Una strategia per le future PMI a intensità di conoscenza del settore trasporti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una strategia per le future PMI a intensità di conoscenza del settore trasporti"

Transcript

1 WP 2 Rilascio 2.3 Una strategia per le future PMI a intensità di conoscenza del settore trasporti KNOW-IN. PMI a conoscenza intensiva nel settore trasporto merci su su gomma. Per una nuova generazione di Road Managers, di intuito fine, completi e orientati alla sostenibilità del trasporto merci su gomma PROGETTO NUMERO LLP ES-LEONARDO-LMP Co-finanziato da LIFELONG LEARNING PROGRAMME ( ) Questa è una delle attività del progetto KNOW IN che è stato finanziato con il supporto della Commissione Europea. Questo documento riflette le posizioni dei soli partners del progetto e non della Commissione che non può essere pertanto ritenuta responsabile di qualsivoglia uso che può essere fatto delle informazioni contenute al suo interno.

2 Questa versione presenta il profilo del nuovo Transport Manager Europeo (EU-RTM) definito sulla base della sintesi dei risultati ottenuti dalla ricerca sul campo confrontati con quelli della ricerca a tavolino. L analisi svolta intende riportare opportunità e vincoli che caratterizzano nell Unione Europea il settore del trasporto merci su gomma. Questo documento illustra le competenze fondamentali che i transport managers devono possedere per adattarsi ai cambiamenti ambientali; per affrontare il reclutamento e la difficoltà di fidelizzazione di personale; per ridurre le pericolose emissioni inquinanti e divenire più rispettosi dell ambiente. Il documento descrive le maggiori barriere e/o incentivi che le società di trasporto incontrano nell introdurre metodi innovativi di formazione nel settore dei trasporti; i maggiori vantaggi effettivi derivanti dalla maniera di gestire le PMI a conoscenza intensiva; nonché i possibili benefici che potrebbero motivare le compagnie di trasporto ad investire in attività di formazione per promuovere e migliorare le conoscenze e gli skills del personale. Sulla base del questionario, volto soprattutto ad identificare i principali bisogni delle PMI del settore, i partners hanno presentato ciascuno i risultati ottenuti dalla ricerca sul campo (sondaggio) in ambito nazionale. Questo rapporto transnazionale riassume quindi i risultati dell indagine in modo da tracciare i contorni di una idonea strategia per le PMI a conoscenza intensiva del settore trasporti. I contenuti di questo documento saranno resi disponibili a beneficio delle associazioni VET del settore, consulenti, partecipanti al progetto ed altre parti interessate.

3 Sommario della relazione L obiettivo del WP2 era di definire i contorni della conoscenza, skills e competenze necessarie ai Transport managers dell Unione Europea (EU-RTM) per implementare una strategia per le future imprese di trasporto PMI a conoscenza intensiva. I Partners del progetto KNOW-IN hanno usato due differenti approcci ricerca a tavolino e sul campo per scoprire le principali barriere e/o incentivi che le compagnie di trasporti devono affrontare quando introducono metodi innovativi di apprendimento nel settore dei trasporti; i maggiori vantaggi effettivi derivanti dalla maniera di gestire le PMI a conoscenza intensiva; nonché i possibili benefici che potrebbero motivare le compagnie di trasporto ad investire in attività di formazione per promuovere e migliorare le conoscenze e gli skills del personale. Nella ricerca a tavolino si sono sintetizzati i nuovi requisiti richiesti dal settore trasporto su strada in armonia con gli standards e le direttive dell Unione Europea. Inoltre sono state raccolte prove evidenti che dimostrano i benefici derivanti in generale per le PMI dall impiego di un management a intensità di conoscenza così come gli effetti rivenienti dalle modalità ICT di apprendimento decentralizzato ed indipendente sul posto di lavoro. Questa panoramica sul settore dei trasporti su strada è stata completata con uno studio in casa attraverso l indagine effettuata durante il periodo della ricerca sul campo. I concetti teorici sono stati verificati con le realtà pratiche di un numero di rispondenti (sufficiente e abbastanza rappresentativo per le occorrenze del progetto) formato da compagnie/associazioni differenti per dimensione, attività e livello operativo (nazionale e internazionale) ecc. Il risultato ottenuto ha dimostrato che il modello di management a intensità di conoscenza nel settore trasporti su gomma, viene applicato soltanto da un numero molto ristretto di società, e che esiste una molteplice quantità di barriere per l innovazione di apprendimento. Comunque esistono anche delle buone prassi così come delle buone idee sulla maniera di implementare le conoscenze, gli skills e le competenze dei road transport managers. E una sfida per i partners KNOW-IN che sulla base dei risultati ottenuti dalla ricerca sul campo e sul modello Europeo di qualifica (EQF) specificato per i Road managers, dovrebbero sviluppare una piattaforma di apprendimento info-formativo che contribuirà al raggiungimento dell obiettivo fondamentale del progetto

4 Indice Sommario della relazione Ricerca sul campo, obiettivi e metodologia Motivazione Obiettivi Metodologia Determinazione degli scopi della raccolta dati come base di sviluppo Sviluppo del questionario Conduzione dell indagine come fattibile attività Contenuti del Questionario Identificazione Amministrazione / compliance Pianificazione delle attività Rapporti con la clientela Rapporti con il personale e gli autisti Manutenzione dei veicoli Comunicazioni Abilità personali Coordinamento Business management Commenti ulteriori Analisi dei Risultati Campione Amministrazione Pianificazione delle attività Rapporti con i Clienti Rapporti con lo staff e gli autisti Manutenzione dei veicoli Comunicazione Abilità personali Coordinamento Business management Commenti aggiuntivi Verso una strategia per le future PMI dei trasporti a conoscenza intensiva Conclusioni... 23

5 1. RICERCA SUL CAMPO OBIETTIVI E METODOLOGIA 1.1. Motivazione La ricerca a tavolino ha fornito un idea del profilo professionale del Road Transport manager. Essa ha chiarito la funzione dei vettori esterni ed interni che influenzeranno il settore ed incideranno sulla conoscenza abilità e requisiti di competenze richieste in un breve futuro al RTM. Questa ha dimostrato anche la necessità di attuare una formazione permanente, che però la natura del settore dei trasporti può rendere difficile da intraprendere. Perciò ulteriori ricerche a tavolino sono state effettuate per ricercare metodi innovativi per attuare la formazione permanente e per mettere in rilievo i benefici che la formazione può portare all impresa. I partners del progetto KNOW-IN hanno sviluppato un questionario basato sulle indicazioni fornite dalla ricerca a tavolino. La ricerca sul campo ha avuto per obiettivo l esplorazione di quali siano i requisiti di conoscenza e abilità richieste oggi all EU-RTMT e quelle considerate necessarie per un prossimo futuro. I risultati attesi erano di scoprire come le PMI del settore si stanno conformando o sono in procinto di identificare una strategia per il sostegno del management a conoscenza intensiva Obiettivi Il sondaggio intendeva investigare la domanda di formazione dello staff all interno dell intera categoria di attori del settore trasporti su strada. I suoi specifici scopi erano: Rilevare le prassi esistenti in temini di formazione del personale; Identificare le necessarie conoscenze, skills e competenze; Esaminare i principali skill tecnici e sociali necessary per compiere il proprio lavoro come road transport manager a conoscenza intensiva; Il questionario è stato focalizzato sulle 9 principali incombenze lavorative dell EU-RTM identificate nella ricerca a tavolino: o Amministrativo/compliance Business management Pianificazione delle attività Rapporti con la clientela Rapporti con il personale e gli autisti Manutenzione veicoli Communicazione Abilità personali Coordinamento Le informazioni raccolte dovrebbero determinare quali sono i fondamentali bisogni dei managers impiegati nelle compagnie/associazioni di trasporti su strada e come migliorare le loro conoscenze, abilità e competnze Metodologia La metodologia di raccolta dei dati ha incluso i seguenti passaggi: Determinazione degli scopi della raccolta dati come base di sviluppo I risultati nazionali della ricerca sul campo riportati da ogni partner del progetto KNOW-IN è servita come base per lo sviluppo del terzo rilascio del WP2: D.2.3 Una strategia per le future PMI del trasporto a conoscenza intensiva.

6 Il documento illustra le principali incombenze/competenze necessarie ai Road transport managers per adattarsi ai cambiamenti ambientali; per affrontare il reclutamento e la difficoltà di fidelizzazione di personale; per ridurre le pericolose emissioni inquinanti e divenire più rispettosi dell ambiente. Il documento descrive le maggiori barriere e/o incentivi che le società di trasporto incontrano nell introdurre metodi innovativi di formazione nel settore dei trasporti; i maggiori vantaggi efettivi derivanti dalla maniera di gestire le PMI a conoscenza intensiva; nonché i possibili benefici che potrebbero motivare le compagnie di trasporto ad investire in attività di formazione per promuovere e migliorare le conoscenze e gli skills del personale Sviluppo del questionario Questo compito è stato affidato alla VTU ma la squadra di CORTE ha contribuito in maniera importante alla stesura della versione finale. Nel compilare l insieme di domande considerando anche i diversi tipi di rispondenti (società di logistica, compagnie di trasporto ecc.) Anche i suggerimenti forniti dagli altri partners sono stati tenuti in considerazione prima di testare il questionario su un numero di società tramite interviste effettuate da VTU a dal team di CORTE. Come risultato ne è derivato che i partners belgi hanno suggerito piccoli cambiamenti dei contenuti del questionario. Dopo che il questionario è stato approvato da tutti i partners del progetto KNOW-IN è stato tradotto in tutte le lingue nazionali/ufficiali dei Paesi partner: Bulgaro, Francese, Italiano, Norvegese, Spagnolo Conduzione dell indagine come fattibile attività E stato deciso che ogni partner avrebbe dovuto erogare 15 questionari debitamente compilati da appropriati rispondenti. La maniera migliore di erogazione sarebbe tramite e/o l uso di contatti telefonici/skype. Tutti i partners hanno concordato che laddove possibile si sarebbero effettuate interviste dirette in maniera da raccogliere un feedback migliore sotto il profilo qualitativo nonché suggerimenti su come migliorare conoscenze, abilità e competenze dei road transport managers. Comunque, a causa della ristrettezza dei tempi e del periodo delle ferie estive, alcune società non hanno risposto alle loro inviate contenenti i questionari. Un'altra ragione per la quale alcune società non hanno risposto è stata perché sentivano di non aver nulla di importante da comunicare che secondo loro potesse contribuire al raggiungimento degli obiettivi del sondaggio.

7 2. CONTENUTI DEL QUESTIONARIO Il questionario è stato suddiviso in 11 sezioni. La prima raccoglieva informazioni demografiche delle società rispondenti e l ultima, sezione 11, chiamata Commenti aggiuntivi ha dato una opzione per i rispondenti di esprimere le loro opinioni, raccomandazioni e suggerimenti. Le nove principali sezioni sono state elaborate in previsione delle informazioni che ci si attendeva di ottenere e che formano la parte sostanziale dei contenuti del questionario Identificazione La prima sezione raccoglieva informazioni generali riguardanti la compagnia dei rispondenti. Il sondaggio non era anonimo in quanto veniva richiesto il nome della Società. I rispondenti dovevano anche confermare: la dimensione dell impresa; il settore principale di attività; l area geografica delle operazioni dell impresa. Informazioni personali collegate solo alla loro posizione corrente in seno all impresa. (Proprietario, Senior manager, Manager a livello intermedio) ed il dipartimento lavorativo di appartenenza 2.2. Amministrazione/Compliance Le domande di questa sezione tendevano ad evidenziare le conoscenze fondamentali e le abilità di base necessarie per il manager impegnato nella società di trasporti su strada in relazione alle problematiche fiscali ed alla conoscenza delle lingue straniere Pianificazione delle attività Le informazioni richieste in questa parte riguardavano le conoscenze e abilità fondamentali, che un Road transport manager deve possedere in relazione alla pianificazione di attività, e che includono conoscenza della tecnologia, dei computers e della legislazione rilevante applicata al settore dei trasporti su gomma Rapporti con la clientela Per valutare le prestazioni dei road transport managers in relazione alla clientela, il sondaggio prevedeva domande riguardanti le abilità e le più importanti competenze personali necessarie per intrattenere rapporti con la clientela e come le imprese forniscono addestramento al loro personale. Ai rispondenti è stato richiesto di identificare le prime 5 (su 17) competenze personali da loro considerate essenziali per il trattamento della clientela (Amichevole, determinato, affidabile, calmo, diplomatico, motivante, diretto, coscienzioso, paziente coraggioso, ottimista, loquace, flessibile, con spirito di iniziativa problem solving, obiettivo, onesto, esperto) Rapporti con il personale e Autisti Per identificare le abilità necessarie per mantenere un sano clima lavorativo, le domande in questa sezione, hanno considerato le abilità del RTM necessarie per gestire situazioni di stress, accettando le critiche e la conoscenza delle leggi e dei regolamenti concernenti l uso di alcolici ed il riconoscimento pratico dell uso di sostanze psicotrope. La valutazione doveva essere fatta su una scala di rating di 4 livelli Manutenzione veicoli La domanda rivolta al controllo dell importanza della conoscenza di entrambi i problemi sia tecnici che appaiono nei veicoli, sia specifici dei sistemi come il tracciamento dei veicoli e rimorchi, sistemi di comunicazione di bordo, programmazione e tracciamento veicolare computerizzati, sistemi di navigazione satellitare ecc.

8 2.7. Comunicazione La domanda era rivolta a valutare le abilità di comunicazione su una scala di rating a quattro livelli. I rispondenti devono determinare se un road manager necessita di apprendere tecniche per la gestione dei conflitti Abilità personali Ai rispondenti è stato richiesto di fornire dettagli dei diversi livelli di percorso formativo dei road transport managers nella loro impresa. La stessa scala è stata usata anche per domandare quale fosse il percorso ideale di formazione di un road transport manager in termini di esperienza minima di lavoro e le possibili risposte Coordinamento Questa sezione contiene domande mirate ad scoprire se l impresa fornisce formazione per I road transport managers; la percentuale di road transport managers che nell impresa negli ultimi cinque anni hanno frequentato un corso di formazione e nel prossimo futuro sarà necessario fornire ulteriore formazione al personale per incrementare la loro competernza nel trasporto merci su strada. Ai rispondenti è stato richiesto di di descrivere le aree e le forme di apprendistato nelle loro imprese così come i benefici per gli apprendisti e per I datori di lavoro. Sono state incluse domande aggiuntive per venire a sapere se le imprese/associazioni offrono internship agli studenti nelle imprese (descrivere la forma) e per il numero di laureati che l impresa ritiene di assumere entro tre periodi (un anno, 3 anni, 5 anni) Business management La richiesta per un lavoratore dei trasporti di aquisire conoscenza delle relazioni di mercato e di businness management aveva 4 gradi di valutazione. Il rispondente perciò aveva l opportunità di fornire ulteriori dettagli riguardo a ciò che si richiede in termini di business management Commenti aggiuntivi L ultima sezione, 11, chiamata Commenti aggiuntivi dà la possibilità ai rispondenti di esprimere ulteriori opinioni, raccomandazioni e suggerimenti che essi possono avere riguardo al Road Transport Manager ed alle abilità e requisiti di addestramento del suo ruolo.

9 3. ANALISI DEI RISULTATI DELL INDAGINE 3.1. Campione Il numero dei rispondenti è pari a 7 unità (UK-23, IT-18, BG-17, ES-13, NO -3). La maggior parte dei partecipanti all indagine lavora come manager, la metà come senior manager. 22% dei rispondenti sono anche padroni, ma va sottolineato che nelle microimprese svolgono i compiti di un dirigente (CEO). Tavola 1 Ruolo dei rispondenti nell impresa POSITION 40% 22% Owner Senior manager 38% Manager on intermediate level Base: 74 rispondenti L'analisi ha mostrato che i partecipanti al sondaggio lavorano principalmente nei reparti dedicati a trasporti nazionali e internazionali. I dati raccolti nel presente questionario sarebbero stati più rappresentativi se la maggior parte delle risposte fosse pervenuta dai dipartimenti di Risorse Umane. La percentuale delle persone responsabili per la formazione e lo sviluppo del personale nelle aziende è piuttosto bassa - solo il 5%. Nel Regno Unito, è il manager di linea che ha la responsabilità di individuare le esigenze formative, e pertanto, opera con il dipartimento delle Risorse Umane per lo sviluppo delle stesse. Tavola 2 Appartenenza ai dipartimenti DEPARTMENT Human resources department Domestic transport department International transport department Other Le principali caratteristiche delle società / associazioni che hanno partecipato a questa indagine possono essere riassunti come segue:

10 un terzo degli intervistati hanno identificato la loro azienda come impresa di trasporto su strada e il 15% come società di logistica più della metà delle aziende operano all interno del loro paese d'origine, il 28% nella Comunità Europea e il 14% in altre regioni europee; Relativamente pochi operano su scala mondiale. 81% degli intervistati erano PMI (che occupano meno di 250 dipendenti), il che coincide con l'obiettivo di definire una che porta alla gestione della conoscenza intensiva strategia per questa tipologia di imprese Tavola 3 Principale campo di attività MAIN FIELD OF BUSINESS Other Company with large private transport Logistics company Freight forwarding company Road transport company Number Tavola 4 Dimensione delle aziende SIZE OF THE COMPANY 24% 31% 19% 26% Large Medium-sized Small Micro Base: 74 rispondenti 3.2. Amministrazione La maggior parte degli intervistati (84%) ritiene che il Road Manager dovrebbe conoscere degli aspetti fiscali, mentre coloro che ritengono necessario comunicare in una lingua diversa dalla lingua della società sono molto meno - 57%. Questi ultimi hanno risposto inglese come lingua principale seguito da quello tedesco e francese. Tra chi ha risposto altro, è stata specificata la lingua spagnola. Sono quasi il doppio le aziende che hanno dichiarato di non sostenere la formazione per l apprendimento di una lingua rispetto a quelli che lo fanno (41 aziende rispetto al 24).

11 3. 3. Pianificazione delle attività Più della metà degli intervistati sono convinti che sia necessaria la conoscenza del computer, compresa la capacità di utilizzare Internet, , Microsoft Office e altre applicazioni. La maggior parte di essi (68%) ritiene che un Road Transport Manager dovrebbe acquisire la conoscenza della normativa applicabile al settore dei trasporti su strada Le aree di maggiormente votate riguardo la conoscenza da avere sono state il regolamento in materia di trasporti e le regole di mercato Rapporti con i clienti Oltre l'80% (62 intervistati) ritiene che le capacità di servizio al cliente siano necessarie. Le competenze personali più importanti, di cui un addetto al trasporto su strada ha bisogno (5 scelti tra 17) sono: essere informati; adattabili; e flessibili. E 'anche molto apprezzato l essere onesto, avere tatto ed essere cordiale. Tavola 5 Principali competenze personali di cui un operatore dei trasporti su strada ha bisogno per trattare con i clienti PERSONAL COMPETENCES Knowledgeable Adapts to change Flexible Tactful Honest Friendly Patient Diplomatic Language proficient Determined Calm Observant Direct Unbiased Inspiring Courageous Empathic Optimistic A differenza della formazione linguistica, un ampio numero di aziende partecipanti al sondaggio ha riferito di aver erogato al proprio personale formazione relativamente al servizio clienti (Sì - 65%; No - 35%). Le competenze che si prevede diventino più importanti per un road manager nei prossimi cinque anni, sono descritti con parole chiave come l'attività, competenza, flessibilità, capacità di comunicazione, problem solving, "pensare fuori dagli schemi", innovazione. Le competenze principali indicate nel sondaggio da parte dei diversi Paesi sono i seguenti: Bulgaria - comunicazione, attività, competenze nella logistica, la capacità di definire le esigenze specifiche; Spagna comunicazione informatica e linguistica; pazienza, iniziativa e formazione; flessibile; la normativa generale nei contratti di lavoro, sociale, formazione ed esperienza, disponibilità;

12 Regno Unito - approccio di buon senso, la comprensione del lavoro e l'impegno per ottenere il lavoro come qualificato, buone capacità di comunicazione, flessibilità, capacità di adattarsi e dedicarsi ai cambiamenti e alle sfide. Italia - competenze focalizzate sul cliente: "Sii educato e cortese. Tratta gli altri come vorresti trattassero te. Ricordati che sei il mio ambasciatore fintantocchè il mio cliente è interessato ". Le competenze personali necessarie per i Road Managers, in futuro, possono essere riassunti come segue: 1. Essere pronti per il cambiamento - capacità di adattamento 2. Essere adattabili / flessibili nei confronti del personale 3. Stare al passo con la legislazione 4. Migliore comprensione finanziaria e degli impatti che gli individui possono apportare sui margini di profitto 5. Avere una mentalità imprenditoriale ed essere in grado di motivare le persone a tutti i livelli. 6. Mantenere i clienti felici, affidabilità. Alcune delle aziende italiane ha sottolineato anche l'apprendimento delle lingue straniere e normativa di settore, che come si è detto, sono aree di formazione sottovalutato da parte dei dipendenti Rapporti con il personale e con gli autisti 82% degli intervistati ritiene molto importante la capacità di far fronte a situazioni di stress. Questa risposta era prevedibile avendo in mente le condizioni di lavoro dinamiche nel settore dei trasporti su strada. I partecipanti al sondaggio sono convinti che il road transport manager dovrebbe conoscere la normativa in materia di alcol e uso di droga e riconoscere tale uso nella pratica. La maggior parte degli intervistati ritiene che sia molto importante per il RTM di essere in grado di ascoltare le critiche Manutenzione veicoli Oltre il 75% degli intervistati ha confermato che road transport manager deve avere una buona conoscenza dei problemi tecnici più comuni che appaiono nei veicoli.

13 Tavola 6 Gli addetti ai trasporti stradali dovrebbe essere a conoscenza dei seguenti sistemi KNOWLEDGE OF VEHICLE SYSTEMS Customs clearance 28 Paperless documentation 30 Track and trace systems 33 Satellite navigation systems Computerised vehicles routeing and scheduling Onboard communication systems Vehicle and trailer tracking system Comunicazione Le abilità comunicative sono considerate molto importanti per un road transport manager da più di ¾ degli intervistati. Tuttavia, solo la metà delle società che hanno compilato il questionario dichiarano di misurare le capacità comunicative delle nuove reclute. Figura 7 L'importanza dell abilità comunicativa THE COMMUNICATION SKILLS 19% 4% 0% 77% Yes, very important Yes, relatively important No, not really No, not at all Base: 74 rispondenti Alle aziende che hanno misurato le capacità di comunicazione dei nuovi assunti è stato chiesto in che modo lo avessero fatto. Gli intervistati hanno segnalato l'uso di procedure di valutazione e di accertamento pre-assunzione, colloqui di lavoro con il candidato, svolgimento di incontri interattivi, l'osservazione e la comunicazione con i clienti e colleghi; sessioni di domande e risposte durante il colloquio, test di ragionamento, feedback dei clienti, test psicometrici come parte del processo di reclutamento, e test attitudinali on-line durante le interviste iniziali.

14 Dall'analisi dei risultati dei questionari è emerso che il 70% degli intervistati sono convinti della necessità di conoscere le tecniche di gestione dei conflitti (Sì - 53; No -15). Questa risposta non è stata una sorpresa a causa della natura del lavoro del Road Transport Manager che deve lavorare con persone con esigenze diverse: il personale e gli autisti da un lato, e i clienti dall altro Abilità personali Il livello di istruzione dei dirigenti nelle imprese di trasporto su strada è abbastanza elevata il 59% di loro sono titolari di diploma di istruzione superiore, il 28% una formazione professionale adeguata. La maggior parte degli intervistati ha risposto che il Road Transport Manager ideale dovrebbe essere titolare di diploma di laurea, con esperienza di lavoro di almeno 5 anni (55%). L'esperienza di lavoro non deve essere necessariamente internazionale o da paesi stranieri (Sì - 29; No -37). Tuttavia, l'esperienza pratica come autista all'interno della società stessa o di un'altra società è considerato come un ulteriore vantaggio per il Road Transport Manager (Si-54, No -13). Figura 8 Livello ideale di esperienza di lavoro NECESSARY WORK EXPERIENCE 18% 9% 55% 18% More than 10 years More than 5 years More than 2 years Irrelevant Base: 74 rispondenti 3.9. Coordinamento I modelli di formazione che le aziende forniscono il più delle volte sono di tipo tradizionale, con una quota prevalente di workshop. La percentuale degli "altri" è relativamente piccolo e le forme previste dalle imprese del Regno Unito sono in particolare quelle che dovrebbe essere usato preferibilmente in futuro. Essi includono l'utilizzo di tecnologie ICT, che sono le basi della moderna formazione flessibile, e-learning e m-learning: formazione per la Certificazione delle Competenze Professionali (CPC in inglese) per i conducenti, posta elettronica / manifesti / newsletter, CPC per gli autisti, sicurezza. Alcune aziende applicano il training on-the-job, diplomi per la gestione pratica del tempo e di investimenti monetari, che è uno stimolo per l'apprendimento individuale indipendente.

15 Figura 9 Tipologie di Formazione che I Road Transport Manager hanno ricevuto FORMS OF TRAINING Seminars Workshops Training at another department 16 Other La percentuale di road transport managers che hanno seguito una formazione negli ultimi cinque anni varia a seconda dei paesi: dal 5% al 100% per la Bulgaria e la Spagna, da nessuno al 100% in Italia. La più alta percentuale di persone che hanno seguito una formazione è stato rilevato dagli intervistati dal Regno Unito, dove la metà delle aziende intervistate hanno dichiarato che il 100% del personale ha ricevuto una formazione, che delinea un costante politica di gestione verso una elevato livello di conoscenza. Alla domanda sulla valutazione dei programmi di formazione attualmente disponibili per il trasporto merci su strada e logistica le risposte sono state prevalentementi negative, divise fra opinioni insoddisfacenti (20 risposte) e "non so" (28 risposte). La conclusione logica è che i programmi di formazione attuali non rispondono alle esigenze dei gestori dei trasporti su strada. Questo messaggio alle aziende suona ancora più urgente, tenuto conto del fatto che la metà degli intervistati pensa che sarà necessario fornire una formazione complementare a tutto il personale o almeno ad una parte del personale nel prossimo futuro. Quando è stato chiesto di descrivere la tipologia di formazione, alcuni dei partecipanti hanno fatto confusione fra argomenti e forme. Ciò che è stato suggerito il più delle volte è l'e-learning, la formazione professionale, la formazione accademica per la certificazione delle competenze, per l acquisizione delle licenze, e per migliorare le abilità informatiche. Le risposte relative alla ulteriore formazione del personale danno la possibilità di delineare un programma adatto a soddisfare le richieste sul il miglioramento delle conoscenze e delle competenze da parte del Road Transport Manager. Quasi la metà degli intervistati ha confermato che i settori più importanti sono le nuove tecnologie, la capacità di gestione e la capacità organizzativa.

16 Figura 10 Aree di formazione su cui il personale avrà bisogno di ulteriore perfezionamento AREAS OF TRAINING Other Logistics Routing of vehicles Dangerous goods Transport engineering Traffic safety Staff Management New technologies Management Organisational skills Figura 11 Tipologia di formazione più adatta per un Road Transport Manager TYPE OF TRAINING External courses/workshops 19% 2% 27% Distance learning 8% 16% 28% Hybrid distance training: face-to-face exam Evening classes Weekend training Other Base: 74 rispondenti Le preferenze per il tipo di formazione per il Road Transport Manager sono abbastanza bilanciate. Sia istruzione tradizionale (aula) che formazione flessibile sono stati definiti appropriati per il Road Transport Manager. Tuttavia, l'apprendimento in aula è ancora popolare, il che è reso evidente dalla somma delle percentuali di corsi esterni, serali e corsi nel fine settimana (totale 54%). La quota di formazione a distanza nella sua forma pura è solo il 27%, ma la tendenza sembra più ottimista, in combinazione con la formazione ibrida. Questa conclusione è importante per le ulteriori attività del progetto, compreso lo sviluppo di materiale didattico (manuale), che dovrebbe adattattarsi sia ad un formazione in aula che flessibile. Coloro che hanno scelto "Altro", hanno specificato che dovrebbe essere formazione pratica (Bulgaria) e i sistemi di ottenimento dei crediti formativi per la qualifica, legato al sistema nazionale dei crediti formativi per ottenere le varie qualifiche in Inghilterra, Irlanda del Nord e Galles (Regno Unito).

17 Figura 12 Aree di conoscenza ritenute importanti AREAS OF KNOWLEDGE Distribution (Physical distribution) Supply chain management Warehouse processes management Methods and models for optimizing the routing of vehicles: theory of traffic flows, GIS Logistics Knowledge and compliance of the Driver Certificate of Professional Competence EU Directive 2003/59 Working with digital tachograph and appliance with the requirements of Regulation 561/2006/EU (Driving & Resting Times for commercial drivers) Transportation of radioactive materials Transport of explosive substances and articles Transport of dangerous goods in tanks Transportation of dangerousgoods by road Health and safety conditions of labour / workforce International regulatory regime Traffic Safety Market access and carriage contracts Business and financial management of the enterprise Professional competence for national road transport Professional competence for international road transport Law carriage contracts and in particular the responsibility of the carrier È evidente che la maggiore richiesta di formazione è legato all uso del tachigrafo digitale e dei regolamenti dell'unione Europea, la sicurezza stradale, la competenza professionale per i sistemi stradali nazionali, questioni legali, le condizioni di salute e sicurezza, logistica, business e la gestione finanziaria. Mentre interesse minimo è stato espresso per il trasporto di materiali radioattivi (accade raramente) e per il trasporto di merci pericolose, che sono una questione specifica e una priorità di formazione già fornita dalle amministrazioni nazionali.

18 L'indagine ha anche mostrato che la formazione è di interesse per il lavoratore, ma la formazione del personale va anche a beneficio le imprese di trasporto su strada. Gli intervistati hanno indicato su una scala da 1 a 5 come pensano che la formazione vada a beneficio dell azienda stessa (da 1 non importante, a 5 molto importante ). Il vantaggio maggiormente riconosciuto consiste nel fatto che la formazione garantisce che i dipendenti siano qualificati nei confronti degli scopi indicati dalla società, e che la formazione migliora la reputazione aziendale. Se analizzate separatamente, come si può vedere, dalle valutazioni con "molto importante" emerge che i rispondenti valutano la formazione finalizzata all attività dell'azienda più importante rispetto alla soddisfazione dei dipendenti. Figura 13 Il benefit più importante che la formazione del personale fornisce alla società WHAT IS MOST IMPORTANT? Employee satisfaction increases. Company reputation improves. 10% 16% 11% 13% Untrained employees benefit by working alongside trained workers. Staff training signals that the company values its workforce. 11% 13% Staff retention increases. 12% 14% Productivity gains are greater than wage increases. Innovation increases. Employees are trained to the exact purposes of the company. Base: 74 rispondenti Va sottolineato che lo scambio di esperienze che si ottiene lavorando con personale addestrato è considerato un beneficio tanto quanto l'aumento della reputazione aziendale. Tuttavia, solo poche aziende offrono stage per gli studenti (Si-19, No-53). Sembra scoraggiante per i giovani che hanno scelto la carriera del Road Transport Manager in quanto è difficile trovare una collocazione nel settore dei trasporti su strada. Le aziende che offrono stage lo fanno all interno di alcuni programmi come il diciottesimo corso di laurea attuato da Royal Mail e dall osservatorio del lavoro (UK), stages e stages per gli studenti stranieri (Italia). In Norvegia, tirocinanti e apprendisti sono parte integrante del sistema di istruzione e formazione professionale norvegese e sono promossi dalle parti sociali come un modulo significativo nell'istruzione e nella formazione professionale e uno strumento di reclutamento per il settore. Sebbene gli stage non sono spesso disponibili, il numero di laureati che dovrebbero essere assunti entro il prossimo anno e nei prossimi 3 e 5 anni è soddisfacente. Una media di 2 studenti saranno assunti in ogni società / associazione, il che sembra una buona prospettiva, considerando che la maggior parte di loro sono piccole e medie imprese.

19 Business Management La maggior parte dei partecipanti al sondaggio ritiene che Road Transport Manager abbia bisogno di acquisire solo una conoscenza di base delle relazioni di mercato e della gestione delle imprese. Questo numero è del 70% più alto di quelli che hanno scelto semplicemente "Sì". Questo non deve essere valutato come una mancanza di ambizioni, ma come un sano realismo. Ciò che è spesso definita sotto la voce conoscenza "di base" è in realtà "scienza applicata", sufficiente per le esigenze della pratica. Ciò sembra ragionevole, in quanto corrisponde alla visioni di ciò che è richiesto ad un Road Transport Manager in termini di gestione aziendale. Bulgaria: la competenza, l'adattabilità, la flessibilità, lo stress da lavoro, la visione - la diplomazia, la lingua, l'equità, "Il manager deve motivare il personale per ottenere risultati ottimali, per organizzare efficaci rapporti commerciali con i clienti, e per coordinare il lavoro di squadra". Italia: conoscenza normativa sulla sicurezza sul lavoro, la sicurezza stradale, la conoscenza fiscale e contributiva; cooperazione - adeguamento alle regole aziendali, ottimizzazione dei processi di distribuzione - gestione del magazzino, conoscenza delle opportunità di mercato; competenze organizzative e professionali, coordinamento volto a migliorare la produttività aziendale - fidelizzazione della clientela, gestione generale. Norvegia: la conoscenza delle relazioni di mercato e gestione delle imprese sarà centrale nel profilo delle future competenze di un Road Transport Manager, alcuni elementi sono stati sottolineati come centrali per la sostenibilità del settore e la sua reputazione: focus su aspetti legislativi e fiscali, regimi IVA, regolamentazione del mercato, salute, ambiente e sicurezza, nonché i principi di base della gestione operativa proficua e responsabile. Spagna: l'organizzazione in aree principali: l'esperienza, la gestione, la conoscenza del traffico, la logistica, le competenze commerciali, di comunicazione, diplomazia, capacità di gestione e una conoscenza nel settore dei trasporti. UK: la motivazione del personale, la comprensione dei costi, la conoscenza di base che le loro azioni influenzano l'azienda nel suo complesso; la comprensione delle tariffe e dei costi e il loro impatto su Profitti e Perdite; il costo effettivo e il proficuo funzionamento della distribuzione stradale compresi i costi di manutenzione e dei danni; comprendere l'attuale clima economico, capire gli autisti e i contratti, le esigenze dei clienti e le regole e i regolamenti, la conoscenza totale di tutta l'operazione (dall'inizio alla fine), per essere finanziariamente consapevoli, sapere qual sia il risvolto economico delle cose dal punto di vista Finanziario/di offerta del lavoro/ Legislativo; essere in grado di gestire l'attività per cui lui o lei lavora come se fosse il come proprio, l'uso efficace del budget disponibile, essere in grado di rimanere competitivi Ulteriori commenti L'iniziativa (KNOW-IN) è notevole e saremo lieti di parteciparvi. Prestare maggiore attenzione al trasporto intermodale e combinato. Il ruolo di un buon Transport Manager coinvolge una gamma molto ampia di competenze, inclusi ma non limitati a: 1. Determinazione dei costi, prezzi e valutazione. 2. Routing per minimizzare i costi e massimizzare i ricavi. 3. La conoscenza della meccanica di Camion e rimorchi. 4. Competenze finanziarie di come leggere bilanci e contabilità Profitti e Perdite. 5. Possibilità di fare il lavoro in autonomia. Tutte le competenze di cui sopra creano un Manager dei trasporti competente.

20 La qualifica e la formazione relativa al Trasporto Responsabile è superata e non pertinente essendo trascorsi molti anni dalla sua introduzione; Il lavoro del Transport Manager non diverrà più facile, e potrebbe essere oggetto di una carenza di competenze nei prossimi anni; Per lavorare nel settore dei trasporti un dipendente deve essere dedicato al tipo di lavoro svolto e deve essere in grado di tenere il passo con tutte le modifiche legislative che si svolgono all'interno del settore. Nel complesso il settore dei trasporti attuale manca una formazione specifica ed uno sviluppo specifico del tipo di lavoro.

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO

AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) OPERATORI DI MAGAZZINO Manuale per la formazione di: AGENTI SPEDIZIONIERI (o Pianificatori di trasporti multimodali) & OPERATORI DI MAGAZZINO Redatto come parte del progetto CENTRAL Qualifiche Professionali nell ambito dei Trasporti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Tirocini: uno sguardo all Europa

Tirocini: uno sguardo all Europa www.adapt.it, 18 luglio 2011 Tirocini: uno sguardo all Europa di Roberta Scolastici SCHEDA TIROCINI IN EUROPA Francia Spagna Lo stage consiste in una esperienza pratica all interno dell impresa, destinata

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

Corsi di General English

Corsi di General English Corsi di General English 2015 A Londra e in altre città www.linglesealondra.com Cerchi un corso di inglese a Londra? Un soggiorno studio in Inghilterra o in Irlanda? I nostri corsi coprono ogni livello

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale?

HELPDESK PER LE AZIENDE. 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? HELPDESK PER LE AZIENDE AZIENDE OSPITANTI 1. Che cos è uno stage o tirocinio internazionale? E un tipo di formazione sul lavoro che si realizza in aziende di un Paese diverso da quello nel quale il giovane

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te

Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Il progetto Boat DIGEST ha bisogno di te Lo spettacolo di una vecchia fatiscente imbarcazione da diporto, sia in decomposizione nel suo ormeggio che mezza affondata con gli alberi che spuntano dall acqua

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE V MOD2 FR GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI PRESENTAZIONE DELL IDEA IMPRENDITORIALE INIZIATIVE DI FRANCHISI NG DECRETO LEGISLATIVO 185/00 TITOLO II Introduzione Questa guida è stata realizzata per

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee

CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE. Associazione delle Università Europee CARTA DELLE UNIVERSITÀ EUROPEE SULL APPRENDIMENTO PERMANENTE Associazione delle Università Europee Copyright 2008 della European University Association Tutti i diritti riservati. I testi possono essere

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione

INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione INNO-TAL Talenti per l innovazione globale e la professionalizzazione Bando Fondazione Cariplo Promuovere la Formazione di Capitale Umano di Eccellenza 2012-2014 soggetti coinvolti Libera Università di

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque

Un'infrastruttura IT inadeguata provoca danni in tre organizzazioni su cinque L'attuale ambiente di business è senz'altro maturo e ricco di opportunità, ma anche pieno di rischi. Questa dicotomia si sta facendo sempre più evidente nel mondo dell'it, oltre che in tutte le sale riunioni

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA

LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA LA PROFESSIONE DELLA CSR IN ITALIA Ottobre 12 Si ringrazia La professione della CSR in Italia Pag. 1 Si ringraziano SAS è presente in Italia dal 1987 ed è la maggiore società indipendente di software e

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli