L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca"

Transcript

1 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca Le banche italiane devono confrontarsi con una competizione interna sempre più aspra e con l ingresso di soggetti stranieri sempre più aggressivi. L ascolto del cliente può costituire la chiave per incrementare la soddisfazione e potenziare il business Busacca & Associati 28 RL e banche italiane devono confrontarsi con una competizione sempre più aspra: maggiore disaffezione dei clienti, crescita e rafforzamento dei player più innovativi, ingresso di soggetti stranieri sempre più aggressivi. Tuttavia, le leve per eccellere e sviluppare il business sono a portata di mano: risiedono principalmente nella capacità di presidiare le relazione col cliente, in maniera efficace e profittevole. Tale presidio deve avvenire cercando di ricostruire il legame tra gli effetti - i risultati commerciali ad essi collegati - e le cause - il comportamento dei clienti e dei prospect e la capacità o meno degli istituti di cogliere le aspettative e le percezioni della clientela. Per fare questo il primo passo è, dunque, la creazione di un sistema di indicatori della relazione realmente efficace, in grado di cogliere e quantificare il valore connesso al cliente, proveniente sia da fattori tangibili, ma soprattutto da quelli latenti, intangibili. In secondo luogo è necessario dar seguito all ascolto del cliente con elevata reattività, traducendo quanto si è appreso in azioni concrete. Quanti hanno avuto il merito di agire prontamente e non hanno avuto paura di innovare, hanno prodotto risultati immediati e consistenti. 28

2 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca La sfida della soddisfazione per eccellere nella relazione Il settore bancario è stato caratterizzato negli ultimi anni da una serie di turbolenze che ne hanno scosso gli attori principali. Senza andare troppo indietro con la memoria, si può ricordare come gli scandali finanziari di due anni fa (i crack Cirio, Parmalat e Giacomelli, solo per fare i nomi più noti) abbiano gettato più di un ombra sul sistema finanziario e creditizio italiano. Le violente polemiche, spesso alimentate oltre il dovuto dai mass media, seguite a quegli eventi, parevano aver minato il rapporto di fiducia tra clienti ed istituzioni finanziarie. Da più parti, ai tempi, si era parlato di una vera e propria crisi di fiducia verso le banche. La fiducia degli italiani nel sistema bancario del paese (trend ) Andamento MIB Caso Parmalat giugno 2000 giugno 2001 giugno 2002 giugno 2003 gennaio 2004 (% clienti che affermano di avere molta o abbastanza fiducia nel sistema bancario) Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati SWG Base: italiani maggiorenni Fortunatamente, passata la tempesta, e attenuatosi l impatto emotivo di quegli eventi di così ampia portata, la situazione odierna appare un po meno conflittuale, ma non meno complessa. Una recente indagine condotta da Busacca & Associati insieme a Doxa 1 su un campione di clientela del sistema bancario ha 1 Ricerca condotta nell ambito dell Osservatorio sulla fiducia nelle banche realizzato da Busacca & Associati e Doxa ad aprile

3 CARTESIO GOLDEN EDITION evidenziato che oltre il 60% dei clienti ripone una sostanziale fiducia nell operato e nel trattamento ricevuto dalla propria banca 2 : sicuramente un inversione di tendenza rispetto al passato. Tuttavia, permangono sacche di sfiducia oggettivamente troppo ampie per un sistema come quello italiano. La fiducia degli italiani verso la propria banca Elevata, i consigli che mi danno sono nel mio interesse Buona, fanno il loro mestiere ma mi consigliano correttamente FIDUCIA POSITIVA 65% Come è oggi la sua fiducia nei confronti della sua banca? (Valori %) Indifferente, qualche volta mi danno consigli poco utili o poco affidabili 16 NE FIDUCIA NE SFIDUCIA 16% Bassa, i consigli che mi danno sono più spesso nel loro interesse che non nel mio Nulla, fanno solo i loro interessi, preferisco evitare i loro suggerimenti 6 13 SFIDUCIA: 19% Fonte: Osservatorio sulla fiducia nelle banche, Busacca & Associati-Doxa Base: aprile 2005 Infatti, circa il 20% dei clienti ritiene di non ricevere dalla propria banca un adeguato supporto nella gestione dei propri interessi e crede anzi che essa persegua esclusivamente i propri obiettivi di business. Inoltre, dalla stessa ricerca è emerso che circa il 60% dei clienti delle banche ne mette in dubbio l utilità e l affidabilità. Sono dati significativi che impongono una riflessione. Il sospetto che sorge, infatti, è che, accanto all ormai consolidato luogo comune secondo cui le banche sono tutte uguali, siano presenti fattori fortemente connessi alla capacità di gestire efficacemente la relazione con i propri clienti. Nelle realtà più piccole, dove il rapporto banca-cliente è più stretto e, in certi casi, personalizzato, si ottengono infatti risultati migliori. 2 Nel corso dell indagine è stato chiesto ai clienti di fornire una stima, in base ad una scala di 5 livelli, della fiducia riposta nella propria banca, o della banca principale nel caso di clienti pluribancarizzati. 30

4 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca La fiducia degli italiani verso la propria banca - dettaglio per dimensione - Fiducia positiva Non fiducia Sfiducia Valori % Totale Clienti attuali di banche Banche maggiori Banche grandi Banche medie Banche minori Banche piccole Fonte: Osservatorio sulla fiducia nelle banche, Busacca & Associati-Doxa Base: aprile 2005 Un tema che appare fortemente connesso alla fiducia è quello della soddisfazione dei clienti. Dallo stesso studio è emerso, infatti, come il livello di fiducia nella propria banca principale aumenti con il grado di soddisfazione nei confronti della stessa. Come è naturale attendersi, dunque, la capacità di cogliere puntualmente le esigenze dei clienti e di soddisfarne efficacemente le reali necessità riduce il livello di conflittualità della relazione e getta le basi per costruire un rapporto profittevole. Anzi, nella maggior parte dei casi, emerge come siano proprio l incapacità di cogliere le richieste dei clienti e la scarsa reattività nel comprenderne tempestivamente le aspettative, nonché la comunicazione di percezioni negative, a creare un forte vuoto di fiducia. Essere in grado di creare e mantenere un elevato livello di soddisfazione rappresenta la condizione necessaria per vincere la sfida della competizione. L eccellenza nella relazione col cliente non può prescindere dalla capacità di creare e mantenerne alta la soddisfazione e dunque non è possibile ottenere risultati economici superiori senza riuscire in ciò. Avere clienti soddisfatti e confidenti nella propria banca è il presupposto per costruire ritorni economici consistenti. Re- 31

5 CARTESIO GOLDEN EDITION centi studi sulla clientela hanno sottolineato come esista una forte correlazione tra customer satisfaction e ritorni economici. Questo è quanto mai valido in un sistema concorrenziale in cui solo la metà dei clienti dichiara di utilizzare una sola banca per la gestione delle proprie esigenze economico-finanziarie 3. Distribuzione dei clienti in base alla soddisfazione ed alla customer share dichiarata Customer Share (Margine) Soddisfazione Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati di clienti di una banca locale Base: giugno 2005 Il controllo e lo sviluppo della customer satisfaction va di pari passo con il potenziamento della conoscenza del cliente e con la capacità della rete commerciale di individuare e sfruttare le potenzialità inespresse, di presidiare i clienti migliori, di incrementare in generale l efficacia dell azione 4. Molto spesso, infatti è facile correre il rischio di sottovalutare le potenzialità della clientela ancora inespresse. Soprattutto per i clienti che utilizzano più banche per le proprie esigenze economico-finanziarie, il rischio di lasciare alla concorrenza ampie fette di share of wallet non è marginale, anzi. Due recenti studi effettuati su un campione di clienti di due banche di media grandezza, dotate entrambe di una rete commerciale riconosciuta oggettivamente come combattiva ed efficace, hanno evidenziato un serio problema di sotto-penetrazione dei clienti potenzialmente più redditizi. 3 Fonte: Osservatorio sulla fiducia nelle banche (Busacca & Associati-Doxa). 4 Per approfondimenti: Giuseppe Ciolfi - Conoscere e presidiare il cliente per sviluppare il business in banca - Cartesio, giugno

6 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca Distribuzione del margine potenziale medio per fascia di fidelizzazione dichiarata dal cliente 6000 Margine di int. potenziale medio (dati in ) % 10-20% 20-30% 30-40% 40-50% 50-60% 60-70% 70-80% 80-90% % Grado di fidelizzazione (dichiarato) Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati di clienti di un primario gruppo bancario Base: giugno 2005 In particolare, in un caso è stata verificata analiticamente la presenza di una correlazione negativa tra il margine potenziale per il sistema bancario e la share of wallet che i clienti pluribancarizzati dichiarano di allocare presso la banca. Distribuzione del margine potenziale medio stimato per il sistema rispetto alla quota di cliente dichiarata (per clienti pluribancarizzati) Margine di int. potenziale medio ( ) % 20% 40% 60% 80% 100% Grado di fidelizzazione (dichiarato) (%) Fonte: Elaborazioni Busacca & Associati su dati di clienti pluribancarizzati di un primario gruppo bancario Base: giugno

7 CARTESIO GOLDEN EDITION Di fatto, è stato verificato che nelle banche in questione i livelli medi di penetrazione dei clienti potenzialmente più profittevoli sono molto inferiori alle aspettative. Infatti, dalle analisi è emerso un gap di efficacia della rete: i risultati positivi conseguiti sarebbero potuti essere molto superiori. Gli ingenti sforzi commerciali non sono stati profusi nella giusta direzione. Tali dati, accolti con stupore ed un certa preoccupazione dal management, che fino ad allora non aveva percepito le reali dimensioni del fenomeno (basandosi sui risultati comunque positivi ottenuti nel tempo), hanno imposto una riflessione attenta. Questa ha permesso di isolare come causa principale l assenza in un caso, ed il non utilizzo nell altro, di strumenti adeguati di orientamento commerciale. Infatti, successivi test sul campo hanno palesato che, se adeguatamente supportati, i gestori sono in grado di moltiplicare notevolmente i propri risultati. Il ricorso a strumenti di customer profiling e di orientamento commerciale ha permesso di moltiplicare notevolmente i ritorni dell attività commerciale. Quanto detto fin qui ha lo scopo di sottolineare due temi oggi molto attuali: la customer satisfaction rappresenta una chiave fondamentale per ottenere risultati positivi; l efficacia nella gestione della relazione è il passo necessario per non cedere alla concorrenza. Le pagine che seguono hanno l obiettivo di presentare come tali istanze si coniughino con la realtà aziendale, tracciando un breve identikit dell approccio vincente all eccellenza nella relazione con il cliente. Il tutto tramite la presentazione di dati e risultati reali, testati direttamente sul campo. Ascoltare il cliente per sviluppare il business Comprendere il rapporto tra cause ed effetti connessi ai processi aziendali è il primo e decisivo passo per orientare azioni e strategie vincenti. La misurazione degli effetti, dei risultati economici e delle performance e l isolamento delle loro determinanti rappresentano l approccio corretto per definire il giusto mix di azioni e correttivi per lo sviluppo del business. La quantificazione dei risultati in banca è materia ampiamente sviluppata e consolidata, e concerne il reporting tradizionale in tutte le sue più raffinate evo- 34

8 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca luzioni. Molto più attuale e sentito è il problema della descrizione e della misura delle cause, della definizione di un sistema efficace di metriche orientate al cliente. Un adeguato sistema di customer metrics della relazione col cliente deve essere in grado rilevare e quantificare l impatto sui risultati dei fenomeni connessi: al comportamento dei clienti; alle aspettative, alle percezioni ed ai valori latenti nella relazione. Il primo livello di metriche è rappresentato dai sistemi di CRM, in particolare il Customer Profiling, che costituisce il cuore dei processi di gestione della relazione col cliente. I sistemi di profiling hanno l obiettivo di identificare e caratterizzare il cliente in termini descrittivi, comportamentali e, soprattutto, predittivi. Lo fanno, dunque, attraverso due punti di vista differenti: 1. una visione del cliente dall interno, basata sull analisi della relazione con la banca 2. una visione dall esterno, basata sulla stima del valore per il sistema bancario nella sua totalità 5 La maggior parte dei sistemi oggi in uso nelle banche italiane è focalizzata sul primo dei due aspetti. Strumenti del genere devono prevedere la disponibilità per il marketing e la rete commerciale di indici ed allarmi comportamentali. Gli indici forniscono una descrizione composta del comportamento del cliente nell uso dei prodotti finanziari, delle sue propensioni all acquisto e delle sue necessità in termini di prodotti/servizi. Gli allarmi, invece, sono segnali che si attivano in concomitanza di particolari eventi che caratterizzano la relazione ed evidenziano la creazione di opportunità di business o l insorgere di criticità nella relazione. Un corretto utilizzo di tali strumenti permette di incrementare notevolmente l efficacia di contatto e di vendita. E questo è stato verificato sul campo, con test commerciali mirati. 5 Per approfondimenti: Giuseppe Ciolfi - Conoscere e presidiare il cliente per sviluppare il business in banca - Cartesio, giugno 2005; Mauro Frescura - Conoscere al meglio il cliente per rispondere all ipercompetizione - Cartesio, dicembre

9 CARTESIO GOLDEN EDITION Ma ciò non è ancora sufficiente. Infatti, il principale valore aggiunto di un sistema di profiling è rappresentato dalla possibilità di utilizzare modelli e strumenti di stima del reale valore del cliente. Comprendendo quanto il cliente realmente vale e quale è lo share of wallet che viene presidiato, è possibile orientare correttamente l azione e sviluppare le posizioni più promettenti. In tal senso, l utilizzo del Modello di Orientamento 6, centrato sulla stima su base statistica del potenziale commerciale del cliente, ha permesso di raggiungere risultati oggettivamente soddisfacenti laddove è stato implementato. Recenti verifiche sul campo hanno evidenziato in maniera abbastanza netta come già il ricorso ad indici ed allarmi di customer profiling riesca a potenziare l efficacia commerciale della rete ed i risultati economici. Inoltre, un test commerciale su un campione di clienti di un primario gruppo italiano ha fatto emergere che l utilizzo delle indicazioni di potenzialità e la definizione di strategie di contatto mirate riesce a far compiere il vero salto di qualità! La comprensione del comportamento del cliente e la stima del suo valore rappresentano quindi il primo passo per essere vincenti nella gestione della relazione. Un secondo e più importante livello del sistema di misurazione della relazione è rappresentato dai modelli per la rilevazione della customer satisfaction, delle cause che la influenzano e del legame quantitativo con i comportamenti dei clienti ed i risultati economici. Infatti, come visto, il livello di soddisfazione impatta notevolmente sui margini e riuscire ad individuare con ragionevole certezza i fattori che lo influenzano significa riuscire a sviluppare ricavi ed utili. In sintesi, se si riesce a comprendere quali sono i fattori che influenzano la soddisfazione del cliente e, quindi, il suo comportamento di acquisto, sarà possibile definire azioni mirate ed efficaci per sviluppare la relazione con i clienti migliori. 6 Modello di Orientamento è un marchio registrato di proprietà di Busacca & Associati. 36

10 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca Un processo corretto di sviluppo della relazione con il cliente, che sfrutta i legami causa-effetto tra soddisfazione e risultati prevede di: individuare i driver che impattano maggiormente sulla customer satisfaction; definire un piano di azioni mirate sui fattori della soddisfazione; definire un legame qualitativo tra soddisfazione, loyalty e risultati economici. Il modello che meglio di altri, anche nel settore bancario, ha mostrato di riuscire a spiegare il legame soddisfazione-loyalty (share of wallet)-risultati economici è il Sistema di Ascolto 7 che, ispirandosi alla base concettuale dei sistemi ACSI/ECSI 8, riesce a rispondere a due principali esigenze: 1. Misurare e monitorare il livello di soddisfazione della clientela per individuare le aree di miglioramento e le leve di intervento 2. Incrementare l efficacia delle azioni per sviluppare loyalty/quota di cliente e margini Dunque, il presupposto per uno sfruttamento efficace della customer satisfaction è l ascolto continuativo delle esigenze e delle aspirazioni del cliente, la rilevazione di quei valori latenti ed intangibili, spesso marginali, che però rappresentano la chiave vincente per eccellere nella relazione. Il modello, applicato con successo presso numerose realtà bancarie italiane, consente di ottenere alcuni risultati operativi di facile e rapido utilizzo. Principali output del Sistema di Ascolto Driver di soddisfazione per i momenti chiave della relazione col cliente Mappa dei driver critici in base a valore ed importanza relativa Indice di loyalty della clientela Driver critici a maggior impatto sulla loyalty Piano preliminare delle azioni incrementali 7 Sistema di Ascolto è un marchio registrato di proprietà di Busacca & Associati. 8 American Customer Satisfaction Index/European Customer Satisfaction Index. Per approfondimenti: Claes Fornell et alt. - The American Customer Satisfaction Index at ten years - Implications for the economy, Stock Returns and management - ACSI. 37

11 CARTESIO GOLDEN EDITION In particolare, attraverso lo studio del ciclo di vita della relazione bancacliente e mediante la realizzazione di momenti di interazione diretta con campioni rappresentativi della clientela (focus groups, indagini telefoniche) è possibile identificare i driver della soddisfazione e quantificare il loro impatto sulla soddisfazione complessiva. La definizione delle aree di intervento prioritarie e del piano di azioni connesso avviene classificando i driver in base all importanza che essi rivestono sulla soddisfazione ed al valore di soddisfazione percepito dal cliente. Questo permette di pianificare azioni mirate per ciascuna leva. Analisi dei gap: strategie di azione sui driver della soddisfazione Interventi tattici d emergenza sul campione intervistato e sui cluster di clienti omogenei Interventi strategici su cluster o segmenti di clientela Grado di Importanza Sotto la media Sopra la media MIGLIORARE Punti di debolezza CONTROLLARE Potenziale punto di debolezza MANTENERE Punto di forza VALORIZZARE Potenziale punto di forza Sotto la media Eventuali interventi tattici d emergenza sul campione intervistato e sui cluster di clienti omogenei Grado di soddisfazione Sopra la media Interventi tattici e strategici su cluster o segmenti di clientela La definizione di tale mappa delle priorità rappresenta un ausilio fondamentale per guidare la selezione delle azioni finalizzate alla crescita della soddisfazione. Come è stato detto, esistono due tipi di azioni realizzabili: azioni incrementali, volte a elevare lentamente ma progressivamente la soddisfazione; 38

12 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca azioni quantiche 9, volte a creare un salto di qualità consistente nella relazione. Questa modalità di classificazione dei driver rende quanto mai agevole l individuazione delle azioni di tipo incrementale, azioni cioè che la banca attua all interno della sua arena competitiva, apportando miglioramenti minimi ma progressivi e intervenendo a risolvere eventuali criticità percepite dal cliente. Alcuni test sul campo hanno dimostrato come rilevando periodicamente il grado di soddisfazione della clientela ed agendo tempestivamente è possibile migliorare il livello della relazione e, di conseguenza, i risultati. Una banca locale aveva riscontrato un problema di tempestività di risposta da parte dei gestori nei confronti della clientela affluent di un area circoscritta. Il problema, originato da una momentanea riduzione di organico non compensata, non era emerso fino ad allora in maniera netta. Il ripristino delle normali condizioni ha prodotto nei successivi tre mesi un incremento di soddisfazione di quasi 1 punto sui clienti dell area interessata. Un altro istituto bancario aveva rilevato come un fattore di notevole impatto sulla soddisfazione della propria clientela migliore, trascurato però dalla banca, era costituito dal riconoscimento tangibile della fedeltà alla clientela di più lunga anzianità. Il lancio immediato di un azione crash su un campione di questi clienti ha prodotto un sensibile incremento della qualità della relazione. 9 Per approfondimenti, su questa stessa edizione: Antonino Busacca - Eccellenza nella relazione: misurare e agire. 39

13 CARTESIO GOLDEN EDITION Mappa delle priorità di azione per la clientela affluent di una banca locale Tempestività di risposta Competenza gestori sez. investimenti Importanza bassa alta Costi/benefici sez. investimenti Costi/benefici sez. liquidità Personalizzazione del rapporto Costi/benefici sez. sicurezza Chiarezza comunicazioni variazioni sez.liquidità Modernità Tempi di attesa allo sportello Ampiezza gamma operazioni sez. canali virtuali bassa Soddisfazione alta Un ulteriore elemento da considerare è che la definizione di un legame analitico azioni-soddisfazione-loyalty-margini consente di quantificare gli effettivi ritorni delle azioni stesse, permettendo di commisurare meglio gli sforzi ai benefici attesi. 40

14 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca Risultati rilevati nell applicazione del modello ai clienti di una primaria banca italiana Aumentando la soddisfazione di un punto si ottiene un incremento medio del margine di intermediazione annuo di 47 per cliente Driver di soddisfazione Costi/benefici sez. liquidità S= 1 L = 0,45 Propositività di prodotti inv. Chiarezza comunicaz. variaz. Soddisfazione Loyalty MARGINE = 47 /anno L innovazione come passo decisivo verso l eccellenza Si è visto come le azioni incrementali mantengano la relazione col cliente nell ambito dell arena competitiva usuale. Solitamente sono di facile realizzabilità e comportano bassi rischi e costi contenuti (sicuramente inferiori rispetto ai benefici che si prevede di ottenere). Tuttavia, il salto di qualità nella relazione col cliente si ha in presenza di azioni finalizzate a modificare radicalmente la stessa, azioni che producono un salto di soddisfazione cospicuo ed immediato e che modificano in positivo il rapporto banca-cliente. Tipicamente si tratta di fenomeni di grande innovazione, con un effetto dirompente sul normale contesto concorrenziale, che permettono a chi le realizza di compiere un reale salto quantico. Il numero e la frequenza con cui tali azioni vengono messe in opera non è ovviamente elevato. Esistono infatti alcune barriere strutturali da superare: i costi elevati; il rischio connesso all investimento; la fattibilità tecnologica; la presenza di un idea innovativa vincente. 41

15 CARTESIO GOLDEN EDITION Tuttavia, coloro che imboccano la strada delle azioni quantiche e riescono a portarle a termine raccolgono risultati consistenti. Di seguito, vengono presentati a titolo di esempio due casi emblematici di innovazione di successo. Conto Arancio: guadagni sicuri senza rischi e senza costi La rivoluzione introdotta da ING Direct rappresenta uno dei fenomeni di maggiore impatto nel panorama della gestione del risparmio. Quando nel 2001 fu lanciato per la prima volta il Conto Arancio, con una mobilitazione pubblicitaria imponente, molti ne sottovalutarono il pericolo. Dopotutto si trattava di un semplice conto di deposito, gestito da una banca olandese semi-sconosciuta per la maggior parte dei clienti, che offriva tassi leggermente superiori alla media. Conto Arancio: la zucca dorata Superato l iniziale scetticismo, tipico quando si parla del patrimonio personale, ING si è ritagliata una posizione di preminenza nella gestione della liquidità. Oggi, dopo quattro anni e mezzo, clienti e 14 miliardi di euro di raccolta, Conto Arancio rappresenta una seria preoccupazione per tutte le banche 42

16 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca italiane. Tanto, che ora anche altri istituti cominciano ad accodarsi. Si pensi ad esempio al nuovo conto di deposito lanciato da Santander Consumer Finconsumo Banca. Il successo di Conto Arancio non è casuale; risponde perfettamente alle tre regole dell innovazione di successo: Similitudine con l usuale - si tratta di un normale conto corrente di deposito; Benefici elementari immediati - non è necessario cambiare banca, offre tassi di interessi più elevati del mercato, non ha alcun costo di apertura, gestione o chiusura; Trasparenza progressiva alla complessità - alcuni vincoli come il tetto massimo di deposito, il numero massimo di conti correnti sottoscrivibili e l impossibilità di prelevare direttamente dal conto, impattano marginalmente sulle decisioni del cliente. Carta Postepay: la carta che non chiede il conto Nel lanciare la carta PostePay, Poste decise di incamminarsi su un sentiero non del tutto nuovo. Le carte di credito prepagate esistevano già, ma riscuotevano scarso successo. Tipicamente venivano considerate un prodotto marginale, uno strumento di pagamento da vendere a fasce di clientela a minor reddito o meno affidabili. Poste Italiane decise di rivitalizzare questa tipologia di prodotto con alcune modifiche sostanziali: tanto da farne una novità assoluta. La principale innovazione era costituita senza dubbio dalla possibilità di sottoscrivere la carta senza la necessità di avere un conto corrente bancario. Di fatto si aprivano le porte dei mezzi di pagamento evoluti ad una nuova fascia di persone (tra cui giovani e studenti) fino ad allora esclusa. 43

17 CARTESIO GOLDEN EDITION Carta PostePay: operare ovunque in totale sicurezza e flessibilità Anche in questo caso il prodotto incarna le caratteristiche dell innovazione di successo Similitudine con l usuale - si tratta di un carta di credito operante sul circuito Visa Electron; Benefici elementari immediati - non è necessario aprire un conto corrente, ha costi di sottoscrizione irrisori, consente l effettuazione della ricarica anche da parte di soggetti diversi dal titolare, può essere ricaricata in ognuno degli oltre sportelli postali, di cui molti aperti anche al sabato; Trasparenza progressiva alla complessità - plafond limitato a euro e costo di ricarica fisso di 1 euro vengono offuscati dall impatto dei benefici ottenuti. Conclusioni Gli ultimi esempi presentati dimostrano come spesso da idee semplici ma coraggiose possano nascere casi di grande successo. Ovviamente, la via per raggiungere l eccellenza nella relazione col cliente non è unica, e soprattutto non è semplice. Sebbene non esista una ricetta specifica per avere clienti soddisfatti fidelizzati e redditizi, esistono alcuni elementi da tenere a mente: 44

18 L eccellenza nella relazione con il Cliente in Banca Cercare di ricostruire sempre i legami causa-effetto per spiegare i risultati economici; Considerare nella gestione della relazione sia gli aspetti tangibili sia i valori latenti ed intangibili; Ascoltare in maniera continua quello che la clientela ha da dirci, cogliendone le aspettative e le percezioni; Agire in maniera rapida quantificando costi e risultati. Un ultimo aspetto, quello forse più affascinante, è rappresentato dalla necessità di innovare, di esplorare ambiti non ancora battuti: è questo che permette di completare il raggiungimento dell eccellenza nella relazione. 45

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca

Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Scoprire le azioni fidelizzanti in banca Il Modello di Soddisfazione-Loyalty consente alla banca di scoprire quali azioni mettere in campo per rendere concretamente più fedeli i clienti, incrementandone

Dettagli

Customer Focus Program

Customer Focus Program Sviluppare la soddisfazione del cliente, migliorarne la redditività C lienti stabilmente soddisfatti danno luogo a risultati di bilancio e quotazioni di borsa continuativamente e sensibilmente migliori.

Dettagli

PROBLEM DETECTION PROGRAM:

PROBLEM DETECTION PROGRAM: Pag.1 di 7 PROBLEM DETECTION PROGRAM: IL RUOLO ATTIVO DELLA BANCA PER CONOSCERE E FIDELIZZARE I CLIENTI Marina Mele - Luigi Riva In un settore che si caratterizza per elementi di forte dinamicità, fidelizzare

Dettagli

Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione

Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione Il Sistema Integrato di Ascolto della Soddisfazione Misurare e agire: l eccellenza nei risultati economici dipende dalla capacità di soddisfare i propri clienti meglio e più a lungo della concorrenza Busacca

Dettagli

Piccole banche: c è una via locale al private banking?

Piccole banche: c è una via locale al private banking? Piccole banche: c è una via locale al private banking? Un private banking locale, attraverso un offerta di prodotti e servizi di qualità sui segmenti di clientela a più alto margine, può costituire l approccio

Dettagli

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda

Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Sviluppo del valore della clientela: l approccio di Banca Lombarda Giovanni Andolfi giovanni.andolfi@bancalombarda.it Roma, 13 febbraio 2007 Banca Lombarda: una forte Rete in un area territoriale ricca

Dettagli

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca

Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Conoscere il cliente e le sue potenzialità: l importanza della business intelligence in banca Luca Molteni Elena Feltrinelli Università Bocconi Milano Convegno ABI Dimensione Cliente Roma, 13 febbraio

Dettagli

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO

CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO CRIF DECISION SOLUTIONS - EURISKO OSSERVATORIO SULLE CARTE DI CREDITO Settembre 2003 INDICE PRESENTAZIONE DELL'OSSERVATORIO...pag. 1 EXECUTIVE SUMMARY... 3 Capitolo 1 STATO ED EVOLUZIONE DEL MERCATO...7

Dettagli

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini

STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini STRATEGIE PER LA CRESCITA PROFITTEVOLE Gestire le vendite e il servizio per sostenere prezzi e margini Vicenza, 5 marzo 2013 Relatore: FABIO VENTURI Consulente di direzione e formatore. Testimonianza:

Dettagli

Sviluppare la customer satisfaction

Sviluppare la customer satisfaction Sviluppare la customer satisfaction Sviluppare la customer satisfaction Misurare e agire: il piano operativo di sviluppo della soddisfazione si basa sulla messa a punto di strumenti concreti e sul lancio

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe

vendite Come organizzare le informazioni Il Customer Relationship Management nelle Istituzioni Finanziarie Europe Premessa Analisi dei progetti di Customer Il Customer Il data base per il marketing e per le : Come organizzare le informazioni Più di un terzo delle istituzioni non inserisce ancora in un unico data base

Dettagli

Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza

Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza Customer satisfaction nei servizi, maggiore dove c è concorrenza La terza edizione dell Osservatorio sulla customer satisfaction nei servizi conferma che il livello di soddisfazione dei clienti risulta

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto

La conoscenza del Cliente come fonte di profitto La conoscenza del Cliente come fonte di profitto Giorgio Redemagni Responsabile CRM Convegno ABI CRM 2003 Roma, 11-12 dicembre SOMMARIO Il CRM in UniCredit Banca: la Vision Le componenti del CRM: processi,

Dettagli

Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM

Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Sviluppare il cliente retail attraverso il CRM Differenziarsi attraverso un efficace gestione della relazione appare per le banche piccole e medie la risposta strategica all inasprimento della competitività

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti

Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti Customer Relationship Management (Gestione Rapporto con i Clienti): cos'è e cosa può fare per aumentare la fedeltà dei Clienti I profondi e rapidi cambiamenti che in questi anni si sono manifestati in

Dettagli

Primi risultati di sintesi

Primi risultati di sintesi INDAGINE ABI-UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA Approcci di CRM e di gestione delle relazioni con la clientela del settore bancario Primi risultati di sintesi (Dicembre 2003) 1 2 BANCHE RISPONDENTI: 84 RAPPRESENTATIVE

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO LE FILOSOFIE ADOTTABILI DALL IMPRESA IN RELAZIONE AI MERCATI Sommario: 1. La filosofia della produzione. - 2. La filosofia del prodotto. - 3. La filosofia della vendita. - 4. La filosofia

Dettagli

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia

LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia LUMSA Università Dipartimento di Giurisprudenza Palermo Sez. S. Silvia Master universitario di I livello Management delle politiche sociali. Focalizzazione: Paesi dell area euromediterranea Anno Accademico

Dettagli

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo

Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Cogliere le opportunità del mercato del credito al consumo Per cogliere le opportunità offerte dal mercato del credito al consumo è fondamentale per gli operatori dotarsi di un reale vantaggio competitivo

Dettagli

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media

Capitolo 2 Comprendere le relazioni. UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media Capitolo 2 Comprendere le relazioni UNIVERSITÀ LUMSA Laurea Specialistica in Comunicazione d impresa, Marketing, New media IL CONCETTO DI RELAZIONE Le implementazioni di CRM sono concepite nell ottica

Dettagli

La percezione di valore in banca

La percezione di valore in banca La percezione di valore in banca Il valore percepito dal cliente dei servizi bancari non è strettamente legato al prezzo, ma dipende dalla relazione cliente-banca: dotarsi di un sistema di ascolto è la

Dettagli

È dimostrato, soddisfare i clienti conviene

È dimostrato, soddisfare i clienti conviene È dimostrato, soddisfare i clienti conviene Le aziende con clienti soddisfatti migliorano costantemente i risultati di bilancio e le quotazioni di borsa: una ricerca italiana lo dimostra per la prima volta

Dettagli

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING

LA DIMENSIONE TECNOLOGICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE. Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKING 1 LA DIMENSIONE TECNOLOICA DELLA RELAZIONE BANCA CLIENTE Dott. Paolo Mangione DIREZIONE COMMERCIAL BANKIN 2 Numero di Banche (sedi legali) in Italia 1998-2009 3 Numero di sportelli in Italia 1998-2009

Dettagli

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno

Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno CISALPINA TOURS CISALPINA RESEARCH Risultati indagine: Un nuovo modo di viaggiare in treno Cisalpina Research, il nuovo centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità

Dettagli

Prevedere l abbandono dei clienti e agire

Prevedere l abbandono dei clienti e agire Prevedere l abbandono dei clienti e agire Definire azioni mirate per intervenire in anticipo sul rischio di abbandono dei singoli clienti Busacca & Associati A nticipare il rischio di abbandono dei clienti

Dettagli

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT

Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Valutazione e miglioramento della qualità nelle Pmi dell I&CT Nell attuale economia globalizzata e altamente competitiva l impresa customer oriented è chiamata a fornire prodotti/servizi atti a soddisfare

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION

GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION GENERALITÀ SULLA CUSTOMER SATISFACTION Giuseppe Cicconi IL MODELLO DI GENERAZIONE DELLA CUSTOMER SATISFACTION Caratteristica dell'offerta Funzionalita' "Immagine - esperienze passate con l azienda Valore

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori

MBS Business School. Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati. La missione di MBS è aiutare le migliori MBS Business School Un Luogo dove le Aziende crescono nonostante la crisi e le difficoltà dei mercati Come sta reagendo il Suo settore alla crisi finanziaria in corso? Quali sono le previsioni per i prossimi

Dettagli

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE

[ ] L ALLINEAMENTO DI STRATEGIE DI PREZZO E BRAND BUILDING PER LA CRESCITA DELLE AZIENDE WHITE PAPER [ Con la moderata ripresa economica emergono nuove necessità di bilanciamento delle leve di marketing Pierluigi Carlini ASK Vice President IRI Con la moderata ripresa economica emergono nuove

Dettagli

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi

Corporate Social Responsibility & Retailing Una ricerca di SymphonyIRI Group e SDA Bocconi 1 Introduzione Nel contesto attuale tutte le organizzazioni, nello svolgimento della propria attività, dovrebbero tener conto delle esigenze espresse dai differenti interlocutori sociali (stakeholder)

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE A PARTIRE DALLA GESTIONE DINAMICA DEL SUO CICLO DI VITA. LA CUSTOMER RETENTION E IL PROGETTO VALORE CLIENTE DELLA Piergiorgio Qualizza Servizio Commerciale Milano, 9 febbraio

Dettagli

di Antonio Ferrandina

di Antonio Ferrandina COME SI SCRIVE IL MARKETING PLAN PARTE III di Antonio Ferrandina CONCORRENZA Questa sezione è dedicata ad un'analisi approfondita della Concorrenza. In genere, i dati che si possono includere, se conosciuti,

Dettagli

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI

IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI IL CONTACT CENTER COME STRUMENTO DI CRM NELL AMBITO DI UNA STRATEGIA DI RIDUZIONE DEI COSTI I consumatori sono saturi e hanno poco tempo, ha sentenziato recentemente Enrico Finzi, presidente di Astra/Demoskopea,

Dettagli

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana

79 a Giornata Mondiale del Risparmio. Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana 79 a Giornata Mondiale del Risparmio Intervento di Maurizio Sella Presidente dell Associazione Bancaria Italiana Roma, 31 ottobre 2003 Signor Ministro dell Economia, Signor Governatore della Banca d Italia,

Dettagli

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo

Sin qui abbiamo analizzato gli strumenti che servono. anche anticipatamente o parallelamente rispetto allo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI FARMACIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ERBORISTICHE CORSO DI MARKETING E GESTIONE AZIENDALE MATERIALE DIDATTICO Professore di Economia Aziendale, Organizzazione

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO

LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Divisione Ricerche Claudio Dematté LE COMPETENZE DI MARKETING E DI VENDITA PER I MERCATI DEL FUTURO Paolo Guenzi, Gabriele Troilo Convegno Multiconsult E nata prima la gallina Kilometro Rosso 4 dicembre

Dettagli

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION

L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION L ANALISI DEI RISULTATI DI CUSTOMER SATISFACTION LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE. Strumento di marketing: conoscere il livello di soddisfazione del cliente e il modo in cui si forma il suo giudizio analisi

Dettagli

CRM Downsizing Program

CRM Downsizing Program Azzerare i costi inutili del CRM e massimizzare il valore di quanto già realizzato S empre, e in special modo durante periodi di crisi, risulta vitale in azienda individuare tutte le potenziali fonti di

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Customer Satisfaction: verso una rilevazione analitica dell Esperienza dei Clienti. Settembre. All Industries

Customer Satisfaction: verso una rilevazione analitica dell Esperienza dei Clienti. Settembre. All Industries Customer Satisfaction: verso una rilevazione analitica dell Esperienza dei Clienti Settembre 2011 All Industries Executive Summary Il principale obiettivo di ogni azienda è massimizzare il Valore per gli

Dettagli

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006

Marketing relazionale. Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 Marketing relazionale Eleonora Ploncher 27 febbraio 2006 1. Gli obiettivi Gli obiettivi della presentazione sono volti a definire: 1. I presupposti del marketing relazionale 2. Le caratteristiche principali

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006

LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 LE RISORSE UMANE NEI BILANCI AZIENDALI OSSERVATORIO ANNUALE 2006 I BILANCI ECCELLENTI Estratto dal Bilancio GRUPPO MPS Lo stralcio che segue è estratto da Gruppo MPS Bilancio 2005 Pagine 91-97 euro (+44%

Dettagli

Un unico grande gruppo al tuo servizio

Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Un unico grande gruppo al tuo servizio Cerved Group nasce dall unione di otto marchi, ognuno dei quali leader di presidio, che grazie alla loro competenza ed esperienza

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011

LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE CUSTOMER SATISFACTION CHI E IL CLIENTE? 23/10/2011 LA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1 CUSTOMER SATISFACTION Lo stato in cui i bisogni, desideri, aspettative dei clienti sono soddisfatti e portano al riutilizzo del prodotto/ servizio ed alla fedeltà all azienda

Dettagli

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA

CATALOGO FORMATIVO KNOWITA Il Catalogo Formativo 2015 di Knowità è composto da incontri pensati per soddisfare le esigenze di figure di responsabilità che necessitano di risposte concrete alle principali e più attuali priorità aziendali.

Dettagli

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail

Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Il CRM nei servizi finanziari alla clientela retail Microsoft Dynamics CRM e le istituzioni finanziare dedicate alle famiglie banche, banche assicurazioni e sim Premessa Ogni impresa che opera nel settore

Dettagli

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero

Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica. Relatore Giancarlo Ferrero 1 Marketing & Sales oltre la crisi: i risultati di un analisi empirica Relatore Giancarlo Ferrero AUTORI DELLA RICERCA Università degli Studi di Macerata Elena Cedrola Giacomo Gisti Università Politecnica

Dettagli

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004

IL PATRIMONIO INTANGIBILE. Idee e metodologie per la direzione d impresa. Marzo 2004 Marzo Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. IL PATRIMONIO INTANGIBILE COSA SI INTENDE PER PATRIMONIO INTANGIBILE?

Dettagli

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director

I servizi di Marketing. Marco Vecchiotti - Director I servizi di Marketing Marco Vecchiotti - Director 2012 Data4Value: Soluzioni di Marketing nel gruppo CRIF 2 3 2012 I servizi Data4Value Ottimizzazione delle performance di business sul territorio Ottimizzazione

Dettagli

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW)

FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) FLUSSI FINANZIARI (CASH FLOW) 1. TESORERIA 1 a) Sviluppo della capacità di pianificare i flussi finanziari Il modulo formativo consente di acquisire le competenze per costruire un prospetto di programmazione

Dettagli

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI

VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI VERY YOUNG PERSON MARKETING RELAZIONALE E FIDELIZZAZIONE NEL SEGMENTO GIOVANI Andrea Chierici Responsabile Prodotti Retail Cariparma e Piacenza S.p.A. - Gruppo Intesa ABI CRM 2003. Strategie di valorizzazione

Dettagli

di Giorgia Facchini (*)

di Giorgia Facchini (*) strategica Strategie di Customer Relationship Management di Giorgia Facchini (*) Il Customer Relationship Management ha costituito negli ultimi anni un opportunità a disposizione delle PMI per poter valutare

Dettagli

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA

Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA Capitolo 9: Gestire il ciclo di vita del cliente: Sviluppo e Retention UNIVERSITÀ LUMSA IL CICLO DI VITA DEL CLIENTE RETENTION SVILUPPO Mantenere un elevata percentuale di clienti di valore riducendo le

Dettagli

PRIMO OSSERVATORIO EUROPEO SULLA INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA

PRIMO OSSERVATORIO EUROPEO SULLA INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA PRIMO OSSERVATORIO EUROPEO SULLA INTERMEDIAZIONE ASSICURATIVA Un confronto tra Italia e resto d Europa alla luce dei cambiamenti del modello di distribuzione giugno 2014 Contenuti della presentazione 1.

Dettagli

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI

È TEMPO DI PIANIFICARE NON BASTA PIÙ INVESTIRE INVESTIRE 500.000? ECCO GLI ULTIMI PORTI SICURI COSTRUIRSI UNA RENDITA CON GLI AFFITTI www.effemagazine.it NOVEMBRE 2014 MENSILE - ANNO 4 - NUMERO 11 - NOVEMBRE 2014 POSTE ITALIANE SPA - SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE - 70% - LO/MI 5,00 EURO 4,00 EURO TORNA L AVVERSIONE AL RISCHIO ECCO

Dettagli

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing

Il Marketing. Unità 1 La Funzione di Marketing Il Marketing Unità 1 La Funzione di Marketing Le Vendite e il Marketing Il Marketing si inquadra nella Funzione Vendite In passato le imprese erano product oriented (mercati statici) Oggi le imprese sono

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato

ssctsp OFFERTA FORMATIVA PER LE IMPRESE DEL TERZIARIO Le relazioni con il mercato Le relazioni con il mercato 1 IL SISTEMA CLIENTE E IL PRESIDIO DELLA RELAZIONE CONSULENZIALE Nella situazione attuale, il venditore deve fornire un servizio sempre più di qualità, trasformandosi nel gestore

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

ATM: strategie ed innovazioni

ATM: strategie ed innovazioni ATM: strategie ed innovazioni Business e tecnologie Gli investimenti delle banche in tecnologia e nello sviluppo del canale Atm devono andare in direzione non solo dell efficienza e del cost saving, ma

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche

I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche I Monitoraggi dell ABI a supporto delle strategie di fidelizzazione delle banche DANIELA VITOLO d.vitolo@abi.it - CENTRO STUDI E RICERCHE - ABI CRM - RELAZIONE E VENDITA: LA SOLUZIONE PER CRESCERE 1 GLI

Dettagli

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento

M-Payment, il futuro nei sistemi di pagamento ITALIA, il futuro nei sistemi di pagamento All alba di una nuova tecnologia nei sistemi di pagamento, indagine sulla propensione all utilizzo del telefonino come strumento d acquisto. 90 Nuove frontiere

Dettagli

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato

Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato Il Citizen Relationship Management ai primi passi in Italia Un confronto pubblico-privato A cura di Thomas Schael e Gloria Sciarra (irso e Butera e Partners) Il Citizen Relationship Management (CRM) in

Dettagli

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009

Marketing avanzato. Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09. Prof. Michela Addis. 14 sessione: 9/6/2009 Economia & Management Marketing avanzato Facoltà di Economia Università degli Studi di Roma 3 A.A. 2008/09 Prof. Michela Addis 14 sessione: 9/6/2009 1 Il settore finanziario Campione: 130 istitituzioni

Dettagli

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia

Ruth P. Stevens LEAD GENERATION. Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Ruth P. Stevens LEAD GENERATION Generare nuovi contatti commerciali con strumenti d avanguardia Sommario L autrice, ringraziamenti...ix Capitolo 1 Introduzione alla lead generation... 1 Definiamo i termini:

Dettagli

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM

Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Nuovi metodi di analisi della relazione con il cliente: il CRM Dott. Gabriele Sabato Abstract Nel corso del processo di evoluzione della nostra società moderna si è riscontrato sempre più l insorgere di

Dettagli

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO

INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO INDICE RADAR BANK: UNO STRUMENTO PER ASCOLTARE IL MERCATO pag 3 RADAR BANK: IL SUO LINGUAGGIO pag 4 I TEMI ESPLORATI LE FONTI: UN SISTEMA INTEGRATO DI INFORMAZIONI pag 5 DESCRIZIONE STRUTTURA E METODOLOGIA

Dettagli

Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso

Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso AIM: Servizio Distribuzione Gas Metano Customer Satisfaction presso i cittadini del Comune di Treviso Edizione 2010 Indice 2 Obiettivi della ricerca pag. 3 Nota metodologica pag. 4 Il campione pag. 5 La

Dettagli

CRM e redditività di cliente: opportunità per una revisione degli orientamenti gestionali nel retail banking

CRM e redditività di cliente: opportunità per una revisione degli orientamenti gestionali nel retail banking APB GIORNATA DI STUDIO Customer Relationship Management e Customer Profitability Analysis nelle banche europee CRM e redditività di cliente: opportunità per una revisione degli orientamenti gestionali

Dettagli

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM

di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM STRATEGIE DI CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT di Giorgia Facchini Marketing e vendite >> CRM INTRODUZIONE L acronimo CRM sta per Customer Relationship Management, ossia gestione delle relazioni con i clienti,

Dettagli

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality Mettere in pratica una strategia di customer experience Michele Gorgoglione, Politecnico di Bari Phil Klaus, ESCEM School of Business and Management Le strategie di customer experience stanno rapidamente

Dettagli

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali

I Sistemi Informativi Direzionali. I reporting direzionali I Sistemi Informativi Direzionali I reporting direzionali Concezioni del controllo Concezione tradizionale valutare l efficienza, l onestà e la diligenza dei dipendenti Concezione moderna (p.e. Anthony)

Dettagli

Fidelizzazione della clientela e customer care

Fidelizzazione della clientela e customer care Fidelizzazione della clientela e customer care La fidelizzazione è costituita da un insieme di operazioni ritenute utili per conservare a lungo la clientela. La fidelizzazione si attua impiegando tecniche

Dettagli

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità

Intangibilità. Inseparabilità. Contestualità. Variabilità. Deperibilità 1 2 Intangibilità Inseparabilità Contestualità Variabilità Deperibilità 3 I servizi, a differenza dei beni fisici, non sono visibili e valutabili qualitativamente prima del processo di erogazione; non

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard

nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard nuove dimensioni della performance aziendale: la Balanced Scorecard Prospettiva conoscenza e competenze Prospettiva dei processi Prospettiva dei clienti Prospettiva economico finanziaria le relazioni causa-effetto

Dettagli

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE

CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÁ DI ECONOMIA Corso di Laurea in Economia Aziendale Esame di Laurea CRM: IL FUTURO DEL MARKETING ATTRAVERSO LA CONOSCENZA DEL CLIENTE Tutore: Prof. Maria Chiarvesio

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Aspetti metodologici della misurazione della Customer Satisfaction nella PA e limiti dell applicazione di modelli sviluppati per il mercato

Aspetti metodologici della misurazione della Customer Satisfaction nella PA e limiti dell applicazione di modelli sviluppati per il mercato Aspetti metodologici della misurazione della Customer Satisfaction nella PA e limiti dell applicazione di modelli sviluppati per il mercato Professoressa Maria Francesca Renzi L importanza della Soddisfazione

Dettagli

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili

Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Recupero della fiducia: le nuove dimensioni sostenibili Roberta Dalmaschio Gaia Cioci Convegno ABI - Agenda Il contesto congiunturale e la fiducia del cliente La fiducia è il requisito per un ritorno economico

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism

CONSULTING. Trend, Strategy & Marketing in Tourism CONSULTING Trend, Strategy & Marketing in Tourism TSM Consulting vuole dare un contributo sostanziale al settore del turismo, migliorando la comprensione e la soddisfazione della domanda e aumentando la

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Piano Industriale 2011-2013. Milano, 24 Gennaio 2011

Piano Industriale 2011-2013. Milano, 24 Gennaio 2011 Gruppo 24 ORE: Piano Industriale 2011-2013 Milano, 24 Gennaio 2011 Disclaimer Il presente documento è stato redatto da Il Sole 24 Ore S.p.A. ("Il Sole 24 Ore" o la "Società") in vista della odierna riunione

Dettagli

AXA COMUNICATO STAMPA

AXA COMUNICATO STAMPA AXA COMUNICATO STAMPA ROMA, 21 OTTOBRE 2014 I Millennials nel rapporto con le assicurazioni: rischi percepiti, bisogni emergenti e nuovi linguaggi Nel corso dell Italian AXA Forum 2014, AXA Italia analizza

Dettagli

Roma, 28 Novembre 2013. VI Forum QualEnergia La ricetta per (com)battere la crisi Una scossa per il Paese Di Antonio Valente

Roma, 28 Novembre 2013. VI Forum QualEnergia La ricetta per (com)battere la crisi Una scossa per il Paese Di Antonio Valente Roma, 28 Novembre 2013 VI Forum QualEnergia La ricetta per (com)battere la crisi Una scossa per il Paese Di Antonio Valente La società sta cambiando Diversi fattori stanno contribuendo al suo cambiamento

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli