Relazione finale. Progetto Suoni in movimento!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione finale. Progetto Suoni in movimento!"

Transcript

1 Corrias Simonetta Classe F 2 Tutor Paolo Silveri Relazione finale Progetto Suoni in movimento! Numero di classi coinvolte, di insegnanti, di ragazzi che hanno partecipato alla sperimentazione Il progetto Suoni in movimento! è stato realizzato con gli alunni di 2 classi appartenenti a ordini di scuola diversi dell Istituto Comprensivo L. Da Vinci di Decimomannu (CA): 26 alunni di 4 anni della sezione F della scuola dell Infanzia e 21 alunni di 7 anni, frequentanti la classe seconda della scuola Primaria. Le insegnanti coinvolte sono 2: la sottoscritta e M. Cristina Peddis, docente della sezione F, iscritta al secondo anno del DOL. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto è stato concepito in maniera tale da avere degli elementi di continuità con l esperienza realizzata alla fine del primo anno di frequenza del DOL. A tal fine è stata fortemente voluta la presenza degli alunni con i quali era iniziata la sperimentazione, allora iscritti all ultimo anno della scuola dell Infanzia. I protagonisti del progetto, quindi, sono stati loro, insieme agli alunni più piccoli: la compresenza di bambini di fasce d età e di ordini di scuola diversi è stata molto stimolante sia per gli alunni che per le insegnanti, non avendo mai sperimentato una situazione di questo tipo. Innanzitutto perché gli alunni più grandi, esortati dalle docenti, si sono assunti con dedizione la responsabilità di seguire e aiutare i più piccoli: ciò ha determinato la creazione di un clima sociale positivo e l insorgere di spinte motivazionali molto forti. In secondo luogo perché si è cercato di creare un nuovo ambiente di lavoro, nel quale il raggruppamento degli alunni e la gestione degli spazi e del tempo-scuola hanno trovato un altra dimensione in cui

2 favorire le situazioni di apprendimento collaborativo auspicate in fase di progettazione. Suoni in movimento! è un progetto di animazione musicale nato con l obiettivo di guidare il bambino alla graduale conquista della realtà sonora, promuovendo l interazione esistente tra il linguaggio musicale e gli altri linguaggi, verbali e non. È stato portato avanti seguendo alcuni dei principali metodi della didattica musicale, Orff in primis, e traendo spunti e suggerimenti da varie guide del settore e in svariati siti web. Il metodo Orff si fonda sulla convinzione che il bambino si avvicina alla musica facendola e che questa deve essere accessibile e fruibile. Perciò il metodo si esplica attraverso l uso di uno strumentario facilmente utilizzabile anche da bambini molto piccoli; la scelta di un repertorio di canti adeguati; la valorizzazione dell interpretazione motoria della musica quale strumento ottimale per l interiorizzazione del ritmo. Le fasi e i contenuti del progetto sono i seguenti: Introduzione del percorso: il progetto è stato introdotto attraverso la drammatizzazione intitolata Suono e rumore. Anticipando alcune tematiche che sarebbero state affrontate di li a poco, la drammatizzazione ha voluto essere un mezzo attraverso cui entrare nell immaginario dei bimbi e suscitarne la curiosità. In questa occasione si è verificato il primo incontro fra i bimbi della scuola dell Infanzia e quelli della Primaria che, dopo aver provato le scene nel corso di alcuni incontri precedenti, hanno realizzato lo spettacolo per gli alunni più piccoli. Presentazione dei singoli contenuti: Il mondo sonoro intorno a noi : I contenuti legati al percorso Il mondo sonoro intorno a noi intendevano favorire momenti di discriminazione del panorama sonoro più vicino al bambino, analizzando rumori che appartengono al mondo degli animali, alla natura e all ambiente della casa. I tre ambienti sonori sono stati esaminati attraverso momenti di ascolto e di rielaborazione: conversazioni guidate; registrazioni; classificazione dei rumori; interpretazioni motorie; rappresentazioni grafiche con tecniche diverse,

3 sia in cartaceo che in digitale; sonorizzazione/rievocazione; esecuzione di canti a tema con accompagnamento strumentale; realizzazione di un libro elettronico per ciascuno dei tre panorami sonori analizzati. In questa fase è avvenuto anche il primo approccio dei bambini di 4 anni con le TIC, utilizzate per introdurre una tematica, per la rielaborazione grafica, per la registrazione delle voci, per la fruizione di giochi interattivi a tema. Percepisco quindi riconosco - mi muovo - suono con il mio corpo - suono e canto: in questo momento del percorso sono state proposte attività prettamente musicali, basate su continue sollecitazioni all ascolto attivo, per la discriminazione delle principali caratteristiche del suono. Percepisco quindi riconosco piano e forte è l unità di apprendimento proposta per stimolare la capacità di discriminare le diverse gradazioni di INTENSITÁ utilizzate nella musica (pianissimo, piano, forte, fortissimo, crescendo, diminuendo) delle quali i bambini hanno preso consapevolezza con la pratica vocale e strumentale, giochi di finzione e l utilizzo delle risorse presenti nella sezione dedicata ai bambini del sito della San Francisco Symphony. Vi sono stati anche dei momenti di rielaborazione grafica con la realizzazione, da parte dei bimbi di 7 anni, di partiture informali da far eseguire ai più piccoli. Attraverso l unità di apprendimento Percepisco quindi riconosco acuto e grave sono state presentate attività volte alla discriminazione delle caratteristiche ACUTO-GRAVE del suono. Anche in questo caso si è cercato di favorire l ascolto partecipativo e di rendere, per quanto possibile, visibili dei concetti astratti attraverso l interpretazione motoria di brani nei quali venivano messi in evidenza i passaggi estremi dall acuto al grave. Per la discriminazione della DURATA, legata all unità di apprendimento Percepisco quindi riconosco lungo e corto, i bambini di 4 anni hanno analizzato la durata dei versi degli animali di una canzone conosciuta, per rappresentarla graficamente, distinguendo i versi lunghi da quelli corti. I bambini di 7 anni, invece, hanno rappresentato con Tux Paint alcune fra le fonti sonore analizzate nelle settimane precedenti e ne hanno rappresentato la durata del rumore che producono. Percepisco quindi mi muovo è il percorso attraverso cui i bambini sono stati stimolati ad interiorizzare il senso del ritmo adeguando il proprio movimento in relazione a determinati eventi sonori. A tal fine

4 sono state proposte musiche di ritmi, velocità, stili ed epoche diversi, che gli alunni dovevano interpretare di volta in volta secondo la consegna data, legata al fraseggio o a particolari cellule ritmiche: muoversi-stare fermi; dondolare; camminare; marciare; cadere; agitare nastri, teli. Era finalizzata all interiorizzazione del ritmo anche l unità di apprendimento Percepisco quindi suono con il mio corpo, basata sulla body percussion e quindi sull utilizzo di gesti-suono per accompagnare e mettere in risalto particolari momenti di un brano musicale. Gli alunni della scuola Primaria hanno realizzato anche delle partiture sui suoni-gesto con Tux Paint. Percepisco quindi suono e canto è il percorso che prevedeva momenti strutturati di espressione attraverso il canto corale e l utilizzo di strumenti finalizzato all accompagnamento di canti e basi musicali. Questo tipo di attività, attuato comunque in tutte le fasi del progetto, ha voluto porre le basi per instradare gli alunni ad un utilizzo consapevole dello strumentario. Nel corso dei mesi i bimbi di entrambe le fasce d età hanno eseguito diversi canti suonando sia per mettere in evidenza la pulsazione del brano che per sottolinearne particolari eventi, ad esempio una pausa o le parole del testo. Gli alunni di 4 anni hanno utilizzato anche i tuboing e il metallofono con le piastre colorate, suonando una piastra per volta, sempre dietro la consegna data. Gli alunni di 7 anni hanno praticato anche l uso delle piastre sonore per la produzione di brevi melodie. In questo caso è stata utilizzata la tecnica A HOQUETOS, una forma di musica collaborativa per la quale i partecipanti eseguono a turno una parte della melodia che si completa, con la collaborazione di tutti. Inoltre hanno sperimentato anche l utilizzo di una tastiera virtuale, dietro lettura di una partitura fatta di note i cui colori e i numeri corrispondono a quelli della tastiera. La musica nelle fiabe: I MUSICANTI DI BREMA: la fiaba I Musicanti di Brema è stata utilizzata come elemento fantasticomotivazionale al fine di introdurre il percorso relativo alla conoscenza degli strumenti musicali a fiato e a percussione, quelli tipici della banda. Il lavoro sulla fiaba si è articolato in tre momenti principali: 1) conoscenza della storia attraverso la lettura, la drammatizzazione e la costruzione di un plastico; rappresentazione grafica sia in cartaceo che in digitale delle sequenze principali; 2) sonorizzazione del racconto, memorizzazione di un copione, registrazione audio; costruzione di un libro elettronico;

5 3) modifica del finale (..se i 4 musicanti fossero arrivati a Brema che strumenti avrebbero suonato nella banda? ), quindi presentazione degli strumenti musicali (flauto traverso, fagotto, oboe, clarinetto, corno francese, tromba, trombone, basso tuba, tamburo, grancassa, triangolo, piatti). In questa parte del progetto le TIC hanno svolto un ruolo importante perché hanno consentito agli alunni di familiarizzare con i timbri degli strumenti e di memorizzarne l aspetto attraverso software interattivi, memory (on-line) e puzzles (off-line), siti diversi. Inoltre gli alunni hanno potuto conoscere da vicino alcuni strumenti: il corno francese, il flauto traverso e il saxofono dei quali è stato spiegato il principio che sta alla base dell emissione dei suoni. 4) Terminata la fase della conoscenza, gli alunni hanno potuto ipotizzare il finale della fiaba, disegnando, sia in cartaceo che in digitale, i protagonisti e lo strumento a fianco. Gli alunni di 7 anni, inoltre, hanno realizzato il libro elettronico. Le fiabe nella musica: IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI: Il Carnevale degli animali è una fantasia musicale di Camille Saint Saëns, proposta agli alunni per stimolare l ascolto attivo di un genere musicale poco familiare e avere la possibilità di presentare un altra categoria di strumenti musicali: quelli a corda (violino, viola, violoncello, contrabbasso) e a corde percosse (pianoforte). I quadri della composizione analizzati sono: I canguri, La voliera, Gli elefanti e L acquario. Per ciascuno di essi sono state proposte attività di interpretazione motoria, culminate nella realizzazione di una drammatizzazione finale; rappresentazioni grafiche sia in cartaceo che in digitale dei personaggi e degli strumenti musicali; attività finalizzate alla conoscenza degli strumenti, di cui è stata fatta una presentazione simile a quella avvenuta per gli strumenti a fiato e a percussione, con l utilizzo delle stesse risorse multimediali e la conoscenza da vicino del violino. Inoltre, i bambini di 7 anni hanno eseguito con le piastre sonore e con una tastiera virtuale la melodia popolare francese Ah je vous dirai maman, ripresa dal compositore nel quadro I fossili della medesima composizione, di cui esiste una versione molto nota intitolata Twinkle, twinkle little star.

6 1) Momenti conclusivi Attraverso le attività descritte di sotto si è cercato, da una parte, di lasciare un segno e un ricordo speciale nel bagaglio di esperienze vissute dal bambino e dall altra di acquisire gli elementi necessari a ridefinire criticamente le scelte educative e didattiche, valutando il grado di adeguatezza delle attività proposte e soprattutto il modo in cui l intervento educativo-didattico ha influito sui processi che stanno alla base della crescita del bambino nella sua globalità. Lezione-concerto sugli strumenti musicali: La lezione-concerto sugli strumenti musicali è stata tenuta dal docente di percussioni del Conservatorio di Cagliari Francesco Ciminiello. La lezione, precedentemente concordata, è stata strutturata in maniera tale da avere degli elementi di continuità con quanto proposto agli alunni fino a quel momento. Il docente ha presentato strumenti e oggetti sonori di materiali diversi: legno, ceramica, metallo, interagendo con continue domande circa le caratteristiche degli eventi sonori da lui prodotti. Nel corso dell attività sono stati verificati i livelli di attenzione e partecipazione, la capacità di assumere atteggiamenti e comportamenti adeguati, la correttezza delle risposte date alle domande del docente. Drammatizzazione dei quadri del Carnevale degli animali: a conclusione del percorso gli alunni della scuola dell Infanzia e Primaria hanno realizzato le coreografie dei 4 quadri della fantasia musicale ai quali avevano lavorato. Le interpretazioni, realizzate nel piccolo, medio e grande gruppo, non erano particolarmente elaborate, in quanto è stata fatta la scelta di far concentrare gli alunni sulle principali frasi musicali dei brani e di far compiere dei semplici spostamenti, imitando le andature degli animali, sempre in corrispondenza di un evento sonoro preciso. Nel caso della voliera, per dare maggiore senso all interpretazione, è stata concepita anche una sorta di trama, mentre per l acquario, si è cercato soprattutto di creare un ambientazione e delle suggestioni (i bimbi-pesciolini fanno le bolle, 2 bimbi-medusa si muovono agitando i loro tentacoli )

7 Il progetto è stato interamente realizzato negli spazi di cui dispone la scuola dell Infanzia: l aula della sezione F, il salone adiacente la sezione, l aula multimediale; un aula adibita come laboratorio di lettura, l androne dell ingresso. I tempi e le modalità di attuazione della sperimentazione hanno subito alcune modifiche rispetto a quanto ipotizzato in partenza, dovute a contrattempi dell ultim ora. Dato il poco tempo a disposizione, si è resa necessaria un organizzazione molto rigida secondo quanto segue: 1) h. 9:00-9:30 un insegnante svolge l attività con tutti gli alunni 2) h. 9:30-10:30/11:00-12:00: un insegnante svolge l attività nell aula multimediale o fuori dalla classe, con un piccolo gruppo di bambini, e l altra in classe con i rimanenti. N.B. le insegnanti si alternano nell utilizzo degli spazi dopo la prima ora 3) h. 13:30-15:30: un insegnante svolge l attività nell aula multimediale o fuori dalla classe, con un piccolo gruppo di bambini, e l altra in classe con i rimanenti N.B. le insegnanti si alternano nell utilizzo degli spazi dopo la prima ora. I bimbi di 7 anni partecipano nelle giornate del mercoledì, giovedì e venerdì, a partire dalle 14:30 4) h. 15:30-16:30: attività nell aula multimediale o fuori dalla classe con i bambini di 7 anni, nelle giornate del mercoledì, giovedì e venerdì (le insegnanti si alternano) 5) h. 16:30-17:30: realizzazione del libro elettronico, con gli alunni di 7 anni, in giorni concordati di volta in volta. I bimbi di 7 anni sono stati suddivisi in 3 gruppi e ciascuno di essi ha partecipato, a partire dalle 14:30, inizialmente per 2 ore alla settimana. Suddivisi poi in 2 sottogruppi, hanno lavorato in questo modo: 14:30/15:30 I gruppo in classe con un insegnante e con gli alunni di 4 anni II gruppo nell aula multimediale o fuori dalla classe, con l altra insegnante e un gruppo ristretto di bimbi di 4 anni 15:30/16:30 I e II gruppo nell aula multimediale o nell aula del laboratorio di lettura. Man mano che si rendeva necessario, i bimbi che potevano sono stati convocati anche al di fuori degli orari stabiliti.

8 Il progetto è stato attuato secondo modalità tese a promuovere una didattica basata su una molteplicità di mezzi e linguaggi. Attuando delle forme di mutuo insegnamento, spesso i bambini più grandi hanno svolto il ruolo di tutor per i più piccoli, sia nel piccolo che nel grande gruppo. Il piccolo gruppo è stato creato soprattutto per le attività legate all uso delle tecnologie, per quelle grafico-pittoriche particolarmente impegnative, per lo studio dei brani da accompagnare con strumenti ritmici e melodici, per la registrazione delle voci. Il progetto si è concretizzato attraverso l impiego diversificato di una pluralità di strumenti e materiali, multimediali e non, che sono di sotto elencati: Per la consultazione personale: Sussidi didattico-musicali: Noi e la musica (Perini-Spaccazocchi); Crescere con il canto (M. Spaccazocchi); In movimento (M. Spaccazocchi); Suoniamoci su ( G. Piazza): Animali (Paduano, Sanna, Foppoli, Infantino); Suoni dal corpo (Paduano, Sanna); Facciamo musica (Marco Cordiano); Oggi c è musica (Vincenzina Dorigo Orio); Album per giocare (Pastormerlo- Rizzi). Siti di argomento didattico-musicale: Siti che trattano anche solo in parte il tema musica e tecnologia: Guida Musica e Internet nella scuola di base di A. Pasquali (reperibile in rete).

9 Riviste, giornali, guide scolastiche generiche consultate per la realizzazione delle attività grafico-pittoriche e plastiche Video reperiti su YouTube, dai quali sono state attinte alcune idee (es. il video di Uslenghi sul Carnevale degli animali, per la coreografia dell Acquario e il video Supergoodnews di Fibrarte, per il ritornello della canzone dei Musicanti di Brema). Per la realizzazione delle attività: i sussidi didattici già citati strumenti ritmici: triangoli, maracas, tamburelli, piatto sospeso, piattini, legnetti, temple block, sonagli strumenti melodici: metallofoni, piastre sonore, tuboing pianoforte strumenti musicali di cartone materiale strutturato per le attività ritmico-motorie (cerchi, bastoni, nastri, teli, palline) CD dati e audio, DVD, stereo, karaoke e lettore DVD computer, connessione Internet, motore di ricerca, lavagna interattiva multimediale; scanner, masterizzatore, pen-drive, web cam, microfono, fotocamera digitale, videocamera digitale, fotocopiatore, cartucce inchiostro siti attraverso i quali realizzare giochi musicali interattivi on-line: (modulo DOL di riferimento: II modulo IV settimana - Utente 2.0) materiale di facile consumo software per: la realizzazione di giochi musicali interattivi off-line: Musica Maestro; Il colore di suoni; Musica; Puzzle Wizard; la realizzazione di attività grafiche off-line: Paint, Tux Paint, Drawing for Children; la realizzazione di attività grafiche on-line:

10 la registrazione delle voci e delle sonorizzazioni con strumenti: Audacity (Modulo DOL di riferimento: I prodotti multimediali per la didattica: II modulo-ii settimana) Per la realizzazione della documentazione: La documentazione finale è stata preparata attraverso i seguenti software: Microsoft Office Power Point 2007, Primi libri, Windows Movie Maker, Camtasia 7, Gimp 2.6, Audacity, Any Video Converter, Xrecode, Arcsoft photo impression 5, Corel Draw 9, Audacity, IrfanView, Finale 5, Pixia. La documentazione finale del progetto è rappresentata da 4 libri elettronici, interamente creati dai bambini di 7 anni con il software Primi Lbri, con la guida dell insegnante. Nel libro, oltre al testo, sono stati inseriti: i files audio delle registrazioni delle voci dei bimbi che in alcuni casi commentavano, in altri recitavano (bambini di 4 anni), in altri ancora leggevano (bimbi di 7 anni); foto e disegni riguardanti le attività. Della documentazione fa parte anche il PPT preparato dall insegnante, nel quale, oltre alle foto, sono stati inseriti diversi video, scelta dettata dalla necessità di documentare la parte pratica (attività ritmico-motorie, brani cantati e suonati) che ha avuto un peso molto importante nel progetto. Eventuali difficoltà incontrate, sia tecniche che metodologico-didattiche Le principali difficoltà incontrate dal punto di vista tecnico sono state quelle legate al malfunzionamento della LIM e di un pc dell aula multimediale. Si sono verificati, inoltre frequenti momenti di impossibilità ad utilizzare le risorse online per via della mancanza di connessione internet. Un altra difficoltà da segnalare è quella legata alla necessità di documentare le attività con delle riprese video-fotografiche: avendo avuto pochissima contemporaneità con la collega di sezione, ciascuna di noi si è trovata a dover coordinare le attività e nello stesso tempo cercare di catturarne i momenti fondamentali. Per ciò che riguarda l aspetto metodologico-didattico, una serie di contrattempi quali la chiusura per derattizzazione e il ritardo nell avvio del funzionamento della scuola nell orario pomeridiano, hanno determinato la perdita di ore di lavoro preziose, durante le quali alcune attività programmate non si sono potute svolgere. La mancanza di tempo, quindi, ha comportato delle difficoltà nel gestire situazioni di apprendimento

11 comuni ai bambini della scuola dell Infanzia, con i quali si aveva un rapporto quotidiano, e a quelli della scuola Primaria, presenti solo per 2 ore alla settimana e impegnati contemporaneamente in 2 progetti diversi. Abilità e competenze acquisite dagli alunni e dagli insegnanti Nonostante la durata esigua del percorso di animazione musicale, è legittimo affermare che gli alunni abbiano acquisito, anche se non consolidato, una serie di competenze importanti e ampliato sensibilmente il proprio bagaglio di esperienze. I bimbi di 4 anni hanno maturato ottime capacità di discriminazione del suono; imparato gradualmente a interpretare i brani musicali con movimenti non casuali; cominciato a utilizzare gli strumenti secondo il rispetto della consegna data. Parallelamente sono stati evidenziati miglioramenti nella capacità di esprimersi e nella volontà di mettersi in gioco (non tutti i bimbi, inizialmente, erano disposti a partecipare). Per ciò che riguarda l uso delle TIC, tutti i piccoli hanno acquisito la capacità di coordinare il movimento della mano per governare il mouse (dove non è richiesta estrema precisione) e si sono avvicinati al mondo della grafica utilizzando Paint e Tux Paint. I processi messi in atto con gli alunni della scuola Primaria non hanno consentito l acquisizione di nuove abilità prettamente musicali, ma sicuramente di utilizzare le competenze già possedute con una maggiore consapevolezza e di scoprirne le potenzialità. Come in precedenza, i bimbi di 7 anni hanno sorpreso per la creatività e la naturalezza con cui si servono della multimedialità in tutte le sue forme e per la capacità di andare oltre esplorando ed utilizzando al meglio le risorse messe a disposizione. Tutti i bimbi di 7 anni hanno padroneggiato, con la guida dell insegnante, il software Primi libri per la costruzione dei libri elettronici. Si segnala, ancora, la particolare disponibilità e la pazienza dei bimbi che hanno saputo mettere in atto un adeguata auto-regolazione del comportamento durante le registrazioni audio/video. Come insegnante ritengo di aver accresciuto le mie competenze organizzative e metodologico-didattiche e di aver acquisito una maggiore consapevolezza dell importanza della progettualità e soprattutto del documentare come mezzo per rivivere, rivedere, ricostruire le esperienze, e quindi riflettere, adeguare, correggere, migliorare. Ritengo inoltre di aver ampliato la capacità di ricercare strumenti e materiali utili alla didattica e di utilizzare nuovi software.

12 Modalità di relazione osservate tra alunno e docente Lo svolgimento del progetto ha richiesto, come già detto, un articolazione dei gruppi diversa da quella utilizzata nella routine quotidiana. L uso frequente del piccolo gruppo e del rapporto 1:1 e 1:2 ha contribuito a creare momenti di avvicinamento emotivo-affettivo tra insegnante e alunni, più difficili da creare nel grande gruppo. Diverso è stato anche il modo di porsi dell insegnante che ha cercato di spostare sempre di più l attenzione da sé stessa (scaffolding); di coordinare e facilitare lo svolgimento delle attività e nello stesso tempo responsabilizzare i bambini di 7 anni al compito di proporre, seguire e aiutare ; di far si che l alunno non interiorizzasse una fruizione troppo individualistica degli strumenti tecnologici; di riservare una particolare attenzione alla valorizzazione dei successi di ciascuno e del gruppo. In questo modo, più che nella metodologia tradizionale, si è venuta a creare una maggiore simmetria nel rapporto tra alunno e docente. Modalità di relazione osservate tra alunno ed alunno Nel corso dei mesi si è cercato di sperimentare un processo di "creatività collettiva", basato su una interdipendenza positiva, nella quale i bambini, suddividendosi il lavoro, sono stati impegnati con mansioni diverse nel perseguimento di un obiettivo comune, sia nelle attività musicali che in quelle grafiche (Modulo DOL di riferimento: Didattica assistita da tecnologie). La musica in questo senso è un ottima disciplina perchè nella pratica scolastica si esplica attraverso il gruppo e necessita, per una buona riuscita, della partecipazione e della collaborazione di tutti e per il coinvolgimento emotivo che ne deriva. L uso costante delle tecnologie, ha costretto i bambini a lavorare fianco a fianco, condividendo non solo il mezzo ma anche il prodotto. I bambini più grandi, inoltre, si sono prestati con molto entusiasmo e dedizione, assumendo con un senso di responsabilità che ha suscitato molta tenerezza, l impegno di essere da una parte alunni, e dall altra tutor dei compagni più piccoli. La qualità della relazione, basata sull autonomia ma anche sulla solidarietà, l operatività e la condivisione delle esperienze, più che nelle normali situazioni di lavoro in classe, è stata perciò molto elevata. Modalità di relazione osservate tra docente e docente Non posso analizzare la relazione tra me e la collega di sezione e del DOL

13 solo in funzione del progetto perché anni di lavoro ci accomunano e hanno contribuito alla nascita dell intesa professionale oltre che della stima personale che si è creata. Aver vissuto insieme anche l esperienza del DOL, con gli stessi intenti e le stesse motivazioni, ha contribuito a rafforzare l affiatamento e l affinità umana e professionale, grazie ai continui momenti di scambio, confronto e supporto che non sono mai mancati nonostante il poco tempo a disposizione ci abbia impedito di prender parte in pieno una al progetto dell altra. Valutazione delle tecnologie e del materiale utilizzato La valutazione delle tecnologie e del materiale utilizzato è senz altro positiva. Dopo aver deciso la tematica del progetto, ad una prima ricerca, ho capito che avrei trovato un infinità di materiali sull argomento. Tutti i sussidi con cd utilizzati sono stati reperiti in rete e si sono rivelati indispensabili per la presa che hanno avuto sui bambini. In rete ho trovato materiali forniti dai più autorevoli pedagogisti della musica, così come le risorse altrettanto autorevoli messe a disposizione dai siti della San Francisco Symphony e della New York Philharmonic. Tutti i materiali sono stati selezionati perché ritenuti idonei alle fasce d età a cui erano destinati e quindi facilmente utilizzabili. La grafica accattivante e la quantità e qualità delle attività fruibili ha entusiasmato e motivato profondamente i bambini. Valutazione dell esperienza in termini di arricchimento professionale L esperienza del DOL e la realizzazione del progetto con i bambini ha ampliato i miei orizzonti professionali e cambiato il mio modo di concepire l insegnamento. Gli spunti di riflessione e gli stimoli suscitati (Modulo DOL di riferimento: I modulo-ii settimana (Innovazione educativa) - Formazione nell era delle tecnologie: III settimana (E-Learning), hanno generato il desiderio e la necessità ri-mettermi in discussione originando una motivazione forte che spero possa avere una ricaduta positiva sugli alunni. Per contro, loro hanno già contribuito al mio arricchimento: con i loro progressi, con le espressioni curiose, con gli sforzi compiuti, in tutto il nostro stare insieme.. Valutazione dell esperienza da parte dei ragazzi I commenti degli alunni circa l esperienza vissuta insieme sono stati sempre positivi. Il loro gradimento è testimoniato dalla risposta in termini di

14 motivazione, entusiasmo, desiderio di partecipare alle attività. Degna di nota la collaborazione e la disponibilità dei genitori dei bimbi di 7 anni che hanno creduto fortemente nel progetto e stimolato i loro figli a parteciparvi con convinzione e impegno. Indicazioni circa una eventuale prosecuzione dell esperienza Circa gli sviluppi del progetto, sicuramente nei prossimi mesi sarà approfondito e completato il percorso iniziato, di cui saranno reiterate ed ampliate le esperienze per una maggiore interiorizzazione. La mia speranza è che l insegnamento della propedeutica musicale non resti un episodio isolato ma possa trovare gli spazi, i tempi e gli strumenti che necessitano, compresi quelli tecnologici, per contribuire ad una formazione veramente globale dei nostri piccoli alunni. Se fosse possibile, mi piacerebbe che il progetto evolvesse nella creazione di una classe di propedeutica frequentata da alunni della scuola dell Infanzia e Primaria, che instradi anche allo studio di uno strumento, come nel metodo Suzuki. Si ringrazia: Lo staff del DOL per gli stimoli forniti in questi due anni di corso Il tutor Paolo Silveri per la disponibilità e il supporto La collega M. Cristina Peddis per la professionalità e l altruismo Il Dirigente Scolastico Massimo Spiga I genitori degli alunni per aver creduto nel progetto SIMONETTA CORRIAS CLASSE F 2 TUTOR PAOLO SILVER

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA

Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Scuola Primaria a indirizzo musicale EVVIVA LA MUSICA Premessa Il nostro Istituto Comprensivo è stato individuato, a partire dall'anno scolastico 2014/2015, quale Scuola Primaria sede di specifici corsi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena

MUSICA PER TUTTI. Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO. Fondazione Cassa di Risparmio di Modena MUSICA PER TUTTI Progetto interculturale di musica per Istituto Comprensivo 2 NORD SASSUOLO Fondazione Cassa di Risparmio di Modena ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Indirizzato alle Scuole Primarie dell Istituto

Dettagli

MUSICA prima elementare CANTO CORALE

MUSICA prima elementare CANTO CORALE MUSICA prima elementare CANTO CORALE Particolarmente in preparazione di un concerto di Natale Canto corale, ascolto di canzoni e brani di musica per bambini, classica e non, giochi di ascolto, canto con

Dettagli

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda

Scuola Primaria. LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Circolo Didattico Collodi-Gebbione Scuola Primaria Anno Scolastico 2010/2011 LABORATORIO DI MUSICA Classe prima e seconda Premessa Il bambino quotidianamente vive in un mondo caratterizzato dalla presenza

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

Ma che musica maestre 2!!!

Ma che musica maestre 2!!! Istituto Comprensivo Nicola D Apolito Cagnano Varano Scuola dell infanzia Progetto di educazione musicale Ma che musica maestre 2!!! Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie sensazioni? Ognuno

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MUSICA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L'alunno esplora, discrimina ed elabora eventi sonori dal punto di vista qualitativo spaziale e in riferimento alla loro fonte.

Dettagli

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento

Il sé e l altro. Il corpo e il movimento Curricolo di MUSICA La musica in un quadro didattico occupa una posizione centrale perché è una componente fondamentale dell esperienza umana. Essa ha un ruolo di primo piano nello sviluppo della personalità

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2009/2010 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

DELLA VALLE DEI LAGHI

DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MUSICA PER LA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA 1 MUSICA NEL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE SCUOLA PRIMARIA Premessa Le attività musicali svolte nella

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE

DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE DIREZIONE DIDATTICA I CIRCOLO DI CARDITO PROGETTO DI EDUCAZIONE MUSICALE PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI DIVERSAMENTE NOTE -Anno scolastico 2013/2014 Educare, insegnare o lasciarsi andare alle proprie

Dettagli

EDUCAZIONE MUSICALE ANDIAMO IN SALA PROVE MUSICA RIVOLTO A alunni della scuola secondaria di 1 o grado e loro insegnanti. OBIETTIVI - promozione di un servizio del Comune che fornisce una sala prove attrezzata

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE MUSICALE AMBITI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI OBIETTIVI 3 4 ANNI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE PAESAGGIO SONORO Riconoscimento/analisi di - suoni e rumori naturali

Dettagli

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA

IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA IL CURRICOLO DI SCUOLA MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA - IMMAGINI, SUONI, COLORI SCUOLA PRIMARIA - MUSICA SCUOLA SECONDARIA I GRADO - MUSICA SCUOLA INFANZIA Nell ambito dell educazione musicale trovano attuazione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI. CURRICOLO di MUSICA DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO di MUSICA Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area Periodo di riferimento Traguardi di competenza Obiettivi

Dettagli

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto

DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio. Relazione finale di Sonia Graziotto DOL Diploma on Line per esperti di didattica assistita MODULO DI PROGETTAZIONE (2 anno) Playing with Pinocchio Relazione finale di Sonia Graziotto Migliorare la qualità dell insegnamento, avvalendosi delle

Dettagli

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo

Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed. Educare al Riciclo Le nuove frontiere della tecnologia: realizzare un Cartone Animato può parlare Inglese ed Educare al Riciclo Mavi Ferramosca, Valeria Rizzello, Antonella Natale Scuola Primaria Gianni Rodari Via Caduti

Dettagli

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA'

CLASSE PRIMA COMPETENZE SPECIFICHE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI E ATTIVITA' ISTITUTO COMPRENSIVO DI SOVIZZO SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI ESPRESSIONE MUSICALE FINALITA La musica, componente fondamentale e universale dell esperienza e dell intelligenza umana, offre uno spazio simbolico

Dettagli

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE

MUSICA ATTIVA NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE MUSICA ATTIVA SPERIMENTAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MATERNA ED ELEMENTARE Fare musica è importante. Psicologi dell età evolutiva, pedagogisti, esperti del settore sono concordi nell affermare che un attività

Dettagli

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE

MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE MUSICA RACCORDO TRA LE COMPETENZE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZA NELL ASCOLTO E NELLA COMPRENSIONE DI MESSAGGI MUSICALI Ascoltare e confrontare messaggio musicali, al fine di diventare

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16

Scuola dell Infanzia Progetti e Laboratori a.s. 2015/16 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2

Antonella Foco Relazione finale 2 Anno 2008/2009 Classe E12 Tutor: Angela Passoni Allegato 2 Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti 1 Il Progetto è nato dall esigenza di sperimentare nuove strategie per implementare nei ragazzi il desiderio di avvicinarsi

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Seminario di formazione

Seminario di formazione L Ora di Musica Seminario di formazione Docente: Giulietta Capriotti Presentazione. Il seminario è indirizzato a musicisti, studenti, docenti di educazione musicale nella scuola dell infanzia e primaria,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CISANO BERGAMASCO CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA AMPI DI ESPERIENZA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER I BAMBINI DI 5 ANNI ESPERIENZE

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Movimento Ars Musicalis

Movimento Ars Musicalis Progetto di Educazione al Suono e alla Musica Movimento Ars Musicalis Proposta di potenziamento e arricchimento dell Offerta Formativa ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Movimento Ars Musicalis proposta di potenziamento

Dettagli

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva

CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Mimare testi ascoltati grafica, corporea e audiovisiva ETA : 4 ANNI Immagini, suoni e colori CONTENUTI/CONOSCENZE ABILITA /OBIETTIVI COMPETENZE COMPITI SIGNIFICATIVI Tecniche di rappresentazione Ascoltare brani musicali Mimare testi ascoltati grafica, corporea

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA. ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina. INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSE PRIMA MUSICA ANNO SCOL. 2012/2013 Scuola primaria Luzzatto Dina INSEGNANTE: Lucia Anna Cottone MUSICA -- CLASSE PRIMA UNITA D APPRENDIMENTO N 1 TITOLO OBIETTIVO FORMATIVO

Dettagli

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO

inmusica Associazione no-profit PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO PER I BAMBINI DELLE CLASSI PRIME, PRIMO BIENNIO E SECONDO BIENNIO E fondamentale educare all ascolto e familiarizzare con il pianeta dei suoni fin dalla più tenera età. E ampiamente dimostrato quanto una

Dettagli

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola

Curricolo Verticale Scuola Statale dell'infanzia Caldarazzo-Scarola Prot. n.3468b38 Noicattaro, 13.09.2013 Circolo Didattico Statale Alcide De Gasperi via A. De Gasperi, 13 Telefono e fax 080.4793318 E-mail: baee14508@istruzione.it www.degasperi2noicattaro.eu Noicàttaro

Dettagli

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE

SCUOLA INFANZIA FONTANELLE SCUOLA INFANZIA FONTANELLE PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE A.S. 2014/2015 CAMPO D ESPERIENZA : IL SE E L ALTRO IL CORPO E IL MOVIMENTO IMMAGINI,SUONI,COLORI I DISCORSI E LE PAROLE LA CONOSCENZA DEL MONDO INSEGNANTI

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

Relazione Finale. 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione Finale 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto nasce dall idea di studiare una ricetta coinvolgendo la maggior parte di materie oggetto

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Ascolta e comprende testi orali "diretti" o "trasmessi" dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

Ascolta e comprende testi orali diretti o trasmessi dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo. Classe seconda scuola primaria G.Giacosa Caluso Insegnanti: Actis Oreglia Luigina, Praolini Cristiana Tematiche trasversali ( didattica per competenze-competenze digitali) Progetto didattico secondo il

Dettagli

CURRICOLI DISCIPLINARI

CURRICOLI DISCIPLINARI ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLI DISCIPLINARI Anno scolastico 2013-14 INDICE 1. IL SE E L ALTRO. pag. 3 2. IL CORPO E IL MOVIMENTO.. pag. 4 3. IMMAGINI, SUONI, COLORI.....

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009

Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 Progetto di laboratorio musicale A.S. 2008 - --2009 PRESENTAZIONE OBIETTIVI FINALITA Il corso di educazione al suono, al movimento ed all immagine si rivolge principalmente ai bambini delle scuole elementari.

Dettagli

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI

POF ANNO SCOLASTICO 2013-2014 IL COLORE DELLE EMOZIONI SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA PARROCCHIA SAN ROCCO SCUOLA MATERNA VIA FORNACI 66/D - 25131 BRESCIA TEL. E FAX: 0302680472 segreteria@sanroccomaterna.it www.sanroccomaterna.it

Dettagli

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi.

Preso in mano uno strumento subito suonano insieme perché in gruppo è più facile imparare divertendosi. ABC ORCHESTRA: UN ORCHESTRA IN OGNI SCUOLA Le orchestre sono molto più che strutture artistiche, ma modello di vita sociale perché cantare e suonare assieme significa coesistere profondamente e intimamente

Dettagli

Questionario Report regionale Calabria MUSICA 2020 relativo all Istituto Comprensivo Villapiana- CS (a.s.2010-2011)

Questionario Report regionale Calabria MUSICA 2020 relativo all Istituto Comprensivo Villapiana- CS (a.s.2010-2011) Questionario Report regionale Calabria MUSICA 2020 relativo all Istituto Comprensivo Villapiana- CS (a.s.2010-2011) 1. Motivazioni, Finalità inserire pienamente la musica nel curricolo caratterizzare scuole

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE

PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE PROGETTO DI LABORATORIO MUSICALE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ITALO CALVINO Progetto musicale a cura di Sonia Spirito L Associazione L Albero della Musica, operante da diversi anni nel settore della didattica

Dettagli

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012)

Obiettivi formativi Competenze europee Da Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell'infanzia e del primo ciclo d'istruzione (2012) LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Filastrocche / Canzoni / Giochi di Total Physical Response (TPR) Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A BLA, BLA, BLA, ANNO SCOLASTICO 2008/2009 MOTIVAZIONE L età dei bambini della scuola dell infanzia è particolarmente feconda poiché, proprio in questo periodo, l interesse e la curiosità, se vengono alimentati,

Dettagli

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale

Imparare ad imparare Comunicazione nella lingua straniera Spirito d'iniziativa Competenze sociali e civiche Consapevolezza ed espressione culturale LIVELLO: Esperienze significative, lezioni partecipate, progetti... realizzati Drama Scuola dell'infanzia/1^ Scuola Primaria Disciplina di riferimento LINGUA INGLESE Obiettivi formativi Competenze europee

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO. 1 C.D. N. Fornelli. Via Repubblica, Bitonto. Premessa

EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO. 1 C.D. N. Fornelli. Via Repubblica, Bitonto. Premessa EMOZIONI IN MUSICA AL DIRIGENTE SCOLASTICO 1 C.D. N. Fornelli Via Repubblica, Bitonto Premessa Al momento della nascita, il neonato entra nel mondo con tutti gli organi sensoriali aperti e vigili, pronti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14

ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 ISTITUTO COMPRENSIVO G. CURIONI ROMAGNANO SESIA SCUOLE DELL INFANZIA STATALI DI GHEMME E ROMAGNANO SESIA ANNO SCOLASTICO 2013-14 INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA E DEL

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni)

LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) LABORATORIO INFORMATICA : IL MIO AMICO COMPUTER (5 anni) PREMESSA Le riflessioni sulla natura del computer, sulle risorse che possiede, sui rischi che programmi sbagliati possono comportare, ci spingono

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Corso di giornalismo pomeridiano

Corso di giornalismo pomeridiano Corso di giornalismo pomeridiano TRACCIA 2 Progetto collaborativo finalizzato alla costruzione di un giornalino scolastico in una classe di scuola secondaria di I grado con possibile raccordo con una classe

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta

Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Traguardi di competenza al termine scuola primaria classe quarta Area dei linguaggi: ITALIANO o L alunno partecipa a scambi comunicativi con compagni e docenti (conversazione, discussione), attraverso

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

un laboratorio, tante emozioni!

un laboratorio, tante emozioni! * Metodologia ludica, interdisciplinare e creativa della musica * un laboratorio, tante emozioni! Progetti di educazione al suono e alla musica presentati da Sandro Malva Fare musica è importante. Psicologi

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale

Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO. San Salvatore Telesino. Castelvenere. Anno scolastico 2015/2016. Scuola dell infanzia. Curriculum annuale Istituto Comprensivo SAN GIOVANNI BOSCO San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015/2016 Scuola dell infanzia Curriculum annuale Il se e l altro Contenuti Traguardi Giochi per imparare i nomi

Dettagli

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL-

Fasi. Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Relazione finale della Progettazione Learning English through podcasting Docente Roberta Pizzullo Classe E12- Progettazione I anno Corso DOL- Contenuti I contenuti del progetto sono stati discussi e poi

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI)

SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) SCUOLA PRIMARIA M. GALLI 5 CIRCOLO DIDATTICO SESTO SAN GIOVANNI (MI) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Progetto di educazione musicale è finalizzato allo sviluppo di quattro competenze specifiche: - Educazione

Dettagli

LA VOCE NEL METODO ORFF

LA VOCE NEL METODO ORFF Istituto Musicale Vincenzo Bellini Catania Scuola di DIDATTICA DELLA MUSICA Corso di DIREZIONE DI CORO E REPERTORIO CORALE Anno Accademico 2006/2007 Prof.ssa Elisa Poidomani LA VOCE NEL METODO ORFF ALLIEVA:

Dettagli

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA

CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA CORSO PROPEDEUTICO-STRUMENTALE PER LE CLASSI QUINTE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scelta dello studio triennale di uno strumento comporta, da parte dell alunno e dei genitori, un ulteriore carico di lavoro

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

Playlist. Destinazione. La proposta culturale e didattica. L opera. D. Dragone - E. Dragoni - P. Cascio - M. Cordiano. Ordine e indirizzo di scuola

Playlist. Destinazione. La proposta culturale e didattica. L opera. D. Dragone - E. Dragoni - P. Cascio - M. Cordiano. Ordine e indirizzo di scuola D. Dragone - E. Dragoni - P. Cascio - M. Cordiano Playlist Destinazione Ordine e indirizzo di scuola Scuola secondaria di primo grado Materia Musica La proposta culturale e didattica Il progetto culturale

Dettagli

Inoltre il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi:

Inoltre il progetto intende perseguire i seguenti obiettivi: E idea ormai consolidata che l uso delle tecnologie multimediali nella scuola primaria influisca positivamente sul grado di apprendimento dell alunno. Infatti, i mezzi multimediali mettono in gioco una

Dettagli

Premessa. La lingua inglese nella scuola dell infanzia

Premessa. La lingua inglese nella scuola dell infanzia Premessa La lingua inglese nella scuola dell infanzia Tra i traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola dell infanzia le Indicazioni Ministeriali sottolineano l importanza di fornire

Dettagli

GUIDA AI CORSI A.S. 2015-16

GUIDA AI CORSI A.S. 2015-16 GUIDA AI CORSI A.S. 2015-16 Con una storia di oltre trent anni alle spalle, si può considerare la Scuola Civica Antonietta Chironi del comune di Nuoro come la decana delle scuole civiche della Sardegna,

Dettagli

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento

UDA n:1 In equilibrio tra arte, musica e movimento PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Seconde NUMERO UDA UDA N.1 TITOLO In equilibrio tra arte, musica e movimento PERIODO ORIENTATIVO DI

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 o QUADRIMESTRE SCUOLE PRIMARIE CLASSI PRIME Denominazione IO E GLI ALTRI UNITA DI APPRENDIMENTO Compito-prodotto Cartellone e/o video e/o manufatti e/o fascicolo Competenze mirate

Dettagli

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI.

LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. LABORATORI CREATIVI PER IL SUCCESSO SCOLASTICO I LABORATORI DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SONO RIVOLTI AGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI. CINEFORUM LABORATORIO DI CERAMICA LABORATORIO DI SCIENZE MOTORIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO

PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MARIA MATER MEA VIA PUSIANO, 57 MILANO Tel. 02/2722141 Fax 02/2722143 e-mail. Mariamatermea@ libero.it PROGRAMMAZIONE A.S. 2014/2015 EXPO: PIANETA MILANO Questo progetto

Dettagli

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO

PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO SCUOLA DELL INFANZAI MUSSI SEZIONE BLU Anno scol. 2012-2013 PROGETTO DI ANIMAZIONE MUSICALE IL MAGO MUSICO MOTIVAZIONE: I bambini si avvicinano con entusiasmo alla musica fin da piccoli, la musica è un

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE ISTITUTO COMPRENSIVO LUCCA 3 Via don Minzoni, 244 SANT ANNA 55100 LUCCA C.F. 92051740469 0583/581457 Fax : 0583/581997 ex DD n. 3 di Lucca 0583/584388 Fax: 0583/419187 ex Scuola secondaria 1 Carlo del

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli

IL SITO DELLA SCUOLA

IL SITO DELLA SCUOLA RELAZIONE FINALE 1 ANNO CORSO D.O.L. PROGETTO: IL SITO DELLA SCUOLA Gallicchio Mary classe E7 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti. Il progetto del sito

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena

Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Direzione Didattica 3 Circolo, Quartu Sant Elena Scuola dell Infanzia Via Bonn Docente: Virdis Cristina PROGETTO Accogliere per includere A.S. 2013/14 2014/15 COMPETENZE CHIAVE Traguardi di sviluppo specifici

Dettagli

L esplorazione sonoro-musicale nell asilo nido, uno strumento per conoscere il sé ed esprimerlo, comunicare con l altro e relazionarsi con l ambiente.

L esplorazione sonoro-musicale nell asilo nido, uno strumento per conoscere il sé ed esprimerlo, comunicare con l altro e relazionarsi con l ambiente. Micronido Baby Mondo Vanzago Anno Educativo 2013/2014 1 FINALITÀ: L esplorazione sonoro-musicale nell asilo nido, uno strumento per conoscere il sé ed esprimerlo, comunicare con l altro e relazionarsi

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA 2014-2015 ISCRIZIONI

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA DELL INFANZIA 2014-2015 ISCRIZIONI ISTITUTO COMPRENSIVO DI SASSO MARCONI SCUOLA DELL INFANZIA PRIMARIA - SECONDARIA DI PRIMO GRADO Via Porrettana 258 40037 SASSO MARCONI tel.051.841185 fax 051-843224 e-mail: ic.sassomarconi@libero.it -

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE. Scuola dell infanzia il girasole. Anno scolastico 2013-2014. Piccibaby MOTIVAZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO CASTELVERDE Scuola dell infanzia il girasole Anno scolastico 2013-2014 Piccibaby MOTIVAZIONE L'approccio corretto alle tecnologie è indispensabile per i bambini di oggi che hanno bisogno

Dettagli