per le temperature e quello per le precipitazioni. Per entrambi i parametri la risoluzione dei dati era mensile. Parallelamente alle attività del Progetto Speciale CNR Ricostruzione del clima dell area mediterranea nel passato sono state svolte anche altre attività di recupero di serie storiche di dati meteorologici, sia da parte del nostro che di altri gruppi di ricerca. Nel loro complesso, le attività di recupero delle serie storiche italiane condotte nel corso della seconda metà degli anni 90, avevano determinato un significativo miglioramento della disponibilità di dati, consentendo la produzione di un ampio insieme di analisi statistiche ed evidenziando alcuni risultati di notevole interesse. Queste analisi avevano, tuttavia, anche dimostrato come lo studio delle variazioni del clima italiano avesse nella qualità e nella disponibilità dei dati il suo principale fattore limitante. In particolare, da una parte il numero delle serie disponibili era ancora troppo limitato, determinando una copertura molto incompleta del nostro Paese, dall altra rimaneva ampiamente aperto il fondamentale problema dell identificazione e della correzione di eventuali disomogeneità nei dati. Ciò era dovuto alla scarsissima disponibilità di informazioni relative alla storia delle osservazioni, prerequisito irrinunciabile per poter procedere criticamente all omogeneizzazione dei dati. La conseguenza era un omogeneizzazione piuttosto prudenziale, con molti periodi sospetti per 12

4 metodi indiretti si avvalgono di tecniche statistiche, generalmente basate sul confronto con altre serie storiche. L equilibrio tra i metodi diretti e quelli indiretti è attualmente oggetto di ampie discussioni, tanto che gruppi diversi di ricercatori adottano filosofie di omogeneizzazione differenti. L'approccio adottato dal nostro gruppo di ricerca consiste nel far ampio uso dei metodi indiretti, valutando tuttavia molto criticamente i risultati alla luce di tutte le informazioni storiche disponibili. Inoltre, tra tutte le possibili disomogeneità evidenziate dall applicazione dei test statistici, solitamente il nostro gruppo prende in considerazione solo quelle più evidenti. Per un analisi delle disomogeneità individuate nelle serie termometriche e pluviometriche italiane, si rimanda al già citato sito WEB PARMA Temperature massime PIACENZA ALESSANDRIA ROVIGO FERRARA REGGIO EMILIA Fig. 1 Esempio dei risultati che si ottengono applicando i metodi indiretti. La curva evidenzia la risposta del test di omogeneità di Craddock qui utilizzato per verificare l omogeneità della serie termometrica (massime) di Parma, rispetto a 5 altre serie. Le curve rappresentano le somme cumulate (in ºC) delle differenze tra le serie utilizzate come riferimento e quella da testare, dopo che le prime sono state riscalate in modo da avere le stesse medie di lungo termine della seconda. La sistematica applicazione dei metodi di omogeneizzazione facilita in modo significativo l individuazione dei segnali climatici presenti nelle serie storiche di dati meteorologici. Tuttavia, spesso anche per le serie omogeneizzate non risulta possibile evidenziare segnali aventi sufficiente significatività statistica. Risulta quindi spesso necessario operare le analisi statistiche non sulle serie delle singole stazioni, ma su serie medie regionali. Esse vengono costruite con l'obiettivo di sintetizzare le informazioni fornite dalle serie delle singole stazioni, consentendo allo stesso tempo di fornire un segnale più stabile e meno influenzato da errori casuali. 14

5 Primi risultati e conclusioni Le seguenti figure riportano una sintesi della consistenza del data-base alla fine del secondo anno del Progetto CLIMAGRI. Per una descrizione di maggior dettaglio si rimanda alla relazione disponibile su NW NEN NES CEN SE SUD Fig. 2 - Stazioni con serie pluviometriche di lunghezza non inferiore a 80 anni. Vengono anche evidenziate le regioni geografiche cui si riferiscono le serie di Figura 6. Fig. 3 - Stazioni con serie termometriche di lunghezza non inferiore a 80 anni numero di serie pluviometriche numero di serie termometriche anno iniziale anno iniziale Fig. 4 - Distribuzione del numero delle serie storiche pluviometriche disponibili in funzione dell anno di inizio. Fig. 5 - Distribuzione del numero delle serie storiche termometriche disponibili in funzione dell anno di inizio. 15

6 La figura 6 evidenzia l andamento delle serie regionali pluviometriche nel periodo Le curve sono state filtrate con un filtro passa basso in modo da evidenziare meglio le tendenze a lungo termine. L analisi di serie come quelle rappresentate in figura 6 costituisce l obiettivo delle attività da svolgere nel terzo anno del Progetto CLIMAGRI. Precipitazioni annuali (mm) SERIE MEDIA ITALIANA SERIE MEDIA NORD-EST-NORD SERIE MEDIA NORD-OVEST SERIE MEDIA NORD-EST-SUD SERIE MEDIA CENTRO SERIE MEDIA SUD SERIE MEDIA SUD-EST Precipitazioni annuali per le 6 regioni italiane 600 Serie filtrate con un filtro gaussiano (deviazione std: 5 anni) 500 Le serie medie regionali sono calculate utilizzando i valori di almeno 5 stazioni La serie media italiana rappresenta la media delle serie regionali Anno Fig. 6 - Serie pluviometriche medie areali per le 6 regioni geografiche italiane individuate in figura 4. Nel complesso le attività svolte nell ambito dei primi due anni del Progetto CLIMAGRI hanno consentito di ottenere risultati di grande interesse, spesso ampiamente superiori agli obiettivi inizialmente proposti. Infatti sia per le serie pluviometriche che per quelle termometriche si è andati ben oltre l iniziale progetto che consisteva nel recupero di 38 serie; inoltre nella maggior parte dei casi si è risusciti a recuperare anche i dati giornalieri. Anche il recupero delle informazioni relative alla storia delle stazioni è andato al di là degli obiettivi iniziali e, specialmente per le stazioni più note, si dispone ora di un ampia quantità di notizie. Esse sono state di grande utilità nella fase di omogeneizzazione dei dati. Questo meticoloso lavoro di preparazione dei dati risulta assolutamente fondamentale ai fini delle analisi da svolgere nel corso del terzo anno del progetto CLIMAGRI. Gli autori auspicano vivamente che i sostanziali miglioramenti nella disponibilità, qualità, affidabilità ed omogeneità delle serie storiche italiane, ottenuti nell ambito del primo biennio di CLIMAGRI, possano dare ai risultati delle prossime analisi quel credito necessario ad uscire dall attuale situazione di incertezza, in cui spesso si assiste alla presentazione di risultati sostanzialmente diversi da parte di gruppi di ricerca che fanno uso di dati di diversa provenienza ed affidabilità. 16

RECUPERO ED OMOGENEIZZAZIONE DI SERIE STORICHE SECOLARI LOMBARDE DI DATI TERMOPLUVIOMETRICI

RECUPERO ED OMOGENEIZZAZIONE DI SERIE STORICHE SECOLARI LOMBARDE DI DATI TERMOPLUVIOMETRICI PROGETTO KYOTO RICERCA SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI E IL CONTROLLO DEI GAS SERRA IN LOMBARDIA RECUPERO ED OMOGENEIZZAZIONE DI SERIE STORICHE SECOLARI LOMBARDE DI DATI TERMOPLUVIOMETRICI Linea di Ricerca Climatologia

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici

2. Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici . Raccordo tra serie derivanti da strumenti meccanici ed automatici.1. Obiettivi I dati di precipitazioni in Piemonte sin dall inizio del secolo scorso sono stati raccolti da stazioni di misura in parte

Dettagli

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni

Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni Stima statistica descrittiva di alcuni casi sperimentali di incremento artificiale delle precipitazioni F. Gallo 1, G. Jona Lasinio 1, A. Orasi 2 1 Università di Roma La Sapienza, Roma 2 Università degli

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio."

LINEA DI RICERCA 2.8: Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici di lungo termine: produttività e ciclo del carbonio. Relazione II anno Climagri - Cambiamenti Climatici e Agricoltura sottoprogetto 2: Agricoltura Italiana e Cambiamenti Climatici LINEA DI RICERCA 2.8: "Analisi e catalogazione degli esperimenti agronomici

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

CURVE DI POSSIBILITA PLUVIOMETRICA Ancona Torrette Osimo Baraccola Recanati

CURVE DI POSSIBILITA PLUVIOMETRICA Ancona Torrette Osimo Baraccola Recanati CURVE DI POSSIBILITA PLUVIOMETRICA Ancona Torrette Osimo Baraccola Recanati ANALISI DELLE PRECIPITAZIONI INTENSE Le curve di possibilità pluviometrica sono state stimate a partire dai dati delle massime

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

SCIA. Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale

SCIA. Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale SCIA Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale Criteri di calcolo degli indicatori meteoclimatici Aprile 2005 F. Baffo, F. Desiato, F. Lena,

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Effetti della urbanizzazione e dei cambiamenti degli osservatori meteorologici storici sulla serie delle temperature nella cittá di Trento

Effetti della urbanizzazione e dei cambiamenti degli osservatori meteorologici storici sulla serie delle temperature nella cittá di Trento Effetti della urbanizzazione e dei cambiamenti degli osservatori meteorologici storici sulla serie delle temperature nella cittá di Trento L. Giovannini 1, D. Zardi 1, M. de Franceschi 1,2 lorenzo.giovannini@unitn.it

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 Roma, 28 Aprile 2006 1 Introduzione Nel 2004 è stato attivato il progetto del Dipartimento

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive

[ ] [ ] 5.2. Statistiche descrittive traffico nei tratti stradali limitrofi (deficienza non trascurabile data la fitta tessitura che caratterizza la rete stradale mestrina). I dati ottenuti, però, possono fornire una stima del fenomeno ed

Dettagli

Il progetto ASTRO: un esperienza per il recupero e la valorizzazione degli archivi meteorologici del Trentino

Il progetto ASTRO: un esperienza per il recupero e la valorizzazione degli archivi meteorologici del Trentino Il progetto ASTRO: un esperienza per il recupero e la valorizzazione degli archivi meteorologici del Trentino CRA-CMA Maria Carmen Beltrano (mariacarmen.beltrano@entecra.it) In collaborazione con Studi

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE

1. STRUTTURA INFORMATICA GENERALE Come operare il controllo di gestione Per essere competitivi è necessario controllare sia i costi dell azienda, sia la gestione finanziaria, di un reparto come di una divisione. Un efficiente sistema di

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CENTRALINE METEO PER LA MISURA DEI PARAMETRI METEO-CLIMATICI DISCARICHE

CARATTERISTICHE DELLE CENTRALINE METEO PER LA MISURA DEI PARAMETRI METEO-CLIMATICI DISCARICHE CARATTERISTICHE DELLE CENTRALINE METEO PER LA MISURA DEI PARAMETRI METEO-CLIMATICI DISCARICHE 1 POSIZIONAMENTO DELLA CENTRALINA Per assicurare la migliore qualità delle rilevazioni idro meteorologiche

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, AMBIENTALE, INFRASTRUTTURE VIARIE, RILEVAMENTO Sezione Ambientale ZIGNAGO POWER S.r.l. CARATTERIZZAZIONE DELLE PRESENZE ATMOSFERICHE DI PARTICOLATO

Dettagli

L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni. S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R

L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni. S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R 1 Schema della presentazione Un po di meteorologia sinottica Anomalie di temperatura

Dettagli

Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con. deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle

Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con. deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle Relazione conclusiva in esito all istruttoria conoscitiva avviata con deliberazione VIS 41/08 in merito alla corretta applicazione delle previsioni in materia di gas non contabilizzato nelle reti di trasporto

Dettagli

2. Dati climatici. 4 rapporto sull energia

2. Dati climatici. 4 rapporto sull energia 2. Dati climatici 1 . Clima ed energia La descrizione delle grandezze meteorologiche che hanno caratterizzato il clima della Provincia di Torino ha una duplice funzione: valutazione della loro entità come

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre L Indagine sui bilanci delle famiglie italiane è un indagine campionaria condotta (ogni due anni)

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC)

PROVINCIA DI RAVENNA (Con la collaborazione di ARPA - SIMC) laborazione dati della qualità dell aria Provincia di Ravenna - Rapporto 213 3 - L ONIZIONI MTOROLOGIH NL TRRITORIO LL PROVINI I RVNN (on la collaborazione di RP - SIM) 3.1 - Gli indicatori meteorologici

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Archivio dati web di Meteotrentino. Guida per l utente. Descrizione

Archivio dati web di Meteotrentino. Guida per l utente. Descrizione Archivio dati web di Meteotrentino Guida per l utente Descrizione Navigazione e personalizzazione Tipo, frequenza e qualità dei dati Requisiti di sistema Risoluzione problemi Descrizione Questo archivio

Dettagli

Studio di eventuali variazioni delle strutture meteorologiche e dei regimi pluviometrici italiani

Studio di eventuali variazioni delle strutture meteorologiche e dei regimi pluviometrici italiani Studio di eventuali variazioni delle strutture meteorologiche e dei regimi pluviometrici italiani D. Vento, S. Esposito, C. Epifani, E. Di Giuseppe Ufficio Centrale di Ecologia Agraria UCEA Roma Introduzione

Dettagli

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività

Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività Geoportale Provincia di Brescia Report degli accessi e delle attività L esame delle attività registrate nel mese di settembre scorso mette in evidenza l utilizzo del Geoportale mediamente da parte di circa

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione

Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione Quaderno Tecnico ARPA-SIM n 15/2003 Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione Valentina Pavan Rodica Tomozeiu Andrea Selvini Stefano Marchesi Chiara

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Ottobre 2015 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Giugno 2015 In Piemonte il mese di Giugno 2015 è risultato al di sopra della media climatologica degli anni 1971-2000 dal punto di vista termometrico; leggermente superiore alla norma

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA GEOGRAFIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno si orienta nello spazio circostante e sulle carte geografiche, utilizzando riferimenti topologici e punti cardinali;

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La popolazione sotto il livello di povertà. 09_21.odt 1 R.I. 21/09 Dicembre 2009 Questo rapporto

Dettagli

Raccolta ed elaborazione dei dati ambientali

Raccolta ed elaborazione dei dati ambientali Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie PROGETTO Sorveglianza epidemiologica dell inquinamento atmosferico: valutazione dei rischi e degli impatti nelle città italiane (EPIAIR-2)

Dettagli

Meteorologia e qualità dell aria: dalla previsione alla prevenzione. Presentazione dei lavori delle Scuole Elementari di Oggebbio e Ghiffa

Meteorologia e qualità dell aria: dalla previsione alla prevenzione. Presentazione dei lavori delle Scuole Elementari di Oggebbio e Ghiffa Meteorologia e qualità dell aria: dalla previsione alla prevenzione Presentazione dei lavori delle Scuole Elementari di Oggebbio e Ghiffa Sig. Giovanni Tesauro Dott. Alessandro Ceppi Oggebbio (Vb), 10

Dettagli

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO

ACQUE INTERNE E SISTEMA IDRICO INTEGRATO FINALITÀ INDICATORE L'indicatore ha come obiettivo quello di monitorare il dato della popolazione allacciata alla rete di acquedotto nel territorio, in modo da verificare la qualità e consistenza del servizio

Dettagli

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Il Divulgatore N.1-2/ 2003 Il censimento dell'agricoltura Dati e tendenze della realtà bolognese Ristrutturazioni in corso A livello regionale Bologna vanta un primato in termini di superficie destinata

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

LIVELLI E PORTATE MEDIE GIORNALIERE DEL FIUME BRENTA A BARZIZA NELL ANNO 2008

LIVELLI E PORTATE MEDIE GIORNALIERE DEL FIUME BRENTA A BARZIZA NELL ANNO 2008 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO NELL ANNO 2008 ARPAV Dipartimento Regionale per la Sicurezza del Territorio Alberto Luchetta Progetto e realizzazione Italo Saccardo Gianmario Egiatti

Dettagli

La digitalizzazione dei dati idrometrici della rete cantonale

La digitalizzazione dei dati idrometrici della rete cantonale Analisi La digitalizzazione dei dati idrometrici della rete cantonale Maurizio Pozzoni, Samuel Arrigo, Andrea Graf Istituto scienze della Terra (IST), Scuola Universitaria Professionale della Svizzera

Dettagli

di impatto del nuovo ISEE

di impatto del nuovo ISEE Aree Metropolitane Il sistema di valutazione di impatto del nuovo ISEE Clesius srl Il cloud computing Uno dei maggiori trend nel settore ICT di questi ultimi anni è senza dubbio il Cloud Computing, ovvero

Dettagli

IL MONITORAGGIO, LA PREVISIONE E LA COMUNICAZIONE SUI POLLINI ALLERGENICI IN EMILIA-ROMAGNA: ESPERIENZE E PROPOSTE

IL MONITORAGGIO, LA PREVISIONE E LA COMUNICAZIONE SUI POLLINI ALLERGENICI IN EMILIA-ROMAGNA: ESPERIENZE E PROPOSTE IL MONITORAGGIO, LA PREVISIONE E LA COMUNICAZIONE SUI POLLINI ALLERGENICI IN EMILIA-ROMAGNA: ESPERIENZE E PROPOSTE Franco Zinoni 1, Andrea Ranzi 2 1 Italia ARPA Emilia-Romagna, Servizio IdroMeteorologico,

Dettagli

Environmental Damage on Ancient and Modern (hydraulic) Mortars

Environmental Damage on Ancient and Modern (hydraulic) Mortars Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Sala Europa 27 Febbraio 2012 IMPATTO DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI SUL PATRIMONIO CULTURALE Alessandra Bonazza Istituto di Scienze dell Atmosfera

Dettagli

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale

MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale Atti del V Congresso Metrologia & Qualità (Marzo 2007) MMSC3 Sistema di calibrazione per guida robot bidimensionale e tridimensionale basato su visione artificiale M. GALIMBERTI (1), R.SALA (2), N.CAPELLI

Dettagli

METEOROLOGA METEOROLOGO

METEOROLOGA METEOROLOGO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 METEOROLOGA METEOROLOGO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4

Dettagli

Arpa Piemonte Secondo Barbero

Arpa Piemonte Secondo Barbero WORKSHOP NAZIONALE SULL IDROLOGIA OPERATIVA BILANCIO IDROLOGICO E IDRICO ROMA, 9 DICEMBRE 2015 I Servizi: Problematiche del bilancio idrico in ambiente alpino Arpa Piemonte Secondo Barbero Argomenti: -

Dettagli

Nota metodologica Data Warehouse Congiuntura Mondiale

Nota metodologica Data Warehouse Congiuntura Mondiale Nota metodologica Data Warehouse Congiuntura Mondiale Aprile 2015 Progetto Congiuntura Mondiale Copyright c 2015 StudiaBo Srl Aprile 2015 StudiaBo Srl via Santo Stefano, 57 40125 Bologna Italy Quest opera

Dettagli

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE MANUALE DI USO Documento: Manuale R01 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE Ultima revisione 25 Novembre 2015 ManR01 Sintetico collettivo e individuale 25 novembre 2015 Pag. 1 SINTETICO COLLETTIVO E INDIVIDUALE

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

Introduzione allo studio sulla pericolosità meteorologica a scala nazionale: la sensibilità del mercato assicurativo ai

Introduzione allo studio sulla pericolosità meteorologica a scala nazionale: la sensibilità del mercato assicurativo ai Introduzione allo studio sulla pericolosità meteorologica a scala nazionale: la sensibilità del mercato assicurativo ai danni da eventi atmosferici Ronchi Romina Milano, 1 Giugno 2011 CONTENUTI Lo studio

Dettagli

CLIMAGRI: II ANNO INTRODUZIONE

CLIMAGRI: II ANNO INTRODUZIONE Atti Workshop CLIMAGRI Cambiamenti Climatici e Agricoltura Cagliari, 16-17 gennaio 2003 CLIMAGRI: II ANNO DOMENICO VENTO Ufficio Centrale di Ecologia Agraria INTRODUZIONE Il tema dei cambiamenti climatici

Dettagli

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015

Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 Energia da fonti rinnovabili in Italia Dati preliminari 2015 29 febbraio 2016 1. Premessa In un quadro di continua evoluzione normativa, tecnologica e di mercato, la disponibilità di dati aggiornati e

Dettagli

Bollettino del clima dell anno 2014

Bollettino del clima dell anno 2014 anno 2014 MeteoSvizzera Bollettino del clima dell anno 2014 21 gennaio 2015 L anno 2014 è stato costellato di eventi meteorologici estremi. Dopo la nevicata record di inizio anno al sud, nel primo semestre

Dettagli

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA La geografia contribuisce a fornire gli strumenti per formare persone autonome e critiche, che siano in grado di assumere decisioni responsabili nella gestione del territorio

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

Questi irrisolti, incongruenze e qualche riflessione generale.

Questi irrisolti, incongruenze e qualche riflessione generale. Su alcune serie pluviometriche italiane. Questi irrisolti, incongruenze e qualche riflessione generale. Fig. 1 La serie storica dei totali annui al Collegio Romano. A tratto grosso è indicata la media

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WM46U ATTIVITÀ 46.43.30 COMMERCIO ALL INGROSSO DI ARTICOLI PER FOTOGRAFIA, CINEMATOGRAFIA E OTTICA ATTIVITÀ 47.69.91 COMMERCIO ALL INGROSSO DI STRUMENTI E ATTREZZATURE DI MISURAZIONE

Dettagli

Oggetto: chiusura sede e archivi meteorologici CRA-CMA, Roma - Collegio Romano

Oggetto: chiusura sede e archivi meteorologici CRA-CMA, Roma - Collegio Romano On. Maurizio MARTINA Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Via XX Settembre, 20 00187 ROMA Moncalieri (Torino), 18 agosto 2015 Oggetto: chiusura sede e archivi meteorologici CRA-CMA,

Dettagli

ULTRA Supporto Tecnico Investigativo

ULTRA Supporto Tecnico Investigativo ULTRA Supporto Tecnico Investigativo Introduzione L avanzamento delle tecnologie di telecomunicazione, le nuove tecniche investigative, la disponibilità di sempre nuovi mezzi per la raccolta delle informazioni

Dettagli

Informazioni amministrative e dati statistici L esperienza in corso sulla nuova fonte Inail: Denuncia Nominativa Assicurati

Informazioni amministrative e dati statistici L esperienza in corso sulla nuova fonte Inail: Denuncia Nominativa Assicurati V Conferenza Nazionale di Statistica Innovazione tecnologica e informazione statistica Integrazione tra registri e rilevazioni statistiche Roma 15,16, 17 novembre 2000 Informazioni amministrative e dati

Dettagli

MODELLI FENOLOGICI SVILUPPATI DAL MIPAF

MODELLI FENOLOGICI SVILUPPATI DAL MIPAF MODELLI FENOLOGICI SVILUPPATI DAL MIPAF Antonio Brunetti, MiPAF Ufficio Centrale di Ecologia Agraria Introduzione I modelli fenologici applicati in agrometeorologia permettono di stimare l evoluzione del

Dettagli

IL CONTRATTO DI MANUTENZIONE. Linee guida per una corretta comprensione

IL CONTRATTO DI MANUTENZIONE. Linee guida per una corretta comprensione IL CONTRATTO DI MANUTENZIONE Linee guida per una corretta comprensione Si ringrazia l A.N.I.C.A. per la gentile concessione delle immagini Frequentemente viene richiesta dagli utenti la formulazione di

Dettagli

Si ringrazia Valentina Savioli (Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali) per la qualificata collaborazione prestata.

Si ringrazia Valentina Savioli (Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali) per la qualificata collaborazione prestata. A partire dall anno 2009 è stato attivato per l assegno di cura anziani (DGR 1378/99) e disabili (DGR 1122/02) il Sistema di Monitoraggio degli Assegni di Cura (SMAC) che prevede un flusso informativo

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura

Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura Il clima che cambia: evidenze storiche e scenari di evoluzione futura Prof. Stefano Tibaldi UniBo e ARPA Emilia-Romagna Romagna Acque - Società delle Fonti S.p.A. Prospettive nella gestione della risorsa

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Via F.Roccchi, 19 40138 Bologna Tel. 051/396211 Fax 051/342642 E-mail: sez@bo.arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Area S.O. Monitoraggio e Valutazione Aria CAMPAGNA DI

Dettagli

TOSCO2net GUIDA ALLA GESTIONE

TOSCO2net GUIDA ALLA GESTIONE ACARISS: Accrescere le Conoscenze sull Ambiente e i Rischi connessi all Inquinamento Coinvolgendo le Scuole con la Sperimentazione TOSCO2net la rete Toscana di scuole dotate di stazioni per il monitoraggio

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE

IL CAMPIONAMENTO NELLA REVISIONE CONTABILE Università RomaTre. Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno Accademico 07-08 1 PREMESSA RACCOLTA SUFFICIENTI ED APPROPRIATI ELEMENTI PROBATIVI LA È SVOLTA IN BASE A VERIFICHE DI CAMPIONI

Dettagli

La viticoltura di precisione

La viticoltura di precisione Capitolo I La viticoltura di precisione L. Genesio *, T. De Filippis *, F. Di Gennaro *, E. Fiorillo *, A. Matese *, J. Primicerio *, L. Rocchi *, F.P. Vaccari * 1. La viticoltura di precisione nel Consorzio

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

HIGH RESOLUTION CLIMATE INFORMATION FOR MOUNTAIN AREAS (HR-CIMA)

HIGH RESOLUTION CLIMATE INFORMATION FOR MOUNTAIN AREAS (HR-CIMA) HIGH RESOLUTION CLIMATE INFORMATION FOR MOUNTAIN AREAS (HR-CIMA) Michele Brunetti m.brunetti@isac.cnr.it Istituto di Scienze dell Atmosfera e del Clima Consiglio Nazionale delle Ricerche 12 Novembre 2013

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

patente a punti: analisi della serie temporale dei feriti

patente a punti: analisi della serie temporale dei feriti www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Alessio Pitidis, Giulia Viola,

Dettagli

La ricchezza prodotta a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale

La ricchezza prodotta a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La ricchezza prodotta a Piacenza. 08_19.odt 1 R.I. 19/08 Novembre 2008 Questo report è stato redatto

Dettagli

L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. Rapporti Interni

L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. R.I. 03/09 Febbraio 2009 09_03.odt 1 Amministrazione

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 16: Le precipitazioni (parte seconda) Anno Accademico

Dettagli

GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di studio dei provvedimenti per la conservazione e difesa della laguna e della città di Venezia

GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di studio dei provvedimenti per la conservazione e difesa della laguna e della città di Venezia QUALCHE CONSIDERAZIONE SU LIVELLI MARINI ECCEZIONALI MISURATI A PUNTA DELLA SALUTE - VENEZIA - E SULLE VARIAZIONI ALTIMETRICHE SUBITE DA QUEL MAREOGRAFO GIOVANNI PADOAN Presidente della Commissione di

Dettagli

GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE

GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO. classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE GEOGRAFIA: TERZO BIENNIO classe V scuola primaria e classe I scuola secondaria COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE Leggere l organizzazione di un territorio, utilizzando il linguaggio, gli strumenti e i principi

Dettagli

Scienze della Terra. Esplicitazone del prodotto/compito ESITI DI APPRENDIMENTO

Scienze della Terra. Esplicitazone del prodotto/compito ESITI DI APPRENDIMENTO Scheda di progettazione delle Unità di Apprendimento Corso di grafica, informatica, biotecnologia, elettrotecnica ed elettronica Classi ANAGRAFICA UdA N 1 Titolo: Astronomia Anno Periodo inizio Settembre

Dettagli

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Carlo Cacciamani Workshop Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Modena 27 novembre 2008 Silvia Salimbeni in collaborazione con Rita Bisognin .un po di storia Fine anni 90 in tutta la Regione Emilia Romagna si

Dettagli