Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche:"

Transcript

1 Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo Traccia di questa presentazione: Cos è il credit risk management Perché questo volume I contenuti del volume Come stimare gli ingredienti necessari a un modello di credit risk management Come misurare il rischio su un portafoglio di impieghi bancari Come spendere i risultati del modello in una nuova reportistica direzionale 1

2 Traccia di questa presentazione: Cos è il credit risk management Perché questo volume I contenuti del volume Come stimare gli ingredienti necessari a un modello di credit risk management Come misurare il rischio su un portafoglio di impieghi bancari Come spendere i risultati del modello in una nuova reportistica direzionale Il credit risk measurement E un complesso di tecniche per individuare l entità delle perdite future su un portafoglio di prestiti Meglio: la distribuzione di probabilità delle perdite future su un portafoglio di prestiti: In molti casi l entità sarà lieve In pochi casi l entità sarà grave 2

3 Il credit risk measurement Possibili perdite inattese: sono la vera fonte di rischio, dunque il vero oggetto del credit risk management Valore atteso: è importante, ma non è rischio Il credit risk management Include anche tutte le azioni correttive e di governo necessarie a ottimizzare le caratteristiche di redditività/rischio del portafoglio crediti La redditività pesata per il rischio è spesso espressa come redditività del capitale economico assorbito dal rischio in essere. 3

4 Il credit risk management rendimento atteso, r banca Rivedere i tassi praticati sulle operazioni che generano i maggiori rischi Cedere clientela marginale, ridurre il rischio rischio, s Il credit risk management in banca Una banca, diversamente da un portafoglio obbligazionario, è una macchina complessa, costituita da molteplici unità di business, filiali, analisti, clienti Fare credit risk management in banca significa innanzitutto creare Strumenti di misura uniformi Cruscotti che consentano di comprendere quali sottoportafogli, filiali, clienti, determinano un posizionamento subottimale nello spazio rischio/rendimento. 4

5 Traccia di questa presentazione: Cos è il credit risk management Perché questo volume I contenuti del volume Come stimare gli ingredienti necessari a un modello di credit risk management Come misurare il rischio su un portafoglio di impieghi bancari Come spendere i risultati del modello in una nuova reportistica direzionale Presupposti Affiancare al volume di Savona-Sironi sulle grandi banche un secondo contributo, rivolto alle banche di dimensioni medio-piccole Per avvicinarle ai moderni metodi di misurazione e gestione del rischio creditizio, ma soprattutto per fornire strumenti concreti In una logica di servizio e no-profit 5

6 Banche medio-piccole e rischio di credito Totale banche Banche SpA Medie e piccole Medie 20 Rettifiche su risultato lordo gestione Strumenti concreti Per ogni capitolo: files con esempi numerici replicabili in Excel Al termine del manuale: un glossario statistico e di credit risk management 6

7 Diffusione: no profit Un volume della Alpha Test, in vendita al pubblico e in omaggio alle banche Un sito web: Osservatorio_Credito.asp dove scaricarlo gratis Un vademecum per Basilea? I rischi non vanno misurati per i regulators, ma per rendere più efficiente e redditizia la gestione Questo volume rispetta le indicazioni del documento di gennaio 2001, ma quasi per caso Comunque non traspone puntualmente i contenuti del nuovo Accordo. 7

8 Traccia di questa presentazione: Cos è il credit risk management Perché questo volume I contenuti del volume Come stimare gli ingredienti necessari a un modello di credit risk management Come misurare il rischio su un portafoglio di impieghi bancari Come spendere i risultati del modello in una nuova reportistica direzionale Contenuti del volume: Misurare le caratteristiche (parametri) del portafoglio suscettibili di determinare le perdite future Costruire un motore che derivi la distribuzione delle perdite future su tutto il portafoglio e il VaR Usare questo VaR per governare la produzione del credito con schemi di pricing e di reporting ad hoc. 8

9 Autori del volume: Cristina Omacini Francesco Pistelli Andrea Resti Andrea Sironi Cristiano Zazzara Andrea Resti Andrea Sironi Andrea Resti Andrea Sironi Contenuti del volume: 1 Misurare i parametri Si considera un singolo prestito e la sua perdita attesa Segmentazione Rischio di default (definizione, rating statistico, rating qualitativo) Rischio di recovery Rischio di esposizione 9

10 Contenuti del volume: 2 Costruire la distribuzione delle perdite future e il VaR Si considera la perdita inattesa di un prestito e di un portafoglio VaR di portafoglio VaR diversificato e marginale Correlazioni tra default Contenuti del volume: 3 Usare per nuovi schemi di pricing e di reporting Pricing Reporting direzionale e per business units Reporting di filiale 10

11 Contenuti del volume: 1 Misurare i parametri Gli ingredienti della perdita su un prestito Cosa determina la perdita su un prestito? Default variabile binomiale (1 se default, 0 se vivo) la cui media è la probabilità di default PD ~ ~ ~ L i = D EAD LGD Esposizione al momento del default (EAD,exposure at default) Loss given default perdita (unitaria) in caso di default E corretto misurarle nello stesso modo (e con gli stessi costi ) per qualunque tipologia di controparte? 11

12 Prima: segmentare il portafoglio crediti Negoziano direttamente con la direzione centrale I fattori qualitativi sono largamente prevalenti Fonti informative peculiari (rating delle agenzie, quotazioni azionarie) Large corporate Corporate Small business Retail Società di capitali (bilancio articolato, limiti alla confusione con patrimonio personale) Gestite dalla rete Piccole attività economiche (artigiani, negozi, liberi professionisti) Schemi contabili semplificati (servono fonti informative alternative) Finconsumo, mutui, ecc Fonti peculiari (redditi personali, protesti, autocertificazione) Gli ingredienti della perdita su un prestito Default e probabilità di default PD ~ ~ ~ L i = D EAD LGD Esposizione al momento del default (EAD,exposure at default) Loss given default perdita (unitaria) in caso di default E necessario scegliere una definizione di default e adottare un orizzonte di rischio coerente Sarà poi possibile procedere alla messa a punto di modelli di rating statistici e insieme qualitativi 12

13 Adottare una definizione di default: è importante Definizioni di default diverse conducono, a parità di qualità, a tassi di default storici diversi. Per questo la definizione dev essere unica in tutti gli anelli del sistema Default 1 = ritardo di oltre 90 giorni in un pagamento p i =7% Default 2 = passaggio in sofferenza p i =5% Default 3 = procedura fallimentare intrapresa p i =2% Effetti dirompenti sul sistema di credit risk mgmt Adottare un orizzonte di rischio Tasso di insolvenza Alimentari più rischiosi dell edilizia? 0.0 Edilizia, Centro Alimentari, Nord 13

14 Adottare un orizzonte di rischio 10 Tasso di insolvenza Edilizia, Centro Alimentari, Nord NO, se il tasso di default è misurato in modo corretto Anni Adottare un orizzonte di rischio Ultimo bilancio Centrale dei rischi Dati sul rapporto Istante di valutazione Default 31 dicembre 1997 gennaio 1999 fino a febbraio febbraio febbraio 2000 E importante anche nelle analisi retrospettive sui fattori che spiegano i default passati e che vanno incorporati in un buon modello di rating 14

15 Costruire un modello di rating Dati quantitativi Dimensioni e crescita Liquidità Redditività Produttività Struttura finanziaria Es. età, settore, ecc. Financial Dati e data indici and finanziari ratios Caratteristiche dell impresa Characteristics Dati di Centrale dei Central rischi Modelli statistici Rating Dati qualitativi Procedura standard Gli strumenti proposti: a) analisi discriminante ROE Cut-off SANI Funzione discriminante FALLITI Oneri finanziari Considera le caratteristiche di debitori sani e falliti (es. Roe, oneri finanziari) e le traduce in un punteggio che separa (o quasi...) i due gruppi SCORE 15

16 Gli strumenti proposti: b) valutazioni qualitative Passo Fattore di analisi Punteggio Peso Punteggio ponderato Analisi finanziario 1 discriminante 3 40% Analisi qualitativa % 0.63 Analisi del settore 3 di appartenenza % 0.36 Analisi di 4 benchmarking 2 10% 0.2 Analisi qualità dei 5 bilanci 2 10% Totale 100% Correzione per eventi straordinari Il sistema di rating proposto nel manuale Classi a sorveglianza ( watch grades ) (a rientro) 7 (controllo) 8 (precentenzioso) 9 (incagli) 10 (sofferenze) Classi sane ( pass grades ) Classi problematiche ( problem -asset grades ) Default 16

17 Gli ingredienti della perdita su un prestito Default variabile binomiale (1 se default, 0 se vivo) la cui media è la probabilità di default PD ~ ~ ~ L i = D EAD LGD Esposizione al momento del default (EAD,exposure at default) Loss given default perdita (unitaria) in caso di default Può essere certa, ma anche in questo caso bisogna decidere come misurarla (es. a valore di mercato?). Spesso è incerta: es. linee di credito revocabili e utilizzate oggi - solo in parte Esposizione incerta: usage given default Utilizzato + (Accordato-Utilizzato)*UGD =componente rischiosa Apertura di credito (Accordato) (Accordato-Utilizzato)*(1-UGD) =componente non rischiosa 17

18 Usage given default; stime di una banca Usa rating del cliente CCC BB BB A AAA 0% 0% 20% 40% 60% 80% UGD Gli ingredienti della perdita su un prestito Default variabile binomiale (1 se default, 0 se vivo) la cui media è la probabilità di default PD ~ ~ ~ L i = D EAD LGD Esposizione al momento del default (EAD,exposure at default) Loss given default perdita (unitaria) in caso di default Vediamo rapidamente come stimarla e quali fattori la influenzano 18

19 La stima del tasso di recupero e della LGD Importo assoluto del recupero LGD = 1 ( ) ER AC EAD t (1 + TIT) Tasso a cui scontare il recupero futuro Costi amministrativi Exposure at default Durata del contenzioso I fattori che influenzano il tasso di recupero Fattori Esempi Componente Caratteristiche tecniche Garanzie reali o finanziarie Importo del recupero finanziamento (Collateral ) Seniority /Subordinazione Caratteristiche del soggetto finanziato Fattori interni alla banca Fattori esterni di tipo macroeconomico Garanzie di terzi (casa madre, governo, ecc.) Tipologia di contenzioso Settore produttivo Paese o regione geografica Procedura interna di recupero crediti Stadio ciclo economico Livello tassi di interesse Durata del contenzioso Liquidità degli attivi residui Durata del contenzioso Durata del contenzioso e importo del recupero Importo del recupero Valore attuale del recupero 19

20 Contenuti del volume: 2 Costruire la distribuzione delle perdite future e il VaR Il modello per la stima del rischio di portafoglio E un modello multinomiale non considera solo il default, ma anche il passaggio a classi di rating diverse E un modello di portafoglio diventa quindi cruciale misurare la propensione dei diversi debitori a fallire insieme, cioè le loro correlazioni E un modello VaR la misura di rischio è data dalla massima perdita probabile associata a un dato livello di confidenza (es miliardi al 99,9%) 20

21 La stima delle correlazioni Riguarda debitori appartenenti al medesimo segmento E stata condotta a partire dai dati di Base Informativa Pubblica (BdI) Dalle stime emerge che: La correlazione tra debitori appartenenti allo stesso segmento è lungi dall essere perfetta: sommarli sarebbe sbagliato Anche tra debitori appartenenti a settori diversi, la correlazione è piuttosto modesta Contenuti del volume: 3 Usare per nuovi schemi di pricing e di reporting 21

22 Una nuova reportistica direzionale Il modello VaR Fornisce una stima della perdita attesa e del capitale messo a rischio (assorbito) dal complesso dei i prestiti erogati. Può fornire una stima della perdita attesa e del capitale assorbito da singoli clienti, singole unità operative, singoli prestiti. Può (deve!) quindi essere utilizzato per Prezzare singoli prestiti Valutare redditività di clienti e business units Valutare razionalmente l attività delle filiali Pricing del credito Tasso attivo richiesto al cliente T A = TIT + Tasso interno di trasferimento dei fondi p(1 Tasso di recupero atteso R) + 1 CVaR p Probabilità di default (rating) VaR diversificato sul prestito ( Ke TIT) Costo del capitale + (ovviamente) i costi operativi variabili e i costi fissi imputati 22

23 Il VaR diversificato Per effetto della diversificazione dei rischi il VaR totale è normalmente di meno della somma dei VaR dei singoli clienti Sarebbe quindi eccessivo addebitare ad ogni cliente il suo VaR stand-alone Altre misure, come il VaR marginale porterebbero invece a sottostimare i rischi Serve quindi una misura di VaR diversificato, tale che la somma dei VaR dei singoli coincida con il VaR del portafoglio crediti. Il VaR diversificato: esempio Esposizione VaR VaR diversificato Portafoglio complessivo Rossi SpA Bianchi s.r.l Verdi & C Totale Ad ogni cliente addebito quindi il capitale effettivamente consumato anche alla luce della sua capacità di diversificare il portafoglio 23

24 Il VaR diversificato e le business units Esposizione VaR VaR diversificato Portafoglio complessivo B.U. grandi clienti B.U. corporate B.U. small business Totale Nel conto economico delle Business Units viene fatturato il loro consumo di capitale per vedere chi crea davvero valore Business units e costo dell equity corretto Ammontare VaR stand alone Costo unitario Costo totale Portafoglio totale 30 20% 6 B.U. grandi clienti % 2.8 B.U. corporate % 2.3 B.U. smal business % 1.3 In alternativa, posso addebitare a ogni B.U. il suo VaR stand-alone, praticando tassi più bassi a chi diversifica meglio (pseudo-capm) 24

25 Redditività della filiale: il conto economico oggi (a) Contribuzione da impieghi Volumi medi effettivi Rendimento effettivo 9.45% Tasso interno di trasferimento 7.00% (b) Svalutazioni e perdite su crediti Contribuzione crediti aggiustata per il rischio (a-b): Addossa alla gestione corrente l eredità del passato Redditività della filiale: nuovo conto economico (a) Contribuzione da impieghi Volumi medi effettivi Rendimento effettivo 9.45% Costo medio dei fondi prestabili 7.43% (b) Costo del capitale assorbito VaRF Roe obiettivo 15.00% Costo medio dei fondi prestabili 7.43% Contribuzione crediti aggiustata per il rischio (a-b): La direzione crediti agisce, verso le filiali, come un assicuratore che incassa un premio Calcolato con TIT multipli per scadenza e per classe di rating (perdita attesa) VaR diversificato della filiale, da remunerarsi al Roe obiettivo della banca (perdita inattesa) 25

26 Questi strumenti di monitoraggio e governo Servono a tradurre in meccanismi operativi i modelli di gestione del rischio di credito raccontati nel volume Solo così sarà possibile farne emergere limiti, imprecisioni e difetti e provare a renderli davvero affidabili ed efficaci. Diversamente, il credit risk management rischia di diventare un esperimento in vitro condotto da una piccola pattuglia di entusiasti. E di rivelarsi (nonostante Basilea ) una dispendiosa occasione perduta. Misurare e gestire il rischio di credito nelle banche: una guida metodologica Presentazione del volume Andrea Resti, università di Bergamo 26

CREDITO NELLE BANCHE: UNA GUIDA METODOLOGICA

CREDITO NELLE BANCHE: UNA GUIDA METODOLOGICA Andrea Resti (a cura di) MISURARE E GESTIRE IL RISCHIO DI CREDITO NELLE BANCHE: UNA GUIDA METODOLOGICA Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi Roma, febbraio 2001 bozze di stampa Notizie sugli autori

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio di spread Rischio di

Dettagli

Il rischio di credito

Il rischio di credito Il rischio di credito Componenti e modalità di gestione secondo Basilea 2 Giuseppe G. Santorsola 1 Il rischio di credito le diverse accezioni Tipologia Rischio di insolvenza Rischio di migrazione Rischio

Dettagli

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998)

Vademecum Accordi di Basilea. Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Vademecum Accordi di Basilea Basilea 1 (Accordi in vigore dal 1998) Patrimonio di vigilanza per il rischio: 8% dell attivo ponderato [max rischio ponderazione = 100%] Classificazione delle attività rischiose

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito

Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Alcune applicazioni dei modelli per il rischio di credito Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA Il pricing delle

Dettagli

Corso di Finanza aziendale

Corso di Finanza aziendale Basilea II Corso di Finanza aziendale Elementi del nuovo accordo di Basilea Basilea II? Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla

Dettagli

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II

La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II La gestione del debito dopo gli accordi di Basilea II Massimo Buongiorno Convegno ARGI Milano, 27 ottobre 2004 Perché Basilea II, esisteva un Basilea I? Nel 1988 il Comitato di Basilea stabilisce una quota

Dettagli

SECONDA PARTE (Rischio di Credito)

SECONDA PARTE (Rischio di Credito) SECONDA PARTE (Rischio di Credito) RISCHIO DI CREDITO LOSS GIVEN DEFAULT Valutazione del rischio che mi serve per determinare il capitale di vigilanza avviene attraverso la determinazione di queste quattro

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L attività creditizia: introduzione I prestiti costituiscono la principale voce dell attivo patrimoniale

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle famiglie 2007 Sessione Parallela A2 L efficienza nel credito

Dettagli

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI?

Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Verso Basilea 2 Minacce in vista per le PMI? relazione di Eugenio Pavarani Dipartimento di Economia Università di Parma Collecchio,

Dettagli

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO

I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO I METODI DI PONDERAZIONE DEL RISCHIO La banca che accorda la concessione di un credito deve effettuare una preventiva valutazione della qualità/affidabilità del cliente nonché quantificare la qualità/rischiosità

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea 2 - PMI e Retail Il documento pubblicato nel gennaio 2001 non prevedeva un trattamento delle PMI differenziato rispetto al portafoglio

Dettagli

Misurare la redditività della banca

Misurare la redditività della banca Misurare la redditività della banca Milano, settembre 2013 dr.giliberto Camillo dr.ferfoglia Marco Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità delle società di appartenenza Riproduzione vietata/partial

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business -

L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - L esperienza del Credito Italiano nelle gestione del rischio con metodi statistici - focus sul portafoglio small business - Claudio Queirolo - Responsabile Studi ed Attività Creditizia - Credito Italiano

Dettagli

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie

Lezione 3. Ricordiamo i concetti... Esposizione al rischio. Il rating interno e il sistema delle garanzie Lezione 3 Il rating interno e il sistema delle garanzie Ricordiamo i concetti... Il modo con cui si combinano: Probabilità di inadempienza (PD) Perdita in caso di inadempienza (LGD) Esposizione all inadempienza

Dettagli

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito?

Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Basilea 2: quali implicazioni per disponibilità e prezzo per il credito? Introduzione di Andrea Sironi SDA Bocconi Nell aprile 2003 il Comitato di Basilea ha reso pubbliche, nei tempi e nei modi originariamente

Dettagli

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO

IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO IL GRUPPO BANCA POPOLARE DI SONDRIO Fondata nel 1871, la Banca Popolare di Sondrio è una delle prime banche popolari italiane ispirate al movimento popolare cooperativo del credito. Nel tempo, grazie all

Dettagli

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo

I rating interni e Basilea 2. Giuseppe Squeo I rating interni e Basilea 2 Giuseppe Squeo 1 I rating interni Il rating rappresenta un giudizio sintetico (voto) sul grado di affidabilità, ordinato su una base discreta (classi di rating), di un soggetto

Dettagli

LA GESTIONE PRESTITI

LA GESTIONE PRESTITI LA GESTIONE PRESTITI LA MANIFESTAZIONE DEL RISCHIO DI CREDITO IL CONTRATTO DI DEBITO (PRESTITO) PREVEDE DUE PRESTAZIONI NON CONTESTUALI E UNA CONDIZIONE DI INCERTEZZA FINO ALLA DATA DEL RIMBORSO NELL IPOTESI

Dettagli

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it

Risk management, gestione del capitale e controlli interni. Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Risk management, gestione del capitale e controlli interni Giovanni Liccardo 10 aprile 2012 giovanni.liccardo@uniroma2.it Agenda 1. INTRODUZIONE 2. PRINCIPALI TIPOLOGIE DI RISCHIO 2.1 Il Rischio di Credito

Dettagli

Corso di Finanza Aziendale

Corso di Finanza Aziendale Corso di Finanza Aziendale Elementi del Nuovo Accordo di Basilea Basilea II Si tratta della recente revisione del complesso di norme regolamentari che dal 1988 sono imposte alle banche dalla rispettive

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Aggiornamento Rating di Emissione Recovery Rating 18 Dicembre 2014 1 di 10 SOMMARIO 1. MOTIVAZIONE... 3 1.1. Consultazione... 4 1.2. Definizioni... 4 2. SCALE DI VALUTAZIONE...

Dettagli

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle

RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO. Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle RATING INTERNI E CONTROLLO DEL RISCHIO DI CREDITO BANCA POPOLARE DI LODI Gianpaolo Sevà Divisione Risk Management Banca Popolare di Lodi - Gruppo Bipielle BANCA POPOLARE DI LODI RETI BANCARIE H. SPA BIPIELLE

Dettagli

Rischi di credito: approccio di vigilanza

Rischi di credito: approccio di vigilanza Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Rischi di credito: approccio di vigilanza Corso di Risk Management Milano, 5 Marzo 2008 Misurazione assorbimenti patrimoniali Basilea I Ai pesi si

Dettagli

Modello Interno di Rating del Segmento Retail

Modello Interno di Rating del Segmento Retail Modello Interno di Rating del Segmento Retail Ricerca Newfin FITD Università Bocconi Milano, Framework Piano di lavoro Introduzione Cenni normativi Definizione del segmento Retail Trattamento del segmento

Dettagli

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo

Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Le regole di Basilea 2 per il credito al consumo Francesco Cannata Banca d Italia Vigilanza Creditizia e Finanziaria Convegno ABI Credito alle F1amiglie 2008 Sessione Parallela A2 Gestione dei rischi e

Dettagli

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito

Corso di CB & F. Basilea II. Basilea II. Ci limitiamo a considerare soltanto un sotto-insieme dell Accordo: il rischio di credito Corso di CB & F Elementi dell Accordo di Basilea (rischio di credito) Basilea II Si tratta della revisione del complesso di norme regolamentari internazionali che dal 1988 sono imposte alle banche dalle

Dettagli

LA BANCA COME UN IMPRESA

LA BANCA COME UN IMPRESA . Direzione crediti LA BANCA COME UN IMPRESA La legislatura italiana definisce la Banca come un impresa autorizzata a raccogliere il risparmio, tramite forme diverse, presso il pubblico ed a erogare il

Dettagli

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI

LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI LA CONDIVISIONE DELLE INFORMAZIONI NEI GRUPPI BANCARI Fausto Galmarini Amministratore Delegato UniCredit Factoring Milano, 23 giugno 2009 Key messages Basilea 2 ha introdotto un più stretto legame tra

Dettagli

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa

L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa L impatto di Basilea 2 sui rapporti banca-impresa Factoring Tour Firenze, 6 febbraio 2007 Prof. Lorenzo Gai Università di Firenze Prof. Lorenzo Gai 1 Agenda Basilea 2: principi generali Basilea 2: utilizzi

Dettagli

Modelli di portafoglio

Modelli di portafoglio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Modelli di portafoglio Corso di Risk Management Milano, 26 Marzo 2008 Perchè stimare EL e UL: un esempio Actual Portfolio Loss 2.00% 1.80% 1.60%

Dettagli

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating

Lezione 1. Uniformità sistema creditizio. Basilea 1. Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Lezione 1 Basilea 2, fattori di ponderazione, il concetto di rating Uniformità sistema creditizio Il Comitato di Basilea fu istituito nel 1974 tra i governatori delle Banche Centrali del G10. Obiettivo

Dettagli

Il sistema di rating in filiale

Il sistema di rating in filiale Il sistema di rating in filiale Strumenti e prassi per metterlo a profitto Università di Bergamo.@unibg.it (C) Bocconi/Fitd -- marzo 004 Traccia di questa presentazione Premessa: Basilea II come progetto

Dettagli

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012

I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 I prestiti (parte I) Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2011/2012 L attività creditizia: questioni teoriche e pratiche I prestiti costituiscono la principale voce dell

Dettagli

Rating e condizioni bancarie

Rating e condizioni bancarie Club della Finanza Confindustria Udine Rating e condizioni bancarie Introduzione di: Alberto Bortolin ed Emanuele Facile - Financial Innovations Udine, 16 ottobre 2012 AGENDA L utilizzo del rating nelle

Dettagli

Introduzione ANDREA SIRONI

Introduzione ANDREA SIRONI I Introduzione ANDREA SIRONI I.1 Il rischio di credito: un problema di definizione i.2 Il rischio di credito: una classificazione I.3 Le componenti del rischio di credito I.4 Principali approcci alternativi

Dettagli

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI

Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo. I CONFIDI alleati delle PMI Massimo Pacella Dottore Commercialista Revisore Contabile Relazione Convegno Basilea 2 Opportunità o rischio? Tivoli, 22 marzo 2005 Hotel Torre S. Angelo I CONFIDI alleati delle PMI Premessa Il 26 giugno

Dettagli

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG

IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni. Raffaele Mazzeo KPMG IAS 39 e Basilea II: il trattamento dei crediti e le cartolarizzazioni KPMG 0 0 Indice IAS e Basilea 2: i punti di convergenza IAS 39 Il trattamento dei crediti Il nuovo accordo di Basilea sul Capitale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Il modello di business divisionalizzato delle banche e la contestuale

Dettagli

Rating interni e controllo. del rischio di credito

Rating interni e controllo. del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito esperienze, problemi, soluzioni Milano, 31 marzo 2004 DIREZIONE RISK MANAGEMENT Giovanni Parrillo Responsabile Servizio Rischi di Credito 1 Rating interni:

Dettagli

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE

RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RATING ADVISORY: NUOVE PROSPETTIVE PROFESSIONALI PER IL DOTTORE COMMERCIALISTA NEI SERVIZI DI FINANZA ALLE IMPRESE DETERMINANTI DEL RATING E SUO UTILIZZO

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009

Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione A.A. 2008/2009 Il credito: evoluzione e innovazione dei criteri di valutazione di Ornella Ricci oricci@uniroma3.it Agenda Il rischio di credito e le sue componenti Il pricing del credito e la redditività corretta per

Dettagli

1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI

1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI 1.4 La previsione delle insolvenze: aspetti qualitativi FRANCESCO PISTELLI 1.4.1 Introduzione 1.4.2 Le metodologie utilizzate dalle principali agenzie di rating 1.4.3 Alcuni aspetti da considerare per

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16

RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 PRESENTAZIONE DEL CORSO RISK MANAGEMENT E CREAZIONE DEL VALORE NELLE BANCHE a.a. 2015/16 Informazioni generali LAUREA MAGISTRALE IN FINANZA E RISK MANAGEMENT Prof. Paola Schwizer Ufficio: Via J.K. Kennedy,

Dettagli

La gestione del credito: un approccio analitico al rating

La gestione del credito: un approccio analitico al rating La gestione del credito: un approccio analitico al rating di Giuseppe R. Grasso (*) Oggi le aziende sono chiamate a farsi carico del rischio finanziario associato al proprio portafoglio crediti, rischio

Dettagli

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito

Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Il valore della garanzia Confidi per la mitigazione del rischio di credito Convegno ABI Basilea 3 Roma, 20 giugno 2011 1 Premessa - Il perimetro di gioco - Quale valore? Contabile? Commerciale? Ragioniamo

Dettagli

1.5 Il tasso di recupero ANDREA SIRONI

1.5 Il tasso di recupero ANDREA SIRONI 1.5 Il tasso di recupero ANDREA SIRONI 1.5.1. Introduzione 1.5.. Quali fattori determinano il tasso di recupero? 1.5.3. La stima del tasso di recupero: problemi e soluzioni alternative 1.5.4. Alcune evidenze

Dettagli

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca

Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Girardi Jessica Hoti Doriana Sonato Valentina Tommasi Francesca Agenda Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio Il rischio di credito: analisi qualitativa e quantitativa Il Gruppo Banca Popolare di Sondrio

Dettagli

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito

Credit Factory. Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Canali e Core Banking Finanza Crediti Credit Factory Piattaforma completa e integrata per la gestione del Credito Sistemi Direzionali

Dettagli

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali

Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali Il nuovo accordo di Basilea sui requisiti patrimoniali L accordo per i requisiti patrimoniali delle banche ha modificato il rapporto tra imprese e mondo finanziario. L accordo si articola in tre punti

Dettagli

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN

LABORATORIO DI BUSINESS PLAN Facoltà di Scienze Manageriali Corso di Laurea Specialistica 64/S in Management e sviluppo socioeconomico LABORATORIO DI BUSINESS PLAN La validità del BUSINESS PLAN per le finalità di cui all accordo di

Dettagli

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri

Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Reingegnerizzazione dei processi del credito nelle banche della New Europe. Attività e riscontri Fausto Galmarini Responsabile Direzione Crediti Milano Giugno 00 OBIETTIVO DELLA PRESENTAZIONE Presentare

Dettagli

BASILEA 2 IL CONTENUTO DEL NUOVO ACCORDO SULL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE La nuova regolamentazione sull'adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l'obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito

Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito Insolvenza Tecniche di misurazione e gestione del rischio di credito di Tommaso Zarbo - Dottore commercialista e Revisore contabile Il rischio di credito Il rischio di credito generato dal portafoglio

Dettagli

Basilea II, PMI e società cooperative

Basilea II, PMI e società cooperative Basilea II, PMI e società cooperative Massimiliano Marzo Dipartimento di Scienze Economiche, Facoltà di Economia-Forlì Università di Bologna Johns Hopkins Univ., SAIS-BC Barbara Luppi Dipartimento di Scienze

Dettagli

L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI

L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L ALLOCAZIONE DEL CAPITALE ED IL CONTROLLO DEI COSTI I contributi delle attività di P&CdG alla creazione di valore aziendale nell attuale contesto di accelerazione tecnologica e di globalizzazione L OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE DEL GRUPPO: L

Dettagli

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA

IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA Area di interesse FINANZA Oggetto: IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA ALLA LUCE DI BASILEA 2: quali parametri utilizzeranno le banche per valutare il grado di rischio delle aziende? Quali sono gli indicatori cruciali

Dettagli

Implementazione di un sistema di rating interno

Implementazione di un sistema di rating interno Implementazione di un sistema di rating interno Dott. Gabriele Sabato Gennaio 2004 Abstract Il nuovo Accordo di Basilea, ormai in fase di conclusiva definizione, prevede diversi approcci, di complessità

Dettagli

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE

GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE in collaborazione con: Promem Sud Est S.p.A. Società per la Promozione dei Mercati Mobiliari Sud Est S.p.A. GLI ELEMENTI ANDAMENTALI DEL RATING AZIENDALE a cura del Dott. Aurelio Valente Amministratore

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2013-2014 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE

BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE BASILEA 2, ACCORDO PER LA TUTELA DELL'ADEGUATEZZA PATRIMONIALE DELLE BANCHE LA DISCIPLINA E I RIFLESSI SULLE IMPRESE L IMPORTANZA DEL CAPITALE Basilea 2 è il nuovo Accordo internazionale sui requisiti

Dettagli

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive

Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Advisory Bilanci dei gruppi bancari italiani: trend e prospettive Ricerca di efficienza, gestione del capitale e dei crediti non performing Esercizio kpmg.com/it Indice Executive Summary 4 Approccio metodologico

Dettagli

Integrazione dei dati di rischio nella pianificazione strategica

Integrazione dei dati di rischio nella pianificazione strategica BANCA POPOLARE DI MILANO Gruppo Bipiemme Integrazione dei dati di rischio nella pianificazione strategica Paolo Testi Risk & Return Italia 2009 26 novembre 2009 Borsa Italiana, Milano Agenda Integrazione

Dettagli

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI. CFU: 9 cfu 2012-2013 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE:Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9 cfu ANNO

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

www.bancopopolare.it Informativa al Pubblico Pillar III

www.bancopopolare.it Informativa al Pubblico Pillar III www.bancopopolare.it Informativa al Pubblico Pillar III Dati riferiti al 31 dicembre 2012 Informativa al Pubblico Pillar III Dati riferiti al 31 dicembre 2012 Indice Introduzione...............................................

Dettagli

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1

1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche. Giuseppe G. Santorsola 1 1. Le teorie dell intermediazione finanziaria 2. Le banche 1 Gli Intermediari nella teoria Modalità alternative attraverso le quali avviene lo scambio 1. Scambio diretto e autonomo: datori e prenditori

Dettagli

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità

Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità Basilea 2006: valutazioni, riflessioni ed opportunità C he cosa si intende per Basilea 2006? Basilea 2006 o più precisamente Basilea 2 è un accordo internazionale volto a determinare i requisiti patrimoniali

Dettagli

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza.

Risk Management. Il nuovo paradigma per fare banca. Direzione Risk Management. Direzione Risk Management. Francesco Mazza. Risk Management Il nuovo paradigma per fare banca Direzione Risk Management Direzione Risk Management 1 AGENDA I Rischi: cosa sono, quali sono, come si gestiscono La misurazione dei rischi: dall aritmetica

Dettagli

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO

BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO BASILEA 2: LA NUOVA NORMATIVA SULLA CONCESSIONE DEL CREDITO Premesse e principi generali La nuova regolamentazione sull adeguatezza patrimoniale delle banche persegue l obiettivo di promuovere la stabilità

Dettagli

Metodologia Rating di emissione

Metodologia Rating di emissione Metodologia Rating di emissione giugno 2014 SOMMARIO IL RATING - DEFINIZIONI...3 CERVED GROUP RATING... 3 IL RATING di emissione... 3 LA SCALA DI RATING...3 METODOLOGIA DI RATING DI EMISSIONE...5 Ambito

Dettagli

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS)

Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia. (In-house Credit Assessment System - ICAS) Il sistema per la valutazione della qualità dei crediti della Banca d Italia (In-house Credit Assessment System - ICAS) SOMMARIO L utilizzo dei prestiti come collaterale nelle operazioni di politica monetaria...

Dettagli

Informativa al pubblico Pillar 3

Informativa al pubblico Pillar 3 Informativa al pubblico Pillar 3 Situazione al 31-12-2012 INDICE INTRODUZIONE... 3 1. ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 5 2. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI GENERALI... 9 3. RISCHIO DI CREDITO: INFORMAZIONI

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2014 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6 TAVOLA

Dettagli

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2

La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 La misura dell utilità distintiva e gli effetti sul rating previsto da Basilea 2 Comunicazione di Simona Caselli Direttore commerciale e sviluppo CCFS www.ccfs.it caselli@ccfs.it Il contesto di riferimento

Dettagli

Informativa al pubblico PILLAR III

Informativa al pubblico PILLAR III Informativa al pubblico PILLAR III Dati riferiti al 31 dicembre 2008 Indice Premessa......................................................................... 2 Tavola 1 Requisito Informativo generale................................................

Dettagli

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche

Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL RAPPORTO BANCA-IMPRESA Il Rating e il Pricing Risk Adjusted dei nuovi finanziamenti delle banche ROBERTO RIZZO 21 NOVEMBRE 2014 MILANO Agenda Premessa

Dettagli

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE

DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI CFU: 9 SEMESTRE: PRIMO SEMESTRE DOCENTE: Prof.ssa Pasqualina Porretta TITOLO DELL INSEGNAMENTO: RISK MANAGEMENT DELLE BANCHE E ASSICURAZIONI SSD: SECSP/011 CORSO DI LAUREA: INTERMEDIARI FINANZA INTERNAZIONALE E RISK MANAGEMENT CFU: 9

Dettagli

L IMPATTO DI BASILEA 2 SULLE PMI:

L IMPATTO DI BASILEA 2 SULLE PMI: UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E TECNOLOGIE INFORMATICHE L IMPATTO DI BASILEA 2 SULLE PMI: ALCUNE EVIDENZE RELATORE: PROF. SAVERIO BOZZOLAN

Dettagli

I rapporti fra Istituti Bancari ed Enti Ecclesiastici alla luce della nuova normativi (MiFid e Basilea 2)

I rapporti fra Istituti Bancari ed Enti Ecclesiastici alla luce della nuova normativi (MiFid e Basilea 2) AGIDAE Convegno Nazionale di Studio GLI ENTI ECCLESIASTICI E LE RECENTI RIFORME LEGISLATIVE Pontificia Università Urbaniana Roma, 26 aprile 2008 I rapporti fra Istituti Bancari ed Enti Ecclesiastici alla

Dettagli

Informativa Pubblica

Informativa Pubblica Informativa Pubblica - (Terzo Pilastro) 31 Dicembre 2011 Sigla Srl Indice del documento PREMESSA... 3 TAVOLA 1: ADEGUATEZZA PATRIMONIALE... 4 Informativa Qualitativa... 4 Informativa Quantitativa... 6

Dettagli

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea

Conoscere il Rating. Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea Come viene valutata l affidabilità delle imprese con l Accordo di Basilea In questa fase di difficile congiuntura economica, l accesso al credito da parte del mondo produttivo è un tema di grande attualità

Dettagli

GESTIONE DEL CREDITO

GESTIONE DEL CREDITO GESTIONE DEL CREDITO SOMMARIO schema di sintesi chiarimenti costo del credito nelle valutazioni aziendali La gestione del credito commerciale dall inizio della crisi finanziaria sta diventando sempre più

Dettagli

Rating interni e controllo del rischio di credito

Rating interni e controllo del rischio di credito Rating interni e controllo del rischio di credito La valutazione del rischio delle operazioni di project finance Stefano Gatti Newfin Bocconi Milano, 31 marzo 2004 1 Agenda Introduzione: Basilea 2 e operazioni

Dettagli

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano

Basilea 2. Prof. Michele Rutigliano Basilea 2 1 Prof. Michele Rutigliano BIS II INDICE - Il Comitato di Basilea - La proposta di Nuovo Accordo sul Capitale - Rischio e Capitale di vigilanza - I tre pilastri - Rischio di credito - Rischio

Dettagli

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate

Basilea fa il bis. tra risparmiatori, e imprese sono recentemente peggiorate Basilea fa il bis Entro giugno del 2004 verranno stabilite le nuove regole sul delicato rapporto tra banche e imprese Marcello Bianchi 10 Prende il via da questo numero una serie di articoli che hanno

Dettagli

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa

Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Basilea II; la costruzione di un modello di autodiagnosi dell impresa Agenda Basilea II: alcune considerazioni e conseguenze I 4 valori dell analisi dinamica I cambiamenti per la banca STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Operazioni di Project Finance

Operazioni di Project Finance Università degli Studi di Milano-Bicocca Anno Accademico 2005 / 2006 Operazioni di Project Finance Corso di Risk Management S Milano, 22 Marzo 2006 definizione Finanziamento tipicamente di natura bancaria:

Dettagli

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1

BASILEA 2. Trapani 18/12/2007. Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 BASILEA 2 Dott. Fabio Cigna - Gruppo di Studio Basilea 2 1 CHE COSA E E BASILEA 2 BASILEA 1 E BASILEA 2 LE NOVITA DEL NUOVO ACCORDO CRONOLOGIA DELL ENTRATA ENTRATA IN VIGORE DI BASILEA 2 GLI EFFETTI DI

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli